mercoledì 21 febbraio 2007

Fedeltà e obbedienza a chi?


Attualmente l’équipe responsabile internazionale del Cammino Neocatecumenale è composta dagli iniziatori Kiko Argüello e Carmen Hernández, affiancati da un sacerdote, Padre Mario Pezzi. L'équipe internazionale nomina il collegio elettivo (da ottanta a centoventi membri, nominati a vita che, ai sensi dell'art. 35 dello Statuto è aggiornato ogni cinque anni a causa dei membri che per morte, rinuncia o motivi gravi abbiano cessato di farne parte).

Dall'équipe responsabile internazionale dipendono le équipes dei cosiddetti "catechisti itineranti" (ad oggi circa settecento) responsabili, per conto dell'équipe internazionale, del Cammino Neocatecumenale nelle varie nazioni o regioni del mondo. Contribuiscono a formare le prime comunità neocatecumenali e a mantenere regolari contatti con i vescovi delle diocesi in cui operano; le équipes itineranti mantengono un legame costante con i responsabili internazionali del Cammino (in occasione delle "convivenze degli itineranti"), visitano periodicamente le comunità neocatecumenali da loro catechizzate e curano lo sviluppo del Cammino nel territorio loro assegnato, nella fedeltà al carisma degli iniziatori.

Di fronte alla situazione di forte secolarizzazione del Nord Europa e vaste aree del mondo, Kiko e Carmen hanno dato l'avvio all'esperienza delle "Famiglie in missione", per fondare col Cammino la Chiesa in paesi dove essa è inesistente ("Implantatio Ecclesiae") o per aiutare a rafforzare le comunità lì presenti. Queste famiglie restano unite alla propria comunità neocatecumenale, inserita nella parrocchia di origine, e sono sostenute dalla stessa comunità e dalla parrocchia per quanto concerne le spese per viaggi, affitto delle case, sostegno morale, lettere, preghiere, etc. [Fonte Wikipedia].

C'è da chiedersi di quale Implantatio Ecclesiae si occupino: della Chiesa cattolica o di quella di Kiko e Carmen?
La domanda sorge spontanea, sia per le molte e serie difformità con gli insegnamenti della Chiesa, che per il fatto che il cammino presenta ruoli, simboli, celebrazioni (il tentativo di correzione alla liturgia di Benedetto XVI è a tutt'oggi disatteso), prassi, metodi suoi propri e perfino per i sacerdoti formati per i suoi seminari richiede statutariamente che essi trovano nella partecipazione al Cammino Neocatecumenale un elemento specifico e basilare dell'iter formativo. Il che concretamente significa che anziché ricevere gli insegnamenti della chiesa percorrono l'iter della loro comunità di appartenenza della quale continuano a condividere 'passaggi', 'scrutini' 'catechesi'ecc. rimanendo soggetti all'obbedienza a catechisti non formati dalla Chiesa... tant'è che alla fine chi stabilisce il loro incardinamento non è il vescovo diocesano, ma Kiko...

131 commenti:

mic ha detto...

Gli itineranti devono "Fedeltà al carisma degli inziatori", i candidati al sacerdozio "trovano nella partecipazione al Cammino Neocatecumenale un elemento specifico e basilare dell'iter formativo."

Che fine fa la Chiesa cattolica e i suoi insegnamenti e la sua vita sacramentale in tutto questo?

La domanda è ancora più legittima dal momento che Carmen, nei suoi insegnamenti, mette in opposizione due Chiese: quella sacramentale (prima di Costantino) e quella giuridica (dopo Costantino), che istituzionalizzandosi diviene giuridica, nella quale il peccato diventa violazione della legge che esige una punizione legale...

Inoltre dice che il cristianesimo non è giudaismo (e in questo dice bene) e che Cristo avrebbe trasformato la religione giuridica e legalista dei farisei in una religione d'amore, totalmente non giuridica, sacramentale e non istituzionale e che la Chiesa istituzionalizzandosi ha perso la sua sacramentalità ora rappresentata dalla comunità. Questo non è che una parte delle feroci critiche alla Chiesa ed è il fondamento su cui è basata la graduale, totale sua sostituzione con le comunità neocatecumenali.

mic ha detto...

Ma nessun neocat lo riconoscerà mai apertamente. Intanto perché agli inizi del cammino ti fanno credere di essere la chiesa, man mano ti inculcano l'idea di esssere la "vera" Chiesa e quando gradualmente hai incamerato tutti gli insegnamenti che divergono totalmente dal cattolicesimo (chi non lo conosce non è in grado di accorgersene, chi lo conosce forse arriva a rinnegarlo, prendendo per oro colato quanto gli viene inculcato contro la Chiesa) il gioco è fatto.

A cosa servirebbe altrimenti la costruzione di numerosi "catechumenium" secondo i canoni della 'nuova estetica' kikiana al posto delle parrocchie,
di "Centri neocatecumenali" al psoto delle diocesi, nonché quella della Domus Galileae nella "Galilea delle Genti"?
Di non minore eloquenza è il fatto che le parrocchie in cui si insedia il cammino ne subiscono gli aspetti aggressivi, dissolutori, di divisione, di soffocamento di qualunque altra pastorale che non sia il cammino. Altamente significativo è anche l'elitarismo e la 'distinzione' dagli altri cristiani che caratterizza i neocatecumenali.
Ormai il quadro è chiaro e lo smascheramento totale.

Finché gli insegnamenti erano segreti e queste realizzazioni non ancora alla luce del sole potevano negare, ma ora non possono più negare l'evidenza e cose che parlano da sole, in un momento della loro storia in cui stanno "facendo resistenza" persino alle NORME loro date dal Papa e risulta ormai chiaramente provato che neppure lo statuto vine rispettato nella sua sostanza, proprio nei punti che intendevano correnggere le storture, come quella del mancato rispetto del 'foro interno' ad esempio...

viator ha detto...

c'è da chiedersi ancora, Mic, che bisogno c'è della creazione nonché dell'uso di simboli nuovi, soprattutto se ci si definisce 'realtà ecclesiale' quando poi nel cammino si è introdotti e si vive in un 'ambiente' - luogo di culto compreso che, tra l'altro, non è una Chiesa - in cui tutto parla di Kiko e della sua suggestiva e personalissima costruzione, inventata e voluta sia nei nuovi oggetti di arte sacra che nei dettagli architettonici.

Hai dimenticato i nuovi canoni dell'architettura delle chiese: la navata simboleggia il corpo di una gestante, gravida dei suoi figli rinati. Il vecchio altare sparisce e al suo posto c´è "la bocca", l´ambone con la Bibbia. Più giù c´è "lo stomaco", una grande tavolata quadrata, l'ipertrofica 'mensa' proprio in luogo dell'altare, (messa convito e non sacrificio) su cui si celebra e si fa la comunione con focacce non lievitate e gran numero di calici di vino. E più giù ancora "l´utero", la vasca scavata nel pavimento, dove il battezzato si immerge per uscirne fatto uomo nuovo.

Anonimo ha detto...

VOGLIOR CHE LA NOSTRA PARROCCHIA APRA GLI OCCHI, E AIUTI I PARROCCHIANI A SOPRAVVIVERE DA QUESTO SOFFOCAMENTO NEOCATECUMENALE, CHE TUTTO VUOLE TRANNE LA COMUNIONE!

Francesco ha detto...

SE NON ERRO,ALL'INIZIO DI QUESTA NUOVA PAGINA SIAMO A 6523 INTERVENTI COMPLESSIVI SU QUESTO BLOG.
CON BUONA PACE DI CHI PENSA CHE ESSI SIANO OPERA DI POCHE PERSONE FISSATE!

Francesco ha detto...

Qualora non avesse nulla da nascondere,il Cammino Neocatecumenale,a tutti i livelli e in tutti i momenti del percorso chiederebbe solo ed esclusivamente fedeltà al Papa,ai vescovi e ai parroci.
Al Papa però è predicata un'adesione solo fittizia.
Dell'adesione ai voleri dei vescovi ci si riempie la bocca pur sapendo che le decisioni sono dei catechisti neocatecumenali e non dei pastori.
I parroci non li si calcola nemmeno.

Psar ha detto...

Non si puo essere fedeli alla chiesa se prima non si è fedeli al Cammino in cui il Signore ti chiama che ti prepara alla Chiesa e ti introduce realmente in essa.

psar ha detto...

ma credo che queste precisazioni voi non le accettate ed è quindi inutile controbattere.

Anonimo ha detto...

nctnctnctnctnctnctnctnctnct
nctnctnctnctnctnctnctnctnct
nctnctnctnctnctnctnctnctnct
nctnctnctnctnctnctnctnctnct

sil ha detto...

"CHRISTIFIDELES LAICI(Magistero della Chiesa) così dice
33. I fedeli laici, proprio perché membri della Chiesa, hanno la vocazione e la missione di essere annunciatori del Vangelo: per quest'opera sono abilitati e impegnati dai sacramenti dell'iniziazione cristiana e dai doni dello Spirito Santo."


Guarda psar, che la Chiesa(quella : una, santa , cattolica ed apostolica) di cui faccio parte non condizionano il mio cammino ecclesiale o la mia appartenenza ad essa a nessun cammino particolar, a nessun gruppo o associazione. La Chiesa a cui faccio parte già ha un cammino sacramentale , liturgico e missionario a cui io aderisco.Se avessi bisogno di un gruppo o ecc., questo sarebbe solo uno strumento. Diciamo che in matematica si definirebbe un sotto insieme inglobato nell'insieme di cui fa parte. Anche il singolo laico senza appartenenza di gruppo fa parte della Chiesa di cui ti parlavo prima.Sono abilitata da lei , che è lo strumento istituito da Cristo per farlo.
La tua, invece, sì?
Spiegami bene.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

auguro a tutti un profiquio inizio del cammino quaresimale.

grazie a FIL per la sua risposta a psar, anch'io stavo cercando una citazione simile alla sua nello stesso documento.

per psar: io credo che quello che hai detto equivalga ad una bestemmia. spero tu abbia il coraggio di renderti conto della gravità dell'affermazione che hai detto, e purtroppo c'è da dedurre che se sei arrivato a tale affermazione, significa che nel cammino neocat si sta inculcando questo concetto.

ti auguro che il cammino quaresimale ti illumini e ti faccia prendere le distanze da queste affermazioni e da questi gravi errori.

newgold69

Anonimo ha detto...

non so se c'entra ma guardando in giro ho trovato da:
La RADIOVATICANA (Anno L n. 46 - Testo della trasmissione di mercoledì 15 febbraio 2006)

Intervista con Arinze che alla domanda:
Eminenza da quali esigenze è scaturita questa lettera?

Risponde:
E’ scaturita da ciò che emergeva dall’esame di questa Congregazione di come il Cammino Neocatecumenale celebra la Santa Messa da molti anni, perché dopo l’approvazione dei loro statuti per un periodo di cinque anni da parte del Pontificio Consiglio per i laici, rimanevano per gli altri Dicasteri le approvazioni di loro competenza: per la nostra Congregazione, il campo della liturgia. Per l’esame di questo abbiamo avuto una commissione mista tra persone nominate dal Cammino Neocatecumenale e persone nominate dalla nostra Congregazione. Nelle discussione sono emerse tante pratiche che loro fanno durante la Messa, le quali sono state esaminate e molte di loro emergevano che non erano secondo i libri approvati. Questo è il "background". Il tutto è stato esaminato in molte sessioni dalla commissione mista per un periodo di due anni o più. E c’è stata anche una discussione tra sette cardinali della Curia romana per volere del Santo Padre, i quali hanno esaminato il tutto. Dunque, questa lettera è la conclusione di tutto.


Chi nel dicembre 2007 non trovasse cambiamenti sulla celebrazione, facesse le debite considerazioni

Nicola

miriam ha detto...

Ciao Nicola, dov'eri finito?

miriam ha detto...

Anche a me l'intervista di Arinze, per i particolari che sottolinea, dà l'idea di un aut aut, qualcosa di molto ponderato e diramato con decisione in qualche modo collegiale...

Hur ha detto...

Contatto con anonimo 17,01
Carissimo, vedo che il tuo pensiero è totalmente coinvolto da
"nctnctnctnctnctnctnctnctnct
nctnctnctnctnctnctnctnctnct".
E' stupefacente!Quando eravamo bambini e sentivamo la lavatrice centrifugare o stavamo su di un treno cercavo qualche gioco di parole o frasuccia da sovrapporre a quel ritmo dum-dum infinito.
A te succede lo stesso dopo i tanti tam-tam? Cresci!, perchè a scuola uno dei comportamenti da far superare ai piccoli è la stereopitia o ripetitività o fissità del pensiero.Altrimenti come facciamo ad essere vigilanti e a non cadere nelle insidie del demonio? Questultimo ci sa fare, sai?

giovanni ha detto...

Giov 10,1

«In verità, in verità vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore per la porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante.»

Anonimo ha detto...

Quale può essere fratelli miei, una risposta forte nostra di cristiani laici a questa violenza neocatecumenale nel mondo?

Riconosco numerosi frutti di questo cammino, ma altrettante verità nascoste e sotteranee che fanno male alla Chiesa stessa!

Como possiamo vivere in comunione con questa aria secessionista che si respira nella Chiesa di Roma di oggi?

ormai il cammino necatecumenale è una multinazionale che sforna negozi, seminari centri strategici e un suo "Vaticano" come possiamo vivere noi semplici cristiani di Parrocchia?

SIGNORE AIUTACI!

Anonimo ha detto...

il cantore neocatecumenale , caro anonimo, ti canterebbe " Non resistete al male, non resistete al male" .A buon intenditor....

Viator ha detto...

