sabato 18 maggio 2019

LA NUOVA CHIESA. SCRUTINIO AD UN PRESBITERO DA PARTE DI UN LAICO “ILLUMINATO DALLO SPIRITO”

Nella NUOVA CHIESA del DIO KIKO, succedono cose strane, cose “nuove”.
Non esiste la direzione spirituale alla vecchia maniera, fatta da un buon sacerdote confermato nella fede da un SACRAMENTO, che ti porta consiglio, ma che poi ti lascia libero di seguirlo, che non si impone, che non rivendica l’AUTORITA’ che la Chiesa gli ha conferito, ma ti ascolta e ti suggerisce la via buona per la tua vita, per il tuo caso personale, totalmente in libertà. Tu puoi seguire i suoi consigli spirituali, sarebbe meglio per te, ma se non vuoi o non riesci, la volta successiva che tornerai il sacerdote sarà lì per te, non ti dirà che sei “bocciato” perché non hai obbedito, ma con pazienza e misericordia ti ascolterà di nuovo e ti darà consiglio.
Nella NUOVA CHIESA invece, esiste il contrario. La “novità” è che un ministro ordinato riceve esami e verifiche attraverso gli “scrutini”, da un LAICO QUALSIASI, un semplice inviato del DIO KIKO, senza arte né parte, senza formazione ecclesiale alcuna, titolare soltanto dell’”illuminazione” che gli proviene dallo spirito che la NUOVA CHIESA gli ha dato. Il laico indagherà la vita del sacerdote, gli interpreterà i fatti e gli dirà cosa deve fare per essere un buon cristiano. Se il sacerdote non obbedisce, il laico lo “boccerà” ed il povero sacerdote non potrà proseguire nel cammino, dovrà attendere, finché la sua fede non venga valutata sufficiente dal laico “illuminato” senza sacramento. Solo allora potrà proseguire il cammino che lo porterà all’incontro con Gesù Cristo.


Abbiamo qui un esempio, non sono frottole, e da questo esempio, leggendo attentamente, è anche possibile capire in quale situazione versasse LA NUOVA CHIESA DEL DIO KIKO nel 1977, a 9 anni dalla sua nascita.

Scrutinio integrale al SACERDOTE da parte del DIO KIKO in persona, 1977, come riportato nel mamotreto vecchio del 2° scrutinio:

