giovedì 3 novembre 2011

Testimonianza: dubbi sul Cammino

La seguente testimonianza è comparsa recentemente sul forum Cattolici Romani (in un'area messaggi infestata da esperti propagandisti neocatecumenali), testimonianza firmata "In Hoc Signo". Chi vorrà consultarla vi riconoscerà alcune parti che suoneranno molto familiari a chi ha letto almeno qualche pagina di questo blog.

Facciamo notare in particolare che chi torna ad una vita cristiana normale, uscendo dal "lugubre" Cammino Neocatecumenale, si ritrova necessariamente a "rimettere in discussione praticamente tutta la sua vita", poiché il Cammino è stato totalizzante e invadente.

Salve a tutti.
Ho 23 anni e sono in comunità da quasi 10 anni. Abbiamo concluso da poco il 2° passaggio. Ho 6 fratelli, ma di questi quasi nessuno è più in cammino. Neanche i miei genitori sono più in cammino.

Ultimamente ho qualche problema con questo cammino, e ora sono in una fase di riflessione. Ho letto le molte critiche rivolte al CN che si trovano su internet, e le drammatiche esperienze di ex. Se scrivo qui è perché ho bisogno di confrontarmi, in verità, sia con altri Neocatecumeni che con altri fratelli in Cristo. Sarò grato a chi avrà la pazienza di leggere queste righe e di lasciare una risposta o un commento. [...]

Mi fermo qui, perché penso non sia rispettoso per la persona che ha affidato a quel contesto la sua cocente domanda e sentita testimonianza, spiattellarla qui. Tuttavia, poiché sulla rete è normale il travaso di informazioni, vi invito a leggerla nel contesto originale, dal link di cui alla premessa, che contiene anche la dinamica di vari interventi neocatecumenali e non (questi ultimi decisamente più obiettivi) e notizie sulla problematica riguardante i suoi familiari non più in cammino.

Mi piacerebbe poter interloquire direttamente con quel ragazzo; ma purtroppo non posso farlo perché in quel Forum censurano i miei interventi a monte. Vuol dire che lo faremo da qui, sperando che abbia l'opportunità di leggerci, anche se forse non ci considera un contesto "amico". Ma la nostra, se proprio vogliamo chiamarla "inimicizia" non è con le persone, ma con gli errori dei quali purtroppo abbiamo riscontrato e dimostrato anche la gravità.

La mia impressione è che si tratti di una persona con buone capacità critiche, ma tuttora 'catturato' dalla dipendenza e, soprattutto, timoroso di perdere quello che lui sente come sostegno della comunità. Sembra consapevole del prezzo da pagare; ma la dipendenza appare più forte, almeno finora.

Penso di far cosa utile proponendo l'analisi del problema, confrontato anche con la dinamica avvolgente e subdolamente accattivante e sorprendentemente soft di molti interventi di camminanti.

Ci sono tanti altri "fratelli di comunità" (anche su quello stesso forum) che, pur timidamente, affermano di essere in una situazione "simile alla sua". Cominciano a rendersi conto che il Cammino, anche se "dono dello Spirito", contiene troppe storture umane che annullano lo Spirito.


Per loro e per tutti coloro che vengono danneggiati dal Cammino Neocatecumenale io prego ogni giorno.

Sì, il Cammino è ormai davvero sul lungo "viale del tramonto".

76 commenti:

elena ha detto...

non c'entra granchè ma la foto del sacerdote con la kefia ( o non so il nome giusto perdonatemi) sulla testa e il candelabro davanti sulla "mensa" dove oltre al pane e al vino c'è anche altro olive?)è davvero inquientante.....

mic ha detto...

Per Tripudio,
il testo integrale l'ho salvato. Anche per metterlo al sicuro da eventuali 'sparizioni' da cattolici romani (non sarebbe la prima volta).
E' successo che siano stati fatti sparire testi interessanti di Lino...

mic ha detto...

sulla testa e il candelabro davanti sulla "mensa" dove oltre al pane e al vino c'è anche altro olive?)è davvero inquientante....

si trattava di una haggadàh ebraica celebrata in parrocchia (celebrante (!) il parroco)...

Anonimo ha detto...

Secondo me la testimonianza si può citare tutta senza problemi... l'autore l'ha scritta pubblica e in un forum pubblico,forum che può cambiarne indirizzo o cancellarla in ogni momento.

mic ha detto...

Caro Anonimo,
mi è parso un atto di rispetto nei confronti dell'interessato, che ha dato fiducia al Forum su cui scrive, aprendo il suo cuore con molta sincerità.
Mi spiace non avere l'opportunità di parlare direttamente con lui... spero che riescano a farlo si Alect che Preoccupato, che ce l'hanno segnalato.

Spero anche che riescano ad intervenire direttamente nei confronti dell'altra testimonianza, altrettanto se non più drammatica, riguardante un matrimonio "annullabile" secondo il parere dei sacerdoti, mentre i catechisti apoditticamente insistevano sul fatto che la Chiesa NON PUO' annullare i matrimoni, ignorando o bypassando tutta l'attività della Sacra Rota.

Anche in quel caso, l'interessata, che soffriva angosciosamente a causa di quel matrimonio - se dichiarato annullabile i motivi erano evidentemente seri -, era assolutamente bloccata dal parere dei catechisti e dal silenzio del sacerdote NC che la rimandava ai catechisti. Un dramma umano, consumato come tanti, nel chiuso di un contesto settario spacciato per Chiesa cattolica!

Luisa ha detto...

Io invece sono grata a mic di aver riportato solo qualche passaggio di quella che è una testimonianza personale affidata ad un forum, non è perchè il forum è pubblico che dobbiamo strumentalizzare le interrogazioni importanti che stanno scuotendo la coscienza di quel giovane, possiamo accoglierle e proporgli se lo desidera , se ci legge, di condividere anche con noi i suoi dubbi, le sue domande.
Possiamo anche sottolineare le costanti nelle risposte che gli vengono date sul forum con gli argomenti che già conosciamo, possiamo anche riconoscere altre costanti nelle domande che quel giovane si pone e che sono state alcune delle tappe che hanno marcato la vita di chi poi ha deciso di lasciare il cammino.

Massimo rispetto per il giovane e per le sue domande.

Emma ha detto...

Non conosco bene il forum "cattolici romani", ma vorrei sapere perchè esiste una sezione "cammino neocatecumenale" che mi sembra essere un vero spazio di promozione neocatecumenale.

Tempo fa ho perfino visto che uno dei moderatori di quel forum è una vecchia conoscenza di questo blog, un super catechista.
Devo dedurne che quel blog è "fagocitato" dal cammino nc?

aleCT ha detto...

@Emma
In quel forum c'è un thread anche per CL e RnS, però non sono stati così "combattuti"

Confermo la presenza tra i moderatori (non in quella sezione cmq) del catechista il quale (dopo aver scoperto la mia presenza in questo blog, presenza che mai ho tentato di celare) mi ha anche scritto una letterina di blando "ammonimento"

Il fatto che è successo a Lino mi fa sorgere qlc domanda in più...

aleCT ha detto...

Ma sapete qual è la cosa che mi fa pensare di più?

Che basterebbe niente per aggiustare la situazione.

Basterebbe prendere sul serio tutto quello che i vescovi e il Santo Padre hanno scritto PER AMORE del cammino.

Basterebbe non mettere la testa sotto la sabbia e non nascondere il cielo con un dito citando Zoffoli o questo blog

(che, a quanto pare, sembra la causa primigenia di tutti i "problemi" del cammino per cui , se un vescovo delle Filippine prende provvedimenti è perchè si è letto Zoffoli o questo blog)

Basterebbe cominciare a considerare il potere dei catechisti (e non mi si dica che "non hanno potere" perchè se un NC che vuole un consiglio spirituale va da lui piuttosto che da sacerdote vuol dire che, volente o nolente, un "potere ce l'ha) e almeno, sanzionare chi sbaglia.

Basterebbe fare VERA COMUNIONE con il resto del mondo ecclesiale senza coprirsi dietro al "ci deve pensare il vescovo" o "ci deve pensare il parroco" insomma, ci devono pensare tutti tranne loro.

Emma ha detto...

"Confermo la presenza tra i moderatori (non in quella sezione cmq) del catechista il quale (dopo aver scoperto la mia presenza in questo blog, presenza che mai ho tentato di celare)mi ha anche scritto una letterina di blando "ammonimento"


Questo sì che è grave e va detto.
Non so che tenore avesse quel blando ammonimento ma è grave in sè che un moderatore di un forum si permetta di "ammonire" una persona per il semplice fatto che pone domande scomode e non si conforma al pensiero unico neocatecumenale.
Ancora il sistema intimidatorio neocatecumenale, più o meno esplicito, più o meno blando, ma che esprime in modo palese come è intesa e praticata la comunicazione nel cammino nc.