Ti sembra cristiano "Non resistete al male", caro cantore neocat?
E il male saremmo forse noi o non è tutta la divisione che vi inculcano nei confronti della chiesa cattolica, nei documenti ufficiali osannata e apparentemente 'sposata', ma negli insegnamenti ferocemente criticata... del resto con la chiesa non vivete forse da 'separati in casa' come succede in ogni parrocchia dove ci siete voi? E in tutti gli eventi diocesani, dove siete presenti non per condividere la pastorale ma per ostentare i 'vostri' frutti e 'vostri' metodi?

Viator ha detto...

...a quelli in cui siete presenti, naturalmente, che ovviamente non sono quelli operativi, ma quelli in cui potete mettervi meglio in mostra!

Viator ha detto...

Credo di aver equivocato il messaggio dell'Anonimo che cita il cantore neocat ma mi sembra non ne faccia suo il contenuto.
Ma grazie, perché mi hai dato lo spunto per rifletterci su!

Filippo ha detto...

Cari amici contro i neocatecumenali, lo conoscete questo?

“Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.”
Questo è il nostro Credo (che, prima di essere il "nostro" è stato ed è tutt'ora il Credo della Chiesa), detto anche Simbolo degli Apostoli. Questo Simbolo insieme all’emulazione dei primi nuclei Cristiani sono alla base del CN. Sappiate pertanto che, chi rifiuta il cammino come un itinerario di formazione cattolica rifiuta anche questo Credo, e rifiutando il Simbolo degli Apostoli rifiuta anche la Chiesa, poiché anch’essa è basata su questo Credo.

Voglio anche ricordare i primi 2 articoli dello Statuto Neocatecumenale.

§ 1. La natura del Cammino Neocatecumenale viene definita da S.S. Giovanni Paolo II
quando scrive: «Riconosco il Cammino Neocatecumenale come un itinerario di formazione
cattolica, valida per la società e per i tempi odierni».
§ 2. Il Cammino Neocatecumenale è al servizio dei Vescovi come una modalità di attuazione
diocesana dell’iniziazione cristiana e dell’educazione permanente della fede, secondo le
indicazioni del Concilio Vaticano II2 e del Magistero della Chiesa.

Sottolineo che il CN è al servizio dei Vescovi, quindi può essere accettato, da Dicesi in Diocesi, o non accettato, a conforme del giudizio del Vescovo. Infatti in certe Diocesi il CN non esiste perché non accettato dal Vescovo locale.

Ricordo infine questo: non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare

felice ha detto...

filippo, ma nel Tabernacolo è meglio che ci siano le pietre????

perchè nn scrivete questo nello statuto?

Oppure.... Non vi perdete in chiacchere col presbitero quando vi confessate... scaricate e basta...

Oppure... le famiglie numerose NC (specie se catechisti) campano dalle decime dei fedeli e si comprano i pulmini della Wolkswagen (visto io)...

Perkè nello Statuto questo non è scritto???

Il Credo lo conosciamo tutti...

loscemochepassavaxcaso ha detto...

A Feli' ancora cos 'sta storia?
Non c'e Quaresima, digiuno, penitenza, elemosina che tenga!
Macche te frega, macche vor dì "si comprano i pullmini della Wolsk.". Macche te frega, macche vor dì.
Ma siete invidiosi?
Ma smetti di dire fesserie, ma smetti.
Ma non ti importa proprio niente dei ncn.
Ma vi importa qualcosa dei ncn? No. Dovete solo bubbolare.
Che fate, cercate i fratelli smarriti e li riportate sulla retta via? Non mi pare proprio. Continuate a gettare MERDA, perchè così fate, qs. è la realtà dei fatti.
Un polverone, vi vorrei proprio vedere, con qs. 656666666 interventi che vantate. Mettetekli insieme, portateli al Papa, sì, rilegateli bene (che metà sono copia e incolla, e via via li rimestate, o chi è novello ce li ributta dentro, pensando che non siano già stati passati- indagate, voi gestori, indagate). E' sufficiente, circa ogni 10 giorni, prendere qualcosa di 5-6 mesi fa, e rimetterlo in circolo. Che vuoi che faccia? Ristuzzica gli stessi pruriti, ri-titilla le solite appendici, un po' come se ogni tanto volessimo rispolverare la vicenda di Moggi, il calcio malato, il TFR di Cimoli.
Non vi rendete proprio conto?

loscemononavevafinito ha detto...

Chè alla fine è la quantità che fa la misura, no?
Certo, abbiamo raccolto 66666 interventi, qualcosa vorrà pur dire, no? No, perchè anche se ripetuta milioni di volta, una balla rimane tale.
Alla fine, il corpo degli interventi nel blog, in special modo alle prime battute di ogni post, sono un cumulo di luoghi comuni, come quelli del Trio (Lopez, Solenghi, Marchesini): non ci sono più le mezze stagioni, era meglio quando si stava peggio, oggi a te, domani a lui, sono sempre i migliori che se ne vanno (x primi), e via discorrendo. Poi una spruzzatina citata da questo o quel sito, una bordata assestata dando credito a "mi hanno riferito", "ho sentito dire che", "mi sembra", con attendibilità inferiore ad un giornale di provincia.
Per questo nessuno si muove (di qua, non di là). Magari non si sospetta neppure l'esistenza del blog, ma anche se fosse..., cui obest? Nemini obest. laonde per cui potete continuare a fare i comodi vostri. Certo delle 2 l'una: o ci troveremo qualcuno sulla coscienza, o ve lo troverete voi. Perchè se abbiamo negato la libertà di conoscere Cristo (di qua o di là)... e beh, che ci dirà il Padreterno (nella sua misericordia)? Bravo? Boh, si tratterà di capire se davvero siamo in buona fede.

Francesco ha detto...

PER LO SCEMO

Ieri sera in parrocchia è stata celebbrata la messa delle ceneri.C'erano tutti:Rinnovamento nello Spirito,scout, gruppo liturgico,gruppo di preghiera di Padre Pio,Gruppo Famiglie,CL e,naturalmente,anche i fedeli senza targa,come me e i miei.
Non mi pare di aver visto alcun neocatecumenale.Eppure in parrocchia sono almeno in 40.
Forse è tabu per voi la celebrazione delle Sacre Ceneri?

felice ha detto...

riprenditi combà ke sei "scemo"... io poi nn ho offeso nessuno... se ti rode così tanto vuol dire ke è vero.....

felice ha detto...

per quel ke mi riguarda a me dei pulmini nn me ne frega un fivo secco... kome fa una famiglia con 5 bambini a tenere un tenore di vita così elevato???? 1 solo stipendio, moglie casalinga figlia di catechisti... e se la cosa nn ti basta si vestono in uno dei migliori negozi della città... tieni a mente "scemo"... con quali soldi???

Francesco ha detto...

ANCORA PER LO SCEMO

Seimila interventi sul blog,anche se si escludono quelli ripetitivi e della stessa mano,sono tantissimi.

Non "obstant",nel senso che non sparano contro nessuno.

Semplicemente "prosunt",nel senso che vengono postati a favore della Chiesa.

Stop,egregio.

Liberissimo di continuare il tuo pseudo cammino.
Liberissimi anche noi di svelarne la vacuità e,soprattutto,la contraddittorietà nei confronti dell'ortodossia cattolica!

Francesco ha detto...

Qualora,poi,Scemo,avessi il timore che noi si intenda raccogliere e rilegare queste migliaia di interventi per mandarli a chissàchì,beh ti sbagli di grosso.
Chi di dovere sa già quali e quante sono le vostre storture,non ha bisogno di questo blog,che E' E RIMANE TRIBUNA APERTA DI DENUNZIA PER NON FAR CADERE ALTRI GONZI NELLE TRAPPOLETTE NEOCATECUMENALI,COM A SUO TEMPO E' ACCADUTO A NOI!

Anonimo ha detto...

Perche' prima di (stra) parlare non andate a toccare con mano come vive una famiglia in missione? Non c'e bisogno di andare in Africa, in Cina o in altri posti dove si rischia realmente la vita; comprate un biglietto Ryanair e andate in Germania, Francia o qualsiasi altro paese vicino, VIVETE una settimana con una famiglia e poi scrivete su questo blog.
Ciao

Francesco ha detto...

Tu ci sei stato,anonimo?
E hai anche visto come vive un missionario in terra d'Africa o in Asia?
E hai chiesto a quest'ultimo quanti e quali mezzi finanziari mette a sua disposizione la sua comunità?

PIETRO ha detto...

caro francesco,
i tuoi interventi mi sembrano sempre ben mirati e concreti.

sulla vita parrocchiale è vero in parrocchia da me ci sone circa 1300 neocatecumenali, e ieri alle ceneri? dove erano?

i catechisti di comunione e cresime (ovviamente del cammino) non portano i bambini/ragazzi alla Messa della domenica perchè loro ci vanno il sabato e non possono ripeterla. vi sembra normale?

per quanto riguarda le missioni, è vero forse è troppo facile andare in paesi anche difficili, ma con i continuo sostetamento della propria comunità dalla città di partenza.
una cosa bruttissima è stata quando il nostro vescovo ha sviolinato a proposito di una famiglia neo in Perù dicendo quanto era stato contento di vederla e conoscerla, ma non ha detto nulla a proposito di una ragazza di 22 anni della nostra parrocchi partita anche lei in mezzo ai poveri del perù per 2 mesi...

è proprio vero sono una multinazionale che vuole rendere grande il proprio nome superando spesso quello di Cristo

Francesco ha detto...

grazie della tua testimonianza,Pietro.
Vorrei che invitaste a scrivere le propie testimonianze qui quanti conoscete.

Per quanto riguarda il rito delle ceneri,secondo i neocatecumenali,trattasi di rito profano.Tant'è vero che essi non lo fanno nè vengono in chiesa per parteciparvi.

Lo sostiuiscono con il cosiddetto "Annuncio della Quaresima",effetgtuato da un catechista anziano che ripete a pappagallo quanto improvvisato ed elucubrato da Kiko a seconda del momento.

In questo periodo(dal dicembre 2005) tutti gli "annunci" sono venati da una sottile ed acida ironia contro le disposizioni curiali(Vds lettera Arinze) e contro "coloro" che nella chiesa(a dir loro) sono refrettari ad accogliere i carismi.

Francesco ha detto...

Provate a farvi dire di cosa ha parlao l'ultimo annuncio della Quaresima per bocca dei catechisti in una qualsiasi comunità italiana!

Di nulla!!!!
Il vuoto totale!!!!
Parole in libertà solo per direche il Cammino è la via a Cristo e una serie infinita di strilli contro il cosiddetto "uomo vecchio" e contro il cattolicesimo "tiepido"!!!

Anonimo ha detto...

Per Francesco e co.
6500 e più....complimenti
bel numero...peccato che più che "graffiare" su internet non fate......
contenti voi.......
sfogate pure il vostro IO in rete....è un' ottimo rimedio per le frustrazioni...e un' ottima cura contro lo stress di voglia di protagonismo...
ciao ciao

Viator ha detto...

Per "Loscemochepassavaxcaso" alle 15:21, che dice, tra l'altro:

"E' sufficiente, circa ogni 10
giorni, prendere qualcosa di 5-6 mesi fa, e rimetterlo in circolo. Che vuoi che faccia? Ristuzzica gli stessi pruriti, ri-titilla le solite appendici"

Saresti contento che fosse così, no? Questa è una tua illazione...
Comunque cosa hai portato a favore del cammino con questo? Se qualcosa è stata ripetuta è perché ogni tanto arriva lo scemo di turno che dice cose trite e ritrite, come se non avessimo scritto kilometri di post e di documenti.

Noi denunciamo e argomentiamo e voi continuate a fare illazioni buone solo per sviare i gonzi!

Viator ha detto...

per l'ultimo anonimo,
forse non hai capito che a noi non interessa mordere, quindi se risulta che graffiamo soltanto figurati cosa ce ne importa.

Quello che ci muove è l'impegno morale di denunciare le menzogne e difendere la Chiesa da chi la sta insidiando dall'interno...

E, se graffiamo soltanto come dici tu, dove sta la nostra voglia di protagonismo?

E, poi scusa, quale IO ognuno di noi afferma? Non facciamo altro che rispondere col cuore e secondo coscienza a qello che di volta in volta viene detto

ogc ha detto...

Caro anonimo 16:25,
dicci come vive una famiglia in missione: io di recite ne ho già sentite molte.
Quella che vive in : IO mi chiamo...,e questo\a è....
Abbiamo tot.. figli e ho scelto come terra di missione i fornelli domestici....Anche se i figli ci succhiano il sangue....noi ci immoliamo per amore del cammino (che dobbiamo sponsorizzare perchè,altrimenti, chi ci sovvenziona?).

Per pubblicizzare il c. si strumentalizzano pure i figli.

Ora dimmi tu come vivono quelli che partono pr terre "lontane", poi, io ti racconterò qualcosa che so di questo.

Francesco ha detto...

per l'anonimo delle 17,54.

Vi riempite la bocca con la parola "io" dando alla stessa una valenza assolutamente negativa.E insieme ad essa di alcuni altri termini che vorrebbero malamente dissimulare la vostra idiosincrasia per la realtà vera.
Usate tutti lo stesso linguaggio becero e inconcludente.

Quando vi stancherete di fare da cassa di risonanza a quell'esaltato di Kiko?

Può anche darsi che noi graffiamo su questo blog.
Voli invece vi autoscorticate e basta!

miriam ha detto...

IO è una bellissima parola che designa ognuno di noi, unico e irripetibile, che il Signore che anche lui è un IO, di cui noi siamo il TU e viceversa, chiama alla responsabilità e gli chiede una risposta personale non di gruppo... e non gli dà verità prefabbricate, ma a volte gli insinua qualche dubbio per approfondire e interpellare la sua ricerca... per attirarlo sempre maggiormente e in maniera autentica a Sé...

miriam ha detto...

