martedì 26 luglio 2022

"Ma che problemi avete col Cammino?" - A cosa serve questo blog

Ogni tanto fa bene ricordare i motivi per cui esiste questo blog, visti i toni polemici con cui qualche adepto del Cammino ci chiede: «ma che problemi avete col Cammino?».

 

Da cattolici, l'idolatria per Carmen la fondatrice ci impressiona!

La situazione, in sintesi, è questa:

  1. il Cammino Neocatecumenale si proclama cattolico ma non lo è.
    Non lo è perché il suo insegnamento è diverso da quello della Chiesa cattolica, per esempio:Non lo è perché le sue bizzarre "liturgie", carnevalate che offendono Dio e ridicolizzano la liturgia cattolica, manifestano una fede eretica e pagliaccesca.
  2. Nel Cammino vige un culto idolatrico dei fondatori Kiko Argüello Wirtz e Carmen Hernández Barrera, dei quali i neocatecumenali fingono di non vedere:
    • i madornali errori teologici;
    • l'arroganza nei confronti della gerarchia ecclesiale;
    • l'attitudine a fare mercato delle vacche nei confronti del gregge del Signore, e l'atteggiamento da conquistatori nei confronti delle diocesi e delle parrocchie.
  3. Gli aderenti al Cammino:
    • considerano "persecuzione" qualsiasi correzione (anche la più fraterna) alle loro eresie e idolatrie;
    • chiamano "demonio" qualsiasi circostanza che intacchi il prestigio del Cammino (perfino il trovar traffico in autostrada mentre vanno alla convivenza);
    • si sottomettono a pratiche degradanti e umilianti (come gli "scrutini", la "Decima", i "giri di esperienze", le "alzate", le continue richieste di soldi, le carnevalesche "liturgie neocatecumenali", il farsi dettare scelte importanti della vita - lavoro, studio, vocazione, matrimonio... - dai cosiddetti "catechisti" laici, ignoranti, arroganti, ma fedelissimi e Kiko e Carmen).
  4. Le cosiddette "approvazioni" ecclesiastiche di cui gode il Cammino:
    • non autorizzano il Cammino a celebrare strafalcioni liturgici;
    • non autorizzano il Cammino a propalare ambiguità dottrinali ed eresie;
    • non autorizzano gli adepti a fingere untuosa ubbidienza alla gerarchia cattolica salvo poi fare di testa propria in ogni occasione;
    • non autorizzano gli enti neocatecumenali (seminari, fondazioni, Domus, ecc.) a propinare eresie, ambiguità, strafalcioni liturgici o ad ostacolare (o corrompere, o aggirare) i vescovi e il clero;
    • per complicati equilibri di "potere ecclesiastico" (e di chierici corrotti o intimiditi dai pezzettoni grossi del Cammino), la Santa Sede non ha ancora preso provvedimento definitivo contro la setta, probabilmente in attesa che imploda da solo quando ne morirà il fondatore (oggi 83enne).
  5. Per quanto detto sopra, è ovvio definire "setta" il Cammino Neocatecumenale, perché solo una setta ha tutte quelle caratteristiche messe insieme (più la scarsissima trasparenza, il grosso fiume carsico di soldi, il proteggere i propri "VIP" quando si macchiano di peccatucci e reati, ecc.).
  6. Cosa facciamo in questo blog e in campo ecclesiale? Alla luce di quanto si viene a sapere dalla stampa, dai social e dal web (specialmente di parrocchie e diocesi e... di fratelli del Cammino) e di quanto vissuto personalmente:
    • abbiamo denunciato alle autorità ecclesiastiche (e quando necessario anche alle civili) ciò che siamo in grado di dimostrare e ciò che abbiamo subìto di persona; quanto riportato sulle pagine di questo blog è solo una minima parte di ciò che avremmo da dire;
    • proponiamo riflessioni sugli errori, le ambiguità, le eresie, le ipocrisie, l'arroganza degli adepti del Cammino e soprattutto dei loro capi;
    • indichiamo le storture dei capi, capicosca e capibastone (cose su cui i fratelli del Cammino dovrebbero vergognarsi, dovrebbero tirare le logiche conseguenze - un lupo non può mai essere il tuo pastore -, dovrebbero essere loro i primi a denunciare alle autorità ecclesiastiche e, quando necessario, anche civili: e invece...)
    • indichiamo quali soluzioni dovrebbe adottare il Cammino per purificarsi da quello schifo, anche se si tratta di fatto sempre delle stesse quattro:
      1. rigettare la carnevalesca liturgia degli strafalcioni, e adottare esclusivamente il Messale Romano senza trucchetti e senza furbesche reinterpretazioni;
      2. rigettare le eresie e le ambiguità dottrinali, e adottare come testo di catechesi esclusivamente il Catechismo della Chiesa Cattolica;
      3. rigettare ogni "suggerimento" dei capi della setta Cammino, che non sia compatibile col Messale e il Catechismo e la vita di fede cattolica (esempio: se non sei il sacerdote che ho scelto liberamente e personalmente come direttore spirituale, non puoi intrometterti nelle mie scelte vocazionali, lavorative, familiari, nemmeno con "buoni" consigli che non ti ho chiesto; il tuo status di "catechista", "responsabile", ecc., vale zero davanti a Dio, poiché non fai parte della gerarchia cattolica e anche se sei "presbitero" agisci per conto del signor Kiko anziché per conto del Signore Dio);
      4. smettere di dare soldi al Cammino finché non ci sarà un'onesta e dettagliata rendicontazione di come vengono usati, e destinare le proprie opere di carità a soggetti non legati al Cammino (il Signore vede ciò che hai in cuore e soprattutto vede l'idolatria nel cuore di quei neocatecumenali che ti suggeriscono di dare soldi solo a entità legate al Cammino).
Chi ci definisce "ostili" al Cammino, sta involontariamente affermando che siamo ostili agli errori liturgici e dottrinali del Cammino e alla pessima pratica neocatecumenale di fidarsi dei cosiddetti "catechisti".

Dunque, perché esiste questo blog? Che "problemi" avremmo col Cammino? La risposta breve è: "siamo cattolici".

Volete una risposta lunga? Immaginate di essere appassionati di scacchi. Immaginate che nel circolo scacchistico che frequentate da tanti anni, si iscriva uno nuovo. Vi rallegrate perché il circolo cresce, ma scoprite presto che il nuovo soggetto pretende di muovere la torre in diagonale. Restate interdetti: ma costui non ha capito niente degli scacchi? Qualcuno tenta di spiegargli che la torre si muove solo in orizzontale o verticale, ma il soggetto insiste con caparbietà ed arroganza. A questo punto vi aspettate che il presidente del circolo lo scacci fuori a pedate. E invece vi arriva gente a dire: "ma che problemi avete con uno che muove la torre in diagonale?"

Ecco il punto. In qualità di cattolici prendiamo sul serio l'opera e l'insegnamento di Nostro Signore Gesù Cristo, che ci giungono grazie alla Chiesa da Lui stesso istituita e garantita (e che è «una, santa, cattolica e apostolica»). Se uno ha dei dubbi su quella divina opera e quel divino insegnamento, beh, non è cattolico, può andare a farsi friggere altrove, potrà proclamarsi "cristiano sui generis" ma non certo cattolico. Come nel circolo degli scacchi valgono le plurimillenarie norme del gioco degli scacchi, così nella Chiesa cattolica valgono le bimillenarie verità di fede. Così come nel gioco degli scacchi non vengono inventate nuove norme ma solo dato un nome più chiaramente descrittivo (uno poteva aprire con la "difesa Pirc" anche prima che Pirc la portasse in auge ottant'anni fa), così nella fede cattolica non vengono inventati o modificati i dogmi di fede ma solo descritti in modo più chiaro (se viene proclamato il dogma dell'Immacolata Concezione nel 1854 non significa che per oltre diciotto secoli ciò non fosse parte della fede: è stato solo autorevolmente confermato e spiegato ciò che era sempre stato dato per assodato).

Allora, alla domanda "che problemi avete col Cammino?" la risposta è che il Cammino notoriamente promuove un insegnamento che non è quello di Nostro Signore, e celebra i sacramenti in maniera difforme dalla Chiesa, più una serie di altri problemi. Se giocate con i pezzi degli scacchi ma con regole che non sono quelle degli scacchi, non è una partita a scacchi ma qualcos'altro, anche se "somiglia agli scacchi". Non potete pretendere che la vostra invenzione che "somiglia agli scacchi" guadagni un posto d'onore (e nemmeno un posticino secondario) nei tornei internazionali degli scacchi, nei rating ELO, eccetera.

Il Cammino Neocatecumenale è stato fondato negli anni '60 da due spagnoli vogliosi di essere "capi di qualche comunità", capi riveriti, lodati, ubbiditi, incensati, temuti, e soprattutto pagati. Lo hanno ammesso loro stessi e in più occasioni quando descrivevano gli inizi del Cammino (immaginatevi Kiko che dice tronfio: «darete la Decima!», indovinate in quali tasche finirà). Per riuscire, i due eretici spagnoli dovevano necessariamente inquinare la dottrina cattolica, perché a prendere veramente sul serio la dottrina cattolica si diventa come padre Pio, Bernadette, don Bosco, Teresa di Lisieux, padre Kolbe, santa Rita, i pastorelli di Fatima... I santi sono coloro che maggiormente hanno vissuto la fede, non coloro che hanno voluto diventare importanti creando opere mastodontiche.

Inquinando la dottrina cattolica, i due spagnoli Kiko e Carmen hanno inquinato anche la liturgia. Infatti il modo di celebrare i sacramenti è inevitabilmente specchio del modo in cui si crede. Se la tua fede è inquinata, non riuscirai a fare a meno di inquinare anche la liturgia. Se la tua fede è tutta apparenza, anche la liturgia sarà tutta apparenza ("preparazioni", "ambientale", "risonanze", "danza liturgica", "monizioni", esposizioni ortofrutticole e fanatismo per i fondatori, eccetera). Se la tua fede è diversa dalla fede della Chiesa, inevitabilmente la tua liturgia sarà diversa da quella che celebra la Chiesa.

Alla luce di tutto questo possiamo dunque ricordare - non senza qualche risata - ai fratelli del Cammino Neocatecumenale che qui nessuno li "odia", nessuno li "perseguita", nessuno vuole il loro "male", e che dovrebbero smetterla di chiamare "odio", "persecuzione", "male", "demonio", tutto ciò che getta luce sui loro madornali errori liturgici, dottrinali, morali, eccetera.

229 commenti:

  1. miracoli estivi vacanze gratis per gli itineranti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una battuta: come testimoniato da ex fratelli del Cammino, «qualche volta ci esce anche la macchina nuova».

      E chi è che pagava il jet privato agli autonominati "iniziatori"? Non si sa... è un "miracolo" (in gergo neocatecumenale "demonio" è tutto ciò che intacca il prestigio e i soldi della setta, e "miracolo" è qualsiasi cosa che aumenta il prestigio e i soldi della setta).

      Elimina
    2. macchina ? ti sbagli solo stationwagon nuove ,le utilitarie sono per chi non è stato SELECCIONADO

      Elimina
    3. Salve, confermo alcuni atteggiamenti da parte dei neocatecumenali se esci dai loro percorsi. Teste che si abbassano, persone che cambiano strada se vengono incontrate, maldicenze in parrocchia fino a toccare la diocesi di appartenenza sfruttando il fatto che loro sono sempre all'interno delle parrocchie e i sacerdoti si fidano di loro. In prov di Macerata sono successe queste cose con tanto di registrazioni fatte all'insaputa del malcapitato di turno per poi cercare di screditare la persona in tutti gli ambiti della sua vita...e questo con l'appoggio di un sacerdote che poi è stato trasferito.Quanto sono lontani dalla legge d'Amore di Nostro Signore!

      Elimina
    4. "In prov di Macerata sono successe queste cose con tanto di registrazioni fatte all'insaputa del malcapitato di turno per poi cercare di screditare la persona in tutti gli ambiti della sua vita."
      Ecco, questa si chiama VENDETTA e CATTIVERIA, ma ovviamente loro non sono responsabili. E' DIo che "gli ha levato la mano dalla testa"

      Elimina
    5. Sono vendetta e cattiveria tipiche dei sedicenti "cristiani dalla fede adulta che fanno un itinerario di iniziazione che serve ad amare il proprio nemico e a capire che l'altro è Cristo"...

      Elimina
  2. "Per riuscire, i due eretici spagnoli dovevano necessariamente inquinare la dottrina cattolica, perché a prendere veramente sul serio la dottrina cattolica si diventa come padre Pio, Bernadette, don Bosco, Teresa di Lisieux, padre Kolbe, santa Rita, i pastorelli di Fatima... I santi sono coloro che maggiormente hanno vissuto la fede".
    Ringrazio by Tripudio per questo articolo, di cui si sentiva davvero il bisogno, perché a volte, analizzando le problematiche specifiche, si rischia di perdere di vista le motivazioni profonde e principali per le quali questo Cammino porta lontano dalla fede della Chiesa Cattolica a cui sostengono invece di avvicinare e per le quali appunto ci "'permettiamo" di criticarlo.
    Al di là di tutti i motivi per cui questo Cammino è deprecabile e deprecato da medici, psicologi, avvocati, cioè da tutti quei professionisti che si occupano delle patologie che possono derivare alle persone dalla frequentazione di un ambiente settario ed insalubre, a noi interessa particolarmente l'aspetto spirituale, che comunque è sempre connesso intimamente con quello materiale.
    La dottrina cattolica ci porta a prendere come modello i santi quelli veri, quelli da calendario e veramente eccelsi come anche i santi vicino a noi, i nostri genitori che ci hanno trasmesso una fede che non era per nulla in contrasto con valori umani come l'onestà, la castità, la temperanza, la coerenza di vita.
    Il Cammino invece propone una santità inversa, tanto più riuscita quanto minore riguardo si ha per queste che ritengono "sciocchezze": lo abbiamo constatato nello scorso thread, in cui i nostri commentatori neocatecumenali consideravano più che eroico addirittura naturale che una famiglia buttasse via i risparmi o addirittura si indebitasse per far fare ai propri figli adolescenti un viaggio in Israele allo scopo ultimo di far gonfiare le penne ai propri responsabili nazionali e fare pubblicità al "nuovo vaticano" kikiano della Domus Galilaeae, finanziariamente colpito dal lungo periodo di limitazioni sanitarie.
    Questo non è solo del tutto acattolico, è amorale, non solo va condannato per motivi di fede ma anche per motivi di normale buonsenso!
    Farebbe ridere, se non facesse piangere, che queste persone, che del lavaggio del cervello altrui hanno fatto un metodo da sempre, si scandalizzino per la diffusione del cosiddetto pensiero unico!
    E a proposito: come mai i nostri commentatori neocatecumenali, che non perdono occasione di accusare di complottismo gli altri, non hanno avuto nulla da dire in proposito? Quelli che qui definite "complottisti" voi li avete al vertice, e pagate pure per far sì che i vostri figli si abbeverino alla loro "scienza"... con un'incoerenza che si spiega solo con l'idolatria e il fanatismo imbecille che avete eletto a sistema di vita e di pensiero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fanatismo imbecille, eh????????

      Elimina
    2. complottisti, eh ?????

      Elimina
    3. Eh sì caro Puntini, proprio complottisti! Tu che leggi con attenzione lo spazio commenti del blog in cerca di nuovi epiteti, saprai quante volte i due commentatori neocatecumenali qui presenti (oltre a te, che non si sa se sei neocatecumenale e fingi di non esserlo o non lo sei e fingi di esserlo) si sono permessi di dire che il blog era negazionista e viganiano. Ora invece che, dopo i pronunciamenti pubblici di don Pezzi e di Gennarini, si è dimostrato che i negazionisti complottisti e viganiani sono loro, i neocatecumenali, i due tacciono significativamente. Sicuramente si stanno preparando a cambiare bandiera, non sia mai che non aderiscano al pensiero dei propri massimi leader. Nel frattempo ignorano le domande e cercano di buttare fuori tema la discussione. Bell'esempio di coerenza, di cui spero prendano atto tutti i nostri lettori!

      Elimina
  3. Io che non sono adulto nella Fede, devo essere accompagnato dai genitori??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, basta "mollare il malloppo" a Kiko.

      Kiko stesso ha detto ai cosiddetti "catechisti": «se ti ascoltano si convertono, e se si convertono devono mollare il malloppo».

      Ed è sempre Kiko che ha stabilito che la salvezza dipende solo dal "far bene il Cammino", cioè da tre cose:
      1) pagare la "Decima" (ma guarda un po'... per Kiko i vostri soldi sono sempre al primo posto nelle sue brame)
      2) "fare le Lodi domestiche" (in modo da non andare a Messa in parrocchia la domenica mattina)
      3) essere "aperti alla vita" (che in gergo neocat significa sfornare figli come conigli).

      Elimina
  4. Per contestualizzare meglio, vi faccio un esempio.

    Immaginate di appartenere ad un gruppo religioso in cui è prassi invalsa chiedere continuamente soldi ai membri, gloriare continuamente gli autonominati "iniziatori" addirittura imitandone la grafia e il "font" di caratteri, celebrare la liturgia secondo le modalità degli "iniziatori" anziché secondo quelle della Chiesa...

    Tutto questo già dovrebbe farvi alzare un sospettoso sopracciglio, no?

    Ebbene, quando i capi di tale gruppo religioso abusano della loro posizione (in termini di arroganza, di pretesa di prendere decisioni sulla tua vita, e anche di dove destinare - e senza rendicontare - i soldi raccolti), e addirittura ti comandano di coprire le porcate pedofile dei cosiddetti "catechisti", come diavolo fate a restare ancora invischiati nel gruppo?

    Come diavolo è possibile che per fare un "itinerario di iniziazione alla fede adulta" dobbiate subire umiliazioni di ogni genere e "coprire" le magagne dei capi adottando una "doppia morale"? Doppia morale: se il peccato X lo compio io, è gravissimissimissimo, se invece lo compie il mio cosiddetto "catechista" "beh, è stato per il nostro maggior bene, dopotutto i "catechisti" sono angeli discesi dal cielo, e poi "quando il Signore mi toglie la mano dalla testa ne combino di ogni", e comunque non era mica così grave, dai, i "catechisti" sono "ispirati", hanno lo "spirito", e poi io non devo permettermi di "giudicarli" mai e poi mai, nemmeno nei pensieri!... - Per esempio, considerate la notizia "Presbitero neocat arrestato mentre faceva sesso con una neocatecumenale minorenne: la doppia morale dei kikos". (talmente "doppia morale" che questo Presbikiko Arrestato è stato comodamente trasferito a fare "pastorale giovanile", cioè letteralmente la volpe nel pollaio...)

    Capirete che il diavolo - quello vero, non il simpatico portasfortuna del Cammino che ti fa trovar pioggia mentre vai alla Convivenza - è molto soddisfatto del Cammino Neocatecumenale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordiamo ai gentili lettori che non è necessario fomentare il vittimismo neocatecumenale.

      Basta semplicemente mettere i kikos di fronte alla nuda e cruda realtà. Realtà di gente maltrattata in ogni modo (psicologicamente, economicamente, ecc.) e intimidita (infatti hanno paura di ammettere che nel Cammino troppe cose non vanno bene, figurarsi l'ammettere che si può crescere nella fede anche senza il Cammino, anzi, si cresce nella fede molto di più se si abbandona il Cammino).

