giovedì 23 giugno 2022

Madonna del Silenzio

Scrive san Giovanni della Croce: “Il più grande bisogno che noi abbiamo è di fare silenzio con la lingua dinanzi a questo grande Dio, poiché il linguaggio che Egli ascolta è soltanto l’amore silenzioso”

 

Sant'Anna, l'originale / la "Vergine del silenzio" di Kiko

Kiko Argüello ha dipinto una figura ambigua e atipica - che i nc identificano erroneamente come la Madonna - che esorta al silenzio poggiandosi l'indice sulle labbra. Un messaggio controverso che simboleggia più che altro il silenzio settario a cui debbono attenersi gli affiliati. Nulla deve filtrare fuori dalle loro spesse mura, il segreto è principe e protagonista del caotico ambiente. L'altro senso visibile e manifesto applicato da Kiko a questa immagine (che lui ha malamente riprodotto contornandola di nero e permeandola di malizia) è quello dell'esclusione di Maria. Il Suo silenzio diviene una scusa per porLa fuori dal cammino dei suoi seguaci. Ma Maria, in verità, tace di sé, perché tutto in Lei parla di Dio.

Forse ciò è sconveniente per Kiko?

Il silenzio di Maria è meditativo, orante, un silenzio efficace per aprire il cuore e parlare ininterrottamente con Dio. Ecco a cosa ci deve ispirare tal magnifico silenzio, a far ciò che una bambina di nove anni comprese ed espresse in due semplici parole.

Fra Emiliano Antonucci spiega che:

"La più bella definizione della Madonna del Silenzio non me l’ha data un mariologo, ma una bambina di 9 anni. Guardando l’immagine, Sofia si rivolge alla sua mamma e dice: se la Madonna ci chiede di fare silenzio significa che il Figlio ci deve dire qualcosa".

Altro che Kiko, catechisti illuminati e percorsi umani durevoli una vita, per adorare veramente Cristo 'basta' un bambino! (Le autorità religiose disapprovavano il comportamento dei fanciulli che gridavano nel tempio: "Osanna al figlio di Davide!").

La circostanza spiacevole è che nel movimento nc non è fattibile abbassare il rumore di fondo per connettersi con lo Spirito, poiché il caos è parte integrante e inscindibile del contesto. Sicché: o si abbandona l'eretico ambiente oppure ci si deve rassegnare.  


Essi acclamano, sempre con una condotta chiassosa: «Shemà Israel!».

...era come agnello condotto al macello,
come pecora muta di fronte ai suoi tosatori,
e non aprì la sua bocca.(Is 53,7)
L’ascolto è la condizione per relazionarsi con se stessi e con Dio, ma l'ascolto inteso alla maniera del neocatecumeno è tutt'altro che proficuo per la spiritualità. Bisogna sedersi, ascoltare perpetuamente una parola che non è quella di Dio - le catechesi impositive di Kiko e Carmen - aderirvi e lasciarsi trascinare. Il tutto farcito da danze e musiche etniche dal ritmo immutabile e rintronante che occupano la mente rendendola euforica. L'ilarità di questo genere è associabile al caos interiore, il quale proibisce la contemplazione e cagiona la ribellione, la sordità spirituale e la disobbedienza alla volontà di Dio. Il popolo è quindi ingannato, perché l'euforia non è edificazione e perché la saletta ha levato dalle loro vite il Santissimo Sacramento che, essendo presente sotto le specie del pane, secondo la teoria dei due menzogneri fondatori del cammino neocatecumenale va a male e non merita, o comunque non propone, d'essere adorato.

L'Icona della Madonna del Silenzio ci confida che la fede di Maria è come un fiore sbocciato sul terreno del silenzio. Un silenzio in cui Ella ha potuto mettersi in ascolto - un ascolto sublime e produttivo che non coincide con lo shemà kikiano: prostrazione assoluta alle catechesi improduttive e inique dei "due falsi profeti" cit. Padre Pio - della Parola che Dio Le rivolgeva. 

La Madonna conserva il silenzio come un bene inestimabile, custodendo nel cuore ciò che Ella vede e vive, rimanendo vicina al Figlio; adorandolo.

Sant’Isacco di Ninive, vescovo, teologo e mistico, del sec. VII, scrive: “Il silenzio è come la luce del sole; ti illuminerà in Dio e ti libererà dai fantasmi dell’ignoranza. Il silenzio ti renderà una sola cosa con Dio” 

107 commenti:

  1. https://www.ilmessaggero.it/roma/news/catechista_violenza_sessuale_abusi_minorenne_roma_chi_e_processo-6767706.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già risposto nel post precedente.
      Era ora chqualcuno denunciasse!
      Ruben.
      ---

      Elimina
    2. Siccome i padrini del post-cresima devono necessariamente essere una coppia, vorrei sottolineare che questo cinquantenne guida-spirituale era per forza anche sposato e magari anche padre.
      Alle molestie sulla ragazzina si aggiungono quindi anche l'adulterio e la cattiva genitorialità.

      Eppure tutti si fidavano, genitori della ragazzina compresi.
      Chissà quanti "Signore, Signore" avrà pronunciato negli anni in cui la molestava.
      Tanto, come dicono i neocatecumenali, il Signore ti ama peccatore, non importa che tu cambi per essere amato.
      Bella filosofia...

      Elimina
  2. Un madonnaro qualsiasi ha più talento pittorico di Kiko

    RispondiElimina
  3. @Tommy,
    Usted no sabe que Kiko, gano' en Espana,
    un premio de Arte muy, muy, importante?!
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ruben
      Al massimo, Kiko potrebbe aver vinto le matite per colorare.

      Elimina
    2. Tommy,
      talvolta ci fa anche piacere schezare.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. ecco.......

      Elimina
  4. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. il più petomane

    Kiko ha letto che alla Rai un'impiegata si è lamentata del suo collega di ufficio che, a furia di scorreggiare, ammorbava l'aria impedendole un sereno e proficuo lavoro. Orrorizzato, Kiko ha chiesto l'intervento di Carmen, e lei, da Lassù, con uno schiocco di dita, ha non solo eliminato l'inverecondo rumore ma anche trasformato l'olezzo in un bellissimo profumo di viole. Kiko ha avvisato Semeraro che ha avvisato il Papa che ha detto : "hermano cardenal, solo Carmensita poteva risolvere esto problema, quindi es d'uopo premiarla con la beatificasion". Semeraro ha avvisato kiko, che ha ringraziato il Santo Padre inviandogli un plico contenente una pagina dell'ormai famoso libro di Silvan Manuale per prestigiatori dilettanti, ed. Garzanti, 1978, dal titolo : trucco per trasformare una scorreggia in un profumo di fiori.

    e la causa continua....

    RispondiElimina
  5. Questo catechista inquisito era del Cammino?Di quale parrocchia e comunità?Volete dirci per cortesia se è sicuro che sia un catechista del Cammino?Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggiti l'articolo è tutto scritto lì

      per i pigri era il Padrino del dopocresima cnc e la vittima un'adolescente a lui affidata

      Elimina
    2. Neanche davanti all'evidenza più cruda vi arrendere. 🤬

      È scritto nero su bianco.
      Ma per uno scandalo venuto alla luce sai quanti ne hanno seppelliti insieme alla povera vittima?
      Neanche immagini!

      Pax

      Elimina
  6. @Blog

    Se la notizia di questo catechista vorrebbe gettare fango sul Cammino, faccio notare che di abusi sessuali ne sono segnalati ovunque, e di mele marce ce ne sono ovunque, anche nel mondo tradizionalista e nelle parrocchie, dovremmo condannare tutti e chiudere le parrocchie, quindi mi sembra un tentativo piuttisto ridicolo. Poi se costui ha sbagliato commettendo un reato ne risponderà davanti alla legge umana e divina. Resta comunque sempre vero, per la legge italiana, che fino alla condanna definitiva nessuno può essere dichiarato colpevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto, il presbiteraccio che raccomanda alle vittime di "perdonare" (= insabbiare) l'abuso è sempre rigorosamente un burattino di Kiko. E non insisto oltre, nella descrizione del funzionamento del burattino ma ci siamo capiti.

      Elimina
    2. @anonimo
      è vero, queste cose purtroppo accadono in altri contesti anche religiosi, e fino alla condanna definitiva nessuno è colpevole. Ti ricordo però che Apuron è stato condannato anche in appello, ma c'è chi ancora nel Cammino lo ritiene innocente. Lo stesso Kiko ha parlato di persecuzione contro di lui e lo ha anche invitato il 5 maggio davanti al Papa, lo stesso Papa che lo aveva condannato. Sia chiaro, solo Dio può giudicare, nel dire che una persona è colpevole mi baso solo sulle sentenze. Inoltre, credo che solo nel Cammino e in altri gruppi più o meno settari come gli Amish quando accadono queste cose è sempre la vittima a essere colpevolizzata. Pregherò per questa situazione e invito tutti a pregare per questo, ma mi auguro che, se la ragazza decidesse di restare nel Cammino, al secondo passaggio non gli venga chiesto di andare a chiedere perdono al suo aggressore per averlo giudicato. Ma più di ogni cosa le auguro che un giorno possa guarire spiritualmente e psicologicamente da tutto questo!

