martedì 4 gennaio 2022

Testimonianza di una madre

Tempo fa dedicammo un articolo alla vicenda di due nonni che arrivarono al punto di rivolgersi al tribunale per poter avere il diritto di vedere il nipotino. Oggi ci ritroviamo ad affrontare il medesimo straziante argomento dal punto di vista di una madre che, oltre ad aver subito l'allontanamento del figlio perché sottomesso alle ostili direttive dei catechisti, adesso si ritrova a non poter conoscere il nipotino. 
L'interesse prevalente che deve essere sempre tenuto in considerazione, in ogni circostanza e contesto, è quello dei bambini. Il rapporto con i nonni materni e paterni aiuta i giovani nella costruzione della propria identità, per cui non può essere impedito se non per gravi e motivate ragioni. Per questo lo Stato italiano concede ai nonni una tutela giudiziaria.
Ma non può rimuovere la causa, cioè il Cammino, che sembra avere la facoltà, per i membri della setta, di isolare e di strappare il tessuto familiare lasciando delle ferite sanguinanti che causano dolore e morte.

Gesù con i nonni Gioacchino ed Anna

Ho letto tante vostre testimonianze e la nostra famiglia, purtroppo, si ritrova in tante cose. Da quando mio figlio è entrato a far parte di quella che per noi è una "setta" la nostra quiete familiare è finita. Non esiste più la mamma, il papà, il fratello, la sorella, i nonni. Un muro è stato alzato tra noi e lui, un muro che da anni, lentamente, sta divorando i nostri cuori

È come se ci fosse tanto odio da parte sua...addirittura una volta mi ha urlato di non essere sua madre. E allora, chi è che lo ha messo al mondo? 

Da qualche anno siamo diventati nonni...anche qui, uno dei momenti più belli della nostra vita si è trasformato in un dramma. Ci viene vietato, da entrambi, di vedere il bambino. 

Per riuscire ad avere un dialogo con mio figlio il "loro prete" voleva organizzare una riunione con 6 catechisti, che avrebbero dovuto stabilire quando noi potevamo vedere nostro nipote

Quando io e mio marito abbiamo risposto che per noi non c'era alcun problema, potevamo tranquillamente rapportarci anche con 100 di loro, ma chiedevamo soltanto di far partecipare nostra figlia in quanto parte integrante della mia famiglia e pienamente coinvolta da questa assurda situazione, il "loro prete" ci ha assolutamente vietato la sua presenza, dicendoci che non eravamo in un tribunale e che alla chiesa non fregava niente delle beghe familiari. 

Ma a quale chiesa? Forse alla loro! Quindi, noi dovevamo avere davanti 6 estranei che niente sanno di noi e noi non potevamo portare nostra figlia. Ma di cosa stiamo parlando? 

Ma chi sono questi "catechisti" che devono decidere sulla nostra vita? È follia, pura follia e non ci rendiamo conto di come nostro figlio, così intelligente, colto, un tempo sensibile, sia potuto cadere in questa trappola infernale, annientandosi e seguendo questi estremisti, passatemi il termine, "malati"!

Da qualche settimana, mia suocera, nonna paterna, lotta tra la vita e la morte in un letto di ospedale e lui non si è degnato di fare neanche mezza telefonata, almeno a suo padre, si è completamente disinteressato...e dire che è cresciuto con i nonni! 

La sua famiglia d'origine non esiste più e noi non riusciamo a riconoscere nostro figlio. Abbiamo tentato il tutto per tutto, ma ci siamo scontrati con gente che di religioso non ha nulla, fanatici senza scrupoli. 

Ci chiediamo come mai la chiesa permetta tutto ciò, permetta di rendere queste persone senza più personalità. Viene fatto loro un lavaggio del cervello tale da non scindere il bene dal male. 

Noi qui ci rivolgiamo soprattutto a dei genitori che stanno subendo le stesse cose, per cercare, insieme, di fare qualcosa per i nostri figli che hanno bisogno di aiuto. Noi siamo stanchi ma non demordiamo. Questa setta, per noi maledetta, deve sparire, non può continuare a fare altri danni! 

23 commenti:

  1. "...non ci rendiamo conto di come nostro figlio, così intelligente, colto, un tempo sensibile, sia potuto cadere in questa trappola infernale..."

