venerdì 6 luglio 2018

Sconsacrate quella chiesa!

È una chiesa che si innalza nel cuore della città, un po' vecchio stile, figura primaria delle cartoline poste come souvenir nei negozietti adiacenti ad essa. Una chiesa che innalza la propria croce in alto ma che vecchia e squilibrata sembra dover crollare da un momento all'altro. 
Appena al di sotto della finestra del campanile un vecchio orologio ha interrotto già da tempo il suo scorrere, unico componente reale in quello che pare un museo cattolico, che ha barattato il sacro per i beni terreni. Qualche immagine sopravvissuta ad anni di conquista neocatecumenale ricorda la sua reale essenza, ma anch'esse, ormai logore da troppe eresie, appaiono sbiadite e prive di contorni.
Canti e balli gitani di zingari sono andati a sostituire i santi gesti di abbandono a Dio e di Salvezza; niente adorazione, nè venerazione Mariana, niente Sacrificio divino bensì molti sacrifici di anime innocenti. In quella chiesa si susseguono da anni, da ben prima che io venissi ad abitare qui, presbiteri neocatecumenali con cuore e mente corrotti e prepotenza al posto della misericordia.

Un piccolo fanciullo viveva in quella parrocchia, sua madre era malata, anche suo padre non stava bene, in seguito ella morì. Il piccolo Mario era chierichetto, innocente e amorevole si approcciava con molta affettuosità a chiunque gli rivolgesse la parola. Gli anni passavano ed il giovane contribuiva agli impegni parrocchiali svolgendo piccole mansioni che però donavano un senso alle sue giornate. Il ragazzo appariva grato di quel vivere semplice.

Un parroco spregevole, dagli occhi assatanati e dal comportamento prettamente neocatecumenale, quindi arrogante, autoritario, dispotico, imperioso e sopraffattore venne in sostituzione del precedente. Per rendere l'idea della personalità ignobile di cui discutiamo, porto in rilievo un suo agire già trasmesso in questo blog. Si tratta dello stesso "parroco" che proibì ad una ragazzina di denunciare gli abusi subiti da un super catechista neocatecumenale. Lo stesso "pastore" che spalancò gli occhi al sentire quella parola che andava a discapito del cammino ma a favore della giustizia: DENUNCIA.

Ebbene, padre A. mise un aiutante neocatecumenale a tempo pieno in quell'affannata parrocchia, corrodendo la già fragile serenità. La persona in questione è un classico personaggio risoluto, che sa quello che vuole e che in poco tempo sistemò l'intera famiglia con i soldi della chiesa. Una persona molto forte caratterialmente, una donna che non ha mai stentato di ridere delle disgrazie altrui e che è divenuta ben presto la personalità di riferimento, assieme alla sua famiglia, per padre A. e l' intera comunità.

Nel frattempo il piccolo Mario cercava di cavarsela, nonostante ricordi bene i tentativi di scherno di questa donna nei suoi confronti. Continuamente provocato di tanto in tanto provava a difendersi alzando la voce. Veniva sbeffeggiato di continuo, sopraffatto da quei neocatecumenali dall'indole tiranna. Quella donna non lasciava che Mario si adoperasse in chiesa, svolgendo lei stessa, oppure il marito, i compiti che il giovane aveva sempre eseguito con molta dedizione.

In breve tempo Mario fu costretto ad allontanarsi dalla sua casa, la quale coincideva con quella chiesa che lo aveva, malgrado tutto, allevato. Nessuno lo aiutò, nessuno si interessò al suo destino, davvero di rado si dirigeva in parrocchia, guidato da un legame affettivo con quel posto che considerava la sua famiglia.
Infine smise anche di dirigersi in chiesa, il parroco lo aveva rifiutato. Si sistemò in qualche modo, non conosco i particolari ma lo incontrai qualche anno fa, gli chiesi come stava ed egli mi riferì la sua amarezza per l'avvenimento. Un breve saluto, qualche mia considerazione irritata riguardo i personaggi in questione e poi più nulla fino a ieri, 3 luglio 2018, giorno in cui si sono svolti i suoi funerali. Mario si è buttato dal quarto piano, spinto dall'indifferenza di chi lo ha cresciuto.

Il cammino "accoglie" i fedeli per poi rigettarli se non utili al contesto. Il cammino neocatecumenale uccide le persone nello spirito conducendole ad avere paura e timore della vita, quella vera, quella in Cristo.

Un'intera cittadina oggi si ribella a quella chiesa, intuendo la responsabilità primaria di tale gesto e sopprimendo la sofferenza che tale notizia suscita, con preghiere svolte lontano da quel posto che di sacrifici umani ne ha operati fin troppi.
Padre A. è deceduto da pochi anni, ma il male da lui elargito riporta conseguenze ancora oggi.

Eppure i neocatecumeni di ogni dove, senza pudore e criterio, per lui desiderano la santità, quindi noi, al pari del nostro agire nei confronti di Carmen, contribuiamo a queste iniziativa con la VERITÀ!

Signore, abbi pietà di questo tuo figlio.

60 commenti:

  1. Unisco la mia preghiera alla tua Rebel, e a quella di chi sta pregando per lui, ora, che non è mai troppo tardi per implorare che sia nell'abbraccio di misericordia dell'Unico che mai lo ha disprezzato e negato il Suo amore .. amore che però questo ragazzo a poco a poco non ha potuto più vedere, perché lo cercava, giustamente, là dove aveva imparato a conoscerlo: la "sua" chiesa, che avrebbe dovuto essere "visibilità" dell' Unico Corpo dell' Unico Signore e invece è diventata albero senza radici, ricca di fogliame appariscente ma incapace di portare frutti di bene; che avrebbe dovuto essere "canale" di questo Amore ma è stata prosciugata dalla lucida e perversa follia NC.

    Prima di emarginare e cacciare via Mario, questa Chiesa ha emarginato e cacciato via Gesù.

