venerdì 20 dicembre 2013

Direzione spirituale? Nel Cammino la fanno i "catechisti laici"

Fu grazie a Papa Benedetto XVI che cominciai a capire che molte cose nel Cammino non andavano.

In quel periodo, c'era un giovane che andò in Seminario in Messico incantato dall'arte e dalle parole di Kiko. Alcuni mesi fa, l'ho incontrato nella mia città con due malattie croniche prese nel posto dove è stato e, quasi lacrimante, mi ha consigliato vivamente di non aver a che fare con il Cammino, perché i catechisti e quelli che stanno ai vertici, tra cui Kiko, credono di essere coloro che evangelizzano il mondo e salvano la Chiesa oggi.

Mi ha detto anche che il Cammino si basa sulle loro parole e che c'è un indottrinamento, una specie di lavaggio del cervello, per cui si pende sulle loro parole e sulle loro scelte. Ciò significa che nessuno può contrariarli, nessuno può dire una cosa che non sia quella detta da Kiko e dai catechisti. 

Tutto ciò che dicono e scelgono è "giusto", anche se dicessero qualcosa di sbagliato. Hanno sostituito così la figura del direttore spirituale, chiamato anche direttore di coscienza, con quella dei catechisti laici. Ciò era caldamente condannato da San Josemaria Escrivà nei suoi scritti (si legga il suo libretto Cammino sul capitolo specifico)
(da: Mario)


Il problema sta nel fatto che sono i "catechisti" a voler decidere della tua vita.

Diversi ragazzi della mia ormai ex comunità sono stati invitati (bombardati) dai "catechisti" per andare a un centro vocazionale, con lo scopo di indirizzarli ad un seminario kikiano RM. Qualcuno in seguito a queste insistenze è uscito dal Cammino, qualcun altro si è fatto convincere ad entrare in seminario (a chiunque avesse avuto un minimo di riflessione appariva chiaro che il tutto fosse una forzatura, forse per poter mostrare che il CN produce frutti), ma ne sono usciti dopo circa due anni.

Il tutto è stato fatto senza una direzione spirituale del parroco o di qualche sacerdote che non fosse del CN.
(da: neocat pentito)


Nel CN non esiste la Direzione Spirituale... anzi: se vai da un Sacerdote per chiedergli direzione Spirituale (soprattutto se non è uno del CN) i "catechisti" ti redarguiscono e ti rimproverano pubblicamente: "non hai bisogno di nulla se fai il cammino seriamente"...

Le ricette sono 3:
1) devi "fare il cammino" (cioè: preparazioni, non assentarti mai, tutti i precetti ordinati dal CN...)

2) devi dare la decima;

3) a questi si sommano alcuni "suggerimenti standard":
- fai le lodi a Kiko la domenica mattina;
- fai la preghiera silenziosa;
- devi essere "aperto alla vita" alla maniera del CN;
- se sei in crisi con tua moglie... vai a fare "un viaggio di nozze" (indovina a far cosa);
- ai giovani la crisi viene curata con una settimana in Monastero/Convento;
- vai a chiedere perdono a tizio e caio...;

Ecco qui la direzione spirituale ad uso Cammino.
Sempre...sempre....sempre queste frasi ... non ci sono altre ricette.
(da: Aldo)

70 commenti:

Anonimo ha detto...

spiegatemi dove starebbe il problema.
Grazie.
Michele

Anonimo ha detto...

Gentile Sig.Tripudio vedo con dispiacere che ha interrotto il dialogo,spero di sbagliarmi avevo ancora ed ho tante cose da dirle.
Spero che mostri la disponibiltà del thread precedente e non si chiuda a riccio.

Se me lo permette vorrei fare alcune osservazioni su quanto ha scritto in questo ultimo thread.
Spero mi darà occasione di interloquire.

Anzitutto lei riporta un episodio in modo vago, senza fare nomi e cognomi,senza dare,ai lettori, possibilità di verifica.Non mi sembra certo un esempio impeccabile dal punto di vista della deontologia professionale .
Se questo blog si presenta come "osservatorio"dovrebbe
agire con la massima trasparenza ed oggettività e non essere di parte.Dovrebbe citare le fonti e le persone da cui proviene l'informazione.Del resto non è quello che chiedete ogni volta che si ha sentore di una qualche notizia favorevole al Cammino?

Quando anche poi si citano le fonti affermate,senza provare,che tal giornalista è prezzolato o connivente con il Cammino.

Non mi sembra serio questo modo di procedere,mi scusi la franchezza.

Si può essere anche schierati e partigiani ma bisogna essere corretti e dirlo con onestà.
Nessuno si aspetta da Repubblica, per esempio ,che parli bene della Chiesa o di un giornale di
partito che parli male del proprio datore di lavoro.Ma Repubbica è schierato da una parte e non lo nasconde.Non pretende nemmeno di essere obiettivo.E' schierato,punto!

Spezzetto l'intervento

Anonimo ha detto...

Siete liberi di essere di parte e schierati ma allora non chiamate questo blog "osservatorio"perchè non lo è e non si limita ad osservare in modo oggettivo ma vuole fornire una informazione tendenziosa,faziosa alla Emilio Fede insomma.

Dopo questa premessachiedere,chi è questo seminarista di cui si parla?Chi le ha fornito queste informazioni?Lo chiedo perchè,lo ripeto,si parla in modo vago di un certo giovane e di catechisti,chi sono costoro?Chi garantisce che queste siano informazioni vere,reali?

Non crede sarebbe più opportuno fare i nomi e cognomi in modo riscontrabile,verificabile?Faccio una obiezione sul vostro metodo che mi sembra assai discutibile.

Se non è possibile fare nomi e cognomi,per timore di violare la privacy, allora vorrei che mi spiegaste che senso ha dare questa notizia?L'intenzione di averla data quale è?A me sembra si vogliano alzare delle cortine fumogene.

Si parla di lavaggio del cervello,
ma obietto:Se ciò è vero,come mai la maggior parte delle persone esce dal Cammino come dite? Mi sembra un lavaggio de cervello assai inefficace.Ma soprattutto come dimostrate questo,cioè che siamo soggetti a lavaggio del cervello?
Il reato di plagio,in Italia, è stato abolito proprio perchè era assai difficile dimostrarlo.Persone specializzate e preparate non riuscivano a dimostrare ,in sede legale,il plagio.vorrei quindi che

mi spiegaste come dimostrate le vostre accuse cioè che ci sia un solo caso nel Cammino di plagio?Ovviamente caro Tripudio sa bene che non accetto parole ma, come
diciamo nel Cammino,solo fatti concreti.

Spero che non si chiuda e rifiuti il mio tentativo di confronto e dialogo sarebbe una testimonianza di grande debolezza da parte sua e di scarsissima credibilità.Se mi permette vorrei ancora insistere sulle domande che le ho più volte posto e che ha evaso.

1)Perchè agisce in incognito?


2)Come fa a trascorrere tutto il giorno sul blog?Come concilia ciò con lavoro,famiglia etc.Chi è lei veramente?

Aggiungo poi che i catechisti non fanno alcuna direzione spirituale,
chi dice il contrario dice una falsità.

In ogni caso,quand'anche fosse così',lei forse ignora che,in linea generale, non è proibito ad un laico fare direzione di coscienza sebbene,questo compito,sia riservato anzitutto al Sacerdote.
In casi particolari,anche un laico può fare direzione spirituale.

del resto ,ogni volta che diamo un buon consiglio ad un fratello.cosa è se non direzione spirituale?

Sebbene a direzione spirituale sia compito dei Sacerdoti e non sia strettamente legata alla Confessione,ci sono casi di persone laiche che danno consigli spirituali.Uno dei casi è Natuzza Evolo dalla quale molti,anche Sacerdoti e Vescovi,si andavano a consigliare.

La vostra mi sembra una mistificazione della verità e un esempio di clericalismo.I catechisti non agiscono a titolo personale ma su mandato del Vescovo.

Per fare le catechesi hanno l'imposizione delle mani del Vescovo o del parroco suo delegato.


Caro Tripudio i catechisti non sono "cosiddetti"ma sono a tutti gli effetti dei catechisti eletti dalle comunità.La loro elezione viene sottoposta all'autorita del Parroco la prego di eggere lo Statuto.Se poi lei si sente superiore a tutto e tutti ok!!

Spero non mi censurerà anche se ho detto cose che certamente a lei non piacciono molto.

Mario Mottiola

by Tripudio ha detto...

Michele, hai bisogno di tornare:

- al primo anno delle scuole elementari, per quanto riguarda la lingua italiana.

- al primo anno di Catechismo, per quanto riguarda la dottrina cattolica.


Per quanto riguarda quest'ultima, ti faccio notare che:

- è l'autorità della Chiesa a garantire i direttori spirituali; invece, nel Cammino, i cosiddetti "catechisti" sono solo dei laici fedelissimi a Kiko che non sono ufficialmente incaricati dalla Chiesa

- i direttori spirituali devono ovviamente essere in perfetta sintonia con la Chiesa; invece, nel Cammino, sono in perfetta sintonia con Kiko (a cominciare dagli strafalcioni liturgici)

- devono avere in vista solo il bene dell'anima (un po' come san Giovanni Battista: "Lui deve crescere, io diminuire"), senza alcun tipo di interesse; invece, nel Cammino, hanno interesse a far crescere il neocatecumenalismo utilizzandoti come strumento

La Congregazione per il clero stabilisce il compito di direttore spirituale ai sacerdoti (n.54-55).

Ci sono numerosi motivi per cui è bene che il direttore spirituale sia un sacerdote:

- il sacerdote è guida e pastore

- il sacerdote è anche confessore

- il sacerdote ha una buona preparazione teologica (altrimenti la Chiesa non lo avrebbe ordinato)

- il sacerdote gode di quella specialissima "grazia di stato" del sacramento dell'ordine sacro

- per la pratica della Chiesa, che proibisce ai laici di intromettersi nella vita delle anime (anche se si trattasse di laici "famosi").

Le eccezioni, nella vita della Chiesa, hanno riguardato figure di santità come san Francesco d'Assisi, santa Caterina da Siena, santa Teresa di Gesù, i primi abati benedettini...

Invece i cosiddetti "catechisti" del Cammino sono dei laici che non hanno né giurisdizione, né incarico, né autorità, né competenze, né maturità spirituale, niente di niente. Anzi, spesso li riconosci solo da due caratteristiche: l'orgoglio e l'arroganza.

neocat pentito ha detto...

