venerdì 9 marzo 2012

Nuova testimonianza dalla Sardegna: famiglia a rischio!

Pubblico questa testimonianza, perché emblematica. Ci sono molte grida di disperazione come questa anche nella nostre mail. La estraggo dal primo thread sulla Sardegna, perché è questo il clima quotidiano che si respira nelle comunità, non quello enfatizzato dalla pubblicità ingannevole:


Antonella da CZ scrive:

famiglia a rischio!
il presunto prete che guida questa comunità dove altro non fanno che il lavaggio del cervello è : ABOMINEVOLE. un prete e ve lo dico perchè in questa comunità ci sono stata 4 anni dove ti dicono devi venire alle catechesi, devi venire alle loro riunioni che altro non sono un modo di chiedere soldi in continuazione o dove ti dicono se il tuo datore di lavoro non ti dà i giorni lascia il lavoro che il Signore te ne farà trovare un altro ancora meglio. VERGOGNA dire magari ad un padre di famiglia di lasciare il lavoro e poi chi li mantiene loro???? per non parlare di un prete che si permette di dire ad un marito non stare con tua moglie ed i tuoi figli tu devi andare in comunità EBBENE io sto perdendo mio marito per colpa di questo schifo o che se tuo marito esce con un altra ma che è della comunità dov'è il problema fa parte della comunità o ti dicono è un disegno del Signore questo vi serve per crescere ...SONO NAUSEATA E DECISA DI DENUNCIARE TUTTO E TANTO ALTRO SCHIFO!!
08 marzo, 2012 21:25

Peccato che tante denunce e tante grida di dolore siano rimaste fino ad oggi inascoltate.
Christe, audi nos. Christe, exaudi nos!

33 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi, è venuto in mente qualcosa di simile accaduto nella mia parrocchia (non neocatecumenale) c'è una catechista E. che faceva tantissime cose tanto da stare più fuori casa che dentro. Il marito, cattolico ma che non ha avuto modo o voglia di sviluppare la sua religiosità (non mi permetto di criticarlo magari nei suoi limiti i suoi sforzi sono superiori dei miei) si era innervosito e la situzione di questa famiglia era un po degenerata. Il parroco ha detto ad E. di mollare un po di cose e dedicarsi di più alla famiglia. Perchè in quanto sposata la sua vocazione principale è il matrimonio e la famiglia deve aver la precedenza sulle altre cose. Ora la situazione è migliorata. E. è membro attivo e ottima risorsa della parrocchia ed è riuscita a trovare un equilibrio con la sua famiglia.

Io mi chiedo con che coraggio i sacerdoti nc e i catechisti osano portare divisione invece che unione in ambito familiare? Spero vivamente che non siano tutti così ottusi. Quando il Signore ci dice l'uomo non separi ciò che Dio unisce non si riferisce semplicemente al divorzio ma anche a questo tipo di atteggiamenti.

Ora mi chiedo se questi catechisti e questi presbiteri (che spero vivamente siano una minoranza) siano servi del Vangelo di Gesù o della dotrina di kiko.

Consiglio alle famiglie che si trovano in questa situazione di chiamare in causa il vescovo, è opportuno in quanto queste pseudo guide spirituali stanno esplicitamte andando a scontrarsi con un sacramento.

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

Procura audi nos! Procura exaudi nos!
Gesù lasciamolo stare

mic ha detto...

Per far intervenire la Procura ci vuole molto coraggio e prove inconfutabili, che non possano essere ribaltate dagli efficienti piazzisti camminanti.

E' giusto che nelle cose umane siamo noi a intervenire in base alla nostra coscienza e responsabilità; ma in caso di impotenza, invocare il Signore è quello che ci resta e che di sicuro non resterà inascoltato nei tempi e nei modi che Lui solo conosce.

Anonimo ha detto...

