sabato 30 novembre 2019

"Sono un artista e sono anche il vostro catechista": Autoannuncio dell'"Avvento di Kiko Arguello", anno domini 2019.

Inevitabilmente ci tocca commentare il solito autoannuncio di Kiko per l'Avvento 2019, che da stasera verrà inflitto (oh, scusate, riportato) alle comunità del Cammino Neocatecumenale neanche si trattasse del nuovo Vangelo.

Anzitutto ci chiediamo: vale ancora la pena di soffermarsi sulle predicazioni cicliche di Kiko? Tutte uguali, tutte autocelebrative.
Mi pongo seriamente una domanda: quale sarà il fondo?
Ogni anno è peggiore del precedente! Sembra incredibile.

Kiko è un esaltato.
«Sarò molto strano ma sono il vostro catechista,
io sono uno che Dio ha preparato per te!»

Noi siamo usciti dal Cammino - grazie a Dio - da diversi anni ormai.
Ma il pensiero di quanti ancora sono lì dentro ci lacera il cuore!
Dobbiamo constatare, una volta di più, che l’ubriacatura neocatecumenale cancella negli adepti il bene dell’intelletto.

Un interrogativo martellante ci assilla: MA COME FANNO AD ASCOLTARLO ANCORA? MA COME FANNO?

Kiko è un affabulatore, un serpente incantatore.
«Dio ha voluto che il vostro catechista fosse un pittore!»

Completamente assuefatto al mondo surreale del cammino, nel quale sguazza e impazza senza freni ignaro com'è della realtà vera e scollegato da ogni umano contesto, l'ottantenne Kiko ormai è del tutto e irreversibilmente fuori di senno.

Sono tentata di passare ad altro ma… vince il desiderio di denunciare ancora e ancora tale scempio, affinché altri fratelli del Cammino ricevano la grandissima grazia di abbandonarlo. Perciò desideriamo portare alla luce ciò che continua a proliferare nelle tenebre. Kiko, ebbro della sua pluridecennale impunità, ha passato oramai il segno e ogni limite dettato dalla decenza.
«Ho voluto darvi un disegno perché penso di morire prestissimo e così avete un ricordo tangibile, oltre alle mie catechesi».
L'autoproclamato "vostro catechista" che per tutta una vita ha insegnato errori ed eresie che vanno sotto il nome di Cammino Neocatecumenale lo ha detto perché coglie l'occasione per rifilarvi il suo solito autoritratto sotto mentite spoglie, oltre che le sue "catechesi" mai pubblicate.

L'autoproclamato "vostro catechista", inventore di canti talmente orrendi che vengono usati solo dai suoi adepti, a suo tempo aveva addirittura composto un "Inno di avvento" storpiando gli inni liturgici in uso nella Chiesa Cattolica cattolici per infilarvi qualcosa di sapore neocatecumenale:

  1. l'iniziale immagine oscura dell’«anima intorpidita» che «striscia lungo il suolo», inquietante perché è il serpente biblico [il demonio] a strisciare lungo il suolo;
  2. «Ecco che ci invia un Agnello» (ah, Kiko, Kiko! confessa dai! volevi scrivere ci invia un Argüello”)
  3. quell’Agnello «riempia il mondo di spavento» (ah, Kiko, Kiko! questo è il tempo dell'Avvento, non dell'Apocalisse), lui «ci protegga pietoso» (solo i kikos?)Kiko, come sempre, pone un destino diverso e privilegiato per sé e per i suoi rispetto a quello che tocca ai comuni mortali.E che il mondo vada pure in malora, con tutti quelli che mai sono entrati in comunità e con quelli che ne sono usciti, con tutti quelli che non ascoltano il suo Kerigma.
  4. Conclude con l’augurio:
    Per questo noi cantiamo questa lode
    al Padre, al Figlio e allo Spirito,
    che essi vivano.
    (Siamo arrivati che vivono per kikiana concessione!)
Capite? Questo inno stravolto e sconvolgente dà la cifra della kikiana teologia.

Si deduce che il Kiko vuol farsi promuovere, oltre che a santo, anche a dottore della Chiesa!

Riguardo al suo ultimo disegno a matita inflitto ai fratelli delle comunità. L’arte lo ha perso (parole sue inizio pagina 5) ma lo ha guadagnato la catechesi e l’evangelizzazione!

"Mo' te meno!" - Kiketto e Pecora.
Da notare che le crocette in fronte, nei cartoni animati,
sono simbolo di disappunto e di imbarazzo

Tenetevi forte. Kiko dice: «Ho scritto: “San Giovanni Battista e Nostro Signore Gesù vi augurano un felice Natale e un provvidenziale anno nuovo 2020”». Ossia mandano tramite Kiko – che bazzica abitualmente dalle loro parti - i più banali auguri da biglietto natalizio che si possano immaginare, ai camminanti beoti con l’orecchio aperto all’ascolto di cavolate mondiali.

Poi spiega il disegnino da bimbo delle elementari, perché troppo complesso da capire - mi pare giusto! - dopo essersi detto da solo: “È bello!” (sottinteso: guai ai kikos che non ripeteranno belando «è bello! è proprio bello! è bellissimo! bellissima convivenza! bellissimissimo!»), dice: "Qui in alto San Giovanni Battista con il Signore Gesù, l’Agnello; e in basso Nostro Signore Gesù con un agnellino che siete voi."

Ma vorrei chiedergli: E TU DOVE SEI, KIKO, IN QUESTO BEL QUADRETTO SIMBOLICO?

Dì la verità! Sei combattuto?

Giovanni Battista in mezzo a voi…?
Oppure, il vostro Messia?…
[per chi non lo sapesse: Kiko nelle sue "catechesi" amava dire: «io sono Giovanni Battista in mezzo a voi», definendosi il vostro Messia... E poi, ci avete fatto caso che le figure - tranne la pecora - rassomigliano un po' troppo a Kiko?]
Povero Kiko, che orribile lacerante dilemma!

Intanto continua ininterrottamente a ricoprire se stesso di elogi sperticati, in una maniera così esagerata da sembrare uno scherzo. No, scherzo non è!
Kiko non scherza, egli fa proprio sul serio. Crede come un matto in tutto quello che dice. È euforico, anzi, è delirante. Chi ha uno stomaco di ferro può verificarlo da sé.

Ci fermiamo qua, per ora.



Una cosa è certa: Kiko annuncia solo Kiko.
Egli parla solo di se stesso, sta solo cercando di costruire un monumento da consegnare ai posteri affinché lo adorino e lodino, davvero crede alle favolette che egli stesso inventa.

77 commenti:

  1. Il Cammino è sul viale del tramonto proprio perché il Cammino è Kiko, e Kiko è sul viale del tramonto.

    ""Maledetto l'uomo che confida nell'uomo,
    che pone nella carne il suo sostegno
    e il cui cuore si allontana dal Signore",

    dice il profeta Geremia (cfr. Ger 17,5) involontariamente parlando del Cammino Neocatecumenale, dove ciò che conta non è l'immutabile e unica vera fede, ma conta solo adeguarsi alle fetide deiezioni del signor Kiko Argüello, in cui "confidare", nella cui carne (ormai ottantenne) porre il sostegno, mentre ci si allontana dal Signore pur avendo il Suo nome sempre sulla bocca.

    A nulla serve ripetere "il Signore, il Signore, il Cammino mi ha fatto incontrare il Signore", se poi tale presunto incontro col Signore consiste esclusivamente nella fedeltà a Kiko e ai suoi ridicoli dettami e ai suoi eretici insegnamenti.

    Guardateli come si affannano ad incensare Kiko e la sua opera, i suoi fedelissimi Iapicca, Valente e compagnia osannante. Confidano nell'uomo Kiko anche quando Kiko devia dalle eterne verità di fede, perché per i kikos la verità è buona solo se loda il triplice idolo Kiko-Carmen-Cammino.

    "Io sono il Vostro Catechista, e in me stesso mi sono compiaciuto! adoratemi! (e soprattutto, mettete mano al portafoglio!)"

    RispondiElimina
  2. Gli piacciono proprio gli occhi neri.
    Riflettono bene il vuoto umano che il cammino infligge.

    RispondiElimina
  3. Piccola digressione: l'ultimo articolo di Jungle Watch ci ricorda che la rivoluzione sessuale comunemente chiamata "il Sessantotto", seguìta alla smania "mondiale" per i contraccettivi, fu aiutata dal fatto che papa Giovanni XXIII avea attivato nel 1963 la Pontificia Commissione per il Controllo della Popolazione e delle Nascite, inizialmente di sei teologi, successivamente estesa da Paolo VI a 72 membri, e infine soppressa nel 1968 dallo stesso Paolo VI con la pubblicazione della Humanae Vitae.

    Purtroppo - come sempre! - il solo fatto di istituire una commissione sul "problema" aveva automaticamente fatto percepire la questione come "materia di libera discussione" anziché preludio ad un pronunciamento autorevole. Così, quando Paolo VI con la Humanae Vitae non arretrerà neppure di un millimetro, fu come chiudere la stalla dopo che i buoi erano scappati: nella mentalità comune era entrata già l'ìdea che "la Chiesa ufficialmente dice così, ma il mio è un caso particolare bla bla bla, e dopotutto lo stesso Paolo VI aveva dato a intendere che in futuro questa rigidità della Chiesa sarebbe potuta cambiare e bla bla bla".

