sabato 17 febbraio 2018

La grande truffa del neocatecumenalismo

Ci segnalano da Facebook che gli stessi fratelli del Cammino sono perfettamente al corrente della grande truffa neocatecumenale«Lo statuto approvato dalla Madre Chiesa non svela tutto per filo e per segno...»

E non hanno nulla da ridire: «...ed è giusto così. Se sapessimo tutto, che senso avrebbe fare il cammino».

Chiaro? Lo Statuto «non svela tutto», per cui il Cammino contiene dei segreti arcani che la Chiesa non ha approvato (infatti lo Statuto non li prevede) e che verranno "svelati" quando ai dirigenti del Cammino farà comodo.

Solo così ha «senso» il Cammino.

E chi sono gli incaricati di "svelare"? Ovvio: i cosiddetti «catechisti» neocatecumenali.

«Avete dei catechisti, preoccupatevi di parlarne con loro». La Chiesa Cattolica per i kikos non conta nulla, il sacerdozio ministeriale (quello di santificazione, di insegnamento, di guida spirituale) per loro non conta nulla: voi fratelli del Cammino «avete dei catechisti», e perciò in caso di dubbi, fatiche, difficoltà, «preoccupatevi di parlarne con loro». Con loro, non con gli uomini che la Chiesa ha investito del sacerdozio ministeriale.

Infatti «la prima cosa» che viene imposta nel Cammino è l'«obbedienza ai catechisti», come se voi foste dei monaci vincolati dal voto di ubbidienza e i cosiddetti "catechisti" fossero il vostro abate e direttore spirituale. Come se la vostra libertà non contasse nulla. Come se la Chiesa fondata sul sacerdozio non contasse nulla.

E l'altra «prima cosa» che viene imposta fin dagli inizi del Cammino quale è? «La riservatezza», cioè la segretezza. Solo i cosiddetti "catechisti" possono «svelare» e "consegnarvi" ciò che la Chiesa non ha approvato, che lo Statuto non contiene, e che voi ugualmente dovrete sorbirvi. A cominciare dalla "Decima".

31 commenti:

  1. Il segreto di loggia che regna nel cammino neocatecumenale è la più importante forma di controllo e potere nel cammino.
    Ci sono segreti non solo fra catechisti e adepti, ma anche fra comunità, fra responsabile e camminanti normali, persino fra catechisti nazionali e famiglie in missione, rettori e seminaristi, fra gli itineranti.... Solo così Kiko può controllare tutto, come un vero gerarca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il segreto di loggia è confermato dalle icone/Quadri di Loggia di Kiko Arguello. In Massoneria un Quadro di Loggia è un quadro (o un tappeto) nel quale sono mostrati i simboli del grado nel quale si svolgono i "lavori di Loggia". C'è un Quadro del primo Grado, del Secondo grado, del Terzo grado. Naturalmente chi sta nel primo grado non può ricevere i simbolismi del secondo o del terzo: è uguale alle "consegne" delle icone di Kiko, consegne a tappe. Un quadro di Loggia è "sacro" e trasmette la sua sacralità al luogo nel quale è mostrato. Le icone di Kiko sono ritenute sacre.
      Io non ho mai sostenuto che il CNC sia vera e propria Massoneria, non ci sono prove ma solo indizi: una sorta di Massoneria sì. Le somiglianze - gnosi compresa - sono impressionanti, il modello è massonico.

      Elimina
  2. Cito da un mio recente lavoro, nel quale dedico molta attenzione alle "approvazioni".

    "Lo Statuto ad Experimentum fu concesso, con provvedimento del Pontificio Consiglio per i Laici, il 29 giugno 2002. Nel decreto si conferma che fu il Papa a volere la normalizzazione del CNC:

    "...il Santo Padre aveva espressamente sollecitato la stesura degli Statuti, «un passo molto importante che apre la strada verso il suo formale riconoscimento giuridico da parte della Chiesa, dando a voi una ulteriore garanzia dell'autenticità del vostro carisma".

    Naturalmente, a maggior ragione l'ulteriore garanzia dovrebbe stare nello Statuto definitivo.
    I neocarecumenali, però, non vogliono ulteriori garanzie. I neocat non ne hanno bisogno, la garanzia dei catechistoni basta.
    Naturalmente è in gioco la liturgia eterodossa del CNC, che non è svelata dalla nota 49.

