sabato 4 gennaio 2020

Daniele ha fatto un video contro questo blog

Oggi presentiamo un video in cui Daniele, un fratello del Cammino, ci fa un sacco di pubblicità.

Il suo scopo era di implorare i neocatecumenali di non consultare questo blog che - lamenta - compare un po' troppo spesso nelle ricerche Google riguardanti il Cammino (dunque i kikos usano spesso Google? gran guaio!).

L'effetto che il video ha ottenuto, invece, è esattamente l'opposto: incuriosire e far tener meglio presente questo blog ("un altro sguardino aùmm-aùmm, dai!").

Ecco dunque il video:


Anzitutto facciamo notare notare che:
  • "fake news" è il parolone sprezzante alla moda molto amato dai pigri che non hanno voglia di spiegare né di documentare;
  • quando si accusa di "calunniare e diffamare", onestà esige che vengano precisati come, quando, e perché. L'autore del video non precisa nulla;
  • un'altro parolone sprezzante alla moda tanto amato dai pigri è "offende l'intelligenza delle persone". L'autore del video non spiega in che modo si sarebbero "offese delle intelligenze", né quali intelligenze sarebbero;
  • afferma poi che il "calunniare" Carmen Hernández, co-fondatrice del Cammino, le impedirebbe di "diventare santa in futuro". Sic. Come se la Congregazione delle cause dei Santi improvvisamente deliberasse: "eh no, abbiamo letto su un blog che...", oppure come se Carmen non fosse affatto santa e il blog ostacolerebbe la fatica per farla "diventare in futuro";
  • invita quindi a "denunciare questo blog per diffamazione e per calunnia", senza dire in quale sede andrebbe fatta la denuncia (tribunale civile? penale? ecclesiastico? conciliaweb? giudice sportivo?) perché "non è possibile che Google permetta una cosa del genere". Però ha la bontà di spiegare di non avere "né il tempo, né il denaro per farlo" (per la serie: armiamoci e partite); poi si contraddice dicendo che coloro che scrivono sul blog "si sono smascherati da soli" (allora la denuncia non è più necessaria?);
  • accusa i collaboratori del blog di "smania di odio" e ci ricorda che "al giorno d'oggi ci sono delle leggi apposta" (ohibò, inaudito! "ci sono delle leggi apposta"!).
Ora, dopo la lunga burrasca di risate, riprendiamo fiato e ricordiamo il punto più essenziale della questione: il fatto che Kiko e Carmen hanno notoriamente propalato per tutta la vita errori liturgici e dottrinali, e vere e proprie eresie, su cui autori teologicamente molto più ferrati di noi quattro gatti di questo blog hanno scritto interi libri. Di quegli errori non si sono mai pentiti e perciò gli adepti del Cammino continuano a professarli, con gran danno per la loro vita spirituale e materiale.

Invitiamo il fratello Daniele a non indignarsi per questo blog ma a confrontarsi con qualcosa di più serio, ad esempio con il recente libro di don Ariel, La setta neocatecumenale, e di smentirne documentatamente le "féich niùss", le "calunnie", eccetera, augurandogli buon lavoro.


84 commenti:

  1. Carisimi, sapete come sono, ormai mi avete conosciuto, io ho sempre davanti a me il Signore come determinazione dei miei passi, ho visto il video ed ho iniziato a riflettere del più e del meno, riflettendo sono arrivato a queste conclusioni, ovviamente sono riflessioni da considerare, del resto non dicono: l'altro è Cristo! Da qui capite tante cose.

    Matteo 10,4
    [4] Simone il Cananeo e Giuda l'Iscariota, che poi lo tradì.
    Luca 6,16
    Giuda di Giacomo e Giuda Iscariota, che fu il traditore
    Giovanni 6,70
    Rispose Gesù: «Non ho forse scelto io voi, i Dodici? Eppure uno di voi è un diavolo!». Egli parlava di Giuda, figlio di Simone Iscariota: questi infatti stava per tradirlo, uno dei Dodici.


    « Allora Giuda Iscariota, uno dei Dodici, si recò dai sommi sacerdoti, per consegnare loro Gesù. Quelli all'udirlo si rallegrarono e promisero di dargli denaro. Ed egli cercava l'occasione opportuna per consegnarlo. »   (Marco 14:10-11)



    « E subito, mentre ancora parlava, arrivò Giuda, uno dei Dodici, e con lui una folla con spade e bastoni mandata dai sommi sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani. Chi lo tradiva aveva dato loro questo segno: «Quello che bacerò, è lui; arrestatelo e conducetelo via sotto buona scorta». Allora gli si accostò dicendo: «Rabbì» e lo baciò. Essi gli misero addosso le mani e lo arrestarono. »   (Marco 14:43-46)

    (segue)

    RispondiElimina
  2. « Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d'argento. Da quel momento cercava l'occasione propizia per consegnarlo. »   (Matteo 26:14-16)



    « «In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà». Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell'uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l'hai detto». »   (Matteo 26:21b-25)



    « Mentre parlava ancora, ecco arrivare Giuda, uno dei Dodici, e con lui una gran folla con spade e bastoni, mandata dai sommi sacerdoti e dagli anziani del popolo. Il traditore aveva dato loro questo segnale dicendo: «Quello che bacerò, è lui; arrestatelo!». E subito si avvicinò a Gesù e disse: «Salve, Rabbì!». E lo baciò. E Gesù gli disse: «Amico, per questo sei qui!». Allora si fecero avanti e misero le mani addosso a Gesù e lo arrestarono. »   (Matteo 26:47-49)



    « Allora satana entrò in Giuda, detto Iscariota, che era nel numero dei Dodici. Ed egli andò a discutere con i sommi sacerdoti e i capi delle guardie sul modo di consegnarlo nelle loro mani. Essi si rallegrarono e si accordarono di dargli del denaro. Egli fu d'accordo e cercava l'occasione propizia per consegnarlo loro di nascosto dalla folla. »   (Luca 22:3-6)

    « «Ma ecco, la mano di chi mi tradisce è con me, sulla tavola. Il Figlio dell'uomo se ne va, secondo quanto è stabilito; ma guai a quell'uomo dal quale è tradito!». Allora essi cominciarono a domandarsi a vicenda chi di essi avrebbe fatto ciò. »   (Luca 22:21-23)

    RispondiElimina


  3. « Mentre egli ancora parlava, ecco una turba di gente; li precedeva colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, e si accostò a Gesù per baciarlo. Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell'uomo?». »   (Luca 22:47-48)



    « Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: «Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?». Questo egli disse non perché gl'importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. »   (Giovanni 12:4-6)



    « Dette queste cose, Gesù si commosse profondamente e dichiarò: «In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse: «Dì, chi è colui a cui si riferisce?». Ed egli reclinandosi così sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose allora Gesù: «È colui per il quale intingerò un boccone e glielo darò». E intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda Iscariota, figlio di Simone. E allora, dopo quel boccone, satana entrò in lui. Gesù quindi gli disse: «Quello che devi fare fallo al più presto». Nessuno dei commensali capì perché gli aveva detto questo; alcuni infatti pensavano che, tenendo Giuda la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Preso il boccone, egli subito uscì. Ed era notte. »   (Giovanni 13:21-30)



    « Anche Giuda, il traditore, conosceva quel posto, perché Gesù vi si ritirava spesso con i suoi discepoli. Giuda dunque, presa una coorte[23] di soldati e delle guardie fornite dai sommi sacerdoti e dai farisei, si recò là con lanterne, torce e armi. Gesù allora, conoscendo tutto quello che gli doveva accadere, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era là con loro anche Giuda, il traditore. »   (Giovanni 18:2-5)

    « Allora Giuda, il traditore, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì e riportò le trenta monete d'argento ai sommi sacerdoti e agli anziani dicendo: «Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente». Ma quelli dissero: «Che ci riguarda? Veditela tu!». Ed egli, gettate le monete d'argento nel tempio, si allontanò e andò a impiccarsi. »   (Matteo 27:3-5)
    « Ma i sommi sacerdoti, raccolto quel denaro, dissero: «Non è lecito metterlo nel tesoro, perché è prezzo di sangue». E tenuto consiglio, comprarono con esso il Campo del vasaio per la sepoltura degli stranieri. Perciò quel campo fu denominato "Campo di sangue" fino al giorno d'oggi. Allora si adempì quanto era stato detto dal profeta Geremia: E presero trenta denari d'argento, il prezzo del venduto, che i figli di Israele avevano mercanteggiato, e li diedero per il campo del vasaio, come mi aveva ordinato il Signore. »   (Matteo 27:6-10)


