domenica 6 ottobre 2013

Le decime: «un fiume di soldi che compare e scompare magicamente»

Arrivano i neocatecumenali!
Notate le bocche urlanti...
Diocesi di Terni: alcuni fatti di cronaca riguardano personalità del Cammino Neocatecumenale. E sul giornale Umbria 24 si fa menzione di fiumi di denaro, della «decima» che non è prevista dallo Statuto neocatecumenale, e che costituisce una «disponibilità economica non trascurabile», un vero e proprio «fiume carsico» di denaro, che «compare e scompare magicamente».

E poi la carriera sfolgorante dei neocatecumenali che però lascia nelle parrocchie solo malcontento; l'eccessivo potere del Cammino nella diocesi, potere soprattutto economico; i seminari kikiani Redemptoris Mater che destano sospetti...

Riportiamo alcune citazioni da Umbria 24; per gli articoli completi, cliccare sui link di data e titolo. Abbiamo evidenziato in giallo alcuni passaggi significativi.


28 giugno 2013 - Terni, Diocesi senza pace e dimissioni in arrivo: monsignor Roberto Bizzarri sempre più in bilico
Le lettere Proprio i parrocchiani di Campomicciolo sarebbero i protagonisti di questo ennesimo capitolo ‘epistolare’ relativo alla diocesi ternana. Ultimi di una lunga serie, per la verità, in quanto monsignor Bizzarri sarebbe stato oggetto di ‘attenzioni’ analoghe anche in passato: quando, dopo l’esordio – nel 1993 – come parroco di santa Maria della Cerqua di Narni Scalo, era stato promosso parroco della cattedrale di Narni, cosa che aveva subito fatto ipotizzare una sua carriera sfolgorante. Una carriera che, però, adesso sembra sul punto di interrompersi.

I fedeli Già a Narni, infatti, successe qualcosa. A monsignor Paglia arrivarono alcune lettere, nelle quali (pettegolezzi sulla vita privata di monsignor Bizzarri – peraltro molto ben documentati – a parte) si evidenziavano problemi che potremmo definire ‘gestionali’ e che indussero il vescovo di allora a sostituirlo e farlo rientrare in Curia, per poi spedirlo a fare il parroco a Foce di Narni, penultima parrocchia nella quale ha svolto il proprio compito. Tutte ‘missioni’ accomunate da una caratteristica: il malcontento dei fedeli. Cosa che riporta all’oggi: con la parrocchia di Campomicciolo che presenta un ‘saldo’ di frequentatori decisamente in negativo e manifestazioni di disincanto sempre crescenti.

11 luglio 2013 - Terni, Diocesi senza pace: don Bizzarri sospeso, ‘moderatore’ già oggetto di attacchi e tanti veleni
Spunta la pista che conduce alla potente associazione dei 'neocatecumenali', molto legata all'ex vescovo Vincenzo Paglia
Neocatecumenali - Ma nella diocesi di Terni c’è un’altra questione aperta, strettamente collegata a molte di quelle relative al dissesto e che riporta a monsignor Bizzarri. Che risulta ancora essere anche ‘delegato vescovile per il cammino neocatecumenale’ e ‘codirettore della commissione di pastorale familiare’. E qui la faccenda si fa intricata e, pure, controversa. Perché questa associazione, sempre molto concentrata sul ruolo della famiglia e sempre molto cara all’ex vescovo, Vincenzo Paglia (che, va ricordato, attualmente è presidente proprio del Pontificio consiglio per la famiglia) viene spesso accusata – soprattutto la pastorale familiare – di aver sempre avuto fin troppo potere, all’interno della diocesi.

