lunedì 26 aprile 2010

Nuova testimonianza, molto rivelativa!

Ricevo e pubblico:

Salve,
non so con chi parlo ma dal momento che non ti fai conoscere già si deve dubitare di te (scrivevi così del cammino neocatecumenale).
Sono un ragazzo di 22 anni giovane forse, pieno di spirito sicuramente. Ho fatto anche io da ragazzo il cammino per qualche anno ma ancora non era tempo per me infatti dopo 2-3 anni forzati sono uscito.
Sono figlio di 2 genitori nonchè persone fantastiche che da più di vent'anni sono nel cammino. ti posso assicurare che aldilà dei metodi che usano nella comunità e le eresie che possono essere dette non ti devi soffermare su ciò.
Se hai fede veramente nel signore gesu' saprai che lui ha un progetto per tutti noi, forse il cammino non era il modo piu' adatto per te di avvicinarti al signore, io l'ho trovato infatti nel rinnovamento carismatico e non escludo assolutamente di andare anche in comunità, il signore si manifesta ovunque, perchè fermarsi dunque ad ascoltare (e solamente ascoltare) la parola illudendo noi stessi, dovremmo essere invece quelli che la mettono in pratica. Esistono molti libri di psicologia sociologia che affermano innumerevoli teorie.........gesu' e' l'unica via non esistono teorie per il cuore. Il signore Attecchisce ovunque non importa come, I risultati della "setta" di cui parli li vedo ogni giorno ringraziando Dio, sui miei genitori essi sono veramente degli strumenti del signore, lascia perdere le dottrine La chiesa cattolica E' quella giusta secondo te?? è fatta di uomini, gli uomini sbagliano DEVI CREDERE IN UN' UNICA DOTTRINA IL SIgnORe GESU' cristo lo puoi sentire ovunque qualunque persone vicina a te può diventare strumento del signore rendendosi testimone Apri le orecchie e ascolta quello che è giusto per la tua vita, infondo sai che a volte è necessario mettere da parte la ragione Il Nc sono servi del signore non di Kiko, quest'ultimo è solo uno strumento del signore hai paura che diventi un duce? anche lui è una persona non vuole voti, non fa una campagna elettorale. Elimina il sito, perchè devi scoraggiare persone che vorrebbero entrare nel cammino ( attraverso internet sono migliaia di persone) l'importante è che gli uomini si convertano a Dio per diventare suoi servi, lascia stare un cristiano che frequenta la chiesa ma molte volte non vi è un passaggio intermedio un ateo può arrivare direttamente in comunita' e convertirsi TU INVECE CHE COSA FAI? MANDI QUESTE PERSONE NELLE MANI DI SATANA E SI PARLA DI MIGLIAIA INFILANDO DUBBI SU DUBBI E INSIEME A LORO RISCHI DI SEGUIRLI ANCHE TU, STAI FACENDO DEL MALE E NON TE NE RENDI CONTO, SPERO CHE SIA UNA TESTIMONIANZA VERA E CHE NE APPREZZI LA SINCERITA' AL DI LA' DELLA FORMA.
PROVA ad ascoltare la parola di Dio con cuore sincero
il seme caduto sulla terra buona sono coloro che, dopo avere ascoltato, custodiscono la parola e producono un frutto con la loro PERSEVERANZA, pregherò per te affinchè il signore ti possa dare lo spirito di perseveranza, solo grazie a quello potrai continuare a seguirlo con cuore puro e sincero scacciando via tutte le tentazioni che il mondo, i pensieri negativi producono, quando avrai fatto cio' ti sentirai leggero e spensierato come un bambino felice senza pensieri nelle braccia del signore come mi sento io in questo momento.

GUARDA LA SOSTANZA LA FORMA E' SECONDARIA!! GESU' HA FORMA? LO VEDI OGNI GIORNO?? IMPARA A VEDERE CON GLI OCCHI DEL CUORE

Ti lascio con una parola
"E' giunto il momento ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità, perchè il padre cerca tali adoratori" (Giovanni 4,23)
e ancora questa sono per te scelte a caso dalla mia mano:
"il signore è lo spirito e dove c'è lo spirito c'è liberta'" (II corinzi 3,17)
Davide.
___________________
Che dire all'appassionata testimonianza di Davide? Come fa a sostenere che qui da noi si veda la forma e non la SOSTANZA, se è proprio alla sostanza, cioè alla Verità che rimandiamo continuamente?
Inoltre nel suo discorso senza filo conduttore, ricco di flash slegati fra loro secondo il più puro stile kicarmeniano, ad un certo punto afferma: "lascia perdere le dottrine. La Chiesa cattolica è quella giusta secondo te? E' fatta di uomini e gli uomini sbagliano".

A questo punto dovrebbe spiegarmi chi e cosa conferisce al Cammino il monopolio dello Spirito Santo: un cammino che non è che sia calato dal cielo come le Gerusalemme Celeste ma, anziché essere stato istituito da Cristo come la Chiesa, è opera di uomini ed è fatto di uomini e ha le sue "dottrine" in base alle quali "il cammino si fa e non si studia": un 'fare', sancito da quelle dottrine ancora segrete in quanto non pubblicate, che incide direttamente sul comportamento e scrive qualcosa nella psiche e nell'anima delle persone...

Come non domandarsi perché si può sostenere che sbaglia la Chiesa dato che è fatta di uomini e non possa sbagliare il cammino che è fatto di chi? Di "chi ha ricevuto la natura divina", come arbitariamente sostiene Kiko, quando invece la natura divina, che è Soprannaturale e non immanente come lui la fa, noi creature la riceviamo per Grazia in Cristo, per 'partecipazione', conservando la nostra natura umana così come il Signore, Vero Uomo e Vero Dio! Ma questo avviene in Cristo, nella sua Chiesa e non per mera appartenenza e adeguamento alle prassi del Cammino NC, come si vuole sostenere.

Emerge nettamente lo slegamento dalla Chiesa e si conferma tutto quanto andiamo ripetendo da anni. Abbiamo a che fare con il solito delirio... Povera Chiesa e povere anime in pasto a certi lupi!!!

Non aggiungo altro, il resto lo lascio alla riflessione comune, per la quale questo scritto ci offre una marea di spunti...


46 commenti:

Freedom ha detto...

Per Davide o chiunque tu sia....ma ti rendi conto di avere dato testimonianza solo della tua confusione interiore? Se vuoi ragionare su dei fatti leggiti la lettera al Papa di Gianluca e Annarita! E per piacere quando ti rivolgi a Mic,se hai il cappello levatelo, perchè è una persona che si dona agli altri ed è testimone di Cristo molto più di te. Quanto al rinnovamento dello spirito e ai carismatici, parlo a titolo personale , li ho frequentati e ho ,trovato solo gente esaltata o con molti problemi. Noi qui, non ci occupiamo di problemi di forma ma di sostanza e la sostanza dottrinale del cammino è eretica e le sue prassi al limite del codice penale!

chisolm ha detto...

