venerdì 16 novembre 2012

Nuovi interrogativi. Cosa vanno a fare le ragazze due a due in Cina?


Certo non subito, ma questo modo
di comunicarsi rischia di cambiare
Un nostro lettore che ancora frequenta il Cammino si chiede e chiede di approfondir meglio il senso della più recente 'trovata' dell'iniziatore del cammino Nc. Questa la domanda, alla quale seguono ulteriori riflessioni:
"Vorrei sapere cosa pensate/sapete dell'invio a due a due delle RAGAZZE in Cina (il numero esatto non si conosce c'è chi dice 100 chi di più) e delle modalità assurde di questo invio imminente.
Dato che è stato un argomento affrontato nelle ultime catechesi, vorrei sapere se vi sembra avere logicità le modalità del loro invio e se avete capito il "motivo" e la finalità.
PS: per le modalità, per chi non ne fosse al corrente, abbiamo un nuovo tipo di itineranza delle ragazze, cioè non più in famiglia non più in missione con equipe catechisti ma da sole in 2."
Dice Michela: "L'invio di queste giovani somiglia a quello che si faceva nei primi tempi del cammino. quella volta venivano mandati a due a due, senza denaro, alle parrocchie europee dove potevano essere accettati o rifiutati".

È la prima volta che sento dire dell'invio a due a due nelle parrocchie Europee.
Io sapevo degli invii in parrocchie di quartiere o in quartieri limitrofi (provengo da una delle prime parrocchie catechizzate NC di una grande città) ma sinceramente non ho mai saputo di ragazze inviate (in massa) in altri Stati da SOLE senza equipe o riferimenti a "annunciare la parola di Kiko"

E poi mi domando come faranno a annunciare la "Parola di kiko" se non conoscono nemmeno una parola di Cinese? E poi a chi è rivolto questo annuncio "della buona novella"? È un'evangelizzazione per la cosiddetta 'Associazione patriottica cattolica cinese' cioè la Chiesa Ufficiale cinese (quella controllata e istituzionalizzata dal partito e che non riconosce il Papa) o alla Chiesa Clandestina che è soggetta a persecuzioni pesanti?

Questo non è chiaro, nessuno ne parla perché nessuno ha le idee chiare e le modalità sono semplici a mio avviso molto superficiali.

Certo si deve nascondere il tutto per via delle disposizioni del partito e per le gravi ripercussioni che si avrebbero se il partito venisse a scoprire questo invio di "giovani missionari" ma perché non dire almeno alle ragazze e tranquillizzare le famiglie [discorso che nessuno sembra prendere in considerazione] su qual è la loro vera missione?
Cosa in fondo debbono fare, quali sono le disposizioni di kiko, una volta arrivate lì?
Ma lo sa il signor kiko che ci sono in ballo VITE UMANE non persecuzioni all'europea o alla sbattuta di sandali, in Cina la persecuzione che rischierebbero queste ragazze è MOLTO differente!

Perchè kiko non lascia questo gravoso compito (di evangelizzazione in Cina) alla Chiesa, al Papa che in questi ultimi tempi sta agendo proprio in maniera che la Chiesa ufficiale (quella del partito) si avvicini a Lui lo riconosca e riconosca ed abbracci la Chiesa Vera?

Qui non si tratta di sacerdoti inviati in parrocchie o di seminaristi che vanno in seminario o di famiglie in missione che comunque hanno riferimenti di parrocchie, qui si tratta di ragazze giovani e sole che non sanno cosa vanno fare.

È un'ipotesi che potrebbe apparire azzardata; ma un altro lettore dice:
sul discorso delle ragazze nubili mandate allo sbaraglio in Cina mi è venuto in mente un possibile motivo. Sulla stampa non molto tempo fa sono state pubblicate a livello mondiale le statistiche della popolazione cinese, in particolare sugli effetti della politica del figlio unico obbligatorio. Con gli aborti selettivi moltissime coppie hanno scelto di avere un figlio maschio, e questo ha provocato uno sbilanciamento di decine di milioni di unità nel rapporto uomo/donna tra la popolazione. A ciò si è aggiunto il fattore invecchiamento della popolazione.
Negli articoli si diceva, un poco con ironia ma molto sul serio, che i maschi cinesi si troveranno costretti ad "importare" mogli, proprio loro che esportano merci in tutto il mondo. Vuoi vedere che nel delirio di grandezza del "santino" gli è venuta l'idea di neocatecumenalizzare la Cina tramite i matrimoni? Sicuramente sbaglierò, ma visto il tipo non si sa mai.
E così di rimando chi ha posto la domanda iniziale:
"Questo è esattamente quello che ho sentito io nelle ultime catechesi. Sono state dette queste parole con il sorriso sulla bocca, proprio tra l'ironico e il serio. Se fosse questo l'espediente di una "nuova evangelizzazione" in Cina mi ritrovo a pensare che kiko usa le ragazze giovani nubili NC come carne da macello.
E la famosa "vocazione" delle ragazze NC quale sarebbe di cercare marito in Cina in modo di convertirlo e popolare al Cina di numerosi piccoli neocatecumenali? Se fosse veramente questa la modalità dell'evangelizzazione ci troviamo di fronte ad un pazzo con una mente perversa assai." [espressione indubbiamente 'forte'; ma finché si è nel campo del dubbio, peraltro più che inquietante e motivato e conoscendo quel che si conosce del resto...]
E i Pastori, le guide del gregge e che dovrebbero tutelarlo - come le stelle - stanno a guardare...
Ma ce n'è uno che invece si muove. Trattandosi di Filoni, dovremmo chiederci che rapporto c'è... Certo a noi non è dato vederlo; ma non penso sia un caso.
Estraggo da Vatican insider del 25 ottobre scorso:
Tra la Cina popolare e la Santa Sede è giunto il momento di «pensare a un nuovo modo di dialogare», che potrebbe avvalersi anche di una Commissione bilaterale «di altissimo livello» per trattare «questioni di reciproco interesse». La proposta è di quelle che per provenienza e contenuti meritano attenzione e non possono essere sottovalutate: a formularla è il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per la evangelizzazione dei popoli, il dicastero della Santa Sede a cui è affidata la cura di tutte le circoscrizioni ecclesiastiche cinesi.
In un breve saggio, anticipato oggi da Hong Kong sul sito online del trimestrale cattolico Tripod (e rilanciato in Occidente dall’Agenzia Fides) il cardinale prende spunto dai cinque anni trascorsi dalla pubblicazione della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi (giugno 2007) per provare a innescare un deciso cambio di marcia nei rapporti sempre tormentati  - e attualmente in fase di stallo - tra Pechino e le Stanze vaticane.[...]
A questo punto l'interrogativo più serio è: con quali Stanze vaticane, si troverà a dialogare Pechino e con quali risultati per la Chiesa romana?

108 commenti:

DG ha detto...

Riprendo il discorso del Papa riportato da sebastian sull'altra discussione:

"Di fronte alle difficoltà della missione di evangelizzare, talvolta sarete tentati di dire come il profeta Geremia: «Ahimè, Signore Dio! Ecco, io non so parlare, perché sono giovane». Ma anche a voi Dio risponde: «Non dire: “Sono giovane”. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò» (Ger 1,6-7)
Quando vi sentite inadeguati, incapaci, deboli nell’annunciare e testimoniare la fede, non abbiate timore
L’evangelizzazione NON E' una NOSTRA INIZIATIVA e NON DIPENDE anzitutto DAI NOSTRI TALENTI, ma è una RISPOSTA FIDUCIOSA ED OBBEDIENTE ALLA PAROLA DI DIO e perciò si basa NON SULLA NOSTRA FORZA ma sulla sua"


Penso che ognuno di noi sappia quanto è difficile portare la "parola di Dio" nella realtà di oggi e quanto i nostri figli siano confrontati a farlo ogni giorno nella scuola e nelle università.
Non siamo cosi' ingenui da pensare che un discorso imparato a memoria (catechesi) basti ad evangelizzare nemmeno se accompagnato dalla buona volontà del singolo (alzata al richiamo di Kiko).

Detto questo, ritorno al discorso ragazze NC inviate in Cina.

La chiamata qual'è?
La chiamata vocazionale è quella che il Signore ti mette nel cuore giorno dopo giorno anche nelle esperienze e nella vita quotidiana. Questa si forma attraverso la preghiera e anche attraverso un aiuto di un sacerdote che possa illuminarti su questa chiamata.

Allora mi domando:
queste ragazze che si sono alzate per partire in itineranza (alcune si erano già alzate per il monastero e per la missione in famiglia) sono veramente toccate da una chiamata vocazionale del Signore o solamente da quella di Kiko/cammino neocateumenale?

Mi domando poi se queste ragazze che per anni, nella loro adolescenza prima e nella loro maturità di donne poi, si sono sentite ripetere che era meglio "aspettare l'uomo che il Signore ti vuole mettere accanto" apettare quello del cammino NC cosi' da non dover affrontare matrimoni sbagliati o delusioni, poi sono inviate cosi' senza una motivazione valida se non quella di "andare ad evangelizzare con la loro presenza".

Mi domando se le ragazze (e i ragazzi) debbono scegliere il loro sposo/sposa preferibilmente tra i fratelli del cammino qual'è il ragionamento che ora fa Kiko nel mandare queste ragazze che solo con la loro presenza in Cina dovrebbero "catechizzare" il popolo cinese (e soverchiare la Chiesa del partito)?

Forse che l'evangelizzazione attraverso la presenza di ragazze "ironicamente" disponibili a sposarsi cosi' da convertire i ragazzi cinesi (futuri mariti?) non è forse l'attuazione ultima dell'assudità dei "precetti" NC?

Ma come qui in Europa è consigliato alle ragazze/i del cammino scegliere il proprio sposo/sposa nel cammino e in Cina basta sposarsi un cinese per poi poterlo convertire e evangelizzare cosi' popolo e partito?
E' cosi' facile l'evangelizzazione?

Dato che sono sicuro (lo so per certo) che questo Blog è seguito da parecchi ragazzi/ragazze del cammino (tra cui anche quelle che dovranno partire) spero che queste mie domande trovino una risposta cosi' da poter fugare ogni dubbio e ogni preoccupazione sia nelle ragazzze stesse, sia nei loro genitori che non possono intervenire perchè sarebbero squalificati in "fratelli che non si affidano alal provvidenza".

mic ha detto...

DG,

devo dedurre che la tua domanda è stata formulata in un momento topico ed è provvidenziale che sia posta all'attenzione di molti?

Che il Signore illumini e guidi questa realtà così difficoltosa da interpretare e da gestire e ci aiuti a vedere ed esprimere ciò che è buono e giusto, uscendo da ogni velleitarismo di qualunque genere!

Quello che mi sconcerta è che ci sia una persona che ha un potere così assoluto sulla vita delle persone e che, a prescindere da qualunque considerazione, nella Chiesa non ci sia nessuno in cui questo dato generi, se non allarme, almeno perplessità.

Ho l'immagine dei vescovi che accorrono a frotte alla Domus, e mi viene in mente il "pifferaio magico" e la processione che si portava dietro...

Anonimo ha detto...

la prima cosa,ma è possibile che li trovate tutti voi i neocatecumeni ai quali non gli piace per niente la comunità e vi mandano email?!?!?!?! ma io la vedo molto strana come cosa cioè non farebbero prima ad andarsene, e poi ci sono dentro loro vi vengono a chiedere a voi le cose bà... 2 ma ditemi la verità siete un po' nostalgici della chiesa preconciliare, o no? non riesco a capirlo...

mic ha detto...

Cosa c'entra la chiesa preconciliare con questo articolo?

E, poi, non esiste una Chiesa pre e una post Concilio: esiste La Chiesa. Punto

DG ha detto...

caro anonimo cos'è che ti scandalizza?
Sono le domande? Sono i dubbi?
Le perplessita?

O semplicemente il dolore?

Il dolore di chi magari vede una figlia impegnarsi in nome di non si sa che cosa in un'avventura (chiamiamola cosi) che nulla ha a che fare con l'evangelizzazione?

A cosa ti serve sapere chi manda email e cosa domanda?
Quale sicurezze cerchi per elaborare un TUO pensiero senza essere legato al "far parte del Cammino" ma essere semplicemente ma meravigliosamente parte integrante della Chiesa?

Se un fratello domanda lascialo fare.

Lo vuoi capire che almeno qui non ci sono schemi e quindi non ci sono messe al bando e punizioni?

Per risponderti per la milionesima volta alla domanda "un fratello non fa prima ad andarsene" : e no caro anonimo, credo neocatecumenale,troppo comodo!
Un fratello esce, se ne va e pace e fine e il cammino continua cosi' senza "disturbi".

E invece una persona che è stata o è in cammino HA IL DIRITTO di sapere e di domandare.
Non esistono solo doveri, qui non siamo in Comunità.

Se vuoi rispondere fallo pure se non vuoi o perchè non puoi, non farlo! Sei libero

per rispondere a mic: si il momento è fondamentale se poi siano previdenziali queste domande e questi dubbi non lo so.

Spero solamente in un momento di riflessione in chi legge.
Ragionarci sopra non è né un peccato né una bestemmia, anche se qualcuno vuole passare questo messaggio

ExNeocatSalvatoDaDio ha detto...

"2 ma ditemi la verità siete un po' nostalgici della chiesa preconciliare, o no? non riesco a capirlo..."

Eh...lo so che non riesci a capire...
Cmq se ti sforzi puoi leggere il topic dove c'è scritto:
"Nuovi interrogativi. Cosa vanno a fare le ragazze due a due in Cina?"
e relazionarti in questo senso, eh...magari..da bravo su

mic ha detto...

Spero solamente in un momento di riflessione in chi legge.
Ragionarci sopra non è né un peccato né una bestemmia, anche se qualcuno vuole passare questo messaggio


Esattamente!

mic ha detto...

...VERGOGNA tornate a parlare di altarini e merletti che è meglio...

Il resto ve lo risparmio.

Chi ha mai parlato di altarini e di merletti e cosa c'entra?

Anonimo ha detto...

Su You Tube c'è un video:

Kiko Arguello con i frati francescani a Crocovia"

è interessante perché descrive o meglio si autocelebra per la conquista della Cina.
Ad esempio dice che gli sono state affidate tutte le comunità clandestine, poi aggiunge che ha a disposizione 20.000 ragazzi o ragazze non ricordo, da inviare in Cina entro 5 anni.
Nel suo discorso è molto sconclusionato, salta di palo in frasca, bisogna avere molta pazienza di ascolto, la Carmen ormai sulla via della demenza interviene solo per rompergli le scatole.

E per finire, ad un certo punto dice che invocando lo Spirito Santo sui monti del deserto del Gobi è apparsa una colomba che ha fatto 4 giri di volo ed è sparita. Non dimentichiamo che è l'unico santo vivente

MI chiedo come può la Chiesa lasciare che persone che vivono la fede cattolica nelle condizioni già a tutti tristemente note, siano sottoposte ad una evangelizzazione delirante come il Cammino, mentre la vera Chiesa è tutt'altro? Credo che qui sia ancora più facile sottomettere psicologicamente persone semplici che vivono la fede allo stato puro come ha detto un sacerdote che ha vissuto in Cina diversi anni.

Nel video ad un certo punto Kiko dice che ci sono persone che venderebbero tutto per dare al Cammino.....PAZZESCO!!!!!