    « In quei giorni Pietro si alzò in mezzo ai fratelli (il numero delle persone radunate era circa centoventi) e disse: «Fratelli, era necessario che si adempisse ciò che nella Scrittura fu predetto dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, che fece da guida a quelli che arrestarono Gesù. Egli era stato del nostro numero e aveva avuto in sorte lo stesso nostro ministero. Giuda comprò un pezzo di terra con i proventi del suo delitto e poi precipitando in avanti si squarciò in mezzo e si sparsero fuori tutte le sue viscere. La cosa è divenuta così nota a tutti gli abitanti di Gerusalemme, che quel terreno è stato chiamato nella loro lingua Akeldamà, cioè Campo di sangue. Infatti sta scritto nel libro dei Salmi:
    La sua dimora diventi deserta,
    e nessuno vi abiti,
    il suo incarico lo prenda un altro. »   (Atti 1:15-20)

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
  4. Ed eccoci qua. Ora Daniele si porrà una domanda molto semplice: perché noi del Blog accogliamo e diamo visibilità al suo accorato appello, mentre quelli a cui è rivolto lo ignorano? O meglio, come mai non ci hanno pensato da soli mettendo in atto le famose e sospirate denunce? Eppure il Blog esiste da più di 10 anni! Ora aspettavano uno che sta ai primi anni di cammino che dicesse loro "Svegla! Ragazzi denunciate questi! Ma vi rendete conto cosa dicono di voi? Certo sono solo "fake news"! Cos'altro possono essere?
    Insinuiamo un dubbio nella sua testolina su una questione che avrebbe fatto bene a porsi prima di registrare su YouTube il suo esilarante video: e se quanto raccontiamo è tutto vero? Documentato e documentabile con innumerevoli prove testimoniali?
    Se quanto raccontiamo in molti casi non sia stato oggetto di denuncia da parte nostra, certo non da parte loro?
    E poi, perché Kiko Arguello stesso, anche a difesa e tutela dell'aspirante santa preferisce far finta di niente secondo la diplomatica strategia dei falsi e bugiardi del "sopire, chetare"?
    Perché, come nel mio caso, esasperato e non avendo più argomenti, minacciò di fatto a gran voce di denunciarmi niente meno che alla Santa Sede e poi non ne ha fatto niente? E io sono più di 10 anni che aspetto?

    Grazie mille Daniele. Con te inizia bene il nuovo anno, ad avercela ogni giorno tanta pubblicità a costo zero. Continua così! Spero solo che non ti facciano nero: siate indulgenti con lui, capikatechisti, l'intenzione era buona! È solo un bravo ragazzo in buona fede!

    Pax

    RispondiElimina
  5. Per la serie: "sei piuttosto famoso, se qualcuno fa un video contro di te".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sia consentita una digressione a proposito della pigrizia di chi vuole esprimersi usando Youtube.

      Mi è capitato spesso di ottenere, come primo risultato di una ricerca "come si fa XYZ", qualche video Youtube (esistono numerose piattaforme ma ovviamente Youtube, di proprietà Google/Alphabet, è la più grossa). In certi casi è stato gradevole perché avevo bisogno davvero da vedere "come si fa" piuttosto che ricevere spiegazioni; in moltissimi casi non è stato gradevole, perché l'autore che poteva cavarsela con due o tre righe di istruzioni scritte ha pensato invece di pubblicare un video di tre-quattro minuti, quando non interi quarti d'ora.

      La comodità della comunicazione per iscritto sta nel fatto che si può leggere anche "verticalmente". Una pagina con dieci paragrafi il lettore può scorrerla "verticalmente", senza leggere tutto, cercando direttamente le parole-chiave, decidendo in pochissimi istanti se e quanto vale la pena leggere.

      Questo è esattamente il motivo per cui le pagine di questo blog sono imbottite di corsivi, neretti, espressioni evidenziate: qui intendiamo far capire ai lettori dove si va a parare, senza far loro perdere tempo. Sapendo che la maggioranza assoluta dei lettori di questo blog capita qui "per caso" mentre cercava altre cose, non vogliamo offrire "muri di testo" su cui arrampicarsi. Come gesto di carità nei loro confronti - e anche perché intendiamo non intrattenerli ma far capire le questioni - ci sforziamo sempre di consentire quella pre-lettura "verticale" veloce, perché anche il loro tempo è prezioso, e annoiare un lettore su una questione importante significa aver sprecato il proprio tempo a presentarla (oltre che il tempo altrui). E per lo stesso motivo riportiamo "citazioni", elenchiamo "punti", eccetera: qualora uno trovi qualcosa di vagamente interessante, prima o poi se ne ricorderà, tornerà a cercare, vorrà informarsi di più. Incuriosire un lettore a proposito degli scempi neocatecumenali significa indurlo ad informarsi anche su altre fonti - e per noi non c'è miglior successo dell'aver indotto qualcuno non solo ad interessarsi all'argomento, ma anche a verificare se abbiamo presentato la verità,1

      Insomma, se alla domanda "perché XYZ?" uno risponde con un video di tre minuti quando potevano bastare tre o quattro righe scritte, con ciò stesso sta decidendo che gli interessati devono investire tre minuti del loro tempo, buona parte dei quali impegnati a introdurre la questione prima di arrivare al "dunque". Al contrario, su questo blog, con o senza introduzioni, vogliamo davvero che i lettori possano rintracciare subito il "dunque" per decidere quanta attenzione merita l'articolo. Specialmente quando per forza di cose l'articolo dev'essere piuttosto lungo.

      Con un video è difficile indovinare il punto in cui l'autore "arriva al dunque". E nelle nostre giornate veniamo letteralmente diluviati di richieste di attenzione - pubblicità, messaggini, notifiche... - gran parte delle quali costruita in modo tale da essere ignorata il meno possibile. (Parentesi: quanto detesto la gente che mi telefona di punto in bianco per chiedermi un parere su cose di cui non ha urgenza, quando poteva benissimo scrivere un messaggino e aspettare la risposta. Quel loro comportamento manca di carità nei miei confronti perché "far partire una telefonata" è più comodo che esprimersi scrivendo un messaggio).

      Elimina
    2. Il sullodato Daniele ha scelto di esprimere il suo punto di vista tramite Youtube. Questo significa che non ha voglia di scrivere, e che per esprimersi preferisce fare un discorso davanti ad una webcam. Il problema è - come si nota sopra - che per dire tre o quattro righe di cose (che si sarebbero potute leggere e meditare per intero in meno di un minuto), ha impiegato tre minuti.

      Per di più, gran parte di quei tre minuti è dedicata ai suoi "uhm... beh... hmm...", a espressioni di aria fritta ("esistono leggi apposite": toh, chi ci avrebbe mai pensato?), a sterili ripetizioni di concetti perché in quel momento aveva bisogno di tempo per pensare cosa dire dopo (come lo studentello impreparato che tenta di barcamenarsi durante l'interrogazione). Comunicare attraverso Youtube è un'arte, di cui la prima abilità è l'avere il discorso ben preparato (magari scritto, accanto alla webcam), proprio per evitare di spendere troppi "hmm... beh... uhm..." (non ditemi che l'indecisione di un interlocutore aumenta la vostra attenzione...).

      Un altro monumentale errore comunicativo che il soggetto poteva fare è presentare il proprio faccione ad occupare tutto lo schermo. Chi vuole comunicare qualcosa in video, deve porre i riflettori sul nocciolo della questione, altrimenti - per definizione - sta distraendo lo spettatore. Non c'è cosa più barbosa dello sforzarsi di capire un concetto astratto mentre alla tua testa arrivano immagini che non c'entrano niente. I princìpi della termodinamica, se enunciati per iscritto, fanno molto più presa sul lettore che col venire inflitti allo spettatore del video attraverso immagini che non c'entrano, anche se in quest'ultimo caso fossero stati enunciati alla perfezione.

      Non vorrei poi girare il coltello nella piaga facendo notare che l'intero video del sullodato soggetto era riassumibile in: "presto! qualcuno denunci quel blog! non ho tempo né soldi però vi prego, denunciate! qualcuno faccia qualcosa!"

