domenica 24 maggio 2009

Testimonianza da Gorizia (pescata su Oriens)

tempo fa vi ho allietati raccontandovi dello scandalo perpetrato da Vito Mancuso e dai suoi corifei a Gorizia, grazie alla compiacenza di ecclesiastici e laici fautori del dialogo a senso unico.

Oggi invece, delizio le vostre orecchie con un episodio meno eclatante, direi verificatosi nei giorni scorsi del tutto in sordina, ma a mio avviso significativamente grave. Nella chiesa parrocchiale della frazione di Lucinico (GO), da circa quattro anni un parroco neocatecumenale è succeduto ad un anziano sacerdote che ha guidato per oltre cinquant'anni l'importante parrocchia (la più estesa del decanato) con un'impostazione tradizionale, soprattutto in campo liturgico. Purtroppo una grave infermità ha costretto il prelato ad abbandonare la sua sede e la Curia, (chissà come mai!), l'ha affidata al sacerdote responsabile della parrocchietta confinante, in mano, appunto, ai neocatecumenali.

Per un po' di tempo, il novello venuto ha conservato, senza condividerne ovviamente lo spirito, una sorta di rispetto per quello che restava delle consuetudini locali, dandosi però briga di sbarazzarsene pian piano, senza dare nell'occhio, introducendo via via piccoli cambiamenti per rendere indolore il passaggio alla nuova gestione.

La chiesa ha una struttura neo romanica, con il presbiterio piuttosto elevato rispetto alla navata, conservando ancora, per ovvi motivi, le balaustre e un grande altare maggiore. La navata centrale è dotata di solidi banchi lignei coevi, con inginocchiatoio; ai lati del presbiterio, dirimpetto all'ingresso, vi sono due altari dedicati a s. Giuseppe ed alla Madonna. Con la riforma liturgica è stato aggiunto un tavolo, immediatamente al di sotto dei gradini dell'altar maggiore, che poteva essere rimosso all'occorrenza.

Inizialmente il nuovo parroco ha allargato il corridoio centrale tra banchi, spostati verso i lati, impedendo ai fedeli di sostare in orazione genuflessi innanzi ai due altari laterali. Tale misura l'ha (falsamente) attribuita alla necessità di ottenere maggior spazio per svolgere i riti delle esequie.

Successivamente, appunto poco fa, il suo proposito, da tempo incubato, è giunto a compimento: è riuscito a collocare l'altare-tavolo al di fuori del presbiterio, in navata, proprio davanti ai gradini che consentono l'accesso al santuario. I banchi e le sedie sono stati posti in assetto semicircolare, stravolgendo la conformazione delle tre navate, separate da due ordini, benché radi, di colonne. La sede del celebrante, inutile aggiungere, è stata collocata sulla sommità dei gradini di accesso al presbiterio, dimodoché il celebrante offra ora le terga al Tabernacolo posto nell'altare grande.

Da fonti affidabili, ho saputo che il "patron" ha agito "democraticamente" senza avvisare il consiglio pastorale, all'oscuro di tutto, per mettere i fedeli di fronte al fatto compiuto, grazie all'appoggio dei suoi amici neocatecumenali, pronti a seguirlo dalla parrocchia confinante nell'opera di ri-evangelizzazone di una terra cristiana da almeno 1.700 anni.

Quando qualcuno ha obbiettato anche solo dal pdv artistico ha tagliato corto: "l'importante è che piaccia a me": come se fosse "roba" sua! C'è da dire, in verità, che le reazioni contrarie sono state fino ad oggi pressoché nulle, considerato il livello di anestesia totale in cui versa la fede della nostra gente: quasi nessuno ha compreso che dietro a questo spostamento c'è una visione teologica perversa e pericolosa che poco ha di cattolico. Comunque, si può ragionevolmente attendere un'imminente abbattimento delle balaustre e dello stesso altare maggiore, appena il "patron" avrà rimediato i soldi che, grazie a Dio, ancor gli mancano.

Episodi di tal fatta potevano essere "normali" qualche anno fa; ma oggi, con i frutti del postconcilio marciscenti davanti agli occhi di tutti e nonostante la testimonianza del nostro Papa Benedetto, con che coraggio costoro hanno il coraggio di propinare queste minestre riscaldate?

A chi, sdegnato, riferiva il fatto, un prete connivente ha tappato la bocca asserendo che ben poco salda è la religione di chi si scandalizza per lo spostamento di un altare. Ma vi pare? Appena ne avrò l'occasione, se qualche amico di quella parrocchia vorrà favorirmi, posterò le foto dello scempio. Qualcuno ha denunziato la cosa al responsabile diocesano per l'arte sacra, ma, naturalmente, nulla è mutato. Fatemi sapere che ne pensate.

45 commenti:

mic ha detto...

Gli amici di Oriens hanno consigliato di rivolgersi alle Belle Arti e credo siano stati realistici, perché forse è più efficace la cura dello Stato per l'Arte che quella della Chiesa per le Verità di Fede che continuano ad essere stravolte

Infatti questa è l'ennesima prova del persistere dell'invadenza della teologia kikiana e anche del fatto che un sacerdote (che si dice di Santa Romana Chiesa) obbedisce a Kiko e non al Papa.

Abbiamo esaurito tutte le parole per commentare il senso di quel che accade e i nostri sentimenti.
Continuiamo a registrare e gridare... Qualcuno ascolterà!

mic ha detto...

quasi nessuno ha compreso che dietro a questo spostamento c'è una visione teologica perversa e pericolosa che poco ha di cattolico.

il problema è che quasi nessuno lo sa e chi lo sa si guarda bene dal correggere!!!

Emma ha detto...