    RispondiElimina
  3. E comunque...... APPROVATI!!!!
    Ha ha haaaaa
    ......il rosicamento continua

    RispondiElimina
  4. "comunque...... APPROVATI!!!!"
    Capito che razza di persone sono queste? L'approvazione della Chiesa si estende su ciò che lo Statuto non comprende assolutamente (vedi decima), anzi, anche su ciò in merito al quale si esprime in modo contrario (vedi abusi liturgici e violazione del foro interno)? Addirittura il Sacro Dogma, ciò che la sventurata sorella di fb ha imparato come prima cosa, cioè l'"obbedienza ai catechisti" assolutamente non è da Statuto...anzi, c'è l'obbedienza a vescovo e sintonia con le direttive del parroco, proncipio costantemente violato.
    Vi approvate da soli, neocatecumenali? Neppure vi siete accorti che lo Statuto è stato voluto da San Giovanni Paolo II per potervi mettere in mora e legarvi al rispetto delle norme della Chiesa e non per darvi la licenza d'uccidere a vostro piacimento?
    Di fronte a tanta pochezza spirituale, oltre che intellettuale, viene meno ogni possibile risposta o dialogo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché siete sempre a giudicare

      Elimina
    2. Perché non ti rendi conto che ti hanno condizionato a ritenere che l'uso della ragione e del buon senso sia un peccato? Un peccato nuovo, il "giudicare". Giudicare infatti è peccato quando si esprimono dei pensieri autonomi nei confronti del cammino. Non lo è invece quando si ripetono i mantra del cammino. Capisci che è una schiavitù? E che Dio ci ha liberati non perché diventassimo schiavi del primo guru che passa?

      Elimina
    3. Nel Cammino si dà alla parola giudicare il significato erroneo di "spettegolare", con la conseguenza che tutti hanno una fifa blu di chiamare le cose con il loro nome. E infatti non lo fanno. Per questo, stiamo sempre a giudicare.

      Elimina
  5. En Cruxsancta ya está la primera parte del anuncio de Cuaresma. Encontraréis la dirección para ver un video con una parte de la nueva sinfonía que alguien le está preparando a kiko para su fiesta de aniversario en Roma. Kiko a advertido que NADIE de fuera del camino debe ver ese vídeo. Le daremos la sorpresa de que aparezca por toda la red.

    https://vimeo.com/253024600

    Contraseña: Pascua2018

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Han cambiado la contraseña, seguramenteseguramente para evitar que se extendiera la dirección.
      Pero ha sido publicado en YouTube.

      https://www.youtube.com/watch?v=OwqoP_4k1lc&feature=youtu.be

      Elimina
    2. Qualcosa si può leggere anche qui :
      http://kairosterzomillennio.blogspot.it/2018/02/kiko-arguello-annuncio-di-quaresima_17.html?m=1

      Frilù

      Elimina
    3. Se è possibile è meglio evitare di accedere su YouTube. Va scaricato da una rete sicura e caricato su un sito tipo MediaFire, anonimo.

      Elimina
  6. "......il rosicamento continua"

    E chiamala pure "rosicamento"! Dalle mie parti si chiama "informazione". Che poi sia una informazione (non solo la nostra, ma nel mondo intero) che sta "rosicando" i vostri numeri, su questo possiamo convenire.

    Appena oggi, per la vostra arroganza, avete perso una persona che avrebbe potuto frequentare le catechesi iniziali.
    Segnalo il commento del signor Gianluigi: https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1776513172650311&id=1768652926769669&comment_id=1776637639304531&reply_comment_id=1776638799304415&comment_tracking=%7B%22tn%22%3A%22R%22%7D

    Lo segnalo soprattutto a qualche catechistone che ci legge:
    Gianluigi XXXXX "sinceramente anche nella nostra diocesi di faenza ci sono state cose simili a quelle che raccontava,e il vescovo per quello che so le ha vietate, e mi sarebbe piaciuto approfondire, perchè a breve mi hanno detto che dove mi sono trasferito ora in sardegna ci saranno queste catechesi e mi hanno invitato a seguirle .giudicare il prossimo credo che spetti a qualcun'altro e cristianamente non ci fate bella figura a evitare la discussione... non crede?"

