venerdì 14 gennaio 2022

Sfarfallaciamenti logici del Cammino Neocatecumenale

Ci scrive FungKu:



Esimio Blog, 
come già Vi accennavo tempo fa, io e Fallacio Asino Vinicio eravamo a scuola insieme e siedevamo all'ultimo banco. Gli alunni di oggi riconoscono il nostro vecchio banco dai bassorilievi fenici che abbiamo scavato col coltellino svizzero in anni di spiegazioni di chimica analitica e applicata. 

Poi FAV è diventato neocatecumenale anche se io gli avevo detto in tutte le lingue che conosciamo (che sarebbero: l'italiano e l'inglese delle canzoni dei Metallica) per carità di non andarci. Però ora non è che lo rinnego! È sempre il mio vecchio compagno di banco. 

A Vinicio lo stimo, anche se è molto diverso da me (ed è diverso anche da SDT che non sa di non sapere, mentre io e Vinicio sappiamo di non sapere ma, al contrario di Socrate, ci va bene così senza troppe tragedie o filosofie greche, in questo siamo uguali). Ma dicevo delle differenze con FAV: mentre io vado dietro a decine di falsi profeti, FAV ne ha scelto uno solo, che è Kiko, e gli è fedele sempre, nella buona come nella cattiva sorte. Quando sguazzo in rivoli di concetti e non mi ricordo manco se mi sono ripetuto o se mi sono contraddetto, FAV resta fedele alla linea, senza deragliare, come un vero asino serio. Dove io le penso tutte, tanto che per poco non colo a picco nel rumore dei miei pensieri, lui resiste imperterrito e ne pensa due o tre (al massimo quattro di domenica quando, essendo neocatecumenale, ha più tempo libero).

Dopo la scuola Vinicio si è specializzato in fallacie logiche, conseguendo il titolo di Fallacio che ha il diritto legale di anteporre al nome, da cui FAV. (Asino invece se lo scrive da sé, non venite a rompere). Adesso usa le sue arti per difendere il Cammino Neocatecumenale. Io invece vorrei che lasciasse quella setta, perché non è un cattivo ragazzo. 

Allora mi è venuto in mente di scrivere un post sulle fallacie logiche (o sofismi) del Cammino perché quando ascolto i neocatecumenali mi si intrecciano i fili nel cervello. Mi pare sempre di aver capito vagamente di cosa parlano ma non saprei spiegarlo a qualcun altro. Se poi chiedo spiegazioni ai catechisti, quelli mi rispondono solo con "vieni e vedi!!" oppure "le catechesi ce le ispira lo Spirito Santo!!". 

I catechisti ti promettono che porterai nientemeno che Nostro Signore e invece va a finire che ti caricano di cose loro, pesi che essi non sfiorano neppure con un dito! E come ci sono riusciti? Ma con le fallacie logiche! Delle frasi che passando dalle orecchie vanno ad agire sul sistema nervoso e ne prendono il controllo. Se proprio le avete ascoltate, scuotete bene bene la testa dopo l'assunzione, per mitigarne gli effetti e segnalare il dissenso. (Tenendovi a distanza perché il catechista in questi casi esplode)
Il mio componimento originario però era venuto di mezza riga e avrei anche potuto scriverlo semplicemente sul muro delle salette con lo spray, come quella volta che c'erano le catechesi iniziali del Cammino e una sera hanno trovato scritto "Non ascoltate i neocatecumenali! Vi raccontano una marea di ca***!!!" e poi si è arrabbiato il parroco e me lo ha fatto pulire

Siccome però volevo scrivere un post vero, ho chiesto aiuto ad un mio amico che di logica ne sa più di me (vabbè, non ci vuole molto) e che mi ha fatto in parte il compito. Ho copiato da lui eh, adesso non pensate che un post su un argomento che non so me lo ispira lo Spirito Santo!



Innanzitutto, di cosa stiamo parlando. Incollo dal Grande Libro Illustrato del Pensiero Critico: 

"Con sofisma si fa riferimento ad un'argomentazione capziosa e fallace, apparentemente valida ma fondata in realtà su errori logici formali o ambiguità linguistiche determinate dall'atteggiamento eristico e dall'intento volutamente ingannevole. Si differenzierebbe dal paralogismo, in cui l'errore sarebbe inconsapevole.

Cioè, questo sofisma (o fallacia logica) è un argomento invalido travestito da argomento valido e contrabbandato nel discorso per ingannare chi ascolta. Oppure solo copiato ed incollato senza voler ingannare, ma da qui si capisce quanto sia importante scegliere bene da chi copiare. 

Se leggete i mamotreti o parlate con i neocatecumenali incontrerete tutti i sofismi che volete e anche molti di quelli che non volete. Nel blog se n'è parlato molto incisivamente, leggete pure ai link: Le fallacie logiche del camminante medio // Il cammino neocatecumenale spiegato con le sue frasi “CHIAVE” // Brevi nozioni di logica // Parlantina neocatecumenale: analizziamo un esempio // Il manuale del Perfetto Neocatecumenale // Nomina sunt consequentia rerum... solo per fare qualche esempio.

Cambiano solo una lettera, ti pare familiare e invece...
è un prodotto contraffatto come una dottrina di Carmen!

Tra le varie tecniche si annoverano: 

Gli equivoci, i salti di soggetto, i salti di contesto, la negazione implicita delle premesse, l'inserimento clandestino della tesi nell'ipotesi, il cambiamento del significato di una parola nel corso di una stessa frase, gli ipsedixit, gli ipse non-dixit, gli ipse voleva dire, la reductio ad quel-che-gli-parem, l'exageratio ad-quel-che-gli-parem, l'appello all'emozione accantonando ogni ragionamento, rispondere non alle domande che sono state poste ma ad altre per sviare il discorso, distorcere le obiezioni degli altri, creare dei falsi problemi a cui proporre false soluzioni, confondere alcuni dettagli col tutto e il tutto con alcuni dettagli (altri), le implicazioni illecite dal generale al particolare e dal particolare al generale, la presunzione di debito ideologico, vietare le domande, giustificare il divieto di domanda, ... chi più ne ha più ne metta! Se ne avete altre, le aggiungiamo alla lista.

I sofisti ti ipnotizzano e ti fanno pensare nel modo che vogliono loro, anche se non ha senso e se non ci sono le basi e sbarrando l'accesso ad alcune strade del pensiero come quelle che dalle conseguenze risalgono alle cause. Fanno anche finta di stare dimostrando cose che invece hanno già dato per scontate all'inizio della dimostrazione (sofisma detto del "grazie al cavolo") e, quando ti mettono in testa una cosa, ti ci infilano pure il suo contrario, a volte dopo ma a volte contemporaneamente!

Per dirla con parole proprie: se al posto che di logica si trattasse di violazioni del codice stradale avremmo il ritiro della patente con sequestro del veicolo. Invece, mettersi nella testa della gente ed azionare la centrifuga è lecito e va bene. Alla fin fine gli interessa che tu pensi quello che vogliono loro quando vogliono loro e che gli obbedisci. Oppure, se resisti all'ipnosi, che almeno li lasci in pace a fare le cose sbagliate che vogliono fare, dandogli pure ragione senza correggerli. 

Un esempio di fregatura ideologica, preso dai mamotreti, che me lo ha spiegato la redazione del blog

CONTRORDINE COMPAGNI!

Cambiare le regole in corso d'opera è una tecnica molto usata nel Cammino. Vai a giocare a calcetto con loro! I catechisti creano e polverizzano le aspettative dei fratelli, cioè, li ammorbidiscono e li stressano secondo il piano quinquennale, anzi cinquantennale, neocatecumenale. Ci impiegano anni a rivoltare le frittate, perché sperano che andando lentamente passeranno inosservati, e contano sul fatto che in Cammino è vietato capire.

Illustrazione di Giovannino Guareschi (1908-1968)
Quel che gli dan da credere, loro lo credono e lo obbediscono!
Compreso il suo contrario. Anzi, soprattutto il suo contrario!

Alle catechesi iniziali, per attirarti, ti fanno il love-bombing e ti raccontano che il cristianesimo non è sofferenza, come invece credevano i "cattivissimi medievali", perché Gesù Cristo è venuto a soffrire al posto tuo (pag. 222). Fanno pure una gran confusione tra vita terrena e ultraterrena, tra sofferenza terrena, inferno e purgatorio (che neppure nominano). Dice Kiko:
"Perché il cristianesimo non è una tortura. Gesù non è venuto a torturare nessuno, non è venuto per dire: sacrificatevi peccatori, soffrite e sopportate come io ho sofferto. Che nessuno dica cose simili. Gesù Cristo è venuto a soffrire perché tu non soffra, è venuto a morire perché tu non muoia: Lui sì che muore, tu no; in modo che ti si regala gratuitamente la vita, a te e all'ultimo disgraziato della terra, al più peccatore, al più vizioso, all'assassino, a chiunque sia si regala una vita eterna che non finisce mai."
Poi arrivi al II passaggio e... sorpresa! Dopo anni di assuefazione ti svelano che l'allenamento è finito e che ormai sei diverso da prima. Anche se ti senti uguale, devi pensare di te stesso quello che ti dicono loro (pag. 108):
"Ma adesso, fratello, tu sei illuminato, ed anche se tu vuoi dimenticare, tornare a quella specie di infantilismo, non potrai. "
Quindi al II passaggio, da che non dovevi soffrire per niente, sei diventato una pecora al macello (a pag. 82, ma inneggiano all'auto-massacro anche in altre pagine). E cominciano a chiederti pure tutti i soldi, oltre al tempo, non è più vero che è "tuttogratis!": 
"Noi siamo chiamati ad essere agnelli tutti i giorni, a questo sacerdozio, ad essere tutti i giorni come pecore al macello. S. Paolo dirà che tutti i giorni siamo pecore al macello per causa di Cristo, portando sempre nel nostro corpo la forma di morire di Gesù, perché si veda nel nostro corpo che Gesù vive e che quando in noi attua la morte, in voi attua la vita."
Sempre alla fine del II passaggio, a pag. 189, durante lo scrutinio di un presbitero pare che abbiano cambiato di nuovo idea. Dice Kiko al presbitero, bestemmiando:
"Hai detto che ti darebbe molta gioia il poter soffrire come Cristo, essere povero come Cristo. Tutte cose masochiste di Cristo".
Voi li capite?! Io capisco che deve essere massacrato chi dicono loro e quando lo dicono loro: i fratelli comuni sono massacrati a partire dal II scrutinio, Kiko e amici, invece, mai. Kiko esplode di stizza per essere stato contraddetto dal presbitero e si vendica insegnandogli il mestiere. Gli dà pure del masochista per voler imitare Gesù Cristo, svelando a cielo aperto il suo istinto di sopraffazione, oltre che il suo ateismo di fatto. Questi sono una truffa a tutti i livelli! 



Ci sarebbero molti altri esempi ma tra poco devo andare a calcetto e mi ci vorrebbe tutto il campionato per scriverli, quindi per oggi basta così. Ma avete visto come fanno? I catechisti vi mettono in testa delle idee tutte arruffate e spiegazzate, in modo che crediate persino che ve le siete inventate da soli, e voi pure le ripetete! E, peggio di tutto: quando venite a benedire le case me le ripetete a me! Ma leggete Topolino, invece che ascoltare i mamotreti! Io faccio così e mi trovo benissimo.

PS: se mi pubblicate, per favore lasciatemi anche salutare FAV e la nostra Prof. di italiano, ex-neocatecumenale, che ci ha sempre incoraggiato a scrivere, durante gli otto anni delle superiori, persino regalandoci un dizionario illustrato a testa, con la divisione in sillabe e gli accenti. Un dizionario è una specie di indice analitico di tutte le parole possibili. Grazie a questo elenco, ora siamo scrittori tutti e due.

I bei tempi di quando FAV rideva alle barzellette che gli raccontavo su Kiko e Carmen
Grazie per l'attenzione e arrivederci,
Cordialità,
Adepto FungKu, neocatecumenale alla tappa della Sgangherazzio (cioè prima delle catechesi iniziali)

85 commenti:

  1. [Traduzione automatica spagnolo-italiano, scusa per gli errori]

    Una delle cose che ha catturato con forza la mia attenzione, per quanto riguarda i contro-ordini, è la seguente:

    Nella fase di reditio l'enfasi è sul non avere nemici, nella fase del Padre Nostro l'enfasi è sull'avere nemici.

    Devi avere nemici o no?

    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A seconda di cosa si inventano! Sperano che la gente non se ne accorga. Chi non se ne accorge per davvero, diventa catechista!

      Per questo non bisogna ascoltarli mai. Ma mai!

