giovedì 2 ottobre 2014

Il Cammino del Sionismo - ed altre sciccherie

Per quanto altro tempo
papa Francesco sopporterà Kiko?
Ho appena lasciato il Cammino, dai fratelli di comunità ero stato abbandonato a me stesso per aver avuto una malattia, ma non è questo il punto. Con loro sono stato molto schietto ed ho precisato che non intendevo convertirmi ad un'altra religione.

Ho infatti sentito discorsi impensabili da coloro che hanno finito il Cammino e mi hanno portato lì, come ad esempio il loro osannare i missili di Israele ed il fatto che avesse la bomba atomica.

Comunque la cosa più inquietante è stata questo fatto concreto: la sera della veglia di Pasqua avevo invitato con ottime intenzioni una sorella che non frequentava più da un po', nonostante la convinzione forte con cui lei aveva iniziato. Bene, sono state "consegnate le candele", ed io sono rimasto guarda caso senza candela, perché ne mancava proprio una. Proprio io e non per caso. È stato un chiaro ammonimento: non avrei dovuto permettermi quell'invito senza il permesso di chi comanda.

Un giorno fra l'altro ho sentito questa oscura frase: "Quanti soldi faremmo se facessimo piangere una madonnina"... La "m" minuscola è dovuta al fatto che in una frase del genere mi vergogno di scrivere Madonna. In più quando abbiamo ricevuto i richiami del Papa in udienza speciale, verso cui Kiko fu irriverente, sono stati fatti girare video dell'udienza commentati ad hoc dai catechisti, che sminuivano il ruolo del Papa e ne oscuravano completamente il discorso assai moderato e costruttivo che aveva fatto nei nostri confronti.

Orrida croce kikiana
per fare le Lodi a Kiko
Non parliamo poi della totale mancanza di rispetto verso i sacerdoti, continuamente richiamati per motivi assurdi, per quanto disponibili al servizio ed al soccorso. Ho sentito dire da membri anziani che un sacerdote che non ha frequentato il seminario neocatecumenale non è un vero sacerdote perché non ha vocazione missionaria. Alla luce del tempo passato a profanare il Dio nel cammino neocatecumenale posso solo dire: Signore, misericordia, perdonami
(da: R.)

56 commenti:

by Tripudio ha detto...

Ora sicuramente pioveranno qui i soliti troll neocatecumenali a urlare che non hanno mai sentito robe del genere.

Oh, certo, nel Cammino nessun responsabile o cosiddetto "catechista" ha mai detto frasi che cominciano con «quanti soldi potremmo fare se...», oh, certo, come ci credo.

by Tripudio ha detto...

Intanto all'improvviso compaiono a Guam due preti (abbigliati in clergyman) che nel tardo pomeriggio erano in un bar con una donna (con la quale uno dei due preti flirtava).

Quei due preti non erano mai stati visti prima a Guam.

Dato che Guam è un'isoletta nell'oceano Pacifico (ci si arriva solo con lunghi spostamenti in aereo) e dato che il vescovo locale è membro del Cammino, cosa vi fa pensare una simile scena?

by Tripudio ha detto...

Dimenticavo: l'edificio sullo sfondo è il seminario neocatecumenale di Guam...

l'apostata ha detto...

@ Tripudio

Erano sicuramente camminanti, hai visto che macchine?

laico ha detto...

Cosa impedisce il PAPA a fermare tutto ciò. Qualcuno rispose sono troppo potenti , ma stiamo scherzando e come dire il male ha sconfitto il bene , e come dire la morte ha trionfato sulla vita, e come dire che DIO si sia bendato gli occhi.SVEGLIÀAAAAAAAAAAAAAA!

by Tripudio ha detto...

Le notizie da Guam sono importanti per due motivi:

1) sono in lingua inglese, cioè comprensibili virtualmente in tutto il mondo, anche a chi non conosce l'italiano, lo spagnolo e l'itagnolo kikiano-carmeniano;

2) sono la dimostrazione che quando il Cammino finalmente riesce ad avere successo in una diocesi, non sa fare altro che commettere continuamente gravi ingiustizie nei confronti di tutti i cattolici (non si limita più a torchiare i fratelli di comunità).

A proposito della testimonianza presentata oggi: quando dei super-catechisti neocatecumenali si infervorano a vicenda parlando di "missili" e di "bomba atomica" di un certo paese mediorientale, fanno capire quale è il loro riferimento ideale, negando di fatto l'Apostolo che afferma che «non c'è più né giudeo né greco» (Gal 3,26).