Emma ha detto...

Possiamo leggere fra le righe gli effetti prodotti su chi non ha conosciuto altro, a livello di fede e pratica della fede, che le prassi neocat, e così un giovane può dire che non ci sono problemi a livello dottrinale e liturgico, che con il loro modo "altro"di celebrare i nc non rompono la comunione con la Chiesa.
Forse quel giovane nemmeno conosce i vari richiami e le norme di Benedetto XVI, senza dubbio gli è stato detto, mentendo, che tutto va bene, che lo statuto ha annullato le NORME del Papa , e lui ci crederà, perchè questo succede quando si è sottomessi alla volontà onnipotente del catechista e di Kiko Arguello.
Nessuno gli dirà che uno statuto, un Pontificio Consiglio, un cardinale, NON hanno il potere di annullare le NORME del Papa, che solo il Papa con un suo documento potrà annullarle, nessuno gli dirà che il cammino nc sta disobbedendo al Papa.

E quel giovane, talmente abituato al segreto imposto dentro il cammino nc che magari gli da l`impressione di vivere qualcosa di straordinario, di unico, da condividere con gli amici che accettano come lui quel segreto imposto dall`alto, nemmeno forse si pone la domanda della legittimità di quel segreto, forse non sa che il Papa vuole la pubblicazione, forse non gli è stato detto che nella Chiesa cattolica non possono e non devono esistere itinerari di formazione segreti.

Eppure la voce della coscienza, non ancora totalmente zittita, anche se il cammino nc, anche se la comunità sono stata posti al centro della propria vita, si sta facendo sentire suggerendo un inizio di riflessione.
Spero e auguro che quel giovane possa trovare, fuori dal camminio, chi saprà aiutarlo e accompagnarlo.

Anonimo ha detto...

Il forum Cattolici Romani è frequentato da persone di varie tendenze, ci sono neocatecumenali, ma anche tradizionalisti che vanno alla messa in latino, non penso che abbia posizioni ideologiche particolari a favore o contro qualcuno...

Anonimo ha detto...

E' difficile spiegare quello che si prova nel CN, ma cercherò di farlo per il bene di altre persone.
Il metodo "aggressivo" del CN non mi aiutò molto, anzi...mi condusse in enormi difficoltà, specie lavorative.
La violenza psicologica, morale, il modo di giudicare gli altri per correggerli ("tu sei...", "E' uno...",ecc.), l'obbedienza che dovevo ai catechisti che non sempre dicevano cose giuste, la falsa consapevolezza che potevo migliorarmi solo grazie ai consigli e alle catechesi dei catechisti e non tanto grazie ai Sacramenti come la Confessione o grazie alla preghiera, specialmente dinanzi al Tabernacolo...
tutto questo mi rovinò.
Adesso ho sperimentato le grazie e la pace che si riceve stando un'oretta dinanzi al Tabernacolo in preghiera e partecipando alla Messa tutti i giorni, confessandomi una volta a settimana e facendomi guidare da un padre spirituale. Tutto ciò mi ha giovato e mi giova più di tanti anni di CN e di catechesi ascoltate.
Ciò mi aiuta molto anche nell'ambiente lavorativo quando dinanzi alle debolezze o alle prepotenze altrui, intuisco che la migliore strada è il perdono e la preghiera, doni di Dio.
Adesso la consolazione la cerco in Dio presente nel Tabernacolo e mi fanno pena tutte quelle persone del CN che la cercano in comunità, cioè nelle persone umane.

Anonimo ha detto...

Il forum Cattolici Romani è frequentato da persone di varie tendenze, ci sono neocatecumenali, ma anche tradizionalisti che vanno alla messa in latino, non penso che abbia posizioni ideologiche particolari a favore o contro qualcuno...

prova a fare qualche critica al cammino e poi te ne accorgerai...
C'è sempre stato il titolo sul cammino neocatecumenale, ma c'è una grande differenza: prima era aperto anche alle critiche, ora è solo apologetica NC con molta censura!

Freedom ha detto...

Ho letto la testimonianza del ragazzo cui e' dedicato il thread. Spero che mi legga...
Caro fratello la tua testimonianza mi ha commosso. Anch'io ero nel cammino. Secondo me devi prendere in mano con coraggio le redini della tua vita ed abbandonare la guida dei catechisti. La vita e' una avventura meravigliosa e va affrontata in modo maturo, autonomo e responsabile. Il cnc e' pericoloso perche' ti porta a fuggire il mondo visto come ''male'' e circoscrive la tua esistenza all'interno di una comunita' di omologhi. Quale vera esperienza potrai mai maturare in un circolo vizioso di sensi di colpa in cui sei soggetto alla coercizione psicologica? Vivi sereno e consapevole di poter sbagliare e peccare ma ricorda che gli sbagli devono essere strumenti di crescita. Io non so dirti se ti serve un padre spirituale perché' non ti conosco. Di sicuro ti dico che i metodi del cnc sono delle manipolazioni mentali. Riprenditi la tua vita e sii felice.
Un abbraccio.

Lino ha detto...

@ anonimo che ha detto:
"Il forum Cattolici Romani è frequentato da persone di varie tendenze, ci sono neocatecumenali, ma anche tradizionalisti che vanno alla messa in latino, non penso che abbia posizioni ideologiche particolari a favore o contro qualcuno..."
E' vero. Anche è vero, però, che i moderatori vanno ognuno per il verso suo, l'Amministratore li lascia fare e i moderatori più bravi si sono dimessi.
Questo è il thread dal quale furono censurati i miei commenti (veri e propri appunti "tecnici" senza che fosse nata alcuna polemica) semplicemente perché infastidivano:

http://www.cattoliciromani.com/forum/showthread.php/croce_rovescio_giovanni_paolo_ii-43634.html

Per inciso, io avevo contestato:
1) Che la croce al rovescio, che è un segno di Pietro, potesse essere considerata un emblema dei suoi successori, che non sono stati crocifissi a testa in giù
2) Che, nei nostri tempi, quando la croce rovesciata ha assunto significati satanici, sarebbe stato meglio non associarla a un Papa, fosse solo per ragioni di opportunità. Anche avevo spiegato la differenza tra un segno e un simbolo.
Ho vari fratelli che mi leggevano volentieri, in CR. Ho comunicato loro la mia decisione di non pubblicare più in quel sito. Mi hanno scritto a decine, anche più di un moderatore, uno dei quali mi ha comunicato che avrei potuto, col consenso dell'Amministratore, pubblicare un testo sulla "filosofia" del simbolo.
Ho preferito - detesto le censure, detesto di essere considerato da meno di un catechista neocatecumenale, al massimo abbiamo pari dignità - cercare di capire chi mai fossero questi fratelli che si erano arrogati il diritto di censurare degli onesti commenti senza essere declassati al rango di semplici utenti da Raffaele. Così ho scoperto l'Osservatorio e ho capito che la mia censura non era un semplice "incidente di percorso" - come mi aveva detto un moderatore invitandomi a rientrare - ma una vera e propria "filosofia" dei servitor serventi di un pittoruncolo spagnolo che si atteggia a teologo/profeta.

by Tripudio ha detto...

Emma,

la storia comincia molti anni fa, quando su un forum di politica un gruppetto di cattolici di stampo tradizionale, a furia di venir sempre censurato e osteggiato, aprì un proprio forum: "Cattolici romani".

Col passare degli anni, però, lo "stampo tradizionale" si è misteriosamente perduto. Lastricata di buone intenzioni (del dar voce a tutte le componenti ecclesiali) è la via che alla lunga ha portato a dar spazio anche a realtà ambigue, incluso il Cammino, che vi gode di uno spazio pubblicitario di diverse centinaia di pagine.

Pagine nelle quali i "post" in cui si rivolge qualche appunto all'opera di Kiko vengono "tamponati" da esperti neocat alquanto abili col politically correct. Sempreché gli interventi non vengano cancellati (basta trovare un appiglio e si può mobilitare qualche moderatore "amico" o succubo: lo stesso regolamento del forum, per forza di cose, promuover l'atteggiamento "ecclesialmente politically correct").