PS Sono felice di aver letto ancora gli interventi di Lino, sarebbe stata una grande perdita per il blog, spero che comunque nessuno di voi vada perso siete tutti preziosi è un team che funziona, sia per la vs preparazione che per la simpatia che spesso ispirate. Anche gli ex e quelli che sono nel Cammino con la consapevolezza che qualcosa non quadra. Gli attivisti??? abbiamo per loro un po di considerazione vengono da una "scuola" di autocelebrazione imbottiti di menzogne formati ad una cultura anti cattolica, non si può pretendere un dialogo. Buon lavoro
e che "Mia Madonna e mia Salvezza" possa proteggerci tutti.
Rosy

aleCT ha detto...

"a io la vedo molto strana come cosa cioè non farebbero prima ad andarsene"

Non farebbero prima i "superiori" del cammino a essere MENO OTTUSI?

Cosa c'è,nel cammino è vietato farsi qualsiasi domanda?

Lo sapete che questo è molto poco cattolico? E' più simile ai fondamentalisti protestanti.

"VERGOGNA tornate a parlare di altarini e merletti che è meglio"

No guarda, se vuoi parliamo di citazioni bibliche fatte a caso, di liturgie re-inventate e di chiusure ad oltranza specie nei confronti dei propri "fratelli di fede"

mic ha detto...

Grazie Rosy,

è davvero agghiacciante quello che succede.

"Mia Madonna e mia salvezza", che ci porta al suo Figlio è quel che ci resta!

aleCT ha detto...

"Su You Tube c'è un video:

Kiko Arguello con i frati francescani a Cracovia"

Ho visto i primi 20 minuti (ho da fare)

Vi invito a guardare le espressioni dei cappuccini che lo ascoltano...

Io aggiungerei anche il fatto che dice che "lavorano nella Chiesa in mezzo a persecuzioni e calunnie" e dei vescovi con gli "schemi atrofizzati"

il discorso a cui si riferisce è questo: http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/speeches/1985/october/documents/hf_jp-ii_spe_19851011_partecipanti-simposio_it.html



aleCT ha detto...

In quello stesso discorso Giovanni Paolo II dice:

"Queste sorgenti vitali, in armonia con i tratti del primissimo modello apostolico, si trovano generalmente là dove Cristo e l’amore per Cristo sono congiunti con la coscienza e la vita ecclesiale; là dove la Chiesa, come Maria, è venerata e accolta come Madre. L’annuncio di Cristo disgiunto dalla Madre-Chiesa, o peggio contrapposto ad essa, non potrebbe essere l’annuncio del “Verbo fatto carne”, nato dalla Vergine Maria e continuamente generato dalla Chiesa nel cuore dei fedeli."

Mi pare sia chiarissimo: se una realtà ecclesiale (qualsiasi essa sia) si mette in contrapposizione DI FATTO o lavora"per conto suo e per se stesso"non annuncia Gesù.

Poi possiamo anche parlare degli "schemi". Sicuramente la liturgia NON E' UNO "schema"

O mi sbaglio?

Lino ha detto...

@ Rosy ha detto: "...Mia Madonna e mia Salvezza" possa proteggerci tutti".
Ci proteggerà, cara Rosy. Forse già lo sai, ma semmai non lo sapessi tu non divulgare il segreto :-)
Il Santuario - mi riferì il progettista del Tempio mio omonimo, che mi manca per le lunghe nostre discussioni sul simbolismo evangelico, (altro che Kiko!) e su quello del Santuario medesimo - fu un dono dello Spirito Santo alla Beata Vergine. E la protezione è assicurata a tutti quelli che nel Tempio entrano:

http://www.google.it/imgres?imgurl=http://www.pupia.tv/includes/tiny_mce/plugins/filemanager/files/fm/01_immagini/04_casertaprov/casapesenna/chiesa/tempio.JPG&imgrefurl=http://www.pupia.tv/casaldiprincipe/notizie/000818.html&h=383&w=360&sz=11&tbnid=6RiA20DLIo4KhM:&tbnh=103&tbnw=97&zoom=1&usg=__GAesgIOsY5GE16dzGdii0K1dUp8=&docid=srL9s0cTYE9pXM&hl=it&sa=X&ei=XKWmUK6kBIPYtAbViICwCA&ved=0CDcQ9QEwBQ&dur=8088

Spero che un ingresso virtuale sia considerato non da meno di un ingresso reale, nei tempi di Internet, dal Paraclito.

Luisa ha detto...

A proposito di quel video youtube...

Autocelebrazione delirante del cnc,

accompagnata da

un eguale scherno della parrocchia, dei parroci che non sanno che cosa è il kerigma, , dei sacerdoti che non sanno più che cosa è la fede, chr dicono la Messa e quelle cose lì!

Kiko dixit:
noi diamo il Rosario dopo 12 anni, li portiamo dal Papa dopo 15 anni se no scappano...e dicono: io in parrocchia non ci vado!
Sono io che ho bloccato la legge sui PACS...
Miracolo in Russia con le donne che gli baciano i piedi...è un segno!
Ha fatto un affresco in Cina a Shangai, e lo hanno pagato 100.000 Euro...miracolo, sempre in Cina dice di essere incaricato di formare comunità nella Chiesa sotterranea...
Ancora in Cina ha fatto un esorcismo per la Cina e ci sono le colombe...
Se si interrompe o perde il filo( quando non è la Carmen) dice che è Dio che l`ispira... che parla con pennellate, capite è un pittore.

È partito con la sua storia della sostituzione di una pastorale di evangelizzazione a quella sacramentale, con un bel disegnino per provare quanto e come la parrocchia tradizionale è un fallimento e che la soluzione è il cnc che la porta!
Insomma la salvezza è nel cnc, esaltazione delirante, impugnando la sua croce, intima ai frati che lo ascoltano di convertirsi ...immagino al suo "cammino"!

Anonimo ha detto...

http://www.zenit.org/rssitalian-33903

Lino ha detto...

P.S.
La colomba di Kiko ha fatto quattro giri? Kiko - non la colomba, naturalmente - sta dicendo che la sua missione riguarda la terra intera, giacché quattro è il numero dei punti cardinali e, biblicamente, significa la totalità.

P.P.S.
Non equivocate: io non m'interesso di ornitomanzia, solo di simboli. Non ci sono auguri in questo sito, soltanto s'interpretava l'augure Kiko.

Perplesso ha detto...

Mi ricordo quel video, due ore di promozione del cammino neocatecumenale e di critica alla Chiesa, alle sue parrocchie, ai suoi sacerdoti, agghiacciante l`immagine di quel laico che impugna la sua croce e annuncia il kerigma a quei frati francescani.
La visione di quell`uomo e della sua prestazione sarebbe solo uno spettacolo esilarante, tanto il suo discorso è slegato e delirante( altro che pennellate),se non sapessimo che è da decenni che è in giro per il mondo per portare la sua parola, il suo pensiero, come se parlasse a nome della Chiesa, quando invece non fa che scardinare le fondamenta della Chiesa, come se la sola salvezza della Chiesa la portasse lui con la sua creatura, il cammino.
In effetti non ascoltiamo mai un annuncio missionario salvo la sostituzione di ciò che la Chiesa ha fatto fino ad oggi e la corrispondente promozione del cammno neocatecumenale.

Luisa ha detto...

Ho letto il link di zenit, dovrei stupirmi? Stupirmi che i responsabili del cnc ottengano che lo statuto di erezione di un seminario sia firmato nelle Grotte vaticane?
E perchè? Hanno già ottenuto di firmare quello di Trieste nel Cenacolo di Gerusalemme, Mons. Crepaldi presente!
Niente potrà stupirmi nelle espressioni dei privilegi, favori e corsie preferenziali di cui dispongono il cnc e i suoi aderenti.
Sono solo l`espressione della spessa e fitta tela di relazioni e amicizie influenti tessuta da decenni ormai.
Quando leggo queste parole dell`arcivescovo sudafricano:

"Inoltre la caratteristica principale dei Redemptoris Mater - e in questo è stata profetica l'intuizione dell’iniziatore Kiko Arguello – è di non presupporre la fede nei candidati al sacerdozio in quanto non sempre le famiglie di provenienza hanno potuto trasmettere la genuinità della fede. Quindi il metodo principale formativo è un’iniziazione cristiana dei candidati che va di pari passo a quella filosofico- teologica."

E sorvolando sulle ultime parole....
mi dico che quell`arcivescovo, come tutti i suoi confratelli che aprono le porte al cnc senza condizioni, non hanno orami più come priorità la salvaguardia e la promozione della retta Dottrina e della sacra Liturgia, altre sono ormai le loro piorità e i loro interessi.
Quel vescovo in particolare, che ha fatto studi di psicologia, dovrebbe interessarsi da vicino agli scrutini fatti nel cnc.

mic ha detto...

Cara (credo sia donna) sig mic. mi hanno parlato di lei e credevo esagerassero, le ho scritto il post da lei censurato perchè sono indirettamente interessato....

Caro Signore, replico a questo incipit per evitarle ulteriori inutili fatiche.

Osservo tuttavia che una persona, pur non direttamente interessata (!?) che si prende la briga di scrivere qui, non ha nessun motivo di essere censurata se confuta argomentando e non con subdoli sofismi, ai quali non perdiamo più il nostro tempo a rispondere.

Vede, se invece di scrivere la solita lamentela condita di sgradevolezze, avesse formulato qualche argomento, per quanto mi riguarda, invece di perder tempo a lanciare questo messaggio a lei e a tutti i 'proclamatori' analoghi, avrei dedicato tempo e attenzione a risponderle in tema.

mic ha detto...

ritorno sul commento in questione quotandone la conclusione e poi spiego il perché:

...le auguro di non avere sulla coscienza i danni derivanti da questa balorda discussione, che mira a criticare solo il cammino e i suoi iniziatori, ma che invece può danneggiare anni di duro lavoro mirato a portare CRisto dove non è più conosciuto e dove il regime non gioca come invece fate voi. La pace

1. uno che si dichiara indifferente (ma che ragione c'è di mentire?) e poi saluta col saluto neocat dopo aver piazzato un pistolotto come questo qua su...

2. avrei sulla coscienza tacere sui danni spirituali e psicologici provocati dal cammino sulle persone (e non da questa discussione dalla quale ognuno è libero di trarre le conclusioni che la sua coscienza e la sua esperienza gli dettano)

3. le critiche non sono al cammino in sé né agli iniziatori per partito preso; ma alle idee e alle prassi, confrontate con magistero cattolico. E dunque, cerchiamo di non personalizzare e astraiamo il discorso per quello che è: non una battaglia "contro", ma una informazione "per"... che poi chi si identifica col cammino (cosa frequente se non scontata) si senta toccato personalmente dalle critiche dalle quali si sente messo in discussione in prima persona perché totalmente immerso in una realtà che lo ha fagocitato, è solo una conseguenza della realtà che è il cammino e non è nostra responsabilità... anzi questo sentirsi 'toccato', dovrebbe preludere ad una presa di coscienza iniziale e ad un cammino (di restauro) della propria persona e della propria spiritualità.

Spero che anche questa riflessione a qualcuno sia utile...

Lino ha detto...

Una riflessione sul video di Kiko.
Io non so quali esperienze politiche lo spagnolo abbia vissuto. Quel che è certo, però, è che il suo costante riferimento agli atei marxisti che si avvicinano al Cammino in virtù della sua "pastorale" mi pare una baggianata enorme, se non una intenzionale menzogna. Gli atei comunisti - quelli militanti, intendo - oltre le religioni in generale nutrono una grande ostilità verso gli israeliani, intesi come "sionisti". Il loro appoggio ai palestinesi è incondizionato, lo si può leggere anche in questi giorni. Figuriamoci, allora, se una pastorale con tanti riferimenti all'ebraismo e alla Terra Promessa non diventa per essi un ulteriore ostacolo alla conversione.
Intendo dire: occorrerebbe capirne di più sulla composizione culturale e sociale dei "lontani" che aderiscono al Cammino; sarei pronto a scommettere, però, che gli atei marxisti (intellettuali, quindi) convertiti dal Cammino Kiko se li è sognati e nemmeno in una visio, in un sogno mattiniero: li ha visti in un insomnium.

by Tripudio ha detto...

Una "missione" non può prescindere dal sacerdote. Altrimenti che "missione" è se non c'è la possibilità di ricevere i sacramenti?

Le donne neocatecumenali mandate "a due a due" allo sbaraglio, dove e come si assicureranno la frequenza ai sacramenti?

Andranno a farsi perseguitare dalle autorità cinesi oppure più comodamente andranno dalla "chiesa patriottica cinese" che detesta il Papa? (vien da dire, ironicamente, che per coerenza col Cammino Neocatecumenale andranno da chi detesta il Papa...)

E come la mettiamo coi cinesi e la loro politica fiscale del "figlio unico"? quanti miliardi ci vogliono per fare una "famiglia numerosa" misto-cinese apprezzabile da Kiko?

Comunque nella "chiesa patriottica cinese" si disprezza il Papa, ma non il Sacramento. Come la mettiamo allora quando i "patriottici" vedranno i neocatecumenali fare il balletto col girotondo dopo essersi puliti le mani sui pantaloni per scacciar via i frammenti del Santissimo Sacramento?

Anonimo ha detto...

@Lino

I marxisti (supponendo che esistano ancora veri marxisti) ritengono che l'anima non sia intrinsecamente connessa dalla nascita con l'uomo ma si costruisca attraverso gli altri e in particolare si determini dal lavoro che uno fa. Dubito che si interessino di catechesi per adulti se non per insultare denigrare o disprezzare visto che Marx ritiene la religione alienante.


Supponendo però che Kiko conosca Marx come conosce la Bibbia probabilmente per marxisti intende qualsiasi forma di socialisti.



Gv

Luisa ha detto...

La Cina è un leit motiv ricorrente in ogni intervento di Arguello e da tempo ormai, quando parla ai frati francescani, quando arringa i suoi kikos, ragazzi e ragazze, ad alzarsi, pretende perfino che è "incaricato" (da chi!?!)di formare comunità nella Chiesa clandestina.
Vista la situazione più che delicata in quel Paese, mettere il cnc in quel contesto è come mettere un elefante in un negozio di porcellana.

Ben sappiamo che personaggi influenti come Filoni, spianano la strada, preparano il terreno, non penso che quelle ragazze partino allo sbaraglio ma che avranno chi le accoglie, del resto la Cina è un Paese che attrae molto i giovani che scelgono di farvi o perfezionare i loro studi.
Resta poi intero il pericolo di muoversi in quel clima difficile, già abbastanza complicato e complesso senza che il cnc venga ad imporre le sue leggi e i suoi metodi.

Se così non è, se quelle ragazze partono veramente allo sbraglio, sarà solo una nuova prova della soggezione mentale e psichica di chi obbedisce senza discutere, senza riflettere, della dipendenza in cui si trovano anche quei genitori che lasciano partire le lor figlie perchè "Kiko" lo comanda.

