mercoledì 11 dicembre 2013

Una pseudo-iniziazione pregna di psicologismo

Vorrei segnalare prima di ogni altra cosa la totale stupidità del percorso neocatecumale consistente proprio nel suo richiamo all'iniziazione.

Per natura e conformazione in ogni cammino iniziatico si entra a contatto per forza di cose con realtà ultraterrene ( non è d'uopo stabilire ora di che natura possano essere ) che nel percorso neocatecumenale sono per definizione impossibilitate ad operare.

La contraddizione ulteriormente idiota è denominarsi come cammino di iniziazione cristiana quando l'unica iniziazione cristiana, se proprio si vuol usare questo termine, è il battesimo.

Di conseguenza ogni cammino cristiano particolare è iniziatico per natura e questa pretesa NC è del tutto campata per aria e frutto di radicata superbia oltre che, come sottolineo, di profonda stupidità.

Delle due l'una: o si è un cammino iniziatico ( ma l'invenzione prettamente umana di cerimonie - giammai riti - non comunica affatto con realtà ultraterrene, non genera in nessun componente di tale cammino un indelebile carattere ontologico e quindi viene a mancare il senso effettivo di ogni iniziazione ) oppure un percorso di riscoperta battesimale ( ma allora a che serve tutta quella strutturazione? )

In realtà il cammino neocatecumenale è UNA PSEUDO INIZIAZIONE , pregna di psicologismo, una profonda e tremenda parodia di quel che sono le iniziazioni antiche.

Tutte queste loro ansie riguardo al vedersi riconoscere come iniziazione cristiana sono figlie di un atteggiamento meschino e tipiche della furbizia del demonio, che è scaltro ma affatto intelligente giacché come insegnano i Padri l'intelletto , lo pneuma dell'homo, è la "parte" in costante contatto con Dio, non soggetta alle azioni di Satana.

Quando vi dicono "paganaccio", rispondete pan per focaccia! I veri pagani , almeno sotto questo aspetto, sono loro: i neocatecumenali!

La nostra Fede è un cammino vivificante in Gesù Cristo Signore.

Il Signore ha squartato il velo del tempio e non ha alcun senso parlare di esoterismo ed exoterismo all'interno del cristianesimo ( rifacendosi al guénonismo ).

Il cristianesimo è l'unica vera religione perché in sé comprende ogni aspetto della spiritualità, dal legame sociale alla più pura mistica, dall'impegno sociale alla più pura contemplazione.

Negare anche un solo aspetto di questa realtà è negare la cattolicità della nostra stessa Fede!

(da: un ortodosso)

38 commenti:

Lino ha detto...

Articolo molto interessante.
In realtà, caro ortodosso, i neocatecumenali sono convinti di entrare, mediante il loro percorso iniziatico, in contatto con realtà ultraterrene. Il punto di contatto (anzi la "porta regale", per dirla con Pavel Florenskij) è in primo luogo il fondatore, anzi i fondatori. Le "comunicazioni", le "visioni", i messaggi della Madonna a Kiko e a Carmen a questo servono. In secondo luogo, il loro costante riferimenti ai "segni" e allo Spirito che parla per bocca dei catechisti apporta questa convinzione.
Che il Cammino abbia un'impronta da cerchio guénoniano l'ho suggerito tempo fa, a proposito di un'icona. Ora ho da lavorare, ritorno sull'argomento nel pomeriggio.

Anonimo ha detto...

Mi trovo in accordo con quasi tutto quello detto, magari avrei usato termini più dolci, ma ognuno ha il suo carattere. Con una cosa non sono d'accordo:

"Quando vi dicono "paganaccio", rispondete pan per focaccia! I veri pagani , almeno sotto questo aspetto, sono loro: i neocatecumenali!"


Io mi son reso conto che questa tattica non funziona, si chiudono e basta, fregandosene di te.

Per mia scelta ho a che fare con alcuni catechisti nc duri e puri, quelli che sono convinti che non ci sia nulla valido come il cammino e che solo nel cammino hai la certezza della vera fede.

Se tu ti comporti in maniera aggressiva si chiudono ancora di più nella loro convinzione perché si sentono aggrediti.

Ho scelto un altra via, quella del tenero amore e del porgi l'altra guancia. Nell'offesa evito lo scontro diretto, e cerco prima di capire il loro punto di vista, poi cerco di farli capire con calma che le cose non sono così, cercando di partire dalle piccole cosette ed evitando il più possibile di attaccarli e scoprire il pentolone della loro ipocrisia, e poi porgo la mia vita come esempio e testimonianza di ciò che dico.


Ma se li attacchi direttamente è finita. Chiudi ogni dialogo e loro sono convinti di essere nel giusto. Basta leggere i commenti dei nc in questo blog. I nc duri e puri non sono in grado di argomentare, documentarsi, fare una riflessione propria. Loro non hanno le basi del dialogo e della dialettica, glie le hanno sradicate. Bisogna un po alla volta insegnargli come ci si relaziona nel mondo reale.



Gv

by Tripudio ha detto...

Considerato il fiume (sempre in piena) di insulti che abbiamo ricevuto in questi anni... non si direbbe che si "chiudono". Anzi.

Proprio dalle loro reazioni (sempre le stesse) abbiamo capito i loro "punti deboli":

- non vogliono che si rivelino gli "arcani" del Cammino (una delle loro paure più assolute è che nel bel mezzo della primissima catechesi qualcuno si alzi e dica: ma dunque voi siete i neocatecumenali, quelli che fanno pagare la "decima"?)

- non vogliono che vengano citate con esattezza le pubbliche scempiaggini dette da Kiko e Carmen

- non vogliono verifiche sui numeroni della propaganda neocatecumenale

- e soprattutto, si sentono insultati a morte dal semplice buon senso.

ora basta ha detto...

