giovedì 29 gennaio 2015

«Chi non ascolta i catechisti neocatecumenali, non riceverà grazie da Dio»

Tornata tutta intera dall'ultima convivenza del cnc volevo raccontare qualche impressione...

Innanzitutto quello che ho notato è stato il fatto che lì dentro gioca un ruolo importantissimo la componente psicologica. Quel martellamento di cosiddette "catechesi" piano piano tende a far abbassare le difese e a perdere la lucidità (figurarsi per chi ci va senza averle proprio alzate, le difese), in uno stato di assorbimento totale (alla "Matrix") come sono stata io per molti anni.

Un'altra componente è quella affettiva e qui mi può capire solo chi, come Sandavi, proviene da un ambiente neocatecumenale da generazioni, con familiari e amici tutti dentro. In fondo a molte persone di quella comunità voglio un gran bene, ci sono cresciuta, ho condiviso con loro alcuni degli aspetti più intimi della mia vita.

Un ulteriore aspetto è quello che fa leva sulla paura e sui sensi di colpa. Ho sentito frasi come "chi non ascolta i catechisti non riceverà grazie da Dio", ma meno male! E' stata una di quelle cose che mi hanno aiutata a uscire dall'intorpidimento mentale. Oppure il questionario (che mi sono rifiutata di fare) e il modo in cui viene presentato: una cosa veramente diabolica! Addirittura l'attenzione alla salute e il fare jogging sarebbero peccati gravissimi.

Infine l'ultimo giorno la catechesi sui sette peccati capitali, una vera mazzata! Non tanto perchè non si debba parlare della realtà del peccato (che dopotutto è concreta e vicina ad ognuno di noi), ma piuttosto il fatto che non si parla mai della Grazia di Dio: sembra come se si volessero caricare le persone del tremendo peso dei loro peccati facendogli intendere che debbono sforzarsi di non peccare più (nel senso di uno sforzo umano che fa a meno della Grazia). Ecco da dove nasceva quella sensazione con la quale tornavo a casa più di una volta, una terribile sensazione di solitudine e di impotenza, sensi di colpa e rassegnazione. Molti peccati possono essere vinti solo con la Grazia di Dio e l'aiuto dei Sacramenti. Ma questo nel Cammino non viene mai detto chiaramente.

Nulla è impossibile a Kiko
Subito dopo quella cosiddetta "catechesi" il cosiddetto "catechista" ci disse che si sarebbe parlato delle sette virtù cardinali. "Ohhh, almeno ci risolleviamo un pò il morale" ho pensato, e invece no! Hanno solo letto un brano che non aveva nulla a che vedere con le virtù.

Prima di andarcene poi c'è stata una chicca da parte di una cosiddetta "catechista" che mi ha preso in disparte per parlarmi in privato, ma ve la racconterò poi, ora scappo che vado a prendere i bimbi a scuola.

E grazie per le preghiere!
(da: piccola ex)

25 commenti:

Anonimo ha detto...

OT. Parlando in questo post della catechesi finale del CN e avendola "vissuta" ricordo come negli scrutini finali ti vengono a inquisire nel più profondo partendo dalle tue origini, i tuoi rapporti da bambino, se oltre ai genitori sei stato cresciuto anche da altre persone presenti....e così via! alla fine c'è una reazione a catena volendo dimostrare che i tuoi peccati sono frutto dei peccati dei tuoi genitori, dei tuoi nonni ecc....
Questo ricordo oggi mi ha posto una domanda che mai mi ero posta e credo che nessuno del CN se la ponga! Ma quali sono le origini di Kiko?????? sono andata a guardare in Wikipedia ma non parla delle sue origini, della sua infanzia, della sua famiglia....sarebbe molto interessante conoscere queste cose! Perchè lui non le dice? parla solo da quando è diventato adulto???? qualcuno di voi conosce le sue origini? se ha avuto fratelli, sorelle, ecc???? poi leggendo su Wikipedi della sua crisi esistenziale e leggendo "Convinto che Cristo è presente nella sofferenza degli ultimi della terra e seguendo le orme di Charles de Foucauld, di cui conobbe i piccoli fratelli, nel 1964 va a vivere tra i più poveri, in una baracca di Palomeras Altas, alla periferia di Madrid" mi sembra poi che la sua vita abbia preso una direzione totalmente diversa visto che non snobba le "ricchezze e i lussi" che gli altri gli offrono!!!!! fine OT! Adriana

psyco ha detto...

