giovedì 25 maggio 2017

Mano al portafoglio fratelli! Caviale, aragoste e sigari cubani non crescono sugli alberi!


Puntuale quanto Equitalia, nel maggio-giugno di tutti gli anni l'autonominato "iniziatore" del Cammino Kiko Arguello scrive una delle sue personalissime comunicazioni esattoriali, chiedendo collette ai "fratelli" del suo Cammino per coprire i mostruosi debiti da lui contratti in ogni parte del mondo, in nome di una non meglio specificata "evangelizzazione", che non sarebbe nient'altro che la pappagallesca ripetizione delle sue cosiddette "catechesi" ammuffite vecchie di 50 anni.

Non bastava la Kiko-tax, ovverossia la famigerata "decima" - già imposta indistintamente a studenti, casalinghe e pensionati minimi - e utilizzata spesso e volentieri per pagare le spese di ipertrofici "catecumenium", la kikizzazione delle chiese, l'oliatura di Vescovi e Parroci e l'acquisto di macchine e viaggi per i cosiddetti "catechisti" di alto rango. Non bastava la ridicola sceneggiata della raccolta del "bottino" al secondo scrutinio, no, non bastavano nemmeno i continui ed esosi balzelli imposti per ogni cretinata che venga in mente all'Augusto Kiko!

Si sa, gli idoli sono sempre molto esigenti, ed EquiKiko non fa eccezione, perciò ecco che anche quest'anno, 2017, l'amministratore delegato della Cammino Neocatecumenale S.p.A. invia a soci e investitori il seguente messaggio (diffuso già in Italia, Spagna e USA):
«Cari fratelli,
Perdonate queste parole, ma avremmo bisogno che ci diate un vostro aiuto. Concludendo il corso dell’anno 2017 e preparandoci per il prossimo corso, ora a Giugno avremo la convivenza di tutte le équipes itineranti d’Europa per rivedere la situazione del Cammino in Scandinavia - soprattutto Danimarca, Svezia, Finlandia, ecc. -, nel Regno Unito, in Olanda, Germania, Austria, Svizzera, Cecoslovacchia, nei Paesi della ex-Iugoslavia - Croazia, Montenegro, Bosnia, ecc. -, e la situazione dei Paesi che sono stati sotto il comunismo, come Ucraina, Lettonia, Lituania, Georgia, ecc. Oltre a questa convivenza, il prossimo 25 Maggio, avremo l’incontro delle Famiglie, dato che gli Itineranti di tutto il mondo ci chiedono più di 200 famiglie per rinforzare la missione nelle loro nazioni.
Ohibò! In sintesi ci sarà un summit del G20 del Cammino Neocat per "discutere della situazione della Scandinavia" (chi sa se gli scandinavi sono a conoscenza del fatto che si deciderà presto del loro futuro in termini di invasione neokikiana...) e dei "paesi che sono stati sotto il comunismo". Poffarbacco! Il Comunismo! il comunismo è finito dal 1989, quindi da quasi trent'anni, ma tirarlo fuori ogni tanto fa bene, a Kiko serve sempre uno spauracchio da agitare per spaventare i suoi fedelissimi discepoli e rendere più fluido l'allargamento dei cordoni della borsa.... uuuuhhhh il comunismo! uhhhh la bestiadellapocallise! lo dimonio! uhhhhhh 
Passata l’estate, avremo prima la convivenza dei presbiteri e dei seminaristi di Italia e Spagna, dove saranno inviati, senza soldi, ad annunciare il Vangelo a due a due; dopo ci sarà la convivenza dei Rettori dei diversi Seminari, dove ci riuniremo per accogliere e distribuire i circa 300 giovani che già sono pronti per entrare nei Seminari Missionari Redemptoris Mater. Poi ci sarà la convivenza di inizio corso e, a fine Gennaio, come tutti gli anni, avremo la convivenza mondiale di tutti gli Itineranti del mondo, assieme ai Rettori e ai Responsabili delle comunità più antiche del Cammino. Lì vedremo la situazione dell’Africa, dell’Asia e dell’Oceania. Tutte queste convivenze le facciamo in Italia, vicino al mare, in un luogo chiamato Porto S. Giorgio, dove gli alberghi che dovremo utilizzare, sono abbastanza cari e questo comporta che dobbiamo sempre lasciare, dopo la colletta, un debito che, nel migliore dei casi, è di 100 mila euro.
Il "lider maximo" Kiko nella sua mise da
convivenza degli itineranti
Ah ma allora è un vizio! La situazione dell'Africa? Ma chi si crede di essere? il Papa? Ovviamente, come tutti i grandi di Stato con la corte al seguito, non è che può andare ospite in monasteri e pensioni, o meglio ancora in uno dei tanti Redemkikis mater semivuoti costruiti in giro per il mondo, no! solo alberghi vicino al mare, in una località non proprio economica, in piena alta stagione. Apprendiamo - per esempio da Booking.com - che un albergo medio, a Giugno, costa come minimo 65 euro a notte a pensione completa, il che vuol dire per circa 500 persone, in 10 giorni - ebbene si, le convivenze degli itineranti arrivano a durare anche 10 giorni passati ad ascoltare i deliri di Kiko - ben 325.000 euro! E questo senza contare i soldi dei biglietti aerei che spesso e volentieri sono a carico della Fondazione Famiglia di Kik... ops! di Nazareth.

Mano al portafoglio fratelli!
Potete quindi immaginare che con questa lettera vi chiediamo un aiuto per la quantità di convivenze che ci attendono; dato che il debito supererà il mezzo milione di euro, se non riceviamo un aiuto dovremmo fermarci. Ad ogni modo io non mi vergogno di chiedervi dei soldi, dato che è per prendere parte alla EVANGELIZZAZIONE MONDIALE ITINERANTE e sono certo che il Signore vi pagherà il 100 per uno.
Così, fratelli, prima di concludere il mese di maggio, voi Responsabili delle diverse comunità d’Europa potete annunciare ai fratelli che si farà una colletta per aiutare l’Evangelizzazione.
Coraggio! I miracoli che Dio sta facendo con il Cammino in tutto il mondo sono impressionanti: inoltre Carmen, che è una santa, diciamo di “categoria superiore”, e che speriamo che, giunto il suo momento, sia canonizzata, ci aiuterà dal Cielo, e soprattutto vi aiuterà ad essere generosi con il Signore. Auguro a tutti buone vacanze in Gesù Cristo, supplicandovi di pregare per me e per Padre Mario.»
Eh, certo, Kiko non si vergogna di abusare del Nome di Cristo Gesù per estrarre soldi dalle tasche di tanti semplici di cuore che gli credono! E la richiesta, ovviamente - dopo i tanti paroloni, dopo le rileccate a lingua di burro in cui è maestro - è perentoria: la colletta "si farà", costi quel che costi, tanto lui "non si vergogna". Altro che "pregate per me": questa è una cartella esattoriale! Potremmo suggerire all'Agenzia delle Entrate di accompagnare le richieste di soldi ai contribuenti con questa magica formula finale: "pregate per noi". Chi sa: magari funziona!

Cosa sia poi una "Evangelizzazione mondiale itinerante" non lo sa nessuno, ma è scritto in maiuscolo, perbacco, deve quindi essere Una Cosa Molto Importante!

E infine, chicca delle chicche, Carmen sarebbe una "santa" di "categoria superiore". Toh, come il vino liquoroso, quello che Kiko si è bevuto prima di scrivere questo schifo! Se è santa perché non chiede l'intercessione? I soldini appariranno come per magia....

Orbene, Kiko non contento di aver già chiesto alle vecchine di fare testamento in favore del Cammino, non soddisfatto di tutte le spaventose donazioni ricevute in cinquant'anni - la terra della stessa Domus Galileae, del Centro di Porto San Giorgio e della Domus Jerusalem, i lasciti, le proprietà regalate anche quando sottratte illegalmente ai fedeli della diocesi... - come un Moloch insaziabile continua a ingoiare denaro per finanziare le sue attività turlupinando i suoi seguaci con la scusa dell'evangelizzazione!

Cari neocatecumenali: per testare la bontà del cammino e dei suoi iniziatori, rifiutatevi, non in segreto ma pubblicamente e motivatamente, di dare altro denaro. "Fermate" la macchina tritatutto del Cammino - come ha minacciato The Kiko - e osservate come reagiscono i vostri "catechisti", i responsabili regionali, gli itineranti. Guardate quanti secondi impiegheranno a cacciarvi, umiliarvi, annullarvi, rivoltandosi contro di voi per divorarvi.

Solo a quel punto vedrete davvero di che pasta sono fatti! Solo allora vedrete chi davvero si nasconde dietro alla barbetta luciferina e l'aria da profeta ispirato!

STOP. THE. MONEY.

Avete l'occasione.

91 commenti:

Pax ha detto...

Voglio partire da qui, poi vediamo il resto:

Dice Kiko:
"Potete quindi immaginare che con questa lettera vi chiediamo un aiuto per la quantità di convivenze che CI ATTENDONO; dato che il debito SUPERERA' il mezzo milione di euro, SE NON RICEVIAMO un aiuto dovremmo fermarci."

Abbiamo immaginato bene, infatti, tranquillo!
dall'incipit era già tutto molto chiaro!

Ma analizziamo questo per ora, poi torniamo daccapo:
1. Appare evidente che Kiko è Predicatore farlocco di cose in cui egli stesso non crede, infatti chiede aiuto per DEBITI FUTURI, esempio mirabile di affidamento alla Divina Provvidenza.
Perché una cosa è certa:
Tutti gli itineranti, insieme a Kiko (pur avendo SEMPRE grandi disponibilità economiche, garantite dal fatto che è una vita che si fanno mantenere nel loro ALTO tenore di vita!), quando partecipano alle convivenze, NON METTONO MAI MANO ALLA TASCA, MA PRETENDONO VITTO E ALLOGGIO GRATUITI, OSSIA ALTRI DEVONO PAGARE PER LORO.

Qui mi piace mettere in evidenza, a conferma di ciò che affermo:

a) Kiko stesso ha raccontato, recentemente, che mai dà in elemosina meno di 50 euro.
Domanda: come fa ad andare in giro con le tasche piene di biglietti da 50 euro da distribuire, evidentemente non privandosi di niente come ben si sa, lui che è un nullatenente?

b) altro episodio significativo, quello riportato da uno dei medici che ha tenuto in cura Carmen Hernandez durante la sua malattia.
Questo medico raccontava, ad un suo collega, che Kiko, ostentando grandi disponibilità economiche, chiedeva a lui quanto costassero le cure di Carmen, che avrebbe pagato cash perché aveva fretta di rientrare a Roma con un jet privato e mettendo le mani nelle tasche, tirava fuori pacchi di banconote, con fare molto spavaldo e sfrontato.

c) Kiko dice di usare tutte le collette SOLO per l'evangelizzazione, intanto perché non ci spiega...
c1) Con quali soldi ha fatto costruire, in quattro e quattr'otto, un mausoleo o pantheon per la sepoltura di Carmen e la sua, quando sarà, più quella del povero padre Mario, eternamente a rimorchio?
c2) Con quali soldi ha fatto abbattere e ricostruire parte del R.M. di Madrid per il suo affresco mozzafiato, in oro zecchino, su una intera parete incorniciata dal cielo, per il quale si esalta come un bambino, mentre chi lo guarda pensa solo che è l'ennesima copia della copia, come tutti gli altri, sparsi per il mondo?

CONTINUA

Pax

Pax ha detto...

Torniamo all'incipit della lettera di Sankiko apostolo -di se stesso- ai neocatecumenali di Italia, Spagna e Europa tutta.

Il Calendario delle prossime convivenze di itineranti, di cui ci fa parte graziosamente, non si può leggere, da cima a fondo, senza provare un senso violento di nausea e ripugnanza.