Tale superbia si vede anche dagli "anziani" del Cammino che vanno blaterando che il sacerdozio "vero" è solo quello del Cammino («un sacerdote che non ha frequentato il seminario neocatecumenale non è un vero sacerdote perché non ha vocazione missionaria»), cioè quello che ha come riferimento unico Kiko.

by Tripudio ha detto...

In una settimana ho mandato in "spam" almeno una decina di commenti anonimi al giorno, di due troll neocatecumenali (dubito che siano molti di più) che comicamente insistono a scrivere insulti e copia-incolla pur sapendo che così facendo perdono tempo (molto più di quanto ne fanno perdere a me).

Ai suddetti troll voglio ricordare che lo scopo di questo blog non è di avere "tanti visitatori", e nemmeno di suscitare quotidianamente stupore: a distanza di anni, una singola vecchia pagina letta anche soltanto per metà, può essere stimolo per chiunque per cominciare a rendersi conto di quanto sono falsi e ingannevoli i fondamenti spirituali del Cammino.

Ci sarebbe da far festa per ogni anima che abbandona l'idolatria di Kiko per tornare alla fede della Chiesa cattolica, ma non ci dispiace avere scarse notizie di tali miracoli perché sappiamo che fa più rumore un albero che cade, che una foresta che cresce. Qui ci limitiamo perciò a segnalare i motivi per cui grazie al Cammino "cadono alberi", invitando a riflettere.

Michela ha detto...

laico ha detto...
Cosa impedisce il PAPA a fermare tutto ciò. Qualcuno rispose sono troppo potenti , ma stiamo scherzando e come dire il male ha sconfitto il bene , e come dire la morte ha trionfato sulla vita, e come dire che DIO si sia bendato gli occhi.SVEGLIÀAAAAAAAAAAAAAA!


credo che nella chiesa del prossimo futuro ci sarà ancora spazio per il cammino. Il cammino rappresenta ancora uno zoccolo duro, una sacca di resistenza contro la crisi della chiesa.
Il cammino ha ancora un'identità forte che è rassicurante per le gerarchie.
Il cammino, visto dall'esterno, è troppo bello per essere vero: famiglie numerose, grande carità, gente sorridente e pronta a far festa ad ogni vescovo o papa che passa.
Se togliete questo cosa resta alla chiesa di oggi? Cattolici isolati che vivono la loro fede senza molti punti di rifermento, poco visibili e silenziosi, e molti che pur restando cattolici contestano la chiesa. Cioè proprio quello che non serve ad un vescovo o a un parroco che nello sfacelo generale vuole ancora portare dei numeri importanti sul numero di sacramenti celebrati, battesimi, comunioni ecc., tutti dati importanti per valutare la vitalità di una diocesi.
Ovvero il cammino è l'ultimo appiglio per i vescovi che non vogliono vedere la crisi, che vogliono credere che la cose vadano male ma non malissimo.

Il cammino invece è rifiutato dalla base, la gente normale ormai li conosce, ha sperimentato la freddezza e superficialità nei colleghi di lavoro neocat, e ha visto il loro fanatismo nelle parrocchie.

Il vescovo che conosco io, che dei neocat conosce solo i sorrisi e le buste chiuse, penserà che la base della sua diocesi rifiuti l'impegno serio e che i veri cristiani siano solo i neocat e dovete vedere quanti sorrisi si dispensano reciprocamente!

HK M25 ha detto...

Riguardo alla testimonianza, non mi stupisco più di questo modo di agire perchè ho testato la loro freddezza/arroganza/egocentrismo, se pur solo una volta, in occasione di una loro eucarestia (ed io ero veramente un estraneo, perchè mai ho fatto parte del cammino e tra l'altro, non ero e sono proprio un cristiano consolidato. Non me ne vogliate per questo).

Per quanto riguarda: "... osannare i missili di Israele ed il fatto che avesse la bomba atomica." [cit. da testimonianza], nonostante la mia esperienza durò solo qualche quarto d'ora, sentii benissimo anche io cose del genere, nello specifico si osannava il fatto che agenti del MOSSAD, prediligessero pregare Dio prima di attivarsi contro l'infedele di turno. Almeno avessero un'idea di cosa sia il Mossad. Vorrei precisare che, quando chiesi spiegazioni alla persona che mi accompagnò, mi eclissò banalmente dicendo che il tizio che fece questa affermazione: "non c'era tutto di testa" (non oso immaginare gli altri). Per questo motivo continuo a dire che nel cammino, i più pericolosi sono i "finti moderati", coloro che si armano di perbenismo e pità, coloro che distruggono con sotterfugi la vita della propria famiglia e di chi gli sta intorno.