      Elimina
    3. allora decidetevi una volta per tutte!
      quando vi conviene siete i più fighi, i più santi, quelli con l'unico metodo valido, quelli che non si separano, quelli che...etc etc.
      e adesso crcate di buttarla sul "mal comune mezzo gaudio"
      lo screditare il cammino in questo caso, visto che non lo capisci da solo, non è legato al fatto in se ( che già basterebbe ) ma ha un molto più ampio respiro. Tutto il vostro sbattervi non porta a niente di diverso da come va il mondo, avete fallito su tutta la linea e stanno venendo al pettine i risultati.
      pertanto abbiate la buona creanza di evitare ulteriori commenti con il solito mantra "nel cammino quì, nel cammino lì"

      Elimina
    4. Anonimo 23 giugno 2022 13:20
      Si, accadono in vari contesti, vedi
      Apuron e McCarrick.
      In ogni caso, per la legge italiana,
      la denuncia in questione, non può
      essere ritirata, in quanto il reato
      è perseguibile d 'ufficio; quindi il
      Procuratore della Repubblica competente, o chi per Lui, dovranno andare in fondo alla questione, procedimento penale
      compreso.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. capito FAV?

      Elimina
  7. E infatti il Cammino neocatecumenale, e la cosa è stata comunicata nel 2019 da don Ezechiele Pasotti, siccome non è un associazione (quindi non ha minori affidati ad adulti? Non fa dopocresima? Non ha didascali? Non fa entrare i bambini in comunità a 13 anni?) non ritiene di dover stilare delle linee guida contro l'abuso.
    Anzi, la gestione degli abusi è demandata alle equipe di catechisti (che poi telefonano a Kiko per elaborare la miglior strategia) che, solitamente, risolvono tutto imponendo alla vittima di "perdonare".
    Motivo per cui, se è vero che certe cose possono capitare in tutti gli ambienti, i neocatecumenali sono quelli, finora, che le hanno gestite nel modo peggiore. E ne abbiamo le prove per le tante testimonianze pervenute al nostro blog.

    RispondiElimina
  8. La Madonna del silenzio la mettono persino sui manifesti delle catechesi, giusto per chiarire fin da subito che non si tratta di avviare un dialogo: i catechisti parlano (ripetendo Kiko) e gli altri ascoltano.
    Al contrario, nel corso della Messa, quando veramente il silenzio sarebbe necessario, non solo durante la consacrazione, ma prima e dopo le letture, è tutto un profluvio di parole, o meglio di monologhi, fra monizioni e risonanze. Persino durante l'adorazione, quando viene fatta, non c'è il silenzio. Sembra che ne abbiano paura. Due cose sono temute: il silenzio ed il dialogo; forse perché sono due situazioni in cui possono emergere idee nuove e non controllate, nel primo caso dalla meditazione e dell'ispirazione, nel secondo caso dal confronto.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. @Valentina Giusti 15,05
      Sono talmente ipocriti, che nelle quattro Messe NC alle quali ho
      assistito (anche troppe, perché dopo stai male), hanno evitato, presente un "estraneo", le
      risonanze, le mozioni ed altro.
      Nel maggio 2004 , ricordo ancora lo sguardo di fuoco dell'addetto a "stappare
      il vino", che, con odio, mi inceneriva.
      Ruben.
      ---

      Elimina
  9. Grazie Rebel per questo post sulla Santa Vergine e per ricordarci l'importanza della meditazione e del corretto modo di utilizzare il silenzio.

    In tema con l'argomento proposto vorrei avanzare una riflessione sulle parole di Maria nel Vangelo nelle tre fondamentali occasioni, l'Annunciazione, la Visitazione, le nozze di Cana.

    1) All'Annunciazione Maria risponde con “ Ecce ancilla Domini; fiat mihi secundum verbum tuum ” - "ecco la serva del Signore, sia di me secondo la tua Parola". Ella accetta la Volontà divina e grazie a Lei, la Salvezza entra nel mondo.

    2) Durante la Visitazione, Santa Elisabetta accoglie Maria Santissima con "A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me?" e sarebbe stato semplice per chiunque altra insuperbirsi e sentirsi importante in quanto Madre del Salvatore. Maria invece prorompe nella stupenda laude del Magnificat.

    3) Alle nozze di Cana la Santa Vergine intercede per gli invitati prima ancora che ne venga manifestata la necessità e le sue ultime parole nel Vangelo sono "Fate tutto quello che egli vi dirà".

    Seppure Maria Santissima parli poco nei Vangeli, in realtà dice cose fondamentali ed è per noi l'esempio da seguire, nella relazione con Dio, con noi stessi e con gli altri: ci insegna ad accettare la Volontà di Dio, a non insuperbirci ma piuttosto a rendere lode a Dio per ogni bene ed a sollecitarlo in favore del nostro prossimo.

    Che i neocatecumenali releghino la Regina del Cielo in un angoletto a fare la bella statuina in silenzio significa che non hanno compreso nulla della potenza di Dio che si manifesta attraverso di Lei e che all'intercessione di Lei facilmente si piega.
    Non per niente le litanie esaltano tutte le sue virtù e la acclamano come Regina degli angeli, dei patriarchi, dei profeti degli apostoli, dei santi tutti e non come "piccola Maria".

    Il silenzio mariano interviene in ogni occasione di meraviglia, quando Maria medita gli eventi nel suo cuore (invece di fare come i nc che prendono la chitarra e starnazzano ai quattro venti la loro falsa gioia) e si pone in relazione con Dio per mezzo di questo stupore.

    Irene

    RispondiElimina
  10. Non se ne può più con gli Anonimi che ogni volta che il Cammino è messo spalle al muro se ne escono con i paragoni.
    Ma se voi siete unici?
    A chi vi paragonate?
    Chi è come voi?
    Avete lo Spirito Santo e lo avete SOLO voi.
    Perché questo dite e dice Kiko stesso di sé.
    Allora NO
    Questo alibi proprio non funziona.

    Oppure chiudiamo l'argomento nell'unica maniera possibile e che ci mette d'accordo tutti
    AVETE CLAMOROSAMENTE FALLITO.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Pax
      Magari su questo mio commento,
      puoi essermi di conforto: La Religione Cattolica, pur essendo monteista, ha il Dogma-Mistero della SS. Trinità.
      Mi domando sempre, perché i Neocatecumenali, fanno continuo
      riferimento allo Spirito Santo dal
      quale dicono di essere, praticamente ispirati?
      Cristo, non credendo loro nella Transustansazione, è onorato solo e soltanto nella Resurrezione con preventivo disumano digiuno, seguito dopo circa 6 ore di estenuante veglia, da una colossale
      "magnata e bevuta" dove molti si sentono anche male.
      È facile parlare per le persone in cattiva fede di Spirito Santo,
      qualcosa di umanamente intangibile al quale le persone sopra citate, in modo fraudolento,
      dicono di essere ispirate.
      Mi spiace se sono andato un po' OT
      Ruben.
      ---

      Elimina
  11. Per tutti gli appassionati di disegno e di disegnini...
    Il punto è che una realtà matura dovrebbe parlare al proprio interno dei fallimenti degli errori, e di lasciare ad altri il compito di parlare dei successi ( ammesso che ce ne siano ).
    Invece con la scusa della privacy ( usata ad arte ) degli errori e a maggior ragione degli scandali non ne parlate mai, anzi tentete a nasconderli, così da non avere mai occasionedi imparare dai vostri stessi errori.
    Poi venite qui con la solita sicumera e snocciolate balle colossali perché vi fidate solo di quello che vi dicono e in più avete la visione solo del vostro piccolo orticello della vostra comunità e non avete nessuna visone sul reale "mondo cnc".
    Siete come i bambini che si bruciano con il fuoco, ma i vostri "genitori" vi depistano e vi convincono che il fuoco non brucia con la conseguenza che vi brucerete ancora.