      C'è un altro fondamentale aspetto per cui il sopracitato video produce l'esatto contrario di ciò che si propone. È il fatto che la verità è più grande di tutti noi. Anche chi parte da certezze tenterà di dimostrarle fornendo all'interlocutore dati, motivazioni, ragionamenti. È esattamente ciò che si chiama "dialogo". Dialogare non significa scambiarsi opinioni e poi ognuno se ne torna a casa infischiandosene di ciò che ha sentito. Il dialogo può essere fruttuoso solo se i partecipanti hanno una tensione verso la verità e un sano desiderio di usare la ragione. Diamine, lo dice perfino l'apostolo Pietro: siate «pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi» (cfr. 1Pt 3,15). Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, e dunque non c'è dialogo più inutile che quello con chi non vuol ragionare o non vuole adeguarsi alle evidenze della verità (cioè preferisce la menzogna).

      Il sullodato Daniele non ha fatto nulla per capire le ragioni dei suoi interlocutori (e men che meno fornire loro ragioni per comprendere il suo messaggio). Se per ipotesi il 99% di questo blog fosse composto da fandonie, e solo l'un per cento di verità, significa che delle oltre duemila pagine del blog ce ne sono almeno una ventina davanti alle quali lui dovrebbe mettersi seriamente in discussione, esatto?

      E invece no: per lui tutto ciò che non loda il tripode Kiko-Carmen-Cammino dev'essere per forza "calunnia, diffamazione, da denunciare". Ci chiediamo quante pagine di questo blog ha letto con attenzione prima di giungere a tale conclusione.

      Elimina
  6. Dai...è come sparare sulla Croce ROSSA.
    Oh cmq ci fosse una volta che, anche solo per sbaglio, dicesse: Chiesa, Gesù, Cristo, Dio...
    Niente..solo cammino. Già questo dice molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio: è come se una banana si presentasse a un convegno di scimmie - "avrebbe dovuto pensarci prima".

      Comunque mi chiedo: anche se avesse tirato in ballo la Chiesa e Nostro Signore, cosa sarebbe cambiato? Forse che per cancellare le evidenze della scomoda verità è sufficiente imbottire il discorso di "Gesù Signore il Signore Gesù" e di "evangelizzazione del Vangelo nella missione di evangelizzare evangelicamente"?

      Elimina
    2. Nella sostanza assolutamente nulla...ma la forma fa capire tante cose...

      Elimina
  7. Uomo Libero!!!4 gennaio 2020 09:30

    CON QUESTO VIDEO, DANIELE CONQUISTERÀ - PER MERITO - UNA TAPPA DEL CAMMINO E SI SPOSERÀ ENTRO L'ANNO...

    RispondiElimina
  8. In questo momento il video di Daniele ha già 107 visualizzazioni... si starà dando pacche sulla spalla da solo dicendosi: i fratelli del cammino mi prendono sul serio! il video è diventato virale! evviva! sta spopolando su internet! in mezzo a centinaia di utenti qualcuno finalmente denuncerà qualcosa!

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Soprassiedo sulle RISATE.
    Ai camminanti riconosco lo ZELO, uno zelo alla Ridolini.
    Jack nel post precedente diceva che sono i camminanti "sempre" in giro a "evangelizzare", ma anche i Testimoni di Geova lo dicono: è questo che Daniele, con questo ridicolo video, dimostra di non capire. Non basta lo zelo, se l'evangelizzazione è di fatto SBAGLIATA.

    Sono i FATTI che contano e Daniele non cita nessun FATTO. Lancia accuse non provate, sintomo di MANIFESTA FRUSTRAZIONE.
    Manca solo la classica frase dei frustrati verso i loro fantomatici "nemici": "La pagherete cara!". Sarebbe stata la ciliegina sulla torta.
    Prendiamo Carmen Hernandez: cosa diciamo di sbagliato se affermiamo che era una FUMATRICE COMPULSIVA, tanto che perfino durante la Messa USCIVA PER FUMARE?
    Provi a negare, Daniele lo zelatore di Carmen.
    Tutti coloro che l'hanno conosciuta lo sanno e negare otterrebbe solo l'effetto di focalizzare questo aspetto della sua vita, che non è certo un segno di "virtù eroiche"!

    Forse è diffamare dire che Carmen non poteva vedere il ROSARIO?
    La testimonianza di una collaboratrice di questo blog, che ha subito le ire di Carmen perché portava il ROSARIO, non lasciano dubbi!
    Ma tutti coloro che erano vicini a Carmen sapevano di questa sua "allergia".

    Il video dello zelatore kikiano Daniele ha un difetto: NON PARLA DI FATTI CONCRETI.
    Avesse almeno citato qualche presunta fake news... Invece è solo un appello disperato. Insignificante

    RispondiElimina
  11. La vera FAKE NEWS è il "santino" di Carmen in cui viene ritratta a mani giunte!
    Come raffigurare a mani giunte Calamity Jane!

    Il fatto è che, al di là delle considerazioni morali su Carmen, le MANI GIUNTE era un gesto che non le apparteneva!
    Credo che MAI è stata vista a mani giunte, da NESSUN camminante.
    E, in ogni caso, se per sbaglio le avesse giunte non perché fosse si fosse spaventata, ma per pregare, è stato quasi per sbaglio, come un riflesso condizionato.
    Insomma: Carmen a mani giunte fa ridere anche a Kiko, ne sono certo.

    Il "santino" di Carmen la doveva rappresentare con la sigaretta in bocca: questo era il suo "gesto" più famigliare.

    RispondiElimina
  12. Daniele, mi rendo conto che la tua non è una situazione facile. Sei il figlio maggiore di una coppia neocatecumenale, con tanti fratelli dopo di te, tutti sicuramente affidati ai didascali, avviati al postcresima oppure già in comunità, mentre tu sei uscito dal Cammino, o comunque sei in un momento di riflessione, motivo per il quale sei approdato alla lettura del nostro blog.
    Ascoltando i tuoi video sento che stai ripensando a tanti aspetti critici del Cammino, come per esempio la convinzione che, al di fuori di esso (quindi, pur restando nella Chiesa) un giovane debba necessariamente essere preda del demonio (droga, pornografia ecc), mentre tu stesso ti stai rendendo conto che c'è una gran dose di esagerazione in questo procurato allarme, che viene proprio da don Pezzi, abbiamo più volte citato i suoi interventi in proposito. D'altra parte, ben conoscendo gli usi (e abusi) dei giovani in Cammino, probabilmente sai che, a tanto rigore professato a parole, corrisponde più un'ipocrisia superficiale e di facciata.
    Come tutti i giovani, sei assetato di verità, ed io ti auguro di continuare in questo cammino, rifiutando i facili cliché e persino il linguaggio neocatecumenale, come ho potuto constatare dai tuoi video.
    Per quanto riguarda il tuo fastidio nei confronti del blog, ne comprendo le cause. Condivido ciò che tanti ti hanno detto o ti diranno: al di là dei commenti a volte esasperati, a volte ironici che vi puoi leggere, i fatti, come argomenti testardi, emergono ugualmente nella loro nuda verità.
    Puntualizzo infine un solo accenno che hai fatto a commenti letti sul blog in cui qualcuno avrebbe detto che i Testimoni di Geova sarebbero più vicini alla Chiesa dei neocatecumenali.
    Dal momento che il confronto tra le due realtà Sala del Regno e salette neocat l'ho molto spesso proposto io, anche negli articoli, posso assicurare di non aver mai detto nulla del genere. Può essere invece che tu abbia letto da me che i TdG si sono dati una regolamentazione contro l'abuso, almeno formale, e i neocatecumenali rifiutino ancor oggi di farlo (spero tu abbia letto gli articoli scritti in proposito, basati esclusivamente su notizie ufficiali e dal confronto su ciò che ha chiesto il Papa ai movimenti laicali, cioè di stilare delle linee guida contro l'abuso, e ciò che ha risposto il Cammino per bocca di don Pasotti, cioè "Non serve" !!!).
    Per il resto, l'esempio "positivo" dei TdG è stato invocato da Kiko in persona almeno un paio di volte, ufficialmente, e non da noi. Ed in realtà sono molte le idee prese da loro, come la struttura sovranazionale, l'ostracismo per chi ne esce, il potere degli anziani (cioè dei catechisti), i comitati giudiziari, i pizzini con i "pagherò" da buttare nel sacco per promettere donazioni a venire...ma principalmente l'intrusione attiva degli anziani nella vita familiare, nelle scelte lavorative, nei rapporti fra le coppie, nell'educazione dei figli.
    Sperando di aver chiarito l'unica delle "fake news" che hai specificato, attendo altre tue richieste di chiarimento.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, mi hai chiarito molte cose.
      Incoraggio anche io Daniele a cercare le sue risposte nella preghiera e nel catechismo della Chiesa.

      Elimina
  13. In youtube ci sono altri video di tale Daniele.
    Io, siccome sono fatta così, per "conoscerlo" meglio me li sono sciroppati tutti.

