mercoledì 2 marzo 2016

La stoltezza della predicazione neocatecumenale: l'annuncio di Quaresima 2016

Arancia meccanica neocatecumenale
Ecco alcuni brani del cosiddetto "annuncio di Quaresima" di Kiko Argüello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale.

Impossibile inserirlo tutto, è un'impressionante accozzaglia di luoghi comuni kikiani e fiabe neocatecumenali propagandistiche.

Ripeschiamo alcuni episodi:
 «il miracolo della lesbica prodiga» avvenuto durante la Veglia di Kiko, episodio di cui Gandolfini ha scongiurato il racconto dal palco del Family Day; i fratelli convertiti al Cammino che rischiano, se ne escono, di venir abortiti; il Cammino pieno di gente "cresciuta nelle sacrestie" che nulla sa dell'amore verso l'altro; l'amore al nemico (che naturalmente è il coniuge...); san Paolo che predicava ai pedofili... in un crescendo esilarante, fino a Kiko che non spende un soldo se Vallini non autorizza. Questi e altri spunti di stoltezza (è davvero il caso di dirlo) della predicazione neocatecumenale.


Responsabile dell'equipe: "Bene fratelli, benvenuti a quest'incontro, annuncio della Quaresima, che Kiko ha dato la prima volta in Spagna, poi a Roma. Noi lo abbiamo ricevuto, per poi darlo a voi. Quello che noi abbiamo ricevuto ve lo riportiamo fratelli.
(...)
E allora questa grazia che noi abbiamo in ogni Eucarestia, nella notte di Pasqua ancora di più nell'Eucarestia per eccellenza, sempre di più ci darà la forza di amare il nemico, nostra moglie, nostro marito. Il Signore ci da la possibilità di amare l'altro così com'è. Di accettare le sofferenze, la solitudine, le malattie, le angosce che stiamo vivendo. Perché tutti noi, abbiamo una storia una realtà. E allora perché la Croce prenda un senso nella nostra vita è importante metterci di fronte al Signore così come siamo, con le nostre debolezze. Perché dicevo che il Signore, nulla pretende da noi, se non la nostra disponibilità. Nel momento in cui il Signore ascolta la nostra richiesta, ecco agisce, agisce, questo è molto importante fratelli miei.
(...)

La fede viene dalla predicazione. Allora se la Parola di Dio entra, penetra dentro di te, perché tu non sei fatto solo di carne ma sei fatto pure di spirito, questo produce frutto perché tu credi attraverso la predicazione. Anche se è stolta, imperfetta.
(...)
"L'uomo di oggi, ha tolto di mezzo Dio. E la Vergine Maria fratelli, ha suscitato questo carisma, perché attraverso questo carisma SI POSSA RIDARE DIO ALL'UOMO. Perché possa brillare nuovamente questa luce fratelli. E se questa luce brilla, splende, le persone ritorneranno, stanno aspettando che brilla questa luce. Allora noi fratelli siamo qua per una missione, e il Signore per questa missione si sta servendo dei vescovi. Dio si sta servendo dei vescovi, per questa nuova di evangelizzare l'Europa. Missio ad gentes, gli itineranti, tutto quello che sappiamo. Tutto questo fratelli è come un dono di Dio, però tutto questo ha un costo...
(...)
I vescovi in Terra Santa
«Sono venuti perché era tutto gratis» ha detto Kiko
E poi farete una colletta per comunità, ben ammonita, grande, destinata all'evangelizzazione!
Questi soldi fratelli, non abbiate paura che Kiko si costruisca la seconda villa ai Caraibi, non ha nessuna villa Kiko, nessun profitto, non prende soldi. I soldi che noi diamo alla fondazione servono per pagare i biglietti degli aerei degli itineranti in tutto il mondo e anche le convivenze degli itineranti. E questo fratelli, il presidente della fondazione è il cardinale Vallini è lui, e ogni centesimo che esce lui lo sa e autorizza, se lui autorizza non esce nessun centesimo. E noi perché fratelli facciamo tutto questo? Perché fratelli, il Signore ci ricompenserà.
(...)
Kiko fa un bagno di umiltà...
(la foto è ritoccata: cosa aveva nella mano sinistra?)
La cosiddetta "icona" intitolata "Maria-Kiko",
simbolo del Cammino Neocat., dipinta da Kiko,
viene onorata più del Santissimo Sacramento
Ma spesso succede che nelle comunità, vengono poche persone alle catechesi, non viene quasi nessuno. E questo perché fratelli? Perché? Perché forse stiamo cominciando a trasformare la comunità in una associazione. Ci veniamo, stiamo bene, sappiamo le cose che dobbiamo fare e basta. E forse la luce che cominciava a brillare si è SPENTA.
(...)
Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie, per cui l'amore che porta verso l'altro non ci interessa. Ma a san Paolo fratelli, interessava tantissimo, perché lui ha sperimentato la vita, perché lui è uscito dalla prigione in cui si trovava. E san Paolo fratelli, ha tenuto conto della realtà da cui veniva e mai si scandalizzava delle persone, mai si scandalizzava dei peccati. E guardando ai pedofili, guardando agli omicidi, all'adultera, all'assassino lui si metteva in umiltà per annunciare la misericordia di Dio dicendo: anche se tu sei un disgraziato e tutto questo ma non hai perseguitato, IO L'HO PERSEGUITATA, TU NO!
(...)

Voi fratelli non so se ci avete pensato a ciò che siamo. Noi siamo una INIZIAZIONE CRISTIANA fratelli!
Sapete cosa vuol dire? Vuol dire che la Vergine Maria attraverso il Cammino ha lo strumento di prendere la gente che sono in prigione, che sono schiave del peccato che soffrono. E che se vogliono hanno la possibilità di diventare figli di Dio. E quindi fratelli se noi facciamo brillare questa luce, se siamo seme e strumento della Vergine, allora ritornano, ritornano fratelli. E quando ritornano, quando vengono, noi li possiamo mettere in questo Cammino. Li mettiamo a bagno della Parola di Dio, senza fare nessun moralismo, senza pretendere niente, senza chiedere di venire o non venire. NIENTEE. Se queste persone che vedono la luce e ascoltano fratelli, l'ascolto produce in loro la nascita di una nuova vita, un embrione, li mettiamo in questo Cammino che si prende cura di loro. Perché quest'embrione può essere anche abortito, ecco il Cammino fratelli.
(...)

Se vuoi "camminare",
devi obbedire ai tuoi responsabili
Allora fratelli l’arma per combattere il demonio è l’obbedienza, che ci manca, non si vede perché il demonio ci ha raggirati con l’orgoglio dei nostri pensieri. Perché noi vogliamo capire tutto con la nostra ragione con la nostra testa, che tutto ci venga spiegato.
(...)
I padri del deserto ci insegnano, poiché sapevano che nel deserto il demonio attraverso la mente poteva entrare  nel loro cuore e farli dubitare di Dio. E sapete come il demonio entra nei nostri pensieri? Ci dice: ma guarda sono venti anni, trenta, che ascolti la Parola di Dio e sei sempre lo stesso, pieno di peccati, di orgoglio, di vizi, che ci vai a fare? Sei catechista, vai girando in lungo e in largo, annunci. Ma chi te lo fa fare, non lo vedi quello che sei? I frutti non si vedono mai e quindi sarebbe buono che tu ti rimanessi a casa. E qual è l’arma per combattere questi pensieri e che usavano i padri del deserto? La preghiera del cuore. Signore Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me che sono peccatore.
(...)
Ci raccontava Kiko che una coppia di sposi in Spagna era distrutta perché la loro figlia se n'era andata, con l'amica, a convivere. E i genitori erano disperati. E Kiko diceva: «Ma cosa possiamo fare! Pregate pregate!». E i genitori hanno pregato, hanno persistito nella preghiera. E nella notte di Pasqua inizia la veglia, si apre la porta, ed entra la figlia con l'amica. E alla fine della veglia della Pasqua, la figlia si avvicina ai genitori gli chiede perdono e dice: «Guarda: stasera stessa ritorno a casa».
 Questo per dire fratelli che Dio, in quella notte compie prodigi, cose impossibili...

Per fortuna Gandolfini non l'ha fatto parlare,
perché questo "miracolo" l'avrebbe raccontato al Family Day...

166 commenti:

Anonimo ha detto...

Io spero che Kiko viva ancora molto a lungo, e sapete perché?
1) Non c'è nessuno più bravo di lui a distruggere il Cammino!
2) In fondo spero sempre che si converta e confessando pubblicamente i suoi gravissimi peccati e le sue innumerevoli menzogne si possa salvare dall'Inferno e possa aprire gli occhi a chi ha l'idolo di lui.
3) Spero che riesca ad assistere alla distruzione del Cammino da parte della CHIESA, e possa vedere il fallimento della sua creatura che ha creato tantissimo male, che ha distrutto intere famiglie e la vita di persone. Pagherei per vedere la sua faccia...
Marco

psyco ha detto...

PER CONTINUARE A RIDERE :

NOTIZIE DA GUAM !!!! il bollettino diocesano UMATUNA ha fatto scomparire l'articolo col CERTIFICATO PUBBLICO FALSO del seminario R.M....

http://umatuna.org/?s=OWNERSHIP+OF+SEMINARY+PROPERTY+CONFIRMED

C. ha detto...

Leggere oggi le "catechesi" di Kiko mi rincuora che la Fede è certamente fuori da quella congrega di adempimenti in favore suo e dei suoi scagnozzi.

Auguro veramente ai fratelli nc di innamorarsi della "preghiera" e non del cammino.

Lino ha detto...

Mai che riferisca un concetto originale. Prende episodi e parabole dai Vangeli e li trasforma a suo piacere. Lo stesso fastidio che ha per le associazioni ("Perché forse stiamo cominciando a trasformare la comunità in una associazione") è vecchio, già lo espose nel mamotreto per il II scrutinio, decenni fa. Già: lui preferisce le fondazioni alle associazioni.

Anonimo ha detto...

E non chiedono NIENTE!!!! Balla spaziale! Adriana

Anonimo ha detto...

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-fare-un-partito-o-fare-crescere-un-movimentocercasi-strada-per-dare-seguito-ai-family-day--15429.htm Fare un partito o fare crescere un movimento? Cercasi strada per dare seguito ai Family Day

Lino ha detto...

In ogni caso, sarebbe opportuno che uno dei tanti anonimi che qui intervengono - magari, tra i non anonimi, farebbe piacere leggere una chiosa di Jack - ci spiegasse il senso di questa affermazione nell'annuncio kikiano di Quaresima:
"Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie, per cui l'amore che porta verso l'altro non ci interessa"

by Tripudio ha detto...

Sì, l'Italia e la Chiesa hanno davvero bisogno del Partito dei Neocatecumenali.

Le tariffe di iscrizione mensili non sono state ancora annunciate nelle comunità (è un Arcano con il Ticket, voi non potete capirlo).

Anonimo ha detto...

il cammino segue la liturgia del concilio, tanto è vero che la notte di pasqua abbiamo anche l'ok dei parroci che ci fanno fare le domande dei bambini, ci danno praticamente carta bianca anche sui salmi in risposta alle letture della veglia, qualcuno ci attacca dicendoci che lo shema non si può fare o l'akedà non si può fare in sostituzione di un salmo stabilito dal messale, ma i parroci ci appoggiano e ci lasciano fare, perchè hanno capito che noi facciamo la liturgia più partecipata, poi gli annunci sono veri e fanno convertire i fratelli, siamo contenti di aiutare gli itineranti, perchè invece voi criticare? Mica i soldi li date voi, siamo noi che collaboriamo ciao

by Tripudio ha detto...

Solo che al posto di Totò "Votantonio Votantonio", ci saranno i fratelli del Cammino a tamburellare Votakiko Votakiko.

A proposito: ma non eravamo in Quaresima? nelle Messe festive si sentono tambureggiare i tamburi neocatecumenali. (ora il fratello Jack ci stupirà dimostrandoci che il tamburo è uno strumento che simboleggia il silenzio, la preghiera e il digiuno quaresimale).

Anonimo ha detto...

Proprio ieri stavo vedendo un programma storico su rai tre sull'organizzazione comunista della Cina di Mao, le comunità di contadini ecc.. Vabbè era una dittatura feroce e repressiva mentre il cammino è solo una cialtronata al confronto e non uccide nessuno, ma è incredibile quante cose abbiano in comune nella struttura... d'altra parte la matrice di Kiko è la stessa, il comunismo, la repressione dell'io, lo svilimento dell'individuo, la piramide del potere, il divismo del capo, le accuse (teoriche) alla borghesia, l'apparente disprezzo del denaro (almeno in pubblico)...
Carlo.

Ruben ha detto...

OT:
“Il popolo di Dio, la Chiesa non ha bisogno di soldi sporchi, ma ha bisogno di cuori aperti alla misericordia di Dio”, tuona a braccio Bergoglio. “Alcuni benefattori della Chiesa – aggiunge – vengono con l’offerta e questa offerta è frutto del sangue di tante gente sfruttata, maltratta, schiavizzata, col lavoro malpagato.
(Papa Francesco, oggi)
---
Speculare al Cammino, aggiungo io; vedove in seminario e baby sitter in itineranza comprese, non pagate affatto!

fine OT.

by Tripudio ha detto...

Notate la raffica di falsi slogan neocatecumenali del commento delle 12:32.

«Il Cammino segue la liturgia del Concilio»: falso.
Segue in realtà quella inventata da Kiko e Carmen.

«Tanto è vero che abbiamo anche l'OK dei parroci»: falso.
In realtà l'occhèi dei parroci non è sinonimo del seguire la liturgia del Concilio.

«Qualcuno ci attacca dicendoci che lo shemà non si può fare»: mistificazione.
In realtà il cosiddetto "attacco" consiste nel dire che nella liturgia si deve fare solo quello che il Messale permette di fare. La liturgia non è uno spettacolino da riempire, non è un albero di Natale da imbottire di palle e striscioni. I vari canti "Shemà", "Akedà" "Quiquoquà" e "Blablablà" sono infatti sfruttati unicamente come occasione neocatecumenale per mettersi in mostra.

«Ma i parroci ci appoggiano». Mezza verità, cioè completa menzogna.
In realtà i parroci che "appoggiano" il Cammino lo fanno per almeno uno di questi tre motivi:
- perché tali parroci sono essi stessi neocatecumenali;
- perché non vogliono rinunciare alle bustarelle dei trenta denari neocatecumenali;
- perché temono le vendette neocatecumenali.

«Noi facciamo liturgia più partecipata». Falso.
In realtà la partecipazione alla liturgia consiste nell'unione con Dio - compostezza, devozione, silenzio. La "partecipazione" neocatecumenale, invece, è misurata sul numero di spettatori che si autoinventano "partecipanti" del chiassoso spettacolino: canzonette kikiane, risonanze, canzonette kikiane, monizioni, altre canzonette kikiane, ecc.

«Gli annunci sono veri». Falso.
In realtà i cosiddetti "annunci" neocatecumenali cominciano anzitutto nascondendo il nome del Cammino, le vere finalità dell'annuncio (accalappiare parrocchiani e cooptarli nel Cammino), le conseguenze dell'annuncio (pagamento della Decima, affidamento della propria vita spirituale e familiare e vocazionale a degli ignoranti scorbutici arroganti "catechisti" neocat, ecc.).

«Gli annunci fanno convertire i fratelli». Falso.
In realtà non si convertono a Cristo, ma solo a Kiko. Se si convertissero veramente a Cristo, rinnegherebbero immediatamente gli strafalcioni liturgici e dottrinali del Cammino. Inoltre è falso che "i fratelli" si convertano in blocco: solo una piccola percentuale ha la sventura di abbracciare il kikismo-carmenismo, gli altri restano alla larga dal Cammino, e perciò il Cammino deve rimpolpare le comunità (che si assottigliano a causa dei sempre più numerosi abbandoni) con i figli dei "camminanti", ancorché giovanissimi (vedi commenti nella pagina precedente).