Prendete in considerazione le dichiarazioni dei Papi quando dovete dimostrare la disobbedienza, vi ricordo che "itinerario di formazione cattolica...." lo ha definito GPII, mentre sul percorso post-battesimale Paolo IV ha detto che il Cammino fa conoscere quello che si doveva fare prima di ricevere il battesimo(udienza del 12 gennaio 1977) nella stessa udienza Paolo IV ha detto alle Comunità presenti che "la gente si avvicina a voi perché vede Cristo che vive nel mondo". Voi ore ci vedete il demonio, ma non erano i neocatecumeni che vedono il maligno ovunque? Mi sembra di averlo già letto in questo blog. Se e' vero che e' opera del demonio di sicuro il 1 febbraio Papa Francesco vi dara' ragione.

ora basta ha detto...

Bravo l'anonimo delle11:07, trovo giusto quello che dice, che e' l'approccio corretto nei confronti del prossimo, "l'amore vince" la cultura teologica un po meno, perché in fondo che te ne fai di tanta cultura se poi non ami chi sbaglia e non pensa come te? Può servirti solo a cenerete piu libri, ma poi basta. Per gli insulti, poverino Tripudio mi spiace, ma anche lui e Company non sono da meno nei confronti di chi fa il cammino e molte volte anche con la gerarchia ecclesiale, nella vita chiunque di noi potrebbe essere al soldo di qualcuno, di voi non si sa perché siete nascosti.

FandiTripudio ha detto...

Dare delle "vacche" alle madri e bollare tutti come "idioti" e "profondamente stupidi" lo chiami buon senso?
Io li chiamo insulti.
Non pubblicarmi come al solito, mi raccomando. Non sopporti di esser contraddetto, vero?

Anonimo ha detto...

@Tripudio

La chiusura è al confronto, o al ragionamento e gli insulti ne sono la prova.

Infatti ripetono sempre le stesse frasi senza ragionarci o rielaborarle a seguito di un confronto con chi la pensa diversamente.



Gv

giona ha detto...

Purtroppo siete sempre gli stessi.I vostri argomenti si sono rivelati inconsistenti e in mala fede,dimostrazione è il fatto che il Cn,nonostante tutti vostri anatemi si sta espandendo in tutto il mondo,e sempre più persone vengono salvate per mezzo di esso.Invece andate a vedere quante persone partecipano alla Messa in latino e vedrete che con i partecipanti non ce la fareste a metter su una squadra di calcio anche senza panchina.Dai frutti si riconosce l'albero e i frutti del Cn sono sotto gli occhi di tutti,meno i vostri che si rifiutano di guardare per partito preso.

Anonimo ha detto...

giona ha detto..

Dai frutti si riconosce l'albero e i frutti del Cn sono sotto gli occhi di tutti,meno i vostri che si rifiutano di guardare per partito preso.

Sono daccordo con te
Quando vado al mercato e mi fermo davanti ad una bancarella di frutta, ad occhio vedo frutti maturati seguendo il ciclo naturale delle stagioni e ,identici "frutti" venuti su con energie e fertilizzanti artificiali


ODG

by Tripudio ha detto...

Oh, guardate! Le risposte dei cari fratelli del Cammino!

Alle 11:29 si parla di papa Paolo IV (1476-1559), che in piena Controriforma elogiava il Cammino!

Poi ci chiede di "dimostrare la disobbedienza" (ah, ah, ah!! e allora le foto e i video delle liturgie neocatecumenali? quelle che voi stessi avete messo su internet!)

Quindi ci rifila la solita sbobba propagandistica, dimenticando i rimproveri di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI (chissà perché i gli adoratori dell'idolo Kiko se ne dimenticano sempre!).

Infine, perla delle perle, ci dice che la Chiesa sarebbe un meccanismo automatico in cui gli errori vengono automaticamente dichiarati tali e le eresie vengono automaticamente condannate subito. Bof, allora perché prima del Vaticano II c'è stato bisogno di venti concili ecumenici e di innumerevoli condanne per eresia?

Nel commento delle 11:54 si supera, difendendo (con un altro pseudonimo) la tesi dell'ignorantissimo idolo Kiko, secondo cui la "cultura teologica" (cioè conoscere il Catechismo) sarebbe in contrapposizione all'evangelizzazione (cioè strimpellare le patetiche canzonette di Kiko).

Quindi mi accusa di essere "al soldo" di qualcuno: proprio lui che contribuisce alle oliature degli ecclesiastici, proprio lui viene ad accusarci di essere "al soldo"! Perbacco!

(Per farmi altre due risate, ero tentato di sfruttare la sua ingenuità e di dirgli con tono serioso: sai, criticando il Cammino sono diventato ricco... mica come te che stai continuamente a pagare collette e "decime"! Lui però mi avrebbe preso in parola e avrebbe cominciato a criticare l'idolo Kiko, magari nella speranza di comprarsi una casa e una macchina nuova).

Quindi alle 12:15 ricicla la sua vecchia calunnia accusando "me" di aver scritto un commento anonimo di quasi quattro anni fa e di cui ignoravo l'esistenza: «dare delle "vacche" alle madri» (il commento diceva "come delle vacche" e non era riferito a "tutte le madri" ma solo a quelle neocatecumenali che fanno a gara a sfornare figli, in ottemperanza alla paternità irresponsabile inventata da Carmen e Kiko)...

Caro mister vaccaro, ma tu hai qualche problema con la lingua italiana? O hai solo bisogno di un buon paio di occhiali nuovi?

