mercoledì 13 agosto 2008

Preghiera e santa Penitenza... Signore, pietà di noi!

Prima di salutarvi per qualche giorno di riposo, vorrei condividere con voi tutti il dolore provato in questi giorni dopo aver avuto l'ennesima conferma della grande confusione in cui viviamo.

Leggevo sulla Rete i pensieri di un giovane, mio coetaneo. Un giovane (adesso che sto per fare 30 anni un po meno eh! ^__^). Non un giovane come gli altri però. Un giovane che ha un ruolo fondamentale, eccezionale, benefico e salutare per tutti noi, ha un "carattere" che lo configura in modo unico: è Sacerdote. Solo questo, sapere di un giovane Sacerdote, fa gioire ed esultare. Vedere un Consacrato a Dio per il Servizio, un Ministro delle "cose sacre" per il bene di tutti, un "difensore della Fede" e un "Annunciatore" della Sacra Parola, fa ben sperare.

La gioia, però, si è tramutata subito in sconcerto. Nemmeno più indignazione, perchè ormai noto una tragica "normalità" nelle posizioni di chi è istruito al "nuovo" cattolicesimo.

Questo giovane, mio coetaneo, esprime idee e insegnamenti (ed è Sacerdote!) sconcertanti e con una "leggerezza" che sconvolge.

Nella discussione che ho letto, si ipotizzava, fra le altre cose, di conformare l' "Eucaristia" alle "usanze" dei vari popoli, dichiarando che ciò fa parte di "inculturazione della fede. In che modo? Beh, per esempio in Cina usando non il Pane Eucaristico ma il RISO! La gisutificazione: il Signore è tanto grande da "passare" nel Pane Eucaristico e non nel riso?

Quando leggo queste cose mi vengono i brividi, perchè mostrano una chiara non-conoscenza della Fede della Chiesa, spesso per responsabilità dei "cattivi maestri".

Ma ancora di più quando i Sacerdoti le sostengono. O sostengono che la fede "pre-conciliare" era dannosa, che oggi è "cambiata", che il VOM non "mi appartiene", ecc, ecc, ecc... Tutto conferma la "sterzata" grave avvenuta e magari anche le critiche di chi viene considerato un "fanatico".

Per questo, davanti a questo disastro non posso fare altro che pregare. Pregare per i Sacerdoti (a maggior ragione quelli del CN!), che CUSTODISCANO la Fede di sempre, cha amino Gesù Eucaristia, il Papato, la Liturgia di Sempre e se ne facciano Servitori. Questo perchè ne va della nostra stessa salvezza.

Preghiera e penitenza, dice il Serafico Padre, per Ottenere Grazia e Santità per noi e per la Chiesa. All'Impegno morale si DEVE associare la vita di Preghiera intensa (per quanto la nostra Condizione permette). Anzi, deve essere la base. Questo secondo la nostra LIbertà e le nostre scelte, si può concretizzare in mille modi.

Io posso consigliare di praticare la devozione Mariana dei 5 sabati, in riparazione di tutte queste bestemmie su Cristo Eucaristico e sulla nostra fede, ormai entrate anche nelle Omelie domenicali.... Oppure l'Adorazione Eucaristica per la Santificazione dei Sacerdoti...Signore, Pietà.


Preghiera per i sacerdoti
Signore Gesù, presente nel Santissimo Sacramento,
che hai voluto perpetuare la tua Presenza tra noi
per il tramite dei tuoi Sacerdoti,
fa' che le loro parole siano sempre le tue,
che i loro gesti siano i tuoi gesti,
che la loro vita sia fedele riflesso della tua vita.
Che essi siano quegli uomini che parlano a Dio degli uomini,
e agli uomini, di Dio.
Che non abbiano paura del dover servire,
servendo la Chiesa nel modo in cui essa ha bisogno di essere servita.
Che siano uomini, testimoni dell'eterno nel nostro tempo,
camminando per le strade della storia con i tuoi stessi passi
e facendo a tutti del bene.
Che siano fedeli ai loro impegni,
gelosi della propria vocazione e della propria donazione,
specchio luminoso della propria identità
e che vivano nella gioia per il dono ricevuto.
Te lo chiedo per la tua Madre Maria Santissima:
lei che è stata presente nella tua vita
sarà sempre presente nella vita dei tuoi sacerdoti. Amen.