Kiko: Dove ponevi le tue sicurezze?
P.: Io penso che ponevo le mie sicurezze nella perfezione etica, una vita di sacrificio, nell'obbedienza portata fino all'estremo nella povertà totale, nella castità, nell'autodominio, nell'onorabIlità. Cioè, in quello che io intendevo essere un buon prete, e per esserlo ben riuscito. Questo mi portava a superare i complessi della mia infanzia, l'essere di un paese, il fisico. lo mi ricordo che leggevamo a scuola un racconto di due sorelle, e una era molto brutta e non so che, e l'altra era molto bella. E la brutta disse: "Bene, io sarò molto buona", e finirono tutti per amarla molto di più. Beh, un po' questo. La gente diceva: "Che prete santo!", avevo amici e io mi sentivo realizzato. Mi dava libertà per parlare con gli altri e di giudicarli senza sentirmi colpevole perché io giudicavo secondo alcuni principi che credevo di compiere almeno esteriormente. Di fronte ai miei superiori non mi intendevo del tutto perché sempre mi dicevano che ero un po' estremista, che non bisognava prendersela tanto (intanto questo è un prete che non si intende coi superiori. Ora come superiore ha Kiko, si intenderà meglio?Vedremo). Io così pensavo che mi accettavano di più, sempre avevo questa speranza.
KikoConcludendo: avevi un complesso di brutto. E questo complesso di brutto ti ha portato ad avere paura che non ti amassero e ad adottare una linea di perfezionismo perché ti amassero. Quindi dove cercavi la tua sicurezza? Nel fatto che ti amassero, no?
P.: Nella perfezione, nell'essere prete..
Kiko: Però la tua sicurezza era l'affetto, che ti amassero, no?
P.: Sì, effettivamente l'essere buono senza che nessuno lo sapesse non mi attraeva molto.
Kiko: C'è stato qualche cambiamento di direzione nella tua vita?
P.: Quello che so è che mi sembra che mi importi meno l'essere buono. (eh certo, sta ad ore a sentire uno che dice che si può liberamente peccare!) Io credo di sì. Continuo ad aspirare alla stessa perfezione e a vedermi perfetto, però c'è una cosa che vedo chiara ed è che l'apparire buono non mi importa tanto, benché mi importi qualcosa. Non dico che sono già buono
Kiko: Tu hai detto che non ti importa tanto di fronte agli altri ma sì davanti a te stesso.
P.: Non lo so, non sono sicuro. Però credo che no, che anche di fronte a me stesso mi importi meno. Certamente io mi vedo con difetti e vedo la falsità di tutto ciò. Penso che se continuassi nella stessa linea la gente continuerebbe ad amarmi, continuerebbe a pensare che sono un prete straordinario o cose simili. Di fronte a me stesso non mi importa tanto vedermi così e credo che di fatto non lo sono. Credo che sì, ho visto un cambiamento. E non solamente in questo, ma anche in altre cose, nel denaro, nei rapporti con le persone. Per esempio io mai avrei portato una ragazza in macchina per accompagnarla a casa sua dopo una celebrazione, e adesso non mi importa (ha abbandonato la prudenza… vedi vedi che pian piano il cammino fa effetto… ).
Kiko: Ancora oggi in quali cose cerchi la tua sicurezza?
P.: Questa è una domanda alla quale non ho saputo rispondere. Cioè io vivo oggi in una specie di scetticismo.
Kiko: In che senso, scetticismo?
P.: Credo che non si tratti di sfiducia. Non lo so. E' come una mancanza di sicurezza.
Kiko: Hai perso il senso del cammino? Tu credi che qui ARRIVERAI VERAMENTE AD ESSERE CRISTIANO?
P.: Non ho perso l'idea del cammino, però ciò nonostante nella mia sensibilità non ho una esperienza forte di Gesù Cristo in modo che Gesù Cristo sia la mia sicurezza. Ora, tutto il resto non lo so. (sta mettendo in crisi la fede del prete… ora è in crisi perché non ha un’esperienza forte di Gesù Cristo come richiede il cammino. Avrà un’esperienza normale, ha avuto la vocazione… Ma la predicazione di Kiko lo mette in crisi, con tutto lo sperticare di esperienze forti.)
Kiko: Un momento. Gesù Cristo non è la tua sicurezza, allora qual'è la tua sicurezza oggi?
P.: Io penso che non è nessuna cosa
Kiko: All'infuori di Gesù Cristo non cerchi la tua realizzazione in nessuna altra cosa?
P.: Pensando che mi si va a dare qualcosa? No
Kiko: Cioé che quando qualcuno ti critica tu non ti arrabbi.
P.: Sì, mi arrabbio, però…
Kiko: Se non fosse una sicurezza per te l'affetto che gli altri hanno verso di te, non ti arrabbieresti se qualcuno ti rifilasse una punzecchiatura, così, con noncuranza
P.: Ti assicuro che non so se sarà per autoeducazione, ma io realmente cerco di non aver bisogno dell'affetto di nessuno, che nessuno mi creda buono né che nessuno mi ami. Chiaro, è che non ho avuto tempo per raccontarlo. lo ho avuto un momento di crisi molto forte in questo aspetto, in cui tutto, umanamente, mi veniva meno e io mi so no sentito totalmente solo, tutte queste cose che avevo lasciato non le cercavo perché so che non servono; e tutto questo di che la gente mi ami, non lo so. Oggi cerco di non aver bisogno dell'affetto di nessuno
Kiko: Ah, cerchi. Però forse non puoi averlo, no?
P.: Certamente a volte ho bisogno che la gente mi ami, però io reagisco, c'è un momento in cui reagisco, non resto in questa situazione. Questo è quello che volevo dire. (combattimento per la fede, si chiama caro Kiko)
Kiko: Vediamo. Io vorrei dirti una cosa, non solo a te ma anche a tutti gli altri. In questo momento la Chiesa esercita attraverso i catechisti un POTERE di DISCERNIMENTO, di aiuto, di ESORCISMO, attraverso la vostra realtà; e io credo in questo potere, e che è una GRAZIA DI DIO CHE DÀ AL CATECHISTA, COME LA DARÀ A VOI QUANDO SARETE CATECHISTI DI ALTRI FRATELLI per poter aiutare, e che ci è dato nella buona intenzione che ha la Chiesa, attraverso questo catechista, di aiutare il fratello. (questo è il suo castello mentale. La Chiesa esercita il potere di discernimento attraverso di loro. Ma se non li conosce nemmeno i catechisti la Chiesa, non li conosce il vescovo… il catechista non ha nessuna grazia, nessun sacramento che gli dia autorità anche se Kiko crede in questo potere perché gli torna comodo) Pertanto approfittate di questo momento non per difendervi ma per ricevere questo atteggiamento, questa correzione, questa cosa dalla Chiesa. La Chiesa prima lo faceva sempre per mezzo delle DIREZIONI SPIRITUALI, e oggi la direzione spirituale STA CAMBIANDO nella Chiesa in un'unica direzione che è la Parola di Dio nel Tempio (che vorrà dire?), corretta ed illuminata in certi momenti, come sono gli scrutini, nei quali si aiuta il fratello quando la vite si incastra e non va né indietro né avanti, ed allora c'è bisogno di un intervento della Chiesa che lo aiuti e l'illumini.  (a Kiko piacerebbe che la direzione spirituale della Chiesa appartenesse al “prima” per essere sostituita con la direzione dei suoi scrutini. Beh, come dice lui, il Signore non l’ha permesso. Nella Chiesa la direzione spirituale è viva e vegeta anche oggi, per grazia di Dio) Proprio per questo non scruteremo tutti, ma solo quei fratelli che abbiamo bisogno di aiutare. Tanto più per ché questo serve a tutti, perché al sentire come un fratello è scrutato state vedendo la vostra vita, vi state scrutando.
P.: Be', io una cosa mi dimenticavo. A me piace che le cose riescano bene, che la gente pensi: "Che bella cerimonia delle prime Comunioni", "Che celebrazione dell'Eucarestia stupenda!".