Ci sono sulle varie pagine dei siti, in cui si parla del Cammino neocatecumenale, numerose segnalazioni delle azioni (a volte che rasentano l'illecito ecclesiale) che i catechisti o pseudo, fanno, hanno fatto è putroppo continueranno a fare.Ora mi domando: Ma la chiesa, che fà? Possibile che siano tutte menzogn? Io personalmente ho assistito a parecchie azioni a volte molto arroganti, da parte dei catechisti. in Sardegna addiritura, si è arrivati a prevaricare i sacerdoti che avrebbero cercato di chiedere ai signori catechisti, ed ai loro vertici un comportamento veramente Cristiano. Cosa hanno ottenuto? Solo il loro trasferimento per lasciare il passo a parroci più miti ed accondiscendenti.Dal 2006 poi speciea Cagliari la situazione è scappata di mano, e questo grazie al beneplacido del ex Vescovo di Cagliari..Mons Mani, Perchè? Ma il Vaticavo che fà? Ora addiritura è di questi mesi, che la parrocchia del poetto, roccaforte del cammino a Cagliari, venga rinnovata in stile Neocatecumenale, senza tener conto dei poveri parrocchiani che forse del cammino, non ne vogliono sapere. Lavori ed affreschi in stile Arguelliano, e poi si dice che la chiesa è vicino allo stato italiano in questi momenti di crisi. Fermate questo scempio. Sua Santità metta un freno in nome di Dio.

by Tripudio ha detto...

Comunque vadano le cose in tribunale, resta il fatto che l'unica giustizia infallibile è quella divina.

Si può riuscire ad ingannare persino il Papa... ma non ci si può prendere gioco del Signore. Deus non irridetur!

Per cui, anche se il Cammino avanza di trionfo in trionfo (dove "trionfo" significa neocatecumenalizzazione delle parrocchie), non dimentichiamo

by Tripudio ha detto...

...non dimentichiamo che le opere fatte da mano d'uomo sono destinate a perire.

Padre Zoffoli disse che la nostra generazionea avrebbe assistito alla fine del Cammino proprio nel momento del più alto trionfo del Cammino.

Anonimo ha detto...

Bravo!Non potete continuare a mettere lettere scritte da malati mentali gravi. Come osate infangare preti comunità, fratelli famiglie sulal testimonanza di una pobera persona malata? SIETE DEI BUGIARDI!

mic ha detto...

Ah sì? Noi saremmo dei bugiardi?

E lei, per caso. è uno psichiatra, che è in grado di stabilire che una testimonianza, che riporta peraltro dati ricorrenti, è di una persona malata?

aleCT ha detto...

caro anonimo, il suo commento la qualifica. Taccia. Ci fa miglior figura.

Emma ha detto...

Penso che avete capito tutti che chi ci accusa di essere bugirdi è l`ineffabile vedetta permanente su questo blog, Pasquale.
Detto questo, detto tutto.

Anonimo ha detto...

Io sinceramente spero sia un nc in buona fede con una comunità atipica o magari solo ingenuo.

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

Sono F è voglio dire ad Anonimo che prima di definire una persona malata di mente bisogna guardarla in faccia e conoscerla. Anch'io le dico di farsi curare perchè il cammino le fa male!!!!!!!!!!!!!

Andrea cz ha detto...

caro F vorrei solo dirti che i catechisti vanno dicendo che le parole scritte dalla Sodano sono tutte false e che il suo è stato solo uno scoop, e che c'è già stata una sentenza che ha assolto questo pedofilo ti prego rispondimi

Lino ha detto...

@ anonimo che ha scritto:
"caro F vorrei solo dirti che i catechisti vanno dicendo che le parole scritte dalla Sodano sono tutte false e che il suo è stato solo uno scoop, e che c'è già stata una sentenza che ha assolto questo pedofilo ti prego rispondimi"
Riferisca ai catechisti che continuano a comportarsi in modo vergognoso. Dica loro che il problema non è l'innocenza o la colpevolezza del presunto pedofilo: il problema sono loro, che continuano a intervenire in una materia che non è di loro competenza. Anche se ci fosse stata un'assoluzione, la questione non cambia: c'era un'indagine penale in corso e i catechisti avrebbero dovuto evitare di intromettersi con iniziative di favoreggiamento di una parte. Il problema è che non sono catechisti, soltanto adepti che curano gli interessi di una organizzazione chiusa in se stessa.

aleCT ha detto...

Aggiungerei anche che questi "signori" hanno fatto il più grande sbaglio della loro vita: mettersi contro un padre che difende i suoi figli dalla violenza.

In nome di cosa?

