domenica 16 settembre 2018

«Dall'interno non si può fare niente»

Il fatto che io, parlo di me, sia uscita [dal Cammino Neocatecumenale] dopo ben trenta anni, 28 per l'esattezza, da un lato mi fa vergognare.
Perché non prima? Il mio travaglio è durato almeno otto anni. Ma questo oggi mi consente di dire che ho davvero tentato di tutto prima di arrendermi.

Una prima conclusione ho tratto: DALL'INTERNO NON SI PUÒ FARE NIENTE.
O sei un soldatino allineato, che come tiri fuori il capino alla prima bastonata discernente ben assestata dal tuo catechista/padrone e signore delle tua vita ti pieghi e taci, oppure non hai futuro: ti distruggeranno se non scappi via in tempo.

Per quello che riguarda i fratelli ti dico la mia esperienza. Non è questione di aggredire verbalmente o sputare veleno, anche se ho provato quella esasperazione che genera il parlare con un muro. Terribile. Muro di gomma.
I confronti più crudi e diretti li ho avuti con chi era testimone di esperienze vissute da fratelli che sono stati letteralmente irretiti dai catechisti, che hanno dovuto, dopo aver subito violenze o ingiustizie, subire anche lo scrutinio del "tu giudichi" "tu credi di non essere capace di fare peggio" e simili.
Cose che abbiamo raccontato tante volte e che non mi sento di riferire di nuovo....
Quello che mi sconvolgeva era l'impossibilità di ragionare con questi "fratelli" con i quali avevi condiviso tutto il cammino, che erano "testimoni" come te di nefandezze e che si accontentavano, o meglio, si acquietavano con la parola dei catechisti.
Quale era questa parola?
"Ci hanno detto che non dobbiamo farci carico noi di questa storia, che tutto è stato messo nelle mani di Kiko, ci hanno dato la consegna del silenzio, di non parlarne con nessuno, DI NON PARLARNE MAI PIÙ NEANCHE FRA DI NOI! SE NO FACCIAMO IL GIOCO DEL DEMONIO! TU SEI DISOBBEDIENTE!".
E così si mettevano in riga e con la coscienza apposto e....ti giudicavano! Ovvio! Questo non è un peccato per loro.
Non si denuncia, non si chiede giustizia, non ci si immedesima col dolore altrui - se lo fai sei nevrotico - dopodiché ti becchi anche tu scrutini supplementari su scrutini. Tutti portavano a "ti levo da catechista" "ti rimando al secondo scrutinio" "ti rimando a fare le catechesi daccapo" e chi più ne ha più ne metta, in un crescendo che alla fine li costringeva a manifestarsi per quelli che sono.
Se avevi da difendere qualcosa non avevi via d'uscita. Dovevi obbedire.

Forse sono stata trenta anni (28) per vedere con la lente d'ingrandimento tutto questo. No, non hanno giustificazione alcuna. Né loro, i grandi condottieri del C.N., né i cari fratellini clonati, lobotomizzati, senza speranza di recupero alcuno.
Mi consola che noi ex che abbiamo aperto gli occhi e non ci siamo prestati a questo gioco sporco siamo comunque in tanti e spero che saremo sempre di più. Andando avanti, un bell'effetto domino!....."

Ho cercato di parlare e confrontarmi con i camminanti come me. Ho parlato con i miei catechisti, con gli itineranti, con i vertici stessi del cammino.
No, non so fare differenze. Sempre un buco nell'acqua.
E quelli che erano, sono e restano dentro pur avendo visto mille volte le stesse cose che io ho visto, sono i più refrattari.
Mi hanno evitato come la peste. Quando ho provato a parlare (gente con cui ho vissuto 30 anni) le risposte più frequenti: "Preferisco non sapere niente!" "Non parlarne più, si riaprono le tue ferite!" e simili espressioni senza senso.
Anche dopo anni, mai hanno cercato di capire, mai hanno favorito gli approcci che pure ho tentato, mai sono venuti a chiedere "ma cosa è successo?" Surreale? Per anni fratelli, dimenticando i fratelli di carne? Fratelli di chi? Non c'è proprio nulla da salvare nel cammino, neanche i rapporti umani che si creano in questo contesto. neppure sono umani! Eppure questa è la mia esperienza.

(da: Pax)

40 commenti:

  1. Buongiorno. Mi dicono che Kiko abbia avuto un peggioramento delle condizioni tra ieri pomeriggio e stanotte.

    Godot

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preghiamo per la sua salute, materiale e sopratutto spirituale (che per un cristiano è la più importante)

      Elimina
    2. Mi associo alla preghiera.

      Elimina
  2. Rosso Forfora (un sito web molto propenso al CN) propone un articolo su un certo Don Filippo che da Roma va ad aprire una Casa di Formazione a Gerusalemme. L'Urbe vuole sorpassare a destra il CN? Oppure è CN sotto mentite spoglie? A che serve una casa a Gerusalemme oltre a scatenare un nuovo giro di soldi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me a prima vista sembrerebbe una questione puramente alberghiera.

      Lo penso perché l'andare in Terrasanta diventa ogni anno più rognoso (quantomeno in burocrazia), e sarebbe comodissimo per una diocesi (non solo per quella di Roma) avere lì un pied-à-terre anche se ufficialmente qualificato come "casa di formazione" (e quindi non dipendere né dagli alberghi "fuori mano" né dalle varie Domus di Kiko...). Mi chiedo se l'operazione abbia qualche nesso col fatto che il parlamento israeliano ha approvato il 19 luglio 2018 una legge fondamentale che definisce il paese come “Stato-nazione del popolo ebraico” (una definizione di "stato razzista").