Il problema sta nel fatto che sono i catechisti a voler decidere della tua vita.Diversi ragazzi della mia ormai ex comunità sono stati invitati(bombardati) dai catechisti per andare a un centro vocazionale,con lo scopo di indirizzagli ad un seminario RM.Qualcuno in seguito a queste insistenze è uscito dal cammino,qualcuno si è fatto convincere ad entrare in seminario(a chiunque avesse avuto un minimo di riflessione appariva chiaro che il tutto fosse una forzatura,forse per poter mostrare che il CN produce frutti),ma ne sono usciti dopo ca due anni.Il tutto è stato fatto senza una direzione spirituale del parroco o di qualche sacerdote che non fosse del CN.

FDF ha detto...

OT:
per il pessimo uso delle virgole e della punteggiatura in genere, questo "michele" mi sa di Pasquale T.
Fine OT

Per quanto riguarda i catechisti essi SONO dei direttori spirituali. Non lo saranno di diritto, ma lo sono di fatto, fanno tutto ciò che farebbe un direttore spirituale e anche di più, dato che hanno un potere che è riservato solo ai Superiori degli Ordini Religiosi, che comprende ad esempio chi può restare e chi deve andarsene oppure chi è progredito nella Fede e chi no.
I "doni" dei catechisti, come ti ha ben detto Tripudio sono dovuti non a una grazia di stato che viene da un Sacramento impartito dalla Chiesa, ma escono fuori da un'elezione in comunità, oppure da una nomina dei propri catechisti, e restano tali solo se obbediscono a Kiko.

Molti catechisti infine trabordano dal loro "ruolo" e si permettono di sgridare anche Sacerdoti e Vescovi per come "applicano il cammino" (SENTITO CON LE MIE ORECCHIE QUASI VENTI ANNI FA).

Infine, Natuzza Evolo è un caso buono su decine di migliaia di falsi profeti, falsi mistici, millantatori e truffatori, questo è il motivo per cui non CI SI IMPROVVISA catechisti e direttori spirituali e soprattutto ci si sottomette alla VOLONTA' dell CHIESA (come San Pio da Pietrelcina PER ESEMPIO).

Ah dimenticavo: Natuzza Evolo non mi risulta abbia mai firmato autografi e Padre Pio se avesse trovato dei "fan" ad accoglierlo li avrebbe inceneriti con lo sguardo.

Anonimo ha detto...

Mark
(In risposta a tal MARIO MOTOLLA-Motorola-Mottolio etc...).
Sulla sua identità ci sono dubbi, infatti c'è un nome e cognome che potrebbe essere benissimo inventato, infatti non vè traccia su internet.
Quindi anonimo a chi ? Ha forse pubblicato la sua carta d'identità ? Non è possibile ovviamente per lo stesso motivo per cui chi scrive nel blog fà lo stesso.
Il blog lo difendo perchè si limita a pubblicare diverse testimonianza senza aggiungere o togliere nulla spesso da commenti inviati. Pur presupponendo che ci siano alcune "invenzioni" statisticamente non si può certo pensare che tutte siano fandonie. Meno male che il lavaggio del cervello praticato nel NC non sia del tutto efficace, questo permette a tanti, ma proprio tanti, visto che i fuoriusciti sono almeno il doppio di quelli che rimangono ad andarsene. Lei continua a criticare ma non ha fornito nessuna risposta alle tante domande che le sono state rivolte. Continua a chiedere i nomi, per farne che ? Dopo che lo sà scoprirà che magari c'è qualche ex fratello o addirittura gente in cammino con lei che inizia ad avere dei dubbi ? Cosa fà lo minaccia ? Dite che si è liberi di entrare ed uscire dal Cammino, di criticarlo, etc... ma la realtà dei fatti è un'altra. Di fatti parliamo infatti, come piace a lei. I catechisti che danno consigli...ne ho sentiti tanti in tanti anni di cammino, alcuni buoni per carità, ma la maggior parte delle volte hanno solo distrutto la vita delle persone. Il segreto confessionale è proprio dei sacerdoti che sappiamo bene cosa devono studiare e fare per arrivare ad essere "guida del gregge", tutto il resto sono solo chiacchere inutili, come le sue. I suoi riferimenti sono spesso senza nessun nesso logico, e molto lontani dalla realtà. Se vuole essere ascoltato inizi lei a parlarci di fatti concreti. Le rinnovo la domanda, molto semplice, cosa ne pensa della decima ?

by Tripudio ha detto...

Non sono io che ho "interrotto il dialogo", ma è il caro fratello Mario M. che il dialogo non lo ha mai cominciato. Nemmeno con i suoi due ultimi interventi.

Lo so bene che il caro fratello Mario M. ha "molte cose da dire", poiché infatti finora - a parte i trucchetti retorici e le astuzie, non ha detto proprio nulla.

Ma diamogli parola anche stavolta.

Anzitutto il caro fratello Mario M. se la prende con il sottoscritto per la pubblicazione di questa pagina: eppure questa pagina riporta un commento di un altro lettore (che pure si chiama Mario).

Perché Mario M. se la prende col sottoscritto? Arcani neocatecumenali.

Sì, è vero che la notizia è vaga. In questo caso deve esserlo, perché questo è un blog, non è la sede di un tribunale in cui si sta dibattendo una causa internazionale.

In secondo luogo, tale notizia ha valore solo se confrontata a tutte le altre notizie riguardanti il Cammino: chi conosce bene il Cammino può dire se è infondata o no. E se l'abbiamo pubblicata, è perché sappiamo già quante altre volte (tantissime!) è stata già confermata. Ma il fratello Mario M. finge di credere che tutto il blog consista solo nella pagina odierna e che le notizie sul Cammino sarebbero solo quelle date dalla propaganda kikiana e che al di là di questo blog non esisterebbe nessuna altra voce critica, nessun libro, nessun documento di vescovi, nessuna critica di cardinali, nessun rimprovero dai pontefici...

Quella che Mario M. si autoelogia definendola "franchezza", è in realtà è un tentativo di cercare il pelo nell'uovo e poi spaccarlo non in due ma in quattro. Vede un blog su internet e lo trasforma in un tribunale internazionale. Legge un commento di un lettore e ne attribuisce la paternità al sottoscritto. Si autodefinisce "franchezza" perché ritiene che il termine "osservatorio" vada eliminato, anzi, l'intero blog vada eliminato perché non corrisponde con la sua "franchezza". Quindi vuole identificare il seminarista di cui si parla perché magari lo vuole denunciare ai cosiddetti "catechisti" (chissà se ha letto che si tratta di un ex seminarista). Successivamente, in nome della privacy pretende che nulla venga pubblicato se non c'è l'autorizzazione e tutti i nomi. Inoltre assolutizza il termine "lavaggio del cervello" pensando che sia una condizione eterna e immutabile.

Ed infine minaccia solennemente che se non verrà pubblicata la sua ultima autoesibizione, allora il sottoscritto andrebbe considerato "debole e di scarsissima credibilità".

Non so a voi, ma a me vien da ridere, poiché in campo medico l'atteggiamento di Mario M. ha diversi brutti nomi. Indovinate quali.

by Tripudio ha detto...

Ed ora, ancora una volta, rispondo alle domande anche se sono stupide. Altrimenti -brrr!- il sopracitato Mario M. mi considererà "debole" e "di scarsissima attendibilità" (orrore, orrore!).

1)Perchè agisce in incognito?

La mia identità non aggiungerebbe nulla ai fatti citati e alla validità delle questioni. Le corbellerie dette pubblicamente da Kiko e ascoltabili perfino su YouTube, restano identiche indipendentemente dal sottoscritto.

2) Come fa a trascorrere tutto il giorno sul blog?

Sono affari miei. Se hai la pazienza di spulciarti le quasi 1300 pagine di questo blog puoi scoprire periodi anche molto lunghi (parecchi mesi) in cui sono stato completamente assente e il blog andava avanti ugualmente. Ti garantisco che anche in futuro avrò da assentarmi per periodi non brevi. Ma questo non toglie nulla alle assurdità dette dagli iniziatori del Cammino, per esempio quelle testimoniate dal sito ufficiale del Cammino.

Ne approfitto per far notare agli altri lettori che l'esistenza di questo sperduto blog è diventata la tua ossessione.

3) Aggiungo poi che i catechisti non fanno alcuna direzione spirituale.

Rispettiamo questa tua personalissima opinione, ma ti assicuriamo che c'è un enorme numero di testimonianze che conferma il contrario.

Del resto non c'è bisogno di dire "ehi, ora ti dirigo spiritualmente!"

Quando un cosiddetto "catechista" s'impiccia di faccende del "foro interno" (come ad esempio l'insistere sul fare tanti figli), si è già arrogantemente sostituito al direttore spirituale.

4) In casi particolari,anche un laico può fare direzione spirituale.

E quali sono questi "casi particolari"?

5) La vostra mi sembra una mistificazione della verità e un esempio di clericalismo.

Senti chi parla.

6) I catechisti non agiscono a titolo personale ma su mandato del Vescovo.

Dimostralo con i fatti concreti.

Finora i cosiddetti "catechisti" hanno avuto, nel migliore dei casi, solo il mandato di insegnare il Catechismo della Chiesa Cattolica.

Invece portano avanti le cosiddette "catechesi" di Kiko e Carmen, zeppe di errori, ambiguità e strafalcioni di ogni genere.

E non sanno fare diversamente, perché quelle cosiddette "catechesi" le hanno imparate a memoria. Quindi quel patetico apporre dei casuali rinvii al Catechismo, a pié di pagina dei Mamotreti, era semplicemente inutile. E comunque il Direttorio è super segretissimo: non sia mai che qualcuno possa verificare se il cosiddetto "catechista" sta recitando il copione prescritto da Kiko oppure la pappardella imparata a memoria tanti anni fa.

7) La loro elezione viene sottoposta all'autorita del Parroco la prego di eggere lo Statuto.

I cosiddetti "catechisti" del Cammino rispondono solo a Kiko e se il tuo parroco neocatecumenale li ha nominati, vuol dire che aveva ricevuto l'OK da altri cosiddetti "catechisti" laici.

Comunque, qui nessuno ha l'anello al naso e la sveglia al collo. Lo sappiamo benissimo quanto rispetto avete per i parroci e per i vescovi, lo sappiamo benissimo quanto vale la parola del Papa rispetto a quella di Kiko.