    In uno di questi dichiara esplicitamente che è un "fuoriuscito": ha fatto il Cammino per 7 anni o 4, non ricorda.

    Certo, 7 è quasi il doppio di 4 e non ricordarselo mi pare abbastanza grave: in 7 anni si fanno anche passaggi che in 4 nemmeno conosci. In 4 anni fai solo il I passaggio e lo Shemà, se tutto va bene. Altrimenti, se la tua comunità di "figli" continua ad essere fusa con altre, ci vuole anche più tempo.
    Insomma, non ricordare se si è stati nel CNC 4 o 7 anni è incredibile.

    Afferma inoltre di essere nato in una numerosa famiglia neocatecumenale, poco dopo il 1989.

    Al che ho subito pensato ai miei figli. Un paio hanno proprio la sua età, all'incirca.

    Questo pensiero mi ha fatto dispiacere, perché in quel ragazzo, che fa video su youtube pur non appartenendo più al CNC, ho visto una persona che ha bisogno d'aiuto.

    Mi sono immaginata uno dei miei figli, che prende il pc, la web cam e solo soletto, con un tono più che mesto, racconta agli altri, ma per primo a se stesso "quanto era bello stare nel CNC".
    Questa immagine mi ha procurato molta tristezza.

    Non so perché quel ragazzo senta il bisogno di fare queste cose, ma di certo non è un ragazzo che sta bene.
    Mi dispiace molto per lui.

    Per il resto, un video così, come tutti gli altri che ha messo su youtube, al CNC non fanno grande pubblicità: parla di aria fritta, luoghi comuni e non tira mai fuori nemmeno un concetto.
    Proprio il classico kikos nell'impostazione. Ore e ore di parole, per non dire nulla, solo l'ABC del Cammino, che è l'imparaticcio che si impara all'inizio, senza conoscere nulla.

    Una domanda mi sorge spontanea, caro Daniele:
    "Ma come mai, sei uscito? Perché hai abbandonato un'esperienza così esilarante? Non dirmi "perché nella città in cui mi sono trasferito non c'è il CNC". Molti kikos convinti si fanno chilometri per raggiungere la comunità più vicina"

    Sei ad un passo, ti manca poco: taglia quel cordone ombelicale che Kiko tanto disprezza e che tiene legati a mamma e papà senza mai farti crescere.
    Certo, Kiko lo riferisce ai "lontani", ma vedo che anche nel SUO CNC le cose non vanno diversamente.
    Fatti aiutare, Daniele. Ne hai bisogno.

    RispondiElimina
  14. Incommentabile! Una pena profonda, parla e non dice nulla! Mi unisco all'invito di Libera: FATTI AIUTARE DANIELE! Te lo dico con amore come se tu fossi mio figlio. Fides

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe farsi aiutare ad uscire dal Cammino.

      E il primo aiuto per uscire verrebbe dallo scoprire che tante persone della sua stessa caratura intellettuale vivono la fede normalmente, nella Chiesa, nella parrocchia, come un "giogo soave e leggero" anziché come un fardello imposto dai mega-catechistoni i quali non sfiorano tali pesi neppure con un dito.

      Il tanto vituperato "cristiano della domenica" cura infatti il proprio rapporto personale con il Signore, alimentando la propria anima con la preghiera e i sacramenti. Tutto qui. (Che poi il vivere normalmente preghiera e sacramenti induca anche a qualche libero gesto di carità, è solo una naturale conseguenza; e per la propria anima vale più un gesto semplice come la pratica del primo venerdì del mese, che l'andare in pompa magna "in missione" in un paese dall'altro lato del pianeta a giocare a "fare il missionario")

      Al contrario, il tipico "fratello del Cammino" deve effettuare tutta una serie di operazioni (marcar presenza alle riunioni comunitarie, adoperare lo slang kikiano, comperare i gadget obbligatori, "mollare il malloppo" e non chiedersi che fine faranno quei soldi, eccetera) e finisce per gloriare solo sé stesso proporzionalmente al numero effettuato di tali operazioni (si veda ad esempio la compiaciuta superbia del fratello Jack che ieri scriveva: "noi siamo sempre in movimento, e voi?", sottinteso noi kikos siamo più in alto nella classifica kikiana, che è l'unica cosa che conta).

      Ce ne sono tanti, come Daniele, nel Cammino, sì, ma ci sono anche quelli più acculturati. Cioè più dotati di strumenti intellettuali per capire l'inganno degli eretici Kiko e Carmen. Cioè hanno un talento ma lo sotterrano, per paura di utilizzarlo: se utilizzassero l'intelligenza che hanno ricevuto in dono dal Signore, scoprirebbero che il Cammino è una perversione di tutti gli insegnamenti della Chiesa o, per dirla come un vescovo, «il Neocatecumenato è una comunità protestante-ebraica che di cattolico ha solo la decorazione».

      Elimina
  15. Questo è un esempio di un neocatecumenale senza cervello autonomo. Avrebbe potuto stare zitto per non aumentare la popolarità di questo blog oppure comentare i post per far scoprire le fake-news. Da caro fratello Daniele commenta e facci scoprire queste fake-news che non vediamo.

    2k

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, mettiamo i puntini sulle "i".

      Il fratello neocatecumenale Daniele ha scelto personalmente di esprimersi in quel modo (dubito che il suo cosiddetto "catechista" approverebbe), dimostrando non solo una mostruosa carenza di argomentazioni (e pazienza: dopotutto a volte l'ignoranza non è colpevole), ma anche un notevole disprezzo verso chi getta luce sul triplice idolo Kiko-Carmen-Cammino (accusando di "diffamazione" e "calunnia" chiunque abbia da ridire sul Cammino, e blaterando di Feich Niuss senza precisare minimamente cos'è che lo ha negativamente colpito e come vorrebbe dimostrare che le cose stanno come dice lui).

      Ma questa è esattamente la mentalità neocatecumenale: giudicare chi non è del Cammino, nella maniera più severa possibile e senza fornire argomentazioni. Aggredire chi dimostra gli scandali e gli errori neocatecumenali, contemporaneamente esigere che le vittime chiedano perdono all'aggressore, e contemporaneamente autoassolversi proclamando che "tanto Dio mi ama così come sono quindi se commetto peccati non è colpa mia perché l'uomo non può non peccare, e mi basta fare bene il Cammino per stare a posto". Eh già, il biglietto kikiano per il presunto paradiso kikiano...

      I soggetti come Daniele, fattisi plasmare dalla mentalità neocatecumenale, anche quando credono di avere tante argomentazioni pronte, si scontrano inevitabilmente con la realtà. E la realtà è che Kiko è eretico, e Carmen è stata altrettanto eretica. Eretico è colui che proclama una distorsione delle verità di fede. Non c'è bisogno di un pronunciamento di tribunali per riconoscere un'eresia.

      Ora, qui siamo in grado di dire che Kiko è eretico per vari motivi:

      1) lo dimostrano numerosi e dettagliati studi teologici da parte di sacerdoti molto più ferrati di noi;

      2) lo dimostrano tante pubbliche affermazioni eretiche di Kiko tuttora verificabili su Youtube;

      3) per di più Kiko e Carmen, dopo aver pubblicamente insegnato quelle eresie per tutta la vita, non hanno mai pubblicamente corretto o smentito alcuno dei propri insegnamenti.

      Un quarto di secolo fa padre Enrico Zoffoli invitò i due eretici spagnoli a dare «una pubblica e dettagliata professione di fede». Se lo avessero fatto, con riferimento agli errori loro contestati, avrebbero posto tutti i kikos di fronte a un bivio: seguire le eresie, oppure seguire la "pubblica e dettagliata professione di fede" che le smentisce?

      Se fosse successo, se ci fosse stato un ravvedimento di Kiko e Carmen, il Cammino già dal giorno dopo sarebbe stato completamente diverso, e questo blog non avrebbe mai avuto motivo di esistere.

      Ma sarebbe cessata anche la pacchia per i cosiddetti "catechisti", per i quali è assolutamente fondamentale tenere psicologicamente "sotto scacco" i Paganti Decima. Quando infatti un kikos comincia ad assaporare la libertà dei figli di Dio, e a scoprire che non ha bisogno di ubbidire al cosiddetto "catechista" ma solo ai successori degli Apostoli per crescere nella fede, i cosiddetti "catechisti" hanno letteralmente perso un Pagante Decima.