1) “Sono un ragazzo di 22 anni giovane forse, pieno di spirito sicuramente…”
2) “Il signore Attecchisce ovunque non importa come…”
3) “sai che a volte è necessario mettere da parte la ragione Il Nc sono servi del signore…”

Caro Davide, è ovvio che per te la “forma” sia secondaria, visto che – nella sostanza – sei pieno di spirito (Spirito) e che il signore (Signore) attecchisce ovunque, come se tu fossi la vite e lui (Lui) il tralcio.

Ti auguro di provare sempre “timore e tremore” quando parli di te come strumento dello Spirito, pieno di Lui (come dici tu…) e ti auguro un sereno incontro col Signore per sentirti tu parte di Lui perché solo così potrai sentire che Lui è parte di te…
Chisolm

mic ha detto...

il 'tocco' di Chisolm, leggero come un carezza per l'anima :)
ci mancavi, moltissimo..-
Un affettuoso (e tenero, se mi permetti) abbraccio!

Caterina63 ha detto...

riprendo dalla lettera questo passo inquietante:

Se hai fede veramente nel signore gesu' saprai che lui ha un progetto per tutti noi, forse il cammino non era il modo piu' adatto per te di avvicinarti al signore, io l'ho trovato infatti nel rinnovamento carismatico e non escludo assolutamente di andare anche in comunità, il signore si manifesta ovunque, perchè fermarsi dunque ad ascoltare (e solamente ascoltare) la parola illudendo noi stessi, dovremmo essere invece quelli che la mettono in pratica

************

allora:

1) siamo al relativsimo e al sincretismo religioso....a questo punto possiamo anche andare anche nelle comunità Protestanti, la differenza non c'è più, il signore gesù (scritto sempre in minuscolo sic!) sta ovunque, la Chiesa Cattolica diventa così una opportunità fra le tante, FRA I CAMMINI stessi e non, come dovrebbe invece essere, i cammini nella Chiesa... Si continua a registrare la visione dei Movimenti come una sorta di primizia e priorità mentre la Chiesa viene vista come IL CONTENITORE dei Movimenti...

2)perchè fermarsi ad ascoltare?
bè innanzi tutto perchè il Signore dice: CHI ASCOLTA VOI, ASCOLTA ME! ed è riferito a Pietro e ai successori degli apostoli...ascoltare è per il Cristiano la priorità...ma ascoltare cosa? la dottrina L'ORTODOSSIA DELLA FEDE...
se prima NON ascoltiamo, ciò che metteremo in pratica non sarà l'ortodossia MA LE NOSTRE OPINIONI....
Ci sono persone che conoscono a memoria i testi del proprio Movimento, ma non sanno nulla di ciò che ha detto Pio XII, un san Pio X un Benedetto XVI....


C'è un mio amico del RnS che per prendermi in giro mi dice sempre che a me MANCA LO SPIRITO SANTO perchè non sono del Rinnovamento ^__^
allora quando ho bisogno di lui lo chiamo e gli dico: ehi! mettiti in moto, mi serve un pò del tuo SPIRITO per finire un lavoro...^__^
e allora si, spesso riesco a finire quel lavoro con il suo aiuto nella Preghiera...
^__^

il resto l'ha fatto capire anche Chisolm che saluto!

mic ha detto...

Grazie Freedom per il calore che traspare dalle tue parole e per il sostegno :)

e anche per aver ricordato la lettera di Gianluca e Annarita che ora è raggiungibile anche dal nostro sito

chisolm ha detto...

“GUARDA LA SOSTANZA LA FORMA E' SECONDARIA!! GESU' HA FORMA? LO VEDI OGNI GIORNO?? IMPARA A VEDERE CON GLI OCCHI DEL CUORE…”


“Il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio ma spogliò se stesso assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in FORMA umana umiliò se stesso facendosi ubbidiente fino alla morte ed ala morte di croce" (Filippesi 2,6-8).

Ricambio di cuore i saluti...
Chisolm

dalb.mario-chiruplas ha detto...

"Sono figlio di 2 genitori nonchè persone fantastiche che da più di vent'anni sono nel cammino. ti posso assicurare che aldilà dei metodi che usano nella comunità e le eresie che possono essere dette non ti devi soffermare su ciò..."
Da quel poco che capisco di dottrina e di catechismo, questo povero Davide è completamente "fuori" dalla comunità cattolica, come sono fuori i suoi genitori ed il famoso "cammino neoc." C'è un sentimentalismo emozionale decadente e romantico che attanaglia queste persone.Proprio poco tempo fa leggevo un commento di vescovo che diceva che più della pedofilia e del modernismo laico, quel che fa più male alla Chiesa oggi sono le eresie che la rodono dall'interno.Forse questo vescovo ha avuto contatti con i neocat.!
Marius miles

SFC ha detto...

non si rendono conto che certe testimonianze invece che essere punti a favore non fanno altro che confermare quello che tentano di smentire a tutti i costi e che voi smascherate. Esempio:

"ti posso assicurare che aldilà dei metodi che usano nella comunità e le eresie che possono essere dette non ti devi soffermare su ciò.Se hai fede veramente nel signore gesu' saprai che lui ha un progetto per tutti noi, forse il cammino non era il modo piu' adatto per te di avvicinarti al signore,"

cioè metodi ed eresie non contano, Gesù (scritto inesorabilmente con la minuscola) ha un progetto per tutti, forse il cammino non era il più adatto per te: il che, però tradotto, per chi conosce il linguaggio neocat, significa "non eri predestinato.."

a.rita ha detto...

Grazie Mic,
per la tua disponibilità,per aver messo la nostra lettera sul sito,
grazie carissimo Freedom...
grazie Jo, grazie a tutti.

Caterina63 ha detto...

Seguendo le orme di Chisolm....(mi metto dietro, come quando da bambina mi divertivo a mettere i miei piedi sulle orme degli adulti, specialmente le mie suore ^__^) ritorna pretestuosa una falsa concezione della FORMA che da dopo il Concilio stava privando il fedele dell'Adorazione Eucaristica, dottrina duramente combattuta da Giovanni Paolo II ed ora da Benedetto XVI...

La Forma è fondamentale...certo NON deve prevaricare come tutte le cose che poste AL SERVIZIO dell'Uomo non devono renderlo schiavo, ma per noi la FORMA è qualcosa di essenziale nell'esporre IL CULTO...

Inoltre mi viene da piangere:
se è vero che la forma per questo nostro fratello NC è secondaria....perchè allora Kiko ha modificato le Chiese secondo i suoi schemi? Perchè ha eliminato le Statue del Sacro Cuore di Gesù e di Maria e dei Santi dalle loro comunità? Perchè ha imposto il candelabro a 9 braccia sull'altare al posto del Crocifisso? Perchè ha imposto i suoi canti e la danza tribale al termine della sua Messa?