@Tripudio
Occhio a non invogliare qualche Troll ad assumere una posizione filosofica :-). Rischi di farti chiedere che rumore fa un albero quando cade, SE NON CI FOSSE NESSUNO a sentirlo cadere. Potrebbero dibattere dicendo che " dire ciò che non esiste che esiste è falso". Una specie di "Adaequatio rei et intellectus". :-)

Lino ha detto...

OT
E' sempre divertente leggerlo. Come volevasi dimostrare: divieti o non divieti, lui è Baccalà, dal nome del mitico personaggio napoletano che non poteva vivere senza essere preso in giro.
Pasqualone ha scritto: "Continuiamo ad ignorarli i loro commenti sono sempre di meno,segno che il blog sta morendo è in piena agonia".

Davvero? E il tuo blog, per il numero di commenti che vi si leggono (zero) è invece vivo e vegeto? E anche si permette di chiamare Tripudio e me Stanlio e Ollio!

Così, l'OT è soltanto per ridere un poco. Se in gioco non ci fosse il cattolicesimo, sempre ci sarebbe da ridere, con questi.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

P.S.
Con l'OT rispondevo anche alla "Adaequatio rei et intellectus" di HK M25. Mi sono spiegato? Baccalà di ciò che non esiste (i suoi commenti) dice che esiste e il blog è vivo. Di ciò che esiste (i commenti qui) dice che non esiste e il blog è moribondo
:-)

Anonimo ha detto...

Il numero dei commenti agli articoli non ha nessuna correlazione con il numero dei lettori e tantomeno con il sorgere di sani interrogativi e comunque, se questo blog servisse solamente ad aiutare una singola anima la sua funzione sarebbe già sufficiente.
Secondo me il motivo del basso numero di commenti è che è impossibile avere un contradditorio sui temi sollevati.
I numerosi neocatecumenali che leggono il blog si sentono attaccati personalmente e nella loro fede e reagiscono sempre con commenti scomposti e non attinenti.
Un esempio che vale per altri mille episodi.
Quando uscì la lettera di Arinze, che era piena di contenuti, nessun neocatecumenale parlò dei contenuti, ma come sempre rispose con slogan e frasi fatte.
Se qualcuno in un commento chiedeva: ma allora vi siete adeguati al contenuto della lettera su questo punto e su quest'altro punto? Avrebbe avuto le seguenti risposte:
- Paolo VI ha approvato il cammino;
- Giovanni Paolo II ha celebrato con il cammino a Porto San Giorgio;
- il cammino è per i lontani.
Ne ho tirate fuori 3 a caso...ma ditemi che sto sbagliando.
Ecco tutto questo per dire che non sarà mai possibile avere uno scambio sereno sui contenuti, ops... sui fatti concreti.

Romano Apostolico

Valentina Giusti ha detto...

Sai Lino, per loro il successo è una quantità. Non investono in qualità. Dirò di più: nell'entourage nc la qualità, se è elevata, è vista con sospetto. Sono dei tayloristi dello Spirito, cioè contano i pezzi prodotti.
Peccato che la radicalità della scelta di fede non sia misurabile con la quantità delle cose che si producono, si acquisiscono o a cui si rinuncia, ma dalla qualità della propria appartenenza al Signore ed alla missione che Lui ci affida.

Lino ha detto...

Il mio dubbio, Valentina, è che non solo la qualità ma anche la quantità sia esagerata al massimo nel loro marketing. Davvero come i mitici carri armati di Mussolini: spostati da una città all'altra per mistificarne il numero, di scarsa qualità, relativamente pochi. Pare che facessero molto rumore con i cingoli scarsamente "oliati" quei "carri armati", però :-)

Anonimo ha detto...