Se poi quell'IO diventa il centro dell'universo allora sono problemi... come avviene nel caso del cammino, che ha un io di gruppo e diventa il vostro "idolo" e non ve n'accorgete.
E, avendolo scoperto, se non lo gridassimo ai quattro venti, il Signore ce ne chiederebbe conto!

miriam ha detto...

Poi quell'IO che non si ritiene in centro dell'universo, ma è in dialogo continuo con il TU di ci parlavo prima, vive anche un NOI ed ha anche una vita comunitaria, anche se e quando è nella solitudine...
E' vero che la vita comunitaria si vive anche nella concretezza; ma questo non rende meno vera la "Comunione dei Santi", se non la vivi nella comunità neocatecumenale, che si spaccia come unico 'luogo' della salvezza.
Ma su quale fondamento? Ma chi l'ha detto?

Francesco ha detto...

L'AZIENDA NEOCATECUMENALE ha un suo vocabolario,ha i suoi slogans,il suo marketing.NULL'ALTRO!
Come si fa a tornare indietro?Direbbe Kiko e con lui chi dall'azienda ricava poco o molto che sia!

Pinko ha detto...

Conosco poco i neocatecumeni,ma se sono come il Rinnovamento nello Spirito,che è diventato una vera azienda.......allora stiamo freschi...
Il Rinnovamento recentemente ha modificato i suoi statuti creando un numero incredibile di alte cariche(come i sottosegretari dell'ex governo Prodi) e soprattutto una figura nuova,il Presidente,allo scopo di confermare al vertice per altri 4 anni l'ex coordinatore che già aveva fatto i suoi sei anni e secondo il vecchio statuto non poteva essere rieletto.

La politica più volgare presa in prestito dai movimenti.
E hanno il coraggio di definirsi ecclesiali........

Anonimo ha detto...

MAESTRI DEL NULLA......

Pinko ha detto...

SI,ANONIMO,
I nEOCATECUMENALI SONO MAESTRI DEL NULLA.....

Francesco ha detto...

Altro che maestri del nulla,Pinko,sono maestri di annullamento della tua personalità.

Anonimo ha detto...

SEPOLCRI IMBIANCATI.....

Pinko ha detto...

Ti riferisci ai predicatori dei movimenti vero?

exneocat ha detto...

Io vorrei esortare tutti i neocat a trovare per me e per i frequentatori di questo blog,una spiegazione logica e razionale agli scrutini che fanno i catechisti.Io ho fatto il primo ed il secondo poi ringrazio Dio che mi ha dato il cervello che ho che seppur poco mi ha fatto schifare di quella situazione.Ho visto un fratello torturato a cui sono state estorte cose della sua vita privata di quando era giovane che io penso che neanche Freud avrebbe fatto meglio.Questo perche' loro dovevano esorcizzare i demoni dentro di noi.Ovviamente il tutto preparato con una mirata catechesi sulle tentazioni.I miei ex fratelli di comunita' ma sempre fratelli in Cristo dicono che io non ho capito lo spirito dell'interrogatorio che chi l'ha detto che sono stati violentati psicologicamente, che loro era quello che volevano.Io ho ribattuto che se quello era il metodo per liberarsi bastava andare da un buon psicologo non far parte di un gruppo ecclesiale.Sono schifato, avvelenato con tutti questi neocat che dicono che il cammino e' tutto bello e' tutto rosa e fiori.Se loro vogliono sbandierare l'apertura alla vita, cosa per carita' bellissima,sbandierassero anche i problemi psicologici che hanno i loro figli ed io ne ho conosciuti che si sentono abbandonati per padri e madri inesistenti sempre via a catechizzare di qua e di la'.Sai cosa ti dicono " a loro pensera' il Signore" ma a quale chiesa appartengono? Scemo che passa Filippo o qualunque altro argomentate una risposta se siete tanto pieni di spirito.E non ditemi che sono fesserie perche' io queste cose le ho vissute.Scusate la lunghezza ma mi dovevo sfogare.Ho lasciato la mia parrocchia per seguire il cammino e me ne pento chiedo perdono a Dio perche' ho giudicato il mio parroco perche' il cammino non lo voleva.Era nel giusto
Il cammino fara' del bene ma anche quanto male.Buonanotte fratelli miei e scusate lo sfogo.

lidia ha detto...

ma, scusate, i nc ogni volta che devono fuggire dalle responsabilità della loro storia, dicono che ci pensa lo spirito santo a sostituirti in tutto (non ho capito se si riferiscono alla terza persona della SS Trinità, ma io penso che intendano ad altro giacchè mi risulta che lo Spirito agisce in altro modo).
Intanto a me, se facevo difficoltà a partecipare alle convivenze mi dicevano che potevo lasciare la famiglia perchè "ci pensa lo spirito santo". E se provavo a continuare nelle mie motivazioni dicendo che mio marito insisteva che la famiglia aveva bisogno di me, subito mi dicevano che mio marito era impossessato dal demonio.
Ho provato a far notare che il mio matrimonio era stato, e continuava ad essere benedetto dal Signore. In noi abita lo Spirito Santo per la forza sacramentale della Grazia. O no?.
Perchè mi volevano mettere contro mio marito? E perchè dicono che si possono lasciare a casa da soli anche tre bambini piccoli , anche se per poche ore!? Ma non sono doni di Dio che li ha affidati alla cura di noi genitori? Questi nc sono i i veri diavoli sfascia famiglie e ruba anime.Meno male che nella preghiera e i consigli spirituali di un confessore sono riuscita a liberarmi dai servitori del grande menzognero!

mic ha detto...

Qualcuno ha tirato in ballo il Rinnovamento. Non ne conosco i vertici né i responsabili, con posso confermare o smentire quel che è stato detto su una certa 'politica' al suo interno.
Tuttavia, se anche presentasse delle pecche, è certo che non predica eresie ed è un movimento ecclesiale... a differenza del cammino NC che si definisce ecclesiale ma poi nella predicazione e nella prassi rema contro la Chiesa cattolica

loscemodioggi ha detto...

Ah, sì, quale deferenza verso il Rinnovamento... perchè non lo so, non lo conosco, ma il cammino sì, quello lo conosco... Bubbole!
Politically correct verso il Rinnovamento, e perchè? percè quella non era una testimonianza valida come quelle contro il cammino? O forse si adottano 2 pesi e due misure?
Meditate, meditate... e poi meditate di nuovo,
giacchè è anche venerdì, vediamo se almeno possiamo fare il digiuno di sciocchezze!
Il fatto è, mi sono dimenticato ieri, che molti aspetti esteriori del cammino, come la solidarietà umana, sono spunti per tacciare il cammino di devianza massonica. Sì, alla fine la matrice appare proprio massonica (questa è la connotazione giusta, per chi conosce quel fenomeno). Peccato che dentro il cammino si danno frutti quando ci sono, e non quando li si chiedono o li si esigono, pretendono, estorcono, implorano, come meglio credete.
Una comunità di fratelli dà frutti nella misura in cui qs. possono nascere, punto. Non perchè qualcuno glieli ha chiesti, o imposti. Tant'è che non sempre qs, avviene. Ma quando avviene, allora apriti cielo, e quelli sostengono la famiglia di su e quegli altri pagano i viaggi di giù...
Ma vi dà proprio così noia? Io, se ho bisogno, so che posso contare su un gruppo di persone, un gruppo, non una, fatto di persone concrete, con le loro famiglie, le loro vite.
Non sapete forse che se io ho un problema, una sofferenza grande, posso contare su 30, 35, 40, 100 persone che pregano per me? E li chiamo e dico loro: Pregate, per qs. cosa.
Non sarete mica invidiosi?
E' stato detto che graffiate su internet (certo tra un monitor CRT ed uno LCD non saprei quale scegliere, su cui graffiare!)
ma altrettanto calzante mi pare anche l'immagine di coloro che DIGRIGNANO.

Pietro SFC ha detto...

Cara Liidia,
mi hanno colpito molto le tue parle, quelle di una donna ferita.
Questa esperienza è avvenuta anche per i miei genitori, mia madre rinunciò ad partecipare ad una convivenza perchè mia sorella era malata, e loro l'accosuarono, testuali paorole "di essere di indemoniata, e che tanto ci avrebbe pensato Dio".

OK! allora si possono chiudere tutti gli orfanotrofi e case famiglia, lasciate i bambini in mezzo alla strada o mamme!

Dio vuole il bene per ognuno di noi se questo bene, molte volte è l'amore di Dio attraverso la carezza di una madre, ben venga.

l'uomo ha bisogno di amore e finchè un bambino non comprende l'amore di Dio, ha la testimonianza di quella dei Genitori, come Gesù Cristo è stato inserito in una famiglia anche noi siamo inseriti in una famiglia.
Maria Santissima non ha mai tolto il suo Amore al proprio figlio, bensì è il figlio che ad un certo punto ha scelto la missione affidata dal Padre.
Viva La Chiesa, viva Noi, che siamo la Chiesa

exneocat ha detto...

Caro scemo di oggi
come sempre sulle domande specifiche tu evadi le risposte.Io non metto in dubbio che ci siano dei frutti nel cammino che possono essere commestibili e non.Ma rispondi alla mia domanda sui metodi dei catechisti, che seguono poi le direttive di Kiko,nei vari scrutini.Anche qui tu non trovi niente di strano e' tutto bello e' tutto santo?
RISPONDI ED ARGOMENTA
La gente che fugge dal cammino che frutto e'?
Quello che dici tu sull'appoggio della comunita'con la preghiera e' vero ed e' bello e l'ho sperimentato tante volte.Ma ho sperimentato anche quando un fratello o una sorella lasciavano la comunita'.Sparivano non si sapeva piu' nulla non si parlava del perche' questi avevano lasciato,era i pazzi risucchiati dal mondo .Rispondi scemo di oggi sull'alterigia dei catechisti che quando fai le convivenze a pranzo stanno in tavoli separati di racconto questo una delle prime convivenze invitai il mio catechista a prendere una cosa al bar sai che mi disse" per questa volta ok ma non si potra' piu' ripetere perche non ci deve essere confidenza tra noi e voi" Ti rendi conto. E questi sono i mostri che a creato Kiko non la chiesa cattolica.Ne potrei raccontare tante e tante.Delle cose belle parlane ma sul piatto della bilancia metti anche le cose ORRIBILI e vedrai da che parte sta l'ago.Ora se sei onesto intervieni e dici la tua senza pensare che qui siamo contro il cammino per partito preso.

sil ha detto...

Preghiamo per kiko e i suoi più stretti collaboratori affinchè si svuotino della loro superbia e lascino spazio ai sette doni dello Spirito Santo di agire dentro le loro persone.
Di male alle persone ne avete fatto già abbastanza ma la Misericordia di Dio è immensa e non avrà ostacoli se vi convertirete a lui ed amerete di vero carità fraterna la sua Chiesa.
Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno.
Continuando ad innalzare la nostra lode a Dio, buon cammino quaresimale.

gherardo ha detto...

Caro Exneocat e cara Lidia
vi do' il benvenuto su questo forum
e sul sito internetica annessi, nati proprio per dare voce a tutti quelli che
come voi e tutti qui
hanno fatto triste esperienza del Cammino Neocatecumenale, ed e' proprio perche' sappiamo cio' di cui parliamo che diamo fastidio. Puntare il dito su altri movimenti e' un modo come un altro di cercare di oscurare la nostra discussione
che e' incentrata sulla nostra esperienza del Cammino Neocatecumenale.
Exneocat, tu sei rimasto scottato dagli scrutini e sono proprio quello il momento in cui il Cammino rivela il suo vero volto per chi non ha ancora abdicato totalmente alla ragione e ad un minimo rispetto di se stesso.
Il modo disgustoso con cui le persone vengono manipolate in questi scrutini deve essere a conoscenza di tutti, perche' tutti sappiano a cosa vanno incontro e nessuno piu' aderisca a questo movimento-setta disinformato.
Questo e' il nostro unico scopo qui
perche' la segretezza su questi scrutini e sui testi eretici che ne fanno da canovaccio venga infranta.
Vi invito pertanto se potete a lasciare la vostra testimonianza qui e/o sul sito
http://www.internetica.it/neocatecumenali/
e a continuare la discussione supportando eventuali iniziative presso le sedi opportune che dalla discussione potranno originare.
Ormai siamo in un periodo cruciale
mi chiedo e chiedo anche agli altri qui se forse non stiamo trascurando qualche altra possibile iniziativa oltre che continuare questa "fondamentale" attivita' di informazione.
Io sto raccogliendo anche testimonianze da paesi esteri dove il CN si e' diffuso lasciando la solita scia di separazione e sofferenza.

Anonimo ha detto...

Perchè non portarsi un registratore mp3 durante uno di quei serrati interrogatori dei catequisti?

stephanos78 ha detto...