«Siamo contenti di aiutare gli itineranti». Mezza verità.
In realtà sarebbero più contenti se le collette, raccolte fondi, richieste di soldi, assillo delle "Decime", ecc., fossero meno esigenti, meno fiscali, meno numerose. Peraltro i cosiddetti "itineranti", che viaggiano a spese dei fratelli del Cammino, vanno in giro solo per portare il kikismo-carmenismo.

In sintesi: per promuovere il Cammino Neocatecumenale occorre una interminabile quantità di mistificazioni, inganni e menzogne. Indovinate chi è il Padre della Menzogna.

Lino ha detto...

anonimo 12:32 ha detto: "abbiamo anche l'ok dei parroci che ci fanno fare le domande dei bambini"

Questo rituale della cena pasquale ebraica davvero piace molto ai neocatecumenali. Perché? Non potendo gli adulti fare le domande ai catechisti, si accontentano di quelle dei bambini una volta l'anno.

Anonimo ha detto...

E vai di balle spaziali! La vostra Veglia è un insieme di abusi liturgici che i "parroci" NC consentono per ovvi interessi! Infatti la colpa è dei preti che ve li permettono! Adriana

l'apostata ha detto...

@ Lino

"... Non potendo gli adulti fare le domande ai catechisti, si accontentano di quelle dei bambini una volta l'anno."

Chapeau!!! ;-))

Ruben ha detto...

P.S. al mio OT. delle 13:07

Per correttezza, riporto le testuali del Papa riportate dal Bollettino della Santa Sede:

"Ma io penso alcuni benefattori della Chiesa che vengono con l’offerta - “Prenda per la Chiesa questa offerta”- è frutto del sangue di tanta gente sfruttata, maltrattata, schiavizzata con il lavoro malpagato! Io dirò a questa gente: “Per favore, portati indietro il tuo assegno, brucialo”. Il popolo di Dio, cioè la Chiesa, non ha bisogno di soldi sporchi, ha bisogno di cuori aperti alla misericordia di Dio."

Nell'OT, di cui sopra, avevo riportato erroneamente parte del commento del "calabrotto NC" di Zenit, che, onde fugare dubbi, si è immediatamente impadronito del commento in merito.

Le parole effettivamente pronunciate dal Pontefice, sono molto ma molto peggio del flash di Zenit.

Il mio commento all'OT:

"Speculare al Cammino, aggiungo io; vedove in seminario e baby sitter in itineranza comprese, non pagate affatto!..."

rimane invariato.
---





Uomo Libero ha detto...

Vorrei chiedere a qualche neocatecumenale se per risolvere problemi intestinali è utile leggere "Il Kerigma" di Kiko.....

Grazie

Lino ha detto...

Posso ripetere la domanda ai kiko's che qui intervengono?
Come spiegate la lezione dell'annuncio: "Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie, per cui l'amore che porta verso l'altro non ci interessa"?
Ai cresciuti nelle sacrestie (sacrestia=metonimia per la parrocchia, naturalmente) non interessa l'amore verso l'altro? Prima delle salette NC, non c'era amore verso l'altro?

Rispondere, please, ma non affollatevi nei commenti, uno alla volta.

Anonimo ha detto...

Sempre gli stessi i cd. “Annunci”: cominciano così, è’ tutto gratis, fratelli! Dio ti dà tutto questo, la felicità, la sua Grazia, la Sua Misericordia g r a t i s . Chi non comprerebbe quel biglietto della lotteria sapendo che ti farà vincere un milione di euro ? Voi siete qui perché così è stato voluto dalla notte dei tempi, siete stati scelti uno per uno … Noi gli Angeli mandati per voi, ecc.ecc.
E finiscono così, con la colletta: fratelli ora date un segno tangibile della vostra presenza, all’uscita della Chiesa ci saranno alcuni fratelli con dei sacchi neri, dobbiamo raccogliere dei soldi per far fronte a tutte le spese che abbiamo per oliare bene tutti gli ingranaggi che ci appoggiano. Sapete, oltre alle aragoste che piacciono tanto a Kikino il Breve ultimamente gradisce un nuovo piatto, ravioli ripieni di pesce spada e gamberetti che se non innaffiato con del buon Gavi dei Gavi D'Antan de la Scolca perde del tutto la sua bontà, per cui se potete mettete quanto potete, siate generosi, non sappia la mano sinistra ciò che fa la destra.
Che pollo sono stato per anni! Meno male che ora uno se la ride della propria dabbenaggine, altrimenti i cosiddetti KiKateKisti sarebbero da prendere a schiaffi, due schiaffi per volta finché non diventano dispari.
Nevio

Sandokan ha detto...

Ah Lino sei in errore, le domande i bambini le fanno ai genitori e non ai cateKisti. Sandokan

Ruben ha detto...

Kiko, nell'annuncio di Quaresima, afferma che il Presidente della "fondazione" è il Card. Vicario di Roma Vallini.

O è una balla, in quanto dal sito del Vicariato, risulta ancora Presidente Donnini "in prorogatio de facto", oppure sento odore di commissariamento.

Tenete però presente, che una rondine non fa primavera; ovvero anche il Cammino, sia di fatto che di diritto è una multinazionale, con analoge fondazioni a quella italiana, in qualsiasi paese dove è presente.
---

l'apostata ha detto...

La Fondazione.

Se fossero vere tutte le chiacchiere sul corretto uso dei denari da parte della Fondazione, non ci sarebbe alcun motivo per nasconderne il bilancio.

Anzi, la trasparenza ne sarebbe la dimostrazione.

Quanto all'annuncio, è la solita aria fritta, condita di disprezzo verso i cristiani della domenica, che gira da decenni immutabile, con l'inevitabile richiesta di quattrini.

Penosi, come sempre.

E la Curia dorme.

Anonimo ha detto...

A proposito di soldi sporchi volevo ricordare che Kiko non ha nessuna casa ai Caraibi e che pure i seminari sono di proprietà delle diocesi. Poi se non capite purtroppo non si puo' fare niente. Forse qualcun'altro ha fatto soldi sporchi. Meditate gente meditate Sandokan

Ruben ha detto...

@Anonimo ha detto...
"A proposito di soldi sporchi volevo ricordare che Kiko non ha nessuna casa ai Caraibi e che pure i seminari sono di proprietà delle diocesi. Poi se non capite purtroppo non si puo' fare niente. Forse qualcun'altro ha fatto soldi sporchi. Meditate gente meditate Sandokan"
---
Se Kiko avesse una casa o villa ai Caraibi, forse sarebbe il meno, visto che da quelle parti, gli immobili costano pochissimo.

Per quanto riguarda i "seminari", hanno solo l'appellativo "diocesano", ma non sono assolutamente di proprietà delle Diocesi.

Sandokan, se ti vuoi divertire, visto che sia il Catasto che le Consevatorie dei Registri Immobiliari in Italia(era ora!!), sono on line on line, pagando un qualcosa di diritti, potrai personalmente verificare limitatamente al Territorio Nazionale il vero possesso delle proprietà; magari, medita tu, e poi facci sapere...

Lino ha detto...

Sandokan ha detto: "le domande i bambini le fanno ai genitori e non ai cateKisti"
Perché, non sono i genitori i catechisti dei bambini? Jack, dove sei, lo hai letto questo?

Dai Sandokan, rispondi alla domanda 2 marzo 2016 15:58. Fai presto, però, altrimenti una fila di neocatecumenali ti passerà davanti per rispondere prima di te.

Jack ha detto...

Caro Lino una persona erudita come te non riesce a capire il senso di quello che si dice nella catechesi ed in particolare nella frase da te menzionata? Io capisco che il riferimento e' a tutti coloro che vivono un cristianesimo fatto solo di facciata. Jack

sandavi ha detto...

Adriana sintetica centra sempre il bersaglio

Valentina Giusti ha detto...

Le frasi:
"Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie"
e
"vengono poche persone alle catechesi, non viene quasi nessuno"
dette da un catechista nc, dimostrano oltre ogni dubbio che il cammino di Kiko ha fallito nel proposito di avvicinare i lontani (ha solo allontanato i vicini, come diceva il mio parroco) e che si sta inaridendo.
Non commento la frase "ma guarda sono venti anni, trenta, che ascolti la Parola di Dio e sei sempre lo stesso, pieno di peccati, di orgoglio, di vizi, che ci vai a fare?" che secondo me è una delle più terribili (e a volte purtroppo una delle più vere) che si dicano in cammino.

by Tripudio ha detto...

Siccome vedo che questo Sandokik è molto sveglio e perspicace (cfr. commento delle 19:31), devo ricordargli che Kiko è un povero poverello che vive di regalini - come ad esempio la chitarrella che costa più della tua automobile nuova, oppure un appartamento nella zona più costosa di Roma (a ridosso di piazza san Pietro) in usufrutto gratuito, per non parlare degli spostamenti in elicottero (in modo che lui possa dire di essere già stato nell'alto dei cieli; il biglietto però glielo hanno pagato i suoi fedelissimi, eccetera).

La barzelletta dei seminari che sono «proprietà delle diocesi» non fa ridere. Se fossero veramente proprietà della diocesi, verrebbero utilizzate anche per i seminaristi che non hanno donato la loro vita a Kiko. Vedrebbero celebrata la liturgia cattolica anziché quella di Kiko. Le vocazioni verrebbero vagliate dai sacerdoti della diocesi anziché dai laici fedelissimi al redentor Kiko.

In particolare ricordiamo il caso del seminario R.M. di Guam che non appartiene più alla diocesi di Guam ma a Gennarini e altri, seminario per il quale i neocatecumenali - a cominciare dal vescovo neocatecumenale di Guam - hanno tirato fuori un certificato falso e lo hanno pubblicato, cosa che sta mettendo in seri guai i fedelissimi di Kiko perché presto qualcuno di loro dovrà finire in carcere per evitare di trascinare in tribunale il vescovo kikiano e dare una bastonata tremenda al prestigio del Cammino.

Quanto al «qualcun altro ha fatto soldi sporchi», purtroppo ha ragione Sandokan: si tratta infatti dei cosiddetti "catechisti" del Cammino, anche loro poverini poverelli ma beneficiati continuamente dalla generosità delle comunità neocatecumenali. Sono soldi sporchi perché vengono estratti dalle tasche dei fratelli a suon di ricatti morali, sottili minacce, promesse mirabolanti di "cristianità adulta", eccetera. Ora, pazienza se un grullo versa trecento euro mensili di decima al Cammino - buon per lui che ne incassa tremila. Ma mettetevi nei panni di un pensionato minimo, di una donna non sposata, di un giovane padre di famiglia con lavoro precario, di un operaio col mutuo sulle spalle... Mettetevi nei loro panni tutte le puntualissime volte in cui ricomincia a girare il "sacco nero" e provate a ricordare il cosiddetto "catechista" che con il sopracciglio a forma di spazzola lavaggio TIR, chiede ad ognuno se "fai" le Lodi, se sei "aperto" alla vita, e soprattutto se "dai la Decima".

E nel quadro generale non dimentichiamo i kikoshop, venditori ufficiali dei gadget kikiani indispensabili per proseguire il Cammino, dai quali occorre "rifornirsi" ad ogni tappa e ad ogni occasione (non vorrai "fare le Lodi" a Kiko usando un cero che non è stato acquistato nel kikoshop?).

psyco ha detto...

NOTIZIE DA GUAM....................

ex senatore di GUAM intervistato dalla stampa dice : QUEL CERTIFICATO E ' UNA TRUFFA

http://www.junglewatch.info/2016/03/pacific-news-center-march-2-2016-david.html

il vicario generale neocatecumenae ( sperava pure di diventare vescovo )deve trovarsi subito un ottimo avvocato perchè....TRA POCO FINISCE IN CARCERE!!!!!
Mò comincia lo SCARICA BARILE dei neokiki di guam....

nella sua lettera del 23 dicebre 2015 l' ex senatore dice che il seminario RM di guam NON FA CAPO ALL' ARCIVESCOVO ma alla non profit corporation Seminario RM e fa vedere i due CERTIFICATI FALSI :
certificato " A " - novembre 2015 - FALSO perchè manca la terza indicazione
certificato " B" - dicembre 2015 correzione del certificato " A " - FALSO perchè la terza indicazione è FUORVIANTE E SBAGLIATA e tenta di far credere che il seminario R.M. dipende dal vescovo della diocesi

https://drive.google.com/file/d/0B8T2YTN37X-AbGtOblRCZEw0RDA/view?pref=2&pli=1

la lettera è pubblicata solo adesso perchè l'' AUTORITA' GIUDIZIARIA si è già mossa........

IL CAMMINO DELLE TRUFFE ha rovinato la diocesi ma stavolta QUALCHE PEZZO GROSSO DEL CN finisce in CARCERE......

psyco ha detto...

" memoriale SBAGLIATO E INGANNEVOLE perchè crea un 'interesse' a favore del seminario RM e un 'carico' A SFAVORE DELL' ARCIVESCOVO.... "

30 ottobre : certifitcato " A " che manca una parte

22 novembre : certificato " B " che ha una parte sbagliata..... la terza riga IN FAVOR OF doveva dire seminario RM e invece dice arcivescovo.....

neocatecumenali FALSIFICATORI E INGANNATORI come sempre!!!!!!!!

psyco ha detto...

e adesso che è chiaro che i neocatecumenali hanno DERUBATO LA DIOCESI dell' edificio per farlo diventare seminario RM..... bisognerà CACCIARE FUORI i neocat dal seminario e RESTITUIRE il complesso immobiliare alla diocesi!!!!!
PRIMA ARRUBBANO.....e poi la chiamano provvidenza.......

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

In questa catechesi di Quaresima non si parla di passi personali da fare e non si parla di CHIESA, ma solo di Cammino. I fratelli sono quelli del Cammino, e tutto quello che il cristiano della domenica riferisce alla Chiesa, chi aderisce al Cammino lo riferisce al cammino.
Mai ci avevo fatto caso come in questa "catechesi".

Non avrei nulla da ridire se si trattasse di commemorare qualcosa che riguarda il Cammino, ma la Quaresima è di tutta la Chiesa. Anche i Trappisti, che sono una comunità un po' più "forte" del Cammino, celebrando la Quaresima o la Pasqua, sono convinto che non parlano solo della loro vita interna, ma fanno riferimento anche alla Chiesa universale.
Nel Cammino mai. E' come se il Cammino si sovrapponesse totalmente alla Chiesa universale.

Almeno questa è la sensazione che ho io

Lino ha detto...

@ Jack
secondo te, Jack, "Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie, per cui l'amore che porta verso l'altro non ci interessa" intende un riferimento a tutti coloro che vivono un cristianesimo fatto solo di facciata? Perché, quelli "cresciuti nella sacrestie" - già la definizione è da anticlericali impenitenti e mangiapreti - vivono un cristianesimo fatto solo di facciata? E chi è che non vive un cristianesimo fatto solo di facciata, jack, mica quelli che dicono: "Noi siamo una INIZIAZIONE CRISTIANA fratelli!"? I cristiani adulti nella fede come voi?

Avanti il prossimo, Jack l'ha detta giusta.

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Anonimo delle 12 e 32

possibile che i camminanti non capiscono mai ciò che si dice?

Il problema non è che è proibito fare le domande ai bambini nella Veglia di Pasqua. Il problema è che voi credete che quella sia la REGOLA.
Il problema è che voi pensate che la veglia della Chiesa che non fa parte del Cammino sia sbagliata. Compresa quella del Papa!
Il problema è che voi vi SEPARATE dal resto della parrocchia e fate una Veglia per conto vostro, anche se il Papa NON vuole!

Spostate sempre il problema per non rispondere

John ha detto...