Quello che più mi fa rabbia, anche se so che non dovrei reagire così è la passività dei fedeli.
Passività dovuta all`ignoranza, ma non per questo meno grave e carica di conseguenze.
Insomma se i prebiteri neocat possono fare quello che vogliono, sconvolgendo lo spazio sacro, ars orandi, ars credendi, ars celebrandi, non è anche forse perchè i fedeli subiscono passivamente?
Non è perchè il vescovo non reagisce che bisognerebbe fermarsi lì, perchè non organizzarsi, andare in gruppo e per esempio rimettere i banchi come erano prima, rifiutare di assistere alla Messa in quelle condizioni, fare una petizione e pubblicarla dandogli pubblicità, perchè non servirsi dei media, positivamente una volta ogni tanto?
Se il cammino avanza è anche perchè trova il vuoto, strade spianate.
In quella parrocchia non c`era il vuoto, il presbitero ha operato con furbizia, progressivamente ma completamente installerà l`estetica kikiana .
Non riesco a farmi una ragione del fatto che ciò sia possibile.
Se la gerarchia non reagisce, è veramente utopico immaginare che i fedeli si organizzino?
Anche coinvolgendo i media?
Non so io vedrei un titolo:
"I fedeli di Lucinico si ribellano contro il nuovo parroco che ha modificato, stravolgendolo, lo spazio sacro della chiesa, imponendo la visione del cammino neocatecumenale"

Non so si può sempre sognare....

Giovanni ha detto...

Il parere di un'indifferente: stavolta sono d'accordo con voi. Magari il prossimo passo sarà un distributore automatico di laccetti per chitarra (quelli usati dai cantori) e di bignami con le catechesi posto in una nicchia al posto delle candele.

Francesco ha detto...

Una vera vergogna.
E dov'è il vescovo?
E se il vescovo soffre anche lui dell'ormai endemica congiuntivite con annessa otite, che impedisce a molti vescovi di edere e di sentire, dov'è il responsabile di curia per i beni culturali ecclesiastici?

Emma ha detto...

Ciò che è successo a Licinico,è già stato fatto altrove e continuerà ad essere fatto in altre chiese.

Purtroppo è una realtà che a causa della crisi delle vocazioni, i vescovi fanno e faranno sempre più ricorso ai presbiteri neocat, che i vescovi siano simpatizzanti o solo pragmatici.

E questa è una delle più "abili" (altri direbbero diaboliche) "intuizioni" di Kiko Arguello:

se voglio imporre il mio cammino, il mio progetto sulla Chiesa, ho bisogno di sacerdoti, da qui la creazione dei Redemptoris Mater, delle famose alzate per riempirli.
Con la crisi delle vocazioni, i vescovi nolenti o volenti saranno obbligati di aver ricorso ai miei presbiteri che obbedienti al vescovo (leggi: a me), andranno dove saranno mandati.
E così, progressivamente ma sicuramente, il mio cammino, la mia estetica, il mio rito, il mio progetto si imporranno nella Chiesa, alla Chiesa.....la chiesa di Kiko.

I sacerdoti sono dunque delle pedine essenziali
nell`esecuzione del progetto di Arguello.
È così evidente che solo dei vescovi e altri prelati. colpiti da cecità e sordità acute possono ignorare.

Eppure è ciò che succede.

Poi c`è da dire che i seminari legati alla Tradizione sono pieni, dunque Arguello si troverà confrontato ad un ostacolo sul suo cammino.

È anche per questo che Kiko Arguello sta moltiplicando i suoi contatti con gli ambienti legati alla Tradizione.
Non sto scherzando.

Emma ha detto...

Ho esitato a mettere questo commento ma lo faccio oggi perchè è questa informazione che mi ha fatto scrivere le ultime frasi del mio precedente commento.

Mi ha recentemente telefonato un amico che vive in Francia.
Mi ha posto una domanda che mi ha spiazzata.
In realtà più che una domanda era un`informazione che solleva altre domande.
In effetti il mio amico che conosce poco il cnc, che sa solo che è nel mirino dell`organismo di controllo delle sette, è stato molto sorpreso di ascoltare Mons. Aillet, vescovo vicino ai tradizionalisti, lodare il cammino in una sua omelia.
Si è dunque informato ed effettivamente gli è stato detto che i nc tentano di avvicinare i tradizionalisti per convincerli di unirsi a loro nella lotta contro il nemico comune, l`Occidente scristianizzato, mettendo l`accento su ciò che hanno in comune e cancellando le differenze anche se sostanziali.

Amici miei, dovremmo stupirci?
Eppure, se non sono stata affatto stupita che Arguello e Rylko siano andato a braccetto al convegno dei carismatici, resterei paralizzata sul posto se dovessi un giorno vedere Kiko Arguello andare, come invitato, ad una riunione di fedeli alla Tradizione!

Insieme saremo più forti, guardate abbiamo la stessa morale, amiamo la famiglia(!), abbiamo tanti figli, abbiamo un nemico comune, questo mondo pagano e nemico di Cristo, uniamoci!

La liturgia?
I testi non conformi?

Secondari, di secondaria importanza rispetto alla nostra sfida "comune".



Non sarei per niente stupita se nella strategia di Kiko Arguello, per portare a compimento il suo progetto sulla Chiesa, l`alleanza con i tradizionalisti fosse un passaggio previsto e necessario .

Se i fedeli alla Tradizione dovessero lasciarsi irretire nella tela che sta tessendo Kiko Arguello, cedendo ai suoi argomenti, alle sue menzogne, credendo alla sua sincerità, commetterebbero un gravissimo errore!

mic ha detto...

Se i fedeli alla Tradizione dovessero lasciarsi irretire nella tela che sta tessendo Kiko Arguello, cedendo ai suoi argomenti, alle sue menzogne, credendo alla sua sincerità, commetterebbero un gravissimo errore!

ho sentito con le mie orecchie Don Davide Pagliarani, responsabile della FSSPX per l'Italia, se non sbaglio, obiettare a critiche nei confornti del Cnc, di quanto sono attivi nelle parrocchie..
tuttavia, devo dedurre che conosce solo la efficace campana mediatica: la nostra voce - venendo da un laicato non organizzato e quindi senza alcun riconoscimento formale (c'è bisogno del bollino e della patente anche nella Chiesa; non bastano più battesimo, cresima e vita di fede) - non viene udita per quello che dice, ma per quello che 'conta' in termini molto umani...
per Grazia di Dio non la pensa così Don Curzio Nitoglia e altri come lui; ma basta infiltrarsi, come hanno sempre fatto... l'inquinamento avanza...

Cinzia ha detto...