E infine il commento dell 12:39 che "ragiona" in questo modo: siccome il Cammino si espande allora "noi" saremmo in malafede. Ah, ah, ah!! Allora la droga è santa, perché nel mondo ci sono sempre più drogati! Anche l'omosessualità è santa, perché nel mondo stanno approvando dappertutto il matrimonio fra persone dello stesso sesso! Vedete come si espande? E che dire poi della pornografia? Guardate come si espande: più velocemente del Cammino!

A parte il fatto che il Cammino non si sta espandendo (ricordate la faccenda dei numeroni giganteschi? ma quanto le sparano grosse!), facciamo presente che non siamo noi a lanciare anatemi contro il Cammino, ma sono stati Giovanni Paolo II e Benedetto XVI a criticare gli strafalcioni liturgici inventati dai due spagnoli.

Cari fratelli neocatecumenali: ma a parte la menzogna e la calunnia, non avete qualche altro modo per difendere il Cammino?

Lino ha detto...

"...Invece andate a vedere quante persone partecipano alla Messa in latino"
E perché mai dovrei andarci? Nella mia parrocchia si celebra in Novus Ordo. Ci sono andato una volta sola, a Frigento, dai Frati Francescani dell'Immacolata, e mi è piaciuto moltissimo. La cosa importante, comunque, è che mi è stato consentito l'accesso. Non hanno obiettato: "l'accesso a questa sala è per gradi iniziatici, perciò non stiamo nel calendario liturgico parrocchiale".

Ruben ha detto...

@giona ha detto...
"Invece andate a vedere quante persone partecipano alla Messa in latino e vedrete che con i partecipanti non ce la fareste a metter su una squadra di calcio anche senza panchina."
---
Veramente,caro fratello Giona,i requisiti minimi, per assicurarsi la preseza del Signore sono "due o tre persone" e non l'ho detto io,bensì Lui in persona.
Poi, se c'è la Messa,e riuscite a credere ancora nella Transustansazione, avrete anche il privilegio della tangibilità reale e corporea di Cristo;e penso, che a questo punto, non ci siano "numeri"che tengono!

ora basta ha detto...

Ha ragione il fratello Giona, ormai avete stancato, pubblicate quello che volete e rispondete su quello che volete, quello che vi da fastidio non lo pubblicate, nella nostra zona, (non vi dirò mai qual è, in certi casi vale l'equazione: se le donne del cammino sono vacche, voi con certe informazioni siete "iene"), altre due parrocchie hanno chiesto il Cammino, con parroci diocesani e non NC, e sono nate vocazioni che non sono in seminari RM ma in ordini religiosi tra cui i francescani e altri. A proposito il precedente non lo hai pubblicato, dove condividevo il modo di relazionarsi di chi ha scritto il post delle 11:07. Perdonate l'errore nel post precedente perché volevo scrivere Paolo VI, ho fatto un errore di battitura mentre la tua è stata una correzione in malafede, perché certe affermazioni fatte Papi ti fanno venire l'orticaria.
Avviso a tutti i Neocatecumeni che passano da questo blog "abbandonatelo" se volete leggere qualcosa di interessante e più obbiettivo, educato e soprattutto con nomi e cognomi, dove anche voi con tranquillità in un confronto pacifico potete pubblicare il vostro, li nessuno chiamerà le vostre mamme e le vostre mogli "VACCHE":
http://www.fidesetforma.com/

Ora puoi anche non pubblicarlo, a me interessa che lo abbia letto TU!

Lino ha detto...

FandiTripudio ha detto...
"...Non sopporti di esser contraddetto, vero?"

No. Si preferirebbe - credo che Tripudio convenga - che tu rispondessi al post. In altri blog avrebbero censurato il tuo IP, in eterno, con la causale: "troll Off Topic".
Il tema del presente post è: "Una pseudo-iniziazione". Sai contestare la tesi di un ortodosso, il quale ha scritto: "Il Signore ha squartato il velo del tempio e non ha alcun senso parlare di esoterismo ed exoterismo all'interno del cristianesimo (rifacendosi al guénonismo) "? Concordando con l'ortodosso, io aggiungo: "Una città posta sopra un monte non può rimanere nascosta, e non si accende una lampada per metterla sotto un recipiente; anzi la si mette sul candeliere ed essa fa luce a tutti quelli che sono in casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini... (Cfr. Mt 7,14-16). Davanti agli uomini, sta scritto, non davanti ai neocatecumenali nelle salette iniziatiche.
Se sai confutarla, bene. Altrimenti taci, fai più bella figura.

Lino ha detto...

@ Ruben
Bravissimo, Ruben. Magari il sacerdote celebrante e Cristo già fanno due persone :-)

Lino ha detto...

Ritornerò stasera, per rispondere all'ottimo post. Ora mi limito a una riflessione. Osservate come inizia il CCC, con quali riferimenti teologici e biblici.

E ricercate come cominciano le iniziazioni pagane, esoteriche e massoniche. Una cerimonia di iniziazione al primo grado massonico ve lo riferisco io: il candidato all'iniziazione viene introdotto nel "tempio" con le parole: "E' un cieco che domanda la luce, un cadavere che domanda la resurrezione".

Leggete come iniziano le catechesi Kikiane, gli OR. per la fase di conversione.

by Tripudio ha detto...

Insomma, il caro fratello ora basta si ritrova d'accordo con sé stesso e coi suoi cloni: il suo obiettivo finale è sempre lo stesso: «non leggete questo blog!»

Ed ora ci sta facendo il massimo sgarbo possibile: se ne torna nella sua stalla delle vacche a cantare le lodi a Kiko, conscio che qui avvertiremo la sua mancanza, rimpiangeremo la sua perspicace intelligenza, e ci priveremo dell'unico bene supremo: strimpellare le canzonette di Kiko mentre si ripete l'ennesimo "giro" della colletta e delle "decime"...

Lino ha detto...