A farci caso, questa è la stessa dinamica di tanti ambienti ecclesiali. Di fronte ad una massa rumorosa e "potente" che grida "siamo approvati", prima o poi qualcuno finisce per concedere spazi facendo finta di non vedere ambiguità e problemi. Ed il paradosso è che per garantire uno spazio ai cosiddetti "tradizionalisti" si finisce per garantire lo stesso spazio (anzi, di più) a gente che può vantare una qualche "approvazione"...


Aggiungo poi che quando un'anima avverte forte il dolore e la delusione, spesso sceglie senza troppo ragionare le orecchie a cui rivolgere il proprio lamento.

Non troppo tempo fa, per problemi di ordine spirituale, tu -parlo in generale- avevi l'amica suora o monaca a cui poter confidare cose che non saresti stata capace di confidare al marito o alla madre; avevi l'amico prete a cui potevi confidare cose che pensavi nessuno al mondo avrebbe potuto risolvere o almeno capire.

Dico questo non per definire scriteriato l'autore della testimonianza, ma per dire che i suoi dubbi e le sue delusioni meriterebbero orecchie migliori delle mie e che il forum "Cattolici Romani" probabilmente non è il miglior areopago da cui parlare.

Se in buonissima fede un suo buon fratello di comunità gli si rivolge per farlo tornare al kikismo-carmenismo, può forse sperare di trovare miglior consiglio in quel forum?

Nel leggere il suo intervento ho notato che ha elevato le stesse identiche osservazioni sul Cammino che da anni e anni e anni si fanno ovunque nel mondo.

Proprio per rispetto al suo dramma, avevo voluto ripubblicarle qui sul blog, proprio qui dove tanti altri hanno testimoniato le sue stesse cose, proprio qui dove abbiamo riportato tantissime volte testimonianze praticamente uguali alla sua. Non per trasferire qui la discussione, ma per avviarne un'altra, per far riflettere altri neocatecumenali anche in un futuro non proprio prossimo (ricordiamoci sempre che le pagine di questo blog sono tutte raggiungibili dai motori di ricerca ed è quindi normale che qualcuno incontri questo blog prima attraverso vecchissime pagine e poi, solo dopo, sulle ultime pubblicate).

Il Cammino Neocatecumenale ha già perso questo giovane di 23 anni. Se pure rientrasse nella comunità, quegli interrogativi emergeranno di nuovo con forza. E nel Cammino - lo sappiamo bene tutti, specialmente coloro che si professano neocatecumenali di lungo corso - nel Cammino non c'è spazio per chi considera il Papa più importante di Kiko, per chi considera la Chiesa più importante del Cammino, per chi considera il Sacramento più importante della chiassata da osteria.

María ha detto...

Cómo me duele que otras personas al igual que yo hayan sido maltratadas psicológica y espiritualmente en el Camino. Yo estuve 23 años y recién me he salido por esas agresiones antes citadas. He tenido que buscar ayuda espiritual y psicológica y también otro grupo de la Iglesia, para conocer a Jesucristo resucitado, y no un Jesucristo que se quedó solo en el sufrimiento y entre más se sufra mejor está la persona sin ver el "verdadero significado del sufrimiento" y mucho menos ver la misericordia de Dios que quiere que también sus hijos vivan felices. Igualmente yo me he refugiado en la eucaristía, la visita al Santísimo y la oración; y todavía tres años después no estoy en un %100 sana psicológicamente.
Lo que sucede con el Camino, es que la madre Iglesia no quiere corregir este movimiento y lastimosamente tiene muchos cardenales y obispos que parece tratan de ocultar los errores que el Camino tiene y no llevarlos a conocimiento del Papa. Recordemos mucho las profecías marianas, de que el demonio se metería en lo sagrado de la Iglesia y parece ser que esto va muy bien con el Camino. Es doloroso haber vivido experiencias negativas dentro de él, sobre todo de agresión, y que, aún hoy traten de ocultarse. Esto se asemeja a los abusos sexuales que se han cometido dentro de la Iglesia. Es por eso que yo digo que, a pesar de que el Camino tiene grandes errores, más erróneo y dañino es la posición que toma la Iglesia ante estas actitudes de un movimiento y que todavía más dañino sea ponerlo como parte de la Nueva Evangelización. No todo lo que se diga que es obra del Espíritu Santo viene del Espíritu Santo.

Lino ha detto...

P.S.
Dimenticavo: dopo l'intervento di un giovanotto ancora non diplomato di nick "evergreen", che intervine sul sito dei disertori, per evitare miei ulteriori commenti, il thread sulla croce rovesciata fu chiuso. Dal male nasce il bene: ho capito quale arroganza e incapacità di dialogo è stata sobillata in costoro.
P.P.S.
@ Emma Sono curioso di sapere se il moderatore super catechista sia lo stesso intervenuto nel thread della croce rovesciata:
http://www.cattoliciromani.com/forum/showthread.php/croce_rovescio_giovanni_paolo_ii-43634.html

Lino ha detto...

P.P.P.S.
@ aleCT, intendevo in relazione al supercatechista.

aleCT ha detto...

@Lino
alla luce del thread (che io avevo visionato di sfuggita è che era lungo ben più di 2 pagine) la persona non è la stessa...

Lino ha detto...

@ aleCT
Allora i moderatori neocatecumenali in CR sono ben più di uno. E, bisogna dirlo, nella sezione "Ecumenismo e Dialogo" preferiscono interagire con gli gnostici, coi musulmani e con gli atei, anziché con i cattolici che non credono, come Kiko Arguello, che la Chiesa abbia bisogno dei Giuda e delle omega rovesciate. Magari, siccome ancora ho le mie credenziali di accesso, tra qualche tempo pubblicherò un thread dal titolo: "La valenza del segreto nelle conventicole gnostiche" :-)
Ciao e grazie della risposta.

aleCT ha detto...

Mizzica, ma si rendono conto di quello che scrivono?

Guardatevi l'ultimo commento.

"Caro In hocSignovinces, gli scrutini sono predisposti dalla Santa Madre Chiesa a vantaggio i tutti coloro che dovranno ricevere il Battesimo o, se battezzati, riscoprire il valore di questo sacramento e gli impegni che ne derivano (impegni presi dai genitori e dai padrini nel caso di bambini).
Tali scrutini, alle volte, assumono un carattere drammatico in quanto sono dei veri e propri esorcismi con i quali al demonio é intimato in nome di Cristo di arretrare.
Questo é uno dei comandi principali impartiti da Gesù agli apostoli ed ai loro successori.
Negare questo non é soltanto riprovare il Cammino, ma la Chiesa.

Voglio anche dirti un'ultima cosa. Se sei confuso, non fare nessuna scelta, continua sulla via del Cammino. Quando avrai le idee chiare, allora puoi prendere la tua decisione con discernimento, senza poi doverti pentire.
In definitiva, nessuno ti vieta di partecipare contemporaneamente ad altre realtà ecclesiali. Sono sicuro che, se agisci con impegno, ti accorgerai che non c'é nessuna differenza sostanziale tra queste ed il Cammino.

La Pace. Gaetano"

"Alle volte lo scrutinio diventa un vero e proprio esorcismo"??

Ma almeno lo sanno che un esorcismo va fatto da un sacerdote (che deve essere designato dal vescovo).

Adesso il catechista fa anche l'esorcista? A quando il potere di emanare encicliche e dire messa?

Scusate la battuta, ma è veramente inverosimile.

Anonimo ha detto...

Salve. .. quello che io posso suggerire è di dare una possibilita 'a tutti questi ex neocat. di trovare un conforto, aiuto, consulenza, assistenza, orientamento. Questi exneocat. hanno bisogno di aiuto. Noi siamo in grado di mettere insieme le nostre risorse come una squadra e possiamo offrire a loro una soluzione e sono sicuro che in futuro più di loro abbandonerano CNC. Se in ogni comunità NC ci sarà almeno una persona che abandona e noi li accogliamo, offrire la guida, sono sicuro che altri seguiranno. Consentite di creare un'associazione, un luogo specifico, una linea telefonica, un sito web solo per offrire una guida a questi exneocat. Parlare e scambiare opinioni su un blog non potrebbe raggiungere o offrire alcun aiuto a tutti loro. Abbiamo bisogno di fare pubblicità che essite un luogo specifico dove possono andare per essere aiutati. Cosa ne pensate? Sono in attesa di idee.Grazie.

by Tripudio ha detto...

Penso che certi soggetti neocat bisognerebbe proprio ringraziarli, perché con la loro boria confermano (tranne che agli occhi dello sprovveduto) tutto quello che si è sempre osservato sul Cammino.