E' evidente che a Kiko la FORMA non solo interessa, ma è PRIMARIA e non secondaria ^__^ altrimenti non si spiegherebbe perchè per gli adernti al CN vige L'OBBLIGO di obbedire soprattutto NELLA FORMA ai propri catechisti di come si deve prendere la Messa...ed è incomprensibile perchè lui abbia imposto che senza bere il Sangue di Cristo la comunione non sarebbe per loro valida...

alla faccia della forma secondaria!!
si è secondaria LA FORMA STABILITA DALLA CHIESA, MENTRE E' IMPOSTA ED OBBLIGANTE LA FORMA IMPOSTA DA KIKO...

Riflettano gli amici NC, riflettano e si preparino a festeggiare Santa Caterina da Siena almeno con un Triduo da oggi...
^__^

mic ha detto...

Chiediamo l'intercessione di Santa Caterina per il Papa e per la Chiesa!

E' un tempo buio, di disorientamento grande, il nostro; ma è anche un tempo 'forte' di Grazia, perché siamo costretti a custodire e approfondire, difendere, diffondere la nostra fede come forse non avremmo mai fatto, se non ci fossimo trovati in questo tempo, in questa Chiesa

particolarmente con questo inganno del Cnc, su cui focalizziamo maggiormente la nostra attenzione perché manca l'informazione corretta, ma purtroppo, misurandoci anche con altri problemi che la insidiano sia dall'interno che dall'esterno!

Emma ha detto...

Avete già detto molto se non tutto su questa testimonianza, slegata, confusa e preoccupante per ciò che rivela.
Chi scrive non può dirsi cattolico, potrebbe essere protestante, in ogni caso un perfetto esempio, vero o fabbricato, di sincretismo e relativismo.
Sorvolando su Gesù, Cristo,Signore, Parola, Spirito, Chiesa tutti scritti in minuscolo, quel giovane è forse stato poco nel cammino nc ma ne è stato profondamente segnato.
Per quel che riguarda la forma, la forma per Arguello è talmente importante che ha rifiutato la forma (e la sostanza) della Liturgia cattolica, ha rifiutato la forma degli spazi sacri Cattolici, ha rifiutato la forma (e la sostanza) del catechismo cattolico, per sostituirli con le forme da lui inventate, così essenziali da non potere essere modificate, nemmeno dal Papa!

Freedom ha detto...

Purtroppo la testimonianza di Davide
e' la cartina di tornasole della seco
larizzazione e dell'ignoranza più becera
delle giovani generazioni. A tutto pensano
fuorché a Gesu' Cristo. Adesso viviamo in
Una societa' in cui conta solo l'apparenza
la fama, la ricchezza. Il sogno di molti e'
andare all'isola dei famosi e così dal nulla
diventare qualcuno. Quando esiste la
Spiritualita' assume le forme bizzarre dei
Nostri tempi una sorta di sincretismo
New age in cui convergono come in un
calderone ebraismo, buddismo, esoterismo
Cabala ecc ecc . Nel migliore dei casi si
aderisce a qualche movimento come il
''rinascimento dello spirito'' o il CN perché'
La religione e' diventato un grande show che
ti deve regalare emozioni anche se poi ti
Lascia interiormente vuoto
Riflettevo su questo e mi chiedevo al di
La' dell'approvazione di questo o quello
Statuto se esiste un humus su cui possa
Crescere qualcosa che non sia questo
NULLA da cui mi pare di essere circondato

mic ha detto...

Riflettevo su questo e mi chiedevo al di La' dell'approvazione di questo o quello Statuto se esiste un humus su cui possa Crescere qualcosa che non sia questo NULLA da cui mi pare di essere circondato

ti comprendo, Freedom!

davvero, al di là delle problematiche create dal Cammino NC, si avverte un non-senso e un diffuso "vuoto" nelle anime e nelle coscienze... ma noi non siamo quel vuoto né siamo in quel vuoto, anche se ci circonda da molte parti: noi siamo ben piantati e radicati nel Cuore del Signore, altrimenti neppure ci renderemmo conto del vuoto e del non senso, che sembrano volerci inghottire e nemmeno riusciremo a riconoscere tutti i miraggi illusori che vorrebbero distoglierci da Lui.

Perciò coraggio, avanti... quell'humus esiste: intanto lo riconosciamo nei nostri poveri cuori e, poi, in quelli dei nostri amici più cari che sentimo vicini e solidali anche in questa vicenda in cui siamo coinvolti, avendo 'preso parte' per Qualcuno... e poi ancora, sai in quanti che non conosciamo ma che ascoltano una Voce inconfondibile perché è quella che cercano e non un'altra?

sembra che così si corra il rischio di rimanere nel vago e che abbia concretezza solo la comunità materiale, quella con cui si hanno i rapporti più stretti e diretti; ma in questo tempo e in questo mondo frantumato in cui ci è dato vivere, non sempre e non a tutti è dato trovare una comunità concreta nella quale vivere la fede e dalla quale essere sostenuti -o sostenere gli altri in reciprocità amorevole nella autentica koinonìa- e ristorasi e crescere insieme attingendo alla stessa fonte e condividendo relazioni vitali e vitalizzanti perché alimentate dalla Relazione delle Relazioni e dal mondo indicibile della S.S. Trinità... forse non è questo che invochiamo e desideriamo e attendiamo ogni volta che diciamo "venga il Tuo Regno"? Forse non è questo che credevamo di trovare, ma non era quello?

Però, se ci guardiamo intorno, scopriamo tante buone volontà silenziose e anonime solo per il "mondo" che guarda solo le apparenze e il successo visibile: è questo l'humus dove attecchisce la Grazia ed è anche quella parte 'sana' della Chiesa che ognuno di noi conosce e che speriamo diventi più visibile e più accessibile a tutti!

Emma ha detto...

"Quando esiste la
Spiritualita' assume le forme bizzarre dei
Nostri tempi una sorta di sincretismo
New age in cui convergono come in un
calderone ebraismo, buddismo, esoterismo
Cabala ecc ecc ."


Caro Freedom, il Papa recentemente ha parlato di "vago misticismo"

mic ha detto...

GUARDA LA SOSTANZA LA FORMA E' SECONDARIA!! GESU' HA FORMA? LO VEDI OGNI GIORNO?? IMPARA A VEDERE CON GLI OCCHI DEL CUORE

come posso guardare la sostanza se non attraverso una forma? E' ogni forma che 'mostra' e incarna una sostanza diversa. Gesù ha Forma Umano-Divina e, se non si ha la Grazia di averlo incontrato in autentici Testimoni, cosa si può guardare con gli occhi del cuore? Qualche immaginifico slogan, ma non la realtà in cui siamo immersi e che ci interpella e nella quale siamo chiamati a portare e ri-conoscere le Tracce di una Presenza... per poi allargare e alzare lo sguardo e rimettersi in cammino con un dolore ed una gioia nuovi da portare avanti fino alle soglie dell'Eternità

mic ha detto...

...un ateo può arrivare direttamente in comunita' e convertirsi TU INVECE CHE COSA FAI? MANDI QUESTE PERSONE NELLE MANI DI SATANA E SI PARLA DI MIGLIAIA INFILANDO DUBBI SU DUBBI E INSIEME A LORO RISCHI DI SEGUIRLI ANCHE TU, STAI FACENDO DEL MALE E NON TE NE RENDI CONTO...

questa parte della 'testimonianza' di David è stata ripresa sul blog Messa in latino per un duro attacco alla mia persona. Naturalmente certe cose ti toccano sempre, per quanto si sia certi del proprio sentire e agire...

