venerdì 29 luglio 2022

Inviti di Inizio Corso (o SALDI di fine stagione?)

Lettera di invito alle Convivenze di Inizio Corso 2022 - 2023

Carissimi Fratelli,

anche quest'anno il Signore ci chiama ad un appuntamento per aprire il nuovo anno di evangelizzazione e di vita delle Comunità Neocatecumenali della nostra Diocesi.

Di fronte a tutti i problemi che ci stanno accompagnando in questo tempo: pandemia, guerra, crisi economica, eccetera, il Signore prepara un nuovo anno che sarà, come dice il salmo "una mensa in faccia a nostri nemici, perché io  possa abitare nella casa del mio Dio per molti anni" (Sl 23, 5-6).

Questo appuntamento non può essere trascurato o sottovalutato se vogliamo iniziare il nuovo anno nella volontà del Signore, rafforzati dal suo Spirito e in comunione con il suo Figlio Gesù Cristo.

E' quindi importante che tutti i fratelli invitati possano partecipare a questa convivenza nella quale vi trasmetteremo quello che avremo ricevuto  dai nostri catechisti  Kiko, Ascension e P. Mario e che voi, come catechisti riporterete alle vostre comunità, così da avere un solo spirito ed essere in comunione gli uni con gli altri.

Gli araldi di Kiko


Con un certo anticipo sul ruolino di marcia, anche quest'anno arrivano, a responsabili e catechisti delle Comunità neocatecumenali, gli inviti a partecipare alla Convivenza di Inizio Corso.
Noi abbiamo pubblicato alcuni capoversi di una fra le tante.
Notiamo che si attribuisce al Signore l'apertura di questo nuovo corso neocatecumenale come "una mensa in faccia ai nostri nemici" e in qualche modo anche la necessarietà di questo incontro: leggiamo infatti "questo appuntamento non può essere trascurato o sottovalutato se vogliamo iniziare il nuovo anno nella volontà del Signore".

E cosa assicura di iniziare l'anno "nella volontà  del Signore" e l'essere in comunione avendo il medesimo spirito?
Il  trasmettere "quello che avremo ricevuto  dai nostri catechisti  Kiko, Ascension e P. Mario" che poi, a loro volta,  "come catechisti riporterete alle vostre comunità".

Insomma, l'unità del Cammino neocatecumenale è assicurata dall'ascoltare la parola di Kiko e della sua èquipe nel corso della convivenza di Roma o Madrid (prima fase), dal farla propria, per poi ripeterla ad altri nelle convivenze regionali (seconda fase) che a loro volta l'ascolteranno, la metabolizzeranno, per poi ripeterla a tutti i neocatecumenali delle comunità  locali (terza fase).

Per assicurarsi che non ci sia troppa autonomia interpretativa,  in un momento antecedente, verrà stilato il solito mamotreto (in italiano scartafaccio, zibaldone) con le "bozze non corrette" (ma quando le correggeranno mai queste bozze???)  contenenti il testo degli interventi di Kiko, di Ascensiòn e don Mario Pezzi da mandare possibilmente a memoria, in modo da poterli ripetere, ma con sufficiente spontaneità, sì da far pensare che lo Spirito che aveva illuminato Kiko in prima fase, venga in qualche modo ereditato anche dai suoi ripetitori. 

Da alcuni anni sappiamo che Kiko o si rifiuta proprio di parlare, come a inizio corso 2020, oppure segue il testo scritto, quindi l'ispirazione in realtà viene dall'ignoto scrittore dei testi. Ma tutti continuano a far finta che non sia così, e si cerca di nascondere il più possibile il decadimento del "vecchio leone".

Altre novità sono quelle organizzative: novità non da poco, che confermano il trend di questi ultimi anni, interrotto solo in parte dalla pandemia.

Alle convivenze regionali, occasioni insostituibili per dimostrare, con l'invito ricevuto, di essere al livello di avere il messaggio di fede kikiana almeno di seconda mano, a suo tempo c'era una lotta al coltello per essere presenti; tanto più la richiesta era veemente, tanto più strette erano le regole per la partecipazione. Ne avevano diritto inizialmente solo le èquipe itineranti, in secondo luogo i catechisti  attivi, quelli che effettivamente facevano catechesi e seguivano le comunità  più giovani, poi le primissime comunità per intero, e infine i presbiteri delle èquipe corrispondenti.

Ora invece sono invitati tutti i catechisti, anche gli inattivi, che ormai, data la scarsità  di nuove catechesi, e visto che ogni comunità comunque li elegge al termine del secondo passaggio, sono veramente un gruppo considerevolmente numeroso.

Inoltre si largheggia nell'invitare per intero comunità anche giovani di Cammino. E si prevede che, se qualcuno non può proprio venire, debba essere sostituito (con scelta casuale? Chi lo sa...). La giustificazione fornita è che ci deve essere un numero minimo di presenze per occupare l'albergo e per evitare il lievitare dei costi. 

Come dire: le sacre consegne kikiane non hanno più quell'importanza che conoscevamo! 

E inoltre apre una visione abbastanza desolante sul fenomeno delle defezioni, visto che le pomposità tipo "questo appuntamento  NON PUÒ essere trascurato o sottovalutato" dopo anni di Cammino e di infinite ripetizioni sempre più stanche dei medesimi refrain neocatecumenali, non sortiscono più  alcun effetto.

Altri "marcati a uomo" sono i presbiteri, che debbono essere invitati (e convinti) dal responsabile "per approfondire la conoscenza del Cammino attraverso le catechesi, le esperienze dei fratelli e le celebrazioni liturgiche". Metti infatti che qualche presbitero si ficchi in testa di celebrare secondo il Messale? Sarebbe una sciagura che il Cammino non si può permettere.

Sacchi neri neocatecumenali
in crisi di identità
Altra conferma: la dismissione del "sacco nero" della provvidenza, dei gigli dei campi, degli uccelli del cielo: tutti devono pagare la propria quota (ecco perché  l'allargamento ad altri fratelli di cui in passato si snobbava la presenza: devono pagare per sé e per gli altri, cioè per quel gruppo di persone che non paga MAI) ed è opzionale l'intervento a sostegno del caporesponsabile con i soldi della decima

Come dire, che i fratelli che dovranno essere chiamati in convivenza in terza battuta, la stanno già pagando con le proprie decime.

Se c'è qualcosa che nel Cammino non cambia mai, è proprio questa: ogni sua iniziativa comporta uno o più esborsi. E forse anche per questo arrivano a fine luglio inviti per convivenze che si faranno in ottobre: è un invito a risparmiare, a ridimensionare la vacanza progettata...o a non farla per nulla.

88 commenti:

  1. ..".questo appuntamento non può essere trascurato o sottovalutato se vogliamo iniziare il nuovo anno nella volontà del Signore". O la loro volontà?