      "Formazione", poi, in che senso? Per spedire sacerdoti italiani in missione in Israele? Servono? Sono richiesti? E a parte il clima e il cibo e le attrazioni turistico-religiose, che differenza c'è tra formarli lì in loco o altrove? Il sacerdote citato nell'articolo parrebbe coinvolto in buona fede, e i suoi eventuali legami coi caporioni del Cammino saranno certamente noti a chi deve finanziare l'operazione. E comunque, se dietro le quinte ci sono i kikos, hanno sufficienti agganci nella diocesi di Roma per portarla avanti: è il triste destino di chi ha concesso troppo spazio al Cammino...

      Elimina
  3. Qualche aggiornamento sulla salute del boss?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per decenni hanno detto "pregate per Carmen che sta male" ogni volta che la signora faceva uno starnuto, per cui c'è da aspettarsi che nei confronti di Kiko avvenga lo stesso.

      Salvo clamorosi miracoli dell'ultimissima ora, Kiko non si pentirà e raggiungerà nel profondo dell'inferno la sullodata iniziatrice, dove sperimenteranno i frutti eterni della loro "spiritualità" assieme alle anime che sono riusciti a far dannare e a quelle che si danneranno in futuro a causa della loro opera.

      Sarebbe divertente conoscere qualcuna delle trame dei capicosca del Cammino che bramano di ereditare l'impero, benché decisamente smagrito, e delle lotte intestine per accaparrarsi le ultime briciole per continuare a campar di rendita, lotte tanto più furiose quanto più il fiume carsico di soldi continua a rinsecchire.

      Sarebbe ugualmente divertente conoscere le strategie già pronte per il "dopo-Kiko": qualcosa mi dice che il Cammino otterrà il solito supplemento di make-up "cattolicheggiante" per ciò che riguarda cose che notoriamente Kiko odia dal profondo della sua anima (adorazione eucaristica, devozione alla Beatissima Vergine, ecc.), come tentativo di limitare i danni in seguito alla morte del sedicente "Giovanni Battista in mezzo a voi". Una volta morto, infatti, fioccheranno un sacco di "contrordine, fratelli delle comunità", perché la maggioranza si renderà conto che non ha più senso seguire le ridicole prescrizioni di Kiko, si renderà conto della stupidità (oltre che eresia) di certe affermazioni di Kiko, inizierà a questionare il cretinissimo metodo del Cammino, e comincerà a chiedersi chi è colui davanti al quale si "alzano" alla GMG e in nome di chi e cosa saranno tenuti a pagare ancora puntualmente le "decime".

      Elimina
    2. Più che altro volevo solo sapere se si hanno altre notizie, visto che ultimamente è stato in giro facendo incontri su incontri. In che senso la sua salute è peggiorata?

      Elimina
  4. Anch’io sono uscita dopo 26 anni e un po’ mi vergogno per non averlo capito prima...mi hanno fatto soffrire da morire portandomi a dubitare di me stessa e perché invisa dai ‘fratelli’ agganciati ai vertici, io sempre indomita, sincera e leale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "io sempre indomita, sincera e leale!"

      Esatto, questi sono i peggiori difetti da evitare all'interno del cammino.
      Hai tutta la mia comprensione.
      LUCA

      Elimina
  5. Quando una religione è supportata da questi presupposti

    "Non esiste crimine per chi ha Dio". (Scenute d'Atripe, "santo")

    essa diviene il cancro dell'umanita e, ogni cancro, genera della metastasi che sono tutt'altro che "eresie", sono le espressioni stesse della malignità del tumore, ma indistinguibili da esso in quanto hanno la sola caratteritsica di generarsi in un organo "altro" provenienti dalla medesima radice.
    Queste forme depravate, inquinate da cancerogeno pensiero, trovano terreno fertile nelle menti dei vari "Fantozzi" in cui ci si imbatte nel corso della storia, soggetti evidentemente profondamento disturbati, che godono, in una forma deviata di piacere dello sperare, sopra ogni cosa, che nel post mortem, quale premio di una vita disciplinata al servizio della causa, godranno della possibilità di osservare le sofferenze dei dannati (ovvero quelli che non la pensano come loro) mentre bruciano nel fuoco infernale dalla loro paradisiaca terrazza.
    Questo è l'orologio-premio che sperano di ottenere dalla ditta. L aloro vita è tutta qui.
    Sono anime nere, cuori amari, da cui lo spirito si è allontanato e per questo scrivono, sopraffatti dalla loro libidine canina:

    "Salvo clamorosi miracoli dell'ultimissima ora, Kiko non si pentirà e raggiungerà nel profondo dell'inferno la sullodata iniziatrice, dove sperimenteranno i frutti eterni della loro "spiritualità" assieme alle anime che sono riusciti a far dannare e a quelle che si danneranno in futuro a causa della loro opera".