    Ti ripeto come Pax
    AVETE CLAMOROSAMENTE FALLITO
    e per onestà intellettuale aggiungo
    HO CLAMOROSAMENTE FALLITO INSIEME A VOI
    ma me ne sono accorto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello sicuramente da prendere a calci per tutta casalotti, Torre Angela e Tor bella monaca (conosco la parrocchia), ma insieme a lui sareste da prendere a calci anche voi che come avvoltoi, vi accanite sul "cesto delle mele buone" a causa di qualcuna marcia. È un atteggiamento tipico del demonio, l'accusatore, quello di darti del fallito, a causa di qualche cretino che ha sbagliato. Ma il cammino Neocatecumenale non ha fallito, perché se c'è qualche mela marcia, ce ne sono tantissime altre buone, tantissimi frutti per la Chiesa e tra qualche giorno ne avrete la prova.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    2. Io non credo che la reazione migliore sia prendere a calci qualcuno, perché allora chi veramente sarebbe da punire sarebbe chi ha ideato questa cosa del portarsi a casa propria i ragazzi, dell'accompagnarli e riaccompagnarli da parte dei padrini, dell'imporre riservatezza su ciò che si fa o si dice a casa loro estromettendo per principio i genitori dalla possibilità di controllare e di verificare. L'ho detto anche in altre occasioni, non lo ritengo opportuno, ed infatti in questo caso si è rivelata una delle conseguenze possibili insita in questo "metodo". Quindi, invece che prendere a calci qualcuno quando ormai è troppo tardi e i danni sono stati fatti, l'intelligenza e la buona fede imporrebbe di cambiare sistema. Anche perché trattare dei ragazzi adolescenti come eterni assistiti non è educativo per nulla.

      Elimina
    3. FAV, intanto tieni buone le zampe posteriori, che è caldo per tutti non solo per te, e il posteriore da calciare ce l'hai pure tu.

      Poi, da prendere a calci, è innanzitutto l'avvoltoio di Kiko e la sua neocatecupola di avvoltoi, che prima teorizzano e poi permettono queste cose, con la masnada di groupie che danno ragione al pedofilo.

      "Qualche mela marcia" un accidenti, siete pieni di pedofili nel Cammino, ammettetelo una buona volta. E siete pieni a causa delle dottrine e delle prassi del Cammino. Inutile ripetere, lo diciamo solo ad uso dei lettori che leggono veramente.

      A. Non.

      Elimina
    4. FAV
      il motivo dell'accanimento come lo chiami tu è solo per il fatto che in tutte le occasioni ufficiali e non è stato ribadito che nel cammino queste ( ed altre ) cose non succedono, con grande enfasi e prosopopea.
      Se aveste avuto il buon senso di non innalzarvi prima.
      Se non lo hai ancora compreso il motivo del contendere sono le balle che raccontate, e il sistema che fa acqua da tutte le parti.

      Non vedo l'ora di leggere il discorso del Papa all'invo delle famiglie ( i frutti che vedremo )

      Elimina
    5. FAV, l'apologia del povero pedofilo condannato da tutti perché la bambina è rimasta traumatizzata, sta nei mamotreti. E le vanterie di Kiko, che lo ha convertito dimostrandogli che non era migliore di lui, pure, alla riga sotto.

      Allora, che i pedofili del Cammino sperimentino pure il peccato e la misericordia e la gioia della conversione, ma tra di loro, gli uni contro gli altri, in una bella riserva neocatecumenale, invece di andare a far pagare la gioia della loro conversione ai piccoli. Punto.

      Elimina
    6. Ha ragione Neo e mi permetto di aggiungere,

      se aveste avuto il buon senso di:

      -1. non teorizzare l'impossibilità di non peccare
      0. non imporre la sottomissione al male
      1. ammettere i fatti
      2. espungere i colpevoli
      3. farli condannare
      4. dichiararvi dalla parte della vittima
      5. aderire alle linee guida contro gli abusi sessuali

      Prendetevi a calci da soli, ipocriti e vipere, il rispetto va meritato, è solo in comunità che viene imposto per zerbinaggio mentale.

      Mele buone un accidenti.
      Meglio perdervi che trovarvi.

      Elimina
    7. @FAV 17.34

      Forse la grande notizia, che non fai altro che sbandierare, che ci dovrebbe far rimanere a bocca aperta tra qualche giorno sarebbe questa già annunciata dal sito del Cammino dopo l'udienza con Papa Francesco?

      "L’incontro si è svolto, come sempre, in un clima molto cordiale. Il motivo principale dell’Udienza è stata la richiesta al Papa di un nuovo invio di famiglie missionarie, invito che il Santo Padre ha accolto con allegria e che avrà luogo il 27 di giugno, dopo l’Incontro Mondiale delle Famiglie, nell’Aula Paolo VI."

      Non mi sembra un grande scoop.
      Sentiamo bene anche ciò che dirà Papa Francesco durante l'incontro.

      Frilù

      Elimina
    8. @valentina, il metodo va benissimo, è una iniziativa che altre realtà ecclesiali stanno cercando di copiare e probabilmente tra non molto sarà l'unico modello di dopo cresima della Chiesa cattolica. I ragazzi non sono mai soli, sono in gruppo e hanno un rapporto diretto con una famiglia cristiana e questo è molto educativo, per la loro fede, ma soprattutto perché sviluppano, per "attrazione" la voglia di formare anch'essi una famiglia cristiana. Tantissimi ragazzi ne traggono beneficio e le parrocchie che hanno adottato questo metodo di dopocresima sono piene di giovani (esperienza diretta). Le mele marce ci sono dappertutto, in tutti gli ambiti sia ecclesiali che civili.
      Fallacio Asino Vinicio

      Elimina
    9. Peccato che quella sia l'età in cui i ragazzi devono cominciare a crescere da soli, in rapporto con il gruppo dei pari. I padrini non sono altro che delle figure genitoriali travisate. Il rapporto con famiglie 'cristiane ' l'hanno avuto fin da piccoli, si vede che le suddette famiglie tanto cristiane non lo erano se i ragazzi devono recuperare nell'età, appunto, più sbagliata, quella in cui devono invece cominciare a ragionare da soli. Senza contare che, facendoli entrare in comunità e frequentare ambedue le cose contemporaneamente, è un sovraccarico. Visto poi che non c'è dialogo, solo monologo ed atteggiamenti impositori.

      Elimina
    10. @Fav
      in teoria dovrebbe essere la famiglia di origine a trasmettere la fede e a seguire il percorso di fede dei figli, questo compito non spetta ad altre famiglie. Il tempo che questi ragazzi trascorrono con le famiglie dei padrini, (di solito la sera perchè so che c'è anche la cena), è tempo prezioso che potrebbero passare con i propri genitori e fratelli in casa, magari anche parlando di cose di fede, o semplicemente stando insieme. A volte agli occhi del Signore il tempo che riserviamo ai nostri cari vale molto di più di mille incontri con il gruppo di chiesa

      Elimina
    11. Un metodo che permette a un adulto di rimanere da solo con una ragazzina/o fuori casa e di abusarla/o per anni va benissimo. Parola di neocatecumenale.

      Elimina
    12. e allora FAV selezionatele meglio le famiglie cristiane, non basta che abbiano il bollino blu, continui con il tuo mantra, l'unico discernimento che utilizzano è che facciano il cammino e che si alzino per questa "missione".

      Voi credete nel "dogma" dell'infallibilità di Kiko, dell'infallibilità del cnc, dell'infallibilità di tutti quelli che frequentano il cnc, firmando assegni in bianco sulla fiducia solo per questo asserto. Vi è stato venduto un mondo perfetto, benvenuti nel mondo reale.

      Vi predicano di non sentirvi meglio di nessuno, il peggiore di tutti, ma nella stessa predicazione siete addestrati a considerarvi superiori a tutta la Chiesa, il mantra di Kiko "io io io" in voi diventa "noi noi noi".
      Siete peggio del fariseo al tempio.

      Elimina
    13. Fav, dopo la "Cresima", se i ragazzi
      continueranno ad essere legati alla Parrocchia ben venga!
      Altrimenti crescano liberamente!
      La Parrocchia, al di la della Messa
      domenicale, è sempre stata e sarà
      un Centro di aggregazione sociale,
      Infatti l'uomo è stato creato per comunicare.
      Però, se nella Parrocchia, l'unica alternativa è il dopo Cresima Neocatecumenale, no!
      Tenteranno solo di fare proseliti,
      cosa molto sgradita al Papa,
      e futuri tassati dal Cammino,
      nei successivi anni.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    14. @fav
      "il metodo va benissimo, è una iniziativa che altre realtà ecclesiali stanno cercando di copiare e probabilmente tra non molto sarà l'unico modello di dopo cresima della Chiesa cattolica."
      La vostra dote migliore è la modestia...

      Elimina
    15. @Fav oggi 17,34
      Cosa c'entra la Parrocchia di Casalotti, che affermi di conoscere,
      con Torre Angela e Tor Bella Monaca che, geograficamente, nella città di Roma, stanno agli antipodi di Casalotti.
      Avete forse analoghi problemi anche nella periferia est?
      Ruben.
      ---

      Elimina
    16. Per Vinicio.

      É impressionante come riusciate a parlare di "mela marcia" in un sistema neocatecumenale che funziona alla perfezione (secondo voi), e come invece riusciate allo stesso tempo a parlare di malfunzionamento generalizzato delle parrocchie, dove il marciume sarebbe connesso all'andamento disfunzionale.