      Nota bene: insultare un neocat, anche in modo non aggressivo, gli dà soddisfazione perché potrà vantarsi in comunità di essere stato "perseguitato" (ah,ah,ah!) mentre "evangelizzava" (ah,ah,ah,ah,ah!). Ciò che danneggia il Cammino è la verità. Per esempio, il ricordare che le carnevalate liturgiche neocatecumenali sono strafalcioni che offendono Dio e insultano la Chiesa e non hanno niente di "liturgico", per i fratelli del Cammino è peggio che una pugnalata. Lo sanno bene di star sbagliando, e vorrebbero fingere di non saperlo. Per questo vi rispondono sempre "ma il Cammino mi ha fatto crescere nella fede! (ha salvato il mio matrimonio! e bla bla bla!)" - sarebbe come dire che un grosso incendio a bordo fa volare meglio gli aerei.

      Elimina
    2. I fratelli del Cammino fanno di tutto per fingere di non sapere. E minimizzano, banalizzano, cambiano discorso a tutti i costi, poiché se dovessero esprimersi su qualche fatto increscioso - come ad esempio riguardo al "catechistone" che abusa sessualmente di ragazze della comunità (vedi recente episodio) - dovrebbero ammettere onestamente che a causa della mentalità neocatecumenalizia non riescono a difendersi contro le clamorose ingiustizie interne alla setta.

      Quando i fratelli del Cammino, in onore della giustizia di Dio, scacceranno via i cosiddetti "catechisti" (che più ti sorridono innocentemente e più sono approfittatori, e più si fingono agnellini mansueti e più sei propenso a ignorare le loro schifezze), il Cammino potrà cambiare. Quando rifiuteranno l'idolatria agli "iniziatori" ed ai "catechisti", quando rifiuteranno di celebrare carnevalate liturgiche (condannate dalla Chiesa, dal Messale, dallo stesso Statuto, dai sommi Pontefici, e ipocritamente ancor oggi i kikos fingono di non saperlo), quando rifiuteranno di versare soldi nel buco nero neocatecumenale, quando seguiranno il Catechismo della Chiesa Cattolica anziché le squinternate "catechesi" del Cammino, solo allora il Cammino potrà diventare cattolico (e solo allora questo blog diventerà inutile).

      Il Cammino è gradito solo nei gironi infernali, già popolati di kikos che hanno speso tutta la loro vita adorando il signor Kiko (e quindi di conseguenza calpestando la fede degli innocenti proprio mentre credevano di "crescere nella fede [kikiana]" fingendosi "convertiti", fingendosi "allegri", fingendosi candide pecorelle giulive "più cristiane dei cristiani") anziché il Signore Dio dell'universo.

      Elimina
    3. sempre le stesse cose sig. by Tripudio.



      Elimina
    4. Finché resteranno vere, non mi stancherò di ripeterle.

      Elimina
  5. ovviamente il Cammino é tutto l'opposto di quanto ha scritto by Tripudio su questo post.....






    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cammino è fondato sulla menzogna.

      I dati sopra esposti sono o dati oggettivi (esempio: chiunque può verificare la differenza abissale fra le carnevalate liturgiche neocatecumenali e la liturgia cattolica: può bastare perfino la semplice consultazione del Messale Romano) oppure provengono da una enorme quantità di testimonianze che è semplicemente impossibile smentire tutte una per una dalla prima all'ultima.

      Il Cammino è fondato sulla menzogna: infatti il fratello kikolatra che oggi si firma "Mario" non si sforza minimamente di chiedersi se almeno l'un per cento delle cose dette sopra sia vero. Se fosse vero anche l'un per cento, il Cammino - e i suoi autonominati "iniziatori", e i suoi cosiddetti "catechisti", "responsabili", "itineranti", "missionari", eccetera - avrebbero molto di cui essere criticati, avrebbero moltissimo di cui correggersi e chiedere perdono a Dio e alle proprie vittime.

      E invece il Cammino è fondato sulla menzogna, nella tragicomica illusione che una menzogna ripetuta un milione di volte diventi verità. Sentitelo come piagnucola impudente, notatelo come sbatte i piedini per terra e i pugni sul tavolo: «gnòòò! gnòòòòò!!! il Cammino è TUTTOLOPPOSTOOO!!! gnòòòò! gnèéèéèé!!"

      Elimina

    2. @Mario 26 luglio 2022 13:14
      ovviamente il Cammino é tutto l'opposto di quanto ha scritto by Tripudio su questo post.....
      ---
      Magari potresti spiegare e circostanziare l' "ovviamente", ovvero non si può accusare una persona di essere mendace, senza contestargli il "perché"!
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. è semplice : il Cammino é la Verità assoluta, è non c'è altro da dire

      Elimina
    4. Mario27 luglio 2022 11:00 è semplice : il Cammino é la Verità assoluta, è non c'è altro da dire.

      Ti do del tu. Tu puoi credere ciò che ti pare e piace. Sei liberisismo, ma il tuo credere si arresta davantia me.
      Per cui, giusto per chiarezza, e senza rancore, ecco che sappiamo che vi dite le menzogne, ovviamente, per dirla tutta, non è tutta una menzogna. Questo no! Ma tra di voi le ipocrisie, le menzogne, le ruberie, le diffamazioni, le presunzioni, ecc, ecc, girano tranquillamente.
      Poi, se identifichiamo tutto questo come Cammino Neocat, ecco che tu lo dici, cioè sei tu che affermi che quelle menzogne siano delle verità.
      Poi, giusto per ristabilire la Verità, ecco che devo correggere il tiro, cioè la tua affermazione.
      E cioè: carissimo! esiste per noi credenti una sola Verità, ed è chiara: Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
      Per me vi è una sola Verità assoluta: Gesù Cristo, il Figlio di Dio, il Signore.
      E c'è altro da dire, molto altro da dire.


      CDD.

      Elimina
  6. Caro by Tripudio, mi domando se in una Canonizzazione tipo Carmen, che verrà ottenuta a suon di quattrini, la Santa, starà in Paradiso od all'inferno?
    Intanto confermo che la Diocesi di Madrid, non ha ancora aperto la causa, come fallacemente comunicato personalmente al Papa da Kiko il 27 giugno u.s.
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era da immaginarselo. Intanto però il guru imbroglione, violento e presuntuoso ha dato l'annuncio in pompa magna in una sede in cui era certo che tutte le comunità neocatecumenali potessero sentirlo (i link ai video dell'invio delle famiglie in missione da parte del Papa sono diffusi capillarmente fino agli ultimi catecumeni delle comunità più remote e tutti sono invitati a guardarli). Sappiamo che per i catecumeni tutto quello che dice kiko è vero, fosse anche che il sole è quadrato o che la Cina si trova al Polo nord. La notizia che era una balla invece la pubblica solo il blog, nel Cammino non diranno MAI che kiko ha detto una cosa non vera. Certo che svergognato, mentire davanti al Papa...
      Porto

      Elimina
    2. state insinuando che Kiko dice bugie al Papa???????????

      Elimina
    3. Puntini caro, ma la differenza tra insinuare e dichiarare non c'è nel tuo dizionario della punteggiatura?

      Elimina
    4. Dubito fortemente che si arrivi ad una beatificazione della perfida Carmen, nemica giurata della fede e della Chiesa, men che meno ad una sua presunta "canonizzazione". Con grande probabilità - e i capicosca della setta lo sanno bene, per questo hanno il proverbiale pepe al proverbiale deretano - i vescovi coinvolti tenteranno di menare il can per l'aia il più a lungo possibile, consci che tutta la baracca neocatecumenale subirà una stangata pazzesca nel momento in cui Kiko morirà. Per questo i capicosca hanno una fretta del diavolo di incamerare risultati.

      Elimina
    5. incamerare eh?????????

      Elimina
    6. scommettiamo che Carmen sarà santa?

      Elimina
  7. Nome di fantasia ma persona vera26 luglio 2022 16:35

    Se vi avessi dato retta prima... avrei evitato immani sofferenze! Esperienza negativa in 20 anni di "cammino"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coraggio fratello! Meglio tardi che
      mai. Intanto ti abbiamo recuperato
      alla Vera Fede.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    2. Dato retta a chi? All'Osservatorio? Beh ora gli hai dato retta, vediamo se vai meglio. Ora che fai vai in parrocchia? Beh in bocca al lupo, quello che hai visto nel Cammino sono rose e fiori, sempre che la parrocchia esista ancora. Te lo dice uno che frequenta molto sia il Cammino che la parrocchia, parlo quindi con cognizione di causa.

      Elimina
    3. Quel tuo dire: Ora che fai...?
      Esprime tutta la tua superbia. Che dire? purtroppo ti si è gonfiata la testa, credi di sapere, ma non sai nulla.
      Non so a quale parrocchia appartieni, ma avere uno come te che sapendo possa stare nella mia mi farebbe venire i brividi.
      Comunque: auguri e figli maschi! ( è una battuta se non hai capito)

      CDD.

      Elimina
    4. Talmente ci credete a ciò che fate, che state tutti i giorni a leggere il blog.
      Io non starei tutti i giorni a leggere una rivista anticattolica. Ci girerei lontano.
      Invece...
      Eh! Quanto è brutta l'ipocrisia!

      CDD.

      Elimina
    5. Se uscissi dalla tua stanzetta mentale forse vedresti tante cose che il cammino NON VUOLE farti vedere. D'altronde il fatto di sentirti un eletto è uno dei motivi per cui ci stai nel cammino. Il fatto che tu "frequenti molto la parrocchia e il cammino" è un ossimoro. QUindi stai mentendo sapendo di mentire.

      Elimina
    6. Al fratello che ha lasciato:

      In primis consultare un
      bravo psichiatra o psicoterapeuta,
      per rimettere a posto la mente.
      Guarda che per la psiche, 20 anni
      di Cammino sono come 20 anni
      di "campo di concentramento".
      Con migliori auguri
      Ruben.
      ---

      Elimina
    7. Nome di fantasia ma persona vera27 luglio 2022 22:58

      Grazie è proprio auello che ho fatto.
      Terapia e un buon frate confessore.
      Ricostruire una vita è dura ma ora mi sento tanto libero.
      E grazie a voi non mi sento solo e incompreso.

      Elimina
    8. Non sono del tutto convinto che uno psicologo/psichiatra/psicoterapeuta sia utile; certamente è indispensabile avere un buon confessore (e padre spirituale), perché a lungo andare (e sottolineo: a lungo andare, confessione dopo confessione) uno "riprende in mano" la propria vita quasi senza accorgersene (sono gli effetti della grazia del sacramento, non del proprio sforzo, è proprio il fatto che i "pezzi di ricambio" forniti dalla grazia di Dio sono migliori dei "pezzi originali", ma uno lo nota solo col passare del tempo), e nel frattempo le ferite dell'anima si sanano, ivi incluse quelle che uno aveva inflitto a sé stesso convinto di far bene perché glielo avevano detto i capicosca della setta (interessatissimi a spennarlo). Quelli che sono brutti ricordi, diventano cronaca triste ma che ricorda l'essere finalmente usciti dal pericolo.

      Ed infatti non c'è peggior umiliazione per gli adepti del Cammino, del vedere qualcuno che uscendo dal Cammino torna non solo alla fede (vivendola come ricchezza spirituale personale anziché come fardello opprimente continuamente aggravato dagli obblighi comunitari), ma alla vita normale, famiglia, lavoro, studi, hobby, parenti, amici. Non potete nemmeno immaginare cosa significa per un "ex fratello" una passeggiata e una cena in pizzeria decise all'ultimo momento e senza lo spettro selvaggio di "preparazioni", "convivenze", "eucarestie", o il catechistone barbuto che ti guarda con occhio torvo dicendoti che sei attaccato a mammona e in braccio al demonio solo perché una sera hai mangiato un gelato con gli amici o coi familiari e lui ha ordine di fartelo pesare sulla coscienza come se tu avessi tradito il Signore e la fiducia della comunità.


      Elimina
  8. Come fare la "Guerra" nella Luce di Dio, pulita e nella Volontà Divina, ai Neocatecumenali.

    Spunti e riflessioni e tattiche utili per tutti coloro che operano nella Fede di Gesù Nostro Signore.

    In primo luogo dobbiamo sapere che abbiamo davanti delle anime alterate, le quali si comportano in base al vento che tira, se stai in Santa Pace con te stesso, ecco che ti vengono con superbia e offese varie, fatte passare per provenienti da Dio ma che con il Signore non hanno nulla in comune, ( non vengono in quel modo apertamente, ma con dissimulazione, cioè in maniera celata, e spesso con invidia e superbia).
    Arrivano di colpo nella tua vita e ti offendono con giudizi taglienti ( come ad esempio sei attaccato al denaro, sei un superbo e cose simili), in quel momento non è il Signore che sta parlando, cioè lo Spirito Santo, ma, molto probabilmente il demonio indirettamente, cioè sono mossi dal peccato. Il demonio in quel momento li aizza per seminare il male dentro il cuore di colui cha hanno puntato. Vi ripeto è un’azione indiretta, cioè il demonio se li lavora, suscitando loro immagini mentali, sentimenti di odio, qualcuno andrà a parlare male dietro le spalle per cui seminerà zizzania, e altro. Il demonio fa questo per riuscire ad entrare nel cuore della persona che viene puntata da queste persone. Infatti, se ci pensiamo bene, l'obbiettivo del demonio è quello di farti cadere nel male anche a te, cioè di toglierti la pace interiore e farti rispondere con altro male. Così il male riesce ad entrare. Il male causa altro male, l’unico modo per sconfiggerlo e reagire nel bene.

    -----

    RispondiElimina
  9. Dobbiamo combattere con le armi della Luce, del Vangelo, e schiacciare la testa al serpente con le armi di Cristo e della Madonna.
    In primo luogo è bene sapere che questi personaggi, non tutti ovviamente, sono approfittatori e dissimulatori, cioè si muovono in base a come tira il vento, se ti vedono tranquillo, ecco che gli salgono pensieri negativi, ripeto il demonio inizia a lavorarseli per spingerli contro di te, con il fine di riuscirea togliere la pace nel cuore. Se stai con te stesso per fatti tuoi, ecco che ti si avvicinano e iniziano a giudicarti come se non stessi facendo nulla ( pantofolai, ti giudicano un „cristianuccio della domenica“ e altre frasi simili) se fai altro di buono, come la carità, essere allegro, essere in pace con il prossimo, ma anche nel bisogno e nel pianto e nel dolore, ecco che si avvicinano per venirti contro, per cui ti remano contro. Ognuno di voi sa cosa ha ricevuto tra queste persone, frasi, giudizi, diffamazioni, ruberie, ecc, ecc.
    Vi metto alcune frasi e azioni classiche: sei attacato al denaro, sei superbo, chiedono dei fatti personali per entrare nelle dinamiche di famiglia, come se fossero autorizzati ( nessuno ha dato l’autorizzazione, infatti se voglio ti dico io qualcosa, ma tu non puoi permetterti di venire a chiedere nulla che io non voglia), iniziano a lavorarti piano piano per attirarti sotto la loro volontà, tengono sotto controllo il prossimo ( si credono superiori al prossimo, come se solamente dalla loro parte sia la verità e Dio fosse solamente il loro Dio e non del prossimo che hanno davanti).
    Fanno altre cose, ma mi limito a descrivere queste.

    ------------

    RispondiElimina
  10. Che fare?
    In primo luogo arriverà il turbamento e il malessere, cioè l’anima si sente come invasa da questa azione negativa, e per cui inizia a turbarsi. Poi vi possono essere molte azioni, in base alle reazioni successive, si potrebbe reagire sottomettendosi al male, cioè all’inganno, potrebbero partire reazioni avverse in quanto s’ intuisce la trappola in atto, smarrimento, pianto, confusione, ecc. Ognuno ha le sue reazioni, reazioni che escono in quel momento, cioè se io reagisco con violenza verbale, non significa che sono cattivo o superbo o altro, ma significa che sono caduto nella trappola in quel momento, e la mia reazione è quella perché provo dolore e malessere, per cui non accetto.
    A quel punto bisogna confidare in primo luogo nell’Amore di Dio, confidare uin Lui e in se stessi in quanto Dio non ci abbandona, e se permette un qualcosa è per farci crescere.
    Quindi bisogna subito ristabilire la Pace interiore, facendo uno sforzo di volontà, cioè contenendo e dominando ciò che si è ricevuto e che ci turba, e iniziare dialogare con lo Spirito Santo e chiederGli aiuto. Dio è Nostro Padre, per cui attende che dialoghiamo con Lui da figlio a Padre. In questo modo ci abituiamo a parlare nella verità, perché al Signore non possiamo dire bugie e fare fantasie, cioè veniamo indirizzati nel capire ciò che è reale e ciò che non lo è, perché lo Spirito ci forgia nel dialogo, cioè il Signore ci cura le ferite, ci fa capire dove dobbiamo operare per fare nla sua Volontà e dove invece siamo stati alterati dall’azione del demonio che ha agito come ho descritto in precedenza, e quindi dove dobbiamo tagliare per non cadere nel male.

    CDD.

    RispondiElimina
  11. Ma cosa sta aspettando il Santo Padre a scomunicarli in massa, sta aspettando danni irreversibili? Questa è una piovra demoniaca che sta distruggendo i veri cristiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi piacerebbe, eh? Ebbene mai!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina

    2. @Anonimo 27 luglio 2022 11:10
      Vi piacerebbe, eh? Ebbene mai!!!!!!!!!!!!!!!
      ---
      Tu dici "mai", ma chi decide o deciderà, non è il vostro "falso spirito santo" bensì il Papa e la Chiesa che, bontà
      loro ancora vi tollerano.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. Il Bergoglio era recentemente impegnato a chiedere scusa in Canada per delle cose mai avvenute. Non saranno i fautori del vaticansecondismo a dare ai kikos la scomunica che meritano. Ma tanto il vaticansecondismo è alla frutta (come mostrato dalla tragicomica celebrazione "al mare sul materassino" di qualche giorno fa, sebbene le celebrazioni neocatecumenali vadano considerate peggiori di quella poiché hanno reso sistematicamente una pagliacciata l'Eucarestia, mentre il pretonzolo che si è fabbricato il suo quarto d'ora di notorietà ha fatto la pagliacciata come eccezione alla norma).

      Elimina
  12. Anonimo delle 20 e 30 di ieri:
    si sta parlando del Cammino e tu tiri fuori "la parrocchia".
    Come se le magagne eventuali della "parrocchia" (ma le parrocchie non sono tutte uguali, come invece lo sono le comunità del Cammino), cancellasse gli errori del Cammino o l'esperienza negativa furata 20 anni dell'ex nc che ha scritto.

    Forse alcune parrocchie possono, come tu dici, "non esistere" (che vuol dire? Che si fa poca attività e che non c'è fanatismo?), ma noi stiamo parlando del Cammino che, proprio perché esiste, ed esiste in diusubbidienza alla Chiesa, e al suop stesso statuto approvato, spesso danneggia le persone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @pietro non del cammino, se io e te guardiamo un film, è possibile che ad entrambi piaccia oppure no. Può darsi che a te susciti dei sentimenti e a me altri. È normale che alcuni non vivano bene il cammino, perché, lo diciamo spesso, il Cammino è per tutti, ma non tutti sono per il cammino. Il fratello lo ha fatto per 20 anni e si è trovato male, io sono 34 e non cambierei di una virgola il cammino fatto. Abbiamo visto lo stesso "film", lui è uscito deluso, io lo rivedrei daccapo. Perché dite che "il film è brutto" e "danneggia le persone? La liturgia e le catechesi (che sono conformi al ccc come certificato dalla Santa Sede), sono approvate, quindi non è un problema di "film", ma lui è uscito e non gli è piaciuto, mentre a me come a tantissime altre persone nel mondo si. Perché? Non lo so, è un mistero, forse perché Cristo si fa trovare per strade diverse, io l'ho trovato attraverso il Cammino Neocatecumenale, tu lo hai trovato attraverso un'altra esperienza. Ripeto, il Cammino Neocatecumenale è aperto a tutti, ma non tutti sono per il cammino.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. Finalmente una cosa giusta : il Cammino é per tutti ma non tutti sono per il Cammino é un gruppo di eletti un milione su un miliardo di cattolici, giustissimooooo.........