      Tappi per le orecchie FungKu. Sconti grandi comunità. Anche MDCXXL per somari.

      Elimina
    2. Grazie per il contributo caro A.
      Volevo chiederti: in che senso nella Redditio l'accento è posto sul non avere nemici? Forse perché si pretende che il candidato vada a chiedere scusa a tutti, pure a coloro che, a torto, l'hanno maltrattato e umiliato?

      Elimina
    3. Valentina, la sensazione che ho ricevuto in quel momento, è semplicemente che un cristiano da quel momento in poi è una specie di personaggio pubblico e non può avere nemici. Non lo ricordo più molto bene perché sono passati anni, ma suppongo che una conseguenza di quanto sopra sia che se hai dei nemici chiedi loro scusa prima di fare la Redditio.

      In ogni caso, quello che sto cercando di fare è evidenziare la contraddizione, piuttosto che entrare in ciascuna delle idee che dico.

      A.

      Elimina
    4. Concordo con A. A quanto ricordo (probabimente non tutto essendo passati parecchi anni), in una delle tappe (o "chiamate", come venivano pomposamente definite) del Padre Nostro, forse la terza, sostanzialmente veniva detto che dovevamo prendere le distanze dalle persone della nostra famiglia che non vivevano secondo la dottrina della Chiesa cattolica (ad es., non erano battezzati, oppure sposati solo civilmente, oppure conviventi more uxorio, e sim.). Nel mio caso, avrei dovuto tagliare i ponti con circa metà della mia famiglia di origine. Mia moglie, che allora non faceva il Cammino, era sbalordita. Credo che oltre a farti fare nuovi "nemici", l'obiettivo di questa istruzione sia quello di farti allontanare ancora di più e definitivamente dai tuoi legami familiari, di farti rompere del tutto anche quel poco di rapporti con familiari extra-Cammino che ti sono rimasti, e dunque di avvinghiarti definitivamente nelle spire del Cammino, in vista della successiva cosiddetta "elezione".

      Elimina
    5. @Porto
      ti ringrazio davvero per questa testimonianza, ora capisco meglio anche la mia esperienza. Sono uscita volontariamente dal Cammino alla tappa della Traditio e non sapevo di queste "consegne" che avvengono al Padre Nostro, ma ora capisco meglio alcuni atteggiamenti che hanno avuto verso di me i catechisti e alcuni fratelli nei dieci anni che ci ho trascorso, perchè ero l'unica della mia famiglia a fare il Cammino pur avendo una famiglia credente. Il comportamento dei catechisti riguardo questa mia situazione meriterebbe un intero post, ma io preferisco pregare per loro invece che infierire (uno di loro è morto da poco e anzi vi chiedo di pregare per la sua anima). Mi pento però di non aver aperto gli occhi prima e di averli sempre giustificati anche andando contro la mia famiglia, avrei dovuto fare il contrario, ma allo stesso tempo sono sollevata di esserne uscita prima che mi venisse ordinato di allontanarmi dai miei parenti alla tappa del Padre Nostro. Mi sconvolge però che non si rendano conto che questo comportamento è l'opposto dell'amore fraterno e dell'evangelizzazione che predicano tanto; prima ci dicono "guai a me se non evangelizzo" per mandarci nella case, cantano "come è bello stare con i fratelli" (ovviamente i fratelli di comunità), ma poi ti invitano a disprezzare i familiari non credenti. Gesù passava molto tempo con i peccatori proprio per convertirli, nel Cammino si dice che devi starne lontano, anche un bambino del catechismo si accorgerebbe della differenza. L'allontanamento dalla famiglia d'origine è tipico delle sette, succede lo stesso anche tra gli Amish, i TdG e gli scientologists, quando apriranno gli occhi anche i neocat?

      Elimina
  2. Fung Ku è l'unico nel blog che ci mette di ottimo umore. Purtroppo scrive poco.................................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te riesce facile scrivere, esimio Puntini, ma io ce ne vuole.

      FungKu. Penna e calamaio.

      Elimina
  3. Se FungKu conosce davvero FAV, gli potrebbe dire, visto che a noi non ci ascolta, di non scrivere più sul blog? Il motivo l'abbiamo già detto un milione di volte, è inutile ripetersi all'infinito. Soprattutto perchè se FAV è davvero un catechista e c'è 32 anni nel Cammino, dovrebbe sapere che Kiko non gradisce che quelli del Cammino scrivano sul blog et similia, quindi FAV, facendolo, disubbidisce a Kiko e questo è grave per un catechista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo
      scusami ma se il Papa non vieta affatto l'uso di internet e Kiko invece lo vieta in ogni sua forma (tranne per riunirsi su zoom durante il lockdown) perchè non ascoltate il Papa me obbedite a Kiko che è un semplice laico nella gerarchia della Chiesa? Non avete fatto nessun voto di obbedienza ai catechisti nè a Kiko, il voto di obbedienza è solo per i consacrati e il cammino non è un ordine religioso. Poi, mi sembra molto più grave il fatto che quando il Papa vi corregge e vi ordina di modificare alcuni prassi del Cammino (come la liturgia eucaristica) voi non lo ascoltiate, ma vi indignate se una persona sceglie liberamente di scrivere quello che vuole dove vuole. Avrei preferito vedere tutta questa indignazione quando avete continuato a riunirvi anche in tempo di pandemia, con le tristi conseguenze che tutti conosciamo, mentre invece avete creato molti focolai, quando la Chiesa stessa aveva già adottato delle misure di sicurezza

      Elimina
  4. Sofisma è l'acronimo di :

    Solo Ora Fallaci Idee Straordinariamente Mamotretiche Allignano

    RispondiElimina
  5. Sfarfallaciamenti è l'acronimo di :

    Solo Fantastiche Anomalie Ridicole Forzatamente Abnormi Largamente Lesive Autorizzano Catecumeni Indegni A Momotretizzare Eresie Neocatecumenalmente Troppo Ignobili

    RispondiElimina
  6. Florilegium antinomicum kikatekistorum:

    Kikatekesi iniziali, sera, voce amabile: "nessuno vi chiederà mai nulla";
    1^ tappa del Padre Nostro, notte fonda, urlando: "Voi ci dovete obbedienza assoluta!!!!"

    Kikatekesi iniziali, sera, voce sommessa: "Gratuitamente abbiamo ricevuto, gratuitamente vi diamo";
    2° scrutinio, notte, voce carica di minacce: "D'ora in poi verserete ogni mese la decima su tutti i vostri redditi. Se fate già beneficenza, prima viene la decima e poi il resto, non c'è alternativa".

    Il signor Francesco Giuseppe Arguello Q.H.C. (Quadrupede Honoris Causa) quando compose (si fa per dire) il canto di Pentecoste: "...che io mi ricordi fra loro, non c'era neppure un dottore..."
    Il signor Francesco Giuseppe Arguello Q.H.C. (Quadrupede Honoris Causa) oggi: "Tutti devono ammirare il filmato in cui mi viene assegnata la quarta laurea honoris causa!"

    Kikatekesi iniziali, sera, voce amabile: "Siete piccoli, per questo vi consegneremo il Rosario fra 12 anni all'apposito passaggio, perché ora non sareste in grado e cadreste nella religiosità naturale"

    All'avvio della nuova comunità, istruzioni per l'uso: "Nelle preparazioni dovete usare il Dufour", (noto e pesantissimo mattone per specialisti, che secondo loro a differenza del Rosario non suscita religiosità naturale ed è facilmente comprensibile da tutti).

    Vorrei anche riproporre la risposta (chiamiamola così) di FAV nell’altra discussione. È in perfetto stile neocatecumenale, ovvero svicola e non dice nulla. Vi riporto domanda e replica di FAV:

    @ FAV che parla di profezie.
    A proposito di profezie riguardanti Chiesa o Cammino e Camminanti. Te ne propongo una con inequivocabile riferimento.
    Il signor Francesco Giuseppe Arguello Q.H.C. (Quadrupede Honoris Causa) al pari di grandi santi quali il Curato d'Ars e Padre Pio, ha pubblicamente profetizzato la propria morte. Te lo ricordi quando annunciò Urbi et orbi che sarebbe morto dopo aver convertito il centesimo musulmano?
    Ad oggi il conto dei convertiti è rimasto a zero, ma tant'è, questo non è rilevante. E' molto impegnato e non ha ancora trovato il tempo per iniziare.
    Trattasi di autentica profezia, oppure dobbiamo aggiungerla alla lunghissima serie parolaia del tipo "Io sono il nuovo Giovanni in mezzo a voi, io parlo sempre per ispirazione" eccetera, eccetera, eccetera?
    Saresti così gentile, egregio FAV, di darci la tua opinione? Tu che sei uno strenuo difensore del Cammino, che ne pensi? Faceva meglio a star zitto? O è davvero un profeta che camperà mille anni in attesa di cominciare a convertire i cento?
    Se gli credi, dacci ragione della tua fede nel Fondatore.
    Se non gli credi, come puoi restare al seguito di un ciarlatano?
    Dì fatti concreti.
    Grazie.
    Ed ecco la precisa, chiarissima risposta:
    @apostata, in parrocchia da me, attraverso il Cammino si sono battezzati 2 mussulmani. Nel resto del mondo non lo so ma statisticamente 100 mussulmani convertiti non mi sembra un numero impossibile.
    Fallacio Asino Vinicio

    In altre parole, ti chiedo se credi, e perché, al signor Francesco Giuseppe Arguello Q.H.C. (Quadrupede Honoris Causa) quando profetizza su sé stesso, e tu parli del resto del mondo. Molto logico, da kikatekista direi.
    Ma dimmi, ci fai o ci sei (neocat, ovvio)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora con questo Quadrupede Honoris Causa? Altra versione dell'asino ragliante di by Tripudio, per caso?

      Elimina
    2. Piccolo appunto.
      Un terrorista mussulmano, vado a memoria, si fece battezzare, dopo l'hanno fermato in relazione ad un attentato terroristico.
      I mussulmani possono dissimulare, e questo viene autorizzato da Allah.
      È solo un mettere in evidenza una cosa.
      CDD.

      Elimina
  7. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più onorifico

    A fine mese inizieranno le votazioni per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Mattarella, che legge l'Osservatore Romano tutti i giorni, ha letto che il Papa ha insignito Kiko del titolo di Cavaliere dell'Ordine Supremo di Cristo, il più importante titolo vaticano. Per non fare una figura barbina nei confronti del Papa, Mattarella ha deciso, come ultimo atto ufficiale del suo mandato, di confertre a Kiko il titolo di Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone, il massimo titolo della Repubblica Italiana, che avverrà in Quirinale a giorni. In realtà, Carmen è apparsa in sogno a Mattarella, dietro supplica di Kiko, per convincerlo a dargli un cotale titolo. Kiko ha avvisato Semeraro che ha avvisato il Papa che ha detto : "hermano cardenal, se Mattarella e io diamo i nostri titoli a Kiko per i suoi altissimi meriti in campo ecclesiale e civile, es claro que Carmensita ci ha visto giusto, quindi es una sancta, perche una sancta non fa errori. Quindi procedamos con la causa de beatificasion". Semeraro ha avvisato Kiko , che ha ringraziato il Santo Padre inviandogli un pacco con un libro del famoso gesuita spagnolo Juan De La Vega, docente di miracolistica all'Università di Salamanca, dal titolo : "Storia delle onorificenze civili e religiose date ai laici su intercessioni di certi santi".

    e la causa ontinua....................

    RispondiElimina
  8. Miracoli di carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più esorcistico

    Nel 2014 Carmen andò a visitare uno zio che abitava a Saragozza con moglie e un figlio di 40 anni. Durante la visita il ragazzo si rotolò per terra, emettendo bava dalla bocca e grida sconnesse. Il padre disse a Carmen che il ragazzo era epilettico ed era in cura da un famoso luminare dell'Università di Madrid. Carmen però disse che la diagnosi era sbagliata, in realtà il ragazzo era indemoniato e lo dimostrò puntando un dito sul ragazzo e dicendogli "Satana, lascia costui immantinente". Il ragazzo spalancò la bocca emettendo un grande grido, che fu udito fino in Corsica, e dalla bocca usci un essere nero con le corna e il tridente che, prima di volare dalla finestra, fece il gesto dell'ombrello a Carmen in segno di somma sfida. Carmen rimase imperturbabile, poi il ragazzo si calmò, e venne rivisitato dal luminare che constatò la perfetta, totale e definitiva guarigione. Il luminare avvisò il vescovo che avvisoòSemeraro che avvisò il Papa che disse : "hermano cardenal, ci vorrebbe anche in Vaticano un'esorcista come Carmensita, cosi toglierebbe el diablo dal card. Becciu, che finalmente restituirebbe los dineros della compravendita del palazzo di Londra. Que aspettamos? Via con la causa del beatificasion". Semeraro avvisò Kiko, che ringraziò il Santo Padre spedendogli un DVD de "l'Esorcista" in edizione aggiornata , dove il personaggio del prete aveva la faccia di Carmen e il diavolo aveva la faccia del card. Becciu.

    e la causa continua...............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mai comprerò una Kikona, sarà quella col demoniaccio nero brutto che fa il gesto dell'ombrello alla Carmen! Giuro.