    Ringrazio Dio di non avermi fatto come loro o, comunque, di essermi ravveduto, con il passare degli anni, abbandonando questa fogna in cui li lascio volentieri sguazzare finch morte non sopraggiunga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pregate il Signore, solo in Gesù troverete la Pace che tanto cercate. Abbandonatevi alla Sua Parola, abbandonatevi al Volere di Dio. Dio è Amore. Non seguiamo altre voci che ci porterebbero in strade errate e che non portano a nulla. Qualsiasi persona che faccia la Santa Volontà di Dio è buona e deve essere ascoltata. Cercate Gesù, solo Gesù può soddisfare il vostro spirito.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    2. Cari tutti rimaniamo vicini a Gesù, solo Gesù conta e solo in Lui possiamo trovare la Pace di cui abbiamo tanto bisogno. Molti fanno l'errore di dirsi: io appartengo ai Focolarini, io al Cammino, io a CL, e tante altre appartenenze. Conta solo Gesù. Ovunque tu ti trova, conta Gesù, appartenere a Lui. Qualsiasi situazione che vi possa allontanare dal Signore, anche se per voi è santa ( cioè la consideravate così) la dovete respingere subito. Dio è Buono e Santo, non vuole il male delle sue creature. Per cui, se un ambiente diventa ostile, perchè sono sopraggiunte situazioni spiacevoli, e vedete che la situazione è irreparabile, ecco che si deve tagliare subito per evitare problemi spirituali. L'errore che si fa, normalmente, è quello di giudicare ogni cosa in base alla propria esperienza, come nel caso dei catecumenali, convinti, che giudicano e calunniano senza sapere. Costoro si trovano dentro al Cammino, si vivono delle situazioni dentro, ci si trovano bene, per vari motivi, ma fanno l'errore di andare contro a tutti coloro che hanno avuto esperienze diverse ( negative). Se qualcuno inizia a lamentarsi della situazione che si vive personalmente dentro al Cammino, ecco che viene preso da costoro come un seminatore di discordia, come uno che vuole destabilizzare la situazione, come un indemoniato. Sono giudizi pesanti, che nessuno merita, perchè è un BATTEZZATO, cioè Gesù ha dato la Sua Vita per lui. Si dovrebbe riuscire a capire che la realtà è diversa. Non tutti abbiamo la stessa esperienza, e non tutte le persone vengono trattate allo stesso modo. Vi faccio degli esempi. Tizio è antipatico ad alcuni, dentro le comunità, e questi iniziano a diffondere calunnie su Tizio. E' un asituazione che capita spesso. Se queste calunnie non vengono strongate sul nascere, ecco che come delle piante crescono, si radicano, e producono i frutti. Infatti, non è un caso, molti vengono trattati male, trattati con pregiudizi e anche con odio e discriminazione. Molti avranno la medesima impressione sul conto di Tizio, e finiranno ad ucciderlo con la lingua e con il giudizio. Si arriva a fare questo anche davanti alle situazioni più ovvie. Anche se Tizio fosse il più umile, anche se desse metà dei suoi danari, anche se facesse mille cose sante e buone, tutto ciò non avrebbe nessun valore, perchè ormai il pregiudizio si è radicato in profondità dentro le coscienze. Vedete come fa male in un gruppo la calunnia!?! Cari tutti, guardate Gesù, guardate cosa ha subito, da tutto quanto è accuduto a Lui dovremmo prendere giudizio, e lasciare stare in Pace il fratello. Non date ascolto a tutto ciò che vi si pone davanti, ma ascoltate e verificate se proviene dalla Verità.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
  6. @ Anonimo 16:31

    Ma come si fa a seminare tanta amarezza nel cuore delle persone?
    Il culto idolatrico della persona porta a tutto questo.
    Nel cammino tutto è incentrato su Kiko.
    Espressioni più frequenti degli itineranti;
    Kiko ha detto, Kiko ha fatto, ho telefonato a Kiko per chiedere.....
    Nel cammino si pratica il configurarsi al modello dato un uomo mortale.
    Nel parlare, muoversi, comportarsi. Questo oscura totalmente il Signore. Poiché tutta la predicazione è filtrata da Kiko, passa come in un convertitore e diventa la dottrina neocatecumenale. Unica comunità, unica chiesa, unica via della salvezza.
    Per questo i neocatecumeni non riconoscono niente altro nella Chiesa Universale se non il loro percorso iniziatico. Tutti sono chiamati a convertirsi e a fare il cammino, altrimenti non avranno mai la fede. Questo il convincimento che ti insinuano dentro con le catechesi, questa la convinzione che si consolida negli anni.
    Questo è quanto accade. Perciò disprezzano tutto il resto e non tollerano chi sia "indomita, sincera e leale". Figuriamoci, possono avere a che fare solo con chi si fa narcotizzare, ipnotizzare e guidare col telecomando.
    Ma come si fa a non vedere con chiarezza tutto questo? Come si fa ancora a difendere l'indifendibile?

    Grazie per la tua testimonianza.