Kiko: Questo cosa vuol dire? Che ti importa ciò che dicano gli altri?
P.: Beh, un poco quello che ho detto prima, questa perfezione. Che mi piace che si vedano le cose che faccio bene. (piano piano, anche nel sacerdote, si insinua l’idea che cose normali, come la gratificazione che si può ricevere da una cosa ben fatta, siano invece deprecabili tendenze all’orgoglio e alla superbia)
Kiko: Seconda tentazione: che cosa non accetti della tua vita?
P.: Ho avuto sempre una paura terribile del ridicolo, non ho mai accettato secondi posti, non ho accettato il ricevere dagli altri, mi è piaciuto molto dare, mai ricevere, e se ho ricevuto qualcosa è stato pensando che facevo un favore a coloro che mi davano qualcosa.
Kiko: E questo perché? Perché non ti è mai piaciuto ricevere?
P.: Non lo so. Possibilmente per quello che ho detto prima, perché mai mi sono creduto inferiore a nessuno, perché ho bisogno di essere superiore. (inizia a manifestarsi la predicazione, sii ultimo, devi essere ultimo, sottomesso al catechista… un sussurro lieve, ma che penetra)
Kiko: Un momento. Perché hai avuto bisogno di crederti superiore. E perché hai avuto necessità di crederti superiore? Perché ti sentivi inferiore!
P.: Sicuramente, chiaro.
Kiko: Se si sente bisogno di credersi superiore è perché ci si sente inferiori. (sarà lo stesso problema che ha Kiko?)
P.: Tutto questo fino al punto di incrociare uno per le scale e se ci diciamo qualcosa, restare a pensare che gli avrei potuto dire tale cosa, perché così ho fatto l'indiano.
Kiko: Non puoi ricevere perché non puoi accettare di sentirti inferiore. Ricevi cose dagli inferiori. Tu hai relazionato il non ricevere con l'affanno che hai di sentirti superiore. E perché vuoi sentirti superiore? Ah!, sarà perché ti sentivi inferiore. Se vuoi essere superiore è per ché ti senti inferiore. Per questo non sopporti il ridicolo, i secondi posti, gli inferiori, gli animali, che dice la gente "poverino", "poverino". Avanti, hai visto un cambio di direzione? Cioè che tu non accettavi il tuo complesso, di brutto o di quello che sia (perdonami) che ci porta a non accettare il ridicolo, ecc .... Bene, nella comunità hai visto un cambio di direzione?
P.: Beh, non lo so. Io vedo alcuni segni di si, in quanto accetto le cose degli altri.
KikoUn segno sarebbe per esempio INCOMINCIARE AD ACCETTARE DI FARE IL RIDICOLO, dico, no? (gli sta dicendo che deve iniziare a fare il ridicolo? Ad un prete?)
P.: No, lì non sono arrivato.
Kiko: Questo si trova ben radicato.
P.: E i secondi posti, tantomeno. Nemmeno qui se vuoi, in questi giorni.
Kiko: Devi essere il primo.
P.: Posso non aver nessun ruolo, ma fare il secondo... Nemmeno nel canto. Io devo fare sempre una seconda o terza voce... (ma pensa te a che livelli si arriva: se uno fa un controcanto è perché non vuole essere secondo…. La vita imprigionata in schemi rigidissimi dove tutto è male)
Kiko: Un momento, un momento. Questo è molto importante. Dici che hai una vera impossibilità (questo lo dico perché impariate tutti) a ricevere, per complesso psicologico, forse non hai ricevuto nulla dalle catechesi, perché ciò significa ricevere e se stai con la chiave chiusa. Questo è molto importante. Se sei stato chiuso a chiave, ascoltando solo ciò che ti va bene, come il primo, mai il secondo. Beh, non ti dico nulla!  Voglio dire se tu credi che questo complesso che tu hai è giunto a questo estremo o no? 0 realmente la catechesi per te è impossibile che abbia influito però non...
P.: Me lo chiedi?
Kiko: Te lo chiedo.
P.: Io credo che non è arrivato a questo punto, credo di aver accettato.
Kiko: Meno male
P.: Credo che mi sono staccato dalla mia teologia, dalla mia linea di vita e di tutto questo, penso che si, che ho accettato.  (frittata già fatta! Si è staccato dalla sua teologia, dalla sua linea di vita, ha accettato la catechesi di Kiko) Forse non da tutti. Degli stessi catechisti ci sono alcuni che non accetto, però ALCUNI LI ACCETTO COME SUPERIORI A ME E NE ACCETTO DELLE COSE. Anche se son solito passare pure il conto, cioè che restituisco loro qualcosa. (ma mica ha torto. I catechisti NON sono superiori a lui)
Kiko: Cioè che se ricevi qualcosa devi restituire. Ancora oggi che cosa non accetti della tua vita o non comprendi?
P.: Lo stesso di prima, già l'ho detto, i secondi ruoli e il ridicolo.
Kiko: Allora il responsabile della comunità lo avrai accettato sempre male.
P.: Si, si, male, si
Kiko: Vediamo un pò. Gli idoli di questo mondo per te.
P.: Il denaro, le cose che dà il denaro, il successo, i figli come opera maestra della propria vita.
Kiko: Durante il cammino hai sperimentato una vittoria di Gesù Cristo?
P.: Senti, non lo so. Quello che ho sperimentato è che adesso non so che cosa sia essere povero, essere efficace, essere umile. (ha già raggiunto l’obiettivo di confonderlo. Il sacerdote ormai non ha più le idee chiare) So che con il mio sforzo non posso ottenere nessuna di queste cose, perché io ho voluto essere povero e umile e poi non lo ero (l’ha messo in confusione, gli ha insinuato il dubbio…). Son vissuto molti anni pensando che amavo tutti e poi risulta che non amavo nessuno, questa è una esperienza lunghissima nella mia vita. E in generale non so cosa sia essere povero né nulla, per questo dico che non so se sono cambiato o no. C'è una cosa in cui, si, ho avuto una luce da Dio riguardo a questo aspetto ed è quello che mi mantiene nella vita e nel cammino, l'essere come Gesù Cristo, essere felice con Gesù Cristo, essere povero come Gesù Cristo ed essere crocefisso come Gesù Cristo.  (attento però, perché il cammino non va in quella direzione…) Allora chiedo a Dio perché me lo dia, perché questo è meraviglioso, però io non so come si arriva a questo ne cosa sia, ma voglio che me lo dia. Io non so se sono cambiato o no. E quali sono i miei idoli? Beh, io stesso, e lo stare su un piedistallo che mai si affonda.
Kiko: Molto bene. Tu vuoi entrare nel catecumenato? Sinceramente
P.: Io voglio giungere ad essere la presenza di Gesù Cristo nel mondo. Ma il fatto è che ....
Kiko: Bene. Io voglio chiedere a te, indipendentemente dal fatto che sei parroco, che sei nella parrocchia e che questo fatto del cammino ti da buona fama davanti al vescovo della diocesi, adesso, e che si diano catechesi; perché tutto questo il Signore te lo può togliere tranquillamente, ti mette in crisi e ti secolarizzi entro venti giorni. (la crisi, semmai non gliela mette il Signore, gliela mette Kiko) Io ti chiedo: come persona, a te interessa questo cammino, vuoi entrare nel catecumenato?
P.: Bene, è che a me, da quando abbiamo incominciato il cammino, ci sono varie cose che mi mettono in crisi, che a volte mi fanno dubitare. Più che dubitare, a volte mi fanno sentire a disagio. (si vede che non è per nulla convinto...)
Kiko: Quali cose?
Kiko: Chi preferiresti che lo conducesse?
Kiko: Però, chi ti piacerebbe che conducesse il catecumenato?
Kiko: Però adesso il Vescovo della tua diocesi vi accetta il cammino, no?
P.: Sì, sì.
Kiko: Accetta questo cammino e non ha nessun problema.
P.: Sì, ha pure detto che è ciò che ha più consistenza di quello che c’è nella sua diocesi
