venerdì 27 settembre 2013

Tanti 'boatos' ma i problemi sono sempre gli stessi

Sala studio di un tipico
seminario kikiano R.M
Sta ricominciando la cagnara neocatecumenale, con i soliti trionfalismi e i soliti slogan spacciati per "notizie" ma che cercano di nascondere la realtà dei fatti.

Anzitutto la notizia dei "cento" seminari neocatecumenali "Redemptoris Mater": la collezione kikiana di seminari a sua immagine e somiglianza raggiunge la pluri-annunciata vetta delle cento figurine.

Il blog Crux Sancta fa notare che in Spagna ci sono in totale nove seminari R.M. in nove diocesi che non raggiungono i venti seminaristi ciascuna. Come Fantozzi e Filini che per tornare a casa chiamarono ben sette taxi: una media di due e tre quarti a testa.

In Italia i kikos riescono a fare anche meglio: pensate un po', nell'arcidiocesi metropolitana di Campobasso-Boiano, che conta un totale di una sessantina di sacerdoti e ben due (proprio due) seminaristi in totale, è stato necessario aprire un seminario neocatecumenale R.M. in cui inviare alcune vocazioni al neocatecumenalismo (quante saranno in totale? una? due? e con quanti e quali sacerdoti faranno vita comune e di preghiera? oppure saranno i soliti laici a scrutinare le vocazioni a Kiko? e in base a quali criteri l'arcivescovo ha accettato di aprire un seminario kikiano?)

I giganteschi numeroni della propaganda ("abbiamo cento seminari!") nascondono dunque il fatto che il novanta per cento dei seminari neocatecumenali è solo un minuscolo gruppetto di seminaristi kikiani. Che, in quanto tali, vengono accuratamente isolati dalle strutture diocesane, perché devono essere formati solo sulle liturgie e dottrine di Kiko e Carmen. Notoriamente zeppe di svarioni, invenzioni e strafalcioni.

Sorrisi di circostanza
al termine
dell'incontro
Ricordiamoci poi che i seminari di Kiko, a detta dei neocatecumenali, sono di durata indefinita (cioè nove-dieci anni di formazione!) ed altamente "selettivi" (cioè hanno un enorme numero di abbandoni a causa della bislacca "programmazione" delle alzate).

Il secondo boato, cioè la seconda non-notizia, è che il Tripode neocatecumenale (Kiko Argüello, Carmen "Adidas" Hernàndez e don Pezzi) ha incontrato tre settimane fa papa Francesco, senza dubbio per vantarsi dei Cento Seminari Neocatecumenali.

Quando il Tripode incontrò papa Benedetto XVI a novembre 2005, subito cantarono vittoria, persino quando le «decisioni del Santo Padre» vennero messe per iscritto pochi giorni dopo (e l'ineffabile Gennarini, negando l'evidenza e mai smentito da Kiko, andò dicendo che il Papa «approvava» laddove invece la lettera proibiva).

A giudicare dai precedenti storici (come le manovrine neocat all'insaputa del Papa) non c'è motivo di credere alla martellante propaganda del Cammino, sparsa a piene mani persino su Zenit e su RadioVaticana (con la figlia del braccio destro di Kiko che intervista Kiko).

Anche i neocatecumenali, infatti, cominciano a non credere più agli altisonanti proclami di Kiko. Sanno bene che Kiko si inventa numeroni giganteschi e nega ostinatamente i problemi del Cammino. Quanto potrà ancora durare il metodo dei falsi slogan e dei boatos?

71 commenti:

  1. Sul blog Crux Sancta viene riportata la lettera di un cosiddetto "catechista" che richiede "famiglie in missione" da piazzare in Venezuela in un posto dove la salute dei figli non può essere garantita (oltre a violenze e droga, c'è anche il problema delle costruzioni illegali di case).

    Il kikismo-carmenismo va infatti diffuso ad ogni costo, e le tante "missioni" del Cammino servono a far crescere esclusivamente il Cammino.

    RispondiElimina
  2. Nel clero c'è sempre una percentuale di abbandoni, di preti cioè che chiedono di tornare allo stato laicale perché comprendono, tardivamente, di aver intrapreso un percorso cui in realtà non erano veramente vocati.

    Succede, siamo esseri umani, e possiamo in buona fede sbagliare.

    Non sto parlando, sia chiaro, di chi è costretto a lasciare per comportamenti scismatici o peccati gravi.

    La Chiesa questi dati li pubblica.

    Sui Redemptoris Mater e le kikovocazioni, invece, grava una impenetrabile cortina di silenzio.

    A parte lo show delle alzate, quante persone, ogni anno, entrano effettivamente in un seminario?

    Quante persone, ogni anno, lasciano?

    Quante persone, ogni anno, vengono ordinate?

    Quanti preti -pardon! presbiteri!- hanno chiesto di tornare allo stato laicale perché consci di aver frainteso la propria vocazione?

    Ripeto, per le sentinelle neocat, che non parlo di scandali o peccati, ma di vocazioni mal comprese.

    Mi faccio queste domande perché ho conosciuto ragazzi spinti a diventare sacerdoti più per il carattere che per la vocazione.

    Il fatto che scrutini e quant'altro siano tenuti da laici e dal signor Arguello non è certo un buon fattore, dati i soggetti.

    Se è vera la tanto strombazzata propaganda del signor Arguello -100 seminari! 20.000 presbiteri!- perché è tutto segreto? Quale migliore propaganda per il cosiddetto cammino che sbandierare dati di fatto che comprovino il successo (si fa per dire) dei kikoseminari rispetto a quelli diocesani.

    Dato che il sito del cosiddetto cammino è impenetrabile e non si può nemmeno inviare una mail, chiedo a qualche eletto discernente catechista di illuminarci con dati certi sui kikoseminari, dimostrandocene la bontà e chiudendoci la bocca.

    Grazie.

    p.s. Prego astenersi perditempo insultanti: vogliamo dati, non slogan e parolacce.

    RispondiElimina
  3. voglio solo far notare che alla fine c'è sempre un vescovo che benedice l'opera...

    RispondiElimina
  4. Kiko farà concorrenza al Martinez del Rns, per le prossime missio tipo quella delle 100 piazze, vuole i palchi anche per i neocatecumenali. Notizia fresca fresca e certa :)

    RispondiElimina
  5. ma a te che ti frega dei dati dei RM, sono seminari kikiani non cattolici, e allora?!

    RispondiElimina
  6. ad Anonimo che ha detto...
    "ma a te che ti frega dei dati dei RM, sono seminari kikiani non cattolici, e allora?!"

    E allora siccome sono cattolico e non kikiano, e non mi piace il disprezzo verso i seminari diocesani considerati nel migliore dei casi una seconda scelta, chiedo di dimostrare con i fatti la loro propaganda.

    Perché, pensi che ci sia qualcosa di sbagliato nel cercare di mettere sull'avviso i malcapitati che potrebbero venir forzati ad una vocazione che non hanno?

    E, tanto per esprimermi come fai tu, e a te che te ne frega se me ne frega?

    RispondiElimina
  7. I seminari kikiani R.M. sono un problema da diversi punti di vista, per esempio:

    1) per il fatto che sono un inutile "doppione" di qualcosa che la Chiesa già prevede sotto diverse forme (Fidei Donum, PIME, comunità missionarie, eccetera)... doppione ovviamente "kikizzato"!

    2) per il fatto che non sono "seminari" secondo le indicazioni della Chiesa, ma mini-comunità neocatecumenalizzatissime in cui vigono le strampalate dottrine e liturgie inventate da Kiko e Carmen (per cui i seminaristi restano sostanzialmente estranei a ciò che richiedono le strutture formative della Chiesa) e soprattutto l'autorità dei cosiddetti "catechisti" laici del Cammino

    3) per il fatto che il vescovo si limita a "benedire" l'opera senza aver modo di vigilare su di essa (immagina un po', tu laico, di andare dal tuo vescovo a chiedergli di benedire la formazione di seminaristi secondo la tua idea anziché secondo la sua... È esattamente ciò che fa Kiko con i suoi seminari R.M., ma Kiko è più "convincente" di te per tutta una serie di motivi non propriamente angelici...)