Allora, ci ho riflettuto per l'ennesima volta e mi rispondo che farei del male, se gli atei invece che a Cristo Signore, di cui nel Cammino nc molto si parla, ma che non si vive (non è un modello) e non si fa conoscere (è stato eliminato il sacrificio e ben altro ancora) non si convertissero al Cammino, con tutto quello che implica;

inoltre, le persone nelle quali si insinuano dubbi (salutari, perché portano alla verità) non sono coartate da noi ma hanno tutta la libertà di scegliere secondo coscienza e responsabilità

Freedom ha detto...

Cara Mic ,
non darti pensiero per queste critiche. D'altronde a questi atei cosa viene offerto ? Il vangelo di Kiko? E questo sarebbe un vantaggio?
Irresponsabile è chi ti critica non tu, stai tranquilla.

gianluca cruccas ha detto...

TU INVECE CHE COSA FAI? MANDI QUESTE PERSONE NELLE MANI DI SATANA E SI PARLA DI MIGLIAIA INFILANDO DUBBI SU DUBBI E INSIEME A LORO RISCHI DI SEGUIRLI ANCHE TU, STAI FACENDO DEL MALE E NON TE NE RENDI CONTO, SPERO CHE SIA UNA TESTIMONIANZA VERA E CHE NE APPREZZI LA SINCERITA' AL DI LA' DELLA FORMA.

A si, chi e' che manda le persone nelle mani di Satana?

Padre zoffoli al direttore di Radio Maria Padre Livio filo-neocatecumenale...

...III - Profanazioni eucaristiche



A proposito dello scempio che si fa dell’Eucaristia — come ho già denunziato nei miei saggi critici, in seguito ad una valanga di proteste piovute da tutte le parti d’Italia —, posso confermare tutto aggiungendo altre gemme:

— A Trento, un neocatecumenale di discreto livello sociale, un giorno si portò in casa un avanzo del «pane consacrato» e lo sbriciolò per darlo in pasto agli uccelli. Lo ha deposto la moglie che me l’ha riferito.

— A Roma, un altro si mise in tasca l’Eucaristia e ci fece colazione, bagnando il «pane consacrato» nel caffellatte.

— Sempre a Roma, una neocatecumenale ha spiegato ad una persona, che me l’ha raccontato, che nessuno del Cammino può commettere dei sacrilegi quando avanzi e frammenti del «pane consacrato» cadono in terra e sono gettati tra i rifiuti, perché gli ostiarii, mediante una certa loro preghiera, sconsacrano quegli avanzi e frammenti. C’è da inorridire.

«Nell’assistere a questo spettacolo (quella della presunta "Eucaristia" neocatecumenale) — depone una signora di Reggio Calabria — con i catecumeni che ballavano inneggiando a Dio, quando mi è toccato di accedere alla Comunione, con il pane azzimo e con il vino, bevendo allo stesso calice in cui bevevano tutti, ho provato non poca nausea! Ma l’orrore più grande mi avveniva quando vedevo le briciole del pane consacrato che cadevano a terra e che venivano calpestate dai piedi di tutti. Che strazio! che dolore!

«Essendomi ribellata a simili abitudini, mi sono conquistata l’antipatia dei catechisti; di uno in particolare, che arrivò fino a profetizzarmi un presunto futuro amante. E questo alla presenza di mio marito, che, per evitare questioni, abbandonò ipso facto il "cammino catecumenale"...

— A Pisa, «nelle Messe celebrate da sacerdoti neocatecumenali non viene fatta la purificazione dei vasi in modo corretto (di cui io sono stato più volte testimone oculare), non si fa caso se dei frammenti cadono a terra (una volta si chiamava sacrilegio) e viene negato ogni culto al SS. Sacramento.

«Nella mia parrocchia i giovani non sanno nemmeno cosa siano le "Quarant’ore" o un’adorazione eucaristica seria, essendo il culto eucaristico limitato ad una esposizione del Santissimo per una ventina di minuti il primo venerdì del mese, mantenuta per accontentare le "vecchiette" che ormai sono abituate a questi riti!

gianluca cruccas ha detto...

CONTINUA...

«Una volta uno che era entrato in una comunità, vedendo dei frammenti abbandonati in un calice, lo fece notare e gli fu risposto: se credi ancora a queste cose, questa spiritualità non fa per te!...

«I neocatecumenali poi non si inginocchiano mai, né davanti al Santissimo, né alla consacrazione; assumono atteggiamenti irriverenti durante le celebrazioni (la posizione classica in chiesa è con le gambe accavallate e i due gomiti appoggiati sullo schienale, possibilmente in posizione obliqua rispetto alla panca. Una volta ho visto un ministro straordinario dell’Eucaristia (neocatecumenale) che andava a portare il Santissimo ad un ammalato fumando. Avendoglielo fatto notare, mi rispose: "Che ne sai tu che anche Gesù non fumasse?".

Preferisco non fare commenti».

Il medesimo teste aggiunge: «Nel neocatecumenato tutta l’autorità e tutto il sapere è nelle mani dei catechisti ai quali i sacerdoti devono obbedienza. Quanto volte ho visto sacerdoti trattati in malo modo, senza il minimo rispetto per il loro stato!...».

Dalla Sardegna, un’altra ex-neocatecumenale ha potuto attestare: «... Niente formazione religiosa, niente vita eucaristica, niente vita interiore (...). Kiko Argüello e Carmen sono persone furbissime: per farsi accettare sanno benissimo cosa bisogna fare e dire. Detto in parole povere: cercano di cancellare con stupide e originali argomentazioni la vera dottrina della Chiesa (...). Io ho resistito tre lunghi anni e ho il rimpianto di non aver piantato tutto prima. S. Giovanni Bosco diceva che in tempi calamitosi la salvezza della Chiesa sarebbe venuta dall’Eucaristia e dalla devozione alla Madonna. I nostri bravi teologi Kiko e Carmen fanno di tutto perché ci si allontani dall’Eucaristia e dalla Madonna...». Nulla da aggiungere!

«Del Movimento Neocatecumenale conservo una molto incresciosa esperienza. Quando, invitato a celebrare per un gruppo di essi — due anni or sono — l’Eucaristia, mi sono visto davanti, come pane da consacrare, una pizza, e come vino una specie di bacinella piena di vino, per poi vedere, al momento della Comunione, grosse briciole della pizza e abbondanti gocce del vino consacrati cadere a terra e venire conseguentemente calpestati. Alle mie rimostranze (prima dell’offertorio) nel dover prestarmi a quella forma di consacrazione (...), ricevetti la formale assicurazione di un esplicito, totale beneplacito della S. Sede al riguardo...». Così un sacerdote, col quale penso che solo «uomini della Curia Romana» (e non certo «la Chiesa», quale unica e suprema Maestra di verità e santità) possono arrogarsi l’autorità di esporre il Santissimo alla profanazione, dimostrando di aver perduto la fede nella presenza reale.