Ma, dico io, possibile mai che sono anni, anni e anni che Kiko/Carmen fanno ogni anno le STESSE identiche cose, alle STESSE identiche date, sempre?

Quello che più mi fa pena e che più mi indigna è l'annunciata prossima "distribuzione" di ALTRE 200 famiglie da mandare in missione - N.B. su richiesta degli itineranti di tutto il mondo - e di CIRCA 300 giovani (quando parla così significa che sta gonfiando i numeri!) già pronti per entrare nei Seminari R.M..
Perdonatemi se definisco, gli uni e le altre, con grande dolore, carne da macello!

Ma i Vescovi della Santa Madre Chiesa, che sono i Responsabili finali di tutto, dove stanno? Che fanno? Mentre questi lupi sbranano il gregge indifeso e ingrassano per il giorno del giudizio?
Avete capito Vescovi, che non ci leggete e che non ci ascoltate?!
Non su richiesta dei Vescovi, no, ma degli Itineranti di tutto il mondo, infatti sono loro la longa manus di Kiko, in tutti i sensi!
Mentre i veri RESPONSABILI di tutto siete Voi, gli unici Pastori!
Intanto, in questa gran confusione e ancor prima di partire per le varie destinazioni nel mondo, sia alle "povere famiglie" che ai "giovani predestinati", è fin troppo chiaro a chi dovranno obbedire, da quel momento in poi, incondizionatamente.

Prima dell'estate e dopo l'estate il "carissimo Kiko" lavorerà alacremente per organizzare tutta la macchina neocatecumenale anno 2017/2018 nel quartiere generale del Centro Internazionale di Porto San Giorgio, dove è servito e riverito, e dove affluiscono numerosi i suoi seguaci/sodali, dai quattro angoli della terra........per venire a prendere le vittime sacrificali da portare via!
Ovviamente tra il prima e dopo l'estate il sig. Arguello andrà a farsi una meritata vacanza in qualche posto esclusivo di montagna, sempre a spese dei camminanti/polli, perché deve recuperare forze ed energie in vista delle estenuanti fatiche a cui abitualmente si sottopone.

Ogni anno così, da una vita! Accompagnato da qualche fedelissimo.

Mago Kiko, che si fa pagare profumatamente, come tutti i Maghi che si rispettino, le profezie i vaticini e gli oracoli che dispensa a profusione sui suoi adepti, riuniti e trepidanti nell'apprendere il loro destino...
dice:
"Con questa lettera vi chiediamo un aiuto per la quantità di convivenze che ci attendono...sicuro mezzo milione di euro di debito....SE NON RICEVIAMO UN AIUTO DOVREMMO FERMARCI." (ripeto, perché merita!)
Noi esultiamo:
Alleluja, non dircelo Kiko, se no ci crediamo veramente! E ci speriamo! Tu ti fermi, davvero, ti fermi?

Ma noi lo sapevamo già che l'unica cosa che può fermarti è restare senza soldi, tu lo dici ai fratelli come un incoraggiamento a essere generosi, noi, invece, ripetiamo, come un auspicio:
Oh Fratelli delle Comunità!
Per carità! NON METTETE NULLA NELLE COLLETTE, zero, e finalmente Kiko si ferma, si ferma.
Potere del denaro!
Se Kiko non avrà il vostro denaro si ferma, cosa muove il cammino, cosa tiene in vita il cammino? Il denaro. Il vostro denaro.

CONTINUA

Pax

Pax ha detto...

Conclusione, alcuni spunti esilaranti:

Kiko:
Io non mi vergogno di chiedervi soldi.
Noi:
Ce ne siamo accorti!

Kiko:
Prima che finisca maggio tutte le comunità d'Europa annuncino ai fratelli che SI FARÀ una colletta speciale per l'EVANGELIZZAZIONE MONDIALE ITINERANTE - pensate fratelli, che onore, partecipare a questa esclusiva di Kiko, Cefali e 72 compari!
Noi:
Certo devono prepararsi bene, andando a prelevare tutti i risparmi!

Kiko:
Perché il Signore vi pagherà il cento per uno
Noi:
Sei come il Gatto e la Volpe con Pinocchio che, povero illuso, seminerà i suoi pochi zecchini, e resterà buggerato, mentre il Gatto e la Volpe andranno a fare bisboccia....finché dura, alla faccia di Pinocchio!

Infine, nell'ultimo capoverso, Kiko si supera dichiarando....
"Carmen "santa di categoria superiore", che speriamo, giunto il suo momento?!, sia canonizzata, CI AIUTERÀ'".
Va precisato subito che Kiko conosceva troppo bene Carmen, altroché!
Che bassa idea ha mai della santità! banale! squallida!
Carmen era una persona ambigua, arrogante, presuntuosa,
bravissima nell'arte di infierire, senza alcuna pietà, sugli sventurati che le capitavano a tiro, una vera arpia!

Dunque, Come CI AIUTERÀ' costei?
C'è lo spiega il nostro iniziatore, capo di tutto.
Continua Kiko:
SOPRATTUTTO VI AIUTERÀ AD ESSERE GENEROSI COL SIGNORE.

Dicci come, grande Kiko? In che modo ti verrà in aiuto dall'altro mondo?

CONTINUA

Pax

Pax ha detto...

Ve lo dico io:
Carmen, per chi l'ha conosciuta nella sua indisponente arroganza che, guarda caso, proprio nel post di ieri è stata stigmatizzata a dovere - e non è certo esperienza isolata quella raccontata, come tante volte abbiamo confermato e confermeremo ancora in futuro, con fatti vissuti sulla nostra pelle - può AIUTARE i fratelli ad essere generosi nelle collette in un solo modo:
Apparendo di notte come un incubo, oscuro fantasma minacciando, come solo lei sapeva fare così bene, che, se non sganciate la grana al suo Kiko, amatissimi fratelli delle comunità, MAI PIÙ vi libererete della sua presenza infestante e terrorifica notturna!

Infine, oh fratelli che ancora siete nel cammino neocatecumenale e ai quali il signor Kiko Arguello rivolge il suo saluto finale, voglio dire a nome vostro:

Grazie di cuore per gli auguri di buone vacanze, oh illustre Kiko!

E voglio tranquillizzare il nostro grande iniziatore:
Certo che pregherete per Kiko e padre Mario (a proposito ma non doveva designare la sostituta della Carmen?).
Perché che altro potete fare questa estate?
Se sarete generosi nella colletta, come richiesto, quali vacanze potreste mai fare, quest'anno?
Dovrete di certo rinunciare totalmente, una volta rimasti senza un euro, e dovendo iniziare subito ad accantonare la decima per il fine mese, ormai vicino.
Ma non basta, sicuro voi non farete un giorno solo di vacanza anche per quanto segue.....
Aggiungo, per completare, una cosa degna di menzione a chiusura del cerchio:
mi giunge voce di molte altre richieste di collette che si sono accavallate nelle comunità negli ultimi tempi, in particolare per mantenere le famiglie inviate recentemente, quasi tutte già ridotte alla canna del gas, con numerosa prole al seguito, per le missioni tanto ben organizzate dai responsabili itineranti di Kiko, le sue teste di cuoio, come alcuni amavano definirsi!

A proposito, ma guarda, mi si apre la memoria in maniera prodigiosa, illuminazione dall'alto per te, impagabile Kiko, devo farti una domandina:
Ma, ab origine, la missione delle famiglie non aveva una "conditio sine qua non"?
E questa condizione irrinunciabile non era che il Vescovo ad quem doveva impegnarsi, facendosi carico della famiglia DA LUI RICHIESTA, anche fornendo la casa di abitazione e tutto il resto, fino a quando, radicatasi nella nuova realtà con un lavoro e tutto, la famiglia non fosse finalmente autosufficiente?
Come mai ora queste famiglie sono CADUTE tutte sulle loro comunità di provenienza, stremate dalle continue collette? Nelle quali non si riesce più a provvedere ai bisogni dei fratelli in difficoltà?
E per completare l'opera, sei arrivato anche tu, con la favola della chance di partecipazione nientemeno che alla EVANGELIZZAZIONE MONDIALE DEI TUOI PRESUNTUOSI ITINERANTI, che oltre i soldi non condividono nulla con nessuno, gli irraggiungibili, cerchia chiusa di eletti!

Ma non importa, tranquillo Kiko, non darti pensiero per i tuoi poveri camminanti.
Importante è che la vacanza la faccia tu, come sempre hai fatto, meritatamente, abbandonandoti ai tuoi mille capricci e alle tue incontentabili esigenze, che solo chi ti ha accudito per anni conosce.

Buone vacanze, dunque, a te, magnate del più grande business religioso mai visto prima.
Il tuo motto è geniale: quello che è tuo è MIO e quello che è MIO è MIO.
Questo primato nessuno te lo toglie.

Pax

Anonimo ha detto...

@ Pax

che ha detto:
c2) Con quali soldi ha fatto abbattere e ricostruire parte del R.M. di Madrid per il suo affresco mozzafiato, in oro zecchino, su una intera parete incorniciata dal cielo ...?

Carissima Pax, grazie come sempre per tutto quello che scrivi, ma devo correggerti su una piccola cosa: il Seminario "Redemptoris Mater" non è quello di Madrid ma quello di Roma, ed io stessa ho parenti e amici che sono andati a visitarlo.

Annalisa

Anonimo ha detto...

@ KIKO

"Carissimo" (nel senso di "costoso"!) Kiko, ma il "fatto concreto" che NON avete i soldi per la tua "evangelizzazione" cosa dice alla TUA vita? Cosa vuole dire DIO con questo fatto alla TUA vita?
Ti do un aiutino: vuole forse dire che non è la Sua volontà? vuole forse dire che non dovete farla? vuole forse dire che la Provvidenza (quella vera) si oppone al Cammino?
Vediamo se qualche "illuminato" catechista sa rispondere a nome del Cammino e di Kiko.
Noi rimaniamo in attesa di ricevere una risposta.

Annalisa


C. ha detto...

Vedo con tristezza che stanno peggiorando, quando ero in cammino non si raggiungevano simili livelli di bassezza nelle lettere.

Comunque sottoscrivo l'invito. Evitate di dare soldi senza sapere cosa si farà con quel denaro. Non c'entra nulla la mano destra e la sinistra, come vogliono farti credere. C'entra il buon senso, e il discernimento che il Signore ci ha affidato.

Buona giornata.

Beati pauperes spiritu ha detto...

Io non credo affatto che Kiko non abbia soldi. Non lo crederei nemmeno se vedessi i registri con i miei occhi: in Cammino ci sono circa 1 milione di persone. Se ciascuno donasse 1 euro, anche nei paesi più poveri, in un istante si materializzerebbe 1 milione di euro. Per una macchina tritasoldi come il cammino 500.000 euro sono una bazzecola!

No Kiko ha messo una tassa, e lo ha fatto prima del tempo prima ancora di avere i conti nelle mani, perché vuole estrarre soldi dai camminanti, non attingere alle casse della Fondazione. Sta semplicemente chiedendo un anticipo in bolletta, perché come ha detto bene Pax lui non crede in ciò che predica. La provvidenza è per te, povero imbecille, lui chiede i soldi addirittura in anticipo, sai mai...

Kiko è un falsario, predica menzogne, e se è vero, come spero, che le famiglie in missione sono alla canna del gas, per quanto mi dispiaccia umanamente è solo la conferma che la missione di Kiko non è da Dio, ma è solo una organizzazione umanissima, come i TdG o Scientology

Lino ha detto...