    " Un'intera cittadina oggi si ribella a quella chiesa, intuendo la responsabilità primaria di tale gesto e sopprimendo la sofferenza che tale notizia suscita, con preghiere svolte lontano da quel posto che di sacrifici umani ne ha operati fin troppi."
    -------------------
    Se davvero in tanti hanno aperto gli occhi, forse la sua tragedia (tragedia della solitudine) non è avvenuta invano.
    Tragedia di una solitudine non scelta e non voluta, ma generata proprio là dove ci si vanta che nessuno è solo perché tutti si è "fratelli" .. no, non tutti, solo gli affiliati sono "fratelli" agli affiliati, finché possono ricavare 1 qualche utilità gli uni dagli altri.

    Sperando sia vero che in tanti hanno aperto gli occhi e sperando che soprattutto i Pastori, grandi e piccoli, aprano gli occhi una buona volta e si ricordino di qual'è il loro unico compito e Chi è il loro Unico Capo a cui dovranno rendere conto.

    Neocatecumenali tutti, ascoltate ogni tanto un sacerdote degno di tale nome e imparate cosa vuole Dio da voi:

    "Diventate speranza dei più poveri, degli umili, di coloro che non contano niente, di coloro che sono sempre scartati, di coloro che sono messi in disparte e così voi annuncerete che Dio è venuto , è nel vostro cuore e siete posseduti dal suo amore"
    (don Oreste Benzi - servo di Dio)
    --------------
    "Andate a imparare che cosa vuol dire: 'Misericordia io voglio e non sacrifici'. " (Mt 9,13)
    ---------------

    Roberta

    RispondiElimina
  2. Chiudete quel manicomio di disgraziati. Mi fa troppo male leggere. "Sconsacrate" il cammino toglietegli tutti i valori che lo rendono adatto alla Chiesa che è una Santa e Apostolica i miscugli no! State seguendo il fatto del crocifisso di Foggia? Mica solo la lo vogliono togliere sono anni che si sbarazzano perché non capiscono l' amore di Dio, segno della nostra salvezza e cammino verso la risurrezione. Hanno paura di guardarlo perché ci vedono le loro azioni meschine

    RispondiElimina
  3. La cosa che mi colpisce dei responsabili del cammino è tutta questa RISOLUTEZZA.
    Ma anche se la risolutezza vuole essere una manifestazione di forza, non sempre è sintomo di forza d'animo.

    A volte si è risoluti solo in GRUPPO, come chi stupra in BRANCO. Anche i pecoroni seguendo la guida lo fanno in modo RISOLUTO. Senza tentennamenti.
    Non voglio generalizzare e nemmeno demonizzare le dinamiche psicologiche di gruppo: l'uomo è un animale sociale. Ma il gruppo dovrebbe formare il carattere e dovrebbe aiutare a essere liberi e scegliere liberamente. Ma nelle SETTE non è così. Nelle sette il gruppo deresponsabilizza e uccide la libertà, e da qui la necessità di essere AGGRESSIVI.
    Il gruppo deve formare la persona, ma le sette la distruggono.
    Per ritornare all'esempio delle processionarie, gli adepti del Cammino sono come le processionarie che seguono il capofila senza sapere quello che fanno. E chi è animato da una santa ribellione, esce dalla fila.
    Mi fa ridere chi dice che non si può capire il Cammino finché non lo si prova. E' vero infatti l'esatto contrario: non lo si può capire finche non si prova a LASCIARLO. Nel Cammino tutto funziona il modo diverso che nella Chiesa o in una società normale: non a caso è una SETTA, priva di vere relazioni, cioè di relazioni LIBERE

    Nel Cammino sono convinti che ci si salva facendo tutti lo stesso percorso, come le processionarie, ma non è vero. Ci si salva andando tutti nella stessa DIREZIONE. Il rischio delle processionarie è che se il capofila dovesse sbagliare strada, trascina tutti con se.

    A tanta risolutezza del Cammino forse i Pastori della Chiesa dovrebbero cominciare a pensare di rispondere con altrettanta risolutezza. Ma non sono un Pastore e mi astengo da consigli pastorali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare di capire che ti chiami (NON DEL CAMMINO) perché non ne hai fatto parte, ti dico con grande sincerità: Beato te!
      Io ne ho fatto parte a lungo e con un ruolo attivo. Di questo mi rammarico molto, più il tempo passa e più metto a fuoco la realtà.
      Come giustamente dici l'espressione ricorrente nel cammino, per cui ti dicono che non puoi capire cosa è se non vivendolo è un'altra delle loro menzogne. Il cammino inizi a conoscerlo quando decidi di lasciarlo e, dopo che lo hai lasciato, per grazia di Dio, tutto diventa sempre più chiaro.
      Stando dentro ti isolano da ogni altro contesto, fanno sì che il tuo ascolto vero sia solo alla loro "parola" e così ricevi continuamente solo i loro " input"
      I tuoi ultimi commenti mi hanno confermato tante cose che vado elaborando e mi chiedo come faccia tu, come altri del resto, Tripudio, Lino, e altri ancora che ora non ricordo ma che scrivono qui, ad avere una capacità di analisi così.
      Mi riferisco al precedente post, dove abbiamo detto, quasi in contemporanea, le stesse cose. Sì, con buona pace degli Anonimi camminanti fedeli, più o meno pasqualoni, ne abbiamo ancora molte da mettere in evidenza. Anche perché la grande armata neocatecumenale non dà, per ora, ancora segni di cedimento.

      Pax

      Elimina
  4. "Sia la Chiesa sia il mondo di oggi hanno particolarmente bisogno della Misericordia perché l'unità voluta da Dio in Cristo prevalga sull'azione negativa del maligno" misericordia e unità che strane parole per i catecumeni

    RispondiElimina
  5. Leggevo recentemente un "teologo" neocatecumenale scrivere che il cristianesimo non si deve imperniare sul sacrificio della croce, ma sulla gloria della croce.
    Appena possibile, vorrei ritrovare queste parole e riprenderle.
    La tragedia personale di Mario, che poi è la tragedia di una intera comunità parrocchiale, mi ha fatto pensare proprio a questo: quando nella croce vuoi e devi sempre leggere un trionfo della vita sulla morte, dimenticando la passione, perdi sicuramente il fulcro di ciò che ci ha insegnato Gesù su quel legno, e cioè l'amore verso chi è debole è rifiutato, verso chi non la pensa come te, non brilla come te: verso chi usa altre parole rispetto alle tue.
    Dispiace che esistano parrocchie così brillanti nella gloria della croce da aver creato tante vittime, tanti poveri crocefissi. Rebel ne ha citato due, ma ce ne saranno sicuramente molti altri.
    Concordo con il commento che mi precede:
    State seguendo il fatto del crocifisso di Foggia? Mica solo la lo vogliono togliere sono anni che si sbarazzano perché non capiscono l' amore di Dio, segno della nostra salvezza e cammino verso la risurrezione. Hanno paura di guardarlo perché ci vedono le loro azioni meschine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli fa sensazione vedere la loro mano che infligge quei chiodi nelle mani di Gesù. Non fanno che inchiodare gli umili e i giusti su quel palo.