      In pratica: il Cammino funziona benissimo, se c'è qualcosa/qualcuno sbagliato è una mela marcia in un cesto di frutti buoni.
      La parrocchia no, funziona malissimo, e se c'è qualcosa/qualcuno sbagliato è normale, perché il cesto di mele è verminoso o comunque stantio.

      Parlare male in continuazione delle parrocchie, del loro fallimento e della loro prossima estinzione, a voi non pare "un atteggiamento tipico del demonio, l'accusatore, quello di darti del fallito" (parole tue).
      Invece è ciò che fate da sempre.
      Danneggiando la Chiesa, andate sbandierando da oltre 50 anni che il "sistema Chiesa" è morente e che le parrocchie finiranno.
      Bell'aiuto alla Chiesa, sì!

      Quanto alla prova sensazionale che vai preannunciando da tempo, siccome non penso che tu sia al vertice della piramide dei vip autori e conoscitori di ogni mossa, non vorrei che ti riferissi a quella taciuta convivenza di équipes che si è tenuta senza suono di grancassa a Porto San Giorgio, mi pare a maggio.

      Non era nemmeno nell'elenco dei vostri appuntamenti sciorinato agli annunci, ma è stata fatta alla zitta.
      Non oso nemmeno immaginare quali argomenti motivazionali vi abbiano propinato, visto che vi hanno convocati per la prima volta in questa forma.

      Tutti sanno che il bisogno aguzza l'ingegno, e l'ingegno neocatecumenale viene aguzzato molto spesso.
      Alla parola "bisogno" sostituirei "disperazione": "la disperazione aguzza l'ingegno", nel vostro caso.

      Nella mia regione, post pandemia, il Cammino è stato chiuso in almeno due parrocchie e c'è stato un gran daffare per tentare di recuperare i molti fuggitivi. Revisione dei ruoli. Isterilimento acuto dei nuovi raccolti.

      Allora non è venuta in mente miglior cosa che convocare la fascia bassa del popolino, che non rientra né negli itineranti, né nelle famiglie in missione, né nei seminaristi (tutta gente scelta, di casa al quartier generale neocatecumenale).

      Non oso nemmeno ipotizzare cosa si saranno inventati per motivarvi.
      In fondo siete voi che avete a che fare sul campo coi numerosi fuggitivi e la sterilità neocatecumenale.

      Ma questo è un segno di debolezza.
      Non riuscendo a tenere le redini dall'alto, si sono determinati a fare appello al basso.
      Alcune pedine insignificanti e sostituibili della scacchiera neocatecumenale si sono così sentite parte della grande strategia, per una volta convintesi di essere state messe a conoscenza di "segreti" spettanti solo ai vertici, ignare del tutto di essere solo funzionali ai disegni dei grandi.
      Come sempre.
      Nulla di nuovo sotto il sole.

      Vedremo.

      Intanto aspettiamo alla finestra la vostra sorpresa.

      Elimina
    17. Anche io vorrei dire due paroline sull'affermazione di Vinicio "il METODO va benissimo, è una iniziativa che altre realtà ecclesiali stanno cercando di copiare e probabilmente tra non molto sarà l'UNICO MODELLO di dopo cresima della Chiesa cattolica."

      Mi sa di slogan consumato che ha sentito da qualche parte per bocca dei capi.
      Classico e prevedibile: noi siamo i migliori, le altre realtà ecclesiali (cioè le associazioni e i movimenti) ci copiano, presto il nostro post-cresima diverrà l'UNICO della Chiesa cattolica!!"

      Conoscendo troppo bene il Cammino, mi sovviene che agli inizi Kiko credeva che il suo metodo di percorso neo-catecumenale potesse avere le stesse caratteristiche degli esercizio spirituali di Sant'Ignazio di Loyola. Concepiti da un uomo e poi adottati da tutta la Chiesa.

      Aveva sogni di grandeur e forse proprio per questo si è incaponito nel voler difendere a tutti i costi la qualifica di "itinerario" della sua creatura, rigettando fino ai limiti della liceità la configurazione naturale di associazione.
      Sognava, insieme a Carmen, che le sue catechesi post battesimali venissero recepite dalla Chiesa universale come fu con gli esercizi spirituali di Sant'Ignazio (al quale si paragonava e veniva paragonato).

      Dato il fallimento di questo ignobile tentativo, che ha visto confinare il catechismo neocatecumenale solo all'interno del proprio movimento, recentemente pare essersi accontentato di cercare di farsi accreditare dalla Chiesa universale la versione ridotta del cammino: il suo post cresima.

      Forse è proprio questa la prova di salute del Cammino che Vinicio ci promette e che lui e a tutti gli altri creduloni hanno promesso.

      Il ridimensionamento delle aspettative Kikiane è rilevante: dimostra comunque che questo spagnolo senza arte né parte mira a lasciare traccia di sé nella Chiesa.
      Se non ha funzionato nel grande, si accontenta del più piccolo, ma comunque sempre UNICO.

      Però le parole sono facili da spendersi, specialmente nel Cammino, bisogna poi vedere come la Chiesa universale recepirebbe l'invenzione kikiana in termini ufficiali.
      Con un decreto?
      Con una letterina stile Bugnini?
      Con l'istituzionalizzazione del percorso?

      Al di là delle parole, bisogna poi vedere la Chiesa all'opera nei fatti.

      Elimina
    18. Siamo d'accordo al 100 % su quello che scrive FAV sul blog, ma siamo in disaccordo al 100 % che lui scriva sul blog, quindi...............................................................................................................................

      Elimina
    19. Ho scritto varie volte della mia esperienza probabilmente troppo confidenziale e personale, probabilmente per mia tutela, non ho trovato le mie testimonianze pubblicate, ma non mi interessa visto che sono conformi più o meno alle vostre!!!!!Mele buone nuove n ci sono Punto primo , non si presentano per quello che sono Neocatecumenali! Sono così con tanto di tracotanza quindi sono perfetti!Tu sei un meschinetto.cui dopo love bombing per adescare addetti non ti accorgi di nulla!Dopo il secondo passaggio cominci ha notare che lo sterco del demonio, te lo chiedono a libidum , occhiatacce se hai un bel vestito, perché avrai versato la "decima"?Aiutano solo chi vogliono e non devi sapere i tuoi soldi dove finiscono! Guai a parlarne!Il Papa non si può" menzionare ancora peggio per i Santi!I Profeti Catechisti girano con macchinoni i numerosi figli scuole prestigiose, con un solo reddito!Devi scendere da cavallo , portare obbedienza come se fossi un burattino, guai ha contraddirli! E sono pure vendicativi!Ho trovato hakerato il mio tel, ma capii subito che erano stati loro!Ringrazierò" sempre questo blog che mi ha messo gocce di verità" sugli occhi!!!!!Troppe cose non mi tornavano!Deborah

      Elimina
    20. Siamo?
      A che dobbiamo l'uso del plurale maiestatis?

      Siete forse Legione?

      Oppure fate il giro di telefonate per mettervi d'accordo su cosa dire e incaricate un volontario per scrivere?



      Elimina
    21. @Anonimo invece di appellare demoni prova a usare lo stesso "metodo" usato negli scrutini: se qualcuno ti parla dietro gli hai dato occasione.

      Elimina
  12. @Pax

    Cosa avremmo clamorosamente fallito? Dato che ci sono tanti abusi sessuali nella Chiesa, allora anche la Chiesa avrebbe fallito? Quale sarebbe questa realtà della Chiesa perfetta, questi uomini impeccabili, nella Chiesa dove sono?Nella parrocchia, tra i cristiani della domenica sono tutti santi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo
      il fatto che ci siano abusi nella Chiesa purtroppo è vero, ma solo nel Cammino si invita la vittima a non giudicare, non cercare giustizia, non denunciare e a chiedere perdono per aver giudicato il suo aggressore, il tutto solo per non danneggiare il nome del Cammino.. in questo avete sbagliato molto, e Dio ne chiederà le conseguenze

      Elimina
    2. dovete prendere atto che voi lo siete ancora meno e piantarla con questi paragoni inutili.
      state al vostro posto
      Voi siete quelli che "i nostri preti sono diversi" ...detto da Kiko.
      Benvenuto anche a te nel mondo reale

      Elimina
    3. ...a chi molto è stato dato...mokto sarà chiesto

      Elimina
    4. Sicuro,
      nella Chiesa ci sono stati moltissimi abusi sessuali, ma non mi sembra, tranne che da "voi", che
      "la vittima", sia stata costretta a chiedere scusa "al carneficie".
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. arrivati a questo punto, occorre aspettare il giudizio finale di Dio.............................................................

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Gesù ha anticipato il giudizio nunc et tunc quando ha detto che si metta una macina al collo e si getti in mare e la faccia finita.