Kiko: Tu sei stato a Roma quando abbiamo fatto la riunione di parroci? Lì parlò il Papa pubblicamente e c'erano presenti vari vescovi. Bene, ti dirò una cosa che può servire per tutti. Mi dispiace che nel fondo di tutto questo ci sia la tua situazione psicologica e tutte queste cose, ma i carismi Dio molte volte non li dà ai Vescovi, li può dare a un tipo qualsiasi.  (cioè a Kiko…PRECISAMENTE SE I VESCOVI PENSASSERO ESATTAMENTE COME NOI, NON CI SAREBBE BISOGNO CHE CI FOSSIMO NOI, IL CATECUMENATO, NON AVREMMO UNA RAGIONE DI ESISTENZA. (ah, loro la pensano diversamente dai vescovi?) precisamente perché NON LO SANNO, NOI ABBIAMO UNA RAGIONE DI ESISTENZA. (i vescovi non lo sanno… loro esistono perché lo sanno, invece. Meglio dei vescovi!) Come disse l'Arcivescovo Morcillo: "Io non ho ricevuto il carisma, lo avete ricevuto voi" (e con questo se ne lavò le mani). In quella riunione c'eri tu. Il vescovo non è il padre dei carismi. L'autore dei carismi è Gesù Cristo. Il vescovo ha il discernimento dei carismi e decide se un carisma è da Dio o non è da Dio. Colui che discerne i carismi nella tua diocesi è il tuo vescovo. E il tuo vescovo che ti può dire di più? Ti ha detto che questo è quello che ha più forza e più entità nella diocesi, la cosa più seria che c'è. Ed egli stesso va aprendo il cammino e dicendo a voi parroci che potete accettare. (non va quindi aprendo il cammino, consente ai parroci di accettarlo, è ben diverso) Vi sta comandando di fare catechesi, lo stesso vescovo. (una semplice tolleranza del cammino per Kiko diventa comando del vescovo) E' curioso come in te c'è una cosa contradditoria. IN ALTRE DIOCESI LE COSE NON STARANNO COSÌ BENE, il vescovo ha i suoi dubbi, ma qui il vescovo sta così bene e invece TU HAI GELOSIE perché noi portiamo il cammino, ti piacerebbe che lo portasse di più il vescovo. (gelosie? Ecco il giudizio cattivo, tendenzioso e sbagliato, insinuante. Quel prete non sta parlando di gelosie, sta mettendo in dubbio l’inserimento del cammino nella Chiesa, nonostante abbia un vescovo che lo accetta) O ti piacerebbe condurlo di più tu? Perché in definitiva tu hai detto qui che non ti piace aver secondi ruoli. Bene, vediamo. Con tutto questo non mi hai risposto alla domanda che ti ho fatto prima, se tu volevi passare al catecumenato, cioé che AUTORITÀ dai tu a questo cammino, nel senso che ti può condurre personalmente alla fede, ad una fede più adulta (il parroco, evidentemente, non ha la fede adulta che ha Kiko, che è invece in grado di condurre il sacerdote ad ottenerla)
P.: Già sapete che vengo così da altre convivenze ed ancora non l'ho digerito.
Kiko: Ma che cosa non hai digerito in concreto? Il fatto della LEGGE DI KIKO? 0 il fatto che io conduca il cammino? Che cosa?
Kiko: Vediamo. Se il Signore ci porta qui, tu devi discernerlo come parroco della tua parrocchia. Devi considerare che il Signore va a creare uno scombussolamento tremendo nella tua parrocchia e questo disorienterà molto le persone. Se noi apriamo un cammino, dobbiamo portare UNA INTERPRETAZIONE della Parola e se stiamo aprendo un cammino che in definitiva vuole essere per gente non adulta nella fede, secolarizzata, allora dobbiamo portare una interpretazione della Parola. E ai Vescovi toccherà, in ultima istanza, sapere se questo è un carisma da Dio, o se è che io sono un idolatra di me stesso, mezzo pazzo(pochi vescovi amano il cammino, ma sono quelli che contano di più, nei posti strategici. La maggioranza sì, lo considera mezzo pazzo) se qui veramente si sta facendo del bene alla gente o se la si sta distruggendo. (dopo 50 anni possiamo affermare con certezza che ne ha distrutta tantissimaNessun vescovo ci ha proibito mai nulla.  (ma che dice? A decine glielo hanno proibito, anche all’epoca, quando lo conoscevano meno) E quando giunse il momento che il Papa parlasse, non credo che abbia detto nulla di negativo, e il Papa non parla a casaccioQUI IN SPAGNA NON ABBIAMO FATTO NESSUNA PROPAGANDA, NÉ ABBIAMO VOLUTO PARLARE DI QUESTO, PERÒ IL PAPA CHIAMÒ MONS. ROMERO DE LEMA, CHE È IL VESCOVO DI JESUS E OGGI È IL SEGRETARIO DELLA CONGREGAZIONE DEL CLERO, E STETTE TUTTO UN POMERIGGIO, CIRCA SEI ORE PARLANDO DI QUESTO CAMMINO, PERCHÉ QUESTO VESCOVO È QUELLO CHE PIÙ LO CONOSCE. (propaganda ne è stata fatta a iosa, in Italia almeno proprio tanta. Mons Romero è proverbiale per essere un superneocatecumenale al 100% . Non fa testo). Ma bene, tutto questo è il meno importante. Voglio dirti che tutto questo non ti servirebbe, perché è un problema tuo, personale, che ti nasce un poco da questa realtà che hai dietro di te, che se la hai illuminata è stupendo. Tu forse esponi qui tutto questo forse per farti notare, però è necessario sapere se questo è ILLUMINATO in te. ALLORA, SE SI TROVA ILLUMINATO, SE È ILLUMINATO CHE TU NEL FONDO HAI UN COMPLESSO MOLTO PROFONDO DI INFERIORITÀ PERCHÉ NON TI SENTIVI AMATO DAL SUPERIORE, O PER ALTRI MOTIVI, ED HAI PAURA DI FARE IL RIDICOLO, TUTTO QUESTO INFLUISCE NEL TUO MINISTERO E TI CONDIZIONA.  (psicologia di bassa lega. Qui si tratta di questioni di fede, dell’ortodossia del cammino, che tanto piaceva a Mons. Romero fin dall’inizio) Se questo fosse illuminato la prima cosa che succederebbe è che saresti molto più cauto di fronte a te stesso, alle tue proprie convinzioni, e ti appoggeresti di più in Gesù Cristo. Non lo so, ne parleremo se vuoi, però pensa: da altre convivenze fino ad oggi tutto questo si trova NON ILLUMINATO. C'è una zona in te che non è chiara. (se non è “illuminato” questo prete è destinato a bocciare)
Kiko: Ma adesso hai un vescovo nuovo e questo già è finito. Perché la causa non era questa. Abbiamo passato la vita lottando con i preti: che se si tocca il calice, se non si tocca. (lottare con i preti non è buono ed indica la superbia di Kiko che crede di poter insegnare anche ai vescoviE RISULTA CHE POI ABBIAMO SCOPERTO CHE NEL FONDO NON C'ERA LA QUESTIONE DI "SE IL VESCOVO LO PERMETTE, O SE IL VESCOVO NON LO PERMETTE", MA CHE ERA UNA QUESTIONE AFFETTIVA CHE NON SOPPORTAVA CHE UN ALTRO LO COMANDASSE. (oohh!!! L’ha detto: è una questione di COMANDO. Nella Chiesa, caro Kiko, non devono comandare i laici. Nello Statuto poi approvato, non c’è che il laico comanda, ma “aiuta e collabora”. In realtà nel cammino, in barba allo Statuto e in disobbedienza alla Chiesa, hanno sempre comandato e continuano a comandare i laici) Però ci sono altri casi e come dici tu molto bene bisogna vedere le condizioni. Bene, ne parleremo. Vediamo il responsabile. Tu come responsabile, hai visto se il presbitero ha condotto il cammino, o questi problemi sono stati sempre in primo piano? Sinceramente.
R.: Io credo che il problema viene dall'inizio. Quest'uomo aveva nella sua mente uno stile di comunità. Allora noi facevamo con lui alcune riunioni di sposi, di revisione di vita, e così incominciò a lavorare con noi; però tutta la sua visione era comunità, comunità. Quindi ci riempie dell'idea di comunità, io un giorno vengo a Madrid è mi incontro con una comunità di Pio XII. Allora lui disse: "Fate quello che volete". IO PENSO CHE NOI GLI ABBIAMO IMPOSTO UNA COMUNITÀ, non quella che lui aveva un mente. E credo che da lì venga il problema. Per il resto non ci fa soffrire degli altri problemi. Quando presiede ci situa pienamente nella celebrazione perché lui è il primo che la vive. (pover’uomo, deve subire i neocatecumenali. Come molti del resto, subiscono il loro COMANDO)