      La libertà dei figli di Dio danneggia la pacchia della gerarchia kikiana. Se non sono tuoi succubi, non si sentiranno in obbligo di pagarti decime e collette (e quote maggiorate alle convivenze perché l'entourage del catechistone ama mangiare gratis, e vendita di gadget kikiani e tutto il resto). Se si accorgono che ci si può salvare anche senza Cammino (anzi, che ci si salva proprio perché si abbandona il Cammino), i capicosca della setta possono dire addio a quella voce di bilancio "decima di fratello XYZ".

      Elimina
  16. In tutto questo il video è stato commentato su YT anche da una nostra vecchia conoscenza. Caro Pasqualone, come stai? Che dici, la smetti di renderti ridicolo?

    RispondiElimina
  17. Concordo, Libera m.s., anche io (ho una quarantennale esperienza con i giovani, sono quasi certo che ha bisogno di aiuto. Anche il modo in cui di esprime, le parole scelte e le pause inframesse, denotano molta insicurezza, solitudine e ricerca di consenso. Per non dire infine degli occhi infossati...
    Ciao, Daniele.
    M.i.B.

    RispondiElimina
  18. Non capisco il perchê di questo video per giustificarsi,di cosa hanno paura se dicono che sono stati approvati e il Papà non puó chiudere bocca per il rendimento che porta questo cammino,certamente non possono neanche pretendere che i commentatori di questo blog possano parlare bene del cn dal momento che ne sono usciti stravolti.Nel video si dice che in questo blog si raccontano fatti che non sono veri....ora vorrei sapere dal tizio che ha fatto il video....MA NOI PER QUALE SCOPO POI DOVREMMO DIRE DELLE COSE FALSE!!!,qui ogni uno racconta quello che ha vissuto sulla propria pelle e dai racconti sembra che tutti quelli che scrivono hanno avuto e subito piū o meno le stesse cose.Questo video da fa veramente ridere,ed io continuo a ripetermi,MA VOI KATEKIKI, COSA CI VENITE A FARE SU QUESTO BLOG,STATEVENE BUONI BUONI E OBBEDITE AL VOSTRO SOMMO CATECHISTA.Le nostre URLA sono per gente che ha intenzione di entrare in questo covo,li avvertiamo in modo che se entrano sono consapevoli di quello che gli spetta,e Voi cn non abbiate paura che (detto da Voi)il cammino è guidato dallo spirito santo(ovviamente scritto in minuscolo).FATE VERAMENTE RIDERE I POLLI. (LILLY).

    RispondiElimina
  19. bisogno tornare nella chiesa...quella vera…
    dom

    RispondiElimina
  20. Daniele spero che il materiale inserito ti serva. Ascoltà a papà, mettiti a pregare, prega molto. Ogni tanto, quando vai in giro, dentro di te invoca la Madonna, pregala, e prega Gesù che è Dio, la Santissima Trinità.
    Per il resto, caro Daniele, ti consiglio di non metterti in un gioco più grande di te, stai sereno, non ti mettere in mezzo, non ti conviene, te ne pentirai, e vivrai con il senso di colpa. Non ti far trascinare dagli ipocriti della pagina su facebook, che ti danno risposte campate in aria, che hanno una parvenza di farsi passare per sapienti, invece non vedono oltre il proprio naso. Forse ti senti offeso per i tuoi genitori, perchè sono nel Cammino,così mi è sembrato di capire, mi dispiace, ma sappi che anche noi eravamo nel Cammino, per cui sappiamo che ci sono le bestie e le non bestie ( scusa se uso temini forti, ma delle volte è bene farli uscire, e devi sapere che chi legge, mi riferisco alle bestie, perchè so che leggono, ecco che io mi riferisco a questi, solamente a questi), per cui non ti sentire inserito in certi commenti e anche offeso. Se i tuoi sono Camminanti degni, così come lo eravamo noi, cioè cristiani che credevano di fare un percorso santo, ecco che loro sono noi, cioè noi abbiamo fatto le stesse cose, chi per poco tempo e chi per tanto, infatti vi è chi ha fatto poco il Cammino, come io, e chi lo ha fatto tanto, come altri. Daniele, mi raccomando, non ti mettere in mezzo, prendilo come un consiglio per la tua vita, non come una minaccia. Tirati fuori.

    RispondiElimina
  21. Dimenticavo,nel video il tizio diceva di denunciare,ma guarda che voi fate e dite sempre all incontrario,chi deve denunciare sono tutte quelle persone che grazie al cammino hanno subito ê avuto problemi anche psicologici e non solo. (LILLY).

    RispondiElimina
  22. Daniele, so che sono pazzerello pure io, ma oltre che pazzo sono anche molto curioso, moltissimo, io sto attento a un pò di tutto, infatti hai caricato il video il 28/11/2019, Giovedì.
    Tirati fuori e vatti a confessare!

    RispondiElimina
  23. Fratello del cn.... Quello che pubblicate solo quando vi fa comodo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come indicato qui sotto, «i commenti totalmente anonimi verranno cestinati». Vale anzitutto per gli insulti e per i commenti che non aggiungono nulla alla discussione.

      I fratelli del Cammino che qui ironicamente qualifichiamo come «il club dei pasqualoni» dovrebbero ricordarsi che le celebrazioni del sabato sera non sono approvate. Non seguono la liturgia cattolica, ma quella kikiana-carmeniana.

      Lo Statuto del Cammino, all'articolo 13, nella nota 49 fa sua l'intera "lettera di Arinze", cioè la lettera della congregazione del Culto Divino del 1° dicembre 2005 contenente «le decisioni del Santo Padre» che il Santo Padre non si è mai rimangiato.

      Elimina
  24. Le accuse di diffamazione di Daniele non reggono.
    Infatti c'è diffamazione quando si rivelano peccati occulti inutilmente e per pura malignità.
    Nel nostro caso le storture del Cammino non sono occulte, ma evidenti, e, anche fossero occulte, vanno DENUNCIATE per salvare anime, evitare che persone siano raggirate e ristabilire la VERITA'.

    Di fake news, cioè di calunnie, diverse dalle diffamazioni, in questo blog non ce ne sono e sfido i camminanti a dire che gli episodi e le TESTIMONIANZE riportate non sono vere.
    A calunniare sono piuttosto gli aderenti del Cammino. In proposito ricordo che per difendere APURON il grande pedofilo del Cammino, non si è esitato ad attaccare le vittime calunniandole e dicendo che erano dei bugiardi.
    Ma Apuron è stato condannato anche dal tribunale della Santa Sede.

    RispondiElimina
  25. Giusto per capire come funziona la menzogna di queste persone. Ovvero come si muovono le tenebre. È stato scritto a Daniele di non dare visibilità al Blog. Realmente è il Blog che ha dato visibilità. La matematica non è un'opinione. Guardate il numero delle visualizzazioni. Da lì capite che alcuni sono completamente immersi nelle tenebre. Per cui da un figlio delle tenebre cosa ci possiamo aspettare. Se fanno ciò davanti, potete immaginare cosa possano fare nascosti.

    ( da IPG)

    RispondiElimina
  26. A Daniele volevo solo dire che se Carmen non verrà fatta santa non è a causa del blog, ma perché santa non era, nemmeno lontanamente. Non ho conosciuto Carmen personalmente, e non me ne dolgo, ma tutti quelli che l’hanno conosciuta e con i quali ho avuto modo di confrontarmi, non solo in questo blog, ne parlano come di una persona con un carattere spigoloso, capricciosa, saccente e arrogante e per nulla amante del prossimo. Era una persona che mentre predicava, insieme con Kiko, l’umiltà e l’obbedienza ai catechisti, non è mai stata né umile né obbediente, nemmeno alla massima autorità della Chiesa, il Papa. Offendeva senza vergogna alcuna presbiteri e vescovi, non ha avuto ritegno ad interrompere più volte il Papa, non aveva nessun timore di Dio. Mi dici che cosa ha in comune con la santità una simile persona? Anche le persone che vedevano con indulgenza il carattere di Carmen, hanno sempre confermato che era una persona presuntuosa e prepotente, e che non aveva amore per il prossimo. Kiko e Carmen sono due persone violente e il movimento da loro fondato è basato sulla violenza. Come altro si può definire l’imposizione dell’“umiltà” e l’obbligo di obbedienza ai catechisti, a dei laici che a mala pena ti conoscono e ai quali di te il più delle volte non importa un fico secco? E l’imposizione della decima anche a famiglie che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese? Io in qualche modo mi sono ”salvato” perché per mia natura e per cultura familiare sono sempre stato scettico di e avulso da ogni forma di fanatismo e non ho mai ritenuto i catechisti individui ai quali dover obbedire o chiedere consiglio e sim., ma ho visto persone che hanno avuto la vita rovinata per essersi fidati e avere obbedito ai diktat miopi e scriteriati dei catechisti… E’ vero che il Signore non ci abbandona mai e che ha aiutato anche queste persone, ma gli abusi del Cammino sui più deboli e indifesi dovrebbero veramente finire una volta per tutte. Non hanno proprio nulla di cattolico o di cristiano.