La ‘decima’ - Un potere che deriverebbe, anche, da una disponibilità economica non trascurabile, visto che ciascun membro è tenuto a versare, ogni mese, il 10% dei propri guadagni alla comunità, con un atto che, in gergo, si definisce ‘dare la decima’. La pratica, per la verità, non è citata nello statuto dell’associazione, ma non è mai stata negata dai suoi vertici: «Non è giusto fare di ogni erba un fascio – racconta chi si è staccato dall’associazione – perché io ci ho trovato persone per bene, credenti devoti, ma anche molti soggetti che lucrano sulla generosità e l’ingenuità di molti». Tanto da creare un costante flusso di denaro che, negli anni, è circolato come un fiume carsico – comparendo e scomparendo magicamente – nelle stanze di piazza del Duomo.

1 ottobre 2013 - Terni, inchiesta sulla Diocesi e guerra in Vaticano: ecco perché l’ex vescovo Paglia rischia
I neocatecumenali - Un particolare, in apparenza piccolo, ma che rientra a pieno titolo nella ‘saga’, può aiutare a capire: una delle questioni aperte, nella diocesi di Terni, è relativa a quei fedeli – e soprattutto ai sacerdoti – che seguono gli insegnamenti di Francisco ‘Kiko Arguello’. I neocatecumenali. Sempre molto concentrati sul ruolo della famiglia, sempre molto cari all’ex vescovo Paglia e spesso accusati di aver avuto fin troppo potere, soprattutto economico, all’interno della diocesi. E va ricordato che ‘delegato vescovile per il cammino neocatecumenale’ era stato nominato don Roberto Bizzarri, appena rimosso dalla carica di parroco a Campomicciolo.

Gli indizi - L’amministratore apostolico della diocesi ternana, Ernesto Vecchi e il nuovo parroco, don Angelo D’Andrea, hanno detto parole chiare, parlando ai fedeli nei giorni scorsi, proprio sul tema della presenza e del ruolo dei neocatecumenali all’interno della Chiesa e la cosa, tra gli ‘introdotti’ nelle cose vaticane non era certo passata inosservata. Soprattutto perché la ritengono collegata ad una, tra le tante decise dal papa, sostituzione importante avvenuta ‘oltre Tevere’: l’arcivescovo Beniamino Stella aveva preso il posto del cardinale Mauro Piacenza nel ruolo di Prefetto della congregazione per il clero che, di recente, è stata incaricata di monitorare, con attenzione, l’attività che si svolge nei seminari. Perché appare curioso che, in un periodo di calo delle vocazioni, quelli retti dai neocatecumenali viaggiano a pieno regime.

21 commenti:

by Tripudio ha detto...

Ci chiediamo quante diocesi siano pressoché nelle stesse condizioni di quella di Terni, quanti vescovi e sacerdoti abbiano a che fare col «potere immenso» (e poco limpido) del Cammino.

Anonimo ha detto...

Prima di infangare il CNC a Terni informatevi sulla condizione delle parrocchie in Umbria, penso che non esista regione più anti clericale in Italia. Informatevi prima di parlare. Quanti di voi conoscono la situazione?????

Ruben ha detto...

OT:
Il Blog "Osservatori Chiudete il Blog" è tecnicamente chiuso:
al tentativo di accedere con account Google, appare la scritta "commenti riservati al solo team"

Fine OT.

Lino ha detto...

@ OT Ruben

«Nomina sunt consequentia rerum»: il Blog "Osservatori Chiudete il Blog" è sempre stato "tecnicamente chiuso": cosa mai si vuole, che con quel titolo sia stato tecnicamente aperto? Credimi: il suo server è ubicato in una saletta neocatecumenale chiusa e il manuale delle procedure è segretato, come il direttorio catechetico NC :-)

Ruben ha detto...

@Anonimo

"Anonimo ha detto...

Prima di infangare il CNC a Terni informatevi sulla condizione delle parrocchie in Umbria, penso che non esista regione più anti clericale in Italia. Informatevi prima di parlare. Quanti di voi conoscono la situazione?????"
---
E che problema c'è!? Dovreste andare molto daccordo,visto che il Cammino, Kiko in testa, predicano l'anticlericalismo ai quattro venti!
Prima di parlare, siate coerenti e conseguenti.

il CUGINO DELLA PULCE PELLEGRINA ha detto...