Luisa ha detto...


Che pazienza caro by Tripudio! Ti ammiro!
Lo stesso Mario Mottiola che nel thread precedente mentiva sapendo di mentire pretendendo che i neocatecumenali avevano "recepito le indicazioni(!) di Benedetto XVI" nel 2005, indicazioni che erano DECISIONI del Papa, ricomincia qui con le sue domande, ma è così che è stato "formato", non può fare altrimenti.

"1)Perchè agisce in incognito?
2)Come fa a trascorrere tutto il giorno sul blog?Come concilia ciò con lavoro,famiglia etc.Chi è lei veramente?



Edificante, si fa per dire, sopratutto sintomatico e rivelatore dei metodi neocat, niente di nuovo per chi segue questo blog da anni. Purtroppo chi, durante gli scrutini, ha subito i metodi inquisitori dei catechisti nc, chi ha visto la propria vita in quel che ha di più intimo messa a nudo sotto il fuoco delle loro domande, chi ha dovuto farlo davanti a tutta la comunità, spesso riproduce e applica ad altri quel che lui stesso ha subito.
Non devono esserci segreti nel cnc, salvo evidentemente l`arcano, il segreto sui testi formativi, se i neocatecumenali devono dire tutto a tutti, a loro non viene detto niente di quel che li aspetta nel futuro, non devono porre domande, devono obbedire e basta.
Se non lo fanno, se pongono domande e non si accontentano delle risposte, verrà detto loro che è satana a tendere quei tranelli, che si stanno facendo influenzare da lui, nel cnc si obbedisce e basta, a Kiko Arguello e ai suoi catechisti.

Anonimo ha detto...

ma a me pare che luca mario mottiola ecc. sono tutti la stessa persona che passa tutto il giorno su questo blog con diversi nik.....

Luisa ha detto...

"Aggiungo poi che i catechisti non fanno alcuna direzione spirituale,
chi dice il contrario dice una falsità.


I catechisti nel cnc non sono solo consiglieri=direttori spirituali ma anche consiglieri = direttori matrimoniali, in breve consiglieri=direttori di vita.
Sono onnipotenti, sanno tutto, hanno la soluzione ai problemi, prescrivono la via da seguire, la sola, insomma è o non è lo spirito santo (minuscole obbligatorie) che parla attraverso di loro?
Così sono considerati i catechisti nel cnc, a loro è dovuta una totale eobebdienza.
Abbiamo così tante testimonianze su questo blog sullo strapotere assolutamente anomalo dei catechisti del cnc, che chi ancora non lo sa non ha che da fare una ricerca sul blog.
Mi viene mentre scrivo alla memoria la storia drammatica di quella signora che stava mettendo in pericolo la sua vita( per una gravidanza extra-uterina), rifiutava l`intervento dei medici perchè prima doveva domandare il permesso al suo catechista!

Anonimo ha detto...

C'è un'enorme differenza tra esercitare la misericordia spirituale di dare un buon consiglio ovvero retto ad un'anima secondo verità e secondo l'insegnamento della Chiesa e fare una direzione spirituale.
Non credo possa paragonare i catechisti che insegnano eresie e disobbediscono a poche elette anime mistiche ( tra cui non farei rientrare comunque Natuzza Evolo)
le quali obbediscono alla Chiesa, vivono in nascondimento , nell'umiltà, nel disprezzo di sè, nel sacrificio e nella croce e non si permetterebbero mai nemmeno sotto tortura di commettere un peccato veniale, figuriamoci se "confesserebbero" con tracotanza,pronuncerebbero eresie, si comunicherebbero seduti con Nostro Signore...
Lei parla di clericalismo e poi ci accusa di sostituirci al giudizio della Chiesa? Ohibò , delle due l'una.
Nascondersi dietro la parola clericalismo non serve a cancellare le eresie, i sacrilegi e le disobbedienze.
Ele

Anonimo ha detto...

Per gli autori del blog, mi scuso se mi sono arrogata il titolo di "noi", intendevo solo dire "coloro che scrivono qui sul blog" ,rendo noto agli altri lettori che semplicemente leggo ed esprimo le mie opinioni sulla base della mia esperienza in una parrocchia dove è presente il Cammino e conoscendo persone che ne fanno o hanno fatto parte e dopo essermi documentata ulteriormente in proposito per fare chiarezza.
Ele

Anonimo ha detto...

Ci tengo a precisare che non sono nè Pasquale T nè altro a cui mi avete paragonato .Grazie

Anonimo ha detto...

Sig Mario M, (M= Merola), la finisci con questa sceneggiata?
La finisci con questa tua guerra santa?
Qui tutti conosciamo le persone come te, cloni di altri individui se non gli stessi, sotto un'altro nikname che vengono a gridarci le solite storie,ormai siamo immuni dalla vostra peste contagiosa che vi distingue da ogni altro essere vivente,
mi associo a tutti gli altri che qui te lo chiedono:
"Rispondi alle domande se ne hai il coraggio facci sapere come la pensi,non rifugiarti dietro a paroloni più grossi di te,qui vogliamo sapere come la pensi sulle corbellerie e strafalcioni del cnc, questo è importante, facci capire che Tripudio e gli altri stanno sbagliando, dove come e quando, non arrampicarti sugli specchi",
come dite voi
"Lo stolto che sputa in alto si vedrà cadere lo sputo su se stesso"

Ecco quello che mostri di essere

Coraggio, aspettiamo le risposte non le tue sceneggiate egr Mario M .

ODG

Anonimo ha detto...

Non capisco perchè continuate a lasciar passare quei fiumi di parole piene di sofisticherie, che non tengono conto di alcuna vostra precisazione e servono solo a confondere i piccoli e distrarre l'attenzione dagli argomenti proposti.

Anonimo ha detto...

per Elisa

Per favore pubblica la testimonianza che dici Tu sulla gravidanza extra uterina io non ne sono capace,molti piccoli nc o simpatizzanti ti ringrazieranno per averli resi partecipi nel far conoscere loro questo tipo d'indottrinamento.

Grazie

ODG

FDF ha detto...

La loro elezione viene sottoposta all'autorita del Parroco la prego di eggere lo Statuto.

Seeee come no. Sei un falso, la decisioni sulle equipe dei catechisti non passano per l'ufficio del Parroco nemmeno per sogno. Io ero un catechista (anche se non ho mai fatto catechesi di inizio cammino, ma solo "riporti") e la mia "nomina" non l'ha mai vista nessun Sacerdote.
Siete una banda di bugiardi.
Tra l'altro le decisioni su chi fa le catechesi in ogni Parrocchia di ogni regione di ogni nazione del MONDO vengono sempre dal responsabile regionale (o nazionale), voglio vedere quanti chiedono prima il permesso e il vaglio del Vescovo e del Parroco! Nemmeno se mi porti le registrazioni audiovideo ci credo.

Anonimo ha detto...

2) Come fa a trascorrere tutto il giorno sul blog?

Caro Tripudio lei dice di essere assente anche per lunghi tempi dal blog!!Sarà ma io la vedo tutti i giorni e continuamente ,da anni, intervenire.Dice che sono affari suoi??Ma se lei si mette su un blog pubblico non può uscirsene così.Se lei vuole preservare la sua privacy non scriva su un blog.Lei pretende di entrare nella vita degli altri mentre non vuole rendere conto della sua?Vuole giudicare e sentenziare sulla condotta e sulla vita degli atri,non può pretendere che gli altri non facciano lo stesso con lei. Se lei sindaca la vita degli altri perchè io non posso sindacare la sua ?Se vuole rimanere anonimo allora significa che la sua vita non è trasparente e lei sarebbe.Eppure ne pubblicate tante anche voi. facilmente attaccabile.Ha probabilmente qualcosa da nascondere.Mentre rimprovera segretezza al Cammino non si fa scrupolo di rimanere segreto.Due pesi e due misure ipocritamente.

Le ripeto la domanda:Chi l'ha nominato correttore di Kiko?Kiko non può dire quello che vuole liberamente?Chi le chiede di correggere le eventuali assurdità del Cammino?Se le non me fa parte ma cosa le interessa?Le danno così fastidio e testimonianze eppure lei ne fa largo uso?

Si rassicuri questo blog non è la mia ossessione,sono serenissimo se ne convinca.Piuttosto mi sembra lei ossessionato da Kiko e Carmen.E' più importante per voi che per noi che siamo in Cammino.Alcuni,lo ripeto,nemmeno sanno chi siano Kiko e Carmen.

Dice che c'è un enorme numero di testimonianze che sostengono che i catechisti fanno direzione spirituale.Punto primo le testimonianze sono sempre un punto di vista personale soggettivo non sono la verità rivelata.Secondo queste testimonianze da chi provengono?Cosa dimostrano?Quasi sempre sono anonime quindi non valgono nulla.Poi perchè le testimonianze positive non sono per voi attendibii mentre quelle negative sono attendibilissime a prescindere?Questa è malafede.
L'apertura alla vita è insegnamento del magistero irreformabie della Chiesa non è prerogativa del Cammino.Il problema è che molti lo deformano e disattendono come fate voi.

Ricordo che anche gli ultimi due Papi hanno invitato i cristiani ad aprirsi di più alla vita perchè si fanno pochi figli.Il catechismo della Chiesa cattolica afferma che la famiglia numerosa è considerata come una cosa positiva sia dalla Sacra Scrittura che dalla Tradizione viva della Chiesa.Solo per voi è un male.

Spero non vogiate chiamare anche i Papi impiccioni dato che hanno invitato a fare più figli?Anche la CEI lo ha fatto!guarda un po!

Che i catechisti agiscano a nome del Vescovo nè è prova che siano sottoposti all'imposizione delle mani da parte del Vescovo o di un suo delegato o del parroco che lo rappresenta.Quest'anno,nella mia Diocesi, prima di fare le catechesi i catechisti della mia comunità sono stati ricevuti dal Vescovo in persona il quale ha voluto celebrare una Eucarestia con loro e alla fine ha recitato la preghiera del mandato e imposto le mani sulle loro teste.Più mandato di questo cosa pretendete?

I catechsiti hanno il compito di fare 'evangelizzazione seguendo il Direttorio Catechetico approvato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede e a margine ci sono le note del Catechismo della Chiesa Cattolica.