    Paolo VI visse abbastanza a lungo da vedere, in meno di dieci anni dalla pubblicazione dell'Humanae Vitae, la sua Italia promuovere il divorzio (898/1970) e l'aborto (194/1978), morendo infine nell'estate 1978.

    Giovanni XXIII avrà pure avuto la pia intenzione di mostrare al mondo che la Chiesa almeno prendeva in considerazione il "problema" della gente vogliosa di fare sesso "senza conseguenze", ma il suo unico risultato fu quello di scoperchiare un vaso di Pandora. Poche settimane dopo aver convocato il Concilio e istituito la commissione avvenne un fatto che Giovanni XXIII non aveva previsto: la propria morte. Una volta innescata la valanga, non si ferma più.

    Paolo VI avrebbe potuto fermarla, certo: e doveva fermarla subito. Invece estese la commissione a 72 membri (tra cui un sacco di gente che non aveva per nulla a cuore la fede e la Chiesa) e addirittura si spinse a dire, il 23 giugno 1964, che le norme sulla contraccezione date da Pio XII erano ancora valide perché «non abbiamo finora motivo sufficiente per ritener superate e perciò non obbliganti» tali norme.

    Dunque ai vertici della Chiesa e nella cultura popolare passò l'idea che per ora la Chiesa dice no.

    Questa riflessione su Jungle Watch serviva a precisare come nella Chiesa avesse potuto comodamente introdursi quella mentalità del "se ti piace, fallo", di cui anche il prete pedofilo Brouillard, recentemente morto, confermava di esserne intriso, quando nel suo affidavit aveva affermato: "all'epoca credevo che ai ragazzini piacesse il contatto sessuale, e anch'io ne trovavo gratificazione".

    Nel paragrafo 6 della Humanae Vitae c'è infatti un aberrante inciso sufficiente a far credere che il valore delll'intera enciclica dipendeva dal consenso in un dibattito di una commissione: «...non si era giunti, in seno alla commissione, alla piena concordanza di giudizi circa le norme morali da proporre...». Ed infatti ben 65 teologi su 72 votarono contro i divieti sulla contraccezione.

    Il punto, dunque, è che non appena si apre uno "spiraglio" sulla fede, sulla morale, sulla liturgia, il cattolico titubante o anche soltanto ignorante sa già che può sfruttare una comoda scappatoia.

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che prendiate del cammino solo le cose su cui potete fare "chiacchiere",caro Trippone tu pensi di fare un servizio alla Chiesa facendo questo? Ho qualche dubbio. Al di la delle tue elucubrazioni mentali si e' parlato molto di attesa, di conversione, di andare all'altro etc.etc. Approfitto per rivolgere una domanda a Libera, scusa, parli male del cammino e studi come prenderlo in castagna, noto che passi molto tempo sul blog per far valere le tue ragioni di essere stata trattata male dal cammino o chi per esso. Una domanda mi nasce spontanea, rivolta a te e a tutti i fuoriusciti, come mai quando eravate in prima linea non vi e' mai balenata l'idea di essere nel posto sbagliato, come mai, persone preparate come voi, non hanno mai pensato di far del male al povero malcapitato fratello di turno seduto di fronte a voi....... Non e' che per caso tutti i dubbi vi sono venuti in conseguenza di una perdita di potere!!!!!! C'era in passato un vecchio amico del blog che aveva avuto la stessa reazione sempre in conseguenza di una perdita di ruolo. Trippone, ti consiglo di studiare tante altre situazioni presenti nella Chiesa molto piu' serie del cammino neocatecumenale.... A, dimenticavo, quando mettete una fotografia del gruppo, voglio vedervi in fotografia. Grazie, Jack.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ariecco la solita parlantina neocatecumenale che gioca con le parole per nascondere i fatti. «Ma nella mia esperienza, 2 più 2 fa cinque! credi di rendere un servizio alla matematica dicendo che 2 più 2 fa quattro?"

      Il punto è che servire la verità e servire la Chiesa istituita da Nostro Signore, sono la stessa cosa.

      Coloro che per difendere la Chiesa (o il proprio "itinerario di riscoperta") hanno bisogno di mentire o ingannare, non servono la Chiesa ma il demonio, anche se si riempiono la bocca di "Signore, Signore".

      A parte il fatto che anche i protestanti possono diluviarti di prediche su attese, conversioni, l'altro, ecc., il sorbirsi le deliranti omelie autocelebrative di Kiko non costituisce né un cammino di fede, né di riscoperta del battesimo, né di conooscenza della dottrina, né di celebrazione della liturgia cattolica. Poveracci coloro che solo per coerenza con quello che hanno dovuto subire per decenni sono andati anche stavolta a far da claque al Kiko autocelebrativo.

      «Io sono il vostro catechista», ha solennemente proclamato il delirante ottantenne, dimenticando di essere stato lui stesso ad inventare la figura del "catechista" (virgolette necessarie, poiché i veri catechisti della Chiesa sono quelli che insegnano il Catechismo).

      Kiko prima ha inventato il titolo nobiliare di "catechista" e poi assegna tale titolo a sé stesso: «io sono il Vostro Catechista!».

      Nessun santo ha mai elevato pretese così arroganti. Francesco d'Assisi, uno che di umiltà ne capiva parecchio, non si pose come maestro né come catechista, non volle fondare nulla, e fu invece il suo ardere d'amore per il Signore ad attirargli seguaci che liberamente desideravano fare la stessa vita di povertà allo scopo di santificare sé stessi.

      Nostro Signore non impose pesi (come i farisei, che peraltro quei pesi non li toccavano neppure con un dito); al contrario, precisò che il suo giogo era soave e leggero. E tutti coloro che hanno ricevuto la grandissima grazia di abbandonare il Cammino, hanno potuto verificarlo.

      Il Cammino è condannato, è proprio Kiko la rovina del Cammino e perciò noialtri auguriamo lunga vita a Kiko, che ad ogni occasione la spara sempre più grossa e i kikos non possono far altro che applaudire e fingersi entusiasti, perché dopo che per oltre mezzo secolo hanno accettato che Kiko è "Giovanni Battista in mezzo a voi" o addirittura "santo vivente" o "il Vostro Catechista", hanno contribuito a consolidare l'idea che il Cammino coincide con le ridicole menate di Kiko.

      Ogni volta che il laido narcisista ossessivo Kiko la spara grossa, quello che ha detto diventa immediatamente il nuovo Vangelo dei suoi adepti. Nessuno degli adepti - men che meno il fratello Jack - può permettersi di dire che c'è qualcosa di Kiko che non può essere attribuito al Cammino, o viceversa qualcosa del Cammino che non sia attribuibile a Kiko (e, sottinteso, un po' anche a Carmen).

      Naturalmente i kikos, essendo stati addestrati fin dal primo giorno a sottomettersi al Potere (di Kiko e dei suoi "catechisti") anziché alla verità, non riescono proprio ad immaginare che la comunione con Dio abbia come conseguenza l'amare massimamente la verità - ma Nostro Signore è Via, Verità e Vita. Pertanto il loro unico metro di misura è il potere: "hurr, durr, se uno lascia il Cammino è perché il demonio lo ha tentato col potere, herp, derp!".

      Non sia mai che ammetta che il Cammino contiene errori, e che i cosiddetti "catechisti" non sono affatto angeli discesi dal cielo dotati di mandato kikiano (anche esorcistico) e di capacità kikiana di scrutare i cuori e le decime, e che il super-mega-catechistone autoproclamatosi "Vostro Catechista" non è affatto un uomo di Dio ma un utile idiota al servizio del demonio (quello vero).

      Elimina
    2. Jack:

      dici che, oltre alle boiate, si è parlato anche di attesa, di conversione, di andare verso l'altro...
      A parte il fatto che a queste belle cose di cui si è anche parlato, oltre alle boiate, andrebbe dato un significato cattolico (ad esempio andare verso l'altro: per altro si intende anche il povero non del Cammino? Si può dare la decima a favore di un bisognoso non del Cammino?), mica qui si chiacchiera delle cose buone che fate! E' ovvio.
      Le cose buone che fate vanno benissimo.
      E' quelle cattive, che sono TANTE e GRAVI, che non ci vanno, anche perché non vengono espresse con chiarezza e perciò possono ingannare molti.

      Se Kiko dicesse di non essere cattolico, avrebbe detto la VERITA' e, dicendo la verità, nessuno qui scriverebbe che mente. Anzi, semplicemente nessuno più scriverebbe di lui.
      Fate cose belle? Continuate!
      Quello però che voglio DENUNCIARE (le denunce non sono equiparabili a chiacchiere) sono le molte cose fuorvianti che fate.
      Ad esempio difendere il pedofilo a 5 stelle superiore APURON.
      O dare rifugio e ospitalità l'omosessuale seriale e abusatore di seminaristi McKarrick, vostro grande sostenitore!
      Solo per fare un paio di esempi...