    Questo il grido angosciante e la domanda eternamente senza risposta.
    Pur io, gurdando anche a tanti personaggi - alcuni molto noti (intendo in particolare tra gli itineranti) - mi sono chiesta spesso: com'è possibile che siano ridotti a questa sudditanza professionisti affermati, alcuni molto ricchi e alcuni anche di nobile schiatta?
    Questo per me resta un mistero ancora oggi. Pensando anche al mio catechista itinerante di riferimento. Che era nel mondo un numero uno.
    Ma è così nel Cammino! Vantano medici in gran numero, avvocati, notai, architetti e ingegneri, professori universitari. Tutti in perfetta obbedienza, proni. Per alcuni, ricordo, era riservato un particolare trattamento. Ogni due e tre Kiko insisteva "Tu sei ingegnere e credi di essere più intelligente di me. Non devi inventare nulla (che poi lì nessuno inventava, quando mai!), ma solo fare quanto ti diciamo e chiedere sempre a noi tutto".
    E questo sol perchè qualcuno di loro era colpito da un eccesso di zelo e si prodigava a più non posso per estendere il cammino nella zona a lui affidata. Alle fine - si dice - cornuto e bastonato!

    Pax

    RispondiElimina
  2. Anche Tom Cruise, convinto da Scientology, ha impedito ai propri figli di avere contatti con la madre, facendola passare per una persona cattiva da odiare.

    Come molti figli del Cammino, anche i figli di Tom Cruise hanno fatto carriera in Scientology.

    Assonanze?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorreste paragonare il Cammino a Scientology, speriamo...........................................

      Elimina
    2. Scusa perchè continui a scrivere e poi dici agli altri di non farlo?

      Studente teologia

      Elimina
    3. Paragonare il Cammino a Scientology?
      Certo che vorrei!

      Ho letto di un ex scientologist che paragonava Scientology al romanzo di Orwell "1984" e mi sono accorto che il paragone calzava a pennello anche col Cammino.

      KIKO/RON HUBBARD = Grande Fratello

      SOCING = Ideologia del Super Stato fondato su leggi incontrastabili (ideologia del Cammino/Scientology)

      PARTITO = aristocrazia privilegiata, maggiordomi, agi. Motto: "La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza" (casta dei catechisti VIP/auditor e maestri)

      NEOLINGUA = linguaggio proprio tendente ad uniformare il pensiero (linguaggio neocatecumenale/scientologico)

      BIPENSIERO = controllo delle idee. L'unica verità è il Partito che utilizza forme consapevoli di inganno: "Raccontare deliberatamente menzogne e nello stesso tempo crederci davvero..." (manipolazione delle idee)

      NEROBIANCO = se per il Partito il nero è bianco, si afferma che il nero è bianco e si CREDE che il nero è bianco, dimenticandosi che prima si poteva distinguerli e quindi si altera il passato (allineamento al sistema)

      STOPREATO = (altrimenti detto stupidità protettiva) fermarsi, per un istinto provocato, davanti ad un pensiero pericoloso per il Partito. Incapacità di cogliere analogie, non percepire errori di logica, fraintendere le argomentazioni contrarie al Socing, noia e rigetto di ogni pensiero articolato che potrebbe condurre a posizioni contrarie al Socing. (non urtare chi comanda e non avere mai dubbi)

      WINSTON SMITH = il ribelle e traditore del sistema. Si affida ad un uomo che poi scopre essere un agente del Ministero preposto a far rispettare le leggi del Regime. Sembra amico, ma poi lo tortura per allinearlo al sistema (gli ex)

      Ecco spiegato perchè, anche di fronte ad argomentazioni e deduzioni logiche, i neocatecumenali non comprendono.
      Lo STOPREATO ed il BIPENSIERO hanno preso il sopravvento e non riescono proprio ad ammettere che possano esistere verità contrarie al loro Socing.

      Capisco anche che solo gli Winston Smith possono comprendere, per i compagni in tuta blu, ormai è molto difficile.

      Un bell'approfondimento dettagliato di queste poche descrizioni che ho dato, potrebbe spiegare meglio le analogie del Cammino col romanzo di Orwell e, conseguentemente, anche con Scientology.
      Manipolare ed essere manipolati non riguarda solo la politica, ma è l'anima delle sette e dei loro capi.