Anonimo ha detto...

Bravo Lino sono F., il processo non è chiuso e dici bene che i genitori devono difendere i propri figli, domanda al signor Andrea se fosse stato uno dei suoi figli cosa avrebbe fatto lui??????????????

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo, vorrei citargli matteo 5

[21]Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. [22]Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna.

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

Bravo lino! Ora vi manderei in giro per il web a raccogliere le calunnie centuplicate in rete che avete sparso. Non era meglio parlare con i responsabili regionali del Cammino e far conoscere anche la loro opinione?

aleCT ha detto...

Certo che, per sparare certe menzogne, (tipo l'esito di un processo quando questo è ancora in corso)si deve essere assolutamente sicuri che nessuno andrà a controllare.

Cari catechisti di Catanzaro, la pacchia è finita.

mic ha detto...

Bravo lino! Ora vi manderei in giro per il web a raccogliere le calunnie centuplicate in rete che avete sparso. Non era meglio parlare con i responsabili regionali del Cammino e far conoscere anche la loro opinione?

1. non abbiamo riportato calunnie, ma un articolo di stampa e la testimonianza del diretto interessato

2. non risulta forse cosa i responsabili regionali e i catechisti hanno detto e fatto?

3. cercate di 'leggere' la realtà com'è e non sempre secondo la vostra griglia unidirezionale distorta!

mic ha detto...

Certo che, per sparare certe menzogne, (tipo l'esito di un processo quando questo è ancora in corso)si deve essere assolutamente sicuri che nessuno andrà a controllare.

E' vero Alect.

Penso però a quelle povere creature che anche dopo aver controllato continueranno a dar loro credito...

Inoltre, a prescindere dall'esito del processo, è il loro comportamento con la famiglia in crisi e le loro dichiarazioni raccapriccianti in nome di Dio quello che fa scandalo! E tutto e sempre strumentale al cammino!

aleCT ha detto...

"Bravo lino! Ora vi manderei in giro per il web a raccogliere le calunnie centuplicate in rete che avete sparso. Non era meglio parlare con i responsabili regionali del Cammino e far conoscere anche la loro opinione?"

Caro CORAGGIOSISSIMO anonimo, quale sarebbero le "calunnie"?
C'è un processo (che i catechisti, con doti di preveggenza evidentemente) danno per già chiuso quando invece non lo è

C'è un comportamento omertoso per il quale "non si deve dire nulla"

C'è un comportamento blasfemo (perchè dire che Gesù vuole uno stupro e che ti punisce se lo denunci si può definire solo così)

C'è una famiglia che è ABBANDONATA A SE STESSA. I loro fratelli l'hanno lasciata "cuocere nel loro brodo"

C'è un articolo di giornale che, se volete, si poteva smentire o quantomeno integrare.
Niente di questo è stato fatto.

SI E' PREFERITO CONTINUARE A MENTIRE.

E poi , quale sarebbe L'OPINIONE dei responsabili diocesani. Perchè, questi argomenti sono opinabili? Pensi che ci possa essere una qls GIUSTIFICAZIONE a tutto questo?

Coraggio, dimmi se c'è. E poi i cari responsabili regionali perchè non ci mettono la faccia e dicono QUA la loro "versione dei fatti"

Hanno messo Gesù Cristo in mezzo in quel modo! Cos'è, si ritengono al di sopra di Gesù Cristo?

E prendetevi le vostre responsabilità una volta per tutte!

Emma ha detto...

" Certo che, per sparare certe menzogne, (tipo l'esito di un processo quando questo è ancora in corso)si deve essere assolutamente sicuri che nessuno andrà a controllare."

O essere certi dell`esito del processo.
Siccome questa ipotesi suppone una giustizia corrotta, preferisco scartarla.

aleCT ha detto...

@Emma

in quel caso avrebbero detto: "state tranquilli , tutto si RISOLVERA' in una bolla di sapone"

Invece hanno detto che il processo era già chiuso.

Io propendo per la mia ipotesi.

Lino ha detto...