Cara Valentina anche a me ha colpito e fa venire i brividi quella frase, l'ultima da te riportata.
ma se l'eretico Kiko afferma che non si può Non peccare e che la confessione è per chi vuole e "se vuole" beh ecco che tutto torna.

Sia ben chiaro che l'uomo giusto pecca 7 volte al giorno, ma anche "certi peccati si estirpano con la preghiera e il digiuno".

Non penso che don Bosco nel tempo libero andasse ad ubriacarsi al bar o Sant'Agostino continuasse le sue frequentazioni giovanili ormai giunto in odore di santità!!

Ma evidentemente per Kiko è così!

Svegliatevi amici neocatecumenali !!!!
Il Cristianesimo è altro rispetto al Cammino!!

psyco ha detto...

LO SCANDALO NEOCAT A GUAM .... si INGROSSA !!!!!!!

David Quitugua pezzo grosso neocat e vicario generale della diocesi di guam ACCUSATO DI TRUFFA AI DANNI DEL POPOLO DI GUAM !!

http://www.junglewatch.info/2016/03/klitzkie-msrg-david-c-quitugua-jcd-has.html

Anonimo ha detto...

http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/il%20piano%20massonico%20per%20la%20distruzione%20della%20chiesa.htm

l'apostata ha detto...

al perspicace Sandokan

"...Kiko non ha nessuna casa ai Caraibi..."

Perspicace Sandokan, secondo te di che vive Sankiko patrono dei nullafacenti?

Il signor trettre dottor (h.c.) scroccon Arguello non ha mai lavorato un giorno in vita sua, eppure:

- vive in un bell'appartamento vicino al Vaticano, per il quale non paga affitto, tasse, condominio, bollette, manutenzione;

- fuma solo costosi sigari cubani;

- pasteggia ad aragoste, di cui è notoriamente ghiotto;

- viaggia solo in top class;

- alloggia solo in hotel a cinque stelle;

- si permette un'orchestra al seguito;

- ha a disposizione un elicottero;

- d'estate si fa ospitare in ville di lusso di camminanti di alto livello;

- dipinge sgorbi con fondo oro ma i materiali non li paga lui;

- ha costruito l'astronave di Porto San Giorgio e la Domus Jetsons a spese altrui.

Chi ha pagato e paga tutto questo? Chieditelo alla prossima decima.

San Paolo diceva: "Chi non lavora neppure mangi". Se Sankiko fannullone lo avesse ascoltato, sarebbe morto di fame da un pezzo.

Poi arrivi tu con la faccenda della casa ai Caraibi. Geniale! Se è per questo posso assicurarti che non dispone nemmeno di un igloo al Polo Nord.

Bravo Sandokan, si vede che anche tu hai il discernimento!

Auguri tanti.


@ Jack

Nella discussione precedente ti ho proposto un confronto. Risposte tue non ne ho avute.

Mi dici almeno si o no?

Anonimo ha detto...

Un nc peruviano di prossima nomina a prefetto in vaticano

by Tripudio ha detto...

Se si tratta del neocatekiko Palacio Medel (di cui abbiamo già dato notizie su questo blog), è evidentemente un promoveatur ut amoveatur (lo si promuove in un ufficio a Roma per tenerlo lontano dagli scandali "pastorali" di cui è responsabile).

Infatti l'inchiesta sui preti minacciati è stata riaperta (notizia del 4 febbraio 2016): preti minacciati dalla malavita locale (proprio quando si ribellavano al neocatecumenalismo) e prontamente ignorati dal vescovo neocatecumenale.

by Tripudio ha detto...

Si allarga lo scandalo del certificato pubblico falso del seminario kikiano R.M. di Guam: l'ex senatore americano Robert "Bob" Klitzkie, oltre che da Kuam e PDN, è stato intervistato anche dalla radio K57 (alle 16:30 ora locale, cioè alle 7:30 di stamattina ora italiana), parlando di vera e propria «truffa» (hoax).

Klitzkie evita di proposito di entrare nel merito del neocatecumenalismo o dell'operato del vescovo NC e dei suoi scagnozzi. Il bubbone è scoppiato a dicembre scorso, ma diventa pubblico solo adesso nel momento in cui la giustizia civile sta per tirare le sue conclusioni.

Da ciò che scrive Jungle Watch, pare che i guai peggiori li passerà il vicario generale della diocesi, cioè il neocat don David Quitugua, una vita passata al servizio del Cammino e col non troppo segreto sogno di diventare vescovo - e invece a suo tempo al posto suo venne eletto l'incompetente Apuron (sì, evidentemente preti e vescovi hanno bisogno di fare un itinerario di neocatecumenato lungo trent'anni per poter finalmente diventare "cristiani adulti").

Quitugua ha sempre tenuto sotto scacco Apuron, con momenti di comicità fantozziana, assicurandosi che il vescovo fosse sempre la pedina "utile ma sacrificabile" del Cammino. Pare che la maggior leva di ricatto sia un episodio di molestie sessuali commesso dall'allora prete Apuron ai danni di un minore nel 1977. Come dimostrato da altre circostanze il Cammino ha sempre protetto i suoi pretonzoli molestatori, generalmente mandandoli "in missione" da qualche altra parte del mondo a fare ulteriori danni; ma il Cammino non dimentica ciò che potrebbe tornare utile (cfr. i cosiddetti "catechisti" neocatecumenali che prendono appunti durante le confessioni pubbliche dei fratelli NC).

C'è da notare che tali scandali NC non sono banalmente riclassificabili come "peccati di singoli soggetti" ma sono conseguenza diretta della spiritualità NC. È vero che le mele marce si trovano dappertutto, ma negli ambienti cristiani la primissima urgenza è di bloccare le ingiustizie, isolare la mela marcia, riparare per quanto possibile i danni (a seconda dei casi questo può avvenire con o senza l'intervento della giustizia civile). Quando ciò non è stato fatto, gli scandali si sono amplificati a catena (vedi la megatruffa ai danni dei salesiani qualche anno fa, o il caso dei preti pedofili, ecc.).

Nel caso del Cammino il problema è serio perché vige la mentalità del: «se fa comodo al Cammino, allora va bene anche se è una menzogna». Così è avvenuta la fabbricazione di un certificato pubblico falso, la sua pubblicazione dalle pagine del giornale diocesano, la correzione sottobanco che aggiungeva un ulteriore errore, tutto grazie alla complicità di fratelli del Cammino.

Secondo la ricostruzione di Jungle Watch, la scaletta gerarchica è così ordinata:
- Kiko
- Gennarini, luogotenente di Kiko e aspirante successore al trono
- Sammut, carmelitano "super catechista" del Cammino, alle dipendenze dirette di Gennarini
- Apuron (vescovo), Quitugua (vicario generale), Cristobal (altro prete neocat): manovalanza principale di Sammut
- vari laici prominenti del Cammino a Guam (avvocati, dipendenti del Catasto, ecc.): bassa manovalanza (da questo livello in giù, sono tutti pagatori di "decima")
- neocatekikos "in Cammino", tra cui quella ragazza (all'epoca diciassettenne) che dichiarò che era "consensuale" il sesso fatto con un prete NC (che quando fu scoperto fu prontamente inviato "in missione" kikiana e insabbiata l'indagine): tra kikos ci si aiuta sempre, altrimenti "il Signore ti manda una disgrazia"...

Ricordiamo che a Guam su 188.000 battezzati ci sono circa 500 neocatecumenali (inclusi bambini e animali domestici): vedete? basta poco: il Cammino è come una goccia di cianuro in un bicchiere di latte.

Valentina Giusti ha detto...

Per quanto riguarda la frase sul cristianesimo ipocrita e di facciata di chi è cresciuto "nelle sacrestie", riporto alcune frasi di un commento per me illuminante di LaPaz:

Devo insistere sul fatto che il cammino di Kiko Argüello è nato in determinate circostanze in un particolare momento della storia.
Kiko ha proposto il suo cammino come una reazione a come gli altri vivevano la loro fede, cioè la fede ipocrita socialmente imposta.
C'era una dittatura e il dittatore imponeva la religione. Non c'era la possibilità di rifiutare.
(...)
Non dimenticate che nella Spagna di quando Kiko era alle Palomeras c'era ancora la pena di morte.
Definire religiosi naturali i cattolici sottoposti alla religione ufficiale della dittatura era un modo criptico di definire le persone che facevano la comunione ma avevano una doppia vita, professando la fede per questioni di facciata.


Vi rendete conto, cari catechisti italiani, che, nella quaresima del 2016, state ripetendo delle frasi che avevano un senso nella Spagna post franchista? Vi accorgete di quanto siate assurdamente anacronistici?
Di quanto sia controproducente, in un mondo che, dice Kiko stesso, si va scristianizzando, indicare come il male peggiore la formazione Cattolica?

Anonimo ha detto...

Nzomma.... Da un posto dimenticato.... a prefetto di congregazione a Roma, proprio una rimozione non e'? Ma e' certo il fatto? Di chi prende il posto? Lo fanno cardinale? No perche' sarebbe il secondo nc cardinale.... Ma il primo nc "itinerante", se risultasse confermato il nome del vescovo di collao.

Anonimo ha detto...

COME VOLEVASI DIMOSTRARE.... http://www.intelligonews.it/articoli/3-marzo-2016/37893/smentito-il-movimento-salto-in-alto-di-adinolfi-nasce-il-partito-della-famiglia "La Croce apre con una notizia in esclusiva: la nascita de il Popolo della Famiglia. Con un appello firmato Gianfranco Amato-Mario Adinolfi rispondiamo al grido che da tutta Italia si leva per provare a fermare un paese avviato verso il baratro. C'è stato chiesto da migliaia di messaggi di costituire un soggetto politico: eccolo. Si presenta alle amministrative in tutta Italia, chiedendo un miracolo al Signore. Abbiamo 69 giorni per raccogliere decine di migliaia di firme certificate da notaio o pubblico ufficiale, presentare candidati sindaci e liste collegate, preparare una campagna elettorale di 30 giorni che chieda consenso su una idea precisa: sui principi della vita e della famiglia

Anonimo ha detto...

@Pietro non del cammino
hai ragione e in piu' vorrei sapere quanti neocatecumenali sanno che Kiko non ha inventato lui le "domande dei bambini durante la celebrazione della Pasqua" ma lo ha ricopiato (canzonetta compresa -Mah Nishtana-) dalla Pesach ebraica.

Quindi se ne potrebbe fare a meno. Ma si sa quando i bambini cantano durante la veglia pasquale è tutto un autocompiacersi e sorrisi. Solo kiko poteva pensare a questo, pensano tra loro i genitori NC. Sbagliato
Kiko è un furbone e copia di pari passo le celebrazioni ebraiche, gli oggetti delle celebrazioni e perfino come deve essere imbandita l'Agape della mattina di pasqua.: agnello erbe amare ...

Michela ha detto...

solo per ricordare da che cosa mi sono salvata e per compatire chi ci è rimasto

E allora questa grazia che noi abbiamo in ogni Eucarestia,
esprimersi correttamente significa avere un pensiero chiaro. Chi si esprime in questo modo VOLUTAMENTE confuso lo fa per evitare di trasmettere correttamente ciò che è il Mistero eucaristico. Il risultato è che le persone che assimilano questa comunicazione vuota non sapranno mai che cosa stanno celebrando veramente al sabato sera.
E difatti i nostri interlocutori non sanno dire in che cosa credono e perchè fanno un'Eucarestia diversa da quella degli altri cristiani.

nella notte di Pasqua ancora di più nell'Eucarestia per eccellenza, sempre di più ci darà la forza di amare il nemico, nostra moglie, nostro marito.
Invece di far avvicinare le persone al mistero della redenzione, si dà un significato semplice e facilmente comprensibile. Si mette da parte Gesù Cristo per mettere al centro l'uomo a cui si dà il compito di amare il nemico.
Ma chi è il nemico? innanzitutto per un cristiano il nemico è ben individuabile, è quello che tenta il Cristo e che ci confonde, ci turba e così via.
La riflessione sul nemico per me è stata molto importante, ritrovo nella via crucis ciò che mi è accaduto, con l'eccezione della umiliazione pubblica e della morte. Ma posso considerare nemici quelli che mi hanno fatto così tanto male? Persone superficiali, schiave del peccato, persone stupide ( e la stupidità spesso diventa cattiveria gratuita), persone con disagi pschici sono stati i miei nemici.
Quindi posso dire di essere 'esperta' di nemici.
Eppure.. ho in mente la vicenda del card. van Thuan quando era in carcere, in isolamento, e le uniche persone che vedeva erano i suoi carcerieri che lo maltrattavano. Non c'è nessuno da amare in quella solitudine, se non i due carcerieri, e qui accade il miracolo che Kiko non riesce a comprendere: nel momento in cui cominci ad amare, il nemico non è più un nemico!

Il Signore ci da la possibilità di amare l'altro così com'è.
bellissima frase! vuol dire che amerò quel figlio perchè è destinato a diventare un uomo o una donna che andrà per strade nuove che non conosco, perchè in ogni persona che incontro c'è una possibilità di relazione, di conoscenza profonda reciproca, perchè ognuno mi offre un pezzetto di vita.
e invece no perchè la vita neocatecumenale è un peso e difatti:
Di accettare le sofferenze, la solitudine, le malattie, le angosce che stiamo vivendo. Perché tutti noi, abbiamo una storia una realtà.

E allora perché la Croce prenda un senso nella nostra vita è importante metterci di fronte al Signore così come siamo, con le nostre debolezze.
anche qui sembra una bella frase, molto umile, ma di un'umiltà male intesa, perchè la vera umiltà riconosce le proprie debolezze ma riconosce anche le proprie capacità, l'umiltà deve essere accompagnata dalla verità piena su noi stessi.

Perché dicevo che il Signore, nulla pretende da noi, se non la nostra disponibilità. Nel momento in cui il Signore ascolta la nostra richiesta, ecco agisce, agisce, questo è molto importante fratelli miei.

Perchè enfatizzare, ripetendolo due volte, l'agire del Signore che ascolta la nostra richiesta? Perchè non è solo il sacerdote che, come Cristo, serve i fedeli seduti al banchetto, ma è Dio stesso che elargendo miracoli a Kiko e ai suoi, attesta la bontà del cammino ( c'è sempre un miracolo che avviene proprio nel momento giusto, come la lesbica che torna proprio durante la veglia)

Anonimo ha detto...

"Speculare al Cammino, aggiungo io; vedove in seminario e baby sitter in itineranza comprese, non pagate affatto!"

Caro Ruben, credo che il papa si riferisse soprattutto allo IOR, che è la banca del papa (non vaticana), che getta vergogna su tutti noi cattolici e sul papa in primis. Spero che abbia la forza e la coerenza di chiudere definitivamente questo inutile e dannoso istituto.
Carlo.

Michela ha detto...

La fede viene dalla predicazione.

ed ecco il cavallo di battaglia neocat!

Frossard, Edith Stein, S. Paolo hanno sentito una predicazione? Per fortuna no! hanno risposto all'azione della Grazia, chi all'improvviso chi piano piano.

Allora se la Parola di Dio entra, penetra dentro di te, perché tu non sei fatto solo di carne ma sei fatto pure di spirito, questo produce frutto perché tu credi attraverso la predicazione. Anche se è stolta, imperfetta.
di nuovo un gioco di parole per confondere le povere menti degli adepti. La stoltezza sta nella difficoltà per le genti del tempo ( e di oggi) di comprendere che la salvezza passi per la morte di Cristo. Non è la stoltezza di Kiko o dei catechisti!
Ma siccome io credo che le parole siano molto importanti questa frase rappresenta una verità e cioè che Kiko è un ignorante presuntuoso e stolto, e lo dice pure, in modo che nessuno possa dire di essere stato ingannato.

Michela ha detto...

