mercoledì 21 febbraio 2018

Gli ex del Cammino, come il Conte di Montecristo

Faria: Io vi offro qualcosa che non ha prezzo.
Edmond Dantès: La libertà?
Faria: No, quella ve la possono togliere. Vi offro la conoscenza.
(Da: "Il Conte di Montecristo" di Alexandre Dumàs)
Voglio ringraziare Lino Tripudio e gli altri che con la loro santa pazienza, il loro impegno,la loro limpidezza, il loro lavoro hanno portato alla luce le eresie di Kiko e del loro cammino Hanno liberato molti schiavi dalle Kikokarceri e kikogabbie ed altri troveranno la forza per farlo.

Il Cammino? Non finisce mai...
Io fortunatamente sono stato cacciato 37 anni fa, il che significa che i miei ex fratelli ancora camminano, ancora vengono prima promossi, poi bocciati e altre volte rimandati a settembre, arriveranno all'elezione se tutto va bene fra un paio d'anni, cioè dopo 40 anni di cammino, per cosa? Per riscoprire tutto quello che la Chiesa Cattolica aveva donato loro all'inizio della loro vita e soprattutto GRATIS.

Tanti di loro sono morti aspettando l'agognato viaggio in terra Santa, altri nel frattempo moriranno perchà alcuni di loro sono veramente vecchi, ad altri i loro famigliari negheranno il viaggio in Israele vista la veneranda età, quarant'anni chiusi in una Kiko-gabbia spremuti come limoni impoveriti nello spirito e dei loro averi.

Scrivo questo per dirvi che dopo 40 anni mi sono tolto un sassolino dalla scarpa che mi dava fastidio da tutti questi anni.

Non vi spiego la dinamica per non rubarvi tempo ma mi sono scontrato con un catechistone ad alto voltaggio uno della prima ora, uno tutto KikoKasaKomunità, che dopo avermi riconosciuto e saputomi fuori dal cammino ha esordito con il solito mantra:
"Il cammino ti ha salvato la vita nonostante tu abbia abbandonato, il cammino ti ha salvato la vita".
Gennarini, Kiko, un cardinale "amico":
e la lettera di Arinze va in fumo!
Dopo avergli dato dell'idolatra ed eretico, grazie agli insegnamenti di Lino & Co. ho smontato la loro eresia sul fango peccato, sull'olio delle vergini della cognata malata, della comunione seduti, sui mamotreti stralciati dalla Chiesa, della lettera d'Arinze...

Conclusione:
ha continuato a mentire dicendo che i mamotreti non sono mai stati corretti, che lui aveva tutte e due le versioni e che nulla era cambiato (gli ho citato San Kiko "Qui finisce tutto io non li riconosco") e, riguardo alla lettera di Arinze, che "dopo la lettera di Arinze il Papa scrisse a Kiko una lettera che la annullò e sostituì".
Dopo avergli chiesto dove potevo scaricare e leggere questa lettera del Papa lui l'ha preso sulla risata e si è dileguato.

Razza di mentitori e di traditori.

Una bella soddisfazione dopo 40 anni!

Dopo essere stato cacciato dall'Eden kikiano ho rinnegato la Santa Romana Chiesa per 13 anni fino al giorno del mio matrimonio.
Pensa che mia moglie voleva convivere tutto laico, ho voluto un Santo matrimonio cattolico, pian piano tutto si è dissolto e sono tornato alla Madre Chiesa, tutto questo per dirti che il seme del vero Battesimo non era morto era stato soffocato dalla zizzania, è bastato estirparla con l'aiuto di un giovane sacerdote diocesano e far ripartire la vita del Seme.
A 60 anni animo la messa dei vecchietti quella delle 8,30 nella mia parrocchia.

Un abbraccio.

(da: un lettore)

54 commenti:

  1. A questo punto il cristiano della domenica genericamente favorevole al Cammino dovrebbe domandarsi: quel "catechista" si è reso conto di aver saputo difendere il Cammino solo mediante le menzogne?

    Per il cristiano della domenica, infatti, la verità conta più delle proprie idee. Il cristiano della domenica, essendo cristiano, desidera adeguarsi alla verità anche a costo di cambiare idea, non difendere i propri comodi a suon di menzogne.

    Il cristiano della domenica, in qualità di cristiano, dopo una figuraccia come quella del "catechistone" smentito da fatti concreti che conosceva fin troppo bene, tenterebbe di porre rimedio, di far conoscere la verità che ha appena "scoperto", di mettere in guardia coloro che credendo a quelle menzogne finiranno inevitabilmente per sbagliare.

    Un "catechista" che comincia a dare un minimo di spazio alla verità ha già un piede fuori dal Cammino. Il Cammino si regge sulle sue menzogne. Il "catechista" neocatecumenale colto in flagrante menzogna due volte nell'arco di un minuto non trova altra via d'uscita che la fuga. Scappare per difendere la Menzogna Ufficiale del Cammino. Senza rendersi conto che stanno correndo dritti e spediti verso l'inferno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu, fratello delle comunità del Cammino, sei in grado di mostrarci la lettera che annullerebbe quella firmata dal card. Arinze il 1° dicembre 2005?

      Cosa ne pensi di un "catechistone" che si comporta in quel modo?

      Elimina
  2. "Un "catechista" che comincia a dare un minimo di spazio alla verità ha già un piede fuori dal Cammino."
    Precisamente la mia esperienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Enzo Accanto Una bufala scritta forse da lino. Il passaggio del "catechistone ad alto voltaggio" è un suo vecchio mantra che gli è sfuggito per la rabbia. Infatti solo uno come lui che non conosce il cammino, poteva scrivere una scemenza come questa. Io credo che con lino, il blog sta diventando veramente ridicolo e chi lo gestisce dovrebbe prenderne atto e tenerlo lontano". Questo Accanto un piede ce l'ha nell'Accademia della Crusca. Sarà assunto come esperto di analisi testuale capace di riconoscere alla prima occhiata un autore.

      "Vorrei commentare quanto scritto da Beati Pauperes Spiritu. Ritengo quanto,detto da questo signore,molto interessante;ma,al contempo,non posso non rilevare che le sue accuse sono la ripetizione di vecchi luoghi comuni e stereotipi letti tante volte sul blog "osservatorio"e simili.
      L'approssimazione e la rozzezza delle accuse,fa ritenere che costui non sia mai stato realmente nel Cammino Neocatecumenale e la sua,sia una conoscenza indiretta,per sentito dire". Quest'altro, invece, il Pasqualone storico che rischia di perdere la leadership pasqualonica in favore del primo, sarà assunto da una una società di Selezione del Personale perché assolutamente in gamba nel riconoscere le esperienze delle persone.

      Da sbellicarsi ancora una volta! Come si fa a non leggerli? Altro che comiche.

      Elimina
    2. "L'approssimazione e la rozzezza delle accuse,fa ritenere che costui non sia mai stato realmente nel Cammino Neocatecumenale e la sua,sia una conoscenza indiretta,per sentito dire"

      Sto ridendo da mezz'ora. Userò questa facezia pasqualonica come rimedio per le telefonate che devo subire dai clienti. Quando mi sentirò giù la leggerò. La stampo e me l'attacco sul monitor :D

      Elimina
    3. Se non fosse per le risate, nemmeno un minuto del mio tempo avrei dedicato a questi due contaballe. Il dato è certo: stanno facendo ridere almeno un centinaio di persone.