      Elimina
    3. @ Jack,

      Tu non sai come ti capisco!
      Quando stai dentro al CNC non ti accorgi di nulla, ma proprio di nulla. Sei un automa imbeccato.

      Visto che mi hai chiamata in causa, voglio proprio risponderti.
      Purtroppo devo manifestarti che è proprio perché è iniziata a "balenarmi l'idea di essere nel posto sbagliato" che il CNC mi ha distrutta, non il contrario.
      Ingenuamente pensavo che si potesse "dialogare" da dentro, ma mi son dovuta arrendere al fatto che NON E' POSSIBILE.
      La domanda cardine che ho iniziato a pormi è stata sul fatto che, dopo più di 30 anni, ancora e più forte di prima continuavo a vedere che non c'era un briciolo di conversione, ma solo tante chiacchiere.
      Aspetta aspetta, si sentivano sempre le stesse predicazioni e la comunità presentava sempre le stesse problematiche dell'inizio. Nessun "cammino".
      Questo mi ha fortemente interrogata e ho iniziato a manifestare le mie riserve sia ai "fratelli", che ai catechisti, che al parroco. Il parroco (neocatecumenale) è stato l'unico che ha condiviso, perché anche lui "vedeva", essendo arrivato dopo più di 20 anni dall'inizio ed avendo trovato una situazione improponibile. Infatti anche a lui hanno fato il c..., specialmente i catechisti, ma anche i catecumeni. Infatti pure lui se ne è andato.
      Oggi comprendo chiaramente che il Signore mi ha messo nel cuore un anelito alla Verità, seguendo il quale non mi è importato di parlare chiaro.
      Da lì tutto è cominciato. Se me ne stavo buona buona ad obbedire a catechisti completamente fuori di testa e di spirito, "interessata al potere" che già detenevo e che ho considerato "spazzatura" per seguire la Verità, stai sicuro che oggi avevo un bel posticino al calduccio.
      Il potere, come lo chiami tu, l'ho perso perché l'ho voluto perdere: non ci voleva niente a fare come stanno ancora continuando a fare alcuni, leccando di quà e di là, facendosi spazio a suon di gomitate e colpi bassi per ottenerlo.
      Solo quando inizi a farti domande, a pensare con la tua ragione e a farti guidare dallo Spirito di Verità puoi comprendere cos'è il CNC. Non prima.
      Ti leggo con un certo affetto: mi ricordi me quando ancora credevo nel cammino. L'avrei difeso davanti a tutto e a tutti. Ho avuto anche persecuzioni serie per stare nel Cammino.
      Non avrei capito.
      Il dolore che si prova quando tutti ti voltano le spalle, quelli che chiamavi "fratelli" ed "amici", quelli che chiamavi "maestri", è la "croce" da accettare per aprire la finestra sulla Vera Chiesa.

      Per questo, come voi neocatecumenali, anche io penso di avere una missione: quella di avvisare chi non se ne fosse ancora accorto che, a parte la facciata, nel Cammino regna il male, il peccato incorretto, necessario...
      Parlo della struttura, naturalmente. Molti sono persone totalmente in buona fede, ma che non si fanno nemmeno una domanda.
      Figurati che tra le tante accuse a noi (me e mio marito) mosse dai catechisti c'era "il non parlare il linguaggio neocatecumenale", l"essere andati a guardare siti proibiti contro il Cammino" (come stai facendo tu, ma che all'epoca non facevamo noi) e addirittura, stranissimamente, "il parlare con autorità".
      Invece, purtroppo per loro, era uno spirito interiore che ci muoveva. Noi eravamo obbedientissimi: un sito contro il Cammino non saremmo andati a leggerlo MAI.

      Ringrazio il Signore, che guarda ai cuori, e che, seppure con grandissime sofferenze, ci ha mostrato la Chiesa.

      Elimina
    4. Caro Jack, perchè butti fango sull'Ossevatorio e sulla Chiesa? Tu non ti rendi conto che serpeggi contro persone che soni lì a dare la vita per buttare luce sulle tenebre che si sono infilate in mezzo a noi. Io al posto tuo mi chiederei: perchè andare contro l'Osservatorio che è fatto dalla Chiesa, cioè da persone appartenenti alla Chesa Cattolica, che hanno ricevuto un mandato da Nostro Signore? Perchè vuoi bloccare il Signore che sta operando attraverso noi? Non ti sembra di essere un pò sfacciato?
      Caro Jack, se pensi che noi non siamo la Chiesa, ci devi dire il PERCHE'? Ma poi ci devi motivare il perchè tu lo sei e gli altri no. Cioè la Chiesa. Forse sei migliore? Oppure ti ha votato un pomeriggio una gruppo di persone, per cui pensi di essere un semi dio. Caro Jack, del voto degli uomini me ne faccio ben poco, so che il Signore opera attraverso degli uomini, ma appunto perchè so di voi, cioè di che pasta siete fatti ( IPOCRISIA), ecco che io so a quali uomini mi devo rivolgere su questa terra. Non di certo mi rivolgo ad un catechista nc, che, ho toccato con mano, dice una marea di menzogne. Carissimo, vi abbiamo conosciuti, siete un libro aperto: siete moneta falsa.
      Parlaci di quante persone entrano oggi in Cammino. Se qualche Nc segue, in anonimo, ci dicesse l'affluenza come è scesa, non menzogne, ma in verità.

      (da IPG)

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    5. Cara Libera, purtroppo per quanto puoi sbracciarti a indicare l'uscita, i kikos stupidi come Jack continueranno a imbroccare il vetro della finestra come mosche che si domandano : ma la luce ci passa, perché io no? Questa gente ha preso il proprio raziocinio e gli ha sparato, ragionare è inutile.
      Loro vogliono continuare ad applaudire ad un grasso mangione e beone fumatore, ottantenne, che pensa ancora alle femmine e al sesso e delira come uno affetto da demenza. Buon pro gli faccia.
      Vadano a cadere nel fosso che Kiko ha scavato per loro, per amore di sé stesso.
      Il cammino è già cenere e polvere.

      Elimina
  5. Io lo stomaco di leggere tutto l'ho avuto...
    Vabbè: sta sbroccando del tutto. E' chiaro come il sole

    RispondiElimina
  6. Jack-one, leggi l'annuncio, è tutto qui.
    Kiko parla solo di Kiko con toni da esaltato.
    Gesù non ha mai usato il suo linguaggio ed era il Signore!
    Kiko ha stancato. È noioso, ripetitivo e non ha nessuno spirito.

    Kiko ha di se stesso una grande considerazione.
    Lo lasci dire agli altri se è un grande artista, prestato all'evangelizzazione.
    Grandi premi di qua, grandi riconoscimenti di là, quando ha partecipato a concorsi i di provincia ridicoli; nessun libro di storia dell'arte parla o parlerà mai di lui.
    Vende icone in serie perché fa obbligo ai fratelli di riempirne la casa, le salette.
    Si espone Kiko, si canta Kiko, si predica Kiko.
    Un megalomane senza doti particolari né talenti.
    Certo, come ha fatto a fare tanta strada resta un mistero...dell'iniquità!

    Una cosa sappiamo, noi ex in particolare: Kiko è un falso storico, un pallone gonfiato, uno che non rischia nulla ma mette a rischio la vita degli altri senza scrupoli.

    Abbiamo perso potere?
    Volevamo posizioni nel cammino e non eravamo nessuno?
    Neanche ti rispondo.
    Non ne vale la pena. Voi capite solo queste cose e pensate che per il potere vendereste anche la mamma. Siete squallidi!
    Nella vita esistono valori per i quali vale la pena rinunciare a tutto: l'onesta, la correttezza, la giustizia, la verità, la difesa dei poveri...
    Ma non voglio gettare le perle ai porci, il Signore non lo vuole!

    Dentro non vi siete accorti di niente?
    Oggi il quadro ci è chiaro a 360 gradi.

    Il travaglio vissuto dentro è durato a lungo.
    Almeno io, stentavo a credere ai miei occhi.
    Ma col tempo ho avuto tutte le conferme, è molto di più. Inoltre...

    Confronta la predicazione di Kiko negli anni.
    È andato degenerando sempre più.
    Ora parla come un invasato fuori di testa e fuori del mondo, come ogni persona con un poco di raziocinio può giudicare.

    Cosa vuoi vederci a fare in fotografia? Che siete? Polizia segreta? Fate ridere.

    Guardati Kiko il pavone, non ti basta?
    Noi non siamo nessuno. E neanche tanto fotogenici!
    Viviamo bene nel nascondimento. Una pace!
    Io della vita dietro a Kiko non ne potevo più, è uno sfrenato inseguitore di successi mai sazio...avidità insaziabile mi pare si dica, giusto?
    Io non ne potevo più, di lui di Carmen e di tutta la corte celeste.

    Si sazi pure di tutti i beni e ne avanzi per la sua discendenza...io al Risveglio mi sazierò.del Volto del Signore.

    Jack-one, trovate pace anche voi, alla buon'ora!

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene qui latuit bene vixit!