      Elimina
    3. Pietro non del Cammino27 luglio 2022 11:20

      Fallacio:
      le catechesi e la liturgia del Cammino, come tutto ciò che è nel direttorio, NON è stato approvato, ma è stata solo approvata solo la pubblicazione del direttorio che il Cammino si guarda bene dal fare.
      Del resto il Pontificio Consiglio dei Laici non poteva approvarlo, perché non è di sua competenza approvare un direttorio. Per essere approvato occorreva l'ok della Congregazione per la Dottrina della Fede, che non l'ha dato.

      Precisato ciò, preciso anche che l'esempio che fai non prova nulla, perché dipende dal tipo di film.
      Un film pornografico, ad esempio, può anche piacere, ma rimane un film sbagliato.

      Elimina
    4. Caro Fav, che a te il Cammino piaccia non lo metto in dubbio. Non so come eri prima di entrare in Cammino, quello che so è che in 34 anni non hai "imparato" a non dire bugie. Infatti, nella maggior parte dei tuoi interventi metti in bocca parole e pensieri a chi scrive qui che non sono stati espressi, travisi volontariamente le parole degli altri, e le travisi sempre per portare acqua al tuo mulino, accusando di volta in volta chi scrive di non essersi convertito, di essere attaccato ai soldi, di dire menzogne. E' una falsificazione che fai sistematicamente, cioè fa parte del tuo modo di essere, ed è una cosa bruttissima e anti-cristiana, perché, oltre a tutto il resto, mina alla base ogni possibilità di dialogo. E' questo un frutto del Cammino? Oppure eri così e così sei rimasto? Non lo so e non è importante, però sta di fatto che tu fai questo sistematicamente, e sei in Cammino da 34 anni. Che ognuno tragga le sue conslusioni.
      Porto

      Elimina
    5. @Fav
      E comunque non è vero che il Cammino è per tutti. Non è per le persone che autenticamente cercano la fede, non è per le persone che non sono ipocrite, che non sono false, che aspirano veramente e sinceramente a mettere in pratica la dottrina cristiana, non è per quelli che credono che tutti siano loro fratelli e non solo i cosiddetti "fratelli" di comunità.
      Porto

      Elimina
    6. @pietro non del cammino, l'ente mondiale, anzi universale che gestisce tutti i film del mondo, ha dichiarato che questo film è buono e non è pornografico.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    7. @porto, ma sono le stesse cose che dite voi a me! Anzi dite anche molto peggio (i vostri commenti sono sotto gli occhi di tutti). Allora anche voi "travisate"? E tutto questo è sistematicamente in ogni commento rivolto a me. Ma chissene importa! A me non interessa, rispetto a quello che ha sofferto Cristo per me questa è acqua fresca. Quindi perché ti offendi se ti dico la verità? (ovviamente tu la vedi diversamente, ma è normale diversità di opinioni...)
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    8. @Fav
      Per quanto mi riguarda, non mi sembra di averti mai detto che non sei convertito, o che pensi solo ai soldi. Ho detto invece, e lo ripeto, che nel Cammino si parla molto spesso di soldi, in particolare dei soldi dei caminanti, ma mai di quelli del Cammino. A te ho detto più volte che travisi scintemente le parole degli altri, e lo ripeto. Lo fai quasi sempre. Dico anche che non mi sembra un comportamento cristiano. Non si tratta di diversità di opinioni. Poi se vuoi pensare che io/noi non siamo convertiti, che siamo avari, ecc., libero di pensarlo, ma non è quello che emerge da quanto scriviamo, credo, o almeno da quanto scrivo io (parlo per me).
      Porto

      Elimina
    9. "il cammino è per tutti ma non tutti sono per il cammino"

      1. A me i neocat hanno sempre detto il camminoh non è per tuttih! ; mettetevi d'accordo.

      2. Se sapete, perché lo sapete, già dall'inizio che molti se ne andranno, DITELO alle catechesi iniziali, e dichiarate i parametri di discrimine, così che la gente che se ne deve andare se ne vada subito. SUBITO, non dopo anni. Le regole degli ordini religiosi sono pubbliche o consultabili. Non esiste il la truffa del "gusto della sorpresa".

      3. Come dice Porto, non è neppure vero, ma per niente, che il cammino sia per tutti. Il cammino è per: selezionare gente come fav. Gente che resiste, per un misto di testardaggine, convenienza, rassegnazione, paura, abitudine, desiderio di sentirsi superiori (mai capito a cosa) e nei casi peggiori per una sorta di ibristofilia (attrazione per le persone cattive ed in senso lato per il male) e altre perversioni come voyeurismo, esibizionismo, sadismo, masochismo, nichilismo.

      4. Per selezionare questo 1% di cui sopra, il cammino fa perdere la fede a tutti gli altri che sono stati centrifugati nella selezione. Gente che era cattolica prima, ovviamente. . Non tutti sono per il cammino? Bella ipocrisia. Molti di quelli che escono non sono più buoni manco per la Chiesa Cattolica. Non c'è che dire, un bel risultato conforme alle promesse iniziali.

      5. Il cammino è il paradiso dei bugiardi, dei fanfaroni, dei truffatori e delle mezzecalzette ghignanti.

      A. Non.

      Elimina
    10. Il Fallace Asino Vinicio, nel commento delle 9:00, cerca di far credere che la liturgia è un film.

      Cioè professa ciecamente l'errore neocatecumenale del credere che la liturgia sarebbe uno spettacolino a tema sacro.

      Ma non è così. La liturgia è "l'unico culto a Dio gradito". Pertanto, per quel che riguarda la liturgia, occorre seguire alla perfezione le norme stabilite dalla Chiesa (che non sempre sono severissime, ricordiamocelo: il Messale in certi casi consente "questo oppure quello", "oppure facoltativamente quest'altro").

      Invece nel neocatecumenalismo vige la regola del "facciamo come vogliono Kiko e Carmen anche se il Messale dice diversamente". E quindi trasformano la liturgia in un'emerita pagliacciata, con tanto di girotondino idiota "col passetto", la "comunione seduti", il fiume di parole (monizioni, ambientale, ecc.) che annacquano la Parola, eccetera.

      Il Fallace Asino Vinicio avrebbe ragione solo nel caso in cui il Cammino celebrasse perfettamente secondo le norme della Chiesa. E quindi, tra due celebrazioni "a norma", è legittimo scegliere quella che più si confà alla propria vita spirituale (se io preferisco la Messa Tridentina, ammetto comunque che qualcuno possa trovarsi bene con una liturgia Novus Ordo celebrata con dignità e sobrietà e con rispetto delle norme liturgiche).

      Piccolo promemoria per gli asini raglianti come il Fallace di cui sopra:

      Giovanni Paolo II, 10 febbraio 1983, discorso ai neocatecumenali: «Celebrate l’Eucaristia e, soprattutto, la Pasqua, con vera pietà, con grande dignità, con amore per i riti liturgici della Chiesa, con esatta osservanza delle norme stabilite dalla competente autorità, con volontà di comunione con tutti i fratelli.
      (...)
      Le leggi sono munifico dono di Dio e la loro osservanza è vera sapienza. Il diritto della Chiesa è un mezzo, un ausilio e anche un presidio per mantenersi in comunione col Signore.
      Pertanto le norme giuridiche, come anche quelle liturgiche, vanno osservate senza negligenze e senza omissioni

      Il Fallace anche stavolta farà finta di non aver letto e di non aver capito.

      Elimina
    11. Ma, no, che fingere di aver capito, Vinicio non finge mai! Se ve lo dico io che ero a scuola con lui.

      FungKu. Per esempio rispondeva con sincerità alla prof quando chiedeva "Hai studiato, Vinicio?" Durava tre secondi la sua interrogazione, un po'come il voto eh.
      Io invece sì che facevo un po' di commedia, ma tanto il voto era lo stesso.

      Elimina
    12. @tripudio, io ho letto benissimo, ma forse a te è sfuggita la data del documento che hai pubblicato: 1983. Ne è passata di acqua sotto i ponti, la liturgia è cambiata, nel 1986 il Santo Padre ha celebrato a porto San Giorgio, nel 2008 l'approvazione ecc... Parli della preistoria.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
  13. Gli errori liturgici coincidono con errori dottrinali.
    La Messa, se valida, nella sua sostanza è sempre perfetta di valore infinito, ma se il modo di celebrarla è sbagliato, la si vive in modo sbagliato e perciò si ostacola la grazia.

    L'azione redentrice della Messa è spirituale e soprannaturale, per cui non coincide con il giudizio di bellezza dei sensi.
    Se dopo la Messa i sensi sono soddisfatti, non è detto che la Messa abbia portato frutto.
    Certamente la grazia può coinvolgere anche i sensi, e spesso lo fa, ma non è detto e, anzi, quando questi sono sollecitati esageratamente sfiorando il fanatismo e il fedeismo indotto, allora sono indizio che c'è qualcosa di profondamente sbagliato.

    L'Apostolo Giovanni dice che l'amore di Dio è sempre perfetto in noi. Il fatto però è che non è detto che il nostro modo di amare è perfetto. Anzi molte volte è sbagliato, e questo "depotenzia" l'amore di Dio in noi.
    Così è la Messa: se il modo di celebrarla contiene errori, che poi sono sempre errori di fede, allora, nonostante sia "bella" ed esaltante, gli errori ostacolano la grazia.

    RispondiElimina

  14. @CDD

    Perche' superbia? Spiegami dove starebbe la superbia? Parlo con cognizione di causa, non a vanvera come fate voi, conoscendo il Cammino e la parrocchia molto meglio di voi. Ha lasciato il Cammino? Bene e' una sua scelta, però poi vorrei sapere poi l'esperienza di fede di chi decide di uscire? Forse voi non avete capito che ho molta esperienza del Cammino, della parrocchia, anche di uscirne dal Cammino, ho fatto questa esperienza prima di voi so cosa accade una volta usciti. Cosa ha intenzione di fare questo ex neocatecumenali, frequentare la parrocchia? In bocca al lupo, conosco molto bene le dinamiche della parrocchia, la frequento quotidianamente, lo ripeto per l'ennesima volta, i difetti che riscontrate nel Cammino sono elevati all'ennesima potenza ci vuole una grande fede per resistere in parrocchia, se non ci credete significa che non conoscete le parrocchie. Il fratello se la sente? In bocca al lupo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo infatti che con Lino commentavamo spesso che i peggiori nel Cammino, i più assatanati, sono quelli che, dopo esserne usciti, rientrano. Lo dice pure Proverbi 26,11...

      Elimina
    2. Se non ha fede dopo 20 di cammino capisci da te che il cammino non serve a niente.
      p.s.
      non ripetere mille volte la stessa cosa, ho tante medagliette anch'io tranquillo, e non sono l'unico, ma soprattutto tu non sei il massimo esperto di "cognizione di causa"

      Elimina
    3. Tu ti base su fattori umani, non riesci a comprendere che è Dio che ti porta avanti. Se non è Volontà di Dio fare il cammino, ecco che diventa un'inferno. Dio dona ai suoi figli nel sonno ( non so se ricordi il salmo), per cui i tuoi sono giudizi personali, di superbia e d'invidia e ti spiego anche il perché.
      Appena uno scrive su questo blog che è uscito dal cammino nc, ecco che puntualmente, quasi subito, arriva un commento. Siccome scrivete in anonimo ( e qui si capisce il perché, dissimulate e vi nascondete, almeno mettete una firma e abbiate il coraggio di far capire che chi interbiene e Tizio e Caio e Sempronio, anche se è un pseudonimo, ecco che comunque è un piccolo modo di dire: sono sempre io che scrivo e la penso così. Evidentemente la dissimulazione è molto avanzata) non si sa se sei sempre tu, o siete più persone. Ma dal metodo del ragionamento sicuramente sei sempre tu, in quanto parli male della parrocchia.
      Non so che esperienza hai avuto della parrocchia, secondo me nulla, cioè non ne hai proprio, perché sono tutte fantasie negative che ti fai e che vengono alimentate dal tuo ambiente. Si in parrocchia ci potrebbe essere anche il Mostro di Firenze, la porta è aperta, e non suona l'allarme se entra in Chiesa. Ma lo stesso è con voi, in quanto la porta non è aperta come la parrocchia, cioè voi siete rinchiusi, ma pescate in questa. E poi non mi pare di aver sentito che un catechista, del vostro ambito, abbia stuprato per cinque anni una ragazzina come è capitato nel vostro ambito.

      ---

      Elimina
    4. Per cui, come si può notare, il vostro ambito non è un paradiso terrestre come vorrebbe far credere il vostro staff, a partire da colui che chiamate „Iniziatore“, perché gonfio di se stesso pensa di essere infallibile, invece dice menzogne in mondo visione e davanti a migliaia di persone e neanche ha il coraggio di chiedere scusa e di uscire allo scoperto, ma nello stesso tempo parla e sparla d’indemoniati che vanno contro il cammino, cioè contro di lui.
      Per cui, abbiamo un personaggio, capo fila di altri personaggi, che ne calcano le orme, che dicono menzogne, e poi pescati con le mani nella marmellata dissimulano, e nello stesso tempo accisano gli altri di dire menzogne, e fanno i santoni, gli ispirati ha 24 dallo spirito, pensano di scrutare cuori e altro, invece non sono capaci di guidare se stessi, figuriamoci se sono capiaci di guidare il prossimo, infatti Gesà ha detto: “Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso?
      Sappiamo che vi direte: siamo approvati, GPII la lettera, l’udienza quel giorno, tot famiglie in missione, ecc, ecc.
      Ma questo è quello che raccontate e vi raccontate, anche Israele ha ricevuto le Tavole della Legge, i Profeti,Miracoli ecc, ecc. Poi è venuto Gesù e l’hanno messo in Croce, Giuda l’ha tradito, gli apostoli abbandonato, il Popolo l’ha condannato, i Romani crocifisso, i Giudei condannato e diffamato e odiato, ecc, ecc.
      Vedi, la realtà è un pò più complessa di quanto credi e volete far credere.
      Infatti, ti ripeto fino all’esaurimento: diffamate, calunniate, runbate soldi al prossimo dentro le convivenze, condannate nella Settimana Santa di Pasqua usando il Vangelo, odiate i fuoriusciti, opprimete, controllate e piegate alla vostra volontà, sono tre anni che siete crollati ( ripeto la vostra celebrazione, ne ho scrito in abbondanza); gridate al miracolo quando si tratta di gonfiarvi per questioni personali e di parte, poi se qualcuno che odiate fa dei segni e altro, ecco che continuate a diffamarlo e odiarlo, credete che Dio operi solamente in voi per cui vi presentate come gli unici maestri e giudicate pesantemente il prossimo, dite agli altri sei attaccato al denaro mentre infilate parenti in Vaticano e mentre rubate nelle convivenze e mentre siete il doppio assetati di denaro di colui che state giudicando, e quindi siete ipocriti, ecc, ecc.

      ---

      Elimina
    5. Potrei continuare, ma mi fermo qui. Sapete cosa ho da dirvi, e vi ripeto che sono prontissimo ad anadare davanti a chi volete voi, accendiamo una terlecamera e registriamo il tutto.
      Quindi? Di cosa vogliamo parlare? Di quale percorso si sta parlando?
      A te sta bene il cammino, fallo tranquillamente.
      Io, per chiarirvi le idee_
      - non sono un fuoriuscito come la intendete voi ( nel senso che io non sono entrato mai in nulla, io credo in Dio e non devo entrare in nessuna parte).
      - non sono un ex neocat in quanto non ho mai fatto parte della vostra cerchia e se ho passato die momenti tra di voi , ecco che con voi non ho nulla da spartire, io spartisco solamente con il Signore e con tutti coloro i quali Egli mi associa, con voi non ho da spartire nulla;
      - non sono mai nato in nessuna vostra comunità, in quanto io sono nato tot giorno e sono stato battezzato in Santa Romana Chiesa Apostolica il tot giorno;
      - non devo fare la vostra volontà, per cui non mi scrivete cosa devo fare e cosa non devo fare;
      - sono su questo Blog per fare la Volontà Divina in quanto il Signore mi ha dato un compito da portare avanti, che mano a mano, nei miei limiti umani, cerco di portare avanti.

      Per cui, cari signori che leggete, tutti, fatevene una ragione, e si andrà avanti come una partita di calcio dove ci sono i supplementari e i rigori. Non avrete nessuna sosta, sarete marcati a vita fino all’ultimo mio respiro in quanto non abbandonerò mai la Volonta di Dio.
      Oggi, non ha caso ( io ci credo, e non mi interessa cosa pensate voi):

      Elimina
    6. @neo, "Se non ha fede dopo 20 di cammino capisci da te che il cammino non serve a niente." e per gli altri unmilionequattrocentonovantanovemilanovecentonovantanove fratelli che attraverso il cammino si sono riavvicinati o hanno scoperto del tutto la fede serve il cammino?
      Ps. Qualcuno si offende perché non uso quasi mai il carattere maiuscolo, specialmente per i nomi. Uso sempre il cellulare perché sono quasi sempre fuori casa e per comodità uso una tastiera che completa automaticamente le parole e non bado a queste sottigliezze. Ma chiamatemi anche col minuscolo, non mi sento certo sminuito da queste cose.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    7. Me infelice, madre mia! Mi hai partorito
      uomo di litigio e di contesa per tutto il paese!
      Non ho ricevuto prestiti, non ne ho fatti a nessuno,
      eppure tutti mi maledicono.
      Quando le tue parole mi vennero incontro,
      le divorai con avidità;
      la tua parola fu la gioia e la letizia del mio cuore,
      perché il tuo nome è invocato su di me,
      Signore, Dio degli eserciti.
      Non mi sono seduto per divertirmi
      nelle compagnie di gente scherzosa,
      ma spinto dalla tua mano sedevo solitario,
      poiché mi avevi riempito di sdegno.
      Perché il mio dolore è senza fine
      e la mia piaga incurabile non vuole guarire?
      Tu sei diventato per me un torrente ìnfido,
      dalle acque incostanti.
      Allora il Signore mi rispose:
      «Se ritornerai, io ti farò ritornare
      e starai alla mia presenza;
      se saprai distinguere ciò che è prezioso
      da ciò che è vile,
      sarai come la mia bocca.
      Essi devono tornare a te,
      non tu a loro,
      e di fronte a questo popolo io ti renderò
      come un muro durissimo di bronzo;
      combatteranno contro di te,
      ma non potranno prevalere,
      perché io sarò con te
      per salvarti e per liberarti.
      Oracolo del Signore.
      Ti libererò dalla mano dei malvagi
      e ti salverò dal pugno dei violenti».
      Parola di Dio.

      Lo sentita entrare dentro di me, come se Dio mi stesse parlando al mio cuore. Vedi, caro mio, il Signore parla, non è muto, ma bisogna mettersi nella sua sintonia.
      CDD

      Elimina
    8. @neo, "Se non ha fede dopo 20 di cammino capisci da te che il cammino non serve a niente." e per gli altri unmilionequattrocentonovantanovemilanovecentonovantanove

      Con circa 1,8 miliardi di fedeli, ossia il 23% della popolazione mondiale,[4][5] l'islam è la seconda religione del mondo per consistenza numerica (dopo il cristianesimo) e vanta un tasso di crescita particolarmente significativo ed è considerata la religione col tasso di crescita più alto.[6][7][8][9]Il 13% dei musulmani vive in Indonesia, che è anche il paese musulmano più popoloso, il 25% nell'Asia meridionale, il 20% in Vicino Oriente, Maghreb e Medio Oriente e il 15% nell'Africa subsahariana.[10] Minoranze considerevoli si trovano anche in Europa, Cina, Russia e America. Il simbolo della mezzaluna e stella, già simbolo della città da diversi secoli, è stato adottato dagli Ottomani con la presa di Costantinopoli nel 1453.[11]

      https://it.wikipedia.org/wiki/Islam

      https://www.hakikat.com/lesortazione-della-via-giusta-e-della-salvezza-vera-omer-ongut
      Allah l´onnipotente dice nel suo nobile Corano (Qur`An) come seguente:
      «Parla: “lui e Allah, l´unico.”» (Al-Ihlas: 1)
      I cristiani credono a tre dei, nel dire Padre, Figlio, e Spirito Santo Ma di quale errore stiamo parlando?