      Elimina
    4. Grazie Lino, io i passaggi li ho fatti tutti ! Ora, se sei nella pienezza, se sei nel giusto, chi ti tocca ? Dimmi perché ti agiti ? Pronti per le persecuzioni e poi non sopporti nemmeno uno che ti contraddice ? Ma sei sicuro di esserci tu nel cammino ? Non sopporti nulla, giudichi, non accetti la croce! Io ti farei riascoltare le catechesi iniziali !

      Elimina
    5. ...e vorrei aggiungere : sarai catechista mi auguro (altrimenti certe cose non le sai e basta), e come catechista avrai detto sicuramente a qualche fratello la frase : " chi ti credi di essere? Per ribellati alla storia che Dio fa con te ? " e ora TU ti ribelli ?
      Ma i tuoi catechisti chi sono ? Lo sanno quello che fai ? Io so che ti hanno invitato a smetterla !

      Elimina
    6. Grande pasqualone!
      Finalmente ha capito che deve mettere lo spazio dove c'è la punteggiatura.
      Ora, nel dubbio, la mette sia prima che dopo.
      Meglio abbondare!

      Elimina
    7. Anonimo, per contraddirmi bisognerebbe fare una cosa semplicissima, che ancora non è stata fatta:
      1) Confutare passo passo la mia critica a Gv 9 secondo Kiko, dimostrando che Kiko non toglie né aggiunge, che Cristo è uno "sporcaccione" (parola di Kiko) che infanga i ciechi nati per mostrare loro i peccati, come insegna Kiko
      2) Dimostrare che Zaccheo, diciannovesimo capitolo del vangelo di Luca alla mano, sale sul sicomoro spinto dalla propria avidità per montare sugli altri
      3) Dimostrare che, Vangelo Mt alla mano, una signora che si assentasse da una convivenza per andare a visitare una ammalata, secondo Mt verrebbe chiusa fuori la porta dallo Sposo. Dimostrare che secondo Mt l'olio dello Spirito Santo si "acquista" mediante convivenze e scrutini.

      Mi fermo qui, ma potrei proseguire per ore.
      Vuoi provarci tu a dimostrare che le Scritture dicono quello che Kiko gli fa dire, nemmeno allegorie ma pure invenzioni? Scegli una a caso tra le precedenti :-)
      Qualora non ci riuscissi, avrai capito anche perché mi agito.
      E non dire dire "Io ti farei riascoltare le catechesi iniziali!". Dovessero leggerti i miei catechisti, che ancora sono in preda a uno shock anafilattico a seguito dall'esposizione a esegesi serie di teologi veri come BXVI che citai in un mio intervento, ti riempirebbero di maleparole.

      Elimina
  3. Questa della lettera del Papa che annullava la lettera di Arinze girava, anzi suppongo giri ancora adesso nella mia parrocchia.
    Quello che trovo assurdo è che nel Cammino neanche i documenti ufficiali, di cui vantano l'esistenza, nessuno può vederli.
    Se veramente esistessero sarebbero pubblicati e vantati tutti i giorni.
    Quindi chiedo a tutti quelli che fanno il cammino in buona fede (quindi quelli che speravano di trovare un movimento dentro la Chiesa Cattolica e che li condusse alla Salvezza)
    I documenti ufficiali ribadiscono che non dovete fare la Comunione in altro modo se non quelli prescritti dai Libri Liturgici e dal messale Romano (quindi assolutamente vietato assumere il Corpo di Cristo stando seduti); Il cammino dice che esiste un documento posteriore che annulla quella lettera e che vi autorizza.
    Chiedete di vedere questo documento (che è ufficiale e quindi pubblico) e in 5 minuti tutti non avrete più dubbi e questo blog non avrà più ragione di continuare ad insistere su quel punto.
    Ma se quel documento, con le scuse più disparate non ve lo facessero mai vedere, forse è il caso che qualche dubbio cominciate ad averlo anche voi.

    RispondiElimina
  4. La balla della lettera del Papa che annulla la lettera di Arinze mi ricorda un episodio.

    Un mio amico single ogni tanto è invitato a pranzo da una coppia del Cammino. Questo mio amico, su mio suggerimento, ha tirato fuori la storia della Comunione distribuita "al proprio posto" e manducata TUTTI ASSIEME.

    I 2 ingenui sposi si sono allora informati presso i loro catechisti, che hanno risposto che ESISTEVA una delega che li autorizzava.
    Il mio amico ha chiesto di vederlo e la coppia di camminanti si è impegnata a farsene fare una copia...

    Da allora sono ormai passati vari mesi, ma del documento millantato neanche l'ombra.

    Camminanti: se volete ribattere siete i benvenuti. Ma fatelo con documenti scaricabili dal web o citando fonti autorevoli rintracciabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, chiedete tutti, ai vostri catechisti la lettera del Papa che annulla la lettera, sempre del Papa e inviata dal Cardinal Arinze.
      Lettera che autorizza a fare quello che ogni sabato fate, visto che, ne negli statuti, ne nei libri Liturgici è permesso fare, e che anzi è stato appunto ribadito come vietato dalla lettera di Arinze.
      Ecco le possibili risposte dei catechisti al camminante "che cerca la verita"
      1) Fidati è così
      2) stai mormorando
      3) questi dubbi sono demoniaci
      4) il diavolo ti fa dire queste cose
      5) le fai le lodi la mattina?
      6) ecco cosa succede a non essere generosi e a non dare a Dio la decima
      7).......
      Tutte più o meno di questo tipo, nessuna entrerà nel merito della questione e nessun catechista vi darà la risposta (tantomeno la lettera di autorizzazione).

      Se vi fidate così ciecamente dei vostri catechisti per una volta fate voi una domanda a loro che vi farà stare più sereni avendo avuto da loro la risposta che tanto aspettavate.
      Certo se la risposta poi non arriva forse qualche dubbio che quello che fate non sia mai stato autorizzato da nessuno (ed anzi vietato) dovreste farvela venire pure voi.
      Aspetto fiducioso che qualcuno che ci legge tra qualche giorno scriva qui dicendo di avere la risposta a questo dubbio, ne sarei felicissimo pure io.
      P.S. guardate che pure noi che siamo usciti, avevamo dubbi, quando sono uscito non ero mica sicurissimo che la Chiesa fosse da una altra parte, il dubbio che kiko e il cammino fossero essi stessi chiesa l'avevo.
      Dopo che sono uscito la mente si è aperta e ho visto più chiaro, la mia uscita è stato "un atto di Fede", non avevo nessuna certezza che lasciavo un posto "demoniaco" per rientrare nella Chiesa, anzi il dubbio era che stessi io lasciando la Chiesa.
      Fortunatamente la scelta presa fu quella Saggia e corretta.

      Elimina
  5. Al momento del transito di Maria, ora più di trionfo e vittoria che di morte, nella pietà popolare il grande arcangelo ritorna come per restaurare il paradiso perduto e introdurre in esso, ora celeste, l’umanità intera, rappresentata da Maria Immacolata, vergine, sposa e madre, Madre di Dio. Ritorna Michele, il protettore della Chiesa contro Satana, per accompagnare all’ingresso della gloria colei che è il prototipo della comunità cristiana redenta e santificata.

    Ritorna anche con il Cristo glorioso l’arcangelo Gabriele, l’ambasciatore di Dio nell’Annunciazione (Lc 1,26), il testimone della scelta della giovane Maria di Nazareth come Madre del Figlio di Dio, il Messia Salvatore. L’arcangelo, presente all’inizio della storia della salvezza portata da Cristo e nella quale Maria si è coinvolta totalmente, torna nel momento in cui ella termina la sua missione e i suoi giorni sulla terra ed entra gloriosa in seno alla Trinità per essere, nel tempo e nell’eternità, la Madre della Chiesa, la tenerissima regina del Cielo e della Terra.