16 commenti:

mic ha detto...

- se il Papa riuscirà a portare avanti la riforma dei seminari, reintroducendo una formazione non soltanto di stampo 'modernista' che crea sacerdoti che non conoscono nulla della Tradizione, come se la Chiesa fosse davvero stata ri-fondata dal Vaticano II, con il quale la si voleva - almeno così si dice - riformare

- e se davvero il Papa riuscirà introducendo il latino e l'obbligo di imparare la celebrazione VO, nei seminari

non sarà la 'lingua morta' soltanto né un fascino estetico dell'Antico Rito né la sua storia, ma l'Azione del Signore insieme alla rivitalizzazione delle Verità fondanti della nostra Fede a condurre verso la soluzione di una crisi epocale.

Perché ci sono tanti fedeli assetati di Dio e troppi sacerdoti che hanno perso il contatto con la Sorgente autentica, seguendo i miraggi di troppi 'cattivi maestri' e non sono più in grado di trasmettere la vera fede

Grazie per la preghiera, che facciamo nostra, caro Steph!

stephanos78 ha detto...

Stavo pensando Mic che credo il dramma vada oltre ogni possibile immaginazione. La realtà supera la fantasia...

Devo dire che quando ho letto la storia del Riso "eucaristico" stavo per ridere per non piangere...! Il riso eucaristico Mic!!! IL RISO! !__!
Ma ti rendi conto?

I "sacerdoti" che consacrano una ciotola di Riso!!!

Questa storia non può continuare così! La chiesa è diventata una società di autogestiti!

I Giovani SAcerdoti, perchè pensano come Don78? Perchè sono FORMATI COSI'! E chi li forma? Domande retoriche.

C'è bisogno, tanto, di preghiera e penitenza. Dobbiamo vegliare e pregare, perchè quello che ho davanti è desolazione, aridità spirituale, maestri che non insegnano più, menefreghismo, pressappochismo...

Io che ho bisogno di Dio, della Santa Chiesa, del Sacramento della Penitenza (senza il quale NON POSSO VIVERE) troverò ministri degni che mi aiutino???? Dove sono?

Chiedo preghiere anche per la salute di mio Suocero.

Le prove non mancano. Signore non farmi mancare la Grazia... Non farmi Mancare la Chiesa.

mic ha detto...

Caro Steph,
stai saldo!
La prova è davvero grande sia nella Chiesa che nel mondo e certo non è un caso che si sfaldi la fede e anche la società cosiddetta ciivle si stia sfaldando.
Speriamo solo negli anticorpi presenti nella società come negli individui e nelle 'luci' presenti nella Chiesa.
Poi ci sono le prove personali, ciò che ci tocca direttamente e nella famiglia... è tutto "materiale da costruzione per il Regno", Steph!

Ma non mi limito a dirti cose che già sai, ti dico che ti sono vicino col cuore e anche nella preghiera

Buona Festa dell'Assunta a te e a tutti!

Aldo ha detto...

Carissimi Mic. e Stefano.. vi sono vicino, e mi associo a queste preghiere.. la Madonna, che è Madre ci darà ristoro in questi giorni, anche perchè credo che ci aspettano giorni più duri..
un abbraccio a tutti..

felice ha detto...

Vorrei postare la mia testimonianza in merito al tema della pagina:

Da 12 anni conosco F.: quando lo conobbi era neodiplomato in ragioneria e aprì un'attività commerciale nel settore musicale che funzionava abbastanza bene.

Circa 4 anni fa, investito dalla grazia di Dio, decide di entrare nel seminario diocesano.

Dopo un paio d'anni di studi, in un colloquio, mi riferisce un certo ripudio (se non odio) nei confronti dei sacerdoti pre-conciliari... come per dire: "Quelli sono ormai superati... non sono di larghe vedute... ci sono troppi sacerdoti vecchi".

Parlando con sua nipote, qualche mese dopo, questa mi riferisce: "Sai che mio zio va pazzo per i NC...? dice che tu sei impazzito e non ti devi permettere di parlar male di loro..."...