      Elimina
    2. Neocatecumeni perché sacrificate gli innocenti? Vi credete migliori, pensate che il sacrificio degli "inutili" per voi vi serve per espiare i vostri peccati? Chiudete il Vecchio Testamento.
      Con la morte di Gesù finisce per sempre l’era dei sacrifici, come già avevano preannunciato i profeti. È molto significativo che tra i numerosi ministeri all’opera nella chiesa apostolica manchi del tutto quello di sacerdote. Perché? Perché c’è sacerdote dove c’è sacrificio, ma siccome nel cristianesimo non c’è più sacrificio da offrire, il sacerdote scompare insieme al sacrificio. Così era all’inizio. Ma col tempo, cioè con la lenta ma progressiva clericalizzazione del ministero e con la dottrina secondo la quale la Cena del Signore è un «sacrificio» che la chiesa offre a Dio, il sacerdote è ricomparso: c’era di nuovo un sacrificio da offrire. Ma questa dottrina è del tutto estranea al Nuovo Testamento e alla fede cristiana delle origini, anzi le è contraria. Secondo il Nuovo Testamento, non siamo noi che offriamo la Cena a Dio, è Dio che si offre a noi nei segni del pane e del vino. Ecco perché la Riforma ha così strenuamente (e giustamente) combattuto l’idea della Cena come sacrificio.
      Ma allora, non ci sono più sacrifici da offrire a Dio? Sì, ce n’è uno, l’unico che Dio gradisca, ed è questo: un «sacrificio di lode» da offrire «del continuo», cioè «il frutto di labbra confessanti il suo nome»; ma anche «fare del bene» al prossimo e «condividere i propri beni» con altri, «perché è di tali sacrifici che Dio si compiace» (Ebrei 13, 15-16).
      Don P.

      Elimina
    3. Questo commento non è di un "don" cattolico, ma di Paolo Ricca, pastore della Chiesa Valdese.

      Elimina
    4. Sono stato al suo funerale. C'erano tanti. Che ipocrisia che c' è stata. Era bravo era buono...ora che non c'è più però prima l' hanno rigettato. Io non sono in comunità ogni tanto sono andato al convento per vedere se potevo aiutare ma dove? Non c'era spazio per nessuno solo per quelli di questa comunità. Sconsacrate quella chiesa.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. "Don" P
      Se Gesù ha dato la vita per noi in OFFERTA e SACRIFICIO (Ef 5,2), e se noi siamo chiamati a offrire i nostri corpi COME Gesù, a MORIRE con lui per risorgere con lui (proprio come ha fatto lui), se siamo chiamati a colpletare nella nostra carne le sofferenze che MANCANO a Cristo, come puoi dire che la nostra offerta, oltre a essere di lode, non contempla la sofferenza e perciò il sacrificio?
      Un sacrificio di lode, ma anche una lode che si manifesta attraverso il sacrificio.
      Del resto la sofferenza c'è, che fine vuoi fargli fare?
      Se tu avessi ragione, non ci sarebbe più. Ma c'è e quale miglior modo di dargli un senso se non offrendola a Dio?

      Elimina
    7. E da dove proviene la sofferenza? In altri termini qual'e' l'origine del male, la sua causa. Per favore senza tirare fuori la favola di Adamo ed Eva. Vedere il passo del libro della Sapienza di domenica scorsa

      Elimina
  6. della vita sulla morte, dimenticando la passione, perdi sicuramente il fulcro di ciò che ci ha insegnato Gesù su quel legno, e cioè l'amore verso chi è debole è rifiutato, verso chi non la pensa come te, non brilla come te: verso chi usa altre parole rispetto alle tue.

    Ci dev'essere un prosciuttificio vicino l'abitazione di Velentina Giusti @ C. che si fa pubblicità in forma di bende per gli occhi
    Ma dove? Ma quando? Ma per piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sarebbe pure il prosciuttificio: ho infatti vicino casa un bellissimo RMS dove entrano bestie ed escono ...sempre bestie, ma "sapienti" 😂😉😊

      Elimina
    2. Il tempo è galantuomo:
      Del resto dei ciechi non possono guidare altri ciechi il baratro è il destino di entrambi.

      Elimina
  7. Hanno i loro santi lasciateli stare. Santi dell' inferno se si può dire. Non ci devono rompere le pcxxy a noipero' perché facciamo parte della Chiesa cattolica e vogliamo i santi del paradiso.

    RispondiElimina
  8. Kiko vuelve a pedir dinero a sus esclavos. Esta vez un millón de euros, para pagar todos los encuentros de este año. La carta está publicada en el blog de Cruxsancta:

    https://4.bp.blogspot.com/-_gjx0-VJG2U/Wz3PoeXWdxI/AAAAAAAAG2Y/c3_3BhukXQI9Jn3R6bgITIwVwppXaR8PACLcBGAs/s1600/Captura3333.PNG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginate san Paolo che chiede una barcata di soldi per poter continuare l'evangelizzazione?

      Elimina
    2. Gracias! Me pregunto si Donnini es también ne la carta en italiano...

      Elimina
    3. https://www.youtube.com/watch?v=q3KfsUXiO9c

      Elimina
    4. [9] E trovandomi presso di voi e pur essendo nel bisogno, non sono stato d'aggravio a nessuno, perché alle mie necessità hanno provveduto i fratelli giunti dalla Macedonia. In ogni circostanza ho fatto il possibile per non esservi di aggravio e così farò in avvenire.

      [10] Com'è vero che c'è la verità di Cristo in me, nessuno mi toglierà questo vanto in terra di Acaia!

      [11] Questo perché? Forse perché non vi amo? Lo sa Dio!