    RispondiElimina
  2. non so voi, ma a me questo invito dà l'impressione che vogliano far passare il fondatore come un'entità irraggiungibile e che per ascoltare il suo messaggio bisogna mettere in moto tutto questo giro di soldi e di trasferte; qualunque cosa abbia da dire, non si farebbe prima a inviare un'email a tutte le comunità del mondo? A Medjugorje si trasmettono sempre i messaggi di Maria (su cui la Chiesa sta indagando) e sono accessibili a tutti già nel primo istante in cui vengono trasmessi, lo stesso per i messaggi di Anguera. Immaginate se i veggenti ogni volta organizzassero una trasferta in albergo per rivelarli, invece sono persone che vivono nascoste e evitano il contatto con la stampa, se non per ragioni appunto di fede e di testimonianza. Ci sono delle occasioni a Medjugorje in cui i pellegrini accompagnano il veggente sul monte delle apparizioni e aspettano il messaggio, ma non è che se non paghi non sali sul monte

    RispondiElimina
  3. il tenore di vita degli itineranti (e'non) con i privilegi connessi và salvaguardato, bisogna di già trafficare..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trafficare? che brutta espressione..........................................................................................................

      Elimina
    2. Molto usata dai catechisti neocatecumenali. Strano che non vi piaccia!

      Elimina
  4. saldi di fine stagione, eh????????

    RispondiElimina
  5. Sono sempre più sfacciati.
    A furia di vivere nel ghetto il loro stesso linguaggio stereotipato e inconfondibile li tradisce a prima vista, ormai.

    Il Signore... il Signore... parlano a Suo Nome... dicono che va con loro. È cosa certa.

    E prepara per questi figli eletti una "mensa in faccia ai loro nemici".

    Appaiono loro, e sulle colline intorno si affacciano "i nemici".
    Son tutti "nemici" ...gli "altri".
    Novello Israele!

    E, sia ben chiaro a tutti.
    Se vogliono fare la volontà di Dio, i neocatecumenali, devono ascoltare il verbo "ispirato " del loro autoeletto maestro. Chi non lo ascolti, anche per una sola convivenza di Inizio Corso, perché impedito o perché ha da fare altro per una volta, per tutto l'anno sociale 2022/23 uscirà dalla Volontà di Dio. Poco ma sicuro.

    Sono presuntuosi, supponenti.

    Si rivolgono a persone che hanno fatto per intero questo itinerario "di formazione " per 30/40 anni. Molti di loro sono maestri nella fede di altri adepti da decenni.
    E cosa hanno imparato?
    Ma son proprio capre?

    Poiché...

    ...senza Kiko, il Signore non li guida, non li ispira; Kiko ha il monopolio, nessun altro ha il "Cristo parlante" in sé.

    Sono tutti come ciechi che brancolano nel buio.

    Per noi una cosa è certa.

    Il cieco è Kiko, palesemente.
    Uno che istilla nei suoi bestialità simili con tanta convinzione.
    Accecato da un smisurata superbia.

    ...può forse un cieco guidare un altro cieco? Non precipiteranno entrambi in un fosso?...

    Quel fosso che diversi di noi qui ci siamo scansato. Per misericordia di Dio.

    Ma certo, dimenticavo, i super-ciechi siamo noi ex. I nemici, schiavi del demonio... giuda traditori. Usciti fuori dalla volontà di Dio.
    Adulti come siamo non abbiamo alcun discernimento.
    Perché solo Kiko e kikatekisti l'hanno, per noi e per loro.
    Questi i fondamenti di un cammino senza meta.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'oro si forgia al crogiolo, e per il cammino il crogiolo sarà la morte di Kiko, solo allora si capirà cos'è e cosa ne resterà.
      p.s.
      a scanso di equivoci, lunga vita a Kiko

      Elimina
    2. del resto è lui che ha scelto di stare li a vita, non veniteci a raccontare che è li per obbedienza al Papa

      Elimina
  6. Io che non sono un eletto del Cammino, posso sperare nel ballottaggio??

    RispondiElimina
  7. Pietro non del Cammino29 luglio 2022 10:44

    A detta dei camminanti i mamotreti sarebbero delle bozze NON corrette.
    Per cui, sempre a detta dei camminanti, non si può escludere che possano contenere ERRORI.
    Per cui quando noi sottolineamo con la matita rossa certi errori riportati sui mamotreti, per un camminante che ragiona, potremmo aver ragione.

    Nulla di strano se, in una catechesi a braccio, usando un linguaggio comune e non teologico, possano scapparci inesattezze, l'importante è che sia scontato e pacifico che sono inesattezze non volute e che tutto va interpretato secondo il pensiero della Chiesa.
    Nel caso dei mamotreti, però, c'è un problema: essi non sono catechesi, ma un documento scritto. Non solo: vengono divulgati senza nessuna correzione.
    Cosa grave, vista l'importanza che hanno per il Cammino.

    I mamotreti sono come un manuale di istruzioni, ma se le istruzioni contengono, o solo possono contenere, degli errori, diventano pericolosi.
    Come se un manuale di scuola guida potesse contenere delle informazioni sbagliate sulle regole della strada: sarebbe pericoloso seguirlo.

    La domada è: perché i brogliacci estratti dalle catechesi di Kiko vanno distribuiti senza correzione? Eppure il tempo ci sarebbe!
    Che il non potere farlo sia in realtà un non volere?
    Che il Cammino dica agli altri che non sono corretti, ma all'interno vengano considerati più che corretti, addirittura ispirati o dettati da Dio stesso?
    Il dubbio è lecito che possa venire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta constatazione.
      Ma lo fanno apposta.
      Se qualcuno avesse da ridire possono rispondere che lo hanno precisato loro stessi che sono NON corretti. Giusto?
      Di fondo istillano che non bisogna essere pesanti.
      Dai! Che vuoi che sia? Qualche errore qui è là!
      Ciò che conta è "lo spirito "... del cammino.

      Pax

      Elimina
    2. Ma se fossero usati come mera traccia ci porrebbe anche stare.
      La realtà è che in pubblico affermano che sia una traccia in realtà se il malcapitato catechista di turno non riporta anche le virgole lo tacitano di non essere fedele. Fanno proprio a gara a chi ripete più fedelmente.
      Del resto, se l'obiettivo è che la parola di Kiko raggiunga tutti non c'è altro modo.

      Elimina
    3. La traduzione dallo spagnolo di mamotreto è ZIBALDONE; ovvero un brogliaccio dove puoi mettere di tutto, una sorta di diario dove puoi annotare la tua vita, o ciò che ti pare così come ti viene in mente.
      Una "brutta copia" di ciò che pensiamo.
      E' plausibile che la Chiesa, si sia messa a correggere i brogliacci Neocatecumenali? Penso proprio di no, in quanto sarebbe stata un opera improba ed in contrasto con la stessa Chiesa.
      Il Decreto di Approvazione del PCL è sicuramente autentico nella stesura ma assolutamente falso nella sostanza; i 13 Volumi del Direttorio Catechetico continuo a sostenere che non esistono.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    4. Rif. Mio oggi 13,55
      Completo, affermando che anche il
      il Decreto PCL è "doloso", in quanto
      comprensivo di una clausola vincolante, ovvero Catechismo "unico del Cammino".
      In ogni caso il dolo del documento,
      potrà solo essere accertata e perseguita dai Tribunali Vaticani
      addetti.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. Zibaldone è l"acronimo di :

      Zelanti Idee Bellamente Assurde Larvatamente Demenziali Ormai Neocatecumenalmente Eretiche

      Elimina
  8. Pietro non del Cammino29 luglio 2022 11:01

    I camminanti parlano tanto di fede matura, di concretezza nelle scelte evalgeliche, di fede nuda e cruda, ecc. Hanno ragione: nulla da ridire.