      Caro FAV vi piace buttare il fumo al prossimo, e prima siamo approvati, e poi GPII, e ora siamo: unmilionequattrocentonovantanovemilanovecentonovantanove

      Ma se ne sei convinto, ci chiediamo tutti: come mai sei qui ogni giorno a scrivere e ripetere queste cose.
      Io non vado sui siti dei Mussulmani a scrivere che Dio è la Trinità e Allah era un idolo meccano e Maometto ha sparato menzogne.
      Io sono convintissimo che Gesù è Dio, il Figlio di Dio, Maria è la Madre di Dio, creatura e Madre, la Trinità è Padre, Figlio e Spirito Santo.
      Date l'impressione come se voleste convingere voi stessi, evidentemente non ne siete sicuri di questo cammino? Oppure ogni fuoriuscito è una decima in meno, per cui mille al giorno che se ne vanno, sono mille decime? Oppure è che non entra quasi più nessuno, per cui vi state impaurendo che le scorte sono in esaurimento e stanno venendo a galla tutte le presunzioni che avevate: noi diamo lo Spirito! siamo una potenza! il Cammino è il movimento maggiore dentro la Chiesa! e cose simili?
      Per caso siete terrorizzati che qualcuno lavi gli occhi dalla sporcizia che accumulate sul prossimo, e per cui esca la verità? Perché voi mettete a credere che dite la verità, ma poi si scopre: stuprate ragazzine mentre portate il Vangelo, coprite pedofili e proclamate che siano innocenti e dopo vengono condannati dal Vaticano, rubate dentro le convivenze mentre chiamate il prossimo fratello e dite di non essere attaccati al denaro e in quel preciso momento avete soldi in tasca e state sfruttando, vi fate pagare arredi e altro dal prossimo e siete pronti a perseguitarlo in nome di Dio se non fa come dite voi, ecc, ecc

      CDD.

      Elimina
    9. @FAV
      Di nuovo una bugia. Scrivi che non badi alle iniziali maiuscole dei nomi perché (cito) “per comodità uso una tastiera che completa automaticamente le parole e non bado a queste sottigliezze". Ti faccio presente che le tastiere che completano automaticamente le parole distinguono fra i nomi comuni e i nomi propri, e quindi il fatto che tu scriva i nomi propri degli altri con l'inziale minuscola da parte tua è intenzionale! Come è intenzionale che tu scriva il tuo soprannome sempre (SEMPRE) con le iniziali maiuscole. Ed è composto da due "nomi" comuni (fallacio e asino) che la tastiera in automatico mette con la iniziale MINUSCOLA. Sei proprio un bugiardo!
      Porto

      Elimina
    10. @porto, l'app che uso per la tastiera (Microsoft SwiftKey) non riconosce porto, neo, aleCT, cdd ecc come nomi propri di persona, O vi chiamate proprio così? Ti chiami porto? Neo si chiama neo? Mi sa di no. In più, metto sempre la chiocciola prima del nome e quindi non lo vede come nome. Per quanto riguarda il mio nomignolo lo mette maiuscolo perché quando premo il tasto invio me lo propone maiuscolo, forse perché lo interpreta come quando si va a capo. Comunque accetto consigli su un app che riconosca anche i nomignoli come nomi propri di persona.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    11. Caro Porto, io sarei per dargliela buona, questa, a Fallacio. Anche se devo dire che di solito il correttore automatico associato alla tastiera può essere istruito. Per esempio, dal momento che Fallacio lo scrivo sempre con la maiuscola, a me lo propone già così. E comunque preferisco commettere un errore ortografico piuttosto che storpiare un nome o un nomignolo. Ma i neocatecumenali hanno sempre avuto problemi con le correzioni, si sa, c'è da capirlo e perdonarlo...😊🥰😇

      Elimina
    12. Fav dice "qualcuno si offende", "qualcuno si sente sminuito", "io non bado a queste minuzie". Alle risposte già date aggiungo qualche osservazione, visto che chi ha iniziato la discussione non è qualcunoh, ma si tratta di me: A. Non.

      Innanzitutto ci avrei scommesso che FAV avrebbe minimizzato. Peccato solo che non ho scommesso a soldi veri.

      Però, come ogni tanto gli capita, il fav anche stavolta ha sbagliato: non si tratta affatto di sentirsi sminuiti o offesi (e di che) ma di prendere atto, una volta di più, dell'abitudine neocat a nascondere il diavolo nei dettagli, facendolo passare per rifugiato politico.

      Le buone maniere, la buona educazione, sono già mezza carità. Questo però lo sanno i cattolici. Di sicuro non i neocat che, ricalcando le orme del cafonaccio arguello, pensano che essere beneducati ed attenti ai modi sia solo ipocrisia borghese, da spazzare via per far largo all'avanguardia del cammino neocatecumenale.

      Recentemente abbiamo apprezzato il comportamento esemplare di gennarini in questo senso: ridacchia gustosamente su storie di alzate di dito medio e di cacca di cane, insiste nei dettagli di impurità varie, che quasi gli dispiace cambiare argomento, lancia via con stizza la tovaglietta dell'ambone che gli svolazzava addosso, tiene il cappellaccio nero ben calcato sulla fronte mentre straparla a fianco del crocifisso e abbaia ordini ai collaboratori quando vuole farsi servire.

      Tutte minuzie, va bene. Ma teneteveli in famiglia allora, questi panni sporchi e non andate in giro ad "evangelizzare" perché altrimenti la cafonaggine del kiko, quella vera che viene dal cuore, poi trabocca durante le "catechesi".

      A. Non.

      P.S. E dopo questo, ho fatto un'altra scommessa. Vediamo un po' se a forza di vincerle mi viene il vizio del gioco.

      Elimina
  15. Caro amico che hai lasciato, vorrei chiederti cosa cerchi? Cosa farai? Se cerchi la comunione fraterna sappi che difficilmente la troverai in parrocchia, troverai tanto individualismo, competizione, troverai tutte le miserie umane al confronto delle quali, quelle riscontrate nelle comunità ti sembreranno nulla. Provare per credere, parlo per esperienza diretta e vissuta, non per sentito dire, come la maggiorana di chi scrive qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi rendo conto che hai assolutizzato il Cammino. Come puoi chiedere a uno che ne è uscito (con vero sollievo) "che cosa farai"? Intanto ha tolto dalla propria vita persone invadenti, negative e tiranniche. Ha di fronte a sé la possibilità di frequentare mille possibili gruppi e gruppetti assai meno pretenziosi e supponenti. E comunque, io gli consiglierei di prendersi un lungo periodo sabbatico disintossicante, leggendo magari qualche buon libro di fede, dedicandosi con fervore alla preghiera, cercando di correggere le idee deviate e devianti che il CN inculca come fossero, appunto, Vangelo.

      Elimina
    2. Scusa ma quindi il cammino serve solo per fare gruppo?
      Uno cerca Dio non la comunione fraterna, che senza Dio non esiste proprio, quella viene dopo.
      Per cui alla fine da come parli si evince che tu vai un comunità esclusivamente per la compagnia, e io aggiungo, come il 90% di chi ci va ancora.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Pietro non del Cammino27 luglio 2022 11:38

      Proprio in qesto blog scrivono delle persone che sono uscite da anni dal Cammino dopo una lunga militanza, che ora fanno cose belle e utili.
      Anche personalmente conosco degli ex camminanti che dopo anni sono soddisfatti di essere usciti, non hanno perso la fede ma semmail l'hanno trovata, e sono impegnati nella Chiesa.

      Uno di questi era separato, ma conoscendo io la sua storia, pur non essendo un esperto, ho capito subito che il matrimonio era nullo e, sapendo che non c'era nessuna speranza che lo potesse validare perché ormai i rapporti umani con la "moglie" si erano definitivamente guastati, gli ho consigliato di chiedere l'annullamento.
      Ma i suoi catechisti gli dicevano che quella lacerante situazione che viveva era la sua croce a la doveva accettare. Non ammettevano l'annullamento sebbene la Chiesa lo ammette!
      Passò anni laceranti e, alla fine, decise di darmi retta.
      Ora è sposato, ha avuto altri figli ed è un uomo di grande preghiera.
      Non ha rancore verso il Cammino e, anzi, spesso mette in evidenza certi aspetti che lui ha vissuto come positivi, come quello di "studiare" la Parola di Dio, ma il commento finale di solito è: (Il Cammino) "però è eretico e disubbidiente".

      Elimina
    5. @valentina, il sollievo che il fratello ha trovato, o che crede di aver trovato è dovuto sicuramente a quello che provate voi. La pigrizia spirituale, quello stato in cui uno si convince di essere cattolico, perché lo scrive una cinquantina di volte al giorno sul pc e perché va a messa la domenica. È questo quello che vuole Gesù da noi? La strada che ci ha indicato Gesù è così comoda e semplice? Non mi sembra, ha preannunciato persecuzione e morte per chi lo vuole seguire (... Se così fanno del legno verde, che avverrà del legno secco?)
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    6. @fallacio
      Ma di quale "fede" stai parlando? Della fede cattolica? Ma la fede cattolica non dice che NOI NON POSSIAMO RESISTERE AL MALE. La fede cattolica non dice che SI DEVE pagare la decima, la fede cattolica non dice che si deve DISPREZZARE chi sceglie altri percorsi CATTOLICI. Le catechesi dei mamotreti sono approvate e seguono il CCC? E allora perchè non le pubblicate? Ma non sarà che forse forse continuate ad usare quelli non corretti fregandovene di quello che ha detto Papa Benedetto (ah scusa...mi scordavo che quello era il Papa che per Kiko doveva morire, scusa). Non sarà che avete una montagna di magagne da coprire il più possibile. Parli di "strada facile" che noi avremmo scelto. Ma non sarà che forse forse i millemila lacciuoli che il cammino ha messo (e che la CHIESA non ha messo mai) sono giustificati con questa "aura" da "supercattolici" che vi date? Noi "ci proviamo con il denaro", noi "facciamo la preghiera notturna", noi noi noi NOI SI' CHE SIAMO CATTOLICI ADULTI e gli altri cattolici che queste cose le imparano a fare in libertà sono dei poveri cattolici naturali.
      La verità è che voi LA CHIESA non la amate. Prima sparisce e la potete sostituire e meglio è per voi. E questo è da miserabili.

      Elimina
    7. Il sollievo è temporaneo. Subito dopo, ci si devono rimboccare le braccia per ricostruire la propria personalità, la propria famiglia e la propria fede, come la famiglia in missione in Etiopia rigettata dagli iniziatori per aver voluto mettere in pratica la carità cristiana ci ha messo 20 anni per ritrovare la piena serenità.
      Oppure ci si lascia andare, per reazione, all'agnosticismo o all'ateismo, ritrovandosi in una condizione peggiore della precedente; proprio come ammonisce Gesù in Luca 11,25.

      Elimina
    8. Arieccoci col giudizio, Vinicio!

      Ma sai solo giudicare tu?

      Ora parli di pigrizia spirituale e non conosci nemmeno una delle persone che giudichi spiritualmente pigre.
      Che ne sai tu?

      Invece noi sappiamo, perché il Cammino l'abbiamo fatto tanto quanto te.
      Sappiamo quindi come funziona e sappiamo come funzionano quelli che lo seguono.

      Io non mi permetto e non mi sono mai permesso di fare giudizi sulle persone, specialmente quelle che non conosco.
      Ma sul metodo, sul credo, sulla dottrina e sulle prassi sì.

      Chi ti dice poi che i cristianucci della domenica vadano solo a Messa?
      Non lo sai che nelle parrocchie ci sono un sacco di occasioni e, per chi vuole, anche tanti gruppi diversi dal Cammino?

      Sulla strada comoda e semplice, poi, vallo a dire al tuo lider maximo e ai suoi sodali, non qui: sono un esempio lampante di come vivere solo per alimentare il proprio ego, superbamente credendo di essere i migliori di tutti.

      Nel Cammino sta bene solo chi non si fa domande o, se se le fa, accetta senza ragionare tutte le pseudo spiegazioni che serpeggiano.

      Una della mia ex comunità, che incontrai dopo anni, candidamente mi disse che tutte le derive attribuite al cammino erano cose di poco conto, non importanti. L'importante era, come dici anche tu, impegnarsi con le celebrazioni e le preparazioni, con i passaggi del vostro signore che "passa" e "non resta", con le catechesi del catechismo neocatecumenale...

      Voi fate tante cose, è vero, e ve ne vantate pure.
      Ma vi siete mai chiesti se sono secondo Dio?

      No, perché gente che fa cose, anche buone, se ne può trovare, ma se non sono secondo Dio non si può parlare di fede cattolica.
      Altro, magari, ma non cattolico.

      I protestanti spesso fanno molte cose.
      Ma non sono cattolici.

      Elimina
    9. @FAV
      Hai scritto che Gesù Cristo "ha preannunciato persecuzione e morte per chi lo vuole seguire": po sso chiederti, di grazia, visto che voi dite di seguirlo così fedemente, perché nessun neocatecumenale in oltre 50 anni di Cammino è mai morto per seguire Gesà Cristo, o è mai morto martire? Se non erro.
      Porto

      Elimina
    10. Nome di fantasia ma persona vera27 luglio 2022 23:11

      Cosa faccio dopo 20 anni di cammino? Vado a messa. Mi confesso spesso. Faccio colloqui. Ricostruisco pezzo dopo pezzo la mia persona devastata.
      Volevo chiedere anche una audizione al vescovo ma poi non l'ho fatto perchè semplicemente non voglio pensare più al passato.
      Ma vi assicuro che adesso mi sento libero, senza le catene oppressive del Cammino.

      Elimina
    11. @Nome di fantasia Persona vera...
      È la stessa sensazione che ho provato anche io. È incredibile come il Cammino ti renda succube e ti imprigioni, anche mentalmente. Ricordo che quando cominciai a pensare che avrei voluto lasciare il Cammino, mi figuravo la mia vita senza gli impegni sempre crescenti del Cammino e senza le persone da cui ricevevo solo male gratuito e quasi non mi sembrava vero che avrei potuto cominciare una vita diversa. Può sembrare strano, ma per me riconquistare la libertà è stato come l'avverarsi di un sogno.
      Porto

      Elimina
    12. Il Cammino è tutto un giudicare.

      Tragicomicamente, succede proprio perché i fratelli del Cammino si sentono urlare "tu giudichi!"... ogni moralismo borghesotto, clericale e puritano, produce sempre il suo contrario.

      Elimina
  16. @Blog

    Comunque attendo che il fratello mi risponda, ma la strada che in genere quelli che escono fanno è quella che ho illustrato, al 100%, tranne rarissime eccezioni, conosco persone che sono uscite dal Cammino e si sono rovinate.E non sono le solite favolette che raccontate, potrei fare nomi e cognomi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok.
      1) Il Cammino si rivolge ai cattolici che frequentano la Chiesa con le catechesi fatte in parrocchia
      2) 4/5 dei neocatecumenali escono dal Cammino
      3) Tutti quelli che escono dal Cammino si sono rovinati tranne rarissime eccezioni (secondo Anonimo).
      4) Di conseguenza 4/5 di coloro che frequentano la parrocchia vengono rovinati dal Cammino Neocatecumenale.
      5) Ergo: meglio chiuderla, questa fabbrica di disgrazie!

      Elimina
    2. Ti portrei portare in decine di realtà cattoliche belle, ma per te saranno sempre "cattolici della domenica" PS. Se le persone "si sono rovinate" è PERCHE' AVETE FATTO DANNO!

      Elimina
  17. Pietro non del Cammino27 luglio 2022 15:25

    Fallacio, alle 11 e 52, accusa, SENZA CONOSCERLO, l'ex camminante fuggito disgustato dal Cammino dopo 20 anni, non di non aver capito il Cammino o di aver sbagliato "vocazione", ma di essere come "noi" (che non conosce).

    Lo, e ci accusa, di essere pigri spiritualmente. Ma che vuol dire?
    Fallacio scabia la conversione, che è si esigente, ma semplice, con l'attivismo.
    Mi ricorda un tizio conosciuto a Medjugorje che si sottolineava entusiasta dei pellegrinaggi fatti a Medjugorje: alla fine degli anni ottanta era già arrivato a 22!

    Ma questo è tipico dello gnosticismo, che promette la salvezza a chi progredisce nelle attività della setta e nella sua conoscenza misterica, scrutinio dopo scrutinio, assolutamente obbedienti, ma non alla Gerarchia della Chiesa, ma alla gerarchia della setta.

    E così ne nasce una nuova dottrina diversa da quella della Chiesa dove, ad esempio, non è importante aiutare i poveri, anzi non bisogna proprio farlo, ma è fondamentale pagare la decima esclusivamente alla setta.
    Un atteggiamento che favorisce la vera pigrizia spirituale: quello di sentirsi a posto, superiore agli altri, che fa essere grati al Signore "PER NON ESSERE COME LUI... perché io dò la decima, faccio questo e quello".

    Questa la vera pigrizia spirituale, che sotto certi aspetti vale le pena pagare con un attivismo esagerato che comporta sì tanti sacrifici, ma ha il vantaggio di alienare, convincendo di essere parte di un'elite.

    Non che la grazia non comporta le opere, ma le opere della grazia non rappresentano un vanto da sbandierare, tanto che san Paolo quando è costretto a farlo, parla in terza persona, oppure dice di parlare come un folle e dice di essere l'infimo degli apostoli, come un "aborto", mettendole in relazione alla grazia, non a una cammino per iniziati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @pietro non del cammino, quello di cui parlo io non è attivismo fine a se stesso, ma evangelizzazione che è un segno distintivo di ogni Cristiano. Parlo poi la celebrazione della Parola che il Vaticano II ha riconosciuto come fondamentale per la crescita spirituale di ogni Cristiano e quindi lo studio della Parola di Dio, con la scrutatio ecc. Ora partirà il coretto di... eh vabbè, ma lo fanno anche i protestanti, lo fanno pure i mussulmani... A me non interessa se lo fanno anche loro, io lo faccio perché lo chiede la Chiesa (Vaticano II)
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. @Fav 16 40
      Personalmente a me il CVII, tranne
      le Liturgie in lingue locali, rispetto
      a prima non mi dice nulla di nuovo.
      Nel 1968 avevo 18 anni e capace di
      intendere e volere.
      Ricordo che il CVII non è un Dogma
      di Fede.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. Sono Anonimo delle 13, che ha espresso un concetto uguale a quello di Pietro non del Cammino.

      Ribadisco che la Chiesa cattolica chiede ciò che è cattolico.

      Se vai a fare le preparazioni o la Scrutatio, ammonizioni, risonanze, evangelizzazione o quant'altro, ma ne escono concetti come "il Signore che passa", "l'uomo non può non peccare", "l'obbedienza incondizionata ai catechisti laici", "tutte le interpretazioni ebraiche e non cristiane della Scrittura", "le cavolate carmeniane sull'Eucarestia", "basta ascoltare e non agire:Shemà Israel!" "considerati il più peccatore di tutti" ecc. ecc... non si tratta di cattolicesimo, ma di qualcosa d'altro.
      E questo "altro" non è quello voluto dalla Chiesa.