    Maria è stata sempre associata a Gesù (i teologi la chiamano infatti “Socia di Cristo”): associata nel corpo, costituendo un’unità con Lui; associata nella missione redentrice, al punto da essere chiamata “Madre della Redenzione”; associata nella morte e associata per tutta l’eternità nella gloria. Passando per la morte, Maria è diventata per l’umanità la “felice porta del cielo, aperta per sempre”. Da Aleteia.org


    Ho trovato questo scritto perche ammetto di essere molto ignorante in materia, vorrei che mi aiutaste a saper rispondere aiamiei ex fratelli di comunità sul fatto che Gesù è andatoaa prendere l'anima della Madonna, perché loro così riporteranno a tuttiti fratelli nel riporto dell annuncio, ditemi per favore come posso controbbattere, io almeno sapevo che la Madonna non é mai morta e che é andata in cielo anima e corpo, grazie mille
    Giovanna

    RispondiElimina
  6. Enzo Accanto: "Una bufala scritta forse da lino. Il passaggio del "catechistone ad alto voltaggio" è un suo vecchio mantra che gli è sfuggito per la rabbia."
    Dormi tranquillo,la citazione e mia e non di Lino,
    Lino l'ha ripresa un paio di volte,forse gli piace o lo fa sorridere,tu dormi tranquillo Lino non c'entra niente con questa storia viviamo a centinaia di km di distanza,ieri sera ho scritto un'altra testimonianza che forse è andata persa nell'internet,la sintetizzo.
    L'evangelizzazione cosi descritta dal tuo mentore Pasqualone da Nola io l'ho ascoltata tale e quale nei minimi particolari 40 anni da un'altro Katekistone ad alto voltaggio,questa volta più potente da 380 volts quella industriale.Quella scritta da Pasqualone da Nola è la stessa esperienza che ci raccontò,quel responsabile delle nazioni del cnc 40 anni fa,te lo ripeto 40 anni fa manca solo l'episodio delle monache del convento che a questo punto credo sia un'aggiunta di Pasqualone per rendere più colorito il racconto.A quei tempi su usava registrare su audio cassetta l'intera convivenza dei tre giorni,ed è un vero peccato non averla più,vi avrei sputtanato alla grande con il suo sbobinamento. Credo che alcuni katekistoni l'abbiano ancora ma ai me non la faranno mai ascoltare.

    Conclusione:
    Non credo ad una sola lettera dello scritto e dell'esperienza di Pasqualone.

    Caro Sancio Panza alias Enzo Accanto dormi tranquillo

    RispondiElimina
  7. Nei racconti apocrifi si narra della visita di un angelo a Maria per recarle l'annuncio della morte imminente. L'angelo porta a Maria una palma del paradiso perché preceda il suo feretro nei funerali e poi annuncia l'arrivo miracoloso di tutti gli apostoli presso di lei. Arriva dapprima Giovanni, l'apostolo prediletto del Figlio, e dopo di lui giungono misteriosamente tutti gli altri, rapiti su una nube dal luogo dove si trovavano. All'ora terza del terzo giorno si ode un tuono, appare Gesù con l'arcangelo Michele ed uno stuolo di angeli. Maria muore sorridendo per l'arrivo del Figlio, il quale accoglie la sua anima e la affida alle mani di Michele, poi ordina a Pietro di custodire il corpo della madre, deporlo nel sepolcro e di attendere la sua venuta. Si forma il corteo funebre con Giovanni che reca la palma del paradiso mentre gli apostoli e gli angeli cantano il salmo "In exitu Israel de Aegypto". Alcuni capi giudei tentano di disturbare il corteo e il sommo sacerdote vorrebbe rovesciare il tettuccio con la salma, ma le sue mani rimangono incollate al lettuccio. L'intervento d Pietro lo convince a confessare la fede in Cristo, Figlio di Dio e della Vergine Madre di Dio e recupera così l'uso delle mani. I corteo giunge, dunque, nella valle di Giosafat, alla tomba dove viene deposto il corpo della Vergine Maria. Gli apostoli vegliano tre giorni in attesa di Cristo, che arriva circondato da miriadi di angeli. Accanto a Lui Michele e Gabriele. Il Signore ordina a Michele di innalzare il corpo di Maria sulle nubi e di trasportarlo in paradiso dove si ricongiungerà alla sua anima.



    Non è che kiko si riferisce a questo ? Nell annuncio?

    RispondiElimina
  8. "Però il posto di Maria era in Cielo, dove suo Figlio l’aspettava. E così un giorno, a noi ignoto, Gesù la portò con sé nella gloria celeste. Nel dichiarare il dogma dell’Assunzione di Maria, nel 1950, Papa Pio XII non volle chiarire se la Vergine morì e risuscitò subito dopo oppure se andò direttamente in Cielo senza passare per il momento della morte. Oggi, come nei primi secoli della Chiesa, la maggior parte dei teologi pensano che anche Lei sia morta, ma che –come Cristo– la sua morte non fu un tributo al peccato – era l’Immacolata! –, ma avvenne perché somigliasse completamente a Gesù. E così, dal VI secolo, si cominciò a celebrare in Oriente la festa della Dormizione della Madonna: e ciò per sottolineare che si era trattato di un passaggio più simile al sonno che alla morte. Lasciò questa terra – come affermano alcuni santi – in un impeto d’amore."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di chi è questo brano? A me la definizione di Pio XII sembra chiarissima!

      Elimina
    2. In realtà la Chiesa cattolica non si pronuncia sulla morte di Maria. Il dogma oscilla tra Dormizione e Assunzione. Rimane un mistero. Il problema di Kiko è che decide la morte e la assimila alla morte di ogni cristiano.
      In gioco c'è il concetto di corruzione. E' incontestabile che il corpo di Maria non può essere stato soggetto a corruzione. Nei tempi passati (per la concezione biblica) si riteneva che questa avvenisse dopo tre giorni dalla morte. Oggi si sa che la decomposizione cellulare comincia ad avvenire immediatamente. Ciò può sciogliere, a mio modesto avviso, il non detto del dogma: Maria è stata assunta in Cielo in corpo e anima e senza morire, non può essere stata per tre giorni nel sepolcro.

      Il problema di Kiko è che decide un bel po' di cose: 1) E' Cristo che viene a prendere le anime. Mai sentito. 2) La Madonna muore. 3) I cristiani muoiono come la Madonna.
      Per quanto ho scritto prima, se i cristiani muoiono come la Madonna, siccome per i cristiani il disfacimento cellulare inizia non appena, per l'assenza di respirazione, l'anidride carbonica non può essere eliminata, anche per la Madonna cominciò la corruzione. Una tesi non accettabile, una eresia, quindi. Nella Dormizione (dove Maria dorme) il problema non esiste.

      Elimina
    3. O.T. per i pasqualoni che mi attaccano anche perchè sono stato dipendente (in realtà dirigente) di un'ASL e non dovrei interessarmi di queste cose.
      Avete visto, Pasqualoni (ammesso che abbiate capito?). Anche lavorare per una Asl (pure con la delega all'ECM) serve. Come serve la conoscenza dei Vangeli, non quelli secondo Kiko: Cristo risorge il tero giorno anche per indicare, simbolicamente, che il suo Corpo non fu soggetto a corruzione. Lazzaro, invece, "era già da quattro giorni nel sepolcro" e infatti puzzava.
      Dite a Kiko che se fa morire la Madonna, se la tiene nel sepolcro, alla luce delle moderne conoscenze scientifiche ne fa corrompere il corpo. E questa è una eresia.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Oltre alla questione su Maria, ed il fatto che e' diventato artista per aiutarci (?!?), Kiko ha detto qualche altra perla di saggezza?