Il Potere e il Denaro, sono il passaporto per entrare con forza nella Chiesa. Anch'Essa ha subito il fascino del dio "mammona" e chi si fà promotore di queste due "Virtù" riece a collocarsi nella zona dell'eccellenza.
Il c.n.c. porta moltissimi soldi e moltissimi adepti; è riuscito a farsi passare per la "SOLA VERA CHIESA DI CRISTO", e moltissimi poveri, affamati dell'amore di Dio, entrano nel cammino per entrare nella Chiesa.
I sacerdoti, i Vescovi, i Cardinali e tutta la gerarchia Ecclesiastica sanno perfettamente ciò che stà accadendo, ma la paura per l'invasione della Chiesa d'oriente fà si che vengano accettati molti, compromessi, pur di garantirsi una moltitudine.
Il fatto è che il c.n.c, cerca la sua affermazione, e mentendo porta la divisione all'interno della Santa Sede,poichè anche in Vaticano c'è uno spaccato in chi è a favore e in chi non lo è.
Proprio stamattina, ho saputo da un mio carissimo amico Sacerdote, di un grande Ordine Religioso....
che il Vescovo, ha avuto quella reazione nei miei confronti, perchè esasperato dalle tantissime segnalazioni, contro il c.n.c. da parte dei fedeli della mia zona.
Non si è stupito affatto dell'accaduto, anzi.....mi ha chiesto di continuare senza scoraggiarmi a portare avanti questa verità, diffondendola e denunciandola, anche a costo di subire umiliazioni. Poi, ha chiesto scusa a me e a tutti coloro che vivono l'emarginazione e l'incomprensione all'interno della Chiesa; quello che stiamo
sopportando vada per la maggior "Gloria " di DIO.
Cari amici, Dio non ci lascia mai soli, nè senza conforto.

Emma ha detto...

Potrei avere notizie di Stephanos?
Vedo che il portale Dominus est è fermo al mese di marzo.
Stephanos manca a questo blog !

strl ha detto...

e che volete farci... secondo kiko l'estetica salverà il mondo! sigh!
Se penso alla "tenda" di Porto San Giorgio mi viene in mente la casa dei teletubbies!
Pensa che estestica! sigh!

tenda porto san giorgio:
http://i6.tinypic.com/14lpjzd.jpg

casa teletubbies:
http://www.youtube.com/watch?v=rdPzj4W6r4I
vedere a circa 35 secondi....

strl ha detto...

a proposito di mammona, CNC etc. perché non leggere questo articolo sul 5 per mille?
http://www.internetica.it/neocatecumenali/5permille.htm

mic ha detto...

Potrei avere notizie di Stephanos?
Vedo che il portale Dominus est è fermo al mese di marzo.
Stephanos manca a questo blog
!

Steph manca anche a me, mi mancano le nostre chiacchierate, ma soprattutto mi spiace perché è stato poco bene... spero tanto si faccia vivo presto e che abbia recuperato in pieno!
Lo ricordo sempre nella preghiera e lo affido anche a voi
Dobbiamo pregare anche per Michela e comunque ho l'impressione che ognuno di noi abbia la sua di prova da offrire in particolare in qeusto periodo.
Affidiamoci al Signore e alla Sua e nostra Madre e avanti :)

mic ha detto...

Gherardo!!! Com'è che fai queste apparizioni lampo e poi risparisci?
Ti abbraccio

Giacomo ha detto...

pronti a seguirlo dalla parrocchia confinante nell'opera di ri-evangelizzazone di una terra cristiana da almeno 1.700 anni.

C'è da dire, in verità, che le reazioni contrarie sono state fino ad oggi pressoché nulle, considerato il livello di anestesia totale in cui versa la fede della nostra gente

Mi sembra ci sia un po' di contraddizione....

mic ha detto...

pronti a seguirlo dalla parrocchia confinante nell'opera di ri-evangelizzazone di una terra cristiana da almeno 1.700 anni.
C'è da dire, in verità, che le reazioni contrarie sono state fino ad oggi pressoché nulle, considerato il livello di anestesia totale in cui versa la fede della nostra gente

Mi sembra ci sia un po' di contraddizione
...

la prima parte ovviamente si riferisce ai NC; ma non è detto che essere NC e 'svegli' ai richiami non escluda l'essere in qualche modo "anestetizzati", magari in altro modo!

Credo che la contraddizione che tu sottolinei sia solo apparente, perché gli "anestetizzati" è riferito ai componenti di quella parrocchia non certo a tutti i cristiani del territorio... e torno a ripetere che l'attivismo NC non è sempre sintomo di fede CATTOLICA viva... è un altro tipo di fede, anche se purtroppo si definisce e la considerano cattolica.

non sto qui a ripetere i 10.000 perché più volte evidenziati. Chi leggesse per la prima volta questa pagina può consultare il sito http://www.internetica.it/neocatecumenali

mic ha detto...

Così conclude la Laudatio del Prof. Josè Noriega, Vicepreside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per Studi su Matrimonio e Famiglia durante il conferimento, il 13 maggio scorso, del dottorato honoris causa all'iniziatore del Cammino Neocatecumenale, lo spagnolo Francisco Gómez (Kiko) Argüello.

Tuttavia, tutti noi siamo convinti che il servo di Dio Giovanni Paolo II ci guarda oggi con gioia dalla finestra del cielo e nel suo sguardo ci rendiamo conto che questo titolo è un incoraggiamento a continuare una missione a favore dell’uomo, affinché Dio possa portare a pienezza la fecondità di quell’acqua che Gesú ci ha regalato dalla croce.

solo acqua???

Aldo ha detto...

Carissimo Mic..spero sia una Buona notizia quella che sto per darVi:
stasera 20.30 cominciano nella mia Parrocchia con il mio Parroco gli incontri per le coppie sposate che intendono fare un percorso di "riscoperta della Vita Cristiana" o "iniziazione Cristiana" hanno aderito più di 25 coppie con meraviglia e stupore anche da parte del Parroco (tra cui io e mia moglie)perchè stupore del Parroco? perchè in quaresima i nc hanno fatto la "loro evangelizzazione" casa per casa (traditio) per cominciare le "catechesi"; bè hanno "raccolto" 7 persone/fratelli; non sono riusciti a mettere in piedi neanche una piccola comunità - il Parroco temeva il fallimento, ma Dio come sempre ci supera, questi incontri si terranno per il momento ogni 15 giorni alla presenza del Parroco che si occuperà dell'esegesi e di un "Catechista" udite!! udite!! uscito dal cn dopo averlo terminato (cioè ha finito tutto l'iter del cn - Gerusalemme compresa,poi deluso è scappato)
il Tema è "Ripartire dalla Famiglia"...
siamo almeno 4 le coppie ex-cn;
la mia speranza, la nostra speranza è che questa esperienza, se Dio lo vorrà, si possa estendere a macchia d'olio, e cercare di ri-avvicinare tutte quelle persone che scandalizzate, deluse, tradite, plagiate, offese, abbandonate sono scappate via dalla "Madre Chiesa"...
il nostro "Credo" è la "Mitezza"..
guardando al mio Parroco, che è l'uomo più mite che conosco, ho visto quanti prodigi fà questa virtù contro l'arroganza e la prepotenza dei forti...
chiaramente questi incontri avranno come fondamento l'Eucarestia, la Parola di Dio, la Penitenza....
per ora partiamo poi sono certo che il Signore non solo ci accompagnerà, ma ci precederà...
sarà Lui a fare la Strada...

jeff m. ha detto...