      Elimina
  3. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più banditesco

    Il 18 dicembre 2021 il famoso bandito sardo Graziano Mesina è stato arrestato dopo una latitanza di quasi un anno e mezzo. La ministra Cartabia l'ha fatto cercare dappertutto, mobilitando polizia, carabinieri, finanzieri, forestali, esercito, marina, aviazione, servizi segreti, parà della Folgore, per ultimo si sono mossi la Cia, il Kgb, l'MI6 e il Mossad, ma...nisba! A questo punto la Cartabia, che è ciellina, ha chiesto aiuto al leader di Cl che ha avvisato Kiko, e Kiko ha chiesto l'aiuto di Carmen che, da Lassù, è apparsa in sogno alla Cartabia dicendo di mandare i carabinieri a Desulo, paesino vicino Nuoro, in casa di una coppia il cui nome non si può fare, e li è avvenuto l'arresto. Kiko ha avvisato il Vaticano e Semeraro ha avvisato il Papa che ha detto : "splendido, hermano cardenal, si Carmensita fosse al posto della Cartabia avremo risolto el problemito del card. Becciu con l'acquisto del palazzo di Londra. Procedamos con la beatificasion". Semeraro ha avvisato Kiko, che ha ringraziato il Santo Padre, inviandogli un saggio del 1964, ormai introvabile, ed. Laterza, di uno studioso di cose sarde, prof. Eugenio Casati dell'Università di Perugia, dal titolo : "Il banditismo sardo, problemi e possibili soluzioni".

    e la causa continua...............

    RispondiElimina
  4. Uomo Libero!!!4 gennaio 2022 13:11

    IL CAMMINO È UN CULTO OCCULTO

    RispondiElimina
  5. Complimenti per la 'buona volontà di istituire un tribunale con 6 presbiteri per decidere se e quando questi nonni possono vedere il nipotino! Probabilmente a ciò sono stati indotti dallo 'scandalo' che potrebbe derivare al Cammino da questa situazione, altrimenti non avrebbero mosso un dito. Però, naturalmente, sono così vigliacchi da voler essere certi di avere una preponderanza numerica, al punto tale da non volere la presenza della sorella (testimone scomoda? Dimostrazione vivente che non si tratta del solito gap generazionale genitori-figli ma di una vera lacerazione trasversale all'interno della famiglia provocata dalla frequentazione delle Comunità neocatecumenali?).
    Ma voi, non dovevate ricostruire le famiglie? E come mai invece se qualche famiglia non appartiene in blocco al Cammino ne provocate il raffreddamento dei rapporti e il definitivo allontanamento?
    Perché è chiaro: il peccato originale di questi genitori è non essere neocatecumenali. Ipotizzo che il figlio sia entrato in Cammino a seguito della fidanzata e così ha abbracciato una specie di nuova fede e pure nuove relazioni sociali e una nuova famiglia, incompatibile con la sua famiglia di origine.
    L'ipocrisia del sacerdote che dichiara che "alla Chiesa non gliene frega nulla delle beghe familiari" quando sta in un movimento che dichiara di prendere esempio dalla Sacra Famiglia, è insopportabile!
    Sia chiaro, il Cammino non è l'unica simil setta simil cattolica che distrugge l'armonia familiare e ne esacerba i conflitti: ma è l'unica che si propone appunto d'essere invece la soluzione ai problemi familiari, il toccasana dei matrimoni, l'educatore dei tuoi figli tramite altri genitori padrini che già hanno reso infelici i propri.
    Esprimo tutta la mia solidarietà a questi genitori e alla sorella: ormai lo avranno già capito, ma non mi attenderei dalla Chiesa anche al di fuori del Cammino un aiuto concreto e neppure la comprensione.
    Non è facile da dire, ma è molto probabile che, oltre a perdere il figlio e la nuora, perderanno pure i nipoti. Il mio consiglio è quello di lasciar perdere i faccia a faccia, soprattutto i comitati giudiziari neocatecumenali, che di certo non faciliteranno la ripresa dei normali rapporti familiari. Non perdete la speranza!
    Se potessi parlare con questo giovane, gli direi: a cosa ti è servito questo Cammino di fede? Guarda che frutti marci e putrefatti ti sta dando! Stai tranquillo che questo odio e questa rivalsa nei confronti dei tuoi genitori e della tua famiglia di origine non viene da Dio. Di cosa hai paura? Che i tuoi genitori dicano al tuo bambino che i doni li porta Gesù o Babbo Natale e non i Re Magi di Kiko? Rientra in te e dimostra d'essere un uomo, non un bamboccio in mano ad altri!