    Altri effetti speciali? (ovvero le bombe pirotecniche che tira)

    La Maria A. Romeo ha detto qualcosa?

    Grazie

    EX-NC-???

    RispondiElimina
  11. Ho trovato questo passo che mi ha ommosso:
    "«Essendo umano (il tuo corpo) si è trasformato per adattarsi alla suprema vita dell’ immortalità; tuttavia è rimasto integro e gloriosissimo, dotato di perfetta vitalità e non soggetto al sonno (della morte), proprio perché non era possibile che fosse posseduto da un sepolcro, compagno della morte, quel vaso che conteneva Dio e quel tempio vivente della divinità santissima dell’ Unigenito». Poi prosegue: «Tu, secondo ciò che è stato scritto, sei bella e il tuo corpo verginale è tutto santo, tutto casto, tutto abitazione di Dio: perciò è anche estraneo al dissolvimento in polvere. Infatti, come un figlio cerca e desidera la propria madre, e la madre ama vivere con il figlio, così fu giusto che anche tu, che possedevi un cuore colmo di amore materno verso il Figlio tuo e Dio, ritornassi a lui; e fu anche del tutto conveniente che a sua volta Dio, il quale nei tuoi riguardi aveva quel sentimento d’ amore che si prova per una madre, ti rendesse partecipe della sua comunanza di vita con se stesso»."

    Forse alcune opinioni teologiche prendono dalla Dormitio, ma sinceramente questa mi sembra più dolce e più rispettosa della santità della Vergine

    RispondiElimina
  12. 30anni

    BPS: Di chi è questo brano? A me la definizione di Pio XII sembra chiarissima!

    Oops:

    http://opusdei.it/it-it/article/vita-di-maria-xix-dormizione-e-assunzione-della-madonna/

    Adesso cosa direte, che sono eretici anche nell'Opus Dei ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che leggi? "Nel dichiarare il dogma dell’Assunzione di Maria, nel 1950, Papa Pio XII non volle chiarire se la Vergine morì e risuscitò subito dopo oppure se andò direttamente in Cielo senza passare per il momento della morte". "Oggi, come nei primi secoli della Chiesa, la maggior parte dei teologi pensano che anche Lei sia morta". Ai "moderni teologi" - chi? Nome e cognome, per favore - non possiamo chiedere se ne sanno qualcosa di quanto ho scritto prima. Tu, però, potresti farlo: alla luce delle conoscenze scientifiche (certe!) la Madonna fu soggetta al disfacimento cellulare di cui al mio precedente commento? Forza, rispondi!

      Elimina
    2. Fino a prova contraria l'opinione dei teologi non impegna la mia fede. Persino Giovanni Paolo II disse che pensava che la Madonna fosse morta, ma parlando come dottore privato. Fa piacere sapere che Kiko Dottor hc sia così sicuro si sé. Comunque non impegna la mia fede e penso che si sbagli di grosso.

      Elimina
    3. Non lascerai che il tuo santo veda la corruzione. Cristo è morto ed è risorto il terzo giorno. Non ti crea problemi con lui il disfacimento cellulare?

      Elimina
  13. I concetti gravemente alterati della catechesi di Kiko sono due:
    *Nega la specialità della Madonna: la Madonna viene assunta in Cielo ma Kiko pervicacemente non se ne ricorda;
    *Dichiara che ogni cristiano morirà esattamente come Lei, cioè verrà Cristo a raccogliere la sua anima per portarla in Cielo.
    Si dimentica del giudizio particolare e anche del passaggio di purificazione.
    Il passo citato riportato nel sito Opus Dei non riporta assolutamente questi concetti, anzi, chiarisce:
    "come Cristo– la sua morte non fu un tributo al peccato – era l’Immacolata! –, ma avvenne perché somigliasse completamente a Gesù."
    Di questo avevamo già parlato ampiamente nel commento alla catechesi di inizio corso. Sarà il caso di rileggerla.

    RispondiElimina
  14. @ Anonimo ore 18:00 e Anonimo delle 22:46

    Ma davvero non sapete più cosa inventarvi.

    Io comunque vi ringrazio perché ogni volta che tentate, raramente devo dire, di difendere le tesi di Kiko, ci date occasione di argomentare più nei dettagli, e questo giova.
    A parte che ho gustato la riflessione di J.A. Loarte di cui al link cortesemente segnalato, che ricopio:
    http://opusdei.it/it-it/article/vita-di-maria-xix-dormizione-e-assunzione-della-madonna/

    Ne evidenzio un passo, questo che è centrale:

    "è assolutamente certo che la Vergine Maria, per uno speciale privilegio di Dio Onnipotente, non fu sottoposta alla corruzione: il suo corpo, glorificato dalla Santissima Trinità, fu unito all’anima e Maria fu assunta in cielo, dove regna viva e gloriosa, accanto a Gesù, per glorificare Dio e intercedere per noi. Questo è stato definito da Papa Pio XII come dogma di fede."

    Dunque basta questo solo passo per capire che la Chiesa ha sempre messo in evidenza, come speciale, il privilegio goduto dalla Madre di Dio, questa verità di fede, questo dogma e, come la Chiesa, tutte le esperienze ecclesiali hanno parlato con lo stesso linguaggio.
    Kiko no. Maria innalzata ad una gloria unica, da Kiko è stata degradata a paradigma, immagine della morte del cristiano. Pardon, per essere più precisi, del "cristiano neocatecumeno" che, possibilmente, abbia già finito il cammino e possa indossare, prima di essere deposto nella sua bara, la tanto agognata veste bianca del rinnovamento delle promesse battesimali.
    E sì, aver fatto il cammino, ancor più averlo finito, è garanzia di salvezza, secondo la scuola di Kiko.

    Ohibò, la Madonna degradata a paradigma del perfetto neocatecumeno, e il neocatecumeno esaltato ad "alter mater dei" assunto in cielo.....per ora in anima soltanto (se non avesse rischiato di essere smentito dai fatti - perché il corpo sta nella bara e là resta e "ognuno lo vedrà" come dice un suo canto - siatene certi, avrebbe detto in anima e corpo come Maria, il Kiko sparapalle cosmiche) scusate se è poco.....e, niente di meno, ogni neocatecumeno che muore, Cristo scende sulla terra a prendere la sua anima per portarla in cielo.
    Io credo che menta sapendo di mentire, se poi ci crede pure, ancora peggio! Presto, vista l'età, che gli tocchi la morte.....che delusione cocente avrà, poveraccio!

    CONTINUA

    RispondiElimina
  15. Qui voglio ricordare tutte le dichiarazioni di certezza che, morendo, si ritorna alla casa del Padre (tutti i manifesti funebri di fratelli del cammino sono perfettamente riconoscibili), che Carmen è salita la cielo e dal cielo, dove certamente sta, fa miracoli di qua e di là.

    Dice bene Valentina Giusti:

    Si dimentica del giudizio particolare e anche del passaggio di purificazione.

    Esattamente!
    Ma rispondete, carissimi neokatekiki convinti e irriducibili, rispondete ora!
    Non vi pare di essere ancora una volta blasfemi ed eretici con tutto questo sbandierare che Gesù stesso scende e sale a prendere anime di neocatecumeni, una dietro l'altra, come avrebbe fatto per la Sua Santissima, Purissima, Madre Immacolata?
    La Chiesa venera Maria nella sua Assunzione al cielo con una Festa molto speciale, è sua prerogativa unica e irripetibile, che ci riempie di speranza, perché in Lei Dio ci mostra il nostro destino ultimo, ce ne dà garanzia certa, un destino di resurrezione e di gloria; ma questo è un altro discorso; credo che lo capite anche da soli!