E questo sarebbe il membro permanente di un Aggregazione Ecclesiale, una Fondazione, praticamente il socio di maggioranza assoluta che nomina i Consigli di Amministrazione?
Questo conto della serva sarebbe una sorta di bilancio preventivo per le spese della EVANGELIZZAZIONE MONDIALE ITINERANTE, sarebbe una comunicazione sociale ai soci finanziatori per ripianare (in nero) i debiti futuri?
Ma fatemi il favore!
Tirate fuori i bilanci delle Fondazioni del CNC, tirate fuori i costi sostenuti per anticipi e rimborsi spese al signor Kiko Arguello e alle sue orchestre. Tirate fuori le indagini di mercato per la scelta dei fornitori di beni e servizi (leggasi alberghi, nel caso) al fine di individuare le migliori offerte. Tirate fuori le voci attive derivanti dai diritti delle opere del signor Kiko Arguello, altrimenti non si capisce quelli dove finiscono e se non si capisce è lecito dubitare che il signor Kiko sia davvero povero, come lui millanta. Tirate fuori lo stato patrimoniale della Fondazione, i beni immobili che possiede, le uscite più rilevanti con nome e cognome dei fruitori.
Qui si discute di un signore che gestisce milioni e milioni di euro con raccolte a livello mondiale, non di bruscolini. Fino a che non sarà fatto, è lecito immaginare che in questa Fondazione scorrono fiumi di denaro in nero utili per un IMBROGLIO MONDIALE ITINERANTE.

l'apostata ha detto...

Un padre di famiglia, ancorché neocatecumenale, ha come vocazione proprio la famiglia, non il Cammino.

Perciò quello che guadagna deve andare primariamente alle necessità familiari.

Il discorso della provvidenza (p minuscola) va rispedito al mittente, ovvero ai kikatekisti.

Il padre di famiglia deve adempiere la sua vocazione. Siano i kikatekisti a dimostrare che credono nella provvidenza (p minuscola).

Dia l'esempio Sankiko scroccone piantandola di accattonare.

Già le collette ordinarie per convivenze mensili, di riporto, pane, vino, fiori e arredi e la decima portano via i guadagni di due mesi di lavoro.

Figuriamoci le continue, pressanti richieste di collette straordinarie.

Ennesima dimostrazione che il cosiddetto Cammino è una setta.

Quanto agli itineranti che vogliono altre famiglie in missione, che dire. Si tratta del solito abuso.

Secondo lo Statuto il cosiddetto Cammino è al servizio dei vescovi.

Perciò sono i vescovi che in primis devono eventualmente richiedere la presenza di un itinerante.

Dopodiché qualora il vescovo ne valuti l'opportunità, è sempre lui che inviterà una famiglia.

E invece i kikos fanno come loro pare e piace.

Sull'argomento non aggiungo altro, li ho conosciuti i figli di itineranti e famiglie in missione, e mi è bastato.

Schifo totale.

Anonimo ha detto...

Kiko chiede sempre e continuamente soldi: è evidente che non crede veramente alla Provvidenza, concetto che come al solito strumentalizza. Secondo Kiko la "Provvidenza" coincide con la volontà e i desideri di Kiko stesso.
Per noi cristiani invece la Divina Provvidenza indica l'insieme delle azioni operate da Dio in soccorso degli uomini, per aiutarli a realizzare il loro destino e soprattutto portare avanti la Sua (di DIO) volontà.
Dal "Catechismo della Chiesa Cattolica" (cfr. nn. 302 e 301): per i cristiani Provvidenza divina "sono le disposizioni per mezzo delle quali Dio conduce con sapienza e amore tutte le creature al loro fine ultimo".
Una delle figure contemporanee del cristianesimo che fa del concetto di Provvidenza il motore di tutta la sua azione è stata Madre Teresa di Calcutta. Il voto di povertà assoluta (nessuna Suora della sua congregazione percepisce alcun compenso per il lavoro che svolge) sul quale poggia la sua opera di assistenza in tutto il mondo si basa sulla cieca fiducia nella Provvidenza. Tutt'oggi tutte le missioni (più di 700 sedi sparse in oltre 100 nazioni, nelle quali lavorano gratuitamente e solo per amore di Dio e del prossimo circa 4.500 suore) delle "Missionarie della Carità" di Madre Teresa vivono soltanto grazie alle offerte e alle elemosine ricevute giorno per giorno... e loro NON chiedono mai e poi mai i soldi.
Carissimi fratelli e sorelle del Cammino, perché invece di dare i soldi della vostra decima a Kiko non li donate alle "Missionarie della Carità" di Madre Teresa di Calcutta della vostra città?

Annalisa


by Tripudio ha detto...

Aggiungiamo pure che l'ottanta per cento dell'intero epistolario di don Bosco conteneva richieste di soldi, ma... era un investimento sicuro, perché si vedeva bene come venivano utilizzati. Don Bosco ha fatto sì nascere e crescere l'intera "famiglia salesiana", ma a beneficiarne direttamente era tutta la Chiesa. Don Bosco, infatti, non aveva fabbricato alcuna nuova spiritualità, non aveva inventato pagliacciate liturgiche, si limitava a prendere sul serio la Tradizione e il Magistero, e a celebrare santamente i sacramenti (che è esattamente la calamita principale per le vocazioni). E le oltre seimila vocazioni sacerdotali che alla fine della sua vita lui e la sua opera avevano donato alla Chiesa erano sostanzialmente indistinguibili dai migliori preti diocesani.

Beati pauperes spiritu ha detto...

... e non contiamo i Santi che la sua famiglia religiosa ha forgiato! Ben cinque, tutti canonizzati, fra cui San Domenico Savio, appena quindicenne.

Lorenzo ha detto...

I beni immobili sono pubblici, basta una semplice visura:
* attico da 7,5 stanze al quartiere Trieste (via Lucrino)
* metà di un appartamento di 5 stanze a Roma (zona San Giovanni)
* un abitazione di 4,5 vani a Carinola (CE) con annesso vigneto di 150mq

Lino ha detto...

A livello mondiale, Lorenzo, a livello mondiale. Mi fai le visure?

by Tripudio ha detto...

Sì, c'è persino da sorprendersi su come mai la Fondazione abbia intestate così poche briciole rispetto al vero fiume di soldi che gira nel Cammino (defluendo dalle tasche dei fratelli e affluendo chissà dove).

Dal Vangelo secondo Kiko - arcano 3:14

In quei giorni Kiko disse ai suoi discepoli: seguitemi! vi farò fare la bella vita,
mangerete gratis in ristorante, riposerete gratis in alberghi "abbastanza cari" in amene località "vicino al mare", con prole e babysitter al seguito, camperete di rendita!

Pax ha detto...

@ Annalisa
grazie, leggo ora,ho scritto stanotte, dopo aver letto ieri sul blog la lettera, alla fine mi scuso anche per altri errori sparsi (anche ortografici), dovuti un poco alla correzione automatica, un poco a stanchezza unita ad incazz..ra come da tempo non mi capitava,non fa niente, avrete pazienza e comprensione.
Per l'affresco, scrivevo affresco e pensavo mausoleo dei Faraoni.
insomma ho fatto un macello tra Roma e Madrid.
Questi mi fanno andare letteralmente fuori di testa.
perdonatemi!

grazie, a tutti voi che collaborate, di cuore,
mentre incoraggio chi, leggendo questo ulteriore, inqualificabile obbrobrio kikiano, ancora resiste alla meravigliosa tentazione di contribuire, con la sua preziosa testimonianza, alla nostra comune battaglia:
lasciare il re, nudo!
a presto!

Pax

Lino ha detto...

By Tripudio ha detto: "Sì, c'è persino da sorprendersi su come mai la Fondazione abbia intestate così poche briciole rispetto al vero fiume di soldi che gira nel Cammino"

Bisognerebbe sapere quante donazioni sono state subito vendute e trasformate in denaro liquido. Bisognerebbe conoscere se funziona con il classico metodo delle scatole cinesi (nel caso, meglio, delle scatole parallele come la "Fondazione internazionale padre Matteo Ricci"). Bisognerebbe conoscere le proprietà Redemptoris Mater, a livello mondiale. http://www.cammino.info/2012/05/5-per-mille-ai-redemptoris-mater/
Bisognerebbe conoscere i flussi di denaro tra le scatole parallele.
Altro che visura, Lorenzo!

Beati pauperes spiritu ha detto...

Le visure mostrano i beni effettivamente posseduti, non certo quelli gestiti, magari in parola, con sistemi torbidi come quello attuato a Guam (la proprietà dell'arcidiocesi, ma lo stabile dato in gestione in perpetuo a una associazione...).
La proprietà del centro di PSG per esempio: da chi fu donata? a chi fu intestata? Per poterci costruire sopra, con i relativi permessi, notaio, catasto eccetera di sicuro non si poteva farlo senza averne la proprietà! E le Domus in terra santa? Ufficialmente del Patriarcato Latino di Gerusalemme, ma gestite solo ed esclusivamente dal Cammino. Le chiavi, Lorenzo, le chiavi chi le ha?

Ma ti rendi conto che Kiko gira in Mercedes blu di lusso classe E? Di chi è, chi paga l'assicurazione, il bollo, il carburante? Di chi era l'elicottero che lo portò a PSG qualche anno fa? I biglietti aerei dei suoi viaggi apostolici chi li paga? L'orchestra? Pensi che per organizzare un concerto al Madison di NY bastino due o tre collette? Ma ti rendi conto di quanto denaro ci vuole per spostare un'orchestra di 100 elementi più staff e strumenti? e parliamo per esempio di un volo Roma-NY, 450 € andare e tornare in Economy class (e un bel biglietto business per Kiko e itineranti...): 50-60.000 euro di spese vive da pagare in anticipo più surplus bagagli ingombranti!

E questo chiede soldi, soldi, sempre soldi! Per usarli come non si sa... Intanto si costruisce il mausoleo, e l'affresco.... secondo te la foglia d'oro dove l'ha comprata, con quale denaro?

Poi, non c'è solo una fondazione, ce ne sono decine, nel mondo, e una miriade di Onlus a livello parrocchiale, tutto intestato al Cammino. E le onlus possono ricevere donazioni, anche di beni immobili... ma credi davvero che i beni del cammino siano tre proprietà cenciose fra Roma e Caserta??
Le onlus con il 5x1000, con le donazioni "libere", sono un aspirapolvere di denaro, a tutti i livelli. E questo non conteggia le collette animate per i più svariati motivi.

Diciamo (con enorme difetto) che i neocat paganti siano la metà del totale, quindi 500.000, nel mondo e che ognuno di essi possa donare 1000 euro all'anno al Cammino fra collette, collettine, esazioni una tantum, convivenze, decime, eccetera, stiamo - in difetto - valutando un introito invisibile di 500.000.000 di EURO, ANNUI, ESENTASSE!

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

C:

hai detto bene: la storia che la mano destra non deve sapere quello che fa la sinistra, non c'entra niente con la richiesta di trasparenza.

Chi vuole fare beneficenza lo faccia in segreto, ma ha tutto il diritto di sapere come sono adoperati i soldi.
Chi non VUOLE rendicontare lo fa per un motivo. Il motivo che aveva Giuda era che rubava.

E' come la storia dei MAMOTRETI: se davvero sono state accettate le correzioni che ha fatto la Chiesa, perché non pubblicarli e metterli a disposizione di tutti?
Gli esercizi di Sant'Ignazio sono sì per i Gesuiti, ma ognuno può leggerli.

Mi chiedo quanto, in percentuale, di tutto il fiume di denaro che finisce al Cammino, serva ad aiutare i POVERI VERI

Pax ha detto...

Kiko e Kikoloni vari sparsi, pasqualoni che ci riempite di ingiurie irripetibili, avete letto BPS e Lino?