    RispondiElimina
  27. Caro Daniele con questo video ti contraddici,ho ascoltato tutti i video che hai pubblicato su youtube e in uno di questi addirittura chiedevi il parere sul cammino neocatecumenale, anche il parere dei fuorusciti,in questo video poi invece farnetichi... dicendo che Noi tutti diciamo fesserie....abbiamo esaurito il tuo desiderio,in un certo modo Tu stesso ci hai chiamati in causa e Noi Ti abbiamo accontentato,forse volevi e speravi che veramente dicessimo bugie?che il cammino di Kiko ė tutto fiori e rosa?al contrario Noi diciamo tutte veritâ,le bugie sono quelle che Tu stesso hai detto in un altro video e cioè che non c ė cammino senza il prete...ma dici la veritâ!!!, dici che il prete(compiaciuto,non tutti i preti)nel cammino è solo una figura,una pedina nelle mani dei catechisti,che non vengono rispettati e se é il caso pure malmenati,leggiti un pô i commenti che sono stati fatti sull isola di Patmos riguardo a Padre Ariel e poi vediamo se pensi ancora che il presbitero(come lo chiamate voi)serve per il cammino.Io credo che Tu sappia tutto questo, se no non saresti uscito fuori da questa Babilonia,i fuoriusciti che URLANO VENDETTA AL COSPETTO DI DIO...ne sono troppi,Noi difendiamo la DOTTRINA CATTOLICA non vogliamo e non abbiamo voluto essere eretici,ma se Tu credi che il cammino faccia bene alla Tua vita, fallo pure,ma non puoi dire che Noi diciamo bugie,c ė un detto che dice:IO VENGO DAL MORTO E TU DICI CHE Ė VIVO,Noi ci siamo stati nel cammino,abbiamo visto,ascoltato e quando poi sono arrivate le nausee abbiamo vomitato. LILLY.

    RispondiElimina
  28. Prima di commentare chiedo scusa degli errori grammaticali o di battitura o altro, e vi chiedo di portare pazienza e, se volete usare in qualche modo i miei commenti, di correggerli, meglio una cosa ben fatta, perchè è bene così.

    I Segnali di Fumo che indicano l'incendio.

    Misi poco tempo fa dei commenti sui segnali di fumo, i quali ci indicano l'incendio, cioè Dio ha fatto in modo che da alcuni segni possiamo capire cosa stia avvenendo. Infatti se vediamo una colonna di fumo nero, ecco che capiamo anche che tipo di materiale sta bruciando, lo stesso per il fumo bianco, e sappiamo che c'è l'incendio, anche l'entità, cioè dalla grandezza e durata e propagazione della colonna di fumo, ecco che capiamo se l'incendio è grande, piccolo, o altro. Insomma, il Signore ha creato ogni cosa per il verso giusto.

    Ora vorrei mettere alcuni segni di fumo, i quali ci fanno capire,senza errore ( è legge fisica, come la matematica) che lì dietro c'è l'incendio.

    Prima di collocare, perchè conosco le manipolazioni, ci rifacciamo un piccolo ripasso su un aspetto.

    RispondiElimina
  29. 33,1 Mi fu rivolta questa parola del Signore: 2 «Figlio dell'uomo, parla ai figli del tuo popolo e di' loro: Se mando la spada contro un paese e il popolo di quella terra prende un uomo del suo territorio e lo pone quale sentinella, 3 e questa, vedendo sopraggiungere la spada sul paese, suona la tromba e dà l'allarme al popolo: 4 se colui che ben sente il suono della tromba non ci bada e la spada giunge e lo sorprende, egli dovrà a se stesso la propria rovina. 5 Aveva udito il suono della tromba, ma non ci ha badato: sarà responsabile della sua rovina; se ci avesse badato, si sarebbe salvato. 6 Se invece la sentinella vede giunger la spada e non suona la tromba e il popolo non è avvertito e la spada giunge e sorprende qualcuno, questi sarà sorpreso per la sua iniquità: ma della sua morte domanderò conto alla sentinella. 7 O figlio dell'uomo, io ti ho costituito sentinella per gli Israeliti; ascolterai una parola dalla mia bocca e tu li avvertirai da parte mia. 8 Se io dico all'empio: Empio tu morirai, e tu non parli per distoglier l'empio dalla sua condotta, egli, l'empio, morirà per la sua iniquità; ma della sua morte chiederò conto a te.
    9 Ma se tu avrai ammonito l'empio della sua condotta perché si converta ed egli non si converte, egli morirà per la sua iniquità. Tu invece sarai salvo.
    10 Tu, figlio dell'uomo, annunzia agli Israeliti: Voi dite: I nostri delitti e i nostri peccati sono sopra di noi e in essi noi ci consumiamo! In che modo potremo vivere? 11 Di' loro: Com'è vero ch'io vivo - oracolo del Signore Dio - io non godo della morte dell'empio, ma che l'empio desista dalla sua condotta e viva. Convertitevi dalla vostra condotta perversa! Perché volete perire, o Israeliti?
    12 Figlio dell'uomo, di' ancora ai figli del tuo popolo: La giustizia del giusto non lo salva se pecca, e l'empio non cade per la sua iniquità se desiste dall'iniquità, come il giusto non potrà vivere per la sua giustizia se pecca. 13 Se io dico al giusto: Vivrai, ed egli, confidando sulla sua giustizia commette l'iniquità, nessuna delle sue azioni buone sarà più ricordata e morirà nella malvagità che egli ha commesso. 14 Se dico all'empio: Morirai, ed egli desiste dalla sua iniquità e compie ciò che è retto e giusto, 15 rende il pegno, restituisce ciò che ha rubato, osserva le leggi della vita, senza commettere il male, egli vivrà e non morirà; 16 nessuno dei peccati che ha commessi sarà più ricordato: egli ha praticato ciò che è retto e giusto e certamente vivrà.
    17 Eppure, i figli del tuo popolo vanno dicendo: Il modo di agire del Signore non è retto. È invece il loro modo di agire che non è retto! 18 Se il giusto desiste dalla giustizia e fa il male, per questo certo morirà. 19 Se l'empio desiste dall'empietà e compie ciò che è retto e giusto, per questo vivrà. 20 Voi andate dicendo: Non è retto il modo di agire del Signore. Giudicherò ciascuno di voi secondo il suo modo di agire, Israeliti».

    RispondiElimina
  30. Non si tratta di ritornare all'AT, in quanto la Parola di Dio è eterna, è sempre valida, infatti Gesù ci indica una cosa molto importante:
    19 C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. 20 Un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, 21 bramoso di sfamarsi di quello che cadeva dalla mensa del ricco. Perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. 22 Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. 23 Stando nell'inferno tra i tormenti, levò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. 24 Allora gridando disse: Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché questa fiamma mi tortura. 25 Ma Abramo rispose: Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui è consolato e tu sei in mezzo ai tormenti. 26 Per di più, tra noi e voi è stabilito un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può attraversare fino a noi. 27 E quegli replicò: Allora, padre, ti prego di mandarlo a casa di mio padre, 28 perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento. 29 Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. 30 E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. 31 Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi».

    29 Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. 30 E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. 31 Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi».
    29 Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. 30 E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. 31 Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi».