    Pax

    RispondiElimina
  7. Il cammino è una m**** come sono le persone che la frequentano, altro che poveretti,sono persone maligne e stupide,come è una m*** la Chiesa che continua a chiudere gli occhi,perché poi? Per proteggere i piccoli? Così come ha sempre protetto i piccoli dagli abusi di preti nei tanti secoli? Alla Chiesa serve il cammino perché porta soldi e fa marketing,ed il papa invece di ripetere ciò che ha detto già, Giovanni Paolo 2 in Sicilia nel 92,facesse opere e non parole come la seconda lettura di oggi ci ricorda,opere,fatti non chiacchiere! Deve cambiare la Chiesa con i fatti e chiudere tutto ciò che va contro Dio e le povere persone che purtroppo non hanno la fortuna e la grazia di essere protette ne da Dio e ne da nessuno sulla terra
    Ex fratello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ex fratello,
      so che mi capisci .. le persone sole sono quelle che più ci rimettono: o restano lì dentro a fare le serve di tutti (attenzione: non il servizio liberamente scelto con spirito cristiano, che dà gioia a chi lo fa e a chi lo riceve .. ma quello imposto, con l'arroganza del "tu sei sterile", "lo devi fare tu che non hai famiglia, cosa altro hai da fare?" o frasi simili e accettato per causa di forza maggiore perché se no resti sola come 1 cane e magari in difficoltà economica dopo aver dato i tuoi beni alla "comunità" che ti dicevano essere la "tua famiglia" ..) oppure si consacrano senza avere vocazione, oppure si sposano la persona sbagliata, oppure se ne escono e sono sole come prima.
      Ma è mille volte meglio!
      Io la penso come te su questo fatto dei "piccoli" .. non riesco più a giustificare nessuno ..
      so che qualcuno si arrabbierà, ma 1 volta tanto la voglio esprimere io la mia esasperazione ..
      dopo 1 po' di tempo per capire, se uno resta lì è perché gli fa comodo restare, dove il "comodo" può essere di qualsiasi genere (economico, affettivo, psicologico .. persino può essere il tentare di uscire dal senso di colpa cercando di "rimediare" dall' interno come dice il post) . Possiamo pure prendercela con Papa, Cardinali, Vescovi, preti .. ma l'altro 50% è dato dalla gente che ci entra e che ci resta nel CN .. La ditta Kiko&C. se non avesse CLIENTI resterebbe a secco, nonostante qualunque "promozione" ecclesiastica; se uno continua ad acquistare il prodotto è perché in fondo gli va bene così com'è.
      E di questi "clienti" pochissimi sono persone single, la maggioranza sono famiglie, che si lasciano incatenare sempre più da ricatti morali ed economici.
      Ma la differenza si vede anche tra quelli che escono: quelli soli, dopo aver "goduto" della finta compagnia della finta comunità, tornano soli e si rendono conto di esserlo sempre stati, alcuni si ritrovano soli dopo il matrimonio rotto che non ci sarebbe mai stato (e mai rotto) senza le pressioni del "ci sono solo due strade" .. ma le famiglie "vere" restano tali anche 1 volta uscite, uniti dentro, uniti fuori; addirittura qua da me tante famiglie uscite sono andate a rifugiarsi in massa dentro 1 altro movimento, quindi non solo uniti i coniugi, ma anche "in rete" tra famiglie, quindi l'aiuto non viene meno, la compagnia non viene meno e tante altre cose ..
      Io dico che c'è chi cade sempre in piedi, chi troppo e chi niente.
      Ma proprio perché questa è la realtà mi sento di dire che la protezione di Dio c'è eccome, altrimenti a quest'ora mi sarei già ammazzata e quindi è 1 miracolo che ciò non sia avvenuto (ancora) .. il perché non lo so ma immagino che si debba continuare a vivere per comprenderlo.

      Se volete cancellate pure il commento, io parlavo con
      Ex fratello e con quelli (penso davvero pochi) che come lui possono comprendere.

      Grazie
      Roberta

      Elimina
    2. Ciao Roberta,come già sai, ti comprendo benissimo su tutto!
      Dici,tra tutte le cose in cui mi ritrovo, "Io dico che c'è chi cade sempre in piedi, chi troppo e chi niente",e questa cosa ci penso sempre e non riesco a capire perché e anche per questo non riesco più a credere a Dio!
      E inoltre sono d'accordo con te, solo chi prova certe cose può comprendere,tutta la rabbia,frustrazione,amarezza e altro che uno ha dentro!
      Scrivi, inoltre:"Ma la differenza si vede anche tra quelli che escono: quelli soli, dopo aver "goduto" della finta compagnia della finta comunità, tornano soli e si rendono conto di esserlo sempre stati", come mi ritrovo in pieno in ciò che hai scritto, questo è ciò che è capitato a me!
      Grazie come sempre, perché sapere che c'è qualcuno che ti comprende,ti fa sentire meno soli.
      Un abbraccio Ex fratello!

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  8. Strano come questi fissati dell'ubbidienza, quasi avessero fatto un voto, siano i primi a disubbidire alle norme liturgiche, morali e di fede della Chiesa.
    Disubbidiscono al Papa, ai Vescovi, al Codice di Diritto Canonico, ma ubbidisco a Kiko e i catechisti.

    Lo statuto non parla dell'autorità dei catechisti ma da solo fiducia alle linee guida dei fondatori che però è sott'inteso che non dovono contrastare con le norme ecclesiastiche.
    Ebbene: l'autorità dei catechisti così come la intende Kiko è contraria a ogni forma di autorità che la Chiesa ammette. Inoltre i catechisti non hanno nessun mandato se non quello del laico Kiko.

    In realtà basta ubbidire alla Chiesa e ai doveri di stato, dopodiché alla parola ubbidienza va sostituita quella di "piacere", nel senso che se si fa una cosa in più, la si fa solo per piacere, per amore e basta. Molto LIBERAMENTE. Non come quando si mettono i soldi nel sacco nero la terza o quarta volta che passa!

    Ma se a qualcuno piace di prostrarsi supinamente ai piedi dei capi e prendere ordini secchi e squinternati come fossero dei satrapi orientali o degli addestratori cinofili, si accomodi. Ma sappia che il masochismo ha la sua ricompensa solo su questa terra.
    Ne vale la pena? Tanta fatica per accontentarsi come ricompensa di un sorriso o di un buffetto del padrone!

    Camminanti, fate come Pax: mandateli a quel paese!Ma prima divertitevi un po': mettete in dubbio quello che dicono, fatevi vedere poco convinti, dite che il loro consiglio vi sembra stupido, fateli arrabbiare mentre col sorriso sulla bocca gli dite di non fare gli isterici... e poi mandate a quel paese. Vi sentirete liberi. Come ha fatto Pax, che ringrazio della sua testimonianza

    RispondiElimina
  9. Kiko non apparirà più alla Madonna?