      Estimatore D'Arte FungKu. Rivalutiamo Autori Finora Incompresi Dietro Cospicua Mazzetta.

      Elimina
  9. @apostata, dite sempre che il cammino è kiko ora non è più valido? Se dico che attraverso il Cammino, solo nella mia parrocchia si sono battezzati 2 musulmani e che quindi il numero di 100 musulmani non è così impossibile considerando tutte le comunità nel mondo, cos'è che non ti è chiaro?
    Poi volevo dire al mio compagno e collega @fungku, (lui però non è un vero Asino...), che se in un post dove pensi di denunciare le fallacie logiche nel cammino (il che mi fa pensare che non hai capito bene cos'è una fallacia logica), mi scrivi: "Io invece vorrei che lasciasse quella setta, perché non è un cattivo ragazzo.", capisci che faccio un salto sulla sedia? Nella frase che hai scritto dai per certo che il cammino è una setta, mentre la Chiesa sostiene che esso sia un dono dello Spirito Santo. Quindi se la Chiesa che è la massima autorità per dire se una esperienza religiosa è una setta o no, dice che il cammino è un dono dello Spirito Santo e tu scrivi per certo, come se fosse assodato e verificato il contrario, quella è una fallacia logica, cioè un "inganno lessicale", volto a trarre in inganno i più sprovveduti. Cosa diversa sarebbe dire: io invece vorrei che lasciasse il cammino che secondo me è una setta. Grazie a Dio, come vi ho già detto altre volte, sono proprio pochi a cadere in questi tranelli, le catechesi stanno cominciando nuovamente a riempirsi e molti ritornano in comunità dopo un periodo fuori.
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chiesa sostiene che esso sia un dono dello Spirito Santo."
      La Chiesa vi ha dato uno Statuto. Siete un dono dello SPirito Santo se rispettate lo Statuto e tutto quello che la Chiesa vi ha detto in questi anni. Non lo siete automaticamente. Nessuno lo è. E voi non fate eccezione. In questo siete uguali ai poveri cristianucci della domenica. So che questa cosa ti urta, ma è così.
      Siccome siete i primi a mettere i vostri Statuti sotto i piedi in nome della "tradizione" del cammino (quella della Chiesa è religiosità naturale..la vostra no. Bel ragionamento) e siccome siete i primi a non essere sinceri riguardo a chi siete e cosa siete perchè "altrimenti la gente non rimane", automaticamente vi squalificate da soli.

      "Grazie a Dio, come vi ho già detto altre volte, sono proprio pochi a cadere in questi tranelli, le catechesi stanno cominciando nuovamente a riempirsi e molti ritornano in comunità dopo un periodo fuori."
      E quindi di cosa ti preoccupi? (a proposito alle catechesi lo dite che siete del cammino o imbrogliate come al solito)?

      Elimina
    2. Fallacio, non fare l'Asino. Ti ho chiesto tutt'altro e tu da bravo somaro ragli a vanvera.

      Te lo ripeto. Il signor Francesco Giuseppe Arguello Q.H.C. (Quadrupede Honoris Causa)ha profetizzato espressamente di sé stesso e non genericamente di conversioni del Cammino.

      Ha detto in modo inequivocabile che lui sarebbe morto solo dopo aver convertito (lui) cento musulmani.

      Ti ripeto per la terza volta la domanda:
      Se gli credi, dacci ragione della tua fede nel Fondatore.
      Se non gli credi, come puoi restare al seguito di un ciarlatano?

      Che cosa non ti è chiaro?

      Rispondi, se ne hai il coraggio.

      Elimina
    3. Ricordo ancora quando confrontai il catechista di zona sulla decima.
      Gli dissi di insegnarmi dove sugli statuti si parlasse di decima.

      Nemmeno lui mi seppe rispondere a questo, quindi gli dissi che la Chiesa Madre non ha assolutamente approvato la decima negli statuti in quanto e' inesistente.

      Poi lui comincio con le sue logiche, "gli equivoci, i salti di soggetto, i salti di contesto, la negazione implicita delle premesse, l'inserimento clandestino della tesi nell'ipotesi, il cambiamento del significato di una parola nel corso di una stessa frase, gli ipsedixit" e cosi via...

      Quindi come dice Apostata, il cammino e' dello Spirito Santo se rispettano gli statuti, ma visto che non li rispettano ed invece operano nell'ombra della chiesa sembra piu un opera del demonio.

      Elimina
    4. l'apostata14 gennaio 2022 14:08
      Non ti risponderà mai, sono una banda di ipocriti, hanno la mente rotta dall'ipocrisia, si nasconderanno a vita.
      Ma questo non deve essere un nostro problema, scrivo questo per tutti i lettori e per chi ha avuto a che fare con questi profetoni.
      Il punto è che la verità è davanti a tutti noi, e li abbiamo visti e conosciuti e capiti.
      Possono sparare ciò che gli pare e piace, la realtà non riusciranno mai a modificarla. Infatti l'EMPIO fa leva sulle sue parole.
      E ora vi do un'altra traccia, dal momento che il soggetto fa il presuntuoso. Premetto che potrei sbagliare, per cui sono apertissimo a correzioni.
      Questa:
      In tempo di pandemia è rimasta in piedi, diciamo così, una sola forma per comunicarsi, l'OSTIA.
      Solo L'Ostia è rimasta in piedi, cercate di capire il senso.
      E per cui:

      24 Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. 26 Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande».
      Qualcuno potrebbe dire: ma sull'Isola di Tonga hanno continuato nel fare quella cosa e quell'altra. Le cose secondarie non contano, conta la sostanza.
      E quello che ci deve far ulteriormente riflettere è che vanno ancora sparlando di cristianucci della domenica e altro.
      Non c'è fine alla presunzione.
      Diceva un notissimo fisico: “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.

      CDD.

      Elimina
    5. Vinicio! Ma come io non sarei un somaro! Mi spezzi il cuoricione asinino.

      Ma se tu stesso dici che parlo di cose di cui non capisco un'acca: vedi che sono un asino! Non mi espellere dalla nostra specie/genere/famiglia/phylum/quel che è, (ci siamo capiti, per i dettagli chiedete a Linneo). Come direbbe il filosofo sillogistico Puntini: "ci sono le foto, quindi........................................"

      E poi la Chiesa siamo noi, cioè anche io. E quindi col potere della Chiesa dichiaro che, tra le varie sette che frequento fuori dalla Chiesa, anche il Cammino è una setta. Son tutte uguali! (A parte i canti). Non è mica dogma di fede che il Cammino non sia una setta. A meno che non l'abbiano aggiunto di recente al Credo, ma mi pare di no. Domenica controllo, eh.

      Un'ultima domanda: se il Cammino è un dono dello Spirito Santo, perché bisogna pagare così tanto? Allora è un dono a chi?

      Domande FungKu, sempre in esubero rispetto alle risposte.

      Elimina
  10. @apostata, ennesima fallacia, stavolta "ad hominem". Comunque, lo avete sempre detto: Tutte le catechesi che si fanno nel cammino sono quelle di kiko (catechisti pappagalli bla bla bla ecc...), quindi chi attraverso il Cammino (attraverso, cioè "per tramite", perché a convertire è il Signore...) si converte perché lo fa? Grazie a voi che state dietro una tastiera o grazie a chi annuncia il kerigma? Non lo sappiamo se quei due musulmani si sarebbero battezzati lo stesso, può darsi di sì, ma è molto probabile di no, cioè molto probabilmente se non avessero conosciuto il cammino (che ha iniziato kiko...) non si sarebbero mai battezzati. A te la proprietà transitiva...
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quell'asino di Fallacio.
      Inutile, come chiedo a un neocat una risposta diretta non la ottengo mai. Solo all'idea di dire quello che pensate ve la fate sotto. Penosi.
      Cambia nome, da FAV a FCV: Fallacio Coniglio Vinicio

      Elimina
    2. Che strano..per anni e anni Kiko ha giurato e spergiurato che i mamotreti scritti non esistevano ed i catechisti erano TUTTi ispirati dallo Spirito Santo a dire le stesse cose... Ma una volta nella sua vita quest'uomo ha mai detto qualcosa di vero?
      Cmq sia caro Fallacio, il battesimo che hanno ricevuto grazie a DIo serve anche a salvaguardarli dalle fregnacce di Kiko. Perchè le sue catechesi non si riferiscono al Dio di Gesù Cristo, ma al Dio di Kiko Arguello il quale lo utilizza per giustificare ogni sua minima mancanza.
      Daniel Lifschitz lo aveva capito e infatti è stato cacciato con tanto di damnatio memoriae in saecula saeculorum (un pò come Don Fabio Rosini)

      Elimina
    3. Solo leggere quel nome, Daniel Lifschitz, ci fa venire l'orticaria come Lista, Ariel, p. Pio.........
      .


      Elimina
    4. Il commentatore delle 19:32 a quanto pare ha urgente bisogno di un'esorcista.

      Elimina
    5. Oppure di un semplice antistaminico...

      Elimina
    6. Riconfermiamo al 100 % il commento delle ore 19:32.....................................................

      Elimina
    7. E quindi riconfermiamo la necessità di un esorcista, oppure di un semplice antistaminico...

      Elimina
  11. Bene FAV ,vogliamo parlare delle vostre catechesi iniziali?

    Vi palesate alla gente o continuate a recitare la parte della catechesi per adulti di approfondimento parrocchiale?

    Il CN delle catechesi iniziali, fa breccia nelle persone proprio con alcune frasette ad effetto, di cui una molto efficace è " Dio ti salva senza sforzo da parte tua".

    Oppure con l'altra frasetta tipica ,ripetuta all'infinito e denominata come sacro kerigma kikiano : "Dio ti ama così come sei".

    O ancora meglio :" Noi siamo qui per liberarti dalla schiavitù del peccato,dai tuoi idolo e dai tuoi " faraoni" che ti tengono schiavo e ti impediscono di amare e di essere amato da Dio."

    Praticamente si afferma senza mezze misure e senza battito di ciglia del sacerdote presente alle catechesi, che impegnarsi per cercare la salvezza è mera religiosità naturale, che il vero cristiano non DEVE fare sforzi , perche alla tua salvezza pensa il Signore.

    Gesù Cristo si è già sacrificato per te e per i tuoi peccati,non serve altro a salvarti, basta entrare nel CN, che gratuitamente e senza inutili sforzi umani, ti porta alla salvezza, alla vita eterna e fa ancora di piu, ti porta alla felicità terrena qui ,ora e subito.

    Questo viene affermato tranquillamente alle catechesi iniziali del CN.

    È questo viene pienamente contraddetto,poco per volta, dopo qualche anno.

    Finisce il gratuitamente, finisce il "non DEVI fare sforzi", finisce l'essere felici in terra qui e subito.

    Dopo il secondo passaggio si diventa automaticamente seguaci di quel "nuovo Pelagio" chiamato Kiko Arguelo.

    Ed allora gli sforzi diventano indispensabili per la salvezza, bisogna adeguarsi a remare tutti insieme verso la salvezza a grappoli della comunità neocatecumenale.

    Quindi, avanti con le rinunce in favore della setta: tempo, denaro,rispetto puntuale delle consegne ricevute , esaltazione e frequentazione sempre più stretta e puntuale della nuova famiglia allargata neocatecumenale, disprezzo e biasimo di chi non abbraccia la nuova fede neocatecumenale, isolamento degli ex ingannati e pericolosi ingannatori , chiusura mentale a tutti gli argomenti contrari alla nuova dottrina neocatecumenale.

    Ad un certo punto fare il CN diventa una chiamata personale alla salvezza , una sorta di "predestinazione alla salvezza, decisa da Dio alla tua nascita, perché Lui sapeva che tu saresti diventato neocatecumenale.
    Quindi uscire dal recinto neocatecumenale vuol dire rinunciare alla salvezza ,alla vita eterna, alla stessa appartenenza al popolo di Dio e magari togliere la possibilità della salvezza ai tuoi fratelli di comunità che tramite te, ( concetto di salvezza a grappoli) , magari si sarebbero salvati.

    "La stoltezza della predicazione " intesa come la intende Gesù nel parlare fuori dagli schemi del mondo, ,diventa la stoltezza dei predicatori e la stoltezza di quelle falsità che ripetono a pappagallo, chiusi negli angusti schemini imposti da Kiko Arguelo.