La segretezza è quella che c'era nella Chiesa primitiva.Non è invenzione moderna.Si informi.Tra latro quella dela segretezza è una delle accuse che un filosofo pagano rivolgeva ai cristiani.Dato che è così colto dovrebbe saperlo.

Mario Mottiola





.

DG ha detto...

vorrei rispondere al sig. Mario Mottiola e questa volta mi firmero' oltre che con il nick che ho adottato su questo Blog da quasi due anni, anche con un "nome e cognome"

Lei dice:
..chiedere,chi è questo seminarista di cui si parla?Chi le ha fornito queste informazioni?Lo chiedo perchè,lo ripeto,si parla in modo vago di un certo giovane e di catechisti,chi sono costoro?Chi garantisce che queste siano informazioni vere,reali?

Non crede sarebbe più opportuno fare i nomi e cognomi in modo riscontrabile,verificabile?Faccio una obiezione sul vostro metodo che mi sembra assai discutibile.

Se non è possibile fare nomi e cognomi,per timore di violare la privacy, allora vorrei che mi spiegaste che senso ha dare questa notizia?L'intenzione di averla data quale è?A me sembra si vogliano alzare delle cortine fumogene.


Cerchero' di risponderle secondo il mio punto di vista.

Lei caro signore non è il primo e non sarà l'ultimo a voler indagare sulla identità (tipico atteggiamento indagatorio e accusatorio neocatecumenale)e la veridicità di quello che è scritto qui ma, visto che nemmeno la sua testimonianza si puo' verificare cosi come non sappiamo se il nome e cognome da lei dato corrisponda alla sua vera identità (sinceramente NON mi interessa) prendiamo le cose scritte qui come non verificabili e lasciamo al lettore se crederci o meno.

Pero' le assicuro che chi, come me, ha passato 26 anni nel cammino, leggendo un post capisce benissimo se chi scrive lo fa in buonafede oppure no.

Come capisce benissimo se chi scrive ha esperienza vera e personale del CNC e se, addirittura, è in comunità da 2 o 5 o 1O o 20 anni....o piu'.

Inoltre chi scrive qui non pretende di essere creduto ma, lascia al lettore trarre le proprie conclusioni.

Da parte mia posso solo dirle che in questo Blog ho ritrovato testimonianze che confermavano esattamente le mieesperienze nel CNC che poi Lei ci creda o meno non è poi cosi' importante.

L'importante è il fatto che quelli che hanno avuto esperienze a dir poco negative nel CNC possano trovare conforto in testimonianze di ex fratelli.

Mi firmo (cosi' Lei potrà indagare)

Federico Rocchi

Lino ha detto...

@ anonimo delle sofisticherie 20 dicembre, 2013 15:02

Bravissimo, anonimo. Mi sono posto ieri lo stesso problema. Il signor Mario M., a mio avviso, non è venuto ma ce l'hanno mandato, essendo considerato da qualcuno un grande ideologo filosofo-legale e sapiente.
Lui mette in crisi il diritto penale e il diritto civile da Cicerone in poi: se due testimoni - come i due serpenti sul caduceo di Mercurio - si contrappongono, come giudicare?
Dimentica, il signor Mottiola - strano che siffatto argomentatore sia ignoto a Google - che nel "processo" (giuridico o filosofico che sia) contano le prove. Perfino la schifezza della catechesi del miliardario prodigo il signor M. ha riportato sul piano della pura dialettica tra soggetti paritetici. Senza nemmeno analizzare chi sia il bocciato e chi sia lo scrutinatore.
Ora, a proposito dei laici direttori spirituali, il signor M. Mottiola (o come diavolo si chiama) ha scritto: "del resto,ogni volta che diamo un buon consiglio ad un fratello.cosa è se non direzione spirituale?"

Un buon consiglio, signor Mottiola? Legga qui, in OR. alle equipes di catechisti per lo SHEMA, pag. 30-31:
«E’ meraviglioso!: che non si può stare qui indefinitamente, che c'è un tempo di pazienza con voi. Che il Signore avrà pazienza ed il cammino catecumenale ha pazienza, un anno, due anni, tre anni torna e ci ritrova senza frutti. Ma allora avrà desiderio di tagliare il fico. Il catechista, la Chiesa, dirà al Signore: 'Aspetta ancora un anno, lasciami un altro anno, un altro anno di cammino, che lo concimiamo, che diamo catechesi. Se dopo un altro anno questo tipo continua con il suo orgoglio, continua con il suo collodi ferro, mormorando tutti i giorni della comunità (che c'è una mormorazione a volte orribile! il demonio assolutamente!... distruggendo la carità, raffreddando la comunità costantemente...), allora se l'anno prossimo continua a succedere questo, allora tagliamo».

Capisce, signor Mottiola? Il catechista non dà consigli, addirittura s'immedesima in Cristo e... taglia!
Queste degli OR. sono prove documentali - non per caso sono state segretate - oltre ogni testimonianza di serpenti (il bene e il male, la luce e le tenebre, il giorno e la notte) che contendono sul caduceo.
Sul caduceo ermetico, sopra la contesa dei due serpenti/criteri, c'è la sintesi alata, la verità.
Non mi pare che lei voglia ricercarla, la verità, con i "fiumi di parole piene di sofisticherie" che ci stanno inondando. E, quel che è peggio, costringe anche me a dilungarmi, per risponderle. Altrove, essendo pagato, avrei semplicemente scritto: "azzeccagarbugli". Qui in questione c'è la Chiesa, e mi dilungo gratuitamente

Luisa ha detto...

By Tripudio, d`accordo essere gentile, d`accordo essere paziente, ma perchè pubblicare le monotone lenzuolate-ritornelli del signor Mattiola?
Una persona che mente sapendo di mentire e che pensa poter evitare di confrontarsi alla realtà delle disobbedienze gravi del cnc fuggendo e rifugiandosi nei soliti clichés appresi a memoria.
Ancor più che sei così gentile che prendi, e perdi, il tempo per rispondergli e poi ti dirà che sei sempre sul blog...
Qualsiasi cosa si dica va a finire contro il muro di gomma della programmazione e del condizionamento.
Dare spazio a quel tipo di "commento" ha il triste vantaggio di mostrare in modo inequivocabile gli effetti deleteri della programmazione subita nel cnc.

Lino ha detto...

P.S.
Mario Mottiola ha detto:
"La segretezza è quella che c'era nella Chiesa primitiva..."
Quanto durava, questa segretezza? Quarant'anni, forse? E - per quel poco che ci è giunto - come ci è giunto?
Riguardo al vostro direttorio: qualche scriba moderno ha segretato le catechesi del novello san Kiko di Gerusalemme perché i cristiani temono di essere perseguitati? Chiesa primitiva o Concilio Vaticano II? Mi pare che non abbiate le idee chiare o, meglio, disinteressate.

Non faccia ridere i polli, Mario Mottiola: lei è la summa delle banalità neocatecumenali. Le quali banalità sono già note ad abundantiam, in questo blog.
Ci parli, Mario M. piuttosto dei Tabernacoli inutili e dell'Eucarestia che non c'è senza assemblea. Oppure del sacramento della Confessione, che "domani se vuoi lo sigillerai nella confessione". A me, magari, parli di questa
"Eretica cena"

Censuralo, Tripudio. Hanno ragione l'anonimo 20 dicembre e Luisa: Mario M. è una lenzuolata di banalità. Fosse stato più serio - come appariva nel suo primo commento - mi/ci avrebbe intrigato.

Anonimo ha detto...

Mark
all'illustrissimo fratello Mottiola.
Invece di ripetere sempre le stesse cose, potresti gentilmente rispondere ad una domandina semplice semplice ?
Cosè la decima ? Nel cammino si intende !

by Tripudio ha detto...

Mario M., sei proprio sicuro di essere "Mario M." anziché qualche nostra vecchia conoscenza?

Sono lusingato dal fatto che leggi il nostro blog «tutti i giorni e continuamente da anni», è un onore avere lettori così affezionati come te, fa aumentare il numero di visite al blog (anche se qui non ci teniamo affatto, perché sappiamo che una sola singola visita può essere sufficiente per rendersi conto dei problemi del Cammino).

Solo che non riesco a capire: cosa significa che io pretenderei "di entrare nella vita degli altri"? Quali altri? Quale vita? Da un blog? L'accusa è quantomeno singolare, visto che nel Cammino Neocatecumenale i cosiddetti "catechisti" entrano nella vita degli altri e comandano "alzate" per le vocazioni, comandano di sfornare figli a più non posso, comandano di comprare il libro di Kiko (altrimenti «sei attaccato a mammona e schiavo del demonio»: loro testuali parole!), comandano di versare la "Decima" al Cammino (di cui lo Statuto non fa alcuna menzione)...

Capisco bene che i neocatecumenali rimangono scottati nel sentirsi dire che criticando il Cammino, si cresce spiritualmente: ma è la pura verità: infatti per criticare il Cammino è sufficiente mettere mano al Catechismo, ai documenti della Chiesa, ai discorsi dei Pontefici, senza censurare come fanno i professori neocatecumenali [leggi, clicca qui!]

Quelle che voi chiamate "critiche al Cammino" sono solo un mettere a confronto le stupidaggini insegnate nelle comunità neocatecumenali, con le verità di fede insegnate dalla Chiesa da venti secoli.

Dunque quello che è importante non è "chi sono gli autori dei commenti sul blog", ma solo il fatto che ciò che viene segnalato su questo blog rispecchia la realtà del Cammino e le esperienze di chi ha avuto a che farci.

Del resto, quando vai in stazione a prendere il treno, tu non stai lì ad esigere di sapere nomi e cognomi e curriculum vitae di macchinisti, ferrovieri e annunciatori negli altoparlanti: a te interessa solo di avere informazioni su cui puoi fare affidamento (quale treno, quale binario, quale orario).

La segretezza del Cammino è un problema di ben altra portata perché è intesa a nascondere i dettagli scomodi. Se il primo giorno di "catechesi" si dicesse ai convenuti che il Cammino esigerà la decima, pretenderà la partecipazione alle pagliacciate del sabato sera, comanderà imperiosamente sulle vocazioni, proibirà di avere amicizie al di fuori del Cammino e addirittura invaderà la sfera dei sentimenti comandando di lasciare il fidanzato che non vuole entrare il Cammino... beh, allora sta' sicuro che nessuno entrerebbe più nel Cammino: quel regime di segretezza è inteso a ingannare.

by Tripudio ha detto...