Vedi Aldo, forse il problema è proprio qui: tu (voi) pensi(pensate) che i NC siano in guerra contro i non-NC.
Correggimi se sbaglio ma mi sembra che pensi che possa infastidirci o deluderci l'idea che possa esserci una pastorale o degli incontri non organizzati dal cammino che riscuotano successo.

Forse ti deluderà la mia risposta, ma....non è così!!! Personalmente sono FELICISSIMO che ben 25 coppie di una parrocchia scelgano di seguire un percorso di questo tipo! E' una notizia bellissima e non solo per mic ma per tutti noi.
E la bellezza di questa notizia non sta nel fatto che il catechista sia un fuoriuscito dal cammino - la storia è la sua e solo il Signore sa cosa ha passato e il perchè della sua scelta - o ancora nel fatto che dalle catechesi iniziali NON si sia formata una comunità...
è una notizia bella semplicemente perchè per queste persone si apre un percorso (che magari si espanderà anche altrove, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo) che le porterà - mi auguro - ad una più profonda conoscenza del loro vivere la fede all'interno del matrimonio.

Quindi benissimo, gioiamo insieme per notizie come questa e tieni aggiornato il blog sul proseguimento di questa bella iniziativa!

mic ha detto...

Caro Aldo,
ti leggo solo adesso e di corsa. Grazie per la bella notizia, che il Signore vi benedica e vi accompagni... rimaniamo uniti nella preghiera e tienici al corrente!

mic ha detto...

è una notizia bella semplicemente perchè per queste persone si apre un percorso (che magari si espanderà anche altrove, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo) che le porterà - mi auguro - ad una più profonda conoscenza del loro vivere la fede all'interno del matrimonio.

grazie Jeff, è con questo spirito che l'ho presa anch'io.... credo che anche Aldo abbia semplicemente fatto una constatazione e non sia "contro" nessuno

e comunque per queste persone non si tratta solo di una più profonda conoscenza di vivere la fede all'interno del matrimonio, ma di VIVERE LA FEDE in tutti gli ambiti della loro vita sia come coppie che come persone, per mezzo di una catechesi e di una vita sacramentale secondo il Magistero autentico, tenendo conto di quello che comporta per l'interiorità di una persona esserne sviati, sia pure non essendo in grado di capirlo

oltretutto, per gli ex NC, con la consapevolezza di aver corso il rischio di perdere quella VERA di Fede... scusa ma questa è la mia convinzione oltre che la mia esperienza e non posso parlare diversamente

strl ha detto...

X Aldo.
Devo dire che il leggere di questi incontri mi hai provocato una certa invidia...

x Jeff.
Purtroppo la mia esperienza è piena di CNC che assolutizzano il cammino: sai quante volte ho visto "bacchettare" dai catechisti fratelli perché avevano "osato" andare a vedere gli incontri, tanto per dire un esempio, di CL o rinnovamento dello spirito? Mi è capitato di vedere catecumeni nascondersi per non farsi riconoscere! E che cavolo! Ma mica sono andati al night!

Francesco ha detto...

Per Aldo

Grazie per la tua testimonianza. Che il Signore apra codesta strada anche nelle nostre parrocchie.

Caterina63 ha detto...

Dice il concilio di Firenze: “La Chiesa crede fermamente, professa e insegna che le prescrizioni legali dell'Antico Testamento, cioè della legge mosaica, che si dividono in cerimonie, sacrifici sacri e sacramenti, proprio perchè istituite per significare qualche cosa di futuro, benché adeguate al culto divino di quell'epoca, dal momento che è venuto il nostro signore Gesù Cristo, da esse prefigurato, sono cessate e sono cominciati i sacramenti della nuova alleanza. Essa insegna che pecca mortalmente chiunque ripone, anche dopo la passione, la propria speranza in quelle prescrizioni legali e le osserva quasi fossero necessarie alla salvezza, e la fede del Cristo non potesse salvare senza di esse [...] dopo l'annuncio del vangelo non possono più essere osservate, pena la perdita della salvezza eterna” Cfr. Conc. di Firenze, Bolla “Cantate Domino”, 4-2-1442.



Confermato da Benedetto XVI che dice: “In questo modo Gesù inserisce il suo novum radicale all'interno dell'antica cena sacrificale ebraica. Quella cena per noi cristiani non è più necessario ripeterla. Come giustamente dicono i Padri, figura transit in veritatem: ciò che annunciava le realtà future ha ora lasciato il posto alla verità stessa. L'antico rito si è compiuto ed è stato superato definitivamente attraverso il dono d'amore del Figlio di Dio incarnato. Il cibo della verità, Cristo immolato per noi, dat ... figuris terminum” Cfr. Sacramentum Caritatis n°11).



Fa tremare i polsi leggere simili righe, riflettendo sul fatto che oggi nei seminari, nelle parrocchie e in certi movimenti si copiano e si praticano i rituali ebraici, credendo di “riscoprire” le radici della fede Cristiana!

********************

per il resto cliccate qui:
http://www.maranatha.it/catesti/02apage.htm

^__^ leggete, leggete....si parla anche della dottrina kikiana...

newgold69 ha detto...

so che in quella parrocchia di lucinicco c'è stata recentemente una missione popolare, e uno degli impegni e frutti è stato che il parroco ha accettato di ridimensionare, e di molto, la forma nc della sua pastorale per accogliere e lavorare con tutti i fedeli e collaboratori, che ci sono sempre stati, ma che non venivao per niente tenut in considerazione.

newgold

Aldo ha detto...