DG ha detto...

per quanto riguarda l'articolo di Zenit postato dall'anonimo, vorrei dire due parole sullo stesso passo del'intervista che ha colpito Luisa e cioè:

-Mons. Stephen Brislin, arcivescovo della città sudafricana- dice:

"oltre la caratteristica principale dei Redemptoris Mater - e in questo è stata profetica l'intuizione dell’iniziatore Kiko Arguello – è di NON presupporre LA FEDE NEI CANDIDATI AL SACERDOZIO....."

vedete da qui parte ogni spiegazione sulle "alzate in massa" alle chiamate di kiko. (ultimamente si vedono ragazzini di meno di 10 anni alzarsi per andare sul palco davati Kiko)

Ma la vocazione dovrebbe rispondere ad una chiamata (e ne abbiamo già parlato del valore di essa) e dovrebbe venire direttamente dal Signore e non da un uomo laico qualunque che incita a farsi prete/suora o partire per il mondo.

Queste ragazze in cina cosa porterano se anche un sacerdote uscito dal R.M. non ha risposto alla sua chiamata per FEDE e con Fede?

La Fede è fiducia assoluta in Dio non un salto nel buio e chi s'è visto s'è visto, tanto ci arriverà DOPO.

Spero che questo Vescovo non si stato preso dal entusiasmo di avere un seminario che sforna sacerdoti che entrano pur NON AVENDO fede.

Mi ricorda tanto la figura di don Abbondio entrato in seminario non per una vera vocazione ma per sfuggire ad una insicurezza economica o per appartenere ad una determinata classe sociale.

Sapete che nel cammino c'è un detto Non detto, una prassi, se cosi' si vuole chiamare, di offrire il proprio primogenito a DIO?
Detto cosi' non si capisce ma diciamo che nelle famiglie numerose si parla e si dice sempre che sarebbe bello che l proprio filio maschio (il primo o un altro) entrasse in seminario...

Da qui la spinta(inconscia e in buonafede) verso un figlio/a attuata attraverso il desiderio di un genitore NC di far entrare un proprio figlio o una propria figlia in seminario o in un convento.

Proprio come i genitori di Don abbondio.

Vi prego di pregare in questi giorni per le ragazze che partiranno in Cina.

DG ha detto...

si luisa hai ragione quando dici
"non penso che quelle ragazze partino allo sbaraglio ma che avranno chi le accoglie, del resto la Cina è un Paese che attrae molto i giovani che scelgono di farvi o perfezionare i loro studi."

Certo avranno chi le accoglie ma loro non sanno nemmeno chi perchè fare i nomi adesso sarebbe pericolosoper quelle famiglie o ragazze che già sono li (questo è un lungo discorso)
Pensa poi che qui si parla di 100 ragazze che dopo essere accolte i primi tempi, dovranno trovare una sistemazione propria e quindi un lavoro.
Infatti non si è parlato in comunità di fare collette per mantenere queste ragazze ed è proprio per questo che kiko sta puntando piu' sulle missio ad gentes che sull'itineranza delle famiglie (non ci sono piu' soldi!!!) ma questo è un discorso che si puo' fare in seguito.

Queste ragazze debbono trovarsi un lavoro ma riusciranno a trovarlo prima di imparare la lingua del posto?
E poi si sa che le celebrazioni nella Chiesa clandestina vengono fatte di nascosto e sono prese parecchie precauzioni per arrivare nel luogo di celebrazione.

Sono preparate a questo?
Sanno che persino la Bibbia, che noi usiamo e portiamo con noi ovunque specie quando partiamo, puo' essere motivo di sospetto e di indagine?

Una suora presa a distribuire bibbie per evangelizzare (una suora dico) è stata messa in carcere.

Sono pronte a rispondere alle domande che potrebbero venirgli poste?

Insomma vada per i seminari che sono
"pronti ad accogliere 20.000 seminaristi che dovranno diventare sacerdoti in Cina"
perchè in quel caso c'è una preparazione anche sulla cultura, la lingua e la tradizione del posto che li accoglierà.
Qui non si tratta di andare a fare uno stage o l'erasmus qui è ben altro!

E' che, secondo me, kiko in questi ultimi tempi sta "dando i numeri" in tutti i sensi.
Sa che per lui c'è poco tempo, vicina è la vecchiaia e con la vecchiaia la malattia e poi la morte (è lui che lo dice e da qui il nuovo canto di inizio corso e la catecheisi sulla morte e le 'cose di lassu'' http://www.youtube.com/watch?v=zEd3cI-VOyM)
quindi vuole affrettare i tempi.

Altrimenti non arriverà secondo lui ad compiere tutto il possibile per essere ricordato e venerato come santo.
C'è una barzelletta (tristissima secondo me) che circola tra i NC:

- c'è kiko sul letto di morte e intorno a lui i suoi fedele i quali dicono:
"coraggio kiko non morire ora, perchè stiamo terminando un'altra Domus dove tu avrai il tuo mausoleo che ti accoglierà"
Kiko risponde:
"fratelli non serve darvi tanto da fare ..tanto sono solo 3 giorni"

Lino ha detto...

@ Luisa ha detto: "pretende perfino che è 'incaricato' (da chi!?!)di formare comunità nella Chiesa clandestina."

Qualora così fosse, io lo definirei un farabutto perché, diffondendo la notizia, mette a rischio chi decide di andare in Cina. Anzi: lo definirei un farabutto all'ennesima potenza perché, nel caso in cui la notizia fosse vera, dovrebbe dirla tutta non a bassa voce ai genitori, ma urlando nelle piazze nelle quali invita ad alzarsi.

Purtroppo tant'è, Luisa: "philosophia ancilla domini est", però anche qui i neocatecumenali la ergono a primo termine del composto "filosofico- teologica". Lasciamo perdere per chi non vuol intendere e non conosce l'organizzazione filosofica per eccellenza, la quale impose il vocabolo nella bozza di costituzione europea: il tutto, però, è veramente inquietante.

Luisa ha detto...

il tutto, però, è veramente inquietante."

Perfetta sintesi.

Il drammma è che chi dovrebbe rendersene conto, chi sa, come minimo tace per codardia, per timore, o perchè dal suo silenzio ricava vantaggi che pesano abbastanza per soffocare la sua coscienza, ma c`è anche chi sa e incoraggia, legittima, partecipa.
Dramma di questa nostra Chiesa dove i Pastori, con il loro comportamento, le loro incoerenze, i loro doppi linguaggi, le loro lotte di potere, contribuiscono al clima deleterio che respiriamo.

Anonimo ha detto...

Ma la vocazione dovrebbe rispondere ad una chiamata (e ne abbiamo già parlato del valore di essa) e dovrebbe venire direttamente dal Signore e non da un uomo laico qualunque che incita a farsi prete/suora o partire per il mondo.
----

La chiamata al sacerdozio non avviene all'inizio del seminario, ma alla fine dello stesso, nel momento in cui è il Vescovo che impone le mani. Lì c'è la Chiamata del Signore.

Per questo il Vescovo Brislin parla di candidati di cui non presupporre la fede.

Oggi invece si pensa che uno va in seminario perchè la sua fede è matura, insomma il seminario sarebbe per i santi o per chi ha una fede superiore agli altri fedeli. Entrare in un seminario per poi eventualmente uscirne se ci si rende conto che quella non è la nostra strada, non è una vergogna o un fallimento. Pensare il contrario ci ha portato allo svuotamento dei seminari, o con il rimpiazzare i seminaristi con coloro che non avevano altro modo farsi accettare per quello che sono in una società che li respinge (e mi riferisco in particolare a quei tanti preti che si sono macchiati dell'abominio della pedofilia perchè hanno nascosto le loro devianze sessuali).

E fare il predicozzo sui bambini di 10 anni che si alzano fa davvero sorridere DG, perchè nel secolo scorso i bambini entravano in seminario in tenera età. Oggi questo non avviene, neppure nei Redemptoris Mater. Ti puoi alzare anche 50 volte da 10 anni in su, ma prima ti fanno comunque finire le scuole, anche le superiori.

La verità vi farà liberi. ha detto...

" Dramma di questa nostra Chiesa dove i Pastori, con il loro comportamento, le loro incoerenze, i loro doppi linguaggi, le loro lotte di potere, contribuiscono al clima deleterio che respiriamo"

Tragicamente vero...

Sebastian ha detto...

@DG
che Kiko senta di avere poco tempo l'ha detto lui stesso alla convivenza di inizio corso a porto san giorgio.
La barzelletta la sapevo diversa.

Kiko sul letto di morte chiede a Carmen di esaudire un ultimo desiderio: venire seppellito nel Santo Sepolcro.
Dopo essersi informata Carmen torna da Kiko a riferire: "Kiko, ci chiedono 1 miliardo di €!"
E Kiko: "1 miliardo? per 3 giorni??"

Anonimo ha detto...

Ma come fa ad entrare in seminario uno che non ha fede? Se uno non ha fede non può neanche pensare di entrare in seminario. Il primo passo è avere fede in Dio poi ci si interroga sulla propria vocazione e allora magari si prova la via del seminario, ma tentare la via del seminario senza aver fede in Dio non ha senso. Perché si entra se non si ha fede? È come fare un corso per fidanzati senza sapere se ami o no la persona che ti sta affianco.


Gv

mic ha detto...

La chiamata al sacerdozio non avviene all'inizio del seminario, ma alla fine dello stesso, nel momento in cui è il Vescovo che impone le mani. Lì c'è la Chiamata del Signore.

Siamo arrivati al delirio? La vocazione rende consapevoli di una scelta che precede l'ordinazione non è determinata dall'ordinazione, che conferisce il "carattere" abilita a celebrare e ad assolvere in persona Christi e ad esercitare il triplice munus (docendi regendi e sanctificandi)

Per questo il Vescovo Brislin parla di candidati di cui non presupporre la fede.

Non so cosa possa intendere questo vescovo, ma se non è la fede in Cristo a spingere a diventare Sacerdote di cristo, cos'è?

Oggi invece si pensa che uno va in seminario perchè la sua fede è matura, insomma il seminario sarebbe per i santi o per chi ha una fede superiore agli altri fedeli.

Questa è una cavolata immane! Quando mai la fede è 'matura'? Certo la fede si irrobustisce strada facendo e alla fine del seminario sarà di certo più robusta e collaudata, ma chi l'ha detto che "il seminario è per i santi"?

Intanto santo non significa "perfetto", ma "messo da parte" per il Signore... e, poi non è questione di "fede superiore" o meno: è questione di chiamata particolare. Riesce a vedere la differenza?

Entrare in un seminario per poi eventualmente uscirne se ci si rende conto che quella non è la nostra strada, non è una vergogna o un fallimento.

Questo è sempre stato valido per tutti i seminari di tutti i tempo della bimillenaria tradizione della Chiesa

Pensare il contrario ci ha portato allo svuotamento dei seminari, o con il rimpiazzare i seminaristi con coloro che non avevano altro modo farsi accettare per quello che sono in una società che li respinge

Luoghi comuni e pregiudizi. Cose che potevano accadere nei secoli passati e non impedivano comunque che ci fossero dei santi sacerdoti. Preti buoni e cattivi ci sono sempre stati, perché il prete è un uomo e ha i suoi limiti; ma ha anche la grazia di stato che diventa operante se l'asseconda!

E fare il predicozzo sui bambini di 10 anni che si alzano fa davvero sorridere DG, perchè nel secolo scorso i bambini entravano in seminario in tenera età.

Nel secolo scorso i bambini entravano in seminario anche per ricevere l'istruzione e non tutti continuavano fino all'ordinazione...

Oggi questo non avviene, neppure nei Redemptoris Mater. Ti puoi alzare anche 50 volte da 10 anni in su, ma prima ti fanno comunque finire le scuole, anche le superiori.

"Alzarsi" a 10 anni non ha senso, è solo suggestione psicologica per come avvengono le alzate pilotate da kiko e non solo per i decenni!
Piuttosto, quanti bimbi sono 'destinati' dai catechisti fin da prima della nascita a diventare "sacerdoti di kiko" è l'imbonimento (loro e dei genitori) comincia già in comunità?

DG ha detto...

caro anonimo
sui bambini che andavano in seminario a 10 anni nel secolo scorso non ti rispondo neppure
Invece per quelli che si alzano a 10 anni per correre da kiko sinceramente la trovo una distorsione mostruosa della fede, ma non della la loro,visto la loro tenera età e la purezza del cuore propria di ogni bambino,ma dei genitori che li lasciano fare e che magari tornano orgogliosi in comunità vantandosi delle 'alzate dei loro pargoletti'

Forse dovrebbero pensare a fargli fare la 1a Comunione e la Cresima insieme ai ragazzini della parrocchia e lasciarli vivere con l'entusiasmo dovuto alla loro età e insieme a ragazzi della loro età.

Forse qualche campo con i ragazzi della parrocchia gli farebbe bene.

Credo che "piccoli mostri nella fede" (mi si conceda perchè ho ragazzi anch'io) non c'entrano nulla in questo, sono le patologie dei genitori che vanno curate.

Per quanto riguarda all'entrare in seminario senza Fede e quindi senza sentire la chiamata di Dio ti hanno risposto ampiamente.

@sebastian.....carina la barzelletta :D

Luisa ha detto...


""Inoltre la caratteristica principale dei Redemptoris Mater - e in questo è stata profetica l'intuizione dell’iniziatore Kiko Arguello – è di non presupporre la fede nei candidati al sacerdozio"

Che un vescovo possa qualificare di "profetica intuizione" l`immane corbelleria di Kiko Arguello è talmente sconcertante che preferisco credere che sia una cattiva riproduzione delle sue parole, mic e Gv hanno già detto che cosa ci suscitano quelle parole...se fossero vere.

La verità vi farà liberi. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...


"Inoltre la caratteristica principale dei Redemptoris Mater - e in questo è stata profetica l'intuizione dell’iniziatore Kiko Arguello – è di non presupporre la fede nei candidati al sacerdozio in quanto non sempre le famiglie di provenienza hanno potuto trasmettere la genuinità della fede. Quindi il metodo principale formativo è un’iniziazione cristiana dei candidati che va di pari passo a quella filosofico- teologica."


Probabilmente sua eccellenza reverendissima mons.Brislin ha voluto dire che Kiko Arguello ha avuto l`intuizione profetica per il suo cammino che era preferibile che i candidati al sacerdozio formati nei suoi seminari non avessero una fede nata e cresciuta in famiglie cattoliche ma, o una fede trasmessa da famiglie neocatecumenali o non ne avessero alcuna, in modo da poterli formare e forgiare secondo la sua visione, teologica e filosofica, e con i suoi metodi.
P.

by Tripudio ha detto...

Kiko e Carmen hanno sempre avuto le idee poco chiare sul significato di "vocazione" e di "vita consacrata".

La cosa non ci fa meraviglia, visto che Kiko è sempre stato laico, mentre la Carmen si fece cacciar via dalle Misioneras de Cristo Jesùs perché anziché ubbidire alla superiora andava facendo la missionaria in città per conto suo.

Anche don Pezzi si fece cacciar via dall'ordine religioso cui apparteneva grazie a vent'anni di totale disubbidienza (pensate un po' a uno degli ordini più "rilassati" in assoluto che alla fine non ne può più).

Non oso immaginare a che "prezzo" sia stata ottenuta la creazione di seminari kikiani-carmeniani, con la firma del card. Poletti poche settimane prima che andasse in "pensione" e mesi prima che terminasse il brevissimo triennio di "experimentum".

Per questo non ci meravigliano tutte le stranezze che vengono a galla dai seminari kikiani-carmeniani, dai sortilegi alla guerra contro i vescovi, dalle stranezze economiche e gestionali alle bizzarrie delle "chiamate con imposizione di mani", eccetera, fino alle ridicole ciancerie secondo cui nessun "prete RM" avrebbe mai abbandonato il sacerdozio (sì, i cosiddetti "catechisti" vanno raccontando anche questa balla: qualsiasi menzogna è utile per far credere che il Cammino sia più perfetto dello Spirito Santo).