Sono onorato dal fatto che mi consideri "correttore di Kiko": solo che seguendo il tuo metodo, a questo punto qualsiasi blog sportivo va considerato "correttore dell'allenatore della nazionale".

Ma debbo deluderti: io non sono "correttore" di nessuno. Al limite correggo gli errori grammaticali degli interventi in fase di pubblicazione: un "correttore di bozze", tutto qui.

Quanto a Kiko e Carmen, visto che alle GMG ci si va ad "alzare" davanti a Kiko, sicuramente i neocatecumenali più giovani (o quelli che hanno i figli giovani) sapranno fin troppo bene chi è questo Kiko.

Infine, tutte le tue critiche sulle testimonianze "soggettive" sono infondate: qui si parla di fede, non di matematica: e i "primi cristiani" che voi tanto elogiate trasmettevano il cristianesimo col "passaparola" e lo stesso Papa oggi regnante invita a testimoniare l'amore di Dio (dunque secondo te il Papa sbaglia?)

L'apertura alla vita, nel Cammino, significa solo gareggiare a chi sforna più figli. Ma il Magistero della Chiesa contraddice Kiko.

Scusate, non riesco a proseguire, sto ancora ridendo per queste sue parole: «La segretezza è quella che c'era nella Chiesa primitiva».

Eh, già: così Nostro Signore si sarebbe sbagliato a dire di «gridare sui tetti» le verità da Lui stesso insegnate. Ma bravo.

Anonimo ha detto...

Mario Merola dice:

"Ricordo che anche gli ultimi due Papi hanno invitato i cristiani ad aprirsi di più alla vita perchè si fanno pochi figli.Il catechismo della Chiesa cattolica afferma che la famiglia numerosa è considerata come una cosa positiva sia dalla Sacra Scrittura che dalla Tradizione viva della Chiesa.Solo per voi è un male."

Tu parli solo a vanvera, che ne sai di famiglie numerose?,
Vieni da una famiglia numerosa?
Non credo non parleresti così

Le vostre famiglie numerose sono belle che protette dalla crisi, dalla mancanza di liquidità, da tutto quello che oggi serve ad una famiglia numerosa per andare avanti applicate il mutuo soccorso solo ed esclusivamente per voi (sai così fa anche la mafia),
Voi che trovate assegni e buste di denaro nella cassetta della posta,voi che trovate pacchi di ogni genere davanti all'uscio di casa
a voi che regalano station wagon per famiglie numerose a voi che regalano perfino appartamenti, voi che nelle risonanze ringraziate il Signore per questi regali mentre sapete che è stato il vostro vicino di banco della saletta nc
Voi che mai rinunciate a questi regali o li condividete con il vostro vicino di casa con i vostri identici problemi che ignorate solo perchè non è nel cnc.

Come fate a campare 10, 12 14 figli solo con le vostre forze? con uno stipendio da 1000 euro al mese, come pagate le bollette del gas della luce il mutuo?
Come campate se il capofamiglia più delle volte con questa crisi è disoccupato?

Come può Dio voler bene solo a voi e ai vostri figli e far soffrire di questi tempi di freddo e di fame tutti gli altri fuori dal cnc?

In 5 anni che sono stato responsabile mai,dico mai una colletta per i bisognosi della parrocchia(vivevo in un quartiere popolare composta dal 90% di famiglie numerose,mai il parroco o i catechisti che abbiano detto:
"Questa sera la colletta va ai bisognosi del quartiere"

IPOCRATE e MAFIOSO

Sono figlio di una famiglia numerosa nato e cresciuto in un quartiere popolare e a quei tempi non c'era ilcnc che ci aiutava che ne sai tu che sei nato e cresciuto in mezzo all'ovatta?

Vai a sceneggiare altrove

VAI

ODG





Anonimo ha detto...

Non è che Tripudio abbia pazienza è che non è in grado di rispondere.Allora fa l'un ica cosa possibile insulta,ironizza.

Come prevedevo il passo successivo è la censura.Non mi lascerete parlare più percjè non sapete come rispondere.

Fate le domande la poi non lasciate rispondere.Due pesi e due misure ipocritamente.

Se volete che vi spieghi la decima bene sono disposto.Ma non lo farete avete troppa paura.

Si firmi Tripudio non è stato lei a dire che quanto si fa nel segreto deve essere rivelato dai tetti?Beh ci dia l'esempio.

Mario Mottiola

Anonimo ha detto...

Le lenzuolate del M. M. soni servite a distogliere l'atte nzione dal punto centrale della'articolo : le vocazioni inditte (oltre ai megaraduni coinvolgenti, ricordatevi anche genitori invitati dai catechisti a far figli per garantire presbiteri a kiko!)
E, se si parla di discernimento dopo le alzate, chi è che lo fa: un direttore spirituale o il katechista?
E dei conventi di clausura trasformati in succursali del cn nessuno parla più?

FDF ha detto...

La segretezza del Cammino è un problema di ben altra portata perché è intesa a nascondere i dettagli scomodi. [...] sta' sicuro che nessuno entrerebbe più nel Cammino: quel regime di segretezza è inteso a ingannare.

Sottoscrivo Tripudio e la sua analisi lucida quanto diretta.

by Tripudio ha detto...

Eh, sai, Luisa, faccio passare i suoi commenti in pubblicazione perché lui ha detto che se non lo faccio allora gli testimonio la mia «grande debolezza» e «scarsissima credibilità»...



...ah, ah, ah!!



Risate a parte, tutta questa foga nell'aggredirci mi ricorda una sensazione provata qualche annetto fa.

Quando nel giugno 2007 scadde il quinquennio dell'ad experimentum degli Statuti, Kiko cominciò ripetutamente ad annunciare imminenti date di approvazione: ogni volta una nuova data "sicura" per l'approvazione definitiva, e come i testimoni di geova che annunciavano la sempre più imminente fine del mondo, anche le date annunciate da Kiko venivano regolarmente smentite dai fatti. Se ne stufò perfino l'ineffabile Caredda.

In quel periodo i neocatecumenali erano particolarmente nervosi, specie quando si riseppe (da due fonti diverse) dieci mesi dopo, ad aprile 2008, che Benedetto XVI non aveva alcuna intenzione di concedere gli Statuti definitivi e nemmeno di "prolungare" l'experimentum scaduto dieci mesi prima. Del resto i kikos avevano continuato a disubbidire alle indicazioni del 2005, cosa potevano aspettarsi?

Poi sappiamo come è andata a finire l'autoapprovazione e l'assordante silenzio del Papa: e subito dopo le acque si calmarono per un po'.

In parole povere, anche dei "catechisti abbastanza grossi" diventano nervosi quando, nell'imminenza di «manovre», trapelano su internet documenti scottanti (come la trascrizione delle boiate dette da Kiko alla convivenza inizio corso: «...Dio, attraverso i testimoni di geova, ci vuole far capire qualcosa!»: Kiko ha davvero detto questo, ed è un arcano!).

E ora vediamo che cosa ha da dire sulla ferrea esazione delle "decime" (per esempio il miracolo dell'automobile nuova e il divieto di fare gesti di carità fuori dal Cammino).

l'apostata ha detto...

@ Mario Mottiola
che ha scritto:"...Dovrebbe citare le fonti e le persone da cui proviene l'informazione...".


Bravo, prima regola del giornalista è verificare l'informazione!

Ammirato dalla sua sensibilità, le propongo di rispondere alle DOCUMENTATE DOMANDINE, basate su filmati pubblici e documenti pubblicati sul sito ufficiale del cammino.

Sarebbe il primo, perché nessun neocat ha mai avuto il coraggio di confrontarsi!
Ogni volta che le ho proposte, sono scappati tutti come conigli, qualcuno insultando.

Pensi che bell'esempio hanno dato ai tanti piccoli neocat in buona fede che leggono questo blog!

Che fa, egregio signor Mottiola, lei che parla di tentativi di dialogo, ci risponde?
Guardi che nessuno vuole convincerla, le si chiede di dare risposte argomentate a domande basate su fatti concreti.

Forza, ci dimostri la sua coerenza, le posto subito le domande se ci sta.

Anonimo ha detto...

M.Merola dice:
"Se volete che vi spieghi la decima bene sono disposto.Ma non lo farete avete troppa paura."

Non stiamo aspettando altro
Qui tu sei un uomo libero non hai padroni
Qui nessuno ti dice quello e come devi fare sei libero

Non sei abituato alla libertà hai bisogno di qualcuno che ti dica cosa fare o non fare

Per favore mi dici come funziona la decima ?

Io non ho paura,e di che?

Di qualche misterioso arcano che i piccoli non possono capire?

ODG

Anonimo ha detto...

P:S:

Sei ridicolo

DG ha detto...

il sign. Mario Mettola alias

"osservatori chiudete il blog", alias 6X alias P.T. ecc ecc è semplicemente stufo di scrivere solamente a se stesso e arrabbiarsi da solo. E' stufo di scrivere, senza ricevere risposte e commenti, una volta al mese.
Quindi, in cerca di compagnia e di ammiratori, ha pensato di venire qui.

Tutto questo perchè, citando le sue parole, questo blog è pieno di
poveri sfigati,dei cretinetti..
dei poveretti,dei poveri disgraziati..


abbiate pazienza è solo che il Blog di Pasquale è stato chiuso e il suo, non essendo interessante, non è piu' seguito dai "neocatecumenali arrabbiati duri e puri".

DG ha detto...

scusate se intervengo di nuovo ma, visto che il signor M.M. alias osservatori chiudete... sta cercando di distogliere la discussione, propongo agli amministratori di pubblicare solamente i suoi post che hanno a che fare con la discussione del thread.

Questo sia per questa discussione sia per le discussioni future.

Se poi ha voglia di sproloquiare ulteriormente che lo vada a fare sul Blog di cui è amministratore e membro

grazie

Luisa ha detto...