N O T I Z I E d a G U A M !!!

RETTORE NEOCATECUMENALE della basilica NON PAGA GLI STIPENDI ai collaboratori che non stanno in cammino :

http://www.junglewatch.info/2015/01/notice-to-msgr-david-c-quitugua-rector.html

risposta al VESCOVO NEOCATECUMENALE che tenta di calunniare chi sta portando alla luce le MOLESTIE SESSUALI a carico del vescovo nc :

http://www.junglewatch.info/2015/01/chancery-gate.html

lettera di un ministro staordinario che si dimette dalla carica di coordinatore dei min.straord. a causa delle CATTIVERIE NEOCATECUMENALI contro il defenestrato ex rettore della basilica (che non era NC) :

http://www.junglewatch.info/2015/01/from-lulu-duenas.html

la TEORIA DEL COMPLOTTO dei neocat di guam : sono convinti che don Forbes (che celebra la messa in latino) sia l'orchestratore delle manovre contro il vescovo NC !!! DELIRIO NEOCAT !!!!!

http://www.junglewatch.info/2015/01/more-lol-and-cowards-1-2-3.html

ricca documentazione fotografica di come i KIKOS si sono organizzati per permettere al VESCOVO NEOCAT di avvicinarsi al papa a Manila per MACCHIAVELLARSELO :

http://www.junglewatch.info/2015/01/pope-stalkers.html

Anonimo ha detto...

Altro messaggio di papa Francesco ai NC nell 'omelia di oggi. Da leggere assolutamente.
Due in pochi giorni, qualcosa si sta muovendo.

Anonimo ha detto...

L'ho letta! Accidenti! Consiglio di leggerla! È esplicita! E niente più delCNC si crede una elite e non vive assolutamente con il Popolo do Dio
Loro anzi snobbano tutte le attività diocesane e se vanno alle GMG vanno per l'incontro che dopo fa ,Kiko! Adrians

l'apostata ha detto...

Ecco il link all'omelia

omelia

E adesso come faranno a chiamare gli "altri" cristiani della domenica?

Anonimo ha detto...

Il papa sembra proprio che parli del cammino:

http://www.news.va/it/news/papa-non-seguono-via-di-gesu-elites-ecclesiali-che?fb_ref=Default&fb_source=message

l'apostata ha detto...

Al signor dottor (h.c.) sempreispirato Arguello e ai suoi kicatechisti.

Il Papa ha detto: "... il Signore mi ha guardato, ha dato la sua vita per me, ha aperto questa porta...".

Allora la faccenda della "porta" che lo spirito (s minuscola) apre e chiude agli ordini dei kicatechisti tra il primo e il secondo passaggio è una delle tante balle che raccontate.

O volete contraddire il Papa?

Jeff, che ne pensi?

l'apostata ha detto...

Povero signor dottor (h.c.) danzator Arguello!

Deve essere stato uno shock passare dagli allegri e facili girotondi con "icardinalinostriamici" della curia al severo tango argentino.

Per questo barcolla spaesato...

sandavi ha detto...

Non serve linkare l'omelia, le parole del Papa un NC qualsiasi le può rivoltare al contrario mettendo se stesso dalla parte del popolo e gli altri al di fuori.
E' una questione di prospettiva.

Anonimo ha detto...

No Sandavi non è possibile! Certo magari pure lo faranno per manipolare tutto come sempre! Adriana

by Tripudio ha detto...

Quelle parole però sono più difficili da mistificare, visto che per quanto vogliano fingere di non essere "élite", sono pur sempre loro stessi che si tengono ben lontani dai cristiani della domenica... avvicinandosi solo quando c'è da fagocitare qualcosa o da rendere gloria al Cammino.

E pensare che nei primi tempi Kiko si illudeva di aver vinto un terno al lotto, infervorandosi nel vedere che Francesco celebrava in piedi su un tavolone, e Kiko commentava: «questo vuol dire qualche cosa! questo vuol dire qualche cosa!».

Ma Kiko e la sua proverbiale arroganza sono riusciti a inimicarsi perfino papa Bergoglio. Conoscendo l'indole tipica dei gesuiti, si può dire che i guai per il Cammino sono appena cominciati, e rimpiangeranno il loro vecchio nemico faraone Ratzinger...

Anonimo ha detto...

Il passaggio "disertano la comunità totale" e il seguito che dice voglio proprio vedere Sandavi se la possono invertire! Interessante il discorso della porta che "loro" aprono e chiudono! Adriana

Lino ha detto...