Kiko: Tu hai visto attraverso il cammino catecumenale un cambiamento in lui?
R.: Sì. Lo vedo perché all'inizio era incapace di soffrire e adesso soffre. Perché abbiamo avuto grandi scontri, gli ho detto cose molto grosse e le ha sopportate. Vedo che c'è una forza al disopra di lui che lo fa recuperarsi (perché è un parroco, un uomo di Dio, lo sorregge un sacramento…)
Kiko: Bene, con questo finiamo. Io ti dirò che in te vedo un problema affettivo profondo, di complesso che ti ha 'mediatizzato' moltissimo nella vita. (psicologia a buon prezzo. Sembra una chiaroveggente con la palla di cristallo: “Vedo un problema affettivo profondo….”) Hai avuto espressioni mentre parlavi, come per esempio "vedermi perfetto". Non sopporti un'imperfezione. Bisogna scoprire dove sta il non accettare i difetti, l'avere un atteggiamento di scetticismo perché stai sopportando una situazione di comunità quando tu vorresti apparire bene di fronte alla diocesi, che la tua parrocchia sia la migliore, ecc. Il non poter accettare assolutamente il ridicolo. (ma è giusto che non sopporti il ridicolo, il ridicolo non è buono, specialmente per un prete) Tra quello che non accettavi prima della comunità e quello che non accetti oggi, non hai potuto dire un cambiamento reale perché sta tutto lì (menomale). In cambio hai speranza di raggiungere questo e hai detto che ti darebbe molta gioia il poter soffrire come Cristo, essere povero come Cristo. Tutte cose MASOCHISTE di Cristo. E' curioso eh? (lo dileggia) Questo ti può aiutare. La cosa più importante per te è che tu scopra a questo punto del cammino, nel passaggio al catecumenato, se questo è un carisma o non è un carisma. Ogni carisma che Dio dà alla sua Chiesa è per aiutare la Chiesa. Tu forse, per le tue circostanze psicologiche, per le tue circostanze di vita, o per ciò che sia, puoi inventarti perfettamente un altro catecumenato, o copia il nostro, quello che vuoi. Oggi lo stanno facendo molti preti.  (veramente solo Rosini l’ha fatto, che io sappia. Il neocatecumenato come il nostro, lo copiano… ma che è, spionaggio industriale nella Chiesa, secondo lui?) Poi il tempo dimostrerà quelli che restano. (restare mica è un vanto eh? Quelli che restano è perché si sono fatti il loro posticino, il loro calduccio, la loro posizione all’interno della comunità. Comunità come luogo di ritrovo, non come luogo di santità) E io con questo non voglio dire nulla. Puoi farlo perfettamente tu, mi sembra una cosa molto buona. PERÒ QUELLO CHE MI SEMBRA STRANO È CHE DOPO QUESTI ANNI, NELLA CITTÀ NESSUNA ALTRA PARROCCHIA HA CHIESTO CATECHESI.  (ammissione triste: nonostante il vescovo li accetti, i preti non li vogliono!) Questo mi meraviglia moltissimo. (eh già, credeva che la sua creatura andasse a ruba. La sua NUOVA CHIESA, coma l’ha definita luiE con te sempre molte lotte, e problemi. In questo momento io ti vorrei CHIAMARE A CONVERSIONE. (lui è già convertito e lo sta dimostrando. E’ Kiko che non capisce) Dobbiamo vedere tutti e due insieme con umiltà, seriamente. Perché se questo è un carisma di Gesù Cristo forse viene anche per te, per convertirti come sacerdote, perché riscoprire il battesimo non credo faccia male a nessun religioso, a nessun prete, né a nessuna persona, a tutti ci fa bene. Ad ogni modo, siccome ci vedremo nella comunità, parleremo. Grazie, puoi sederti.
Kiko: Ad ogni modo è si importante, che se qualche fratello vede qualcosa, (noi siamo un cammino della Chiesa, che si sta aprendo, importante o non importante, lo dirà il Signore), (potente, più che importante, con tante proprietà, con tanti soldi, con vescovi compiacenti importanti, ma sta finendo, dopo 50 anniCHE LO SCANDALIZZA LA NOSTRA PAROLA, CHE NON CREDE CHE SIA VERA, CHE NON SIA D'ACCORDO CON IL FATTO CHE NOI CONSIDERIAMO CHE PASSARLO AL CATECUMENATO SIA FARGLI DEL MALE, OSSIA, CHE TRA POCO TEMPO STAREBBE FUORI PERCHÉ NON HA POTUTO CONTINUARE E SARÀ FRUSTRATO E AFFONDERÀ, PUÒ ANDARE IN UN ALTRO LUOGO DELLA CHIESA. (molti lo hanno fatto, infatti e stanno benissimo adesso. Altri, per lo scandalo,hanno proprio perso la fede) Oggi ci sono molti catecumenati. Noi abbiamo avuto molti macelliIl parroco di Pio XII ci disse: "Ma che è questo, voi a messa da soli, questo è un piacere". Non accettò il cammino.  (saggio prete!) E se noi non avessimo difeso un pò il cammino nella sua idiosincrasia, nella sua ragion d'essere, oggi sarebbe completamente distrutto perché ciascun prete lo avrebbe inventato a suo stile Siamo andati avanti come abbiamo potuto, senza alcuna autorità, infatti io non sono nessuno. Adesso quelli della catechetica stanno inventando un altro catecumenato, quelli del mondo migliore se ne inventano un altro, ciascuno a suo stile, ciascuno si inventa le sue comunità. Alcuni con maggiore impegno politico, altri con meno, altri con non so cosa, e come più gli piace. Mi sembra una cosa molto buona che ciascuno stia nel cammino che vuole. Noi abbiamo questo. Adesso abbiamo una riunione con il Cardinale Tarancòn con tutti i parroci e presbiteri del cammino nella diocesi di Madrid, che sono circa 70 , per parlare di questo cammino. (e dice che non fanno propaganda?) Adesso, che voglia accettare questo cammino e crede che è un cammino cristiano che può portare veramente al cristianesimo, sa che deve accettare questo. Allora, per voi, per quelli che il Signore chiama e vogliono seguire questo cammino, coloro che vogliano.... Chiaro, questo è una cosa che io dico un pò tristemente, perché? Perché io penso che la Chiesa primitiva non aveva che un solo catecumenato, perché il catecumenato è il Battesimo, non c'era una differenza fra Battesimo e catecumenato.  Si chiamava catecumenato il cammino del Battesimo. Non ci potevano essere due battesimi né tre battesimi, né un'altro catecumenato in cui i segni fossero più debolucciSE C'ERA UN'ALTRO CATECUMENATO ERA QUELLO DEGLI ERETICI, CHE LA CHIESA PRIMITIVA CHIAMA: " DI COLORO CHE SONO USCITI DI MEZZO A NOI".  (l’ha detto! Voi siete usciti di mezzo alla Chiesa, con regole vostre, liturgie vostre, riti vostri, decime…Allora siete voi gli ereticiLa prima decomposizione che c'è stata nella Chiesa di Gesù Cristo è stata precisamente questa: che la gente che stava nella Chiesa primitiva usciva e faceva una altra Chiesa per conto suo. Di essi dice San Giovanni che sono l'ANTICRISTO e sono usciti di mezzo a noi. (ma non si rende conto che sta parlando di se stesso?) Questo, sapete, è una cosa terribile, perché vedendo la storia della Chiesa primitiva una delle cose che scandalizza è precisamente la decomposizione in sette: i docetisti, i manichei, ecc.....  (come oggi) Non potete immaginare la quantità di sette che sorgono dalla Chiesa primitiva, che si sganciano e ciascuno diceva che la sua era migliore dell'altra. Dopo, con la storia, soccombettero; molte di esse sono morte ed ha continuato la Chiesa vera. Con questo non voglio dire che il NOSTRO CAMMINO sarà meglio,  ("nostro cammino", sente proprio che è una cosa “sua”, la prima di molte copie. Ma questo è Chiesa? Si potrebbe dire “la nostra Chiesa”? Di Paolo, di Cefa…) sorgeranno anche altre cose. Io veramente sono sorpreso della comunione che abbiamo ancora nonostante la diffusione che ha già il cammino.