Ioooooooooooooooooooo????????

Tralasciando la questione del CN, sembra che in tutta la Chiesa moderna regni questa convinzione che la Chiesa preconciliare appartenga al passato.

Secondo il mio parere personale non esiste una Chiesa del passato o del futuro: esiste una sola Chiesa Cattolica e basta... stesso discorso sulla nuova evangelizzazione: ne esiste una vekkia?

Buone vacanze per chi se le farà... io purtroppo... a studià...

mic ha detto...

Tralasciando la questione del CN, sembra che in tutta la Chiesa moderna regni questa convinzione che la Chiesa preconciliare appartenga al passato.

questa affermazione e anche l'inizio del tuo post sono degni del Sig. Veneranda, Felice ;)

La chiesa moderna è molto inquinata dai modernisti, oltre che dai NC, ma da qui a parlare di TUTTA, ce ne corre...

Sorpassati, come i sacerdoti vecchio stampo - che nemmeno conoscono, altrimenti non parlerebbero così: qualcuno gliene ha fatto la caricatura - per loro siamo anche noi che amiamo la Tradizione!

Ma non sanno che la Tradizione Viva porta in sé tutti i germi di novità autentiche che il Signore immette nella Storia personale e collettiva.

Invece sono loro che non avranno futuro perché, se oggi hanno successo nel mysterium iniquitatis, quando Dio vorrà, diventeranno come "pula che il vento disperde"... parlo delle storture che vengono diffuse, non delle persone, ovviamente

Francesco ha detto...

Catechumenium.it ha chiuso trionfalisticamente i battenti, dichiarando di aver portato a compimento ormai la sua missione,che era appunto quella di accompagnare i neocatecumenali allo statuto definitivo.
Non era infatti, come già avevamo intuito e scritto, la missione di accompagnare la Chiesa Universale nel suo travaglio quotidiano contro i "lupi" di cui parla Benedetto XVI, era semplicemente un'operazione di supporto al cammino neocatecumenale e ora che quest'ultimo ha raggiunto il suo scopo dichiarato,non c'è più bisogno che esista.
Ma Catechumenium forse dovvrà presto riaprire per supportare l'approvazione degli Orientamenti di Arguello che, a quanto pare, sono ancora al vaglio(?) della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Francesco ha detto...

Chiarisco meglio il concetto espresso ieri sera a proposito della chiusura di Catechumenium.it.

Un sito strumentale(per sua stessa ammissione), volto non a supportare la Chiesa Universale, come avrebbe voluto sembrare, ma una realtà particolare, quale il Cammino Neocatecumenale,che, a dire della redazione, dopo l'approvazione dello Statuto non ha bisogno più di alcun supporto.

Mi pare assai significativo il fatto.

gherardo ha detto...

Quindi, per sua stessa ammissione,
un sito di pura propaganda.
Complimenti per la schiettezza!

Francesco ha detto...

Chiarisco meglio il concetto espresso ieri sera a proposito della chiusura di Catechumenium.it.

Un sito strumentale(per sua stessa ammissione), volto non a supportare la Chiesa Universale, come avrebbe voluto sembrare, ma una realtà particolare, quale il Cammino Neocatecumenale,che, a dire della redazione, dopo l'approvazione dello Statuto non ha bisogno più di alcun supporto.

Mi pare assai significativo il fatto.

mic ha detto...

A proposito, la chiusura, antecedente a Sydney, non ha impedito a Catecumenium di aggiornare i link riguardanti anche quelle performance del cammino.

In realtà si era trasformato in uno di quei siti con i quali si realizzava il processo di 'mimetizzazione', includendo nella sua informazione non più solo materiale neocat, ma anche altri argomenti 'cattolici'

Ora anche questo non serve più...

Francesco ha detto...

Buona festa dell'Assunta a tutti.

Emma ha detto...

Non posso fare a meno di reagire davanti all`immenso striscione che ancora una volta i neocaetumenali hanno posto bene in evidenza a Castelgandolfo al passaggio del Papa.
Se appartengono ala Chiesa e alla parrocchia perchè ancora distinguersi sottolinenando la loro appartenenza al Cn e farlo sempre in quel modo così vistoso?
Spero che con il tempo smetteranno questa loro abitudine che li mette in margine, come hanno fatto a Sydney e ovunque passa il Papa.