    4) per il fatto che i seminari kikiani vengono installati dovunque si trovi un vescovo "disponibile", perfino nel caso fantozziano della diocesi di Campobasso, attualmente dotata di ben due (diconsi due) seminaristi (attualmente in formazione presso il seminario di Chieti: infatti non c'è bisogno di un seminario diocesano per due soli seminaristi)... la diocesi di Campobasso è a corto di seminaristi, e i neocatecumenali cosa fanno? aprono un loro seminario per mandarvi le "vocazioni a Kiko".

    5) per il fatto che i "presbiteri R.M." una volta ordinati saranno a disposizione della diocesi solo per modo di dire, e solo per poco tempo (tipicamente il tempo necessario per ottenere l'iscrizione allo "stipendio" del Sostentamento Clero), dopodiché svaniscono nel nulla, seguendo le necessità del Cammino (cioè il comando dei cosiddetti "catechisti" laici del Cammino).

    6) per il fatto che tanti vescovi "approvano" un seminario kikiano solo perché si sentono in odor di promozione. Cioè non vogliono grane col Cammino (i neocatecumenali sono molto vendicativi) e sanno che la patata bollente resterà al loro successore (che non potrà opporsi, dovrà fare buon viso a cattivo gioco, e se sgancia una "benedizione" può magari essere "oliato" anche lui).

    In tutto questo, ricordiamoci che il sacerdozio è un sacramento e pertanto spetta all'autorità della Chiesa stabilire le modalità per amministrarlo.

    Kiko e Carmen trasformano il sacerdozio in una merce, esigendo presbiteri neocatecumenali da formare in seminari neocatecumenali, che siano a disposizione esclusiva del Cammino.

    I due spagnoli non promuovono il sacerdozio della Chiesa, ma promuovono solo uno strumento utile al Cammino.

    RispondiElimina
  8. "Anonimo ha detto...
    Kiko farà concorrenza al Martinez del Rns, per le prossime missio tipo quella delle 100 piazze, vuole i palchi anche per i neocatecumenali. Notizia fresca fresca e certa :)"
    ---
    Infatti Kiko, è gelosissimo ed invidiosissimo di Martinez, in quanto
    "prediletto del Papa"; in ogni caso, RnS,non ha problemi ne con la Liturgia,ne di tipo relazional-coercitivo con i propri membri.

    RispondiElimina
  9. La questione dei seminari è da ridere. Ho sentito io con le mie orecchie i catechisti responsabili dell'Abruzzo chiedere un seminario RM al Vescovo, laddove nella mia città ce n'è già uno che quanto a presenze langue da anni ormai.
    Provino lorsignori a negare che la formazione RM è ai fini del cammino e non della Chiesa. Kiko non si fida della formazione impartita dalla Chiesa e per questo motivo si crea i suoi seminari.
    Kiko contesta e reinterpreta sin dal 1964 l'operato della Chiesa, in tutti i campi: teologico, esegetico, dottrinale, liturgico, gerarchico... A Kiko la Chiesa non piace, lui la vuole rifondare (si proprio rifondare). Kiko sta seguendo le sue inquietudini giovanili, ha imposto a tutto il cammino la sua crisi esistenziale di gioventù (lo ha detto lui che non vedeva Cristo da nessuna parte nella Chiesa) trasformandola in un modo di vivere. Nel cammino si rivive il suo percorso di 'conversione', un po' come se dicesse "non avevo capito io, non ha capito nessuno".
    Kiko attrae chi odia la Chiesa come la odiava lui, e vede ogni cosa solo secondo il suo metro di giudizio in questo senso.
    La sua visione è totalizzante e non ammette critiche, già di per sé questo è assurdo.
    Chi è che fa bene il cammino? Chi va sempre a tutte le celebrazioni, chi obbedisce in tutto, chi non fa mai domande. Semplice. Nemmeno il più rigoroso degli ordini religiosi (e comunque parliamo di ordini religiosi) si comporta così.

    Curioso che della sua famiglia non si sappia nulla, né di quella di Carmen, se non banalissimi accenni.

    Sono curioso di sapere quali pazzesche novità spareranno.

    RispondiElimina
  10. sig. tripudio una domanda le vorrei rivolgere, perche' nel 3d che ha postato ha commentato la foto di Kiko ed il Papa come di "circostanza"?

    Su questo blog ho visto pubblicato un link con tutte le foto dell'incontro e tutto mi pareva tranne un freddo incontro di circostanza.

    RispondiElimina
  11. Buongiorno a tutti,

    sono stato via per motivi di lavoro ma vedo che il blog continua e di questo ne sono contento!
    Per quanto riguarda la formazione dei seminari, ne avevo già parlato tempo fa in un post precedente messo da Tripudio come articolo di un thread. Effettivamente il tema dei seminari nel CNC è come descritto da Tripudio, purtroppo.

    Io, personalmente, ho visitato diversi seminari RM nel mio periodo di itineranza ed all'interno del cnc, sia in Italia (Roma, Piacenza, etc.) sia in Europa e nel mondo, conoscendo personalmente diversi rettori di seminari . E' un argomento, quindi, che conosco abbastanza bene.

    Per obiettività bisogna riconoscere che "alcune" strutture sono effettivamente dei seminari, nel senso letterale del termine (luoghi di formazione definiti e con studi rigorosi).
    Roma, ad esempio, è certamente un seminario. Come quello ve ne sono diversi: Varsavia, Brasilia, Newark, etc.

    Altre strutture (e sono la maggioranza), però, non possono essere definite "seminari" nel senso letterale del termine.
    Luoghi con meno di 10 seminaristi è tutto fuorché un seminario. Questa situazione anche all'interno del cammino era oggetto di dibattito, quando ero dentro, perché alcuni catechisti del cammino avrebbero preferito anche avere meno strutture ma meglio organizzate.
    Alcuni catechisti mi dissero una volta che perfino Carmen arrivò a litigare con Kiko sull'ennesima apertura di un seminario, in quanto lei era contraria...

    Purtroppo esisteva (come adesso, vedo) un problema di "immagine" da dare al cammino (con numeri sensazionali) e, quindi, ancora oggi si aprono strutture senza la realistica possibilità di avere una seria formazione per il sacerdozio.
    Purtroppo chi paga le conseguenze di questo sono i ragazzi che, spesso, lasciano questi posti, il cammino e, purtroppo, anche la Chiesa...

    Questo lo dico non per essere contro il cammino, ma in maniera obiettiva; in quanto lo sostenevo anche quando ero un (attivo) neocatecumenale.

    Saluti

    RispondiElimina
  12. I ragazzi che entrano in un seminario vengono definitivamente sradicati dai loro cari. Perfino nella fortunata ipotesi che il bigliettino estratto alla Merkavah destini il ragazzo nel seminario RM della sua diocesi, verrà fatto di tutto per allontanare definitivamente il ragazzo dai cari. Come? Ad esempio mandandolo in itineranza per i 3 mesi estivi, e quando torna fargli fare tutte le convivenze del mese di settembre con Kiko, e poi ovviamente a ottobre deve tornare in seminario.

    Se poi un ragazzo viene mandato in un seminario RM dall'altra parte del mondo, è probabile che non potrà vedere la propria famiglia anche per un anno intero.

    RispondiElimina
  13. disertore ha detto:
    "...ma non c'è nessuno che gli può mandare un virus informatico decente?Almeno si ha un pò di calma...la cosa che preoccupa è che ci sono fratelli neoca. che leggono quel blog e si fanno imbambolare da quelle volpi..."

    Sì, la questione è preoccupante:
    Padova, Veneto 15:25:23 -- 35 seconds ago
    [Italy]
    Castelfidardo, Marche 15:24:38 -- 1 minute ago
    Montemarciano, Marche 15:24:07 -- 1 minute ago
    [Italy]
    Alghero, Sardegna 15:23:18 -- 2 minutes ago
    [Italy]
    Macerata, Marche 15:22:38 -- 3 minutes ago
    [Italy]
    Rome, Lazio arrived 15:20:13 -- 5 minutes ago
    Italy arrived 15:19:06 -- 6 minutes ago
    Siena, Toscana 7 minutes ago
    Scandicci, Toscana 15:15:24 -- 10 minutes ago
    Rome, Lazio 15:14:39 -- 11 minutes ago
    Argenta, Emilia-Romagna 12 minutes ago

    etc. etc. etc.