Anonimo ha detto...

Almeno sappiamo di cosa trattava il questionario della convivenza di inizio corso..in attesa che qualche fratello di buona volontà pubblichi tutto il malloppo ;) http://www.parrocchiando.it/forum/topic905.html

Lino ha detto...

@ P.
Il concetto, espresso compiutamente nell'intervista, è questo:
"Inoltre la caratteristica principale dei Redemptoris Mater - e in questo è stata profetica l'intuizione dell’iniziatore Kiko Arguello – è di non presupporre la fede nei candidati al sacerdozio in quanto non sempre le famiglie di provenienza hanno potuto trasmettere la genuinità della fede. Quindi il metodo principale formativo è un’iniziazione cristiana dei candidati che va di pari passo a quella filosofico- teologica.
Questa modalità di iniziazione è fondamentalmente quella portata avanti dall’itinerario Neocatecumenale in piccole comunità, in cui si vive la presenza reale di Cristo attraverso la parola, i sacramenti dell'eucaristia e della penitenza e l'amore all'altro...".

La posizione dell'Arcivescovo ha una sola lettura possibile: il metodo formativo dei seminaristi sarà fondamentalmente uguale all'iniziazione kikiana. Quindi il passo "non presupporre la fede nei candidati al sacerdozio in quanto non sempre le famiglie di provenienza hanno potuto trasmettere la genuinità della fede" va letto come: "i candidati al sacerdozio potranno anche essere 'lontani', come nel Cammino".

Questa "modalità formativa" di iniziazione in piccoli gruppi, che va a pari passo con quella filosofico-teologica, anche sarà presumibilmente a gradi, come nel Cammino.
Il testo è chiarissimo, così come lo è il linguaggio.

Ruben02 ha detto...

@La verità vi farà liberi.

"Penso che siamo arrivati al punto che ci sia solo da augurarsi che qualche magistrato decida di indagare sul Cammino.... tra fisco, circonvenzione di incapace, plagio ed altro il da fare lo trova!"
----

Salvo restando il fisco,
a parte il reato di plagio,che è stato abrogato;la circonvenzione di incapace e l'abuso di credulità popolare e la truffa, sono tutti reati a querela,quindi chi ha interesse dovrebbe parlare e denunciare.

Una soluzione però ci sarebbe:

Premesso che la segnalazione anonima non è di per se reato,
potrebbe costituire "notitia criminis", quanto in essa scritto e circostanziato ed a questo punto, scatterebbe l'azione penale obbligatoria da parte del Giudice.
Soluzione questa,consona a chi,(ed è la maggioranza assoluta dei CN) purtroppo non ha,giustamente il coraggio di esporsi.

L'eventuale segnalazione,andrebbe inviata alla Procura della Repubblica, competente per il territorio dove si sono svolti o si svolgono i fatti.



La verità vi farà liberi. ha detto...

" La chiamata al sacerdozio non avviene all'inizio del seminario, ma alla fine dello stesso, nel momento in cui è il Vescovo che impone le mani. Lì c'è la Chiamata del Signore."

Altra eresia neocatecumenale: uno in seminario ci va per farsi una vacanza di qualche anno e poi decide? Certo, anche questo fa il paio con i bambini di 10 anni che si alzano per andare da Kiko...

Penso che siamo arrivati al punto che ci sia solo da augurarsi che qualche magistrato decida di indagare sul Cammino.... tra fisco, circonvenzione di incapace, plagio ed altro il da fare lo trova!

DG ha detto...

certo lino
non per altro i seminaristi kikiani i primi anni del seminario lo passano in 'itineranza' e cioè al servizio dell'evangelizzazione kikiana sempre supportati da famiglie in missione o presso città o paesi dove già esistono comunità NC.
Il seminario questi ragazzi lo vedranno molto tempo dopo.

Va da sé che la comunità NC non viene lasciata, infatti gli studi vanno di pari passo con il cammino in comunità.

La maggior parte di seminaristi R.M. provengono da famiglie neocatecumenali quindi, per logica, non dovrebbero provenire da "famiglie che non hanno trasmesso la Fede"

A meno che Mons.Brislin non intendesse proprio questa condizione quando ha detto:
"... non sempre le famiglie di provenienza hanno potuto trasmettere la genuinità della fede."

Poi c'è un altro grave problema di sacerdoti R.M.: la solitudine.

Non è da sottovalutare perche i seminaristi R.M. sono abituati a stare in comunità, quindi incontrare i fratelli 2 o 3 volte a settimana, (piu' quando ci sono gli scrutini) a partecipare alle convivenze una volta al mese e alle convivenze per 3 gg nel caso di inizio corso

In piu' vivono nei seminari R.M. Kikiani che hanno un differente modo di preparare i ragazzi alla vita sacerdotale.

Quando questi ragazzi finalmente sacerdoti saranno, per almeno 5 anni, a disposizione della diocesi di appartenenza del seminario, si troveranno immersi in un mondo totalmente differente (liturgie comprese) da quello del seminario R.M.
Posso testimoniare che in quel momento non pochi sacerdoti hanno delle difficoltà psicologiche ad accettare questo servizio diocesano.

L'aspirazione di molti sacerdoti R.M è partire in missione per formare comunità NC o per seguire come sacerdote comunità NC. Il cerchio quindi si chiude.

Credo che chi non ha frequentato il CNC e seguito cosi' l'evoluzione di molti ragazzi nati e cresciuti in comunità, non puo nemmeno lontanamente immaginare quanto sia forte la pressione psicologica del CNC.

DG ha detto...

per l'anonimo del questionario:

Io purtroppo l'ho strappato, ma sinceramente non credo che mi sarebbe venuto in mente di ricopiarlo qui.

Comunque 2 erano le domande erano piu' o meno come le spiega il ragazzo del link che hai indicato tu.
Il rif. per la scrutatio:
2Cor 6,2: Egli dice infatti:
Al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso.
Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!
(non mi vorrei sbagliare..)

Le domande erano piuttosto formulate male e di difficile comprensione.
Pero' erano basate sui
-frutti del cammino (nella tua vita)
- preparazione spirituale alla morte -il cammino ti ha aiutato in questo -
- hai visto realizzarsi nella vita di comunità questa preparazione all'incontro con Dio attraverso un fratello che ha raggiunto la casa del Padre.
- come ti stai preparando a questo incontro.
- cosa pensi delle missioni (questo era poco chiaro perchè almeno nel mio gruppo non avevamo ben capito cosa si volesse intendere come missione)

I malloppo...non so cosa intendi.

Le catechesi importanti,quelle riportate dal Sacerdote della comunità (quelle del Sabato) sono esattamene quelle di cui mic ha dato il link. Tali e quali.

Le altre sono state:
la preparazione dei fratelli di comunità alla morte con esperienza di Kiko che ha avuto un suo caro fratello che è morto poco tempo fa.
Segue Canto tristissimo 'se siete risorti in Cristo'
Le missioni nuove,tra cui quelle delle ragazze in cina, i nuovi seminari

by Tripudio ha detto...

I neocatecumenali come al solito giocano con le parole per farle assumere i significati che fanno comodo ai soliti idoli Kiko e Carmen.

Una volta col termine "vocazione" si parlava solo di quella al sacerdozio (e si distingueva tra "sacra vocazione", cioè il fatto che uno si sentiva chiamato al sacerdozio, e "vocazione ecclesiastica", cioè il fatto che uno veniva effettivamente ordinato sacerdote dalla Chiesa); oggi invece viene utilizzata in modo più generale: si parla della "vocazione alla vita cristiana", di "vocazione alla vita consacrata", si parla di "vocazione alla vita matrimoniale", eccetera.

Ma nonostante questo, nella vulgata pastorale attuale, si dice che si può parlare in senso pieno di "vocazione al sacerdozio" solo al momento dell'ordinazione sacerdotale, cioè solo quando confermata nei fatti dalla Chiesa.

Ora, a nessun neocatecumenale è venuto in mente che il vescovo che riconosce (o meglio: "conteggia") le "vocazioni" del Cammino, lo fa perché non si fida dei giganteschi numeroni sciorinati da Kiko.

Si fa presto nelle autocelebrative cerimonie kikiane a dire "trecento vocazioni, mille vocazioni, novemiladuecento vocazioni"... e poi i seminari RM invece di esplodere, restano più o meno sempre gli stessi. Logico dunque che un vescovo, "imponendo" le mani a qualche cerimonia neocat, intenda magari conteggiare più accuratamente...

E quanto alle dilettanti allo sbaraglio lanciate a due a due nelle pericolosissime terre di missione (magari infischiandosene del parere degli ordinari del luogo riconosciuti dalla Santa Sede, anzi, probabilmente a loro insaputa)... chi potrà mai verificare che quelle vocazioni si sono realizzate secondo la Chiesa?

Malaparte ha detto...

"Piuttosto, quanti bimbi sono 'destinati' dai catechisti fin da prima della nascita a diventare "sacerdoti di kiko" è l'imbonimento (loro e dei genitori) comincia già in comunità?"

Voglio raccontare un aneddoto che mi ha sempre fatto ridere:a un ragazzo che conosco, figlio di una famiglia itinerante, Kiko predisse che sarebbe diventato un sacerdote.
Il ragazzo, chissà con quali pressioni psicologiche alle spalle, si alzò e si fece un periodo di seminario. Poi si è sposato (ovviamente con una Figlia d'Israele) e ha diversi figli.

Questo episodio dimostra come le doti profetiche siano quantomeno disponibili e soprattutto quale sia il clima psicologico in certi ambienti.

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo del questionario e per DG: Perchè riportare fuori cose che solo in un contesto possono essere assimilate e comprese...eppure credo Kiko sia stato molto chiaro sul riportare al di fuori catechesi e contenuti delle convivenze...fate un danno ai fratelli piccoli che desiderano partecipare alla convivenza con un orecchio aperto e disponibile! State sbagliando a comportarvi così, togliete ai fratelli la gioia dello scoprire cosa il Signore dirà alla loro vita! Pino

l'apostata ha detto...

Una sola domanda a proposito delle ragazze per la Cina: ma ai vescovi cinesi fedeli al Papa qualcuno si è preso il disturbo di chiedere se erano d'accordo?

Lino ha detto...

@ Pino
Scusami, Pino: perché hai scritto che "solo in un contesto possono essere assimilate e comprese"? E perché i "fratelli piccoli" dovrebbero riceverne un danno? A me non pare che le domande siano chissà di quale levatura e nemmeno sembra che, prima di ascoltare qualsiasi altra catechesi cattolica, sia proibito leggerne una dei Padri della Chiesa.
Fammi capire perché credi che la pubblicazione di quelle domande sia dannosa, sono curioso.

Sebastian ha detto...

Io il malloppo (mamotreto) della convivenza di inizio corso ce l'ho...

by Tripudio ha detto...

Naturalmente nessun cosiddetto "catechista" neocatecumenale oserà mai ammettere che Kiko si è sbagliato nel profetare quella futura vocazione. Altrimenti, ancor prima che glielo dica qualcuno, comincerà a pensare che Kiko può essersi sbagliato anche su altre cose, per esempio liturgiche e dottrinali...

Quanto ai "seminari diocesani missionari" neocatecumenali, il trucco sta nel fatto che un presbitero RM fa qualche anno in diocesi aper farsi registrare nel Sostentamento Clero (cioè per prendere lo "stipendio" che la Conferenza Episcopale versa ai sacerdoti diocesani) e per dare una parvenza di "diocesanità". Dopodiché prende il volo, a servizio esclusivo del Cammino.

Questo "pagare il biglietto" alla "diocesanità" è una caratteristica unica del Cammino che altri preti (focolarini, rinnovamentini, ecc.) non hanno.

DG ha detto...

caro Pino
ci ho pensato parecchio prima di scrivere le domande (cioè come me le ricordo io) relative al questionario .
il fatto di 'non averlo conservato' rivela la mia buonafede.
Pero' per troppo tempo abbiamo pensato (io per primo) che chissà che rivelazione poteva passare atraverso un questionario risposto in gruppo.
Ahimè alcuna rivelazione passa attraverso le domande e le risposte dei questionari
Infatti per aprire il cuore all' Amore di Dio ci vuole ben altro.

Non so da quanti anni segui il cammino ma diamo per scontato che sono parecchi e quindi ti invito a riflettere sui "questionari dati negli ultimi anni.
Quante domande sono rivolte alla nostra anima e alla nostra fede? Nessuna.
Quante domande sono invece referite al cammino neocatecumenale, alla comunità, alle catechesi NC?
Tutte
E' proprio queto sentimento di autocelebrazione che trovo eccessivo nel cammino.

Per ritornare al questionario, alle catechesi e agli incontri ti rimando a ben altri Blog e forum tenuti da NC che hanno pubblicato quello di cui stiamo parlando.
Quindi non c'è un pericolo di 'rivelazione' su questo blog.
Tutto è già stato rivelato...
Eppure Kiko (anche nell'ultima convivenza) è stato chiaro...quindi penso che molti NC sono un po ribelli alle indicazioni di KIKO sull'uso di internet, specialmente dopo le ultime parole del Papa sui "nuovi mezzi di evangelizzazione".

E poi perchè ti rivolgi ai "fratelli" neocateumenali chiamandoli "piccoli" ?
Forse li ritieni piccoli nella fede o nell'età o di cammino oppure semplicemente di raziocinio?

Tu dici:
"..solo in un contesto (neocatecumenale, aggiungo io)possono essere assimilate e comprese...eppure credo Kiko sia stato molto chiaro sul riportare al di fuori catechesi e contenuti delle convivenze"

Certamente che Kiko è stato chiaro!
Sono decenni che lo dice ed è proprio per la teoria strana dell'ARCANO che molti fratelli NC cominciano a dubitare.
Sono appunto tutte quelle catechesi imparate a memoria e ripetute fino allo sfinimento e tutte le frasi, i gesti, i movimenti, le intonazioni di voce, che trovi dappertutto e in qualsiasi comunità si vada, che cominciano a lasciare perplessi molti fratelli NC
Ma ahimè la condizione che vivono molte persone in comunità non si puo' risolvere con un "KIKO LO HA DETTO, KIKO LO VUOLE"
Ci sono vite e anime in gioco e non numeri...
Questo è quello che penso, puo' essere sbagliato certo ma almeno ORA lo posso dire (almeno qui) e non debbo TACERE perchè è cosi' che si usa in cammino.
Abbassa la testa e taci..continua a camminare...poi avrai le risposte.
E queste risposte non arrivano ma arriva ancora una volta un altro questionario che non c'entra nulla co la realtà che i fratelli vivono.

Grazie comunque dello spunto di discussione

Anonimo ha detto...

mai sentita questa cosa delle ragazze due a due in Cina! qualcuno mi può dire chi l'ha detta e quando? ;)

La verità vi farà liberi. ha detto...

" Per l'anonimo del questionario e per DG: Perchè riportare fuori cose che solo in un contesto possono essere assimilate e comprese...eppure credo Kiko sia stato molto chiaro sul riportare al di fuori catechesi e contenuti delle convivenze...fate un danno ai fratelli piccoli che desiderano partecipare alla convivenza con un orecchio aperto e disponibile! State sbagliando a comportarvi così, togliete ai fratelli la gioia dello scoprire cosa il Signore dirà alla loro vita! Pino"

Ma Kiko non è DIO, perlomeno per gli esseri pensanti e razionali che stanno fuori (qualcuno anche dentro) il CN.