Ciao ragazzi.
Se posso permettermi di fare un appunto storico, un modo per controbattere alle falsità filo-sioniste di Kiko c'è:
I cosiddetti "primi cristiani" non avevano ancora maturato il proprio senso d'appartenenza religioso, si sentivano ancora ebrei con l'eccezione che seguivano gli insegnamenti di Gesù, infatti chiamavano loro stessi "ebrei della via". Fu solo quando i pagani si convertirono in massa che tutti coloro che credevano in Gesù Cristo cominciarono a sentirsi "cristiani". D'altronde se Gesù non avesse espanso i suoi insegnamenti a tutti gli uomini e li avesse dati solo agli ebrei, ebraismo e cristianesimo sarebbero la stessa identica religione. Quindi quando Kiko dice che i veri cristiani sono i primi ovvero quelli più vicini all'ebraismo è un chiaro segno di complotto sionista.

Anonimo ha detto...

A proposito di oliatura, quanto sarà costato il nascondere da parte dell' osservatore romano non pubblicare le foto dell' udienza dell' ormai lontano 9 luglio. Anche i mesi di agosto e settembre sono quasi al completo mentre stranamente per luglio si ferma a 15 eventi. Sarà pura coincidenza!!!?
Tabata

HK M25 ha detto...

@Lino

Io forse sono venuto a conoscenza di una realtà NC abbastanza numerosa, almeno, questo è quello che ho visto (non esagerata). Forse però ho come paragone la mia di realtà, in un contesto dove i cristiani che vanno in chiesa la Domenica sono un pò pochini. Io credo che siano, purtropo, un numero relativamente importante e mi ripeto, è quello che ho visto in una Provincia di una data Regione. Di certo però la Qualità non cambia. Poca e senza valore.

Anonimo ha detto...

Sabato prossimo c'è un incontro a san Pietro con kiko... Che ne sapete

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ruben ha detto...

Anonimo ha detto...
"A proposito di oliatura, quanto sarà costato il nascondere da parte dell' osservatore romano non pubblicare le foto dell' udienza dell' ormai lontano 9 luglio. Anche i mesi di agosto e settembre sono quasi al completo mentre stranamente per luglio si ferma a 15 eventi. Sarà pura coincidenza!!!?
Tabata"
---
Ottima osservazione Tabata!
A suo tempo scrissi al Servizio Fotografico dell'Osservatore Romano sulla lacuna del 09/07; mi rispose picche, con l'invio di un modulo per l'acquisto delle fotografie!....che non erano disponibili e mai lo saranno, naturalmente!
Il servizio però sicuramente esiste; tutti coloro che avvicinano il Papa, sono fotografati d'ufficio; se il volto è lo specchio dell'anima, chissà cosa potrebbe trasparire da quelle foto!...

Valentina Giusti ha detto...

Dice Anonimo:
Quindi quando Kiko dice che i veri cristiani sono i primi ovvero quelli più vicini all'ebraismo è un chiaro segno di complotto sionista.
Non mi esprimo sul complotto sionista.
Però l'osservazione per me è illuminante: le prime comunità cristiane cui Kiko si ispira sono quelle ebraiche!
Rivedo tutto in una nuova luce...
Menorah, balletto, Shekinà, Dajenu, Shemà e di tutti gli elementi di un ebraismo 'di fantasia' da lui introdotti nella scenografia nc.
E poi l'insistenza sul Vecchio Testamento...
È una visione che ci vuole riportare a 2000 anni fa e rinchiudere il messaggio universale di Cristo nei confini angusti di un popolo e di una cultura (totalmente reinventati).

HK M25 ha detto...


Detto e ridetto, il modo per identificare tutto questo è "chiesa nella chiesa". Kiko e compagnia bella stanno semplicemente parassitando come delle zecche.

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
Sabato prossimo c'è un incontro a san Pietro con kiko... Che ne sapete

Se parli di sabato 4 ottobre è per pregare per l'inizio del sinodo che ha come tema la famiglia
Tabata

by Tripudio ha detto...

Notate come un "incontro di preghiera" subito divnta "incontro con Kiko".

Sottinteso: se c'è l'idolo Kiko, ci vanno; se non c'è l'idolo Kiko, non ci vanno.

aleCT ha detto...

Questa è una cosa che sinceramente mi fa ammattire.

L'Incontro di sabato non è CON KIKO (sembra quasi che lo abbia organizzato lui)...è un incontro di TUTTA LA CHIESA che prega per il Sinodo.

Però, nella vulgata NC, l'incontro è "con Kiko"

Tutto nel CN è "kikocentrico":
i canti di Kiko,

le "icone"di Kiko,

le catechesi di Kiko (e GUAI SE SI PROVA A CAMBIARNE UNA VIRGOLA),

la MESSA DI KIKO (che da anni tenta INUTILMENTE di spacciare come APPROVATA).