"L'uomo di oggi, ha tolto di mezzo Dio. E la Vergine Maria fratelli, ha suscitato questo carisma, perché attraverso questo carisma SI POSSA RIDARE DIO ALL'UOMO. Perché possa brillare nuovamente questa luce fratelli. E se questa luce brilla, splende, le persone ritorneranno, stanno aspettando che brilla questa luce.

sapete, vero, cosa sta dicendo con queste parole?
che le persone si convertiranno, non per aver sentito la presenza di Dio in una liturgia, in un luogo santo, nel Vangelo, ma perchè vedranno passare una famiglia con tanti bambini e carrozzine e vorranno assomigliargli. E non sarà necessario rivolgersi a un sacerdote e chiedere come fare per tornare/entrare nella Chiesa, basterà entrare in comunità.

Allora noi fratelli siamo qua per una missione, e il Signore per questa missione si sta servendo dei vescovi. Dio si sta servendo dei vescovi, per questa nuova di evangelizzare l'Europa. Missio ad gentes, gli itineranti, tutto quello che sappiamo. Tutto questo fratelli è come un dono di Dio, però tutto questo ha un costo...

la parola chiave qui è costo
e qui c'è la fregatura perchè all'inizio ti dicono che è tutto gratis, è tutto amore di Dio, ma adesso agli annunci che si fanno alle comunità già nel cammino si parla di un 'costo'. Si sta dicendo a voi sprovveduti che anche i vescovi hanno un costo, è un 'dono' ma non è gratis.
Quindi c'è carisma e carisma: evidentemente quelli suscitati dalla Vergine di Kiko e di p.Livio non si sostengono da soli ma hanno bisogno di tanti soldi.

Ruben ha detto...

Anonimo Anonimo ha detto...
"Speculare al Cammino, aggiungo io; vedove in seminario e baby sitter in itineranza comprese, non pagate affatto!"

Caro Ruben, credo che il papa si riferisse soprattutto allo IOR, che è la banca del papa (non vaticana), che getta vergogna su tutti noi cattolici e sul papa in primis. Spero che abbia la forza e la coerenza di chiudere definitivamente questo inutile e dannoso istituto.
Carlo.
---
Quando il Papa parla parla un po' a tutti; giustamente tu ci vedi lo IOR, io ho trovato una perfetta attinenza al Cammino, i cui soldi grondano lacrime e sangue.

Pensa ai poveri camminanti, che devono donare al Cammino un oggetto prezioso, anche affettivamente.

by Tripudio ha detto...

Quando Kiko dice «noi siamo una iniziazione cristiana, fratelli», sta facendo leva sulla superbia dei neocatecumenali.

Ad un'anima onesta non interessa sapere di far parte di una "iniziazione", ma solo di beneficiare dei maggiori tesori spirituali della Chiesa, quelli che hanno nutrito venti secoli di santi. «Non m'importa tanto sapere "cosa siamo" e quale etichetta abbiamo, mi importa solo accrescere la mia fede e sostenerla coi sacramenti».

Invece il Don Kikolone si affanna ad infervorare i suoi: «noi siamo una iniziazione cristiana», sottinteso: "io ho inventato tale iniziazione e voialtri dovete sentirvi onorati di ubbidire a me".

Il che è esattamente il contrario di ciò che hanno sempre fatto i santi, che per fede (molto più per fede che per umiltà) hanno sempre rifiutato ogni merito e ogni lode, rispondendo sempre che è opera di Dio.

Il fratello Jack, insieme ai par suoi, è onoratissimo di poter ubbidire all'autonominato "iniziatore dell'iniziazione". La superbia di Jack trova graditissime quelle parole: «siamo un'iniziazione cristiana», mica come i cristiani "della domenica" che "criticano" il Cammino!

Certo che poi sarà terribilmente imbarazzante, nel giorno del Giudizio, rispondere: «noi eravamo un'iniziazione cristiana! avevamo lo statuto! i parroci ci appoggiavano! il Papa ci lodava! Signore, ma come ti permetti? Tu giudichi!».

Però il fratello Jack il problema non se lo pone: dopotutto Kiko quando parla di giudizio, parla solo di una cosa terrena, mica di ciò che avviene dopo la morte...

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Faccio una domanda forse scontata per molti, ma non lo è per me: Kiko ha mai fatto il Cammino?
Cioè: ha fatto gli scrutini? E' stato costretto alla confessione pubblica? Ecc.
Oppure, essendo il fondatore, non ne ha avuto bisogno?

Michela ha detto...

siamo un'iniziazione cristiana
ma cosa vul dire in italiano?
si può 'essere' un'iniziazione? è questo modo di parlare, vuoto di contenuti realistici, che confonde la mente e fa cadere nella trappola. Si crede di capire qualcosa, ma appena fuori dalla saletta non si è in grado di comunicare, e tanto meno di chiarire a se stessi quanto si è ascoltato.
Si usano verbi semplici: essere, fare, dare ma non si spiega collegamento logico tra il verbo e il soggetto o l'oggetto.

sandavi ha detto...

Leggere gli annunci di Quaresima è salutare, mi da la dimensione e l'importanza della scelta fatta. Assurdo, insensato e sciocco seguire una spiritualità tanto dannosa.

Nel mamotreto pubblicato su Crux Sancta (che non finirò mai di ringraziare), c'è questa bellissima frase che spero il falso Jack e altri neocatecumenali volanti sappiano commentare/confermare/smentire:

«Hoy vosotros tenéis la posibilidad de escuchar una Palabra (mayúscula en el original); hay tantísima gente que no tiene la posibilidad de escuchar nada, sólo la misa (minúscula en el original) o la televisión, la gente no tiene una palabra».

Traduzione: "Oggi voi avete la possibilità di ascoltare una Parola [maiuscola nell'originale]; ci sono tantissime persone che non hanno la possibilità di ascoltare qualcosa, solo la messa [minuscola nell'originale] o la televisione, la gente non ha una parola"

Capito? La gente ha solo la "messa" non ha una "Parola". Poverini. Solo la Messa. Invece voi neocatecumenali capite quanto siete fortunati? voi ricevete la "Parola" con la "P" maiuscola! E se non hanno la "messa" l'alternativa è la televisione. Perciò messa e televisione sono equiparati come svaghi per persone sole. Capito? Quando l'ho letta in mente mi si è formata immediatamente l'immagine di una vecchietta sola in casa o seduta sperduta a "messa" in una chiesa vuota. Una sensazione molto negativa, un'immagine assolutamente negativa.

A Kiko non passa nemmeno in mente che il Sacrificio Eucaristico è un miracolo, e si permette di svilire la "messa". E questo è uno schifo totale, è una vergogna, una blasfemia, un insulto. E voi Jack e altri siete i suoi complici. Si proprio COMPLICI! e io mi vergogno profondamente di aver ascoltato questo schifo di espressioni, di averle ripetute, di aver fatto parte di questo cammino!

sandavi ha detto...

Si, parla di Giudizio, e anche di Inferno e Purgatorio, ma come può farlo in quel modo schizofrenico se poi dice che è normale stare quarant'anni in cammino ed essere sempre gli stessi, senza mai cambiare, sempre immersi negli stessi vizi (parole sue)?
Non sa Kiko che ad allungare le pene del Purgatorio sono tutti i peccati commessi in vita, che, Dio ci aiuti, sconteremo tutti quanti uno per uno, fino all'ultimo peccato dimenticato nel buio della mente? Non sa Kiko che se ci trovassimo in quel "carcere" (evangelicamente parlando) non ne usciremo finché non avremo ripagato "l'ultimo spicciolo"? E' vero che a voi neocatecumenali piace riempirvi la bocca di paroloni.

Anonimo ha detto...

Ad Apostata delle 8,20 che definisce Kiko un nullafacente. Vorrei dire, che anche Gesù, nella sua vita terrena non lavorara, ma si spostava di villaggio in villaggio annunciando il Regno. AM

l'apostata ha detto...

TRIPODE NEOCATECUMENALE

Quello di facciata: parola, liturgia, comunità.

Quello vero: confusione, soldi, sottomissione.

Scopo: ottenere una massa di adepti incapaci di riconoscere le menzogne eretiche, disposta a farsi dissanguare le tasche, prona ad ogni ordine dei capi.

Chi non è convinto legga con attenzione il testo dell'annuncio di Quaresima, non serve altro.

Anonimo ha detto...

Lui è il profeta! Non aveva bisogno! Adriana

Lino ha detto...

"Allora fratelli l’arma per combattere il demonio è l’obbedienza, che ci manca, non si vede perché il demonio ci ha raggirati con l’orgoglio dei nostri pensieri. Perché noi vogliamo capire tutto con la nostra ragione con la nostra testa, che tutto ci venga spiegato"

Obbedienza a cosa? A queste giaculatorie (tipiche della "devozione popolare" a Kiko) che nemmeno sapete mantenere segrete? E allora? Si vuol capire con la testa, con la ragione? Ma l'avete letta, o no, "Fides et ratio"? Ne cito un passo.

"In aiuto alla ragione, che cerca l’intelligenza del mistero, vengono anche i segni presenti nella Rivelazione. Essi servono a condurre più a fondo la ricerca della verità e a permettere che la mente possa autonomamente indagare anche all'interno del mistero."

Capito, neocatecumenali? "Rivelazione", "intelligenza", "mente", "ricerca". Un'azione sul pensiero significa il verbo rivelare, che opera sulla mente, sull'intelligenza e sospinge il pensiero alla ricerca. Se Kiko vieta ciò, è perché è spaventato da simili esercizi. Lui punta sulle emozioni, sulle supposte ispirazioni, apparizioni personali, illuminazioni di ignorantissimi catechisti che imparano a memoria mamotreti vecchi di decenni.
Kiko è consapevole di aver diffuso eresie e balordaggini, che possono sperare di sopravvivere soltanto nel segreto, con l'obbedienza e nel non-pensiero.
Vana speranza. Nemmeno il segreto di un annuncio riesce oramai a mantenere.

Lino ha detto...

@AM ha detto: "Ad Apostata delle 8,20 che definisce Kiko un nullafacente. Vorrei dire, che anche Gesù, nella sua vita terrena non lavorava, ma si spostava di villaggio in villaggio annunciando il Regno"

Vorrei dirti, per il tuo commento - se ancora non te lo hanno spiegato gli illuminati - che il Regno che Cristo annunciava era Cristo medesimo. Magari, se non vuoi o puoi esercitare la ragione, posso spiegartelo. Chiedi e ti sarà dato.
Intendo dire: mica Kiko annuncia se stesso? :-)

Jack ha detto...

Si dimenticavo una cosa per l'anonimo che ieri ha postato un paio di interventi sulla veglia e sul digiuno. Non so se sei quello che vuole venire a trovarmi pero' hai commesso una inesattezza che neanche il fratello appena entrato in cammino avrebbe fatto. Il digiuno parte dal venerdi' dopo pranzo e non dal giovedi. Questo errore rileva una verita' incomputabile: tu di cammino non ne sai nulla o parli per sentito dire. Può darsi che l'abbia frequentato qualche volta ma niente di che. Non si puo' fare una gaffe del genere perche' dimostra che non conosci le cose piu semplici figuriamoci quelle piu' "profonde". Jack

Lino ha detto...

P.S.
@ AM
Anche vorrei dirti che Cristo, nella sua vita terrena dopo i 30 anni (prima non sappiamo, forse ha molto sudato come falegname) lavorò parecchio, addirittura di sabato con grande fastidio dei farisei. Pare che pure abbia prodotto balsami con il fango, per guarire/ricreare ciechi. Non riferirlo in giro, però, è un segreto.
Soprattutto non dirlo a Kiko, che pare non abbia mai fatto il falegname, dalla fine degli anni '60 a oggi.

by Tripudio ha detto...

Il fratello Jack, anziché concentrarsi a guardare la pagliuzza nell'occhio del prossimo, dovrebbe preoccuparsi della trave che è nel suo.

La trave consiste negli eclatanti abusi liturgici neocatecumenali e nelle numerose e conclamate ambiguità ed eresie del Cammino.

l'apostata ha detto...

@ AM

"...anche Gesù, nella sua vita terrena non lavorara, ma si spostava di villaggio in villaggio annunciando il Regno."

Già, invece Sankiko fannullone si sposta da hotel di lusso a hotel di lusso in top class annunciando se stesso.

San Paolo, palesemente, non aveva capito nulla. Come in seguito san Benedetto, san Francesco e tanti altri.

Eccone un altro che ha circonciso non solo la ragione, ma anche il buon senso.

Non scoraggiarti comunque, peggio di come sei messo non c'è nulla, perciò puoi solo migliorare. Auguri.



@ Jack e al suo demonio muto

Vedo che il tuo demonio muto è già tornato dalle ferie, dato che alla mia richiesta di confronto non hai detto nemmeno no.

Pazienza.

Cordialità ad entrambi.

Jack ha detto...

Non è il fatto di per se che è importante ma la cosa che conta e' che qualcuno di voi non lo conosce il cammino e parla. Bisogna avere l'accortezza di stare zitti se no si fa un figuraccia. Lino mi colpisce sempre il fatto che nei tuoi interventi traspare una santita' e una umilta' non comune (avanti un altro) pero' se metti da parte per un po' la tua boria ti spiego la frase da te menzionata. Non e' che chi sta nelle sacrestie non e' cristiano ma c'e' tanta gente che le frequenta che lo fa per interesse. Per farsi amico il prete, per potere, per mettere a posto la coscienza etc.etc. Jack

sandavi ha detto...

Triste sistema per sviare il discorso e non rispondere alle inconfutabili eresie del tuo idolo. Jack, non provi un po' di tristezza?

Ruben ha detto...

Jack 17:01, il digiuno può anche cominciare il venerdì dopo dopo pranzo, ma sono sempre, più o meno circa 40 ore(quasi due giorni), dall'agape dell'alba di Pasqua!...
Metteteci poi anche una notte insonne, e capisco perfettamente perché la gente si sente male, ed è sufficiente appena un po' di vino, per mandarla fuori di testa!

Andiamo, la Chiesa, quella vera, il solo Venerdì Santo, ti chiede molto ma molto meno, senza peraltro, lasciarti morir di fame!!...
---

Ruben ha detto...

PS. al mio oggi 18:16:
Jack, tanto per completare, il digiuno del Venerdì Santo, della Chiesa Vera, prevede un solo pasto, con qualche "spuntino" al mattino.
Non sono consentiti alimenti e/o bevande costosi.

Perché, volete "sfidare Dio" anche in questa circostanza?!...
---

Jack ha detto...

Anche sul digiuno hai da ridire. Se mi sento di fare il digiuno certo non lo vengo a dire a te. Digiuno preghiera ed elemosina non sono mai troppe. C'e' gente che fa il digiuno il venerdi sostituendo la carne con il pesce, c'e' chi fa digiuno totale. Che te frega se facciamo il digiuno oppure no.Jack

Jack ha detto...

Chi si sente male? Forse chi si gonfia e va alla Veglia con la pancia piena. In tanti anni non mi e' mai capitato di assistere a svenimenti o roba del genere. Bugiardi. Jack

JacK ha detto...

Sandavi sono triste per voi. Io sono libero e quindi felice, sono davvero dispiaciuto che tu questo non l'abbia capito. Ma noi possiamo parlare quando vogliamo e inventare cose non vere per questo dovremmo confrontare le ns vite. E' facile dire tante fesserie pero' i fatti contano e i fatti sono che lavoro, ho una famiglia, faccio i sacramenti il mio matrimonio e' forte solo perche' c'e' Gesu' Cristo. Sono in comunione con tutti i gruppi della parrocchia, non mi interessa se fai o non fai il cammino pero' mi devi venire a trovare per mostrarti i miei figli che non sono depressi, mia moglie he condivide con me il percorso e non solo. Non lo dico come sfida ma e' la verita'. Non e' mai esistito che io abbia postato interventi che non corrispondono alla verita' che vivo tutti i giorni. Grazie. Che c'e' di costruttivo nel dire la Chiesa vera fa il digiuno il venerdi consumando un solo pasto? Dove sta scritto che io non possa fare digiuno per 2 gg, dove sta scritto che io non debba fare le lodi giornaliere e con i figli. Nascosti dietro una tastiera siamo tutti bravi, bisogna conoscersi concretamente e poi ne parliamo. A questo proposito volevo chiedere all'anonimo che vuole venire come mio ospite di inviarmi la sua e-mail. Se vieni anche tu constaterai che non sono triste.Jack

Anonimo ha detto...