Per questo, di grazia, potresti spiegarmi perché sarebbe sbagliato parlare e rivelare prima queste cose? Forse perché chi le ascolta potrebbe non essere ancora sufficientemente condizionato da accettarle passivamente?
Ti risulta forse che le Sacre Scritture vengano rivelate "a puntate" dalla Chiesa? Oppure che ci sia qualche movimento /ordine che tiene segreto il proprio statuto?
Riesci a comprendere che venite tenuti in una "ignoranza bovina" solo al fine di completare meglio il progetto di "totale condizionamento mentale" che è alla base della setta Per l'anonimo del questionario e per DG: Perchè riportare fuori cose che solo in un contesto possono essere assimilate e comprese...eppure credo Kiko sia stato molto chiaro sul riportare al di fuori catechesi e contenuti delle convivenze...fate un danno ai fratelli piccoli che desiderano partecipare alla convivenza con un orecchio aperto e disponibile! State sbagliando a comportarvi così, togliete ai fratelli la gioia dello scoprire cosa il Signore dirà alla loro vita! Pino Neocatecumenale?

Attendo fiducioso una risposta, razionale: non sono accettati dogmi di fede Kikiana.

Anonimo ha detto...

Carissimi, la mia è stata in fondo una provocazione, lo ammetto, forse perchè io stesso non accetto più determinati comportamenti che io stesso ho avuto nel cammino..la cosa che mi ha sorpreso è che io stesso avrei risposto come mi avete risposto voi, e questo mi scioglie a poco a poco i dubbi che mi porto dentro da un pò di tempo a questa parte, questo per me vuol dire tanto, vuol dire che non sono l'unico a pensare in un certo modo..vi chiedo scusa, ma nello stesso tempo vi ringrazio, soprattutto DG che mi ha scritto una cosa che condivido in pieno, è vero che "Sono appunto tutte quelle catechesi imparate a memoria e ripetute fino allo sfinimento e tutte le frasi, i gesti, i movimenti, le intonazioni di voce, che trovi dappertutto e in qualsiasi comunità si vada, che cominciano a lasciare perplessi molti fratelli NC"
ed è vero anche quello che scrivi sul questionario della convivenza "Quante domande sono rivolte alla nostra anima e alla nostra fede? Nessuna.
Quante domande sono invece referite al cammino neocatecumenale, alla comunità, alle catechesi NC?
Tutte
In molte cose che ho letto qui specialmente da DG ho trovato un riscontro..come per dire..è vero quello che leggo qui! Mi dispiace aver lanciato questa provocazione, ma era l'unico modo per capire se sono o no l'unico a pensarla diversamente ..grazie

Anonimo ha detto...

ho dimenticato di firmarmi sono Pino, grazie

Anonimo ha detto...

Per Pino. Anche questo "fratello" ha delle crisi di coscenza. Ma tutti voi li trovate. Non ricordo piu' quanti attori avete reclutato in questi ultimi tempi. Alcuni episodi mi hanno fatto ridere (vedi fotografo al matrimoni, e mamma bambina preoccupate, o briciole sulla moquettes etc..).
Sulle catechesi ripetute a memoria, non ho nulla da commentare, perche' se uno, anche poco intelligente, non capisce che le cose si ripetono perche' le persone che ascoltano vivono situazioni deverse nel corso della loro vita. Quindi una parola oggi non mi dice niente, ma domani mi serve.

Anonimo ha detto...

No pino non sei l'unico a pensarla diversamente.
Ecco un altro ingresso trionfale tra gli osservatori, pacche sulla spalla e lacrime di sentita commozione.
Scommetto che anche il buon pino tra qualche giorno iniziera a snocciolare le sevizie inflittegli dagli aguzini.
Amen ma tutti i senza spina dorsale capitano da queste parti? o avete un'agenzia che li trova.
Di graxia e quanti anni ci ha impiegato pino a capire della pericolosità del cammino ?????
Ovvio non sono sprovveduto a pensare che pubblicate:-) il buon pino potrebbe ripensarci

mic ha detto...

Ma tutti voi li trovate. Non ricordo piu' quanti attori avete reclutato in questi ultimi tempi. Alcuni episodi mi hanno fatto ridere

Chi ha scritto sa se reclutiamo attori o se, invece, ospitiamo testimonianze libere.

Tu, continua pure a ridere, alla faccia della sofferenza di tanti fratelli!

l'apostata ha detto...

all'anonimo delle 11,07
Restando sull'argomento in discussione, saresti così coraggioso, anche da anonimo, da dirci cosa ne pensi dell'invio delle ragazze in Cina?
Saresti così coraggioso da dirci cosa ne pensi del fatto che i vescovi cinesi fedeli al Papa non sono stati nemmeno interpellati?
p.s. complimenti per quanto scrivi sui fratelli che hanno sofferto nel cosiddetto cammino, si vede che hai davvero fatto tuoi gli insegnamenti evangelici del genere "amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi, misericordia chiedo e non sacrificio, perdona settanta volte sette, amate i vostri nemici, dare la vita per gli altri" eccetera. Soprattutto però mi pare che quello che hai meglio metabolizzato sia l'insegnamento kikarmeniano: un fratello è in difficoltà? Lascialo cuocere nel suo brodo!

DG ha detto...

caro anonimo delle 10:07

non disprezzare il prossimo e non gettare fango sulla sofferenza degli altri!
Anche se questi "altri" sono usciti (o in dubbio se uscire) dal "cammino neocatecumenale"

Vedi caro anonimo, che nemmeno un nick ti metti perchè sei pigro e avaro nel donarti agli altri fosse solo attraverso un nome fittizio, al contrario di te io mi affido a Dio e penso che se tu, come tanti altri NC, troviate che il cammino vi fa bene o "illumini la vostra vita o la cambi in meglio", dovete continuarlo.

Non credo che il mio scopo o di quelli che scrivono qui exNC, o neocatecumenali in dubbio (non in crisi, perchè questa parola è ABUSATA nel CN), lo facciano per allontanare chicchesia dal Cammino NC ma solamente per dare testimonianza.

TESTIMONIANZA che NON si da solamente nelle 'risonanze' o nei 'giri di esperienze' ma anche nella propria vita e anche nella LIBERTA' di parlare con CHIUNQUE; iL PROSSIMO, appunto.

Ecco l'aggressività che trapela nelle parole che usi verso le persone che scivono qui:

"... ma tutti i senza spina dorsale capitano da queste parti? o avete un'agenzia che li trova."

queste tue parole su di me lasciano il tempo che trovano, e sai perchè?
Perchè sono abituato. E si, sono ABITUATO al disprezzo per gli altri che è un modo codardo tutto neocatecumenale, semplice ma efficace in tanti casi, di allontanare qualcuno dalla comunità e farlo passare agli occhi degli altri "fratelli" NC come un vigliacco, un timoroso un ...senza spina dorsale"!

Ma ti assicuro che ne ho visti tanti di fratelli e sorelle uscire dal cammino e per quello che hanno dovuto affrontare (solitudine, isolamento, attacchi personali e familiari, anatemi, ricostruzione personale e familiare) mi è sembrato che questa "benedetta spina dorsale" ce l'abbiamo avuta eccome!

Al contrario di chi per indolenza, paura, abitudine, mancanza di coraggio, continua a "camminare" (senza sapere perchè e dove sta andando) solo per la paura di cambiare e di ritrovarsi solo "nel mondo"

C'è molta gente che ci crede nel cammino NC e buon per loro, ma c'è anche molta gente, e parlo specialmente di quelli avanti nel cammino, che non ce la fanno a scegliere di uscirne.

Prendi una persona di 60 anni che per 30 è stata in cammino, che magari insieme a sua moglie o suo marito, hanno tanti bambini e che i bambini sono cresciuti nel cammino.
Ti domando allora con che CORAGGIO possono dire ai loro figli "OK ho sbagliato ora tutti fuori e si comincia ad andare a Messa la DOmenica in Chiesa" ? E infatti ce ne vuole e tanto di coraggio per iniziare un a nuova strada e restare nelle braccia di Madre Chiesa!

Ma sai che ho notato che i figli dei camminanti anziani, ragazzi cresciuti in cammino, una volta che vanno in Chiesa non sanno cosa fare e come comportarsi?
Anche l'accendere un cero, una candela la trovano una cosa da riderci su', perchè non ne capiscono il senso.
Statue, dicono davanti alla Madonna o al Santo patrono di quella Chiesa.
Pupazzi di coccio dicono.
Ma li poi c'è gente che prega in ginocchio davanti a quei "pupazzi di coccio" e ti sei mai chiesto il perchè, se lo sono mai chiesto questi ragazzi?
Da li la spavalderia propria dei giovani NC di sentirsi migliori rispetto ai loro coetanei.

E' beh certo la Messa in Chiesa è noiosa, non si partecipa cantando tutti insieme a squarciagola o ballando alla fine. NOn si sta in "compagnia", non è una festa(!)
POchezza delle loro anime!

E poi, ora se hai il coraggio o la "spina dorsale" di uscire per un attimo fuori dagli schemi NC, lascia stare Pino che è in un momento di dubbio.
Non sarai tu con il tuo disprezzo e tacciandolo da 'attore' o da 'recluta', che lo riporterai a credere a quello che ha fato fino ad ora.
E non saro' certo io a convincerlo di uscire dal cammino.
QUindi lascia fare a Dio e non AVERE PAURA

l'AGGRESSIVITA' in fondo da questo viene: dalla PAURA

Anonimo ha detto...

li hai sentiti con le tue orecchie dire " statue o pupi di coccio ?"
devi rispondere con quel coraggio che vanti a baluardo caro dg,
ti hanno detto che non sanno accendere una candela senza ridere?, lo hanno detto personalmente a te, oppure "hai sentito dire".
comunque dacci un poco di tempo, tu sei stato violento, codardo, vigliacco, falso, aggressivo, non hai partecipato a una messa normale, hai criticato chi è uscito, li hai fatto cuocere nel suo brodo...ecc per venticinque anni, a noi poveri decerebrati dacci un poco di tempo in più.

per l'apostata, dato che avete le tracce della convivenza di quest'anno, (sebastian) potreste dirmi dove si parla di questo invio delle ragazze due a due in cina?.
per quanto riguarda l'ottima catechesi sull'amore fraterno, potrei citarti il detto " medico cura te stesso " ma se non ci sei riuscito dentro il cammino devi essere un caso patologico.

Anonimo ha detto...

Senza spina dorsale è chi non vuole mettersi in discussione.

È più facile restar convinti delle proprie opinioni che mettersi in discussione e cambiare strada. Sono i serpenti che strisciano.

Ci vuole spina dorsale e ci vogliono le palle per ammettere di essere stati fregati. È più facile illudersi che siano gli altri a sbagliare.


Gv

Ruben02 ha detto...

@DG

"Ecco l'aggressività che trapela nelle parole che usi verso le persone che scivono qui:

"... ma tutti i senza spina dorsale capitano da queste parti? o avete un'agenzia che li trova."

queste tue parole su di me lasciano il tempo che trovano, e sai perchè?
Perchè sono abituato. E si, sono ABITUATO al disprezzo per gli altri che è un modo codardo tutto neocatecumenale, semplice ma efficace in tanti casi, di allontanare qualcuno dalla comunità e farlo passare agli occhi degli altri "fratelli" NC come un vigliacco, un timoroso un ...senza spina dorsale"!"
----


Non dimentichiamo mai che il Cammino è "figlio" della spagna e del franchismo ed i regimi autoritari,tutti,si basano proprio sulla codardia e la viltà del più forte sul più debole.
Altro che rinnovamento post-Conciliare,dietro il quale abilmente si mascherano!

Anonimo ha detto...

X anonimo dell 10:07
"...tra qualche giorno iniziera a snocciolare le sevizie inflittegli dagli aguzini."

E probabilmente tu ora gli hai dato il colpo di grazia.
Complimenti!

Ora apri la tua Bibbia di Gerusalemme e scrutati Mc 42,9.
Ma sicuramente non lo farai perchè non te lo hanno ordinato i tuoi catechisti.

Antonio

l'apostata ha detto...

per anonimo
Bravo!!! Come al solito strilli e non rispondi a niente. Hai proprio il terrore di dimostrare che hai almeno l'ombra di un pensiero autonomo. Capolavoro quando dici "per quanto riguarda l'ottima catechesi sull'amore fraterno, potrei citarti il detto " medico cura te stesso " ma se non ci sei riuscito dentro il cammino devi essere un caso patologico." Tipico sistema catechistese, rispondere con citazioni a vanvera quando ci si trova di fronte a precise domande, aggiungendo insulti. Anche in questo caso di
cosa ne pensi TU zero assoluto.
Piuttosto, visto che pretendi da chi scrive su questo blog la prova di ogni affermazione, sii coerente e provaci che la tua comunità, la TUA soltanto capisci bene, obbedisce al Papa, alle norme liturgiche e al vostro stesso statuto, in tema di Eucaristia, della purificazione, rispetto dei libri liturgici, arredi sacri, risonanze eccetera. Dacci anche la prova, visto che le chiedi a noi per ogni cosa, che non sei eretico e che Kiko sbaglia gravemente quando nega il libero arbitrio affermando che "l'uomo è schiavo del demonio e non puo' non fare il male". A mia volta ti fornisco la prova che Kiko ha detto ciò veramente: la frase la trovi pari pari sul sito ufficiale del cammino.
Adesso a te, facci vedere che da bravo camminante di lungo corso adulto nella fede non hai paura della verità, se dici che nella tua comunità rispettate in tutto e per tutto la volontà del Papa e le norme della Chiesa e che l'affermazione kikiana è sbagliata ed in totale contrasto con la fede cattolica, chiudi la bocca a tutti.
p.s. guarda che la risposta deve contenere quello che pensi tu, non quello che i tuoi catechisti ti autorizzano a pensare...

Anonimo ha detto...

errata corrige

Chiaramente il versetto è Mc 9,42!

Antonio

Lino ha detto...

Anonimo ha detto: "... ma tutti i senza spina dorsale capitano da queste parti? o avete un'agenzia che li trova."

E allora nessuno di voi è stato un "lontano", questa è un'altra buffonata del vostro iniziatore che ripetete come vecchi dischi incantati. Perché - come dice Gv - "ci vogliono le palle per ammettere di essere stati fregati".
Il primo che mi ciancia di atei comunisti convertiti dal Cammino si becca un "erano 'lontani' senza spina dorsale".
Voi non sapete cosa significa mettersi in discussione, ammettere di essersi sbagliati, di essere stati imbrogliati per venti o trent'anni. Voi i 'lontani' li avete visti col cannocchiale.

DG ha detto...

scusa acerrimo anonimo perchè mi domandi se li ho sentiti o se li ho visti.
Certo che li ho visti e li ho sentiti dire quello che ho scirtto e li ho pure cazziati peerchè l amia età e la mia Fede mi impone anch edi fare questo! (mi si scusasse la "gentilezza" della parola da me usata)
Vuoi forse dire che i devoti di Padre Pio non vengono banalizzati nel cammino?

Scusa non capisco perchè mi chiedi di darti un po' piu' di tempo. Cosa vuole dire? Il tuo pensiero è confuso.