      [12] Lo faccio invece, e lo farò ancora, per troncare ogni pretesto a quelli che cercano un pretesto per apparire come noi in quello di cui si vantano.

      [13] Questi tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo.

      [14] Ciò non fa meraviglia, perché anche satana si maschera da angelo di luce.

      [15] Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere.

      [16] Lo dico di nuovo: nessuno mi consideri come un pazzo, o se no ritenetemi pure come un pazzo, perché possa anch'io vantarmi un poco.

      [17] Quello che dico, però, non lo dico secondo il Signore, ma come da stolto, nella fiducia che ho di potermi vantare.

      [18] Dal momento che molti si vantano da un punto di vista umano, mi vanterò anch'io.

      [19] Infatti voi, che pur siete saggi, sopportate facilmente gli stolti.

      [20] In realtà sopportate chi vi riduce in servitù, chi vi divora, chi vi sfrutta, chi è arrogante, chi vi colpisce in faccia.

      [21] Lo dico con vergogna; come siamo stati deboli!
      Però in quello in cui qualcuno osa vantarsi, lo dico da stolto, oso vantarmi anch'io.

      [22] Sono Ebrei? Anch'io! Sono Israeliti? Anch'io! Sono stirpe di Abramo? Anch'io!

      [23] Sono ministri di Cristo? Sto per dire una pazzia, io lo sono più di loro: molto di più nelle fatiche, molto di più nelle prigionie, infinitamente di più nelle percosse, spesso in pericolo di morte.

      [24] Cinque volte dai Giudei ho ricevuto i trentanove colpi;

      [25] tre volte sono stato battuto con le verghe, una volta sono stato lapidato, tre volte ho fatto naufragio, ho trascorso un giorno e una notte in balìa delle onde.

      [26] Viaggi innumerevoli, pericoli di fiumi, pericoli di briganti, pericoli dai miei connazionali, pericoli dai pagani, pericoli nella città, pericoli nel deserto, pericoli sul mare, pericoli da parte di falsi fratelli;

      [27] fatica e travaglio, veglie senza numero, fame e sete, frequenti digiuni, freddo e nudità.

      [28] E oltre a tutto questo, il mio assillo quotidiano, la preoccupazione per tutte le Chiese.

      [29] Chi è debole, che anch'io non lo sia? Chi riceve scandalo, che io non ne frema?

      [30] Se è necessario vantarsi, mi vanterò di quanto si riferisce alla mia debolezza.

      [31] Dio e Padre del Signore Gesù, lui che è benedetto nei secoli, sa che non mentisco.

      [32] A Damasco, il governatore del re Areta montava la guardia alla città dei Damasceni per catturarmi,

      [33] ma da una finestra fui calato per il muro in una cesta e così sfuggii dalle sue mani.

      Elimina
    5. Inutile citare San Paolo. Kiko si crede Giovanni Battista.. O il Messia (presente in lui). Vuoi mettere!

      Detto questo mi viene solo da pensare che evidentemente, con tutte le magagne che sono spuntate fuori, devono pagare tante di quelle mazzette per salvarsi che i soldi non si contano più. Un milione di euro? Sono solo i primi. Cari nc in buonafede, scordatevi le vacanze.

      Elimina
    6. Quando ad Efeseo portano il frutto della colletta a San Paolo, lui li definisce un sacrificio gradito a Dio

      Elimina
  9. Capisco la rabbia nei confronti del comportamento della comunità di fronte a questo ragazzo, ma non potete dire che l'unico vero motivo per cui lui si è ucciso è stato solamente a causa del cammino. Di certo il cammino non gli ha fatto bene e non lo ha aiutato, quindi una piccola parte di responsabilità ce l'avrà. Io non conosco il ragazzo e la sua storia, ma, posso supporre che oltre al non-aiuto e ad eventuali cattiverie ricevute ingiustamente dal cammino, abbia avuto poco aiuto dal punto di vista familiare (parenti sretti, oltre ai genitori), nessuna amicizia .. E probabilmente anche una certa forma di depressione. Ribadisco, il cammino avrà la sua responsabilità in questo suicidio, ma non la totale ed assoluta ed unica responsabilità. La sua parte di responsabilità si somma assieme alla responsabilità di possibili parenti, amici, professionisti in campo psicologico, i quali nemmeno loro sono stati capaci di aiutare il ragazzo. Per favore, non diventate esattamente come i neocatecumenali, che assolutizzano qualsiasi situazione riconducendola unicamente ad un solo motivo fino a farlo vedere come demoniaco. Ribadisco, il cammino fa m**da su molti fronti, sono sicura che quelle persone abbiano coperto bruttissimi reati come la pedofilia, e non è da accettare, è da condannare, ma il post di oggi non lo vedo come obiettivo, vedo un post soggettivo con un rancore così forte che colpevolizza a priori il cammino su un caso di suicidio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto è che il cammino si vanta di "difendere i piccoli nella fede" . E come li difende? Facendogli fare la messa nelle salette perché l'altare li mette in soggezione.. Però i piccoli veri, i semplici, gli umili, quelli invece li umilia e li butta a terra senza pietà. Tanto sono solo "cristiani della domenica" e quindi mezzi pagani. VERGOGNATEVI.

      Elimina
    2. Purtroppo Kiko, Carmen e i loro pretoriani hanno molti suicidi sulla coscienza perché la diabolica "spiritualità" del Cammino induce a disperare (oltre che a disprezzare e strumentalizzare il campo dell'affettività), e le anime più deboli ne pagano rapidamente le spese. E questo è anche il motivo di tanta segretezza, tanta ambiguità, tanta ipocrisia, perché se fossero più espliciti sarebbero stati già finiti in tribunale con l'accusa di induzione al suicidio.

      Sto parlando qui del suicidio inteso come gesto disperato. Una persona in estrema difficoltà e magari anche depressa, si suicida non perché qualcuno glielo comanda, ma perché ritiene che l'ultima goccia abbia fatto traboccare il vaso. "Vaso" che per le persone deboli e depresse è piccolo e difficile da svuotare.