      Sono i concetti a cui credete e che esprimete, i comportamenti che tenete, che rivelano l'errore.
      Potreste anche ritrovarvi sette giorni su sette a preparare e celebrare Parole, ma se non lo fate secondo la Chiesa cattolica non fate ciò che la Chiesa cattolica chiede.
      Fate altro.

      La Chiesa, anche nel suo Catechismo, predica le virtù, per esempio.

      Voi non fate mai (e lo so perché il percorso l'ho completato tutto), un cammino per le virtù.

      Alla fine del Cammino, come al principio, valgono le stesse catechesi sul peccato, Gennarini il Volgare insegna.

      La Chiesa CREDE:

      "La virtù è una disposizione abituale e ferma a fare il bene. Essa consente alla persona, non soltanto di compiere atti buoni, ma di dare il meglio di sé. Con tutte le proprie energie sensibili e spirituali la persona virtuosa tende verso il bene; lo ricerca e lo sceglie in azioni concrete..."

      "Le virtù umane sono attitudini ferme, disposizioni stabili, perfezioni abituali dell'intelligenza e della volontà che regolano i nostri atti, ordinano le nostre passioni e guidano la nostra condotta secondo la ragione e la fede. Esse procurano facilità, padronanza di sé e gioia per condurre una vita moralmente buona. L'uomo virtuoso è colui che liberamente pratica il bene.
      Le virtù morali vengono acquisite umanamente. Sono i frutti e i germi di atti moralmente buoni; dispongono tutte le potenzialità dell'essere umano ad entrare in comunione con l'amore divino."

      "Le virtù umane acquisite mediante l'educazione, mediante atti deliberati e una perseveranza sempre rinnovata nello sforzo, sono purificate ed elevate dalla grazia divina. Con l'aiuto di Dio forgiano il carattere e rendono spontanea la pratica del bene. L'uomo virtuoso è felice di praticare le virtù."

      Sono tutti insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica, che qui ho condensato moltissimo.

      Concetti deliberatamente ASSENTI nel Cammino Neocatecumenale, dove il focus è sempre sul peccato, sulle porcate dell'uomo e sull'impossibilità congenita di fare il bene.

      Voi guardate sempre in basso. Siete un Cammino di Discesa.
      La Chiesa guarda il Alto, al Padre Nostro che è nei Cieli. É un'ascesa.

      Non conta quindi quante volte vi ritrovate o quante cose fate.
      Conta ciò che pensate e che vi insegnano.
      E ciò che vi insegnano non è cattolico.

      Nel Cammino, chi ricerca le virtù viene bastonato come superbo, fariseo, orgoglioso, non illuminato sulla propria vita, uno che non ha pazienza col proprio peccato, esigente con sé stesso e con gli altri...

      Nella Chiesa, chi ricerca le virtù è il prototipo del cristiano e si predica, come dice il Catechismo della Chiesa Cattolica riguardo alle virtù, che "Tutto quello che è vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode, tutto questo sia oggetto dei vostri pensieri"

      Non il chiodo fisso al peccato, sull'egida INGANNEVOLE che il Signore ama il peccatore e non desidera che cambi e desista dal suo peccato per amarlo.

      Questa è la voce del demonio che induce a farti vedere solo l'amore di Dio all'uomo, ma non la via della salvezza.
      Se ti basta sapere di essere amato, accomodati pure.
      Ma se quello che cerchi è la somiglianza a Cristo e la salvezza, sapere di essere amati da Dio nel proprio peccato non basta per niente.
      Questa è la via della perdizione.



      Elimina
    4. Giuseppe Verdi27 luglio 2022 18:07

      @ FAV
      "Parlo poi la celebrazione della Parola che il Vaticano II ha riconosciuto come fondamentale per la crescita spirituale di ogni Cristiano e quindi lo studio della Parola di Dio, con la scrutatio"

      Caro FAV, hai detto di sicuro una cosa sacrosanta ma poi sei finito con l'associarla a qualcosa di estremamente pericoloso: se dici che il CVII ha riconosciuto o meglio, ha ribadito a voce piena che, la Parola, risulta fondamentale per la crescita spirituale di ogni cristiano, che è vero, hai poi anche aggiunto, al tempo, che ciò possa avvenire attraverso lo strumento della "scrutatio": ora, poiché più di qualche decennio di cammino anche io l'ho (per mia fortuna) alle spalle, devo ahimè farti notare che, se lo strumento è proprio quello di aprire la Bibbia e farsi dire, dalla stessa, attraverso una qualsiasi pericope, ciò che essa non dice per niente, magari solo spinti da uno stato emotivo del momento, fidati, state semplicemente perdendo tempo prezioso.
      Quello che tu definisci "studio" della "Parola di Dio", possiamo dircelo tranquillamente tra noi tanto nessuno ci sente, tutt'è fuorché uno studio (così come è anche nel linguaggio dei protestanti): non venirmi a parlare dello Spirito che, invocato, dovrebbe......etc....etc. poiché siete anarchici anche in questo dal momento che, quella parola, la "studiate" a modo vostro non ascoltando per niente l'insegnamento bimillenario della Chiesa facendole dire ciò che più vi aggrada semplicemente applicando il criterio della bibliomanzia.
      Fav, sai, non funziona proprio così il rapporto tra Scrittura e Cristianesimo.

      Elimina
    5. @giuseppe verdi, se parli di scrutatio e poi tiri in ballo la "biblomanzia" (parola che anche se assomiglia a "bibbia", si riferisce a "libro"), allora hai capito, o ti ricordi poco della scrutatio. La scrutatio si serve dei riferimenti che sono accanto ai vari versetti per farsi "trasportare" dallo Spirito nella lettura della bibbia. La fandonia della biblomanzia non ha niente a che fare col Cammino. Se poi per biblomanzia ti riferisci all'apertura a caso della bibbia (che avviene sempre in ambito liturgico...), devi sapere che anche sant 'Agostino usava fare così.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    6. FAV
      Abbi pazienza è uso comune nel cnc di consultare l'oracolo con le parole a caso.
      Specialmente nei pellegrinaggi e nelle veglie del Corpus Domini.
      La scrutazio in se, e anche l'apertura a caso della bibbia, non sono cose per loro natura disdicevoli, ma l'approccio può essere assolutamente sbagliato e ricadere in quanto già fatto notare.
      Purtroppo l'approccio comune è qiello "superstizioso".
      Potete corregggerlo oppure continuare così.

      Elimina
    7. @neo, la "biblomanzia" non avviene in ambito liturgico, non diciamo baggianate e l'approccio che noi abbiamo è quello che aveva Sant'Agostino.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    8. Sant'Agostino non apriva la Bibbia "al caso" continuamente o come approccio per investigare la Scrittura.

      Successe nel momento della sua conversione, quando ormai aveva già conosciuto il vescovo Ambrogio ed era entrato nell'angoscia.
      Sentì la voce di un bambino che diceva "Prendi e leggi" e così lesse un versetto di San Paolo.
      Bastò quel versetto affinché si sciogliessero tutti i dubbi e si convertisse.

      Lo sappiamo leggendo "Le confessioni".

      Una volta convertito, non è che continuò ad aprire la Bibbia "al caso" per trovare una Parola per sé in ogni circostanza.

      Non aveva alcun "approccio".
      Si convertì e basta, lasciando il precedente peccato e cambiando vita, anche se il Signore lo avrebbe certo amato anche peccatore, come predicate voi, perché il Signore ama tutti.

      É proprio Sant'Agostino che contraddice il vostro credo: lesse un versetto, si convertì e cambiò vita, perché chi ama Dio cambia vita.
      Non continuò oltre a tentare Dio e non sostenne che gli era impossibile non peccare più.

      Non chiamare in causa Sant'Agostino, quindi, e non venire a dire che il vostro "approccio" sarebbe come il suo.

      Leggiti "Le confessioni" e usa il cuore, se ti riesce tanto difficile usare la ragione.

      Elimina
    9. San Francesco e Sant'Agostino, spinti dal Signore, cioè dallo Spirito, hanno sentito di aprire la Bibbia per capire se Dio desse loro una Parola.
      Ma l'hanno fatto in qualche occasione. Non ho la loro storia davanti a me ora che scrivo, ma, se non erro , una o due volte hanno fatto ciò.
      Altra cosa è stare lì ed aprirla settimanalmente, seguire le note, gli articoli, e sotto articoli. Annotare su un foglio e farsi interpretare la cosa da altri.
      Se io in un dato momento ho una difficoltà ed ho Fede, e chiedo aiuto a Dio, e apro la Bibbia e leggo, e sento che mi parla, ecco che va bene.
      Ma se io ogni settimana faccio questo è diverso. Dio non mi risulta che ti chieda di fare questo, cioè di consultarlo settimanalmente, durante i pellegrinaggi, cioè con appuntamenti prestabiliti.
      Certo, può accadere che il Signore dia un messaggio, Lui può tutto, ma si dice che Egli può tutto ma fa solamente ciò che vuole.
      Per cui stare lì a tentare Dio, cercando Gli una risposta in appuntamenti prestabiliti dalla nostra volontà, potrebbe essere un po' azzardato.

      CDD.

      Elimina
    10. @FAV
      Sto ancora aspettando risposta alla mia domanda sul perché, visto che voi dite di seguire Gesù Cristo così fedemente, nessun neocatecumenale in oltre 50 anni di Cammino è mai morto per seguire Gesù Cristo, cioe' martire?
      Porto

      Elimina
    11. @porto, grazie a Dio, nella società dove viviamo pochi sono chiamati al martirio fisico, mentre altrove è ben altra cosa. Ma ti assicuro che la derisione, l'emarginazione e lo stigma solo per essere cristiano non è da poco. Forse chi riesce a "nascondersi" si salva agli occhi degli uomini, ma non agli occhi di Dio. Gesù ci ha detto: se qualcuno si vergognerà di me, anch'io mi vergognerò di lui... Io prendo insulti e derisione dappertutto per seguire Cristo.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
  18. Qui, per uno che ha lasciato, dando anche
    il merito al blog, s'è scatenata una sorta di rivoluzione di discussioni infinite!
    Ovvero i Neocatecumenali, non ci vogliono stare; praticamente è come se noi del blog avessimo sottratto un anima al diavolo(quello vero).
    Nella mia modestia di commentatore
    del blog suggerisco di moderare un po'
    i toni: "lasciamoli cuocere nel loro brodo".
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nome di fantasia ma persona vera27 luglio 2022 23:28

      Ciò che fa male alle persone non sono igli strafalcioni liturgici ma l'invadenza dei catechisti e la presdione dei fratelli di comunità.
      Preciso di essere stato anche io per tanti anni catechista.
      Purtroppo mi sono fatto male e forse anche io, accecato dal contorno e guidato dai libri sia scritti (mamotreti) che tramandati oralmente (concetti che non troverete negli statuti) avrò fstto del male a qualcuno.
      Intendiamoci, taluno davvero incontra le Fede (perchè è vero che Dio raddrizza i sentieri storti), ma moltissimi trovano solo un modo per affermarsi strillando una parola di Dio spesso mal esposta o mal compresa e illudendosi di essere nella buona strada.
      Comunque sconsiglio il cammino a tutti ma soprattutto alle persone psicologicamente fragili.
      E ringrazio siti come questo che mettono in discussione delle verità altrimenti non contestabili.
      E alla fine uno ragiona...

      Elimina
  19. Sulla questione se i Neocatecumenali siano o non siano Cattolici, sospendo il giudizio... A rigor di logica, essendosi riscritti la liturgia Eucaristica a modo loro, non dovrebbero esserlo, tuttavia, come dicevo in un altro post, se la Chiesa non glielo impedisce chiaramente, le chiacchiere stanno a zero, loro sono dentro la Chiesa Cattolica. Mi è stato fatto notare che sono un gruppo laico, peraltro coeso e restio a farsi conoscere apertamente, quindi difficile da controllare, il che è vero su molti aspetti, ma non sulla Liturgia. Su quello, le gerarchie non sono intervenute, dunque, piaccia o non piaccia, ad oggi stanno dentro. Però questo, sempre a mio parere, non lì giustifica affatto. L'educazione dei figli, il metterli in "cammino" da giovanissimi, insieme ad adulti che neanche conoscono, e inculcare regole e gerarchie da gruppo chiuso, catechizzarli invece che occuparsi della loro crescita individuale, è un errore che può avere conseguenze gravi. Fomentare "vocazioni" sull'onda dell'entusiasmo, a lode e vanto dei responsabili, ma creando problemi personali a chi intraprende una strada senza una reale elaborazione personale, fa danni gravi. Gli itineranti, mantenuti senza lavorare, per andare in paesi lontani a riproporre la stessa solfa pensata per borghesi spagnoli o italiani anche in paesi poveri, dove sarebbe necessario ben altro tipo di missioni. La mancanza di qualsiasi visione sociale, il rigetto del volontariato o dell'assistenza. La mancanza di trasparenza sull'uso dei soldi. Il culto della personalità dei fondatori. L'entrare " a gamba tesa" nella vita personale delle persone, creando anche giudizi e pettegolezzi.Tutto ciò mi vede assolutamente contrario.

    RispondiElimina
  20. Scusate la firma.
    Ezio

    RispondiElimina
  21. Come fare la "Guerra" nella Luce di Dio, pulita e nella Volontà Divina, ai Neocatecumenali.

    Spunti e riflessioni e tattiche utili per tutti coloro che operano nella Fede di Gesù Nostro Signore.

    Altra considerazione che dovremmo avere è che abbiamo davanti a noi delle persone che sono convinte del loro operato.

    Cioè spiego meglio il punto.

    Abbiamo davanti a noi delle persone che interagiscono nell’ambito neocat, e cioè seguono il loro percorso, e queste hanno ricevuto delle approvazioni dalla Chiesa, vanno ogni tanto in udienza dal Papa, hanno uno Statuto, vengono nominati o votati come catechisti, ecc, ecc.
    Sappiamo di cosa stiamo trattando.
    Evidentemente loro, a quel punto, si sentono che stanno operando bene, che stanno operando nella Chiesa e nello Spirito Santo. Vi è, sappiamo anche chi, chi dice di essere inviato da Dio e che sta facendo la sua Volontà. Peccato che quella persona ha detto menzogne davanti a tutti, e peccato che nessuno va lì direttamente a chiedergli conto. Di ciò non ci scandalizziamo, in quanto questo è l’atteggiamento classico che troviamo tra i neocat, e cioè si gonfiano come pavoni, poi presi con le mani nel sacco, presi nel peccato per chi non capisse, dissimulano e lasciano cadere nel vuoto per poi far finta di nulla e ricontinuare nuovamente nel gonfiarsi come pavoni.

    Per cui, ecco che si sentono autorizzati nel venire ad altri, e giudicare, e chiedere sacrifici e altro di simile.
    Ma il punto reale è questo, lo dico in forma di detto popolare: tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.
    Ricordiamoci che i detti popolari sono un dono prezioso, sono detti semplici, che riescono a capire tutti, e che vanno subito al dunque, senza mezzi termini.

    RispondiElimina
  22. Cioè, questi vi vengono con quei titoli, ma realmente non fanno ciò che affermano di essere e ciò che mettono a credere di fare.

    Degli esempi.

    Capita che i responsabili e catechisti siano scelti per via di alleanze interne e fatte da alcune persone. Potrebbe capitare che ci siano dei figli di catechisti, che vengono scelti come responsabili di comunità, senza l’avvallo dei partecipanti, oppure se c’è questo è condizionato, cioè indotto. Indotto in quanto i partecipanti sanno che devono sottomettersi alla volontà altrui ( dei catechisti che condizionano la comunità con il loro modo di fare) , senza ragionarci sopra, e cioè accettano passivamente ciò che gli viene proposto o imposto.
    Ricordiamoci che tutto questo si fa con il solito metodo: siamo la Chiesa, il Cammino è approvato, noi vi parliamo in nome di Dio, lo Spirito Santo, il Carisma, ecc, ecc.
    Premetto che a me non interessa nulla, ma è bene portare alla luce le dinamiche.

    Poi, una volta che ti sei sentito tutte queste cose, che hai partecipato attivamente, ecco che ti iniziano ad arrivare le prime sorprese ( faccio dei piccoli esempi per intenderci):

    - il responsabile inizia a parlare male dietro e a riferire ciò che, secondo lui, non va, in quanto si crede che egli può giudicare la persona che ha davanti. Cioè invece di vedere se stesso, che è stato piazzato da altri in quel ruolo, e per cui non ha nessun titolo per ricoprirlo, ecco che si pavoneggia, cioè si riempie di presunzione e superbia, e inizia a giudicare male alle spalle.

    - i catechisti si credono una sorta di apostoli alla San Paolo, ma ti vedi persone che hanno la tua stessa vita, lavorano, e fanno altro, per cui di San Paolo non c’è nulla. Vedi che si girano parole al vento nelle catechesi, iniziano a parlare e a straparlare. Ti citano il Vangelo, le Encicliche, il Concilio VII che ti mettono a credere che loro siano i veri portatori, ecc, ecc. Fanno discorsi gonfiati, ma tutti tendenti a giudicare il prossimo, quel prossimo che hanno puntato. Si inalberano, si credono padroni della vita altrui, dettano legge, dettano regole di vita. Per poi dissimulare e far finta di nulla quando il tutto esce allo scoperto e si viene a sapere che erano solamente delle prese di posizione di persone gonfiate. Cioè, detto in poche parole, dopo scoperti, si nascondono. Ovviamente a molti hanno creato del male, come aver spogliato della dignità, e dei beni anche materiali e utili, molte persone.

    RispondiElimina
  23. - noti che si fissano con ogni cosa dell’ambito, addirittura iniziano a collocare le sedie al centimetro ( questo per farvi capire a che livello arrivano) , cioè si sta due ore a collocare quattro sedie. Io sono per l’ordine, ma l’esagerazione è troppa, e stare due ore per le sedie è da invasati.

    - noti che non si ha nessuna elasticità per le cose, chiamiamole, neocatecumenali, come le sedie che ho scritto sopra, come i canti, come altro, cioè le devi fare e fare con imposizione. Invece si sta lì a disprezzare le cose della Chiesa: e cioè l’ostia è come un foglio di carta, non si possono fare canti di Chiesa ( non sia mai, come fosse un abominio in terra consacrata) , si viola il Foro Interno, per cui le regole sante della Madre Chiesa, si disprezzano gli altri in nome di Dio, cioè in nome del Cammino Neocatecumenale che per loro è uguale a Dio, si fanno disparità, discriminazioni ecc, ecc.
    ----

    Ora mi fermo qui con gli esempi di quanto fanno queste persone. Ne seguiranno altri in altri commenti.

    Per cui assistiamo ad un’incongruenza tra il dire e il fare.

    Per cui, questi soggetti vanno fermati, ma non fermati nel fargli del male, cioè ripagarli con la loro stessa moneta.
    Questo no!
    Ma vanno combattuti nella Verità, cioè le tenebre vanno combattute con la Luce, che è Dio.
    Quindi la prima azione da farsi è quella di mettersi in contatto con Dio, cioè ristabilirsi e ritornare al Signore ( se ci siamo allontanati ) e poi sarà il Signore che ci difenderà e ci aiuterà nella battaglia.

    RispondiElimina
  24. Piccoli spunti di lotta senza fare del male a nessuno.