Carissimo Jeff, Tu sei sempre stato molto equilibrato, e sono certo che Tu sia sincero in ciò che esprimi.. ma forse Ti manca un pezzo della mia storia e della storia della mia Parrocchia, quando cominciai il cn 15 anni fà, vi erano ben 17 comunità nella mia Parrocchia, con numeri impressionanti, in media 40 persone, - mercoledì scorso c'erano la 1^ cn (che stà celebrando la cinquantina fino a Pentecoste) che ormai conta "20 fratelli" con età media 6o anni, la 2^cn - "35 fratelli" - 3 e 4 insieme non arrivano a 40;
mancano all appello più di 350 persone, di cui molte erano coppie, tanti giovani, vedove, volti che ricordo con nitidezza...
ma soprattutto, come mai "il metodo nc" non funziona più nel "reclutare" i "lontani"??
questo ci siamo chiesti, e che fine hanno fatto "i parrocchiani separati" che per 3, 5, 7 anni hanno frequentato il "tempio" ma non il "culto"?... questo era un altro quesito al quale urgeva rispondere,
allora come il "pastore va in cerca della Pecorella perduta".. così ha fatto il mio Parroco, e qualcuno di noi... è chiaro che io cercavo gli ex-nc; alcuni dell AC ai loro fuoriusciti..
Ma il fine non è "io sono di Cefa.. io sono di Paolo.." ma tutti di Cristo..
Ti abbraccio con affetto..

miciomacio ha detto...

...Un consiglio... come si diventa catechisti? Sento la necessità, dopo avere sentito e vissuto le storture del c.n.c., di diffondere la Verità.

mic ha detto...

per diventare catechista in una parrocchia normale devi ricevere il "mandato" dal tuo Parroco.

Normalmente gli aspiranti catechisti, specialmente giovani, ma anche adulti, vengono avviati ai corsi diocesani che di solito hanno sede nelle Parrocchie di Prefettura, al termine dei quali si dovrebbero acquisire le attitudini e i metodi per svolgere con maggiore efficacia la propria missione...

tuttavia è innegabile che il catechista - dal greco catechèo= faccio echeggiare la voce che esprime le Verità di Fede - deve poter esprimere e trasmettere quel che lui in primis ha conosciuto conosce e vive del Signore e che ha ricevuto nella e dalla Chiesa e, naturalmente, le verità di Fede fondamentali con in più tutti gli insegnamenti e le Grazie spirituali relative al sacramento per cui è stato 'mandato': battesimo, prima comunione, cresima, matrimonio; per questo motivo il Parroco può dare il 'mandato' anche a persone, che conosce e di cui conosce la fede ed ha fiducia, che possano corrispondere a questo basilare requisito...

Catechisti del genere sono molto a rischio purtroppo in una Chiesa in cui pullulano (ma per fortuna non sono ancora tutti) i Parroci modernisti e neocatecumenali.

In quest'ultimo caso, le cose vanno in tutt'altro modo, perché per essere catechista NC devi essere una persona che ha mostrato 'fedeltà' al Cammino adeguandosi alla forma mentis ed ai metodi e che non trasmetterà quello che ha conosciuto e che conosce del Signore e gli insegnamenti della Chiesa, essendo TENUTO a ripetere pedissequamente gli insegnamenti kikarmeniami, che sappiamo quanto siano 'altri' da quelli della Chiesa...

Il grande problema di molte Parrocchie anche non completamente NC è che il Parroco - o perché si fida senza conoscere basandosi sulla sapiente enfatizzazione dei loro frutti, o per superficialità non trovando il tempo di promuovere la preparazione e la formazione di giovani e altri che sarebbero disponibili, o perché gli fanno molto comodo i soldini che il Cammino dispensa a piene mani, o perché è ricattabile per qualunque motivo spesso anche costruito ad arte - affida le catechesi sacramentali di tutta la parrocchia a catechisti NC :((

jeff m. ha detto...

Aldo ha detto...
"ma soprattutto, come mai "il metodo nc" non funziona più nel "reclutare" i "lontani"??"


Caro Aldo, ti assicuro che questo è un problema serio e sono sicuro che Kiko Carmen e Padre Mario ci stiano pregando molto.
Perchè è vero che il Cammino è forse entrato in una fase discendente della propria storia. E' vero che i lontani accolgono sempre meno l'annuncio del Kerygma e le nuove comunità si sfaldano o si reggono sempre più sui figli di comunitari...l'avevo detto anche tempo fa: il cammino, per come è ora, non può continuare. Ci sono diversi motivi alla base di questo "calo", ma trovo sterile mettermi ad analizzarli scientificamente adesso. Di base, credo che siano una somma di cause dovute tra l'altro ai tempi odierni, che sono cambiati moltissimo e non sono certo quelli di 20 o 30 anni fa.
Forse tra una ventina d'anni il cammino non esisterà più. O forse sarà solo ridotto ad un "resto".
Importa qualcosa?
Forse a voi, e forse agli esaltati del cammino. Non a me.
Gli esaltati pro e contro il cammino si pongono queste questioni che per me sono irrilevanti. Il Cammino è stato un dono di Dio alla sua Chiesa per QUESTI anni. Il Cammino è stato un dono enorme per i miei genitori, portandoli alla riscoperta della loro fede, ed è stato un dono per me che ho scelto di seguire il loro stesso percorso, all'interno della Chiesa. Dei numeri mi interessa poco. Se saremo chiamati ad essere un piccolo resto, ben venga, sia fatta la volontà del Signore. L'unica cosa di cui sono certo è che le porte degli inferi non prevarranno sulla Chiesa di Cristo, quindi non ho nulla da temere.
Il Signore saprà stupirci tutti, come ha fatto con voi e questo nuovo percorso di cui ci hai parlato, come ha fatto donandoci il Cammino, come ha fatto sempre da quando sono nato.

Caterina63 ha detto...