      Pax

      Elimina
  13. Certo che veramente avete la faccia di bronzo! Prima vi vantate che da voi "i giovani non si drogano, non vanno a prostitute, non fornicano, non esistono i divorzi etc. etc. Poi, quando salta fuori qualcosa subito a dire a nascondervi dietro ai "peccati della Chiesa". Certo che ne avete di coraggio. Pretendete di avere tutti i diritti, ma le responsabilità le scaricate sempre sugli altri.
    La verità è che siete degli ipocriti e dei falsi.
    Avanti: ditemi in quale altra realtà cattolica si dice alla vittima di "chiedere perdono" al suo carnefice, coraggio! Se non mi sbaglio vi vantate di questo! Ora che fate, lo nascondete? Anche vigliacchi siete.

    RispondiElimina
  14. Quando il ladro, presuntuoso, vie preso con le mani nella marmellata, e che marmellata, afferma: anche gli altri fanno lo stesso!
    Come se io fossi scusato nel fare il male, in quanto lo fanno anche gli altri.
    Da qui capite che caratura spirituale hanno queste persone, e si definiscono delle guide spirituali.
    In più vi è chi è rotto di più nella sua empietà, perché, cari signori, si tratta di empi che scrivono, in quanto si accusa gli altri di essere cattivi, invece di ammettere lo schifo. E che schifo.
    Non ci sono parole.
    Vi ripeto: questi soggettoni si autoproclamano guide spirituali e obbligano gli altri all'obbedienza.
    Potete immaginare cosa possano fare con la busta nera e altro.
    Lo so... vi sembro duro... e forse lo sono.
    Ma io ho visto da molto tempo il luridume tra queste persone.
    Vi ho scritto bene o male cosa è successo, chi ha capito ha capito. E vi ho scritto la verità.

    CDD.

    RispondiElimina
  15. OT: il vino nella coppa è stato reintrodotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo 24 giugno 2022 02:20
      OT: il vino nella coppa è stato reintrodotto?

      Non lo so. So soltanto che è il metodo di somministrazione della specie del Vino nell' Eucarestia, è solo e soltanto per "loro" "coreografico", oltre che ad essere, umanamente antigenico.
      Anche non tenendo conto della pandemia degli ultimi tre anni, il fatto che una trentina di individui, bevano il Sangue di Cristo direttamente e condividendo un calice ottagonale, anche in caso di normalità, è estremamente
      pericoloso; i germi, i batteri ed i virus, non hanno anima.
      Sarebbe tutto superabile se una buona volta, i neocatecumenali accettassero, come stabilito dalla Chiesa,
      che il Corpo di Cristo è "consustanziale" nella sola specie del Pane; ovvero, la specie del Pane, include anche
      il Sangue di nostro Signore.

      In ogni caso, si possono raddrizzare "le banane"?

      Rispondete voi..

      Ruben.
      ---

      Elimina
  16. Pietro non del Cammino24 giugno 2022 12:20

    La Madonna del silenzio è un invito a meditare, non a circoncidere il cervello.

    Meditare non significa applicare le parole di Kiko alla propria vita e spiattellare poi a tutti quello che si è capito, in un'atmosfera che di silenzio non ha nulla, ma significa fare propria la Rivelazione secondo l'interpretazione della Chiesa: non siamo perciò noi a capire quello che Dio ci dice, come pensa chi circoncide il cervello, ma è Dio, che attraverso l'interpretazione oggettiva della Chiesa, che ci fa capire.

    Ma Madonna ha MEDITATO, col cuore e coll'intelligenza, nel silenzio interiore e senza alcuna pretesa di mettersi in mostra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. circoncidere il cervello, eh??????

      Elimina
    2. Trovi questa affermazione che tanto ti turba nei mamotreti riferita al compimento dello Shemà da parte di Cristo.
      Prenditela direttamente con Kilo eh????

      Elimina
  17. la cara mela marcia di cui parlate, per caso non è quella mela di cui:
    Kiko e tutti voi dite di essere pieno di Spirito Santo e che Dio aggiusta ogni cosa se sbaglia? Ci potreste scrivere, cortesemente ( ma vi nasconderete a vita) cosa aggiusterebbe Dio in questo caso?
    non è quella persona di cui dite che si deve obbedienza cieca? (Per cui la ragazzina doveva obbedire agli stupri)(ovviamente questo mio è un sottolineare alcuni aspetti per far capire come si fanno certi ragionamenti)
    non è quella persona che dirige anime?
    non è quella persona che dovrebbe portare Gesù al prossimo?
    non è quella persona che, come voi, sicuramente avrà detto: quelli del Blog sono degli indemoniati?
    non è quella persona che andava dicendo: il Papa è con noi?
    non è quella persona che avrà giudicato gli altri attaccati al denaro, orgogliosi, lussuriosi ecc, ecc?
    non è quella persona che avrà scrutato le persone, violando il Foro Interno, ovviamente tutto questo sugli altri, mentre su di se vi era il marcio completo?
    non è quella persona che si sarà mossa per portare altri al Cammino NC dicendosì "sono Mosè"? ( Mosè lo stupratore).
    non è quella persona che avra detto" Apuron è innocente e perseguitato!"? ( come molti di voi, a partire da... sappiamo chi)
    non è quella persona che avrà detto a tutti quanti gli facevano notare le sue mancanze: tu giudichi la Chiesa e lo Spirito Santo! perché io ne faccio parte e ne trasmetto i veri valori! ?
    non è quella persona che avrà criticato i preti e vescovi e altri?
    non è quella persona che avrà detto che portava il Concilio Vaticano II?
    non è quella persona che avrà cantato, ballato, fatto risonanze e altro di stile by kiko?
    non è quella persona che pensa che Carmen sia una santa di categoria superiore e che ha fatto moltissimi miracoli? ( ma di quale categoria si tratta non è dato sapere. Non conoscendo Carmen, e per me potrebbe stare anche in Paradiso, non è un problema per me).
    non è quella persona che avrà maneggiato la busta nera e cose simili, e quindi se è capace di arrivare a certi punti su una ragazzina, ci chiediamo: davanti ai soldi cosa abbia potuto fare? Dal momento che il denaro sono fogli di carta? ( ma lo sa Dio e lui, io non giudico più di tanto, perché non so, ma chiedersi queste cose è lecito)
    Forse avrà scritto anche su questo blog, con stile nc, cioè tutti coloro che hanno da ridire sul CN, ecco che per lui, molto probabilmente erano giuda, indemoniati, condannati agli inferi, contro lo Spirito Santo ( di cui solamente lui ne era il vero detentore), contro il Papa, contro la Chiesa.

    Concludo.
    Poi, pescati con le mani nella marmellata, meglio dire il MARMELLATONE, ecco la loro risposta: TUTTI FANNO COSI' IN CHIESA!
    Questa è la risposta dei santoni di categoria superiore ai quali si deve obbedienza cieca e soldi, e che devono dirigere la vita tua e, eventualmente, dei tuoi famigliari e altri.

    Pietà e compassione è dire poco!

    CDD.

    RispondiElimina
  18. Una parola sui copiosi frutti che si raccogliranno il 27 secondo FAV.
    TUTTE le famiglie che verranno inviate sono al momento "rintanate" a P.S. Giorgio proprio mentre a Roma si svolgono tutta una serie di catechesi e incontri, ma si sa loro sono già formati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbè, mica si possono contaminare con le normali famiglie dei "cristiani della domenica". Mi pare ovvio!

      Elimina
    2. ovvio.........

      Elimina
  19. Ricopio il commento a me rivolto:

    Anonimo 23 giugno 2022 17:18

    @Pax Cosa avremmo clamorosamente fallito? Dato che ci sono tanti abusi sessuali nella Chiesa, allora anche la Chiesa avrebbe fallito? Quale sarebbe questa realtà della Chiesa perfetta, questi uomini impeccabili, nella Chiesa dove sono?Nella parrocchia, tra i cristiani della domenica sono tutti santi?
    _____

    Il tuo è un vomitevole rivoltamento della realtà. Allora te lo spiego meglio. Quando proponete ai parroci il vostro itinerario è per dire, in primis, che c'è bisogno di cristiani credibili e coerenti: Voi avete un percorso di crescita nella fede. Il battesimo. E dite che chi lo ha solo ricevuto da piccolo non lo vive e che ci vogliono 30/40 anni di cammino per incarnarlo e per dare frutti. Non mi dilungo ché le vostre chiacchiere le conosciamo molto bene, a memoria.
    ........

    RispondiElimina
  20. ........

    Giovanni Paolo II vi aveva chiesto di mantenervi come tempi massimo in 7 anni. Il Cardinale Martini non concepiva proprio un catecumenato che durasse più di 2 anni. E vi ha tenuti alla larga (uomo saggio!).

    Ma voi, testardi, avete aggiunto tappe a tappe. E il percorso iniziale man mano si è arricchito. E alla fine, una volta terminato, vi siete inventati pure la Formazione Permanente e il Matrimonio Spirituale e chi sa cos'altro ancora.

    Ora vengo a te e alle tue bislacche affermazioni, al tuo vomitevole rivoltamento della realtà.