    Poi, però, ci si accorge che il Cammino è basato su presunte apparizioni mariane non universali, ma ad uso solo del Cammino, tanto che la Chiesa non viene interessata e nessuna commissione di inchesta le sta vagliando per un discernimento.

    E ci si accorge che i camminanti hanno atteggiamenti miracolistici e vedono il demonio ovunque: tutto ciò che gli garba è miracolo, e tutto ciò che non gli garba viene dal diavolo.
    Carmen sarebbe già oltre i 20.000 miracoli.

    E ci si accorge che Kiko viene considerato un profeta infallibile e che i "catechisti" in "comunione" con lui, partecipano al suo spirito profetico, tanto da non sbagliare anche quando sbagliano (è un paradosso ma questo è proprio quello che si intende nel Cammino quando si dice che non importa se sbagliano, tanto c'è Dio che fa capire per ilverso giusto).

    E ci si accorge che il Cammino si basa su dei segreti, che la conoscenza dei misteri divini è legata a delle "tappe", senza i quali è impossibile capire.

    Tutto ciò può far sorgere dei dubbi leciti sulla realtà vera del Cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Pietro non del Cammino29 luglio 2022 11:01 a detto:
      Carmen sarebbe già oltre i 20.000 miracoli.
      ---
      Neanche fosse un "contapunti" di un flipper!...

      Magari i più giovani non capiranno!

      Ruben.
      ---

      Elimina
    2. noi non siamo giovani e non capiamo lo stesso. Spiegatevi..................................................................

      Elimina
    3. dove avete letto che i miracoli di Carmen sono 20000 anzichè i 9000 ufficiali? qui si bara.....................

      Elimina
    4. @Anonimo 30 luglio 2022 11:33
      noi non siamo giovani e non capiamo lo stesso. Spiegatevi..................................................................
      ---
      Nulla di notevole, il flipper è stato probabilmente il primo gioco elettronico della storia, anni 40/80
      ed aveva un segnapunti in migliaia
      dove se arrivavi a circa 90.000, vincevi un' altra partita.
      Ruben.
      ---

      Rispondi

      Elimina
    5. @Anonimo 30 luglio 2022 11:43
      dove avete letto che i miracoli di Carmen sono 20000 anzichè i 9000 ufficiali? qui si bara.....................
      ---
      Letto o non letto, siete "voi" NC che continuate a barare parlando in termini di migliaia,
      addirittura 9.000 attribuiti alla intercessione di Carmen Hernandez, una affermazione paradossale e da paranoidi, visto che i miracoli, come conclusione finale, appartengono solo e soltanto a Nostro Signore.
      La consuetudine della Chiesa, prevede l'intercessione per un miracolo per la Beatificazione, stessa procedura
      per un secondo miracolo per la Canonizzazione ed, in mancanza anche parziale di ciò, un "Motu Proporo" del
      Papa; cosa che potrete sicuramente non prendere in considerazione.

      9.000 miracoli attribuiti ad una vecchia strega e megera come La Signorina Hernandez?
      Magari la risposta ve la date da soli....
      Ruben.
      ---

      Elimina
    6. Rif mio 30 luglio 2022 13:58

      Cari Neocatecumenali, mi sembra
      che siate un po ' "tonti" o ci fate.
      Vi ho recentemente comunicato che per la Beatificazione ci vuole
      un miracolo e per la Canonizzazione c'è n'è vuole un altro in totale n. 2 miracoli; di conseguenza Carmen ha 9000 intercessioni andate secondo "voi"
      a buon fine.
      Ovvero basterebbe che il Dicastero addetto,
      ne riconoscesse soltanto due, una frazione millesimale, per Santificare
      la Signorina Hernadez.
      Due miracoli su novemila!!... Dovreste uscire pazzi dalla gioia;
      Invece, il silenzio...
      Ruben.
      ---

      Elimina
    7. Dopo un ostinato silenzio sul tema, a seguito di miei tre post, posso confermarvi che la Signorina Carmen Hernandez, non sarà mai Beata, ne' Santa.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    8. Tra l'altro, penso anche al "povero
      Padre Pio, che faceva miracoli anche in vita; dopo la morte, ha
      dovuto fare la trafila di tutti (due
      miracoli), per essere Canonizzato.

      Padre Pio, cosa ha avuto nelle mani
      per gran parte della Sua vita?
      Le Stigmate.

      Carmen? Due pacchetti di sigarette
      al giorno!
      Ruben.
      ---

      Elimina
  9. ma non si camminava con la velocità dell'ultimo della comunità, ed era sufficiente pure una sedia rotta per vendere i beni ?

    RispondiElimina
  10. Ogni particolarità del Cammino è la copia e l'adattamento di altro. Per esempio , la convivenza di Inizio Corso nei Cursillos è chiamata Convivenza d'Autunno e in essa, pensate un po', si sperimenta ciò che sta alla base del movimento, il “TREPPIEDE”: Studio della Parola, Pietà ed Azione.
    Al di là della evidente trasposizione che ne ha fatto Kiko, notiamo che nel tripode-treppiede neocatecumenale non ci sono pietà ed azione ma liturgia (la propria) e comunità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che da parecchio tempo ho il dubbio che dia tutto un copia incolla?
      un "furto" intellettuale altro che visione

      Elimina
    2. Anch'io, ed è un dubbio abbastanza consolidato. A mio parere, uno dei motivi per cui non pubblicano i mamotreti è proprio questo: qualcun altro potrebbe venire a pretendere i "diritti d'autore"! Se dovessero versare anche solo un decimo dell'enorme massa di soldi raccolta negli anni per "merito" del mamotreto, sarebbero fritti!

      Elimina
    3. Valentina , dai retta a me; i mamotreti corretti non esistono in
      quanto non possono esistere: si può trasformare l'inferno in Paradiso?
      Sicuramente no!
      Di conseguenza sono "tommasiano", se non li vedo non ci credo.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    4. Questo spiegherebbe anche un'altra cosa: il fatto che non sia permesso ( alramente sconsigliato "abbiamo già il nostro cammino") fare niente con altri gruppi.
      Ci si esporrebbe al rischio di riconoscere qualcosa di spacciato come esclusivo ed ispirato e magari preferire l'originale.
      Del resto Kiko si è vantato di tutti i cursillos che ha creato, poi mi sa che visto che avrebbe dovuto sottostare a qualcun'altro....si è messo in proprio.
      n.b.
      per gli increduli andate a leggere un po gli schemi dei cursillos.

      Elimina
    5. A me ha colpito particolarmente l'immagine di Charles de Foucauld sul palco dell'incontro degli americani alla Domus.

      Anch'io penso che il Kiko abbia preso ispirazione un po' qua un po' là, dalle scarse esperienze che aveva fatto, Cursillos in primis e poi la visita ai Piccoli Fratelli di Foucauld, delle quali peraltro pare non esistano foto rese pubbliche a conferma.
      Almeno le foto di Carmen in Israele esistono.

      Siccome de Foucauld si ispirava, tra le altre, alla Santa Famiglia di Nazareth, ho l'impressione che il confezionamento della visione intellettuale di Kiko, nella quale la madonna gli avrebbe detto di fare piccole comunità come la Santa Famiglia di Nazareth, sia bellamente l'alterazione di ciò che sapeva di de Foucauld.
      Il resto l'ha ripreso dai Cursillos.
      Poi ha mescolato.