    CONTINUA

    RispondiElimina
  16. Così mi viene in mente "il giudizio universale di Kiko"
    Questo il link:
    https://neocatecumenali.blogspot.fr/2016/03/kiko-elimina-il-giudizio-finale-e-anche-il-particolare.html

    E questa la conclusione del post:
    "In contraddizione con le Sacre Scritture e gli insegnamenti del Magistero della Chiesa, Kiko esclude la possibilità che i cristiani siano assoggettati al Giudizio Finale alla fine del mondo e persino al Giudizio Particolare alla loro morte."

    [GIUSTAMENTE COLORO CHE HANNO ASCOLTATO IL KERIGMA DI KIKO E HANNO CREDUTO, E HANNO AVUTO ACCESSO AL PERCORSO CHE LI HA PORTATI ALLA CONOSCENZA DEL FANGO CHE SONO PECCATORI SCHIFOSI CAPACI DI QUALUNQUE PECCATO E CHE POSSONO SOLO PECCARE, questa la scienza sublime che Kiko trasmette]

    Ah, ecco, ora è tutto più chiaro:
    Kiko ha stilato per se stesso, per Carmen, per i suoi, un certificato eterno di buona condotta sul "tutto è perdonato" sul quale si fondano un mare magnum di nefandezze, accumulate in 50 gloriosi anni di cammino neocatecumenale (nella Chiesa), a scapito di innumerevoli vittime che, INVANO, hanno gridato e gridano giustizia.
    Perché INVANO?
    Ma perché i "violentatori" abusatori e carnefici seriali sono stati INGANNATI dal demonio quando hanno gravemente peccato contro di loro vittime innocenti (Lettera ai Romani.....non faccio il bene che voglio ma il male che non voglio....quindi non sono io a farlo ma il male che abita in me...), Cristo è morto sulla croce per loro - i più schifosi tra i peccatori - e tu Vittima, tu sei fuori dalla grazia di Dio, se non ti pieghi alla cruda legge del perdono kikiano/carmeniano fondato su "TU NON PERDONI PERCHÉ PENSI DI NON ESSERE CAPACE DI SIMILI PECCATI, E QUESTO È UNA MENZOGNA"

    È vero che Lino Lista, nelle sue analisi, opera col Rasoio di Occam, ma tira fuori dei bubboni enormi, che infettano e corrompono l'intero organismo, mica parliamo di cose da niente o di dettagli.
    Il problema è che la matassa è molto intricata e Kiko parla parla e straparla, fiumi di parole, ti ubriaca, ti scimunisce, ti droga e ti avvelena e tu neanche te ne accorgi.

    Benedetto Rasoio di Occam!

    Penso che Lino sia un dono della Provvidenza: il suo lavoro dà frutti che si moltiplicano nel tempo.
    Altro che i frutti marci o farlocchi, anche quando sembrano buoni apparentemente, che sbandiera ai quattro venti il Potente Cammino Neocatecumenale!
    E così, procedendo nelle analisi e incrociandole tra loro, alla fine troviamo sempre nuove conferme.
    Le varie eresie sparse nel cammino sono tutte collegate tra loro e volte a perseguire un unico, perverso disegno ingannatore di anime e che produce coscienze deformate.
    Un'unica assoluta Menzogna!
    No, non si può salvare niente della eretica predicazione dei due iniziatori spagnoli, sbarcati in Italia, per nostra sfortuna, 50 anni fa.
    E ora ci tocca pure la solenne commemorazione!

    Pax

    RispondiElimina
  17. FATE ARRIVARE QUESTA ERESIA AL PAPA!!

    RispondiElimina
  18. Ma che leggi? "Nel dichiarare il dogma dell’Assunzione di Maria, nel 1950, Papa Pio XII non volle chiarire se la Vergine morì e risuscitò subito dopo oppure se andò direttamente in Cielo senza passare per il momento della morte". "Oggi, come nei primi secoli della Chiesa, la maggior parte dei teologi pensano che anche Lei sia morta". Ai "moderni teologi" - chi? Nome e cognome, per favore - non possiamo chiedere se ne sanno qualcosa di quanto ho scritto prima. Tu, però, potresti farlo: alla luce delle conoscenze scientifiche (certe!) la Madonna fu soggetta al disfacimento cellulare di cui al mio precedente commento? Forza, rispondi!
    L'ho semplicemente tratto dal sito Opus dei
    opusdei.it/it-it/article/vita-di-maria-xix-dormizione-e-assunzione-della-madonna/
    Si può tranquillamente verificare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già avevo letto. Il problema, però, vale per i neocat come per l'Opus Dei a ogni altro: "la maggior parte dei teologi" non significa niente. Hanno fatto un'indagine? La diversa opinione tra "mortalisti" e "immortalisti" risale ai tempi dl dogma quando Pio XII subì pressioni affinché nel dogma si parlasse di morte. Il Papa non lo volle e questo la dice lunga. Ora, se il dogma non lo dice, non vedo perché lo debba dire Kiko - che è teologo sì, ma H.C. - a migliaia e migliaia di persone, perraltro usando il termine di paragone "come", con i cristiani che muoiono come la Vergine Maria. 'Sto tizio prosegue nella sua inveterata consuetudine: invece di fare innalzare gli adepti un po' verso il Cielo, abbassa il Cielo al livello degli adepti.

      Elimina
    2. Lino, mi permetto di aggiungere un particolare... Se non ricordo male quello che ho letto (può darsi che confonda il particolare che sto per dire con quanto avvenuto per il dogma dell'Immacolata Concezione), ai tempi in cui il Papa Pio XII proclamò il dogma, dal Cielo sopraggiunse una manifestazione di luce soprannaturale che illuminò il luogo da cui lo stesso dogma venne proclamato, chiaro segnale che dal Cielo erano felici (utilizzo questo termine, che sicuramente non sarà giusto ed idoneo ma penso che renda l'idea) di quello che si stava proclamando, e credo anche dei concetti che si stavano usando! Ora, se dal Cielo erano felici, mi chiedo perché si debba stare ad ascoltare voci contrarie da parte di chi, spesso e volentieri, pronuncia e diffonde "dottrine" e "insegnamenti" che, nella migliore delle ipotesi, nulla hanno a che vedere col Cristianesimo e col Cattolicesimo!

      Elimina
  19. Come già ho detto, il problema a mio parere non è esattamente come avvenne l'assunzione al Cielo della Madonna, se ci fu una dormizione e se quest'ultima possa essere considerata una morte o meno, argomento sul quale i nostri biblisti (più o meno ortodossi) di sicuro hanno molto da dire.
    Il problema è che Kiko afferma che esattamente ciò che è avvenuto per la Madonna avverrà per il cristiano
    Ciò che dice, equivale esattamente a quanto affermano gli evangelici: Maria non detiene alcuna specialità, si è addormentata in Cristo, risorgerà nell'ultimo giorno. Non verrà sottoposta a giudizio, come non verrà sottoposto a giudizio nessun credente, già salvo al momento del battesimo in spirito (il "vero" battesimo, che non corrisponde a quello in acqua: non sentite squillare qualche campanello?)
    Chi non si accorge di quanto dice Kiko non sia assolutamente cattolico, è un cattolico con le idee assai confuse, caratteristica propria non solo dei neocatecumenali purtroppo.