Nella speranza che il blogger Mattiola trovi altri spazi per perdersi nelle solite monotone banalità e per, senza scrupolo alcuno, mentire al servizio del cnc, mi sforzo solo di dirgli che chi non è in grado di rispondere è solo lui, chi fugge davanti alle evidenze è lui, prima di lui lo hanno fatto decine di suoi fratelli di "cammino", i metodi di non-comunicazione neocatecumenale li conosciamo a memoria, sono stati descritti più di una volta, niente di nuovo sotto il sole dunque, niente altro che una pietosa banlità.
M. Mattiola deve sapere che
qui non siamo in uno scrutinio del cnc,
qui non c`è nessun catechista che può permettersi di violare il nostro foro interno,
qui non c`è nessun obbligo di rispondere a domande che riguardano la vita privata,
qui non ci sono blogger intimoriti dall`onnipotenza di un catechista.
Vada a giocare i suoi ridicoli, triti e ritriti, giochetti altrove. Se possibile.


Elio ha detto...

http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2013/12/con-francesco-chi-e-fedele-magistero-e.html#more

ecco la realta', su chiesa e post concilio si parla chiaro, qui no.

Aldo ha detto...

Noooo Tripudio Ti prego non censurarlo ... è fantastico lascia che i "suoi fratelli" lo leggano... uno ceh afferma che i catechisti vengono selezionati dal Parroco o non ha mai fatto il cn o mente sapendo di mentire.. io sono stato catechista e nella mia Parrocchia (BMV di Foggia - i Parroci Don Filippo e Don Mimmo) non hanno mai vagliato nulla (così gli diamo anche dei riscontri precisi e può verificare)ero sottoposto solo alla verifica dei catechisti che danno "consigli" su tutto anche su quante volte devi "giacere con tua moglie" per non entrare in "tentazione"...
a proposito M.M.

io mi chiamo Aldo di Michele vivo a Verona e su internet mi trovi
c'è anche la mia foto...Tu non esisti

Lino ha detto...

@ Anonimo DG ha detto...
"il sign. Mario Mettola alias
'osservatori chiudete il blog', alias 6X alias P.T.
"
Non so se sia lui. Certamente, però, è stato lui a portarlo. Magari, dove sta facendo il "catechista", ha incontrato uno studente di legge e gli ha chiesto: mi scrivi qualche commento per l'Osservatorio?

@ Aldo
Ciao, carissimo Aldo. Hai ragione: non esiste, né in Internet né nel mondo reale. Vive in uno specchio, dove passa il suo tempo ad arrampicarsi :-)

Anonimo ha detto...

Sulla decima,oltre le numerose testimonianze scritturistiche,
ricordo quanto ricordato dalla didachè:

Capitolo 13 versetto 7

"7. Del denaro, del vestiario e di tutto quello che possiedi, prendi poi le primizie come ti sembra più opportuno e dà secondo il precetto.

Lino ha detto...

Prima del sette, in Didachè 13 vengono il tre e il quattro:
"3. Prenderai perciò le primizie di tutti i prodotti del torchio e della messe, dei buoi e delle pecore e le darai ai profeti, perché essi sono i vostri Sommi Sacerdoti.
4. Se però non avete un profeta, date ai poveri"


Hai capito, anonimo?

Anonimo ha detto...

San Josemaria Escrivà dice: "È bene che tu conosca questa dottrina sicura: il proprio spirito è cattivo consigliere, cattivo pilota, per dirigere l'anima nelle burrasche e nelle tempeste, fra gli scogli della vita interiore. Perciò è Volontà di Dio che la direzione della nave sia presa da un Maestro, affinché, con la sua luce e la sua conoscenza, ci conduca al porto sicuro". Poi chiarisce bene che il Direttore Spirituale (o di Coscienza) dev'essere un sacerdote e non un laico: "Quando un laico si erige a maestro di morale sbaglia spesso: i laici possono essere soltanto discepoli".
Nel Cammino non si fa così.
Altri passi sul Direttore Spirituale si possono leggere qui:
http://it.escrivaworks.org/book/cammino-capitolo-2.htm
Si tratta di un libretto che in Spagna ebbe successo, si chiama "Cammino" e proprio Kiko non lo conosce, oppure non ha mai preso in considerazione i vari pensieri spirituali di San Josemaria E.

Mario

Anonimo ha detto...

Se San Josemaria Escrivà ha detto che nessun laico deve fare il Maestro di morale al posto dei sacerdoti, c'è un motivo. Nella nostra società ci sono gli adulatori di persone che hanno un certo potere e che sperano dei favori. Se ne incontrano anche negli ambienti lavorativi. Ora, nel Cammino succede la stessa dinamica perché i catechisti sono eretti - in base a questo metodo inventato da Kiko - a "maestri di moralità". Nel Cammino il più adulato, idolatrato è Kiko, ma poi c'è anche Carmen. Se padre Mario Pezzi fosse stato un laico, anche lui sarebbe stato idolatrato come Kiko. Dopo di loro, sono idolatrati e adulati i catechisti più famosi, ossia quelli che si alzano alle varie chiamate e vanno nel mondo dove Kiko li manda.
Ad accentuare tutto ciò, ci sono gli applausi: ogni volta che qualcuno si alza alla chiamata di Kiko, tutti applaudono. L'applauso è ambiguo: può significare incoraggiamento, ma anche idolatria, come fanno i fans con le superstar. Dopo di ciò sono adulati i catechisti storici: quelli che stanno in Cammino da 30-40 anni. SI è creato un sistema che invece di poggiare su Cristo, attraverso la mediazione e la figura di un Padre Spirituale, di sacerdoti ben preparati, si poggia sui laici che, come dice San Josemaria E., "sbagliano spesso".

Mario

Anonimo ha detto...

La Massoneria, in particolare quella Ecclesiastica, è il nemico peggiore in questi tempi della cristianità. Tutte le politiche contro la vita e la famiglia da essa sono promosse. La Massoneria agisce con il potere: è un'associazione di potenti che possono e vogliono fare ciò che vogliono. Papa Benedetto XVI è stato il più bersagliato dalla Massoneria E. Dobbiamo pregare anche per questo Papa affinché riesca a portare la Chiesa avanti, nonostante gli attacchi della Massoneria che cerca di influenzarlo. Pensiamo, per esempio, al fatto che verso marzo, la Conferenza Episcopale tedesca tornerà a riunirsi e - come si dice su alcuni giornali - cercherà di approvare alcune linee-guida, codificate dall’ufficio diocesano di Friburgo e già bollate come contrarie alla Dottrina cattolica, al Magistero ed alla Tradizione: per esempio il dare la Comunione ai divorziati-risposati.

Mario

Luisa ha detto...

Caro Aldo, domandando di lasciar spazio a M. Mottiola in un certo senso hai ragione, in effetti quel genere di "contributi" mostra l`effetto devastante che produce il condizionamento in atto in chi soggiorna un tempo più o meno lungo nel cnc, per taluni, troppi, l`effetto è dirompente e rapido.
Un condizionamento che impedisce il confronto con la realtà, che rende coscienza e mente impermeabili ad ogni sollecitazione esterna non in linea con quel che è stato integrato-programmato.

A forza di slogan, di martellamenti, di colpevolizzazioni con uso e abuso del diavolo, di vita in comune dove tutti sanno tutto di tutti, dove la propria vita è passata al setaccio e messa a nudo sotto lo sguardo dei "fratelli e sorelle" di comunità, a forza di pensare, fare e dire le stesse cose, di cantare gli stessi canti e ballare le stesse danze (tutti firmati Arguello), si crea una dipendenza al cnc e fra i nc stessi, si forma un`identità gruppale che soppianta quella individuale ormai svuotata (secondo statuto) dei "falsi concetti di sé e di Dio". (!)

Quando una persona mette la sua vita nelle mani di chi dirige il cnc, quando fa del cnc il centro della sua vita, quando il cnc è in testa a tutte le priorità, prima viene il "cammino" poi il resto, anche se questo "resto" sono figli, genitori, anche malati, quando tutto nella vita di una persona gira attorno al "cammino", la persona non può correre il rischio di togliere un mattoncino di quella costruzione per guardarlo in faccia, fermarsi un momento e riflettere, non può perchè tutto cadrebbe, vorrebbe dire mettere a rischio tutto quel che attorno a que mattoncino è stato costruito con sforzi, sacrifici, subendo pressioni, accettando le intrusioni nella propria vita intima, e di lasciarsi dirigere da chi ha in mano i piani di quella cotruzione, la stessa per tutti, perchè tutti devono essere al servizio del "cammino", di un uomo e del suo smisurato orgoglio, e probabilmente di chi sta dietro di lui.

Aldo ha detto...

nel cn non esiste la Direzione Spirituale..anzi se vai da un Sacerdote per fare direzione Spirituale (soprattutto se non è del cn..) ti redarguiscono e ti rimproverano pubblicamente "non hai bisogno di nulla se fai l cammino seriamente"...
e le ricette sono 3:
1) devi "fare il cammino"(cioè:preparazioni, non assentarti mai, tutti i precetti ordinati..)
2) devi dare la decima;
a questi si sommano alcuni "suggerimenti standard"
- fai le lodi;
- fai la preghiera silenziosa;
- devi essere aperto alla vita;
- se sei in crisi con tua moglie ..vai a fare "un viaggio di nozze";
- ai giovani la crisi viene curata con una settimana in Monastero/Convento;

- vai a chiedere perdono a....;

ecco qui la direzione spirituale ad uso cammino...

sempre...sempre....sempre queste frasi ... non ci sono altre ricette

Sebastian ha detto...

Mario Mottiola menti senza pudore. I catechisti non fanno direzione spirituale? E allora come lo chiami il fatto che stiano sempre a dirti cosa fare? Conoscono i tuoi peccati e i tuoi problemi, e si credono assistiti dallo ss per poter entrare nella tua vita.
I sacerdoti RM poi non sanno nemmeno come si faccia la direzione spirituale. Infatti nel seminario hanno una figura chiamata guida spirituale, che in realtà è solo un confessore. La vera guida la fa il catechista responsabile del seminario (a Roma è Kiko stesso).
Per il resto sottoscrivo in toto l'ultimo commento di Aldo. Il massimo del consiglio di un prete nc è fai il cammino, fai le lodi... Se non ti accontenti se ne lava le mani mandandoti dal tuo catechista:lui ha il discernimento su di te. Ma dove sta scritto?

Lino ha detto...