15 commenti:

  1. avete notato come il calice con le gemme di fine cammino somigli al guanto di Thanos della saga della Marvel? Da farci una vignetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il calice di fine cammino riprende la decorazione della corona votiva del tesoro di guarrazar, opera bellissima di oreficeria visigota.
      Decisamente banalizzata nell esemplare kikiano.

      Elimina
  2. Uomo Libero!!!!18 maggio 2019 10:21

    LASCIATE CHE I FANCIULLI NON VADANO DA KIKO...("il Vangelo secondo Carmen")

    RispondiElimina
  3. Non sono affatto sorpreso da quello che ho letto, perche' io ho anche assistito al ardire di un catecista laico che aveva fatto un scrutinio scabroso a niente meno che ad un sacerdote molto umile. Quest'ultimo fini per lasciare il cammino dopo era stato nominato vescovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E però finché vive resterà col terrore che i capicosca della setta decidano di ricattarlo rivangando fuori vecchie storie (vere o false che siano)...

      Fra parentesi: ogni sacerdote che ha incarichi nei movimenti è informalmente tenuto a lasciarli una volta diventato vescovo.

      Elimina
  4. "Nella Chiesa, caro Kiko, non devono comandare i laici. Nello Statuto poi approvato, non c’è che il laico comanda, ma “aiuta e collabora”. In realtà nel cammino, in barba allo Statuto e in disobbedienza alla Chiesa, hanno sempre comandato e continuano a comandare i laici"

    Sarebbe bello che il laido eretico giudeo protestante Kiko leggesse queste tue parole, ma ciò non avverrà mai.