    "dopo aver letto quello che state scrivendo qui, e parlo di voi del cammino sto pensando che è meglio evitare,mi sembrate molto aggressivi , quello che cerco è serenità e tranquillità , e al momento leggendo i vostri commenti.queste mie necessità mancano".


    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ora eliminate anche i commenti del signor Gianluigi. Siete in due a parlarvi: guarda caso i due che hanno conseguito l'elezione a "SOMMO PASQUALONE DELLA RETE - cavalier servente di Kiko Argüello e all'occorrenza anche cavallo o asino". Dopo l'elezione vi siete "apparati" e avete formato una nuova comunità in FB piena di commenti/fichi sterili da tagliare :-)

      Elimina
  7. "approvatiiii"?

    - vuoi tu fidanzata/o dell'anonimo prendere in sposo l'anonimo/a come tuo sposo/a... blah blah?

    - sìsì! (pensando: e però poi mi tengo l'amante, gli saccheggio il conto in banca e gli metto contro tutti i parenti, miei e suoi!)

    sposatiiiiiiiiiihhhhh?!!

    perdere malamente è la nuova vittoria e lercio è la nuova purezza.

    RispondiElimina
  8. Anonimo, ma chi è che rosica?
    Sai che soddisfazione! Cosa ci guadagniamo? Rispondi!

    Per quanto mi riguarda avevo messo tutta la vita nel cammino.
    Ti parlano di amore e obbedienza alla Chiesa, ma quando tu lo metti in pratica ti accusano di essere amico di Vescovi e Parroci.
    Così scopri che sei stato un tonto a non capire che DEVI PREDICARE COME PREDICANO E AGIRE COME AGISCONO, allora sì che hai ben compreso lo "spirito del cammino" in obbedienza cieca AI CATECHISTI NEOCATECUMENALI e prendendo SISTEMATICAMENTE per i fondelli la Chiesa "gerarchica" per la quale i neocatecumenali non devono provare amore, ma solo disprezzo.

    Anonimo non farmi ridere. Noi siamo stati mischiati in mezzo a loro, a quattr'occhi ci hanno spiegato bene come funziona, sanno di essersi esposti molto con quelli come noi ed è per questo che, quando abbiamo deciso DISGUSTATI di andare via da questa peste, hanno tentato di tutto per impedirlo.

    Moltissime cose sono state corrette, tante altre depennate, la struttura del cammino è stata stravolta, mettendo tutto sotto la responsabilità e guida della Chiesa, tramite i Vescovi.
    Apri la mente Anonimo, ma di quale approvazione tu parli?
    Presto documenteremo ancora sui metodi neocatecumenali, quelli operativi, non contemplati in nessuno Statuto.
    Continua a leggerci.
    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai sbagliando, Pax, perdonami se te lo dico :-)
      Se Kiko ha dimostrato nell'Annuncio di non tenere in alcun conto il Dogma dell'Assunzione in corpo e anima della Santissima Vergine, tu stai mostrando di ignorare il Dogma sulle approvazioni del PCpL.
      Esso recita così, impariamolo tutti a memoria, anche io lo ignoravo prima che l'anonimo mi inducesse a ricercarlo:

      «Pertanto, dopo avere innalzato ancora a Dio supplici istanze, e avere invocato la luce dello Spirito di Verità, a gloria di Dio onnipotente, che ha riversato su mons. Rylko la sua speciale ispirazione nel pilotare il Cammino, pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato: 'il Cammino è approvato'.
      Perciò, se alcuno, che Dio non voglia, osasse negare o porre in dubbio volontariamente ciò che da Noi è stato definito, cio che lo Statuto e i mamotreti del Cammino sono approvati, e quindi lo è il Cammino tutto, sappia che è venuto meno alla fede divina e cattolica".

      Elimina
    2. Grande Lino da incorniciare!

      Anzi lo metterei come sottotitolo di questo blog 😉


      Parafrasando una nota pubblicità:

      Un'approvazione e' per sempre. (Vangelo secondo Kiko)

      Infatti la nuova benedizione NC e':
      Che l'approvazione sia con voi e con il vostro Kiko-spirito.

      E nei matrimonio NC diranno: E l'uomo non separati quello che l'approvazione ha unito.

      ...e potrei continuare

      Qualcuno può dire a questi scienziati NC che le approvazioni possono essere revocate, e che non più di un mese fa un movimento e' stato chiuso nonostante l'approvazione (se mi ricordo bene era solidazio di vita cristiana)?