Miciomacio...a quanto spiegato da mic, per fare il catechista (lo sono da 21 anni)aggiungo che devi impegnarti di prima persona nello studio del Magistero ^__^

Quando ci troviamo di fornte ad un gruppo di bambini, di adolescenti o di pià adulti, hai sempre davanti persone che il più delle volte NON sanno neppure che cosa ha detto il Papa nelle udienze del Mercoledì, o all'Angelus, o in qualche viaggio...la premura di un catechista sta anche nel seguire cosa fa e cosa scrive il proprio vescovo e cosa fa e cosa scrive il Papa, non deve interpretare i loro testi secondo le proprie opinioni, ma mettendo insieme i tasselli del proprio Vescovo e del Papa e fonderli in quella che si chiama poi PASTORALE che in parte ci viene fornita all'inizio di ogni anno pastorale, in parte la possiamo arricchire noi appunto con ulteriori citazioni imparate a forza di seguire i veri MAESTRI...^__^

Auguri...
Fraternamente CaterinaLD

mic ha detto...

Perchè è vero che il Cammino è forse entrato in una fase discendente della propria storia. E' vero che i lontani accolgono sempre meno l'annuncio del Kerygma e le nuove comunità si sfaldano o si reggono sempre più sui figli di comunitari...l'avevo detto anche tempo fa: il cammino, per come è ora, non può continuare. Ci sono diversi motivi alla base di questo "calo", ma trovo sterile mettermi ad analizzarli scientificamente adesso. Di base, credo che siano una somma di cause dovute tra l'altro ai tempi odierni, che sono cambiati moltissimo e non sono certo quelli di 20 o 30 anni fa.

spero solo che il principale motivo del calo registrato nonostante i successi nella gerarchia, sia il fatto che ormai l'"arcano", se non del tutto è in buona parte svelato e c'è più consapevolezza nella persone... i tempi odierni forse mostrano più persone 'acculturate' e meno manipolabili, anche se purtroppo c'è sempre chi è più fragile e sprovveduto

Il Cammino è stato un dono enorme per i miei genitori, portandoli alla riscoperta della loro fede, ed è stato un dono per me che ho scelto di seguire il loro stesso percorso, all'interno della Chiesa. Dei numeri mi interessa poco. Se saremo chiamati ad essere un piccolo resto, ben venga, sia fatta la volontà del Signore. L'unica cosa di cui sono certo è che le porte degli inferi non prevarranno sulla Chiesa di Cristo, quindi non ho nulla da temere.

rispetto questa tua convinzione che rispecchia una visione 'oleografica' del Cammino che non coincide con le tante - troppe - esperienze difformi da noi vissute e anche documentate.

Non condivido questa identificazione del Cammino con la Chiesa e comunque, per come stanno evolvendosi le cose, ho l'impressione che la NUOVA Chiesa neocatecumenale stia invece prendendo sempre più piede e il "non praevalebunt" resta valido per la VERA Chiesa di Cristo che oggi non è più molto riconoscibile in quella visibile

jeff m. ha detto...

mic ha detto...
"Non condivido questa identificazione del Cammino con la Chiesa"

Come ho già detto migliaia e migliaia di volte: il Cammino NON è la Chiesa. Il Cammino E' NELLA Chiesa.

E, su questo ormai c'è davvero poco da discutere...
(anche se siete stati capaci di tirarci su un blog intero :) )

gianluca cruccas ha detto...

Caro Aldo, ti assicuro che questo è un problema serio e sono sicuro che Kiko Carmen e Padre Mario ci stiano pregando molto.

Codesti fautori della setta Neocatecumenale, farebbero si bene a pregare affinche il Signore gli faccia riparare le innumerevoli nefandezze che ANNO OPERATO IN QUESTI ANNI, AFFINCHE RIPARINO A TUTTI I SUICIDI CHE SI SONO REGISTRATI NELLA LORO BLASFEMA SETTA.

CHE POI SI AFFERMI CHE QUESTA PERNICIOSA SETTA SIA UN DONO DI DIO ALLA CHIESA DIVENTA VERAMENTE AZZARDATO, SOPRATUTTO PER CHI IN QUESTI ANNI, SIA PERCHè HA VISTO CON I PROPRI OCCHI E SIA PERCHE' A LETTO,STUDIATO E DENUNCIATO, LE ABBERRANTI CATECHESI DELL'ERETICO KIKO ARGUELLO E LA SUA COMBRICCOLA.
COME SEMPRE I NEOCATECUMENI CHE INTERVENGONO NON COMMENTANO MAI LA DOTTRINA DEI LORO FALSI PROFETI, MA DI QUESTO NON CI STA DA SCANDALIZZARSI PIù, DALTRONDE NON LO HANNO FATTO NEMMENO I VARI PONTEFICI DEGLI ULTIMI ANNI, COMPRESO QUESTO...

GIANLUCA CRUCCAS

mic ha detto...

Come ho già detto migliaia e migliaia di volte: il Cammino NON è la Chiesa. Il Cammino E' NELLA Chiesa.

è una identificazione che hai potuto fare, a ragione, proprio perché ora il cammino è NELLA Chiesa

ma il problema è che, nonostante l' anomala approvazione e gli elogi, esso è nella Chiesa ma non è DELLA Chiesa

ebbene sì, ci abbiamo tirato su un blog (e anche un sito), che lo dimostrano ampiamente, anche se molti sono "impermeabili" a quel che sosteniamo non con opinioni personali, ma mettendo a raffronto insegnamenti e prassi NC e Magistero

Caterina63 ha detto...

rispondo a jeff

*************************

...da alcune settimane sono in dialogo email con uno che mi ha scritto da youtube...faceva i complimenti per i video del Papa diceva che gli piaceva Ratzinger e poi ecco il punto: io mi sento un comunista puro ma non del tutto ateo...
Gli spiego in privato che le due cose non sono compatibili e che deve, ovviamente, ringraziare Dio se non si sente ateo, ma che deve fare lo sforzo di dissociare il comunismo dal cristianesimo...
No, mi risponde lui!
IO DEVO RINGRAZIARE IL COMUNISMO se ho capito che questo Cristo è esistito veramente e continua oggi la sua missione...
Gli ho risposto che per quanto le vie del Signore sono infinite e che indubbiamente anche provenire dal Comunismo o da altre strade è sempre accesa la speranza di trovare Cristo, va da se che il Signore usa delle strade che poi però, una volta trovato Dio, VANNO ABBANDONATE per seguire con LUI l'unica strada Maestra...
Dopo un altro giro di 4 email si comprende limpidamente che egli persegue UNA IMMAGINE DI CRISTO ASSOCIATA ALL'IDEA DI COMUNISMO...
^__^
la stessa cosa la ripeto a te...