Carissimi fratelli. Inizio augurandovi buona Quaresima di Penitenza e Conversione del Cuore.
Questo è un periodo ottimo per incontrarci e per ascoltarci vicendevolmente, abbattendo i muri delle nostre opinioni. Seppure giuste.
Questo è il momento di ADORARE la Verità (che è Cristo) e di ANTEPORLA a tutto.
Di dialogare ricercandola e, trovatala, diffonderla per rendere LIBERO l'uomo che l'abbraccia responsabilmente.
Tutto questo guidati dalla Divina Misericordia, dalla Madre della Misericordia.
Vi chiedo di fissare lo sguardo sulla Verità.
La Verità è che le Lettere ed il Magistero di Papi e Vescovi sul CNC sono quanto mai attuali e sempre rinnovate! La Verità, che viene non solo dai Pastori ma dall'esperienza di ognuno di noi, emerge nei suoi vari aspetti ma essi non possono obbligatoriamente negarsi a vicenda! La Verità infatti è coerente con se stessa!! E questo è un modo basilare per riconoscerla!
La Verità, nuda (ovvero Cristo denudato e flagellato), è che il "carisma" dei catechisti è indiscutibile perchè essi sono investiti di un potere dall'alto! Che essi hanno il "Potere" di cambiare la vita delle persone. Che essi devono essere obbediti in tutto e in modo cieco.
La Verità innegabile e visibile è che la Liturgia NC ha riformato quella Cattolica, con significati diversi dalla Fede Liturgica Cattolica. La Verità è che il CNC solleva problemi importanti con il FORO INTERNO dell'Uomo, creato ad immagine di Dio, Libero, voluto tale da Dio affinchè il Signore possa essere AMATO da lui!
La Verità, visibile e tangibile, è che il CNC crea "strati" di Chiese parallele nelle Parrocchie in cui si insedia. E' Verità Visibile e ribadita dagli Statuti e dall'ultima Lettera Magisteriale di Arinze. E' Verità Visibile che la tradizione ecclesiale millenaria si ROMPE bruscamente entrando nei "tempi" NC. Si trovano segni e simboli ESTRANEI alla Chiesa Cattolica e soprattutto imposti ad Essa. L'uso non è richiesto nè permesso.
E' Verità Visibile che esiste una dipendenza ossessiva dal "fondatore" Kiko, che è unico diffusore di "ordini" che solo uscendo dalla sua bocca vengono eseguiti.
E' Verità Visibile che purtroppo la Chiesa è in una situazione di perenne divisione a causa dei "movimenti", in specifico e più gravemente a causa del corpo direttivo del CNC.
E' Verità Visibile che si può senz'altro credere nella Bontà degli Intenti iniziali di molti dei movimenti. Ma che, visibilmente, sono degenerati in "feudi" della Fede.
E' Verità Visibile che Statuti e direttive Vaticane sono considerate mera burocrazia, alla luce dei FATTI relativi ai movimenti. Specialmente al CNC.
E' Verità Visibile che nei movimenti (soprattutto il CNC) esiste una "opzione" preferenziale per l' emotività, lo spirito di "gruppo", la matrice elitaria, la "spettacolarità".

Se ogni movimento OBBEDISSE agli Statuti approvati, noi non staremmo qui a dialogare e diffondere.

Ma quale Autorità ascoltiamo? Quale? C'è solo una confessione Cristiana che erige il soggettivismo, il relativismo e l'assenza di Autorità Istituzionale come base del Credo: quella protestante.

Ognuno faccia le sue conclusioni.

Io credo che la priorità sia ristabilire l'equilibrio voluto da Dio tra Discernimento personale Umano e Prestigio dell'Autorità Ecclesiale. Per poter "seguire la Verità", la voce del Pastore, Liberamente e riconoscendo a chi porta la VERITA' (LA CHIESA) LA POTESTA' SULLA NOSTRA VITA DI FEDE.

loscemosolito ha detto...

Per l'exneocat:
capisci bene che argomentare su un blog è piuttosto complicato, imprudente, con il rischio di essere fuorviante.
Se ognuno di noi (a partire da me fino a voi) è capace di strumentalizzare la parola, i documenti, i decreti, quanto più sarà possibile fare qs. con una risposta su un blog? E' sufficiente poi decontestualizzarla, ritagliarla, riadattarla, e l'eresia è confezionata!
Potrei, potrei eccome parlarti degli scrutini segreti ecc. ecc.. Con quale fine? per convincerti? sarei ingenuo? Perchè poi ne venga fatto uso improprio? sarei un imprudente.
L'ho già detto una volta a qualcuno: a quattr'occhi, non c'è nessun problema.
Pensa che una volta sono passati da casa mia 2 mormoni, ma io non avevo tempo, impacciato dissi loro: "ripassate". Insomma, tornarono, e io che feci? Niente, li feci entrare, parlarono, mi raccontarono, tutto quanto mentre io e mia moglie mettevamo a cena i bimbi, con la massima naturalezza e sempicità. Poi, finito loro, raccontammo la ns. esperienza. Dopo una mezz'ora circa ci aslutammo cordialmente (il libro di Mormon se lo portarono naturalmente via!) e festa finita.

Di palo in frasca: Hai presente i piccoli artigiani, che tremano come verghe se deve venire la finanza a far loro un controllino? perchè, forse hanno qualcosa da nascondere?
Ecco, con il cammino è un po' la stessa cosa. E attenzione, perchè esistono realtà in cui anche a qs. scrutini tu ti puoi sottrarre, con una "riserva mentale". Che credi, che aver finito il cammino sia una garanzia di qualcosa? Un bollino? Ma nemmeno x idea! E allora smettiamo di cercare tra i ncn i santi, continuando nel contempo a dire però che sono degli st.. vabbè, lasciamo stare.

nel merito:
i fratelli che se ne vanno. Dimmelo tu, debbono essere cercati, o no?
1)Sì. "Ah, non mi lasciavano più in pace, e mi tempestavano di telefonate, ho cambiato persino la SIM"
2)No. "Nessuno più ti cerca, diventi come un infedele, tagliano i ponti"

Capisci cosa voglio dire? No, è ovvio. E allora, che parlo a fa'?


Il catechista: si dà il caso che sia lì come persona che dovrebbe cercare di avere discernimento sui fatti che ci capitano (ripeto: dovrebbe). E' certo però che ciò sarà possibile nella misura in cui:
1) Io glielo permetto (e intendo nel bene e nel male. Certo che non telefono al mio catechista per sapere se devo pisciare a destra o a sinistra! Ed è vero anche che se io chiudo la saracinesca non passerà niente. Certo, poi, a capire cosa ci faccio in un cammino me lo domanderò, prima o poi, se me ne rendo conto. Altrimenti me la faccio e me la racconto )
2) C'è un rapporto di libertà tra me e lui. Che se io sono fidanzato con sua figlia, difficilmente riuscirà ad avere lucidità sulla mia situazione sentimentale, sei d'accordo? Forse di qs. situazione me ne verrà a parlare un altro catechista.
Perciò, normalmente, si evita di creare l'occasione per cui la libertà che ci deve essere venga meno. L'esperienza insegna poi che qs. non significa non avere un rapporto di confidenza, di amicizia, ecc.
Qs. lo capisci Boh, spero

Per cui, chiudendo, perchè 'sto post è lungo 1 km, ti voglio dire che è sicuramente delicata la questione degli scrutini (a cui è dedicata una delle più interessanti note degli statuti)
ma, come ho detto prima, cosa c'è da nascondere? E' certo che mica tutti poi hanno la stessa sensibilità, prudenza, accortezza, ecc. e meno male!
Lo scrutinio aiuta te, se di qs. sei convinto. Altrimenti certamente sarà un'imposizione!
Ma è come quando vuoi commettere un serio peccato. E che, non lo fai perchè te l'ha detto il catechista? Ma dove mai? O non lo fai perchè te l'ha detto il sacerdote? Ma dove mai?
Ma le scelte che ho fatto fino ad oggi, nelle difficoltà, le ho fatte perchè me le ha dette un catechista? Ma dove mai, ma siamo impazziti?
Ecco, queste poche (anzi troppe!) righe, non possono rendere ragione di una speranza, come fanno?
Il blog fa il blog, non può fare altro,

Saluti

Uno tra tanti ha detto...

Ci sono due regole fondamentali per la presenza dei movimenti nella Chiesa oggi: la prima è di ‘non spegnere i carismi’ come ha insegnato S. Paolo, la seconda è che se i movimenti sono veramente doni dello Spirito Santo, si inseriscono e nel dialogo paziente servono la Chiesa”: lo ha detto oggi il Papa all’udienza con il clero romano.

“In questi mesi ricevo i vescovi italiani in visita ad limina – ha spiegato – e posso imparare meglio la geografia della fede in Italia. Vedo così come la fede sia ancora profondamente radicata nel cuore italiano, ma naturalmente anche minacciata dalle situazioni attuali. Con i vescovi si parla spesso anche dei movimenti”, ha aggiunto “e da taluni vengono segnalati problemi”. “Pazienza, apertura e obbedienza al Signore – ha poi sottolineato – sono gli atteggiamenti che, nel rapporto tra Chiesa e movimenti, possono creare una vitalità nuova nella Chiesa. Occorre a volte accettare anche le sofferenze in questo rapporto, che sono inevitabili, così come nel matrimonio ci sono sempre sofferenze e scontri, e tuttavia gli sposi vanno avanti e così matura il vero amore”. “Per questo – ha concluso - dobbiamo essere grati allo Spirito per la loro presenza e obbedienti alla sua voce oltre che chiari per integrare questa nuova vitalità dei movimenti, perché serva alla Chiesa concreta”.

S.S. Benedetto XVI°

Come vedete è normale, come dice il Papa, che ci siano sofferenze e scontri come accade al CNC, come una vita matrimoniale (a parte i moralisti che anche nella loro vita matrimoniale tengono tutti i problemi soffocati, per un perbenismo che uccide l’ amore coniugale e lo rende sterile nella sua missione).
Chi ha mai detto che siamo perfetti, Uno solo è perfetto e stà nei cieli, noi siamo uomini e quindi peccatori e capaci solo di sbagliare e di essere di ostacolo all’ opera dello Spirito.
Comunque se il S.Padre dice questo….CHI SIETE VOI per aver già giudicato, condannato, insultato, oltraggiato, inveito e mi fermo qui, Il CNC ?
Ipocriti, maestri del nulla, buoni solo a criticare quello che non si accetta. Per fortuna che La Chiesa non è rappresentata da gente come voi ma che le Istituzioni, pur nella difficoltà e sofferenze, lasciano tempo affinché se di opera dello Spirito si tratta frutti di Spirito Santo verranno ( e per me molti ci son già stati…e non solo per me anche per tanti Vescovi, Sacerdoti e qualche Papa almeno tanti di numero di quanti lo criticano). E non menatemela col dire che voi volete solo correggere il CNC, non mi sembra dal vostro modo di parlare arrogante e pregiudizievole.
O sto parlando con dei tipi di “templari” che pensano di avere una missione per difendere la Chiesa?
Ci sono le persone preposte per questo e non 4 o scusa Francesco 6500 diviso i soliti 10 “templari” (ricordati che ci sono tanti del CNC che hanno scritto).

exneocat ha detto...

Caro fratello
odio chiamarti scemo,primo perche' non lo sei secondo perche'e' un nick orribile.Grazie per aver risposto concordo con te che tutto e' opinabile fuorche'il Vangelo e la fede in esso,ma dalle tue parole esce fuori che il tuo modo di fare il cammino e' a dir poco anomalo.Sei un po'un neocatecumenale fai da te quello che e' ok va bene ma quello che e'sbagliato chissene frega.O forse e'sbagliato solo per me.Questo relativismo non e' una cosa lecita secondo me.Tu dici che degli scrutini potresti parlarne ma non vuoi per non essere strumentalizzato.Ma vedi la strumentalizzazione e' proprio l'arma che usano i catechisti.E poi tutta questa segretezza che aleggia nel cammino e sinonimo di non trasparenza .IL SIGNORE e' luce sei d'accordo? Per quanto riguarda quelli che lasciano ti sei mai chiesto perche'? O hai detto chissene frega io sto bene cosi' mi dispiace per loro.Il mio timore e' che qualora tu scoprissi il marcio in tutto questo dovresti dare atto a tutti quelli che dicevano che il cammino non andava e tutte le tue certezze riposte in questo cammino crollerebbero e ti potresti sentire un pupazzo usato .Comunque come dici tu ognuno di noi argomentera' o strumentalizzera' pro domo sua forse pero'se Kiko e Carmen facessero un passettino incontro ai tanti che la Chiesa Cattolica ha fatto verso il cammino si potrebbe raggiungere quella comunione che,e questo non lo puoi negare,ora non c'e' proprio.Lo sai questa cosa la dico perche' un sabato in celebrazione sentivo dalle altre sale i canti le voci delle altre comunita' e mi sono detto"ma che senso ha fare cento celebrazioni tutte uguali quando stiamo pregando lo stesso Dio dov'e' la comunione in questo e' assurdo rivoglio la messa della domenica dove siamo tutti uguali tutti recitano il credo tutti insieme si prega io questo lo rivoglio".Scusate la lunghezza ma sarebbe bello in questo tempo di quaresima ritrovarsi tutti insieme a dire Dio nostro perdonaci perche' abbiamo peccato siamo stati egoisti siamo stati superbi perdonaci e riuniscisci Signore Dio misericordioso.

exneocat ha detto...

Per uno tra tanti:
Non ti accorgi che dicendo:Ipocriti, maestri del nulla, buoni solo a criticare quello che non si accetta stai facendo quello di cui ci incolpi.Caro scemo (cambia il nick per favore) come vedi il relativismo non e' univoco.

loscemoèunbelnome ha detto...

No, non è questione di segretezza.
La questione è ben più delicata. Ma tu, al tuo collega di ufficio spieghi come e perchè prendi le decisioni che riguardano la tua vita privata? Non credo, aldilà dell'epidermica relazione che dobbiamo necessariamente avere gli uni con gli altri. O come e perchè quel tuo parente ha una malattia grave e tu non sapresti che fare. Meglio: cerchi solidarietà così, ti confidi così, al volo, con le persone che ti passano accanto? Non credo, giusto? La comunità (qualsiasi essa sia, purchè cristiana) crea un ambito, crea un contesto, crea una comunione intorno a Cristo (altrimenti non è molto lontana da un circolo culturale, per il quale Cristo non ha alcuna importanza)

Ed è naturale che si crei anche un linguaggio, così come una discussione in famiglia a casa mia ha dei toni, dei modi, dei tempi che non sono quelli di casa tua o di un altro, ok?