    RispondiElimina
  31. Ed ecco alcuni segnali davanti a voi:
    https://www.youtube.com/watch?v=6syEkUxkc_k
    Piccolo commento. Kiko è liberissimo di festeggiare dove e come vuole, che sia chiaro a tutti, è un suo diritto, ma non è libero di prendere in giro il prossimo, quello non è un suo diritto. Perchè? Perchè costoro fanno una continua pubblicità della povertà delle baracche, basta seguire il tutto, dai libri ( in copertina), foto in giro, racconti che si fanno ( tipo Kiko a Trieste), ecc, ecc. Per cui richieste di soldi, perchè ci sono i poveri in comunità, "bisogna aiutare il povero non è giusto che tu spenda tanto per..." ( Marco 14, 1-11 - Perchè tutto questo spreco?). Immaginatevi un pò un poveretto con quattro soldi, che crede a questi che parlano per bocca di Dio, per cui li crede profeti e gli consegna la decima e altro, soldi del lavoro, di sudore, e sottratti alla famiglia, che vive di stenti, sappiamo come è la vita, e che fa anche servizi, e poi loro dietro le quinte fanno ciò che vedete nel video. Quello è il video del compleanno inserito, tantissime altre cose non le vedete, ma vi rammento il segnale di fumo. 1O indizio.
    Poi altro da considerare:

    https://www.youtube.com/watch?v=ReuTwGK5hnk&feature=youtu.be&t=2136
    Spunto sulla Parola di Dio:
    Geremia 23
    1 «Guai ai pastori che fanno perire e disperdono il gregge del mio pascolo». Oracolo del Signore. 2 Perciò dice il Signore, Dio di Israele, contro i pastori che devono pascere il mio popolo: «Voi avete disperso le mie pecore, le avete scacciate e non ve ne siete preoccupati; ecco io mi occuperò di voi e della malvagità delle vostre azioni.10 «Poiché il paese è pieno di adùlteri; a causa della maledizione tutto il paese è in lutto, si sono inariditi i pascoli della steppa. Il loro fine è il male e la loro forza è l'ingiustizia. 11 Perfino il profeta, perfino il sacerdote sono empi, perfino nella mia casa ho trovato la loro malvagità. Oracolo del Signore. 12 Perciò la loro strada sarà per essi come sentiero sdrucciolevole, saranno sospinti nelle tenebre e cadranno in esse, poiché io manderò su di essi la sventura, nell'anno del loro castigo. Oracolo del Signore.

    RispondiElimina
  32. La menzogna detta davanti a tutti, pensando di essere nella verità, senza aver approfondito e verificato il tutto, e senza aspettare l'evoluzione degli eventi, ovvero ciò che penso io è verità, cioè io sono lo spirito santo sulla terra. Infatti è stato condannato.
    Da qui capite, e Daniele è piccolo esempio, come si muovono costoro, accusano le vittime di essere carnefici, e i carnefici si fanno passare per vittime. Cioè siamo arrivati al punto che Caino accusa Abele dopo averlo ucciso, infatti Caino disse a Dio: Allora il Signore disse a Caino: «Dov'è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so.
    Questo è ciò che ci dobbiamo aspettare da queste persone, cioè fanno il male, che è davanti ai nostri occhi, ed ecco cosa risponderanno, cioè continueranno a seminare le loro malefatte, senza timore e vergogna. Tant'è, e ne sono sicurissimo, che diranno che Apuron è innocente, per cui è il Vaticano che si sbaglia, oppure scuseranno Kiko di piccolo errore o di senilità, e altro. Ma questo sistema, cari tutti, è il sistema che portano avanti sempre, sia in età giovane, e sia in vecchiaia, anzi in vecchiaia si nota maggiormente, perchè si riesce a dissimulare meno, scendono le difese dissimulatorie.

    RispondiElimina

  33. Altro segnale di fumo:
    https://isoladipatmos.com/cerano-una-volta-leucaristia-ed-il-sacerdozio-cattolico-poi-giunsero-kiko-arguello-e-carmen-hernandez-fondatori-del-cammino-neocatecumenale-e-leresia-si-fece-carne-e-venne-ad-abitare-in-mez/
    Don Andrea ha detto:
    30 Marzo 2019 alle 17:42

    due ex Neocatecumenali oggi Sacerdoti e Parroci ha detto:
    29 Marzo 2019 alle 15:51

    … anche a me, negli anni in cui ero parroco in una parrocchia del Vomero (Napoli) un neocatecumenale mi dette del “coglione” davanti ai ragazzi del catechismo in preparazione alla cresima, è passato del tempo ma credo si stia sempre curando le ferite. Me lo tolse di sotto mano il diacono permanente, mentre tutti i ragazzini facevano il tifo per il parroco dicendo “dagli, dagli!”.
    Anche al padre Ariel, è prudente e opportuno dare del “coglione” solo via internet …

    Coglioneeeee!!! Con la tua lingua di merda non sei degno nemmeno di leccare il culo a uno dei nostri presbiteri usciti dai Redemptoris Mater.
    San Giovanni Paolo II li considerava i migliori seminari del mondo.
    Coglioneeeee!!!
    credo che qualcuno deve informare il Vaticano che questo prete indemoniato mette pubblicamente in dubbio le decisioni di un santo, San Giovanni Paolo II (magno!). Hanno ridotto allo stato laicale cardinali e vescovi, non capisco perché non tappino la bocca a questo miserabile pezzente
    EEEEHHHHH OOOOPPPPAAAAAAA…..IL LIBROOOOOOOOOOO
    NON AVEVAMO DUBBI SUL FATTO CHE CI SCAPPAVA (L’ENNESIMO) LIBRO!!!!
    QUESTO ARIEL È UN GENIO….MA CHE IDEA MERAVIGLIOSA…….
    EVVAI ARIEL………..ORA PUBBLICHERAI CHE I PROVENTI NON VANNO A TE…..CHE SONO IL SOLITO NEO URLANTE…..ROBA VECCHIA…
    PS….CIARLATANO!!!!…..E SULLA VALIDITÀ DI QUESTA AFFERMAZIONE QUESTA VOLTA NON CI SONO DUBBI….

    RispondiElimina
  34. Come potete vedere, accusano chiunque si presenta davanti al loro cammino, ognuno che non fa ciò che pensano, ciò che desiderano, ciò che credono loro, ma gli va contro, per ovvi motivi, perchè è scritto:
    «Ascoltatemi tutti e intendete bene: 15non c'è nulla fuori dell'uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall'uomo a contaminarlo». 16.
    Da qui capite cosa c'è dentro il cuore di queste persone, vi troverete persone che vi parleranno avanti, a facciata, si Spirito Santo, Dio, la Madonna è apparsa a Kiko, il Cammino è frutto dello Spirito Santo, e tante cose simili, ma appena li stuzzichi, cioè in qualche modo si mette alla prova ciò che dicono di essere e di fare, ecco che fuoriesce l'ondanta di fumo. Evidentemente nel loro cuore c'è l'incendio, ed è bello grande. Non ho fatto in tempo a mettere i commenti dei sacerdoti malmenati da catechisti, i quali sono andati in due ( vi rammento quando vanno in due per loro è come andare in missione, come apostoli, lo dicono loro non io), ed hanno reso a schiaffi il sacerdote mentre si apprestava a dire messa.

    RispondiElimina
  35. Nonostante sia da tempo che partecipo alle discussioni del blog, le testimonianze di coloro che hanno avuto a che fare col Cammino mi stupiscono sempre.
    Il fatto è che è difficile credere, o, meglio, è difficile abituarsi, a certe prepotenze e abusi.
    Già solo considerare le prepotenze che si subiscono nel Cammino, ne manifesta l'intima realtà.

    Un'altro concetto, oltre alla obbedienza cieca ai catechisti, con cui il Cammino CONTROLLA i suoi adepti, è l'uso ipocrita, cioè FALSO, e perciò improprio, del comando di san Paolo di non MORMORARE.

    Sia chiaro, la mormorazione, come la diffamazione, è cosa riprovevole, ma protestare e denunciare ingiustizie non è affatto mormorare. E', anzi, TESTIMONIARE la verità o, almeno, ricerca della verità.

    E' vero: occorre rifuggire dalla malignità e cercare di non parlare "dietro le spalle", ma se nel Cammino non si ammettono CONFRONTI, se qualcuno cerca spiegazioni o, anche, conforto, come deve fare?
    E' difficile uscire dal Cammino improvvisamente: chi ci ha creduto di solito medita il passo, attraversa una crisi e cerca risposte.
    Con l'ubbidienza cieca (per lo più a persone strampalate, impreparate e saccenti) e il divieto di mormorare (ma la mormorazione spesso è altra cosa), si cerca di puntellare il Cammino.

    Forse Kiko, come tanti politici, pensa che il "popolino" è "stupido"... Ma non è così

    RispondiElimina
  36. Più segnali di questi. A voi tutti il giudizio su queste persone. E vi rammento una cosa, anche se fosse apparsa la Madonna a Kiko, realemte, affermo, e ne sono convintissimo, che si sono venduti tutto, TUTTO. Dio da il Segno, ma l'uomo deve metterci l'impegno a seguire Dio, tant'è:

    [13] Rispose Anania: "Signore, riguardo a quest'uomo ho udito da molti tutto il male che ha fatto ai tuoi fedeli in Gerusalemme.

    [14] Inoltre ha l'autorizzazione dai sommi sacerdoti di arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome".