    Ad un certo punto non è consigliabile mostrarsi felice quando vai agli incontri neocatecumenali.
    Si rischia di essere considerati ingannati dal demonio.
    Particolarmente nei giri di esperienza e particolarmente quando sono presenti i catechisti neocatecumenali.
    Nel CN tutto quello che succede di negativo è imputato all'opera del demonio che brama a togliere la fede al neocatecumenale perché è geloso del CN, ma anche l'essere felici oggi in terra qui e subito è pericoloso perché toglie potere al CN, lo rende inutile per guadagnare appunto quella felicità terrena promessa alle catechesi iniziali, felicità terrena che si allontana anno dopo anno perché é sempre piu legata alla fine del CN.
    Quindi,per essere un buon neocatecumenale, bisogna sempre e dico sempre ,diffidare della tristezza ma anche della felicità terrena, perché potrebbero entrambi essere armi del demonio, per distogliere il fedele, dal suo santo ed infinito percorso neocatecumenale.

    Continua......

    RispondiElimina
  12. Continua......

    Quindi ,anche l'ultima promessa neocatecumenale della felicità qui e subito, fatta alle catechesi iniziali del CN, viene contraddetta dopo qualche anno di cammino.

    Allora ,dopo diversi anni di frequentazione neocatecumenale cosa resta delle promesse fatte dai catechisti neocatecumenali alle catechesi iniziali del CN?

    Ben poco, tanta speranza delusa,promesse non mantenute, un po' di socialità, chiusura mentale e sociale verso tutto ciò che è "diversamente neocatecumenale" e tanto fango sparato gratuitamente sulla Chiesa di Gesù Cristo.

    Spesso mi chiedo come è possibile che nessuno si rende conto di essere stato preso in giro?

    Come é possibile accettare tutte queste falsità, senza farsi mai domande od avere mai dubbi?

    Come si fa a togliere la consapevolezza della realtà a queste persone?

    Come si riesce a tenere saldamente legata ad un ideale così nebuloso e falso ,la vita spirituale e sociale di 600.000 anime ?


    Come si fa a dormire la notte dopo avere propinato pericolose sciocchezze ad interi gruppi familiari.

    Sensi di colpa , paura ,obbedienza, menzogne, ispirazione divina ,il tutto mescolato insieme e propinato oralmente senza nessun testo pubblico e senza alcuna vergogna.

    La realtà del CN andrebbe studiata da sociologi, psicologi e psichiatri perché rappresenta un raro esempio di perfetta organizzazione settaria parassita della Chiesa, con la complicità di parte della gerarchia della stessa Chiesa Cattolica.

    Un controsenso pericoloso che porta i fedeli fuori dalla Chiesa, ingannandoli e levandogli la libertà, ma nello stesso tempo illudendoli di essere migliori della Chiesa, anzi ancora meglio di essere LORO la VERA Chiesa.

    LUCA

    RispondiElimina
  13. Breve testimonianza già pubblicata nell'articolo «fantozziane disavventure dei fratelli del Cammino»:

    Martedì 26 ho incontrato uno dei partecipanti alle ultime catechesi del Cammino Neocatecumenale fatte nella mia parrocchia: era appena tornato dalla prima convivenza ed era.....inc@zz@to nero!

    In buona sostanza: loro (i nuovi adepti del Cammino) erano in 18, i "catechisti" NC erano invece... tre coppie con al seguito, rispettivamente, 5+4+2 figli + 1 babysitter. Praticamente altre 18 persone da spesare... solo che loro, i nuovi fratelli che avevano appena iniziato il Cammino Neocatecumenale, non lo sapevano.

    Albergo 4 stelle al mare: è bassa stagione ma costa lo stesso. Fanno dal venerdì alle 14 alla domenica alle 17 tra canti, balli, promesse di salvezza e vita eterna, celebrazione, vendita di oggetti kikiani (sì, pure questo: ed hanno appioppato il libro del "profeta" quasi a tutti) e lauti pranzi e cene.

    Solo che alla fine c'è da pagare e... questo si traduce in soldoni che diventano 280€ a persona!!!

    Qualcuno chiede spiegazioni, visto che il prezzario dell'albergo parlava di 70€ al giorno in pensione completa, e così... viene fuori la solita storia dell'operaio che ha diritto al suo salario!

    Alla fine più di qualcuno è già scappato, un paio ci stanno pensando, ma tutti... hanno già ricevuto il benvenuto. :D
    (da: La verità vi farà liberi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordiamo a tutti che le cosiddette "convivenze" del Cammino non hanno alcun motivo di essere fatte fuori dalla parrocchia.

      I locali della parrocchia possono benissimo accogliere i momenti comunitari (liturgici e formativi); dopotutto, se ci si riuniva in quella parrocchia, significa che è il luogo più vicino e più comodo per tutti, no? Se si usano le "salette" per celebrare la liturkikia, perché quelle stesse salette non possono essere usate per i momenti "formativi" e si va invece in un albergo costoso e lontano?

      Se in parrocchia si riesce perfino a organizzare qualche momento conviviale, perché mai i fratelli del Cammino devono andare in posti lontani e costosi e pagare profumatamente per farsi qualche grande mangiata che non c'entra niente col fatto che (così dice lo Statuto del Cammino) "il Cammino è un insieme di beni spirituali"?

      Tutta la faccendaccia di convivenze-alberghi-ristoranti è letteralmente il sogno del borghesotto affamato che i borghesotti imborghesiti Kiko e Carmen volevano che si realizzasse (per sé e per i propri scagnozzi, altrettanto borghesotti e altrettanto vogliosi di mangiare a gratis, venir serviti e riveriti, in albergo, perbacco!, come si conviene ai ricchi nobili! con camerieri e tutto!).

      Insomma, non c'è nessun motivo spirituale per andare in albergo e ristorante, è una solenne invenzione dei borghesissimi Kiko e Carmen.

      Certo, dei cattolici che vanno in pellegrinaggio a Lourdes o altrove, pensano anche ad albergo e ristorante. Ma è un "appoggio", non è lo scopo del viaggio, è un modo per poter sfruttare il poco tempo utile in modo da partecipare bene alle liturgie e santificarsi, non è un luogo dove andare ad ascoltare l'ennesima predica con l'ennesima richiesta di soldi e a fare la Grande Mangiata.

      Come sempre, i fratelli del Cammino invertono il fine coi mezzi. Un kikos va in pellegrinaggio nei luoghi kikiani-carmeniani (Domus, ecc.) e deve poter dire a sé stesso e ai propri parenti e conoscenti: "e però, perbacco, CHE GRANDE MANGIATA!" (proprio come un imborghesito borghesotto che vuole imitare i nobili ricchi e altolocati).

      Elimina
    2. Come un ragazzo ad una convivenza di riporto un paio di anni fa,
      il suo eco dopo l eucarestia in albergo fu che era sorpreso da tanto lusso dell albergo, tanto cibo , e che per una volta in vita sua aveva mangiato con posate di metallo invece che di plastica come era abituato fare...

      Elimina
    3. Intanto i fedeli che vanno in pellegrinaggio a Lourdes vanno lì perché è lì che sono avvenute le apparizioni della Vergine a Bernadette. Per questo devono alloggiare in alberghi, è un'esigenza.

      Gli alberghi in cui vanno i neocatecumenali, invece, non hanno nulla di attrattivo sul piano spirituale e quindi l'andarci non è un'esigenza ma una scelta precisa.

      A noi dicevano che il motivo era staccarsi da tutto per concentrarsi solo sull'esperienza spirituale, ma era un discorso ingannevole perché ci si può concentrare sulla spiritualità anche in parrocchia. E forse meglio, perché non siamo distratti da cose terrene come mangiate, camere con comfort, frigobar, salottini per le chiacchiere, servizio ai tavoli e camerieri in divisa.

      In effetti il motivo vero è far sentire le persone importanti, servite di tutto punto e comode.
      Il nostro prete, per convincere una coppia di mezz'età a partecipare alla convivenza finale delle catechesi, disse loro che avrebbero vissuto una seconda luna di miele, se fossero andati.
      Quella coppia ha continuato per anni a dire che era vero, avevano vissuto una seconda luna di miele e ciò li convinse a rimanere. Io li conosco: a questi due della fede gliene è sempre fregato poco, ma della vita sociale molto. Tipici neocatecumenali medi che per sentirsi privilegiati hanno obbedito a cose fantascientifiche.
      Se questo c'entra qualcosa con la fede, qualcuno me lo spieghi.

      Elimina
  14. Grazie di cuore, simpaticissimo FungKu. Mi ha fatto un bene dell'anima leggere e rileggere oggi queste parole di Kiko, a esplicitare inconfondibilmente il suo cristallino pensiero contorto e perverso:

    "Perché il cristianesimo non è una tortura. Gesù non è venuto a torturare nessuno, non è venuto per dire: sacrificatevi peccatori, soffrite e sopportate come io ho sofferto. Che nessuno dica cose simili.
    (ECCO, INTANTO MI SOFFERMO QUI, SE KIKO PARLA COSI' A QUALCUNO SI RIFERISCE criticando. OSSIA SI FA PORTAVOCE DI UN PENSIERO DA CUI LUI - IL SOMMO PROFETA - VUOL RIMARCARE LA DISTANZA. UN PENSIERO CHE DISTORCE USANDO TEMINI ESTREMI COME TORTURA: Gesù che tortura! Ma secondo chi? - KIKO VUOLE STIGMATIZZARE tutto quello che attiene ALL'ASPETTO SACRIFICALE CON TUTTO IL SUO DISPREZZO NEANCHE DISSIMULATO)
    Gesù Cristo è venuto a soffrire perché tu non soffra, è venuto a morire perché tu non muoia: Lui sì che muore, tu no; in modo che ti si regala gratuitamente la vita, a te e all'ultimo disgraziato della terra, al più peccatore, al più vizioso, all'assassino, a chiunque sia si regala una vita eterna che non finisce mai."
    (DOVREBBE SPECIFICARE KIKO A QUALE VITA FA MAI RIFERIMENTO. COSA SIA PER LUI LA VITA ETERNA.)

    Qual è mai la conclusione a cui Kiko vuol portare?

    Ti si regala gratuitamente LA VITA: ma che morire, soffrire, sacrificarsi, sopportare?

    Eh già, queste cose Kiko non solo le ha sfuggite sempre: non gli si addicono, non rispecchiano le sue abitudini e il suo temperamento, ma le ha proprio schifate. Lui che si vanta di annunciare il Servo di Javhè! Che orrore!
    A Kiko piace la vita e la bella vita... che sia eterna, per sempre.
    A chi si regala gratuitamente la vita... bella?
    A te
    all'ultimo disgraziato della terra
    al più peccatore
    al più vizioso
    all'assassino
    a chiunque (... e vai... che cuccagna!)

    E gli altri? Tutti gli altri? Che la prendano tutti in saccoccia!

    Certo che Kiko è proprio un fenomeno. Eccoli che si aggira con i suoi compari, con quel fare da itineranti, tutti dinoccolati, incuranti, strafottenti. Guardano un metro sopra la tua testa, se non sei del loro alto rango. Distribuendo qui e là i loro vaticini farneticanti che millantano ispirati.
    Tu qui... tu lì... ti andrà a succedere... tu non hai capito niente... andrai a peccare presto... il Signore deve farti cadere da cavallo. Finalmente sarai obbediente.
    Questo solo importa loro.

    Vita e vita eterna è poter amare, staccarsi da sè e dal proprio tornaconto, donarsi, morire, saper soffrire. Ma questa musica a Kiko non è mai piaciuta.

    Pax

    RispondiElimina
  15. Post che è un capolavoro di satira.
    Una satira che coglie nel segno e che non è cattiva, tanto che Asino Vinicio in fondo ne esce bene. Fa ridere, ma come il malato immaginario della famosa commedia, tanto da sembrare quasi una vittma la cui unica colpa è quella di aver seguito, come un luccio avido, un'esca colorata.

    Nel Cammino, come in qualunque ideologia, si passa dal "vieni e vedi" all'ubbidienza cieca.
    Il Cammino sembra essere mosso, più che dallo zelo della salvezza delle anime, dall'interesse, tanto che usa la stessa tattica di chi mira a un matrimonio di interesse a prescndere dall'amore.
    Prima cerca di fare innamorare, poi presenta il conto.

    Come le ideologie, anche per il Cammino c'è un errore iniziale, un bruscolino che si è messo di traverso e che fa mal funzionare il meccanismo, tolto il quale, la giostra del carillon riprende a girare perfettamenete, con tanto di musica suadente. Così almeno il Cammino si presenta all'inizio.