    Suggerire di mandare un virus, però, non risolve il problema, anzi lo aggrava perché è istigazione a commettere un reato.

    Ho un'idea migliore: rispondete all'apostata (in relazione al presente articolo), a me (relativamente alle domande nell'articolo precedente) e a ogni altra questione. In modo corretto, puntuale, esaustivo, cortese.
    I fratelli neoca. che leggono il blog, così, non si faranno imbambolare essendo supportati dalle vostre rassicuranti argomentazioni.

    RispondiElimina
  14. So per certo di una parrocchia che chiese espressamente, per tramite del suo vescovo al presule della diocesi di Macerata, un ragazzo appena ordinato nel RM di quella città, essendo questa una chiesa altamente Kikizzata. L'accordo tra i due alti prelati prevedeva che il ragazzo fosse dato in prestito per un periodo di tre anni, al termine del quale, avrebbe dovuto fare ritorno nella diocesi nella quale era stato ordinato. Alla domanda di un parrocchiano che voleva sapere quale sarebbe stata la sua destinazione al termine del triennio, la risposta è stata "Kiko deciderà"!...NO COMMENT!...comunque, mi hanno già personalmente detto, che alla sua morte, Kiko sarà fatto santo per aver dato tanto alla Chiesa!...ARI-NO COMMENT!

    RispondiElimina
  15. Lucio,

    secondo te cos'è più indicativo? che cos'è più significativo? i sorrisoni iniziali, o i sorrisi di circostanza a fine incontro?

    Anche a novembre 2005 circolarono le foto del Tripode super sorridente. Erano le foto dell'inizio dell'incontro col Papa...

    Poi, non capisco perché mai tu voglia a tutti i costi che questo blog ripeta la «propaganda kikiana» (il termine è della Carmen in persona), propaganda che puoi trovare dovunque in internet. Come mai a voi neocatecumenali interessa solo la propaganda? Come mai siete così allergici alla verità?

    RispondiElimina
  16. Certa è una cosa.
    Più parlate, piú vi scoppia il fegato, più vi mordete le mani e .....
    più seminari, più alzate, più comunita più Presbiteri futuri Vescovi....

    Non è demagogia, è constatazione, è come diceva andreotti "il potere logora chi non ce l'ha".

    @ gio.
    Un apostrofo finale alla discussione precedente. se fosse stato kiko a fare quello di cesare augusto, lo avreste massacrato

    RispondiElimina
  17. È addirittura spassoso leggere i commenti di @gio perché anche se sprizzano odio da tutti i pori, involontariamente spiegano cosa significa "zombificato".

    Qui si parla di verità e il caro fratello neocatecumenale parla di "approvazioni".

    Qui si parla dei guai che il Cammino fa alla Chiesa, e il caro fratello conteggia le mirabolanti "alzate" (diecimila alzate!)

    Qui si parla della Chiesa (la Chiesa che Nostro Signore ha personalmente edificato), e il caro fratello la intende esclusivamente in rapporti di potere.

    Con questo loro atteggiamento, i neocatecumenali come @gio non sono solo fuori dalla Chiesa, ma sono anche fuori di testa (ma dopotutto è destino di tutti gli idolatri abbandonare volontariamente la ragione).

    Comunque, lo ringrazio per aver ancora una volta pubblicamente confermato che per loro conta più il Potere che la Verità. Proprio come per il demonio: "avrai potere su tutto, se ti prostrerai a me"...

    RispondiElimina
  18. Il fratello neocatecumenale non si accorge che le "approvazioni" anzitutto non certificano la santità di nessuno.

    Per esempio - faccio sempre lo stesso esempio - il fatto che l'aborto sia stato "legalizzato", cioè "approvato" dallo Stato, non significa che è improvvisamente diventato "santo", tanto meno "giusto", tanto meno "necessario", tanto meno "utile".

    Capito il concetto? Leggi e approvazioni non fabbricano la giustizia!

    Le "approvazioni" del Cammino, poi, al di là della loro tormentatissima storia (spesso e volentieri tutto all'insaputa del Papa), se le andiamo a leggere per bene scopriamo che sono solo le indicazioni date al Cammino per poter andare avanti.

    Indicazioni che non cancellano (né potrebbero cancellare) le leggi della Chiesa che valgono per tutti. Come ad esempio le leggi liturgiche.

    Ma tanto domani sera i camminanti neocatecumeni disubbidiranno di nuovo al Papa e alla Chiesa, celebrando i soliti strafalcioni kikiani-carmeniani, cantando le solite canzonette di Kiko, sproloquiando le solite monizioni e risonanze, addobbando i soliti tavoloni anziché l'altare, accendendo la solita bislacca hannukkià a nove fuochi, comunicandosi con pagnottone e insalatiere e solo quando scatta il segnale convenuto poiché disprezzano il sacerdozio e pertanto fanno la Comunione "tutti insieme" perché svanisca l'importante segno sacerdotale ricordato anche dal Concilio Vaticano II: «Si raccomanda molto quella partecipazione più perfetta alla messa, nella quale i fedeli, dopo la comunione del sacerdote, ricevono il corpo del Signore con i pani consacrati in questo sacrificio» (Sacrosanctum Concilium, paragrafo 55).

    Il Cammino Neocatecumenale va contro il Concilio Vaticano II a cui dice di ispirarsi.
    Vergogna, vergogna!

    RispondiElimina
  19. Per @Giò

    Cerca di farti entrare in quel cervello candeggiato, che se ti sposti da una discussione a un'altra, troverai sempre persone critiche verso il Cammino...non trovi o le sinapsi del tuo encefalo sono talmente Kikizzate da pensare di riuscire a rendere adepti anche noi?
    Non pensi che 24 anni di lavaggio del cervello, siano stati più che sufficienti?
    @ Giò un consiglio...salvati!!

    RispondiElimina
  20. @gio

    a) non scoppia il fegato proprio a nessuno;

    b) non ti vergogni a scrivere certe strxxxate?? il potere logora chi non ce l'ha

    Una cosa è sicura: fai più danni tu con una frase che io con dieci post.
    Ho dubbi che tu stia bene mentalmente. Segui il consiglio del tuo sodale PT, non scrivere più.

    RispondiElimina
  21. @@ giò ha detto:
    "Più parlate, piú vi scoppia il fegato, più vi mordete le mani e .....
    più seminari, più alzate, più comunita più Presbiteri futuri Vescovi
    ".
    Non mi pare che il disertore di cui al mio precedente commento la pensi come te. Mettetevi d'accordo: "Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non può reggersi..." (Cfr. Mc 3,24).
    Un eccezionale apostrofo finale alla discussione precedente poteva essere una spiegazione alla storia dell'inutile immenso Tabernacolo edificato dai Sacramentini, siccome il pane va a male. Avresti potuto convincere "i fratelli neoca. che leggono il blog" a non farsi imbambolare.
    Non oltrepassare lo stretto, @giò e, qualora proprio fossi costretto a farlo, fatti accompagnare da Katartiko, che ci manca :-)

    RispondiElimina
  22. Caro fdf non pensavo di urtare la tua delicata sensibilità.
    Su questo blog si assiste a cose paradossali, si grida "scandalo!!" se uno dice merda o se si parafrasa per significare che chi non ottiene il risultato sperato scalcia urla e inventa.
    Poi gli stessi massacrano gratuitamente e senza possibilitá di repplica persone ignare...tu pensi che kiko venga a leggere questo blog?
    O carmen sappia di come l'avete derisa, o di tutti i fratelli di cui avete pubblicato le foto ?
    O dei giuda che come 007 captano notizie per darle in pasto a iene affamate e rabbiose, o di prelati da voi distrutti moralmente o di casi portati come scandalo...bambine violate.....
    Potrei continuare all'infinito tanto tu ti scandalizzi se uno dice merda e non se uno posta culi di ragazze e dice " mi piace" e poi scrive libri benedetti dal Papa.
    Hai ragione fdf scandalizzati pure

    RispondiElimina
  23. Solita tattica neocatecumenale dello stracciarsi le vesti per problemi secondari in modo da evitare che si parli del problema principale.