Per i "mamotreti" delle convivenze perchè li domandi qui? Hai paura di cosa? Se sei andato alle ultime catechesi avrai sentito parlare ANCHE di questo. Se comunque vuoi saperne di piu' vai a cercarli o te li fai dare dai catechisti o dai responsabili
Perchè li vieni a cercare qui? Forse perchè sei nell'impossibilià di leggerli?
Per le ragazze in cina, se non ne vuoi parlare non lo fare.
Ti ricordo pero' che non è cosa dell'ultima convivenza di riporto, anche se si parlava di "missione" (senza specificare quali e cosa, visto che ce ne sono tante nel "camino nC")
Informati magari da qualche parte o vai su FB e parlane con chi ha creato un profilo per le "ragazze che partiranno in cina" (e magari informa chi di dovere).
Da me non saprai nulla di piu' di quanto IO non voglia dire.

Per le tue parole:
"..l'ottima catechesi sull'amore fraterno, potrei citarti il detto " medico cura te stesso " ma se non ci sei riuscito dentro il cammino devi essere un caso patologico."
Ecco fratello (gergo comunitario docet) ti sei risposto da solo ma se proprio vuoi posso girare la tua frase a chi ha abbandanato i fratelli usciti e non si è mai piu' fatto sentire nemmeno con una telefonata.
Rallegrati frate' quest'ultima frase non contempla il mio caso...perchè sono anche un rompiscatole e uno che le cose non le manda certo a dire. :D

E poi basta con gli attacchi personali!
Che noia, che ripetizione! Sembrano proprio i mamotreti del bravo NC incavolato con i "fuoriusciti"..ma non sapete dire null'altro voi anonimi?

Rispondimi invece cosa ne pensi degli invii delle ragazze in cina e di tutto quello che concerne le modalità delle partenze, i tempi (diluzione delle partenze),il fine ultimo di queste partenze, dove andranno,? Da chi? Per fare cosa? Lo sanno i vescovi? Lo sa la Chiesa del Partito? Cosa succederà una volta arrivate li'? Visto che di famiglie in missisone ce ne sono parecchie di meno del numero delle ragazze che partiranno da chi saranno ospitate?
Se non sai nulla allora....non lo dire, ma almeno non lo domandare

Nulla ti è dovuto solo per il fatto che dici di essere un Neocatecumenale!
Almeno qui la tesssera NC non vale nulla.

Anonimo ha detto...

@Lino

Dipende cosa si intende per lontani.


Lontani dalla Chiesa cattolica?


Allora forse alcuni di loro li hanno visti e li conoscono molto bene questi lontani.



Gv

by Tripudio ha detto...

In verità le risate vengono a leggere le "testimonianze" (tutte uguali) dei fratelli che intervengono qui per difendere il Cammino.

Comunque è molto interessante la testimonianza sul forum Parrocchiando segnalata qui sopra, perché -nella sua ingenuità- ripete a menadito tutto il meccanismo mentale dei neocatecumenali:

- confusione forzosa tra "esperienza" personale e Bibbia (per di più "aperta a caso")

- estrazione forzosa di "significati" da incollare sulla propria vita (per esempio sul termine "eredità")

- esibizione di un "Dio"-oracolo, da cui estrarre "risposte" (comico e stucchevole l'episodio dell'uccellino alla finestra)

- confessione quasi pubblica (mette per iscritto cose del "foro interno", a disposizione dei cosiddetti "catechisti")


Insomma, una religiosità sentimentale, quasi "magica" ("ora apro a caso la Bibbia e vedo cos'è che mi dice Dio"), autoconsolatoria ("ho pregato tanto, e la visita dal dottore è andata bene", come se il Signore stesse a contare quante volte uno grida "Signore! Signore!" per poi infliggere terribili sofferenze se uno non arriva alla sufficienza...).

Tutto questo dopo oltre vent'anni di Cammino.

Anonimo ha detto...

scusate aspetto la fonte certa di questa notizia, o è un'altra bufala come tante.

certo per voi deve essere difficile trovare sempre nuovi spunti di critica, non potete certo rischiare di dire sempre le stesse cose, quindi da sempre ma ultimamente più frequentemente piazzate un sacco di cavolate... ( si può dire visto il vocabolario di dg, specialmente accanto alla parola fede, e alle scuse...se ti scusi sai di essere volgare, quindi potresti omettere ).
comunque se non siete in grado di "certificare" quello che dite, fareste meglio a parlare sempre delle stesse cose, candelabri balletti focacce boccali salette, ormai siamo abituati a questo, aspettiamo che i frequentatori occasionali si stanchino,vedendo che ripetete a disco rotto.... altro che catechesi a pappagallo

l'apostata ha detto...

per anonimo
Rieccoti, dici le sempiterne fesserie e continui a far finta di non aver letto quello che ti chiediamo. Ci sei, ci fai o ti ci hanno fatto diventare? Il solito pauroso che non ha nemmeno il coraggio di dire quello che pensa, e terrorizzato insulta e scappa. Che spavento solo immaginare di dire che si obbedisce alla Chiesa, vero? Come diceva Dante, uomini siate, e non pecore matte. Allora, ci rispondi o ti dobbiamo chiamare Riccardo cuor di coniglio?
p.s. Le "solite cose" sono quelle che il Papa vi ha più volte chiesto di rispettare; sono cavolate anche le sue?

Anonimo ha detto...

@Anonimo 19:39


"La prima comunità è composta da 28 fratelli, è alla tappa dell' Elezione, ed ha una sorella, Elisabetta, itinerante in Cina."

http://www.parrocchiadiorentano.it/cammino%20neocatecumenale.htm

DG ha detto...

beh vedo che adesso anonimus ce l'ha con me.
Sono passato dal livello "lasci che si cuoci nel suo brodo" a "senza spina dorsale'" e ora tra pochissimo passero' al livello massimo di "sei ispirato dal demonio"!
Hai scordato anatema su di te!

Per il cazziatone (questa volta non mi scuso perchè ho visto che non sei abituato e ti da fastidio)e la Fede nel riprendere qualcuno che sbaglia(e come se sbaglia!) mi ritengo completamente tirato in causa se vedo strafottenza e imbecillità in alcuni ragazzi del cammino (alcuni ma quanto basta per capire coem sono stati educati ed istruiti dal CNC) che prendono in giro cio' che per secoli è stato considerato una forma di preghiera e di rispetto e di devozione per i Santi.
Lo avrei fatto ache se si fosse trattato di mio figlio cosa che invece NON è mai successo nemmeno nel periodo dell'adolescenza.
Allora ti chiedo di nuovo (o non ti interessa?) è vero o no che i devoti di Padre Pio sono considerati dei "religiosi naturali" e dei "piccoli nella Fede" (per non dire imbecilli) dai neocatecumenali?

Invece di colpire basso le persone (cosa che i NC sanno fare ad hoc) perchè non rispondi a quello che ti ho chiesto prima?
Di cosa hai paura?
Perchè hai paura che vengano fuori alcune realtà del CNC?

Se sono realtà positive e volute da Dio non dovresti scandalizzarti perchè vengono portate a conoscenza anche dei non NC.

Se invece sono "bufale" (come dici tu) di cosa ti preoccupi?
Saranno come "pula portata via dal vento"!

Per conto mio continuero' a dire quello che ho provato, che conosco, che vivo e che penso sempre nella misura in cui IO decido di farlo.

Lino ha detto...

@ anonimo 19 novembre, 2012 19:39

Sai, anonimo - mai che qualcuno si firmi, magari soltanto con un nick, silenzio segreto e anonimato vanno di pari passo, vero? - con voi a voler scrivere cose nuove c'è da riempire una biblioteca. Oggi, per esempio, ho ricevuto la mail circolare del vostro don Iapicca con il commento al Vangelo odierno, sulla guarigione del cieco di Gerico. Non il cieco nato - quello del fango/peccato - bensì il cieco di Gerico, guarito in una sola "tappa". E cosa scrive il vostro don Iapicca di questi?
"Egli è l’immagine dell'uomo ferito dal peccato, incapace di tutto eppure spinto a superare il limite imposto da quegli occhi chiusi sul mondo".
Ma dico io, ancora una volta il peccato? Ma oltre il peccato non sapete vedere? Come i farisei, pensate che la malattia/cecità sia conseguenza del peccato?
Mai che vi venga in mente che in gioco, in entrambi gli episodi dei ciechi, ci sia la questione della fede, vero? Nulla vi dice il fatto che il cieco che subito mostra la fede stava sotto le mura di Gerico, città pagana, mentre il cieco nato - che solo dopo avrebbe acquisito la fede - elemosinava dalle parti del Tempio di Gerusalemme, vero? Solo, sempre e dovunque il peccato, giusto?
E vieni a scrivere che qui si parla sempre delle stesse cose!

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, ho letto il commento di DG, quando dice di ragazze che partono non si sa bene per dove e per cosa, e ho deciso di postare la mia esperienza.

Non vivo in Italia, vivo in una terra di missione. Perchè sia definita "di missione" non l'ho ancora capito, dato che è un paese cattolico, secolarizzato come tanti altri.
Nella mia comunità la maggior parte dei fratelli non sono i famosi "lontani", o i pagani del luogo, ma semplici parrocchiani locali e qualche straniero che già faceva il Cammino a casa sua. Di lontani o convertiti neanche l'ombra.

Ho partecipato ad alcune missioni popolari, una su tutte mi rimase impressa. In occasione della processione per un santo locale, partecipammo anche noi del Cammino. Innanzitutto la nostra processione fu separata da quella dei parrocchiani: percorremmo un'altra strada, con striscioni e canti neocatecumenali in giro per il paese. In seguito ci riunimmo ai parrocchiani a Messa e, finita questa, cominciammo a cantare e ballare anche lì, fuori dalla chiesa. Per strada poi ci furono altri balli e "giri di esperienze" pubblici. C'erano persone che "davano la propria esperienza", ovvero raccontavano la storia della loro "conversione" grazie al Cammino, parlando al megafono di fatti molto intimi, anche peccati gravi, che non ripeto qui per rispetto. Poi ci spostammo a ballare e cantare all'uscita di un'altra chiesa, alla fine di un'altra Messa, per "annunciare" ai parrocchiani uscenti le nuove catechesi iniziali. Si doveva formare una nuova comunità in quella città.

I "giri di esperienze" (leggi confessione pubblica) turbarono molto sia me che alcuni di quelli che li davano. Alcuni di questi "giri" mi sembrarono privi di caritas cristiana, per una donna in particolare mi sembrò una violenza, anche se nessuno le puntò una pistola contro per parlare. Parlandò al megafono, cominciò a descrivere la sua vita, arrivando poi a parlare di un peccato molto grave commesso in passato. A quel punto cominciò a singhiozzare e poi scoppiò in lacrime, e dovette fermarsi. Non capisco come si possa permettere uno spettacolo del genere, certi peccati dovrebbero restare nel segreto del confessionale, non andrebbero sbandierati ai quattro venti.
A che pro rinvangare il passato? Per convincere i passanti, che neanche si fermavano? Valgono così poco questa donna e il suo dolore? Avrà imparato poi che è libera nel Signore, o sarà rimasta schiacciata dal peso dei peccati passati?

Mi scandalizzò molto anche il tentativo di "convertire" i parrocchiani (leggi fare proselitismo). Che non abbiano sentito parlare di Cristo nella Messa appena finita?

continua...

Anonimo ha detto...

...continua

Le persone in missione che ho conosciuto sono quasi tutte molto generose e coraggiose, affrontando situazioni anche di forte precarietà.
Scioccamente però, aggiungerei: perchè mandare famiglie numerose in un paese di cui ignorano lingua e cultura, con scarse prospettive di lavoro? A volte la nazione di origine di queste persone è essa stessa "terra di missione". Perchè non fare missione lì?
Mi si obietterà che così non si lascia agire la Provvidenza del Signore. Allora perchè non eleggere il Papa lanciando una monetina, o pescando un nome da un cesto? Neanche la conclave dei vescovi lascia agire la Provvidenza Divina.

Per quanto riguarda l'invio di famiglie, secondo me lo stato di vita di un religioso si confà molto di più alla missione di evangelizzazione di quanto lo possa essere il matrimonio, sia per riguardo ai figli che per preparazione teologica. Penso che lasciare il proprio paese per dedicarsi al Signore sia una cosa molto nobile e generosa. Ma la missione neocatecumenale, per mia esperienza, ha lo scopo di far attecchire il Cammino in parrocchie già esistenti. Ha senso allora parlare di evangelizzazione, se si va ad evangelizzare una parrocchia cattolica?

Troverei più onesto dire che il Cammino vuole espandersi all'estero, più che parlare di missione. In quel caso non avrei nulla da ridire: si vuole dare ai parrocchiani una nuova opzione, chiamata "Cammino Neocatecumenale", riconosciuta dalla Chiesa, accanto ad altri opzioni già esistenti.
Certo, poi uno potrebbe chiedersi: ma non basterebbe dare al parroco il Direttorio e far aprire le comunità a lui, così da far riscoprire a più persone possibile nel mondo il dono del Battesimo, invece di far scomodare tutte queste persone? Eh, ma il Direttorio è segreto! Solo la gerarchia neocatecumenale "sa" e può aprire nuove comunità! E poi se il parroco apre una comunità, poi dove si aggancia il resto della gerarchia senza un qualche appiglio neocatecumenale, che sia un sacerdote o una famiglia?

Non so come vadano le cose in Cina, ma, conoscendo la quantità di balle che girano nel Cammino, sarà tutta fuffa. Spero che il Santo Padre riesca a riportare il Cammino sulla retta via. Il problema del Cammino secondo me è più la sua gerarchia e la sua struttura che i camminanti in sè, che spesso sono ottime persone e di buona fede.

DG ha detto...

sul sito http://www.parrocchiadiorentano.it/cammino%20neocatecumenale.htm postato da un anonimo ho trovato queste frasi che mi hanno "colpito" (gerco NC cosi si capisce meglio)

1)"...Dall’opera di evangelizzazione, iniziata dalle famiglie in diverse zone, è apparsa ben presto la NECESSITA' di PRESBITERI che sostenessero le nuove comunità appena formate e con cui si potessero costituire eventuali nuove parrocchie.
In questo contesto sono nati i Seminari "Redemptoris Mater":grazie alla VISIONE PROFETICA degli iniziatori del Cammino, al coraggio del Papa Giovanni Paolo II ..."

ECCO SPIEGATO ,e lo dicono loro chiaro la necessità e lo scopo ultimo dei seminari R.M:
-fatti da cammino per il cammino-

2)un po di numeri che vengono tanto sbandierati:

- 4 comunità dal 1978 (44 anni)
La 5a la nomina appena, credo che sia quella uscita o da nuova catechesi ancora in formazione.

Una comunità ogni piu' o meno ogni 10 anni (se vogliamo fare una statistica).

-"la 4a comunità è formata da fratelli, per lo più giovani" (i figli appunto)

-"tutti gli anni è stato fatto l'annuncio delle catechesi ed oggi, ringraziando il Signore,sono presenti in parrocchia ben 4 comunità"

-"non siamo tantissimi, un pò più di cento fratelli" (in 44/45 anni!!)

-"Moltissime sono le persone che hanno ascoltato le catechesi annuali, ma MOLTO POCHE poche quelle che poi hanno INIZIATO il cammino"

Come si evince dalla lettura di questo sito neocatecumenale, questo blog non si inventa nulla.