      Un'espressione come "Dio ti ama così come sei", nella Chiesa Cattolica viene usata per mettere l'accento sul fatto che "Dio ti ama" (e dunque tu sei chiamato a vivere di conseguenza: "va' e non peccare più"), mentre nel Cammino l'accento è messo invece sul "così come sei" (Kiko e Carmen insegnano che "l'uomo non può non peccare", dunque non deve resistere alle tentazioni, tanto la comunità lo assolve quando lui farà una convincente confessione pubblica detta "scrutinio", "risonanza", "giro di esperienze"). Tant'è che quando qualche fratello di comunità si convince davvero che "Dio ti ama" (cioè che non è un sadico super-cattivone che "ti manda le disgrazie per convertirti", come si insegna nel Cammino) ha già un piede fuori dal Cammino. Il Cammino esige di venir prima dei tuoi affetti, e perciò le famiglie diventano sgangherate (a che pro vantare "diciotto figli di cui sette in cielo" se poi a causa degli impegni comunitari i genitori non li hanno visti quasi mai? e quando li hanno visti, è stato per eseguire la patetica pagliacciata delle Lodi a Kiko la domenica mattina...).

      Purtroppo è facile blaterare "Dio ti ama" senza crederci davvero. Sappiamo bene che non basta dire "il Signore, il Signore" per essere salvati, perché chiunque può riuscire a nominare il nome del Signore invano. Il Cammino non ti viene incontro quando hai un dolore (se ti assenti dalla convivenza te la faranno pagare cara, anche se era per un problema di salute tuo o di tuoi cari).

      Elimina
    3. Forse non sai quante persone il cammino ha buttato nella disperazione più nera.

      Elimina
    4. Il ragazzo sarebbe mai cresciuto in chiesa se avesse avuto attorno una famiglia con potenzialità di accudimento perlomeno di un livello standard?
      Di quale psicologo parliamo? Quello della comunità in oggetto magari? Lo stesso che si è tirato indietro quando un padre di un altro luogo si è rivolto a lui portandole la sua bambina che dichiarava di aver subito molestie da un catechista neocatecumenale e che, dopo aver appurato la verità, ha preferito non collaborare con la giustizia per schierarsi con il cammino? Eh beh, questa comunità di cui discutiamo è ben fornita di elementi dalla coscienza corrotta da kiko, quindi dove vuoi che si dirigesse quel ragazzino oramai chiuso in quattro mura fatiscenti di una casa donatagli dagli assistenti sociali quando ormai maggiorenne?
      Rancore? Ah no, al momento risulto ancora calma ma sperino che non si sollevi in me la santa e vera rabbia, perché in quell' istante non avranno scampo non dalla mia, ma dall' ira di Dio, perché porrò dinanzi al mondo l' intero schifo vigente in quel posto immondo!

      Elimina
    5. Valentina giusti il cammino non butta nella disperazione più nera nessuno. Chi non lo capisce se ne va amen

      Elimina
    6. Chi non capisce se ne va...ma da dove? Anche dalla parrocchia, dalla propria famiglia, neocatecumenalizzate fino al midollo? Poi, perché deve essere chi non vi apprezza ad andarsene? Andatevene voi, andate a colonizzare qualche landa solitaria dove nessuno vi possa contestare.

      Elimina
    7. Risposta a Rebel
      Quindi tu sei del posto? Nel senso, conosci le persone ed hai diretta testimonianza di quello che dici? Il fatto è che il post principale così come tutti gli altri non si può essere certi che sia del tutto veritiero perché non vengono detti nomi e non viene detto quale parrocchia. Sinceramente sarei interessata a saperlo e se non potete o non volete scrivere qui i nomi, me lo potete dire privatamente (posso dare un indirizzo mail)
      Mariana

      Elimina
    8. Non riesco a capire certe domande come quella di Mariana; il post è chiarissimo.
      Non comprendo davvero la sua richiesta.

      Elimina
    9. Gentile Mariana, che il thread sia veritiero e verosimile,lo attestano gli stessi commentatori neocatecumenali, come quello che sopra ha scritto Valentina giusti il cammino non butta nella disperazione più nera nessuno. Chi non lo capisce se ne va amen
      Mario, infatti, non capiva, non accettava e se ne è andato.
      Non sono loro a venirti incontro, né tantomeno ad andarsene, ma continuamente dicono a te, di farlo.
      Gli stessi "iniziatori" hanno detto, ad un ragazzo la cui fidanzata, non nel cammino, minacciava di suicidarsi:
      dille che si suicidi pure.
      Capito? Vuoi i nomi?
      Kiko Argüello, Carmen Hernandez, Mario Pezzi.

      Elimina
    10. Lo chiedo perché sarebbe un servizio di verità, conferma e chiarezza sui neocatecumeni verso i "dubbiosi" sul cammino, quei dubbiosi che avete citato anche in post precedenti, e io ne faccio parte. Anche solo dire il nome della città e della parrocchia, per dare la possibilità di andare a vedere di persona la situazione sarebbe un servizio di apertura degli occhi per gente come me. Poi ognuno è libero di fare come vuole, e potete non fare nessun nome, ma se il vostro blog è veramente a servizio della verità vorrei che mi possiate dare informazioni più specifiche in modo da poterle verificare di persona e dire che avevate ragione

      Mariana

      Elimina
    11. Mariana, per aprire gli occhi ti basta osservare la tua realtà attuale. Per esempio ti basta andare la prossima settimana in comunità e scoprire che c'è una lettera di Kiko con richieste esose per coprire fatture di alberghi per catechisti che annunciano solo il cammino e viaggi gratuiti per vescovi alla Domus per "comprarli" al cammino. Hai mille esempi che ti dovrebbero aprire gli occhi, che ne non siano la storia di un povero ragazzo al quale è stato fatto capire che il cammino mai ti lascerà uno spazio personale, o ti adegui o te ne vai.
      Comunque, a proposito del fatto che gli iniziatori mettano in conto con disinvoltura anche questa estrema ratio, leggi pure qui.

      Elimina
    12. Mariana,
      in che modo sapere nomi e città ti darebbe la possibilità di
      "andare a vedere di persona la situazione"?
      Se il fatto è accaduto a 900 km di distanza da casa tua, che fai, prendi e vai sul posto? E 1 volta lì che fai? Intervisti i parrocchiani?
      Oppure da casa tua ti metti in contatto col parroco e il responsabile NC e gli chiedi la loro "versione"?
      Certo quest'ultima scelta spazzerebbe via in 1 colpo solo tutti i tuoi dubbi .. ci penserebbero loro!