Perchè non rispondete nulla?
Ora tacete?
Non avete nulla da dire?
Informate Kiko che stia calmino, più parla e più si rovina da solo, non può continuare così,fare e dire, senza alcun controllo, tutto quello che gli passa per la testa!
Discernimento ci vuole!
E se non ne ha, come appare evidente, si faccia almeno consigliare da qualche furbacchione matricolato, un minimo più scaltro di lui.

La sensazione è che anche il Signore si è stancato, e vi sta togliendo, come meritate, il lume della ragione!
Noi siamo qui, per cogliervi in fallo....non è poi un'impresa impossibile, ultimamente basta aspettare con un poco di pazienza, ci fornite gratis tutto quanto ci serve, e anche di più.

Pax

Beati pauperes spiritu ha detto...

Caro Pietro è presto detto: lo ZERO percento. Loro sono i "poveri", in fondo annunciano il "vangelo"....

E ora che siamo in contatto con varie fonti, siamo arrivati a sentire parecchie cosette su Kiko e la sua cricca di eletti itineranti... Cose per le quali sarebbe meglio se cominciassero a tremare!

Vergogna!
Chi sa perché Kiko è così ossessionato dai soldi e dal sesso. Chi sa...

Anonimo ha detto...

Perché non pubblicarli??
Perché ci sono persone come voi dall'ignoranza INFINITA che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME religiosità naturale....

by Tripudio ha detto...

Ah, ah, esatto! La "fede adulta" perennemente in Cammino, paga senza far domande, molla il malloppo senza chiedersi come verrà utilizzato.

by Tripudio ha detto...

E sono i portatori di quella cosiddetta "fede adulta" ad essere ignoranti - ignorano anche cosa ne sarà del malloppo che hanno dovuto mollare.

l'apostata ha detto...

all'anonimo delle 12,40

"Perché non pubblicarli??
Perché ci sono persone come voi dall'ignoranza INFINITA che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME religiosità naturale...."


Non è esatto. Quel che scrivi è quanto ordinato da Sankiko patrono degli evasori ai suoi fidi, ma non sono le stesse parole.

Più precisamente, il signor trettre [33] dottor (h.c.) borsaronero Arguello, ha ordinato ai suoi quanto segue:

"Perché non pubblicarli? Perché ci sono persone come quelli della Guardia di Finanza, dalla curiosità INFINITA, che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME competenza fiscale."

Nel caso, egregio Anonimo, Sankiko da Truffa verrebbe affidato a Regina Coeli o a San Vittore. Sempre santi, ma un po' restrittivi riguardo la libertà personale...

E chi ha orecchi per intendere intenda.

p.s. Buone collette e decime...

Lino ha detto...

@ anonimo ha detto: "Perché ci sono persone come voi dall'ignoranza INFINITA che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME religiosità naturale"

Hai ragione, pasqualone. Nella nostra infinita ignoranza, non riusciremo mai a capire le sublimi interpretazioni di Kiko. Come questa, per esempio, che ha fatto ridere chiunque l'abbia letta (essendo stata diffusa): http://liturgiadomenicale.blogspot.it/2010/10/kiko-arguello-sydney-zaccheo-scendi.html
Dicci, genio: Zaccheo sale sul sicomoro per montare sugli altri o perché vuol vedere Cristo che passa?
Per il resto, non ti preoccupare: "la gente" sa leggere e capisce, a differenza di come credete voi e dice Kiko. Quindi "la gente" saprà giudicare se i mamotreti, vecchi e corretti, siano stati manipolati e se siano suscettibili di interpretazioni meno fangose, eretiche, ridicole.

Lino ha detto...

E ancora sta a parlare di mistificazioni, come il padre di tutte le baccalerie:
http://chisinasconde.blogspot.it/2013/06/le-catechesi-di-kiko-riportate-su.html

Già, abbiamo mistificato, falsificato, male interpretato migliaia di pagine di questo genere:
http://i.imgur.com/UqJOSSg.jpg
Abbiamo oliato i 20.000 presbiteri che dovevano partire per la Cina, trasformandoli in amanuensi dattilografi falsificatori di migliaia di pagine di mamotreti!
Ah pasqualone, l'arcano polveroso è uscito alla luce del sole e come il vampiro si sta dissolvendo! E ora mostraci la pagina sul tuo mamotreto corretto della Traditio, quella con la nota 1151 che corregge la balordaggine del fango di Kiko :-)

aleCT ha detto...

@anonimo che non ha le palle neanche di mettersi un nick

Qui l'unica cosa di Enorme che vedo è l'ego di Kiko che ha trasmesso alla SUA opera ed ai SUOI accoliti. "Carmen, santa superiore"..ma mi faccia il piacere.

Tu sei il perfetto esempio. Grazie.

Anonimo ha detto...

Buon pomeriggio,quando stavo nel cammino, ci dicevano sempre che in vacanza non bisognava andare(perche' il Signore non andava in vacanza)pero' intanto il NS presbitero catecumenale a tutti gli effetti,chissà' come in estate molte volte non c' era e poi venivi a sapere che era andato una volta a fare i fanghi una volta per riposare.E noiiii x tanti anni neanche il sabato potevamo un altro po' neanche a mangiare una pizza in famiglia o amici.Perche' veniva prima l'eucarestia (sicuramente x me viene prima il Signore nella mia vita)insomma alla fine non ce l' ho fatta più' x tante cose, cose troppo lunghe da poter scrivere.Scusatemi ma dono troppo irritata in questo momento, mi viene da piangete dalla rabbia

fab ha detto...

Questa lettera è di uno squallore unico

Ruben ha detto...

OT:
Sempre in riferimento ai precedenti post che si riferivano agli introiti del Cammino ed alle relative "scatole cinesi" e società fittizie;
mi viene in mente la legislazione italiana sul riciclaggio, da circa 40 anni a questa parte; leggi ipocrite, demagogiche e soprattutto senza nessuna utilità:

tutto nacque con i sequestri di persona, ovvero le banconote di vario taglio dei riscatti,
erano già state memorizzate nei numeri di serie; quindi non facilmente "spendibili" in cospicue quantità.(forse è stata l'unica legge che per l'epoca ha relativamente funzionato),

finiti i sequestri di persona, per merito della tecnologia telefonica ed internet, che ti identifica i rapinatori "tre minuti prima" che fanno la telefonata,

si è passati all'eliminazione del segreto bancario, che ha sollecitato molti a ri-scegliere
depositi esteri(una volta reato fino a sei anni di reclusione per il solo tentativo)attualmente solo illecito amministrativo, oltre al comodo materasso di casa propria.

I frutti di queste leggine, non le ho neanche nominate tutte, hanno avuto il risultato di incastrare qualche borghese di mezza tacca, o qualche poveraccio in buona fede; a Roma diciamo: "so' sempre li stracci che vanno per aria!"

"Kiko" è una multinazionale, che estero su estero incassa e sposta ciò che vuole;
"pecunia non olet" (il denaro non puzza), dicevano saggiamente i nostri antenati Latini.

Sarei curioso di verificare il saldo delle attività connesse a Kiko ed al Cammino, presso una famosa, ma famigerata banca di oltre-Tevere.
---
Fine OT.




Questo è solo qualche esempio

Autore della Lettera ha detto...

"Perché non pubblicarli??
Perché ci sono persone come voi dall'ignoranza INFINITA che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME religiosità naturale...."


No, Kiko non li pubblica perché non serve intepretarli, sono molto chiari, e lui lo sa bene. Sono pieni di frasi nello stile "Carmen è una santa di categoria superiore". Da interpretare c'è poco.

Rielaboro quindi la tua frase:
Perché non pubblicarli??
Perché sarebbe oltremodo palese che sono persone dall'INFINITA E MALIZIOSA pochezza morale e intellettuale, che hanno manipolato e interpretato in malafede il Vangelo secondo la loro DEVIATA visione, al solo scopo di raggiungere quanto richiesto dalla suddetta lettera.

Se tu fossi veramente cristiano, sapresti che il Cristianesimo non è religione di arcani, quella è una caratteristica delle associazioni massoniche. Ma tu d'altronde sei vittima della stessa ignoranza che ti è stata infusa per osmosi da padron Kiko.

In fondo, sei sicuramente un ottimo elemento neocatecumenale.

Donna Carson ha detto...

Come rilevato in altre occasioni, va riconosciuto che in effetti siamo di fronte a qualcosa di straordinario. Dopo anni di mezzucci, mistificazioni, deliri di onnipotenza, abusi e soprusi, assurdità di vario genere quest’uomo più unico che raro (grazie a Dio) riesce ancora a sorprenderci…

Questa lettera è in effetti un mix perfetto di megalomania, irriverenza, sfrontatezza e puro non-sense, ma quello che emerge più di tutto è la bassissima considerazione per i suoi destinatari.
Li imbambola ad arte sciorinando date, luoghi e spauracchi (l’intramontabile Comunismo), un po’ di vittimismo per i costi della località balneare prescelta, rilancia addirittura con l’uso del maiuscolo per la grande EVANGELIZZAZIONE MONDIALE ITINERANTE (roba da bambini) e li conquista per sempre con la cara estinta, data già per santa e per di più “di una categoria superiore”.

Il cammino tira fuori il peggio delle persone, ed è a questo peggio che la lettera è rivolta, chiaramente. Perché in condizioni normali non ci si può avvicinare a un testo del genere senza indignarsi.

Su una cosa però è stato davvero sincero: “Non mi vergogno” e ha ragione. A questo punto non ce n’è davvero bisogno, ci vergogniamo già abbastanza noi…

Pax ha detto...

Anonimo delle 12:40
ha detto:
Perché non pubblicarli??
Perché ci sono persone come voi dall'ignoranza INFINITA che possono manipolarli ed interpretarli secondo la loro ENORME religiosità naturale....

Domanda:
Cosa è una ENORME religiosità naturale?

ma cosa scrivi?
di cosa parli?
Ma ti rendi conto che Kiko vi ha ghettizzati, isolati da tutti?

Voi eterni incompresi e che non riuscite a relazionarvi con chi non faccia la vostra stessa esperienza!
Non solo, ma chi non condivide con voi il cammino, per voi vale meno di nulla e non può capire niente di niente.

Gesù, invece, capiva tutti, non ha mai fatto differenze di persone, ha sempre guardato al cuore di chi lo ascoltava, a qualunque categoria appartenesse.
E San Paolo si faceva tutto a tutti.

Ma a quale religione appartenete?
Voi così simili agli scribi e farisei ipocriti, che amano i primi posti e farsi chiamare rabbì dalla gente, che vestono sontuosamente e lautamente banchettano, che depredano la casa delle vedove, amano sopra ogni cosa il denaro e detestano chi mette loro davanti agli occhi le trasgressioni della legge e la totale mancanza di misericordia per i propri simili, uomini dal cuore indurito che, per far tacere chi li rimprovera e scuote le loro coscienze malate, sono pronti a metterlo in croce.

Pax

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Anonimo delle 12 e 40:

la Chiesa ha corso il rischio e ha reso pubblica la Bibbia.
Pensi tu forse che i mamotreti contengano degli "arcani" superiori a quelli della Bibbia?

Inoltre i mamotreti (sbagliati) sono già pubblicati su internet. Pubblicando quelli CORRETTI il Cammino dimostrerebbe di fare veramente riferimento ad essi. Nessuno oserebbe travisarli, perché sono quelli corretti dalla CHIESA.
Non pubblicandoli, però, c'è il fondato sospetto che Kiko voglia avere carta bianca anche rispetto la Chiesa.

L'ignoranza non c'entra nulla. Anzi è non pubblicandoli che la si fomenta

LAPAZ ha detto...

@Autore della Lettera ha detto "il Cristianesimo non è religione di arcani, quella è una caratteristica delle associazioni massoniche". Exactamente! Kiko ha creado una asociación religiosa que convierte el catolicismo en una suerte de asociación masónica!
Autore della Lettera, me ayudan mucho tus comentarios. Gracias.