DG ha detto...

per l'anonimo del 19 novembre, 2012ore 00:11
che dice:
"mai sentita questa cosa delle ragazze due a due in Cina! qualcuno mi può dire chi l'ha detta e quando? ;)

Milano, giugno 2012 - Kiko dice:

"il terzo millennio è il millennio dell’evangelizzazione dell’Asia”, in PARTICOLARE della Cina...In Cina E' URGENTE, infatti, una nuova evangelizzazione, basti pensare alla piaga dell’aborto" (su cui più volte l’iniziatore del Cammino si è soffermato) “Per noi è difficile vivere in un mondo che registra 50 milioni di aborti all’anno – ha detto - 13 milioni sono solo in Cina, dove si uccidono le bambine per la politica del figlio unico, per cui MANCANO MILIONI DI DONNE"

(e qui ci pensa lui)


da Milano a Napoli a Bucarest le "chiamate per le ragazze per andare in missione in cina" sono oramai il "chiodo fisso" di Kiko

Non ci credi? Vai su youtube e guardati gli spot pubblicitari NC degli incontri, chiamate e alzate compresi.

Quindi anonimo di cosa vogliamo parlare? Di invenzioni o di verità?
Smentisci Kiko se ci riesci.

Anonimo ha detto...

Non oso pensare se a scrivere gli insulti di dg fossi stato io, i censori mi avrebbero come minimo cestinato, vabbè viva la parità.
Rispondo cercando di farti calmare caro dg.....quindi mi chiedi di P.Pio, personalmante non ho mai sentito sbeffeggiare questa cosa e io stesso sono andato a pietralcina.
La mia esperienza è stata positiva, anche se sono rimasto negativamente colpito dall'eccessivo commercio dentro e fuori la basilica......contento.
Aspetto di sapere comunque la fonte della notizia sulla cina, è ovvio che sei libero di dire o scrivere quello che vuoi, è solo perchè chi legge, sappia che scrivi cose che hai sentito dire, se non ti sei totalmente inventato, innescando discussioni che non hanno fondamento se non quello di screditare il cammino.
Se è questo che vuoi fare sei libero, siamo tutti liberi......
Anonimus

Anonimo ha detto...

Mi rivolgo al commento 23.19
In mezzo a un sacco di opinioni strettamente personali, l'unica degna di considerazione è che il cammino è riconosciuto dalla Chiesa.
Ma questo non ti basta. perchè non volete accettare che la Chiesa ha riconosciuto il cammino così come è nato ? perchè ci deve essere sempre qualcuno che la sa piú lunga della stessa Chiesa ? Perchè a tutti i costi si deve cambiare una cosa che non hai fatto tu ? una cosa non creata da te ? .....
ovvio sei libero di non aderire, sei libero di non avvicinarti al cammino,
ma se sei veramente cristiano non sei libero di dire che il cammino non è buono, perchè indirettamente stai dicendo che la Chiesa non è buona, in quanto la stessa ha espresso il parere Petrino.
E su questo se mi sbaglio qualcuno autorevole mi contraddica pubblicamente.
Anonimus

Anonimo ha detto...

Non devo smentire nessuno.
Ma tu furbetto d'asilo pubblica il discorso compiuto e poi mi dici dove è la chiamata specifica per un invio di ragazze due a due in cina.
Hai una rabbia dentro che ti ha offuscato tutto altro che fede e amore.
Annaspi vistosamente e continui a dire che sai nuotare boh...
Anonimus
p.s. io lavoro, ma tu vai a dormire che è meglio

Anonimo ha detto...

Mi viene un poco da ridere.... kiko caro dg si riferiva al fatto che sono state abortite migliaia di gravidanze di bambine, e queste sono donne che mancano.
Non vuole mandare le nostre ragazze per sposare i cinesi....
L'avrebbe capito anche mio figlio.

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

Sono passate un po di messi dall'ultima volta che ho postato un messaggio, ma sento il bisogno di intervenire di nuovo.

Per le ragazze NC: "ragazze, restate a casa, Dio non vi Ha chiesto di andare in Cina / Asia.

Attenzione, in molti paesi non ci sono leggi per i diritti del uomo come qui in Europa e neanche qui in Europe siete al sicuro...non contate nemmeno un po, soltanto per un sfrutamento sessuale e basta.

Aparte questo, sono ragazze che scompaiano quotidianamente che vengono utilizzate da sette sataniche come sacrificio umano e produzione di massa di bambini sempre per questi sacrifici. Kiko sa benissimo questo. E questo quello che lui vuole? Piu vittime?? Ma mandatelo a sacrificarsi se vuole, questo posseduto.

Restate a casa, pregate da casa, ma non andate in Asia, è un suicidio.Dio non chiede questo.La piu potente lotta contro il male e la preghiera. Inviate Kiko in Asia... o forse ha paura o forse non vale nulla neanche per quelli...che schifo...mi fermo qui!

NON INVIATE RAGAZZE IN ASIA!

Dio sia con voi!

TheOne

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

Sono passate un po di messi dall'ultima volta che ho postato un messaggio, ma sembra che devo intervenire di nuovo.

Libro di Osea 4:6:

"Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza."

Per le ragazze NC: "ragazze, restate a casa, Dio non vi Ha chiesto di andare in China / Asia.China sta venendo da voi/noi da annniiiiii...accoglietela se veramente volete fare una cosa nobile.Aiutati tutti questi immigranti e portateli a Dio.Aiutate Italia che ha BISOGNIO.DA QUANDO QUESTA SUPERBIA CHE SIETE VOI I SALVATORI DI CHINA quando accanto a voi more gente italiana in disperazione e poverta!!!!

Attenzione, informatevi prima, Asia e...non ho parole a descrivere e neanche tempo perche non finiro oggi.In molti paesi la, non ci sono leggi per i diritti del uomo che vengono rispetate come qui in Europa(neanche qui in Europa siete al sicuro)...non contate nemmeno un po, soltanto per un sfruttamento sessuale e basta.Vi volete trovare in un locale notturno fare la spogliarellista o la prostituta e essere drogata????

L'evangelizzazione di quale kiko parla e gia stata fatta centinaia di anni fa...quello che lui vuole addesso e una "politica" e dare un po di "cibo" al nemico:

Sono ragazze che scompaiano quotidianamente che vengono utilizzate da sette sataniche come sacrificio umano e produzione di massa di bambini sempre per questi sacrifici. Kiko sa benissimo questo.E questo quello che kiko vuole aparte la "politica"? Piu vittime?? Ma mandatelo ha sacrificarsi se vuole, a questo posseduto

Su un altro argomento:"Osea 4:6:"...giacché tu hai dimenticata la legge del tuo Dio, anch’Io dimenticherò i tuoi figli".
Quando Dio ha chiesto di fare tanti figli, NON STAVA PARLANDO CON VUOI.Percio quello che succede in una maniera naturale e con amore e benedetto, ma machine di fare bambini non e umano o cristiano. Kiko vi ha chiesto di fare tanti figli,SIETE VOI genitori responsabili del loro futuro, non abbandonateli perche non sapere che fine faranno...state attenti perche non conoscete le vere intenzioni di kiko, non conoscete il suo cuore...ma questo e un altro argomento.

Kiko, ecco e un messagio per te:

Osea 4:6: "Poiché tu hai sdegnata la conoscenza, anch’io sdegnerò d’averti per sacerdote."

Ragaze NC: restate a casa, pregate da casa, ma non andate in Asia, è un suicidio.Dio non chiede questo.Quello che il nostro amato Christo ha chiesto e gia stato fatto tanto tempo fa. Adesso la piu potente lotta contro il male e la preghiera intensa, perpetua. Poi, neanche sia giusto a dire" andate perche Dio provvedera", dai, smettiamo di prendere il nome di Dio in vano. Lasciamo a Dio decidere quello che deve provvedere e quando, non iniziamo con vanita e dalla nostra volonta a agire perche siamo superbi e sappiamo quello che facciamo, poi aspettare la salvezza/aiuto dello Spirito Santo).Pregate a Dio: " Padre nostro e la Tua volonta che vado, aprimi la mia via se si altrimentri guidami.Padre devo ascoltare kiko o questo e caduto nella superbia assoluta.Salvalo Padre". Parlate con Dio prima di agire o ascoltare chiunque.Poi se volete essere utili e fare una cosa nobile,pregate per kiko, salvatelo con le vostre preghere.

Altrimenti,inviate Kiko in Asia... o forse ha paura o forse non vale nulla neanche per quelli...kiko, se sei cosi superbo e potente, se tu vuoi fare la TUA volonta non quella di Dio, se ti senti omnipresente e omnipotente,ecco, perche non inizii a salvare Spania.L'hai gia salvata?? Tutto apposto la?? O forse vuoi che inizio ha descrivere la realta?...merglio che mi fermo qui!

NON INVIATE RAGAZZE IN ASIA!

Dio sia con voi!

TheOne

Anonimo ha detto...

“Per noi è difficile vivere in un mondo che registra 50 milioni di aborti all’anno – ha detto - 13 milioni sono solo in Cina, dove si uccidono le bambine per la politica del figlio unico, per cui MANCANO MILIONI DI DONNE"

Per primo, spesso ci ritroveamo con questa ossesione di kiko: LE DONNE". Eh kiko, uno dei tuoi idoli: LA DONNA????? Sesso mecanico e perpetuo... donna... sesso...aperto alla vita... DONNA...SESSO ...aperto alla vita...

Lo sempre detto: SEI UN PERVERTITO!!!

Cari NC: PREGATE PER KIKO...PREGATE PER LUI perche non ci riesce proprio a restare lontano dalle gonne delle donne.

Beh, cari NC, si vede che qui è dove Osea 4:06 deve essere ripetuto:

"Il mio popolo perisce per mancanza di Conoscenza."

La legge / decisione di avortire in Cina non è personale, nessuna donna decide, nessuna donna ha il potere di disobbedire. Ci sono un sacco le donne in Cina che desiderano più bambini.

La decisione è stata presa dal super-potenti paesi sulla terra e imposta su Cina.

Kiko lo sa. Tutte le persone istruite nel mondo lo sanno. Due ragazze NC inviati in Cina non cambierano nulla.

Se kiko vuole la legge di avortire abolita, è benvenuto a parlare se stesso con le super poteri del mondo non con una donna in Cina che non po disobedire.

In ogni caso, kiko se vuole fare qualcosa di nobile: SI DEVE PRENDE CURA DI QUELLI CHE VIVONO PRIMA, DOPO VEDREMO SE E IN GRADO DI CURARE FIGLI non ancora nati.

Kiko, lasciamo questo nobile atto a qualcuno nobile e piu in grado da gestirlo, tu sei troppo "perverso" per ricevere fiducia e una carica del genere.

ps: gli avorti in Cina sono di menno di tutta Europa. Stanno usando un sistema severo di prevenzione (Che personalmente non condivido).

Dio sia con vuoi e, pregate per kiko.Pregate pre lui.

TheOne

Anonimo ha detto...

Nel 1986 una coppia della 2° comunità di San Bartolo in Tuto a Scandicci, Stefano e Letizia
Cianferoni è stata mandata in missione a Taiwan. Adesso sono responsabili dell'equipe itinerante della Cina
continentale, per la missione di evangelizzazione che è stata ispirata agli iniziatori del Cammino Neocatecumenale
verso questo popolo che ancora non conosce Cristo. Raccontano un aneddoto importante per questa missione. Kiko,
Carmen e Padre Mario, insieme ai Cianferoni e ad altri catechisti e presbiteri della Cina, si sono ritrovati sulla torre
più alta di Pechino per fare un esorcismo sulla Cina, e scacciare i demoni verso il deserto della Mongolia. C'era una
fitta nebbia che copriva tutta la città, appena finito l'esorcismo una colomba si è alzata sopra di loro per tre volte, e la
nebbia si è diradata. Questo fatto è stato visto da loro come un segno dello Spirito Santo, che invitava a portare il
Vangelo ai cinesi. Un altro segno è stato riscontrato dai catechisti della Cina. Nel 2000 sono stati canonizzati da
Giovanni Paolo II 120 martiri che hanno evangelizzato la Cina tra il 1648 e il 1930 . Negli ultimi anni sono partite le
catechesi del Cammino a Pechino, e si sono formate due comunità di 60 fratelli ciascuna, in totale 120 fratelli. I
fratelli del Cammino, come tutti gli altri cattolici della chiesa di Roma in Cina, vivono da clandestini, e si riuniscono
in modo molto simile ai primi cristiani di Roma, in luoghi nascosti e con il continuo rischio di essere scoperti e
denunciati, rischiando almeno 3 anni di galera. Un piccolo miracolo è avvenuto quest'anno, in occasione della GMG
a Madrid. Alcuni giovani di queste comunità sono riuscite a partecipare, per la prima volta, ad un incontro fuori dai confini del loro Paese. E
sappiamo che è molto difficile per i cinesi, soprattutto per i cristiani, riuscire ad andare all'estero. Per sottolineare l'importanza di questo evento,
venerdì 19 agosto è stato fatto un incontro con gli 800 partecipanti al pellegrinaggio provenienti dalla Toscana insieme ai corrispettivi cinesi, da
Taiwan, Honk Kong, Singapore e della Repubblica Popolare Cinese. Sono state date alcune testimonianze di come si vive la missione in Cina, e di
come questi ragazzi cristiani vivono in un mondo completamente pagano, dove l'essere cattolici non è solo visto male, come in Europa, ma è un
reato penale. Abbiamo ascoltato la testimonianza di un sacerdote, che ha visto la sua parrocchia prendere vita dopo aver accolto il Cammino
Neocatecumenale, e l'esperienza di conversione di una ragazza. I ragazzi toscani indossavano tutti una maglietta azzurra con un disegno realizzato
da Kiko appositamente per questo evento. Sopra la parte del disegno che riguardava il pellegrinaggio a Madrid, Kiko ha inserito la scritta
“VOGLIAMO ANDARE IN CINA”, ed una colomba che rappresentasse il segno vissuto a Pechino. E' stato dunque un bellissimo momento di
comunione e di condivisione fra i fratelli cinesi e toscani, pensato dai catechisti di Scandicci per far conoscere la realtà che Kiko sta spingendo per
evangelizzare

aleCT ha detto...

@Anonimo

"perchè non volete accettare che la Chiesa ha riconosciuto il cammino così come è nato ?"

Non è esattamente così.
Perchè all'inizio voi tagliavate parti della Messa secondo l'idea sconclusionata di Kiko. Ora non più. E vi ci è voluta la carta bollata del Papa.

Lì avete obbedito perchè "lo diceva il Papa". Sulla comunione no perchè

(come disse una volta il buon Pasquale e qualcuno se può e vuole lo smentisca)

"si stava già lavorando diversamente"

Se dobbiamo essere pignoli il cammino è nato SENZA MAMOTRETI e nelle baracche (a quanto dice Kiko), non con catechesi e NELLE PARROCCHIE.

Il vostro statuto non dice che il cammino deve durare 30 anni. Non dice che le tappe hanno una durata prestabilita. Non parla della decima (o mi si vuole dire che nelle baracche si raccoglieva la decima?)

Il Papa non vi ha approvato tutte le STORTURE, semplicemente perchè sarebbe schizofrenico nel dire una cosa a voi ed una agli altri.