Nelle messe dei lefebvriani le donne stanno sempre col capo coperto,come comanda san Paolo nella bbibbia...
ma nelle messe dei NEOKIKOS no!!!!! dicono di volersi rifare ai primi cristiani e alla bibbia.....e invece fanno a comodo loro!!!

La verità vi farà liberi. ha detto...

" Anonimo Anonimo ha detto...

Prima di infangare il CNC a Terni informatevi sulla condizione delle parrocchie in Umbria, penso che non esista regione più anti clericale in Italia. Informatevi prima di parlare. Quanti di voi conoscono la situazione?????"


Terni paga alcune cose: CNC tutto ed un certo Vescovo.

La situazione socio-geografica è quindi del tutto irrilevante, carissimo, ed il CNC si infanga benissimo con i comportamenti della triade e degli adepti, senza bisogno che si scomodi nessun altro.

Da queste parti siamo peraltro MOLTO informati anche perchè, come avrai capito, non ci fermiamo alle apparenze e non portiamo il cervello all'ammasso, NOI....

Comunque, per tornare alla tua domanda (?) e se può interessarti, conosco personalmente e molto bene almeno due sacerdoti che sono stati - per diversi anni - parroci in quella città; ergo: quello che leggo non mi sorprende affatto.

'sti NC....la colpa non è mai loro, piuttosto arrivano a tirare in mezzo l'ISTAT!

Anonimo ha detto...

Mi capitò di partecipare a Messa e c'era una donna che si accostò alla Comunione con il cagnolino in braccio.

http://www.corriere.it/foto-gallery/esteri/13_ottobre_06/messa-gli-animali-c515846c-2e9e-11e3-9d21-b46496cc2a61.shtml#6

Oramai la desacralizzazione della Messa è diffusa.

Si è perso il senso del Sacrificio Eucaristico.

Consiglio alle Comunità neocatecumenali di fare le ore della Passione, una preghiera che Gesù dono a Luisa Piccarreta e che aiuta a vivere bene la Messa.

Mario.

FDF ha detto...

A me è capitato di assistere ad una celebrazione eucaristica nella quale al momento dell'offertorio si è fatta la colletta per pagare gli alberghi (era una convivenza), con relativo conteggio dei danari durante la consacrazione del Corpo e Sangue di Cristo.

Ripensandoci ora ho la certezza che là, memoria del Sacrificio non ce n'è.

Quanto alla diocesi di Terni, è una cosa che mi fa un po' spavento. A Imola ci sono stati problemi con il denaro, a Terni ora pure, a Teramo un'intera parrocchia è stata smantellata e i NC tutti cacciati.
Sembra l'insorgere di uno sfogo allergico, una specie di piccolo shock-anafilattico.

Anonimo ha detto...

Anche qui, non si creano problemi ad invitare in chiesa cani e altri animali! Come è possibile!
Dissacrazione totale!
https://www.youtube.com/watch?v=h8eaRaRIHGI

Urla, strepita, qualcuno ascolterà. ha detto...

Da:
http://chisinasconde.blogspot.it/2013/10/osservatori-chiudete-il-vostro-blog.html#comment-form

si legge:
"Se fossi al posto del Sig.Lino,nuovo,"conduttore" del blog "osservatorio" e compagni, leggerei questa lettera con attenzione e rifetterei a lungo.Amare è più importante di tante scemenze,stupidaggini,senza capo nè coda, che ripete in continuazione sul suo blog.Di queste cretinate non interessa a nessuno se non alla cerchia delle persone che gravitano attorno a quel blog.
Rinnovo l'invito ai fratelli del Cammino di non intervenire nelle stupide discussioni del blog"osservatorio sul Cammino neocatecumenale secondo verità.Non perdete tempo!"