Sì, io ho riconosciuto il Cammino, nell'omelia di cui al link. Perfettamente, l'ho riconosciuto, come nella storia dei conigli. Queste omelie general-generiche, però, non mi piacciono. Alla fine nessuno si riconosce e ognuno riconosce gli altri e se ne fa materia di dissertazione.
Kiko riconoscerà l'Opus Dei, l'Opus Dei riconoscerà Kiko. Contenderanno sull'analisi dei sintagmi, dei brani, del testo, dell'extratestuale e dell'infratestuale.

Se si confutano movimenti e pratiche specifiche, le si indichino con nome e cognome. Così fece Cristo: "Ma guai a voi, scribi e farisei ipocriti...".

Anonimo ha detto...

E ' vero Sandavi, possono farlo. Come le parole dette dal papa a febbraio, che quando feci notare che il papa disse di lasciare libere le persone di scegliere il proprio cammino di fede mi risposero che le parole del papa andavano intese anche al contrario per chi volesse intraprendere il Cammino neocatecumenale. Non risposi nulla perché a quei tempi non mi informavo bene e non ero stata in grado di controbattere. Saputo poco dopo che quelle parole erano esclusivamente rivolte a loro imparai, anche per altri motivi, a documentarmi e soprattutto a farlo dalle fonti. Per questo vi ringrazio che mettete sempre i Link.

Rosanna ha detto...

Sono d'accordo con te Sandavi,i nc rigirano sempre la frittata come vogliono.Diranno che loro quando mai hanno privatizzato la fede,evangelizzano,rendono i servizi alla parrocchia,sono gli uni per gli altri,ma che c'entra il loro gruppo(prima si definivano la chiesa) è formativo,serve per fare applicare fuori quello che fanno dentro.La comunità è solo un modello,la vera vita la svolgono fuori etc.etc.Anzi c'è di più diranno che noi abbiamo privatizzato la fede.Da Paolo VI a papa Francesco i richiami sono stati assai,ma la loro tattica è sempre la stessa:FARE ORECCHI DA MERCANTE.Si mettono il catechismo della chiesa cattolica sotto il braccio e poi agiscono al contrario di ciò che vi è scritto.Sapete quanti parroci hanno cercato di smantellarli,risultato: i parroci sono stati rimossi dal loro incarico mentre loro stanno ancora là.Tutto questo perchè, perchè dietro agisce la massoneria ecclesiastica che ha l'obiettivo di distruggere la vera chiesa per creare un falso cristo e una falsa chiesa.(vedi don Gobbi e i messaggi mariani).

marco ha detto...

Ma guarda che ha spalancare la porta perche tu ti mettessi in cammino e stato il sacramento del battesimo " porta fidei" la porta della fede, basta solo questo.



marco ha detto...

Siamo ben lontani dalla essere cristiani, veri cristiani , quelli che si inginocchiano e fanno tremare la terra, essere cristiani non e solo mettere al mondo figli come conigli ma non lo e' nemmeno chi crede che basti andare a messa la domenica , partecipare a processioni , far parte di qualche movimento x sentirsi a posto, cristiani si e' per scelta, quella di condividere la propria vita con Dio e gli altri

e

l'apostata ha detto...

@ Marco

Hai scritto: "... Ma guarda che ha spalancare la porta perche tu ti mettessi in cammino e stato il sacramento del battesimo " porta fidei" la porta della fede, basta solo questo".

Devi spiegarlo non a me ma al signor dottor (h.c.) portiere Arguello. E' lui che ha ammaestrato i kicatechisti a ripetere le scempiaggini della porta che si apre e chiude a comando tra il primo e il secondo passaggio.

Verfica sui sacri mamotreti.

@ Jeff che continua a ignorarmi.

Nell'altra discussione ho letto quel che hai avuto il coraggio di scrivere sul tentare Dio.

Secondo te una coppia senza casa e senza lavoro che fissa la data del matrimonio perché "Dio provvede" come assicurano i kicatechisti, fa un uso corretto di fede e ragione come la Chiesa insegna?
Se no, è un tentare Dio?
Si o no?

Tu come sempre non risponderai, ma va bene così, l'importante è che il problema se lo pongano i piccoli neocat in buona fede.
Anzi, i tuoi silenzi e le tue contorsioni dialettiche sono un ottimo argomento in questo senso.