    RispondiElimina
  6. Il cammino è una vera setta che plagia le coscienze di molti e ne condiziona la vita, fino al punto di demolire le famiglie e creare dipendenza psicologica. Chi subentra nel cammino si spoglia di sé stesso e si riveste con gli abiti - divise - distintivi del contesto. Il 'povero' che mette piede in comunità deve abbandonare il pensiero critico su qualsiasi aspetto della vita, non solo in campo morale o spirituale, aderendo ad ogni direttiva dei capi supremi. Nessuno può sottrarsi al proprio dovere neocatecumenale, anche perchè questi impegni vengono accuratamente verificati dai catechisti, e nessuno può contraddire questi ultimi. I catechisti...figure ambigue e superbe che pretendono obbedienza e che credono di ricoprire un'autorità tale da meritare rispetto e docilità anche da parte di chi è estraneo al movimento kikiano. Ed è proprio con questa presunzione che i responsabili del luogo si sono rivolti ai genitori del thread. Si sono imposti come se detenessero un potere invalicabile, tentando di infliggere alla famiglia ulteriori fratture escludendo dal dialogo la sorella.

    "Ma a quale chiesa? Forse alla loro! Quindi, noi dovevamo avere davanti 6 estranei che niente sanno di noi e noi non potevamo portare nostra figlia. Ma di cosa stiamo parlando?"

    Parlano a nome della Chiesa insinuando falsità e inganni, disperano le relazioni familiari e assumono un intollerabile atteggiamento altezzoso. La verità è che una sana vita familiare può scoprire gli altarini della setta e mettere in difficoltà non soltanto il soggetto, ma anche gli altri "fratelli", i quali potrebbero 'ospitare' la pulce nell'orecchio che il membro incerto potrebbe insinuare. Sì, perché una felice situazione familiare favorisce l'esperienza della pace: la lealtà e l’amore tra fratelli e sorelle, la funzione dell’autorità espressa dai genitori, il servizio amorevole ai membri più deboli perché piccoli o malati o anziani, l’aiuto vicendevole nelle necessità della vita, la disponibilità ad accogliere le raccomandazioni dell'altro.Tutte questioni non sussistenti in comunità.
    Quindi - una situazione familiare dove sussiste la concordia - agevola la comprensione del raggiro.

    RispondiElimina
  7. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più presidenziale

    Dopo la cattura del pericolosissimo bandito sardo Mesina, la ministra della giustizia Cartabia ha ricevuto un encomio solenne da parte di Draghi e Mattarella. In una riunione segreta tra i tre, Draghi ha promesso di mettere una buona parola agli elettori del futuro Presidente della Repubblica, che avverrà a febbraio, segnalando proprio il nome della Cartabia. Mattarella ha approvato, sapendo di lasciare la Presidenza in ottime mani e, come segno di approvazione, ha dato la grazia a Mesina, che doveva scontare una miriade di ergastoli. Mesina, ritornato a Orgosolo, è diventato un assiduo frequentatore della parrocchia del paesello e ha fondato una comunità di neocatecumenali, che l'hanno fatto all'unanimità capo catechista previa approvazione di Kiko. Kiko ha avvisato il Vaticano e Semeraro ha avvisato il Papa, che ha detto : "formidable, hermano cardenal. Se Carmensita es reussita a convertir anque Mesina, es veramiente una sancta de categoria ultra ultra ultra superior, quindi procedamos con la causa di beatificasion". Semeraro ha avvisato Kiko, che ha ringraziato il Santo Padre, inviandogli un pacco con un libro del XIX secolo, rarissimo, di autore ignoto, dal titolo : "Anche i santi convertono i banditi, quando ci si mettono", stimato da Vittorio Sgarbi del valore di 60.000 euro, e gelosamente conservato nella Pinacoteca Vaticana. Stime governative dicono che i turisti, Covid permettendo, fanno a pugni per entrare a contemplare questa rarità, pagando anche il triplo del biglietto, con gli introiti del quale lo Ior sta appianando le perdite causate dal card. Becciu con l'acquisto del palazzo di Londra. Insomma, Carmen un miracolo fa e altri cento ne pensa, si deve arrivare pure a 1900 prina o poi.