@Jack puo' darsi che in puglia vuoi digiuntate dal venerdi,visto che avete le orecchiette con le cime di rapa, che potete mangiarvi a strafogo prima del digiuno.
Da noi (comunità che ha finito il cammino) si digiunava dal giovedi' sera e cioè niente cibi solidi durante il venerdi e il sabato. Ultimo vero pasto:il giovedi sera.

Il venerdi al massimo un minestrone con un po di pane (le donne in stato interessante mangiano) questo fino alla domenica mattina. Con scene apocalittiche la notte :D

Non mi prendere in giro Jack tanto sai che ognuno poi fa come gli pare. Ci dice che si è diguunato ma poi, o uno ha il diabete, o ha la pressione bassa o deve lavorare e non puo' stare senza cibo. Insomma l'ipocresia del digiuno colpisce il neocatecumenale.
Ho visto gente portarsi i crackers e le mele in chiesa. E darli anche ai bambini.
Loro invece digiunano la veglia del sabato.
Ora ciao vado a mangiare.

Anonimo ha detto...

@Pietro non del cammino che domanda

"Faccio una domanda forse scontata per molti, ma non lo è per me: Kiko ha mai fatto il Cammino?
Cioè: ha fatto gli scrutini? E' stato costretto alla confessione pubblica? Ecc.
Oppure, essendo il fondatore, non ne ha avuto bisogno"

Questo molti anni fa ce lo domandavamo in molti. Poi un sacerdoteNC ci ha spiegato che in quanto iniziatore del cammino non puo' essere scrutinato perchè non c'è nessuno "sopra di lui" per porgli le domande.
Avendo inventato lui queste "tappe", si da per scontato che sia dispensato.

Anonimo ha detto...

@Jack che dice:

" il digiuno può anche cominciare il venerdì dopo dopo pranzo, ma sono sempre, più o meno circa 40 ore(quasi due giorni), dall'agape dell'alba di Pasqua!...

qui sei tu a sbagliare mai sentita una cosa del genere. Vuoi che siamo stati presi in giro anche su questo? Vuoi che noi "vecchia guarda NC" eravamo piu' ligi al dovere?
Ma quando mai l'ultimo pasto il venerdi santo!!
continui:
Metteteci poi anche una notte insonne, e capisco perfettamente perché la gente si sente male, ed è sufficiente appena un po' di vino, per mandarla fuori di testa!

ecco i neocatecumenali pure ubriaconi!!
Jack la gente vomita quando ingerisce cibo la mattina, sviene di nott enon per il vino dell'eucarestia, ma perchè non ce la fa a stare in piedi.

Una volta una signora sulla 50 anni è svenuta in chiesa, eravamo le prime 3 comunità . Non c'era tra noi un dottore (mi ricorda un canto :D)
e venen l'ambulanza.

Lascia perdere Jack diventa grande e abbi pazienza stai piu' accorto a quello che dici. Qui di gente che ha passato una vita in cammino ce n'è a iosa.
Debbo dire che in genere ogniuno fa come vuole per il digiuno.
Specie i piu' giovani se ne fregano...altro che digiuno e tra l'altro escono durante la veglia per fumare. Un andirivieni
e ora di che questo non è vero...

John ha detto...

Caro AM ... Prima ancora di analizzare l'analogia ti rendi conto del paragone che hai fatto???

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Questa fissa dell'obbedienza!
Si deve ubbidire a Dio, naturalmente, è perciò, come conseguenza, alla CHIESA.
Poi c'è l'obbedienza ai doveri di stato e alle regole della società per poter convivere senza troppi conflitti.
Perché mai la mania di obbedire? Tanto valeva farsi monaci.

Il martellamento delle catechesi sull'ubbidienza è molto sospetto, perché non consiste in un'esortazione a qualcosa di spirituale, ma entra in decisioni che devono rimanere personali, come la persona da sposare o dove andare in vacanza.
Sembra davvero un modo per controllare le persone

Anonimo ha detto...

Anonimo neocatecumenale perché dici assurdità. Tre anni di vita pubblica per rivoluzionare la vita corrente contro mezzo secolo per rovinare la Chiesa Cattolica. Rita.

Jack ha detto...

Non so se l'anonimo stia scherzando ma confermo che' e un menzogniero. Il digiuno comincia dalle 15 del venerdì. E' una cosa seria non si tratta di fare i supereroi chi lo vuole fare lo fa chi no e' libero di no farlo. E' cosi anonimo senza nome.Aspetto sempre e- mail. Jack

Valentina Giusti ha detto...

Finora non avevo mai sentito l'espressione 'faccio i sacramenti'; di solito si dice 'ricevo' oppure 'mi accosto a'.
Mi pare che questa espressione denunci un totale stravolgimento dei ruoli fra fedele che riceve la Grazia santificante dei sacramenti, sacerdote che li amministra, e Cristo che li ha istituiti.
Per quanto riguarda la domanda di Pietro Non del Cammino, ho letto in qualche catechesi che i passaggi a Kiko e Carmen glieli ha fatti Dio in persona. Se la ritrovo, ti cito le parole esatte.

sandavi ha detto...

Non ho detto che sei triste Jack/Saverio. Ti ho chiesto se non provi nemmeno un pochino di tristezza per certe assurdità che dice Kiko e che continua s ripetere sempre uguali da anni. Questo annuncio di Quaresima è identico a tutti i precedenti. Con in più qualche ulteriore forma di disprezzo. Ma hai ascoltato bene? Ha detto che la gente ha solo la messa (?) mentre chi sta in Cammino ha una parola. Ciò è perfettamente contrario all'esempio di tutti i Santi e all'insegnamento della Chiesa. Non mi rifare l'elenco delle tue attività, anche io prego, anche il mio matrimonio è forte perché ci amiamo uniti al Signore, anche io ho figli anche io mi sforzo di trasmettere loro la fede. Però non sono queste le cose che dimostrano che sei un cristiano.
Kiko disprezza la Messa apertamente, disprezza il Sacerdozio ("non veniamo a vedere una cosa che fanno i Sacerdoti"), spiega che si può stare in cammino ipocritamente per quarant'anni sempre negli stessi vizi... Definisce "abortiti" quelli come me che lasciano il Cammino... Io sul serio non capisco come fate a non accorgervene.
Anche io ci ho messo degli anni a capire, però sentivo un grande disagio dentro, un malessere, e ho smesso di andare a sentire quegli assurdi annunci anche se continuavo a seguire il cammino. Non ne potevo più di ascoltare quella minestra riscaldata.
Come puoi fare finta di niente?

Lino ha detto...

Jack ha detto: "Lino... pero' se metti da parte per un po' la tua boria ti spiego la frase da te menzionata. Non e' che chi sta nelle sacrestie non e' cristiano ma c'e' tanta gente che le frequenta che lo fa per interesse"

Davvero? "Qui siamo in tanti cresciuti nelle sacrestie, per cui l'amore che porta verso l'altro non ci interessa" significa che "c'è tanta gente che le frequenta per interesse"? Io leggo la congiunzione coordinante conclusiva "per cui", dove la seconda proposizione è conseguenza della prima, cioè l'essere cresciuti nelle sagrestie. Quando la finirete di inventare significati per giustificare le balle (o peggio, in questo caso) che Kiko diffonde, io metterò da parte la boria.

Anonimo ha detto...

30anni

Anonimo Jack ha detto...
Si dimenticavo una cosa per l'anonimo che ieri ha postato un paio di interventi sulla veglia e sul digiuno. Non so se sei quello che vuole venire a trovarmi pero' hai commesso una inesattezza che neanche il fratello appena entrato in cammino avrebbe fatto. Il digiuno parte dal venerdi' dopo pranzo e non dal giovedi. Questo errore rileva una verita' incomputabile: tu di cammino non ne sai nulla o parli per sentito dire. Può darsi che l'abbia frequentato qualche volta ma niente di che. Non si puo' fare una gaffe del genere perche' dimostra che non conosci le cose piu semplici figuriamoci quelle piu' "profonde". Jack


Non raccontare balle Jack. Se dici così forse è perché sei un novellino entrato in Cammino negli ultimi anni di "rilassamento" dei costumi". La verità te la spigo io che sono ne cammino dal 1980, l'ho finito da ben più di dieci anni (con viaggio dell'Elezione e anni dopo del matrimonio spirituale in Israele) e tutti gli anni faccio le 50ne. Per parecchi anni all'inizio veniva continuamente ripetuto che il digiuno cominciava il Giovedi Santo sera ed era un digiuno non di contrizione (come quello delle Ceneri) ma di attesa. E noi obbediente ad obbedire e ad arrivare al sabato con tremendi crampi e acidità di stomaco. Poi, piano piano, insensibilmente, durante gli annunci la specifica su quando iniziare il digiuno, cominciò ad essere citata sempre più raramente, e i catechisti che riportavano l'annuncio si limitavano, e si limitano, a parlare genericamente di digiuno. La conseguenzaa pratica è che a quanto pare nessuno ne parla e ciascuno fa come può e vuole, di solito mangiando un pasto a venerdi e se non ce la fa qualcosina anche il sabato. Questa è la "prassi" che io vedo.

Evidentemente era troppo pretendere che Kiko potesse essere tanto umile da ammettere che quella che era una indicazione rigida e precisa veniva poi ufficialmente declassata, perché l'evidenza dimostrava quanto fosse inatttuabile perché addirittura controproducente; di fatto se uno arrivavav alla veglia debilitato e stando male come poteva "gustare" il momento della Resurrezione? Questo perché, alla faccia di tante chiacchiere sul dinamismo dello Spirito e sul Cammino che ne è la prova, non si poteva evidentementeuna dichiarare decaduta una "grida" che per anni era stata trasmessa quasi come un dogma. Allora semplicemente non se ne è più parlato facendola decadere nella prassi e lasciano che ingenui alla Jack dicano in buonafede che il digiuno non è mai stato da Giovedi.

E purtroppo che questa non è una cosa limitata al digiuno ma è la stessa cosa che è successa, e succederà, di tante idee venute al nostro Kiko ed annunciate come una necessita impellente (perché "Caritas Christi urget nos"). Per es. qualche anno fa gli era venuta l'idea della rempiantazione di intere comunità in altre città o addirittura nazioni e per qualche convivenza sembrava dovesse essere il futuro dell'evangelizzazione. Salvo poi la cosa a ridursi a qualche comunità di Roma che andava a celebrare in altre parrocchie (di Roma ovviamente). Da un paio di anni mi sembra che non se ne parli più. Stesso atteggiamento nei confronti delle Famiglie in missione all'estero; quando partono se ne parla e si lodano in abbodanza; quando molte di queste ritornano, magari dopo pochi mesi, il fatto è accompagnato da silenzio tombale. Ironicamente e amaramente mi viene da dire che il motto sembra essere: all'andar si va cantando, ma al ritorno si torna di notte e in silenzio ...

Quindi Jack prima di parlare informati da qualche "anziano".

Lino ha detto...

@ Valentina
Ahi ahi ahi! ;-)
Non hai prestato sufficiente attenzione alla "apoteosi del verbo fare", trattata in due paragrafi, anche con riferimento al newspeak di "1984".
Ora da Jack (si fa per dire, il nick) apprendiamo l'esistenza di un "newread" :-)

psyco ha detto...

@jack .... che ci chiami bugiardi....menzogneri....
MA SENTI CHI PARLA !!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

@Jack
Non ti preoccupare di sapere il mio nome o la mia e-mail. Mi vedrai di persona,e puoi starne sicuro che mi presentero. Basta che scrivi il nome della Chiesa dove il sabato sera ci sono le porte aperte alle celebrazioni, dove chiunque può assistere al 2° passaggio, e la citta dove vivi.

psyco ha detto...

dai jackk........ le vs celbrazioni sono A PORTE APERTE...mica sono segrete e chiuse..... lo dicevi proprio tu..... hai paura che il pubblico scopre che celebrate gli ABUSI LITURGICI ??????

psyco ha detto...

IL NUOVO PARTITO DEI CATTOLICI DEL FAMILY DAY !!!!!


Ci giunge notizia della nascita del movimento politico "Popolo della Famiglia", fondato da Mario Adinolfi e Gianfranco Amato.
Chiamando a raccolta i cattolici, promette di presentarsi già alle Amministrative 2016 con "liste e candidati sindaco presenti in tutte le città d’Italia".
Da parte nostra, poniamo sul tavolo quattro temi, estremamente semplici, che - in quanto cattolici - vorremmo vederci chiariti.

***

1) Fede. Vi presentate come un partito che chiama a raccolta i cattolici. Siete dunque per l'abolizione del divorzio, della legge infanticida 194/78 (aborto), di ogni forma di "unione civile" diversa dal matrimonio e di ogni forma di fecondazione artificiale?

2) Gerarchia. Agite di concerto con la Conferenza Episcopale Italiana? Vi riconoscete nella linea politica dei suoi vertici e, in particolare, del suo segretario (Nunzio Galantino)?

3) Visione politica generale. Creare un movimento politico significa avere una visione complessiva della realtà: la politica non è solo politica familiare. Avete uno sguardo unitario sugli scenari economici? Sugli quelli internazionali? Sull'Unione Europea? Sul tema migratorio? Sulla riforma costituzionale? Se sì, in cosa consiste?

4) Orizzonte partitico. Entrerete in una delle coalizioni esistenti (Se sì, quale)? Siete pronti a dichiarare pubblicamente che nel caso in cui il vostro progetto non raggiungesse i suoi obiettivi, non tentereste di "riciclarvi" in altri partiti (rendendo questo movimento un semplice trampolino di lancio o un aggregatore di voti da cedere)?

***

Restando in attesa delle risposte, vigiliamo. Cordialmente.

Valentina Giusti ha detto...

Se fosse necessario, dopo quanto detto da 30anni- che sono contenta di leggere di nuovo -, confermo che il digiuno, fino a metà anni '90 di sicuro, partiva dal giovedì. Pare anche a me che il non voler ammettere mai d'aver sbagliato, sia indice di grande superbia e, aggiungo, di poca intelligenza.
P.S. Per Lino: sto rileggendo Huxley proprio per colmare certe lacune. :-)

Anonimo ha detto...

AH AH AH AH AH
che figura di m......da che hai fatto Jack

Tutti uguali tutti pronti a sbranare chi rende pubblico qualche arcano

Allora come la mettiamo?

Chi è che non ha fatto il cammino?

Stai facendo di tutta un'erba un fascio,io ti sto rispondendo solo questa mattina,le altre testimonianze sono di altre persone che hanno confermato quello da me detto sul digiuno del Giovedì Santo.

Se non hai mai visto persone sentirsi male sarà per il fatto che, come ti hanno spiegato oggi nessuno segue questa rigida regola.

Sai come ci diceva il ns megakatekista:

"Sentire i crampi della fame e come avvicinarsi alla morte fisica ed era bene sperimentare questa sofferenza che ti portava vicino alla morte"

E poi quello del digiuno diventava il pettegolezzo della notte di Pasqua dove ci si confrontava fino a che punto uno fosse riuscito a rispettare l'ordine imposto, come se tutto questo fosse indice di santità.

Ma tu guardi sempre da un'altra parte.