    Cioè gli strafalcioni del Cammino, le storture del Cammino, la vera natura del Cammino.

    RispondiElimina
  24. Non so se vado ot ma il problema dei numeroni n.c. esisteva già 30 anni fa, ricordo che alla prima GMG voluta da G.P.II a Roma prima metà anni 80 ci fu la"fatidica alzata" dei giovani n.c. al palazzetto dello sport di Roma.
    Qui Kiko presentò i giovani partecipanti provenienti da tutta europa, (italiani,spagnoli,alcuni portoghesi,alcuni maltesi,francesi,pochi inglesi,insomma la maggior parte era composta da italiani e spagnoli).
    Si alzarono 300 giovani da tutta l'europa lì rappresentata,
    la sera ci fu l'incontro con il Papa e qui Carmen presentò l'evento "alzate" come un prodotto tutto "spagnolo", infatti mentendo disse:
    "Questa mattina 300 giovani della Spagna si sono alzati per entrare in seminario"

    I 300 giovani europei divennero tutti spagnoli,

    il Papa ironicamente le rispose:

    "Ah la santa spagna"

    Ricordo anche il dispiacere del parroco che ci accompagnava in quelle giornate perchè nessuno dei suoi giovani si era alzato, si lamentava ad alta voce continuatamente dicendo:
    "Perche' i nostri giovani non si alzano?" come se una vocazione possa essere"preconfezionata,(da quel momento mi sono convinto che molte vocazioni n.c. sono indotte costruite e non delle proprie e vere chiamate).

    ODG

    RispondiElimina
  25. O.T.
    Così, tanto per rispondere a chi crede che Papa Francesco abbia ordinato di cestinare tutto.
    scomunicato-prete-eretico

    RispondiElimina
  26. P.S. O.T.
    "...Reynolds viene accusato di eresia, secondo il Canone 751 del diritto canonico, ovvero «l'ostinata negazione, dopo aver ricevuto il battesimo, di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica o il dubbio ostinato su di essa»".
    Chi risponde alla storia dei Sacramentini che costruirono un Tabernacolo inutile perché il pane "va a male"?

    RispondiElimina
  27. dice ODG
    ricordo che alla prima GMG voluta da G.P.II a Roma prima metà anni 80 ci fu la"fatidica alzata" dei giovani n.c. al palazzetto dello sport di Roma.

    me lo ricordo anch'io.
    e ricordo che avevo parlato con qualcuno che si era alzato e mi avevano detto che avevano sentito una forza dentro a cui non si erano potuti opporre!
    Ero rimasta colpita, ma a quel tempo accettavo tutto; comunque qualcuno ha poi passato gravi crisi anche spirituali, altri sono diventati mediocri sacerdoti che vivono solo per il cammino e non sanno gestire una pastorale non neocat.

    RispondiElimina
  28. @gio

    Quello che urta la mia sensibilità è lo scoprire che Kiko dice da anni cose che sono l'opposto dell'insegnamento della Chiesa (il pane che va a male, i Vescovi che non hanno il carisma, le casette confessionali inutili) e lo ha fatto anche recentissimamente (vedi la confessione opzionale a Rio o l'ininfluenza dei peccati in ordine alla salvezza, detto alla missione delle cento piazze) alla faccia di un esercito di Santi e decine di Papi, compresi gli ultimi tre.

    Cosa è offensivo?
    Che le ultime tre convivenze di inizio corso sono praticamente fotocopie le une delle altre o di altre precedenti?
    Che il cammino si sia dato all'edilizia?
    Che le decime anziché andare ai poveri sono destinate alle bollette del catecumenium?
    Cosa puoi dirmi tu, @gio, di nuovo, che mi stupisca dopo che nel cammino ci ho passato tutta la vita?

    Hai qualcosa da dire su questo? O preferisci buttarla in cagnara sul personale? Accomodati. I vostri insulti, insinuazioni, bassezze non mi fanno un graffio. Per me siete solo persone fanatiche e confuse.

    RispondiElimina
  29. Molto interessante la risposta di Lino delle 9.59 ad un mio intervento di ieri, mai pubblicato. O è vecchiaia o come è più probabile la dimostrazione evidente di una conclamata malafede.

    P.s. Puoi anche fare a meno di pubblicare, come è la tripudiesca prassi di questo blog. Lupi vestiti da agnelli. Dietro la veste di un blog che accolga le libere opinioni (anche se talvolta espresse in modo offensivo, ma si adegua solo al stile di Tripudio & co.), si cela lo stile tipico dei regimi totalitari. Si pubblica solo ciò che serve alla causa.

    RispondiElimina
  30. @Anonimo
    "Potrei continuare all'infinito tanto tu ti scandalizzi se uno dice merda e non se uno posta culi di ragazze e dice " mi piace" e poi scrive libri benedetti dal Papa."
    ---
    Questa è l'ennesima prova che come Kiko, siete ossessionati patologicamente dal VI Comandamento!
    Dando un'occhiata a circa un anno e tre mesi di post Facebook,del Sig.Bianchi, ho rilevato solo due innocentissime foto di "sederi femminili":una signora in spiaggia,
    munita di costume,e due ragazze in hot pants,come se oggi fosse una novità,basta affacciarsi alla finestra!
    Fermo restando,che ritengo fino a prova contraria che il Sig.Bianchi sia eterosessuale,ci mancherebbe altro che schifasse,al pari degli escrementi,con cui fate il confronto, una parte del corpo femminile,creatura di Dio,ed in qualche modo deputata agli scopi riproduttivi che tanto amate.
    Siate logici e conseguenti,non ipocriti!!

    RispondiElimina
  31. Anche se i miei interessi - lo ribadisco - sono differenti, questo thread è interessante. Perciò sto "ascultando" anche l'altro blog. Guarda caso: scompare @giò, compare Katartiko (che valica lo Stretto).
    Siete specialisti nell'indagare i peccati, nello scrutinare le ossessioni, nel ricercare in facebook le immagini pubblicate da MB, manco se una foto (osé ma non pornografica) potesse invalidarne le argomentazioni in materia di NC.
    Dai Katartiko, mi ripeto: vuoi spiegarci cosa ne pensi della storia dell'inutile immenso Tabernacolo edificato dai sacramentini, siccome il pane va a male?
    Non hai nemmeno il senso del nome, tu: farsi leggere con un nick non ha senso. Io mi faccio leggere con il nome e cognome, lo conosci, basta andare in Google: vuoi riferire il tuo ai "fratelli neoca. che leggono quel blog e si fanno imbambolare da quelle volpi..."?
    Magari potranno dire: "Ohhhh! Guarda che secchielli di sapienza sigillata ha il nostro catechista!".

    RispondiElimina
  32. @ Lino


    Restando in tema di sacramenti magari sarebbe interessante approfondire il "domani se vuoi ti confessi" che è un po più recente.


    Gv

    RispondiElimina
  33. L'anonimo delle 12:38 protesta, si lamenta, protesta, insulta, protesta...

    Tutto qui? E poi?

    E poi niente. Il nulla. Nessun ragionamento. Nessuna considerazione. Nulla. Solo i soliti slogan.

    Lascia da parte gli slogan, e prova ad interrogarti onestamente su ciò che diciamo.

    Te lo possiamo dire in maniera gentile, te lo possiamo dire in maniera sgarbata, ma te lo diciamo sempre.

    Oggi è sabato: stasera i neocatecumenali celebrano gli strafalcioni liturgici proibiti da più Pontefici (pontefici che hanno sempre incoraggiato il Cammino, ma lo hanno anche corretto).

    Tu come ti poni di fronte a questa cosa?

    Se ti professi cattolico, come puoi disubbidire al Papa in materia liturgica?

    Vedi, il "personalizzare" le accuse non serve a niente.

    Non serve a niente fingere che i guai del Cammino siano solo una opinione di un Tripudio qualsiasi: i guai ci sono, non puoi far finta che non esistono, specialmente dopo che più Pontefici (molto prima di Tripudio) ve li hanno condannati.

    Più mormori contro di noi, e più fai capire a tutti che non vuoi assolutamente prendere in considerazione la verità dei fatti.