    RispondiElimina
  10. Purtroppo ciò che ha riportato Pax è verità pura. Poi cambia la sensibilità e il punto di vista, ma I fatti riportati sono reali. Persone con le quali hai condiviso un percorso, pochi anni o tanti anni, e poi nulla, diventi uno sconosciuto. Quando sei dentro ti sembra di avere intorno a te dei fratelli con I quali condividi la tua vita, ma è solo apparenza, perchè sotto la cenere il fuoco brucia. Sapete quanti giudizi e calunnie ci sono sotto, neanche ve li immaginate quanti. Ma questo è ciò che si vivono tutti, anche loro, cioè anche coloro che sono oggi ancora dentro, perchè farebbero la stessa fine nel momento in cui uscissero anche loro. Da questo si dovrebbe riflettere molto su cosa si va a fare e cosa è per i partecipanti ciò che si fa. Forse un palcoscenico, dove si improvvissano scenette, come battiti di mani,urla, schitarramenti, preghiere al cielo ( ma alle quali, molte volte, non si crede più di tanto, per via dei frutti di cui stiamo parlando), monizioni ( che il più delle volte non lo sono, perchè contengono tutto tranne una monizione). Cara Pax e cari tutti, molto è in questa frase, credo che contenga molto del loro pensiero:

    I confronti più crudi e diretti li ho avuti con chi era testimone di esperienze vissute da fratelli che sono stati letteralmente irretiti dai catechisti, che hanno dovuto, dopo aver subito violenze o ingiustizie, subire anche lo scrutinio del "tu giudichi" "tu credi di non essere capace di fare peggio" e simili.

    Vedete, si fa del male, lo si riconosce di averlo fatto in quanto si dice : "tu giudichi" "tu credi di non essere capace di fare peggio" e simili, per cui la persona riconosce di aver fatto del male. Quella persona che ha irretito, ha prima giudicato lui ( IPOCRISIA), poi ha usato le sue armi ( IPOCRISIA); ha fatto del male al fratello, non di certo si è comportato da cristiano, cioè un altro CRISTO; per cui ha dimostrato di essere un incapace e un IPOCRITA tutto davanti a tutti. Ma nella sua ipocrisia non si è vergognato del male fatto, anzi si giustifica dicendosi: chi sei tu per giudicare! Anche tu faresti lo stesso! Altro che Cristo che risana il cieco. Qui si fa l'azione contraria, cioè si butta immondizia sul fratello, per accusarlo delle proprie colpe, cioè la spartizione della colpe, ovvero le colpe mie ricadono su tutti voi.

    RispondiElimina
  11. segue da precedente:

    Tutto ciò non è con Dio, perchè è Dio che ci fa capire l'opposto:

    1] Mi fu rivolta questa parola del Signore:

    [2] "Perché andate ripetendo questo proverbio sul paese d'Israele:
    I padri han mangiato l'uva acerba
    e i denti dei figli si sono allegati?

    [3] Com'è vero ch'io vivo, dice il Signore Dio, voi non ripeterete più questo proverbio in Israele.

    [4] Ecco, tutte le vite sono mie: la vita del padre e quella del figlio è mia; chi pecca morirà.

    [5] Se uno è giusto e osserva il diritto e la giustizia,

    [6] se non mangia sulle alture e non alza gli occhi agli idoli della casa d'Israele, se non disonora la moglie del suo prossimo e non si accosta a una donna durante il suo stato di impurità,

    [7] se non opprime alcuno, restituisce il pegno al debitore, non commette rapina, divide il pane con l'affamato e copre di vesti l'ignudo,

    [8] se non presta a usura e non esige interesse, desiste dall'iniquità e pronunzia retto giudizio fra un uomo e un altro,

    [9] se cammina nei miei decreti e osserva le mie leggi agendo con fedeltà, egli è giusto ed egli vivrà, parola del Signore Dio.

    [10] Ma se uno ha generato un figlio violento e sanguinario che commette qualcuna di tali azioni,

    [11] mentre egli non le commette, e questo figlio mangia sulle alture, disonora la donna del prossimo,

    [12] opprime il povero e l'indigente, commette rapine, non restituisce il pegno, volge gli occhi agli idoli, compie azioni abominevoli,

    [13] presta a usura ed esige gli interessi, egli non vivrà; poiché ha commesso queste azioni abominevoli, costui morirà e dovrà a se stesso la propria morte.

    RispondiElimina
  12. segue da precedente:

    14] Ma, se uno ha generato un figlio che vedendo tutti i peccati commessi dal padre, sebbene li veda, non li commette,

    [15] non mangia sulle alture, non volge gli occhi agli idoli di Israele, non disonora la donna del prossimo,

    [16] non opprime alcuno, non trattiene il pegno, non commette rapina, dà il pane all'affamato e copre di vesti l'ignudo,

    [17] desiste dall'iniquità, non presta a usura né a interesse, osserva i miei decreti, cammina secondo le mie leggi, costui non morirà per l'iniquità di suo padre, ma certo vivrà.

    [18] Suo padre invece, che ha oppresso e derubato il suo prossimo, che non ha agito bene in mezzo al popolo, morirà per la sua iniquità.

    [19] Voi dite: Perché il figlio non sconta l'iniquità del padre? Perché il figlio ha agito secondo giustizia e rettitudine, ha osservato tutti i miei comandamenti e li ha messi in pratica, perciò egli vivrà.

    [20] Colui che ha peccato e non altri deve morire; il figlio non sconta l'iniquità del padre, né il padre l'iniquità del figlio. Al giusto sarà accreditata la sua giustizia e al malvagio la sua malvagità.

    [21] Ma se il malvagio si ritrae da tutti i peccati che ha commessi e osserva tutti i miei decreti e agisce con giustizia e rettitudine, egli vivrà, non morirà.
    [22] Nessuna delle colpe commesse sarà ricordata, ma vivrà per la giustizia che ha praticata.