    Uno spunto di lotta è quello di creare degli opuscoli, tipo a4, ben fatti, con delle testimonianze prese da internet, e non solo, vi sono moltissimi spunti, mettendo gli indirizzi dei siti ( www...), e stamparli e andarli a consegnare nella zona in cui ci troviamo. Gli opuscoli non devono avere frasi che tendono all’offesa o alro, ma devono essere creati nella Luce di Dio, cioè si inseriscono cose buone, vere, e utili per la Fede. Cioè si crea una bozza ben fatta, con foto di Gesù e della Madonna, e le testimonianze e altro di utile, e poi si fanno delle stampe. All’inizio non molte, per non stare a fare degli eccessi, e poi se finiscono con la bozza pronta e conservata si ristampano altri opuscoli.
    Faccio un esempio di come usarli: abito a Roma, per cui per lavoro, o per altro, giro la città, ecco che mi porto in macchina questi opuscoli stampati ( ripeto ben fatti a livello di notizie, con testimonianze riportate, avvisi del pericolo ecc) e li deposito in giro. Cioè mi trovo a passare davanti ad una chiesa aperta, ed ho tempo di andare a salutare Gesù, ecco che scendo due minuti, entro, saluto il Signore e lascio un certo numero di opuscoli dentro la chiesa. Lo stesso se passo ad una piazza, una stazione, se vi è una bacheca aziendale, e altro. Poi ogni tanto ripeto il giro, cioè dopo alcuni mesi rientro e li ricolloco nella chiesa. In poche parole li deposito dove mi sembra buono e giusto.
    Similmente se vado in vacanza, li lascio in giro per la città di vacanza, sotto gli ombrelloni, negli stabilimenti balneari, negli hotel.

    Questo è un piccolo spunto su come fare una battaglia pulita e senza fare del male a nessuno e nella Volontà Divina.

    CDD.

    RispondiElimina
  25. Cdd

    Guarda che sei arrivato tardi lo fecero già gli Zoffoliani, non funziono' allora non funzionerà nemmeno adesso. Si misero fuori le parrocchie dove si facevano le catechesi e distribuivano opuscoli, contro il Cammino. State attenti però vi potrebbero denunciare o chiamare la Polizia oppure il vescovo vi potrebbe scomunicare, perché cercate di impedire le attività pastorali state attenti.Non osate presentarvi fuori dalla mia parrocchia perché chiamo la Polizia e poi avverto il vescovo perché vi scomunichi. Uomo avvisato mezzo salvato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! abbiamo capito cosa ci vuole.
      Inizia a denunciare, perché, ora che hai commentato, inizierò ad inondare tutto.
      Spero che facciate anche voi, intendo tutti coloro che stanno leggendo e che vogliono combattere queste persone, questi miei spunti.
      Dal commento di questo personaggio abbiamo capito che è quella la strada da seguire.
      Ne arriveranno altre, ho in mente tanti spunti.

      CDD.

      Elimina
    2. Caro mio, il vescovo della mia zona non può scomunicarmi, perché sopra di lui vi è chi lo sorveglia. Oltre a Dio, che è mio Padre.
      E ti faccio una confidenza: un vescovo, di cui ho avuto a che fare, ma indirettamente, già è saltato, Dio l'ha fatto saltare per l'aria completamente. E' finito completamente.
      Non racconto per mie cose personali.
      Purtroppo non comandate nulla e non siete nessuno.
      E ti aggiungo anche un'altra cosa.
      Non provare più a scrivermi quelle cose in vita tua e non provare a mettermi paura. Non ci provare più!

      CDD

      Elimina
    3. Sto tremando di paura
      ...siete così convinti che vi convenga chiamare la polizia?

      Elimina
    4. Dal commento di costui ho capito di aver fatto centro. Spero di non essere l'unico che farà quella cosa, spero che non vi tiriate indietro.
      Costoro mettono volantini ovunque, fanno pubblicità a tute le parti.E vengono a dirci che noi dobbiamo fare la loro volontà. Voi che dite? Dobbiamo sottometterci a costoro?
      Beato te!
      Tenete presente che si è rivolto a me, ma realmente sta rivolgendosi a tutti voi, crede di sottomettrvi alla sua volontà.
      Da qui capite che non vi è Dio in costui, cerca di seminare la paura, è un mondano, non ha potere, e non può fare nulla.
      Carissimi il potere ce l'ha Dio, il Signore, non ci facciamo intimorire da ciò che gli esce dalla testa, sono pensieri umani, e provengono dal peccato che alberga in lui. Se ci sottomettiamo, ecco che ci sottomettiamo al peccato, cosa che non ci deve accadere.
      Non dobbiamo aver nessuna paura, e nella tranquillità del Signore dobbiamo andare avanti per la strada tracciata da Lui. Lui ci difenderà e ci aiuterà a sopportare le persecuzioni.
      Vi prego, non so da dove leggete, di iniziare a volantinare in tutti i luoghi che ritenete utili. Ovviamente siate pridenti come serpenti e semplici come colombe, come ci indica nostro Signore.

      CDD.

      Elimina
    5. Poi, giusto per concludere, si vede che sei bugiardo nel pensiero, cioè dissimulatore. Perchè?
      Perchè hai iniziato con una menzogna: Guarda che sei arrivato tardi lo fecero già gli Zoffoliani.
      Io non sono arrivato tardi proprio per nulla, se l'hanno fatto altri, in altri luoghi, il mio non è ritardo. Esempio per capirci: Per caso se la Despar invia volantini in un luogo e l'ha fatto in passato, significa che Pittarello non può farli?
      In primo luogo nessuno è arrivato tardi, in secondo luogo io sono cdd, padre Zoffoli è padre Zoffoli, e tu sei tu.
      Capisco che vorresti dissimulare e cercare di bloccare il prossimo in quanto vengono a galla sempre più le situazioni che fate lì dentro, ma pensare di riuscire a dominare il prossimo con quella mente che hai: è un pò troppo! Tu che dici?
      Amico mio, io ho un solo Padrone, mettiamola così: Dio.
      Se Dio vuole, a me del vescovo ( che comunque stimo) non mi importa nulla a quel punto. Neanche lo guardo in faccia.
      Vedi, per spiegarci, dopo chi vuole se la trova, una volta Gesù ha detto una cosa a Luisa Piccarreta, la faccio breve e vado a memoria: le creature davanti alla mia Volontà devono solo piegare la faccia ( ripeto vado a memoria, ma il senso era questo).
      Per cui, giusto per capirci, davanti a me ho l'Onnipotente, l'Infinito, l'Altissimo, il Signore, il Re dei re, l'Eterno, e dall'altra parte ho la creatura: secondo te chi devo ascoltare?
      Puoi chiamare anche tutto l'esercito, i servizi segreti, farmi impiccare ( non credo che ci riuscirai mai, lo scrivo a titolo di esempio), e altro: sicuramente non farò mai la tua volontà umana e decaduta, ma seguirò il mio Signore.

      CDD.

      CDD.

      CDD.

      Elimina
    6. Chiami la Polizia?

      Ma voi siete quelli che non resistono al male o no?

      Se un volantinaggio ti sembra un male, neocatecumeno, non devi resistere.
      E nemmeno cercare la tua giustizia, la giustizia umana.

      Prendi il male che ti fanno e ama il nemico.
      O lo spirito dispensato dai tuoi catechisti non funziona?
      Agisci ancora come un qualsiasi pagano?

      In preda al delirio pensi che un vescovo possa scomunicare qualcuno perché lo chiami tu, dicendogli che ci sono dei cattivoni che, tramite volantini, cercano di impedire la vostra attività neocatecumenale?

      Ma in che dimensione vivi?

      Ah, certo!
      In quella in cui si predica una cosa e se ne fa un'altra e in cui si crede che tutti i vescovi obbediscano ai neocatecumenali.

      Svegliati, o tu che dormi e torna alla realtà!

      Elimina
    7. Secondo me sono abusive anche le
      cento piazze, che essendo di fatto e di Diritto delle manifestazioni pubbliche, avrebbero bisogno
      dell 'autorizzazione della Questura,
      con la presenza di qualche agente
      di polizia giudiziaria: MAI VISTO UN
      POLIZIOTTO!!.
      Ruben.
      ---

      Elimina
  26. Se continuate ad avere paura di affrontare i neocatecumeni vis-à-vis, loro lo sanno e resterete psicologicamente sotto il timore reverenziale dei catechisti. Ieri, minacciando il mio catechista ho visto il suo lato "umano": mi ha detto "senti, non ho voglia di discutere, è caldo" che è già un'affermazione rara per un catechista CNC che deve sempre recitare la parte del super-uomo. Se volete sconfiggerli dovete parlarci in faccia, senza se e senza ma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una decisione personale di chi sta facendo il cammino

      Elimina
    2. Emanuele, nella tua zona, credo che ci siano altri che sono passati in mezzo a costoro e che avranno ricevuto il male.
      P3er cui, se riesci a contattarli e vi mettete d'accordo nel fare azioni di contrasto. Ma ti ripeto, dammi ascolto, nella Luce di Dio.
      Non cadere nelle parolaccie, rimani unito al Signore, non ti far intimorire, ed iniziate a portare a galla le situazioni.
      Su internet ci sono tante testimonianze, firmate, faccio un piccolo esempio: sul blog di Padre Ariel hanno scritto tante parolaccie e diffamazioni, anche a sacerdoti e ci sono sacerdoti che hanno rilasciato materiale utile a padre Ariel sulle diffamazioini che hanno fatto.
      Per cui, ripeto, è solamente un esempio, ma che potrebbe essere concreto, cioè non escludo l'uso di quei commenti. Riuscire a stampare quelle pagine, farci degli opuscoli e diffonderli in giro. Nessuno potrà denunciare e se denunciano saranno loro ad essere denunciati. Non esiste il reato di mettere all'erta il prossimo del pericolo, cioè di avvisare del perico il prossimo. E' proprio il contrario. Ovviamente il tutto va fatto con accortezza. Se cadi nel scrivere delle parolaccie e altro, gli dai lo spunto.
      Ho citato padre Ariel, ma vi sono tantissime testimonianze nel web, scritte e firmate, per cui pubbliche e alla luce del sole, e nessuno potrà fare nulla, in quanto si rende publbico ciò che è già pubblico e fruibile da tutti.
      Ci vuole un pò di fantasia buona, cioè riuscire a creare degli opuscoli e di buona volontà e puliti e veritieri.
      Si distribuiscono in ogni parte. Vado a Roma per viaggio, me li porto dietro e li colloco. Vado a Milano lo stesso. E così via.

      CDD.

      Elimina
    3. Certo che non sono superuomini. Chi desidera uscire dal Cammino deve solo girare i tacchi e andarsene,, se poi ti mancano di rispetto, rispondi a muso duro e li finisce. Mi fa strano pensare a gente adulta con timori reverenziali, quando ragazzini appena adolescenti sono usciti a prezzo di lacerazioni familiari con genitori e fratelli, altro che discutere col catechista, che poi se te ne vai neanche lo vedi più. E su!

      Elimina
    4. E niente mi scordo d'ore la firma: Ezio

      Elimina
  27. Anonimo 27 luglio 2022 20:19
    Guarda che non metti paura nemmeno
    alle formiche, ovvero chiama pure il sostituto Procuratore della Repubblica competente per territorio o se vuoi direttamente il Capo della Repubblica.
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  28. Non sono per i picchetti ( modello fabbrica ) e non sono per le crociate.
    Scrivo e leggo qui non per organizzare la "resistenza" ma per mettere in comune i miei pensieri e quello che ho visto punto.
    Chi legge può ( anzi deve ) farci quello che vuole delle mie opinioni e/o delle esperienze e/o fatti che riporto.
    Non ho lo scopo di strappare nessuno dal cnc, ma sicuramente togliere le scuse del "non lo sapevo" quello si.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Neo, sei liberissimo, ma non è una crociata, mi dispiace che la vedi così, però sei liberissimo di pensarla come ti pare.
      E' arrivata l'ora di fare azioni più incisive e concrete. Scrivere sun blog è utile, ci scriviamo tutti, ma se qualcuno si sente di fare qualcosìaltro, anche, ecco che non ci devono mancare gli spunti.
      E' utile informare tutti. Non ho detto di abbatterli con la spada, ma con la Verità. Per cui, se si scrivono cose nella Verità, testimonianze e altro, reali e concrete, ecco che stiamo solamente portando alla luce le situazioni.
      Fare due volantini non costa nulla a nessuno, ripeto nessuno ti obbliga e te lo chiede.
      Certo, sono sincero, mi piacerebbe vedermi, e sapere che in ogni città tutti quelli che sono stati diffamati e oltraggiati da questi soggettoni, che prendano spunto da quanto ho scritto e che inizino a farlo.
      Ma non pretendo nulla, la mia è stata un'idea, di come fare una battaglia pulita, nella verità, e altro.
      Siccome campano di pubblicità e sono mondani, ecco che la cosa ha dato fastidio, non a caso è partito il commento.
      Si nutrono di pubblicità, per cui nella contro pubblicità sarebbe buono batterli in quel campo dove loro pascolano sulle anime per sottometterle alla loro volontà.
      Tutto qui e buona serata.

      CDD.

      Elimina
  29. BRAVISSIMO NEO! Ve l'ho detto e ridetto: la polizia, loro, NON LA CHIAMANO, perché hanno paura che si vengano a scoprire la decima non rendicontata, gli abusi psicologici e l'eccesso di politicamente scorretto. Eccetto alcuni non hanno neanche una preparazione culturale adeguata ai tempi moderni. Non hanno le armi per sconfiggervi.

    RispondiElimina
  30. Credo che ognuno debba fare in coscienza ciò che ritiene utile e opportuno, come già stiamo facendo, nei limiti del buon senso e della legalità. Certo che arrivare dopo 10-15 anni a "piste fredde" a fare delle rimostranze personali è tardino. A meno che non ci siano dei crimini da denunciare come successo con Apuron.
    Poi ognuno deve fare i conti con una diversa situazione nella propria provincia o regione. Sono certa che la situazione soffocante nelle parrocchie neocatecumenalizzate possa giustificare una azione più incisiva. Il Cammino neocatecumenale sarà pure malauguratamente approvato dalla Chiesa Cattolica, ma non può sostituirsi ad essa.
    In altri ambienti il Cammino è già abbastanza scornacchiato, qualcuno potrebbe dire a chi lo aggredisse:"vile, tu dài a un morto!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina in Dio il tempo è una nullità.
      Non è una questione umana, cioè sono passati 10 o 15 anni.
      Ma il tempo lo fa Dio. Può passare anche mezzo secolo, non conta.
      Ripeto, i miei sono degli spunti, chi se la sente, e sente che è buono, lo faccia.
      Aggiungo, ho pensato quella cosa, ma se credi che sia meglio, ad esempio, aprire una Radio contro il neocatecumenalismo, va bene, altra idea buona.
      Tutto qua.

      CDD.

      Elimina
    2. Infatti CDD ho scritto che i torti subiti personalmente vanno contestati subito. In 15 anni le persone sono morte, hanno cambiato incarico, sono uscite dal Cammino, hanno l'Alzheimer, come il mio ex catechista.
      Se invece si intende fare un discorso di verità e di chiarezza nell'interesse di tutti, non c'è prescrizione temporale e con c'è da temere d'essere anacronistici perché il Cammino non ha emendato i propri più gravi difetti.

      Elimina
  31. @Emanuele Balocco

    Io la chiamo la Polizia non dubitare, fate questa cretinata e ve ne pentirete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco a voi, siore e siori, colui che Ama il Nemico! Non resistete al maaaleee...

      Elimina
    2. Inizia a chiamare.

      CDD

      Elimina
    3. @anonimo, qui si tratta di un reato, art. 405 codice penale con reclusione fino a 2 anni. C'è poco da ridere. "chiunque impedisce o turba una pratica religiosa..." è punito con la reclusione fino a 2 anni.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    4. Per il momento, sappiamo che è stato denunciato il sacerdote che ha fatto la messa sul materassino in mare in Calabria per l'art. 403 Codice Penale: "Chiunque pubblicamente offende una confessione religiosa, mediante vilipendio di chi la professa, è punito con la multa da euro 1.000 a euro 5.000".
      E lui il vilipendio alla Messa cattolica l'ha fatto una volta sola...e ha chiesto umilmente scusa!
      Quindi...c'è di che riflettere, se qualcuno vuole proprio passare al codice penale!

      Elimina
    5. Hai ragione @valentina, ho letto anch'io. Veramente vergognoso quello che ha fatto. Magari l'ha fatto in buona fede, ma è imperdonabile e mi auguro che la Chiesa prenda provvedimenti.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    6. @anonimo, qui si tratta di un reato, art. 405 codice penale con reclusione fino a 2 anni. C'è poco da ridere. "chiunque impedisce o turba una pratica religiosa..." è punito con la reclusione fino a 2 anni.
      Fallacio Asino Vinicio

      infatti, iniziate a tremare, per tutte le diffamazioni ai sacerdoti per cui avte bloccato e turbato l'altrui religione e le funzioni, per diffamazioni ai fedeli, avete scritto male sulle parrocchie ( tutto documentato), sulle vecchiette che dicono il Rosario, stuprato ragazzine dentro ambienti religiosi e che venivano da voi in cerca di Fede, gente seduta sulla poltrona che disprezzano l'Eucarestia ( ci sono le foto online, le prove, davanti a tutti, ti rammento che un sacerdote è stato, in questi giorni, denunciato per via di aver Celebrato la Santa Eucarestia in mare su un lettino gonfiabile, voi fate quasi sempre questo, cioè similmente dentro hotel e altro), ecc, ecc, ecc.
      Per cui, caro FAV che sorvoli e credi d'impaurire mentre siete loschi e disonesti, infatti ti giri la Bibbia a tornaconto ed ora anche la vita dei santi, non ti preoccupare, attendiamo denuncie e altro, non abbiamo paura di voi.

      CDD

      Elimina
    7. Forse ti dovresti documentare un po' meglio, Anonimo.

      A prescindere dal fatto che io sia favorevole o contrario al volantinaggio, ti faccio presente che l'art. 405 c.p. da te citato implica la turbativa di una funzione religiosa in atto.

      Se, per esempio, venissero distribuiti volantini in tempi non coincidenti con le celebrazioni, non esisterebbe alcuna turbativa e l'art. 405 non potrebbe essere invocato.

      Lo so che ti piacerebbe sfogare tutta la tua rabbia nel caso si presentassero persone che tentano di dissuadere dalla partecipazione al tuo gruppo, ma se tu chiamassi la Polizia penso proprio che ti riderebbero in faccia.
      Altro che reclusione...

      Quanto a quel fratello neocatecumenale che con tanta leggerezza viene a dire che chi va dai pentecostali è perché non ha trovato nulla nella Chiesa, mi pare evidente che ritenga migliori i pentecostali della Chiesa.
      Nella Chiesa non c'è nulla, allora si va di pentecostali, dove qualcosa c'è.

      Hanno ragione quelli che dicono che siete liberi di credere a tutto ciò che volete, basta che, come i pentecostali, abbiate l'onestà di chiamarvi fuori dalla così tanto deprecata Chiesa cattolica.

      Tanto, cercare di sviare la Chiesa dall'interno non potrà mai portare risultati, anche se porta destabilizzazione.

      "Non prevalebunt". Ricorda.

      Elimina
    8. Perché non vi siete ricordati dell'art405 quando certi figuri si sono permessi di interrompere il sacerdote durante la Messa di recente? Il Codice Penale va tirato fuori per la difesa della nostra libertà religiosa, non per le vostre beghe! Tirate fuori gli attributi quando è il caso.

      Elimina
    9. Perché non vi siete ricordati dell'art405 quando certi figuri si sono permessi di interrompere il sacerdote durante la Messa di recente? Il Codice Penale va tirato fuori per la difesa della nostra libertà religiosa, non per le vostre beghe! Tirate fuori gli attributi quando è il caso.