Io sono fuori dal 1985 e non rimpiango niente anzi,io oggi sono un uomo libero, che lavora, che ama la propria moglie, i propri figli che ha educato e cresciuto nella Chiesa Cattolica,
tu, mi sembra , tanto libero non sei, vivi in una Kikogabbia di kikismocarmenismo e hai bisogno di un nuovo battesimo, non ti invidio affatto.
Sai un mio carissimo amico che ha terminato il cammino con tutte le sue tappe e i suoi viaggi da oltre sei anni ,oggi è uscito ha trovato un pertugio nella kikogabbia ed è uscito.............

Ruben ha detto...

@Anonimo Jack ha detto...
"Anche sul digiuno hai da ridire. Se mi sento di fare il digiuno certo non lo vengo a dire a te. Digiuno preghiera ed elemosina non sono mai troppe. C'e' gente che fa il digiuno il venerdi sostituendo la carne con il pesce, c'e' chi fa digiuno totale. Che te frega se facciamo il digiuno oppure no.Jack"
---
Se fate il digiuno esagerato, è solo perché siete fanatici e quindi vi dovete sempre e comunque distinguere dagli "altri"; a quando l'istituzione del Ramadan?...

Saverio ha detto...

Anonimo sono JAck/Saverio. Sei in malafede perche' se e' vero che sei in cammino oggi il digiuno parte dal venerdi'. Forse quando hai cominciato tu era cosi, non lo so perche' sono un novellino, ma oggi e' cosi. Quindi non dire fesserie sul tuo presente in comunita'. Ogni anno si riporta l'annuncio di Pasqua e si dice che il digiuno parte dal venerdi'quindi sei sbudoratamente in malafede. Lino il professore fallo nei luoghi appropriati. Io ti ho deto quello che si intende sulle sacrestie tu continua a fare l'analisi grammaticale. Anonimo sono una persona tranquilla non ti preoccupare non sono come taluni, appartenenti alla cricca che gestisce questo blog, che davano appuntamento sull'autostrada come facevo io quando ero un'ultras. Ti devi preoccupare piu' degli assidui frequentatori di questo blog e se hai un po' di tempo vatti a vedere chi erano/sono gli amici di Tripudio e compagni: MIC; ANNARITA E GIANLUCA CRUCCAS e poi ne parliamo. Apostata io celebro l'Eucarestia con il messale romano, ricevo la comunione in piedi stando al proprio posto, faccio brevi monizioni e faccio 3/4 risonanze, faccio le lodi con il salterio, prego con il rosario e ogni settimana celebro la parola. Jack

Valentina Giusti ha detto...

A Pietro (NON del Cammino) che chiedeva se Kiko abbia mai fatto il Cammino, rispondo: Kiko forse no, Carmen di certo.
Ha affermato infatti nella Convivenza di inizio corso 1994-95:
"Tutto ciò che è lo schema delle catechesi è stato vissuto e sperimentato da me e nella mia vita, non come una lezione, a Barcellona.
Mi perdoni Kiko Argüello, questo è stato più importante delle baracche per il cammino: le baracche sono state importanti per lui..."

Lino ha detto...

Analisi logica, Saverio, analisi logica. Te la spiego semplicemente, magari capisci: conclusiva = "A per cui B", "essendo A perciò B".
E non è materia da "professorelli", è roba da scuole medie inferiori.
Mi rendo conto, però, che per la storia della circoncisione (di cui al rifiuto della ragione presente anche nell'annuncio di Quaresima) la logica proprio non trova ospitalità nei vostri cervelli.

by Tripudio ha detto...

Quindi Carmen ha dovuto rispondere alle imbarazzantissime domande sessuali sul suo rapporto con Kiko?

Ruben ha detto...

Jack 17:01, il digiuno può anche cominciare il venerdì dopo dopo pranzo, ma sono sempre, più o meno circa 40 ore(quasi due giorni), dall'agape dell'alba di Pasqua!...
Metteteci poi anche una notte insonne, e capisco perfettamente perché la gente si sente male, ed è sufficiente appena un po' di vino, per mandarla fuori di testa!

Andiamo, la Chiesa, quella vera, il solo Venerdì Santo, ti chiede molto ma molto meno, senza peraltro, lasciarti morir di fame!!...
---

Anonimo ha detto...

giovedi o venerdi il digiuno pochi lo fanno...!

by Tripudio ha detto...

Diamo il benvenuto a Jack Saverio che abbassa le verità ad opinioni.

Quanto alla "cricca" che gestisce questo blog, riepilogo brevemente i fatti.

Nel maggio 2006 Mic aprì questo blog come forum di discussione perché nello spazio commenti del blog di Tornielli venivano quasi sempre censurati gli interventi sfavorevoli al Cammino (anche quelli più pacati e precisi), mentre venivano pubblicati i copiaincolla di slogan NC (anche quelli più ridicoli e offensivi). Non so se siano ancora rintracciabili i commenti dell'epoca, ma sarebbe assai istruttivo ripubblicarne qualcuno per mostrare il più becero maschilismo NC da osteria (oggi più attenuato) oltre che la tipica arroganza NC (ancor oggi la stessa).

Qualcuno - me compreso - sospettò che il Tornielli fosse più "minacciato" che "comprato" dal Cammino (dopotutto anche i giornalisti "tengono famiglia"). Tornielli negò risolutamente di essere minacciato dai NC, ed infatti ha mantenuto il posto e il prestigio (e ora dirige quella specie di Pravda che è il Vatican Insider).

Il sottoscritto scoprì questo blog successivamente. Dopo qualche tempo sono diventato uno dei "redattori" più attivi (possedevo un tablet collegato perennemente all'internet prima che la Apple facesse credere al mondo di aver inventato i tablet), occupandomi ancor oggi di correggere le "bozze" in pubblicazione (questo blog è sfogliato anche in Vaticano; la maggioranza delle visite proviene - nell'ordine - da Italia, USA, Germania, Francia, Spagna, Russia, Svizzera).

Come tantissimi altri, Annarita e Gianluca hanno fatto esperienza diretta del Cammino, venendone sfruttati, umiliati e perseguitati. Quando hanno lasciato il CN, hanno avuto non solo il coraggio di far conoscere i segretissimi "arcani" neocat (per iscritto alle autorità ecclesiastiche e poi anche sul web: cosa che i kikos come Saverio Jack non perdoneranno mai), ma hanno anche evitato di commettere l'errore tipico di chi lasciando il Cammino lascia anche la Chiesa. Per loro la disintossicazione dal veleno spirituale NC è stata l'abbracciare la Tradizione e il Magistero - cioè hanno semplicemente riscoperto la verità insegnata dalla Chiesa, esattamente la verità insegnata e celebrata (dottrina e liturgia) che ha nutrito innumerevoli generazioni di santi - come padre Pio, i pastorelli di Fatima, padre Kolbe, papa Pio X, tanto per ricordare alcuni giganti della fede del XX secolo (il Cammino, essendo ispirato dal demonio, finge che tali giganti non siano mai esistiti).

Sul resto non mi pronuncio. Faccio solo notare che la caratteristica tipica di chi aderisce al Cammino è il ritenere necessari alla propria fede gli strumenti tipici del demonio, cioè l'inganno e la menzogna.

Il fratello Saverio Jack, per esempio, viene qui a dire che celebra col Messale Romano (menzogna, poiché in realtà celebra le variazioni istituite da Carmen e Kiko), viene qui a dire che riceve la Comunione (inganno, perché dopo averla "ricevuta in piedi" immediatamente si siede e aspetta che scatti il segnale, trattando Nostro Signore come se fosse uno snack), fa le sue proprie omelie chiamandole brevi monizioni (quanto "brevi"? non lo dice - e comunque nelle bislacche celebrazioni NC sono onnipresenti, mentre la Chiesa comanda che siano "eventuali", cioè molto più assenti che presenti).

Quanto al "fare le Lodi" a Kiko, è solo la patetica affermazione della propria identità.

Per quanto noiosi, gli interventi di Jack Saverio mostrano - a chi capitasse su questo blog per la prima volta - quanto il Cammino sia fondato sulla menzogna e sull'inganno.

E sono la dimostrazione indiretta del fatto che i fuoriusciti dal CN (statisticamente per ogni "camminante" ci sono almeno quattro "ex camminanti": un vero e proprio popolo di ex neocatecumenali, quattro volte più grande del Cammino), lo hanno fatto proprio per rifiutare l'inganno e la menzogna (avendone patito gli effetti).

Valentina Giusti ha detto...

Tripudio: Carmen ha incontrato Kiko dopo l'esperienza di Barcellona e
pare che, mentre lei 'veniva da sofferenze enormi', Kiko 'civettasse con una svedese'. Semmai sarà stato lui a dover rispondere a qualche imbarazzante domanda! Carmen, oltre che cursillista, definisce il Kiko di allora 'chico moderno y beato'.

Anonimo ha detto...

Scusate, questo mi interessa molto, possiamo fare chiarezza? Come avrebbe fatto Carmen a sperimentare le dinamiche del cammino? Donna Carson

l'apostata ha detto...

@ jack/Saverio


"...Apostata io celebro l'Eucarestia con il messale romano, ricevo la comunione in piedi stando al proprio posto, faccio brevi monizioni e faccio 3/4 risonanze, faccio le lodi con il salterio, prego con il rosario e ogni settimana celebro la parola.."

Proviamo a scompattare:


A prescindere che il celebrante è solo il sacerdote, ti chiedo di precisare:

- l'altare è cosacrato o se mobile benedetto oppure è il tavolo da picnic?

- gli arredi sono quelli previsti o c'è il solito candelabro e la croce lontana?

- la purificazione la fa solo il sacerdote o il diacono o l'ostiario e o il responsabile?

- la preghiera eucaristica del sacerdote è quella kikiana (Padre... Padre...)?

- la Comunione: si comunica prima il sacerdote e poi ciascuno di voi restando in piedi e senza aspettare gli altri oppure tutti insieme secondo la liturkikia?

- monizioni e risonanze, come da statuto, devono essere eventuali e legate ad occasioni particolari. E' così o continuate a farle sempre?

- lodi. Ricordati che si recitano, non si "fanno". Ti chiedo se segui le disposizioni della Chiesa o quelle inventate da Sankiko, e cioè un pezzo dell'Ufficio delle Letture, Lodi, Vangelo del giorno, quarto d'ora di preghiera silenziosa.

Vedi, Jack, che dialogare non è un problema? Però non essere sfuggente sulle questioni. Se prosegui nel confronto e mi scrivi che fai tutto secondo Sankiko e non secondo la Chiesa, ritengo che il primo responsabile sia il cosiddetto presbitero che permette tutto questo.

Quello che vorrei, però, è che tu leggessi quel che la Chiesa dispone, e ragionassi sul perché nel cammino è tutto distorto ed intoccabile, e che ti esprimessi, argomentatamente.

Poi ognuno trarrà le proprie conclusioni.

Dai Jack, hai cominciato, prosegui. La tua persona non è in discussione, lo sono gli argomenti.

Provaci.

Ruben ha detto...

Scusate,
ma le avete viste le foto di Carmen in bianco e nero, nelle Palmeras di Madrid negli anni '60?..

Al di fuori di ogni più o meno, tentazione umana.
---

by Tripudio ha detto...

Di sicuro la giovane Carmen non è paragonabile ad una svedese, anche se nel frattempo è decisamente peggiorata.

Se l'argomento non fosse pruriginoso, ci sarebbe da indagare parecchio sull'ossessione di quei due per i temi sessuali e sulla loro presunta castità perfetta e perpetua e ultracinquantennale. Per esempio ci sarebbe da chiedersi cosa spinse i due spagnoli, nei tardi anni '70-'80, a comandare alle comunità di fare le confessioni pubbliche in pubblica piazza dal megafono (cosa che scandalizzò - come prevedibile - tutti gli involontari ascoltatori, e fu rapidamente messa da parte).

Può perfino darsi che il demonio (quello vero), finché raccoglie giganteschi frutti della loro superbia, abbia evitato di tentarli contro la castità. Lo penso perché ricordo che tantissimi eretici (Pelagio, i Catari, i Giansenisti, ecc.) passavano per figure altamente mistiche, di grandissima ascetica e rigore morale - avevano solo il "piccolo" problemino del professare e diffondere l'eresia.

Anonimo ha detto...

Conoscete un certo don enrique xavier henke mondragon?

Valentina Giusti ha detto...

Donna Carson: concordo, è molto interessante. Pubblicheremo un post sull'argomento.

Anonimo ha detto...

Caro psyco, riguardo il tuo punto 1 bisogna ammettere che di fatto il divorzio esiste anche nella chiesa cattolica. Si chiama annullamento ma ormai è quasi la stessa cosa. In pratica se hai i soldi da dare alla Sacra Rota una scusa per annullare il matrimonio si trova sempre o quasi sempre.
Carlo.

l'apostata ha detto...

@ Valentina

Che ne diresti di aggiungere anche l'incomprensibile concessione, ad un laico qualunque, di poter aprire addirittura un seminario a Roma e di dettarvi legge?

Gli hanno dato autorità sul clero, in pratica, e senza alcun controllo.

Perché?

Ciao.

Anonimo ha detto...

caro Jack ti ricordo che fino a qualche anno fa anche la comunione si riceveva da seduti mentre il sacerdote ,ops presbitero "serviva" i fedeli passando dall'uno all' altro. Forse tu non eri ancora in cammino quando ci fu una "rivoluzione" in comunità perchè non si volevano ascoltare le indicazioni di Papa Benedetto XVI tramite la lettera del cardinale Arinze. La strafottenza di Kiko (per tu che non eri ancora in cammino o che magari non ricordi i fingi di non ricordare) è che giustifico' il "servizio del sacerdote ai fratelli di comunità come un mettere in pratica un versetto del Vangelo dove di dice che Gesu' "passa a servirli mentre loro sono a tavola".

Quindi il Papa diede disposizione ai NC di cambiare il modo di fare la comunione ma Kiko non obbedi' pienamente, non si arrese.
Dopo molti anni, molti segreti (nessuno di noi doveva sapere di questa lettera) finalmente ci dissero che dovevamo riceverla in piedi e farla in piedi.
Questo modo di fare la comunione duro' credo massimo una decina di Eucarestie.
Poi ci fu detto di sederci e aspettare prima per manducare il pane azzimo per fare la comunione tutti insieme.
Ora si riceve in piedi ci si siede e si aspetta di farla tutti insieme. Questo lo sai.
Quello che non sai è che il modo di vivere il cammino neocatecumenale è molto cambiato negli ultimi decenni. Prima se un ragazzino fosse stato scoperto a fumare uno spinello o a bere alcolici durante le convivenze sarebbe stato preso a schiaffi dai suoi genitori avvertiti certamente dai catechisti.
Ora tutto è in mano ai catechisti,i ragazzi vengono tollerati quando fanno queste cose, al massimo una ramanzina dai catechisti.
Questo per far si che i ragazzini/e non escano e le comunità giovani non si estinguano.
Ti sei chiesto il perchè di tutte queste gravidanze fuori il matrimonio? Di ragazzi che vengono in comunità una volta si e 13 no e fanno lo stesso i passaggi? Sei mai andato ultimamente ad una GMG?
Ora ci dirai che da te non succede nulla di tutto questo. Che nella tua chiesa le celebrazioni e i passaggi neocatecumenali sono aperti a tutti, che è scritto l'orario delle celebrazioni parola/eucarestia fuori la Chiesa in bacheca..ecc ecc

Questo per dirti che :
o tu vivi un cammino parallelo, dove fate tutto come vi pare e piace, aggiustando le cose a vostro piacimento o tu sei di quella leva di giovani e parlo anche di 40enni dove il cammino NC viene vissuto come una gita fuoriporta.
Se fosse cosi' tantovale Jack non parlare molto come se conoscessi chissà che realtà.
Nemmeno lo scandalo di Don Fabio conoscevi. E mi vieni a parlare di digiuno del venerdi...
E certo dillo ORA ai ragazzini freschi freschi di cammino di fare digiuno e quaresima. Ti rispondono andando a mangiare la pizza e bevendo due e tre bicchieri di birra. Tanto a casa non gli dicono nulla perhcè il padre vero è nei cieli
ed è lui a "tenere le mani sulla testa dei tuoi figli"
Lasciali sbagliare perchè comunque vada c'è il Signore che pensa a loro.
Se si drogano, se bevono, se entrano in depressione? Non importa c'è il Signore (attraverso il fregarsene dei genitori comandati dai catechisti) che veglia su di loro.
Cosi' i genitori sono piu' liberi di seguire il cammino NC stare lontano da casa tutt ele sere, partire in convivenza e sopratutto sborsare un'infinità di denari (pagare i debiti del cammino) che magari sarebbero potuti essere destinati all'educazione dei propri ragazzi,leggasi università.
Ma visto che non siamo del mondo ma nel mondo ce ne freghiamo dei nostri figli.
Buon digiuno del venerdi ma non tanto venerdi anzi solo 40 ore :D. Poi mi racconti come erano le erbe amare...della mattina di domenica.