    RispondiElimina
  5. Non sono riuscito a leggere tutto, mi sono dovuto fermare,perché mi stavo sentendo male,da vomitare, perché ha riportato in me il ricordo degli scrutini,l'ansia e la tensione, dove qualsiasi cosa dicessi era sbagliato, facendo crescere in me il disgusto per me stesso,inutile e che fossi sbagliato,e ancora oggi porto le cicatrici. Si nota proprio il metodo di una setta, in cui il predicatore porta la vittima a denigrare se stesso e a spingerlo verso la totale sottomissione al guro.
    Continuo a dare la colpa alla chiesa, ed ai suoi rappresentanti, presenti e passati. Sono loro il vero male, perché permettono a chiunque di rovinare la vita dei più deboli, mentre loro mangiano, bevono, si arricchiscono, fanno sesso... ma si riempiono la bocca di belle parole, facendo sentire in colpa i poveri innocenti più deboli.
    Ex fratello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al Ex ftatello 21:38

      Hai perfettamente ragione. Verra il giorno che quelli dirigenti della Chiesa che in un modo o un altro non hanno fermato Kiko, anzi lo hanno in qualche modo approvato, rimpiangeranno tutto il male che non hanno saputo prevenire. La verita finalmente verra fuori, come quello verita' sui pedofali e omosessuali preti che certi dirigenti della Chiesa hanno sempre coperto.
      Pace

      Elimina
  6. Il meccanismo dell'interrogatorio stalinista é tutto lì.
    Io ho la verità e so in cosa è come tu sbagli. Le tue risposte saranno usate integralmente contro di te fin che non ammetterai che io ho ragione.
    Nessun dubbio, nessuna possibilità di errore o fraintendimento. Nessuna voglia di ascoltare e dialogare, solo cercare dove colpire e umiliare.
    Si infliggono ferite profonde così.
    Aggravato da una chiara intenzione di vendetta: il parroco aveva opposto resistenza ai suoi piani, doveva essere dimostrato che era tutto sbagliato.

    Che dire della pseudo-psico_analisi da strapazzo?
    I dissidenti hanno una psiche non sana: tutti i regimi più autoritari han usato questa arma contro chi si opponeva...

    Il "mio cammino é l'unico" : il sigillo al settarismo.
    La Chiesa é "cattolica" perché in essa mille e mille esperienze, culture, cammini, sensibilità e carismi trovano casa e si integrano nella fede ed obbedienza all'unico Maestro e Signore.
    (se possibile vorrei restare anonimo)

    RispondiElimina
  7. Riprendo l'ultima espressione di Kiko riportata nel post.

    Premetto che anche per me è stato penoso leggere tutto, da cima a fondo, ripensando a come sui testi dati ai catechisti per le varie tappe per anni mi sono preparata per fare a mia volta la catechista.
    Oggi risulta tutto evidente. Il progetto che, anche e soprattutto attraverso gli scrutini individuali, Kiko andava mettendo abilmente a punto.
    Prima il suo Kerigma, con tutta la predicazione di contorno, molto incisivo e portato con determinazione ad un uditorio che veniva fin dalle prime battute messo in condizione di dover solo ascoltare. Nessun dialogo, nessuna domanda o dubbio poteva essere espresso, in modo da consentire al verbo kikiano di andarsi a radicare nelle persone con un nuovo impianto di "dogmi" indiscutibili. Chi non stava alle regole, io ricordo, fin dalle catechesi iniziali veniva stigmatizzato ed emarginato. Si faceva una prima scrematura. Chi restava sapeva che l'offerta messa in campo era fondata sul "prendere o lasciare". Dopo con gli scrutini si faceva un sapiente lavoro a livello personale dando le chiavi di lettura dei disagi di ognuno. Si portavano le persone ad aprirsi completamente, a mettere nelle mani la loro storia, i loro peccati commessi o che si potevano commettere, seminando sensi di colpa e frustrazioni, disprezzo di se stessi e sfiducia nel prossimo, da quelli della propria famiglia a chiunque altro.
    Su questa non fiducia, in primis, in se stessi, sul non sapersi leggere dentro se non con l'aiuto del catechista (tanto che si aspettavano gli scrutini come una grazia di cui non si poteva fare a meno) si è fondata saldamente l'obbedienza incondizionata ai catechisti stessi, la convinzione che il "pensare con la propria testa" è un atto di superbia (l'atto di superbia per eccellenza) il proprio cervello l'Isacco da portare al Moria e immolare ai piedi dei catechisti per poter arrivare alla fede adulta.
    Da tutto questo unito alla convinzione, che si sapeva ben istillare, che Kiko fosse senza alcun dubbio un inviato dal Signore, con un carisma profetico, è derivato che, negli anni, quando qualcuno si risvegliava dal letargo e iniziava a porre questioni, a mettere in evidenza le contraddizioni del cammino, veniva subito massacrato in assemblea senza pietà. Molte delle cose che Kiko dice al sacerdote nello scrutinio riportato sono le stesse con cui si martellavano i dissidenti. La conclusione sempre la stessa: sei un orgoglioso, non vuoi essere secondo, pensi di essere più intelligente di me, hai la tua idea del cammino, ecc., ecc..
    Questi o si sono piegati alla fine è sofferenti sono rimasti nel cammino, la gran parte si sono ammalati di depressione, o se ne sono andati fuggendo via e facendo perdere le loro tracce oppure sono stati cacciati via a calci, con violenza verbale e per tutti con lo strascico di calunnie di ogni tipo che venivano diffuse nelle comunità, di modo che nessuno più li rimpiangesse o conservasse anche il solo ricordo. Anatema, insomma....sia per te un pagano è un pubblicano....

    La frase finale di Kiko è:

    Io veramente sono sorpreso della comunione che abbiamo ancora nonostante la diffusione che ha già il cammino.

    Questo Kiko lo ripeteva spesso con malcelato orgoglio.
    Ma certo, una comunione, una compattezza, un pensiero unico che nulla può scalfire. "Comunione" basata su un regime di terrore e violenza e che non accetta il minimo dissenso. Solo Kiko dispone, solo Kiko comanda, tutti allineati e coperti: Kiko ha detto, Kiko ha fatto.