      Cosa è accaduto? potresti darci documentazione?
      Ti ringrazio anticipatamente.

      CDD

      Elimina
    10. https://lanuovabq.it/it/messa-interrotta-tra-reato-e-abuso-di-potere-ma-il-vescovo-scarica-don-lino

      Elimina
    11. Anonimo che non resisti al male, te la chiamo io la Polizia, che so ragliare fortissimo (inspiiir)

      POOOOLIZIAAAAAAAAAAAAAAAA!

      CAAAARABINIERIIIIIIIIIIIII!

      GUAAAAARDIAAAA DI FINAAAAANZAAAAAA!!

      Ora arrivano tutti, eh. Non so se Kiko sarà contento di vederli nel blog però.

      FungKu. Capacità polmonare 35 litri. Chiamate la nostra agenzia di asini raglianti per comizi, servizio canoro a matrimoni e tifo sfegatato per la vostra squadra preferita.

      Elimina
    12. PS La nostra stimata agenzia era soprattutto richiesta per la declamazione delle catechesi neocatecumenali ma da quando il settore è in rovina abbiamo dovuto riciclarci. Quindi non ci cercate per la parte del catechista talebano urlante.

      FungKu. Quasi dimenticavo: declamiamo anche cazziatoni! (Tanto, copio pari pari da quelli che ho beccato io). Vasto assortimento!

      Elimina
  32. Ho appena saputo di un altra persona che è passata dal Cammino neocatecumenale alle sette protestanti. Si tratta sicuramente di uno di quei neocatecumenali che, usciti dal Cammino, si perdono, secondo quanto sostiene Anonimo; ma a mio parere si perdono non perché sono usciti dal Cammino, ma perché sono entrati nel Cammino, che non è stato altro che l'anticamera della setta evangelica. Questi casi sono ormai molto frequenti.

    RispondiElimina
  33. Fallacio delle 16 e 40 di ieri:

    studio della Bibbia? Evangelizzazione?... Si fa anche nelle parrocchie e con più attenzione per la dottrina della Chiesa.
    Portare un altro vangelo non è evangelizzare e a studiare la Bibbia col metodo dei fondamentalisti, si commettono molti errori.

    Io parlavo dell'attivismo in senso di impegni esagerati che spesso servono solo alla propria vanità e che portano a trascurare i propri doveri di stato che, per i laici, rappresentano la testimonianza principale del Vangelo. Parola del Concilio Vaticano II.

    RispondiElimina
  34. @pietro non del cammino, il Vangelo è uno solo, dovresti saperlo, ed è sempre in comunione con il vescovo. Mi sa che avete le idee un po' confuse sul cammino. Comunque a te sembra un impegno "esagerato" fare quello che ha chiesto Gesù?, liberissimo, non lo fare, ma perché vi dà così fastidio che alcuni vogliano farlo?
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, i Vangeli sono quattro!
      Ruben.
      ---

      Elimina
  35. @Valentina Giusti

    No Valentina ti sbagli, se quel fratello è 'uscito dal Cammino ed è entrato tra i pentecostal, è perché nella parrocchia non ha trovato nulla, perche' non c'è nulla, solo anonimato, individualismo, non c'è senso di comunità, questo è uno dei motivi. Se la Chiesa insiste ancora a proporre la pastorale del tempio la quale consiste nell'andare al tempio per ricevere i sacramenti, è non propone una pastorale di comunione, vedremo tanti casi di questo. L'epoca della pastorale solo sacramentale e' finita rendetevene conto. La parrocchia non è una comunità e solo un posto dove si ricevono i sacramenti, si compiono riti, ma non si fa esperienza di appartentenenza ad un corpo, ad una comunità. Quindi ti sbagli di grosso, infatti la parrocchia sta scomparendo, leggi l'elenco delle parrocchie soppresse in questi anni, per mancanza di clero e di fedeli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIccio, la cosa è molto più semplice. Ha capito che l'originale era meglio della copia (ovvero voi). Detto questo la Chiesa non scomparirà. Voi scomparirete perchè non fate parte della Chiesa. Infatti la odiate. Tu la odi. Si vede.

      Elimina
    2. @anonimo
      mi sembra evidente che tu stia ripetendo a memoria uno dei primi mamotreti di Kiko, dove diceva proprio che ormai la parrocchia serve solo a elargire i Sacramenti e niente di più. Oltre a dirti che ripetere a memoria qualcosa senza domandarsi se quello che si ripete abbia delle basi di verità è un atteggiamento nocivo, vorrei anche farti notare che la dottrina della Chiesa insegna che la salvezza passa dai Sacramenti, non dall'appartenenza o meno ad un gruppo. Si va in Chiesa prima di tutto per nutrire l'anima e il rapporto con Dio, non per fare gruppo, quello è secondario e facoltativo. Poi ti invito anche ad allargare i tuoi orizzonti, ci sono molti gruppi parrocchiali in cui è possibile stringere amicizie solide, nel Cammino, almeno dove lo frequentavo io, c'era il gruppo d'elite dei figli dei super catechisti e delle famiglie più in vista, un gruppo di persone cresciute e imparentate tra di loro, da cui venivi escluso se non eri nato in Cammino, o se la tua famiglia neocat magari non era delle più note. Io personalmente penso che chi esce dal Cammino per andare tra i protestanti è perchè molte cose sono simili, tra cui la dottrina, il modo di celebrare l'Eucaristia e la Decima; anche un ragazzo che conoscevo anni fa è uscito dal Cammino è ora è protestante, almeno lo era ancora l'ultima volta che l'avevo sentito

      Elimina
  36. Pietro non del Cammino

    Forse mi sono distratto ma non la vedo questa evangelizzazione, a me sembra che nella parrocchia si facciano solo sacramenti, una impostazione tridentina che non ha senso più e infatti la gente fiserta le parrocchie. Non cede più ai sacramenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa anonimo di turno, ma dove lo fate il cammino? In parrocchia giusto?
      E allora perché sputare dove si mangia?

      Elimina
  37. Ecco che riciccia fuori l'odiatore delle parrocchie! È più forte di lui: in Cammino gli hanno insegnato a disprezzare la parrocchia e, tramite essa, la Chiesa stessa, e lui non esiste grado di staccarsi dagli slogan kikiani.
    L'odiatore delle parrocchie è la penosa dimostrazione di cosa è veramente il Cammino: un cavallo di Troia nella Chiesa Cattolica!
    Per quanto riguarda le persone che apostatano, il meccanismo è sempre quello: cominciano a frequentare certi movimenti come il Cammino neocatecumenale, che con ambiguità condannano la Chiesa e ciò che ritengono essere superstizione (ed invece è devozione, come il culto dei santi e della Madonna). Il Cammino neocatecumenale non è altro che una pessima imitazione di una comunità evangelico- protestante. Ne ha la teologia (sola grazia, sola fede, doppio battesimo ecc.) e pure le caratteristiche esteriori. La gente comincia a frequentare la brutta copia del protestantesimo, il Cammino neocatecumenale, per poi passare alla versione originale, le comunità protestant7-pentecostali che se non altro hanno il pregio della coerenza e ammettono apertamente la propria alterità rispetto alla Chiesa cattolica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa @valentina, ma non leggo proprio parole di odio verso le parrocchie di @anonimo, anzi leggo un grido di allarme che anche molti preti lanciano. Vedono le Chiese svuotarsi e parrocchie chiudere, non è odio, ma occorre fermarsi e pensare a qualcosa di alternativo, una nuova pastorale, perché quella vecchia probabilmente non è più adeguata ai tempi odierni. Lo diceva anche padre Lorenzo Montecalvo, (quello del granellino...) che la gente che va a messa, avrebbe bisogno di conoscere personalmente chi sta vicino a lui a messa, sapere il suo nome e la sua vita. Lui sosteneva, che la parrocchia si dovesse dividere in "gruppi" nei quali si rendesse visibile il segno della comunione fraterna.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. Ormai è il suo soprannome "odiatore delle parrocchie"... abbiamo una lunga sfilza di interventi suoi che, con tutte le gradazioni e intonazioni, criticano, disprezzano, demoliscono questa struttura ecclesiale. È evidente che vive male la parrocchia, il che è un guaio visto che dice di stare studiando proprio per assumere un ministero a servizio della parrocchia.
      Con tutto il rispetto per padre Montecalvo, che mi stava molto simpatico e che ora è in Cielo, non sono d'accordo con lui. Se la creazione di gruppi da un lato facilita la frequenza, dall'altro è repulsivo per chi non fa parte della "conventicola". Ci vuole il gruppo, più gruppi anzi, ma la parrocchia che funziona deve essere un gran porto di mare. Ricordo inoltre all'amico odiatore che la grande crisi delle adesioni e della frequenza alla Chiesa cattolica è cominciata dopo il Concilio Vaticano II, non prima.

      Elimina
    3. Se è un grido d'allarme, perché non gridate allo stesso modo per il Cammino?

      Anche il Cammino sta morendo, e di sicuro più velocemente delle parrocchie.

      Ovunque il numero complessivo delle parrocchie è di molto superiore al numero di quelle che ospitano il Cammino Neocatecumenale.
      E questo da sempre.

      Com'è che siete allarmati solo per il futuro delle parrocchie e non per il futuro del vostro morente movimento?

      Finiamola di prenderci in giro!

      Voi non siete preoccupati per le parrocchie, voi denigrate le parrocchie e, denigrandole, tentate di metterle in cattiva luce.
      Da sempre.
      Sin da quando è nato il Cammino e le parrocchie stavano in miglior salute.

      Il fatto è che in molte parrocchie il Cammino viene chiuso o allontanato, ma la parrocchia continua ad esistere.
      Magari ci sono altri gruppi, diversi dal Cammino. Oppure no.
      Nella mia zona, dopo la pandemia, due parrocchie vive e vegete, con un sacco di vitalità, hanno allontanato il Cammino, ad esempio.

      Due parrocchie sopravvissute, due esperienze neocatecumenali chiuse.

      Prima che muoiano le parrocchie, ammesso che finiranno, come dite voi, il Cammino sarà solo un vago ricordo.

      Avendo letto diversi scritti sull'ebraismo, sai che ti dico?
      Che un metodo in uso è quello di creare il problema e poi presentarsi come soluzione del problema.
      Probabilmente i vostri fondatori hanno ripreso questa filosofia.

      Elimina
  38. Pietro non del Cammino28 luglio 2022 10:44

    FALLACIO dell 9 e 15

    noto con dispiacere il tuo modo falso di procedere.
    Io ti riapondo su ciò che realmente scrivi e ti posso citare alla lettera quello che scrivi, tu mi rispondi sui tuoi pregiudizi e non su quello che scrivo.
    Ti sfido a citare una mia frase sbagliata e a rispondermi su quella in modo coerente. Se lo fai, ne sarò contento io per primo.

    Ora ti spiego quello che ho detto: il Vangelo è uno solo, ma è san Paolo che parla di un altro vangelo (infatti parola vangelo "altro" che voi "predicate" l'ho scritto in minuscolo, vai a vedere).
    Anche Lutero predicava il Vangelo, ma a modo suo, predicava perciò un falso vangelo, tanto è vero che ha rotto l'unità con la Chiesa (i luterani di oggi non hanno le sue stesse colpe, per per loro si può parlare ancora di Vangelo con la maiuscola, anche se in molte cose non lo interpretano bene).

    Inoltre ho affermato l'esatto OPPOSTO di quello che mi accusi: ho detto che l'impegno esagerato è quello che non si fa per Gesù, ma per la propria vanagloria.
    Ho detto quello che dice la Chiesa, cioè che un laico PRIMA DI TUTTO (non esclusivamente, ma prima di tutto) deve testimoniare il Vangelo con gli impegni ordinari.
    Coi doveri di stato.

    Ripeto: in parrocchia ci sono incontri biblici e si evangelizza, per cui non avete scoperto nulla di nuovo, ma fare mille catechesi abbandonando i figli sette giorni su sette è una contro testimonianza. Forse alcuni li avvicina a Kiko, ma allontana da Gesù.
    Ma lo hai davvero letto il Vaticano II o ti limiti ai mamotreti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @pietro non del cammino, lutero agiva in comunione con il vescovo? Non mi risulta. Il cammino nella diocesi è in comunione con il vescovo punto. Non vi sta bene? Pensate di essere migliori e che il cammino sia sbagliato? Andate a parlare con il vescovo. Non può essere un altro vangelo perché si fa tutto in "vece" del vescovo, altrimenti andate da lui e ditegli che porta un altro vangelo nella sua diocesi. Per quanto riguarda "l'attivismo esagerato" (che poi è quello che deve fare il Cristiano, evangelizzare, pregare, leggere la bibbia... Ma vabbè...) e tu dici che lo facciamo per vanagloria, questo è un tuo giudizio. Io lo faccio per Cristo e perché sono un cristiano e anche tutti quelli che conosco, poi tu sei libero di pensare come ti pare.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. FAV
      Sono tanto in comunione con il Vescovo che organizzano Veglie fuori diocesi all'insaputa sia del Vescovo di appartenenza sia di quello ospitante e a volte anche del parroco.
      Siete pieni di contraddizioni, tu continui a citare il cammino dello statuto, la realtà è completamente diversa e tu lo sai bene, ma non puoi dirlo.

      Elimina
    3. @Fav oggi 11,47
      Fav lo fate in comunione col Vescovo, in quanto il Vostro Paarroco NC, dovrebbe aver ricevuto dal Proprio Vescovo,
      l'autorizzazione a farvi operare
      in Parrocchia.
      I Vescovi, normalmente non danno
      autorizzazioni "a voce" bensì ricorrono a documenti scritti.
      Fav siete sicuri di avere gli "scripta"
      autorizzanti dei Vescovi, o fate finta di niente, tanto nessuno se ne
      accorge?
      Ruben.
      ---

      Elimina
    4. @FAV
      Lutero diceva che prima di lui la Chiesa aveva sbagliato tutto, Kiko dice che la Chiesa prima del Concilio Vaticano II e prima del Cammino era solo "religiosità naturale" e che andavano cambiate le cose, di cambiare cose nella Chiesa lo dicevano anche i gruppi eretici ai tempi di S.Francesco, come i catari e gli albigesi, tanto che alcuni accostano il Cammino proprio con gli albigesi. Anche S.Francesco voleva rinnovare la Chiesa, infatti lui e i suoi seguaci all'inizio si pensava fossero eretici, ma poi con l'obbedienza al Papa e alla Chiesa dimostrarono il contrario. Ad oggi tutti i cristiani del mondo conoscono S.Francesco e il suo messaggio, ma moltissimi faticano a ricordare chi siano i catari e gli albigesi, perchè sono scomparsi, mentre l'ordine francescano è ancora vivo e vitale dopo 800 anni. Tra l'altro, S.Francesco all'epoca aveva la stessa autorità e leadership di Kiko, ma era umile e si è fatto seppellire nudo nella terra; Kiko si è fatto costruire un mausoleo e dice anche che era S.Francesco quello superbo.

      Non mi risulta che il Cammino sia sempre in comunione con il Vescovo, in Giappone infatti i Vescovi hanno vietato le comunità e voi avete parlato, ovviamente, di persecuzione senza accettare le loro critiche. In Inghilterra, invece, un vescovo si è rifiutato di ordinare sacerdoti due seminaristi RM perchè, secondo lui, avrebbero obbedito a Kiko e non a lui e alla gerarchia della Chiesa. Su Facebook in un gruppo neocat ci si vantava di aver celebrato l'Eucaristia di Capodanno nelle case anche se "al vescovo non piacciono queste cose". E ci sarebbe molto da dire su come trattate i vescovi e i sacerdoti che non vogliono il Cammino nelle loro parrocchie, ad esempio, quando anni fa un sacerdote morì di infarto dopo una discussione con dei catechisti insistenti, parlaste addirittura di intervento divino..

      Elimina
    5. @neo, io cito il "cammino dello statuto" perché è l'unico che conosco.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    6. Pietro non del Cammino28 luglio 2022 12:35

      Fallacio:
      visto che non capisci, ripeto per l'ennesima volta: è esagerato l'impegno che contrasta con l'adempimento dei doveri di stato, che evidentemente, se non da gloria a Dio, favorisce la vanagloria, e questo non è un giudizio ma un dato di fatto. Lo dice la spiritualità della Chiesa.

      Ogni impegno che contrasta con la prima chiamata di un laico, che è quella di portare Gesù nel suo ambiente, testimoniando in famiglia e nel lavoro, ecc. favorisce la vanagloria (non ho detto che tu sei vanaglorioso, ho detto che hai un modo di procedere falso, e lo confermo, visto che anche stavolta mi mi rispondi su ciò che non ho detto).

      Ho detto che se fai 1000 catechesi a scapito dei doveri che hai verso i tuoi figli e dei doveri di stato, è sbagliato, e non perché è una mia idea, ma perché lo dice la Chiesa. Mentre tu insisti falsamente nel dire che per me non sarebbe importante l'evangelizzazione.

      Confermo: l'evangelizzazione è importante, ma non a scapito dei doveri di stato e non a scapito della retta dottrina. Questo è quello che ho detto e che tu in modo viscido hai falsificato, probabilmente senza nemmeno accorgertene.

      Per quanto riguarda l'obbedienza ai Vescovi, la risposta di Neo è quella giusta. Voi fate quello che vi pare anche se dite che ubbidite, perché nessuno meglio degli ex del Cammino lo può testimoniare.

      Elimina
    7. @Fav oggi 11,47
      ---
      Fav, come al solito, non risponde alla mia sopra specificata.
      Ne deduco quindi, che Parroci compiacenti, possano autorizzare il Cammino nella propria Parrocchia, senza informare il Vescovo, anche dietro offerta in denaro; tanto, vista la scarsissima, ahimè, vigilanza attuale della Chiesa, nessuno se ne accorge o se ne accorgerebbe.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    8. @pietro non del cammino, ho capito benissimo, ma per me è scontato che un Cristiano sposato non smette di essere un Cristiano e il discorso che bisogna seguire Cristo, solo nella famiglia e al chiuso dei propri ambienti, mi sembra molto una tattica del demonio perché i cristiani non si vedano e non si espongano troppo. Gesù stesso e il Papa lo ha ripetuto molte volte, ha detto che quello che abbiamo ascoltato sottovoce dobbiamo gridarlo dai tetti. È il diavolo che vuole i cristiani chiusi nelle chiese e nelle proprie case e che non si affatichino troppo (1000 catechesi...manco 10 vite basterebbero), ma Cristo non ha detto questo. In famiglia, certo e infatti per noi è fondamentale la trasmissione della fede ai figli, ma il Cristiano non deve nascondersi come predicate voi, anche chi è sposato! Anzi maggiormente un Cristiano sposato è testimone oltre che della fede che professa, anche della fedeltà che Dio ha avuto con lui e che sperimenta attraverso il matrimonio e sua moglie o marito.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    9. FAV
      Ne deduco che se conosci solo il cammino degli statuti tu non faccia il cammino. Visto che neanche Kiko si riconosce molto in quello stesso statuto.

      Elimina
    10. FAV ma di quale "trasmissione della fede in famiglia " parli? Dei ragazzi americani NEOCATECUMENALI che vengono da storie di abuso? Oh...voi lo avete detto eh! Parliamo dei vostri ragazzi che si comportano da vandali negli alberghi? No, parliamone dai!