Eppure il Santo Padre non ha creduto perdere il suo tempo prezioso accettando l'incontro con Scalfari!

Comunque questo Blog non credo sia attivo per i NC, ma per i parrocchiani che ignari potrebbero cadere nella rete di questa setta e per chi, avendo militato per moltissimi anni nel CN ne è uscito per disperazione! Ne abbiamo lette di testimonianze!

by Tripudio ha detto...

Pasqualone e i suoi cloni sono letteralmente ossessionati dal desiderio di "chiudere" questo blog, perché pensano che il gigantesco successo del Cammino sia rovinato non da Kiko ma dalle nostre poche paginette.

Desidero ringraziarli per il complimento, ma devo avvisarli che ci sopravvalutano.

FDF ha detto...

Sto seguendo la storia di Bartolo Longo.Hanno detto che ad un certo punto ci furono calunnie e maldicenze su suo conto da parte del clero e di laici.La storia è sempre a stessa e si ripete.

Questa scemenza dell'ineffabile ha dell'assurdo: come si coniuga l'opera di Bartolo Longo con Kiko??

Lino ha detto...

Pasqualone disertore ha detto:
- Se fossi al posto del Sig.Lino,nuovo,"conduttore" del blog "osservatorio" e compagni..." -
Nemmeno si è accorto che questo è un luogo di discussione, ottimamente gestito da Tripudio

Pasqualone disertore ha detto
"...leggerei questa lettera con attenzione e rifletterei a lungo.Amare è più importante di tante scemenze,stupidaggini,senza capo nè coda, che ripete in continuazione sul suo blog.Di queste cretinate non interessa a nessuno se non alla cerchia delle persone che gravitano attorno a quel blog".

Veramente mi pare che il mio più assiduo lettore sia tu. E poi, se sono scemenze, perché ti agiti tanto?
Sulla storia che "Amare è più importante..." - anche delle vostre devastazioni dei Vangeli, quindi - occorrerebbe spiegarti che il Consolatore procede dal Logos. Nemmeno ci tento: troppo difficile per te.

Sempre Allerta Sto ha detto...

Come conciliare il "Cammino eretico" con la decrizione fatta del Cammino dalla storica Angela Pellicciari?

A chi chiedo aiuto per avere chiarezza?

http://www.angelapellicciari.it/1/per_approfondire_746357.html
Grazie!

PS: una chiarificazione utile non solo per me!!!

Esistenzialmente Periferico ha detto...

Mi sento chiamato in causa perchè alcuni anni fa ero al meeting di CL a Rimini con alcuni amici e seguii con loro una conferenza della Pellicciari sul risorgimento.

Tutto andò bene fino a 10 minuti dalla fine, molto seria, molto documentata, molto chiara...quando improvvisamente e senza un filo logico cominciò a urlare la sua testimonianza sul cammino, parlando come un'ossessa indemoniata, in modo sconnesso. I miei amici di Cl, chi sorridente sotto i baffi, chi imbarazzato, io invece pensai che era posseduta, dico sul serio. Infatti ricordo che ripeteva sempre le stesse frasi, il cammino mi ha salvata, Dio mi salva nel cammino, il cammino mi salva, sempre urlando in modo sempre più forte e sconnesso,, sapete quando uno urla troppo e involontariamete sputa nel microfono, e pure con un modo di parlare molto molto più rozzo rispetto alla pacata e appassionante professoressa di pochi attimi prima. All'uscita dopo quello show parlandone con gli amici mi sentii rispondere che dopotutto lei è fatta così e che la grazia di Dio bla bla bla, ma ripeto che a me sembrava indemoniata e non per modo di dire.
Immagino che c'era il suo catechista nei primi banchi e che lo show fosse necessario per non farsi bocciare a qualche scrutinio. Sicuramente c'erano anche quelli della security del meeting, infatti so che negli anni successivi non è stata più invitata. Quindi non facciamoci ingannare,tutti sanno come addolcire una testimonianza.