Tutte le volte che pomposamente definiscono "un dono per tutta la Chiesa" qualcuno degli strafalcioni di Kiko e Carmen, mentre indubbiamente fanno colpo sullo sprovveduto, altrettanto indubbiamente suonano un campanello d'allarme alle orecchie di chi sa che il "dono per tutta la Chiesa" è un padre Pio o un don Bosco, è una santa Teresa o una santa Francesca, è un don Orione o un padre Kolbe... e quindi vorrà vederci chiaro su questo novello "dono per tutta la Chiesa" goduto dai soli neocatecumenali.

E poi sappiamo bene come va a finire: chi entra nel Cammino sente solo una delle due campane; chi invece cerca di saperne di più sui neocat finisce per scoprirne gli altarini.

Perplesso ha detto...

Gli scrutini così come avvengono nel cammino neocatecumenale sono una delle tante zone d`ombra sulle quali i nostri Pastori sembrano non voler far chiarezza, e non mi si venga a dire che non sanno, SANNO ma TACCIONO.

Sono tante, troppe, le testimonianze concordanti, ma anche senza le testimonianze basta riferirsi allo statuto del cammino neocat che prevede quello svuotamento dei falsi concetti di sè e di Dioper scoprire la propria natura di peccatore.

Quell`articolo avrebbe dovuto allarmare da subito la vigilanza di chi aveva la responsabilità di studiare e poi approvare lo statuto.
E invece no, malgrado il rischio altissimo e evidente di agressione del foro interno dell`adepto e conoscendo il potere esercitato dai catechisti nel cammino nc, niente è stato fatto e niente è fatto per proteggere gli adepti e sorvegliare da vicino l`attività dei catechisti.

E così ci troviamo con sempre nuove testimonianze, come quella di Maria che ci scrive in spagnolo, con un neocat che paragona lo scrutinio ad un esorcismo.
Gli scrutini, così come sono fatti nel camnmino neocatecumenale, sono una vera e propria violazione del sacrario della coscienza, sono un`agressione dell`intimità della persona, è semplicemente scioccante e intollerabile che ciò possa esistere nella Chiesa cattolica.

Perplesso ha detto...

Gli scrutini così come avvengono nel cammino neocatecumenale sono una delle tante zone d`ombra sulle quali i nostri Pastori sembrano non voler far chiarezza, e non mi si venga a dire che non sanno, SANNO ma TACCIONO.

Sono tante, troppe, le testimonianze concordanti, ma anche senza le testimonianze basta riferirsi allo statuto del cammino neocat che prevede quello svuotamento dei falsi concetti di sè e di Dioper scoprire la propria natura di peccatore.

Quell`articolo avrebbe dovuto allarmare da subito la vigilanza di chi aveva la responsabilità di studiare e poi approvare lo statuto.
E invece no, malgrado il rischio altissimo e evidente di agressione del foro interno dell`adepto e conoscendo il potere esercitato dai catechisti nel cammino nc, niente è stato fatto e niente è fatto per proteggere gli adepti e sorvegliare da vicino l`attività dei catechisti.

E così ci troviamo con sempre nuove testimonianze, come quella di Maria che ci scrive in spagnolo, con un neocat che paragona lo scrutinio ad un esorcismo.
Gli scrutini, così come sono fatti nel camnmino neocatecumenale, sono una vera e propria violazione del sacrario della coscienza, sono un`agressione dell`intimità della persona, è semplicemente scioccante e intollerabile che ciò possa esistere nella Chiesa cattolica.

mic ha detto...

Cómo me duele que otras personas al igual que yo hayan sido maltratadas psicológica y espiritualmente en el Camino. Yo estuve 23 años y recién me he salido por esas agresiones antes citadas.

Gracias, Maria!

Abbiamo ascoltato anche la tua voce con attenzione ed affetto

Dios te bendiga!

Anonimo ha detto...

Mi spiace per Lino ma, pur essendo piuttosto informato su Cattolici Romani, non mi sembra proprio che ci sia un moderatore supercatechista, e certamente non ce ne è più di uno. Mentre sono sicuro che ci sono persone appartenenti ad altri movimenti cattolici e anche tradizionalisti. Io, personalmente, non ho mai riscontrato problemi. Certo, i moderatori non sono infallibili, possono sbagliare, anche perchè hanno molto da fare. Ma di qui a pensare ad una sistematica censura ideologica, ad un forum neocatecumenale o altro ce ne passa...
Sarebbe il primo forum NC con aree dedicate alla Messa tridentina, incredibile :-D
P.S. A me sembra che i moderatori più bravi, come Vox Populi, siano sempre ben presenti sul forum. Ciao!

mic ha detto...

Rispondo all'ultimo Anonimo facendo presente che non ho pubblicato, perché svianti dal nostro discorso, i molti post che arrivano per smentire che il Forum Cattolici Romani sia stato catturato dai NC...

Ebbene, già tutte queste excusationes non petitae mi sembrano evidenti accusationes manifestae.

Che nel Forum ci siano altre presenze quando continua a chiamarsi "cattolici romani", vorrei ben vedere! Ma questo non esclude che sia pesantemente 'pilotato da una ciurma NC: lo dimostra l'esperienza di Lino, le molte altre censure riguardanti proprio il Cammino, il fatto che la mia iscrizione sia stata eliminata e non me ne sia concessa una nuova e, infine la trasformazione dei contenuti da critici, come sono sempre stati, in apologetici del Cnc!

I riferimenti alla Tradizione non dimostrano nulla e sono ininfluenti; anzi, se li mettiamo il relazione ad altri indizi:

1. La Casa Editrice Fede & Cultura, che notoriamente privilegia testi tradizionalisti, è diretta da un NC

2. il vescovo Rey, che ha aperto le porte al VO (uno dei pochi), è uno di quelli che vanno a farsi evangelizzare da Kiko Arguello alla Domus Galileae

3. Ci sono diversi altri vescovi, soprattutto francesi, aperti all'Antico Rito che ci risultano allo stesso modo "double face"...

La conclusione da trarre è duplice: mentre continua e si affina sempre più la subdola opera di mimetizzazione del cammino con la Chiesa cattolica, continua anche l'altrettanto subdola invasione per inquinare dal di dentro.

Ebbene, io non posso sapere come, ma una sola cosa so: "non praevalebunt"!!!

Anonimo ha detto...

Scusa, ma excusatio non petita de che? :-) Tu porti una tesi, di accusa, io un'altra, di difesa. Mi sembra legittimo, non ti pare? Come è legittimo pensarla diversamente.

Allo stato attuale, lo ribadisco, non si può proprio dire che ci siano più moderatori neocatecumenali, e anche se può esserci stata qualche "ingiustizia", qualche errore, di qui a dire che il forum è in mano ai NC ce ne passa!

Vedo ad esempio che si parla bene anche della Fraternità di san Pietro, o dei Benedettini, o di Rinnovamento. E' in mano a tutti questi? Non scherziamo :-) :-) :-).

Vedo poi che nella discussione di cui parlate ci sono pareri favorevoli e sfavorevoli al Cammino, quindi basta leggere per accorgersi del pluralismo...

Non penso poi che ci sia alcun collegamento con Fede e Cultura, nè col vescovo di cui parli. Ci saranno anche tradizionalisti amici dei NC, ma, in generale, c'è una certa antipatia.

Se poi il problema è che si lasciano parlare anche i favorevoli al Cammino beh...è un'altra faccenda, altrimenti come si fa a discutere? ;)

Insomma, secondo me hai una visione un poco complottista delle cose :-).

Mi spiace di dovermi mettere a fare l'apologeta di un forum che frequento, però ci terrei a specificare come vedo le cose. Ciao a tutti!

Lino ha detto...

@ Anonimo che ha detto...
"Mi spiace per Lino ma, pur essendo piuttosto informato su Cattolici Romani, non mi sembra proprio che ci sia un moderatore supercatechista, e certamente non ce ne è più di uno".
Se sei abbastanza informato su CR, allora spiegami perché accadono cose come questa:
@Lino
alla luce del thread (che io avevo visionato di sfuggita è che era lungo ben più di 2 pagine) la persona non è la stessa...