@Lorenzo, mi dirección de correo electrónico es violetaamarilladesal@gmail.com
Si quieres puedes escribirme, garantizo total confidencialidad.

Hace mucho tiempo que no leo comentarios de Sandavi. Amigo Sandavi, te envío un grandísimo abrazo!

Felicidades a todos los que escribís aquí, este blog es muy bueno, tiene un nivel altísimo de reflexión y análisis. Es inquietante que tantas personas con una formación excelente hayan sido expulsadas o se marchen del Camino Neocatecumenal. Es algo que llama la atención. Como dicen los de Guam, "it talks many volumes".

Cara Valentina, podrías traducir lo anterior, por favor?

Gracias a todos, mi admirado espadachín l'apostata, of course, Tripudio, Lino, Simonetta, Pietro Non del Camino...Hacéis un trabajo excepcional.

P.D.: Respecto a los comentarios que subrayan la españolidad de Kiko Argüello, deberíais saber que en España él no es precisamente una persona querida ni admirada. Excepto para sus seguidores, es considerado un oportunista, fanático, manipulador, etc. Kiko no es España ni España es Kiko. Kiko tiene un transtorno psiquiátrico o varios, no es una persona normal. Las tonterías que hace y dice no se deben a que sea español.

Por cierto, recientemente apareció un artículo en Religión Digital sobre la visita de Monseñor Rouco a la UCAM, la universidad católica de Mendoza, el kiko Mendoza. Parece ser que dio una charla a los seminaristas de ambos seminarios (el diocesano y el Redemptoris Mater). Varios asistentes -principalmente del seminario diocesano- estaban indignados porque Rouco critió abiertamente al Papa Francisco, menospreciándole como pastor y como teólogo. Creo que Monseñor Rouco solo goza del respeto de los kikos, vive como un marqués siguiendo a Kiko en su cruzada por la nueva auto-evangelización.

Lino ha detto...

@ Pax ha detto:
"Domanda: Cosa è una ENORME religiosità naturale?

Mumble... mumble... vediamo se riesco a trovare un esempio.
Ecco, ho trovato:
"La mattina sono andato lì per fare un esorcismo e il demonio si è arrabbiato a morte con noi, ha detto: “Ah sì? Mi insulti, mi cacci via di qua? Adesso ti dò fastidio io, vengo a distruggere il concerto”. E quando la piazza è piena piena, con la gente seduta anche sul prato che arriva fin su al Castello, all’improvviso comincia a piovere, ma proprio a diluviare" (Kiko Argüello - Convivenza di inizio corso 2013-2014 Porto San Giorgio).
Quindi: esempio di religiosità naturale è quello secondo il quale il demonio, per disturbare Kiko, manda un diluvio. Anche Dio che manda un cancro alla mamma di chi non si vuol alzare quando Kiko fa le chiamate per andare in seminario, però, a ben pensarci lo è.
E' meglio che mi fermo, sennò non la finisco più: anche le sortes, quando Kiko estrae i nomi delle famiglie che devono partire per l'evangelizzazione e i luoghi dove esse devono andare, lo sono.

Aldo ha detto...

Come Agente Immobiliare posso accedere al Catasto Nazionale (ovviamente sono dati Pubblici) se mi dite cosa cercare posso fare una ricerca...

- Ho bisogno di : Nome e Cognome; e/o Nome società/Associazione; e/o Partita Iva/cod.Fisc;
se proprio non ci sono i dati riesco a risalire dall'indirizzo e numero civico (è più complicato)

Anonimo ha detto...

Guardate, per me che sono abituata ad ascoltare lettere e richieste simili, dopo 15 anni di cammino, quest'ultima lettera ha un suono strano. Kiko prospetta la possibilità di fermarsi!
Perché non chiede alla Santa Sede un finanziamento per questa importantissima evangelizzazione mondiale itinerante?!
Mi sembrano le parole di uno che è stato scaricato dalle istituzioni ecclesiastiche... e che ora cerca l'appoggio dei suoi seguaci. Questi metodi, queste parole hanno tutto il tono di una secessione. Non credete?
Claudia

by Tripudio ha detto...

Il commento delle 14:02 sicuramente troverà una torma di neocatekikos pronti a giurare di non aver mai sentito dire che i cosiddetti "catechisti" proibiscono di andare in vacanza... cioè il solito trucco meschino dell'insinuare: se a te è successo e io dichiaro (anche falsamente) che da me non è mai successo, allora la figuraccia è tutta tua.

Evidentemente dalle tue parti i kikos erano preoccupati che quando un fratello torna dalle vacanze si lamenta di non aver soldi per la Decima e per i numerosissimi giri del "sacco nero" delle collette.

Ogni volta che si parla di soldi, vien fuori la vera attitudine del Cammino: spacciare insegnamenti ambigui ed eretici, imporre una liturgia carnevalesca, vivere un settarismo pazzesco e far pagare caro (in moneta sonante) tutto ciò.

Nella Chiesa Cattolica, invece, si dice che il Signore ama chi dona con gioia (e la gioia non viene certo dai ricatti morali), e dal Vangelo leggiamo che il Signore vede nel segreto, per cui nessuno può obbligarti a "donare" (cioè pagare, perché il termine donare riguarda la libertà del singolo, non il sentirsi obbligato a pagare un pizzo), nessuno può verificare quanto hai già donato nel segreto e a chi hai donato.

Lino ha detto...

@ Aldo
Prova con la Fondazione Matteo Ricci, mi pare strana, qui hai tutti i dati:
http://www.cammino.info/2012/05/5-per-mille-ai-redemptoris-mater/

D.D. ha detto...

Anonimo 12:40 ("ignoranza infinita" e "religiosità naturale" - grazie per la risata!! )

Qua di infinito c'è solo la poraccitudine dell'Arguello.

Comunque, va bene, facciamo interpretare i movimenti di danari del CNC alla Guardia di Finanza che, notoriamente, si dissocia da ogni tipo di religiosità naturale.
Vediamo cosa concludono.

Anonimo ha detto...

Mi risulta che proprio in questo momento kiko è in convivenza con le famiglie che si sono alzate per la" missio ad gentes"quelle famiglie con otto dieci figli e "quattro o cinque in cielo",qualcuno puo confermare?

















Simonetta ha detto...

Mi chiedo quale sia l'antonimo di naturale in religiosita' naturale.

Religiosita' innaturale? Religiosita' immaginaria? Religiosita' negativa? Religiosita' artificiale? Oppure geneticamente modificata?
O forse tutti questi aggettivi insieme?
Si', deve essere proprio cosi'.

Simonetta

Anonimo ha detto...

Ma quale religione? Questi neocatecumeni sono persone che hanno venduto il cervello ad una psico- setta religiosa credendo di fare del bene a se stessi.in realtà hanno rovinato famiglie spargendo odio ed innalzando muri di incomprensione. Cari catecumeni ricordatevi che il terrorismo nasce dal fanatismo di cui voi siete il perfetto esempio.
Pier

Anonimo ha detto...

No sono d'accordo con te. Perfino la bibbia e manipolabile da chiunque ma è stata pubblicata. Non si pubblicano perché so scoprirebbe che non si rispettano gli statuti.

Un fratello in cammino

l'apostata ha detto...

@ LAPAZ

"...en España él no es precisamente una persona querida ni admirada. Excepto para sus seguidores, es considerado un oportunista, fanático, manipulador, etc..."

¡¡¡Que viva España!!!

Saludos ;-)

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

A proposito del commento delle 14 e 02, ha ragione Tripudio.

Un mio amico ha sposato la figlia di un catechista e è dovuto entrare nel Cammino. Non è però un tipo molto malleabile.
La famiglia può contare solo sul suo lavoro, che non è molto remunerativo. Si trova perciò spesso in una certa difficoltà.

Un giorno, notando il suo malumore, il catechista gli ha proposto di prendersi una vacanza. Lui gli ha risposto che non aveva i soldi e il catechista, a sua volta, gli ha detto di prendere uno special prestito.
Naturalmente il mio amico lo ha immediatamente mandato... a quel paese.

Nessun aiuto per lui, ma, per un'altra famiglia di camminati, molti figli e un solo normalissimo stipendio, gli aiuti non mancano.
Ma questa è la famiglia del mulino bianco di Kiko. Una famiglia finanziata per fare pubblicità al Cammino, sempre in primo piano e sempre tutti sorridenti. Brave persone, sia chiaro, ma costretti a vita a "camminare" con Kiko per non fare la fame

by Tripudio ha detto...

Rispondo al commento delle 20:17.

Sì, a confermarlo è il testo della lettera fotografato in questa stessa pagina: Kiko dice: «...il prossimo 25 maggio avremo l'incontro con le Famiglie, dato che gli itineranti chiedono più di 200 famiglie...»

Lino ha detto...

@ Un fratello in cammino ha detto: "Non si pubblicano perché so scoprirebbe che non si rispettano gli statuti"

Caro fratello in cammino, qui vi dovete dare una regolata prima di inviare commenti, sennò fate più daanni voi al Cammino che l'Osservatorio.
Nello Statuto, all'art. 2, sta scritto:
"il Cammino Neocatecumenale
si attua nelle diocesi:
1°. sotto la giurisdizione, la direzione del Vescovo diocesano (...)
2º. secondo «le linee proposte dagli iniziatori», contenute nel presente Statuto e
negli Orientamenti alle Èquipes di Catechisti.

Allora, se i mamotreti non rispettano gli Statuti, e gli Statuti dicono che il Cammino si attua secondo i mamotreti, qualcosa non funziona, non ti pare?
Il mio parere è che non funziona niente, è tutto un imbroglio di approvazioni, come quello denunciato dal card. Burke per l'approvazione della liturgia.
http://www.repubblica.it/esteri/2012/06/04/news/le_due_righe_firmate_b_xvi_per_fermare_i_neocatecumenali-36500087/

Anonimo ha detto...

Allora Tripudio, se confermi della convivenza con le famiglie, ti dico che qualcuno è andato a questa convivenza con i piedi di piombo, parlando con uno di loro,si vantava del fatto che era l Papa ad inviarli, gli ho parlato delle tre tirate d'orecchio del Papa al cammino nel febbraio 2014,lui non ne sapeva niente di questi rimproveri e che il Papa precisava che erano i loro responsabili a mandarli in missione,mi ha stupito perchè mi ha detto dove poteva leggere queste cose e che era molto interessato a questo distinguo.
Altra cosa strana che mi è sembrata impossibile per uno che si accinge a "partire"e che non conosce neanche la lettera del cardinale Arinze e che avrebbe letto anche questa

Con questo voglio dire che fate un grande lavoro per togliere il fango che ormai si è rinsecchito come un cemento sugli occhi di questi poveretti,che alcuni non sono del tutto lobotomiizzati, che possono ancora salvarsi

Io sono uno di questi che tramite questo blog ha conosciuto tutti gli imbrogli del "Gattokiko e Volpecarmen"

Valentina Giusti ha detto...

Scrive LaPaz:

"Autore della Lettera ha detto "il Cristianesimo non è religione di arcani, quella è una caratteristica delle associazioni massoniche".
Esattamente! Kiko ha creato un'assicurazione religiosa che trasforma il cattolicesimo in una specie di associazione massonica!
Autore della Lettera, i tuoi commenti mi sono di grande aiuto. Grazie

@Lorenzo, il mio indirizzo mail è
violetaamarilladesal@gmail.com
Se desideri, puoi scrivermi, garantisco discrezione assoluta.

È da molto che non leggo commenti di Sandavi. Amico Sandavi, ti invio un grandissimo abbraccio!