      Ma la differenza tra Kiko e de Foucauld, proprio alla base, è che de Foucauld dopo la conversione ha sempre parlato di amore PER Dio, mentre Kiko ha sempre parlato di amore DI Dio.

      Ora, Dio può amare anche chi non lo ama, perché Dio è Amore.
      Ciò che rende cristiano non è tanto la consapevolezza di essere amato da Dio, ma l'amore che si prova per Dio, come de Foucauld.

      Kiko insegna a sentirsi amati da Dio, ma non ad amare Dio.
      Ecco perché nel Cammino si può e si deve continuare a peccare: perché l'importante non è amare Dio, ma sentirsi amati così come ci pare di essere.

      Forse ho scritto confusamente, ma il concetto in me è chiaro anche se non riesco a rappresentarlo bene.

      Elimina
    6. Hai scritto molto chiaramente, grazie.

      Elimina
  11. Una parte del "treppiede" neocatecumenale è la Parola, giusto? Ogni settimana si fanno celebrazioni, preparazioni delle celebrazioni, risonanze sulla parola, preghiera sulla parola, mentre nei decenni di Cammino si propone principalmente la Torá, più che altro. e soprattutto più del Vangelo, persino ai bambini del catechismo, come abbiamo potuto vedere nella proposta neocatecumenale per la preparazione alla cresima.
    Ci si aspetterebbe da loro un rispetto assoluto della Sacra Scrittura, almeno quando si prendono il disturbo di citarne i versetti, come in questa lettera di invito alla convivenza di inizio corso.
    Leggo infatti: "come dice il salmo "una mensa in faccia a nostri nemici, perché io possa abitare nella casa del mio Dio per molti anni" (Sl 23, 5-6). Visto che si sono presi il disturbo di mettere i versetti di riferimento, concludo che non si tratta di una citazione a memoria. Eppure sfido chiunque a trovare, anche nelle Bibbie protestanti, la dizione "in faccia" ai miei nemici: a seconda delle varie versioni., ci sarà "di fronte", "al cospetto", "in presenza", "davanti". Chi ha scritto la lettera, ha aperto la bibbia per poter riportare esattamente il numero dei versetti, e poi ha volutamente riportato la citazione in modo diverso.
    Questo dipende dal fatto che, più importante che citare la sacra scrittura, è citare Kiko, che nel canto "Il Signore è il mio pastore" dice proprio così (e tutti cantano così, almeno nella versione italiana) "prepari una mensa davanti a me, in faccia ai miei nemici".
    Se poi si controlla l'avverbio originale ebraico utilizzato, è quello stesso che è tradotto per esempio "leggerai la mia legge davanti a tutto Israele" in Deuteronomio 31,11.
    Non c"è alcun motivo quindi per tradurre "in faccia a", che dà una connotazione di sfida alla frase: in faccia ai miei nemici, e cioè alla faccia loro, in pratica. Nessuna motivazione, se non il voler pervicacemente e sottilmente richiamare sempre l"interpretazione di Kiko.
    Questa è una dimostrazione del fatto che, finché si è in Cammino, si continua a leggere la bibbia di Kiko, secondo cioè la sua manipolazione ed interpretazione. Anche quando si fanno le "scrutatio", l'obbiettivo è sempre quello, di consolidare l'insegnamento neocatecumenale, riducendo il proprio campo di visione anziché ampliarlo.
    Per questo motivo, solo molti anni dopo aver lasciato il Cammino. la parola di Dio ha smesso per me di avere persino l'intonazione della voce dei catechisti, ma soprattutto ha smesso di dirmi quelle sole tre quattro cose che loro ripetono in continuazione (e che sono limitate e limitanti se non, spesso, proprio errate). Uscire dal Cammino vuol dire anche riscoprire la Parola di Dio: provare per credere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo quanto detto da Valentina.
      Quattro concetti limitanti, ripetuti fino alla nausea, poi esci e scopri che ci sono mille sfaccettature, una richezza enorme, cose come i prefazi propri e le preghiere eucaristiche che non sia la II

      Elimina
    2. Poi i Cursilos parlavano di "studio della Parola"; fra i neocat lo stesso concetto di studio biblico viene bannato.

      Elimina
  12. il canto nuovo lo fà gennarini quest'anno ? ahhahahahahhaha

    RispondiElimina
  13. Facciamo la crociata del SS.mo Rosario per la conversione di chi scrive su questo eretico blog, perchè la smetta di gettare fango sui fratelli e sorelle cattolici.

    Signore abbi pietà di chi partecipa a questo blog.Amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo blog ci scrivono in tanti, è un blog, potresti specificare chi sarebbero questi eretici?

      CDD.

      Elimina
    2. soprattutto FAV.....
      .







      Elimina
    3. Non credo che pensi che questi personaggi,che fanno parte di un gruppo che conosciamo e stiamo trattando, siano i buoni cattolici, e gli altri che gli mettono la verità in faccia siano degli eretici?
      Così scambi le tenebre per la luce, e la luce per le tenebre.
      Ti metto uno spunto di riflessione.

      https://www.ilmessaggero.it/roma/news/roma_violenza_sessuale_durante_il_catechismo_in_parrocchia-5572333.html

      «Lui confessò di aver avuto una storia con la giovane ma i contorni erano sfocati, mi sembrò di capire che la storia era iniziata quando lei era minorenne. ha aggiunto il sacerdote - Chiese perdono e noi gli consigliammo un periodo di separazione dalla comunità. Da quello che ho capito c'era stato un legame, un trasporto, però non so dire di che genere». Le prime molestie, per i pm, sarebbero iniziate quando la vittima aveva 14 anni compiuti, nel 2009. E la vicenda si sarebbe aggravata sempre di più con il passare degli anni, senza che nessuno della parrocchia si accorgesse di quel legame particolare.

      CDD.

      Elimina
    4. La divina pietà è sempre ben accetta, grazie per l'intercessione.

      Signore, dacci la forza di continuare e donaci finalmente Verità e Giustizia.

      A. Non.

      Elimina
  14. FAV compagnia, tutti, anche chi legge, e non interviene, ma si trova in linea con FAV e simili.
    Cortesemente, ogni tanti vi riformulo la domanda:

    Marzo 2020, è arrivata la Pandemia, oggi 30/07/2022, in questo periodo come state facendo la vostra celebrazione?
    Ci descrivete brevemente come fate questo:

    19 Poi, preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me». 20 Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi».

    Indicateci, ripeto cortesemente, come eseguite questo comando del Signore Nostro Gesù Cristo ( che il suo sguardo pietoso sia sempre su di me peccatore).

    Aspetto che vi si sciolga la mente, noto, potrei sbagliarmi, che come avete come un blocco, eppure siete visti da tutti.
    E' come dire che io porto un abito rosso, e uno mi dice che abito porti, e io non rispondessi, perché ho sempre detto che il rosso non è buono da portare come abito, e il migliore è il verde. Ovviamente è un esempio, la realtà dei fatti è molto più concreta, qui non stiamo giocando.

    Rammento ai lettori, tutti, specialmente chi segue il discorso e ha la mente sbloccata, questo:
    http://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Gv3%2C1-21

    19 E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. 20 Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. 21 Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.