Anonimo ha detto...

"Come conciliare il "Cammino eretico" con la decrizione fatta del Cammino dalla storica Angela Pellicciari?"

A parte la discutibilità accademica della professoressa, non mi pare che abbia smontato nell'articolo qualcuna delle accuse di eresia adottate nel cammino.

A parte che anche questa testimonianza sembra un copia incolla di ogni testimonianza nc che ho sentito (e già questo mi fa storcere il naso).

Personalmente non metto in dubbio che il cammino possa per molte persone essere un mezzo per riavvicinarsi a Dio ma quale Dio? Il problema è che il messaggio che si evince dalle catechesi del cammino per diversi punti diverge rispetto quello che la Chiesa ha sempre tramandato.

Se sei a conoscenza di un suo saggio storico o articolo dove studia le comunità dei primi cristiani e le paragona con l'insegnamento del cammino potremmo confrontarci su quello ma non mi risulta ci sia materia del genere.

Sulle esperienze personali non mi permetto di giudicare, ma il fatto che una persona più o meno capace sia nel cammino e lo apprezzi non ufficia il fatto che alcune catechesi siano eretiche e le celebrazioni non opportune.



Gv

La verità vi farà liberi. ha detto...

@ Senpre Allerta Sto

La Pellicciari è una storica entrata nel CNC e come tale sostiene il CN.
Margherita Hack era una ricercatrice atea e come tale sosteneva la non esistenza di Dio.

Ergo la Pellicciari, per quanto mi riguarda, ha la stessa attendibilità della Hack.

Lino ha detto...

Un'ottima storica, non c'è che dire (dove e cosa ha insegnato?). Avrà appreso da Giuseppe Flavio, in quanto a neutralità.
Lei (nella pubblicità progresso linkata) segna dei punti fondamentali del Cammino.
1) E' un'altra sessantottina che testimonia il passaggio da una comune comunista alla comunità neocatecumenale. In fondo Kiko un po' assomigliava a Che Guevara
2) E' un'altra persona "terrorizzata da sempre dalla morte che mi fa orrore"
3) Ha ben appreso la lezione del fango del cieco nato («mentre contemplavo la catena dei “peccati”»)
4) Pratica ottimamente la confessione comunitaria ("Insieme vuol dire conoscendo le debolezze gli uni degli altri, le insopportabilità, le insofferenze, le stoltezze, le idiosincrasie, le invidie, le gelosie...")
5) E' una specialista di metafore originali, che attribuisce a Kiko ("La nostra nave sta camminando verso...")
6) Ha perfettamente imparato la lezione dei numeri ("...più di 70 sono i seminari del Cammino... circa 4000 le sorelle entrate in convento...).

Molto interessante, dal punto di vista storico, il confronto con i Testimoni di Geova. Magari, storicamente, dovrà dimostrare dove ha visto i Neocat camminare a due a due "nelle strade, negli ospedali, nelle giardini pubblici, ovunque..."). Forse erano TdG, e li ha confusi. Nulla di grave, può capitare.

Sebastian ha detto...

Il Cammino è come un fiume che risana. Risana e rende possibile la vita insieme



La predicazione di Kiko e Carmen è sempre fresca, nuova, profonda

parole al vento...

il CUGINO DELLA PULCE PELLEGRINA ha detto...

le STRUNZATE dette da kiko & carmen (che sono STRUNZATE non solo per COSA dicono ma anche per COME le dicono!!!!) sono veramente STRUNZATE fresche nuove e profonde!!!!
bisogna essere proprio PLAGIATI AL MASSIMO per credere che quei due annuncino il VANGELO!!!!
e che, la fede cattolica sarebbe un piagnisteo fatalista e urlato come in mezzo al mercato del pesce?