    e la causa continua....................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Tra questo e il precedente, stasera mi hai fatto sbellicare dal ridere.
      Grazie, poiché ridere fa bene.

      e la causa continua....................

      Pax

      Elimina
  8. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più persuasivo

    Dopo la conversione e la grazia di Mesina, il Papa ha avuto un colloquio segreto con Semeraro, nel quale ha detto : "hermano cardenal, dobbiamo contattare Mesina por convincere il card. Becciu ad appianare i debiti lasciati con l'acquisto del palazzo di Londra". Semeraro ha avvisato Kiko, che ha implorato Carmen, che è apparsa in sogno a Mesina chiedendogli il suo aiuto. Mesina, che dopo aver fondato il Cammino a Orgosolo è diventato buono, ha scritto a Becciu, dicendogli di restituire il maltolto allo Ior, altrimenti sarebbe andato in Vaticano a "convincerlo". Becciu, che è sardo e sa chi è Mesina, ha preferito non mettere alla prova Mesina e ha subito restituito i soldi allo Ior. Il Papa ha ringraziato Kiko, dicendogli che restituirà il cardinalato a Becciu e Kiko ha ringraziato il Santo Padre dicendogli che, dopo la sua morte, avrebbe mandato Mesina in Vaticano a "convincere" i cardinali del Conclave ad eleggere papa il card. Becciu all'unanimità.

    e la causa continua.................

    RispondiElimina
  9. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più epifanico

    Stanotte, vigilia dell'Epifania, è antica tradizione che la Befana, volando su una scopa, si cali nei camini delle case e metta una calza piena di ricchi doni per i bambini buoni e del carbone per quelli cattivi. Kiko ha ricevuto ieri dei messaggi dei capi catechisti di svariate comunità che, nelle convivenze, confessano che molti dei loro bambini non credono più alla Befana, travolti ormai dal dilagante pensiero moderno. Kiko ha implorato Carmen di intervenire, e lei, da Lassù, con uno schiocco di dita si è trasformata in Befana, e quindi è rimasta cosi com'è perchè più brutta non poteva diventare e, volando su una scopa è entrata nel caminetto di un catechista, Alfredo Morandini, dell'VIII comunità della parrocchia di s. Crispino in Abbiategrasso, il cui figlio è tra quelli più miscredenti sull'esistenza della befana. Però, per non spaventare troppo il bambino, si è trasformata in quella bonazzona di Diletta Liotta, che sta facendo la pubblicità in queste sere. Il bambino, vedendola, ha detto : "ma tu sei...?" e lei gli ha detto "shhhhh" con un dito sulle labbra, non si è capito se è per non far sapere che era Carmen piuttosto che Diletta. Il bambino si è subito convertito alla Befana e anche gli altri bambini figli dei catechisti dei Cammino lo hanno fatto per non essere da meno. Kiko ha avvisato Semeraro che ha avvisato il Papa, che ha detto : "splendido, hermano cardenal, Carmensita sta unificando sempre più las comunitas de todo el Cammino, signo evidiente de magna sanctitad, perciò adelante con la causa de beatificasion". Semeraro ha avvisato Kiko, che ha ringraziato il Santo Padre inviandogli un pacco con un libro, la prima edizione delle poesie di Pascoli,con evidenziata la poesia sulla Befana, pezzo rarissimo, stimato da Vittorio sgarbi del valore di 140.000 euro, e subito messo nella Biblioteca Vaticana.

    e la causa continua.............

    RispondiElimina
  10. All'inizio della testimonianza c'è il "ritrovarsi" in tante cose. Sempre così, quando si leggono esperienze dolorose di altri testimoni, vissute quando si era neocatecumenali!