Le porte degli inferi NON prevarranno sulla Chiesa e siamo d'accordo, ma NON sui vari Cammini ^__^
Pietro conferma questi Cammini proprio per fare in modo che le pecore SIANO NELL'OVILE che non è un Cammino, ma è la Chiesa...comprendi?
Gesù non ha detto di radunare le genti sotto vari Cammini, con le loro icone personalizzate, con i loro canti personalizzati, con le loro catechesi personalizzate...
NON è il Cammino che ti ha dato il Battesimo, non è il Cammino che ti ha dato i Sacramenti, NON è il Cammino che ti assolve nel confessionale...

continua...............

Caterina63 ha detto...

continua da sopra....

Ma tu continui ad esprimerti come se la salvezza per fosse venuta dal Cammino...questo fa comprendere quanto tu sia schiavo della tua comunità...senza il Cammino ti senti un nulla...tu stesso lo dici che hai scelto di seguire LE LORO ORME...ergo tu NON sei cosciente che NON stai seguendo LA CHIESA ma indubbiamente ti senti tranquillo perchè credi che il Cammino sia nella Chiesa, e giuridicamente lo è...ma nel giorno della conta il giuridico scompare e non ci saranno più i Cammini, ma solo la Chiesa...se sarai stato ben innestato dentro lo vedrai, diversamente forse sarà troppo tardi comprendere che ciò che credevi non era del tutto vero...
;-)
all'interno della Chiesa ci sta chi fa il medesimo percorso dottrinale e catechetico;
chi venera e adora le medesime dottrine dalle statue benedette alle reliquie dei santi al massimo dell'adorazione che è l'Eucarestia; chi eleva a Dio I MEDESIMI INNI EUCARISTICI i medesimi Canti, i medesimi ALTARI;
ci sta chi porta avanti IL MAGISTERO DEI PONTEFICI non quelli che riguardano gli Statuti, ma quelli che riguardano LE DOTTRINE
...

La beatitudine in Cielo NON è uguale per tutti...al massimo della gloria ci saranno coloro che con santa Teresina avranno vissuto quel poetico e teologico inno: nel cuore della Chiesa, MIA MADRE, sarò l'Amore...

se tu ed altri avete per MADRE IL CAMMINO, un Cammino, ripercorrendo le orme dei genitori, c'è alla base una schiavitù anche lodevole sotto molti aspetti, ma non libertà piena...

Infine e non meno importante...

tu dici:

Dei numeri mi interessa poco. Se saremo chiamati ad essere un piccolo resto, ben venga, sia fatta la volontà del Signore.

*************************

ma come...il famoso sig. Veneranda, catechista del CN a luglio 2008 diceva che dovevate triplicare perchè questo E' L'UNICO METODO CHE LA CHIESA VUOLE PER LE PARROCCHIE....^__^
ad ogni modo attento, il concetto di piccolo gregge non te lo puoi affibbiare nel Cammino e per il Cammino eh!
per piccolo gregge si intende un gruppo di CATTOLICI-APOSTOLICI ROMANI che perseguitati per la loro vera fede, vengono MESSI A TACERE sia dall'interno della Chiesa quanto da fuori...

un esempio?
il piccolo gregge è stato per anni quei gruppi di cattolici (NON lefebvriani) che per 40 anni sono stati messi a tacere, UMILIATI E RESPINTI per aver difeso a ragione la Messa antica...e che dal 7.7.2007, dala del MP hanno cominciato ad uscire allo scoperto senza vendicarsi, ma con la solita umiltà e pazientemente stanno aiutando a far moltiplicare oggi la presenza nelle Diocesi di questa Messa antica...^__^

ergo andiamoci piano con i paragoni del piccolo gregge, esso, disse Giovanni Paolo II, E' COMPOSTO DA CATTOLICI CONSERVATORI CHE CI AIUTANO A RITROVARE IL LEGAME PREZIOSO CON LA TRADIZIONE DI SEMPRE...

ebbè!
^__^

Caterina63 ha detto...

mic...perchè non mi prende più integralmente i testi di risposta e devo spezzarli???

è la seconda volta che te lo chiedo ^__^

gianluca cruccas ha detto...

PIù CHE UN DONO, CODESTO MOVIMENTO ERETICO E' UN CASTIGO BEN MERITATO DALLA CHIESA PER TUTTO CIO' CHE A COMBINATO NEL CONCILIO VATICANO II, IN PRIMIS NASCONDENDO, E LO FA ANCORA OGGI, IL MESSAGGIO COMPLETO DELLA MADONNA A FATIMA, IN CUI E' CONTENUTO IL RIMEDIO A TUTTE LE DIFFICOLTà CHE LA CHIESA E IL MONDO STA' INCONTRANDO IN QUESTA EPOCA.


Come ho già detto migliaia e migliaia di volte: il Cammino NON è la Chiesa. Il Cammino E' NELLA Chiesa...

CERTO CHE E' NELLA CHIESA, MA NON IN QUELLA CATTOLICA QUELLA FONDATA DA GESU' CRISTO, LA SETTA DEL CAMMINO E FACENTE PARTE DI QUELLA COSIDETTA CHIESA NUOVA FONDATA DA PROTESTANTI, EBREI MASSONI E QUANT'ALTRO, VENUTA FUORI DOPO IL CONCILIO VATICANO II...

CHE POI IL CAMMINO ABBIA DIFFICOLTA' A TROVARE NUOVI ADEPTI PER LA LORO OPERA NEFASTA IO LO VEDO IN POSITIVO, PERCHE' CHI SALVA E IL SIGNORE GESù,LA CHIESA DI OGGI NEI SUOI PASTORI, E PARLO DI TUTTI NON HA PRESERVATO NESSUNO DA QUESTO CANCRO DEL CAMMINO ANZI LO RACCOMANDA COME SALUTARE STRUMENTO PER LA RISCOPERTA DI UNA COSIDETTA FEDE CHE NON ALTRO TI MOSTRA UN SIGNORE GESU' CHE NON ESISTE..

BASTA LEGGERE LE ABBERRAZIONI CDEL LORO CAPO CORROTTO KIKO ARGUELLO E LA SUA COMBRICCOLA.