      Come ben ha detto Valentina ..
      è lì dove tu ti trovi che devi guardarti attorno.
      Il "cammino" lì da te è tutto rose e fiori?

      Mai sei stata oggetto o hai assistito ad episodi di mancanza di carità dei catechisti verso qualche persona?

      Alla loro intromissione in faccende intime personali o di coppia?

      Mai hai sentito il parere di qualche sacerdote sul fatto che le prassi, la liturgia e l'interpretazione della Scrittura da parte dei NC non è consona a 1 gruppo che si dice Cattolico?

      All'interno della tua comunità, o comunità prossime alla tua, non vedi qualche discriminazione tra fratelli "di serie A" e qualche fratello considerato "di serie B"?
      Magari perché non ha famiglia o 1 buona posizione sociale?

      Non conosci nessuno che abbia deciso di uscire dalla comunità o che ne sia stato cacciato e del quale i catechisti vi dicono " non cercatelo, non andatelo a trovare, se lo incontrate non salutatelo"?

      Non hai mai sentito nessuna espressione di presa in giro o di disprezzo per coloro che in parrocchia fanno parte di 1 altro movimento cattolico ?

      Mariana, i dubbi sorgono nel cuore quando si desidera veramente stare vicino al Signore e si comincia a capire che tutto ciò che ti circonda te ne sta invece allontanando.
      Dal cuore devono passare alla mente: osservare, considerare tutti gli aspetti di ciò che si osserva ed esprimere un GIUDIZIO alla luce della fede, della voce di Dio che parla nell'intimo della coscienza e anche .. del Catechismo (qllo della Chiesa cattolica ) ..
      giudicare le situazioni ci permette di vedere la differenza tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, e fare così 1 scelta CONSAPEVOLE.

      Chi ha dubbi e gli sta a cuore risolverli e non soffocarli, così procede, non aspetta il responso giornalistico su un fatto di cronaca che magicamente gli apra gli occhi.

      Permettimi di "dubitare" che tu sia veramente "dubbiosa" ..

      Elimina
    13. Cmnq, se vuoi "fatti di cronaca" finiti sui giornali, eccone qui alcuni .. accompagnati però da collegamenti e considerazioni che aiutano a riflettere personalmente e a trarre conclusioni PERSONALI sul
      "perché " tali cose succedono, non per farsele dire da qualcun'altro.

      - Qui la tragedia del suicidio ha colpito 1 famiglia NC in Ucraina

      https://neocatecumenali.blogspot.com/2017/03/in-silenzio-una-preghiera.html?m=1
      ------------
      - Questo è successo a Cassino a gennaio di quest'anno e fa capire come viene concepito lo stupro nella mentalità NC dell'uomo che "non può non peccare"

      https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/01/nuovo-arrivo-nel-paradiso-degli-orchi.html?m=1
      -------------
      - Qui ci sono nomi, cognomi, indirizzi delle persone coinvolte in una separazione di coniugi "forzata" dal CN.

      Matrimoni con i pagani
      https://neocatecumenali.blogspot.com/2017/02/ripudi-nullita-matrimoni-coi-pagani-non-camminanti.html?m=1
      ----------------
      Ma possibile che ci deve scappare il morto o lo stupro o la distruzione di un matrimonio o altre tragedie perché cominciate ad aprire gli occhi?
      E neanche è sufficiente.

      Roberta

      Elimina
  10. Dio mio che tragedia ci sto a pensare da stamattina....la comunità è uno squallore....mi dispiace dirlo ma fanno pietà anche i preti del cammino

    RispondiElimina
  11. Mandateli via a questi delle comunità che ci azzeccano con noi? Per piacere basta vittime di tutti i generi. Vi seguo da tanti anni il cammino di Kiko fa soffrire

    RispondiElimina
  12. Tanto sono solo "cristiani della domenica" e quindi mezzi pagani. VERGOGNATEVI.

    No, no, non ci provare. Tra i "pagani" non li vogliamo, non li apprezziamo, perfino non li tolleriamo.
    I cristiani hanno vinto la loro "battaglia" della storia non con la forza della idea ma con la violenza scientificamente perpetrata.
    Ne godano i frutti se ne sono capaci
    L'escrescenza neo catecumenale, coccolata, protetta, blandita e accarezzata è uccellaccio del vostro stesso nido: fatevene una ragione e teneteveli stretti nel fraterno abbraccio che contraddistingue le vostre "gesta" quando passate dalla teoria alla pratica.
    "Amatevi l'un l'altro" questo è il comandamento è quindi amatevi
    Tanto li stanno e li resteranno: Lasciate in pace "noi" pagani che nulla abbiamo a che spartire né col sabato, né con la domenica.
    Unicuique suum tribuere
    La tradizione non è spenta è sapientemente nascosta e ...apparentemente dormiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E così non sei battezzato, comunicato, cresimato. Non hai mai letto Tolstoj e Dostoevskij, neppure il nostrano Guareschi. Non hai amato Dante, Petrarca.
      Sei riuscito a rimanere pagano in un mondo che vive di cultura cristiana. Complimenti, devi spiegarmi come hai fatto.

      Elimina
    2. Amico mio, la storiella dell'agnelluccio è finita. La conosciamo. Sappiamo che avete sterminato milioni di persone. Sappiamo che la Madonna a Fatima ha avvisato tutti della Bestia a due faccie: Comunismo e Islam. Caro amico mio, comunista e ateo, non mettere a credere che sei un pagano, i pagano erano religiosi, e pregavano i loro dei.
      I comunisti erano vuoti, e pregavano il nulla.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    3. Fratello pagano:
      tu dici: "Lasciate in pace "noi" pagani che nulla abbiamo a che spartire né col sabato, né con la domenica".
      Mi verrebbe da ridere e da risponderti: e chi ti ha cercato?
      Invece penso che, forse, non è un caso che sei capitato tra noi. Ti dico solo che se cerchi la gioia vera, cioè la pace del cuore anche nelle prove più grandi, cerca il Signore. Pregalo, invocalo e prima o poi si farà strada nel tuo cuore. Buona avventura

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. I commenti del tutto anonimi, specialmente se contengono calunnie, vengono eliminati. (Sì, calunnie, perché se qualcuno va virgolettando parole che non sono mai comparse su questo blog, senza dare ulteriori spiegazioni su dove e quando le avrebbe lette, significa che sta mentendo e calunniando).