In sintesi, il linguaggio dei cristiani della domenica è "si si, no no".
Il linguaggio degli adulti nella fede come te è "si ma, no però, invece voleva dire", oppure un bel silenzio.

Grazie dell'esempio.

Ai piccoli neocat in buona fede.

Cercate su internet l'insegnamento della Chiesa e dei Papi sul rapporto tra fede e ragione. Poi, al prossimo scrutinio, quando i vostri kicatechisti pretenderanno di darvi ordini palesemente assurdi, spiegateglielo.
Se insistono e strillano dite loro: "tu sei il demonio"!
Vedrete che faccia faranno...

@ Lino

Concordo con te, i fatti vanno chiamati con il loro nome, ma visto l'andazzo è già qualcosa.

Certo, la creatività del signor dottor (h.c.) menzogner Arguello ha un che di prodigioso. Stai a vedere che farà intervenire il solito Gennarini, abile cuoco nel rigirare le frittate.
Anzi, sai che penso? Metterà in giro la voce che il Papa è con loro, e che quando ha detto di non rinchiudersi si è rivolto ai cristiani della domenica.
In altre parole: uscite dalle parrocchie e apritevi al cammino!
Tanto, balla più, balla meno, tutto fa brodo, come per la decima...

Anonimo ha detto...

Da ex NC convinta che si porta dietro ancora le ferite di tanto orrore e sta impazzendo perchè sola in questa battaglia, vorrei rispondere ad anonimo delle 12.47.
Si qualcosa sta cambiando e muovendo, basti pensare che ogni volta che apre bocca il Papa c'è sempre qualcosa che se vista con gli occhi dei NC va contro il loro pensiero, con questo non voglio dire che fa omelie appositamente contro il cammino, non avrebbe problemi a riprenderli come ha fatto già in precedenza e posso dirvi con certezza perchè ero presente che all'annuncio della quaresima tutto è stato mistificato dai catechisti dicendo che la stampa esagera e che il Papa gli vuole bene, li difende e non li ha rimproverati.
Sicuramente qualcosa sta cambiando per un motivo che da tempo che ci sto pensando in base a tutto quello che ho visto in questi anni:il cammino non va avanti solo per la buona fede dei loro segnaci che tirano fuori ogni mese fior fiori di milioni, che non vanno in mano solo a kiko per le varie costruzioni, ma una parte di quelli va in mano agli ecclesiastici e non per avere la loro approvazione e così kiko può agire come più gli piace.

@Adriana
è vero dell'infanzia di kiko non sappiamo nulla, però sappiamo che proveniva da una famiglia molto benestante e a suo dire era ateo e comunista.
Allora io mi chiedo come mai dopo la sua crisi di fede non ha fatto un percorso come tutti gli essere umani fanno, vedi Claudia Koll e Paolo Briosio, invece ha fondato una chiesa nella Chiesa buttando fango sulla vera Chiesa, pretendendo da tutti credano che lui è la vera chiesa e se non lo fai sei un indemoniato che va dietro a satana e non dietro a lui che si crede dio in terra?
A mio avviso da Pietro fino ad oggi ci sono stati Papi che hanno fatto i loro sbagli, ma li facevano agendo da uomini, tuttavia nel momento in cui agivano per intercessione dello Spirito Santo hanno fatto cose eccezionali (vedi Alessandro Borgia con la preghiera dell' Angelus).
Kiko in merito cosa ha fatto se non dettare legge su basi prettamente protestante e fare del male a moltissime persone? Va bene non sarà stato lui in persona, sono stati i catechisti, ma cosa seguono loro come insegnamento? I mamotreti ripetuti a pappagallo senza un briciolo di coscienza e senza affiancarli a tutto quello che la Nostra Madre Chiesa ci mette a nostra disposizione.
Ma chi ha scritto i mamotreti? Kiko, quindi è lui l'artefice di tutto questo male; l'unica e dico l'unica cosa buona che ci può essere nel cammino è la lettura della parola che però può essere fatta da qualsiasi parrocco senza il bisogno di KIKO! No Nc? No cristiana perfetta

Francesco ha detto...

Domanda??? Il vicario di Cristo non dovrebbe seguire le orme del maestro???? Gesù diceva: guardatevi dal lievito dei farisei , poi in altre occasioni li riprendeva dicendo: razza di vipere, ipocriti, sepolcri imbiancati, Gesù era molto diretto nel suo parlare, e ha cercato di preservare la vita dei semplici , aprendo gli occhi dei ciechi affinché non cadessero nelle trappole dei farisei. Condivido piena.ente quello che dice Lino in merito al fatto che Papa Francesco dovrebbe puntare il dito sul marcio, non dando la possibilità al marcio di dire " non era riferito a noi"

by Tripudio ha detto...