    Per il Comunismo, bastava dare il potere al popolo e tutto avrebbe funzionato perfettamente, per il liberismo basta lasciare senza regole i mercati (quasi esistessero in natura) e ognuno, spontaneamente, avrebbe secondo il merito e secondo le sue esigenze.
    Per il Cammino è tutta colpa di Costantino. Basta perciò eliminare 1700 anni di storia della Chiesa, di santi e di grandi Concili... e la Chiesa primitiva, ormai rappresentata dal Cammino, torna alla sua originalità.
    Kiko come il nuovo Messia e il Papa come un nuovo Pietro che, però, non ha ancora bene imparato la lezione del messia Kiko, proprio come Pietro nei tre anni di ministero al seguito di Gesù.

    Ma, una volta che si è arrvati e si è veduto, ci si accorge che il carillon in realtà non funziona e che le luci della giostra sono fulminate.
    Ci si accorge che il Cammino è esattamente come il "mondo", e spesso manifesta il lato peggiore del "mondo".
    Ma la tattica è ormai cambiata: tutto fa leva sull'ubbidienza e per di più CIECA.
    Da vieni e vedi a "rimani e non vedere.

    Qualcuno potrebbe obbiettare che anche nelle pèarrocchie spesso non si da un buon esempio.
    Esatto, ma la differenza sta:
    1) le comunità parrocchiali non si presentano come la soluzione per non essere come quelli del Cammino,
    2) le comunità parrocchiali, in genere, non allontanano il cuore delle persone le persone dalla Chiesa e dalla verità con l'insegnamento.
    Non dicono che la Chiesa ha sbagliato per 1700 anni, che l'adorazione è una forma pagana, che la Confessione la puoi fare "se vuoi" perfino in caso di peccato mortale, ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preciso: all'inizio del 4° paragrafo, accostando il Comunismo al CXammino, ho detto che per il Comunismo tutto si rsolveva dando il potere al popolo, cosa giusta se si tratta di potere politico in una società che riconosce alle persone dei diritti inalienabili, ma non ho specificato che tutto s basava sulla lotta di classe.
      Dovevo dire che per il Comunismo con la lotta di classe si risolvono tutti i problemi, così come per il Cammino per risolvere tutti i problemi esistenziali basta seguire il Cammino.

      Elimina
    2. Grazie Pietro per aver sottolineato che non voglio per niente essere cattivo con FAV! Cercavo come fare ma trovo solo i caratteri ciccioni e quelli inclinati. Quelli sottolineati no.

      FungKu. Prima o poi l'istruzione obbligatoria sarà solo un lontano ricordo ed esporranno il nostro vecchio banco bassorilievato nell'ala fenicia del Museo Della Scuola.

      Elimina
  16. @fungku chiede... "Un'ultima domanda: se il Cammino è un dono dello Spirito Santo, perché bisogna pagare così tanto? Allora è un dono a chi?
    Domande FungKu, sempre in esubero rispetto alle risposte."
    @fungku, non si paga nulla, paghi l'albergo (pernottamento e pasti), non vorresti mica andare via senza pagare per il fieno che hai consumato e il riscaldamento della stalla vero? Tutto il resto sono collette libere (quello che voi chiamate sacco nero...) con le quali si sovvenziona l'evangelizzazione, cioè per il fieno dei seminaristi e tutto quello serve per l'evangelizzazione. La decima poi è per i poveri della comunità e della parrocchia e tutto sommato, almeno per me, non è molto pesante visto che c'è stato un periodo della mia vita in cui sono stato io in difficoltà e allora ora che sono nell'abbondanza aiuto volentieri i fratelli che sono in difficoltà. Poi è un aiuto per me, che tutti i mesi posso verificare su chi poggio le mie sicurezze, se sul Signore o le mie forze.
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vinicio, da quando sei un somaro di città forse non ti ricordi la stalla, per il riscaldamento della quale, casomai, sono loro che devono pagare noi! Sei lì che dormi tranquillo e te li ritrovi tutti addosso a scaldarsi. Dobbiamo far valere i nostri diritti.

      Ma volevo dire che se da te l'estorsione non succede, tanto meglio. Ma tutti gli altri? Quelli che si lamentano di essere stati estorti? Sono tanti. Se da te fate come dici, dovresti andare tu al posto di Kiko e Kiko venire a scrivere nel blog. Però se non c'è estorsione (e neanche abusi liturgici e sacramentali) non c'è manco più il blog, non so dove va a scrivere Kiko a quel punto.

      FungKu, penso a cosa fare di Kiko dopo che FAV ha preso il suo posto e torno a dirvelo.

      Elimina
    2. @fallacio
      Come al solito NON SEI SINCERO.
      Il problema non è pagare l'albergo. Il problema è pagare l'albergo UNO SPROPOSITO anche in bassa stagione. (e con i bambini che pagano come gli adulti...ma in quale albergo fanno così??)

      Il problema è far pagare anche a chi, oggettivamente, potrebbe pagare per se. D'altronde non mi risulta che San PAolo si facesse pagare le cene o i viaggi. A me risulta che lavorasse e si pagasse tutto.

      Il problema è che le cose NON LE DITE e mettete le persone DAVANTI AL FATTO COMPIUTO.
      Questo, caro mio, E' DISONESTO dal punto di vista umano e BLASFEMO dal punto di vista cristiano.
      Perchè blasfemo? PErchè usate Dio come scusa per le vostre belle pensate.

      Per una volta dovreste prendere spunto dai cristianucci della domenica sai? Avete mai provato (come di solito sono stata abituata) ad andare in qlc struttura religiosa ed AUTOGESTIRVI I PASTI? Potrebbe essere una bella esperienza. Ti potrei dare qlc dritta...

      Elimina
    3. Il punto è:
      Lo Spirito Santo, che è Dio, non autorizza a sbafare sulle spalle del prossimo.

      E' l'uomo, DECADUTO, che sfrutta il prossimo. L'uomo spirituale, il figlio di Dio, usa la Giustizia, e quindi se ha i soldi paga per se stesso e non sfrutta il fratello. Non mi sembra di aver visto davanti a me dei senzatetto e altro. Avevo davanti a me persone stipendiate e con case, appartamenti, pacchetti di sigarette, ammazza caffè, aperitivi, ben vestiti, e via dicendo.
      Ci chiediamo ( cerco d'interpretare il pensiero di molti che sono stati sfruttati): ma siete veramente poveri?
      Carissimi la verità l'avete vista tutti con i vostri occhi: è davanti a voi tutti.
      Ho visto davanti a me persone con trent'anni di Cammino sulle spalle, eppure...( non sto qui a farvi l'elenco dei peccati notati, vi scandalizzereste).
      Ma il punto vero, che ci deve far tremare, è che vanno dicendo che parlano per opera dello Spirito Santo, cioè attribuiscono i loro peccati a Dio, come opera di Dio. Questo è il punto.
      Vi rammento, giusto per capirci, che a Dio l'hanno messo in Croce credendo di operare in Dio. Ne erano convinti, eppure i fatti, i fatti veri, dimostravano il contrario.
      Ovviamente oggi, ai tempi nostri, nessuno viene messo in croce realmente, ma sotto sotto, in base a quanto possono fare ai giorni nostri, ecco che la situazione è simile.Non mettono in croce nel vero senso del termine, in quanto la crocifissione non è più permessa per legge dallo Stato, ma vi sono molti che vengono crocifissi con altri metodi.
      Giusto per far capire come alcune cose come vengono deformate:
      San Paolo, APOSTOLO, non andava in comodi Hotel ad evangelizzare ( e loro si dicono che sono tornati alle origini, le vere origini), ma faceva l'opposto. Infatti ha scritto su quanto ha passato: digiuni, frustate, lapidazioni ecc, ecc.
      Costoro vanno comodamente in Hotel, mangiano lautamente, e si fanno pagare dal prossimo.
      Poi se vogliamo dire che il letame è un dolce e il dolce è letame, questa è una libertà, libertà di voler stare nella verità e nella menzogna.

      CDD.

      Elimina
    4. @Fallacio
      certo, se fai un ritiro spirituale o un pellegrinaggio è normale che ci siano delle spese pratiche come albergo e altro, ma vengono sempre stabilite e dette in anticipo. Nel Cammino quando si fanno le convivenze il prezzo viene detto alla fine e non si pagano solo le spese personali dell'albergo, ma anche le babysitter (pagate anche da chi non si porta o non ha figli), il conto dei catechisti e quello che tu chiami evangelizzazione in realtà è proselitismo, perchè di fatto i soldi (quando avanzano) vanno alle famiglie in missione e agli itineranti DEL CAMMINO e ai seminari DEL CAMMINO, e non vanno a finanziare, ad esempio, le missioni di un ordine religioso come, non so, i francescani; inoltre non puoi sapere come viene gestita la Decima se non c'è rendicontazione pubblica di quello che si raccoglie.Anche a me il Cammino ha aiutato in una situazione di emergenza familiare, questo non posso negarlo e sarò sempre riconoscente, ma ora che ne sono uscita mi rendo conto che su alcune cose potrebbe esserci una gestione migliore. Ad esempio, non trovo giusto che si debba pagare anche per persone che invece insistono sul ditaccarsi dal denaro, come se per loro questo non valesse...

      Elimina
    5. Cara AleCT, tu parli, e giustamente, di autogestirsi i pasti. Non ti dico la reazione del catechista quando gli chiesi, su richiesta dei fratelli, se alle convivenze domenicali mensili potevamo mangiare con un'agape, cioè portando ognuno qualcosa. Apriti cielo! Eravamo così attaccati ai soldi che non avevamo 20 euro da spendere per una convivenza. Alle convivenze bisogna mangiare seduti e serviti, altrimenti lo spirito non viene mantenuto (quale spirito poi chi lo sa!). E se uno non ha 20 euro al mese da spendere per una convivenza, che lasci il Cammino (forse questa era l'unica affermazione giusta). In realtà non si tratta ovviamente solo di 20 euro al mese, ad essi vanno aggiunti la decima, le collette per i fiori, le collette per l'evangelizzazione, le collette per i pellegrinaggi, le spese per i passaggi, ecc. ecc. ecc. E' una richiesta di soldi quasi continua. Che poi in realtà non si trattava di non voler pagare i 20 euro, ma del fatto che avremmo potuto trovare molti più posti, perché diversi posti / istituti avevano una sala, ma non la mensa o il ristorante, e quindi dovevamo escluderli a priori. E trovare un posto per fare la convivenza ogni mese spesso diventava un'impresa titanica...

      Elimina
    6. Capito, Fallacioooooooo???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

      Elimina
    7. E tu potevi tranquillamente rispondere che portare qualcosa per tutti è indice DI AMORE E CONDIVISIONE. Cosa che penso sia molto più importante per un percorso che SI DICE cattolico.
      Io sono stata sempre abituata così.
      Se stavamo solo un giorno ognuno portava qlc. (ogni istituto religioso ha almeno un refettorio). Se si stava più giorni si andava in posto dove ci facevano usare la cucina. Poi, se qlc prova a tirare fuori scusa tipo "non si può fare da mangiare per 20 persone" posso raccontare di persone che conosco che hanno cucinato anche per 40. E per più anni si seguito. E si mangiava meglio che al ristorante, ve lo assicuro.

      Elimina
    8. Certamente potevo rispondere quello che dici tu, ma il punto non è questo. E' che facendo il Cammino ad un certo punto si introiettano certe logiche e certe prassi in una maniera che credo possa capire solo chi ci è passato. Il catechista generalmente non viene contraddetto frontalmente anche se non si è d'accordo con lui. Almeno io l'ho fatto solo una volta, quando veramente aveva passato la misura e si era permesso di chiederci di fare cose che non avrebbe dovuto permettersi di chiederci. Per una "semplice" convivenza domenicale, stando in Cammino, non mi sarei messo contro il catechista. Ho riportato le sue parole solo per far capire l'assurdità di precetti e precettini di cui il Cammino è' pieno e strapieno. E anche l'assurdità di chi impone agli altri di osservarli, senza una vera ragione plausibile. E' chiaro che il precetto che alla convivenza domenicale si debba mangiare seduti e serviti non ha nessuna ragione valida se non quella di farti sentire "importante" (a chi crede a queste menate) e di farti spendere soldi.