No, non è possibile, come faremo senza "ora basta"? E io che speravo di ricevere da lui una dotta confutazione della mia tesi, secondo la quale nel Cammino la guarigione del cieco nato è anteposta a ogni altra catechesi perché così è nei riti iniziatici pagani (quello di Kore/Proserpina, per esempio): la discesa nel buio, negli inferi (il fango/peccato secondo Kiko) è presupposto per la sperimentazione della luce divina.

"Fatevi comprare da chi non vi conosce", recita un detto.

FandiTripudio ha detto...

Egr. Lino, questo articolo non merita alcuna risposta per due semplici ragioni.
La prima è che il Cammino neocatecumenale è stato ticonosciuto come un "itinerario di iniziazione Cristiana" dalla Chiesa, e il suo direttorio catechetico approvato.
Strillate pure istericamente che non è vero.
La seconda è che il fantomatico sig.ortodosso è un emerito sig. Nessuno (uno pseudonimo del nostro tripudio?). Ci dica con quale autorità può affermare che il CN non è un cammino di iniziazione cristiana. Ci spieghi con quale autorità può affermare che sia "stupido" e "idiota" un cammino che fa conoscere Cristo alla gente.
Ah già, sono solo slogan...

ps Complimenti all'ineffabile Tripudio che continua a darci delle vacche.
Vi auguro ogni bene.

Michela ha detto...

un ortodosso
Delle due l'una: o si è un cammino iniziatico ( ma l'invenzione prettamente umana di cerimonie - giammai riti - non comunica affatto con realtà ultraterrene, non genera in nessun componente di tale cammino un indelebile carattere ontologico e quindi viene a mancare il senso effettivo di ogni iniziazione ) oppure un percorso di riscoperta battesimale ( ma allora a che serve tutta quella strutturazione?


è pieno di contraddizioni il cammino.
Se si tratta di riscoperta del battesimo, perchè quelli che fanno la redditio sono paragonati ai martiri, a 'coloro che sono passati per la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti nel sangue dell'Agnello'?

si è schiavi degli idoli, persone incapaci di vivere la propria fede senza l'aiuto dei catechisti,
ed improvvisamente di diventa testimoni di fede, martiri e disposti al martirio.

Poi nella catechesi successiva diranno che si è figli del demonio.

e così via...

Tutto ciò è destabilizzante per la psiche e chiude il cuore a Dio e ai suoi misteri.

Anonimo ha detto...

Itinerario di iniziazione cristiana ....
Può essere.
Cattolica?
Nutro forti dubbi.
Circa 20 anni fa ebbi occasione di partecipare ad alcune celebrazioni eucaristiche il sabato sera accompagnando la mia fidanzata:
1. celebrazione in una delle stanze utilizzate normalmente per le attività dell'ACR con altare costituito da tavola pieghevole appoggiata su cavalletti
2. non veniva proclamato il Gloria
3. una mezz'ora buona di riflessioni libere dei presenti prima dell'omelia
4. non veniva proclamato il Credo
5. la comunione era distribuita dal sacerdote e da alcuni laici (non credo ministri istituiti).
6. ballo finale attorno all'altare e corsa finale a prendere i fiori (tra l'altro tutti recisi e quindi destinati a sfiorire nel giro di qualche minuto - che spreco).

Il Gloria non so perchè... per quanto riguarda il Credo, la spiegazione fu che la comunità non aveva ancora fatto il relativo passaggio.

Ditemi voi...

Giacomo70

Michela ha detto...

FandiTripudio ha detto...

..... Ci spieghi con quale autorità può affermare che sia "stupido" e "idiota" un cammino che fa conoscere Cristo alla gente.
Ah già, sono solo slogan...


L'abbiamo detto tante volte che il cammino è Kikocentrico e non porta a Cristo.

Faccio appello alla tua intelligenza
1. di approvazioni ecc. ecc non puoi dire molto perchè sai solo quello che ti è stato riferito, e che è solo parte della verità.
Se avessi fatto una ricerca personale confrontandoti con le parole dei papi, con ciò che dicono i catechisti e con ciò che avviene in curia, scopriresti tante cose che adesso non sai.
2. La vita in Cristo è
- comunione ( e non solo tra i fratelli di comunità)
- libertà ( e tu non sei libero di vivere la tua fede e devi seguire le tappe e le indicazione dei catechisti)
- vita nuova ( e voi siete tutti uguali, spesso tristi, incapaci di testimoniare al di fuori del cammino)
- relazione con Dio ( e invece voi dovete pregare solo nel modo scelto dai catechisti)
- annuncio ( e voi dite tutti le stesse cose, non avendo fatto esperienza di Cristo potete solo ripetere a pappagallo)


per riassumere:
una persona intelligente ( cioè che va a fondo della cose) non può accontentarsi e credere solo a quello che dicono i catechisti.
Devi cominciare ad usare tutte le tue facoltà, cominciare a cercare la verità che c'è anche nelle parole di ortodosso. Non dico che devi accettare tutto, ma almeno farti delle domande, vedere se c'è qualcosa che ti ha colpito.

Altrimenti resti un uomo senza spessore, che si scandalizza - e secondo me anche giustamente - per le 'vacche', ma resta in superficie e non coglie la profondità delle altre analisi sul cammino.

Michela ha detto...

A proposito dell'annuncio vi propongo un giochino che ho fatto e che ha funzionato.

Per dimostrare che una cosa è finta, come l'oroscopo, leggo a caso le previsioni, e succede che le persone si riconoscono nel segno descritto, anche se non è il loro.
Ho fatto la stessa cosa con le testimonianze di conversione di seminaristi o di famiglie in missione, e comunque di persone abbastanza conosciute.
Mescolando le testimonianze, non si distingue una dall'altra! Non è possibile riconoscere le persone: dicono tutti le stesse cose!
... come l'oroscopo!....

by Tripudio ha detto...