      La possibilità di commentare in forma del tutto anonima è solo un gesto di cortesia verso coloro che si collegano al blog per la prima volta, per evitare di obbligare questi ultimi a crearsi un "profilo blogger" e quant'altro. Non è il trampolino di lancio per i fratelli del Cammino che con la scusa del voler dire la loro corrono qui calunniare il prossimo pensando di farla sempre franca.

      Il neocatecumenalismo, essendo ispirato da satana, per essere difeso esige menzogne, calunnie, illazioni, maldicenze, falsità di ogni genere.

      E qui non abbiamo bisogno di ulteriori soggetti che ce lo dimostrino col loro comportamento.

      A proposito: nell'ultima pagina di Jungle Watch fanno qualche considerazione sulle recenti elezioni, in cui i neocatecumenali "stranamente" sostengono un candidato abortista. Che "per pura coincidenza" è parente del responsabile di una delle loro più potenti comunità kikiane locali e cognato di un'altra prominente neocatecumenale, oltre che zio di qualche illustre bancario (ricordiamo che il vescovo pedofilo neocatecumenale è attualmente ospitato in California in un alloggio di proprietà di qualche manager della Banca di Guam... bah! fino a qual punto arrivano i tentacoli del Cammino). Capite? Da due anni i kikos di Guam stanno finanziando e sostenendo un candidato esplicitamente abortista, nonostante la facciata pro-life del Cammino.

      Allo stesso modo, nonostante le loro cantilene contro i seminari non neocatecumenali, che loro accusano di essere pieni di gay e di problemi, bisogna riconoscere che è in realtà il Cammino stesso a sfruttare i preti gay e pedofili, come ampiamente dimostrato nell'esfiltrarli da Guam dei loro chierici pedofili ed efebofili quando la situazione si è fatta incandescente (vedi articolo "ferrovia sotterranea").

      Nonostante le parole, il Cammino cerca solo il potere e il denaro. Proclama l'apertura alla vita e poi sostiene notori abortisti. Condanna l'omosessualità nei seminari e poi protegge preti omosessuali e pedofili. Proclama "La Pace" e poi fa la guerra ai vescovi e a chiunque non lodi l'idolo Kiko, a costo di mentire. Il Cammino necessita sempre di ipocrisie, inganni e menzogne. Sempre.

      Indovinate chi è il padre della menzogna.

      Elimina
  13. Un Eterno Riposo dona a lui Signore, riposi nella Luce Eterna. Amen!

    Che il Signore ti accolga con Lui nel suo Regno della Pace. Che tu possa stare a contemplare il Volto di Dio nella beatitudine eterna.

    Amen!Amen!Amen!

    RispondiElimina
  14. 30anni

    E' veramente indecente questo continuo chiedere degli ultimi anni in una escalation che sembra noon avere fine. Si cominciò con 200.ooo E e adesso siamo già ad 1.000.000. BASTA; da me non vedranno neanche un euro per questa colletta (e sono uno che le decime le dà).

    Vi faccio anche notare un'informazione presente nlla lettera che qui non avete ancora nominato. Il pellegrinaggio dei giovani per una veglia con il Papa il 12 agosto e successiva chiamata vocazionale; contrariamente akk0evento dei 50 anni che durò un solo giorno, qui è previsto un pellegrinaggio di 4-5 giorni. Ovviamente anche per questo i poveri responsabili hanno fatto una colletta per aiutare i giovani che non avevano soldi e i risultati non sembra siano stati esaltanti. Chiss+ come saranno contenti i nostri responsabili talebani di battere di nuovo cassa ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'indecenza senza fine. La colpa è dei fratelli praticanti e fedeli che continuano a sborsare, non hanno capito che il sistema migliore per saggiare la fede di Kiko e lasciarlo senza il becco di un quattrino. Chiudere il rubinetto di denaro corrente. Che pecoroni senza cervello!

      Pax

      Elimina
  15. Padre A. Anche lui da canonizzare.
    A conferma che nel c.n. le condizioni per la santificazione si riducono ad una sola: aver messo il cammino e il suo prestigio al di sopra di tutto, in particolare contribuendo, con la propria autorità, a soffocare scandali e malversazioni, seppellendoli insieme alle vittime indifese e distrutte due volte.
    Parola d'ordine, se una cosa può distruggere il cammino, meglio distruggere le persone. Il cammino non ha prezzo.
    Padre A. ha fatto il suo dovere fino in fondo.

    Pax

    RispondiElimina
  16. Undici anni fa Benedetto XVI mise per iscritto autorevolmente che la cosiddetta "Messa tridentina" (secondo il Messale del 1962) non è mai stata abolita.

    RispondiElimina
  17. https://www.scrutatio.it/index.php


    Questa è na' novità :)

    RispondiElimina
  18. Impressionante ma è la sintesi giusta di quello che succede in tutte le comunità perché sono tutte uguali. L' anonimo ha detto che chi se ne vuole andare se ne va...ma dove? Ma quando? Io sono rimasto solo senza gli amici che dopo che sono uscito mi guardavano come una persona che non serviva a niente? Amen? Sopra la morte della carità e dell' amore fraterno ci sta proprio. Amen.