Come vedi nelle mani di satana ci state voi messi dalle mani sporche dei vostri fondatori, vergonati.

mic ha detto...

Quanto diligentemente Gianluca ha riportato dagli scritti di Padre Zoffoli: sia sue affermazioni tratte dalla catechesi che gli erano state consegnate, che testimonianze da lui direttamente raccolte, hanno valore non tanto quanto 'documento di riporto', ma in quanto ognuno di noi che ha conosciuto più o meno a fondo il cammino dell'intertno, può attestare che sono autentiche e corrispondono a ciò che anche noi abbiamo sperimentato.

Riportarle così sistematizzate, può essere utile a chi non conosce il Cammino e non ne trova altrove notizie così dettagliate.

jonathan ha detto...

Allora, ci ho riflettuto per l'ennesima volta...

Mic, riflettere ancora?

Mi permetti di dire che qui, in un certo senso, siamo tutti ‘Mic'? I presupposti l’obiettivo, la direzione, la condotta di questo blog, i suoi contenuti, sono in qualche misura di tutti, sono la somma di pensieri ed esperienze spesso comuni, sono cose condivise e sottoscritte e vissute anche da tutti noi. Il tuo impegno, certo, è in cima alla lista perché rende possibile l’incontro, lo modera e lo circoscrive con sapienza. E se non ci fosse la tua equilibrata sapienza davanti a noi, ne vedremmo di cotte e di crude, immagino.

E allora, noi con te difendiamo la nostra fede, secondo la Verità che è una, oggettiva, conoscibile nella Chiesa. Punto. E questo è un dovere, oltre che un diritto. E basta, per me, a mettere te e tutti noi nella pace.

jonathan ha detto...

Leggendoti, Davide, ho pensato che , visto che tutto fa brodo, per così dire, potrei fare due passi fino in Tibet e lasciar sventolare una preghierina anche lì, verso le alte vette, hai visto mai…magari ‘attecchisce’…:)

Nel frattempo, mi permetto un consiglio: visto che sei così giovane (beato te!), prenditi un po’ di tempo per conoscerla un po’ meglio questa Chiesa fatta di uomini che sbagliano, sì, ma a loro il Signore ha consegnato il Suo Cuore, nella promessa della Sua Presenza fedele. Questa Chiesa è la dimora che Lui ha pensato e voluto per Sé e per chiunque lo cerchi e desideri incontrarLo. Questa Chiesa, seppur sanguinante, è custode, testimone, sacramento di quella Verità che lo Spirito Santo ti induce ad adorare.

E dunque, prenditi tempo, te lo ripeto, invece che spenderlo invano in giudizi così avventati, di cui non sei in grado di valutare la portata. Sii mite e umile di cuore, come ogni buon cristiano è chiamato ad essere, e comincia col rispetto verso chi ha fatto tanta strada prima di arrivare a contemplare, ogni santo giorno, il Volto di Cristo Signore nella propria vita. E parlo proprio di Mic, che in nome del suo amore tenace e fedele al Signore, sta qui, più e meglio di tutti noi, a testimoniare la sua fede e a difenderla da chi la usurpa spudoratamente. E questo invito all’umiltà vale anche per certi saccenti di messa in latino che, a quanto pare, ci onorano della loro visita.

mic ha detto...

E basta, per me, a mettere te e tutti noi nella pace.

infatti, carissima, e sono felice per questa tua affermazione così chiara e così ferma, perché il fatto che si dica il "tuo" blog riferendolo a me, mi ha sempre dato fastidio e l'ho sempre detto e ripetuto che il blog non è "mio", ma di tutti coloro che collaborano a tenerlo vivo e funzionante e, sopratttutto ad alimentarne i contenuti e le riflessioni, con spirito unanime di servizio al Signore e alla Verità (che è Lui) per quel che ne conosciamo e senza alcun velleitarismo né interesse o progettualità di carattere personale, ma mettendo la propria persona - per quello che è e può - davvero al servizio di qualcosa di più grande e più importante e che sta a cuore a noi tutti...

Che parlino del "mio" blog, credo dipenda dal fatto che hanno sempre bisogno del 'capro espiatorio' sul quale lanciare i loro strali e il loro disprezzo; ma credo che ormai la nostra identità e appartenenza spirituali e il nostro impegno siano chiari per tutti mentre, per quanto mi riguarda, sono ben altre le cose possono provocare in me turbamenti significativi.

In discussione, ho l'abitudine di mettermici sempre; ma sulle questioni di fondo come il nostro impegno non ho alcun tentennamento di sorta, e sono anche consapevole che esso non è legato a tanto improbabili quanto assolutamente imprevedibili risultati, quanto ad una sana e corretta e responsabile informazione cristiana-cattolica

mic ha detto...

il blog non è "mio", ma di tutti coloro che collaborano a tenerlo vivo e funzionante e, sopratttutto ad alimentarne i contenuti e le riflessioni, con spirito unanime di servizio al Signore e alla Verità

e devo aggiungere che il blog è anche "di" e "per" tutti coloro che passano di qua e sostano e attingono quel ristoro o quella condivisione che attraverso ad esso riusciamo a dare

dalb.mario-chiruplas ha detto...

E allora, noi con te difendiamo la nostra fede, secondo la Verità che è una, oggettiva, conoscibile nella Chiesa. Punto. E questo è un dovere, oltre che un diritto. E basta, per me, a mettere te e tutti noi nella pace" così scrisse Jonathan e cosi' confermo anch'io senza dover aggiungere altro.Le mie esperienze indirette ma pregnanti sui neocat.sono perfettamente in linea con tutto quanto leggo qui:eresia,apostasia e sacrilegio del Corpo di Cristo.Da Taiwan amici religiosi(non neocat.!) mi confermano la loro profonda convinzione nell'Eucaristia così come la consideriamo tutti noi. Avanti così!

larus ha detto...

Fratello Davide, spero per te che quello che hai scritto non è proprio quello che pensi ...

Forse, preso dallo zelo per la casa del tuo signore (con la minuscola), hai buttato fuori concitatamente alcuni concetti che, pur con tanta buona volontà, non si riesce ad inquadrare all’interno degli insegnamenti cattolici.

La Chiesa sin dalle origini ha combattuto fortemente le eresie, certa che solo nella Verità c’è salvezza per le anime e non negli adattamenti umani. Tale Verità è contenuta nel Testamento di Dio, vecchio e nuovo, nella Tradizione Apostolica e nel Magistero, tutte cose che non possono racchiudersi in una ‘dottrina’ come dici tu fuorviandone il concetto, ma che protendono a noi ancora vive e capaci di vivificare gli uomini di ogni tempo.