Vediamo se qualcuno ha il coraggio di dirmi che non è vero!

"Avete visto, Kiko ha ragione, il PAPA dice le stesse cose!"

E infatti quando il PAPA dice cose che smentiscono Kiko che si fa? Si sminuisce, si CENSURA, si prende sottogamba.

Chi è il Vicario di Cristo? Il Santo Padre o Kiko Arguello?

HK M25 ha detto...

La mi domanda è proprio questa. Ma se un giorno il Papa decidesse di prendere posizioni più solide contro il cammino. La risposta dei vertici e quindi poi quella degli stessi partecipanti del CN, come pensate che possa prendere forma?

4 opzioni per me plausibili:

- Il cammino stesso, partendo dai vertici, cambia e mette dei seri paletti.

- Il cammino cambia ma finge di mettere dei seri paletti.

- Il cammino non cambia e accenna anche alla scissione dalla Chiesa cattolica (estremistica come visione, non so neanche se si possa fare).

- Il Papa stesso porrà dei vincoli ufficiali che la Kiko's Gang non potrà evitare.

Come la vedete voi?
P.S: Sucsate se ho esemplificato tanto le opzioni, ma se mettevo anche le postille diventava un commento di 6 pagine.

l'apostata ha detto...

@ aleCT che ha scritto: "...Chi è il Vicario di Cristo? Il Santo Padre o Kiko Arguello?".

Ovviamente è il Santo Padre, il signor dottor (h.c.) Arguello non si sente secondo a nessuno, figurati se accetterebbe un posto da vice...

Lino ha detto...

Tutti i ragionamenti NC fanno ammattire, aleCT. Al punto che, per non ammattire, ho imparato a prenderla scherzosamente. Leggi questa, a proposito di iconokikomania.
Mostro la primera Kiko follia

1) "E' la Cena dell'evangelista Giovanni", mi dicono
Risposta mia: "No, Gesù appare già risorto"
2) "Non è originale di Kiko", rispondono perplessi, "non l'ha dipinta lui"
Risposta mia: "Ecco un catalogo spagnolo e la vendita nel CAAL"
3) "Sì, è di Kiko, ma raffigura Gv 21"
Risposta mia: "No, in Gv 21 c'è il pesce, ma la scena non è in un Cenacolo"
4) "E' Lc 24, dove appare Gesù risorto, e gli apostoli sono in undici", aggiungono.
Riposta mia: "No, in Lc 24 non c'è c'è il "discepolo che Lui amava" con il capo reclinato, e non c'è Giuda"
5) "Quello non è Giuda, è uguale a Giuda ma non è Giuda", è la risposta tipica.

E così via, sempre così. Demenziale: tutto questo per non accettare che la scena dipinta da Kiko non esiste, così come non esiste nei Vangeli il "memoriale" che Kiko fa celebrare nelle salette.

Anonimo ha detto...

Brava aleCT, in effetti dalla mia risposta non si capisce che e' un incontro di preghiera di tutta la chiesa chiesto da papa Francesco a tutte le famiglie, perché a loro e' dedicato il sinodo. Inoltre papa Francesco chiede:"per coloro che ci accompagneranno da casa ' accendi uuna luce in famiglia'. La sera della festa di San Francesco in ogni casa, dove e' presente una piccola chiesa domestica, si potrà accendere un lume da porre sulla finestra per testimoniare il Vangelo del matrimonio e della famiglia. Verrà inviato uno schema di preghiera da vivere in forma domestica o nella comunità parrocchiale."
Tabata

Anonimo ha detto...

CRISTO RISORTO sempre con noi

laico ha detto...

ISTITUZIONE E CARISMA(KIKO E IL VERTICE SPODESTATO). IL CARISMA È SEMPRE UN PATRIMONIO DELLA CHIESA . DI SU ICURO VERRÀ RIVISITATO

Ruben ha detto...