      EX-NC-???

      Elimina
    3. Mi correggo non e' stato chiuso ma commissariato:

      http://www.lastampa.it/2018/01/10/vaticaninsider/ita/nel-mondo/dopo-la-crisi-degli-abusi-il-vaticano-commissaria-il-sodalizio-di-vita-cristiana-eJsodxYJt2kkANwBrTqYEJ/pagina.html

      EX-NC-???

      Elimina
  9. Il culto della segretezza è, da sempre, uno dei segnali d'allarme principali (se non IL segnale d'allarme) che in un gruppo "religioso" c'è qualcosa che non va. Anche nel gruppo di cui facevo parte c'era, e come un allocco non vi ho fatto caso, giustificando la cosa esattamente come fanno i neokatekikos: "eh, ma allora non avrebbe senso fare il percorso" oppure "eh, ma certe conoscenze sono riservate a chi è già avanti nel percorso, se dai queste conoscenze in mano a chi è ancora indietro rischia di 'farsi male' perché non sa come gestirle, è come dare una pistola in mano a un bambino (giuro!)". Questo perché il percorso spirituale che certi gruppi come il CNC propongono, presentano la conoscenza di certi argomenti come una specie di "superpotere". Alla faccia quindi dell'umiltà, chi arriva a detenere questa conoscenza è, per forza di ragionamento, superiore agli altri (cioè i "cristiani della domenica").

    Purtroppo, chi si trova invischiato in queste realtà ha, letteralmente, le fette di prosciutto sugli occhi, e non lo sfiora minimamente il pensiero che tutta questa segretezza serve in realtà per celare cose sbagliate o illecite che, se scoperte da qualcun altro, provocherebbero una bufera. Nel caso del CNC, se la Chiesa venisse a sapere TUTTO del CNC, quest'ultimo se la vedrebbe davvero brutta.

    RispondiElimina
  10. Leggo su Jungle Watch che i neocatekikos locali stanno festeggiando perché riguardo alla querela per libel and slander (diremmo "calunnia e diffamazione") contro il vescovo pedofilo neocatecumenale (quando su carta intestata della curia di Guam furono inviate minacce e insulti agli accusatori del pedofilo e a Tim), il giudice ha per il momento dichiarato che non esistono gli estremi per uno dei due reati.

    Quello che i neocatecumenali non dicono è che gli estremi per il reato di libel (diremmo "diffamazione") sussistono ancora.

    Nel mondo anglosassone, in generale, libel riguarda la diffamazione scritta e slander quella verbale, per cui non ci sarebbe una diretta corrispondenza al diritto italiano (dove "calunnia" è quando si denuncia qualcuno all'autorità per reati che non ha commesso, mentre "diffamazione" riguarda il solo tentativo di rovinare la reputazione). Per cui la dismissione dello slander indica che la faccenda è tutta sui documenti scritti.

    La parte divertente è che è probabile che quella diffamazione, su carta intestata della Curia, sia stata orchestrata da due presbiteronzoli neocatecumenali mentre il vescovo pedofilo neocatecumenale era scappato segretamente a Roma per farsi il video-selfie in cui si proclamava innocente. Insomma, in diocesi non comanda il vescovo mai i pretonzoli neocatecumenali: il che è gravissimo, specialmente di fronte al fatto che hanno usato l'autorità della diocesi per diffamare i cristiani della domenica sgraditi al Cammino. Il tribunale li aspetta - e state certi che non avverrà coi tempi dei tipici tribunali italiani...

    Piccola parentesi storica: il vescovo giapponese Fukahori, quello che attivò il seminario neocatecumenale Redemptoris Mater a Takamatsu negli anni '90, in una lettera pastorale criticò con nome e cognome due cattolici locali che si erano opposti alla creazione di una struttura utile solo al Cammino ma pagata da tutti i cattolici (per di più di una chiesa povera - la diocesi di Takamatsu conta solo 5000 battezzati, e in Giappone non esiste nessun ottopermille o facilitazione fiscale).