      Elimina
  17. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più titolato

    Ieri si sono svolti i funerali di stato dell'ottimo Sassoli, celebrati dal card. Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e grande amico di Sassoli, presenti le più alte cariche dello Stato. Era presente anche Kiko, che però non dava nell'occhio perchè, essendo notoriamente schivo e riservato, gli piace essere poco appariscente e inoltre, vestito modestamente e con la mascherina, neanche si notava. A fine messa però l'ha riconosciuto Mattarella, che si è avvicinato per dirgli di venire oggi alle 11.00 al Quirinale, per conferirgli tutti i titoli della Repubblica in un colpo solo, cioè : Cavaliere, Ufficiale, Commendatore, Grande Ufficiale, Cavaliere di Gran Croce, Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone. Poi è arrivato Zuppi che gli ha detto di presentarsi in Vaticano oggi alle 18.00, dove il Papa gli conferirà tutti i titoli vaticani in un colpo solo, cioè : Ordine Supremo del Cristo, Ordine dello Speron d'oro, Ordine Piano, Ordine di San Gregorio mMgno, Ordine di San Silvestro Papa, Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, Sovrano Ordine Militare di Malta. Era presente anche il Rettore della Sapienza di Roma, che gli ha detto di presentarsi domani alle 11.00 alla Sapienza, dove gli sarà conferita la laurea honoris causa in Architettura, per aver, con Mattia del Prete, trasformato molte chiese nelle bellissime architetture del Cammino con i preziosi dipinti di Kiko. Kiko ha ringraziato e ha avvisato Semeraro che ha avvisato il Papa che ha detto : "hermano cardenal, solo Carmensita poteva convincere me, Mattarella e el Rector dell'Universidad a conferire a Kiko todos los titolos , es veramiente santa, procedamos con la causa de beatificasion". Kiko ha ringraziato il Santo Padre, Mattarella e il Rettore, inviando a tutte e tre un pacco contenente un saggio del famoso gesuita spagnolo Pedro Della Frontera dal titolo : "come fa una santo a far ottenere a un laico molteplici titoli in un colpo solo".

    e la causa continua.......................

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Fallaco:

    non voglio mettere in dubbio i due musulmani battezzati, come non metto in dubbio lo zelo che avete e che fate tante cose e tanti sacrifici.
    Metto in dubbio la fede cattolica dei due neo battezzati.
    Infatti anche i protestanti convertono, e spesso più dei cattolici.
    Qui si parla di fede e il Cammino risponde sullo zelo.

    Se si facesse una gara a chi fa più cose, sicuramente i camminanti supererebbero molti parrocchiani.
    Ma il loro errore sta nel confondere il fare con la fede.
    Chiaro che la fede fa anche fare, ma non c'è una regola uguale per tutti.
    Chi ha famiglia deve pensare prima alla propria famiglia, poi al proprio movimento.
    Le due cose possono coesistere, purché il movimento non si contrapponga alla famiglia, che va privlegiata anche attraverso scelte concrete che devono garantire quelli che il Concilio Vaticano II chiama i DOVERI DI STATO.

    Se lo zelo è sintomomo di fede, spesso è solo sintomo di fede umana. Una fede che spesso assomglia più al tifo per una squadra che alla fede soprannaturale.
    C'è chi per seguire la propria squadra fa dei sacrifici grandi, non solo economici, e c'è chi li fa per Kiko e per il Cammino.

    Tu dici che si sono convertiti (o si sono convinti?) due musulmani. Bene, ma a chi? A Gesù o a Kiko?

    Questa non è solo una provocazione per sottolineare la dinamica per cui i camminanti, a un'obiezione che gli viene fatta, ribattono che sono molto impegnati, che non c'entra nulla, ma vuole anche evidenziare per il Cammino tra la conversione di due non cristiani, la conversione di battezzati che hanno vissuto lontano dalla Chiesa e la conversione di parrocchiani in grazia di Dio, non c'è alcuna differenza.
    Sono tutti "convertiti" al Cammino.

    RispondiElimina
  20. E continuiamo da...

    Pax 14 gennaio 2022 18:15, sempre ricopiando le accorte citazioni di FungKu tratte da Kiko.

    E mi domando come il nostro carissimo amico abbia fatto a tirar fuori una sequenza di citazioni tanto azzeccata e ridotta ad estrema sintesi, cosicchè nessuno possa più rimanere con i suoi dubbi.
    Tutto appare chiaro e cristallino, inconfutabile.

    Dalle catechesi iniziali eccoci, dopo qualche anno al II passaggio e Kiko recita così:

    "Ma adesso, fratello, tu sei illuminato, ed anche se tu vuoi dimenticare, tornare a quella specie di infantilismo, non potrai. "

    Devi pensare di te stesso quello che ti dicono loro. E te lo diranno eccome! Negli scrutini bel belli che dedicheranno a ciascuno. Tutti saranno costretti a passare per le forche caudine. Non c'è scampo per nessuno.

    Una cosa è chiara.
    Hai conosciuto la verità, indietro ora non puoi tornare più. Fare il cammino, per te che ora sei illuminato, è una condanna per tutta la vita. Se dovessi tornare indietro saresti travolto dalla catastrofe totale.

    Non dovevi soffrire?
    Ora ossessivamente ti si ripete che tu sei una pecora da macello. Ma visto che il tuo soffrire sarà una cosa tutta neocatecumenale, ecco che il tuo morire sarà tutto e solo a favore di Kiko, del crescere e moltiplicarsi del cammino. Una immolazione quotidiana.

    Non si paga nulla? Tutto è gratis?
    Dobbiamo forse spendere parole su questo?
    Ti spillano fino all'ultimo quattrino per la causa. Niente ti resta. Se conservi qualcosa per te sarai roso dai sensi di colpa, tante e tante sono le catechesi dedicate alle collette che prima o poi molli tutto. A meno che tu non sia più furbo di loro. In ogni caso sono sempre i più ingenui e indifesi e onesti a farne le spese.

    La truffa finale è chiara, dall'orrido scrutinio fatto ad un presbitero riportato nel post: Soffrire per Cristo, offrirsi totalmente a Lui è masochismo.
    Immolarsi al cammino, spogliarsi di ogni bene derubando ai figli e alla famiglia, andare a morire per Kiko fino in capo al mondo è fede adulta, cristianesimo primitivo, vera chiesa.

    Pax

    RispondiElimina
  21. thread sempre più demenziali, sempre meno divertenti, anzi per nulla divertenti, siete di una ottusità sconcertante nel continuare a portare avanti questa sciocchezza di blog. Certo che ne avete di tempo da perdere? Siete pensionati, disoccupati, ricchi? Che fate tutto il giorno su questo blog? Che scemi che siete!

    Studente di teologia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se i post di questo blog sono così demenziali, perché ti ostini a seguirli? Una persona intelligente come te dovrebbe navigare per ben altri lidi / siti, di alta teologia. Se chi scrive qui è così "scemo", secondo le tue parole, dovresti davvero starci lontano. La tua alta intelligenza merita ben altro, non credi?

      Elimina
    2. xPorto16 gennaio 2022 12:55
      E' inutile discuterci, dissimula, è disonesto, non vi è verità in ciò che scrive, ed è ipocrita.
      Se si converte ci si può dialogare, altrimenti è meglio lasciarlo dove si trova: NELLA STALLA DEI PORCI( chi vuol capire capisca).
      Scrivo per chi legge per farvi capire chi avete davanti e come gli funziona il cervello. E questo lo fanno a tutti coloro che non si piegano nel fare ciò che pensano.
      Ho scritto questo commento in due minuti, al massimo. Ovviamente quelli più articolati che leggete in passato ci ho messo di più.
      Da questo capite la portata di verità che hanno dentro la mente queste persone, come sono obbiettivi e perseguitati, talmente perseguitati che calunniano a menzogne il prossimo.
      E sapete che sto scrivendo la verità perché li avete toccati con mano.

      CDD.

      Elimina
    3. Commedianti Itineranti16 gennaio 2022 13:10

      La nostra compagnia teatrale mette in scena "I Promessi Sposi", ed SDT sarebbe perfetto, sia per temperamento che per competenze, per la parte di Perpetua. Ci rifletta su ma non troppo perché sono numerosi gli appartenenti a sindacati testate giornalistiche che possono fargli concorrenza.

      Elimina
    4. L'asino ragliante che oggi si firma "Studente di teologia" (nonostante abbia spesso mostrato pessime conoscenze teologiche, evidentemente non studia, o studia da testi sbagliati) si lamenta della qualità delle pagine del blog. Come se questo blog fosse un prodotto da lui comprato e dotato di garanzia. Ehi, la Cocacola di oggi non ha abbastanza bollicine! Ridatemi i soldi!

      Ora, questo è un "blog". Nel gergo di internet, "blog" è l'abbreviazione di "web log", cioè diario sul web, cioè una collezione di pagine aggiornata volontariamente e senza dover rispettare una regola precisa. Lo spazio commenti fu il suo naturale completamento, visto che le riflessioni di qualche lettore occasionale rendevano più interessanti le pagine. Fu la prima forma amatoriale di auto-pubblicazione sul web, esistevano tanti blog già negli anni '90, le piattaforme social sono arrivate molto tempo dopo (e se ci fate caso, Facebook è un'evoluzione del concetto di blog, Twitter è un altro tipo di evoluzione, Instagram altrettanto pur dando priorità a qualcosa di visivo, ecc.).

      Questo blog non è un "prodotto", niente ci obbliga a mantenere uno "standard di qualità", non c'è un "contratto con i lettori". Questo blog ha come tema il Cammino Neocatecumenale ma sarebbe inutile (e menzognero) parlare del Cammino partendo dalla sua stessa propaganda (la "propaganda kikiana" disprezzata perfino dalla megera Carmen). Non a caso, agli inizi - quasi sedici anni fa - si chiamava "verità sul Cammino Neocatecumenale", e poi, siccome qualche kikos era un po' troppo permalosetto, cambiammo il titolo in "osservatorio sul Cammino Neocatecumenale secondo verità" (ma i kikos continuano ad essere ipersuscettibili e permalosi, guai a chi dice loro qualcosa di diverso dalla propaganda kikiana).

      Da parecchi anni il numero di collaboratori a questo blog è cambiato (alcuno non scrivono più, altri scrivono più spesso). Il fatto che certi kikos vadano su tutte le furie e pretendano chissà che modifiche alla presunta "linea editoriale" del blog significa che abbiamo sempre "fatto centro". Non c'è niente di più "scomodo" della realtà dei fatti che tutti possono verificare. Gli asini come il sullodato sedicente Studente di Teologia possono ragliare con tutta la forza che hanno in corpo, ma non possono cancellare i fatti concreti - come le emerite eresie propalate dal Cammino e dai suoi autonominati "iniziatori", come i selvaggi e demoniaci abusi liturgici, o la non meno demoniaca "mentalità neocatecumenale" che considera la menzogna e l'inganno strumenti santi qualora adoperati a favore del prestigio e dei soldi del Cammino. E vogliamo poi parlare dell'interminabile quantità di testimonianze sulle storture del Cammino? Sì, a partire dalla tangente detta Decima, dalle carnevalate come le Lodi Domestiche a Kiko, dallo sfornare figli come conigli (il contrario della paternità responsabile), dalle attività da imborghesiti come le Convivenze in Alberghi Costosi e Lontani, dalle scarnificazioni delle coscienze dette "giri di esperienze" e "scrutini", dal farti sentire in colpa terribile se non esegui alla lettera le indicazioni dei cosiddetti "catechisti" (financo in tema di vocazione e di decisioni importantissime della propria vita personale)...

      Finché gli asini raglianti si rifiuteranno di ammettere queste evidenze, resteranno asini che ragliano sempre più forte perché hanno letteralmente il terrore di porgere orecchio l'evidenza della verità. Possono nominare il Signore anche mille volte al giorno, ma il loro cuore resta ben lontano da Lui, volontariamente lontano da Lui perché se veramente credessero che il Cammino è un dono dello Spirito si darebbero molto da fare a correggerne le sozzure e le ingiustizie (che in quanto tali vanno contro lo Spirito).

      Elimina
    5. Pensionati, disoccupati e ricchi?
      Mica siamo Kiko Arguello, che può vantare tutte e tre i "titoli" contemporaneamente!

      Elimina
    6. @studente
      Si chiama IRONIA! Qualità che avevano i più grandi santi ma che, nella vostra tronfia prosopopea da "cattolico adulto", manco sapete cosa sia. Siete tristerrimi

      Elimina
    7. Direi che è del tutto inutile rispondere a un troll, capace solo di fare pena o di far ridere, come abbiamo già avuto modo di appurare in più occasioni.

      Elimina
    8. Vero, Valentina, però... un blog imperiale tutto suo, con le sue opinioni imperiali, le lezioni imperiali di teologia imperiale, le invettive imperiali, le bibliomanzie imperiali del dizionario imperiale dei sinonimi... ed altre idee imperiali, io lo leggerei con gusto.