Congratulazioni a tutti coloro che scrivono qui, questo blog è molto bello, presenta un altissimo livello di riflessione ed analisi.
È inquietante il fatto che tante persone con formazione eccellente siano state escluse o siano uscite dal cammino Neocatecumenale.
È qualcosa che attira l'attenzione. Come dicono quelli di Guam, questo la dice lunga.

Grazie a tutti, al mio ammirato spadaccino l'apostata, naturalmente, a Tripudio, Lino, Simonetta, Pietro Non del Cammino... Fate un lavoro eccezionale.

P.S.: Riguardo a quei commenti che sottolineano l'ispanicità di Kiko Argüello, dovete sapere che in Spagna non è precisamente una persona amata né ammirata.
Eccetto che dai suoi seguaci, è considerato un opportunista, fanatico, manipolatore, ecc. Kiko ha un disturbo psichiatrico o più di uno, non è una persona normale. Le stupidaggini che fa e dice non derivano dal fatto che è spagnolo.

Comunque, recentemente è uscito un articolo su Religión Digital sulla visita di Monsignor Rouco alla UCAM, l'università cattolica di Mendoza, il Kiko Mendoza. Pare che abbia fatto un discorso ai seminaristi di ambedue i seminari (il diocesano ed il Redemptoris Mater).
Vari spettatori -principalmente del seminario diocesano- si sono indignati perché Rouco ha criticato apertamente papa Francesco, disprezzandolo come pastore e come teologo. Credo che Monsignor Rouco goda solo del rispetto dei kiko e viva come un marchese seguendo Kiko nella sua crociata per la nuova auto-evangelizzazione."

Ciao cara LaPaz, complimenti per i tuoi bellissimi articoli su Janglewatch, ti seguiamo con grande interesse ed affetto!

Anonimo ha detto...

Allora, ti dico che dove sono io gli statuti non li hanno letti nemmeno, almeno i fratelli "semplici", visto che la liturgia del sabato non è aperta a tutti i fedeli parrocchiali anzi... E se non erro anche la parte sulla "successione" una volta venuto a mancare uno dei tre non si sta rispettando. Quando dico che non stiamo rispettando gli statuti deviano sempre il discorso.

Spero che una volta sparito lo zoccolo dura si possa fare ordine in tante prassi. Il mio pronostico è che nel giro di 10anni il cammino cambierà radicalmente.

Un fratello in cammino

Lorenzo ha detto...

@Aldo: sarebbe interessante verificare anche la "Fondazione San Pio X per la nuova evangelizzazione", con sede in via De Cristoforis 8 a Padova. P.iva: 92227120281

In passato ha ricevuto un terreno dalla Fondazione Famiglia di Nazareth per costruire il seminario RM di Padova

Ruben ha detto...

@Valentina Giusti

Piccola precisazione:
La UCAM, è di Murcia, ed è notoriamente
controllata dal Cammino,a cominciare dal
suo presidente o rettore che sia(11 figli).
Ma la sostanza non cambia.

Per quanto riguarda Rouco Varela, se il viso è lo specchio dell'anima, non c'è neanche bisogno che parli; basta la faccia!
---

Lino ha detto...

@ Ruben
Qui ci sono apparizioni: molte scatole cinesi e scatole parallele, come nel mio commento 25 maggio 2017 11:53 :-)

l'apostata ha detto...

@ Ruben

"...Per quanto riguarda Rouco Varela, se il viso è lo specchio dell'anima, non c'è neanche bisogno che parli; basta la faccia!"

Già. Ma che dire allora della grinta che mostrava la Cara Estinta, alias S. Carmen (leggasi Sora Carmen)!

by Tripudio ha detto...

Piccolo promemoria tecnico-psicologico: i soliti facinorosi attivisti neocatecumenali sono ossessionati dalla privacy per vari motivi:

- bramano di fare doxxing, cioè di diffondere su internet i dati privati di chi fa notare le storture del Cammino e dei suoi capibastone;

- bramano di molestare chi non loda il Cammino (proprio mentre dichiarano ipocritamente di accettare le "persecuzioni"); ricordo ad esempio una certa lunghissima campagna di citofonate/telefonate notturne, il mobbing sul posto di lavoro, e diversi altri casi in cui ci si è dovuti rivolgere alle autorità;

- sono ossessionati dalle tipiche fallacie neocatecumenali e bramano di proclamare cose tipo: "NomeCognome dice questo, ma il Papa loda il Cammino, perciò il discorso è chiuso" (come se un incoraggiamento passeggero del Papa fosse un certificato di santità passata, presente e futura);

- e naturalmente sanno benissimo che certi giochetti non proprio legali conviene che restino segreti; non hanno paura della legge di Dio, non hanno paura di dannarsi l'anima, ma hanno una fifa boia di qualche (pur assai improbabile) visitina della Guardia di Finanza a qualche ente neocatecumenale di cui magari hanno appreso solo per caso l'esistenza.

Che un'associazione ecclesiale si autofinanzi e chieda persino contributi esterni, che abbia proprietà destinate ai propri scopi, che desideri legittimamente discrezione (poiché in giro ci sono troppi squali), ci sta anche bene. Tranne quando l'autofinanziamento consiste nello spremere soldi, a suon di ricatti morali, dalle tasche di padri di famiglia già indotti a procreare in modo irragionevole, pensionati minimi per i quali dieci euro in meno al mese già significano dover tirare la cinghia, ecc., specialmente quando tale associazione sistematicamente evita di rendicontare ai suoi membri ciò che incassa (e guai, guai seri, a chi osasse minimamente chiedere), e in particolare quando la sacrosanta discrezione si trasforma in assoluta segretezza necessaria a coprire furberie, malversazioni, oliature, idolatrie e altri usi poco cristiani.

Anonimo ha detto...

Omelia di oggi di Papa Francesco a Santa Marta.
"Un cristiano deve muoversi in queste tre dimensioni e chiedere la grazia della memoria: ‘Che non mi dimentichi del momento che tu mi hai eletto, che non mi dimentichi dei momenti che ci siamo incontrati’, dire al Signore. Poi, pregare, guardare il Cielo perché Lui è per intercedere, lì. Lui intercede per noi. E poi andare in missione: cioè, non vuol dire che tutti devono andare all’estero; andare in missione è vivere e dare testimonianza del Vangelo, è fare sapere alla gente come è Gesù. E questo, con la testimonianza e con la Parola perché se io dico come Gesù è, come è la vita cristiana e vivo come un pagano, quello non serve. La missione non va”.

Sarà forse arrivata la lettera anche a lui!

Frilù

Pax ha detto...


@Anonimo che

alle 01:10 ha detto...
Con questo voglio dire che fate un grande lavoro per togliere il fango che ormai si è rinsecchito come un cemento sugli occhi di questi poveretti,che alcuni non sono del tutto lobotomiizzati, che possono ancora salvarsi
Io sono uno di questi che tramite questo blog ha conosciuto tutti gli imbrogli del "Gattokiko e Volpecarmen"
---------------
Non sai quanto mi consola quello che hai scritto, grazie di cuore!
Come dice sempre Tripudio, anche se uno solo esce dall'inganno del Cammino neocatecumenale, grazie ad aver letto questo Blog e ad essersi posto domande, il nostro lavoro non è vano.
Noi, almeno io, mai guardiamo ai numeri - alla kiko maniera - e poi quando sono grossi, importanti e ostentati, sono solo una trappola, come tutte le idolatrie di questo mondo, vanità delle vanità, che si porta via il vento.

Siamo al riscatto e alla riscossa di tutti i poveri Pinocchio ingannati dal furbacchione, sornione, comodone, sfruttatore impunito, che continua a farla sempre franca Kiko Arguello.

Pax

Anonimo ha detto...

NEWS

Papa Francesco ha nominato monsignor Angelo De Donatis, 63 anni, Vescovo ausiliare per il clero, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma. Come sapete subentra al cardinale Agostino Vallini.

https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/de-donatis-vicario-del-papa-per-roma

Annalisa

by Tripudio ha detto...

Non c'è troppo da gioire. Qualche anno fa, quando il De Donatis era a capo di una parrocchia nei pressi di piazza Venezia, già aveva tra i piedi diverse comunità neocat che non ha cacciato via (o non gli conveniva farlo).

Le parrocchie romane si sono ritrovate neocatecumenalizzate a tappeto nonostante l'infido Vallini non fosse kikodipendente, e perciò c'è da aspettarsi che il nuovo Vicario avrà brutte gatte da pelare... delegandole ai soliti amiconi del Cammino che lavorano alacremente dietro le quinte.

Ruben ha detto...

@l'apostata26 maggio 2017 11:37
infatti Carmen era "degna comare"dell' Arcivescovo, al quale pronostico', in una manifestazione kika del 2011 a Madrid, che sarebbe stato il prossimo Papa.

Beh, per essere aprioristicamente una Santa, niente male come preveggenza!
---

Ruben ha detto...

Angelo de Donatis, degnissima persona, è stato Vicario Parrocchiale nella mia Parrocchia, San Saturnino Martire, e godeva della stima e fiducia di tutti i Parrocchiani.
---

Anonimo ha detto...

@ Tripudio e Ruben

Don Angelo De Donatis è molto amico di Don Fabio Rosini: insieme fanno da tanti anni le catechesi dei primi venerdì del mese nella Basilica di San Marco a Piazza Venezia (Roma) dove DON Angelo era Parroco ... e quindi non aggiungo altro.
È una persona stimata da tutti.

Annalisa

Anonimo ha detto...

Pro kikos.... Don è extraintra kikos

Ruben ha detto...

@Anonimo ha detto...
Pro kikos.... Don è extraintra kikos
---
Anonimo,
che fai, l'"ermetico"?...Proprio con noi?

Sappiamo benissimo leggere tra le righe,
soprattutto quando la riga è una sola; traduzione: "mettetevi l'anima in pace, che faremo pervenire pregiatissimo olio extra(hai usato tu l'aggettivo), anche al Don".

Aldo ha detto...

Per Lino: Fond Matteo Ricci - Macerata: circa 10 ha di Terreno Agricolo;

Per Lorenzo:

Padova: 744 mc di Esercizio Commerciale + Locali per uso di Culto al piano terra ed un 8°piano tutto in Via Colonnello De Cristoforis;

Venezia: Appartamento 4 Vani al piano terra Sestiere Cannareggio n.6356 (che per chi non conosce Venezia non sa di cosa sto parlando)

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Perché non si pubblicano UFFICIALMENTE i mamotreti?

Innanzi tutto occorre precisare che esistono 2 versioni dei mamotreti: quelli CORRETTI da cima a fondo dalla CHIESA e quelli PIENI DI ERRORI.

Per i MAMOMETRI CORRETTI l'ipotesi apparentemente più evidente è che il Cammino non si vuole legare alla Chiesa.

I MAMOMETRI SBAGLITI,invece, pare non si pubblicano perché, come ha evidenziato Lino citando un camminante, altrimenti risulterebbe evidente che vanno contro gli STATUTI, l'unica cosa che ha veramente approvato la Chiesa.

Camminante, parafrasando Gesù, ti dico: "Dalle tue stesse parole la Chiesa giudicherà il Cammino..."

Lino ha detto...