    I due cattolici lo querelarono per diffamazione e il vescovo neocatecumenalizzato fu costretto a pagar loro un risarcimento equivalente a parecchie migliaia di euro; intervistati da un giornale, i due dissero che non erano felici di aver vinto la causa, perché il seminario neocatecumenale restava lì al suo posto (verrà chiuso d'autorità solo molti anni dopo, e i kikos dichiararono che il seminario era stato solo "trasferito a Roma" pur di non ammettere la sconfitta). Purtroppo l'agenzia di stampa UCANews qualche anno fa ha sfoltito drasticamente i propri archivi e quindi non posso recuperare le citazioni (sul nostro blog ne abbiamo comunque parlato spesso traducendo gli articoli della Conferenza Episcopale Giapponese).

    RispondiElimina
  11. "Yo soy un pobrecillo que tengo que aceptar ser artista para vosotros, que no es fácil ser artista. Y lo tengo que aceptar porque Dios me ha hecho artista para vosotros. Para hacer estas pinturas, para crear una Iniciación cristiana, para todo lo que Dios ha querido que ayude al Camino y la Iglesia en ese sentido."

    Alla faccia dell'umiltà!!
    Povero Kiko!
    Che deve fare lui per la Chiesa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un attimo invece di pobrecillo avevo letto imbecillo...

      Elimina
    2. Del resto chi rinuncia all'uso della ragione "circoncidendola" si rende ipso facto un imbecillo, ossia uno privo del bastone (baculum) della ragione stessa.

      Simonetta

      Elimina
    3. Un piccolo promemoria tecnico.

      La Tradizione della Chiesa è ciò che la Chiesa ha universalmente fatto in tutti i secoli e ovunque. Per estensione aggiungiamo comunemente ciò che la Chiesa ha fatto per periodi particolarmente lunghi: se qualcosa viene raccomandato da tantissimi Pontefici e Vescovi, e viene fortemente vissuto da innumerevoli santi, non c'è bisogno di chissà quale laurea per qualificarlo come gesto tradizionale - si pensi ad esempio al digiuno quaresimale o all'inginocchiarsi.

      Si può andare contro la Tradizione solo in un modo: inventando qualcosa di nuovo (non importa se spacciato per "riscoperta" di qualcosa che la Chiesa aveva giustamente smesso di proporre). Per esempio la "comunione seduti", o il rinviare il battesimo all'età adulta, o il proporre nueve estetiche riguardo alla liturgia sostituendo suppellettili, paramenti, ecc., che avevano qualche ben valido motivo di esistere se sono stati adoperati per tantissimi secoli (per esempio: la riscoperta della "càsula" medievale - trasformata rapidissimamente in insipido tendaggio - è avvenuta così brutalmente da aver mandato in soffitta da un giorno all'altro la "pianeta" disprezzata solo perché preconciliare).

      La bellezza che salverà il mondo è quella che da innumerevoli secoli ha già contribuito a salvarlo, per opera e testimonianza degli stessi santi e della gerarchia cattolica lungo i secoli. Oggi, invece, con astuti giochi di parole si vorrebbe prendere per il sedere i credenti, imponendo loro una nueva bellezza che faccia dimenticare la precedente (per esempio: avete mai udito il canto gregoriano in una liturgia neocatecumenale? vi avete mai visto un'opera artistica come l'Annunciazione del Beato Angelico?).

      Ratzinger, da cardinale prima e da papa poi, ha condannato lo "spirito del Concilio" in quanto falso e apportatore di novità che non erano cattoliche, indicandolo come in contrapposizione al Concilio stesso. Gli autonominati iniziatori del Cammino si vantano che il Cammino sarebbe frutto del Concilio - in realtà è frutto di quello "spirito del Concilio" che ha preteso di portare innovazioni (soprattutto con la scusa delle "riscoperte").

      Un tipico sporco trucchetto dei maestri della menzogna è quello di opporre il particolare all'universale. Esempio: "padre Pio comandò XYZ, ma XYZ è troppo severa, pertanto non si può più comandare".

      Avete notato il trucchetto? XYZ comandata (o raccomandata) ad uno o più fedeli viene abusivamente giudicata "troppo severa" per tutti, per cui va abolita ("non si può più comandare", cioè "bisogna negarla, disprezzarla, dimenticarla"). Ora, anche se a tutti noi XYZ apparisse troppo "severa", non possiamo negare che per determinate anime in determinate circostanze possa essere tutt'altro che severa e sconsigliabile.