      Sarebbe peccato se non scrivesse più per niente. Gli do pure un idea per il titolo: "La guardia imperiale muore ma non si arrende!" Nuovo nuovo, mai usato da nessuno.

      A. Non.

      Elimina
  22. @ragazzi, ma secondo voi durante una convivenza o ritiro spirituale che dir si voglia, l'obbiettivo è pregare e stare col Signore o preoccuparsi di fare da mangiare, pulire, riordinare ecc...? Secondo voi è meglio tornare a casa con venti euro in tasca o con la fede rafforzata da una giornata piena in compagnia del Signore? Vi ricordate cosa ha detto Gesù a Marta?
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riecco l'obiezione da tipico asino ragliante.

      Anzitutto facciamo notare il suo misero trucchetto neocatecumenale: prendere fischi per fiaschi, nella fattispecie del difendersi da obiezioni che nessuno aveva posto.

      Obiezione che nessuno aveva posto: "nei Ritiri Spirituali, tempo preghiera pulire cucinare ecc."

      Furbata neocatecumenalizia: confondere i "Ritiri Spirituali" con le "Convivenze Neocatecumenali". Le "convivenze" del Cammino non sono dei ritiri spirituali ma sono una specie di lussuosa vacanzina in alberghetto con grandi mangiate e momenti "comunitari di vendita gadget". Sono praticamente il sogno del borghesotto che vuol vantarsi di essere stato in vacanza in albergo da qualche parte, servito e riverito mentre si abbuffava come un maiale, e che però può vantare anche la scusa del Ritiro Spirituale e perfino comprare i souvenir griffati da Kiko.

      Astuzia neocatecumenaloide: "tornare a casa con venti euro in tasca o con la fede rafforzata"? Ora, questa è un'altra obiezione che nessuno aveva posto. Ma oltre al fatto che "non sono venti euro ma duecentottanta (clicca [qui] pigrone!)" - l'asino ragliante pensa che sia lecito mentire a favore del Cammino, prendete nota - c'è anche il fatto che nelle Convivenze del Cammino non si cresce nella fede poiché ti insegnano una vasta serqua di errori dottrinali e di eresie e ti fanno celebrare emerite carnevalate liturgiche, e per di più ti spillano soldi a tutta forza ("per le missioni! per i seminari!", macché, per la speculazione immobiliare! (clicca [qui] pigrone!). Ti dicono "missioni", "seminari" "poveri", eccetera, ma ti stanno mentendo, poiché i capi del Cammino considerano sacrosanto mentire e ingannare qualora ciò aumenti il prestigio e i soldi del Cammino.

      Menzogna neocatecumenale: "una giornata piena in compagnia del Signore". L'asino ragliante intende forse che avete celebrato Messa e fatto adorazione eucaristica? Manco per sogno! Il "signore" di cui parla è un tizio laico in giacchetta e papillon, vostro cosiddetto "catechista", incaricato da Kiko di insegnarvi le sue frottole, di devastare le vostre coscienze e la vostra vita (secondo l'utilità della setta), e soprattutto di spennarvi per bene sul piano economico. In un vero ritiro spirituale si celebrerebbe la Messa «senza aggiunte né omissioni» (né gadget kikiani, drappeggi kikiani, suppellettili kikiane, canti kikiani, ecc.) e si farebbe adorazione eucaristica silenziosa (senza "kikizzazioni" né gadget, drappeggi, e altre kikolatrie).

      Infine, ricordiamolo: giornate di "ritiro spirituale" si possono organizzare anche in parrocchia. Nella parrocchia sotto casa (quasi zero spese, facile da raggiungere, dormi a casa, ceni a casa) si può recitare il rosario, fare l'adorazione eucaristica, partecipare alla Messa. Non è affatto necessario andare lontano, o in un albergo lussuoso (tant'è che seminaristi, preti, gruppi di giovani o adulti, quando fanno i ritiri li fanno generalmente presso monasteri, "case di spiritualità", conventi, altre parrocchie, mai in lussuosi alberghi).

      L'asino ragliante si difende da accuse che nessuno aveva posto e infila nel discorso sottili menzogne e trucchetti furbetti perché quella di mentire e ingannare è la vera spiritualità del Cammino e del suo padre ispiratore, il Padre della Menzogna, al quale è graditissimo il tipico kikolatra che dopo mille figuracce azzeccate in una settimana continua a professare incrollabile fede nel Vitello d'Oro di Categoria Superiore, il tripode Kiko-Carmen-Cammino.

      Elimina
    2. @Fallacio
      l'obiettivo è aumentare la fede, per questo non c'è bisogno di andare in alberghi costosi e farsi pagare le spese da altri, è proprio questo che stiamo cercando di dirti!

      Elimina
    3. Vinicio dì la verità, che dopo la scuola non hai imparato a cucinare e quindi non vuoi fare i turni in cucina! Guarda che con le pentole per grandi comunità si fraternizza più che alle risonanze, tipo: uno ci entra dentro, gli altri lo rotolano, oppure le rovesci vai sotto una e ti devono trovare, come stare sotto una campana ma non di vetro, eccetera.

      FungKu Rappresentante Per Lagostona, Sconti Grandi Comunità.

      Elimina
    4. Unknown16 gennaio 2022 16:58
      FAV ti rispondo con tranquillità, sperando di fare un dialogo. La Speranza, si dice, è l'ultima a morire.
      Primo, c'è la Santa Messa che vale di più di tutte le Catechesi sulla faccia della terra, il Corpo di Dio è oltre ogni parola e immaginazione e altro, tant'è (per chi ci crede, e nessuno è obbligato a crederci per forza) che la Madonna a Medjugorje ( vado a ricordi)ha detto se dovete scegliere l'apparizione e la Santa Messa: ANDATE ALLA SANTA MESSA.
      Questo l'ho scritto per farti capire che se la Madre di Dio sta facendo come una catechesi ( fatemi passare il temine, ma l'apparizione è MOLTO DI PIU' di una catechesi), e Lei è la Divina Maria, la Madre, e ti dice di lasciare e andare alla Santa Messa, significa ciò che significa.
      Quindi, se devi proprio scegliere come hai sottolineato tu Marta, e cioè scegliere il modo migliore per stare vicino a Gesù, ecco che andare alla Santa Messa è IMMENSAMENTE DI PIU' di una catechesi che vi fate tra di voi.
      Vedi FAV! voi avete una cattiva presunzione, e questa la scrivo da molto tempo, e cioè: voi vi credete il centro dell'universo e pensate di manipolare la realtà a vostra convenienza e ci credete che la realtà giri su di voi. Come se tutto l'universo girasse su voi stessi.
      Non riuscite a capire che Dio è Padre di TUTTI, ed ha creato TUTTI, e a TUTTI da il Suo Spirito e la Sua Vita, in qualsiasi situazione.
      Tu sicuramente mi citerai i casi limiti, come uno che va in discoteca, un altro che va a ubriacarsi, un altro a donne, un'altra a uomini, ecc, ecc.
      Queste sono scuse, perché, e lo sai, tra di voi non ci sono solamente persone che cadono in certi peccati, chiamiamole persone deboli ( e senza giudicare più di tanto perché nessuno di noi è migliore), ma ci sono persone che dovrebbero crescere, nel vero senso della parola, anche spiritualmente.
      Ma se uno per gelosia, o per ipocrisia, o per fanatismo, dovesse legare i figli di Dio, perché teme che gli scappano dal recinto, ecco che è in grave errore, quell'errore che Dio ha sempre condannato nella Bibbia, condannato a partire dagli Egiziani, ma anche ai falsi profeti, ai vari corrotti e ai Farisei. Fino ad arrivare ai giorni nostri, e sappiamo che il peccato gira tra di noi, per cui qualcuno potrebbe caderci e fare certe cose.
      Essi legavano pesanti fardelli sulle spalle del prossimo per dominare il prossimo e per sfruttarlo.
      Non sono le venti euro, anche se si parla di più, ma è un sistema impiantato che goccia goccia prosciuga prima la volontà, poi il lato economico.
      Dite: Passa Dio!
      Strano che quando si tratta di pagare: Dio non passa! ( non so se capisci la battuta).
      Questa caro FAV è IPOCRISIA. Uno che tre giorni sta lì a parlare di Dio, o a sentire cose di Dio, e poi arriva la sorpresa, cioè si fa pagare il conto.
      Ma una cosa si deve anche verificare, perché non bisogna far finta di nulla, e cioè: se arriva la sorpresa al conto finale, è evidente che la situazione era già marcia all'inizio, non è marcia al conto finale. Il conto è il SEGNO VISIBILE che ci dimostra un fatto. Il Punto non è IL CONTO, E' IL SEGNO CHE CI DIMOSTRA, QUESTO E' IL PUNTO. Il cuore di chi sbafa ( vado in termini diretti) non è che si marcisce di colpo davanti al conto, era marcio già all'entrata dell'Hotel e anche prima di entrarci.

      CDD.

      Elimina
    5. Quello che la Chiesa non ritiene necessario, non lo riteniamo necessario nemmeno noi cattolici. Per esempio i ritiri spirituali: se fossero così fondamentali per la vita cristiana, le parrocchie li organizzerebbero di continuo. E invece nelle parrocchie cosa trovate? L'adorazione eucaristica. Le novene. La Messa. La possibilità di confessarsi. Il rosario. Le cose che ti "servono" per migliorare la tua vita spirituale, ce le hanno tutte le parrocchie - e perfino in questi tempi di crisi delle parrocchie, hai ancora tutto sommato l'imbarazzo della scelta e una distribuzione capillare sul territorio.

      Sant'Ignazio di Loyola inventò per i suoi seguaci gli Esercizi Spirituali, che seguivano uno schema molto articolato e duravano quattro settimane, al termine delle quali si decideva la sorte del singolo (ingresso nell'ordine, sacerdozio, ecc.), che gli veniva peraltro comunicata dopo la meditazione sul restare indifferenti alle cose del mondo. C'è una letteratura vastissima sugli Esercizi, che sono stati ovviamente imitati (e soprattutto abbreviati) in tanti modi (uno di questi modi è quello che comunemente viene chiamato ritiro spirituale) e, per la loro ricchezza e intensità, a volte suggeriti anche ai non gesuiti e ai laici (chiaro che allontanarsi da famiglia e lavoro per quattro settimane non è una cosa per tutti).

      Una volta non c'era bisogno di organizzarli, i ritiri spirituali, perché i cristiani -spontaneamente- passavano tempo in preghiera, o al servizio di qualche monastero o convento (condividendone momenti di preghiera, silenzio, lavoro) sia volontariamente (come scelta personale), sia su suggerimento del direttore spirituale. Ma erano tempi in cui c'era un monastero ogni dieci chilometri, non come oggi che la vita consacrata si è drasticamente rinsecchita (grazie allo spiritodelconcilio e ai travisamenti dei rivoluzionari).

      Oggi vengono proposti nei vari gruppi ecclesiali dei piccoli ritiri spirituali (recentemente mi parlavano di un mini ritiro spirituale della durata di un solo pomeriggio...!) in cui vivere silenzio, adorazione, preghiera, e formazione spirituale, con possibilità di confessarsi e con la Messa. Anche nelle occasioni in cui si pernotta e pranza in albergo (come nei casi degli esercizi di Cielle e di Rinnovamento, che per un week-end "riempivano" tutti gli alberghi di Rimini e dintorni, per poi fare i momenti di formazione e liturgici nei padiglioni della nuova fiera di Rimini), l'albergo è uno strumento e non il fine del ritiro (la scelta di Rimini è per gli spazi della fiera - capaci di ospitare al coperto diverse decine di migliaia di persone - e per la vasta capacità delle strutture ricettive).

      La grandissima bidonata neocatecumenale è spacciare le cosiddette "convivenze" per ritiri spirituali. In realtà le cosiddette "convivenze" vengono tenute obbligatoriamente in un albergo, sfruttandone i saloni per le celebrazioni della liturkikia. Non vengono mai tenute in considerazione altre strutture, se non in certe occasioni dove occorre sfoggiare la propria identità kikiana o un lusso superiore a un albergo.

      Nella mentalità neocatecumenale occorre sfoggiare "allegria" per dare a vedere di essere cristiani rinati. Se i neocatekikos vi sembrano caciaroni è perché devono sembrare quel che non sono (in lingua italiana si dice: ipocrisia), devono far credere di essere più cristiani degli altri. Per cui i loro pseudo-ritiri (detti "convivenze") devono tenersi il più possibile in Alberghi Lontani e Lussuosi e il partecipante deve "sentirsi speciale" (deve sentirsi più importante dei "cristiani della domenica"), deve poter dire a sé stesso "che gran mangiata e che lussuoso albergo, proprio come i VIP ricchi e famosi!". Altro che "ritiro spirituale"!