Come sempre, la tattica dei neocatecumenali è difendersi da accuse che nessuno aveva mosso.

Guardiamo per esempio il commento di "fan di Tripudio" delle 8:45.

Qui nessuno sta contestando l'approvazione dello Statuto del Cammino.

Qui invece si fanno presenti le magagne del Cammino, tra cui segnaliamo, per esempio:

- il fatto che l'espressione "Riconosco il Cammino" di Giovanni Paolo II nel 1990 è stata carpita con un trucchetto e abusata in ogni modo (perfino nello Statuto)

- il fatto che lo Statuto ha fatto sue le «decisioni del Santo Padre» Benedetto XVI contro le liturgie inventate dai fondatori del Cammino (e fino ad oggi i neocatecumenali hanno sempre disubbidito)

- il fatto che il termine «iniziazione», avendo a che fare con realtà soprannaturali (esempio: il Battesimo è propriamente "iniziazione"), non può essere usato seriamente nei confronti del Cammino (che sono realtà naturali inventate dai due spagnoli)

- il fatto che per esprimere che 2+2=4 non c'è mica bisogno di avere una laurea in matematica

- il fatto che il Cammino fa conoscere Kiko alla gente (le sue orride canzonette, i suoi bruttissimi dipinti, le sue bislacche dottrine, i suoi strafalcioni liturgici...)

- il fatto che nel Cammino vigono delle stranissime leggi, intoccabili e al di sopra di ogni critica (sfornare figli a tutta forza, pagare la "decima", fare le "lodi a Kiko" col particolare metodo che Kiko ha stabilito, ecc.): tutte cose che non stanno nello Statuto.

Il povero troll "fan di Tripudio", non sapendo più cosa inventarsi per disturbare, finalmente decide che è ora di andarsene. Ieri giurava che sarebbe stato il suo ultimo commento e che non avrebbe più letto il blog.

Stamattina legge il blog e scrive un altro commento e saluta in modo da far pensare che finalmente andrà a disturbare qualche altro blog lasciandoci in pace.

Oggi pomeriggio leggerà di nuovo il blog, gli verrà di nuovo un travaso di bile riflettendo sul fatto che l'«iniziazione» inventata da Kiko nel migliore dei casi conduce a Kiko, non certo a realtà ultraterrente, e quindi lascerà un altro commento (con un nuovo astuto pseudonimo) per poi un'ora dopo lamentarsi di non essere stato pubblicato.

Poi ne scriverà uno nuovo, ancora con un altro pseudonimo, dicendo di essere un ex neocatecumenale che grazie al Cammino ha incontrato Cristo (in realtà è quello con le fattezze di Kiko: è quello che ha incontrato, non ne conosce un altro, perché l'unico "Cristo" che il Cammino propone è quello costruito in modo da somigliare a Kiko)...

Insomma, la solita storia.

Il bello però è il sabato sera, dopo la mezzanotte, dopo aver fatto la "comunione seduti". Ebbene, proprio nel momento in cui dovrebbe essere più giulivo e "allegro" secondo i dettami di Kiko, viene qui a professare menefreghismo e a vomitare veleno, rabbia e insulti. Erano le 00:04 dell'8 dicembre, festività dell'Immacolata.

Ecco dunque la vera spiritualità del Cammino Neocatecumenale. Un'idolatria rabbiosa e frustrata (e costosa).

by Tripudio ha detto...

Dal blog Crux Sancta apprendiamo altre notizie delle autocelebrazioni neocatecumenali ed in particolare sul fatto che tenteranno, nella giornata delle Famiglie, di centrare su di sé tutta l'attenzione (come se nel mondo cattolico non esistessero altre famiglie che quelle di Kiko).

Preoccupante e comico allo stesso tempo il fatto che Kiko minaccia di fare una predica di 40 minuti prima del collegamento per l'Angelus del Papa, dopodiché Rouco Varela "invierà" nel nome di Kiko un centinaio di famiglie neocatecumenali in missione kikiana, fatte "alzare" per l'occasione.

Come sempre: se la cantano e se la suonano.

Anonimo ha detto...

Mark
"FandiTripudio ha detto...
Egr. Lino, questo articolo non merita alcuna risposta per due semplici ragioni.
La prima è che il Cammino neocatecumenale è stato ticonosciuto come un "itinerario di iniziazione Cristiana" dalla Chiesa, e il suo direttorio catechetico approvato.
Strillate pure istericamente che non è vero.
La seconda è che il fantomatico sig.ortodosso è un emerito sig. Nessuno (uno pseudonimo del nostro tripudio?). Ci dica con quale autorità può affermare che il CN non è un cammino di iniziazione cristiana. Ci spieghi con quale autorità può affermare che sia "stupido" e "idiota" un cammino che fa conoscere Cristo alla gente.
Ah già, sono solo slogan...
ps Complimenti all'ineffabile Tripudio che continua a darci delle vacche.
Vi auguro ogni bene."

In risposta a questo bellissimo commento solo una cosa: stupido ed idiota non è il cammino ma le cefale che vi partecipano. Persone adescate durante un grosso problema a cui viene lavato il cervello. Personalmente ritengo vi siano persone all'interno che
"finanziano" ed altre che "mangiano".

Marco Bianchi ha detto...