      Tomista ex NC

      Elimina
  7. @Jack

    stai candidamente riconoscendo che il Cammino è 1 organizzazione di POTERE e che è solo questo che sta a cuore a te e agli altri che ci PERMANETE dentro .. altro che "andare incontro all'altro".
    Io di "potere" nel CN non ne ho mai cercato, né avuto, né perso, NON era questo che cercavo in un gruppo CRISTIANO ma l'amore di Dio e dei fratelli; l'amore a Dio attraverso dei fratelli e l'amore ai fratelli (le persone tutte che ti capita di incontrare nella vita e non solo quelli del tuo circolo) attraverso un rapporto sempre più stretto col Signore e questo mi aspettavo che il gruppo "cristiano" aiutasse a fare.
    Ma nessuno, soprattutto i catechisti che si sono presentati come riferimento, addirittura come "genitori nella fede" (questo hanno osato dire davanti a me e a Dio coloro che mi hanno rovinato la vita) mi ha "insegnato" alcunché di queste cose. E come avrebbero potuto? Sono cose spirituali, che riguardano la fede, il voler bene al prossimo, l'empatia per gioire e soffrire con un'altra persona .. cioè cose che si possono trasmettere solo con l'esempio, per contagio: del tutto assente!

    E così avete PARLATO di "andare incontro all'altro"?
    Si fa PRESTO a parlare .. senza poi mettere in pratica.

    Quale "altro"?
    - Il famigliare?
    Mi hanno spinto a lasciare mia madre.
    - Il fratello di comunità?
    Dicevano che il rapporto non doveva essere d'amicizia.
    - Le persone di "fuori comunità"?
    Dicevano che la comunità doveva essere al primo posto.
    - Il coniuge?
    Hanno istigato mio marito alla separazione.

    - Dio?
    Perché ricordati, fratello Jack, che il primo Altro che dei cosidetti catechisti dovrebbero spingerti ed aiutarti ad incontrare è il Signore stesso.
    Invece, quando ho detto loro che me ne andavo dal CN perché lì sentivo di ALLONTANARMI da Dio, mi hanno risposto che ero 1 ingrata (parabola dei 10 lebbrosi riveduta e corretta a loro uso e consumo) perché il Cammino mi aveva dato un marito come da me cercato.

    Perciò, mentre "attendi" (cosa attendi fratello Jack? La prox venuta di Kiko e dei tuoi catechisti per la consueta dose di emozione che ti sostiene? Un prox incarico che ti conferisca 1 qualunque grande o piccolo - sempre miserabile - "potere"? ) rileggiti il testo della convivenza che l'autore del post ha gentilmente messo a disposizione di TUTTI, chiedi luce dall'Alto per accorgerti del male nascosto nelle parole sibilline di chi NON vuole affatto il tuo bene .. pensa che nel momento della Verità, sarai solo e non Kiko, non i tuoi catechisti , non la "tua comunità" .. alzeranno 1 dito per aiutarti .. allora capirai che non erano solo "chiacchiere" , ma fatti, fatti che se non ti ostini a tenere la testa sotto la sabbia, anche tu puoi vedere .. renditene conto finché sei in tempo.

    RispondiElimina
  8. Tanto per fare due "chiacchiere" (per dirla con Jack): non ho mai visto in vita mia un agnello tanto corpulento a fronte di zampette tanto brevi e fine, come quello disegnato da Kiko nel disegno sopra riportato. Un agnello come quello di Kiko non potrebbe mai correre e, forse, nemmeno reggersi in piedi! Questo giusto per fare due risate.

    Ma andiamo a cose più serie: l'uso che Kiko fa del termine CATECHISTA.
    Vado a senso, senza fare ricerche: per la CHIESA questo termine equivale, pur con tutte le differenze dovute dalla materia che tratta, che comporta un impegno di fronte alla Chiesa, più o meno a ISTRUTTORE.

    Il catechista, per la CHIESA, non ha alcuna autorità sulla vita e sulle scelte del catechizzato.
    Non è un direttore spirituale e non è un profeta, se non in senso largo, come sono profeti tutti coloro che svolgono un servizio a nome del Signore.

    Per il CAMMINO, invece, un semplice e ignorantissimo, quanto bizzoso e stravagante, catechista ha potere su tutto, non sbaglia mai e, se sbaglia, l'errore, o l'eresia, o il peccato, pare che si trasformino in non errore, ortodossia e atto moralmente lecito.

    Se a questo aggiungiamo che nel Cammino ogni catechista è sottoposto a un catechista e tutti sono sottoposti a KIKO, se ne deduce che il titolo di FONDATORE del Cammino, che equivale a "Catechista dei Catechisti", conferisce un potere spirituale sui camminanti superiore a quello del Papa.
    Per non parlare del potere materiale che il "catechista" del Cammino esercita col pretesto di quello spirituale.

    CATECHISTA: temine che per la Chiesa ha un significato e per il Cammino un'altro.
    Jack: basta per dire che il Cammino è una SETTA di fatto?

    E poi, se il Cammino non volesse giocare sulla confusione dicendo una cosa ma dando a quella cosa un significato fuorviante, perché invece di chiamare i suoi ras "catechisti" non usa un'altra espressione? Ad esempio: GUIDE SPIRITUALI, visto che lo sono a tutti gli effetti (e in verità sono anche molto di più)? Sarebbe più ONESTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Pietro, l'agnello .. che volevi, che ci facesse i "muscoli" come Michelangelo?
      Ma quella di Kiko è vera arte sacra occidentale!
      Forse i profondi studi artistico-catechetici fatti da Kiko non comprendevano l'anatomia .. né animale, né umana, né tantomeno .. spina dorsale spirituale.

      Elimina
    2. Avete notato il braccio destro, la grandezza e che curva fa.
      (da IPG)

      Elimina
  9. Solo due piccole osservazioni: 1- Non capisco alla fine dell'annuncio perché la prima di s luigi di Roma e la Bon nouvelle di Parigi (tra le prime parrocchie kikocarmeniane del 68-70 se non erro) fanno solamente ora il matrimonio spirituale? Ma come funziona sta cosa? Cioè c'è uno squilibrio anche nell'organizzazione propria interna logistica di questo nuovo mostro post conciliare o è un'idea mia? I miei che sono catecumeni dell'architetto megalomane (dunque più indietro rispetto a s luigi per esempio) già hanno fatto in fretta e furia (si diceva che dovevano trascorre dieci anni almeno dall'ultimo passaggio dell'elezione con primo viaggio a Gerusalemme e iscrizione su targa domus galilea) il matrimonio spirituale. boh. 2- Gianvito parla solo citando le idee e le istruzioni di Kiko. Quando gli viene chiesto come fa lui la scrutatio sé tirato giù i calzoni e via... Tristezza! Jef

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi che le hanno fuse con le seconde comunità. Si stanno contraendo paurosamente. Tra i trapassati, i vecchi e i fuorusciti come noi che abbiamo deciso il grande passo dopo aver finito il cammino incluso viaggio di nozze, e siamo in tanti, sono costretti a fondere le comunità.
      Onde per cui devono fare di nuovo il matrimonio spirituale che la seconda non ha ancora fatto.
      Caro mio, devono passare il tempo in una maniera.
      Basta che vanno e vengono dalla Domus per inebriarsi di kikolate al massimo e poter ascoltare ancora annunci di quattro soldi come quello qui riportato senza prenderlo a calci nel sedere.

      Pensa che alcuni, tra cui questi delle prime comunità per ascoltare il grande campione dell'apostolato fanno viaggi notturni, su e giù da Roma...per sentire lo schifo di annunci che fa.
      Ci vuole un coraggio ed uno stomaco di ferro. Li compiango!

      Pax

      Elimina
  10. Amici, ancora una volta mi avete dato un'emozione, grazie di cuore.Sempre riesco a provocarvi e fare uscire il meglio di voi. Grazie tripudio perchè di tanto in tanto pubblichi qualche intervento, evidentemente gli altri non attirano la vs attenzione. Pietro, andare all'altro non significa al fratello di comunita' ma a tutti coloro che non sono "amici". Libera, la mia esperienza e' diversa dalla tua, anche io sono uno impegnato nel cammino e faccio lo stesso in parrocchia, di conseguenza non cado nelle ragnatele della struttura del cammino, ti assicuro ogni gruppo che conosco soffre questo tipo di problema. Grazie, Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustamente, per uno che ha paura della verità, contano solo le emozioni.

      Sì, dev'essere proprio emozionante poter dire: «ehi, Libera, nella mia esperienza 2+2 fa 5, mica come nella tua che fa 4!"

      A titolo di cronaca, nella frotta di insulti anonimi finiti automaticamente nella cartella Commenti SPAM ho notato una cosa: nessun kikos ha argomentato alcunché. Nessun riferimento, nessuna citazione, niente: come al solito si sono limitati ad aggredire e insultare, proprio come hanno fatto certi mega-catechisti di Catania, Roma e Napoli quando hanno letto il titolo (e solo quello) del recente libro di don Ariel.

      Hanno talmente paura della verità che rifiutano persino di discutere. Credono di rendere gloria a Dio comportandosi come i canonici pecoroni del racconto orwelliano La fattoria degli animali, addestrati a ripetere lo slogan "quattro zampe = buono; due zampe = cattivo". (Quel racconto merita di essere letto. Vi anticipo comunque che nel finale si vedono i maiali - che avevano insegnato quello slogan - intenti a camminare su due zampe, proprio come gli umani contro cui avevano a suo tempo fabbricato lo slogan).