@anonimo 09 marzo, 2012 19:45 che ha detto: "Bravo lino! Ora vi manderei in giro per il web a raccogliere le calunnie centuplicate in rete che avete sparso. Non era meglio parlare con i responsabili regionali del Cammino e far conoscere anche la loro opinione?"
Incomincio a dubitare delle mie abilità linguistico-espressive. Tento una auto-rivalutazione, immaginando che, forse, sia lei ad avere problemi di comprensione.
Ma le è chiaro o no che da questa storia i catechisti e i responsabili del Cammino si sarebbero dovuti tirare fuori? Se c'è stato un pedofilo, il problema riguarda la polizia giudiziaria e i magistrati inquirenti e giudicanti, non il Cammino. I neocatecumenali avrebbero dovuto soltanto portare conforto alle parti in causa (magari anche all'imputato, nelle more del giudizio), in primo luogo ai genitori.
Delle calunnie sparse nella rete me ne frego altamente: un pedofilo è un pedofilo, ateo o credente, laico o membro del clero o neocat che sia; un bambino è un bambino. Al Cammino non mancano di certo le risorse per difendere la propria immagine. Chieda ai responsabili regionali di organizzare una conferenza stampa per dissipare i dubbi ingenerati dal recente articolo sulla Gazzetta del Sud.
Dubito che lo faranno. Qualora non lo faranno, io vi riterrò omertosi o vigliacchi asserviti alle disposizioni che vi giungono dall'alto.

Anonimo ha detto...

Sono F., Andrea cz non mi hai ancora risposto, cosa aspetti che gli illuminati dei catechisti ti dicano cosa mi devi dire??????

Emma ha detto...

Hai ragione, Ale.

Anonimo ha detto...

Anch'io sono F. Come mai F. dice di essere F. se anch'io sono F?
Di questo bisognerebbe parlare, non di altre lettere puntate.
E che diamine!
Il vero F.

Anonimo ha detto...

Cari catechisti, voi che avete ottenuto il perverso piacere, di lavare il cervello a preti, vescovi ed ad ingenui malcapitati.

Voi che nella società non siete nessuno, vi pavoneggiate con l'insulso potere ottenuto da Kiko in quei piccoli clan che strisciano come ladri nelle salette laterali o sottostanti alla Chiesa Madre.

Voi che dominate la vita delle persone scavandovi dentro pruriginosamente

Sappiate che tirare troppo la corda prima o poi potrà spezzarsi.

E con il cavolo dimostrerete che siete dono dello Spirito, e non l'ennesimo scandalo nella Chiesa.

In questo blog, i vostri allievi dimostrano una pessima preparazione dottrinale, sanno solo sparare cazzate senza avere argomenti per un confronto costruttivo si dimostrano ridicoli, si lasciano facilmente mettere a tappeto, oltre a danneggiare se stessi danneggiano anche il Cammino.

Dopo il lavaggio, cosa ci mettete nel cervello?? Paiella?

Anonimo ha detto...

Caro anonimo, lascio il commento come anonimo perchè anche F. non è vero quindi il tuo voler dire che anche tu sei F. mi fa ridere, e se non fosse per i miei figli ti darei nome e cognome!!!!!!

aleCT ha detto...

per l'anonimo delle 01.12

Te lo dico in siciliano: 'A COMU NON T'AFFRUNTI!"

Nino su MiL ha detto...

Scusatemi se metto all'attenzione la situazione della chiesa di Cagliari, ma tutto ciò lo faccio in un contesto di biblicita: un passo della Bibbia del profeta Ezecchiele dice così: ti porro sentinella della città , per le opere abominevoli che stanno facendo; Tù vai ed avvertili, che continuando su questa condotta farò abbattere sopra la citta, la mia ira......Se non lo farai sarai tu responsabile della mia Ira.. che si abbatterà su di tè
Ecco perchè chiedo che qualcuno intervenga, io personalmente li ho combatutti fino a chè non hanno iniziato a mettermi in condizioni di mollarli.
Sua Santità spero che veramente tutto ciò possa cambiare. Che Dio ci assista.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti sono un fratello di questa cammino e ho visto che nel mio gruppo ci sono dei fratelli fanno gruppetto che a parte , si sentono e fanno vedere che sono megloo dei altri ; e ti commandano come che fossero loro il Gesù e ti fanno sentire come che fossi un peccatore o sbagli . Il sacerdote è la parola che conta poco, comunota san.eligoo roma
.