Lascia perdere Jack e se vuoi vederci dacci l'indirizzo della tua chiesa ...a meno che non hai paura che i tuoi catechisti o fratelli si arrabbino.

Anonimo ha detto...

Rispondo al ciochino, come direbbe Frassica:
Kiko fa un bagno di umiltà... (la foto è ritoccata: cosa aveva nella mano sinistra?)
Secondo me, dall’espressione del viso trionfante e dal segno della mano sinistra, sta tirando a riva 3 cefali cinesi intrappolati nella rete provenienti dal Mar Giallo dopo l’Annuncio di Quaresima a Yantai.
Nevio

C. ha detto...

Mi intrometto nella diatriba solo per dire a Jack & Co che tutto quello che si fa nel cammino non è assolutamente "libero" ma tutto programmato dal fondatore, inclusi i digiuni (da venerdi o giovedi) e tutto il resto. Quindi è ridicola di suo l'espressione "ricevo i sacramenti", faccio qui, faccio li; se Kiko ti ordinasse un mese di digiuno alla Pannella saresti costretto a farlo, poi verresti qui a raccontare che ti da tanta pace e serenità...

Personalmente poi, io neppure ricordo con esattezza tante cose del cammino tra cui i periodi di digiuno e non per questo non li ho fatti all'epoca! Quindi mi sembra ridicolo accusare una persona per una cosa scritta basata su un ricordo.

Per Tripudio, anche io penso che Kiko e Carmen possano avere tranquillamente messo da parte i desideri della carne in favore dei desideri del "comando" e del "potere". Non a caso tantissime biografie di dittatori e despoti raccontano personalità malate totalmente di sete di potere e con un sottile disprezzo verso tutto quello che ruota intorno alle persone, volgarmente si dice in Sicilia "cumannari è megghiu ca futtiri"...

Anonimo ha detto...

30anni

Sei in malafede perche' se e' vero che sei in cammino oggi il digiuno parte dal venerdi'. Forse quando hai cominciato tu era cosi, non lo so perche' sono un novellino, ma oggi e' cosi. Quindi non dire fesserie sul tuo presente in comunita'. Ogni anno si riporta l'annuncio di Pasqua e si dice che il digiuno parte dal venerdi'quindi sei sbudoratamente in malafede.

Povero Jackkino, accusa di malafede gli altri quando dovrebbe piuttosto guardare alla sua "ignoranza" (nel senso che ignora ...). Ricordo allora che è stato lui a dire con indignazione che il digiuno non poteva iniziare da giovedi. E' stato sgammato da più di uno che ha fatto il cammino e gli ha detto chiaro e tondo che il digiuno cominciava con la cena del giovedi e questo era detto come una cosa da fare. Dimostrazione evidente che il Jackkino è nuovo di cammino, e quello che non sa estrapola dall'esperienza presente. La realtà che vedo io è quella che h detto: i primi anni il giovedi era sempre ripetuto mentre negli ultimi anni in tutti gli annunci semplicemente non si dice da quando comincia. Se davvero dalle parti di Jackkino si parla del venerdi è solo perché evidentemente alcuni catechisti itineranti si accorgono del retromarcia sulla durata e preferiscono passarla sotto silenzio, mentre alcuni altri non si pongono il problema e ripropongono uno start al venerdi come se fosse un nuovo dogma che sostituisce il vecchio (ma ovviamente senza dirlo.

Anche sulla mia appartenza attuale al cammino evita di dire fesserie. L'ho sentito anch'io l'annuncio di Quaresima con richiesta finale di fare collette nelle comunità perché dopo tutte le convivenze con itineranti e Vescovi è rimasto un notevole debito da saldare dell'ordine di centinaia di migliaia di euro. Inoltre, se non lo sapessi, ti posso anche dire che quest'anno l'annuncio di Pasqua sarà insolitamente precoce perché Kiko lo farà la settimana prossima; quindi tieniti ronto a viaggiare nel fine settimana del 12-13 marzo.

by Tripudio ha detto...

"Gli hanno dato", cioè, chi?

Il famigerato cardinal Poletti, in odor di massoneria, costituì a Roma il primo seminario kikiano Redemptoris Mater nel 1988. Cioè diede a Kiko la libertà di far chiamare "seminario" una casa con dei fedelissimi kikiani che vi risiedevano.

Poletti, tirando per i capelli il Codice di Diritto Canonico, stabilì un periodo di prova di tre anni - laddove le società apostoliche, per farsi validare la propria casa di formazione, attendono di solito almeno cinque o sei anni (nella maggioranza dei casi molto di più). Il periodo di tre anni fu interrotto dopo due anni e mezzo all'inizio del 1991 con esito automagicamente positivo: infatti un paio di mesi dopo Poletti avrebbe dovuto dare le dimissioni per sopraggiunti limiti di età, e doveva lasciare le cose in modo che il suo successore non potesse facilmente bocciare la porcata.

Un regalo così grosso a Kiko è quantomeno sospetto, tanto più che nel 1988 il Cammino non solo non aveva i grandi numeri, ma non aveva neppure uno straccio di riconoscimento ecclesiastico! Ebbero da inventarsi la furbata del "Riconosco il Cammino" del 1990, lettera data da firmare al Papa a margine di un pranzo con fiumi di buon vino (qualcuno dice che GP2 fosse addirittura ubriaco, ma non abbiamo ancora testimonianze affidabili), lettera privata che fu immediatamente affissa in tutte le parrocchie per zittire i parroci.

Se io facessi parte di un qualsiasi movimento o associazione ecclesiale, e scoprissi magagne di questo genere, scapperei via di corsa. Non può essere opera di Dio quella che si fa strada con mezzucci e trucchetti che fanno sembrare angioletti perfino politici e mafiosi.

Ruben ha detto...

OT: Mario Adinolfi ieri, ha fondato il partito politico Cattolico, "Popolo delle Famiglie".

Da Wikipedia, su Mario Adinolfi apprendo:

"Vita privata:
Si sposa all'età di 20 anni con Elena Banzi (con cui ha una figlia, Livia); si separa dalla moglie dieci anni dopo[7][8] e infine divorzia[9]. Nel luglio 2013 sposa Silvia Pardolesi presso il Cosmopolitan Hotel di Las Vegas, in Nevada[10]; dalla nuova moglie ha un'altra figlia."

Scusate, ma è uno scherzo o cosa?!...

fine OT.
---

l'apostata ha detto...

@ Ruben

"...Mario Adinolfi ieri, ha fondato il partito politico Cattolico, "Popolo delle Famiglie..."

Quale scherzo? Di famiglie ne ha avute due, e perciò si è inventato il "Popolo delle famiglie".

Logico, no?

Bye ;-)

Anonimo ha detto...

Ciao amici,

Sono capitato su questo blog e ho letto tante pagine e discussioni terminando su questo post.
Non sono neocatecumenale, e credo che alcune cose del cammino siano discutibili, eppure c'è anche tanto bene.
Del cammino o semplici parrochiani siamo comunque fratelli con un comune destino, un pò più di carità, esprimere la verità in modo anche fermo ma rispettoso, tagliando ciò che è un pò troppo tagliente questo è cristiano, del cammino o non del cammino. Così la verità diventa anche più convincente
Buona Quaresima
Il Signore ci ama!
F

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ruben ha detto...

@Anonimo l'apostata ha detto...
@ Ruben
"...Mario Adinolfi ieri, ha fondato il partito politico Cattolico, "Popolo delle Famiglie..."
Quale scherzo? Di famiglie ne ha avute due, e perciò si è inventato il "Popolo delle famiglie".
Logico, no?
Bye ;-)
---
Assolutamente, Apostolo!...

Il senso dell'umorismo, quello vero però(come il tuo), è cosa rara!..

Ruben ha detto...

Sempre su Adinolfi, tornando seri:

Quest'uomo ha, secondo secondo i Comandamenti della Chiesa Cattolica, un divorzio, un pubbico concubinaggio ed un adulterio reiterato; mi sembra anche giusto, che fino adesso, il Vaticano non abbia commentato...

Cari amici NC, un domani, prima di dare il voto al PDF, magari, pensate a chi lo date!...
---

l'apostata ha detto...

@ F

"...Non sono neocatecumenale, e credo che alcune cose del cammino siano discutibili..."

Come fai a conoscerle, dato che tengono tutto segreto?

Quali sono le cose discutibili per te?

Grazie.

by Tripudio ha detto...

Caro amico "F" delle 14:11,

spiegaci un po' a parole tue quali sono le cose «discutibili» del Cammino.

La loro liturgia zeppa di abusi e strafalcioni e che offende Nostro Signore?

La loro dottrina zeppa di ambiguità, errori, e vere e proprie eresie?

Il loro settarismo quanto a famiglia, denaro, rapporto con i vescovi, e tutto il resto?

La loro mentalità secondo cui è lecito e addirittura necessario essere ipocriti e mentitori quando ciò sia utile al prestigio del Cammino?

Vedi, anche tra i nostri fratelli protestanti e testimoni di geova c'è tanto bene. Anche loro pregano Dio, cantano i salmi, si danno da fare nelle loro comunità; anche loro dicono "il Signore ci ama".

Almeno loro, però, non si spacciano per cattolici.

Anonimo ha detto...

cari Apostata e Tripudio,

Anche se tenessero tutto segreto, ma non mi pare vero affermare questo,
ci si può fare un idea dalle proprie conoscenze con persone che sono nel cammino o da quello che si sente comunemente dire.

con il mio post non volevo entrare troppo nel merito della discussione, perchè veramente i neocat non li conosco bene, ma per sentito dire

ma volevo dire semplicemente "state boni se potete!", impariamo a vedere anche il bene, perchè sennò siamo fuori da un giudizio obiettivo

ciao fratelli
F

Ruben ha detto...

@Anonimo F delle 14:11
Come fai a sostenere di non essere Neocatecumenale, se chuidi il tuo post, con due mantra del Cammino, ovvero:

"Buona quaresima"
"Il Signore ci ama"
???
---

Jack ha detto...

Caro F. non perdere tempo, per loro chi non e' con loro e' contro di loro. Risultato, il blog, a parte qualcuno di buona volonta, e' frequentato da 4/5 super cristiani che non vanno al di la del loro naso. Jack

PFF ha detto...

Cari amici,
vi scrivevo qualche giorno fa.

Vi scrivo oggi, cercando di essere il più asciutto possibile, senza inserire commenti, per dirvi che probabilmente siamo vicini alla resa dei conti.

Kiko, accompagnato solo da P.Mario, in questi giorni è stato convocato presso la Santa Sede.
Nell'incontro, durato al massimo 15 minuti, gli sono state notificate le nuove indicazioni del Santo Padre.
Kiko ha chiesto di essere immediatamente ricevuto dal Santo Padre. Non gli è stato concesso. Urla e strepiti vari, con il risultato che è stato accompagnato all'uscita.

Altro per il momento non so.

Saluti.

PFF

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

@Ruben ha detto...
"Cari amici NC, un domani, prima di dare il voto al PDF, magari, pensate a chi lo date!"

Si capisce, adesso, perché il segretario della CEI mons. Galantino si è tenuto lontano dai politicanti del Family day? E perché il Papa sul volo di ritorno dal Messico ha detto: "Il pontefice è per tutti, non può mettersi in politica"? Mica pensate che il Vaticano sia retto da stupidotti ignari dei giochini politici organizzati a tavolino da "pesciolini di cannuccia" come quelli del Family day?
L'ho scritto un mese fa, quando presi le distanze: il Circo Massimo è un laboratorio politico.

Dovessero fare il PDF (roba al massimo da un 1,5%, con il 10% del voto normalmente assenteista procurato agli avversari), chi ci rimetterà le penne per primo sarà il Cammino neocatecumenale di Kiko Arguello, già escluso dal palco perché politically incorrect.
"Cammino, io ti ammazzerò / sei troppo stupido per vivere", sarà l'ultimo canto che i neocatecumenali canteranno, i medesimi neocatecumenali che hanno contribuito a riempire il Circo politico di Adinolfi e Gandolfini :-)

Anonimo ha detto...

ciao Ruben, veramente non sono del cammino

son sorpreso di apprendere che questi sono 2 mantra del cammino
concordo che non sono certo forme di saluto usuali,


F

Lino ha detto...

P.S.
Solo per ridere. "È chiaro che questo ce lo avrebbero dovuto dire prima, ma non importa", ha detto Kiko in una intervista per commentare la sua esclusione dal palco del Family day.
Ah Kiko, ma che ti dovevano dire? Sei un profeta, tu, o no? Non sei ispirato H24?
Allora, perlomeno, abbi la compiacenza di tacere se questi veramente fonderanno il PDF. Anzi, abbi l'umiltà di dire: "non avevo capito un cacchio".

Valentina Giusti ha detto...

Dice Nevio:
Rispondo al ciochino, come direbbe Frassica:
Kiko fa un bagno di umiltà... (la foto è ritoccata: cosa aveva nella mano sinistra?)
Secondo me, dall’espressione del viso trionfante e dal segno della mano sinistra, sta tirando a riva 3 cefali cinesi intrappolati nella rete provenienti dal Mar Giallo dopo l’Annuncio di Quaresima a Yantai.

Bella risposta! Io invece, più prosaicamente, mi ero fermata al salvagente a forma di sigaro o santino.

Ruben ha detto...

@F 17:35
Caspita F ha fatto bingo!...

Hai centrato due casualità esatte su due milioni di possibilità.

Ma non hai vinto nulla!!
---

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Sandokan ha detto...

Certo che questo blog pullula di SPIONI. Ora capisco perche' non volete incontrarmi...... Sapete come sono considerati gli spioni? Un consiglio la sera non vi guardate allo specchio!Una cosa pero'e' certa che alla fine vincera' la verita' e poi vedremo. Buona serata, vado al post. Sandokan

Ruben ha detto...

OT:
@Lino 17:33

"pesciolini di cannuccia"...

Quanto è forte e incisivo questo dialetto nostro!

Diceva sempre il grande Edoardo!
---

l'apostata ha detto...

@ F

"...veramente i neocat non li conosco bene, ma per sentito dire..."

Guagliò, ccà nisciuno è fesso!


@ Jack e al suo demonio muto

"...Caro F. non perdere tempo, per loro chi non e' con loro e' contro di loro. Risultato, il blog, a parte qualcuno di buona volonta, e' frequentato da 4/5 super cristiani che non vanno al di la del loro naso..."

Io ci ho provato a dialogare con te, ma evidentemente ha prevalso il tuo demonio muto.

Mah...

Cordialità ad entrambi.

by Tripudio ha detto...

Con l'accusa di essere "spioni" il fratello Sandokan ci ha confermato che la notizia è vera ed è vergognosa per il Cammino.

Lino ha detto...