      Così, quando Kiko porge loro il l'ennesimo sgorbio - "Kiketto e Pecora" -, loro si sentono invincibilmente obbligati a gridare che è bellissimissimo e a strepitare contro chi fa notare che l'autoproclamato «Vostro Catechista» ne sta sparando sempre più grosse. È come lo staff del Titanic che mentre la nave affonda comanda all'orchestrina sul ponte di alzare il volume.

      Elimina
    2. @ Jack

      Anche io ero impegnata pure in parrocchia, ma i catechisti me l'hanno proibito, perché non proveniva delle loro "pensate".
      Hanno fatto in modo di chiudere tutte le attività che facevo, ben aiutati dai "fratellini" che, ho scoperto dopo, andavano ad insinuare malevolenza su ciò che facevo. Grazie a tutti quei "fratellini"!
      Eh, l'invidia, caro Jack, è una bruttissima bestia. E' il peccato primordiale, quello di Lucifero.
      Se non la si cerca di estirpare, ma anzi la si accondiscende e la si fomenta, ecco la distruzione.
      Dopo 35 anni.
      Oggi quella parrocchia è totalmente distrutta, l'hanno pure chiusa e le comunità stanno ramengo una di qui e una di là in sale "prestate" da altre parrocchie...

      Il Signore è paziente, ma quando si colma la misura...

      Elimina
  11. Tripudio sicuramente hai ragione tu ma che vuoi non ho la forza di lasciare il cammino. Sicuramente tra qualche anno non si sentira' piu parlare ne di Kiko ne di altro pero' lasciami dire una cosa, attraverso questa setta ho almeno sentito parlare di Dio. Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche attraverso la setta dei testimoni di geova si può sentir parlare di Dio...

      Elimina
    2. se uno si accontenta di "sentirne parlare" ..

      Elimina
    3. Ma di quale dio senti parlare, di grazia?
      Kiko parla solo di Kiko, additando se stesso come dio.

      Questa mia citazione mi ricorda qualcosa di serio da considerare...non ricordo cosa!

      Chi è colui che si siede sul trono e addita se stesso come dio?

      Pax

      Elimina
    4. ahahahahaha scusa le risate, quale dio, quello che manda le disgrazie se non lo segui, o quello se non dai la decima, perché non ti affidi, ti umilia e punisce per farti cacciare i soldi?? ahahahahaha l'unico dio che hai conosciuto è il megalomane di Kiko, infatti voi non seguite il vero Dio, con la D maiuscola, ma solo ciò che dice quell'esaltato di Kiko,che umilia le persone per controllarne a suo piacimento. Inoltre non hai Conosciuto nessun dio perchè in comunità non sapete che significa empatia e rispetto della vita altrui, siete arroganti e superbi, con la scusa che siete peccatori. Tanto è che professare sempre gli stessi peccati da quando entrare, chi incontra davvero Dio, si vede per il cambiamento della sua vita reale, non con monizioni, giri di esperienza e scrutini. Gli scrutini dei miei fratelli li avrei potuti fare io per loro, dicevano sempre le stesse cose. Anche io ero ripetitivo, ed anche questo mi ha aperto, gli occhi, sto in un cammino ma non ho incontrato Dio, anzi mi sentivo peggio, e poi ho capito perché, è il sistema delle sette, farti sentire sempre più inutile per poterti meglio manovrare. Tu e tutti gli altri che siete ancora lì dentro, siete le persone che ama di più Kiko, perché fate tutto ciò che dice, lo difendete, senza batter ciglio, mettete mano ai soldi e vi usa. Così funzionano le sette, vatti a vedere tutti i documentari sulle sette, e vedrai, se ancor un po' di ragione ti è rimasta, che la comunità ha tutto di una setta.Svegliaaaa
      ex fratello.

      Elimina
    5. Concordo appieno!

      Elimina
  12. In città, in ogni quartiere, diciamo così, ci sono chiese, la Bibbia si vende ovunque, e la puoi leggere in ogni posto, online trovi catechesi a sazietà, la natura ti parla di Dio, se hai dei buoni eventi e altro, ecco che Dio ti parla anche in quelli, se ti senti tentato o sconfortato ecco che dentro di te puoi parlare con Dio, e senti che il tuo spirito si risolleva, se ti ascolti, profondamente, ecco che senti dentro di te come dei suggerimenti, per chi sa e non dorme, sa da dove vengono, se pecchi lievente o gravemente, senti dentro di te che hai fatto delle cose che non dovevi fare, per cui ti correggi subito e vai a confessarti, i santi ti parlano di Dio, la Chiesa e tutto ciò che ne deriva ti pala di Dio, anche se ti arriva una crce, e hai fede, anche quella croce ti parla di Dio ecc, ecc, ecc.
    E tu dici:attraverso questa setta ho almeno sentito parlare di Dio. Jack
    Come se non avessi sentito nulla, e come se solo il Cammino parlasse di Dio.
    Caro Jack non è che hai problemi di udito, come dicono i profeti, cioè ritorno al canto che usate fare dove si parla dell'orecchio dei sordi, e poi dei ciechi e zoppi. Tanto lo conosci, hai capito di cosa parlo. Jack, piccolo consiglio, vai al passo della Bibbia dove si legge quel canto, e leggi quel passo, a leggi un pò di più, sia ciò che è scritto prima e sia dopo, e meditalo. Entraci spiritualmente e fallo tuo.

    (da IPG)

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1 Si rallegrino il deserto e la terra arida,
      esulti e fiorisca la steppa.
      2 Come fiore di narciso fiorisca;
      sì, canti con gioia e con giubilo.
      Le è data la gloria del Libano,
      lo splendore del Carmelo e di Saròn.
      Essi vedranno la gloria del Signore,
      la magnificenza del nostro Dio.
      3 Irrobustite le mani fiacche,
      rendete salde le ginocchia vacillanti.
      4 Dite agli smarriti di cuore:
      «Coraggio! Non temete; ecco il vostro Dio,
      giunge la vendetta,
      la ricompensa divina. Egli viene a salvarvi».
      5 Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
      e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
      6 Allora lo zoppo salterà come un cervo,
      griderà di gioia la lingua del muto,
      perché scaturiranno acque nel deserto,
      scorreranno torrenti nella steppa.
      7 La terra bruciata diventerà una palude,
      il suolo riarso si muterà in sorgenti d'acqua.
      I luoghi dove si sdraiavano gli sciacalli
      diventeranno canneti e giuncaie.
      8 Ci sarà una strada appianata
      e la chiameranno Via santa;
      nessun impuro la percorrerà
      e gli stolti non vi si aggireranno.
      9 Non ci sarà più il leone,
      nessuna bestia feroce la percorrerà,
      vi cammineranno i redenti.
      10 Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
      e verranno in Sion con giubilo;
      felicità perenne splenderà sul loro capo;
      gioia e felicità li seguiranno
      e fuggiranno tristezza e pianto.

      (da IPG)

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
  13. Mi correggo, grazie perche' attraverso la setta ho potuto conoscere kiko ,mi ero confuso, e, non ci crederete ho avuto l'occasione di conoscere la Chiesa come edificio. Almeno e' servito a qualcosa. Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kiko te lo lasciamo tutto.
      Intanto ...un risultato lo abbiamo raggiunto: dici LA SETTA, Amen, te lo abbiamo ficcato in testa, finalmente, che siete settari.

      Infine esilarante che hai conosciuto la Chiesa come edificio, da morire dal ridere!
      ...come edificio DA OCCUPARE dopo averlo espropriato, ripulito e riempito di Kiko-idolatria.

      Pax

      Elimina
  14. Pax noi occupiamo le salette. Jack

    RispondiElimina
  15. Completo l'intervento, noi occupiamo, oltre alle salette, i servizi che gli altri non vogliono fare.Caritas, pulizia della Chiesa etc.etc. Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo! così fai vedere che voi volete fare, gli altri no. Perché non chiedi a Kiko e giù di lì di andare alla Caritas? Così ci fai vedere che dici la verità. Siccome sei un po'scostumato, per via della calunnia verso gli altri, ti rispondo a dovere. Vedo che occupate pure gli appartamenti, i portafogli, le stanze degli Hotel, e ristoranti, e altro. In queste cose vi siete specializzati.
      ( da IPG)

      Elimina
    2. Dici cose FUORVIANTI.
      Fate tutto nelle parrocchie neocatecumenalizzate, nella altre non fate NULLA.
      Ci può essere qualche camminante che collabora con la parrocchia, ma a titolo personale e non è certo incentivato dal Cammino.
      Spesso anzi non frequentata le vostre parrocchie, se non c'è il Cammino.

      Frequantate gli incontri diocesani non per COLLABORARE (tanto meno per imparare!), ma solo per "TESTIMONIARE". Cioè: testimoniare il Cammino.
      Se non potete mettervi in mostra, non partecipate affatto.

      Questa è una mia esperienza che non voglio generalizzare, ma è comunque valida in quanto non è riferita a un solo episodio, ma a più.