    [23] Forse che io ho piacere della morte del malvagio - dice il Signore Dio - o non piuttosto che desista dalla sua condotta e viva?

    [24] Ma se il giusto si allontana dalla giustizia e commette l'iniquità e agisce secondo tutti gli abomini che l'empio commette, potrà egli vivere? Tutte le opere giuste da lui fatte saranno dimenticate; a causa della prevaricazione in cui è caduto e del peccato che ha commesso, egli morirà.

    [25] Voi dite: Non è retto il modo di agire del Signore.
    Ascolta dunque, popolo d'Israele: Non è retta la mia condotta o piuttosto non è retta la vostra?

    [26] Se il giusto si allontana dalla giustizia per commettere l'iniquità e a causa di questa muore, egli muore appunto per l'iniquità che ha commessa.

    [27] E se l'ingiusto desiste dall'ingiustizia che ha commessa e agisce con giustizia e rettitudine, egli fa vivere se stesso.

    [28] Ha riflettuto, si è allontanato da tutte le colpe commesse: egli certo vivrà e non morirà.

    [29] Eppure gli Israeliti van dicendo: Non è retta la via del Signore. O popolo d'Israele, non sono rette le mie vie o piuttosto non sono rette le vostre?

    [30] Perciò, o Israeliti, io giudicherò ognuno di voi secondo la sua condotta. Oracolo del Signore Dio. Convertitevi e desistete da tutte le vostre iniquità, e l'iniquità non sarà più causa della vostra rovina.

    [31] Liberatevi da tutte le iniquità commesse e formatevi un cuore nuovo e uno spirito nuovo. Perché volete morire, o Israeliti?

    [32] Io non godo della morte di chi muore. Parola del Signore Dio. Convertitevi e vivrete".

    RispondiElimina
  13. segue da precedente:

    Non puoi proiettare le tue colpe sugli altri, giustificandoti e dicendoti anche tu potrai far di peggio. Non è un discorso sano, ma è solo IPOCRISIA, perchè vuoi autoassolverti davanti agli occh degli altri, ma con fare disonesto, in quanto accusi tutti gli altri di fare come te.

    Per chi si fa simili discorsi, cioè accusa gli altri di giudicare, perchè vuole continuare a fare del male, o continua perchè ne è schiavo, e accusa gli altri di essere persone che stavano lì per giudicare, ecco cosa ci viene riportato Genesi 19:

    8] Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini, perché sono entrati all'ombra del mio tetto".

    [9] Ma quelli risposero: "Tirati via! Quest'individuo è venuto qui come straniero e vuol fare il giudice! Ora faremo a te peggio che a loro!". E spingendosi violentemente contro quell'uomo, cioè contro Lot, si avvicinarono per sfondare la porta.

    [10] Allora dall'interno quegli uomini sporsero le mani, si trassero in casa Lot e chiusero il battente;

    [11] quanto agli uomini che erano alla porta della casa, essi li colpirono con un abbaglio accecante dal più piccolo al più grande, così che non riuscirono a trovare la porta.

    Tutto questo ci dovrebbe far riflettere molto. Vi faccio un esempio concreto. Non possiamo coprire un abusatore sessuale, dicendo” anche tu potresti fare lo stesso”, oppure dicendo “credi che non saresti capace di fare lo stesso”. Cari amici, Gesù non ha nulla con il Peccato, infatti Lui ha in ODIO il PECCATO, talmente in odio che ha dato la Sua Vita per Tutti Noi, per distruggere completamente il Peccato. Non si può dire ad una persona queste cose. Ma ci vorrebbe maturità nella fede, cioè accertarsi della verità, e poi agire di conseguenza.

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
  14. Invece di perdere tempo su questo stupido blog,con insulse discussioni,vi invito ad ascoltare,su Radio Maria,la bellissima trasmissione della storica Angela Pellicciari.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela Pellicciari è una neocatecumenale doc, infatti nelle sue trasmissioni non fa altro che sbrodolare complimenti a Kiko e al Cammino. Ha perso totalmente di credibilità, soprattutto da quando dedicò intere trasmissioni a lodare la loro "evangelizzazione" (=fare proseliti del Cammino).

      Alessandra

      Elimina
    2. A parte il fatto che ciascuno spende il proprio tempo come gli pare, Radio Maria basta che la paghi si mette dalla parte di chiunque! Don Livio è peggio di Kiko: sempre a chiedere soldi e a propagandare i suoi libri.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Radio Maria, mascherandosi in modo poco chiaro dietro la ragione sociale, ovvero la religiosita' naturale verso la Vergine, cosa che tra l'altro lo stesso CNC aborrisce, macina soldi sia dal Cammino stesso che da Medjugorije,
      che pur non essendo riconosciuta dalla Chiesa, si impegna a difendere ed a incoraggiare I pellegrinaggi, con estremo accanimento.

      Per vostra informazione, che a richiesta puo' essere ampliata, con I relativi dati, I Francescani custodi del Santuario di cui sopra,
      hanno cospicui interessi in tre Banche: due croate ed una Croato- Bosniaca, quest'ultima sembrerebbe, proprio fondata da loro.