      Elimina
    6. Provo a fare una fantasia davanti a tutti, un ragionamento, senza odio, senza rancore e senza altro. Se è errato fate conto di non averlo letto.

      Diamo per scontato che una buona parte di Catechisti NC vanno a sbafo ( scusate del termine, ma lo metto perché così ci capiamo bene). Sicuramente questi si diranno: ma noi dobbiamo fare i passaggi, i vari riporti, le varie convivenze, ecc, ecc, ed ecco che non ci rimane nulla per campare!
      Ragionamento che potrebbe essere vero.
      E per cui vanno a sbafo per necessità.
      Ma nel momento in cui si fanno pagare dai sottoposti, ecco che quel peso viene trasportato sulle spalle di altri, i quali si trovano in una condizione quasi simile ( ovviamente questi fanno meno cose). E per cui il peso, diciamo, di ciò che chiamano evangelizzazione ricade su persone che sono entrate da poco, che sono neofiti. Per cui, chi dovrebbe dare l'esempio ecco che si fa pagare da chi dovrebbe seguire il loro esempio. E infatti si crea questa situazione, cioè subentrano altri e questi si comportano come i precedenti. Cioè fanno le medesime cose.
      Il punto è che questo modo di fare va in cancrena, e per cui diventa un'abitudine di molti e si espande anche in altre cose, come, potrei pensare, ai vari acquisti, collette, decime e altro.
      Fino ad arrivare che chi entra, ed è di passaggio, ha donato molte cose che ne usufruiscono altri ( di questo ne sono testimone diretto) e viene usato. Sappiamo che chi usa si sente il padrone, e chi viene usato è lo schiavetto di turno. Poi questa cosa aumenta, fino alla cancrena totale, cioè lo sbafo totale e al disprezzo totale. Infatti ci sono testimonianze varie a riguardo. Arrivano a sentirsi Padroni della vita del prossimo.
      MA ORA QUESTO NON INTERESSA PIU' DI TANTO, ORA, ANCHE SE E' IMPORTANTE.
      Il punto è questo.
      Chi ha messo in mano a queste persone il fucile?
      Cioè: Chi ha dato il permesso di tutto questo?
      E' cristiano fare questo?
      E' opera dello Spirito Santo?
      Si citerà il famoso Statuto e la Lettera di GPII e altro, ma vi ripeto fino allo sfinimento che nulla di tutto questo è nello Statuto e in altro. Sono fatti umani, furbate terrene, che non hanno nulla a che fare con la Chiesa.

      CDD.

      Elimina
    7. Fallacio:

      ancora non capisci.
      Questo non è un blog che discute sull'utilità degli esercizi spirituali, ma sugli errori dottrinali e liturgici del Cammino.
      Non si giudicano nemmeno i camminanti. Qui si giudica il Cammino nelle sue espressioni concrete, alla luce della fede.

      Mi congratulerei con voi camminanti se i vostri "esrcizi spirituali" fossero informati dalla Tradizione della Chiesa.
      Invece si criticano le parrocchie, si critica il Concilio di Trento, ecc.

      Per me potete fare una convivenza a settimana: l'importante è che la fate secondo lo spirito della Tradizione bimillenaria della Chiesa e non secondo lo spirito modernista di Kiko e Carmen

      Elimina
    8. by Tripudio continua a scrivere le stesse cose da 15 anni . Leggi un post suo e li hai letti tutti, tutti uguali, tutti con quei termini che solo lui conosce, inventati da lui, ne ha di fantasia, eh..................................................................................................................................................................................................................

      Elimina
    9. E dopo magari anni e anni di cammino questa è la risposta migliore che sapete dare. Siete messi maluccio, eh

      Elimina
  23. @FAllacio
    Lo sapevo che avresti risposto questo. Ora apri bene le orecchie perchè te lo dirò una volta sola.
    1) il punto è che NON SIETE SINCERI. E tu continui a fare finto tonto perchè il punto NON E' non prepararsi o meno da mangiare, ma scegliere VOLUTAMENTE posti COSTOSI e far pagare ai partecipanti anche le quote (già gonfiate) di chi potrebbe TRANQUILLAMENTE pagarsi il conto da solo. Non solo, tutto questo lo fate DI NASCOSTO e poi mettere le persone DAVANTI AL FATTO COMPIUTO.

    Siete dei disonesti. Ora tu dimmi se Gesù approverebbe questo comportamento.

    2) Quello che tu dici è fuorviante perchè, carissimo, anche far da mangiare per tutti è condivisione e preghiera e, AGLI OCCHI DI DIO è molto più gradito che stare a sentire 4 ore un tizio che, SENZA NESSUNA AUTORITA'. pretende di insegnarti ad essere un cristiano recitando a memoria un copione scritto da uno che il Dio di Gesù Cristo non sa manco chi sia.

    Poi se vuoi possiamo anche parlare del contorno alle convivenze. Possiamo raccontare delle bravate notturne dei ragazzi neocatecumenali(raccontate da loro stessi eh, io non mi invento nulla) con letti sfasciati, furti in cucina (anche a discapito degli altri ospiti dell'hotel) e tanto altro. Dei ragazzini in gita sono molto meno distruttivi.

    E tu vieni qui a parlarci di Marta e Maria? Ma un minimo di decenza ce l'hai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no cosa ti inventi, loro sono i migliori, i loro figli non si drogano, non fanno sesso, non bevono, non vandalizzano..
      Per come la vedo io il fallimento delle seconde/terze generazioni è la certificazione del fallimento globale

      Elimina
    2. @alect, possibile che non riuscite a discutere senza fallacie logiche? In un solo commento le hai collezionate quasi tutte, ma quella più bella è la "montagna di m....". Ripeto, con questi trucchetti potete fregare giusto qualche fessacchiotto, ma la maggior parte delle persone è molto intelligente e non ci casca. Se vuoi si può continuare a discutere, ma se tu e @porto parlate della convivenza mensile, io ti rispondo su quello e tu parli di quelle di riporto e di tanti argomenti che non c'entrano niente (montagna di m....) come si può discutere?
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    3. @Fallacio
      MI vuoi gentilmente spiegare dove siano queste "fallacie logiche"? Io sparo montagne di m...? Se vuoi ti favorisco il linlk del gruppo instagram dove sono raccolte tutte le bravate dei ragazzi neocatecumenali. Tutte dette da loro in persona con tanto di commento divertito del proprietario del profilo NEOCATECUMENALE PURE LUI.
      Per usare le tue stesse parole vi s...rdate da soli.
      Anzi faccio una cosa: te lo metto qui cos' chi vuole può andare a vedere.

      https://www.instagram.com/stories/highlights/17899345156625739/

      Non si dovrebbero scandalizzare: tanto "nessuno ci casca". Vero, Fallacio?
      Fallacio, fattelo dire per l'ennesima volta. Il cammino non SERVE A NULLA. Tu lo stai facendo vedere benissimo.

      Elimina
    4. Il Cammino serve a tutto, è Fallacio che non deve scrivere più sul blog...................

      Elimina
  24. Ordine e contrordine compagni!
    A volte vien da pensare che lo facciano apposta, per mettere alla prova la cieca obbedienza dei fratelli, verificare a che punto sta.
    Dicevano a volte, gettando le mani avanti anche negli scrutini: "Non fate mai paragoni, tra quello che diciamo a un fratello o ad un altro, anche se la situazione è la stessa!"
    Certo tutti ricorderete che c'erano figli e figliastri. Questa la differenza, non che lo spirito suggeriva altro, non ci sono leggi, o simili amenità.
    La loro arroganza è giunta fino a negare la loro stessa essenza, a snaturare il fine ultimo del cammino. Non più cammino ma realtà stanziale, fino al punto che nulla è più immobile di loro.
    Autoreferenziali, sempre uguali a se stessi, fatti in serie.
    Che stimoli alle nuove generazioni? Che orizzonti? Per questo, come dice Mav, l'attestazione massima del loro fallimento l'abbandono e disamore delle nuove generazioni che o accettano di incancrenirsi appresso a loro oppure scappano via lontani e liberi.

    Pax

    RispondiElimina
  25. Fallacio vedi, il tuo problema è che dici, e forse ancor peggio pensi, che una giornata vissuta in convivenza con loro equivale a stare "in compagnia del Signore".
    Ma dimmi, il Signore dov'è con Kiko che ruba tutta la scena? I catechisti fanno tutto un dire"Kiko dice, Kiko fa" Carmen ha detto..."
    È parola di Kiko!
    Ora, vedere il Signore in tutto questo.... È il suo signore, il suo dio piccolino, chiuso nelle salette.
    Tutto a sua immagine e somiglianza. E tu parli come un disco programmato. Dalle tue parole traspare la catechesi neocatecumenale tutta intera, perfetta. Inconfondibile.
    Quando parli della decima o delle collette. Mi pare proprio di ascoltare le catechesi che anche io ho ricevuto. La decima: serve a te, per misurare il tuo attaccamento al denaro. Ogni mese è un dono per te. Dove hai il cuore? Poi se hai bisogno chiedi. E se sei nel l'abbondanza tu supplisci all'indigenza altrui.... Poi abbiamo narrato mille volte le varie disfunzioni del sistema che qui risparmio a tutti.
    Sono ossessivi, tanto che tutti imparano la nenia a memoria, anche gli asini vienici e Fallaci, come te.

    Pax

    RispondiElimina
  26. @alect dice: @Fallacio
    MI vuoi gentilmente spiegare dove siano queste "fallacie logiche"? "1) il punto è che NON SIETE SINCERI. E tu continui a fare finto tonto" (fallacia ad hominem). "Possiamo raccontare delle bravate notturne dei ragazzi neocatecumenali" (fallacia anedottica), sono aneddoti locali che non tolgono valore alla convivenza e tanto meno al Cammino. "Siete dei disonesti. Ora tu dimmi se Gesù approverebbe questo comportamento." di nuovo ad hominem e "argomentum ad misericordiam" insieme. Se vuoi continuiamo a discutere ma seriamente.
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, discutiamo seriamente:
      1) è vero o non è vero che fate pagare l'albergo a prezzo maggiorato?
      2) E' vero o non è vero che fate pagare agli altri anche la quota dei catechisti, famiglie comprese?
      3) E' vero o non è vero che tutto questo lo fate DI NASCOSTO e lo dite SOLO A FATTO COMPIUTO?
      4) E' vero o non è vero che per voi è FONDAMENTALE stare in albergo ed avere un servizio elevato?

      Chiarissimo no?

      Poi, se vogliamo parlare di fallacie, dimmi un poco: Kiko dice che nel cammino i ragazzi non si drogano, non vanno in discoteca, sono buoni, obbediscono etc. etc.
      Io ti ho dimostrato, semmai ce ne fosse stato bisogno, che non è così.
      Quindi, caro FAllacio, sono io che dico fallacie o Kiko che dice stupidaggini?

      Elimina
  27. Capito, Fallacio???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????'

    RispondiElimina
  28. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più presidenziale

    Tra poco inizieranno le votazioni per l'elezione del Presidente della Repubblica. Dopo la candidatura per il centro destra di Berlusconi, la sinistra, terrorizzata alla sola idea che il Cavaliere venga eletto, sta proponendo la candidatura di Graziano Delrio, deputato Pd nonchè neocatecumenale (ha nove figli, c'è scritto su Wikipedia, e nessuno in cielo, per adesso). Il progetto è questo : Delrio avvisa Kiko della sua candidatura, Kiko implora Carmen e lei, da Lassù, promette che apparirà in sogno la notte prima delle votazioni agli elettori del Presidente, dicendo loro di votare elrio o andranno all'inferno, e saranno cavoli amari. Gli elettori, spaventati, votano Delrio all'unanimità in una sola votazione, Delrio viene eletto ufficialnente, e va poi a rendere omaggio al Papa in Vaticano, dove gli promette amicizia come fece a suo tempo Mattarella, in cambio però chiede che Carmen venga beatificata subito. Il Papa acconsente, dice a Semeraro di preparare i documenti e poi proclama la beatificazione di Carmen il giorno di Pasqua, che è il massimo per un nuovo santo. Il miracolo si può scegliere tra i 1900 fatti da lei, tanto sono tutti validi e se ne sceglie uno a sorteggio. Semeraro avvisa Kiko che ringrazia il Santo Padre, inviandogli un pacco con un disco rarissimo del 1971, contenente in una faccia il Preconio Pasquale cantato da Kiko in spagnolo con la chitarra, nell'altra faccia lo stesso Preconio cantato da Filippucci sempre con la chitarra. Tutti saranno contenti, tranne il blog Osservatorio che commenterà : "più che una vittoria pasquale, è la vittoria di una pasqualona".

    e la causa continua..................

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.