    RispondiElimina
  20. Scusi un'aggiunta per "curiosità". Ma Kiko se non è protestante come fa a paragonare la vergine con il resto dell'umanità essenso solo lei priva di peccato originale per immacolata concezione.
    Boh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposta breve: Kiko è un eretico, non meno che la defunta Carmen.

      Risposta lunga: noi cristiani della domenica ci fidiamo di ciò che la Chiesa ha sempre universalmente insegnato, verificato, approvato, raccomandato.

      Pertanto non cadiamo nel tranello dell'ignorante, dell'eretico, dell'arrogante, che pretendono di estrarre da qualche espressione (magari mal tradotta, oppure adatta solo ad un particolare uditorio di una particolare epoca) significati "nuovi" che la Chiesa non aveva mai trovato, tanto meno garantito.

      L'ignorante colpevole - cioè quello che non vuol fidarsi dell'autorità preposta ad insegnare - promuove l'eresia perché preferisce la sua idea piuttosto che il Magistero universale.

      Allo stesso modo, ma dal versante opposto, l'eretico che finge di essere sapiente pretende di promuovere la sua idea perché gli piace di più dell'insegnamento della Chiesa.

      Entrambi, il sapientone e l'ignorantone, sono mossi da ignoranza. Non dall'amore per la verità, ma dall'amore per la propria idea (e cioè ultimamente dall'amore per la loro gloria personale).

      Elimina
    2. Aggiungo in particolare che ogni sapientone è anzitutto un ignorantone delle Scritture. C'è qualche versetto finale del salmo 8 che lo riguarda personalmente.

      Il punto è che se Nostro Signore è veramente Dio, allora sarebbe stata una ridicola contraddizione il farsi uomo attraverso una carne macchiata dal peccato. (Se Dio si contraddicesse allora non sarebbe più credibile, non avrebbe più senso inviare il suo unico Figlio, non avrebbe più senso ascoltarLo).

      Se una carne non è macchiata dal peccato, non è soggetta alla corruzione della morte e alle altre conseguenze del peccato originale descritte nella Genesi. Per cui è perfettamente logico che la Beatissima Vergine, preservata dal peccato, passasse al Cielo in una modalità che neppure ai più grandi santi è stata mai permessa, ottenendo con ciò un "anticipo" di quella che sarà la resurrezione dei giusti. Detto tra parentesi, i "privilegi mariani" sono fonte di enorme speranza e gioia per noi peccatori perché gettano ulteriore luce sulla sorte di coloro che persevereranno fino alla fine.

      Nella tradizione ortodossa tale "passaggio" della Beatissima Vergine dalla vita terrena al Cielo è definito "dormizione", proprio per far capire bene che non si è trattato di morte.

      Il dogma dell'Assunzione semplicemente conferma che quella verità (considerata tale fin dai primissimi secoli) è di fede (sì, è da sempre che si sa che per esplicito intervento divino ha ricevuto tale privilegio, è stata "assunta", termine che anche nella povera lingua italiana evidenzia che è stato per volontà divina, perfettamente coerente con la sua Immacolata Concezione). Tante verità di fede sono note da sempre ma non sono ancora state solennemente proclamate perché la Chiesa non ha ancora ritenuto necessario farlo, talvolta per una sola questione terminologica: per esempio il titolo di "Corredentrice" non è stato ancora ritenuto sufficientemente chiaro, eppure è da innumerevoli secoli che i cattolici sanno che si giunge ad Jesum per Mariam, e che chi sottovaluta la Madre inevitabilmente trascura il Figlio.

      Queste verità di fede, facili da riconoscere anche per un bambino (cfr. di nuovo il salmo 8, e «se non diventerete come bambini...»), fanno infuriare a morte il demonio e perciò anche i suoi più o meno involontari seguaci sapientoni. I quali si adoperano con infaticabile zelo ad allontanare la Beatissima Vergine dal discorso, per esempio allestendo complicatissimi "ragionamenti" sofistici, cavillando sui termini usati da alcuni personaggi presenti e passati (possibilmente estrapolando dal contesto, per esempio forzando un pochino le traduzioni italiane di certi termini), talvolta persino lodandoLa e augurandone l'intercessione ma in modo sottilmente staccato, in quel modo che nella Bibbia vediamo sprezzantemente definito con "questo popolo mi loda con la bocca ma il suo cuore è lontano da Me". Ho qui presente un diabolico padre gesuita che concludeva ogni predica infilando a forza una richiesta di intercessione della Vergine (è una moda), e sono dolorosamente arcisicuro che lo faceva solo pro forma, un po' come quando uno che cammina per strada si accorge delle telecamere e ipocritamente si proclama subito "antirazzista" perché non si sa mai.

      Elimina
  21. "Il problema è che Kiko afferma che esattamente ciò che è avvenuto per la Madonna avverrà per il cristiano". Hai ragione. Questo è il problema.
    Per poter sostenere questo, però, prima deve far morire la Vergine Maria. O no? ;-) Non avrebbe potuto sostenerlo sposando la tesi "immortalista".
    Intendo dire; siamo alle solite. Kiko interpreta le "cose del Cielo" in funzione del messaggio che intende dare ai suoi adepti.
    Un catechista serio avrebbe esposto entrambe le tesi, la mortalista e l'immortalista, e non quella che più gli fa comodo.

    RispondiElimina
  22. Entrambi, il sapientone e l'ignorantone, sono mossi da ignoranza. Non dall'amore per la verità, ma dall'amore per la propria idea (e cioè ultimamente dall'amore per la loro gloria personale).

    Niente di sotto il sole : il punto è che oggi la chiesa ha rimesso alla coscienza individuale la salvezza affermando che anche gli atei si salvano (pensa che smacco se uno è davvero ateo)se coerenti e quindi kiko, che sembra un pericoloso sovversivo, è semplicemente, se letto in un ottica politica, un socialdemocratico rispetto alle brigate rosse.
    Con l'aggravante che il socialdemocratico e le brigate rosse godono identicamente della stessa considerazione della "Madre", che invecchiando si deve essere un poco rintronata, mentre i Francescani dell'Immacolata (tanto per dire) sono trattati con una certa.."distanza"
    Non aggiungo altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, purtroppo oggi c'è una certa confusione. Per esempio quando si dice che «anche un ateo può salvarsi», si sta in realtà dicendo che Dio è onnipotente e che concede grazia a tutti poiché vuole che tutti si salvino, ma tale grazia va accettata, e statisticamente qualche ateo potrebbe persino accettarla, forse anche soltanto in punto di morte. (ovvio che accetterà più facilmente la grazia di Dio chi ha più spesso desiderato accettarla, specialmente attraverso gli strumenti istituiti da Nostro Signore, dottrina e sacramenti).

      Dunque è vero che qualche ateo o qualche peccatore di elevatissimo marciume - con grande smacco... e gioia - potrebbe salvarsi. Ma normalmente la via per la salvezza non è quella. E non è nemmeno quella del darsi da fare, e nemmeno l'incaponirsi nella carità ad ogni costo (cfr. Marta e Maria), sebbene la carità sia virtù fondamentale,

      La "politicizzazione" di certe questioni ecclesiastiche è solo uno dei tanti aspetti tristi di una gerarchia allo sbando (cfr. Sorondo e i cristiani in Cina, o anche solo i Francescani dell'Immacolata), ma tutto questo non toglie nulla alle verità di fede. Lo stesso padre Zoffoli ci insegnava a distinguere tra Chiesa (santa) e uomini di Chiesa (peccatori). E comunque Nostro Signore le ingiustizie le vede benissimo, e saprà ricompensare bene chi ha sofferto, specie se "inutilmente" o "ingiustamente" o addirittura "a causa di uomini di Chiesa" o a causa della propria stessa fede.