Fai maggiore attenzione a quello che dici ed a come lo dici perché Kiko (e vedo con piacere che un grado di istruzione ce l’hai visto che, trattandosi di nome proprio di persona, lo scrivi con la maiuscola; peccato che ti sei confuso con la parola gesù e l’hai scritta con la minuscola considerandola nome comune di cosa) ci rimarrebbe malissimo a sentire certe scimmiottature che direbbe desuete, soprattutto in questo periodo che sta facendo ogni cosa per meglio incartare il suo ‘cammino’, appicicandogli addosso fogli di “Avvenire” ed “Osservatore Romano” per camuffare gli strafalcioni neo-protestanti adornati da pseudo-ebraismi, davanti a coloro che per anni gli hanno dato credito, cioè i suoi accoliti (super catechisti), e coloro che, ignoranti in materia cattolica, fiduciosi della bontà delle catechesi ricevute, sicuri nell’approvazione degli ‘statuti’, si sono gettati –non nelle mani del Signore- ma in quelle del sistema NC e non possono più uscirne perché, demoliti oltre che nella psiche anche nei rapporti sociali e familiari, e non potrebbero più reinserirsi come prima.

Adesso sono io a girarti la domanda ...
[Perché dovremmo lasciare sole] QUESTE PERSONE NELLE MANI DI [Kiko], E SI PARLA DI MIGLIAIA, [che attraverso il maglio delle sue catechesi ha] INFILAtO DUBBI SU DUBBI E INSIEME A [lui] RISCHI DI [fare del male] ANCHE TU? STAI FACENDO DEL MALE E NON TE NE RENDI CONTO!

Già perché se guardi all’interno del CNC vedrai tanta gente che soffre moltissimo per il calpestamento della propria libertà, personalità, volontà, creatività; che ha perso ogni piacere nelle cose perché così gli è stato inculcato; che si sente costantemente scrutata (se non giudicata) dai fratelli, dai catechisti, dalle altre comunità, dal sacerdote; gente che, essendo molto più sensibile di altra, cade nell’abisso della depressione perché non è sostenuta da adeguate guide che riescono a calibrare il ‘cammino’ alla loro persona.

Vuoi che continui il silenzio attorno a loro, condito possibilmente da commenti del tipo: “è troppo orgoglioso e non fa spazio a Dio. Per questo è caduto in depressione” oppure è meglio che essi trovino chi testimoni che dal ‘cammino’ si può uscirne senza che si avverino le ‘profezie di sventura’ scagliate da chi rimane?


Ti invito ad una profonda riflessione e a dare una sguardo da un punto di vista diverso.


Ciao.

mic ha detto...

ringrazio e saluto Mario che, passando, non è rimasto in silenzio e ci ha inviato il suo sentire :)

grazie anche a te, Larus, è una testimonianza viva ed efficace, la tua!

Confidiamo che il Signore dia orecchi per intendere e la Sua Fortezza a molti!

larus ha detto...

Fratello Davide, questa mattina ho ascoltato una catechesi di Padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia (colui che “porta” le catechesi al Papa; un pò come Kiko le porta ai seminaristi, ma con altri contenuti), e con gioia ho sentito parole dolcissime volte a perorare, con un’apologia d’amore, la Santa Chiesa Cattolica che tanta volte ha subìto attacchi da ogni fronte e da chiunque (anche da te quando dici «La chiesa cattolica E' quella giusta secondo te?? è fatta di uomini, gli uomini sbagliano») si senta in diritto di farlo soltanto perché guarda alla superficie dei vari problemi che, effettivamente, esistono al suo interno e che purtroppo si ripercuotono all’esterno.

Uno stralcio di detta catechesi l’ho trovato pubblicato su un giornalino edito da un gruppo di persone che, guarda un pò, come te fanno parte del rinnovamento carismatico cattolico. Ti invito a leggere quanto è scritto a pag.4 di codesto giornalino ed a rivedere la tua posizione riguardo la Santa Romana Chiesa che, con molta pazienza ed umiltà (lo stiamo vedendo oggi più che mai con il nostro amatissimo Santo Padre Benedetto XVI), continua ad essere Sale Luce e Lievito per tutti.



Saluti in Cristo.

Samuele Baracani ha detto...

Scusate, non ho letto tutti i commetni ma vorrei fare notare una cosa, che magari qualcuno di voi ha già detto o magari no... quel Cristo non lo vedi tutti i giorni mi ha fatto veramente male... come posso credere in qualcosa che non mi è Presenza essenziale? E non si dice forse nel vangelo "Io sono con voi, fino alla fine del mondo?" Vabbè sono giovane e devo ancora capire molte cose, però non capisco come possa dire un attimo prima che ogni persona può essere strumento di Cristo e poi che non lo vedi tutti i giorni...
Ancora una cosa, non conosco tanto il vostro movimento, e mi interesserebbe saperne di più, potete dirmi qualcosa abbastanza in breve?

mic ha detto...

quel Cristo non lo vedi tutti i giorni mi ha fatto veramente male... come posso credere in qualcosa che non mi è Presenza essenziale? E non si dice forse nel vangelo "Io sono con voi, fino alla fine del mondo?" Vabbè sono giovane e devo ancora capire molte cose, però non capisco come possa dire un attimo prima che ogni persona può essere strumento di Cristo e poi che non lo vedi tutti i giorni...

Caro Samuele,
posso farti una domanda?
Tu come Lo vedi e come sperimenti la Presenza del Signore?

Se hai difficoltà a rispondere, dimmelo, ne parleremo insieme.

Quanto a noi non siamo un movimento; non c'è bisogno di essere un o in un movimento per fare qualcosa che sia DELLA Chiesa.
Se hai un po' di pazienza ti dirò, appena riesco a scrivere più a lungo come e perché è cominciato il nostro impegno e come siamo arrivati fin qui :)

anche perché la testimonianza di questo è sommersa nei kilometri di post di questo di blog

Freedom ha detto...

Io la presenza del Signore la sento quando prego e la sento molto nel bene che un fratello mi fa: è come se Gesù mi sorridesse.....
Freedom

mic ha detto...

Buongiorno caro Samuele,
finalmente riesco a risponderti con un po' di calma.

Desidero innanzitutto dirti che sono felice che un ragazzo giovane come te si ponga queste domande, che dimostrano come sia appassionata la sua ricerca e anche come essa sia approdata alla conoscenza del Signore, se riesce a cogliere certe sfumature che gli risuonano dentro...
effettivamente affermare che il Signore si manifesta ovunque, per poi dire anche "non lo vedo tutti i giorni" manifesta una grossa contraddizione e soprattutto dimostra come il nostro interlocutore stia parlando e suon di slogan e non esprima una autentica esperienza di fede

E' vero che il Signore si manifesta ovunque e attraverso chiunque, ma dobbiamo imparare a riconoscerlo e a distinguerlo anche dalle manifestazione ingannevoli, che tuttavia mettono alla prova la nostra fede. Ed è anche questo un 'modo' di manifestarsi del Signore. A volte, capita che in parole rivolte a noi o ad altri dalle persone più impensate o nelle situazioni meno prevedibili, possiamo riconoscere messaggi che ci riguardano, che - a seconda dei casi- ci rafforzano o ci interpellano o ci ammoniscono...