    Date scandalo spesso, non siete migliori di nessuno. Cosa che riscontri tu stesso e sottolinei pure con i tuoi "forse che la Chiesa non ha fallito? forse che i cristiani della domenica sono tutti santi? forse che la Chesa è perfetta?".

    Ma, scusa, chi mai lo aveva messo in dubbio - se non voi - che non siete affatto migliori di nessuno (anzi!)?
    ........

    RispondiElimina
  21. .......

    Ora di questa realtà noi da tempo ci siamo resi conto. PER QUESTO DICO CHE AVETE FALLITO.
    (LO DICO A TE, non a noi, che sono tanti anni che ce ne siamo accorti e siamo usciti dal cammino anche per questo, e non solo).

    Avete fallito perchè le vostre menzogne sono palesi a tutti oramai, e non potete farci niente e vi adirate con chi ve le sbatte in faccia.

    Quindi, il fallimento è un problema serio, ma peggio è il vostro mentire sulla reale situazione che camuffate e mistificate, come avete fatto con la catechesi cattolica da voi stravolta (e questi sono i fruttti marci).

    Perchè voi, a differenza degli altri comuni mortali, siete tanto più ipocriti.
    Perchè dovete difendere il Buon Nome del Cammino ad ogni costo.

    Siete presuntuosi come l'orgoglioso e megalomane Kiko VOSTRO PADRE NELLA FEDE) perchè, anche davanti ai vostri fallimenti, non siete diventati nemmeno un poco più umili.

    Continuate IMPERTERRITI a sentirvi i migliori, vi dichiarate nel giusto, pretendete di mantenere tutti i vostri privilegi. Di essere intoccabili. Di autogestirvi. E che nessuno ficchi il naso nelle cose vostre. Che nessuno osi denunciare le vostre malefatte, che nessuno provi a correggervi. Che chi ha fatto parte del cammino e ne ha conosciuto il peggio TACCIA.

    E... tutto così.

    Per questo ti dico, caro Anonimo, se non hai altri argomenti forse è meglio che stai zitto proprio e eviti di scrivere cose che non smentiscono noi, anzi; e che ti si rivoltano contro ogni volta che ti pronunci su questi argomenti dolorosi per voi.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'invito vale anche per FAV?

      Elimina
    2. no, lui può continuare fornendo così milioni di prove a confutazione delle sue stesse affermazioni

      Elimina
  22. Il Cardinale Robert Sarah, ne "La forza del silenzio", scriveva:
    "Il grande rischio per i cristiani, se perdono il senso del silenzio, è quello di diventare idolatri. Le nostre parole ci ubriacano e ci rinchiudono nel creato. Incantati e prigionieri del rumore dei discorsi umani, corriamo il rischio di costruire un culto a misura d'uomo, un dio a nostra immagine. Le parole portano con sé la tentazione del vitello d'oro!"
    Tanta logorrea catechetica, tanta ripetitività, tante parole autocelebrative portano, è vero, alla confusione, all'impossibilità di trovare un filo conduttore alla propria meditazione; ma il pericolo peggiore è quello della costruzione di un "culto a misura d'uomo".
    Che il neocatecumenalismo sia a misura d'uomo lo si avverte dal fatto che tutto, al suo interno, è fatto a misura d'un uomo solo.

    RispondiElimina
  23. Gesù invoca la pena massima prevista dalla Bibbia, cioè la morte, per tutti i pedofili ed affini. E chissà se la Chiesa, coerentemente con il Vangelo, deciderà, senza mezzi termini, di indagare il cammino e di consegnare alla giustizia ordinaria chi commette o protegge la pedofilia, affinché finiscano nelle patrie galere dei vari paesi.
    Nel caso in oggetto mi compiaccio del fatto che questi due genitori non abbiano soprasseduto, né si siano lasciati persuadere dagli idoli, ma abbiano denunciato senza rimuginarci. Ciò dovrebbe essere la normalità, ma nel cammino, purtroppo, non lo è.

    La maggior parte di questi abusi vengono attuati dagli "illuminati catechisti", come mai? Queste subdole figure hanno tra le mani un potere non indifferente, in grado di modificare la percezione degli idolatri e di manipolare le loro scelte e azioni. Sin dai primi passi nel cammino, quindi dalle catechesi, viene ricamato addosso ai catechisti il vestito dell'autorità spirituale (e non solo) massima. E se poniamo tutto questo nella terribile realtà kikiana, ove il peccato è fonte di salvezza e la figliolanza appartiene al diavolo, la questione diventa ancora più nera, luttuosa.

    Il cammino azzanna i piccoli, i fragili, le anime pure, li disorienta nel tentativo di conquistarli con le armi della paura e dell'angoscia. Una supremazia perversa che mira a spersonalizzare la vittima e a corromperla ("tu mi appartieni!").

    La "madonna" dipinta da Argüello, la quale invita - anzi obbliga - al silenzio, è una figura per nulla sacra, bensì demoniaca. È una sorta di simbolo settario che esorta a mantenere il segreto su tutte le ingiustizie proliferanti nel cammino. Chissà quanti abusi e violenze d'ogni genere sono raccolti dinanzi agli occhi da pesce lesso della "madonna" del silenzio di Kiko.

    RispondiElimina
  24. I Pasqualoni che tentano di screditare la storia di questa creatura abusata o di negare che il cammino sia implicato nella vicenda nonostante sia scritto e confermato nell'articolo, mi arrecano non poca repulsione. Essi sono il simbolo perfetto della comunità, quel nucleo kikiano che si contrappone alla verità e che schiaccia la vittima pur di preservare il cammino. Ho vissuto questa terribile esperienza e guardato negli occhi i figli (le comunità) dei due criminali spagnoli mentre assumevano, d'un tratto, un atteggiamento freddo, cinico, sordido nei miei riguardi. La motivazione è facile da apprendere: sprezzavano la verità che affermavo e la giustizia che richiedevo poichè causarono la disfatta del loro catechista ed un timore prepotente efficacemente pronunciato da Kiko: "si è rischiato che il cammino chiudesse!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti nc tutelano il cammino piuttosto che disprezzarlo per la sua inclinazione perversa! È drammatico!

      Elimina
    2. Stavo pensando, che per "loro", la sacrilega confessione comunitaria di fronte alla Croce di Cristo, sia una sorta di "reset" collettivo delle coscienze, affinché
      non ci siano differenze di giudizio
      e di fatto, un uniforme tesponsabilita quindi, tutti continueranno a "ragionare con la mente del Cammino".


      Altro sarebbe invece, una Confessione individuale di una comunità, diciamo una ventina di
      persone?
      Penitenze differenti, consigli del Confessore differenti e soprattutto
      l'invito a riparare "al male arrecato",
      differente.

      Si creerebbero quindi, una ventina
      di modi di pensare e di agire, completamente diversi tra loro,
      cosa assolutamente deleteria per il
      Cammino.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. Ciao Rebel
      sapevo che questa vicenda avrebbe riportato a galla tutto il dolore della tua vicenda personale.
      Un grande abbraccio.

      Si loro difendono sempre e comunque solo il "buon nome del cammino" a tutti i costi e con tutti i mezzi ( leciti e non ).
      Lo fanno perché essendosi dati quell'aurea di infallibilità il problema diventa molto più ampio del "buon nome" diventa di "credibilità" e li tremano perché è la loro fine.
      Tutto loro hanno fatto!

      Elimina
    4. @Rebel
      anche io ti mando un forte abbraccio!

      Elimina
  25. Menano vanto del profluvio di parole che hanno prodotto in 50 anni. Migliaia e migliaia di pagine dei cd. Mamotreti.
    Kiko, si sa, inarrestabile fonte inesauribile.
    Questo sicuramente ha reso impari il lavoro delle romane Congregazioni che dubito abbiano letto nel dettaglio pagina per pagina. Ma si sono fatti guidare da loro stessi, nel ginepraio inestricabile.
    I risultati sono sotto i nostri occhi.
    Perché per vocazione sono mistificatori e falsi e bugiardi con macchiavellica logica perversa.
    Il fine sacrosanto per loro li dirige e tutti i mezzi diventano leciti e percorribili. La coscienza tace, deformata e compiacente.

    Comprendiamo, perché quando noi stessi, mossi da amore di verità, ci addentriamo volenterosi nella Selva Oscura della predicazione dei due spagnoli siamo presi da vertigine e una nausea insopportabile sale incontenibile.
    È una vera fatica. Ma basta avvicinarsi ai loro testi per trovare di tutto e di più. Prove e riprove della malafede, strumentalizzazione, desiderio di impossessarsi della Chiesa e di tenere in pugno saldamente le persone adescate. Questo nobile intento di smascherare esseri senza scrupoli e pericolosi ci motiva..