Purtroppo viviamo sommersi da un tale diluvio di parole - un miscuglio incredibile di parole sante e parole molto poco sante -, che è fin troppo facile vederle banalizzate (banalizzato il bene, e banalizzato il male).

I vertici della Chiesa - non solo il Papa, non solo questo Papa - semplicemente "parlano troppo". Nel senso che per veicolare qualcosa di importante, utilizzano più parole dello stretto necessario: ed è inevitabile, visto che son tutti pronti a operare distinguo, son tutti pronti a trovare il pelo nell'uovo, son tutti pronti a sentirsi insultati e offesi...

Non troppo tempo fa un intero pontificato si riassumeva in poche righe... valide ancor oggi. Quelle bolle papali sintetiche e precise, quei documenti dove si elencavano gli errori condannati e si riaffermavano le verità da credere, quelle condanne chiare «chi dice questo, sia scomunicato»... Purtroppo nella nostra epoca non è più così.

Oggi, infatti, tra documenti di commissioni, discorsi, interventi pubblici, libri pastorali, encicliche, interviste, è estenuante tentare di capire anche solo l'argomento del giorno. Perfino le encicliche vengono dimenticate dopo un paio di giorni, sommerse dalle altre notizie e dalle altre questioni.

Se ne lamentava trent'anni fa Vittorio Messori, quando diceva che la Chiesa è malata di documentite, quando ironizzava dicendo «e il Verbo si è fatto carta».

Gli attivisti neocatecumenali sono dotati di molta più malizia di quel che puoi immaginare, e perciò risponderanno "non ci riguarda" a qualsiasi intervento del Papa. Lo hanno fatto sulla liturgia - addirittura! - e lo fanno perciò con qualsiasi altra cosa sgradita all'idolo Kiko, anche se provenisse dal Papa.

Valentina Giusti ha detto...

Francesco: posso fare un'ipotesi. Il papa ha già chiamato Kiko almeno due volte, non si sa di cosa abbiano parlato ma forse Kiko è stato richiamato. Dal momento che, nel frattempo, nalla di nuovo è successo nel cammino, almeno all'apparenza, e ci stiamo avviando ad un'altra Pasqua con le elites nc che celebrano separatamente dalla disprezzata parrocchia, direi che Kiko se ne sta fregando dei richiami del papa e Francesco, dal canto suo, si starà scontrando contro le amicizie eccellenti nc in Vaticano.
E allora che fa? Si rivolge direttamente ai "piccoli", coloro ai quali è stato insegnata la fecondità no limits e ai quali è stato instillato lo schema parrocchia=comunità di comunità, cioè contenitore di gruppuscoli elitari, e fa loro, direttamente, la sua controcatechesi...
Chi ha orecchi per intendere, intenda. Lo diceva Gesù!

Francesco ha detto...

Solo così si potrebbe vedere questo voto di obbedienza Pietro, sono sicuro che kiko proclamerebbe uno scisma dalla chiesa, e lì si vedrebbero le pecore dalle capre. Sotto il pontificato di Benedetto qualcosa di simile stava succedendo presso le clarisse , ma Benedetto lo impedì, e li i grandi paroloni sulla chiesa maestra , sulla chiesa che ha discernimento ecc ecc. Personalmente credo che la gente in questo momento abbia bisogno di fermezza e concretezza. Gesù lo era.

Anonimo ha detto...

Credo che hai proprio detto giusto Valentina! Adriana

Maurizio di Trieste ha detto...

APPROFITTO DEL FATTO CHE LINO LISTA SIA ON LINE ORA PER AFFERMARE CHE MAI E POI MAI IO LO ABBIA RITENUTO RESPONSABILE PER UN SOLO MOMENTO DELLA FUGA DI NOTIZIE DAL MIO GRUPPO (LA ESPERIENZA DELLA DICIANNOVENNE). NON POTREI MAI DUBITARE DI UN FRATELLO, ANZI PIù DI FRATELLO, SPERO AMICO, PUR NELLE DIVERGENZE DI OPINIONE. SE HO DATO QUESTA IMPRESSIONE O L'HO FATTO SENZA ACCORGRMENE, CHIEDO A LINO PERDONO.