Emma ha detto...

Ho letto queste risposte date dal cardinal Bagnasco durante un intervista pubblicata su Tracce


"Lei, in maniera altrettanto esplicita, ha detto che Cristo non è qualcosa che arriva «alla fine della proposta» educativa, ma sta alla sua origine. Può spiegare meglio questo passaggio?

L’annuncio di Cristo non è un completamento finale, l’avvenimento conclusivo di un percorso. È il fondamento. Lì c’è il riferimento educativo visibile, concreto. E che il fascino di Cristo stia all’inizio del percorso educativo - non come un metodo accademico, ma come esperienza completa -, lo vediamo tutti. È l’impatto con quel fascino che fa nascere un movimento interiore, un sussulto, un’intuizione di fronte alle esigenze della vita. E questo mette in moto una conversione, un cammino; perché si intuisce che lì c’è la pienezza dell’uomo.

Però anche in parte del mondo cattolico c’è stata spesso - e c’è tutt’ora - la tentazione di pensare che la proposta cristiana debba arrivare solo alla fine di un certo percorso: come se prima ci fosse bisogno di una preparazione…

Vero. Ma è un’idea contestata dai fatti."

Si può leggere quasta intervista qui:

http://paparatzinger-blograffaella.blogspot.com/

La frase" come se ci fosse bisogno di una preparazione", mi ha fatto pensare a diverse testimonianze di neocatecumenali secono i quali l`apertura delle loro Eucaristie non era facile da attuare perchè per potere participare bisognava prima avere fatto tutto un percorso di preparazione.
Mi rendo conto di avere messo la mia frase all`imperfetto ma credo che avrei potuto e dovuto metterla al presente.

sofia ha detto...

@ Mic e amici

leggendovi mi affiorano alla mente tante parole da dirvi, come commento alle vostre riflessioni, di solidarietà nella desolazione attuale, di affinità di idee e sentimeni spirituali, ma anche di Fede, di Speranza, di ottimismo (fondato su Gesù che ha detto: Coraggio! Io ho vinto il mondo!),
tante...che non riesco a dirle in un solo post, anche perchè non dispongo di molto tempo
continuativo al PC.

Spero di farlo nei prossimi giorni,
ma temo che in assenza di Mic i miei post si fermeranno nel filtro
della moderazione: ci proverò comunque...

mic ha detto...

L’annuncio di Cristo non è un completamento finale, l’avvenimento conclusivo di un percorso. È il fondamento. Lì c’è il riferimento educativo visibile, concreto.

l'annuncio, il cosiddetto kerygma del cammino, è che l'uomo pecca perché ha paura della morte e Cristo attraverso il Cammino è venuto a liberarci dalla paura della morte. Prego Emma, se vuole, di documentarsi a questo articolo

Invece il kerygma, cioè l'annuncio cristiano è che Dio ci ama tanto che ha inviato il Figlio, non per liberarci dalla paura della morte, ma dalla 'morte spirituale' data dal peccato che ci distacca dal Progetto di Dio e quindi dal rapporto vitale e vitalizzante con Lui... e ricondurci quindi nel seno del Padre.
Il Signore ha compiuto tutto questo con il suo Sacrificio e con la sua Risurrezione...

Questo è tutto quello che c'è da sapere, questo Amore immenso e la Salvezza che ne deriva, da accogliere e nel quale sentirsi immersi e sanati e ri-generati ogni giorno.

A ognuno è data una comprensione iniziale diversa, che si approfondisce e matura e si compie sempre ulteriormente, nel dinamismo del processo di identificazione della nostra persona, che è anche lo svelamento dell'immagine impressa in noi... questo processo è reso pienamente vitale e vitalizzante nella vita di Fede e Sacramentale nella Chiesa

Gli altri sono surrogati

Pensiamo alla "donna vestita di sole" che celebriamo oggi... "tutto tessuto d'oro è il suo vestito"... l' 'oro' della vita divina l'ha talmente intessuta e impregnata... e in Lei, ce n'è anche per noi, perché ci porta al Figlio