Qs. porta anche alla necessità di preservare da e verso il resto.
C'è forse qualcosa di non naturale, non fisiologico direi, nel fatto che esiste un'area ristretta nella tua cerchia familiare, che non viene condivisa all'esterno? Domanda: perchè non è condivisa? Per qualche partito preso? Perchè c'è una guardia?
No, bensì, forse per una questione di rispetto nei confronti dei familiari (della serie "non racconto in giro i miei affari")e viceversa, per non ingenerare fraintendimenti o malintesi all'esterno.
Non per questo però, non sarà visibile il rapporto che abbiamo all'interno della ns. famiglia, quando ciò si debba rendere manifesto.
E' qs. il punto: alla comunità (qs. è un dato di fatto, che ci vogliamo fare) arrivano molte persone con esperienze di sofferenza, di morte, ecc. ecc. (nell'ecc. rientra tutto ciò che abbiamo noi, che ha ogni uomo, se avessimo solo il tempo di parlare con uno sconosciuto mezz'ora, parlando di vita, non di considerazioni generiche, scopriremmo che la vita non ha fatto sconti a nessuno). Ecco, nel momento in cui qs. cose vengono CONDIVISE (come va di modo oggi la condivisione) è raccomandata, è consigliabile, è d'uopo una certa prudenza.




Le mie certezze, grazie a Dio, non vengono "dal" cammino, che rimane un mezzo, finchè ci sarà (perchè mica è detto che il cammino debba permanere ad eternum, chi lo sa?).

silly ha detto...

No, no, ex, no ero io quello degli ipocriti. E che problema crea scemo. Meglio Silly?
E poi ho lasciato il post a mezzo, sulle certezze. Dicevo che non dipendono dal cammino.
Le persone lasciano per svariati motivi, molte senza ragioni di contrarietà profonda.

gherardo ha detto...

E no caro loscemosolito
il giochetto di dire
sul blog uno taglia cuce puo' dire
tutto e il contrario di tutto
non te lo lascio passare.

E' un modo subdolo per cercare di sminuire quello che abbiamo detto e raccolto in mesi di analisi,
con documenti e testimonianze puntuali
che non si limitano al blog ma si estendono al sito collegato.

Lasciami dire che
e' la solita prassi neocatecumenale semplificare in modo grossolano, (buttare via mille anni di storia della Chiesa tanto la verita' l'abbiamo noi)
senza rendersi conto dei rischi che questa prassi comporta e senza voler considerare che se cosi' tante testimonianze negative esistono e tante critiche dall'interno della Chiesa arrivano allora qualche problema forse c'e'. Ma tu tant'e', non ne ammetti nemmeno uno.

Rispondi allora alle seguenti domande:

1)Perche' all'inzio nelle famose "Catechesi per adulti" non si fa menzione da nessuna parte di cosa sia il CN o di chi sia Kiko Arguello?



2) La lettera del Cardinale Arinze ti sempra un'approvazione o piuttosto un grave richiamo all'ubbidienza. Cosa concludi circa l'onesta' dei vertici NC che la spacciano come approvazione?






Caratteristiche di una setta

1) Reclutamento cammuffatto nei modi piu' vari

-corsi di yoga
-corsi di lettura veloci
-corsi di lettura della bibbia
ecc
(catechesi per adulti)

2) Love bombing iniziale per
far sentire i malcapitati

3)Graduale imposizione della figura "infallibile" di un leader carismatico

4)Uso di linguaggio iniziatico chiaro solo ai membri

5)Decostruzione progressiva della personalita' tramite vari
"passaggi"
seguita da ricostruzione di nuova identita' "allineata"

6) Controllo ambientale
Viene bollato come proveniente
dal demonio tutto cio' che puo' far sorgere dubbi nell'iniziato

7)Isolamento
L'iniziato viene coinvolto in molteplici attivita' che tendono a separarlo dalla sua vita precedente



Paragona la tua esperienza nel CN
con le caratterestiche tipiche di una setta, se trovi piu' di qualche somiglianza forse e' il caso che cominci a preoccuparti o per lo meno a porti qualche domanda.





Lasciami smascherare infine la tua falsa umilta' che si nota primo nel falso umile nickname che nasconde invece la supponenza di conoscere la verita', ammettere che poi sotto sotto questa sia soltanto il "verbo kikiano" e' un processo difficile lo so.
Questo e' uno dei tipici frutti nel cammino, l'umilta' che viene impiantata negli iniziati e' in realta' un deprezzamanto masochistico della persona
a cui l'inziato volontariamente (ma quanto?) si sottopone nella convizione che questo sia un prezzo necessario per la sua salvezza e per avere accesso a quella "verita'" che il Cammino gli garantisce di aver il privilegio di accedere (e che i cristiani della domenica ovviamente non potranno mai comprendere)

lo scemo? No, peggio ha detto...

Bravo Gherardo, bravo.
Qui ho raggiunto il capolinea
Bravo davvero. Ho capito che è proprio ora di finirla.
Sì, col blog.
A non risentirci

felice ha detto...

Imparate da Stephanos... signori del Cammino

gherardo ha detto...

Caro loscemosolito

mi dispiace che tu vada via, mi sembra
che ti ponessi solo delle domande
ma di fronte a quelle evidentemente
preferisci sottrarti.
Leggendo il tuo penultimo messaggio
pero' colgo davvero come la confusione
fra comunita' e famiglia in te sia completa, e proprio li' che si instaura la setta, essa si sostituisce al nucleo familiare (e nei casi in cui qualche componente il nucleo fam. si oppone al CN, lo disgrega)
Per questo mi piacerebbe che riflettessi su tutto cio', ma preferisci andar via..
ricordati che comunque ci sono persone che si sono lungamente interrogate sul Cammino in base alla loro esperienza, e che se sono qui e' per condividere tali riflessioni. Rispetto la tua esperienza perche' e' stata anche la mia, ma dovresti almeno cercare se vuoi dialogare di leggere tutto quanto abbiamo riportato, come noi abbiamo fatto leggendoci tutti i doc. "reperebili" sul Cammino (oltre alle nostre esperienze dirette poi interrotte)

Francesco ha detto...

Caro fratello che ti definisci Scemo,
consentimi di stigmatizzare non tanto il contenuto dei tuoi chilometrici post quanto il metodo.
Che fai?Tocchi e fuggi?
Salvo poi a tornare per colpire e fuggire di nuovo?
Fermati un attimo e domandati se nello scrivere certe cose hai ragionato con la tua testa e sentito col tuo cuore.
Oppure se hai soltanto usato e riciclato le parole dei catechisti e di Kiko.

Francesco ha detto...

Quanto al discorso sul Rns,caro Mic,
consentimi di dubitare della loro ecclesialità,certo conforme nell'ortodossia in tutto e per tutto alla Tradizione e al Magistero,ma profondamente difforme nella pretesa di essere Chiesa fondata sul denaro e sul potere!
Ti pare poco?

Benedetto XVI° ha detto...

Dunque, vedo che devo essere più breve. Grazie per questa domanda. Mi sembra che Lei abbia citato le fonti essenziali di quanto posso dire sui Movimenti. In questo senso la sua domanda è anche una risposta.

Vorrei subito precisare che in questi mesi ricevo i Vescovi italiani in visita «ad limina» e così posso un po' meglio imparare la geografia della fede in Italia. Vedo tante belle cose insieme con i problemi che conosciamo tutti. Vedo soprattutto come la fede sia ancora profondamente radicata nel cuore italiano, anche se, naturalmente, in molti modi è minacciata nelle odierne situazioni. I Movimenti accettano anche bene la mia funzione paterna di Pastore. Altri sono più critici e dicono che i Movimenti non si inseriscono. Penso che realmente le situazioni sono diverse, dipende tutto dalle persone in questione.

Mi sembra che abbiamo due regole fondamentali, delle quali Lei ha parlato. La prima regola ce l'ha dato San Paolo nella Prima Lettera ai Tessalonicesi: non spegnere i carismi. Se il Signore ci dà nuovi doni dobbiamo essere grati, anche se a volte sono scomodi. Ed è una bella cosa che, senza iniziativa della gerarchia, con una iniziativa dal basso, come si dice, ma con una iniziativa anche realmente dall'Alto, cioè come dono dello Spirito Santo, nascono nuove forme di vita nella Chiesa, come del resto sono nate in tutti i secoli.

Inizialmente erano sempre scomode: anche San Francesco era molto scomodo e per il Papa era molto difficile dare, finalmente, una forma canonica ad una realtà che era molto più grande dei regolamenti giuridici. Per San Francesco era un grandissimo sacrificio lasciarsi incastrare in questo scheletro giuridico, ma alla fine è nata così una realtà che vive ancor oggi e che vivrà in futuro: essa dà forza e nuovi elementi alla vita della Chiesa.

Voglio solo dire questo: in tutti i secoli sono nati Movimenti. Anche San Benedetto, inizialmente, era un Movimento. Si inseriscono nella vita della Chiesa non senza sofferenze, non senza difficoltà. San Benedetto stesso ha dovuto correggere l’iniziale direzione del monachesimo. E così anche nel nostro secolo il Signore, lo Spirito Santo, ci ha dato nuove iniziative con nuovi aspetti della vita cristiana: vissuti da persone umane con i loro limiti, esse creano anche difficoltà.

Prima regola dunque: non spegnere i carismi, essere grati anche se sono scomodi. La seconda regola è questa: la Chiesa è una; se i Movimenti sono realmente doni dello Spirito Santo, si inseriscono e servono la Chiesa e nel dialogo paziente tra Pastori e Movimenti nasce una forma feconda dove questi elementi diventano elementi edificanti per la Chiesa di oggi e di domani.

Questo dialogo è a tutti i livelli. Cominciando dal parroco, dal Vescovo e dal Successore di Pietro è in corso la ricerca delle opportune strutture: in molti casi la ricerca ha già dato i suoi frutti. In altri si sta ancora studiando. ad esempio, ci si domanda se dopo cinque anni di esperimento, si debbano confermare in modo definitivo gli Statuti per il Cammino Neocatecumenale o se ancora ci voglia un tempo di esperimento o se si debbano forse un po' ritoccare alcuni elementi di questa struttura.

In ogni caso, io ho conosciuto i Neocatecumenali dall'inizio. E’ stato un Cammino lungo, con molte complicazioni che esistono anche oggi, ma abbiamo trovato una forma ecclesiale che ha già molto migliorato il rapporto tra il Pastore e il Cammino. E andiamo avanti così! Lo stesso vale per gli altri Movimenti.

Adesso come sintesi delle due regole fondamentali direi: gratitudine, pazienza e accettazione anche delle sofferenze che sono inevitabili. Anche in un matrimonio ci sono sempre sofferenze e tensioni. E tuttavia vanno avanti e così matura il vero amore. Lo stesso avviene nella comunità della Chiesa: abbiamo pazienza insieme. Anche i diversi livelli della gerarchia - dal parroco, al Vescovo, al Sommo Pontefice - devono avere insieme un continuo scambio di idee, devono promuovere il colloquio per trovare insieme la strada migliore. Le esperienze dei parroci sono fondamentali, ma poi anche le esperienze del Vescovo e, diciamo, la prospettiva universale del Papa hanno un proprio luogo teologico e pastorale nella Chiesa.

Quindi, da una parte, questo insieme di diversi livelli della gerarchia; dall'altra, l'insieme vissuto nelle parrocchie, con pazienza e apertura, in obbedienza al Signore, crea realmente la vitalità nuova della Chiesa.

Siamo grati allo Spirito Santo per i doni che ci ha dato. Siamo obbedienti alla voce dello Spirito, ma siamo anche chiari nell'integrare questi elementi nella vita: questo criterio serve, alla fine, la Chiesa concreta e così con pazienza, con coraggio e con generosità certamente il Signore ci guiderà e ci aiuterà.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

l'ultimo post di colui che si firma col nome del "papa" è un insulto all'intelligenza e alla pazienza di tutti. manipolare un discorso del pontefice per fargli dire quello che voglio è una cosa stupida e ignobile, e nello stesso tempo ancora una volta manifesta l'atteggiamento bieco ed infingardo dei neocat che vogliono sempre distorcere e presentare le cose da un punto di vista errato.

newgold69

Anonimo ha detto...

Caro newgold69:
non sono quello che ha scritto il messaggio del S.Padre, colui che l' ha fatto ha dimenticato di riportare la fonte.
Ma se vuoi puoi andarla a vedere (in parte perchè non sò dove l' abbia presa) su :
http://www.zenit.org/italian/
spero che tu conosca l' agenzia Zenit:

Anonimo ha detto...

Anzi caro newgold69, se cerchi bene in quel sito lo trovi intergralmente" e.....camomillati

Gesù Cristo ha detto...

Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi.
Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i falsi profeti.

Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Dá a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso.E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gl’ingrati e i malvagi.

Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio”.

Francesco ha detto...

Un'abbondanza di nick irriverenti e sarcastici sotto le spoglie dell'umile discorsività che nulla aggiunge e nullka toglie ai termini della questione dibattuta su questo blog:L'ASSOLUTA INOSSERVANZA ,DA PARTE NEOCATECUMENALE,DEL MAGISTERO E DELLA TRADIZIONE DELLA CHIESA CATTOLICA E IL MALCELATO DESIDERIO DI SOSTITUIRE AD ESSA UNA CHIESA NUOVA CHE HA BEN POCO DI CATTOLICO,CIOE' DI UNIVERSALE E ADERENTE ALLO SPIRITO ED ALL'UMILTA' EVANGELICI!!!

Francesco ha detto...