      Inutile aggiungere che queste cose fanno strizzare il fegato ai sapientoni, che hanno deciso che il cristianesimo dev'essere per forza la loro specialità, trasformandolo in un mestiere in cui primeggiano quelli che sembrano darsi da fare o in una questione culturale in cui primeggiano quelli che sembrano più acculturati. Evidentemente per loro la sensazione di primeggiare vale più del proprio rapporto personale col Signore. E sarà troppo tardi quando capiranno che era esattamente a loro indirizzata quella parola: «prostitute e peccatori vi precederanno nel regno dei cieli».

      Elimina
  23. Ammettiamo per assurdo e non concediamo,
    che la teoria Kika sulla morte fosse vera:

    perché solo gli adepti NC avrebbero questo benefit?

    La Chiesa Cattolica è unica ed indivisibile; di conseguenza la teoria Kika cosa fa, figli e figliastri?

    Ahimè, ai tempi di Pio XII, questa buffonata del Cammino, non si sarebbe lontanamente pensare!...
    Ruben.
    ---


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errata corrige al mio delle 18:46, ho dimenticato un participio passato:

      "Ahimè, ai tempi di Pio XII, questa buffonata del Cammino, non si sarebbe lontanamente potuta pensare!...
      ---

      Elimina
  24. @ Rubén

    perché solo gli adepti NC avrebbero questo benefit?

    Ma perché gli adepti del cammino sono i soli che hanno percorso l'unico itinerario che conduce alla fede adulta - questa la risposta - alla creatura nuova che nasce dal battesimo. Destinazione ultima il cielo, per una via diretta. Come potrebbe essere altrimenti?

    Quando Kiko descrive la sua idea di Chiesa, la Parrocchia atomica formata da comunità di comunità, ha in mente quella che, secondo lui, è l'unica e vera Chiesa.
    Fuori i lontani che non si convertono, i religiosi naturali che mai si sono convertiti, i farisei che mai si convertiranno.....e poi via via i Giuda/ necessari che sono i traditori, i Faraoni che sono i persecutori, che non riconoscono dove soffia lo Spirito, che odiano il vero profeta, sono invidiosi...tizzoni d'inferno.

    Tutto in questa assurda semplificazione assolutizzante.
    Ecco tutta la maniacale ritualità che accompagna "il passaggio al cielo" dei neocatecumeni duri e puri, senza tentennamenti:

    Funerali che si trasformano in feste, tra canti e danze sulle note del canto ad hoc, intitolato, ma guarda caso, "portami in cielo",
    i neocatecumeni ai funerali non piangono.
    Manifesti tutti uguali: È tornato alla casa del Padre.....
    Tutti indossano la veste bianca e,
    nel progetto di Kiko, ogni Parrocchia dovrebbe avere il suo Cimitero Neocatecumenale dove gli "eletti" riposino insieme, senza confondersi con gli altri comuni mortali e,
    per finire, nel cielo, man mano che i fratelli muoiono, scusate ho sbagliato, passano direttamente al cielo, le singole comunità: la Prima, la Seconda, la Terza......la Sedicesima.....della Parrocchia XY si vanno lì ricomponendo, per celebrare in piccoli gruppi la Gloria di Kiko.

    Che ispirazione ha avuto Kiko, una ispirazione che ha squarciato i cieli, perbacco!

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è OFF-Topic, comunque il "piano" di Kiko prevedeva uno sviluppo ab libitum per poter arrivare alla parrocchia atomica. Nei fatti questo meccanismo si è rotto da tempo, l'idea che si perpetrasse in eterno con la formazione di nuove comunità etc etc avrebbe tenuto in piedi il castello che ora invece scricchiola vistosamente. Non ci sono praticamennte neanche itineranti della seconda generazione, a parte qualche rarissima eccezione, e si fa veramente fatica, a parte rarissime eccezioni, a formare nuove comunità, ed anche quando se ne formasse una, la seconda non decolla mai. Fra poco passeranno al padre di colpo tutti gli itineranti della prima ora, insieme al "sommo" Kiko e veramente dubito che tutto questo abbia un futuro. Io credo che la causa sia proprio il fatto di aver disatteso le promesse fatte all'inizio, e che, a parte chi ha qualcosa da perdere ( pochi ), tutti gli altri sentano il peso di questo cammino che mai finisce, ed in più si invecchia vistosamente. C'è qualcosa che ancora non riesco a definire chiaramente di intrinseco dentro il cammino che lo stà distruggendo, proprio dall'interno. A volte ho pensato che la svolta delle "opere" sia stato il primo segno di decadimento, intendendo come opere i seminari, la domus, le corone misteriche, e tutte le missio varie che in realtà non somo mai richieste ma tollerate dai Vescovi, l'iniziativa è degli itineranti che forzano per vendere un prodotto i Vescovi non chiedono al massimo cedono. E poi c'è il grande equivoco degli statuti, che per alcuni sono considerati un passpartout, mentre nella realtà sono una "gabbia", nel senso buono del termine, e li nascono tutte le utlime guerre sante. Scusate se sono uscito fuori tema.

      Elimina
    2. Penso come te che aver disatteso le promesse sia la causa principale del disfacimento del c.n..
      Delle due una:
      O il c.n. è davvero frutto di una santa ispirazione (cosa che io personalmente credo sempre meno) e allora è chiaro che tradire il piano di Dio, appropriandosene di fatto, non può che portare la distruzione di tutto.
      Oppure il c.n. si fonda, ab origine, su una menzogna, ossia Kiko sapeva bene che quello che prometteva (che il c.n. ha una fine: formare cristiani adulti per poi dissolversi) era solo per attirare le persone e convincere i Parroci e i Vescovi, ma il suo progetto era egemonizzare lui la Chiesa, e allora, come tutte le opere umane ha una fine certa in re ipsa (profezia di Gamaliele).

      In ogni caso, e da qualunque prospettiva si guardi, lo scenario è tragico.

      Altro aspetto, non ci sono itineranti di seconda generazione.
      Questo è conseguenza dell'accentramento assurdo vigente nel c.n.
      Nessuno cede il passo alla seguente generazione, né fa in modo di formare i nuovi catechisti, dando loro sempre maggiori incarichi e responsabilità, affidando loro zone sempre più ampie, assicurando così un adeguato ricambio.
      Ricordo bene questo modo di operare, di cui, ahimè, anche io sono stata complice. Mi rendo conto che era questa una direttiva precisa: quando qualche equipe di livello inferiore riusciva a penetrare in una Parrocchia importante, a formare una comunità numerosa e con adulti di un certo livello, culturale e sociale, l'equipe superiore subentrava alla prima occasione (un passaggio della comunità o una semplice convivenza) e prendeva lei la conduzione.
      Quindi non solo non si formavano le seguenti generazioni, ma le si teneva come "portatori d'acqua" con la scusa di garantire maggiore coesione all'interno, comunione più stretta con Kiko....poiché senza obbedienza...nulla.

      Non sei fuori tema Mav, fa bene, dopo 50 anni di cammino fare un bilancio a 360%, io darò sempre il mio contributo, avendo vissuto nell'esperienza per trenta anni della mia vita.

      Sì, è importante: questo è il nostro contributo alle celebrazioni in corso per mezzo secolo di cammino.