    RispondiElimina
  34. @ anonimo ha detto:
    "Molto interessante la risposta di Lino delle 9.59 ad un mio intervento di ieri, mai pubblicato. O è vecchiaia o come è più probabile la dimostrazione evidente di una conclamata malafede".

    L'intervento mio è questo:
    "O.T. Così, tanto per rispondere a chi crede che Papa Francesco abbia ordinato di cestinare tutto. scomunicato-prete-eretico".

    Peccato per te, fratello: la mia era una risposta all'anonimo del sito dei disertori (che ho affermato di aver letto):
    "Anonimo 27/set/2013 13:05:00
    Posto anche qui... Non limitatevi a riempire la casella di posta (sia classica che elettronica) della CDF, perché Francesco ha detto di cestinare tutto..."

    Chiedi scusa per l'accusa di malafede. In relazione alla vecchiaia, considerato il tuo "posto anche qui", c'è da ritenere che tu sia lo stesso ad aver pubblicato sul sito dei disertori. Forse lo avevi dimenticato. Fatti una cura di Mentium, dicono che è un buon psicostimolante per le turbe della memoria e nelle difficoltà di concentrazione.
    E chiedi scusa.

    RispondiElimina
  35. @ Gv
    Sì, è più recente. Perfettamente in linea, però, con con le "casette" della penitenziale di Carmen. Occorrerebbe approfondire. Magari citando quella lezione che ha fatto il sacerdote del quale ho pubblicato la mail.

    RispondiElimina
  36. Forza giovani Neocatecumenali che la vostra razione di candeggina del fine settimana, sta per arrivare!
    Ma perchè vi ostinate a negare che siete manipolati dal vostro idolo e condannate tutti coloro che, resisi conto di ciò, sono riusciti ad infrangere il vetro del tunnel che il Cammino vi crea attorno e da cui, una volta opportunamente ammaestrati, non siete più capaci di uscire?...e poi mi condannate perchè posto su FB, fondoschiena di belle ragazze!!!
    Molti di voi, non sono nemmeno (per fortuna...gente come voi è meglio perderla che trovarla!) miei amici, perciò non siete potuti entrare nel mio diario e avete visto solo poche immagini.
    Dicono molti di voi, che sono solo bigotti e predicano bene ma razzolano male, “Tanto basta”!
    Giovanotti, l’iceberg è formato da una grande parte emersa e da un’altra, molto più grande, subacquea...ma ciò che interessa voi, è solo la parte visibile e solo in base ad essa, formulate le vostre critiche!
    Conosco tanti, ma tanti Neocatecumenali che celano la loro falsa santità dietro il Cammino e poichè ne fanno parte, pensano di avere il diritto di fare qualunque cosa...e lo fanno e i vostri “profeti in terra”, non gli dicono una A...i fondoschiena del mio diario in FB?...pinzillacchere!
    La vostra “ICONA”è un NEO maligno, un tumore e voi adepti, le metastasi per la Chiesa!

    RispondiElimina
  37. Per chi ce l'ha con culi nei profili FB invito per primo lo scrittore a fase attenzione. Poi ricordo ai catecumeni che molti loto preti che non conoscono le fregature di FB postavano di tutto e di più.

    RispondiElimina
  38. Secondo la propaganda kikiana, il primo seminario RM (quello di Roma) fu fondato su volere del papa Giovanni Paolo II. Addirittura, Kiko nemmeno lo voleva un seminario suo!

    Qualcuno sa come sono andate davvero le cose?

    RispondiElimina
  39. E fu così che un articolo sugli altisonanti numeri NC si trasformò in una dissertazione sui culi di facebook.

    Osservatori, basta divagare! Prendete esempio da Katartiko il quale, attraversato lo Stretto a rischio di essere morso sul deretano dai sei cani di Scilla, sul sito dei disertori ha risposto con somma perizia catechetica NC alla vexata quaestio dell'inutilità (secondo Kiko) sia del Tabernacolo sia delle "casette" della Confessione.
    Chi lo avrebbe mai detto? :-)

    RispondiElimina
  40. Vi chiedo perdono...non avrei dovuto intromettermi in questa discussione...me ne vò dal blog, in punta di piedi, come vi sono entrato...se servo fate un fischio...sono sempre nei paraggi!
    Marco Aurelio (per i los Kikos, Cesare Augusto!)

    RispondiElimina
  41. @ Marco Bianchi ha detto...
    "non avrei dovuto intromettermi in questa discussione... me ne vò dal blog, in punta di piedi..."

    Ma no, Marco, se è stato il mio commento a stimolare questo tuo, hai equivocato: assolutamente non era diretto a te, bensì a quelli che - con il loro solito costume - ti hanno "scrutinato".
    Anzi, sai che ti dico: faccio già un fischio. Come hai ottimamente scritto, c'è una metastasi e ognuno deve dare un contributo nel campo di sua specifica competenza "clinica". Io, oltre le icone e le esegesi kikiane sballate, non vado. "Dite un fatto concreto" è molto importante. Tu puoi dirli. Continuo a fischiare :-)

    RispondiElimina
  42. P.S.
    Oltre le competenze di teologia, liturgia, catechismo etc. etc. degli altri, naturalmente.
    Perciò l'Osservatorio dà fastidio: si sono aggregate conoscenze e competenze varie. Perciò Katartiko è costretto a pubblicare le Ultime Idiozie dal Burkina Faso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CaroLino dice:
      Perciò l'Osservatorio dà fastidio: si sono aggregate conoscenze e competenze varie.
      Il termine 'competenza' è impegnativo caro ex.....
      per le carte che possedete avete solo la competenza di stare zitti....

      Elimina
  43. Qualsiasi commento in tema è sempre benvenuto.

    Lo scopo di questo blog è gettare un po' di luce sul Cammino Neocatecumenale.

    Qui non fa problema il fatto che i seguaci dell'idolo Kiko tentino ogni genere di insulto e menzogna pur di affossare le discussioni. Tanto, i fatti non possono essere cancellati dalle parole.

    RispondiElimina
  44. In riferimento al mio post del 27 settembre, rileggendolo, debbo fare una precisazione: a Piacenza non esiste nessun seminario RM, nello scritto mi volevo riferire all'equipe che era responsabile del cammino in Emilia e Lombardia che frequentavo all'epoca. Saluti

    RispondiElimina
  45. Per Katar"kiko" e Gio@

    La vostra battaglia sulle immagini di facebook fa solo sorridere,
    tanto che andate in rete ad indagare, indagate su questa:

    "Vice parroco di Giulianova Lido arrestato per tentata violenza carnale"
    Il sig,M.A.B. è solo un fuoriuscito e oggi forse anche fuori dalla Chiesa (grazie a Voi) e non aveva fatto nessun voto di castità, mentre il vs amico mi risulta che celebrasse nelle salette.

    ODG

    RispondiElimina
  46. Rettifico "tentata violenza carnale"

    RispondiElimina
  47. a @Gio e Katartiko.

    Vorrei che mi illuminaste, con il vostro discernimento, su un fatto e un dubbio.

    Fatto: ecco l'elenco dei Paesi dell'America Latina dove sono presenti uno o più seminari Redemptoris Mater: Messico, El Salvador, Nicaragua, Costa Rica, Rep. Dominicana, Curaçao, Colombia, Venezuela, Ecuador, Perù, Brasile, Bolivia, Paraguay. Manca l'Argentina. Perché? Forse l'allora cardinal Bergoglio non apparteneva alla schiera dei "cardinali nostri amici"?

    Dubbio: secondo voi come reagirebbe l'austero Papa Francesco di fronte al lusso della Domus Galilaeae, vero hotel a cinque stelle?

    Così, tanto per sapere, dato che la vulgata trasmessa dal signor Arguello sembrerebbe aver già arruolato il Papa tra i sostenitori del signor Arguello (e non viceversa).

    p.s. Dimenticavo, @gio, finora non ho mai avuto occasione di rivolgerti le solite domandine riguardanti fatti concreti e documentati del cosiddetto cammino. Sei disposto a rispondere con argomenti, senza insulti e slogan?