Caro Giona,
..mi auguro che il tuo sia solo un nick name inventato ad uopo per non farti riconoscere da coloro che, frequentando questo blog, hanno messo la testa a posto.
Tu invece dimostri di essere, non solo il ragazzetto che deve crescere, ma nella congettura che Giona sia il tuo vero nome, figlio di Los Kikos o, peggio ancora, di catechisti, il che rende la cosa ancora più grave perchè ciò significherebbe essere stato indottrinato..pardon..inkikizzato sin da infante.
Dai tuoi interventi, sei un caso irrecuperabile e visto che il Cammino dà asilo, ben volentieri, a drogati di ogni sorta, non mi sarebbe difficile annoverarti tra coloro che siano passati dall’eroina, al nuovo tipo di droga proveniente dalla Spagna...la “Kikina”!
So di essere beffardo ma, credimi, mi piange il cuore sentire ancora, e ancora, e ancora giovani plagiati come te...Giona...incrina il vetro e fuggi!

Lino ha detto...

FandiTripudio ha detto...
"...Egr. Lino, questo articolo non merita alcuna risposta per due semplici ragioni.
La prima è che il Cammino neocatecumenale è stato ticonosciuto come un "itinerario di iniziazione Cristiana" dalla Chiesa, e il suo direttorio catechetico approvato...
"

Egregio FandiTripudio, io invece ho considerato l'articolo di un ortodosso meritevole di risposta per vari motivi:
1) Perché non ho ritrovato in voi - nei vostri commenti, intendo, ma anche nei neocatecumenali che ho incontrato di persona - "l'indelebile carattere ontologico che caratterizza le vere iniziazioni cristiane". L'inconfondibile carattere ontologico di alcuni illuminati che mi hanno degnato del loro insegnamento, due sacerdoti in particolare.
2) Perché del fantomatico "direttorio catechetico approvato" non c'è traccia nella bibliografia cattolica. Ciò che è segreto non può essere rivendicato, né per contenuti né per approvazione. Ciò che è segreto è esoterico, molto spesso perché - se fosse divulgato - si colorerebbe di rosso per la vergogna.
3) Perché il precedente direttorio catechetico - quello sul quale lei si è formato, leggasi Orientamenti alle equipe di catechisti - è pieno di strafalcioni, idiozie, eresie. L'ho dimostrato - a partire dall'esegesi del fango fino al Giuda necessario - sia dal vivo, sia qui e in altri luoghi virtuali. Voi sapete soltanto rispondere "siamo approvati".

Delle vostre pseudo-approvazioni (fino a che non saranno dogmi) io me ne frego, io tra sant'Agostino e Kiko (che dice cose contrarie al Vescovo di Ippona) io sto con sant'Agostino. Stia pure lei con Kiko.

Io non strillo istericamente. Io dimostro che Kiko, in materia di Vangeli, sragiona. E voi appresso a lui.

Io ho risposto all'articolo perché - fosse solo per il linguaggio - l'ortodosso dà prova d'intendersene. Lei no. Lei mai avrebbe immaginato la corrispondenza tra la prima catechesi NC e l'approccio con i neofiti nelle cerimonie iniziatiche pagane e massoniche.

Lei, egregio NC, non dà risposta a questo articolo per un evidentissimo motivo: non ne è in grado, lei oltre la chiacchieratissima approvazione finta nelle lettere del Corvo non sa andare, non può andare.

Si limiti a declamare l'elogio dell'ignoranza, come il suo confratello.

Lino ha detto...

Giacomo70 ha detto:
"Il Gloria non so perchè... per quanto riguarda il Credo, la spiegazione fu che la comunità non aveva ancora fatto il relativo passaggio... Ditemi voi..."

E io, senza andare Off Topic, te lo dico. "Il Credo", e altro, è come la parola segreta in Massoneria: ogni "parola sacra" sta al suo grado. Non sto affermando che siano massoni (e tanto più della Massoneria Azzurra :-)
Sto solo dicendo che è analogo. Stupidamente analogo.

Anonimo ha detto...

Vi ringrazio per avermi citato, commenterò appena possibile...

un ortodosso

Anonimo ha detto...

Da marito di una "gravida" per 5 volte e ora mamma sfintia posso dirti che il trattamento riservato alle donne in cammino è quello riservato alle vacche. Si lo confermo, parola troppo forte? No non lo è amo i miei 5 figli ma ora ho una moglie sfinita, distrutta, stanca e che non si sente più donna per come il cammino l'ha trattata. Vergogna neocatecumenali che osare difendere ancora e ancora. Vergogna perché molti di voi, come lo ero io, hanno una cultura e un cuore. Ma io 20 anni fa non potevo informarsi, ora si. Ripeto vergogna, state togliendo padri e madri ai figli per sostituirli con catechisti che sempre di più si sentono in carriera. State togliendo parroci maturi alla chiesa sostituendoli con burattini che un giorno obbidiranno a Kiko o a uno dei 90. Vergogna cari exfratelli che non chiamate più chi è uscito e ci giustificate per le vostre cattiverie con: ma il cammino mi fa vedere che sono cattivo... VERGOGNA e non pensaate che DIO quando morirete ci dirà: mi spiace non sapevi ti perdono... No ci farà fare un purgatorio sofferente e voi ancora non capirete il perché e ci addannerete perche qualche pagano a cui avete cercato di portare il Vostro Credo sarà già in Paradiso.

Anonimo ha detto...

Quel che si deve comprendere , sinceramente, è il fatto che ogni pseudo-iniziazione di solito diviene ricettacolo di infiltrazioni ben più gravi.
Qui c'è il dilemma per coloro che si chiedono come un Kiko od una Carmen qualsiasi siano riusciti ad elaborare un sincretismo del genere.

Un ortodosso

Lino ha detto...

Un ortodosso ha detto:
"Qui c'è il dilemma per coloro che si chiedono come un un Kiko od una Carmen qualsiasi siano riusciti ad elaborare un sincretismo del genere.

Ogni enigma serio, una volta risolto - come quello della Sfinge a Edipo - appare banale.

"E' semplice, nel trìpede / c'è chi veste la tònaca / itìnera il presbìtero, / non parla, è solo un sìmbolo"

Anonimo ha detto...

itinera il poeta semmai :-)

Dietro insegnamenti del genere c'è per forza di cose un luciferismo.