      Dico che questa mentalità è infetta, chiunque cresce nel c.n. radica in se stesso il convincimento di essere quasi indispensabile e che come fa lui le cose non le fa nessuno, sì, la malattia di Kiko è fortemente infetta e, come dicevo, io stessa ne sono stata contagiata.
      Dunque allarghi continuamente i tuoi confini, prendi e prendi nuovo lavoro e esautori tutto quanto hai intorno. Megalomania pura.

      Continua.......
      Pax

      Elimina
    3. Continua.....

      Hai ragione, il c.n. si sta erodendo pian piano al suo interno e la "svolta delle "opere"", come tu la definisci, è stata fondamentale.
      Dopo di ciò tutto è andato degradandosi molto più velocemente e il c.n. ha mostrato il suo vero volto.
      Alle opere che tu elenchi aggiungo l'ultima, in ordine di tempo, unita alla pubblicazione di autobiografie e pensieri spirituali (ohi noi!), che è la ridicola attività di compositore di concerti in cui il Trettre doctor Arguello si cimenta ultimamente. Una vera pagliacciata senza precedenti, ma al peggio non c'è mai fine.

      Ultimo aspetto che sottolinei, molto importante, è che, ancora una volta, l'iniziativa è degli itineranti che, imitando Kiko, stanno ognuno di loro fondando il proprio piccolo o grande impero PERSONALE, e i Vescovi subiscono tante volte, molte altre non comprendono il senso ma, cedendo alle forti pressioni, lasciano fare.

      Ti avrei fatto vedere, alle convivenze di itineranti, durante le esperienze, con le cartine delle varie Nazioni del mondo in cui si estende il POTENTE CAMMINO, come erano belli, con le loro bandierine colorate, fare a gara a chi più era riuscito a ficcare, nella zona a lui affidata, ognuna delle opere succitate, costruzioni, seminari e quant'altro!......non le produzioni artistiche, ovviamente, quelle sono prerogativa esclusiva del Sommo. Magari facevano a gara a chi era più bravo a trovare il palcoscenico più prestigioso per una mega/esibizione, che soddisfacesse al massimo le smanie idolatriche dell'insaziabile Kiko e lo ricolmasse di autocompiacimento, cosa che lui adora.
      Grazie Mav, mi fermo qui.

      Pax

      Elimina
    4. Grazie a te..
      Imperdonabile errore la dimenticanza delle sinfonie, perché adesso sono due :( , tra l'altro anche nella musica non si smentisce è una autocitazione continua, se ci fai caso, un insieme di melodie già usate nei suoi canti, per non parlare delle patetiche cariatidi che suonano la chitarra con il pollice ( cosa ci fanno in una pseudo orchesta sinfonica ), la novità di quest'ultima è una partitura di pianoforte ( era ora ) che ricorda molto Gershwin decisamente non farina del suo sacco, se pensi che con tre accordi si possono suonare l'80% dei canti. La dimenticanza invece degli ultimi libri è proprio frutto del rifiuto di dette pubblicazioni, che apprezzano solo i suoi più vicini adepti, vergognosi nei contenuti e ancora di più nel tentativo di imporne l'acquisto ( non dimostrabile ma esistente ). Per quanto riguarda i cartelloni stile Risiko mi sono bastati quelli esposti nelle udienze con i vari Papi, da li posso immaginare quello che hai detto, e che si verifica ad ogni riunione di catechisti a scendere, ogni responsabile di zona si vanta dei propri carri armati, senza valutare le reali opportunità, l'importante è conquistare territori. Continuando il parallelo cn il Risiko, mi sa tanto che la carta obbiettivo è stata dimenticata e, come nel gioco, si vince anche senza conquistare tutta la terra, almeno come lo stà intendendo lui. Adesso ne dico una forse troppo esagerata. MA la fissazione della Cina mi sa tanto che è legata solo ai numeri, e li sono veramente tanti, e non ad un vero amore ai cinesi. Avete presente Hitler, Kiko vuole aprire un altro fronte perchè quello europeo e americano sono in disfatta. Tente famiglie, tanti preti, tutti partiti con grandi sogni e poi sono parcheggiati in posti ameni dove le comunità sono formate solo dalle famiglie in missione e non battono un chiodo da decenni, in più a furia di coldivare tantissimi orticelli lontani, stanno morendo gli orticelli dai quali queste persone sono partite e quando torneranno non troveranno più niente ad accoglierli. Poi ci sono tantissime famiglie che per vari motivi sono dovute tornare che non sono state minimamente aiutate nella delicatissima fase del rientro, alla partenza bande e fuochi artificiali, al rientro dimenticati e trattati come reietti. Ultimamente sto anche vedendo tanta gente che torna, preti compresi, perchè schifati dal "tradimento" della missione per la quale sono partiti o scoppiati per i ritmi forsennati ai quali gli itineranti li sottopongono.

      Elimina
    5. Tutto vero, caro Mav.
      Aria fritta, tutto fumo e niente arrosto.
      Quello che più indigna è che Kiko, purtroppo, non gioca al Risiko - lui e i suoi generali - ma con la vita delle persone, intere famigli, e con la vita di tanti ragazzi nei suoi Seminari farlocchi disseminati dappertutto sempre per fare numero.
      Se questa gente sfruttata si ribellasse, una buona volta!
      La mania espansionistica fregò Hitler che non capì quando doveva fermarsi.
      Speriamo che la Cina seppellisca Kiko una buona volta.
      Gli schitarranti datati, poi, sono quelli che suonano alla Kikomaniera, beh chi meglio di loro, con un simile sublime maestro. Il sublime Nerone dei nostri tempi.
      Non sopportando lo sfascio del suo impero sotto i suoi occhi, anche se con la faccia di corno che si ritrova continua a sbandierare conquiste e successi con grande umiltà cristiana, si è dato all'arte stile Nerone, appunto, invece di darsi all'ippica. Fa più da glorioso imperatore almeno, un mperatore patetico.
      Che sprofondi presto, con tutta la sua corte infernale.

      Pax

      Elimina
  25. Io la vedo dura, Pax. Sarà un'apocalisse non ancora profetizzata:
    "E vi fu guerra in cielo:
    Kiko con i suoi neocat combatterono contro i testimoni di Geova
    e i Testimoni di Geova combatterono contro i neocat
    per occupare i 144.000 posti disponibili
    ma non vinse nessuno di loro
    furono scacciati a calci dove non batte il sole".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lino per questa sintesi estrema ed efficace, davvero per loro non è necessario si scomodi l'Arcangelo San Michele e le sue potenti schiere, questa è una guerra tra eretici, si scanneranno tra loro a chi è stato più insulso con le sue bieche trovate.

      Pax

      Elimina
  26. Ma una cosa fondamentale è capire che queste persone non sono cattive o malevoli, anche se a volte hanno comportamenti che farebbero pensare il contrario: sono persone, purtroppo, malate. Hanno bisogno di cure, perché il loro modo di ragionare è stato "inquinato alla fonte": non riescono a vedere la realtà che li circonda per come è, perché qualcuno gli ha applicato un filtro. Sono malate, e non vanno biasimate, bensì curate: però non si può curarle a forza. Devono voler guarire.

    IL TSO era una provocazione se andiamo a vedere tutti noi uomini sono "malati" siamo malati di ego. Queste sono persone che amano il potere e trovano in sistema spirituale la maniera di esercitarlo nel suo massimo grado, basta avere per alleati in questi giochetti "Dio " o il "diavolo" e la manipolazione riesce sempre.
    Se si prova ad allontanarli rinsaviscono subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops
      tutti noi uomini sono "
      evidentemente
      tutti noi uomini siamo "
      sorry

      Elimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.