@ Mario
Molto spesso, quando si legge di presenze massoniche nella Chiesa Cattolica, c'è chi immediatamente immagina che si tratti di congetture da "complottisti". Costoro, ignoranti nei fatti della Storia, non sanno che la Massoneria speculativa, sorta in Inghilterra, fu un coacervo di confessioni religiose ufficiali, esoteriche a cabaliste in lotta tra di loro per ragioni politiche e di potere e che, fino al terzo decennio del '700 , fu la Massoneria stuardista, di matrice cattolica, ad avere la maggiore diffusione. La bolla di scomunica di Papa Clemente XII (1738, "In eminenti apostolatus specula") va compresa in questo senso e fu promulgata anche perché protestanti, cabalisti e razionalisti vari anticattolici si stavano impadronendo delle Logge. Nel periodo del quale mi sono interessato io (1749-1753) con un romanzo storico, nel Regno delle Due Sicilie ad essere colpiti dalla nuova condanna alla Massoneria (Papa Benedetto XIV, "Providas Romanorum", 1751) furono numerosi ecclesiastici di rango.
Non meravigliamoci, quindi, del "fumo di Satana" nella Chiesa. Non è fumo recente.

FDF ha detto...

come ti sembra più opportuno

MA CI SIETE O CI FATE?

Dov'è l'obbligo? Dov'è il decimo?

Pepito Sbazzeguti ha detto...

Esigo di sapere chi si nasconde dietro lo pseudonimo Mario Mottiola che invece di preparare la Parola, preparare le sedie neocatecumenali per la comunione seduti del sabato sera, preparare le scarpe per il balletto liturgico, preparare la chitarra e le focacce, sta tutto il giorno al computer a scrivere lenzuolate di insinuazioni autonominandosi osservatore di By Tripudio, e chiedo in virtù di quale autorità pretende di conoscere nome cognome data di nascita codice fiscale coordinate bancarie salvadanaio schedina del Totocalcio e monete di cioccolata di By Tripudio.

by Tripudio ha detto...

La tecnica neocatecumenale dell'estenuazione di solito parte da alcuni slogan falsi ma molto rumorosi.

Invece Mario M. ha applicato una sua personale variante (quella delle "lenzuolate"), facendo un sacco di fatica. Si potrebbe riconoscere che è neocatecumenale dal solo fatto che non controbatte con argomenti, ma ripete sempre gli stessi slogan.

È comprensibile che uno che abbia vissuto per tanti anni il Cammino rifiuti di rispondere a obiezioni sul Cammino, ma... di fronte a obiezioni così documentate (come il video dove Kiko in persona dice quelle emerite vaccate), si può far finta di niente? Come potrebbe mai essere in buona fede quel sedicente Mario che non sa fare altro che usare mezzucci e trucchetti e si rifiuta di riconoscere la semplice realtà dei fatti che lui stesso è in grado di verificare?

l'apostata ha detto...

@ Aldo
manca un consiglio nella lista: "fai un'elemosina che ti faccia sanguinare il cuore!".

@ Baccalà
Davvero ti senti così solo da dover scrivere qui con tanti pseudonimi uno più improbabile dell'altro?

Ti do un consiglio: unisciti al branco di cefale e vai in Cina. Tra cefale e baccalà dovreste capirvi.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

Ritorno al post, perché da tempo ho un problema. Concerne questa catechesi kikiana, e spero che qualche catechista NC/direttore spirituale sappia spiegarmela:
Il memoriale che Egli lascia è il Suo Spirito resuscitato dalla morte, presente con tutto il suo mistero di morte e resurrezione, fatto vita per portare al Padre tutti quelli che celebrano la Pasqua, tutti quelli che celebrano la cena con Lui. La Chiesa primitiva non ha problemi a proposito di questa presenza” (Or. Fase di Conversione, pag. 326)

Mi rivolgo al famigerato Mario Mottiola e a Luca, che certamente ancora leggono: quale presenza?
"Il Suo Spirito resuscitato dalla morte"? Che significa? Innanzitutto, mi riferite come un "piccolo", un "lontano", un "baraccato", possono intendere questo concetto che risulta astruso anche a me, che prima di Kiko credevo che quello fosse il memoriale del Corpo e del Sangue? Dal punto di vista sintattico, chi è "presente con tutto il suo mistero di morte e resurrezione", il soggetto è lo Spirito oppure il memoriale? E il Corpo Glorioso, che fine ha fatto?

Attendo un direttore spirituale/catechista NC per le risposte. Non Mario, mi correggo, che è roba da processi di ruba-galline. Luca, magari, un "esperto" nella dialettica degli opposti.

Lino ha detto...

@ Apostata
Quando lo appellai "Baccalà", ancora Kiko non aveva - almeno credo, certamente io non lo sapevo - nominato le cefale.
Sono un profeta? :-)

by Tripudio ha detto...

A proposito di cefale e di baccalà. Un nostro amico neocatecumenale Pasquale Baccalà, nel suo profilo di una nota community on-line, si vantava - lui ultraquarantenne - di risultare molto attraente per le ventenni, con contorno di volgari allusioni sessuali.

Lasciando da parte i giudizi morali (fare il Cammino evidentemente porta a compiere cose del genere; poi magari ne farà menzione nelle confessioni pubbliche, e più che "assolto" si sentirà "invidiato"), il vantarsi di quelle sue fantasie è probabilmente collegato al suo "successo" in qualità di "catechista", dove tutte le comunità stravedono per te e dove le giovani e attraenti "cefale" non vedono l'ora di farsi soggiogare dal prestigioso "baccalà" per essere invidiate e rispettate, come negli schemi delle novelle anticlericali anni '70.

Anonimo ha detto...

Come se non bastasse ciò, ci sono non pochi sacerdoti del Cammino che obbediscono ai catechisti, invece di essere il contrario. Un sacerdote fece il paragone di Kiko "come San Francesco": anche i francescani all'inizio non erano ben voluti.
San Francesco non si era mai sostituito ad un sacerdote, bensì diede una Regola per tutti che fu approvata dal Papa. Così facendo, i neocatecumenali, o meglio i vertici del Cammino che fanno fare così a tutti, trasgrediscono questi santi consigli si San Josemaria Escrivà:

"Non mettere il Sacerdote nel pericolo di perdere la gravità. È una virtù che, senza sussiego, egli deve possedere sempre.

Come la chiedeva —Signore, dammi... ottant'anni di gravità!— quel giovane sacerdote, nostro amico!

Chiedila anche tu, per tutti i Sacerdoti, e avrai fatto una cosa buona".

"È necessaria molta obbedienza al Direttore e molta docilità alla grazia. —Perché, se non si consente alla grazia di Dio e al Direttore di compiere il loro lavoro, non apparirà mai la scultura, immagine di Gesù, nella quale si trasforma l'uomo santo".

Mario

Anonimo ha detto...

Risposta a Tripudio al Mess. delle 15:58:

Nel CN c'è anche la forzatura per il matrimonio all'interno del Cammino stesso. Se si sta nel Cammino o bisogna farsi sacerdoti del Cammino oppure ci dev'essere matrimonio neocatecumenale; i celibi, se vogliono aver vita facile, devono andare itineranti in missione e diventare come Kiko Arguello.
Le donne hanno meno opportunità perché non esiste per loro il convento neocatecumenale, ma devono andare in ordini religiosi favorevoli al Cammino, in cui possono preparare sale e posti per le celebrazioni del sabato ai laici.
Se non ci si sposa all'interno del Cammino cominciano a calunniare. Talvolta capitano anche gelosie: per esempio, ci sono più celibi neocatecumenali che aspirano al matrimonio con una neocat. oppure più nubili che aspirano al matrimonio con una certa persona del Cammino. In questo caso, all'interno del Cammino sorgono invidie e ipocrisie molto più forti, che possono sfociare in pettegolezzi o calunnie.

Mario

Anonimo ha detto...

Mark
Sinceramente non vale più la pena rispondere a questo Mario Merola.
Provo compassione per questo poveretto, condizionato negli anni nel comportamento e nell'anima.
Mi auguro che a questo punto si sposti la discussione sull'argomento principale del post, quello che ha scritto il cefalone è inutile.

Anonimo ha detto...

Un altro effetto negativo del sostituire il direttore spirituale con il catechista è il dilagante "moralismo" che si vede nel cammino, specie nelle prime comunità. Ricordo che questo problema lo accusavano gli stessi sacerdoti o alcuni seminaristi del cammino. Del resto, è il sistema che sforna moralismi. Se ci fossero padri spirituali, non ci sarebbero maestri di morale laici e, quindi, neppure tanti moralismi nelle risonanze, nelle ambientali, ecc.

Mario

l'apostata ha detto...

@ Lino
Se sei profeta non lo so, di sicuro di certi pesci te ne intendi...

Maurizio 1° Com. Madonna del Mare Trieste ha detto...

Ho letto solo qualche post sulla "Direzione Spirituale. Io ho finito il Cammino nel 2000, ma adesso non conosco ciò che dicono i catechisti. Se dicono che non serve un Direttore Spirituale e basta il Cammino sono FUORI DAL CAMMINO NEOCATECUMENALE. I nostri ex catechisti, IN PRIMIS STEFANO GENNARINI della 1'Com. di S.Luigi ai Parioli CI HA SEMPRE RACCOMANDATO, da un certo punto in poi del Cammino di scegliere un Direttore Spirituale, cosa molto difficile da trovare secondo anche quanto scriveva Santa Teresa nel 1500. Stefano ci ha raccomandato piu' volte di pregare il Signore di farci trovare un illuminato Dir. Soirituale. QUESTA è LA VERA POSIZIONE DEL CAMMINO e, da catechista che sono, affermo che chi non concorda con questo buon consiglio, rischia di perdere il contatto con la realtà. Il Cammino è bello SOLO se vissuto nella umiltà e SALDAMENTE a contatto con i piedi per terra. Come dice Kiko con la testa in Cielo, ma con i piedi per terra. Se il Cammino non viene vissuto con la virtu' della Prudenza e del discernimento una persona o una comunità intera può andare incontro alle derive piu' assurde e strampalate se non addirittura perdere il controllo delle proprie decisioni, azioni ed emozioni e diventare il Cammino del Bianconiglio, e non la riscoperta del Battesimo.

by Tripudio ha detto...

E il direttore spirituale doveva essere un presbitero del Cammino, vero?

Maurizio ha detto...