Non si vada a pescare pagine del Vangelo,brani di discorsi del Papa,spezzoni di documenti ufficiali per manipolarli e tentare di giustificare questa o quella posizione.
Si rimanga invece concretamente ancorati all'analisi precisa delle storture e delle devianze del Cammino Neocatecumenale ormai sotto gli occhi di tutti,senza scadere nelle polemiche con coloro che si affacciano a questo blog con intento puramente provocatorio.

Francesco ha detto...

Mi pare doveroso che Mic provveda al più presto ad eliminare tutti i posts che,se non nei contenuti,solo nella forma si presentino irriverenti e banalizzanti!

Francesco ha detto...

Possiamo attingere ancora una volta alla Sacra Scrittura per dire con San Paolo:

"Questi tali sono falsi apostoli

operai fraudolenti,

che si mascherano

da apostoli di Cristo.

Ciò non fa meraviglia,

perché anche satana

si maschera da angelo di luce.

Infatti voi, che pur siete saggi,

sopportate facilmente gli stolti.

In realtà sopportate

chi vi riduce in servitù,

chi vi divora,

chi vi sfrutta,

chi è arrogante,

chi vi colpisce in faccia.

Lo dico con vergogna;

come siamo stati deboli!"

(2Cor 11,13-15.19-21)

Un don ha detto...

LA VERITÀ INNANZI TUTTO



Docili al Concilio e ai Papi che lo hanno convoca­to, diretto e approvato, e uniti con la parte migliore ed equilibrata del Clero italiano, i fedeli insorgono per protestare contro aberrazioni dottrinali ed abusi che hanno offeso il Mistero eucaristico, “culmine e fonte di tutto il culto e della vita cristiana” (Codice di Dir. Can., c. 897).

Essi intendono smascherare manovre, prassi, modi di comportarsi e di esprimersi che rivelano la nefasta influenza della congiura, dichiarando:

1° è falso che il Vaticano II abbia “superato” la dottrina e abolito le prescrizioni del Concilio di Trento, come vorrebbero i Protestanti.

2° è falso che il movimento ecumenico debba ridurre — fino ad annullarle — le differenze che in materia di fede e costumi hanno sempre distinto la Chiesa Cattolica da tutte le altre religioni, cristiane e non cristiane.

3° è falso che alcuni peccati, ritenuti sempre gravi (specialmente quanto al sesso), oggi non siano più tali e non impediscano quindi di ricevere la Comunione senza prima confessarsi: la morale della Chiesa è rimasta immutata.

4° è falso che sia peccato soltanto quello che cia­scuno crede sia tale: la coscienza umana non è auto­noma, dovendo distinguere il bene dal male secondo la legge naturale, che riflette la Legge Eterna. Il rela­tivismo etico, nel rifiuto d’ogni valore oggettivo e assoluto, degrada la persona, spingendo l’individuo e la società verso l’anarchia e la morte.

5° è falso che la misericordia di Dio supplisca a tutto, dispensando dal dovere di pentirsi, correggersi, combattere le passioni, preferire la morte piuttosto che tornare ad offenderLo.

6° è falso che la Chiesa obblighi i fedeli a riceve­re la Comunione sulla mano e intenda abolire la prassi precedente: Vescovi, parroci e sacerdoti, che proibiscono di riceverla sulla lingua, si oppongono alle disposizioni della C.E.I. secondo la quale il nuovo rito non è obbligatorio, ma facoltativo.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

il messaggio che vedo con il mio nome alle ore 17.04 non è mio. qualcuno ha fatto il furbetto e ha voluto mettermi in bocca una cosa non vera.
a quell'ora ero in chiesa a fare la via crucis.

certo, quelle sono le parole del papa, ma non hanno alcun valore dottrinale. anzi, a dirla tutta esprimono le difficoltà che ci sono sotto e la pazienza che si deve avere perchè si correggano.

buona quaresima

newgold69

lidia ha detto...

Caro fratello in Cristo, catechista nc,
è vero o non è vero che a chi, uscito da mesi dal cammino, accade una disgrazia voi,diointerra,vi avvicinate e invece di entrare in compassione per condividerne la sofferenza, gli dite: Non ti basta delle prove che ti ha mandato Dio? Non capisci? ANCORA NON VEDI COSA TI VUOLE DIRE? ALLORA COSA ASPETTI A RIENTRARE NEL CAMMINO?
Io sono stata testimone di questo.L'ha detto uno dei catechisti nc che era rispettato come un "vescovo".
E altri, nei momenti di difficoltà se poco poco dissentivano, venivano apostrofati allo stesso modo.
E tu continui a dirmi che la Parola di Dio parla attraverso te, povero idolatra del cammino?

Voi non volete Facilitare l'avvento del Regno di Dio ma quello dei demoni che purtroppo state servendo.

Francesco ha detto...

Se il Cammino Neocatecumenale fosse veramente un Cammino di fede si metterebbe al servizio di TUTTO il popolo di Dio e della Chiesa e non a quello di una nuova Estetica riservata a pochi eletti!

Mic ha detto...

Francesco, prima di cancellare le "stonature" ,vorrei approfondire con voi quel brano del discorso del Santo Padre in cui, con grande delicatezza, egli cita le "MOLTE COMPLICAZIONI" esistenti nel Cammino Neocatecumenale.

Ecco il testo:

“Questo dialogo è a tutti i livelli. Cominciando dal parroco, dal Vescovo e dal Successore di Pietro è in corso la ricerca delle opportune strutture: in molti casi la ricerca ha già dato i suoi frutti. In altri si sta ancora studiando. Ad esempio, ci si domanda se dopo cinque anni di esperimento, si debbano confermare in modo definitivo gli Statuti per il Cammino Neocatecumenale o se ancora ci voglia un tempo di esperimento o se si debbano forse un po' ritoccare alcuni elementi di questa struttura.
In ogni caso, io ho conosciuto i Neocatecumenali dall'inizio. E’ stato un Cammino lungo, con molte complicazioni che esistono anche oggi, ma abbiamo trovato una forma ecclesiale che ha già molto migliorato il rapporto tra il Pastore e il Cammino. E andiamo avanti così! Lo stesso vale per gli altri Movimenti”.

Che ne dite?

Francesco ha detto...

Non avevo letto,Mic.
Un post firmato Benedetto XVI mi aveva già creato di per sè una certa idiosincrasia.
In quale occasione ha espresso queste considerazioni il Sommo Pontefice?

Francesco ha detto...

E' evidente che il Papa è al corrente delle COMPLICAZIONI E STONATURE create dal Cammino.
Ma è anche al corrente che i rimedi suggeriti da Arinze sono stati in gran parte misconosciuti o addirittura rifiutati a scatola chiusa?

Francesco ha detto...

"Prima regola dunque: non spegnere i carismi, essere grati anche se sono scomodi. La seconda regola è questa: la Chiesa è una; se i Movimenti sono realmente doni dello Spirito Santo, si inseriscono e servono la Chiesa e nel dialogo paziente tra Pastori e Movimenti nasce una forma feconda dove questi elementi diventano elementi edificanti per la Chiesa di oggi e di domani."

Se i Movimenti sono realmente doni dello Spirito Santo, si inseriscono e servono la Chiesa e nel dialogo paziente tra Pastori e Movimenti nasce una forma feconda dove questi elementi diventano elementi edificanti per la Chiesa di oggi e di domani:IL DILEMMA CON I NEOCATECUMENALI E' TUTTO QUI:SANNO ESSI E VOGLIONO REALMENTE INSERIRSI NELLA CHIESA E SERVIRE LA CHIESA O CERCANO SOLAMENTE DI SOPPIANTARLA NELLA SUA CONFIGURAZIONE ATTUALE(CHE E' POI QUELLA VOLUTA DA CRISTO SUO FONDATORE)?

Francesco ha detto...

Da quanto appare nella prassi quotidiana delle comunità neocatecumenali e da quanto piu volte traspare dagli interventi postati in questo blog,ilo Neocatecumenato tutto vuole meno che mettersi REALMENTE al servizio della Chiesa.

Francesco ha detto...

Tecnicamente poi,mi domando...se,come sembrerebbe,il periodo di experimentum per gli Statuti Neocatecumenali è avviato a una proroga,a cosa varrà tale proroga se gli Statuti provvisori resteranno gli stessi e non si elimineranno,prima della proroga,le COMPLICAZIONI E LE STONATURE ancora esistenti?

mic ha detto...

Rispondo a Francesco: il Papa ha parlato dei movimenti giovedì scorso, durante l'incontro in Vaticano con i parroci della diocesi di ROMA.

Ecco il primo commento neocatecumenale alle parole del Santo Padre:

Il Papa e il Cammino Neocatecumenale. Incoraggiamento e discernimento: AVANTI COSI'
“le parole di Benedetto XVI, nello specifico del Cammino Neocatecumenale, sono di grande incoraggiamento: parole che innanzi tutto riconoscono apertamente la comunione tra il Cammino, il Successore di Pietro e i Pastori delle Chiese locali”.

Il testo completo è su: http://www.segnideitempi.net/2006/


DUNQUE: dov'è il problema?

stephanos78 ha detto...

Carissimi Mic e Francesco.
Al solito è questa propaganda delle fazioni (tutte) che colpisce la prima Vittima ancora immolata: la Verità.

Questo commento neocatecumenale è propaganda. Lo stesso quella di coloro che prendono solo parzialmente le parole del Santo Padre. Come ripeto, io vedo un vicolo cieco se si continua di questo passo.

Il Santo Padre, invece, come era ovvio ha dato un esempio di delicatezza, comprensione, sapienza evangelica che svetta su tutti.

Infatti, in modo equilibrato, dice che le regole sono due ed indissolubili. Non spegnere i Carismi e la Chiesa è UNA! Il principio dell'eresia, carissimi, è propio usare PARZIALITA' in una verità. Chi dice: "il Papa ha detto che i Carismi non si spengono. Quindi lasciateci in pace", è eretico. Chi dice "il Papa ha detto che la Chiesa è Una, quindi nessuna iniziativa va presa che non parta da lei" è eretico.

La verità invece è la seguente. La Chiesa è multiforme e i Carismi sono parte di essa. MA ESSI SONO PER ESSA, CON ESSA ED IN ESSA! Guidati da LEI, vagliati da LEI, PER LEI, per la sua MAGGIORE UNITA', per la sua MAGGIORE CONCORDIA!

Questa Verità non può essere manipolata da nessuno di noi! Perchè è di Cristo! E' lui la fonte della Verità! E' lui il Creatore! E' lo Spirito Santo l'autore delle Scritture, quindi è impossibile correggerlo! Non abbiamo il diritto di correggerlo, perchè non siamo Dio!

Inoltre non possono essere manipolate le parole del Pontefice, perchè ha citato direttamente la Bibbia e sarebbe come manipolare lo Spirito Santo!

E' assurdo che da parte NC la propaganda di partito prenda talmente il sopravvento da OSCURARE E MANIPOLARE concetti chiari come quelli espressi sia da Giovanni Paolo II, sia da Benedetto.

La Verità va detta INTERA. E va lasciato il discernimento umano agire, con lo Spirito!
Il Papa ha chiaramente affermato che "si va avanti" per la strada del confronto. Una strada costellata di grandissimi problemi! E il Papa non ha citato in specifico altri movimenti MA IL CAMMINO NEOCATECUMENALE, come prototipo di ciò di cui parlava!
E (lo dico anche a Mic), non ha omesso di dire che i problemi esistono anche "per gli altri movimenti".

Io ho rabbrividito leggendo questa frase: "I Movimenti accettano anche bene la mia funzione paterna di Pastore. Altri sono più critici e dicono che i Movimenti non si inseriscono"...

La domanda è naturale e spontanea: possono esserci "movimenti" che non accettano la funzione paterna del Papa e il suo essere sommo pastore????????? Un frase del genere nasconde una realtà terribile! Se i movimenti "non si inseriscono" e un motivo è il mancato (totale o parziale) riconoscimento del ruolo del Papa, ALLORA CHE DOBBIAMO PENSARE RIGUARDO QUESTO FATTO????

Io guardo a Lutero e vedo che il suo spirito è ben presente in una Chiesa che si chiama Cattolica ma che ha vermante serie derive protestanti!

Francesco ha detto...

Se il Papa ha parla di COMPLICAZIONI e STORTURE e i neocatecumenali capiscono COMUNIONE e INCORAGGIAMENTO
o non riesce a spiegarsi il Papa(cosa alquanto improbabile) oppure sono ottusi i neocatecumenali.

C'è anche la terza ipotesi:ANCORA UNA VOLTA I NEOCATECUMENALI DISTORCONO IL PENSIERO DEL PAPA A LORO USO E CONSUMO.

Per questo(oltre che per i ben notri motivi) SONO DETESTABILI!

Francesco ha detto...

Per Stephanos.

Forse è il caso di postare interventi brevi altrimenti rischiamo di diventare asfittici per chi ci legge.

Fraternamente,Stephanos.

Un neocatecumenale ha detto...

A TUTTI I NEOCATECUMENALI che stanno leggendo questo blog,

RIVESTITEVI DELL'ARMATURA DI DIO!!

(Ef 6,11ss)

Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo. La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.
Prendete perciò l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove. State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia, e avendo come calzatura ai piedi lo zelo per propagare il vangelo della pace. Tenete sempre in mano lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno; prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, cioè la parola di Dio. Pregate inoltre incessantemente con ogni sorta di preghiere e di suppliche nello Spirito, vigilando a questo scopo con ogni perseveranza e pregando per tutti i santi.

Francesco ha detto...

pER IL NEOCATECUMENALE CHE INVITA A PREGARE

Ottimo il tuo invito,mutuatoi a Efesini,6!

E' rivoltoprevalentemente ai tuoi (e ai nostri) fratelli Neocatecumenali:

"State dunque ben fermi, cinti i fianchi con la verità, rivestiti con la corazza della giustizia, e avendo come calzatura ai piedi lo zelo per propagare il vangelo della pace."