      Elimina
    11. @Fav
      allora dovresti spiegarmi perchè voi siete sempre chiusi nella saletta e non partecipate mai alla Messa con gli altri, nonostante il Papa vi avesse ordinato di celebrare in parrocchia almeno una volta al mese. Il discorso che stiamo facendo non riguarda il non voler testimoniare, stiamo dicendo che per una persona sposata in Chiesa la prima missione e il primo dovere è quello di badare alla sua famiglia e di vivere il suo matrimonio, il resto, anche le azioni più nobili, vengono dopo. Mi spiego, se la sera tornato dal lavoro un marito invece di trascorrere il tempo con sua moglie e i suoi figli se ne va in comunità magari anche a dare una testimonianza, non sta facendo la Volontà di Dio, perchè per quanto testimoniare la propria fede sia importante, in quel momento Dio vuole che quell'uomo onori il Sacramento del matrimonio e stia con la sua famiglia. Lo stesso discorso per un consacrato, se prima non ti assicuri che la tua famiglia non stia bene non avrebbe senso aiutare gli sconosciuti. Uno dei requisiti per entrare negli ordini religiosi, infatti, è che il candidato sia libero da vincoli familiari e non sia indispensabile nella sua famiglia d'origine. Alcune suore sono madri, ma hanno dovuto aspettare che i figli fossero adulti ed indipendenti per prendere i voti. Anni fa ad Assisi la suora che ci ospitava ci parlava della sua vocazione, e ci aveva spiegato che aveva dovuto pensare ai suoi genitori e sistemarli in una casa di riposo, disse proprio "non avrebbe senso aiutare i poveri se prima non aiuto i miei genitori"

      Elimina
  39. «Sono un africano, permettetemi di dire chiaramente: la liturgia non è il luogo per promuovere la mia cultura. Piuttosto, è il luogo in cui è stata battezzata la mia cultura, la mia cultura, dove è assorbita nel divino. Rimpiango le molte distorsioni della liturgia nella Chiesa di oggi. L'Eucaristia è un dono troppo grande per ammettere ambiguità e riduzioni. Molti sacerdoti si fanno da parte per permettere ai ministri straordinari di dare la Santa Comunione. Questo è sbagliato, è una negazione del ministero sacerdotale, così come una clericalizzazione dei laici, quando questo accade, è un segno che la formazione è andata molto male e che deve essere corretta».

    Cardinale Robert Sarah, Conferenza Inaugurale Sacra Liturgia UK 2016, 11.07.16.

    Occhio a questo Cardinale,
    reciterà presto il the profundis
    al cammino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarah è nemico del Cammino

      Elimina
    2. Voi siete nemici di Gesù Cristo

      Elimina
    3. @Anonimo 28 luglio 2022 18:53
      Sarah è nemico del Cammino
      ---
      Con questa affermazione, come altri tuoi colleghi NC.
      continuate a scatenare una "guerra di religione", come ce ne sono state in diversi secoli di Cristianesimo, ma La Chiesa, quella vera, ha sempre vinto!.
      Non ci fate assolutamente paura! "Non Prevalebunt".
      Ruben.
      ---

      Elimina
  40. Ricordiamo ai lettori cattolici che quando i neocatecumenali vi dicono che "evangelizzano", che "celebrano", che hanno la "fede", stanno mentendo.

    Non si può "evangelizzare" se si porta un Vangelo inquinato e storpiato.
    Non è "liturgia" una carnevalata offensiva per Nostro Signore e per la Sua Chiesa.
    Non può essere "fede" quella che professa dei madornali errori teologici e catechetici, imbottita di ambiguità e vere e proprie eresie (e loro lo sanno ma si rifiutano di adeguarsi alla fede della Chiesa).
    I kikos sono «una setta protestante-ebraica che di cattolico ha solo la decorazione».

    Per cui, quando vi parlano con quei paroloni pomposi, non credete alle loro menzogne.
    Nemmeno quelle rare volte che ve le stanno dicendo convinti che siano cose vere.
    Nemmeno quando assumono la faccia da sorridenti agnellini mansueti e poveri perseguitati.
    Neanche se contornano i loro farraginosi discorsetti con mille lodi al Signore Dio (e diecimila al signor Kiko).
    Neppure se indorano la pillola a suon di citazioni bibliche e di sperticati elogi al Papa e ai vescovi (ai quali hanno sempre disubbidito in maniera sistematica).

    RispondiElimina
  41. @Blog

    A parte l'aspetto penale della legge dello stato, che violereste presentandovi fuori una parrocchia, per fare opera di calunnia anti Cammino, c'è anche l'aspetto della legge ecclesiale. Un ipotetico atto di volantinaggio contro il Cammino, attuato fuori le parrocchie sarebbe paragonabile ad un delitto contro l'unità della Chiesa, perchè voi fomentate l'odio e la divisione.Ciò è punito dal Codice Di Diritto Canonico:

    "Can. 1369 - Chi in uno spettacolo o in una pubblica adunanza o in uno scritto pubblicamente divulgato, o in altro modo servendosi degli strumenti di comunicazione sociale, proferisce bestemmia od offende gravemente i buoni costumi o pronuncia ingiurie o eccita all'odio o al disprezzo contro la religione o la Chiesa, sia punito con una giusta pena".

    Quindi pensateci bene prima di fare sciocchezze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci abbiamo pensato bene.

      CDD.

      Elimina
    2. Anonimo 28 luglio 2022 14:52
      Ti ricordo che il Codice di Diritto
      Canonico non ha giurisdizione nello Stato Italiano.
      In ogni caso, noi non dispreziamo
      ne' la la religione e la Chiesa ad essa correlata; dispreziamo VOI, che
      non avete, nei vostri scorretti comportamenti nulla a che fare con religione e Chiesa.
      Per quanto riguarda
      "Quindi pensateci bene prima di fare sciocchezze", magari visto
      che in Italia responsabilità penale
      è personale, dovreste denunciare il
      Papa, nostro referente, ma che continua a tollerare il vostro schifo!
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. Ehi, ma ti sei proprio incaponito a cercare qualche regoletta che impedisca di fare informazione su di voi.

      Paura?

      Prima invochi il codice penale, poi il vescovo, poi la legge ecclesiastica.

      Confida in Dio, fratello, che se siete opera Sua vi difenderà!

      Perché, come un pagano duro e puro, vai cercando la legge umana?

      Se poi il volantino, per ipotesi, riportasse tutte le citazioni dei vostri capi contro la Chiesa, di certo emergerebbe per primo il vostro attentato all'unità della Chiesa.

      Ma, come sempre, anche qui caschi nei liquami.
      Ci vorrebbero bestemmia, grave offesa ai buoni costumi, ingiurie e disprezzo contro la Chiesa (e non contro il Cammino Neocatecumenale).
      Senza queste specifiche non c'è delitto.

      Smetti di affannarti e datti pace.
      Sarà quel che Dio vorrà.

      Elimina
    4. a Guam non hanno scomunicato nessuno, hanno solo chiuso il seminario e condannato Apuron.
      Eppure li picchetti ne hanno fatto in ogni dove.
      Tu all'uscita dalla messa dai gli inviti per le catechesi, e qualcun'altro potrebbe dare altri volantini

      Elimina
  42. Speravo di trovare in questa discussione, qualche punto di vista un po' più laico. La polemica qui è tutta fra tradizionalisti Cattolici e Neocatecumenali, e io non approvo il modo di vedere di entrambi. Essere Ebrei o Protestanti non è certo un crimine, e non sono questi i motivi per cui critico il Cammino. Temo che la vita religiosa sia troppo influenzata da divisioni politiche e lotte di potere. Ezio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non è un problema per te insegnare dottrina protestante o ebraico-sincretista in ambito cattolico, come fosse cattolica (e naturalmente viceversa), non vuol dire solo che non sei interessato agli aspetti religiosi del problema, ma che non sei interessato alle cause del problema.
      Se comunque sei interessato agli aspetti cosiddetti antropologici della questione, in questo blog abbiamo più di 2500 articoli e puoi tranquillamente trovare moltissimi spunti "laici" di tuo gradimento.
      Il blog è fatto comunque da chi vi partecipa e commenta. Se in futuro avrai qualcosa da dire di più interessante e profondo di quanto detto in precedenza, cioè per esempio che anche un ragazzino se ne può uscire da una organizzazione settaria e distruttiva, basta deciderlo e...oplà... detto fatto, saremo felici di leggerti.

      Elimina
    2. @Valentina Giusti, è così, effettivamente sono interessato ad aspetti sociali e psicologici del problema. E come dici te, ho trovato informazioni e riflessioni utili in questo blog. Gli aspetti religiosi mi interessano pure, ma su quelli non sono preparato e sono anche un po' confuso. Certo che si deve criticare il predicare una cosa ed essere un altra, però, spero, sempre nel rispetto per Ebrei e Protestanti veri. Riguardo alle tue critiche, mi sembra comunque di aver fatto alcuni interventi più articolati di quello che hai citato, che comunque, essendo la mia esperienza personale, confermo. Altre sette, non solo religiose, ricorrono a intimidazioni, violenze, ritorsioni varie su chi le abbandona. Nel caso dei Neocatecumenali, basta non riconoscere le "regole del gioco" e andarsene. È un problema di testa, i legami sono mentali, psicologici, ma non c'è costrizione. Questo intendevo.

      Elimina
    3. Quando in Cammino hai moglie, figli, qualcuno il datore di lavoro e quando tutti i tuoi amici sono nel Cammino (come succede alla maggior parte degli affiliati), se non rispetti le regole del gioco, rischi di rovinarti la vita, o comunque ti si prospetta un periodo di grandi difficoltà. Se sei interessato agli aspetti antropologici del Cammino, o di qualsiasi organizzazione simile ad esso, non puoi ignorare questa realtà. Se neghi l' esistenza di queste catene invisibili, la maggior parte delle dinamiche del Cammino non possono che sfuggirti, tutto qui. E non stiamo parlando di aspetti religiosi. Lo stesso Papa Francesco ha esortato i neocatecumenali a lasciare la libertà a chi vuole uscire, non credo parlasse di sistemi di costrizione materiali.

      Elimina
    4. Non le nego affatto queste catene, le ho vissute e so che sono alla radice del problema, e causa di sofferenza per molti. Dunque uno dei motivi della mia avversione al Cammino Neocatecumenale. Era un invito a non sopravvalutarle. Comunque ci siamo capiti, credo. Grazie per le risposte.

      Elimina
  43. Fallacio:
    la tua scorrettezza sconfina la disonestà intellettuale, anche se non te ne rendi conto.
    Tu dici: "il Cristiano non deve nascondersi come predicate voi".
    Mi dici dove lo abbiamo "predicato"?
    Sei tu che affermi, a te l'onere della prova.
    Mi basta una sola citazione.

    Io ho detto, e lo ripeto perché è dottrina della Chiesa, che il cristiano deve pensare prima ai doveri di stato, e poi a "predicare" come tu dici.
    Se è disonesto nei doveri di stato, come farà la sua "predicazione" a testimoniare l'amore di Dio?

    Non dico che tu non esegui i tuoi doveri, il mio non è un discorso personale, ma riguarda il Casmmino.
    Nel cammino spesso si lasciano in stato di abbandono bambini, anziani e malati perché si è impegnati, a volte, anche 5-6 giorni su 7 in attività del Cammino, spesso inutili.
    A volte gli impegni non sono solo serali, ma anche pomeridiani.
    E questo porta molti di voi a disertare incontri parrocchiani e diocesani.
    Parlo con cognizione di causa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @pietro non del cammino, su questo blog predicate che le catechesi le devono fare solo i sacerdoti perché sono gli unici ad avere una preparazione adeguata. Che il Cristiano non ha bisogno altro che della messa, predicate un cristianesimo che non ha bisogno di attivismo, perché l'adorazione eucaristica basta e avanza: un cristianesimo solo contemplativo, una sorta di buddismo cattolico. Che l'apertura alla vita è solo per i conigli, che trasmettere la fede ai figli è un plagio e hanno bisogno di fare le loro esperienze.... Che se sei sposato non puoi evangelizzare, leggere la bibbia non va bene perché deve esserci sempre un prete che te la interpreta... Maddai! E io sarei il disonesto? Voi volete i Cristiani nascosti e sdraiati sul divano.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. Tu hai un bias caro FAV. Che l'unico modo di evangelizzare sia il vostro. Fuori da voi il NULLA. Zero spaccato. Non c'è niente...e se c'è deve necessariamente fare schifo perchè sennò come fate voi a sentirvi eletti?
      Qui nessuno ha mai detto che "l'evangelizzazione la possono fare solo i sacerdoti". SI dice semplicemente che i laici non possono arrogarsi diritti e doveri propri dei sacerdoti (e viceversa) ed è esattamente quello che fate voi. Tranquillo che si può evangelizzare RISPETTANDO LA VOCAZIONE CHE IL SIGNORE CI HA DATO. Altro che "cristiani da divano". Vai su Instagram e cerca CorXIII. é il profilo di una coppia di sposi giovani e cristiani con due figli piccoli (voi li accusereste di non essere aperti alla vita). Oggi si parlava proprio di discernimento e uno ha chiesto dove poteva trovare aiuto. Nel giro di un paio di ore sono arrivate decine di segnalazioni da tutta Italia. Alla faccia della parrocchia morta e della Chiesa senza nulla. Dai Fallacio fatti un giro (e insieme a te il tuo fratellino che si lamenta delle parrocchie brutte sporche e cattive)

      Elimina
  44. Va bene, vediamo che sapete fare, ma non dite che non vi avevo avvertiti. Andare fuori una parrocchia per attaccare una realtà cattolica, è un atto scismatico oltre che un reato di diffamazione. Siete avvisati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai finito di renderti ridicolo?

      Elimina
    2. Lo scisma di fatto, "caro" anonimo, lo realizzate ogni giorno voi neocatecumenali che, da ormai più di 50 anni, vi sentite nella Chiesa la vera chiesa accusando, sempre di fatto, tutti gli altri di essere cristiani di serie b ritendendovi i depositaria della sola ed autentica fede cristiana.
      L'atto scismatico lo realizzate voi ogni qualvolta la Chiesa cerca di correggervi ma, purtroppo, dimostrate di essere sordi da quell'orecchio.
      Eppoi, con tutto il rispetto, ma avvisare chi e di cosa? Vuoi vedere che adesso l'asino diventa bue e viceversa? Per cui, i tuoi avvertimenti, cominciali a fare ai componenti della tua setta che di cattolico non ha nulla, nemmeno la denominazione.

      Elimina
    3. Quindi il Papa che ha chiesto nuovamente scusa per gli errori fatti non da una miserrima "realtà cattolica" ma dalla Chiesa stessa, è scismatico?
      Con i cartelloni fuori dalle parrocchie dovreste andarci voi, a chiedere scusa per tutte le porcherie, dalle Messe al limite dell'invalidità fino all'impoverimento forzato delle famiglie per le vostre iniziative beote! Altro che 100 piazze!

      Elimina
    4. @anonimo
      il primo a parlare di scisma e di minacciare di "andarsene con i protestanti" è proprio Kiko, e parlare dei lati negativi del Cammino è servizio alla verità non diffamazione, e non ho ben chiaro di cosa vuoi avvisarci

      Elimina

    5. @Anonimo 28 luglio 2022 17:59
      Va bene, vediamo che sapete fare, ma non dite che non vi avevo avvertiti. Andare fuori una parrocchia per attaccare una realtà cattolica, è un atto scismatico oltre che un reato di diffamazione. Siete avvisati.
      ---
      Starei in prima linea in nome della Vera Chiesa!
      Ma chi ca*** siete per avvisare?!...
      Ruben.
      ---
      Ma chi ca

      Elimina
    6. non hanno scomunicato voi quando per 40 avete fatto la celebrazione eucaristica senza Credo...
      ...rilassati

      Elimina
  45. Vedi che sei bugiardo fino al midollo?!
    Io non ho detto di andare fuori la parrocchia, quello lo crede la tua mente da disonesto, perché ti credi che noi dobbiamo operare fuori, come se noi fossimo non appartenenti, e voi i padroni.
    Io ho detto di andare dentro le parrocchie, dove noi viviamo regolarmente e siamo accolti da Nostro Padre, che ci ama, e in accordo con Dio operiamo nella sua Volontà.
    Forse è il contrario, siete voi che assisteremo, da fuori, all'evento.


    CDD.

    RispondiElimina
  46. Non dorme più la notte.
    Ha gli incubi.
    Siccome costoro rappresentano i loro compari, capiamo che si sono agitati tutti.
    Per cui capiamo che la strada è buona da percorrere.
    Si sta agitando come il Sinedrio: vi impediamo di parlare del Nazzareno...
    Cosa risposero i nostri fratelli apostoli?: NON POSSIAMO!

    CDD

    RispondiElimina
  47. Pietro non del Cammino28 luglio 2022 21:48

    FALLACIO:
    tu dici: "su questo blog predicate che le catechesi le devono fare solo i sacerdoti perché sono gli unici ad avere una preparazione adeguata. Che il Cristiano non ha bisogno altro che della messa, predicate un cristianesimo che non ha bisogno di attivismo, perché l'adorazione eucaristica basta e avanza: un cristianesimo solo contemplativo, una sorta di buddismo cattolico. Che l'apertura alla vita è solo per i conigli, che trasmettere la fede ai figli è un plagio e hanno bisogno di fare le loro esperienze.... Che se sei sposato non puoi evangelizzare, leggere la bibbia non va bene perché deve esserci sempre un prete che te la interpreta..."

    Prendo nota che non fai nessuna citazione perché non puoi. Ma ti rispondo ugualmente.
    Sei sposato? Puoi evangelizzare ma prima vengono i doveri di stato.
    La Bibbia? La interpreta la Chiesa e non tu.
    L'apertura alla vita è solo per i conigli? Io sto col PAPA, che è aperto alla vita ma ha detto che non si possono fare figli come conigli. Prendetevela con lui.
    La Messa? E' la cosa più importante, ma si devono fare anche altre cose, come aiutare i poveri, cosa che voi disprezzate.
    Il cristianesimo solo contemplativo? Contemplativo, ma anche attivo, mentre voi disprezzate la contemplezione e non apprezzate l'adorazione.

    Se sei onesto intellettualmente, porta le citazioni. Ma non puoi supportare le tue accuse con i fatti. Mourinho credo che parlerebbe di prostituzione intellettuale.
    Senza citazioni le tue notizie sono fake.

    Noi quando parliamo del Cammino riportiamo sempre notizie e citazioni precise.
    Questo post si basa su un'affermazione di un camminante riportata alla lettera.
    Noi riportiamo notizie precise, tu usi le stesse tecniche diffamatorie che hai imparato nel cammino e che ormai sembrano connaturate alla tua personalità.

    RispondiElimina
  48. L'anonimo, che conosciamo, sta distorcendo ciò che ho scritto, così s'insinua e semina zizzania.
    Io ho detto di entrare in chiesa, alle stazioni, bacheche e altro, e depositare i volantini che avvisano il prossimo.
    Esempio: sono le 15 e la Chiesa del Sacro Cuore in piazza... è aperta. Mi trovo a passare, entro e prego prima Gesù, e poi lascio i volantini sul banchetto delle riviste, e uscendo affido tutto a Dio.
    Lo stesso per altri luoghi.
    Nessun volantinaggio tipo incontro per strada, o dopo la Messa e cose simili.
    No! Per ora non è il caso, cioè nessuno a pensato questo.
    Dobbiamo operare in accordo al Vangelo: astuti come serpenti e semplici come colombe.
    Non fatevi manipolare da altre volontà, cerca di deviare e non far fare.
    Non conta la riuscita subito e grandiosa. E non è che devo fare il giro ogni giorno. Ma come un compito, fatto nella libertà e pace di cuore, che porto avanti costantemente e quando posso in amore a Gesù. Senza chiedermi se farà o non farà, si semina, poi è Dio che fa crescere.
    Vado in vacanza a... mi porto dietro le stampe, sono in albergo, e voglio andare a Messa, mi porto i volantini e li deposito al banchetto dopo o prima la Santa Messa, o se vado a pregare davanti al Santissimo.

    CDD.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.