OT:
Pasqualone da suo blog dice:
"Non avranno il coraggio di dire che disprezzano molti dei Vescovi che partecipano al Sinodo e soprattutto il Card,Kasper."
---
Io il coraggio di dire ce l'ho e come:
nessuno disprezza i Vescovi, casomai, si può e si dovrebbe disprezzare ciò che dicono e come si comportano, non è che la veste paonazza, gli dia a priori e a prescindere l'impunità riguardo a pensieri ed opere.
Non sono un tradizionalista, anzi sono talmente progressista da essere stato tacciato dal "blog disertori" come catto-comunista.
Nonostante questo, la Messa Tridentina è stata la Messa della mia adolescenza e della mia giovinezza; la preferisco, quindi, anche rispettando e godendo di una Messa Conciliare senza fronzoli.
Per quanto riguarda il Card. Kasper,
non condivido l'Eucarestia ai divorziati risposati; sarebbe un'apertura in bianco ed una legittimazione mascherata all' adulterio.
Ma tanto si sa, a Pasqualone e Cammino interessano soprattutto i figli, chi li fa li fa, adulteri o meno.
Fine OT.

Anonimo ha detto...

È così... Il messaggio passato nelle comunità è: c'è un incontro di kiko con i vescovi in piazza San Pietro!
Ora la maggior parte delle persone che si abbevera al cammino e non ad altro questo sa e questo capisce....

aleCT ha detto...

Ma sentilo il Baccalà!

Perchè non parliamo del buon Kiko Arguello che, da un lato, è "contentissimo" delle norme e dall'altro si dispera "qui si finisce tutto"?

Uno che si prende la briga di scrutinare i sacerdoti senza che lui sia mai stato scrutinato da nessuno.

Che cuor di leone!

Personalmente parlando non disprezzo proprio nessuno COME PERSONA (perchè il rispetto lo si deve alle persone in quanto TALI non a seconda del GRADO che occupano).

Mi da profondamente fastidio invece chi, usando il proprio ruolo, mette in bocca a Papa Francesco quello che in realtà sono I PROPRI pensieri.

Preferisco molto di più quelli che, citando coerentemente Vangelo e Tradizione, hanno le palle di dire come la pensano su determinate questioni spinose senza trincerarsi dietro al "mi contesti? Guarda che il papa la pensa come me quindi stai contestando il Papa"

Lino ha detto...

@ Ruben
Io, invece, sono più pragmatico, Ruben. A Pasqualone rispondo: "Non illuderti. In questo blog l'osservazione è sul Cammino. Perché pensi di poterci far "divagare" su Kasper? Perché un Baccalà pone domande OT? Ha sbagliato blog e interlocutori, il Baccalà :-)

aleCT ha detto...

"c'è un incontro di kiko con i vescovi in piazza San Pietro! "

A questo punto perchè non dicevano direttamente che il Sinodo il Papa lo ha indetto perchè glielo ha detto Kiko?

E'un atteggiamento MALATO (malattia dell'anima) questo. Il fatto di metterci il proprio timbro OVUNQUE.

Mi ricordo di uno scambio di mail con un ragazzo NC riguardo alla GMG (il buon Baccalà dice che "la maggior parte dei giovani presenti " è NC..ricordiamolo).

Lui mi disse: "alle catechesi non partecipiamo, tra l'altro, perchè se ci fossimo non saprebbero dove metterci"

Ed io a rispondergli: "guarda che c'è una organizzazione molto precisa" e gliela spiegai nei minimi dettagli perchè, come capogruppo alla GMG di Madrid, avevo ricevuto indicazioni più dettagliate

E lui, cascando dal pero,: "ah, ma funziona così?"

Manco stessimo parlando di mentecatti che non sanno cosa fare..

Poi però magari quando "in missione" i bus sbagliano strada...

La verità vi farà liberi. ha detto...

Confermo che il messaggio passato alle Comunità è che c'è un incontro con Kiko. Peraltro ai NCN è stata richiesta la presenza di TUTTE le famiglie con figli (al seguito) di Roma e delle Diocesi adiacenti.

La verità vi farà liberi. ha detto...

Nuovaicona di Kikko:

https://www.facebook.com/francesco.primo.9674/posts/1492467454373094

La verità vi farà liberi. ha detto...

A questolink potete trovare due interventi "illuminati" di un certo Pasquale:

https://www.facebook.com/gioia.baleani/posts/786679891396125

La verità vi farà liberi. ha detto...

Scusate ma oggi è giornata....il buon Pasquale dice che "conosce" il nostro blog:

https://www.facebook.com/vittorio.russo.982/posts/345079578991106

aleCT ha detto...

" Peraltro ai NCN è stata richiesta la presenza di TUTTE le famiglie con figli (al seguito) di Roma e delle Diocesi adiacenti."