    RispondiElimina
  19. Pax i santi del cammino sono creati per l' ego di Kiko fanno rumore per poco tempo. Sono gli idoli perfetti da imitare. Che scandalo

    RispondiElimina
  20. Cari tutti un mio contributo da quello che ho visto nel commento di roberta salerno7 luglio 2018 13:23.
    Ho letto le storie descritte, e un pò ho rivisto la mia storia dentro nelle cnc. Cioè la mia è stata diversa nella sostanza, ma uguale nelle cose vissute, cioè ne riscontro gli atteggiamenti descritti.
    Ora vi esporrò quello che ho capito.
    Costoro, catechisti, Kiko e simili, sacerdoti neocatecumenali,fratelli, ma anche altri, non sanno nulla, non sono nessuno, non conoscono nulla. Costoro, cioè tutti quelli che fanno parte di quella linea di pensiero, cioè che tendono ad incolpare le persone, trovandovi dei peccati, non hanno nulla dentro il cervello, e sono dei miscredenti che con la vera Fede non hanno nulla da spartire. Costoro sono le persone che prendono la Parola Santa di Dio, e la interpretano a loro modo. Si credono i gestori della Parola Santa di Dio, e la usano con fare proprio, impadronendosi delle cose dette, credendosi i proprietari della cose sante,credendosi i veri conoscienti della giusta interpretazione,pensando di riuscire a sondare il Pensiero di Dio.
    Ricordatevi che Dio ha detto:

    L'empio abbandoni la sua via
    e l'uomo iniquo i suoi pensieri;
    ritorni al Signore che avrà misericordia di lui
    e al nostro Dio che largamente perdona.
    8 Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri,
    le vostre vie non sono le mie vie - oracolo del Signore.
    9 Quanto il cielo sovrasta la terra,
    tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,
    i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.
    10 Come infatti la pioggia e la neve
    scendono dal cielo e non vi ritornano
    senza avere irrigato la terra,
    senza averla fecondata e fatta germogliare,
    perché dia il seme al seminatore
    e pane da mangiare,
    11 così sarà della parola
    uscita dalla mia bocca:
    non ritornerà a me senza effetto,
    senza aver operato ciò che desidero
    e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata.

    RispondiElimina
  21. Segue da precedente.

    E' Dio, che è Onnipotente, che ha la giusta interpretazione della Sua Parola Santa. L'uomo può solo balbettare qualcosa sempre con l'aiuto di Dio, altrimenti, senza l'aiuto del Signore, vagherebbe nella cecità più totale.
    Costoro, sempre gli illuminati nc, dovete ricordarvi tutti, che fino a poco prima erano, quasi tutti, dei Comunisti Atei ( infatti Kiko ha ammesso la sua esistenza da comunista). Vi sottolineo un punto, io per "Comunista" non intendo la persona che crede al Comunismo, cioè quella persona che vorrebbe vedere una spartizione equa dei beni del mondo, in aiuto dei poveri. Io per "Comunita" intendo la persona malvagia, travestita da agnello, che odia la Fede e la Chiesa, perchè è incapace di capirne la portata, per cui lo stolto odia ciò che non arriva a comprendere. Per me il "Comunista" è la persona che è assoggettata agli elementi di questo mondo, e crede che questi gli possano dare vita. Io per "Comunista" intendo quella persona che perseguita la Fede in Dio, in modo subdolo, facendosi passare per il detentore della giustizia, ma tutto proteso ad incolpare le Opere Sante e a rubare al prossimo che lavora, tutto con la scusa di voler fare opere buone e giuste. Io per "Comunista" intento... e tante altre cose.
    Per cui costoro, una volta dimenticato il loro passato ( cioè messo sotto la cenere), cioè accostato dentro il loro cuore, ed una volta acquisiti i concetti religiosi, con animo da "Comunista" iniziano a sparlare e a farsi i dottori in ogni ambito. Si pensano di essere sapienti, si pensano di riuscire a determnare le vite degli altri, si pensano che Dio sia con loro, e che loro parlano per opera di Dio.
    Realmente è fuoriuscita da sotto la cenere il "Comunista" mascherato da "Religioso". E cosa succede?
    Accadono tutte quelle cose che si vanno perpetrando nel tempo, cioè: calunnie, imposizioni, falsità, giudizi, falso amore, esclusioni, tifo da stadio, divisione, vedere chi esce dalla loro cerchia come un appestato/traditore/giuda, si fanno i padroni dentro la Casa di Dio, pensano di portare la Verità, ma realmente portano la menzogna, cioè il loro egoismo, che è menzogna e semenza del Demonio.
    Una cosa ho imparato, e sono sicuro di affermarla davanti a Dio e a tutti voi: Dio non pensa tutto questo, ed ognuno di voi è prezioso agli occhi di Dio.
    E devo dire un'altra cosa: anche costoro che fanno quelle cose, purtroppo, non li dovete vedere come i veri colpevoli. Perchè costoro sono schiavi di ciò che li tiene incatenati" Il Peccato".
    Dio sta cercando di liberarci a tutti quanti dal Peccato, ma su qualcuno ci vuole un pò più tempo. Ma dobbiamo essere onesti, il tempo non conta, perchè tutti noi abbiamo mancato verso il Signore, per cui si deve riuscire a Perdonare.
    Vi dico, a tutti, e me lo dico anche a me, solo con il Perdono riusciremo a rompere le funi del Peccato, altrimenti i suoi lacci, cioè i lacci del Rancore e dell'Odio, ci terranno sempre incatenati. Il Signore ci ha fatto Liberi, liberi di vivere questa vita nella tranquillità e nella sua Volontà Santa.
    So che molti di voi avranno già perdonato. Infatti non mi riferisco di non dover Denunciare tali situazioni, ma il mio dire vuole sottolineare un aspetto, che reputo molto importante, anche per la continuazione dell'opera che si sta portando avanti.

    Preghiamo per questi sventurati!

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isaia ha detto: "Costoro sono le persone che prendono la Parola Santa di Dio, e la interpretano a loro modo"

      Nel caso del CNC, caro Isaia, trovi interpretazioni di questo tipo. Le quali spiegano l'odio per il mio saggio. Odio che non è da parte mia verso le persone, le quali mi fanno compassione, anche sorridere, tanto che sono state circoncise nel cervello e sparano balordaggini senza capo né coda. Io non so se ai tuoi tempi erano così. Oggi lo sono in moltissimi.
      La questione riguarda il paragrafo nel quale è scritto che nei manoscritti greci non c'è fango nel senso di sostanza sporca che può significare il peccato, bensì pelos=argilla, la terra rossa della creazione. Divertiti, tu che citi spesso le S.S..

      https://i.imgur.com/OcrgBJW.png

      https://i.imgur.com/A6QdNqF.png

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  22. Ho praticato poco ringrazio Dio che mi ha risparmiato dalla morte e tratta in salvo.
    Povero piccino sono dei perfidi malvagi

    Giuliana

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.