    ---

    RispondiElimina
  15. Mia piccola interpretazione.
    Ovviamente la luce è Gesù, e chi opera bene, cioè in Dio, va da Gesù, cioè va alla luce e non si nasconde.
    Ma ricordatevi che Gesù è Dio, e quando parla non è solamente un uomo che parla, cioè parola umana di creatura che si muove con volontà umana, la Parola di Dio non ha confini ( mettiamola così), cioè si cala in ogni ambito. Cioè illumina tutto, ogni ambito intorno a noi. Nulla sfugge a Dio.
    Faccio degli esempi:
    -sono un mafioso, e non voglio pentirmi. Vengo preso dalla Polizia, ed ecco che nego sempre, per via di mafia. Non esco alla luce perché le mie opere sono malvagie.

    -sono un ladro, vengo preso, nego sempre.

    - sono un esaltato, ho predicato per cinquant'anni che la mia celebrazione avrebbe eclissato quella attuale della Chiesa, in quanto migliore e quella vera, la quale si rifà a quella dei primi secoli, per cui il famoso periodo precostantiniano, e quindi ho sempre avanzato sugli altri grandi paroloni e mortificazioni: l'ostia è un foglio di carta, siete superati e finiti, noi facciamo la vera Eucarestia ecc, ecc. E convinzioni simili. Poi arriva la Pandemia, un piccolo virus, ed ecco che la Chiesa che faceva l'Eucarestia falsa ( come affermano costoro) va avanti e non ha subito il minimo arresto, diversamente altri sono caduti ( io uso dire crollati). E quasi completamente, ma questa è una mia senzasazione ( cioè un qualcosa mi dice), e cioè che ad un certo punto costoro neanche con il pane hanno potuto celebrare.

    Per onorare la verità, vi è stata una risposta, similmente così: un domani riprenderemo a celebrare come sempre!

    Ma noi siamo Cristiani, per cui, sappiamo che ci potrebbe essere un qualcosa che ci fa destabilizzare per un attimo, ma un qualcosa che dura anni e ci impedisce di svolgere le cose in Dio non può essere. Infatti la Chiesa per duemila anni è andata sempre avanti.
    Per cui, affermo, è chiaro che un domani ( non si sa quando, potrebbe essere anche fra dieci anni) si riprenderà, questo è ovvio, neanche io credo che ora vi sciolgliete completamente e finisce tutto, questo non lo credo proprio, ma affermo questo:
    Anche oggi gli Ebrei sono vivi e vegeti e vanno avanti nelle loro sinagoghe, ma duemila anni fa è accaduto un fatto, ci fu un crollo del Tempio, che poi Tito distrusse completamente, e avvennero tanti altri fatti.
    Sappiamo che Gesù si ripete nel tempo, cioè nella storia le situazioni si ripetono, con colori diversi, ma è come se avessero dietro la stessa mano.
    Infatti, per capirci, san Francesco ricevette le stimmate, anche padre Pio, sant'Antonio lottò contro i demoni, ecc, ecc.

    Attendo vostre risposte.

    CDD.

    RispondiElimina
  16. Concludo due ragionamenti

    Premetto che l'esempio può rendere meglio ciò che si vorrebbe fa capire, ma la realtà è molto più colorata.

    E' come se Tizio dicesse a Caio di non correre con l'auto ogni volta su un sentiero pieno di alberi.
    E Caio puntualmente ridesse in faccia a Tizio, facendogli presente che non capisce nulla, lui è il miglior guidatore, l'auto è affidabile, la via non è per nulla pericolosa, e che va piano, e quindi dice a Tizio che sono sue paure infondate, mancanza di fiducia, disprezzo dell'auto, ecc, ecc.
    Poi un giorno esce la notizia sul giornale: Caio si schianta su quella via e contro un albero.
    Tizio va a trovare Caio all'ospedale, e Caio mezzo morto, per orgoglio dicesse: non mi sono schiantato per nulla, è l'albero che si è mosso ed è venuto contro di me, è la strada che si è mossa e mi ha spinto contro l'auto. Tu non capisci nulla e stai continuando ad insunare cosa campate in aria verso di me.

    Calatelo a costoro.

    E il bello che vanno in giro : a dire agli altri che sono calunniatori, diffamatori, pretendono obbedienza, si fanno pagare le convivenze affermando, sotto sotto, che è Dio che gli da il nulla osta, che sono apostoli, che sono perseguitati, che sono gli altri che dicono menzogne, giudicano chiunque di essere attacato al denaro e cose simili, mentre loro ne sono attaccati il doppio di coloro che stanno giudicando, sono più orgogliosi di coloro che giudicano, il doppio ribelli ecc, ecc.
    Praticamente, il famoso detto asciutto e lineare: il bue dice cornuto all'asino.

    CDD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il bue dice cornuto all'asino, eh???????????

      Elimina
  17. Nome di fantasia30 luglio 2022 17:00

    Ne ho fatte tante di inizio convivenze di inizio corso. Tutte uguali. Il giovedì si artiva tardi e non si fa nulla. Il venerdì fino a mezzogiorno le presentazioni poi pausa e le lodi iniziano verso le 13.. solita discutibile catrchesi fotocopia delle precedenti, 2 ore s scrutare (ma wuasi tuyti passeggiano) e liturgia penitenziale sovraffollata dove non è improbabile sentire i peccati confessati dal vicino di posto. Di conclude con noiosi video autocelebrativi. Il dabato dedicato a un questionario al wuale tisponde una catechesi di oltre 2 ore e così via. Domenica eucarestia con alneno un ora di risonanze alla faccia delle raccomandazioni del Papa chiamate vocazionali con decine di persone che si offrono per seminari e missioni ma di wuelli andranno a buon fine forse 1 su 10. Poi i fortunati partecipanti le riporteranno alle loro comunità. Con autocompiacimento. I più felici di tutti sono gli albergatori che fanno il pieno fuori stagione. In realtà sono 3 giorni di vacanza poi si leggono le trascrizioni e le si ripetono alla propria comunità con poca competenza. Boh.... forse manco loro capiscono gli strafalcioni che annunciano. E tutti si sentono supercristiani e guardano gli altri con compassione...
    È vero, ne facevo parte. Ho sbagliato. Uscirne fuori è stata la mia libertà. La colpa non è di chi cammina ma di chi conduce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensare che per questo nulla, vuoto di contenuto, ogni anno vengono fatti arrivare a Porto San Giorgio tutti i responsabili di nazioni e molti itineranti, ovviamente sospese delle loro comunità. In realtà credo che l'evangelizzazione non c'entri or nulla. È solo un modo per il capo di tenere sotto controllo i suoi sottoposti sguinzagliati in giro per il mondo a fare danno...
      Porto

      Elimina
  18. Pietro non del Cammino31 luglio 2022 10:31

    Anonimo delle 11 e 33 di ieri:

    Ah! Sono "solo" 9000 i miracoli di Carmen? Mi sono sbagliato, pensavo di più.
    C'è una casistica? Ad esempio: quanti paralitici guariti, quanti ciechi che hanno recuperato la vista, quanti guariti immediatamente da un tumore conclamato....?

    Ti faccio notare che, più che sui numeri, dovresti rispondere sul fenomeno del miracolismo che vi contraddistingue. Il n. 20000, al quale arriverete presto, è solo un modo per evidenziare il fenomeno, perché io non tengo il conto di questi miracoli che, oggi, avranno certamente superato i 9000.
    Il vostro miracolismo supera perfino quello dei più estremisti tra i protestanti, che, almeno ci mettono la faccia, dicendo chi è guarito e da cosa.