    RispondiElimina
  48. Per ODG

    Poichè hanno fischiato..."ARIECCHEME"!
    No, non sono uscito dalla Chiesa, pur essendo fuggito schifato dal "Kikanesimo"!
    La mia fortuna è stata che la Parrocchia che ora frequento (la mia, quella vera!), è guidata da un parroco che non ha condannato ne la mia scelta, ne quella di coloro che fanno parte di quella realtà, ma con una dolcezza paterna in una confessione, mi ha assicurato che i Neocatecumenali, non sono i soli depositari della verità e che il loro è uno dei tanti strumenti, ma non l’unico, per raggiungere un Traguardo comune che è lo stesso che altri movimenti perseguono.
    Il Cammino, però, inculca il "terrore" in Dio...altro che amore filiale e Paterno!

    RispondiElimina
  49. @marco Bianchi
    anch'io sono uscito dal cammino dopo tanto tanto tempo.
    Non tanto schifato perchè ci ho passato quasi metà dei miei anni e conservo ancora dei piacevoli ricordi di alcuni fratelli, ma amareggiato questo si'.

    Amareggiato anche dal comportamento che hanno avuto i fratelli dopo che sono uscito di comunità.

    La maldicenza, il parlare male, il diffondere cose non vere, sono tipiche di chi non potendo difendere la propria scelta, perchè non sono in condizione di farlo visto che il CNC è indifendibile di fatto se non ripetendo slogan facilmente smontabili con il ragionamento, mi hanno attaccato e hanno attaccato la mia famiglia.

    Certo non sono arrivati a spalmare secchielli di m**da come fa il nostro "amico" quando si rivolge a te (noi) pero' a inventarsi cose non vere questo si.

    Faccio un esempio?
    Quanche mese fa, prima dell'estate si rifà vivo anche se indirettamente un mio ex fratello.
    Questo signore avendo il proprio figlio che è amico del mio, mi manda a dire tramite mio figlio che era "dispiaciuto" per la nostra separazione".

    Immaginati mio figlio quando l'amico gli ha riferito queste parole....
    Ebbe' io ho spiegato a mio figlio che la cosa era normale perchè i fratelli un tempo tanto cari della comunità si divertivano "lanciando" in giro queste notizie.
    Poi ho telefonato al mio ex fratello per farmi dare dei dettagli: ebbene in comunità si era data questa notizia come esempio di quello che poteva succedere quando una coppia NC usciva da comunità.

    Non mi sono arrabbiato piu' di tanto e non sono riuscito a sapere da questo fratello chi aveva diffuso questa notizia.
    Allora ho telefonato al "responsabile" e gli ho detto che, visto che era LUI il "responsabile della comunità" si sarebbe dovuto prendere la responsabilità anche delle ca**ate che girano in comunità.

    L'ho diffidato di parlare di me (male o bene non importa, voglio essere lasciato in pace) e della mia famiglia.
    Non so quanto possa essere utile tutto questo visto che continueranno (come hanno fatto in passato) a parlare male di chi esce dal CNC, pero' di sicuro come gli ho detto se so' che qualcosa della mia vita uscita dalle risonanze o dagli scrutini "verrà fuori dalla loro bocca" agiro' di conseguenza.

    Non andro' ad aspettarli all'autogril sull'autostrada, perchè so dove abitano e so anche che il Parroco della parrocchia che frequento ora (e del quartiere dove vivono alcuni miei ex fratelli) ce l'ha a morte con i NC.
    Da lui le comunità neocatecumenali non passeranno (cosi' ha detto) e sicuramente se sà anche di questa prassi dell'infangamento dei fuoriusciti NC che ora frequentano la sua parrocchia(non sono il solo) da parte dei neocatecumenali, tanto buonino non ci starà.

    RispondiElimina
  50. @Apostata
    Manca l'Argentina. Perché? Forse l'allora cardinal Bergoglio non apparteneva alla schiera dei "cardinali nostri amici"?
    ---
    A completamento di ciò che dici, le Comunità Neocatecumenali i Argentina sono solo 45(fonte camino info.org);
    un po pochine, per uno dei paesi lider latino-americani,con circa 40.000.000 di abitanti.

    RispondiElimina
  51. @ anonimo 28 settembre, 2013 ha detto:
    "@ a Lino del 28 settembre, 2013 19:53. Io non deve chiedere scusa a niente e a nessuno, tantomeno a voi, piccolo gruppetto di una ventina di persone rinchiuse in una metaforica vecchia retro sacrestia del medioevo. Capaci solo di fare chiacchiere(vi suona familiare questo termine?..."
    Tu, non chiedendo scusa, ti sei ricoperto con la sostanza del famoso secchiello. Io non conoscevo quel tuo commento perché in qualche modo coinvolto nella lettura dei commenti (giustamente) censurati, ti è chiaro?
    Chiacchiere? Ti sembrano chiacchiere da "vecchia retro sacrestia del medioevo", queste mie?
    Kiko Arguello contro l'Opus Dei
    esegesi-errori-di-kiko-il-sicomoro
    La questione della nuova estetica neocatecumenale
    L'inquietante "cena" di Kiko Arguello
    No, sono critiche rigorosamente argomentate a chiacchiere vuote o eretiche da retro salette neognostiche neocatecumenali: lascia giudicare i lettori che, ti garantisco, qui e altrove, sono molte migliaia
    la-inquietante-cena-de-kiko-arguello.html
    L’inquietante “Cena pasquale” del Cammino neocatecumenale

    Nemmeno immagini il "piccolo gruppetto di una ventina di persone" che riflessioni suscita in giro!

    RispondiElimina
  52. Reverendissimo onorevole e sapientissimo Lino.
    Cosa dicevo?
    Siamo a 237. E tu ci rispondi pure.
    Non pubblichi e rispondi.
    Hai ragione che sia il lettore a decidere, dove sta veramente la verità e se vuole continuare a farsi abbindolare da chi manovra le informazioni a suo uso e consumo.
    E se avrete milioni di seguaci, siete come Kiko.
    Onori e ... oneri. Che significa responsabilità.

    E questo sarà il 238.

    RispondiElimina
  53. Lino anche noi siamo qualche migliaio.....e la chiesa tiene contondi dove spira il vento dello Spirito Santo.
    Le vostre migliaia, invece siete rigorosamente anonimi e nascosti, ti faccio un semplice ma chiarissimo esempio.
    Un Sacerdote della mia diocesi palesemente contro il cammino, sabato pomeriggio, dopo un evento, durante una discussione sui gruppi e i movimenti, parlando del cammino in fotocopia agli osservatori, alla mia semplice domanda del perche il Papa non ferma il cammino, poiche eravamo davanti a diversi sacerdoti, un Vescovo e tante altre persone, ha balbettato qualcosa e si è defilato..... cosa che se fossimo davvero faccia a faccia, fareste tutti voi....altro che marco bianco, ruben e appuntamenti a mezzogiorno di fuoco.
    L'unica certrzza sono i tanti secchielli che vi capovolgete da soli in testa.

    @gio

    RispondiElimina
  54. a @gio che ha detto: "...alla mia semplice domanda...".

    Visto che con una parola sai sbaragliare le argomentazioni di sacerdoti non favorevoli al cammino, saresti disposto a rispondere argomentando a un po' di domande su "fatti concreti e dimostrati" riguardanti il signor Arguello e il suo movimento?

    RispondiElimina
  55. E’ vero DG...anche io ho passato metà della mia vita infognato nel Cammino; i primi anni, felice di esserne parte, ma poi le cose hanno preso un’altra piega.
    Perciò, anche io, non condanno tutto il Cammino (“essendo fuggito schifato dal "Kikanesimo”, affermavo nel commento)...nel libro dico, anzi, che esso mi ha dato tanto!
    Ho contatti epistolari con una ragazza che frequenta, ancora oggi, la Comunità e MAI, ripeto MAI, ho detto qualcosa di male contro i miei ex fratelli (e lei lo potrebbe confermare!)...o detto loro...”a un palmo da me, potete e fare e dire ciò che volete. Ma la mia libertà inizia dove finisce la vostra!!! Vogliamo andare a mangiare una pizza? Pronti...vogliamo fare una scampagnata? Pronti, ma non voglio più sentir parlare di annunci, scrutini, convivenze, passaggi, veglie, preparazioni e celebrazioni...io ho già dato abbastanza!
    D’altro canto, mia moglie continua a Camminare, perciò quando vengono a casa mia, li accolgo bene.....mica sono un orso...penso però che abbiano capito l’antifona poichè, mentre prima mi invitavano a preparare con loro, adesso non lo fanno più...che mi considerino un infedele?!?
    ...e per “l’encefalocandeggiato” @Giò, non mi chiamo Marco Bianco, bensì Marco Aurelio Bianchi” Capito?