Il thread
http://www.cattoliciromani.com/forum/showthread.php/croce_rovescio_giovanni_paolo_ii-43634.html
era ben più lungo di 2 paginette, sono rimasti soltanto i commenti dei kikiani. In esso trovi un moderatore che, a proposito della croce capovolta, scrive:
"Confermo la Croce di Pietro"
e un altro neocatecumenale che mostra la croce della chiesa di San Pietro di Morbegno XIV secolo.
Con le censure quel thread è diventato una vergognosa mistificazione, perché io non avevo mai contestato che la croce capovolta potesse simboleggiare Pietro, avevo contestato che potesse simboleggiare i successori di Pietro e il Vaticano, oltre che essere nei nostri tempi ambigua.
Non so se ci siano supercatechisti moderatori, non l'ho scritto io per primo: è certo, però, che ci sono neocatecumenali che riescono a far censurare chi non la pensa come loro. E non si dica che hanno eliminato i miei interventi perché ero stato volgare o aggressivo, altrimenti pubblico gli MP di solidarietà che ho ricevuto da vari utenti e da un moderatore.
P.S.
Se conosci bene quel sito, giacché io l'ho frequentato per anni, sarebbe stato bene che tu avessi firmato col nick che in CR utilizzi, in modo da farti riconoscere. Io lo faccio.
P.P.S.
La censura su CR, e ancor più della censura la chiusura dei thread scomodi, è all'ordine del giorno. Due anni fa con Maximus Illis partecipai a una discussione in Dialogo e Ecumenismo su Medjugorje, dove io pubblicai l'analisi testuale di un gran numero di messaggi divisi in tre grandi gruppi: del periodo dei "fraticelli apocalittici", di un periodo di transizione post-fraticelli, dal periodo di transizione post-fraticelli a due anni fa. Il thread non solo è stato chiuso, addirittura è scomparso!

Emma ha detto...

Conosco veramente poco il sito dei CR ma mi ricordo benissimo di esserci andata una volta ed aver scoperto con stupore che uno dei moderatori era "Veneranda",una vecchia conoscenza di questo blog che, se non vado errata, è catechista o supercatechista nc.

Il solo fatto che su un sito che si chiama "Cattolici romani" vengano bannati cattolici che non si uniscono al coro laudatorio pro-cammino è già di per sè sintomatico e rivelatore dell`orientamento di chi dirige quello spazio.

Anonimo ha detto...

"Sarebbe il primo forum NC con aree dedicate alla Messa tridentina, incredibile :-D"

C`è ben poco da ridere, se è vero, ed è vero, che la Casa Editrice Fede & Cultura, specializzata nella pubblicazione di libri e autori legati alla Tradizione, è diretta da un neocatecumenale, possiamo solo immaginare quali "tesori" di immaginazione i responsabili neocatecumenali sapranno ancora sviluppare nella loro opera di mimetizzazione.

Anonimo ha detto...

Ho letto la pagina sulla croce rovesciata su Cattolici Romani,non c`è un solo commento critico a quella foto scioccante di Giovanni Paolo II e all`uso di quel simbolo nel cammino neocat ma solo commenti che giustificano e apprezzano, e poi c`è chi viene a dirci che quel forum, o quella parte del forum, non è in mano neocatecumenale?

Fra l`altro ritroviamo in alcuni di quei commenti la solita e vergognosa strumentalizzazione del Papa con l`aggravante della menzogna, in effetti in un commento è detto che il Papa avrebbe apprezzato quel simbolo e lo avrebbe utilizzato diverse volte!
Ma che si vergognino!
P.

Lino ha detto...

@ AleCT che ha segnalato:
"Tali scrutini, alle volte, assumono un carattere drammatico in quanto sono dei veri e propri esorcismi con i quali al demonio é intimato in nome di Cristo di arretrare..."
Allucinante! Ma è un parere di questo tizio o lo ha appreso da qualche suo fratello neocat?

Freedom ha detto...

Il fatto che gli scrutini del cnc siano anche degli esorcismi e' fatto conosciuto e riportato nei famosi ''orientamenti...'', basta darsi la pena di leggerli. La non pubblicazione della forma ''emendata'' degli orientamenti e' un segnale della difficolta' se non vera e propria vergogna nell'esporre al pubblico ludibrio tale evidente accozzaglia di castronerie. D'altronde se ho torto e gli ''Orientamenti....'' sono stati profondamente modificati e resi piu' cattolici dai dicasteri vaticani: che siano pubblicati , non vi pare!?
In realta' il problema e' più grave e profondo: la Chiesa cattolica, dopo lo scandalo della pedofilia, accetta nel suo seno anche e non solo il cnc perche' questo nonostante le sue evidenti e pericolose storture offre migliaia di indottrinati e fanatici discepoli, seminari RM,un capitale economico ingente,ecc...ecc...
Purtroppo la ''medicina '' e' peggiore del ''male'' che si vorrebbe curare: questo e' il problema di cui fanno le spese i piccoli, stritolati da queste dinamiche superficiali, incoscienti e malsane.

mic ha detto...

Allo stato attuale, lo ribadisco, non si può proprio dire che ci siano più moderatori neocatecumenali, e anche se può esserci stata qualche "ingiustizia", qualche errore, di qui a dire che il forum è in mano ai NC ce ne passa!

stesso stile, stessa solfa di tutti gli interventi per difender il cammino. Così per negare che Cattolici Romani sia infestato dai neocat: negare, minimizzare, insistere ad oltranza contro ogni evidenza.

Scommetto che l'Anonimo, per lo stile con cui parla è un catechista!!!

aleCT ha detto...

Personalmente parlando mi chiedo: se ci fosse tanta "discussione" intorno a qlc altro movimento ci sarebbe questo "affannarsi"? Probabilmente sì, dipende dalla "sensibilità" di chi si occupa della moderazione.

Questo è il mio modestissimo parere.

Detto questo posso tranquillamente raccontare che il "blando ammonimento" è consistito in questo:

in pratica un utente lesse i miei interventi su quel thread e poi lesse un mio commento qua. Commento in cui dicevo: Sono in piena "battaglia", che ne dite di aiutarmi" Evidentemente si è risentito e, prima ha chiesto conferma a me in chat (ed io non avevo un bel niente da nascondere), poi ha copiato paro paro il mio commento sul thread con le reazioni che vi potete immaginare.

Di lì a poco mi è arrivata questa mail da "Veneranda"

"Aleale e altrove alect,
spero che tu non abbia scambiato questo forum per un campo di battaglia. Saluti (segue il nome)"

Io ho risposto semplicemente: "
non ho per nulla considerato il forum un campo di battaglia.
Suppongo abbia visionato i miei post e non penso ci sia nulla che possa essere considerato offensivo. Se invece ritieni che qlc ci sia ti invito a farmelo notare"

Nessuna risposta.

Poi l'utente di cui sopra mi ha chiesto perdono in chat..

Io francamente l'ho presa bonariamente. Quello che è successo a Lino mi pare leggermente più serio.

Nel frattempo il topic si è arricchito di una nuova interpretazione sulla mancaNza della pubblicazione degli statuti:

il Direttorio Catechetico (non piu' semplici orientamenti), e' nelle mani della Santa Sede? Se si (ovviamente lo e') perche' dite che Kiko contravviene ad una disposizione papale di pubblicazione, quando il Papa ne potrebbe disporre la pubblicazione in qualsiasi momento? Non ti viene il dubbio che la riservatezza e' convenuta?
Non ti viene il dubbio che la il Santo Padre condivida la conservazione dell'arcano?"

mic ha detto...

Si pregano i difensori ad oltranza del Forum cattolici Romani di astenersi dal protestare per la mancata pubblicazione sia delle segnalazioni che delle repliche.
E' evidente che, se le nostre riflessioni danno fastidio, abbiamo toccato qualche nervo sensibile e quindi dobbiamo dedurne che abbiamo valutato esattamente...

Ricordo che l'argomento di questa discussione è la drammatica testimonianza di un ragazzo preda di dubbi e incertezze...

by Tripudio ha detto...

Ho saputo (qualcuno può precisare/circostanziare meglio?) che stamattina a San Giovanni in Laterano a Roma c'era stata l'ordinazione dei "diaconi neocatecumenali": non sia mai che la festa neocat venga sporcata dalla presenza di "cristiani della domenica".

A Roma, come al solito, le ordinazioni diaconali e sacerdotali vengono fatte in due momenti distinti: quello dei neocatecumenali e quello dei "cristiani della domenica".

Emma ha detto...

"Di lì a poco mi è arrivata questa mail da "Veneranda"

Dunque non mi sono sbagliata, Veneranda è la vecchia conoscenza di cui parlavo.
Se Alect ha la pazienza e la voglia di risalire nel tempo troverà i "contributi" di Veneranda che, non credo di sbagliarmi, è un catechista se non supercatechista neocat, mi ricordo anche il suo ruolo di consigliere presso dei neocatecumenali che,servendosi dei contenuti di questo blog, volevano aprire un contro-blog, mi ricordo anche i suoi sofismi in cui eccelleva.
Una persona poco preparata può facilmente lasciarsi intrappolare nel muro di fumo costruito ad arte per confondere e accecare chi cerca la verità.