Ma primo e privilegiato 'luogo' in cui il Signore si manifesta è il 'cuore' - e conseguentemente il comportamento, la capacità di relazione, il clima di accoglienza fiducia ed amore - che un cristiano a Lui fedele riesce a creare intorno a sé e con le persone che incontra; ma, per arrivare a questo, è necessario ricevere ogni giorno il Signore nel "pane super-sostanziale" (cioè il Suo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Risorto) che chiediamo al Padre nel Padre nostro: quel pane quotidiano sta per panem super-substantialem (quello che viene dal cielo) come dicevano i nostri Padri: il senso del quotidiano sta nel "dacci oggi", perché è ogni giorno, ogni momento, che abbiamo bisogno di attingere per essere 'configurati' a Lui, come ci ricorda S. Paolo...

Da sottolineare, però che la cosa principale è che il Signore, fino alla fine dei tempi -come giustamente hai ricordato tu- è Presente nella Sua Chiesa, soprattutto nell'Eucaristia, nella quale si fa Realmente Presente per noi... ed è questo il momento più bello, intimo e grande in cui lo riceviamo e lo Adoriamo ed Egli entra a sanare e trasformare e ristrutturare il nostro essere secondo la volontà del Padre (dopo aver ri-presentato al Padre il Suo Sacrificio ed avergli offerto nella Sua, la nostra vita)... E' una trasformazione che richiede la nostra costanza e fedeltà e totale adesione a Lui ed ai suoi insegnamenti, che la Chiesa custodisce a diffonde e che, purtroppo oggi sono oscurati da tante false dottrine.

Inoltre - in maniera meno diretta, perché mediata dal testo, ma sempre nutriente e salvifica -, possiamo incontrare il Signore nella Scrittura, anche centellinando il verso di un Salmo o un piccolo passo del Vangelo che ci 'tocca' in particolar modo e lasciandoci permeare da ciò che ci suscita ed esprimendo eventualmente la preghiera che ci ispira

E, grande è la mia gioia, nel poter condividere queste cose anche con questo povero strumento, che può trasmetterti solo le mie parole, ma purtroppo - mancando la comunicazione non verbale- non lascia 'passare' la commozione, la gioia, la Pace, il desiderio di condivisione, la gratitudine e l'ulteriore attesa di bene che solo il pensare al Signore mi suscita e che potrebbero diventare un dono concreto e tangibile riversandosi dal mio cuore al tuo, che sento accogliente e vivo, da cui ho la certezza riceverei altrettanto le Tracce di una Presenza...

Ho tuttavia la convinzione che anche queste parole pronunciate così sul web, se corrispondono al sentimento e alla realtà evocata e non sono parole al vento, conservino la 'pienezza' e la ricchezza di cui sono comunque portatrici e possano raggiungere il cuore di chi ascolta

Buon proseguimento per ogni tua aspirazione, nel Signore, caro Samuele!

tra poco ti parlerò di noi

pap ha detto...

in tutta sincerità, ma voi pensate che Bertone o il santo Padre possano leggersi una lettera di 99 (dico "novantanove") pagine?

Non è una lettera!
E' un'enciclica!

E' paragonabile (in prolissità) agli annunci a braccio neocat.

Forse potete essere più efficaci.
buona giornata

larus ha detto...

A proposito di ... ’...aldilà dei metodi che usano nella comunità e le eresie che possono essere dette non ti devi soffermare su ciò’ ...

Padre Lombardi, al Seminario dei portavoce della Chiesa, ha detto:«Dare sempre di più l’informazione che noi possiamo e sappiamo dare, in modo tale che si riduca l’impressione che molti hanno, che noi abbiamo una cultura del segreto o delle cose da nascondere».

Bene, «trasparenza senza alcuna ‘cultura del segreto’» . Finalmente l’arcano non vige più nella Chiesa, pertanto, al più presto verranno pubblicati tutti gli insegnamenti NC, senza batter ciglio ... altrimenti che obbedienza sarebbe?!? (oltretutto la loro pubblicazione è stata già richiesta da tempo dal Santo Padre, ma... ’non soffermiamoci su ciò!’).



Magari si potesse conoscere ‘la regola NC’ quando si chiede di entrare nel loro ‘ordine’.
Già perché chiunque, ad un certo momento della propria vita spirituale, volesse intraprendere un cammino religioso, ne conoscerebbe prima la spiritualità e le regole ma, nel CNC non è così ...
Prima entri e poi, se vuoi, puoi tranquillamente (???) uscirne; bè che vuoi ... il ‘cammino non è per tutti’ eh!.



Buon proseguimento.

a.rita ha detto...

Per Larus:

Larus, non ho potuto leggere il link che hai messo: -
«trasparenza senza alcuna ‘cultura del segreto’» - perchè il mio antivirus lo blocca e mi dice che potrebbe danneggiare il pc...
vedi tu...

...inoltre volevo chiederti... la tua frase:
-"Finalmente l’arcano non vige più nella Chiesa, pertanto, al più presto verranno pubblicati tutti gli insegnamenti NC, senza batter ciglio ... altrimenti che obbedienza sarebbe?!?" -
...è una tua provocazione al Cammino, o è una tua speranza, oppure hai proprio qualche notizia fresca di pubblicazioni imminenti?

Anche perchè va ricordato che quanto dici circa le intenzioni del Papa: -

"(oltretutto la loro pubblicazione è stata già richiesta da tempo dal Santo Padre, ma... ’non soffermiamoci su ciò!’)"
- è comunque una notizia diffusa dallo stesso Kiko a Madrid nel 2006 e come tale non sappiamo se sia attendibile...è Kiko che mette in bocca al Papa la presunta volontà che avvenga la pubblicazione dei Manotretos, ma sarà vero?

Il Santo Padre non ha MAI toccato pubblicamente il discorso degli "Orientamenti", nè ha mai detto di persona che desidera vengano pubblicati...anche perchè la Chiesa NON PUO' pubblicare ufficialmente qualcosa che non ha mai approvato, soprattutto a livello dottrinale.

Ecco, ci tenevo a sottolineare questa cosa che è importante: è Kiko che ha detto che la Chiesa (il Papa) voglia la pubblicazione degli Orientamenti, ma la Chiesa in merito non ha mai detto nulla, non ha smentito ma non ha neanche confermato...

O c'è qualche novità?...

mic ha detto...

in tutta sincerità, ma voi pensate che Bertone o il santo Padre possano leggersi una lettera di 99 (dico "novantanove") pagine?

Bertone e il Papa no; ma qualcuno fidato potrebbe estrargliene il succo, ai fini di una loro più approfondita conoscenza...

larus ha detto...

per Anna Rita ...

Il link è di un articolo di ZENIT ma anche a me sta dando gli stessi problemi. Per aprirlo dovresti scrivere per intero nella barra di Explorer http://www.zenit.org/ e poi andare a cercare l’articolo del 28.04.2010 portavoce vaticano.

La frase che hai specificata era soltanto una provocazione anche se in effetti le parole ‘trasparenza senza alcuna cultura del segreto’ fanno ben sperare.