    Maria è modello di ogni cristiano.
    Quel dito sulla sua bocca nella icona azzurrina di Kiko vuole catechizzare gli adepti sul valore del tacere come nella setta si insegna.
    Ascoltare dai catechisti tutto acriticamente.
    Mai ribattere, mai dialogare.
    E riemerge dal profondo l'inculcato "devi obbedire senza pensare" che sta sempre bene dappertutto. In un itinerario che bandisce il silenzio come terreno su cui coltivare la fede e il rapporto vitale e personale con Dio, che parla nel cuore e nella coscienza.

    "Maria custodiva e meritava ogni cosa nel suo cuore" questo il suo fecondo silenzio.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. * meditava.
      _____
      Approfitto per aggiungere che nel cristiano adulto il suo interiore non è annullato.

      Pax

      Elimina
  26. @blog, ma guardate che il silenzio per Dio, non è assenza di suono o assenza di parole, altrimenti non avrebbe voluto una Chiesa che grazie a Dio, da 2000 anni parla e converte in tutto il mondo. Chiarisce molto il significato del "silenzio", ciò che ha scritto di suo pugno Papa Francesco, dietro un'icona della Madonna del silenzio: "non sparlare degli altri". Sarei curioso di sapere con chi ce l'aveva il Papa...
    Tratto da un articolo su "Vatican news":
    <>
    Fallacio Asino Vinicio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato che di calunnioso qui non trovi proprio niente...
      ...lacia perdere FAV...non è il momento di piagnucolare...sarebbe stato meglio tacere...almeno per una volta.
      E se vale per te che non parla mai di voi allora non puoi pensare che sia rivolto contro chi ti fa comodo...
      ...siete proprio alla frutta se esci con queste idiozie...
      Lunedì leggeremo quello che invece ha detto proprio a voi.

      Elimina
    2. Fav, ma ti ha dato di volta il cervello?
      Proprio tu mi vieni dire che Cristo, " non avrebbe voluto una Chiesa che grazie a Dio, da 2000 anni parla e converte in tutto il mondo"?
      Non lo sai forse che Kiko, ha in modo più che manifesto, cancellato circa 1.700 anni di storia della Chiesa, ovvero dall'Editto
      costantiniano dì Milano(313 d.c.),
      al Concilio Vaticano II(XXsec.) ?
      Guarda, che con un' altra affermazione del genere, il Cammino ti caccia via a pedate!...
      Ruben.
      ---

      Elimina
    3. Noi non sparliamo di nessuno. Rendiamo testimonianza di quello che noi stessi abbiamo vissuto.
      Esperienze che meritano rispetto, nulla a che vedere col chiacchiericcio di comari nullafacenti.
      Quello che vi urta è che portiamo alla luce le cose che voi, con la complicità di tutti quelli che vi temono, tenete nascoste nelle vostre orride salette inaccessibili.
      Abbiamo aperto porte e finestre e fatto arieggiare.
      Ma voi amate trafficare nelle tenebre.

      Pax

      Elimina
    4. @Fav oggi 11,34
      Perché non hai fornito il link dell' articolo su Vatican news?
      Vuoi vedere che è stato proprio scritto, dall' "infiltrato" Salvatore Cernuzio?
      Ruben.
      ---

      Elimina
    5. Ci ha provato, solo le ha messe tra parentesi angolari e l'editor gliele ha "cassate". Deve essere anche l'editor un nemico del Cammino...

      Elimina
    6. Cernuzio è amico o nemico del Cammino????????????????????

      Elimina
  27. O.T. mi sembra strano che nell'agenda del Papa al giorno 27 c.m. non sia previsto nulla;
    verificate voi stessi:

    https://www.vatican.va/content/francesco/it/events/month.dir.html/2022/6.html

    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  28. Non e potevo davvero più" che mi urta pure fare la strada della "famosa" saletta! Nessun fulmine mi ha colpito!Ho trovato posti eccellenti con teologi che il RM se li sogna! Poi giri di esperienza , risonanze ambientali alla fine parlano solo di loro della vita loro!Ma non dovrebbe venire prima Dio?Ecco ho fatto come ha suggerito Sua Santità"Wojtyla sette anni e mezzo e poi viaaaaaaa e di corsa pure!!!!!

    RispondiElimina
  29. @anonimo 16,31

    Uno che parla così se ne doveva andare prima, sei stato troppo sette anni, ma la domanda che faccio sempre a chi se ne va:Poi che hai fatto dopo?Posti eccellenti con teologi?Ma la tuia vita cristiana come l'hai vissuta?La tua vita comuitaria?Con chi hai fatto comunione, con i teologi?Oppure hai ingrossato il numero dei cristiani solitari, individualisti?Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale individualisti, siete una banda d'ipocriti.
      Ipocritone parli e scrivi e pensi, e poi se tutto il giorno a seguire il blog. Se avessi un minimo di fede in Dio neanche staresti qui a leggere e intervenire. Ma che vuoi fare? L'ipocrisia e la falsità sono dure ad andare via! E' vero?
      Ipocritone non è che se vi raccontate due favolette, che chiamate risonanze, e battete le mani con la chitarra, siete migliori, Dio è puro spirito, e chi ha fede è con Dio e in Dio. Ti rammento. che Gesù si ritirava solitario e poi stava insieme agli altri, non ha fatto risonanze, non ha battuto le mani a suon di chitarra, non ha celebrato alla maniera nc, non ha fatto convivenze e cose simili.
      Per cui: cosa vai formulando con quella testa da ipocrita che hai?

      CDD.

      Elimina
    2. vi è rimasto lo slogan: voi siete soli, e noi abbiamo la verità in mano perché siamo comunità!
      Anche questa ennesima menzogna campata in aria cadrà.
      Ma quale comunità! Neanche vi frequentate, vi parlate male, raccontate dietro agli sconosciuti quello che fanno gli altri lì dentro, rubate decime, stuprate e nascondete i criminali dicendo: anche gli altri fanno così! Vi fate pagare le convivenze. Affermate i pedofili perseguitati in mondo visione e questi vengono condannati dal Vaticano con comunicato stampa in tutto il mondo. Perseguitate chi non fa come voi e non si piega alle vostre manie e fanatismi. Sfruttate coloro che chiamate fratelli nelle convivenze facendovi pagare il conto mentre avete soldi da parte e fumate e mangiate a crepapelle.Mettete persone nelle comunità per indirizzare la loro volontà nel fare ciò che dite e pensate. Parlate male dietro le spalle. Condannate. Violate il Foro Interno. Siete falsi. Non obbedite a Dio. Perseguitate chi fa la Volontà di Dio perché pensate, in quella testa marcia che avete, che Dio sia solamente in voi. Condannate e vi nascondete dopo che siete stati capiti. Infilate parenti in Vaticano mentre accusate gli altri di essere attaccati al denaro, per cui è chiaro che siete degli ipocriti. Chiamate fratello e sorella, ma è una facciata, in quanto se qualcuno si sente male o altro, o è solo, o è anziano, o povero, o malato o altro di simile, ecco che neanche lo considerate. Usate a convenioenza il prossimo per i propri interessi.
      E poi potrei elencare tutti i peccati che ho capito in mezzo a voi, ma non li scrivo perchè questo commento non sarà pubblicato, perchè dovrei fare un elenco di ciò che è, dai vostri figli tra droghe e peccati solitari, ai catechisti, a gente che si frequenta ecc, ecc.

      CDD.

      Elimina
    3. Parodiando:

      Uno come te non se ne andrà mai dal cammino. Ma la domanda che vorrei fare a tutti quelli come te è: ma come fai a resistere dopo i primi 7 anni? Già troppi in verità.

      Ma che fai là dentro ancora? Sempre le stesse cose?!
      Senza mai conoscere un teologo vero.

      In una setta così. In un contesto ristretto e chiuso dove siete sempre e solo gli stessi, come vivi il tuo essere cristiano? Che razza di vita comunitaria è la tua? Con chi hai fatto comunione? Con Kiko e Carmen e i tuoi catechisti?

      Siete maledettamente soli, individualisti, isolati dal resto del mondo.

      Pax

      Elimina
    4. SDTQV che se la prende con i cristianiindividualistihpaganihdelladomenica,

      E tu, invece, hai provato a praticare l'individualismo? Questa cosa che tanto ripudi potrebbe invece essere la soluzione del tuo grave problema (e non solo tuo). Per esempio potresti provare a non rivolgere la parola alla gente, così eviteresti di insultare e di porre domande indiscrete e non pertinenti a chicchessia. Pensaci. Nel tuo caso l'individualismo porterebbe enormi benefici sia a te che agli altri.