      Elimina
    3. carità? pulire la chiesa?? Ma quanto mai, che chi da volontariato in comunità viene attaccato di essere superbo e di farlo per vanagloria, e per sentirsi bravo. Pulire la chiesa? Ma forse pulite le salette, ma solo durante la pasqua, per fare il vostro spettacolo della veglia di Pasqua e l'agape dopo. Durante l'anno forse qualcuno passa una scopa, giusto quando non si può fare almeno. Quindi non fate niente di così necessario se non glorificare voi stessi.
      ex fratello

      Elimina
  16. Carissimo quando devi completare, devi completare tutto. Ti ripeto, vi conosciamo, chi è stato molti anni, chi pochi, il tempo conta e non conta, conta avervi conosciuti. IPOCRITI!
    (da IPG)

    RispondiElimina
  17. A chi avete sfruttato ultimamente? Jack rispondi? A chi state succhiando il sangue? Forse tu no, non ti conosco, ma gira questa mia a chi segue nell'ombra, ora, e non risponde. Caro uomo delle tenebre, che segui nascosto, prima o poi arriverà il giudizio, poi non ci sarà più nulla da fare. Ravvediti, sfruttare le persone, il prossimo, a cosa ti serve?
    (da IPG)

    RispondiElimina
  18. Jack voi occupate i servizi per non farli fare agli altri, perché i servizi vi servono solo e solamente per portare adepti al vostro Dio-Kiko.
    Ultimamente vi dice male,non vi si fila più nessuno, ma voi siete obbedienti ai vostri catechisti e continuate a togliere spazio agli altri facendo del vostro peggio.
    Per voi fare i "servizi" è un obbligo "imposto" non è una libera scelta e tu caro Jack lo sai benissimo.
    LUCA

    RispondiElimina
  19. «Ho voluto darvi un disegno perché penso di morire prestissimo e così avete un ricordo tangibile, oltre alle mie catechesi».

    Mi e' venuta una domanda: se le catechesi sono un ricordo tangibile, perché alla morte di Carmen, al posto di pubblicare i suoi diari, non hanno raccolto in un libro le sue catechesi più belle (si fa per dire) e caratterizzanti?

    Perché cercare altro materiale, con i fiumi di parole che aveva versato negli anni?

    Non dico i mamotreti, ma almeno quello che ha detto in occasioni pubbliche, negli annunci, nelle convivenze di inizio corso....
    Perché anche questi discorsi devono restare segreti? Cosa c'è da nascondere?
    Avete paura che leggendo quelle catechesi uno capisca veramente lo spirito distorto dei due iniziatori?

    @Jack siamo rimasti tanti anni, anch'io 30 anni, non per il potere, ma perché pensavo di poterlo cambiare dall'interno, pensavo che quello che non andava fossero errori umani...poi ho iniziato parallelamente a frequentare altri ambienti cattolici non NC ed ho capito che il problema erano i messaggi distorti e sbagliati del cammino.
    Quando ho visto che le correzioni del 1 febbraio 2014 di Papa Francesco non erano state prese minimamente in considerazione, allora ho capito che non c'era più niente da fare, e sono uscita.

    Cara @Libera, cara @Pax, mi ritrovo nelle vostre parole come sempre, sottoscrivo quello che dite.

    EX-NC-???

    Avete paura che ha leggere certe affermazioni o certi messaggi si capisca che di cattolico c'é poco o niente? Avete paure che certe storture siano evidenti?

    RispondiElimina
  20. Ascoltate!

    Lì dentro è Casa Nostra,non che ci interessi il Cammino, nel senso che la parrocchia è Casa Nostra, perchè vi è il Signore: Gesù non abita dentro al Tabernacolo? Dov' è il Nostro Signore, lì è Casa Nostra, questo è il senso. In più, se la vogliamo mettere sull'ambito terra terra, ecco che è tutto pagato, anche, da noi. E' di tutti, ma in primo luogo sappiamo, con certezza, che la Parrocchia è di Dio, TUTTO è di DIO, Dio è Nostro Padre, e per cui vi invito a tutti, anche a chi non ha mai avuto a che fare con il Cammino,di andare nelle salette o nelle celebrazioni neocatecumenali, e vi invito ad inginocchiarvi davanti a Gesù Eucarestia. E' importante dare l'esempio giusto e tracciare la strada per far capire al prossimo che si è davanti a Dio, e per cui bisogna stare in un certo modo. Evidentemente, chi dovrebbe insegnare loro questa cosa non l'ha fatto, perchè è manchevole. E per cui interveniamo noi con l'esempio.
    Senza nessun risentimento, ma con preghiera e pregando lo Spirito Santo. Andate in Pace, e se vi sentite turbati, pregate profondamente, rimanete in dialogo con la Santissima Trinità. Qualsiasi cosa vedete intorno a voi, sguardi, voci, occhi puntati, gesti inconsulti, qualsiasi cosa, non gli andate dietro, rimanete sempre calmi e in preghiera. Nessuno ha il diritto a scacciarvi, nessuno ha il diritto di dirvi qualcosa, nessuno vi potrà dire questo luogo è nostro. Cioè lo potrebbero dire, ma è menzogna e presunzione.
    Io vi invito, se volete, ad evangelizzarli, cioè ad andare lì dentro e portare loro il Vangelo, questi nostri fratelli hanno dei momenti nei quali si possono dire le risonanze, e per cui in quel momento gli proclamate il Vangelo.

    (segue)

    RispondiElimina
  21. Altrimenti entrate alle loro catechesi iniziali, entrate nel gruppo, e iniziate ad evangelizzarli (2Tm 3,14 - 4,2) .Vi dico che sono tutte cose che ho già fatto, e per cui la strada è stata gia aperta, ora spetta a voi andare, se volete perchè nessuno è obbligato. Vi consiglio di andare non da soli, anche  in gruppi, perchè la tensione potrebbe essere tanta, ma se qualcuno se la sente di andare da solo, che vada in tranquillità, Gesù vi accompagnerà. Portategli la Parola di Dio. Se vi dovesse accadere qualcosa di spiacevole, qualche contrasto forte, rimanete calmi e affidatevi a Gesù, vi arriverà il soccorso, il Signore vi invierà lo Spirito della Resurrezione, il Fuoco Divino. Non abbiate nessuna paura, nulla vi potrà fare più di tanto, il problema sono gli spiriti che sono nell'aria, di cui ci parla San Paolo. Lì è il problema, cioè  questi spiriti cercano di piegarci alla loro volontà, e cercano di impedire la Volontà di Dio. Noi non andiamo lì dentro a combattere le persone, ma gli spiriti.

    Vorrei fare una piccola precisazione.
    Chi volesse entrare a far parte del gruppo, per evangelizzarli, cioè che entra sotto copertura dalle catechesi iniziali, per riportare la Luce, cioè il Signore, ecco che per non farsi scoprire non potrebbe inchinarsi. In quel caso farà una grande preghiera al Signore, il Signore sa e vede. L'importante è portare il Vangelo a loro. Però, prima di andare, deve chiedere l'autorizzazione alla Chiesa, come vi ho inserito. Non andate a chiederla ai Neocatecumenali e collegati, ma a chi sapete che è con voi in questa missione. Qualcuno potrà dire: non ti è lecito! Tutte panzane, noi chiediamo l'autorizzazione alla Chiesa e alla luce del sole, ovviamente non andiamo a chi sappiamo essere nel buio. E in più vi rammento un passo di Paolo, il quale si fece calare dalle mura di Damasco, e i primi cristiani non celebravano nelle catacombe. Per cui, quando c'è il pericolo bisogna essere accorti. E poi vi metto Abramo su quanto fece in Egitto:
    11 Ma, quando fu sul punto di entrare in Egitto, disse alla moglie Sarai: «Vedi, io so che tu sei donna di aspetto avvenente. 12 Quando gli Egiziani ti vedranno, penseranno: Costei è sua moglie, e mi uccideranno, mentre lasceranno te in vita. 13 Di' dunque che tu sei mia sorella, perché io sia trattato bene per causa tua e io viva per riguardo a te».