Infatti:

.la via della Verità è altra dal Vostro Cammino;

.la corazza della giustizia non è quella che vi ha costretto a indossare Kiko;

.il vangelo della pace non è quell'invito alla secessione che invece predicate voi!

Francesco ha detto...

Non avete ancora capito,sepcialmente dopo quanto ha affermato il Papa giovedi scorso su di voi,che siete una COMPLICAZIONE per la Chiesa?

E smettetela una buona volta di contrabbandare per elogi le parole di correzione!!!

Se non foste condannabili(in senso spirituale,ecclesiale ed anche etico),sareste ridicoli!

Francesco ha detto...

Se volete veramente essere credibili,FATE AMMANDA!!!.Bastano poche cose:
1.chiedere al Papa l'approvazione definitiva degli Statuti con molta umiltà;

2.accettarne le modifiche e le correzioni;

3.applicare coerentemente,correttamente e costantemente le prescrizioni della lettera Arinze;

4.inserirsi nella parrocchia realmente e non solo in modo formale,prestando assoluta obbedienza ai parroci e ai vescovi!!

Francesco ha detto...

Siete capaci di fare ciò senza ricorrere ai vostri usuali ricatti???????????????????

felice ha detto...

il tono del NC precedente suona di maledizione e di minaccia... che bravi cristiani rivestiti del verbo kikiano.............. comincio a pensare che state diventando come i TESTIMONI DI GEOVA quando parlate srumentalizzando le scritture o che ne so... come le crigate rosse che esortano alla lotta proletaria... bravi, proprio bravi... io nn sono da considerare un apostolo, ma voi siete sicuramente dei... falsi apostoli

felice ha detto...

volevo dire BRIGATE non crigate

Francesco ha detto...

Lapsus freudiano.....caro Felice.....

Aldo ha detto...

"Se i Movimenti sono realmente doni dello Spirito Santo, si inseriscono e servono la Chiesa e nel dialogo paziente tra Pastori e Movimenti nasce una forma feconda dove questi elementi diventano elementi edificanti per la Chiesa di oggi e di domani."

Queste le parole del Papa!

Il Neocatecumenato,il RnS e qualche altro movimento servono reralmente la Chiesa o stessi?

E se servono completamente o prevalentemente se stessi,sono da considerare veramente doni dello Spirito Santo?

Aldo ha detto...

Ci si domanda se dopo cinque anni di esperimento, si debbano confermare in modo definitivo gli Statuti per il Cammino Neocatecumenale o se ancora ci voglia un tempo di esperimento o se si debbano forse un po' ritoccare alcuni elementi di questa struttura. In ogni caso, io ho conosciuto i Neocatecumenali dall'inizio. E’ stato un Cammino lungo, con molte complicazioni che esistono anche oggi...

Anonimo ha detto...

Trovatemi all'interno della chiesa qualcosa che possa rispondere alle esigenze dell'uomo moderno.Non ho conoscenza di persone,famiglie,single che hanno lasciato tutto per annunciare il vangelo non a parole ma con la loro vita.E poi voi che emettete sentenze obbedite veramente a Gesu' Cristo cioe':"chi mi vuol seguire rinneghi se stesso prenda la sua croce e mi segua"?..."Va vendi tutti i tuoi beni e fatti un tesoro nei cieli.."?"Amate i vostri nemici fate del bene a coloro che vi odiano pregate per i vostri persecutori benedite quelli che vi calunniano"? Be' se qualcuno, indipendentemente da chi sia, dice che queste sono favole probabilmente non ha fede.
La mia esperienza personale è che ho vissuto "all'ombra della chiesa" per molti anni ma la verita' su me stesso lo trovata solo nel cammino neocatecumenale che mi ha aperto gli occhi su chi sono io realmente e che mi ha dato modo di poter gustare la misericordia di Dio per me.E' vero che Dio ti ama cosi' come sei e non ti giudica come fate voi.
Alla fine quello che conta è incontrarsi nella propria vita con Gesu' Cristo nel cammino come in qualsiasi altro carisma che c'è all'interno della Chiesa

miriam ha detto...

Al neocatecumenale che cita San Paolo e chiede ai suoi di “resistere alle insidie del diavolo”, vorrei ricordare che quando non si sa che cosa rispondere o argomentare, ricorrere al diavolo torna davvero utile. Questo è uno dei modi di agire ben noto e radicato nel Cammino che lui frequenta.

Gli suggerirei, inoltre, di fare attenzione alle citazioni bibliche perché anche il diavolo conosce le Scritture e le cita cercando di confondere il suo interlocutore. Vedi il Vangelo di questa prima domenica di Quaresima!

Ora non vorrei aggiungere altro, se non auspicare una seria riflessione di tutti su quanto ha detto il Papa.

Buona Cena al fratello del Cammino e buona Domenica.

Aldo ha detto...

Trovatemi all'interno della chiesa qualcosa che possa rispondere alle esigenze dell'uomo moderno.

Caro Anonimo neocatecumenale la Chiesa di Cristo non è nata per le esigenze dell'uomo moderno,ma per l'uomo senza limiti spaziali e temporali.

Circa il resto,beh ,fratello mio,non riempirti la testa di favole.Non mi risulta che nessuno dei nostri catechisti abbia mai venduto ciò che aveva ed ha(ed è tanto,molto) per darlo ai poveri nè ha lasciato tutto per seguire Cristo.
L'unico gesto concreto per seguire Cristo il, miei catechisti lo hanno fatto quando hanno iscritto i loro figlioli nella prestigiosa università privata romana dei Legionari di Cristo,dove si pagano fior di migliaia di euro all'anno per mantenervi i figli.

O forse loro non pagano?

Anonimo ha detto...

ciao, sicuramente su alcune cose hai ragione,forse il cammino neocatecumenale sembra una sorta di chiesa parallela, e un po e vero, ma sul fatto che non sia in obbedienza alla chiesa ti sbagli.
te lo dico perche sono nel cammino gia da un po di anni, ma chiediamoci invece un altra cosa, ma veramente i catecumeni seguono kiko??io penso molto pochi, nella mia comunita ho visto cambiare molte persone, e non ringraziano kiko per questo, ma Gesù e la Chiesa, e non solo nella mia comunita, e cosi anche in altri gruppi di Chiesa, insomma che quansti gruppo estremisti sembrano delle sette be si puo essere vero ma nel loro piccolo portano dei frutti comunque e nessuno poi segue il prorio catechista, ma la Chiesa.
Per quanto riguarda il sacerdozzio, ho conosciuto sacerdoti neocatecumenali che comunque seguono anche altri tipi di cammini, e comunque ricorda che e invevitabile che prima o poi si scontrino con le realta della parrocchia. ciao e grazie

Aldo ha detto...

Caro anonimo
i catecumeni seguono i catechisti.I catechistio seguono i catechisti maggiorfi.I catechisti maggiori seguono Kiko.
Non c'è scampo!
Se ci fosse,quanto ha chiesto di osservare Monsignor Arinze già sarebbe osservato da tutti.
Invece no.
Si accampano mille scuse per non seguirlo e si cerca di far passare il tenpo pretestuosamente in attesa di tempi migliosi
Mai il papa ha parlato di un movimento come ha fatto Benedetto XVi giovedi scorso.
Ha parlato di COMPLICAZIONI.

Secondo te le complicazioni chi le crea? Questo blog?Il papa? o in Neocatecumenali stessi che si sentono la vera Chiesa?

Io ti invito a pregare ,ma anche a riflettere su ciò che ti dicono ed a ragionarci sopra con la tua testa.
Ciao

sil ha detto...

Ascolta, caro amico nc, anche i camicaze palestinesi rinunciano alla loro vita, dietro a false promesse: andare subito nel loro cielo e dare un beneficio economico ai propri cari.
Nel fare questo tolgono la vita ad altri. Il plagio è peggio dell'eliminazione di un corpo perchè è annullamento della piena coscienza, il deliberato consenso e quindi della libertà di cui ci fa dono DIO in primis.

vg ha detto...

Vi è mai capitato di assistere o sentire i commenti di un gruppo, parrocchiale, di bambini che si preparano alla Comunione o alla Cresima e che hanno come catechista un nc? Ebbene non usa i catechismi CEI (a meno che non sia obbligati a farlo dal parroco). Prendono la Bibbia e pretende di spiegarla (con le solite frasi da manualetto). Altro che ispirazione dello Spirito con una onesta preparazione attraverso i vari strumenti che la Chiesa ci mette a disposizione!
Alla fine, non sapendosi destreggiare nell'"esegesi" più di tanto, incominciano con la paura del demonio. Quindi i bambini invece di capire che bisogna entrare in relazione con Gesù, capiscono che devono fare in un certo modo per paura del diavolo, che diventa il vero punto di riferimento del comportamento umano.
Mio figlio durante la notte ha iniziato ad avere gli incubi. La cosa non è passata del tutto perchè ogni tanto gli viene in mente o sogna di fare qualche brutto incontro con ... L'anno successivo ho dovuto fargli cambiare gruppo.
Se sapete che vostro figlio per la preparazione ai sacramenti avrà uno di questi nc (poichè, con qualche rara eccezione, fanno tutti così) cercate di farlo andare con qualche altro catechista non nc.

leonardo ha detto...

Caro fratello catechista neocatecumenale vuoi fare il Messia?Il demonio arriva. Più suadente e affascinante di tutte le rappresentazioni grottesche che ne abbiamo fatto. La sua proposta è semplice, ragionevole, scontata.
Vuoi fare il Messia? Magnifico! Non esagerare (gli iniziati si potrebbero insospettire), però: riguardati, affidati a un personal trainer(altro catechista sempre più vicino ai vertici di Kiko ),cura l’immagine, se non fai lo splendido nessuno ti noterà.
Vuoi fare il Messia? Geniale! Ti toccherà contattare politici e sacerdoti, ragionare con loro, qualche compromesso sarà necessario.
Notevole! Qualche bel miracolo, ripreso da quelli di ordinaria amministrazione che il Signore ci offre continuamente: sei un artista in questo! Assicurati dell'ubbidienza incondizionata degli ingenui.
Ha ragione, il demonio. Cita pure la Parola di Dio.
Non basta conoscere la Bibbia per fare la volontà di Dio.
Gesù replica: no, non farò così.

Puntodidomanda ha detto...

Ma quante persone ha portato realmente alla Chiesa il Neocatecumenato in 40 anni?

E quante ne ha allontanate?

Anonimo ha detto...

ciao aldo, innanzi tutto mi presento mi chiamo tony, scusami se non mi sono iscritto ma mi scoccio:P
Cmq vedi su molte cose hai ragione, io ne parlo spesso con il mio confessore(che non e un responsabile:)) anche lui e un po contro il cammino, quello che volevo far capire e che alla fine cio che dicono kiko e carmen alla fine lascia all'interpretazione di chi li ascolta, in fondo il messaggio che lasciano passa di voce in voce e alla fine non e mai quello, do molta colpa ai parroci che a volte lasciano troppa mano libera a questi gruppi(parlo di tutti i gruppi in generale), non credere io do molto in testa al cammino, ma proprio perche ci credo, poi se sono forviato be questo non lo so.
Quando ci hanno imposto il credo nell'eucarestia io ho esultato, solo non mi piace il fatto che non ce l'imposizione almeno per le comunita piu vecchie di andare a messe durante la domenica;ecco questo non mi va, per il resto sicuramente e un cammino lungo che deve fare questo cammino, mi auguro che ci siano sempre piu cambiamenti in meglio e non in peggio, per il resto, guarda non so se tu lo hai mai frequentato ma ti assicuro che alla fine sono veramente pochi quelli che seguono cio che dicono i catechisti, e ti ripeto io sento molti che ringraziano Dio di essere nella chiesa e non nel cammino in se, magari mi sbaglio.
ti lascio questa email, cosi se vuoi ci possiamo anche scrivere, basta che non mi picchiate:(
macliir@hotmail.com ciao a presto

Francesco ha detto...

Caro anonimo,noi non picchiamo nessuno.
Non siamo mica catyechisti neocatecumenali....:-))

Francesco ha detto...

da dove anonimo?

mic ha detto...

Rispondo all'anonimo del 24 febbraio 20:03, che dice

"Per quanto riguarda il sacerdozzio, ho conosciuto sacerdoti neocatecumenali che comunque seguono anche altri tipi di cammini, e comunque ricorda che e invevitabile che prima o poi si scontrino con le realta della parrocchia. ciao e grazie "

Sacerdoti NC che seguono altri tipi di cammini, scusa, ma mi fa un po' ridere, perché è davvero assurdo... basterebbe potessero seguire la chiesa senza essere assoggetati a tutti i passaggi e le tappe e gli impegni totalizzanti richiesti dal cammino...

L'hai detto tu: prima o poi si "scontrano" con la realtà della Parrocchia. Infatti! Non è che la "incontrano" e vi si integrano... la realtà vera è: se ci sono i neocatecumenali il resto è deserto!!!! Ma se i neocatecumaneli fossero chiesa cattolica potrebbe anche andar bene; il problema è che non lo sono!!!

mic ha detto...

per il resto sicuramente e un cammino lungo che deve fare questo cammino, mi auguro che ci siano Anonimo delle 10:15 dice:

"sempre piu cambiamenti in meglio e non in peggio, per il resto, guarda non so se tu lo hai mai frequentato ma ti assicuro che alla fine sono veramente pochi quelli che seguono cio che dicono i catechisti, e ti ripeto io sento molti che ringraziano Dio di essere nella chiesa e non nel cammino in se, magari mi sbaglio."

se tu senti molti che affermano quel che dici, è perché identificano il cammino con la Chiesa e qusto perché drammaticamente qualcuno glielo ha fatto credere...

viator ha detto...