      Elimina
    5. ma non ti vergogni a giudicare la fede di altri milioni di credenti e di santi?
      E' chiaro che una persona vi risponde a dovere. Voi non siete migliori proprio di nessuno!
      Vi manca l'umiltà, solo una persona superba può formulare quei pensieri. E poi, guarda caso, partono appena arriva l'ennesima testimonianza di qualcuno che ha abbandonato il vostro gruppo.
      Ma credete veramente di essere gli unici e fuori di voi c'è il nulla?
      Scrivi pure:mah!
      Sei talemente un miserabile che non ti rendi neanche conto di ciò che formuli con quella testa. E non lo scrivo per offenderti, e che è la realtà, uno che si crede di essere l'unico sulla faccia della terra che può essere? Un povero miserabile a livello spirituale, preso dalla sua mente che gli formula pensieri di superbia, uno che sta lì dentro a pregare e a fare catechesi e altro, parla agli altri di superbia e altro, e poi viene qui a formulare certi pensieri.
      E non una parola di scuse per lo stupro e altro di corrotto che fate.
      E andate dicendo: noi siamo migliori!
      Ma di cosa, di chi e quando?

      CDD.

      Elimina
    6. @anonimo
      Qls cosa abbia fatta è sicuramente meglio di quello che hai fatto tu. Quello che dici condanna te e il cammino.

      Elimina
    7. Il poveretto neocatecumenale che scrive in risposta a colui che dal neocatecumenalesimo se n'è andato, incarna alla perfezione la mentalità settaria del gruppo che rappresenta.

      Per questo neocatecumenale-tipo è inconcepibile che chi se ne va trovi all'esterno una sua più equilibrata dimensione nella Chiesa e sciorina quindi tutte le presunte mancanze della Chiesa (mentalità ereditata all'interno del gruppo ristretto).

      Il neocatecumenale-tipo ha una domanda, sempre la stessa, che fa a chi se ne va dal suo gruppettino chiuso di 20/30 fratelli "che si conoscono e quindi si amano tra di loro". Anzi, le domande sono più di una, ma convergono in un unico e pericoloso giudizio temerario sulla Chiesa.

      Chi se ne va, secondo lui, nella Chiesa:

      1) Non troverà eccellenti teologi
      2) Non vivrà la sua vita cristiana
      3) Non vivrà la sua vita comunitaria
      4) Non farà comunione (ironizza sugli eccellenti teologi)
      5) Ingrosserà il numero dei cristiani solitari e indidualisti

      Al di là del fatto che questo povero neocatecumenale-tipo ne deve aver vista parecchia di gente che ha abbandonato il suo gruppetto, per affermare che "sempre" formula le stesse domande nelle stesse occasioni, si mostra proprio un portatore esemplare dello stigma che i neocatecumenali attribuiscono alla Chiesa nella quale sono nati, si sono pasciuti ed hanno tentato di ingrossarsi.

      Grazie, neocatecumenale-tipo, per aver ancora una volta mostrato e confermato la vostra sfiducia nella Chiesa.
      Ciò non fa altro che contribuire a qualificarvi per quello che siete: un gruppetto sempre più sparuto che blatera offese e giudizi contro Chiesa che va parassitando.

      Elimina
    8. @anonimo
      Credo che di come una persona viva la sua fede riguardi sola la persona in questione e Dio. Però vorrei farti notare che date degli individualisti a chi frequenta la parrocchia, ma poi siete i primi a celebrare a porte chiuse e a isolarvi, nonostante il vostro Statuto approvato dica chiaramente che le celebrazioni devono essere aperte a tutti, e che alle GmG e ai pellegrinaggi seguite sempre un programma diverso dagli altri partecipanti

      Elimina
    9. Il Cattolico indivualista, non esiste
      in quanto interagisce, già con la Parrocchia attraverso l'Eucarestia,
      Sacrificio di Cristo, ed i relativi Sacramenti.
      Ci sono poi anche le opere di bene,
      elargite liberamente a chi si vuole.
      Tutto ciò viene esercitato dall' Anima attraverso la nostra coscienza.
      Entrare nel Cammino, significa "consegnare" la nostra Anima ed annessa coscienza, alla "gestione"
      di Kiko, beni terreni compresi ovvero, rinunciare al libero arbitrio
      ed alla dignità umana.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    10. @Ruben
      se per loro i parrocchiani sono individualisti perchè non fanno parte di una comunità, allora che direbbero degli eremiti? un eremita è il contrario dell'inidividualismo, perchè prega in comunione con la con la Chiesa universale, e sacrifica la sua vita e il suo tempo proprio per pregare per gli altri

      Elimina
    11. Il Cattolico individualista non esiste, perfettamente detto.

      Ma nei diktat del Cammino è individualista chiunque non si lasci/più spellare (cioè depredare di ogni difesa morale e materiale) e poi pressare nel frullatore insieme ad altri come lui (cioè, confondere le vicende personali più intime, gli uni con gli altri). Comunità = marmellata di fratelli. Di tutti, tranne che dei ducetti, ovviamente.

      Molte persone in buona fede se ne rendono conto e, dopo un po'di travaglio smettono, escono, si riprendono la vita e sono rispettati da tutti per questo.

      Gli accaniti contro ogni evidenza invece danno proprio l'idea di essersi offesi perché, essendo del tipo presuntuoso "a ME nessuno MI frega, a ME!", e siccome rosicano per essersi fatti fregare (e chi non ha mai preso una fregatura in vita sua?), allora devono prendersela con gli altri piuttosto che ammettere l'errore o la disavventura. E così facendo, partecipano con veemenza alla propria disfatta, reggendo pure il sacco al proprio carnefice, il Cammino Neocatecumenale.

      Elimina
    12. @Gloria 12,56
      Giusto Gloria, avevo omesso i Santi,
      dei quali moltissimi come affermi sono stati anche "eremiti"; Santi che nella Tradizione Devozionale Cattolica, intercedendo per noi,
      è quindi, interagiscono con noi.
      Altro che "religiosità popolare"!
      Ruben.
      ---

      Elimina
    13. @Ruben
      nessun problema, in realtà la mia critica era rivolta ai neocat che danno degli individualisti a noi parrocchiani; hai ragione, altro che religiosità popolare! Anzi per fortuna negli ultimi anni ho visto fare pellegrinaggi neocat anche sulle tombe dei Santi, magari le cose stanno cambiando, alla fine siamo tutti cattolici ed è brutto creare divisioni. Vorrei che tra i neocat ci fosse meno diffidenza verso i parrocchiani

      Elimina
    14. @ Gloria 26 giugno 2022 21,23
      Gloria hai ragione; non ci sarebbe
      nulla di meglio che il Cammino rientrasse nei Canoni della Chiesa,
      ovvero, che rispettassero il loro Statuto, e che rispettassero il Direttorio Catechetico, anche pubblicandolo così da consetire a terzi, il controllo dell'effettiva obbedienza.
      Come puoi constatare, ne siamo ancora piuttosto lontani.

      Di fatto, ed anche parzialmente di
      Diritto, abbiamo il Cammino, ovvero
      una pseudo-chiesa eretica, che convive in una sorta di simbiosi malsana, con la Chiesa Cattolica, senza che Questa, alla quale orgogliosamente appartengo,
      abbia fatto molto poco in merito.
      Ruben.
      ---

      Elimina
  30. Nel cristiano adulto il suo interiore non è annullato. (Approfondisco quanto espresso sopra).

    L'uomo è chiamato, nel silenzio, a meditare, custodire, riflettere su se stesso, prendere le sue decisioni, discernere.

    Nessun uomo deve cedere ad altri il suo libero arbitrio che Dio gli ha concesso come un dono intriso di rispetto.

    Sentire, come io ho sentito, Kiko dire ad alcuni convinto: "Vado a dirti la volontà di Dio per te " è qualcosa di abominevole.

    Mettendo l'uomo davanti al "prendere o lasciare ". Terrorizzandolo - o tentando di terrorizzarlo (che per esempio con me non ha funzionato) - con minacce di sventure incombenti se ci si fosse regolati diversamente non riconoscendo il suo (di Kiko) infallibile arrogante profetismo.

    Sventure non solo incombenti contro la sua persona, ma contro gli affetti più cari: figli, coniugi, tutta la discendenza.
    Guarda tu che responsabilità terribile per chi è più fragile!

    Questo è terrorismo vergognoso.

    Raccontare queste realtà vissute nella propria carne e subite da tanti di cui si è stati testimoni oculari non è pettegolezzo. È servizio alla Verità.

    Non consentiamo a FAV né a nessuno altro di mancarci di rispetto, come non lo abbiamo consentito a Kiko e ci siamo opposti apertamente.
    Che ne sai tu FAV che parli a spiovere e di teorie, non di vita vissuta sotto la sferza degli itineranti e di Kiko e Carmen?

    Pax

    RispondiElimina
  31. Intanto voglio rispondere a questo Anonimo Puntinista ossessivo.

    @ Anonimo 25 giugno 2022 11:42
    Siamo d'accordo al 100 % su quello che scrive FAV sul blog, ma siamo in disaccordo al 100 % che lui scriva sul blog, quindi...............................................................................................................................

    .............. quindi........

    Te lo dico io cosa devi fare per parte tua:
    Non venire più a curiosare sul Blog, così non ti intossichi e la smetti di scrivere ovvietà.

    Pax

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.