    RispondiElimina
  22. Lo spirito che dovete assumere è questo: voi andate lì per una missione, evangelizzarli, poi, per il resto, ovviamente secondo la vostra coscienza, vi comporterete normalmente, nel senso che parteciperete agli incontri, quando potete, senza obblighi, alle spese ordinarie, perchè consumate anche voi, e in base alle vostre disponibiltà e alla realtà, ed ad altro. Faccio un esempio: potrebbe capitare un megalomane/fanatico che vorrebbe tappezzare la sala di opere kikiane, per via del fanatismo, in quel caso gli mettete a credere che va bene, ma quando passa il sacco nero, non mettete nulla, perchè non dovete seguire le megalomanie di altri. Nessuna obbedienza ai catechisti in cose particolari e fondamentali, cioè se uno vi chiede di passare una spazzata al pavimento, e avete tempo e volontà, e non vi costa nulla, ecco che la fate, ma se vi dicono di obbedire in cose importanti, come andare da loro in questioni vitali, ecco che consiglio di non andare, io vieterei, ma non posso vietare, perchè mi metterei in posizione di obbligare il prossim a fare ciò che dico io. A vostro rischio e pericolo. Ovviamente, se vedete che vi sospettano o vi lanciano messaggi, cioè cercano di piegarvi alla loro volontà decaduta, ecco che potete andarci ogni tanto, per fargli credere che li seguite, ma per salvaguardare la mssione, giusto per gonfiarli come pavoni, così prendono vanto dalla carne in quanto si sentono obbediti. Se vi cacciano dalla porta, rientrate dalla finestra e continuate a portare loro il Vangelo, due esempi: una volta scoperti, ecco che potete andare tranquillamente al sabato e ingincchiarvi davanti a tutti, non vi possono cacciare per nessun motivo. Quando siete lì dentro, se andrete, massimo rispetto delle cose, che comunque sia, sono di Dio, come la Consacrazione, il prendere il Corpo e il Sangue di Gesù, e altro, e come il rispetto delle persone. In poche parole il senso è questo: voi siete lì per il Signore, il Signore è il Padrone di Casa, costoro si sono fatti i padroni, ma non lo sono, hanno oltrepassato la misura, cioè hanno voluto andare oltre, e per cui voi siete lì per il Signore e per cui rimettere le cose al giusto posto. Chi non accolglie voi, mentre fate nel Signore le cose, ecco che non accoglie Gesù. Ricordatevi che siete battezzati, e altro, per cui avete pieno diritto di fare tutto nel Signore. Sfido chiunque a dire il contrario.

    (segue)

    RispondiElimina
  23. Chi, invece, non vuole immettersi da dentro, ma preferisce fare da fuori, ecco che do alcune idee: inserirsi nel Blogo Osservatorio, aprire Blog collegati all'Osservatorio, scrivere locandine, se conoscete degli apparteneti al Cammino, ecco che andrete a portargli il Vangelo, se li incontrate per strada o in altri posti, gli portate il Vangelo, pregate per la loro conversione, e fate altro. Vi chederete il perchè andare a chiedere l'autorizzaione? Ecco la risposta:
    1Dopo quattordici anni, andai di nuovo a Gerusalemme in compagnia di Barnaba, portando con me anche Tito: 2vi andai però in seguito ad una rivelazione. Esposi loro il vangelo che io predico tra i pagani, ma lo esposi privatamente alle persone più ragguardevoli, per non trovarmi nel rischio di correre o di aver corso invano. 7Anzi, visto che a me era stato affidato il vangelo per i non circoncisi, come a Pietro quello per i circoncisi - 8poiché colui che aveva agito in Pietro per farne un apostolo dei circoncisi aveva agito anche in me per i pagani - 9e riconoscendo la grazia a me conferita, Giacomo, Cefa e Giovanni, ritenuti le colonne, diedero a me e a Barnaba la loro destra in segno di comunione, perché noi andassimo verso i pagani ed essi verso i circoncisi. 10Soltanto ci pregarono di ricordarci dei poveri: ciò che mi sono proprio preoccupato di fare.

    Non vi mettete paura, non vi costa nulla, è bello fare la Volontà di Dio. Ovviamente non sarà una passeggiata, ma Dio non vi abbandonerà. E poi, ognuno contrubuisce nel suo piccolo, non dovete capovolgere il mondo, aspettari di vedere le conversioni innumereoli, o cambiamenti e capovolgimenti, sarà Dio a far crescere il seme, quando vorrà e come vorrà. Noi siamo dei piccoli seminatori.

    (da IPG)

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
  24. Pax, lo sai che da alcune parti lo hanno distribuito protetto con tanto di password?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non gli serve a niente.

      Elimina
    2. Daremo presto seguito all'analisi accurata di un annuncio che la dice lunga sui veri, perversi disegni kikiani nella speranza di risvegliare le coscienze.
      Ormai il piano strategico è chiaro, fin nei minimi dettagli.
      A presto

      Pax

      Elimina
    3. Assolutamente...
      ...lo dicevo per far notare che contrariamente a quanto uno si possa immaginare sugli annunci, e che cioè potrebbero essere di dominio pubblico, in quanto non inficiano l'arcano dei passaggi, sono invece secretati.
      Perché, perché dire qualcosa che poi non vuoi che si senta in giro, e così per le varie convivenze di I.C.
      Unico esempio nella Chiesa dove le parole del fondatore non possono essere lette da altri...

      Elimina
  25. Le comunità delle parrocchie più neocatecumenalizzate di Roma saranno domenica prossima,8 dicembre , in San Giovanni per celebrare la messa in ringraziamento per visione che Kiko ha avuto 60 anni fa della Madonna. Orario dell’appuntamento: 10.Orario della messa: 10.30. Anonimo che ben sa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale visione? Quella intellettiva, no, emotiva, no, affettiva, no, immaginaria, no, tocco di sostanza? Quella lì? Quella inventata di sana pianta? Ah, sì, quella. Mi sembra una squallidissima manovra del mostro/guru che sentendo avvicinare la fine, pensa così di favorire il suo processo di canonizzazione. Mamma che schifo.

      Elimina
  26. Sapete cosa mi ha detto un SACERDOTE?non li attaccare IGNORALI che finalmente stanno perdendo i colpi si sono indeboliti e dei preti che li appoggiano mi ha detto:anche lutero era un prete,ma era un eretico.SE LO DICE LA CHIESA!!!!....(LILLY).

    RispondiElimina
  27. Quante ambulanze si prevede di precettare per i successivi trattamenti TSO?

    RispondiElimina
  28. Posso sapere perché non pubblicate mai i miei commenti? Voi che siete chiari come la luce e sinceri come nessun altro, diversamente da Kiko ovviamente.
    Voi pensate, perché lo siete stati, o perché avete visto gente che lo è stato, che i neocatecumenali non abbiano spirito critico, addirittura, nemmeno per criticare un disegno, quando in realtà ci sono diverse persone che non lo trovano bello, ma a voi basta solo mettere in cattiva luce qualsiasi cosa che viene fatta/detta nel cammino. Addirittura arrivate a dire che Kiko si autoritrae nei suoi disegni, maddai! Tanto già so che non pubblicherete nemmeno questo. Vi ricordo di sentirvi liberi di credere in ciò che volete e che Dio è onnipotente e onnisciente, non vi preoccupate quindi per noi neocatecumenali se secondo voi ci stiamo perdendo, Dio ci verrà a riprendere come la pecorella smarrita.

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. Che il disegnino sia squallido e bello per niente è un dato oggettivo difficilmente confutabile.

    Presumo che tu, per dimostrare lo spirito critico dei camminanti, quando parli di persone a cui non piace ti riferisci a neocatecumeni.
    Certo questa è una notizia.
    Gli ultimi disegnini psicotici di Kiko sono più brutti di tutti i precedenti.
    Anche questo è un dato di fatto.

    Ma per parlare di spirito critico dovrebbero dimostrare il coraggio di uscire finalmente dal cammino, se no non serve a niente.

    Infine si autoritrae o no, Kiko fa tutte le faccette tali e quali, una barba.
    E poi le mani non le ha mai sapute fare.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uscire dal cammino perché non piace un disegno di Kiko? Voi siete comici, il miglior blog comico del web...

      Elimina
    2. Il finto tonto delle 15:33 ha già dimenticato che il Cammino promuove eresie e idolatria.

      Fra parentesi, anche il disegnino "Kiketto e pecora" è in fin dei conti un'autocelebrazione di Kiko. Non è in questione il valore artistico (già scarso) del disegno, ma la blasfemia di rappresentare il Signore con le fattezze di Kiko.

      Elimina
    3. Esatto. Il disegnino insulso è solo la cartina di tornasole di una dottrina eretica.

      E visto che trovi comico questo Blog, mio caro Ciccio o mio caro Jack o chi tu sia, tanto siete tutti uguali come le kiko-icone, fai una piccola ricerca - sempre sul nostro Blog - e troverai tutti i simbolismi stravolti da Kiko con la sua arte che millanta di ispirarsi all'iconografia orientale mentre ne sconvolge tutti i canoni scivolando nella blasfemia, appunto. Il nostro amato e compianto Lino Lista ha fatto in tal senso un grande lavoro. Mi limito al Blog, ma non siamo gli unici ad aver denunciato lo scempio osceno.
      Così forse ti si strozza la risata in gola.
      Intanto, come la giri e come la volti, stai sempre qui, ad essere comico sei tu. Comicità tragica. Faccio una profezia: a furia di stare sempre con noi fra poco ti converti davvero. Alleluja.

      Pax

      Elimina
  31. Ho saputo di una parrocchia dove e' nata una comunita' di 60 fratelli di cui 14 figli di fratelli. Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama "accorpamento", e i 14 figli in questione sono quattordicenni (cioè in modo che al Secondo Passaggio siano esattamente diciottenni e pronti a mollare la "Decima").

      Sessanta? Forse è solo perché sono a corto di salette e di presbikikos. Statisticamente le comunità cominciavano in cinquanta e dopo un trentennio, nel migliore dei casi, finivano in dieci. Cioè il Cammino perde l'ottanta per cento dei membri cammin facendo.

      Elimina
    2. Ahahahah, Kiko stesso nell'annuncio parla di 1, 2, 3 fratelli, tanto da fare le catechesi nelle case. Fides

      Elimina
  32. Dicci la parrocchia ed il luogo, sennò sono solo parole...