    RispondiElimina
  56. @gio
    le chiacchiere stanno a zero: quel sacerdote ha poca importanza, chiedo a te, come ha fatto l'apostata, di rispondere tu a queste semplicissime domande:

    1) Credi che i confessionali siano una eredità inutile del XVI secolo?

    2) Credi che la confessione sia "opzionale", cioè si possa fare "domani, se vuoi" anche se hai peccato gravemente contro il 6° comandamento?

    3) Credi che il Cristo non voglia stare in forma di Sacramento nel Tabernacolo, perché il "pane va a male" e che altrimenti si sarebbe fatto "presente in una pietra" e che la Presenza Reale "non è un assoluto" ma è "in funzione del mistero pasquale"?

    Se rispondi a questo, con argomenti, allora sei degno di ascolto, altrimenti sei solo fuffa, chiacchiere, pinzillacchere, quisquilie, uno che passa tra le gocce d'acqua quando piove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ci sono quelli che vi rispondono!!Solo che voi:o non li pubblicate o li prendete per lunatici

      Elimina
  57. @ giò ha detto:
    "Le vostre migliaia, invece siete rigorosamente anonimi e nascosti..."
    Al momento, personalizzando, io firmo con nome e cognome i miei scritti, mentre tu sei un anonimo e banale "@giò". Di "nascosto", al momento, nella "chiesa" vostra, trovo le salette chiuse e il direttorio "approvato".

    @ giò ha detto:
    ...cosa che se fossimo davvero faccia a faccia
    Non faccia a faccia, @ giò: in presenza di una platea. Io non dibatto "faccia a faccia": soltanto in pubblico. Credimi: vi ridicolizzerei. Già l'ho fatto, chiedilo ai neocat della parrocchia di seguito citata.
    "Perché il Papa non ferma il cammino?". Perché, BXVI non l'ha fermato?
    Avrei risposto:
    "Faccetta Nera
    Bell' infangato
    Aspetta e spera
    Che già l'ora s'avvicina!"
    .
    La Feria IV non significa niente? E le lettere del Corvo, nero come un fango-fango?
    E poi, se non lo si fermasse: conosci i tempi che servirono per bloccare l'eresia di Ario?
    Sai perché fu sancita l'infallibilità ex cathedra, a seguito di quali problemi?
    Io vivo a Napoli, @Giò. Il mio nome sta negli articoli citati. Chiedi ai catechisti della parrocchia neocatecumenalizzata di S. Maria del Buonconsiglio (Via Posillipo) di fare un incontro pubblico - c'è un'ampio salone, attualmente affittato per corsi di notai e assemblee di condominio - con me, te e Baccalà presenti.
    Alla sola richiesta, @giò, ti diranno: "Ma a tte te fa male 'a capa?".
    Organizza con Baccalà, @giò, organizza. Io ci sarei. Voi non credo. E nemmeno la disponibilità della sala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perchè non cominciate ad aprire gli occhi,il cammino il papa non lo vuole chiudere,punto e basta

      Elimina
  58. @ FDF ha detto...
    "Se rispondi a questo, con argomenti, allora sei degno di ascolto, altrimenti sei solo fuffa"
    Magari è disponibile a confrontarsi "faccia a faccia", caro FDF. La sala la pago io. Ammesso che me la concedano :-)

    RispondiElimina
  59. Quello che dispiace leggendo i commenti su questo blog, é che la faccia ed i nomi visibili, sono solo quelli di Kiko & Co.
    Tutti coloro che commentano liberamente (sostituendosi al giudizio addirittura del Papa) sono anonimi.
    La Chiesa ha giá espresso un giudizio sul CN in maniera abbondante ed accurata.
    Le vostre considerazioni (ed i commenti anche di cattivo gusto) lasciano trapelare qulcos´altro del quale non si é a conoscenza che va oltre la vostra paura di un qualcosa di non-cattolico che é e rimane approvato dai Papi......nonostante i vostri post.
    Quello che mi spaventa é il pensare che se qualcuno si affaccia su questo blog, il vostro comportamento non fa altro che allontanarlo dalla Chiesa; e di questo voi ne siete responsabili, di fronte a loro e di fronte a Dio.
    L´importante é che questo sia chiaro; il resto sono vostre considerazioni personali dettate da un´ignoranza su temi giá abbondantemente dibattuti dalla Chiesa.

    RispondiElimina
  60. @Anonimo 30 settembre, 2013 13:09

    "Non pubblichi e rispondi.
    Hai ragione che sia il lettore a decidere, dove sta veramente la verità e se vuole continuare a farsi abbindolare da chi manovra le informazioni a suo uso e consumo."

    Anonimo,
    essendo zombificato ovvero svuotato e riempito di Kiko, non so se potrai mai capire il motivo per cui i tuoi commenti come quelli di tanti altri replicanti ncn vengano censurati.
    Se continuate a riproporre le catechesi e la propaganda malata degli iniziatori del cammino perché una persona sana di mente dovrebbe pubblicarvi? Che senso ha dare spazio ad un automa? Le vostre non sono informazioni ma slogan che riproducete in serie a causa del programma che vi hanno installato; è proprio questo l'aspetto più drammatico: non ve ne rendete conto.

    @gio ha scritto:

    "alla mia semplice domanda del perche il Papa non ferma il cammino, poiche eravamo davanti a diversi sacerdoti, un Vescovo e tante altre persone, ha balbettato qualcosa e si è defilato....."

    Sarebbe come chiedere al governo italiano perché non ha ancora sconfitto la mafia.



    RispondiElimina
  61. Caro fratello neocatecumenale anonimo (che magari ti firmi con tanti nick diversi), la tua valanga di insulti anonimi esprime solo due cose:

    1) la tua spiritualità da idolatra, che non vuole discutere, non vuole sentire ragioni, vuole solo insultare chi non elogia il tuo idolo

    2) il fatto che hai un terrore nero di scoprire che le cose dette su questo blog (e non solo su questo blog) siano tutte vere.

    Quando scoprirai che Kiko ha gabbato te e i tuoi cari, cosa farai?

    Quale tragico e atroce dolore quando si scopre di essere stati ingannati, e per di più di aver ingannato (sia pure in buona fede) i propri cari!

    Sarà doloroso per te ripensare a tutte le volte che eri stato messo in guardia, sia in modo gentile che in modo ironico.

    Proverai tristezza nel ricordare che mentre gli altri ti facevano notare le più elementari ovvietà (come gli strafalcioni liturgici di Kiko), tu difendevi un idolo che ti ha dissanguato, spiritualmente, economicamente, intellettualmente, umanamente dissanguato.


    Quanto ai "personaggi con nome e cognome", sfatiamo un altro mito!

    Kiko è un personaggio pubblico.

    Non solo è un personaggio pubblico: è anche dotato di una notevole potenza: i suoi potenti appoggi, i suoi fedeli seguaci, eccetera.

    Quando Kiko vuole demolire qualcuno, non ha bisogno neppure di muovere un dito. Kiko è temuto: non solo per le note ed efficaci rappresaglie neocatecumenali, ma anche per motivi mediatici. Nessun vescovo desideroso di carriera accetterebbe l'idea di finire su tutti i giornali etichettato come "l'anti-Kiko" (questo è il motivo per cui molti vescovi che detestano il Cammino, in pubblico invece lo incoraggiano). Figurarsi poi quando ci si abitua alla comodissima «oliatura»...

    Per dire che il re è nudo basta la voce di un bambino. Del resto è con la bocca dei bimbi e dei lattanti che avanza la Verità, la Verità nascosta ai sapienti e rivelata ai semplici.

    Quei semplici che non hanno un nome famoso, che non hanno soldi per «oliare» neppure la bicicletta, che non possono vendicarsi né lanciare rappresaglie, che non hanno amici potenti.