      Alla faccia del Poverello di Assisi!
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. Caro anonimo, che mi dai l'impressione di essere Jeffino, oppure molto simile a lui, ti vorrei chiedere: che per caso tutto ciò che piace a te lo ritieni giusto e buono, e ciò che non ti piace lo ritieni insulso? Per caso sei egoista, cioè guardi solo il tuo ombelico, per cui non hai uno sguardo pieno che va oltre la tua pancia?
      Caro amico non si sta facendo nulla di male, al mondo non tutti la pensano come te.Immaginati 7 miliardi di persone come te, tutti clonati: non sarebbe meglio muorire subito. Ma Dio, caro amico, va oltre la tua piccolezza, non si riduce alla tua piccola mentalità. Per cui ti si dice: qui si parla, si ragiona, si scrive, si esprime il poprio punto di vista e si fa anche altro. Purtroppo al mondo non ci sei solo tu, non comandi solo tu, non si deve fare quello che pensi solo tu. Dio mi ha creato libero, e con la mia propria volontà. Non sei tu che mi farai compiere la tua volontà, ma sono io che con la mia volontà, unita a quella di Dio, eseguo ciò che credo sia giusto. Per cui, il tuo dire è il tuo punto di vista, che alcuni condividono, ma che molti altri no, per me non ha nessun valore. E fammi un favore non mischiare Radio Maria con tutto ciò che si sta dicendo su questo blog. Lascia stare Radio Maria, non puoi manipolare la situazione a tuo piacimento. Perchè se nomini Radio Maria, e inviti ad ascoltare le trasmissioni, se no sei IPOCRITA, ti invito a far notare e a dire agli altri di seguire anche le trasmissioni che parlano sell'Eucarestia sulla mano, come segno di rispetto verso Gesù Cristo. Tutte le trasmissioni che vi fanno stare scomodo e che denunciano la vostra IPOCRISIA. Per cui, se sei un vero cristiano mettiti all'opera. Altrimenti fai parte del partito politico del mondo, ovvero sei schierato per convenienza e opportunismo. Gesù non era opportunista, Cristo ha dato la Vita per tutti noi, non solo per una singola parte, fregandosene del resto. Noi tutti siamo chiamati a seguire l'esempio di Gesù, solamente facendo in questo modo saremo dei veri cristiani.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    6. @Ruben
      Se è per questo leggi qui o in tanti altri articoli sull'argomento :
      https://www.google.it/amp/s/www.ilmattino.it/AMP/caserta/medjugorje_camorra_viaggi_mogli_boss-3846715.html

      Frilù

      Elimina
    7. Caro anonimo, perchè non dici di andare su Radio Maria, e dici di ascoltare questo?:
      https://www.facebook.com/radiomaria/posts/un-po-di-chiarezza-ai-seguenti-commenti-un-piccolo-sforzo-leggere-fino-in-fondo-/1567292076642070/
      in particolare, perchè non ci chiarisci questo punto

      2. Il modo consueto di ricevere la comunione deponendo la particola sulla lingua rimane del tutto conveniente e i fedeli potranno scegliere tra l'uno e l'altro modo.

      1865

      3. Prima di introdurre la possibilità di ricevere la comunione sulla mano, dovrà essere fatta congrua catechesi, che illustri i vari punti della presente istruzione e in particolare il significato della nuova prassi.

      1866

      4. Il fedele che desidera ricevere la comunione sulla mano presenta al ministro entrambe le mani, una sull'altra (la sinistra sopra la destra) e mentre riceve con rispetto e devozione il corpo di Cristo risponde «Amen» facendo un leggero inchino. Quindi, davanti al ministro, o appena spostato di lato per consentire a colui che segue di avanzare, porta alla bocca l'ostia consacrata prendendola con le dita dal palmo della mano. Ciascuno faccia attenzione di non lasciare cadere nessun frammento. Le ostie siano confezionate in maniera tale da facilitare questa precauzione.
      Viene da Radio Maria.
      Chiariscici questo passaggio:

      2. Il modo consueto di ricevere la comunione deponendo la particola sulla lingua rimane del tutto conveniente e i fedeli potranno scegliere tra l'uno e l'altro modo.
      Forza, fammi vedere che non sai solo incolpare.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    8. Carissimo altro materiale cui vorrei delle tue risposte concrete, non solo di parte, come se la Chiesa, la Casa Nostra, fosse solo tua:

      http://blog.messainlatino.it/2015/08/padre-livio-di-radio-maria-sulla.html

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    9. Ti metto altro materiale su Radio Maria:
      https://www.facebook.com/radiomaria/posts/preparazione-alla-santa-messaleucaristia-%C3%A8-il-dono-pi%C3%B9-grande-che-ges%C3%B9-ci-ha-las/1541581435879801/

      In particolare dacci, cortesemente, il tuo punto di vista su questo che viene riportato:

      Quando siamo davanti al sacerdote (o altro ministro della Comunione) che sta per darci Gesù e ce Lo mostra dicendo “Il Corpo di Cristo”, dobbiamo fare un piccolo atto di adorazione (la genuflessione o almeno un profondo inchino del capo), dire e poi ricevere l’Ostia consacrata che è Gesù stesso. è previsto che si riceva la Santa Comunione in ginocchio e direttamente in bocca (sulla lingua); è però possibile riceverla anche in piedi e in mano. In tal caso è obbligatorio che le mani siano pulite e sgombre, una sotto l’altra e poste in alto con atteggiamento di accoglienza di Gesù; appena ricevuta, l’Ostia va subito portata alla bocca con la mano prima posta sotto l’altra e subito assunta davanti al sacerdote o appena di fianco; occorre inoltre fare molta attenzione che non ne siano rimasti frammenti (ci sarebbe interamente Gesù) nel palmo della mano. Tornando al posto possibilmente ci si metta in ginocchio e si preghi con la massima devozione, consapevoli che abbiamo Gesù addirittura fisicamente presente in noi. La nostra personale e interiore preghiera di ringraziamento si conclude infine con quella liturgica recitata dal sacerdote (detta appunto ”post Communio”).
      La Messa non è uno spettacolo. Quando termina - tra l’altro subito dopo i Riti di Comunione! - occorre mantenere un clima di silenzio, di raccoglimento e di preghiera, per ringraziare e adorare ancora il Signore Gesù, appena venuto ed anche ricevuto in noi stessi. Non si chiacchiera, non si parla, e tanto meno si fanno applausi (sempre proibiti nella liturgia!) anche se vi fossero particolari festeggiati.