    Pax

    RispondiElimina
  8. Non di comunione si tratta, ma di sottomissione a un qualcuno da cui speri di ottenere qualcosa, da cui dipendi psicologicamente, di cui sei succube. Se fosse vera comunione, sarebbe un rapporto alla pari in cui si decide di rimanere e di camminare insieme nonostante le differenze per perseguire un superiore bene comune. Nel cammino non è e non è mai stato così. Ricordo anche io di aver assistito allo scrutinio di un presbitero molti anni fa. Davanti ad una platea di 15-20enni (in gran parte) lo scrutinato confessò tutta una serie di peccati sessuali commessi prima di entrare in seminario e terminò con copiose lacrime. Tutti rimanemmo sgomenti per come era stato condotto l'interrogatorio e per la fragilità dell'interrogato.

    RispondiElimina
  9. Io ho sempre avuto dei cani. Gli voglio bene, li apprezzo, per me sono fonte di allegria. Ma il segreto è dargli delle regole fin dai 5/6 mesi di vita.
    La vita poi, è più facile per il padrone e per loro.
    A me non piace addestrarli troppo, farne dei cani da circo, voglio che abbiano poche regole, ma chiare. Io sono il capo branco. Chiarito questo, poi ti danno delle soddisfazioni e loro sono sempre contenti.
    Questa premessa per dire che, forse, la Chiesa col Cammino ha permesso e tollerato TROPPO.
    E Kiko, come un cane viziato, pensa di essere diventato il capo branco.

    Se dopo pochi mesi di vita del Cammino, i Pastori della Chiesa, alla prima alzata di cresta dei fondatori, lo avessero rimesso al suo posto con due zampate sulle costole, chissà, oggi avremmo un Kiko scodinzolante e una Cammino tranquillo, che anima la parrocchia alla Messa domenicale delle 11 e la domenica delle palme si accontenta di qualche ramoscello di olivo invece di esibire giganteschi rami di palma.
    Perché uno scrutinio come quello riportato dal mamotreto di cui sopra, non è concepibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, è assolutamente indegno che un laico qualsiasi, un signor nessuno, si permetta di questionare in tal modo nella vita di un uomo che ha ricevuto l'ordine sacro, di un sacerdote della Chiesa cattolica. Ma chi gliene ha dato l'autorità? Sapete la cosa che mi ha più sconvolto? Forse a qualcuno può sembrare un dettaglio, ma è assolutamente significativo e indicativo della posizione ultra ultra ultra subalterna che hanno i presbiteri nel cammino neocatecumenale, in barba a quanto viene detto negli statuti. La malvagità maggiore, a mio parere, è quando kiko chiede conto al responsabile della comunità (un altro signor nessuno, che però, viene sempre detto "ha la grazia di stato" [quale stato?]) dell'operato del presbitero. La domanda "Tu come responsabile, hai visto se il presbitero ha condotto il cammino, o questi problemi sono stati sempre in primo piano?" basta a far capire tutto la superbia malata e malvagia dell'eretico spagnolo e tutto l'odio che in cuor suo nutre per Santa Romana Chiesa e per i suoi rappresentanti che non osannano il suo "cammino". Grazie Libera per aver pubblicato questi testi. Bisogna che tutti sappiano.

      Elimina
  10. Dopo l'approvazione "ad experimentum" degli Statuti, nel 2002, Giovanni Paolo II, in un suo discorso dice ai SACERDOTI: "...voi sacerdoti...NON DIMENTICATE MAI CHE, IN QUANTO MINISTRI DI CRISTO, AVETE UN RUOLO INSOSTITUIBILE DI SANTIFICAZIONE, DI INSEGNAMENTO E DI GUIDA PASTORALE…".
    Mi pare del tutto chiaro: è al sacerdote che spetta "insostituibilmente" il ruolo di INSEGNAMENTO E GUIDA PASTORALE, non al LAICO.
    Sottoporre quindi i sacerdoti a "scrutinio" da parte di laici è di per sé SBAGLIATO e NON CONCESSO, nemmeno dagli Statuti.
    Se si considera in aggiunta che nessuno vaglia la preparazione sia spirituale che umana di questi laici, se non all'interno della struttura stessa del cammino, la cosa diventa ASSOLUTAMENTE IMPROPRIA E SCONSIGLIATA, addirittura VIETATA.
    Ho conosciuto catechisti totalmente inadeguati a ricoprire tale ruolo, privi assolutamente di Spirito e legati all'autorità che rivestivano più che alla buona guida pastorale. Fare il catechista, per molti, è solo una questione di esercizio dell'autorità.
    E questi mestieranti alla ricerca di soddisfazioni proprie e proprie affermazioni, dovrebbero continuare ancora, dopo 17 anni che anche il Papa si è già pronunciato contrariamente, a sostituirsi ai ministri ordinati?
    Se sei catechista, fai le catechesi, ma non andare ad intrometterti con la vita degli altri, quello lascialo fare ai preti.

    Libera

    RispondiElimina
  11. Scusate mi inserisco per porre una domanda che non c'entra con l'argomento degli scrutini del grande capo, ma comunque ha pertinenza per quel che riguarda le sue abitudini e prassi in occasione dei suoi megaraduni. In questo periodo sembra (come al solito) molto attivo e, dopo la convivenza con i vescovi alla Domus e la puntatina a Kiev, prevede a breve 2 appuntamenti semi-oceanici (sui 7000 partecipanti) in terra italiana: il concerto a Matera (pardon ... Bari) e l'evangelizzazione del Nord-Ovest a Genova. Allora, in questa occasione mi sono chiesto e chiedo quanto segue a chi legge e c'è già passato oppure ha notizie certe al riguardo

    Ma in queste occasioni, qual è il modus operandi di Kiko in questi raduni? Arriva all'ultimo momento, fa la sua comparsata al concerto oppure Kerigma e chiamate e poi se ne torna indietro? Oppure sta nel luogo benedetto dalla sua presenza più giorni, incontrando le comunità del posto (in questo caso puglia e Liguria) elargendo tutta la sua saggezza? E in questo caso qual è la prassi di accoglienza da parte dei "fortunati" fratelli indigeni? Si accontenta di una frugale agape in piedi a base di torte salate e dolci casalinghi, oppure prrassi esige che sia allestito un catering degno di Lucullo oppure una cena nel ristorante più rinomato di Bari o Genova? Grazie a chi sa e ci potrà informare sulle prassi del Nostro.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.