Peccato che non ci siano biglietti per entrare in piazza come per l'incontro dei movimenti ecclesiali per l'anno della Fede...potevano far sganciare 2 euro a persona anche stavolta.

Scusate la causticità, ma quando ci vuole ci vuole

Ruben ha detto...

@ La verità vi farà liberi. ha detto...
A questolink potete trovare due interventi "illuminati" di un certo Pasquale:

https://www.facebook.com/gioia.baleani/posts/786679891396125
---
All'indirizzo sopra indicato, il famigerato Trilex, guardate la foto, sembra Mefistofele, dice:

"Trilex Trilex Si celebra con il pane azzimo come fece Gesù, con queste modalità hanno celebrato la messa San Giovanni Paolo II, Benedetto da prefetto del Sant'Uffizio e Francesco da vescovo di Buenos Aires"

A parte che in tutta la Chiesa si è sempre celebrato con pane più che azzimo; l'ostia non ha la benché minima traccia di lievito e di fermentazione!...
Per quanto riguarda la celebrazione del Card. Bergoglio(Francesco) in una Messa kika, non esiste la benché minima documentazione e/o prova!

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
psyco ha detto...

Su Jungle Watch spiegano la TRUFFA del termine PICCOLE COMUNITA' e il fatto che sul sito ufficiale del cammino NON C'E' il testo dello statuto ma solo quello del 2002 pieno di furbate:

www.junglewatch.info/2014/10/the-official-deception-of.html"

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

@ Ruben
Sto intervenendo da un paio di giorni nei post di Gioia, una ex NC molto battagliera e incavolata (sulla cui pagina si sta scatenando di tutto e di più, i peggiori NC) che ha pubblicato alcuni commenti miei sulla famosa icona blasfema. L'impressione è che parecchi NC si stiano spostando su FB per contestare gli ex.

La verità vi farà liberi. ha detto...

"L'impressione è che parecchi NC si stiano spostando su FB per contestare gli ex."

Non so con precisione, ma a mia precisa domanda sul perchè fossero ancora attivi con il loro profili facebook una coppia di attempati catechisti mi ha risposto che "qualcuno deve pur controllare cosa fanno i ragazzi".

Forse allora si riferivano agli ex ragazzi....

Lino ha detto...

Sì, ma con Gioia hanno sbagliato palazzo :-)

Ruben ha detto...

@Lino
"L'impressione è che parecchi NC si stiano spostando su FB per contestare gli ex."
---
Penso che nonostante l'avversione di Kiko ad internet, stiano tentando il tutto per tutto per limitare i danni.
Personalmente, pur avendo su FB una pseudo-identità, è un ambiente nel quale, non mi trovo, almeno per il momento, affatto a mio agio; ho infatti la sensazione di una gran confusione...

Lino ha detto...

Perfettamente d'accordo con te, Ruben. Infatti la mia pagina FB è praticamente vuota di scritti miei: nemmeno la mia faccia c'è :-) L'esperienza sulla pagina qui prima citata, però, è stata interessante: credevo che i NC si presentassero come li conosciamo noi soltanto quando scrivono sotto anonimato. Invece sono proprio così, anche quando pubblicano con nome e cognome :-)

Anonimo ha detto...

Ma secondo voi, domani in piazza San Pietro, i kiko's si uniranno in preghiera insieme a tutti quanti o si faranno notare, come al solito, con striscioni, bandierine e canti?
Tabata

by Tripudio ha detto...

Piccola precisazione sul "sionismo": l'infervorarsi per bombe e missili è dovuto ad una percezione assai superficiale della realtà, cioè ad un ridurre la fede a discorsi "politici" (diciamo così solo per amore di sintesi).

Spiego meglio: se Israele vincesse il campionato mondiale di calcio, i cosiddetti "catechisti" del Cammino si infervorerebbero gioiosamente, illudendosi che con ciò la vera fede sarebbe andata avanti.

La stupidità della gerarchia neocatecumenale è ben raffigurata dalle bestie del racconto di Orwell (La fattoria degli animali), che ripetevano il mantra "quattro zampe buono, due zampe cattivo" finché i maiali non hanno comandato diversamente: "quattro zampe buono, due zampe meglio".

Ruben ha detto...