    La bandiera è stata sempre "la famiglia" "la famiglia". Il mettere al mondo figli, cosa che nessuno più fa. Ricostruire i matrimoni... Alcuni forse sì, anche. >moltissimi li hanno distrutti.

    La realtà vera tante, troppe volte è un altra: la rovina proprio dei rapporti famigliari.
    I rapporti famigliari sono stravolti. Si comprende dall'enfasi sbagliata che danno, meglio definirla strumentale ai loro fini, alla interpretazione dei Vangeli così come li applicano alle varie tappe del percorso:
    "Chi non ODIA il padre, la madre, i fratelli..."
    "Lasciate che i morti seppelliscano i loro morti..."
    ... e tutto per cooptare interamente l'adepto. Dopo averlo sradicato, tirato fuori del tutto, spiantato e poi liberato nella coscienza da ogni obbligo, dovere morale legato alla famiglia di origine.

    Eppure è uno dei Comandamento "Onora il padre e la madre".
    Eppure l'assistenza ai genitori nella vecchiaia - dicono i Libri Sapienziali - è premiata da Dio con molteplici benedizioni e lunga vita.

    I neocatecumeni usano e abusano della Parola di Dio, la stravolgono, by-passano quanto a loro non conviene. Soprattutto quanto valorizza l'amore, i sentimenti, gli affetti, la dolcezza.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così come tu scrivi, Pax. Il Cammino neocatecumenale mette a dura prova la serenità e la stabilità familiare. I numerosi figli, i molti e sempre crescenti impegni del Cammino, sommati al lavoro e ad altri impegni, rendono molto difficile il dialogo fra i coniugi e la condivisione, che sono alla base di un rapporto solido. Il Cammino si inserisce malamente e indebitamente fra i coniugi e fra i genitori e i figli, con le domande durante gli scrutini, con l'invito a parlare dei propri problemi coniugali e familiari durante le convivenze mensili davanti a tutta la comunità, con i questionari durante diversi le convivenze di inizio corso e di riporto, in cui i coniugi sono forzatamente separati, messi in due gruppi diversi, e in molti altri modi simili. Di tutte queste prassi sballate e profondamente sbagliate ovviamente non c'è traccia nel Catechismo della Chiesa Cattolica.

      Elimina
    2. Il Cammino cammina contro natura.
      Parla di famiglia, ma l'unica vera famiglia che considera è quella del Cammino in cui i nonni sono sostituiti dai "catechisti".

      Il problema del Cammino è quello di mettere la grazia in opposizione alla natura.
      Se è vero che c'è una genitorialità spirituale che prescinde dalla carne, che ha origine il Dio, da cui ogni genitorialità prende nome, è anche vero che la genitorialità secondo la carne è sempre anche spirituale.
      Maria era madre di Gesù secondo la Carne, e tanto è bastato perché sia stata proclamata Madre di Dio, una maternità particolare che, però, non può che essere spirituale.

      Rifiutare di far vedere i nipoti ai nonni, a parte casi particolarmente gravi, va contro l'ordine stabilito da Dio.

      Elimina
    3. Natura e grazia non si oppongono ma, anzi, convergono nonostante il peccato, perché il Figlio ha assunto la natura umana.
      Questo è quello che non capiscono i camminanti, che considerano il Cammino più importante della famiglia!

      Gesù ha detto: “Chi non è con me, è contro di me”. Ma ha anche detto agli Apostoli: “Chi non è contro di voi, è per voi”.
      Parafrasando, si può anche dire: “Chi opera contro la fede, opera il male”, ma anche: “Chi non opera contro la fede, opera secondo la fede”.
      Il fatto è che se la natura non salva, non ci si salva senza la natura.

      In Gesù la natura umana e la divinità convergono, ma poiché Gesù è Dio, è la natura che si innalza fino alla divinità (nel Cammino invece, che è umano, la divinità "decade", come negli angeli decaduti).
      Infatti, poiché il Figlio si è incarnato, chi, nonostante i limiti dovuti al peccato originale, segue la natura umana che cerca Dio fino alle estreme conseguenze, alla fine arriva a Cristo, perché egli, che è morto per la salvezza di tutti, lo attrae. A meno che l'uomo non lo rifiuta.