Un ortodosso


Maurizio DOSSI ha detto...

Io vi chiedo: esisteva o non esisteva nei primi secoli del Cristianesimo un "tempo di preparazione" il quale formava i catecumeni adulti che desideravano essere cristiani con un periodo di iniziazione al significato dei Sacramenti senza il quale la "Ecclesia Docens" mediante i suoi Ministri consentiva o meno al catecumeno di accedere al Battesimo?
SI, ESISTEVA! Ed esiste ancora oggi, indipendentemente dal CN nell' "Ordo Initiationis":"Il catecumenato è per definizione riservato ai soli candidati al battesimo (cioè quelli che ancora non lo hanno ricevuto, visto che secondo la fede cristiana il battesimo si può amministrare una sola volta nella vita). Tuttavia, dopo il Concilio Vaticano II, è stato proposto "un sapiente ritorno al catecumenato antico"[5], anche per i battezzati, al fine di far conseguire una appropriata "statura" di fede adulta a quanti, pur avendo già ricevuto il Battesimo, non hanno opportunamente seguito il percorso di iniziazione e formazione qual è il "catecumenato". In tal caso si parla più precisamente di formazione post-battesimale come indicato nel CCC al n. 1231[6]. e al paragrafo 1216 del CATECHISMO della Chiesa Cattolica: « Questo lavacro è chiamato illuminazione, perché coloro che ricevono questo insegnamento [catechistico] vengono illuminati nella mente ».7 Poiché nel Battesimo ha ricevuto il Verbo, « la luce vera che illumina ogni uomo » (Gv 1,9), il battezzato, dopo essere stato « illuminato »,8 è divenuto « figlio della luce »9 e « luce » egli stesso (Ef 5,8):

"E' stato illuminato." Questo non lo dice il cosiddetto massone Francisco Arguello ma bensi' la Chiesa Cattolica Romana nel Catechismo della Chiesa Cattolica al "PARTE SECONDA
LA CELEBRAZIONE DEL MISTERO CRISTIANO
SEZIONE SECONDA
«I SETTE SACRAMENTI DELLA CHIESA»
CAPITOLO PRIMO
I SACRAMENTI DELL'INIZIAZIONE CRISTIANA
ARTICOLO 1
IL SACRAMENTO DEL BATTESIMO
Link: http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p2s2c1a1_it.htm
"1216 « Questo lavacro è chiamato illuminazione, perché coloro che ricevono questo insegnamento [catechistico] vengono illuminati nella mente ».7 Poiché nel Battesimo ha ricevuto il Verbo, « la luce vera che illumina ogni uomo » (Gv 1,9), il battezzato, dopo essere stato « illuminato »,8 è divenuto « figlio della luce »9 e « luce » egli stesso (Ef 5,8):"
Dunque, OGGI, a parte le terre di missione dove sono presenti a questo scopo primario della Chiesa l'Oedine dei Comboniani e varie altre realtà cristiane, si rende INDISPENSABILE (Lo ha detto Papa Wojtjla in varie occasioni e la "As Gentes" del Concilio Vaticano II: Dovere missionario dei laici

41. I laici cooperano all'opera evangelizzatrice della Chiesa partecipando insieme come testimoni e come vivi strumenti alla sua missione salvifica soprattutto quando, chiamati da Dio (170), vengono destinati dai vescovi a quest'opera.

Nelle terre già cristiane i laici cooperano all'opera evangelizzatrice sviluppando in se stessi e negli altri la conoscenza e l'amore per le missioni, suscitando delle vocazioni nella propria famiglia, nelle associazioni cattoliche e nelle scuole, offrendo sussidi di qualsiasi specie, affinché il dono della fede, che han ricevuto gratuitamente, possa essere comunicato anche ad altri. "Da tutti questi documenti della Chiesa chi e cosa hanno tentato di mettere in pratica questa rievangelizzazione dei già battezzati. i quali si sono fermati la gran parte al catechismo della Cresima, e poi sono scomparsi come una emorragia acuta dalle Parrocchie?

Maurizio ha detto...

I piu' fortunati hanno trovato in alcune Parrocchie gli Scout cattolici... meglio che niente, anzi! Ma ora non usa piu' poichè una volta le famiglie approfittavano di queste associazioni estese a tutto il Paese come l'Az. Cattolica per mandare i figli ad un sano e sicuro periodo in montagna od al mare. Oggi la tipologia sociale viene a mancare essendosi del tutto trasformata in qualcosa di alieno quasi dal contatto diretto con altri ragazzi causa la Rete che offre in svariati modi contatti audiovisivi immediati grazie a Facebook, Twitter Skype e a tutti gli altri Social Network. Comunione e Liberazione e in altri diversi modi anche la Opus Dei formano momenti di agregazione. Nel Cammino in Comunità nelle quali sono presenti famiglie con numerosi figli molti si sono organizzati negli anni passati affittando per un tempo estivo una casa intera in montagna con piu' appartamenti ad un costo sopportabile. Ricordo al proposito le Comunità di Venezia, Mestre e Trieste che hanno potuto in un recente passato godere di queste occasioni nel Cadore soprattutto, ricco di case anche d'epoca, essendo già da secoli abitato, fonte di legname e prodotti caseari per la Repubblica Veneta.
Ancora un appunto su quelle che ho letto definire assurdamente "le Lodi a Kiko". Non comprendo chi e per quale motivo ne abbia a ridire. Fin da piccini abbiamo ogni domenica mattina, se si poteva, apparecchiato la tavola da pranzo con una tovaglia bianca, bella, con una lampada ad olio (non abbiamo mai avuto a casa una Hanukkah, nessuno ce lo ha mai imposto ed io mi sento comunque libero da qualsiasi obbligo che non mi convinca)e una bottiglia decorata con la Santa acqua del Battesimo o in seguito del Giordano. Qualche canto, almeno un Salmo letto e un Passo del Santo Vangelo già scelto da commentare, oppure il Vangelo del giorno. A coloro che disprezzano questa Preghiera con i figli ib famiglia io dico STOLTI ! Pochi anni fa, in un periodo nel quale ho affrontato una cospicua crisi esistenziale, uno dei miei figli è venuto da me, in camera dove riposavo, e ha cominciato a dirmi delle cose, con delicatezza e premura. Mi ha risollevato l'animo. Quando gli ho chiesto da dove aveva tratto quei pensieri mi disse: "Ma Papà, sono le cose che tu ci dicevi alle Lodi di Domenica..." Mi sono sentito riempire dalla gioia.
Dunque, OGGI, a parte le terre di missione dove sono presenti a questo scopo primario della Chiesa l'Oedine dei Comboniani e varie altre realtà cristiane, si rende INDISPENSABILE (Lo ha detto Papa Wojtjla in varie occasioni e la "As Gentes" del Concilio Vaticano II: Dovere missionario dei laici