      Con quello stesso trucchetto si potrebbe dire: il digiuno quaresimale è troppo severo, riduciamolo, aboliamolo, sostituiamolo con qualcos'altro. Avete notato il trucco? Le circostanze delle singole anime non c'entrano più. È lo stesso trucco menzognero dei neocatecumenali: la comunione "seduti" perché "così faceva Gesù" (senza spiegare con quale macchina fotografica lo avrebbero assicurato). Dunque, secondo la SanCarmen SanHernandez di Categoria Superiore, la Chiesa ha sbagliato per venti secoli a raccomandare la massima devozione e a non far sedere.

      E poi padre Pio talvolta sgridava certe anime, mentre oggi va di gran moda la misericordia a senso unico (per cui non vanno sgridati neppure i peccatori impenitenti, tanto - dicono i neocatecumenali - quando il Signore "ti toglie la mano dalla testa, ne succedono di ogni": e quindi il puntuale pagatore di decima e presenziatore a celebrazioni e convivenze può tranquillamente condurre le sue violenze familiari, il comodissimo alibi non gli verrà mai meno, specialmente se è un cosiddetto "catechista").

      Elimina
    4. Le critiche al Cammino possono esserci e devono esserci. Ma basare la critica sulla tradizione è un grave errore. Se studiaste u Po di storia vedreste come la comunione all'impiedi è qualcosa che nasce nel Medioevo. Inoltre, su alcuni temi il.cammino risulta essere più tradizionalista del Papa. Perciò meglio pesare le parole con la cultura

      Elimina
    5. Quando nel medioevo alcune correnti teologiche misero in discussione la modalità della presenza reale di Cristo nel Santissimo Sacramento - arrivando alcuni a definirlo come un segno vuoto che richiama solo lontanamente la realtà sostanziale del Signore presente in mezzo a noi - la reazione della comunità ecclesiale fu di sottolineare maggiormente la venerazione e l'adorazione per le Specie Eucaristiche fino ad introdurre il nuovo rito di ricevere la Comunione direttamente sulla bocca ed in ginocchio proprio per sottolinearne la grandezza della presenza reale del corpo di Cristo (R.Gulino).
      Così dovremo ricominciare a fare anche noi per colpa di persone come voi.

      Elimina
    6. Peccato che io la comunione la prenda direttamente sulla bocca.
      Ma sottolineo molti di voi parlano per pregiudizi e non con cognizione di causa per quanto concerne le questioni storiche.
      In Brasile ci si comunica con le.due specie per decisione della Conferenza Episcopale locale e sicuramente non è colpa dei neocatecumenali. Secondo me questi sono espressione di una Chiesa tradizionalista che con poco entusiasmo vede il movimentismo di Papà Francesco e il suo appoggio alle comunità di base Sud americane.
      Comunque leggendovi ancora non capisco se siete dei cristiani o meno. Le critiche sono di dovere dove ci sono abusi, ma nelle vostre parole vedo solo odio . Se dovessimo giudicare la Chiesa come voi giudicate il Cammino, il cattolicesimo non avrebbe più senso ad esistere.
      Buona giornata a tutti

      Elimina
    7. Caro Victor, la Chiesa assolutamente va giudicata con il rigore con cui si giudica il cammino, nello stesso identico modo. Se per esempio la Chiesa ammette la pedofilia, è mio preciso dovere di cristiano levare la voce per correggere il suo errore, e questo è previsto dalla legge canonica.
      Secondo te, dopo aver letto questo blog, la critica al cammino è perché prende la comunione sotto le due specie o per i rilevanti abusi liturgici che commette?
      Hai detto prima che la critica al cammino "deve esserci". Ebbene, tutti gli errori del cammino nascono dalla sua disobbedienza alle disposizioni della Chiesa. Se ci fosse obbedienza ai pastori, non ci troveremmo di fronte alla piaga dell'obbedienza sconsiderata ai catechisti. Se ci fosse rispetto per Gesù, ci sarebbe rispetto per i sacerdoti che agiscono in persona Christi ed anche per il fratello che è il nostro prossimo. Tutte le anomalie del cammino nascono da errori dottrinali e prospereranno finché questi abusi non verranno corretti.
      Non si tratta di essere tradizionalisti, ma di cercare di essere cristiani.

      Elimina
  12. @bps

    Invece che: Santo subito

    Io piuttosto direi:
    RINCHIUDETELO SUBITO!

    Il soggetto è affetto da un "leggera" sindrome di megalomania.

    EX-NC-???

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.