Anonimo ha detto...

Signor Veneranda (non Veneranda) non è un neocatecumenale, lo posso dire fondatamente... penso che vi state confondendo con qualche altra persona che ha un nick simile. I nick non identificano univocamente in rete...

mic ha detto...

Mitico Veneranda!

Ricordo i nostri match.
E quando, inventatosi l'ennesima sofistica intepretazione della channunkkiàh, non riuscì a trattenenersi dall'escamare: "questa volta ho superato me stesso!"

Ricordo che fu proprio lui, quando ancora ritenevo il dialogo possibile, a rifiutare ogni possibilità di mettere in discussione qualcosa del Cnc, con un netto quanto stroncante ed inequivocabile: "Non vogliamo, non possiamo, non dobbiamo", rispolverando, se non erro, la famosa frase di Pio VII...

Anonimo ha detto...

Salve a tutti, ieri ho letto La Tela del Ragno di Faustini e sono interessata a confrontarmi con voi. Una volta ero iscritta su un gruppo su Fb ma sono stata "cacciata" perchè troppo ribelle, dunque ritengo di potermi confrontare apertamente con voi a motivo della mia libertà interiore da qualunque costrizione psichica.
Ieri ho provato a pubblicare un commento ma non è stato "approvato" forse, non so... E' possibile scrivere su un forum creato appositamente cosi da non dover aspettare per leggere le risposte? Attendo risposta, grazie :-)

mic ha detto...

il tuo commento di ieri è stato pubblicato su un vecchio articolo nel quale lo avevi postato e ti è stato anche risposto.
Se desideri confrontarti vuoi dirci cosa ne pensi della testimonianza che stiamo commentando?

Luisa ha detto...

"Non ti viene il dubbio che la riservatezza e' convenuta?
Non ti viene il dubbio che la il Santo Padre condivida la conservazione dell'arcano?"


PIANTATELA di STRUMENTALIZZARE IL PAPA!

Quel che vuole il Papa lo sappiamo, K.Arguello lo sa, il PCL lo sa, i vescovi lo sanno,il PAPA VUOLE LA PUBBLICAZIONE.
Ma in fondo, e in realtà, il Papa non potrebbe voler altro perchè l`ARCANO NON ESISTE nella Chiesa cattolica, il PAPA SA CHE NON PUÒ ESSERCI nella Chiesa un itinerario di formazione che conserva segreti i suoi testi.
I testi formativi cattolici sono TUTTI disponibili, li si trova anche su internet.

A meno che si voglia ammettere che il PCL ha approvato un gruppo settario con metodi e struttura simili ad una loggia massonica e che il Papa non abbia nulla da dire e abbia cambiato idea accettando l`idea di un gruppo iniziatico esoterico nella Chiesa.

Ma SAPPIAMO CHE COSÌ NON È, conosciamo Benedetto XVI, sappiamo quanto il suo insegnamento sia basato sulla trasparenza, sull`importanza della comunicazione, della discussione, della condivisione, vi ricordate senza dubbio come ha incitato i giovani a formare gruppi di discussione, di riflessione, basandosi sui testi della Chiesa, servendosi anche di internet.

No, il problema è altrove e sembra essere un grande e grave probema per tutta la Chiesa, il nostro Papa non riesce più ad imporre la sua volontà e per quel che riguarda il cnc quel problema si manifesta in modo drammaticamente palese, sia per la liturgia, sia per la pubblicazione del direttorio catechetico.

Noi possiamo solo constatare queste gravi anomalie e denunciarle ai nostri Pastori, consapevoli della nostra impotenza ma anche consapevoli che c`è CHI tutto sa e tutto vede, in LUI confidiamo.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
aleCT ha detto...

Oggettivamente poco me ne cale dell'estrazione di tizio o di caio.

Ora come ora mi importa di più di questo ragazzo, il quale ha tutte le mie preghiere.

Per il resto la volete sapere la "tranvata" che arriverà e che dovrebbe zittirci tutti (a detta del caro lvvl con il quale ho avuto un colloquio la cui parte finale non credo che verrà pubblicata sul suo blog)?

Sarebbe "un documento che spiegherà ancora meglio come dovrà essere applicato e attuato il Cammino per evitare interpretazioni sbagliate e soggettive"

IO NON VEDO L'ORA CHE ESCA.

Lino ha detto...

@neocat al quale Luisa ha detto...
"Non ti viene il dubbio che la riservatezza e' convenuta?
Non ti viene il dubbio che la il Santo Padre condivida la conservazione dell'arcano?"
La conservazione dell'arcano?


No, non viene questo dubbio. A meno che lei - citando fonti storiche cristiane (e non gnostiche) chiarissime sull'argomento - non riferisca quando mai la Chiesa Cattolica ha conservato gli arcani all'interno di gruppi "separati".
Dal mio punto di vista, cito nuovamente una conventicola che, nei nostri tempi, conserva i segreti, guarda caso con le stesse motivazioni del CNC:
Il Segreto
Il termine deriva dalla parola latina che ha il senso di “scegliere, separare”. E sottende la necessità di separare la realtà del lavoro di Loggia da quella profana. Il metodo educativo massonico è graduale, per successive iniziazioni... Il segreto dell'Arte Reale, consegnato da tempi immemorabili alle fraternità iniziatiche, è riservato a chi riesce a percepirlo attraverso i Simboli ed i Riti.
...Portare al di fuori della Loggia forme e contenuti del lavoro svolto in essa li snaturerebbe.
Potrebbe togliere loro senso, o peggio, travisarlo (tratto dai "Doveri prioritari", Gran Loggia d'Italia degli antichi liberi accettati Muratori)

Magari, prima di rispondere, sostituisca il sintagma nominale "Il segreto dell'Arte Reale" con "L'arcano della Nuova Estetica". Sa, arte ed estetica, per un pittore, quasi sono sinonimi.

P.S.
Un giovanotto, presente sia nel sito dei censori sia in quello dei disertori, confessò: "io non so che cosa sia lo gnosticismo". Studiatelo e, nel frattempo, astenetevi da ogni commento. Poi, magari, quando sarete all'altezza, potremo riparlarne.
Una risposta accettabile, casomai, se la faccia dare da SignorVeneranda, riferendogli che la domanda la pone Lino, che lo saluta con simpatia. Riferite citazioni da testi del cristianesimo primitivo, virgolettate con nome dell'autore e dell'opera, non chiacchiere general-generiche.

Lino ha detto...

@ "Signor Veneranda (non Veneranda) non è un neocatecumenale, lo posso dire fondatamente... penso che vi state confondendo con qualche altra persona che ha un nick simile. I nick non identificano univocamente in rete..."
Non so. Per me lo è, anche se quelli suoi sono interventi più in alto di una spanna rispetto a tanti altri stupidi commenti e censure:
http://www.cattoliciromani.com/forum/showthread.php/cammino_neocatecumenale-37278p401.html

Anonimo ha detto...

complimenti insistete nella pubblicazione NON completa di post su altri forum per asseverare tesi, siamo all'onanismo da voyerismo.

by Tripudio ha detto...

Continuano a fioccare commenti (generalmente furiosi) da parte di alcuni sedicenti frequentatori del forum sopra citato.

Ora dobbiamo perfino spiegare ai sopracitati "forumisti" che un "forum" è fatto sì dagli interventi dei suoi partecipanti, ma è fatto anche e soprattutto dalle decisioni dei suoi "moderatori" che di fatto dettano la linea.

Se in un bicchiere di latte ci finisce una goccia d'acqua, quel latte puoi ancora farlo bere a tuo figlio?

E se invece di una goccia d'acqua ci è finita una goccia di veleno, potrai ancora chiamarlo "quel buon latte" senza nessuna smorfia di disgusto e di dolore?

E se quel veleno vantasse "approvazioni" e certificazioni varie, ma tutti quelli che conosci che lo hanno bevuto si son sentiti malissimo... che impressione avrai del latte inquinato anche da quella sola goccia?

Quindi, se qualcuno ha da ridire sul vostro forum, mettete da parte i riflessi condizionati e provate per un solo minutino a ragionare su quale sia davvero il problema che qui stiamo evidenziando: il problema è il "forum" in sé, oppure la goccia spirituale velenosa?

Io sono personalmente convinto che il Cammino è un "dono dello Spirito".

Però siccome non sono tonto, so benissimo che gli strafalcioni dottrinali non possono provenire dallo Spirito. E nemmeno le pagliacciate liturgiche. E neppure la disobbedienza mascherata da obbedienza. E nemmeno l'atteggiamento da setta, e tutto il resto.