41. I laici cooperano all'opera evangelizzatrice della Chiesa partecipando insieme come testimoni e come vivi strumenti alla sua missione salvifica soprattutto quando, chiamati da Dio (170), vengono destinati dai vescovi a quest'opera.

Maurizio ha detto...

Nelle terre già cristiane i laici cooperano all'opera evangelizzatrice sviluppando in se stessi e negli altri la conoscenza e l'amore per le missioni, suscitando delle vocazioni nella propria famiglia, nelle associazioni cattoliche e nelle scuole, offrendo sussidi di qualsiasi specie, affinché il dono della fede, che han ricevuto gratuitamente, possa essere comunicato anche ad altri. "Da tutti questi documenti della Chiesa chi e cosa hanno tentato di mettere in pratica questa rievangelizzazione dei già battezzati. i quali si sono fermati la gran parte al catechismo della Cresima, e poi sono scomparsi come una emorragia acuta dalle Parrocchie?
I piu' fortunati hanno trovato in alcune Parrocchie gli Scout cattolici... meglio che niente, anzi! Ma ora non usa piu' poichè una volta le famiglie approfittavano di queste associazioni estese a tutto il Paese come l'Az. Cattolica per mandare i figli ad un sano e sicuro periodo in montagna od al mare. Oggi la tipologia sociale viene a mancare essendosi del tutto trasformata in qualcosa di alieno quasi dal contatto diretto con altri ragazzi causa la Rete che offre in svariati modi contatti audiovisivi immediati grazie a Facebook, Twitter Skype e a tutti gli altri Social Network. Comunione e Liberazione e in altri diversi modi anche la Opus Dei formano momenti di agregazione. Nel Cammino in Comunità nelle quali sono presenti famiglie con numerosi figli molti si sono organizzati negli anni passati affittando per un tempo estivo una casa intera in montagna con piu' appartamenti ad un costo sopportabile. Ricordo al proposito le Comunità di Venezia, Mestre e Trieste che hanno potuto in un recente passato godere di queste occasioni nel Cadore soprattutto, ricco di case anche d'epoca, essendo già da secoli abitato, fonte di legname e prodotti caseari per la Repubblica Veneta.
Ancora un appunto su quelle che ho letto definire assurdamente "le Lodi a Kiko". Non comprendo chi e per quale motivo ne abbia a ridire. Fin da piccini abbiamo ogni domenica mattina, se si poteva, apparecchiato la tavola da pranzo con una tovaglia bianca, bella, con una lampada ad olio (non abbiamo mai avuto a casa una Hanukkah, nessuno ce lo ha mai imposto ed io mi sento comunque libero da qualsiasi obbligo che non mi convinca)e una bottiglia decorata con la Santa acqua del Battesimo o in seguito del Giordano. Qualche canto, almeno un Salmo letto e un Passo del Santo Vangelo già scelto da commentare, oppure il Vangelo del giorno. A coloro che disprezzano questa Preghiera con i figli ib famiglia io dico STOLTI ! Pochi anni fa, in un periodo nel quale ho affrontato una cospicua crisi esistenziale, uno dei miei figli è venuto da me, in camera dove riposavo, e ha cominciato a dirmi delle cose, con delicatezza e premura. Mi ha risollevato l'animo. Quando gli ho chiesto da dove aveva tratto quei pensieri mi disse: "Ma Papà, sono le cose che tu ci dicevi alle Lodi di Domenica..." Mi sono sentito riempire dalla gioia.

by Tripudio ha detto...

Maurizio, non giocare con le parole.

Il "tempo di preparazione", nella Chiesa, c'è sempre stato. C'è il tempo di preparazione ad ogni sacramento, c'è il tempo di preparazione alle festività, eccetera.

In secondo luogo, i "catecumeni" sono quelli che non hanno ancora ricevuto il battesimo (invece i kikos sono già tutti battezzati, per cui non è corretto chiamarli "catecumeni").

In terzo luogo, la preparazione ad un sacramento (esempio: "corso di cresima") o a una festività (esempio: "Avvento") implica un impegno personale su tutti i fronti: spirituale, intellettuale, materiale (esempio: preghiera, apprendimento delle verità di fede, digiuni, eccetera).

Tu citi l'Ordo Initiationis che è per coloro che sono adulti ma ancora non battezzati.

Ti invito a leggere un articolo che spiega più chiaramente le cose che ti ho anticipato poco fa:

Puntualizzazioni sul Rito di Iniziazione Cristiana degli Adulti (RICA) e sul neocatecumenato [clicca link qui].