Già, Ruben. "Piscetiell' 'e cannuccia", per la precisione, le specie che abboccano con estrema facilità a un amo, che perfino i bambini pescavano a Mergellina, ai tempi di Eduardo. Per lo più erano "bavose" di pochi centimetri ;-)
Kiko riempie (perlomeno) mezzo Circo Massimo, muove neocatecumenali a frotte da mezza Italia e cosa ne ricava? L'esclusione dal palco.
"Ce lo avrebbero dovuto dire prima", si lamenta. Ha ragione, capita in politica, sarebbe da compatire Kiko, se non si ritenesse un profeta onnisciente illuminato :-).

l'apostata ha detto...

@ Sandokan

Ma come mai hai tante difficoltà ad indicarci la tua stravagante parrocchia neocat, dove le celebrazioni sono aperte a tutti ma il parroco non vuole che si sappia?

Fosse quella della prima comunità della Malesia, con te Sandokan responsabile, Yanez capocantore e Marian ostiaria?

Quanti Tigrotti partecipano in media?

E quando fate gli abbordaggi usate il sacco nero, tu e i tuoi pirati della Malesia, gridando "o la decima o la vita"?

Certo che tu sei una testimonianza vivente dei miracoli di Sankiko contafrottole. Ha trasformato te, la Tigre, in un bravo pecorone camminante, che non pensa mai e obbedisce sempre.

Un'ultima domanda, quando fate il girotondo finale, tu e i tuoi Tigrotti, che cantate? Mariaaaaaa(n), beata Mariaaaaa(n)?

Salutaci Yanez. Grazie.



p.s. Quanto alla foto di Sankiko bagnino, ho scoperto cosa hanno tolto con Photoshop.

Il Nostro, davvero infaticabile, teneva tra le mani un enorme sacco nero: ha provato a riscuotere la decima anche fra gli ignari bagnanti!

E' stato denunciato per accattonaggio e portato in Questura. I Vigili avevano palesemente un demonio!

Pobrecito, que sufrimiento...

by Tripudio ha detto...

Notare le somiglianze:

Sandokan: "Le celebrazioni del Cammino sono pubbliche ma il parroco non vuole che si sappia".

Pontificio Consiglio per i Laici: "Il Direttorio catechetico del Cammino è pubblicabile ma il Cammino non vuole che si pubblichi".


Quanto al bagno di umiltà del Sufrimiento di Kiko in Vaticano (che ha dato in escandescenze come un vero indemoniato, ci voleva un esorcista e qualche secchiata di acqua esorcizzata), sarebbe piuttosto interessante sapere chi ha scattato quella foto e l'ha abusivamente pubblicata senza il permesso di Don Kikolone... Nessuno dei fedelissimi si permetterebbe mai, ma qualche loro figlio un po' degenere sì.

Anonimo ha detto...

Posso assicurare, visto che ero ancora anche se per pochi mesi in cammino, che nel 2014il digiuno iniziava dal giovedì Santo.

Xz

Anonimo ha detto...

Sandokan: "Le celebrazioni del Cammino sono pubbliche ma il parroco non vuole che si sappia"
Ci credo c'è solo da vergognarsi a celebrare il Santo Sacrificio in quella maniera.

Xz

Anonimo ha detto...

@Ruben,
simpatica la battuta!in effeti ci sformo un pò che non ho vinto niente

@Anonimo

"...veramente i neocat non li conosco bene, ma per sentito dire..."

Guagliò, ccà nisciuno è fesso!

avrei dovuto dire "soprattutto per sentito dire", perchè in effetti qualcuno ne ho conosciuto, ma in un modo molto limitato,
guarda che ci sono ancora tante parrocchie e città dove i neocatec non ci sono o la presenza è molto limitata, sarà che sono un provinciale... ;-)
F

psyco ha detto...

KIKO CAMMINA SULLE ACQUE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

@ PFF delle 17:14
Non so se sia vero quello che scrivi (magari!!!), ma grazie perché hai sempre la capacità di farmi sognare... ma prima o poi i sogni si avverano.
Ora andrò a dormire sognando la faccia di Kiko furibondo perché ha capito che il Cammino è distrutto. Grazie.
Marco

Anonimo ha detto...

Potresti essere meno asciutto?
Credo che siamo tutti curiosi :)
Indicazioni in merito?
Brutto anno per lui se è vero quello che dici tra Family Day e il resto :)

Ruben ha detto...

@ Sandokan ha detto...
"Certo che questo blog pullula di SPIONI. Ora capisco perche' non volete incontrarmi...... Sapete come sono considerati gli spioni? Un consiglio la sera non vi guardate allo specchio!Una cosa pero'e' certa che alla fine vincera' la verita' e poi vedremo. Buona serata, vado al post. Sandokan"
---
Sandokan,
l'ho già ripetuto in un altro post: vai a vedere la definizione di spione o meglio "spia"sul web, dove i dizionari non mancano.

Qui non si riportano segreti, bensì, molto tranquillamente, ciò che fate.

Ricordo, che il sottoscritto, e stato da "voi", tacciato di "spionaggio", anche per aver riferito ciò che accadeva da tre anni a questa parte, nelle cento piazze del proprio quartiere di appartenenza: "cento piazze", se è in piazza, la cosa è pubblica, altro che spionaggio!...

sandavi ha detto...

Ci mancava il PFF.
Bell'armamentario di casi umani.

Lino ha detto...

Bell'armamentario di asini, sandavi. Leggete questo cosa scrive, nella famigerata pagina del Cammino che tramite Cristo dovrebbe salvare tutto ciò che c'è da salvare:
qui

Capito, Sandokan? Capito, Saverio? Questo l'esito di decenni di Cammino, catechesi, annunci: "Tu pensi che il Peccato del Figlio non possa ricadere sul Padre? e perchè diventano poi camorristi i figli?".
E poi si lamentano che io insisto su Gv 9, del quale non hanno capito un'acca!

Lino ha detto...

"Se la Fede va Trasmessa ai Figli, tu pensi che il male non si trasmette anche nei Figli?" ha scritto l'asino. Rsto in attesa che Sandokan o Saverio vadano là a correggerlo. O la pensano allo stesso modo, come i farisei?

psyco ha detto...

articolo : LA MOGLIE DI KIKO
http://thoughtfulcatholic.com/?page_id=45121
ora i nc senza nemmeno leggerlo grideranno che KIKO è celibe e casto !!!!!!!!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

@ Blogger Lino ha detto...
"Se la Fede va Trasmessa ai Figli, tu pensi che il male non si trasmette anche nei Figli?" ha scritto l'asino. Rsto in attesa che Sandokan o Saverio vadano là a correggerlo. O la pensano allo stesso modo, come i farisei?


sono un Dio geloso che punisce l'iniquità dei padri sui figli fino alla quarta generazione«, dice il Signore in Esodo 20:5. I peccati dei padri ricadono sui figli. Molte volte l'innocente soffre per il colpevole. Ma ciò che Dio intende dire è che quando i padri peccano il loro esempio è seguito dai figli. L'iniquità dei padri verrà perciò punita nei figli.

elena ha detto...

Una precisazione sul nuovo partito delle famiglie: è vstata un' iniziativa estemporanea di Adinolfi e l' avvocato Amato che l' altra mattina si son svegliati e hanno messo su un partito che farà la fine del Quotidiano La croce dello stesso Adinolfi.
Gandolfini, Miriano e company, a quanto dicono l' hanno saputo da internet nello stesso momento in cui l' hanno saputo tutti.
La vedo molto grigia....

by Tripudio ha detto...

Come al solito il letteralismo biblico rincretinisce i neocatecumenali.

"I peccati dei padri ricadono sui figli": se parliamo delle conseguenze del peccato, in certi casi è verissimo - prendi ad esempio i genitori drogati, e il figlio si ritrova patologie che non aveva. Oppure considerate l'aborto.

"I peccati dei padri ricadono sui figli": se parliamo della responsabilità morale, è falso - nel cuore di un figlio innocente il Signore troverà mica i peccati commessi da suo padre?

Queste cose sono vere anche nella direzione opposta.

Per esempio potremmo dire: "la vocazione dei figli «ricade» sui genitori": un figlio che sinceramente si consacra a Dio, ottiene (senza magari nemmeno rendersene conto) un fiume di grazia sui genitori. Anche se i genitori erano atei e ostili alla vocazione o addirittura ignari del fatto - sono pur sempre i suoi genitori, coloro che lo hanno generato e fatto crescere al punto che costui ha potuto avere la libertà di accettare il dono della vocazione. (Era questo il motivo per cui era considerato così prezioso l'avere un figlio o una figlia consacrati; oggi invece in certi ambienti - come il Cammino - la vocazione di un figlio è solo uno status symbol da vantare in comunità e nelle convivenze).

Lino ha detto...

@ anonimo 08:30
Geremia 31,29-30: "In quei giorni non si dirà più: I padri han mangiato uva acerba e i denti dei figli si sono allegati! Ma ognuno morirà per la sua propria iniquità; a ogni persona che mangi l'uva acerba si allegheranno i denti".

Se si comincia a estrapolare versetti dall'AT, egregio anonimo, non la finiamo più. Magari, seguendo Mosè, ripudiamo la moglie per qualsiasi motivo.

Magari, con uno studio un poco più approfondito di Gv 9:1-3, potreste capire che voi non vivete nell'ebraismo del tempo dell'Antico Testamento ma - lo riferisco per vostra informazione - "il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi".

Anonimo ha detto...

"sono un Dio geloso che punisce l'iniquità dei padri sui figli fino alla quarta generazione«, dice il Signore in Esodo 20:5. I peccati dei padri ricadono sui figli. Molte volte l'innocente soffre per il colpevole. Ma ciò che Dio intende dire è che quando i padri peccano il loro esempio è seguito dai figli. L'iniquità dei padri verrà perciò punita nei figli."
E' proprio vero questi conoscono solo il Vecchio Testamento, della Nuova Alleanza non hanno capito un tubo.

Xz

Vincenzo ha detto...

Stanno a citare sempre e solo l'AT, peraltro a loro uso e consumo. Ma io dico, non sarebbe più facile per loro aderire all'ebraismo, una volta per tutte?

by Tripudio ha detto...

I neocatecumenali però si sentono tranquilli: non risultano casi di kikos coi denti allegati.

sandavi ha detto...

Che razza di commenti imbecilli da Testimoni di Geova. Cominciò a pensare che non siete ignoranti ma proprio stupidi. E accecati.
Ti risulta che dobbiamo lapidare adulteri ed effeminati? Ti risulta che se tocchiamo una donna nel suo ciclo poi dobbiamo fare le abluzioni? Ti risulta che cadano fulmini dal Cielo e fuoco sui perversi? Siete anche contrari alla stessa Scrittura! L'intero libro di Giobbe vi smentisce! Ha ragione Xz della quale adoro la semplicità schietta: non avete capito un tubo della nuova alleanza

Vincenzo ha detto...

@ sandavi

Ma infatti, quando si parla di quello che fanno e di come lo fanno, la maggior parte delle persone crede che si stia parlando dei Testimoni di Geova!

LAPAZ ha detto...


2 marzo 2016 14:24

Anonimo Uomo Libero ha detto...
"Vorrei chiedere a qualche neocatecumenale se per risolvere problemi intestinali è utile leggere "Il Kerigma" di Kiko".....

Grazie

jajaja, acabo de leer tu comentario, no sé si persisten aún tus problemas intestinales, yo te diría que el mejor laxante neocatecumenal es suministrado en las primeras eucaristías pascuales a los elegidos: el cáliz de leche caliente con miel apenas habido comulgado.
Te lo desaconsejo porque requiere al menos veinte años de desarrollar culo de mono con almorranas, quizá por una extraña alergia al metacrilato.
Entonces es peor el remedio que la enfermedad. No merece la pena.
No he provado a tragarme el Kerygma de Kiko por via oral. Por qué no pruebas con su Evangelio de los Miserables? Ese sí le provoca a Kiko diarrea, por eso lo mantiene escondido y alejado de los obispos. Mucha suerte!

GOOGLE TRANSLATOR:
hahahaha, ho appena letto il tuo commento, non so se i vostri problemi intestinali persistono, vorrei dire che la migliore lassativo Neocatecumenale viene somministrato nelle prime celebrazioni eucaristiche pasquali per gli eletti: la tazza di latte caldo con il miele appena dietro comunione.
Io sconsiglio perché bisogna attendere almeno vent'anni che si sviluppa culo di scimmia con amorranas, forse da una strana allergia al metacrilato.
Poi la cura è peggiore della malattia. Non vale la pena.
Non ho provato di ingoiare il Kerigma di Kiko per via orale. Perché non provare con il suo Vangelo di Miserables? Ciò sì provoca diarrea in Kiko, lo tiene nascosto e lontano dai vescovi. Buona fortuna!

Lino ha detto...

@ LAPAZ
"Sono sceso per liberarlo dalla mano dell'Egitto e per farlo uscire da questo paese verso un paese bello e spazioso, verso un paese dove scorre latte e miele, verso il luogo dove si trovano il Cananeo, l'Hittita, l'Amorreo, il Perizzita, l'Eveo, il Gebuseo" (Esodo 3,8)

Essendo stati eletti, i neocat sono usciti dalla schiavitù. Il latte con il miele è simbolo della conseguita uscita dall'Egitto, cioè dal peccato, secondo il consolidato simbolismo che possiamo addirittura ritrovare nell'epistola Cangrande della Scala, nella quale Dante spiegò i quattro livelli di lettura delle Scritture.
I neocatecumenali tendono a contestare che la distribuzione avvenga "appena dietro la Comunione" (ciò sebbene le testimonianze dei fuoriusciti siano molteplici). Dal punto di vista simbolico, dopo la Comunione o dopo la benedizione finale non cambia la questione: si crea confusione con le Sacre Specie. E questo a maggior ragione nel Cammino, dove si insegna che "Nelle comunità portiamo avanti infatti una catechesi basata sulla Pasqua ebrea, con il pane azzimo a significare la schiavitù e l’uscita dall’Egitto e la coppa del vino a significare la Terra promessa”. Analogo significato del latte e miele, come si legge in Esodo 3. La confusione più assoluta in un reiterato ritorno all'AT.

LAPAZ ha detto...

Lino, efectivamente la ingesta de leche caliente con miel justo después de comulgar es un disparate. Sin ir a argumentos teológicos, solo al sentido común, uno se pregunta: acaso la Sagrada Cena estaba incompleta? La respuesta para el triunvirato K-K-Pezzicola es SÍ.




Lino ha detto...

LAPAZ ha detto: "acaso la Sagrada Cena estaba incompleta?"

Sì, LAPAZ, andava completata :-)

E Kiko disse: "Non pensate che io sia venuto per abolire l'Eucarestia, soltanto per completarla con il balletto, e con la tazza di latte e miele nella Ottava di Pasqua. E a spiegarla, perché prima di me, da Costantino al CV II ma anche dopo, fino ai baraccati di Palomeras Altas, nessuno aveva capito un tubo".

Anonimo ha detto...

Voi parlate intanto quello scioccato di Socci ha già santificato Kikohttp://www.antoniosocci.com/e-in-corso-la-demolizione-della-chiesa-di-cristo-e-questi-discutono-se-fare-uninutile-listarella-per-il-campidoglio/#more-4312

Anonimo ha detto...

Quanto astio nel vostro cuore fratelli!Da come parlate avete un buona conoscenza del cammino,ma dal disprezzo di come ne parlate qualche brutto trauma emerge,mi dispiace..A me in 20anni ha dato vita nuova,amore in famiglia,forza nelle avversità, perdono dei miei peccati,una comunità che mi.accetta.così come sono.Mi dispiace per voi,unabbraccio fraterno

by Tripudio ha detto...

Ecco un altro anonimo che sa leggere nel cuore dei fratelli...

Il Cammino ti ha dato tante cose - vogliamo anche crederti -, ma non ti ha dato l'essenziale: la liturgia istituita dalla Chiesa, la dottrina insegnata dalla Chiesa, la Tradizione della Chiesa, il Magistero della Chiesa...