GIANLUCA CRUCCAS

mic ha detto...

non avevo capito che il problema era quello, segnalato anche da Gianluca.
A me non è mai capitato.
Forse hanno messo un limite alla lunghezza dei post e occorre spezzarli

Caterina63 ha detto...

????hanno messo chi?
il blog l'hai aperto tu i comandi li gestisci tu ^__^
o no?

Caterina63 ha detto...

Con un'eccezionale opera di Mosebach, Cantagalli apre la collana dedicata al pensiero liturgico di Benedetto XVI. Un contributo benedettiano per dare al nuovo movimento liturgico gli strumenti e le idee per proseguire la riforma della Chiesa.


Martin Mosebach

ERESIA DELL'INFORME
La liturgia romana e il suo nemico

Editrice Cantagalli
Siena 2009

*
Collana
STRUMENTI PER LA RIFORMA
a cura di don Alessandro Galeotti


"Non si può 'costruire' un movimento liturgico di questo genere – non più di quanto si possa costruire un qualche cosa di vivo-, ma si può contribuire al suo sviluppo sforzandosi di assimilare di nuovo lo spirito della liturgia e difendendo pubblicamente quanto abbiamo fin qui ricevuto. Questo nuovo inizio ha bisogno di 'padri' che siano dei modelli, e che non si contentino di indicare la via da seguire". (Joseph Ratzinger)

http://www.rinascimentosacro.com/2009/05/strumenti-per-la-riforma-nasce-la.html

gianluca cruccas ha detto...

"Non si può 'costruire' un movimento liturgico di questo genere – non più di quanto si possa costruire un qualche cosa di vivo-, ma si può contribuire al suo sviluppo sforzandosi di assimilare di nuovo lo spirito della liturgia e difendendo pubblicamente quanto abbiamo fin qui ricevuto...

QUESTA AFFERMAZIONE E' MOLTO INTERESSANTE E VERAMENTE CORRETTA E INECCEPIBILE.

MA RESTA COMUNQUE UNA DOMANDA FONDAMENTALE, CHE E' QUESTA:

CHE FINE HANNO FATTO LA MOLTITUDINE DI SEGNALAZIONI TESTIMONIANZA, MANDATE AL VATICANO DELLE ABBERRAZIONI DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE? AFFOSSATE, NASCOSTE E OMESSE, E QUESTO DA PARTE DI TUTTI.

QUI SI AFFERMA: difendendo pubblicamente quanto abbiamo fin qui ricevuto..., EBBENE QUESTE TESTIMONIANZE NON SONO FORSE UNA DIFESA PUBBLICA DI QUELLO CHE E' RIMASTO DI CATTOLICO DELLA CHIESA?

ANCHE OGGI E' STATO DETTO DAL PAPA CHE I MOVIMENTI LAICALI, NATI DOPO LO SCONCERTANTE CONCILIO VATICANO II, ANNO PRODOTTO DEI BUONI FRUTTI, MA STIAMO SCHERZANDO, SI VUOLE RIBADIRE ANCORA CHE LA SETTA ERETICA QUINDI DIABOLICA DEL CN HA PORTATO BUONI FRUTTI? SICURAMENTE IN SOLDI, QUELLI RAPINATI A CHI FREQUENTA CODESTA SETTA E QUELLI CHE VENGONO FORNITI AL CN DALLA COSIDETTA (ORGANIZZAZIONE MONDIALE, CHE ALTRO NON E' CHE LA MASSONERIA EBRAICA).

SI E' ANCHE AFFERMATO CHE CODESTO CONCILIO NON HA PRODOTTO NESSUNA FRATTURA COL PASSATO, IO PERSONALMENTE A QUESTO PENSIERO NON CREDO PIU', BASTA VEDERE CHE SI E' DATA UNA APPROVAZIONE AD UNA SETTA ERETICA COME IL CN SENZA DARE UN GIUDIZIO ALLA LORO DOTTRINA, APERTAMENTE ANTI DIO QUINDI ANCHE ANTI CATTOLICA E SCANDALOSAMENTE GLI E' STATO DATO UN MANDATO PER LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE NONOSTANTE CHE IN VATICANO SONO IN POSSESSO DELLA LORO ERETICA DOTTRINA PIU' TUTTE LE TESTIMONIANZE MANDATEGLI IN QUESTI NUMEROSI ANNI...

E SI POTREBBE ANDARE AVANTI CON LA RIFORMA LITURGICA, L'ECUMENISMO, LA LIBERTA' RELIGIOSA, ECC..

CRUCCAS GIANLUCA

mic ha detto...

Per Caterina e Gianluca:

sono pochissime le funzioni che si possono scegliere nella prefigurazione già data dal server... tra quelle che posso gestire io non c'è la funzione in cui siete incappati voi, che probabilmente è nuova

Visiteur ha detto...

Allo scadere di questo A.D. 2009, il Venerato Arciprete che ha guidato per quasi 50 anni la Parrocchia Arcipretale di San Giorgio in Lucinico, è trascorso ai Luoghi della Verità.

Ho molti ricordi delle sue Celebrazioni all'Altare: le più solenni rigorosamente Coram Deo (anche se qualche volta celebrate con il Novus Ordo, ma mai concelebrate...)

Natale, Pasqua (con la processione del Resurrexit alle 6 del mattino), le Rogazioni, il Patrocinio di San Giuseppe, il Corpus Domini...

Oramai solo ricordi... Il successore ha fatto scempio di tutte le Tradizioni, quasi fossero appartenenti ad un'altra "Chiesa"...

Ed, onestamente, posso affermare che i cosiddetti "notabili" della Parrocchia, non hanno lo spessore per imporsi contro qualcosa che possa "minare" la loro immagine paesana (e questo la dice lunga...)

Mons. Silvano Piani, Protonotario Apostolico, Arciprete e Canonico del Capitolo Teresiano...
Caro don Silvano...

preferisco ricordarTi nella celebrazione del Sacrificio, secondo la Tradizione nella quale sono cresciuto, senza pensare agli obbrobrii perpetrati, senza rispetto alcuno, nella Tua Chiesa!

La Tua Memoria rimanga in Benedizione!

mic ha detto...

Requiem aeternam dona ei Domine et lux perpetua luceat ei. Requiescat in pace. Amen

Ed interceda per noi e per la Chiesa!