    Inoltre, il fatto curioso è che durante le vostre "predicazioni" e "missioni" i miracoli non avvengono MAI, come invece avveniva quando predicava Gesù.
    Avvengono invece tutti all'interno del Cammino.
    Il lecito sospetto è che ve la suonate e ve la cantate.
    Molti saranno pure in buona fede, ma la buona fede non esclude il fanatismo, la superstizione, il fideismo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pietro, finora non ne hanno fatti perché non necessari: la gente credeva alla loro parole senza bisogno di compiere gesti eclatanti. Da ciò si deduce che erano più credibili persino degli apostoli e dei santi, che hanno "dovuto" fare miracoli per appoggiare la propria predicazione!
      Kiko stesso avrebbe voluto fare miracoli, ma poi ci ha ripensato, non erano indispensabili, la gente abbocc... gli credeva ugualmente!
      Ora no: ora per la santificazione di Carmen i miracoli sono necessari e quindi ci stanno lavorando alacremente.
      Sarebbe il primo caso di persona canonizzata a forza di miracoli ma senza santità di vita (ma stanno lavorando anche su quella...per ora pubblicano la tesi di Teologia di Carmen sull'orazione per Pio XII, poco importa che pochi anni dopo buttasse tutta la Chiesa preconciliare al macero!).

      Elimina
  19. @Nome di fantasia

    Ne avrai fatte anche tante di convivenze di inizio corso, ma hai fatto una descrizione non veritiera, volutamente e falsamente, caricaturale, con grande malafede. Smentiamo le sciocchezze che hai scritto, anzitutto il giovedì non è vero che non si fa nulla fino al venerdì, il giovedì sera si fanno le presentazioni, e poi c'è una piccola catechesi e un vangelo a caso poi si va a dormire..E'falso che il venerdì le lodi si facciano alle 13, si fanno in mattinata, massimo alle 10, per quante convivenze ho fatto non sono mai stare uguali, quindi dici cose non vere. Bugie su bugie, scritte in malafede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i preziosi chiarimenti. Il giovedì si paga il pernottamento per la presentazione e il Vangelo a caso. Il giorno dopo lodi alle 10 (altrimenti quando si pranzerebbe?). Tutto il resto è confermato, quindi.

      Elimina
    2. intanto la serata del giovedì a Porto San Giorgio è libera ( basta leggere il mamotreto ) e quegli orari rispecchiano la convivenza "madre" ( sempre dal mamotreto ).
      Gli itineranti nei loro riporti riempiono il giovedì altrimenti la gente arrivava il venerdì mattina e si incazzavano.
      Per molti anni è vero sono state una diversa dall'altra, negli ultimi 10 e in particolare gli ultimi 5 no!
      Fotocopia autoreferenziale.
      Se non ci credi, se hai accesso ai mamotreti, verifica personalmente.

      Elimina
    3. La "consegna" del silenzio il giovedì sera è riservata ai sottoposti, a Porto non si fa da una vita.
      La scrutatio al posto del pranzo era stata motivata come un "trucco" per risparmiare.
      Attento Anonimo perché qui ti ritrovi davanti alla memoria storica del cnc,
      mi sa che la malafede la devi cercare altrove.

      Elimina
    4. Ovviamente ora l'odio ti è partito, vi trovate uno in meno, ed ha iniziato a scrivere sul blog, per cui s'inizia a diffamarlo, iniziate a prendere i dettagli secondari che hanno pochissimo valore per mettere a credere che sia in malafede. Ma le cose principale, importanti, silenzio assoluto.
      Siete maestri della mistificazione e dell'imbroglio, altro che Spirito Santo, lascio ad altri capire da cosa sono mossi.
      Ovviamente quando non conviene, la lingua che giudica e che afferma di essere approvata, che dice agli altri " sei, sei, sei" , di colpo diviene muta.
      L'arte dell'ipocrisia.
      E' il bello che vi dite cristiani e di prima classe, ma neanche cercate di rispettare ciò che affermate e andate predicando, e cioè:
      41Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo? 42Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.

      Raccontateci un paio di cose: come state celebrando?; da chi vi siete fatti pagare le convivenze mentre avevate soldi in tasca e spendevate per i vostri vizi ( sigarette, vacanze, cene ai ristoranti, e cose simili)?; quante calunnie avete seminato in giro, come: sei attaccato al denaro-, mentre voi ne siete il doppio?; perché Apuron è stato definito innocente e perseguitato e invece è stato condannato senza appello dal Papa?; perché dite che i vostri catechisti sono h24 sotto Spirito Santo e poi fanno tante cose, di cui uno di questi ha fatto sesso con minorenni?; perché state crollando e non entra quasi più nessuno?; perché giudicate gli altri e dentro di voi ci sono: matrimoni falliti, lussurie di ogni genere, droghe, ruberie, diffamazioni, calunnie, discriminazioni ecc, ecc? perché usate la Parola di Dio a tornaconto, come se voi foste i proprietari di Dio sul prossimo?; perché odiate le parrocchie e i fedeli che chiamate con disprezzo "cristianucci della domenica"? perché mettete cartelloni con scritte evangeliche come " Dio ti ama, vieni e vedi" e poi odiate chiunque e credete di odiare in accordo con Dio? perché dite "Dio mi ama così come sono" e poi agli altri chiedete sacrifici, comprensioni, cambiamenti, ovviamente per vostro tornaconto personale, e per cui è come se affermaste verso il prossimo che "Dio ti odia così come sei"?; chi ha infilato parenti in Vaticano e in altri posti, come, quando, da chi è stato aiutato e perché? Chi vi autorizza a violare il "Foro Interno" di una persona, fateci vedere da chi e cosa siete stati autorizzati? Fateci vedere dove suiete stati autorizzati nel chiedere le decime al prossimo, in quale punto dello Statuto è scritto o regola della Chiesa? Diteci chi vi autorizza ad usare il Vangelo per condannare il prossimo? Spiegateci come riuscite a sapere e a conoscere le cose spirituali del prossimo, cioè quali segni Dio da a un'anima, segni di ogni genere, e voi dimostrate che sapete di più di colui che li ha ricevuti e vissuti, e, siccome non vengono a vostro favore, a quel punto li negate come se foste voi ad averli ricevuti e vissuti?

      Vediamo, e vedete tutti, se rispondono, queste guide spirituali h24 immersi nello Spirito Santo.
      Attendiamo!

      CDD.