      Per questo chi è nemico di Cristo è anche nemico dell’uomo e, nello stesso tempo, chi si oppone alla natura umana considerandola irrecuperabile e immune alla grazia, si oppone a Cristo e alla Chiesa.
      Come ha fatto Lutero e chi lo ha imitato.

      Elimina
  11. Filastrocca epifanica

    La Befana vien di notte
    con le scarpe tutte rotte
    porterà ai bimbi buoni
    delle calze con bei doni
    mentre a quelli cattivelli
    siano brutti oppure belli
    un carretto con carbone
    come somma punizione
    ma ai bambini del Cammino
    lascerà un pensierino
    se a lei tutti crederanno
    come premio otterranno
    di dirigere le salette
    mentre saran tagliati a fette
    quelli invero miscredenti
    a cui si guasteranno i denti
    Quindi, bimbi, meditate
    a tutto quello che voi fate


    RispondiElimina
  12. @Blog

    Quale sarà la prossima trovata che escogiterete? Scriverò un libro sulle bufale dette da questo blog, da quelle di padre Pio, a Kiko che partecipa al Vaticano II, poi che lo Statuto non sarebbe stato approvato, alla lettera di Arinze e altre sciocchezze. Ci sarebbe da ridere e di gusto.

    Studente teologia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivi scrivi... Evidentemente non devi studiare.

      Elimina
  13. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. quello dei Re Magi

    Kiko come è noto è un valente studioso della Sacra Scrittura. Leggendo l'episodio dei Re Magi e non riuscendo a trovare notizie certe su di essi, se non le solite ipotesi dei teologi e dei biblisti antichi e moderni, si è rivolto a Carmen per avere lumi in proposito, e lei, da Lassù, gli ha detto di andare in Vaticano nell'Archivio Segreto, previa autorizzazione del Prefetto mons. Sergio Pagano, suo grande amico, e di consultare, nella stanza 8, scaffale 44, piano III, faldone 18-20 bis, dei documenti riguardanti i tre Re Magi. Cosi ha fatto e ha scoperto che i Re Magi erano : Gaspare, antenato di Kiko, Melchiorre, antenato di Carmen e Baldassarre, antenato di don Mario Pezzi, quindi i fondatori del Cammino hanno originato un movimento ecclesiale di origine divina, vista l'augusta discendenza dei 3 fondatori dai 3 Re. Kiko ha chiamato Semeraro che, letto il documento, l'ha portato al Papa, che ha esclamato : "ero seguro, hermano cardenal, que el Cammino es de origine divina ed esta es la prova provata, quindi Carmensita es per definision sancta, dunque procedamos con la sua beatificasion". Kiko, che era dietro la porta dell'ufficio del Papa, è entrato a ringraziarlo e gli ha dato una busta, contenente un libro antichissimo del XII secolo, con miniature di monaci benedettini, del monaco Artemius Bellefort, riguardante i primi studi del periodo sui Re Magi. Il Papa ha chiamato Vittorio Sgarbi che l'ha valutato per un valore di 4.500.000 euro, ed è stato messo nella Pinacoteca Vaticana, ma senza nessun cartello, perchè la cosa deve rimanere segreta, secondo la politica degli arcani del Cammino.

    e la causa continua................

    RispondiElimina
  14. Sarebbe interessante sapere i motivi per cui il figlio camminante ha rotto i rapporti coi genitori.
    Visto che questa frattura è avvenuta prima delle nascita dei nipoti, c'è da supporre che il motivo non risieda nel timore di uno scandalo che i nonni possano procurare ai nipoti, ma dal fatto che essi criticavano il Cammino. E chi critica il Cammino, per i camminanti, "vada per la sua strada", che significa troncare tutti i rapporti.
    Come chi dice che ha perdonato il nemico, perché per lui è come fosse morto.

    I camminanti dicono a chi non è d’accordo: “Ognuno vada per la sua strada!”.
    Ma loro quando entrano in una parrocchia e la colonizzano, non permettono a nessuno di andare per la sua strada, perché le strade le sbarrano tutte per "convincere" i parrocchiani a entrare nel Cammino così come il green pass convince che il vaccino è indispensabile, o a fuggire in un’altra parrocchia.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.