@Anonimo ha detto...
"Ma secondo voi, domani in piazza San Pietro, i kiko's si uniranno in preghiera insieme a tutti quanti o si faranno notare, come al solito, con striscioni, bandierine e canti?
Tabata"
---
Hai centrato il problema Tabata.
Abitando a Roma ogni tanto do una sbirciatina la domenica in piazza S. Pietro: i Neocatecumenali presenti, si fanno i fatti loro, con canti preghiere e mozioni interne come se stessero in saletta; poi, alla benedizione dopo l'Angelus che ricevono in piedi, con un segno di Croce svogliato, srotolano lo striscione "tu es Petrus" e applaudono " a chi strilla di più!"

Lorenzo Scamurra ha detto...

Tanto anche se lo cestinate lo leggete comunque, Voi invece di criticarla dovreste ascoltarla e se proprio volete farlo allora documentatevi, sul fatto che il cammino Non è un'eresia... Ed ogni papa da Paolo VI a Papa Francesco ne sono la testimonianza. Io non cerco la vostra conversione cari fratelli, voi dovreste non seminare zizzania perchè la pace si trova con l'amore tra i fratelli e non criticandoli. La pace.

by Tripudio ha detto...

Caro fratello Lorenzo,

eresia significa insegnamenti sbagliati... e gli insegnamenti sbagliati si riconoscono da una liturgia sbagliata.

Entrambe le caratteristiche sono riconoscibili nel Cammino Neocatecumenale.

Se tu ascoltassi veramente le parole dei Papi da Paolo VI in poi, ti accorgeresti che elogiano la bontà dei cuori dei singoli neocatecumenali. Il desiderio di andare in missione, per esempio, è certamente una cosa buona (la bontà di cuore viene infatti dallo Spirito): e come tale è stata elogiata dai Pontefici.

Gli strafalcioni liturgici del Cammino non vengono dallo Spirito: ed infatti sono stati criticati dai Pontefici (il che è doppiamente umiliante per il Cammino, poiché anche un bambino del primo anno di catechismo sa che le norme della Chiesa vanno rispettate sempre - anzitutto quelle liturgiche - senza che ci sia bisogno che il Papa ti recapiti un rimprovero scritto).

Il Cammino celebra strafalcioni liturgici (come il ridicolo balletto-girotondo a fine liturgia, come l'irrispettosa "comunione seduti", ecc.) e addirittura commette gravissimi sacrilegi (come la "comunione "obbligatoria anche agli atei", o addirittura calpestando materialmente il Santissimo Sacramento): tutte queste cose non vengono dallo Spirito, ma dal demonio.

E nemmeno vengono dallo Spirito le eresie di Kiko Argüello e Carmen Hernàndez: per esempio Kiko va pubblicamente insegnando ai giovani che in caso di peccati mortali il sigillo della confessione sarebbe facoltativo, sarebbe solo «se vuoi»: praticamente Kiko insegna il contrario del Vangelo (Nostro Signore ha detto: «...e quelli che non li rimetterete, resteranno non rimessi»: il sacramento della confessione non è facoltativo!) e la cosa più assurda è che nessuno dei giovani lì presenti ha avuto da ridire! Nessuno si è alzato per andarsene!

D'altronde, come meravigliarsi che i giovani neocatecumenali siano fondamentalmente ignoranti perfino dei concetti elementari del primo anno di catechismo dei bambini? Gli stessi cosiddetti "catechisti" del Cammino sono profondamente ignoranti!

L'eresia del Cammino Neocatecumenale comincia infatti nelle sue ambiguità: ti fanno credere che la vita cristiana sarebbe tutta la cagnara di Kiko e Carmen con canti di Kiko e gadget designed by Kiko... e ti insegnano errori, ti fanno celebrare strafalcioni, ti spennano per bene (decime, collette, convivenze, continue richieste di denaro ogni volta), e ti ingannano nascondendoti i rimproveri dei Papi e banalizzando l'insegnamento della Chiesa.

Di fronte agli strafalcioni liturgici e dottrinali, o siete totalmente ignoranti e in buona fede (e dunque è dovere di ogni cristiano farvi notare tali errori), oppure siete complici di quegli strafalcioni (e dunque è dovere di ogni cristiano farvi notare tali errori). La prima opera di carità è la verità.

Ostinarti negli errori a cosa ti serve? Credi forse di far diventare nero il bianco, e bianco il nero? Nel giorno del giudizio cosa dirai? Signore, ma come ti osi? noi eravamo approvati! avevamo lo Statuto! pagavamo la decima! preparavamo la liturgia! Signore, ma come ti permetti? Tu giudichi!