Ciao Anna Rita e grazie per l’aver condiviso la tua esperienza di ‘itineranza’ ... conosco qualcuno 'alzato' che ci si sta infilando dentro ... e già iniziano le prime assurdità.

Freedom ha detto...

Per Pap: dal fatto che critichi mi pare che le possibiltà siano due: o sei un neocat , magari uno di quelli dai molti nick, oppure sei una persona che critica senza neanche avere letto. Perchè, se ne avessi letto almeno una minima parte, ti accorgeresti che nella lettera, fornita di prove e molto ben documentata , viene fornito un'affresco di quella che è la realtà del cn, che non si può certamente esaurire in 3 paginette dattiloscritte. Facendo questa critica mi viene da chiederti di rimando, tu come l'avresti fatta?
Scusami ma il tuo commento all'energico sforzo di Annarita e Gianluca mi pare quanto meno superficiale, a meno che tu non sia del CN : allora tutto si spiega lì, la superficialità è la regola.

tamar ha detto...

salve a tutti !!! ho letto la lettera di gianluca e a.rita... l'emozione è stata immensa!!! GRAZIE!!! spero un giorno di incontrarvi e darvi la mia testimonianza... forza e coraggio!!! non è lontano il giorno della vittoria!!! continuerò a sostenervi con il mio gruppo di preghiera..ricordatevi delle sue parole Gv8,12...GRAZIE PER QUESTO BLOG!!!

tamar ha detto...

ho letto anche gli allegati...in maniera particolare e attenta la lettera a claudia...non sò se nel frattempo la situazione è cambiata ma se cosi non fosse ,cara claudia,vorrei dirti che quelle parole sono il grido d'amore di DIO per te...devi ascoltare con il cuore ....non permettere al demonio di "friggerti il cervello"...vai in chiesa mettiti davanti al FIGLIO DI DIO e ascolta ...per tutti i parenti e gli amici di luciano:comprendo il grande dolore che vi ha schiantato il cuore...pregheremo per voi e per l'anima di questo fratello...vi abbraccio "CUORE A CUORE".

pap ha detto...

Caro Freedom,
ma la terza possibilità: che volessi dare un fondato suggerimento proprio non c'è?

Nelle prime 4 pagine del documento ce ne sono 2 di citazioni in latino, estratti dalla Bibbia, un utile (questo sì, forse, senza ironia) richiamo al diritto canonico, frasi di santa Caterina da Siena e discorsi di Gesù a Padre Piò (?!?).
Nessun fatto documentato, solo (bellissime) citazioni.
PER ESSERE EFFICACI, non era proprio possibile sfrondare il documento di queste stupende, ma poco pertinenti (serbiamole sempre nel cuore) parti, a cui sicuramente il Santo Padre è orientato in tutte le sue attività?

Sarebbero state già 97 pagine invece di 99.

Ma basta che abbiate a mente che il rischio di sembrare VOI invasati tanto quanto i neocat c'è; e che trovare anche solo un aiutante di Bertone che abbia voglia di leggersi lettere da 99 pagine secondo me è difficile.
Poi fate voi.

bye

mic ha detto...

Caro Pap,

sulla maggiore efficacia di documenti stringati ed essenziali e per di più
redatti in 'ecclesialese' sono perfettamente d'accordo.
Il fatto è che anche questo metodo è stato esperito con il risultato pari a un buco nell'acqua...
la cosa strana è che non si tratta di opinioni personali ma di raffronti basati sul magistero e testimonianze non anonime, ma di persone che ci hanno messo anche la faccia.

Perché non prendi in considerazione che quello di Ginluca e Anna Rita è un vero e proprio Dossier? Di quelli che hanno la loro ragion d'essere in una esaustiva documentazione, arricchita da riferimenti di tipo meditativo: un ennesimo 'grido di dolore', che porta la voce di tanti senza voce e dalle vite violate?

Forse qualcuno dovrà pur cominciare a chiedersi il perché di tanta insistenza e di tanto dolore... che di sicuro, almeno al Trono dell'Altissimo sale continuamente. Sarà Lui ad agire nei tempi e nei modi che solo Lui conosce e noi continuiamo ad affidarci...

a.rita ha detto...

Caro Pap,
visto che il latino non è di tuo gradimento, te lo dico in italiano:
NON PREVARRETE.

pap ha detto...

Sono qui perchè è uno dei pochi siti in cui sono raccolte le reazioni dei Vescovi ai modi neocatecumenali.
Non ho letto da altre parti del caso di Taranto, ad es.

Caro Mic,

siccome la tua risposta mi sembra più equilibrata di quelle che leggo dopo: forse puoi sensibilizzare tu Anna Rita e Freedom al fatto che ho solo suggerito che, secondo me, il documento messo in rete è troppo lungo e appesantito da aggiunte superflue per avere una qualche efficacia.

Se questo vi sembra diabolico, fate voi.
Ribadisco che queste reazioni sopra le righe a un breve commento in cui non si criticano i contenuti, bensì la forma, rischiano fortemente di squalificare agli occhi di terzi l'analisi che conducete.

mic ha detto...

Caro Pap,

il tuo suggerimento è stato apprezzato. Ti ho anche informato sugli effetti di documenti attentamente e calibratamente redatti secondo analoghi più funzionali ed efficaci criteri.

Tuttavia ti ho anche spiegato che il lavoro di Anna Rita e Gianluca ha prodotto un Dossier che è un vero e proprio grido di dolore che serve a dar voce a persone che non hanno voce, non sono rappresentate e difese che da questo povero strumento oltre che da documenti seri ed autorevoli nonché testimonianze concrete rimasti tuttavia inesorabilmente e inspiegabilmente (secondo una logica comune) senza risultati e anche senza risposte esplicative di alcun genere... il che è già abbastanza anomalo di per sé

Quanto al 'tono' di alcune risposte, se hai seguito un po' più a fondo il nostro percorso, non dovresti meravigliartene -che tu sia o non sia nel cammino nc- avuto riguardo alla supponenza e alla mala fede travestita da 'suggerimenti' che spesso ci raggiunge da parte dei nostri interlocutori NC.

Poichè in ogni suggerimento, anche se dettato dalla volontà di farci le pulci, ci può essere del buono, del buono che è nel tuo ti è stato dato atto con aggiunte spiegazioni in ordine alla realtà e alla pregressa esperienza.

Mi aspetto quindi che tu non ti formalizzi più di tanto (il che ovviamante vale anche per "gli occhi dei terzi") sui toni di certi interventi, che vengono da persone che non parlano tanto dalle loro ferite, profonde e lancinanti ma che il Signore sta guarendo, quanto dalla consapevole determinazione di superare il politically correct e chiamare le cose col loro nome, forse a volte un po' crudamente, ne convengo; ma chi si rende conto della drammaticità e della serietà della situazione, potrà essere tanto intelligente da non meravigliarsene e giudicare la nostra credibilità da quanto di ben più ponderoso e documentato andiamo sciorinando quotidianamente