@ Pietro (NON del Cammino)
Io sospetto che ci sia un terzo motivo, Pietro. Tecnicamente, il direttorio approvato da PCpL/CdF dovrebbe essere costituito dai singoli mamotreti più prossimi al periodo 1997-2003. Successivamente a questo periodo, però, già si trovano per ciascuno di essi varie edizioni. Il figlio di una coppia itinerante in Spagna mi invitò ad aggiornarmi, in quanto riteneva la pagina del mamotreto corretto da me pubblicata obsoleta. Non posso giurare sulla sua onestà, ma questo significherebbe che il Cammino ha rimesso mano ai volumi corretti quando, sicuramente, la CdF il suo lavoro lo aveva finito. Probabile: il solo inserimento di una copertina non giustificherebbe la definizione di "edizione" data alle varie stampe.
Per quanto ci interessa, lo studio delle differenze tra i mamotreti post II scrutinio in nostro possesso e quelli delle origini del Cammino sono più che sufficienti a dimostrare tre tesi: 1) Quelli iniziali sono pieni di eresie e balordaggini, parecchie corrette dalla Chiesa per quanto Kiko ha consentito 2) L'immagine del Cammino che emerge è giusto quella del fango secondo Kiko, una vergognosa umiliazione degli adepti con una assurda autoesaltazione degli "illuminati" 3) Se proprio Kiko fu ispirato, certamente non lo fu dallo Spirito Santo.

Anonimo ha detto...

Non credo che la Chiesa abbia bisogno delle mie parole​ per giudicare ma se ci fosse bisogno della mia testimonianza la darò sinceramente, non sono di quelli con i paraocchi. Ci sono cose che non vanno bene nel cammino, altre che non piacciono a me e altre ancora che vanno bene. Quando posso faccio sentire la mia voce, quando non posso prego.

Un fratello in cammino

Lino ha detto...

@ Aldo
Come volevasi dimostrare. A cercare nel mondo, con il giro di soldi che va e viene, si immagina cosa potrebbe uscirne fuori?

by Tripudio ha detto...

Piccolo off-topic: vale la pena leggere il terzo comunicato del comitato b.Giovanna Scopelli.
Quando c'è uno "scontro", quel modo di argomentare è utilissimo a chiarire le vere questioni in gioco.

Rispondo qui al fratello delle 17:49 con una domanda: se in una bottiglia d'acqua versi qualche goccia di veleno, puoi ancora dire di criticare le gocce di veleno "che non vanno bene" separatamente dall'acqua "che va bene"? Daresti da bere di quell'acqua avvelenata ai tuoi cari?

Assolutamente no. E questo vale purtroppo anche per il Cammino, dove le "cose che vanno bene" (come può essere ad esempio un generico invito alla preghiera, che va sembre bene in qualsiasi contesto cristiano) sono inquinate dai princìpi fondamentali del Cammino, a cominciare dall'idolatria per il metodo inventato dagli autonominati "iniziatori".

Veleno e acqua non possono essere considerati separatamente nel momento in cui sono mischiati. Non puoi dire che ci sono cose che "non vanno bene" e altre che "vanno bene" dando come sottinteso che basterebbe concentrarsi su queste ultime, perché è uno sporco trucchetto verbale, è un gioco di parole per nascondere la verità e sostituirla con uno slogan preconfezionato, è un modo per tentare di ingannare gli interlocutori: cioè è una menzogna.

Ora, magari il fratello delle 17:49 nel tentare di turlupinare il prossimo allo scopo di far apparire buono il Cammino potrebbe essere in buona fede (nel senso che essendo convinto che il Cammino è buono, è automaticamente convinto che il Cammino vada difeso, sia pure ricorrendo a simili mezzucci). Ma questo significa che per lui la ragione e la verità sono secondari rispetto al prestigio del Cammino.

Se fosse onesto cercherebbe di capire gli argomenti sfavorevoli al Cammino, per vedere se ci sono delle cose che lui nella sua esperienza non aveva mai notato. Cercherebbe di informarsi su quanto sono vere le numerosissime testimonianze contro il Cammino. Secondo voi lo farà o si limiterà a intervenire qui solo per "parlare senza ascoltare"?

Arvo Part ha detto...

Mi dispiace ma l'Arguello, nella sua parodia dottrinale liturgica, rispetta i fondamentali della chiesa primitiva

Sulla disciplina dell'arcano

Disciplina dell'arcano designa una legge che nei primi secoli avrebbe obbligato i fedeli a non parlare mai apertamente della fede e del culto davanti ai catecumeni o agli infedeli.

Il motivo del segreto non risiede più nella presenza , o assenza di una qualità soprannaturale contemplazione propria dell'intellettum fidei , ma nella situazione sacramentale del fedele. Il "segreto"della tradizione della gnosi è in fondo l'indicibile , che non può essere oggetto di una istituzione formale.

Per la gnosi quello che vale per la santità : tutti vi sono chiamati , ma poche intelligenze possiedono la qualità contemplativa e penetrante che permette di capire le verità rivelate con una profondità e una rettitudine che le rendono vive e e degne di adorazione. Le intelligenze prive di gnosi si potrebbero definire : "guardano ma non vedono , ascoltano ma non intendono" (MC IV, 12). Questa qualità gnostica non ha ovviamente un rapporto diretto tcon l'abiltà intelletuale o il sapere. Esempio moderno di una intelligenza davvero gnostica quantumque poca colta è santa Teresa del Bambin Gesù; esempio antico di intelligenza incontestabilmente gnostica( e di cultura vastissima) sebbene non si asanto (non riconosciuto ) è Origene ; Agostino e Tommaso d'Aquino uniscono la cultra e l agnosi alla santità. (Jean Borella , peno che su questo èassaggio potrebbe essere d'accordo anche il card. Jean Danielou)
Arvo Part


Anonimo ha detto...

@ "Un fratello in Cammino" delle 17:49

Io credo che tu sia in buona fede e che sia sincero, e per questo ti ringrazio.
Forse anche tu come me provieni da una famiglia nc e ti è difficile ammettere di aver sbagliato e perso tanto tempo. Così è stato per me.
Il tuo problema è che ancora credi di poter cambiare il Cammino da dentro perchè come dicevo io "solo alcune cose non vanno bene".
Anch'io sono caduta in questo errore di valutazione, ma poi ho capito che le eccezioni non erano le cose sbagliate che il Cammino faceva, ma le eccezioni erano le poche cose giuste.
Pensaci bene, è ascolta di più quella voce che da tempo sta parlando al tuo cuore.

Annalisa

Lorenzo ha detto...

Non male...bisognerebbe trovare altre fondazioni o enti simili. Purtroppo da una prima ricerca con alcune parole chiave (itinerante, evangelizzazione, etc) non esce fuori molto. Bisognerebbe capire come vengono usati questi immobili la cui vendita appianerebbe tutti i debiti del Cammino

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Lino:

grazie dell'informazione. Non sapevo di questi continui aggiornamenti.

Ciò significa che Kiko ha corretto le correzioni della Chiesa. E significa anche che gli inizi del Cammino sono stati scanditi da catechesi PIENE DI ERRORI.

E' inquietante perché gli inizi dei movimenti spirituali caratterizzano il loro carisma.
Sarebbe un po' come, fatte le dovute proporzioni, se gli inizi del Francescanesimo fosse caratterizzato da catechesi infarcite di errori di San Francesco.

by Tripudio ha detto...

Sulla disciplina dell'arcano è stata sempre fatta tanta, tantissima confusione.

Nell'epoca in cui i cristiani rischiavano la vita se fossero stati colti a fare qualcosa di vagamente cristiano, era ovvio che la gerarchia comandasse con maggior insistenza di evitare di cercarsi inutilmente il martirio - sarebbe infatti un atto di superbia il correre a farsi deliberatamente ammazzare, perché sarebbe finalizzato all'affermarsi come cristiano "che ha ragione più di tutti". Il vero martire è quello condotto al martirio perché ha testimoniato la fede, non perché se lo sia cercato per spararsi le pose. La differenza è sottile, ma basta il buon senso per capirla.

La chiesa primitiva va valutata secondo le circostanze del suo tempo e quello che per fretta oggi venisse definito "arcano" non riguarda la segretezza. Anche riguardo al segreto messianico, persino nella traduzione italiana, è chiaro che lo scopo finale di Nostro Signore non è la segretezza, ma il non dare le perle ai porci (che è lo stesso motivo della differenza di cui sopra).

Inoltre i convertiti dal paganesimo erano attratti da una vita di fede vissuta. Non è che un pagano all'improvviso ha l'uzzolo di convertirsi: vede qualcosa, comincia a tempestare di domande, e il cristiano non gli risponde troppo esplicitamente perché se il pagano corre a riferire alle autorità sono come minimo grossi guai, anche se al potere non ci sono Decio o Diocleziano.

Così, quando si giunge ad un rapporto di fiducia, quando il pagano capisce che la verità è quella che ha reso più veri e più vivi quei particolarissimi uomini che ha incontrato (i cristiani) e desidera davvero sinceramente diventare uno di loro, allora gli viene permesso di accedere al catecumenato. Ed è un'epoca in cui non ci sono siti web, non ci sono librerie dove comprare il Catechismo, non ci sono i foglietti della Messa: è un'epoca in cui il catecumeno deve imparare tutta la dottrina cristiana, letteralmente tutto, ascoltando, pregando e meditando, prima di poter accedere al battesimo.

Per cui è tenuto anche a non parlare perché, prima di conoscere abbastanza bene il catechismo, potrebbe prendere cantonate pazzesche o presentare per dogmi quelle che sono sue estemporanee elucubrazioni, magari persino in buona fede.

Insomma, si tratta delle circostanze, non di un ridicolo gnosticismo. Si tratta delle necessità contingenti e del non dare le perle ai porci, non si tratta di una necessità di segretezza, che peraltro contraddice Nostro Signore che aveva detto che ciò che lui spiegava in privato ai discepoli doveva essere gridato sui tetti (infatti era facilissimo capire fischi per fiaschi, si veda il caso di Nicodemo che in buona fede credette di capire che il "rinascere" equivalesse al tornare nel grembo materno e nascere di nuovo - e Nicodemo non era un citrullo qualsiasi, ma era uno dei farisei, uno abituato a meditare, studiare, discernere).

by Tripudio ha detto...

Quel parallelo del tutto gratuito tra santità e gnosi rivela che quest'ultima fa leva sulla superbia di certuni che pensano di essere più intelligenti degli altri e possano far spiritualmente quella carriera che si vedono negata dal cristianesimo (che contempla come dottori della Chiesa sia l'analfabeta Caterina da Siena che il prolifico Tommaso d'Aquino - il quale, di fronte alla comunione col Signore, considerò l'intera propria opera "paglia", spazzatura, pur essendo l'opera teologica più densa di tutti i tempi, pur essendo una di quelle opere che più "rivelano segreti" riguardanti la fede). Ad accedere al contenuto più significativo e insondabile del cristianesimo, come confermato dalle canonizzazioni di Francesco e Giacinta un paio di settimane fa, possono riuscire anche i bambini: senza "percorsi di riscoperta", senza fare una vita da monaci stiliti, senza immensi studi teologici, senza particolarissima intelligenza. Questo è grandemente offensivo per coloro che si credono portatori, conoscitori e degustatori di arcani indicibili segreti.

E del resto certi indicibili segreti arcani non possono essere rivelati perché o ridicoli (si veda il memorabile Contro gli eretici di Ireneo di Lione, che spiega anche la dinamica con cui viene fabbricato lo gnosticismo), oppure indicibili (come quelli del kikismo-carmenismo, che rivelerebbero la natura anticattolica del Cammino e delle sue roboanti pagliacciate).

Infine, il nostro caro lettore autodefinitosi "bisessuale", con la fissa della gnosi, che si firmava Rossetti e ora si firma Arvo Pärt, tenta nuovamente di piegare il Vangelo dalla propria parte allontanandosi dall'interpretazione di venti secoli di Magistero (come se Nostro Signore non volesse la salvezza di tutti), e per di più infilando il solito spot pubblicitario (quel Borella è un altro dei malati di guénonismo).

Lino ha detto...

Arvo Part ha detto: "Il 'segreto' della tradizione della gnosi è in fondo l'indicibile , che non può essere oggetto di una istituzione formale".