Perun anonimo neocat, che dice:

"nessuno poi segue il proprio catechista, ma la Chiesa."

se mi dimostri che è vero, rientro nel cammino :))))))

noi abbiamo le migliori intenzioni di dialogare e non ci piace il "muro contro muro", ma fratelli meiei ,questa è una baggianata enorme!!!

!!! ha detto...

Questi anonimi dall'aria serafica, che le sparano grosse, come se noi in tanti anni e negli ultimi mesi avessimo vissuto una realtà diversa in un altro mondo, diverso da quello che vivono loro, sinceramente hanno anche un po' stufato !!!

Francesco ha detto...

Caro anonimo delle 10,15 del 25/2,se ritieni continua a intervenire in questo blog a portarci la tua esperienza.
Forse un giorno potremo anche contattarci in msn.

Anonimo ha detto...

Salve ero nel cammino ma non frequento più da quasi un anno. si potrebbe dire che sono nata e cresciuta in quell'ambito, ma negli ultimi anni tutta la mia famiglia a poco a poco ne è uscita, e finalemente, dopo quasi 10 anni mi sono sentita autorizzata a farlo anch'io. vorrei solo dire una della cose che il cammino mi ha lsciato e che sto cercando di correggere - ma ce ne vorrà di tempo!!-: l'idea che per fare la volontà di Dio devi soffrire, andare contro te stesso e la tua coscienza, accettare e fare tutto quello che ti viene detto senza obbiettare. Grazie a Di, anche se in una famiglia neocatecumenale, i miei genitori ci hanno sempre incoraggiato a leggere,informarci e farci un nostro punto di vista. Apprezzo molto il vostro sito, sebbene a volte giudichi alcuni commenti un po troppo accesi. Continuate così!
Ps: scusate l'eccesiva lunghezza;)

PIETRO SFC ha detto...

Cara strumentalizzatori delle parole,
che sia un cammino spirituale validi nessuno lo mette in dubbio, ma ci sono delle cose oscure, e credimi le incontrersi, che forse andrebbero capite.

mi fa specie che si strumentalizzi la frase del papa nei riguardi del cammino, anche perchè in quella occasione il Santo Padre sapeva ben poco di cosa fosse il cammino neo-catecumenale, o almeno sapeva quello che gli fu presentato:
(un cammino per Adulti rivolto ai lontani dalla Chiesa della durata di 7 e dico 7 anni che facesse riscoprire il valore vero del proprio battesimo per poi risciogliere l'eletto all'interno della parrocchia), cacchio un cammino del genere chi non lo facesse proprio e non sponsorizzasse sarebbe un cretino.

Ma poi cosa è successo? il cammino dura in media 20-25 anni dove le persone che vivono in comunità pensano ben poco alla vita parrocchiale, anche dopo la fine del cammino si continua a celebrare da soli, fregandosene del tutto della comunità parrocchiale. "Rivolto alle persone lontane dalla Chiesa" kiko dopo anni di cammino sta avendo non pochi problemi nelle parrocchie dove il cammino è una forza indiscussa Santa F. Cabrini e Martiri Canadesi, cioè quello che ormai si formano comunità solamente con ragazzi figli di neo-catecumenali che hanno appena ricevuto la cresima... ed il cammino per Adulti? ahh! siccome queste comunità erano così ingestibili perchè oramai erano dei grandi gruppi post-cresima ha dovuto inserire delle coppie TOUTOR, cioè che affiancassero i giovani, in modo da mettere sulla retta via le giovani comunità!

per questo cari strumentalizzatori delle parole,
evitiamo di strumentalizzare il Papa e le sue parole dette di una cosa presentata come un'altra!

Ti voglio bene in Cristo e che ti doni la Sua PACE!

miriam ha detto...

Dalla testimonianza di Anonimo 26 febbraio 9:59:

"i miei genitori ci hanno sempre incoraggiato a leggere,informarci e farci un nostro punto di vista. "

E' questo che vi ha salvati, anche perché sostanzilmente è l'esercizio della libertà, della ragione e della coscienza che sono doni del Signore INALIENABILI!

Grazie per la tua testimonianza.
Convengo sulla tua osservazione sui toni a volte accesi, ma spesso le menzogne ripetute un po' di esasperazione la portano... ma questo dimostra che dobbiamo molto pregare per crescere nel Signore in modo che oltre alla nostra fede aumenti anche la nostra carità!

CRIstoPh ha detto...

ho letto molti post e forse ripeterò qualcosa di già sentito.

Il lavoro che fate qui è curioso e unisce le più eterogenee esperienze del e nel cammino ( vissute in prima persona, tramite familiari, conosciuto tramite la parrocchia o amici, o addirittura conosciuto per sentito dire e poi approfondito in questo blog).

Mi rivolgo in particolar modo a voi che rappresentate in pochi il più del 75% delle firme dei migliaglia dei post che vanta il blog ( mic, stephanos78, miriam, francesco,felice, viator, nicola etc), ma anche a quei molteplici volti anonimi che non ci permettono di stimare l'effettiva affluenza al blog ( ma in effetti neanche gli altri.. potrei firmarmi mic adesso no ? )

La mia critica a questo sito di critiche è che a fronte di molti di voi mossi da effetivo zelo , ve ne sono altrettanti che lasciano trapelare chi odio, chi giudizio e chi rancore. ( e non sottolineate che è una mia impressione!! è così!! )

Ora se il vostro blog vuole essere un blog di confronto è un conto e può anche nascere qualcosa di costruttivo. E noto che in parecchi post l'intento è questo e me ne rincuoro.

Ma fa male vedere che in altri post si dice che è tutto sbagliato e si giustifica tale affermazione a fronte di

1)analisi di discorsi fatte su modello più inquisitorio che altro

2) presunta miopia e/o ignoranza delle gerarchie ecclesiastiche, che in alcuni post sono descritte come acritiche canne al vento che si lascerebbero abbagliare dal "fascino" che a prima vista può suscitare questo artista iberico errante , e non pastori della chiesa che dalla chiesa stessa sono posti nel loro ruolo per un accurata capacità e attitudine a guidare un popolo e a capire qual'è il loro bene, oltre che per la provata fede in cristo.

3) accuse sullo stile , l'arte i modi di parlare di alcuni individui che sarebbero distruttori delle fondamenta teologiche e dottrinali della chiesa di roma ( ma ricordate che " le porte degli inferi non prevarrano su di essa ")

4) accuse ad un fondatore di un movimento della chiesa cattolica di essere uno pseudo satanista e di aver fregato tutti , milioni di persone ebbeti che non hanno coscienza critica, sacerdoti con alle spalle anni di studi dottrinali e teologici oltre che esperienze di vita cristiana, 4 o 5 papi che diamine, se fosse stato il demonio kiko in persona , pensate che avrebbero avuto problemi a sconfessarlo e a scandalizzare qualcuno ( suvvia, siamo realisti !! e sottolineo che questa delle gerarchie che non vogliono scandalizzare è una tesi qui più volte citata)

5) frasi che sarebbero state dette ( senza citare le fonti )



A queste persone e solo a queste , non a quelle che (dico seriamente) sono spinte da un desiderio di critica non rancorosa, ma costruttiva ( e non mi dite tutti, vi prego!! ), consiglio di non pensare che la vostra esperienza possa essere oggetivizzata in toto, poichè è soggettiva e come ci siete voi , ci sono altre persone che ritenedo di essere in piena coscienza e di avere un cervello per pensare scelgono di stare in cammino ( non sono pazzi, illusi, esaltati o che ne so, quello che alcuni post dicono così bene).

Questo volevo sottolineare, va bene l'esperienza personale , anzi va benissimo, ma trarre da questa che la chiesa sta soccombendo al cammino, che il cammino è sovversivo e vuole dare una sua impronta basata su una teologia kikiana , lasciatelo giudicare a chi come jhoseph ratzinger ha dato il suo licet a tutti i cosidetti libri segreti e quindi alla sudetta dottrina kikiana !

Per il resto e per gli altri vi dico che da parte mia (e non sono nessuno) continuate, è vero che il cammino ha tanti tratti estroversi che portano a molteplici e diverse situazioni che dipendono anche da una differente situazione culturale , sociale , e addirittura soggettiva di carattere delle persone delle zone e del modo in cui il cammino è trasmesso. Questo fa si che com'è giusto che sia le nostre esperienze sono molteplici e diverse e non si possono ricondurre a Una "verità" .

Ora basata ho parlato troppo contravvenendo agli insegnamenti ovvero "il vostro parlare sia si, si, no, no: il resto viene dal maligno ” ( ma anche qui non state messi troppo bene ;)

Vi lascio in attesa delle più ardite ( o anche semplici ) risposte che si riverseranno ( una cosa vi prego : non mi analizzate il discorso frase per frase, mettendo in neretto quello che non va bene, io non l'ho mica fatto !! grazie )

CRistoPH ha detto...

o mio dio che post lungo! scusate davvero!

mic ha detto...

Caro Cristoph,

apprezzo il tuo lungo discorso nella misura in cui vuole essere costruttivo e accetto la critica sull'eccessiva 'vis polemica' di alcuni post...

Mi spiace però che tu l'abbia messa su due fronti contrapposti (e quelli purtroppo abbiamo constatato strada facendo esistono davvero) ma hai basato il tutto sulle diverse 'esperienze personali' e, quindi, sulla loro soggettività.

Se così fosse, a me non interessa nulla perdere tanto tempo per analizzare, discutere, diffondere quello che fa parte di una mia esperienza personale...

Si da' il caso, invece, che questa esperienza oltre ad avere il moltiplicatore di altre analoghe esperienze condivise (e qui potresti obiettarmi che anche sull'altro fronte è la stessa cosa e non lo discuto) non è fine a se stessa. Mi spiego meglio: qui non ci sono soggettività che parlano, ma ci sono persone che, a partire dalla loro esperienza, hanno scoperto parole e fatti documentati (e non citazioni senza fonti come tu dici) che dimostrano come il cammino NC, pur avendo molti aspetti positivi, sia eretico e deformi la spiritualità e le coscienze delle persone e, almeno così com'è e come si comporta a tutt'oggi, si pone da solo 'fuori' dalla Chiesa, nonostante i grandi proclami di ecclesialità.

Il tutto è stato ampiamente documentato in pagine e pagine del sito che non so se hai letto.

Pertanto, piuttosto che confrontarmi su supposizioni, preferirei tu portassi argomenti che confutano la veridicità e la teologia e la prassi che emergono da quelle pagine.

Allora credo che qualcosa di veramente costruttivo potrebbe venir fuori.

Il riferimento al maligno te lo potevi risparmiare, perché credo che dalla nostra divisione l'unico che veramente può dichiararsi soddisfatto e proprio lui...

daniele ha detto...

IO e la mia comunità, nonche tutte le altre della parrocchia partecipiamo sempre alle ceneri, visto che le avete citate. E non si muove niente senza che il card. Caffarra, nostro Vescovo non sappia nulla...

Anonimo ha detto...

ciao mi chiamo gabriele: il cammino è solo uno strumento che a me serve x essere vicino a gesu e a dio, con la parola di dio spiegata prima delle letture il sabato sera capisco cosa il signore mi sta dicendo in quel momento. e vorrei dire una parola a mic a riguardo delle famiglie in missione x creare una nuova chiesa in europa da dove sta sparendo, veramente!!!
la comunità di origine della famiglia in missione non gli paga l'affitto e le spese di viaggio, ha mai sentito parlare della provvidenza. e poi la famiglia in missione non è legata piu ( se non x brevi periodi torna a casa: a natale ) alla comunità di origine, ora la sua vita è in missione, la sua comunità è li , in quel paese straniero...
poi la liturgia non ce la siamo inventata noi, sta tutto scritto sul lezionario (libro rosso ) dove è posibile fare diverse preghiere eucaristiche. le focacce è fatto solo di farina, acqua senza lievito ( a ricordo del pane degli ebrei che fuggirono dal faraone) e il vino e solo vino liquoroso con un po d'acqua , qnd non c'è nessuno che si ubriaca e poi x ultimo la tua critica sulla nuova architettura: la bocca, lo stomaco e l'utero, mi sa che ti sei fatto influezare troppo da sandro magister (panorama). solo 1 cosa ti dico: dopo il concilio vaticano II la mensa non è + nell'apside con il prete che da le spalle ma anzi si rivolge all'assemblea x avere un maggior raccoglimento di fede in un momento cosi importante che è l'eucarestia.
p.s.
se vuoi venire a vedere dal vivo come si fanno le messe da noi scrivimi e ne parliamo
ciao
gabrielescifoni@tiscali.it

Bud ha detto...

Volevo dire solo una cosa facendo una piccola premessa: Viva DIO che ha creato il mondo vario e perciò ogni essere umano è unico ed irripetibile, ed è quindi possibile un confronto grazie a mentalità e opinioni differenti.

Su un punto però bisogna essere daccordo ed obbiettivamente coerenti, prima di tutto con se stessi, ciò è la base della costruttività in un dialogo di confronto e crescita e cioè:
PER FAVORE, PRIMA DI RIMARCARE LA PAGLIUZZA NELL'OCCHIO DEL PROSSIMO, CHE E' GIUSTO E CORRETTO FAR NOTARE, BISOGNEREBBE ASSUMERSI LA RESPONSABILITA' DELLA TRAVE CHE E' NEL NOSTRO OCCHIO. SEMPRE CHE SI ABBIA UN MINIMO SENSO DI RESPONSABILITA', SPESSO C'E' CARENZA DI TALE PREZIOSA CARATTERISTICA.

CHI E' PERFETTO, SI FACCIA RICONOSCERE DICENDOLO APERTAMENTE A GRAN VOCE, SEMPRE CHE NE ABBIA IL CORAGGIO!!1