    Anche io potrei dire che ho saputo che è nata una comunità di 200 persone, ma se non lo provo son solo parole.
    Parole, parole, parole.

    Qui siamo soliti documentare le cose che diciamo, soprattutto negli articoli. Delle cose dette nei commenti non ne rispondiamo, ognuno dice quello che vuole. L'importante è poterlo verificare. Altrimenti... parole, parole...

    Ci sono molti motivi per cui una comunità può nascere numerosa. Non ultimo quello di incorporare nell'ultima nata i pochi (figli) che si vanno ad aggiungere e dire "è nata una comunità di...". Già sentita anche questa.
    Trovane un'altra.

    Comunque è sempre tutto possibile.
    I casi rari esistono.

    Attenzione però a quello che noi chiamavamo "calo fisiologico", in riferimento alla nascita del nostro "figlio spirituale" (follia antica...)
    Entro i primi 3 mesi una buona percentuale già se ne va. Normalmente sono quelli portati a forza o con l'inganno i primi ad andarsene.

    Esperienza comprovata.

    RispondiElimina
  33. Nella mia parrocchia quest anno hanno ascoltato le catechesi solo una decina di persone,ho saputo che i catechisti hanno invitato alle catechesi alcuni dei fuoriusciti,(NON SANNO PIÙ DOVE PESCARE RECLUTE),vi diró di più,ho anche saputo che uscita dal cammino dopo 30 anni una mia conoscenza che mi dava sempre addosso quando Io gli parlavo delle eresie del cammino...DIO É GRANDE E MISERICORDIOSO AMEN.(LILLY).

    RispondiElimina
  34. Carissimi, scusatemi se non sono un assiduo del blog, credo ci sia di meglio da fare. Allora, facciamo un patto, voi mi mandate una vs foto e io vi dico la parrocchia dove e' nata una comunita' di 60 e piu' fratelli. Richiesta equa. Jack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Traduzione in italiano: "voi vi fate identificare, ed in cambio io sarò costretto ainventarmi un nome di parrocchia perché quella di cui parlo in termini tanto angelici non esiste".

      Elimina
    2. Jack se vuoi fare ciò che pensi, a quesl punto manda pure, o fatti mandare dai tuoi colleghi, tutte le decime intascate e i conti correnti e le spese effettuate.Poie iniziate a far circolare la busta trasparente, anzi, neanche la busta, i soldi tirateli fuori davanti a tutti, così finisce la vostra ipocrisia di nascondervi dietro alla carità per i poveri.
      Caro Jack, non si fanno patti con le Tenebre ma con la Luce, non so se capisci.
      Carp Jack, forse non sai che la fuori ci sono, calcoli così, da 6 a 7 volte il numero di voi nc che sono fuoriusciti, e che non hanno nessuna intenzione di rientrare, e che vedono e capiscono, e conoscon i meccanismi. Sappiamo che non entra quasi più nessuno. Per cui, tutte le vanterie che dovevate conquistare il mondo, riformare la Chiesa, ecc, ecc,-dove sono?-; per caso erano tutte fantasie mentali fatte al momento? Ed ora vi sta arrivando questo:

      «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

      (da IPG)

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Jack, ma sei proprio ossessionato!
      No, la foto toglitela dalla testa. Cosa vuoi farci? Una makumba? Ahahahahah

      Della parrocchia con 60 nuovi polli da spennare non ci interessa affatto.
      Se fosse vero sarebbe uscita la notizia con squilli di tromba e fanfare, magari a Kiko gli prendeva pure un colpo! Non è meglio che campa cent'anni?

      Pax

      Elimina
  35. Jack il comico: Carissimi, scusatemi se non sono un assiduo del blog, credo ci sia di meglio da fare. Allora, facciamo un patto, voi mi mandate una vs foto e io vi dico la parrocchia dove e' nata una comunita' di 60 e piu' fratelli. Richiesta equa.

    Alla faccia della richiesta equa ... La tua faccia è così impresentabile da non essere oggetto di negoziato?

    RispondiElimina
  36. Perché non inizi Tu a mettere la Tua foto?E poi se pure Noi mettessimo la Nostra foto,cosa cambia,vuoi per caso farci un incantesimo per farci ritornare nelle tenebre de cammino?certo che siete veramente piccoli di cervello,Tu invece fai una bella cosa,SE VERAMENTE CI TIENI AD ESSERE CATTOLICO e a non sprofondare quando muori nell inferno,esci da questa trappola e SALVA LA TUA ANIMA.(LILLY).

    RispondiElimina
  37. Poi parli proprio Tu Jack?che già il Tuo nome mi suona di falso,forse hai usato il nome del tuo cane?E poi pretendi che Noi usciamo allo scoperto?Non ci credo neanche se lo vedo che sono entrate 60 persone,ormai la gente é al corrente che il cammino é una SETTA e non é la CHIESA(LILLY).

    RispondiElimina
  38. Grazie per le risposte. Il mio nome e' Roberto, la mia richiesta di avere vs foto era solo per conoscere il volto di Tripudio. Lo devo appendere al letto vicino alla foto di Carmen. Pax, davvero l'ultimissima comunita' e' di 60 persone e ti diro' di piu' c'e' anche qualche fuoriuscito di altri gruppi della parrocchia. Che bello fra poco anche le altre realta' avranno gli ex. Roberto detto Jack.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Roberto alias Jack, per voi è consolante che anche gli altri hanno gli ex.
      Mal comune mezzo gaudio.
      LUCA

      Elimina
    2. La verità è il tuo mestiere!
      Parlaci di quanti se ne sono andati. Delle persone che manipolate per i vostri tornaconti. Caro Jack già che stai qui tutto questo dimostra la tua disonestà. Se tu fossi sicuro che fate Volontà di Dio, ecco che non daresti quelle risposte. La vostra ipocrisia e presunzione vi condanna, state lì a tendere imboscate al prossimo, cercandolo di portarlo dalla vostra parte, e chi non fa ciò, ecco che lo attaccate. Purtroppo gli ipocriti si riconoscono da km di distanza. Nessuna risposta sui conti,spese, maltrattamenti, ecc,ecc. Divagate e usate il Nome di Dio, e lì dietro coprite le vostre malefatte.
      JACK dì ai tuoi amici di iniziare a rendicontare il denaro, così andiamo avanti nel Blog e iniziamo a parlare più di altro, e ti assicuro che c'è ne tanto: falsità,ipocrisia,superbia, mondanità, lussuria, invidia, ecc.
      (da IPG)

      Elimina
    3. Appendere Carmen vicino al letto ahahah,fai attenzione a non appenderla al capo del letto,non si sa mai potrebbe cascarti in testa e forse é la volta buona che il cervello inizi a funzionare.(LILLY).

      Elimina
  39. @Roberto detto Jack di ieri, ore 18:00

    Senti è uno spasso interloquire con te.
    Ormai ne sono certa, anche tu ti diverti molto, allenti la tensione nervosa a cui ti sottopongono quei pesantoni dei tuoi kikatechisti e quelle palle dei tuoi fratelli di comunità/un cuor solo/un'anima sola.
    E' chiaro che Tripudio ormai è un vero mito per te, ineguagliabile. Wow, metteresti la sua foto accanto a quella di Carmen CHE TIENI APPESA AL LETTO manco fosse una Madonna?
    O Carmen per te non conta nulla, o Tripudio è per te un santo in terra.
    Tertium non datur. La lingua mostra il cuore!

    Pax

    P.S. Scusa, dimenticavo, ma il posto accanto a Carmen non lo tieni riservato per Kiko?
    Bah, forse però fai bene, meglio che aspetti che muore: Mai dire santo uno prima della sua morte!
    A meno che non si tratti di Tripudio.
    Sei insuperabile, Roberto, davvero, un mito vivente.

    RispondiElimina
  40. @ Roberto detto Jack

    Continui ad insistere sulla (forse) RARITA' di una comunità nata con 60 (cifra tonda???) fratellini, di cui 44 nuovi di zecca, ma continui a non dire dove si sarebbe verificata una tale rarità.

    Scusa sai, ma avendo avuto a che fare per troppi anni coi neocatecumenali, sulla loro parola ho imparato a non fidarmi MAI.

    Anche quando io sapevo benissimo che nella mia parrocchia frequentavano le catechesi solo in 2 gatti, alle riunioni di "aggiornamento" tra catechisti c'era chi ne millantava più del doppio. Mi scappava anche da ridere...
    Magari le new entries sono persone spostate di parrocchia (sempre più frequente ormai).
    Anche la mia comunità, dopo aver camminato per quasi 4 anni in una parrocchia fu invitata a riprendere daccapo le catechesi in un'altra perché la parrocchia originaria chiuse in Cammino. E si era all'epoca all'inizio degli anni '80!
    Le ipotesi sono molte.
    Non basta dire, occorre specificare.
    Altrimenti bei sogni...
    O un'isola felice in mezzo ad un mare in tempesta...

    Scusa eh, ma l'esperienza insegna, la valanga di "accomodamenti" (che poi sono bugie) per sembrare migliori, ce l'ho ancora bene impressa nella mente.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.