    I nostri nomi non contano niente, e voi lo sapete bene (per questo li chiedete così spesso).

    Fra l'altro, proprio voi "anonimi" venite a chiedere il nostro nome?

    Quello che conta è la verità.

    Non è importante "chi" dice la verità. È importante solo la verità.

    È la verità che vi fa paura, è la verità che vi dà fastidio, che vi toglie il sonno, vi acceca dall'ira.

    Per questo avete bisogno di tanta segretezza, di tanti arcani, di operare nelle tenebre nelle quali Kiko (a vostre spese!) vi conduce.

    RispondiElimina
  62. il vostro comportamento non fa altro che allontanarlo dalla Chiesa

    E perché? PERCHE'??
    Dì un motivo serio oppure taci! Esiste solo il cammino? La Chiesa è solo il cammino? Fuori dal cammino c'è l'inferno assicurato?
    Rispondi, maledizione!

    E ti ripeto, non importa chi dica una eresia CONCLAMATA, fosse pure il Papa! Kiko ha detto una serie di cretinate ergo doveva essere corretto!

    E invece no! NO! non succede mai! proprio perché tutti ne hanno paura! Tutti lo temono, come si temono/amano i catechisti, perché li si identifica con Gesù Cristo! Potresti mai contraddire Cristo? O forse non è possibile che i catechisti sono solo uomini, che Kiko è solo un uomo e che può sbagliare e quando sbaglia va corretto anche con durezza?

    Perché accetti che del Corpo di Cristo si dica che "non è un assoluto" che Cristo nel Tabernacolo è un "divino prigioniero"? PERCHE' LO ACCETTI quando è una MENZOGNA??

    Perché non si può dire che Kiko ha SBAGLIATO? San Francesco fu corretto nella sua ispirazione dal Papa, KIKO NO! Non si è lasciato correggere!

    RispondiElimina
  63. @Anonimo 30 settembre, 2013 17:14

    "Quello che mi spaventa é il pensare che se qualcuno si affaccia su questo blog, il vostro comportamento non fa altro che allontanarlo dalla Chiesa; e di questo voi ne siete responsabili, di fronte a loro e di fronte a Dio."

    Ah quindi anonimo, aprire gli occhi sulla realtà del cammino significa allontanarsi dalla Chiesa? Il cammino è la Chiesa? Ma ti rendi conto di essere drogato di kikianesimo?

    E hai anche il coraggio di parlare di responsabilità! Di quante ingiustizie è responsabile il cammino? Quante sofferenze ha provocato? Quante menzogne ha diffuso? Chi stai seguendo? Che cosa la Chiesa ha approvato REALMENTE? Sveglia Anonimo!!! Prima di fare il processo a noi, non ti converrebbe togliere prima la trave dal tuo occhio, disintossicarti dalle balle che ti raccontano i catechisti e confrontarti con la verità dei fatti?

    RispondiElimina
  64. @Anonimo 30 settembre, 2013 17:14
    "Quello che mi spaventa é il pensare che se qualcuno si affaccia su questo blog, il vostro comportamento non fa altro che allontanarlo dalla Chiesa..."
    Dalla Chiesa? No, al massimo dalle salette gnostiche, dove si insegnano chicche di questo tipo, che ridicolizzano la Confessione:
    "Questo fatto della confessione dei peccati, con tutto il suo senso medicinale mediante il quale la gente si salva, rende tanto importante la cosa che il Concilio del Laterano impone l'obbligo ai fedeli di confessarsi una volta l'anno. E come appare l'obbligo di fare la Pasqua, così appare anche l'idea di confessarsi prima di fare la comunione. Questo fino ai giorni nostri.Così arriviamo al Concilio di Trento. Con il Concilio di Trento, e dal XVI al XX secolo tutto rimane bloccato. Appaiono i confessionali, queste casette sono molto recenti. La necessità del confessionale nasce quando si comincia a generalizzare la forma della confessione privata, medicinale e di devozione... Non ridete perchè l'abbiamo vissuto anche noi (Or. fase di Conv., p. 174).
    Quale Chiesa, quella nella quale è Kiko a rimettere i peccati comunitari dal palco di una GMG? "Domani, se vuoi"?

    Capito, anonimo? Le "casette" sono recenti, l'obbligo di confessarsi prima non c'era, evviva il ritorno al cristianesimo delle origini! E vieni qui a parlare di Chiesa?

    RispondiElimina
  65. P.S.
    Magari ce la facciamo spiegare da Katartiko, questa delle casette. Non dubito che saprà affrontare molto bene il problema del "domani, se vuoi" ti confessi - tanto prima le casette non c'erano - ma la Comunione prendila subito, prima che il pane vada a male e il Signore sia passato e, dopo, nella saletta "non rimane altro che lo spazio cosmico" di Rudolf Schwarz.
    Dai Katartiko, illuminaci. Le questioni sono serie. Mica puoi sempre giocherellare?

    RispondiElimina
  66. E.C.
    Sarà P.T. a illuminarci. "lasciatelo a me!", ha scritto. Si attende la pubblicazione sul sito dei disertori di una sua catechesi sulle "casette" che fanno ridere e sul pane che "va a male".

    RispondiElimina
  67. "Sarà P.T. a illuminarci. "lasciatelo a me!", ha scritto. Si attende la pubblicazione sul sito dei disertori di una sua catechesi sulle "casette" che fanno ridere e sul pane che "va a male".


    Ma per carità! Ci mancano le catechesi di Pasquale!
    (o di chi per lui)

    Ma che abbia un poco di umiltà e si faccia aiutare veramente da un Sacerdote!

    Da un Sacerdote che NON SIA NEOCATECUMENALE, visto dove lo hanno portato tutti gli anni che dice di aver passato nel cammino NC!!!!

    A me queste persone che si autodefinistono "catechisti" solo perchè sono stati estratti i loro nomi sui dei biglietti e hanno letto e studiato a memoria le Kikocatechesi (manco se fossero i rotoli del Mar Morto), mi fanno venire un voltastomaco.

    E ripenso ai miei fratelli, sia quelli usciti che quelli che ancora restano in comunità, e tutti gli sfaceli che hanno combinato nella loro vita i sedicenti "catechisti"

    I dolori con i propri coniugi, le separazioni forzate, i figli messi fuori casa, quelli che sono ancora dentro e che soffrono come cani perchè si ritrovano a 30 anni a non sapere ancora cosa fare della loro vita.

    Alle donne un tempo "ragazzineNC" che ora come unica prospettiva di vita è partire itineranti in cina (a fare le cefale, come ha detto kiko) o andare a fare le baby sitter (ma solo NON SONO BELLE altrimenti c'è il pericolo che il "papà della famiglia in missione" sia "tentato" dalla bellezza ragazza ..) oppure entrare in convento anche se non hanno la vocazione.

    Una grande tristezza e pena provo per tutte queste persone che soffrono e che non riescono a liberarsi dai neocatecumenali, perchè pensano che non c'è salvezza fuori il CNC e che la Chiesa sia triste, vecchia, non vera e che solo il cammino neocatecumenale possa aiutare a trovare Dio.
    Si, mi viene da dire, il dio Kiko quello si che lo trovano...e lo possono trovare anche sull' icone che guardano ogni giorno!

    "Alzati e poi Dio ti indicherà la strada..."
    quante volte ho inteso questa infelice frase.

    Si dovrebbero vergognare, altro che scrivere in un blog per sentirsi qualcuno nel cammino NC.

    RispondiElimina
  68. @ DG
    Spiacente, DG, ci contavo, ma pare che non abbia voglia illuminarci. Anche ha scritto che io intendevo sfidarlo in piazza :-)
    Io, veramente, avevo parlato di una sala; lui, però, non sa che nelle sale si mettono sedie per il pubblico e tavoli di presidenza dove i relatori dibattono; crede che queste cose si facciano come nelle "piazzate" NC. D'altra parte, anche volendolo e sapendolo fare, come avrebbe potuto? Un neocatecumenale che dibatte in pubblico delle "casette" che fanno ridere e del pane che "va a male"? Figurati gli itineranti come lo combinerebbero :-)

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.