      In particolare anche su questo punto: e tanto meno si fanno applausi (sempre proibiti nella liturgia!) anche se vi fossero particolari festeggiati.

      Parlaci a tutti cristianamente, uscendo alla luce. Dimostra che sei un cristiano, oppure, altrimenti, sei ciò che sei. Fatti tu il giudizio su te stesso.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
    10. Sempre da quanto riportato da Radio Maria:

      La Messa non è uno spettacolo. Quando termina - tra l’altro subito dopo i Riti di Comunione! - occorre mantenere un clima di silenzio, di raccoglimento e di preghiera, per ringraziare e adorare ancora il Signore Gesù, appena venuto ed anche ricevuto in noi stessi. Non si chiacchiera, non si parla, e tanto meno si fanno applausi (sempre proibiti nella liturgia!) anche se vi fossero particolari festeggiati.

      Questo è ciò che fate dopo la Santa Eucarestia:

      https://www.youtube.com/watch?v=o6v1i2zsjng

      Dove sta la Verità? Ti do la risposta: IN DIO, SOLO DIO E' LA VERITA'. Gesù non andava ad evangelizzare con la chitarra in mano, cantando e urlando e battendo le mani. Ci potrebbe essere un momento, ma non può essere sempre così, pensando che sia Volontà di Dio. Gesù è la Verità. Infatti il Papa non è mai uscito al balcone di San Pietro con la chitarra in mano, e non Celebra l'Eucarestia con la chitarra e battendo le mani e urlando. Questa è la Verità. Nessuno vi vuole impedire di vivere così, ma per cortesia, non fate i Maestri e i Professori, non siete nessuno, non avete riformato nessuna Chiesa, e non siete guide di nessuno che non vi voglia ascoltare perchè sta bene così. Non dite che siete i veri cristiani, non dite che siete migliori dei cristiani della domenica, non dite tante altre cose. Perchè nel momento in cui vi mettete a dirle, siete solo dei PRESUNTUOSI.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. ANONIMO delle 11 e 47:
    Cammino e Radio Maria sono alleati di convenienza, come gli Alleati e Stalin nella II Guerra Mondiale, perché viaggiano su lunghezze d'onda diverse. E lo sai bene. Al Cammino fa bene uno spazio radiofonico importante, anche se gestito da "religiosi naturali", e a Radio Maria fanno bene i soldi di Kiko.

    Io mi sento abbastanza vicino a Radio Maria che, pur attraverso i limiti tipici dell'uomo, fa anche del bene. E sono anche propenso a credere alle apparizioni di Medjugorje, di cui una volta ero convinto zelatore, ma non fino al punto di acconsentire all'errore teologico.

    Perché il problema è sempre quello: se, ad esempio, il dogma della Chiesa afferma solennemente che la Messa è il SACRIFICIO di Cristo, se Kiko insiste a dire che non è vero, è un eretico.
    Se così a me non interessa niente se Padre Livio stima il Cammino, se la tal Veggente dice che Kiko è un figlio di Maria amatissimo (non l'ha detto sia chiaro...), se il Papa stesso si fa neocatecumenale.

    Il fatto è che finché Kiko non afferma che la Messa è il Sacrificio di Cristo è un ERETICO.
    Tutto il resto sono chiacchiere per confondere le menti e i cuori.
    San Paolo del resto scrive che satana si può travestire da angelo di luce. E dice che se qualcuno, fosse, per assurdo, anche un angelo di Dio, dovesse annunciare un Vangelo diverso da quello vero, sia anatema.
    Figurati se mi impressiona la catechesi di una tizia su Radio Maria.
    Kiko crede o no che la Messa è il Sacrificio di Gesù? No? Allora è eretico. Parola della Chiesa.

    Io rispetto il Papa, ho affetto per lui e prego per lui.
    Ciò nonostante anche se ha detto che la Bonino è un personaggio politico da prendere ad esempio, io dico che non sono d'accordo. E se anche la Madonna di Meddjugorje (cioè qualche "veggente"), dicesse che il Papa ha ragione, io dico che NON è così. Veggente o non veggente.

    Chi crede alla Chiesa crede alla Chiesa e basta. Poi, conformemente alla dottrina della Chiesa, può credere a tutto il resto, ma non come a qualcosa di essenziale, ma come a una circostanza.
    Tutto deve sottostare al Magistero della Chiesa, comprese le eventuali parole della Madonna (cioè dei veggenti che eventualmente la "traducono") e comprese le parole estemporanee o le opinioni personali del Papa.

    RispondiElimina
  17. Pietro (NON del Cammino) sottoscrivo in pieno il tuo commento che condivido, parola per parola.
    Hai espresso perfettamente il mio pensiero.
    Grazie di cuore.

    Pax

    RispondiElimina
  18. io semplicemente non ascolto radio Maria siccome non mi è mai piaciuta non l'ho mai ascloltata. Padre Livio parla da ignorante sui cristiani del sabato sera(non li chiamerò più neocatecumenali ) Lui che parla tanto bene dei cristiani del sabato sera perchè non entra e si fa tutto il percorso? Lo sa che lui secondo il loro capo non è un salvato?

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.