Ciao Tripudio. Ho letto solo adesso il tuo commento. Negativo. Non ci è MAI (almeno a noi) di scegliere un Presbitero del Cammino. Siamo stati invitati solamente a pregare con insistenza il Signore che ci facesse trovare un buon sacerdote, meglio ancora un Monaco di clausura che sia disponibile a questo delicato servizio di cesello delle anime e siamo stati avvisati sulla difficoltà di trovarne uno valido ricordando ciò che scriveva S. Teresa sulla difficoltà di trovarne uno valido. Tutto qui. Non una parola sui Presbiteri venuti dai Neocatecumenali, mi dispiace.

Maurizio ha detto...

Ciao Tripudio. Questo pomeriggio ho postato su un Blog che alla fine qualcuno mi ha detto che non era il tuo, e mi ha dato l'indirizzo di questi che risultano dovrebbero essere tue pagine. Mi scuserai, ma vorrei avere il tuo parere sulle seguenti questioni: Ti do il link dove ho postato le stesse seguenti considerazioni:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=741201455910041&set=a.118888041474722.15622.118882741475252&type=1&comment_id=2601893&offset=0&total_comments=21

Cristo guarda con indulgenza, spero di questi nostri battibecchi che non cambieranno certo il mondo come invece lo ha cambiato il Suo Santissimo sacrificio sulla Croce con il quale ha redento tutti gli uomini ! Per questo mi fanno ridere alcune immaginette che non solo voi, ma anche molti altri usano, comprese alcune orribili - non preoccuparti che ho gli occhi per vedere - rappresentazioni di Kiko che farebbe meglio a tornare a dipingere al modo classico, sempre stato bene accetto alla Chiesa e del quale ne sono piene le nostre Chiese dal Medioevo in poi. A proposito del mio commento ti invito a leggere bene anche tu. Ho distinto nettamente il Santissimo Sacramento da quel Gesù raffigurato " alla americana" Il sorriso non centra nulla. Certo che Gesù avrà sorriso, tutte le volte che incontrava amici come Lazzaro e le sue sorelle o tutte le volte che qualcosa lo faceva gioire. Il sorriso è l'espressione di un vero santo, secondo il motto " Triste Santo è un Santo triste". Comunque ti confermo che qualcuno sul sito o sul blog, non sono certo il Tenente Colombo che prende appunti, ha chiamato il CV II " una pappocchia teologica" Se hai un "cerca" fai la scansione e lo trovi subito". Non mi sempre bello per chi afferma di essere in piena Comunione di Santa Romana Chiesa. E, bada bene, non voglio assolutamente diventare un provocatore. Sai benissimo, come ha notato perfino Michela e Lino, che uso un tono moderato e sereno. Certo spesso sono pungente a volte, ma non intendo mai mettere alla berlina nessuno. Io cerco di avere sempre dentro me un sentimento di benevolenza verso chiunque. Anzi, se ti degni solo un attimo di uscire dal Blog e visitare altre strade, vedresti come sto da un anno difendendo a spada tratta, come insegna il Catechismo sempre valido di San Pio X, l'Onore di Dio e della Santa Chiesa sulle pagine di Yahoo Answers Religione e Spiritualità. Non so quanto stomaco avresti per per starci un anno intero per poter con calma e pazienza " Consigliare un errante" davanti a persone che bestemmiano in modi innominabili la Chiesa, Cristo, Madonna e Santi. Ti invito personalmente a dare una occhiata alle mie attività delle quali ti do il link, sperando di tutto cuore che tu ti ricreda su di me. Pace e Bene a te, Fratello mio. Il Link: http://it.answers.yahoo.com/activity

,Maurizio ha detto...

Maurizio Dossi Sai, Tripudio. Una cosa non mi torna. Se la dottrina contenuta nei mamotreti è TALMENTE PERNICIOSA da insidiare la SANA DOTTRINA, espressa dai Documenti ufficiali della Chiesa, secondo te - e premetto che la mia domanda è DEL TUTTO priva di intenti maliziosi o accusatori verso di voi e verso quanti, qualificati ad esprimersi, non lo fanno - perchè, e giuro che non me lo spiego, questa "opera" si è talmente diffusa nella Chiesa Cattolica in modo da superare le aspettative più rosee? Perchè, se davvero eretica, non viene indetto un organismo VERAMENTE INQUISITORIO per stabilire UNA TANTUM la sua NON APPARTENENZA alla Chiesa Cattolica, ordinando ai Catechisti di chiudere la bocca immediatamente, emettendo una norma di "sanatoria" per tutti coloro che vi partecipano, come è stato fatto per i seguaci di Mons. Lefebvre, creando una sorta di Fraternità tipo la Fraternità San Pio X, dal nome di fantasia, Fraternità della Immacolata ( dal giorno nel quale Kiko dice di aver avuto questa ispirazione dalla Vergine Maria, di creare piccole comunità dove si viva in umiltà (omissis) e dove l'altro è Cristo? Vorrei , davvero pacatamente e senza intenti polemici, conoscere la tua opinione del perchè questa iniziativa di Kiko non è stata bloccata da chi era suo dovere farlo. Certo è una domanda delicata e non desidero metterti in difficoltà abche perchè riguarda giudizi sulla Gerarchia. A me pare incredibile che se tutto quello che è riportato dal vostro sito, blog ecc. si riveli come effettivamente avvenuto, un Kiko qualunque, va bene, carismatico, estroso, impreparato, abbia potuto ( con quali mezzi ?!? ) mettere su una opera simile, giungendo addirittura a mettere su ben 50 seminari ( e penso che tu sappia come io suppongo che il solo "pensare" a mettere in piedi un Seminario, ovviamente con la approvazione dell' Ordinario del luogo, con Diaconi e Sacerdoti ordinati non da Don Pezzi certamente, ma sempre dall'Ordinario del luogo, alle cui diocesi sono incardinati,

Maurizio ha detto...

Maurizio Dossi Scusami, ma ho premuto ,'invio per errore, dicevo dei Sacerdoti ordinati, già tre dalla nostra Comunità, che NON HANNO FATTO il Seminario Red. Mater, ma quello Diocesano per il fatto che ancora non esistevano i R.M. e da Vocazioni Adulte, e dopo 10 - 15 anni di sacerdozio ormai sono Parroci molto benvoluti nelle loro Parrocchie? Più una ragazza che ormai da 15 anni sta Suora di Clausura Clarissa in un Monastero ? I suoi genitori per inciso sono andati con la Missione Famiglie cinque anni in Cameroun, lui Medico, affrontando la Evangelizzazione dove esiste e viene praticato il Wodoo che è satanismo allo stato puro? Io non capisco. Se la Chiesa non si è pronunciata ufficialmente contro, non credo che lo Spirito Santo permetta tanto dis - ordine nella Sua Chiesa da non soffiare forte sui Pastori. Se mi rispondi e mi spieghi, ne sarei edificato, e senza "trucchi alla Kiko" come mi hai tacciato pochi giorni fa. Grazie.

by Tripudio ha detto...

Maurizio,

anzitutto ti faccio notare che è molto infantile il voler "personalizzare" le questioni: è come il comandante che vuole bastonare il marinaio che ha detto che c'è una grossa falla sulla fiancata... il marinaio è un emerito signor nessuno che riporta una notizia importante, ma il comandante non vuole ascoltare e dà la colpa a chiunque gliela riferisca.

Vedi, tutti coloro che in qualche modo hanno fatto il possibile per gettare un po' di luce sulle nefandezze del Cammino hanno subito ogni genere di vessazione da parte dei fratelli neocatecumenali (alcune delle quali così gravi da essere denunciate alla polizia). Quanto a questo blog, un anno fa ve la prendevate con Mic, oggi ve la prendete con me, domani ve la prenderete con qualcun altro, ma siete come il capitano della nave che non vuol sentirsi dire che la sua nave sta affondando.

Ora, tu puoi scrivermi tutte le tue omelie dovunque, qui, su Facebook e altrove: le ingiustizie del Cammino restano le stesse, finché non ripudierete gli strafalcioni liturgici e dottrinali che hanno reso famoso il Cammino. La via è così semplice: basta sostituire le "catechesi" kikiane-carmeniane con il Catechismo della Chiesa Cattolica, e le liturgie carmeniane-kikiane con la liturgia della Chiesa Cattolica.

Tu dici di difendere il Catechismo di san Pio X, ma nel Cammino si professano unicamente le enormi corbellerie di Kiko e Carmen (che disprezzano tutto ciò che è preconciliare). Insomma, tu professi le tue idee "divergenti dal Cammino" (e prima o poi te la faranno pagare cara), ed in base a questo solo fatto pretendi che nessuno abbia più da ridire sulle effettive e verificabilissime storture del Cammino.

Quanto ai Mamotreti, lo sai meglio di me come si sono "diffusi": solo a voce, solo recitandoli (fino a pochi anni fa i cosiddetti "catechisti" venivano personalmente esaminati da Kiko su come erano capaci di ripetere la pappardella!). La loro "pericolosità" sta nel fatto che per voi la parola di Kiko vale più della Parola di Dio e dell'insegnamento della Sua Chiesa. Aggiungervi degli ipocriti rimandi al Catechismo (quando poi i cosiddetti "catechisti" continuano a recitarli a memoria fingendo di essere ispirati da un qualche "spirito") è la conferma definitiva delle vostre intenzioni: insegnare il kikismo-carmenismo a costo di fingere il contrario.

In questo blog si parla di altre realtà ecclesiali solo a titolo esemplificativo (per cui il nominare talvolta la FSSPX non significa condividerne l'impostazione, anzi: come ho già detto mille volte, io stesso non sono affatto favorevole ai lefebvriani).

Quanto al rapporto con la gerarchia ecclesiale, ti prego di non farmi inutili spot pubblicitari, perché tu sei il primo a sapere bene che avete letteralmente comprato (con denaro sonante e a ricche rate mensili) un mucchio di preti, vescovi e cardinali, senza contare il fatto che molti di questi ecclesiastici condividono col Cammino l'idea sbagliata che la liturgia sia un fai-da-te. e perciò privilegiano il CNC rispetto ad altre realtà ecclesiali... perfino quando si tratta di vocazioni! (io stesso conosco preti e seminaristi del CNC inseriti però in strutture diocesane).

Il fatto che la Chiesa non si sia ancora definitivamente pronunciata contro il Cammino, dipende da vari fattori, il principale dei quali è la confusione che oggi regna nella Chiesa. Il discorso sarebbe troppo lungo: ti chiedo solo di dirmi, al di là del Cammino, con tanti eretici che ci sono in giro, come mai le punizioni sono sempre minuscole, temporanee e soprattutto rarissime.