      Elimina
    5. Secondo me, quelli di voi che si riempiono la bocca di: qui abbiamo fatto quasi tutti il cammino... Siamo la memoria storica... (🤣), l'avete fatto a modo vostro cioè all'acqua di rose... e quindi avete un ricordo falsato del cammino. La scrutatio è importantissima nella convivenza, è il momento che si sta a tu per tu con il Signore davanti alla sua parola, altro che una scusa per risparmiare...(sempre i soldi il vostro problema ehe? 🤣). Il fatto poi, che dopo aver fatto un cammino a modo vostro, sempre giudicando gli altri e nella mormorazione e poi ne siate usciti, non fa che confermare che quanto si dice alle prime catechesi è vero.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    6. Questo è il loro atteggiamento.
      Presi con le meni nel sacco, i santoni continuano a giudicare, giudicare, giudicare.
      In poche parole l'ipocrisia non va via. E chiedono agli altri: conversione, soldi, perdono, e cose simili.
      Capite, tutti, in che mani vi siete messi?
      È tutto davanti a voi.
      Questo ora li fanno a me e altri, come chi scrive sil blog, ma capite che questi ipocriti sono prontissimi a fare ciò a tutti.
      Quello che cercano è sottomissione alla loro volontà iniqua.
      Sappiamo chi cerca ciò, siamo Cristiani.
      Altra cosa è Dio, Lui ci ama, ed è Giusto.
      Prendere uno che ruba diffamazione, è disonesto, significa non aver fatto bene il cammino.
      Gli ho scritto mille volte: andiamo a verificare con telecamera accesa la verità!
      Nulla! Nessuna risposta! Assoluto silenzio!
      Eppure uno vi dice di andatre a verificare ciò che affermate?!
      Da qui si capisce che siete ipocriti fino alla radice, parlate, giudicate, e poi vo nascondete.
      Ipocriti!!

      CDD.

      Elimina
    7. Chi vi conosce vi evita.
      LUCA

      Elimina
    8. La mia impressione è che se Fav insisterà a puntellare i suoi commenti con le emoticons sghignazzanti, non sarà più pubblicato. Stiamo a vedere.
      Per valutare poi l'importanza della scrutatio nelle convivenze, basta osservare quanto spazio, quanta importanza venga data alle ispirazioni e ai contributi dei singoli: zero assoluto.
      In quel contesto -come in tutti i contesti neocatecumenali- l'unica cosa importante, ispirata, e che "viene da Dio", è la parola di Kiko.
      Si fa la cosiddetta scrutatio solo per confermare il contenuto delle catechesi, già predeterminate nel mamotreto.

      Elimina
    9. Chissà perché il potente cammino mi richiama alla mente l# spillasoldi Paol# Catanzaro
      (ho scritto in politicamente corretto)

      Elimina
    10. @ Valentina Giusti
      "Si fa la cosiddetta scrutatio solo per confermare il contenuto delle catechesi, già predeterminate nel mamotreto".

      Continuo a ribadire anche quello di far dire, attraverso la "scrutatio", quello che la Parola non dice. Usare la Parola per farle dire ciò che a te in quel dato momento serve significa strumentalizzarla, null'altro. Ahi voglia a dire lo spirito, lo spirito, lo spirito (quale spirito, il tuo?!?!?!?).
      Se è ovvio che nella Chiesa non tutti possono essere degli esegeti è altremodo vero anche che la stessa si offre come "Mater et Magistra": se ritieni di poterne fare a meno di tale insegnamento non solo continuerai a farle dire tutto ciò che in quel momento "serve alla tua vita" (ma che non avrai di sicuro) ma rischierai anche di operare delle semplici letture "fondamentaliste" come lo stesso kiko è uso fare!

      Elimina
    11. Prendere uno che ruba diffamazione, è disonesto, significa non aver fatto bene il cammino.

      Ogni tanto scrivo, ma vedo che esce altro, oppure non esce una frase compiuta. Ma il senso si capisce comunque.

      Spiego meglio.

      Prendere uno che ruba ( ora sto scrivendo sul rubare, in quanto è un loro peccato tra i tanti,( ovviamente mi riferisco ai colpevoli, non a tutti, che questo sia chiaro), ma potrei scrivere: calunnia, diffama, disprezza, che si fa passare per santone ma non lo è, ecc, ecc) e diffama il prossimo, per cui è disonesto ( in quanto sapete tutti che avete visto debiti su debiti in mogni convivenza, e avete visto tutti chi avevate davanti: sigarettari, persone che si vestono in un certo modo, macchine ecc, ecc, per cui non dei poveri), ecco che significa, per chi è dall'altra parte , ( e molto probabilmente avrà sfruttato il prossimo in quanto deve difendere insensatamente le sue posizioni), che questo significa non aver fatto bene il cammino neocatecumenale.
      Perché fare bene il cammino neocatecumenale è lo stare in silenzio e subire se una persona che ha cellulare, soldi in tasca, che infila parenti in Vaticano, che giudica il prossimo, mentre questa dice algi altri: fratello non essere attaccato al denaro, mancano tot. euro per pagare il conto ( e lo dice molte volte e il conto diventa debito). Se invece ti accorgi che qualcosa non va, cioè vedi l'ipocrisia e la denunci, ecco che non hai fatto bene il cammino neocatecumenale.
      Quindi, se vi sono alcuni che dicono che il cammino è ispirato dal demonio, ecco che a quel punto gli danno ragione, in quanto solamente il demonio ci può venire a dire che il peccato è cosa buona:

      2Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, 3ma del frutto dell’albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto: “Non dovete mangiarne e non lo dovete toccare, altrimenti morirete”». 4Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! 5Anzi, Dio sa che il giorno in cui voi ne mangiaste si aprirebbero i vostri occhi e sareste come Dio, conoscendo il bene e il male».

      Anche se io la penso diversamente, in parte, cioè io so che l'uomo può cadere, anche se ha buone intenzioni. E si può rialzare se si pente e riprendere la via giusta.

      Uno che è onesto direbbe: io non ho mai fatto quelle cose, però non escludo che possano accadere.

      Vi ripeto, se qualcuno non esce alla luce, significa che le sue opere sono malvagie e non vuole venire alla luce:

      19 E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. 20 Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. 21 Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.

      CDD.

      Elimina
    12. La parola "scrutatio" mi da fastidio
      solo nel sentirla nominare; mi riporta ai tempi degli scrutini di
      fine anno a scuola!...
      Una sorta di incubo, peggio degli
      esami.
      Mi domando spesso, perché un essere umano normale, corretto,
      Cattolico, Osservante per quel minimo che ti chiede la Chiesa,
      debba aderire a precipitare in
      una sorta di precipizio, denominato
      Cammino Neocatecumenale.
      Gli uomini pur essendo Figli di Dio,
      magari con una vita onestà ed anche felice, molti di loro, hanno
      come uno "strascico" del peccato
      originale, ovvero "vogliono assaggiare LA MELA e chi gliela
      offre?
      Il Cammino Neocumenale su di un
      bel piatto d'argento.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    13. FAV
      non ho detto che la scrutatio è stata messa per risparmiare.
      Ho ripetuto quello che ha detto Kilo quando ha spostato la scrutatio al posto del pranzo del venerdì

      Elimina
    14. @valentina, la convivenza di inizio corso ha un suo schema sperimentato e consolidato già da anni di cammino. Non è questione di "accogliere l'ispirazione e i contributi di tutti". Altrimenti ognuno si fa il suo cammino, con la sua convivenza, in base alle proprie ispirazioni. La parrocchia "A" fa la convivenza in un modo, la parrocchia "B" in un altro e la "C" in modo diverso dalla prima e la seconda ecc. Sarebbe un caos e quando poi ti incontri nelle convivenze di settore/regione, il caos sarebbe amplificato. La Chiesa è un corpo e l'unità della Chiesa visibilizza l'unione di Cristo con il Padre e lo Spirito Santo.
      Ps. Chiedo scusa per le emoticon, non sapevo fossero fastidiose, visto che le ho viste usare anche da altri utenti.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    15. poi l'ha infarcita con il "mangiare la parola"

      Sei tu che del cammino non conosci niente ne la storia ne la prassi ne gli scandali interni.