Per esempio: gli scrutini che, nonostante quello che dice lo Statuto, violano il "foro interno"
E se non è così carissimi neocatecumenali fate gli scrutini con il vescovo presente (o con un suo delegato) così come è scritto nel vostro statuto. (art.26)

Altro esempio:la formazione dei catechisti.

Che i catechisti abbiano una formazione che spesso e volentieri è deficitaria non credo che sia un mistero per nessuno.

Nello statuto c'è forse scritto questo?

Il Papa o i vescovi vi hanno forse detto: "cari neocatecumenali, non preoccupatevi, rimanete ignoranti"?

Tanti vescovi hanno provato ad aiutarvi Ultimo noto Villegas. Il quale si è preso una serie di insulti non indifferenti.

Carissimi neocatecumenali, la difficoltà nel dialogo con i vostri fratelli di fede (con i "lontani" no...quelli non possono farvi notare le stupidaggini che dite quindi) si vedono anche in questo:

Che quando qualche vescovo prova a parlare con le equipes (ed è successo) le equipes non vogliono sentire ragioni.

E magari si devono anche sentir dire che: "lo fanno perchè gli stiamo antipatici"

Quando il Papa vi dice determinate cose fate di tutto per trovare una interpretazione che vi permetta di continuare a fare quello che avete sempre fatto. Anche se tale interpretazione cozza con la semplice logica.

Tante volte avete detto: "ci deve pensare il vescovo" oppure"se il vescovo non dice niente perchè dici qualcosa tu".

Cari miei, il vescovo innanzitutto non ha la sfera di cristallo,quindi SE QUALCUNO NON LO INFORMA non può sapere.

E poi, il vescovo va anche AIUTATO (non solo economicamente) a fare il suo compito.

Se voi vi guardate bene anche solo di farlo venire ai vostri scrutinii (e magari trattate chi vede qualcosa e ci va a parlare come un "giuda traditore") CI CREDO che poi non vi dice nulla.

DG ha detto...

@ANONIMUS -che finalmente ha un nick,suggerito da me, ma meglio che niente-

Questi insulti che io avei scritto proprio non mi risultano ma probabilmente sei un NC e visto che lo sono stato anch'io posso capire la campana mentale che accomuna tutti (o quasi) i NC

Capisco che se un catechista NC dice ad un fratello
"sei un imbecille"
in effetti vuole significare
"caro fratello ti prego di riflettere sulla tua vita"
e se dice
"sei senza spina dorsale"
in realtà intende dire certamente
"caro fratello mio non soffrire perchè ci sono qui io accanto a te e prego per te"

Per questo ti dico di andarti a rileggere bene gli interenti (miei, tuoi, di tutti) e vedere cosi realisticamente chi offende chi.

So pero' che fondamentalmente non te ne importa nulla, tutto cio' che vuoi è "menare il can per l'aia" e non arrivare mai al nocciolo della discussione.

Per il resto ripeti esattamente le stesse cose in piu' post.
Ti è stato risposto anche in altri post sia da me che da altri frequentatori del Blog.

AleCt -la paziente- ha dato ancora una volta (repetita iuvant?) una risposta e una spiegazione ai tuoi quesiti.

Per il pellegrinaggi NC al Santuario di Padre Pio non ci credo nemmeno se vedo gli striscioni "santo subito" (lo è già)

Per i mercanti del tempio che dici che ti scandalizzano visto
"l'eccessivo commercio dentro e fuori la basilica"
ti rimando a questo e vediamo se ti scandalizza altrettanto

http://www.caal.it/

pero' non si leggono i prezzi e per saperli bisogna scrivere in privato (!)

prova allora a vedere su questo

http://www.iconografo.com/shop/140.html

scandalizzato da questi mercanti del tempio?

Per il "ragazze due a due in cina" per me potrebbero essere anche inviate da sole (speriamo di no) o inviate in 44 con il resto di 2 ma il discorso non cambia.

Vedremo. Ora stanno partendo o si stanno preparando all'invio.
Prima o poi verrà fuori la verità,
è solo questione di tempo.

Hai visto cosa scrivono su FB? Chiaramente anche loro sono
"furbette d'asilo"?

O semplicemente sono delle ragazze che hanno creduto al Grande Imbonitore...
(ti offendi? Non importa perchè non è diretto a te ma a Kiko e visto che lo penso lo scrivo)

Ultima cosa: se vuoi discutere io sono qui, ma non rispondero' piu' ad ACCUSE PERSONALI cioè dirette a me solo per sviare la discussione.

Chiamami pure come vuoi ma non ho né voglia né tempo di rispondere al tuo modo di turlupinare gli argomenti qui discussi.

A proposito, se tu lavori di notte ti fa onore perchè ti guadagni da vivere, ma cio' non toglie che non puoi sapere cio' che gli altri fanno di sera tardi (o notte) quindi non giudicare

So' che è difficile capirlo per chi è abituato a giudicare per un nonnulla una vita di un fratello, ma ti ci devi abituare perchè è cosi che si usa fuori il cammino neocatecumenale.

Anonimo ha detto...

Kiko non ha mai detto che vuole mandare ragazze in Cina(la vostra ennesima bufala) dice solo che sono state abortita migliaia di donne! questo dimostra ancora la vostra volontà di distorcere la realtà anche in maniera grottesca, nel senso che Kiko è molto ma molto chiaro!! però devo dire che non era facile arrivare a pensare quello che avete pensato voi, apprezzo la fantasia ! ;)

DG ha detto...

da - Segni dei tempi -
che riporta la cronaca dell'incontro a Napoli tra Kiko e i giovani NC:

"L’obiettivo è stato evidentemente raggiunto viste le “alzate” al termine dell’incontro:
200 ragazzi per il presbiterato
e circa
120 ragazze – alcune giovanissime –per la NUOVA EVANGELIZZAZIONE IN CINA."


ecco il video completo
http://www.youtube.com/watch?v=SvNhA4yBYxI

vi prego di vedere la CHIAMATA PER LE RAGAZZE IN CINA dal minuto 2.08.55 al 2.15 circa

le parole sono tante e tutte vertono sull'evangelizzazione in Cina con l'invio delle ragazze NC.

KIKO dice inoltre:

"..tutte i ragazzi cinesi vedranno una ragazza e la seguiranno e le ragazze gli diranno "venite alle catechesi!"

aggiunge l'esempio dei CEFALI ( i pesci questa volta):

"..i cefali si pescano cosi', si prende una cefala (!) e tutti i maschi la seguono"
-e abboccano all'amo -
Tristissimo esempio

Kiko dice ancora:

"le ragazze andranno in Cina, per imparare il cinese o per aiutare le famiglie non si sà...questa è un' AVVENTURA NUOVA!"

Spero che questa "nuova avventura" si fermi ORA in questo momento.

Per chi vuoel i mamotreti delle modalità le deve chiedere al leader maximo.
Noi, comuni mortali, subiamo le disposizioni dei catechisti e en paghiamo le conseguenze.


by Tripudio ha detto...

Molte autodifese neocatecumenali cominciano con "Kiko non ha mai detto che".

Poi quando lo dimostramo documenti alla mano (o foto, o video, o testimonianze di Kiko stesso), o peggio quando viene un neocatecumenale a testimoniarlo personalmente... allora i nostri accusatori svaniscono nel nulla.

Per poi ricomparire qualche giorno dopo per tentare di cambiare discorso.

Anonimo ha detto...

W
no tripudio non scompariamo mai, semplicemente ci censurate per poter dire che scappiamo, solo tra noi due anzi tre sappiamo che è così ma gli altri ovviamente credono a te.
Detto questo ti pongo un interogativo perchè sono sicuro che di risposta secca non se ne parla, quando parlate di kiko cercate riscontri foto documenti e discorsi.
Quando vi si chiede di certificare che la Chiesa è contro di noi puff non sappiamo niente.
A proposito manca il post a alect dove ho chiesto come è finita con Mons. Gristina....ma che te lo chiedo a fare, l'hai buttato nel cestino .......

aleCT ha detto...

@w

" proposito manca il post a alect dove ho chiesto come è finita con Mons. Gristina"

Visto che sei così sicuro che ti cestinino, perchè la domanda non la fai direttamente a ME in privato.
La mia mail non è difficile da trovare. Ho anche spiegato come fare.

Per quanto riguarda la tua domanda SEMPLICEMENTE NON HO RICEVUTO NESSUNA RISPOSTA.

Anonimo ha detto...

anonimus
solo qualche precisazione..
primo non penso che tu sia mai stato un nc, perdonami, ma il tuo modo di pensare, e sopratutto di agire la dice lunga sul fatto che veramente non hai mai fatto una seria kenosi dentro di te, in alcuni interventi sembri un bambino...non mi hanno cercato, nemmeno una telefonata... a giudicare da quello che scrivi e dalla veemenza di come ti esprimi, non mi sento sinceramente di colpevolizzare i tuoi fratelli, forse l'hanno anche vissuto come una liberazione, chissa quanto dovevi essere pesante in comunità, o devo dire che ancora ci vai, non ho ben capito.
per quanto riguarda la cina, tu puoi augurarti quello che vuoi, anche che kiko muoia, (chissa in quanti lo desiderate...), ma se lo Spirito spinge in quella direzione, cosa credi di essere tu con il tuo mielismo " mi auguro che le ragazze i fermino ORA " e perchè, hai tu forse un progetto diverso per la cina ?? stai organizzando forse un movimento per evangelizzare queste terre ?? o sei di quelli che ascoltato la tua messa ( preferibilmente in latino) e tanta adorazione, via a casa a guardare le soap opera?? e via l'anima in pace che ci frega della cina...

infine solo per curiosità, perchè passi da un discorso all'altro, cosa centrano i mamotreti... penso che tu soffra di crisi d'inferiorità, il leder maximo il super catechista noi comuni mortali....

e NOI nc paghiamo le conseguenze..

Anonimo ha detto...

semplice alect sono sicuro perchè manca il post..... cestinato e via.

come ti spieghi il fatto che la curia non ti risponda, non mi sembra che tu abbia chiesto di entrare negli archivi vaticani, onestamente come te lo spieghi?

aleCT ha detto...

@w

"semplice alect sono sicuro perchè manca il post..... cestinato e via."

Prima di rispondere dovresti leggere meglio gli interventi degli altri.

Io non ti ho chiesto PERCHE' ERI SICURO CHE TI AVREBBERO CESTINATO.

Ma ti ho chiesto PROPRIO PERCHE' ERI SICURO il perchè non mi hai scritto in privato.

Sono due cose diverse, ne convieni?

"come ti spieghi il fatto che la curia non ti risponda?"

Beh, innanzitutto è anche possibile che i tempi siano lunghi perchè in realtà magari non c'è qlc delegato a guardare le mail.

O forse hanno altre mail a cui rispondere.

Poi ci può anche essere il motivo che non ritengono che sia un quesito degno di una risposta.

Ma se fosse così (ed io spero di no) non VI renderebbe giustizia.

Personalmente se fossi neocatecumenale mi dispiacerebbe alquanto.

Così come mi dispiace quando parlo con il mio parroco e lui, per tagliare il discorso, dice: "fai come vuoi".

Io non voglio un parroco (o un vescovo) che "mi lasci fare" perchè poi magari si scoccia. Io voglio un parroco (o un vescovo) che mi guidi, mi indichi la strada e mi aiuti a vivere bene la mia vocazione.

Che ne dici, w?

aleCT ha detto...

P.S. Il sito della Diocesi di Catania in questo periodo ha subito un cambio di grafica.

Un motivo del ritardo può essere anche questo.

Detto questo ho mandato un messaggio privato alla pagina FB dell'arcidiocesi.

Vediamo se qlc mi risponde ;-)

Anonimo ha detto...

Sono quello del "Kiko non ha mai detto" continuo a ripetere che non ha mai detto che manderà le ragazze a due a due, dice solo che potranno dare una mano nell'evangelizzare la Cina poi se qualche ragazza si innamora di un ragazzo e lo porta nel cammino=nella Chiesa io non ci vedo nulla di male...Cioè il cammino sbaglierà in tante cose, sarà chiuso, sarà pieno di matti, quello che volete, ma da tantissimi frutti anche nell' evangelizzazione della Cina! Per fortuna la Chiesa se ne accorta! ;)

l'apostata ha detto...

all'anonimo delle 13,34
Due domande:
1) i vescovi cinesi fedeli al Papa sono stati interpellati?
2) quali sono i "tantissimi frutti anche nell' evangelizzazione della Cina!"?
Grazie delle risposte che spero mi darai.

Anonimo ha detto...

Ragazzi il discorso mi pare molto semplice, il cammino sta perdendo pezzi i cinesi sono tanti e Kiko in mancanza di carri di buoi cerca altri mezzi per tirarlo avanti.



Gv

Anonimo ha detto...

@all'anonimo del Kiko non ha mai detto che ..ecc ecc , che cosi' esprimi il tuo pensiero:

1) "(kiko) dice solo che potranno dare una mano nell'evangelizzare la Cina.."

- non vedo cosa cambia se ci va da sola o in compagia di una ragazza e comunque, ripeto, le "modalità" della partenza e del "soggiorno" le sanno le comunità delle ragazze che partono...

2) "..(poi se qualche ragazza si innamora di un ragazzo e lo porta nel cammino=nella Chiesa io non ci vedo nulla di male..."

- io invece si.
E non la farei cosi' facile visto che qui, in europa e soprattutto in Spagna e in Italia, alle ragazze NC è vivamente consigliato "di trovarsi il marito in comunità" (e non solo cattolico, ma in comunità!)
Non vedo perchè in Cina questo consiglio alle giovani NC-cattoliche- dovrebbe essere ignorato
Un peso e due misure?
In Cina ti sposi chi vuoi cosi' poi lui ti segue e si converte, qui da noi invece se trovi un ragazzo furoi dalla comunità...rischi di essere infelice tutta la vita.
Ecco un altro nonsenso di kiko


3) "il cammino sbaglierà in tante cose, sarà chiuso, sarà pieno di matti, quello che volete, ma da tantissimi frutti anche nell' evangelizzazione della Cina!"

- Ecco nemmeno sono partite le ragazze e le 2700 famiglie (!!) che gà si vedono i "frutti cinesi"

Si, i litchi cinesi al mercato...

Anonimo ha detto...

Il problema dei frutti del cammino in evangelizzazione in giro per il mondo che sono tutti marci, almeno a quello che dice gente che ci è vissuta tutta la vita ad evangelizzare il terzo mondo.



Gv

DG ha detto...

scusate
l'anonimo del 23 novembre, 2012 20:58 ero io
Mi ero dimenticato di firmarmi .

Anonimo ha detto...

http://www.scribd.com/doc/96848416/Convivenza-Presbiteri-1999 Vi invito a leggere soprattuto le pagine 90 e 102 ciao

DG ha detto...

Quello che ho letto da queste pagine sono lo stravolgimento delle parole di GP II da parte di Kiko che le trasfoma a uso del cammino e la pretenzione dello stesso di sentirsi "il salvatore di preti"
I quali, prima della loro salvezza attraverso il CNC erano soli, tentati da donne sposate, che passavano la notte a guardare televisione invece di pregare e che lui (kiko il salvatore) non darebbe nemmeno 50 lire a questi preti
Inoltre dice che la "Chiesa con la vecchia teologia era orribile".

Orribile è chi attraverso queste parole cerca di dividere la Chiesa distruggendola per ricostruirne un'altra a "sua immagine e somiglianza"