Tutte queste cose inquinano il "dono dello Spirito" in maniera gravissima. Siete voi in grado di dimostrare il contrario?

Dareste a vostro figlio un bicchiere di latte con anche una sola goccia di veleno?

Il problema non è il "forum" in sé, ma ciò che vi viene ospitato.

mic ha detto...

Signor Veneranda (non Veneranda) non è un neocatecumenale, lo posso dire fondatamente... penso che vi state confondendo con qualche altra persona che ha un nick simile. I nick non identificano univocamente in rete...

ma chi vuoi prendere per i fondelli?
Se ci abbiamo discusso per anni e ci ha inondato della sua cultura, venendo messo ripetutamente all'angolo perché riuscivamo ad estrarre col bisturi del discernimento quel che di sviato le pieghe dei dotti discorsi nascondevano.

Del resto basta ripercorrere a ritroso le pagine di questo blog.

E, poi, amici miei, non vi pare spassosa (per non dire altro) la precisazione: "Signor Veneranda" (che è il nick completo effettivo del personaggio), il che mi pare un riconoscimento esplicito con un alone anche di 'rispetto', per poi subito dopo smentire che sia un neocatecumenale?

Che dire di questa comunicazione "doppia", oserei dire schizofrenica?

mic ha detto...

complimenti insistete nella pubblicazione NON completa di post su altri forum per asseverare tesi, siamo all'onanismo da voyerismo.

insulto meschino e ripugnante con termini che sono lo specchio di chi li usa...

Come poi se il fenomeno del "rimbalzo" dai vari Forum e blog non fosse cosa usuale sulla rete e come se non avessimo dato le ragioni della nostra citazione munita di tanto di link per correttezza e completezza per i lettori...

E, poi, questa operazione di pubblicare stralci del nostro blog, non è lo sport preferito dei nostri monitoratori indefessi con tanto di Alessio (uno, nessuno e centomila) senza più maschere al seguito?

E poi ancora non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra una osservazione alla "Signor Veneranda" ;)

Anonimo ha detto...

Continuate a confondere Signor Veneranda, con questo tale Veneranda che potrete conoscere anche benissimo e perfettamente, ma è un'altra persona. Come ho detto, i nick non sono univoci. Per il resto è sotto gli occhi di tutti il pluralismo su quel forum, oggi ho visto interventi non favorevoli ai NC, sono lì, e rimangono. Come mai? Evitiamo di costruire castelli di carte, CR non è un forum neocatecumenale.

mic ha detto...

Adesso siamo al ridicolo...
Come mai tanta insistenza e tanto interesse per escludere che CR sia stato occupato dai neocatecumenali?

Lo ripeto. Dobbiamo aver toccato un nervo scoperto.
Quanto al "Signor Veneranda" perché continuate a tirarlo in ballo?

Che ve ne cale?
Che ce ne cale a noi?

aleCT ha detto...

x l'ultimo anonimo.

A quale ti riferisci?

Lo ripeto, personalmente parlando mi interessa di più di quel ragazzo, ma porca miseria, quando si dice che durante gli scrutinii "a volte" ci sono esorcismi posso dire che la cosa mi colpisce?

Posso dire che è pazzesco dire una cosa del genere? Ma l'esorcismo chi lo faceva? Il sacerdote che era lì presente? Ma lo sanno che non ci si improvvisa esorcisti?

E sopratutto si rendono conto che dire: "se rifiuti gli scrutinii (con annessi eventuali esorcismi fatti da chi non si sa), rifiuti la Chiesa" è una solenne stupidaggine?

Ma sopratutto si può dire che liquidare questo ragazzo con un : "stai attento, non tirare troppo la corda sennò ti fai male" (qlc altro direbbe "stai attento, sei fragile, perderai la fede") è qlc che mi disturba profondamente?

Mica ha detto: "non voglio più entrare in una chiesa in vita mia"!

Ha detto: "sono andato ad una messa "normale", mi sono confessato e mi sono sentito in pace con Dio senza l'indispensabile supporto della comunità"

Che ha fatto di male? Che direbbe un super catechista con 25 anni di cammino di fronte ad una testimonianza del genere?

Che è un debole? Che non ha fede? Che non si è convertito?

Su questo ci si dovrebbe confrontare. (e non se il veneranda è quello o non è quello. obiettivamente me ne frego)

Lino ha detto...

@ by Tripudio ha detto...Continuano a fioccare commenti (generalmente furiosi) da parte di alcuni sedicenti frequentatori del forum sopra citato.
Buona, questa! E perché questi frequentatori, per quanto mi concerne, anziché fioccare commenti furiosi altrove, non lanciano un altro thread dal titolo "La croce rovesciata dei Papi"? Magari potrei intervenire sotto gli occhi di tutti. Non lo fanno, forse, perché sanno che i loro moderatori - Signor Veneranda compreso - non lo consentirebbero. O no?
Domani leggerò la sezione "Dialogo e ecumenismo", un vero e proprio arcano che chiude le proprie porte quando non gli conviene.

Trovo, naturalmente, sopra tutto, encomiabili le riflessioni di aleCT. Qui c'è gente che intende avvicinarsi a Cristo e addirittura viene esorcizzata! Cosa dire di più?

preoccupato ha detto...

Vi chiedo un favore:
se pregate per la mia fidanzata che è in convivenza del secondo passagggio e ora sta facendo lo scrutinio...
Io ho appena recitato un Rosario e so che la Vergine Madre di Cristo ha ascoltato la mia preghiera.
Vorrei solo chiedere di unire le vostre preghiere alla mia perchè Dio possa sostenerla e le faccia superare questa "prova" nel miglior modo possibile.
Grazie

mic ha detto...

Ciao Preoccupato,
contaci!

by Tripudio ha detto...

L'ultima foto a corredo di questa pagina mostra un evento significativo: Kiko, nell'andare a fare la Comunione, ci va a "braccia conserte", un evidente atteggiamento di fastidio e di sfida, come hanno fatto notare diversi ecclesiastici a suo tempo.

Magari Kiko era indispettito dal fatto che è dovuto alzarsi e andarci a piedi, anziché aspettare comodamente seduto (e con chitarrella) che gliela portasse un qualche cameriere liturgico.

Certo ricevere il Santissimo dalle mani del Papa (dalle mani del Papa!) e comportarsi in quel modo, con atteggiamento di sfida e dispetto proprio nei confronti di quel padre che ti vuole accogliere... è significativo!

E se Kiko fin persona si comporta così, che idea si faranno del Papa gli adepti del Cammino?

Anonimo ha detto...

Ho saputo (qualcuno può precisare/circostanziare meglio?) che stamattina a San Giovanni in Laterano a Roma c'era stata l'ordinazione dei "diaconi neocatecumenali": non sia mai che la festa neocat venga sporcata dalla presenza di "cristiani della domenica".

A Roma, come al solito, le ordinazioni diaconali e sacerdotali vengono fatte in due momenti distinti: quello dei neocatecumenali e quello dei "cristiani della domenica".




Si io posso precisare/circostanziare meglio...i neocatecumenali non hanno fatto tutto da soli, ma innanzitutto la celebrazione è stata fatta alle ore 17.00, presieduta dal Cardinal vicario Agostino Vallini e presenti 4 Diaconi del CN, 4 del Seminario Romani e uno del Capranica. Non mettere in giro voci false anche se ti scusi prima con qualcuo può circostanziare meglio. Pace.

Lino ha detto...

@ anonimo che ha detto:
...presenti 4 Diaconi del CN, 4 del Seminario Romani e uno del Capranica
Posso contestare entrambi gli interventi, il tuo e quello del commentatore al quale ti sei riferito?
Ma siamo nella Chiesa Cattolica, oppure in un Consiglio di Amministrazione o in un Consiglio di Fabbrica, dove vengono nominati componenti appartenenti a diverse aree d'influenza societaria o sindacale? Un diacono dovrebbe essere un diacono e basta, senza ulteriori differenziazioni!
E' questo il problema che sta a monte di ogni altra sottigliezza e separazione.

aleCT ha detto...

@LIno

Fermo restando che differenziazioni non bisogna farne, credo che l'ultimo anonimo volesse semplicemente dire che le ordinazioni del CN non sono fatte in celebrazioni "separate" dal resto

mic ha detto...