      E poi piantala con questa storia di aver fatto male il cammino, è una vaccata immane che vi serve solo per scaricare le vostre responsabilità.

      Elimina
    16. @neo, il segno della scrutatio al posto del pranzo non ha niente a che fare con il "risparmio del pranzo", ma con il segno che "non si vive di solo pane, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio".
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    17. sto parlando del periodo nel quale la scrutatio ( in convivenza I.C. ) aveva uno scopo vocazione, poi è passata ad avere lo scopo di prepararaziine alla penitenziale. Ti ricordi ( ma anche ni non sai niente ) ?
      Neanche che Eucarestia si celebrava di sabato?

      Elimina
    18. prima si dava l'esperienza della scrutatio, ora non più

      p.s.
      scrivo a brevi concetti così forse li capisci

      Elimina
    19. FAV
      Stracciati le vesti quanto vuoi ma è stato proprio Kiko a dire che faceva così per risparmiare, se tu giocavi con le biglie quando accadeva questo non ci posso fare niente.

      Elimina
    20. il tuo "segno" FAV è arrivato dopo quasi quarant'anni di I.C. da quanto era importante....lascia perdere...mi spiace per te ma la ragione di quello spostamento è proprio un'altra

      Elimina
  20. Sarà circa un mese, ma all'ingresso delle salette non li vedo più ), tutti in ferie?
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ferie. Anche i camminanti devono riposarsi. Si è riposato Dio il settimo giorno dopo la creazione, e non lo possono fare loro??????????????????????????????????????????????????????????

      Elimina
    2. NO! Perché il cammino è l'unica realtà che non va un ferie, o mon sapete neanche questo?

      Elimina
    3. Caro puntini, una volta tanto una risposta coerente; sarete pure sbagliati, ma per il c***(sempre sulle stesse cose)
      che vi fate ogni settimana dell'anno, un minimo di riposo ci vuole, altrimenti sbrocchereste più del dovuto!
      Ruben.
      ---

      Elimina

    4. @Neo1 agosto 2022 12:51
      NO! Perché il cammino è l'unica realtà che non va un ferie, o mon sapete neanche questo?
      ---
      Personalmente non lo so, apposta sono rimasto sorpreso, forse fanno i turni come i commercianti?
      Qui sotto da me, al momento, il sabato sera, non si vede nessuno.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. Quelle sono le consegne "il cammino non va in ferie" .....
      ....poi sai com'è magari disubbidiscono...o non trovano preti...
      ...ma era un gran sbattrsi per inculcare questo con cazziatoni annessi ai giovani che partivano per fare la stagione

      Elimina
  21. Nelle locations di IC hanno lasciato così tanti debiti che ciclicamente hanno dovuto cambiare posto.
    Gli albergatori non li accoglievano più così tanto volentieri.
    É accaduto soprattutto da quando hanno cominciato a partecipare i figli squattrinati e la comunità, naturalmente, non ha provveduto alla somma.

    Sarà per questo che ultimamente hanno chiesto il pagamento anticipato.

    Nelle ultime comunità di giovani i soldi scarseggiano, anche per le convivenze mensili, e so di un responsabile in appoggio (tra l'altro benestante), che osò proporre una specie di quota mensile per sopperire ai bisogni della comunità.
    Fine epoca del sacco nero.
    Ma non è tanto in discussione la metodologia, quanto il concetto che ci sta dietro: ora pare che la provvidenza non funzioni più e non si preoccupi di coprire le spese di chi non ha entrate ed è il quinto figlio su 10, per cui non riceve sovvenzioni dalla famiglia.

    Sono dei camaleonti, cambiano a seconda delle circostanze e sono alla costante ricerca di soldi, motore primario del loro meccanismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle locations di IC...
      Credo di non errare, se erro sono pronto a chiedere scusa subito.
      IC significa: Inizio Corso ( cioè l'incontro che fanno per diffondere il messaggio, la catechesi e altro).
      Se non ricordo male, Inizio Corso = catechisti e responsabili, cioè vanno normalmente e più delle volte loro.
      Per cui, due ragionamenti, che credo lineari.
      Se IC = catechisti e responsabili, e IC= debito, significa che CR ( catechisti e responsabili) = debito.
      Quindi se IC = debito, alle convivenze di riporto (ICR= Inizio Corso di Riporto) chi ha fatto il debito?
      Quindi, formula matematica: IC=Debito; IC=CR; ICR=Debito.
      Se alla fonte già facevano il debito, alla foce secondo voi cosa hanno fatto?
      Ripeto, non credo tutti facciano così, ma se uno alla fonte si comporta in un modo, poi con le catechesi successive come si comporterà?
      Nelle quali è ancor più motivato a non pagare, in quanto, forse, ha già pagato un qualcosa a quella IC ( almeno spero che non vadano completamente a scrocco).
      Ed ecco, secondo me, chi ha creato debiti su debiti, cioè chi si è fatto pagare i conti dagli altri. Ovviamente non solamente loro, perché a quelle di riporto interagiscono anche altre coscienze.

      Si potrebbe dire: ma non si può sostenere l'onere di fare tutto questo! Una famiglia come fa a pagare tutte queste cose!?
      Non sono cieco, lo capisco, e gli do anche ragione se si ha un certo comportamento lineare.
      Spiego: non fumi, non vai ai ristoranti, non vesti firmato, pochi vizi, e cose simili, sei attento alla famiglia, sei modesto, hai un piccolo stipendio, cioè non navighi nell'oro, come si usa dire.
      A quel punto sei onesto, davanti a Dio retto, ci credi, Dio guarda il cuore, e quindi, secondo me, non hai nulla da rimproverarti.

      Ma, se fumi, se risparmi e poi uscito dalla convivenza ti fai un viaggetto, ti compri un bello sfizio tipo un abito costoso e firmato, un profumo costoso e cose simili, ecco che vai disonesto se ti fai pagare da altri il conto. Stai sfruttando il prossimo per riuscire a soddisfare poi i tuoi desideri mondani. Per chiarezza, anche se io non approvo ma per mie questioni personali, se paghi e fai queste cose che ho appena descritto ( profumo costoso ecc) anche in questo caso non sei da riprendere, diciamo così.

      CDD.

      Elimina
    2. Se qualcuno ha capito l'equazione di sopra, una specie di sillogismo, batta un colpo..............................

      Elimina
    3. : Se qualcuno ha capito l'equazione di sopra, una specie di sillogismo, batta un colpo..............................

      Non ti preoccupare, l'hanno capita in molti, tranne chi l'ha capita e fa finta di non capire perché è falso.

      CDD.

      Elimina
  22. Ogni volta che nel Cammino ti parlano di "mammona", "fare un'esperienza forte", "liberarsi dagli idoli", si stanno preparando a estrarti soldi dalle tasche, che ti piaccia o no.

    Dopotutto è Kiko ad essere ossessionato dai vostri soldi: «se ti ascoltano si convertono, e se si convertono devono mollare il malloppo".
    La vostra "conversione" al neocatecumenalismo ha come unico scopo quello di farvi "mollare il malloppo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverbio neocatecumenale

      Se non molli il malloppo
      ti faccio fuori con un tiro di schioppo

      Elimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.