'Sto Arvo Part mi rammenta uno che, qualche tempo fa, ha dimostrato di ignorare il concetto di allegoria simbolica e allegoria letteraria. Se gli avessi mostrato un calice accanto a una patena, una sequenza di due immagini, sarebbe andato in tilt come un flipper sgangherato per intenderla.

Come al solito, se ne vanno per pericopi estrapolate: magari, ora, ci collega MC IV,12, da lui citato, con Mc 4,33: "Con molte parabole di questo genere annunziava loro la parola secondo quello che potevano intendere" (akouô nei manoscritti, che è la capacità di ascolto, con la qualità gnostica non c'entra un cavolo).
Magari, se invece di andartene per citazioni (mai dimostrate, sempre assunte come postulati), se non avocassi alla gnosi chi ti passa per la mente così come i massoni avocano alla Massoneria ogni personaggio di rilievo, se tu ragionassi sulle qualità della parabola e non sull'indicibile, sull'etimologia magari, capiresti un po' meglio. E capiresti chi sono "quelli di fuori": sono coloro ai quali manca la capacità di ascolto, che quando gli avvicini una parabola, nonostante sia loro vicina, non l'intendono, non vogliono intenderla, le sono estranei per partito preso. Capiresti che non sono differenti dai farisei del cieco nato, quelli che dicono di vedere (e di sapere) e invece non vedono e non sanno un tubo, quelli che ragionano solo di pecato e gnosi come Kiko.

Con questo ti saluto; non ho nessuna intenzione di rinnovare i battibecchi con quella tale "Cristina". Magari, se la conosci :-), me la saluti; potrete così discutere tra voi della differenza che passa tra una allegoria costruita con una sequenza di metafore (letteraria) e una di simboli.

roberta salerno ha detto...


A "Un fratello in cammino" 17:49

Sono d'accordo con Annalisa che dovresti ascoltare di più la voce che ti sta parlando dentro al cuore ..

Dici "quando posso faccio sentire la mia voce, quando non posso .."

Perché?

Perché ci sono momenti in cui la tua voce non PUOI farla sentire?

Cosa ti impedisce di dire apertamente le cose che "non vanno bene nel cammino"?

O di esprimere 1 opinione dicendo quello che "non piace a te"?

Perché,fratello, non provi a dirle queste cose nella tua comunità e ai tuoi catechisti?
(nn le cose che già hai affermato che dici, ma quelle di cui hai detto che parli solo a Dio nella preghiera ...
A proposito:
la risposta alla tua preghiera è di continuare a tenerti qste cose x te?)

Ancora meglio, perché non prendi in considerazione di uscire dal cammino?

Se provi a farlo, vedrai che "le cose che vanno bene" ti seguiranno ...

Nel senso che "le cose che vanno bene" NEL cammino NON sono DEL cammino!

Ma ci sono x Grazia che Dio fa (alle persone) NONOSTANTE il cammino. (Dal momento che Lui può trarre del bene anche dal male che non ha voluto).

Prendi la decisione di fare questo passo ..
partendo dal meraviglioso e azzeccatissimo esempio di Tripudio dell'acqua avvelenata.

Tu hai bisogno dell' acqua x vivere, e ora l'acqua la trovi nel cammino e ne hai talmente bisogno che non ti importa se dentro c'è il veleno .. Se questo "pozzo" (che poi è pozzanghera) fosse l'unico in mezzo al deserto si potrebbe anche capire ... ma non è così, la Chiesa, a 1 passo da te, è ricca di pozzi e sorgenti incontaminate ... e se comincerei a dissetarti a queste, 1 po' alla volta ti disintossicherai del veleno instillato in te goccia a goccia durante gli anni.

Non temere,non morirai di sete .. Gesù dice "..l' acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla x la vita eterna".

Fratello, "quelli" con cui stai adesso non ti stanno dando la stessa acqua di Gesù!

Prendi nel tuo cuore la decisione di abbandonarli e farai del bene a te stesso e ad altri.

Te lo auguro per te, per i tuoi prossimi .. per me e per la Chiesa tutta (perché la salvezza di "uno" è beneficio e gioia x tutti i credenti)

Grazie
Roberta

fab ha detto...

Questi tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti,
chi si maschera da apostoli di Cristo.
Ciò non fa meraviglia, perchè anche satana
si maschera da angelo di luce.
Infatti voi, che pur siete saggi,
sopportate facilmente gli stolti.
In realtà sopportate chi vi riduce in servitù,
chi vi divora, chi vi sfrutta, chi è arrogante,
chi vi colpisce in faccia.
Lo dico con vergogna; come siamo stati deboli!
(2Cor 11,13-15, 19-21)

Lino ha detto...

@ Utenti dell'Osservatorio
Lasciate che vi illustri la genia alla quale appartiene il nostro amico che, di tanto in tanto, viene qui a deliziarci con le sue lezioni di gnosi. Negli anni nei quali ho pubblicato su due "dimore filosofali" e partecipavo a tavole rotonde, ne ho conosciuti a iosa.
Seppure meno illetterati, sono identici ai neocatecumenali: dicono sempre le medesime cose. Una volta ascoltato uno, li hai sentiti tutti. L'ultima volta Rossetti ci ha parlato del Graal (definendo il calice del poema incompiuto di Chrétien de Troyes come il "simbolo totale della realizzazione pneumatica", "l'aspetto del cristianesimo più profondo e inaccessibile"). Poi ci parlò dei Fedeli di Amore. Ha dimenticato di erudirci sulla "lingua degli uccelli", ma lo farà la prossima volta. Quando riferiscono queste illuminate panzane, pur senza affermarlo chiaramente, sempre danno a intendere di possedere una conoscenza particolare, diretta, di queste materie iniziatiche: chi parla così di gnosi o di gnosticismo vuol far capire di fare parte del gotha. Qui per nick addirittura hanno assunto quello di Dante Gabriel Rossetti, la prossima volta si chiamerà con l'appellativo del Fedele d'Amore Sandro Botticelli. Se poi dovessimo chiedergli quale particolare della Primavera evoca una immagine del "Dantis Amor" di D.G. Rossetti, quale Fedele d'Amore evoca la pianta dietro alla cosiddetta Venere, immediatamente verrebbe posseduto da un demone muto :-)
Quando mi scaricavano addosso fiumi di parole standard sul Graal e sui Fedeli di Amore, presi l'abitudine di rispondere: "Sì, vabbeh, ma Lancillotto?".
Sono come i neocatecumenali, recitano i loro mamotreti a memoria. Anche ad Arvo Part diciamo: "Sì, vabbeh, ma Lancillotto?". Infatti, come è uscito fuori dal seminato delle sue letture esoteriche e ha affrontato la disciplina dell'arcano nel cristianesimo primitivo paragonandolo a quello di Kiko, è stato talmente banale che quasi mi è sembrato di leggere un commento inviato dal sommo pasqualone.

Anonimo ha detto...

Grazie Roberta e Annalisa rifletterò sulle vostre parole.

Un fratello in cammino

Anonimo ha detto...

Salve, voi sapete che io sono uscito dal Cammino per Grazia di Dio e con le confortanti parole di ben 4 sacerdoti.

Però voglio spezzare una lancia a favore di Kiko, siccome lo sappiamo non si esprime bene in italiano io credo che non voglia definire Carmen Santa di categoria superiore.

Ma voglia dire una fedele di categoria superiore e usare il termine Santa diciamo tra virgolette. Non so se rendo l'idea.

Secondo me la frase non è Carmen è una Santa di categoria superiore.
Ma Carmen è una "Santa" diciamo, diciamo di categoria superiore.

Detto questo vi ringrazio del lavoro che fate e di aver chiarito in miei dubbi e sono lieto di aver trovato anche un post dedicato che magari torna utile a qualcuno.

carmelogct

Lino ha detto...

@ carmelogct
Che non parli bene l'italiano (dopo cinquant'anni, avendo ancheacquisito la nazionalità) concordo.
Lo spagnolo, però dovrebbe parlarlo meglio.
Qui, penultimo capoverso: https://2.bp.blogspot.com/-gWfpz9x4HJ4/WSMySJkTwKI/AAAAAAAAAhc/HiENdjAOA0Uy4TcIeXPbWDkG_I5VdCZHACLcB/s640/carta%2Bkiko%2Bmayo%2B2017%2B2.png

Valentina Giusti ha detto...

@carmelogct: Kiko aveva già attribuito a Carmen la capacità di influire sul tempo atmosferico e di lei aveva già detto che stava mettendo in tumulto il paradiso (in favore del cammino), oltre che ritenerla già l'autrice di più di una guarigione miracolosa.
Ora, noi siamo abituati a chiedere ai santi specifiche intercessioni, Carmen invece è una specie di factotum, che si occupa un po'di tutto, dal trovare sale adeguate per le convivenze a far divenire più generosi i già salassati catecumeni. Quindi, per chi la ritiene capace di tutta questa ampia gamma di interventi, è una santa di categoria superiore, senza dubbio.

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Arvo Part:

Proprio perché il Mistero di Cristo è indicibile Dio ha voluto una Chiesa che ne fosse il "sacramento", in modo che tutti possano entrare in diretto contatto col suo Mistero.
Come Dio si è incarnato in Cristo, la cui natura umana è limitata (ma non la divina), con modalità ogni volta proprie si "incarna" anche nel Pane consacrato, nella Chiesa, nelle PAROLE dell'annuncio nonostante il linguaggio umano sia limitato, nei poveri...
Ma questa... è questione di FEDE.

L'iniziazione, per la Chiesa, è il BATTESIMO, che non è proposto ad un'aristocrazia spirituale, ma a TUTTI.

Lino ha detto...

La questione, Pietro, è che si sono fatti un'idea tutta loro dei Vangeli, che non conoscono; si limitano a estrapolare pericopi senza nemmeno aver compreso cosa cambia dal tempo delle prime predicazioni a quello della "ultima ora". Ma dico io: siete esperti del Graal, "l'aspetto del cristianesimo più profondo e inaccessibile"? Bene, limitatevi allo studio della fanciulla che aveva tra le mani un Graal e al seguito della vulgata arturiana, fino al lapis ex coelis, la vostra pietra filosofale (vale a dire, oggi, fino alle logge massoniche:-)
http://ridescrivendoci.forumfree.it/?t=68816084
Estrapolano, nemmeno hanno capito che il segreto (nel quale addirittura quello di riferire che Gesù era il Cristo) riguarda il tempo fino alla Passione, Morte e Resurrezione, un comando di silenzio dato affinché la gente (che in Lui vedeva il Messia/re temporale) non equivocasse sulla missione. Nemmeno hanno capito che Cristo non voleva, con la precoce divulgazione, che l'Ultima Ora fosse anticpata dai suoi nemici i quali lo volevano morto.
Estrapolano, e dimenticano pericopi chiarissime come quella della lucerna accesa (sic! Accesa!) sotto il moggio.
Soprattutto, non hanno capito, come hai scritto, che "L'iniziazione, per la Chiesa, è il BATTESIMO, che non è proposto ad un'aristocrazia spirituale, ma a TUTTI".

Lino ha detto...

Aggiungo, dal Vangelo odierno:
"In quel tempo, i discepoli dissero a Gesù : «Ecco, adesso parli chiaramente e non fai più uso di similitudini..." (Cfr. Gv 16,29-33).
Dovessi leggere ancora, Arvo Part, riesci a capire (con l'aiuto del mio precedente commento) perché, da un certo momento in poi - anche con Pilato - Gesù parlò "chiaramente"? Non propendeva più per un cristianesimo gnostico, ci aveva ripensato? :-)
'Sti gnostici sono come Kiko: non riescono mai a collegare il particolare al generale, estrapolano un loghion e ci costruiscono sopra un castello di sabbia.