Fermo restando che differenziazioni non bisogna farne, credo che l'ultimo anonimo volesse semplicemente dire che le ordinazioni del CN non sono fatte in celebrazioni "separate" dal resto

se è vero quel che Anonimo riporta. Perché fino all'anno scorso, come pure all'epoca Ruini, le ordinazioni diaconali NC, erano sempre fatte con rito separato (del resto il Rito non è lo stesso!). Quel che abbiamo sempre denunciato è anche l'allestimento di un altare posticcio (in S.Giovanni!) per l'occasione... Non ne sono sicura al cento per cento; ma credo che almeno questo ora sia evitato.

Lino ha detto...

@ aleCT ha detto...
Fermo restando che differenziazioni non bisogna farne, credo che l'ultimo anonimo volesse semplicemente dire che le ordinazioni del CN non sono fatte in celebrazioni "separate" dal resto

Perdonami, aleCT, ma io credo che Nomina sunt consequentia rerum e che l'aggettivo specificativo, nello specificare, già divida il genere nelle specie.

by Tripudio ha detto...

Continuano ad arrivare delle strane obiezioni, come questa che cito adesso:

...ritenerlo al soldo dei NC significa averlo letto assai poco...

Questa è la solita tecnica neocatecumenale: difendersi da un'accusa esageratissima (che non era stata elevata da nessuno, al più era stata fatta dell'ironia)... in modo da banalizzare tutte le altre accuse documentate e circostanziate.


Ed ancora, probabilmente dallo stesso autore:

...Personalmente non conosci NC...

Caro fratello neocatecumenale, noi conosciamo bene il Cammino. Proprio questa conoscenza (sia dall'esterno che dall'interno) ci permette di fare osservazioni così circostanziate.

Evidentemente cogliamo nel segno: se infatti dicessimo stupidaggini, dopo due risate vi annoiereste.

Invece siete sempre qui infuriati a commentare e a tentare di rettificare... usando i soliti trucchetti neocatecumenali come quello sopra descritto.

Freedom ha detto...

Il capo dei disertori (il quale ci legge avidamente) ha gettato spavaldamente il guanto della sfida tirando in ballo niente di meno che Giotto.
Caro Lvvfl mi fai veramente morire dal ridere.....sei la macchietta del catechista neocat!!!
Veramente impagabile....

Lino ha detto...

Recentemente qualcuno,vantando una cultura superiore,ha voluto, sul blog "Osservatorio sul Cammino Neocatecumenale secondo verità" "esaminare" alcuni quadri di Kiko Arguello etichettandoli come "esoterici" o demoniaci.Chiediamo a chi ha rivolto queste accuse al Cammino se non pensa che anche Giotto usasse segni esoterici o facesse dipinti demoniaci??

Incredibile! A Napoli, città che amo, personaggi simili li definiscono col nome di "Baccalà 'e 'ncopp' 'e Quartiere". Magari un'altra volta racconto la storiella post-guerra: Baccalà era uno che si dispiaceva quando non lo prendevano in giro.
A quale "esoterismo" di "Kiko che fa dipinti demoniaci" si riferisce questo tal Lvvfl, magari a quello del quadro col ragazzino con gli occhi tenebrosi e con la omega rovesciata? C'è un demonio, lì? E si permette di paragonare Kiko con Giotto, al cui diavolo nascosto - se tale è, se non è un effetto del tempo, se è non lo scherzo postumo di un restauratore - già è stato dato un senso nell'ambito delle credenze medioevali? E, se un senso è stato dato al demone nell'ambito di credenze diffuse, questo non è esoterismo, o sbaglio? Per gli occhi tenebrosi del bambino (non ardisco chiamarlo Gesù) ancora non c'è una spiegazione, o no?
Forse, però, Lvvfl crede che gli artisti esoterici siano quelli che dipingono diavoli nascosti o in bella vista. Bah! E' proprio vero che "un bel tacer non fu mai scritto" e che Baccalà faceva di tutto per essere "sfottuto"!

P.S.
Kiko, richiamalo, impediscigli di pubblicare in Internet! A ogni suo thread una decina di neocatecumenali scelgono altri cammini!

Lino ha detto...

Dal basso della nostra cultura diamo, in ogni caso, una personale interpretazione al nostro amico: qualora il demone sia stato dipinto da Giotto e non sia frutto di eventi successivi, una spiegazione la si può trovare nello scritto di San Francesco "Giubilo su quelli che fanno penitenza”. In esso possiamo leggere:
“E in qualsiasi luogo, tempo e modo l'uomo muore in peccato mortale, senza aver fatto penitenza e dato soddisfazione, se poteva darla e non lo ha fatto, il diavolo rapisce l'anima di lui dal suo corpo, con una angoscia e tribolazione così grande, che nessuno può sapere se non colui che la prova”.
Quel demonio, nascosto tra la scena della morte in basso e l'assunzione dell'anima del Santo in Cielo, manifesta tutta la sua impotenza. In quei tempi - occorre che il nostro amico kikiano sappia - i pittori non s'inventavano le scene, le concordavano con i dotti committenti religiosi, i quali in materia di teologia, religione e santi ne sapevano più degli artisti.

Anonimo ha detto...

Cari neocatecumeni: "quando hai un momento di difficoltà cosa fai? Cerchi Dio, quando tutti noi perdiamo un nostro caro ci facciamo delle domande ed è in quel momento che loro si insinuano. Capiscono che hai un tallone d'Achille, delle debolezze e delle fragilità, ti dicono "Ti vogliamo bene"». Cari neocatecumeni: SVEGLIATEVI !!!

Anonimo ha detto...

Caro Andrea: mi permetto di fare questa domanda e chiedere : quale è il suo problema? Ho analizato tutte le sue risposte/spiegazioni, ed è molto evidente che lei e d'accordo con tutte queste accuse presentate al CNC, ma lei fa di tutto per difenderla. E' inutile! Non voglio sapere se lei viene pagato o ricieve alcuni favori speciali per difendere CNC, ma, per favore, lei deve capire che siamo persone adulte con una mente sana e un nostro sano giudizio per notare che CNC sta commettendo gravi errori al livello morale, etico, sociale e cristiano. E 'tempo di accettare anche lei questa realta, ammettere i propri errori e di dire la veritą al NC e alla comunitą. Dio sia con voi con tutti voi perche avete bisogno!

Anonimo ha detto...

sono veramente allucinata!! sono una cristiana cattolica ed è veramente brutto leggere queste parole, soprattutto quelle di mic, all'interno della Chiesa ci sono molte realtà ed ognuno di loro guarda in una sola direzione Cristo! L'importante è poter avere l'opportunità e la fortuna di incontrarlo. Dio attraverso la sua parola nn mi insegna di giudicare, crociffiggere, offendere gli altri, alcuni vostri commenti mi hanno lasciato senza parole........Cristo nn vuole questo. Ed inoltre aggiungo che affermare questo significa anche sottovalutare il ruolo della Chiesa nn spetta a voi dire ciò che è sbagliato, nn spetta voi corregere ma è compito dello S.S che instruira la Chiesa in questo.

mic ha detto...

Cara cristiana cattolica allucinata,

dimentichi che la Chiesa non è un'entità astratta né è composta solo dalla gerarchia o dal Cnc, ogni credente cristiano e cresimato è pietra viva della Chiesa e appartiene al Corpo Mistico di Cristo, se "rimane" in Lui con fede viva e alimentata dai sacramenti.

Ho appena letto su un altro blog una citazione che non mi è nuova e la trascrivo qui:
diceva Dom Gueranger: “... quando il pastore si cambia in lupo, tocca anzitutto al gregge difendersi. Di regola, senza dubbio, la dottrina discende dai vescovi ai fedeli; e i sudditi non devono giudicare nel campo della fede i loro capi. Ma nel campo della Rivelazione vi sono dei punti essenziali dei quali ogni cristiano, per il fatto stesso di essere cristiano, ha la necessaria conoscenza e la custodia obbligatoria.”

aleCT ha detto...

"nn spetta voi corregere ma è compito dello S.S che instruira la Chiesa in questo"

MA BASTA CON QUESTA STORIA!
La finiamo di nasconderci dietro un dito? "non si deve giudicare"!

Come no! Peccato che poi, secondo la testimonianza di quel ragazzo(a proposito , visto che insisteva lo hanno accusato di essere un troll...io non ho parole..) i primi a giudicare siano loro.

La messa di "tutti"? BANALE
La GMG (eccettuata la veglia)? Roba per chi "non ha la fede matura"

E a chi domanda come si risponde? O si glissa oppure...NON DEVI GIUDICARE!

Neanche sulle minuzie puoi discutere. "ma Kiko non potrebbe chiedere a qlc di pi"istruito" per fare i canti"?

NO. Il cammino è così. Punto. O prendi tutto il pacchetto senza discutere o...