    [15] Ma il Signore disse: "Và, perché egli è per me uno strumento eletto per portare il mio nome dinanzi ai popoli, ai re e ai figli di Israele;

    [16] e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome".
    Sappiamo tutti, dalle lettere cosa ha fatto San Paolo, di certo non prendeva a schiaffi sacerdoti, non campava sulle decime, non evangelizzava dentro Hotel e risiedeva in appartamenti, e non faceva tante cose che fanno questi. Badate bene, vi ripeto, non è l'appartamento, il compleanno, ecc, ecc, se uno dice di stare e fare quelle cose, è tutto regolare, il punto è l'IPOCRISIA e la DISSIMULAZIONE, perchè si fanno passare per baraccati, gitani, nulla tenenti, profeti della verità, gli unici, i veri apostoli, che vanno a piedi nudi, che dormono i canili e pollai, ecc, ecc, ecc, ecc, ma il tutto è una menzogna, cioè nel presente fanno il contrario. Sono proiezioni mentali di persone disturbate.

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
  37. Ho un presentimento.
    Vi rammento a tutti, che quando hanno messo in Croce Dio, il giorno dopo il Regno d'Israele non è crollato, neanche la religione ebraica. Da qui capite tante cose. Perché qualcosa mi dice che si dicono: 100 seminari, 20000 comunità... E simili. E ricordo che i Mesulmani sono 1,5 miliardi, e poi ci sono gli altri.
    Così giusto per farci due pensieri.

    ( da IPG)

    RispondiElimina
  38. Molto interessante è l intervento scritto su Youtube una vecchia conoscenza della missione sangiovese colui che vedeva droga eprostitute durante la sua notte trascorsa nella nuova Sodoma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino ti riferisca a questa missione del "crociato di kiko" nella demoniaca città di San Giorgio a Cremano, a 6 km da casa, nutrito a gratis dalle suore e ospitato a gratis dai fratelli...😂

      Elimina
    2. In riferimento all'articolo di rimando linkato da Valentina, sento il dovere di aggiungere la mia diretta esperienza.

      Nella mia regione ultimamente è invalso l'uso di fare missioni a due a due oltre a quelle Kiko comandate.
      Ne hanno fatte ovunque e a brevissima distanza le une dalle altre.

      Siccome vi hanno partecipato anche i miei figli (sigh), so per certo che in ognuna di quelle "missioni", si procuravano già "vitto e alloggio".
      In una, se non fossero riusciti a trovare da dormire, c'era uno stanzone adibito in parrocchia e potevano tornare lì.
      In un'altra era convenuto che, essendo locale, tornavano a dormire a casa e mangiavano da facilmente da nonni, zii ed amici.
      In un'altra l'ospitalità era già provveduta da persone del cammino. Una mia figlia ricordo che stava da una vedova.
      Una volta, essendo nel mio comune, vennero a suonare il campanello a casa mia due ragazzi che conoscevo molto bene e naturalmente, anche se ero già fuori dal Cammino, aprii loro la porta. Gli offrii anche ospitalità, per mostrare che non ce l'avevo con loro, anche se ero una fuoriuscita. Mi dissero che avevano l'imbarazzo della scelta ed infatti alloggiarono altrove. Mi diedero anche la "loro esperienza", ormai che c'erano. Da me ebbero solo accoglienza umana:un cristiano non rifiuta chi gli "ha fatto del male" (non loro due direttamente, ma la struttura che rappresentavano). Li feci parlare e, per pietà, non controbattei, erano solo due ragazzi, figli di neocatecumenali, imbevuti di neocatecumenalesimo fino al collo, poverini.

      Insomma, una quantità di "missioni" incredibile senza batter chiodo, tutte super confortate e tutte senza alcun esito.

      Elimina
    3. Come i mormoni...Ma almeno loro fanno fare ai loro ragazzi delle belle corvee di evangelizzazione all'estero e nel frattempo si fanno degli amici e imparano una lingua!
      Ma io mi chiedo: questi ragazzi nati da genitori neocat, cresciuti in famiglie neocat in cui l'amore cristiano dovrebbe essere pratica quotidiana, che "esperienza" raccontano? Dio, da cosa li ha salvati?

      Elimina
  39. Fratello Daniele lo sai che i fuoriusciti sono molti di più dei presenti nel cammino? Ora fatti una domanda è cerca la risposta.
    Il cammino se fosse fatto rispettando la parola di Dio non sarebbe criticato da nessuno. Voi ascoltate catechesi di kiko e riportate le sue idiozie quindi siete eretici i veri diffamatori della fede cristiana siete voi.
    Riportare la Verita non è perseguibile da nessuno è nessuna autorità può intralciarci
    Buon proseguimento

    RispondiElimina
  40. Io sono un pò meno empatica e comprensiva nei riguardi di questi personaggi che mirano a risolvere le questioni per loro sgradevoli facendo leva sull' insulto e la minaccia.
    Non mi riferisco a Daniele, piuttosto a tutta la categoria che egli rappresenta. Asini che ragliano per difendere una causa che infine non ritengono neanche di dover approfondire!

    RispondiElimina
  41. Seguono anche quanti commenti faccio, li enumerano e li elencano. Però a quante persone hanno rubato soldi, a quante persone hanno fatto del male, e altro, nulla.
    Mettono in cattiva luce tutto, ovviamente loro, si fanno passare per giusti e buoni. Questo è il loro gioco. Amico mio, vedi questi commenti, che dici innimerevoli e altro, sono la punta dell'Iceberg, gia ho mandato tante email ai Redenptoris Mater,proprio in casa vostra, e fra poco inizierò a mandare email alle Diocesi, dove sono tutte le vostre comunità, ovviamente ai Vescovi e Vicari.
    E' solo l'inizio.

    RispondiElimina
  42. C'è qualcuno che mi ha citato sotto i commenti del video. Bene, così gli faccio capire chi ha davanti, perchè, spero cessa la presunzione. Io non guardo la tv, forse 10 minuti al giorno, alcuni giorni neanche l'accendo, mi da la nausea, non frequento discoteche, pub, e simili,non ascolto la radio, salvo Radio Maria e simili, non seguo canzoni strane, come Vasco e simili, ma ascolto solamente musica sacra, di ogni genere, tranne quella NC che l'ho cestinata. Per cui, sperare che cessi tutto questo, e sperare che si possa mettere a tacere il tutto è da illusi. Povero illuso e demente da quattro soldi, che ti pasci di fame di mondo. Si andrà avanti, e se cesserà il Blog, per un qualche motivo, o cesseranno di pubblicarmi, ecco che si andrà avanti con la preghiera, e ciò che ci è stato affidato da lassù. So che nella tua immensa povertà non crederai mai che colui che ti scrive possa aver ricevuto un comando, ma chi se ne frega, è Dio il Centro, a me di ciò che pensi tu non importa nulla. Potete dire ciò che vi pare, dal matto, fanatico, andare a prendere il passato, tutto, non cesserò, nel mio cuore non finirà mai, ormai è stata accesa una luce, e che Luce, nessuno la potrà estinguere.
    Mi riferisco a chi è dall'altra parte. So che delle volte sono ripetitivo, lungo, carico passi bibblici, ecc, ecc, ma portate pazienza, e il mio modo di esprimermi. Se per voi è pesante, passate oltre tranquillamente, oppure prendetene il nocciolo. Tutto qui.
    Un saluto a tutti e buona domenica, ora esco e vado a farmi una asseggiata in Dio, oggi sento, in questo momento un forte canto di uccelli fuori, è una buona giornata, sento una particolare Pace dentro il mio cuore, c'è sole, anche un pò di vento, particolarmente freddo non fa. Poi andrò a Messa. No, perchè dicono che chi va contro di loro passa una vita di m.... Se è così, cari tutti bisogna informare tutti di andare contro di loro, perchè assicuro a tutti che la vita è bellissima, si sente una profonda Pace.

    RispondiElimina
  43. Pensiamo un pò a quante persone sono vittime di questi ignorantoni in malafede (loro in malafede) che con cinismo indicibile offendono, scherniscono, minacciano e isolano coloro che contrastano oppure abbandonano il cammino.
    Il video in questione circola sul web, ed è per noi un favore non certo una complicanza, ma questa circostanza ( vale a dire il tentativo di intimidire e mortificare il prossimo non accordante il contesto eretico ) si concretizza anche nella realtà, provocando dolore e sofferenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. Pensate a chi come me è stato buttato a calci nel culo fuori dal cammino e lasciato solo dopo 23 anni. Sono diventato nessuno. Depresso

      Elimina
    2. Tu hai Dio che è tuo Padre, devi solo imparare dentro di te a convivere con Lui, cioè a percepiro. Dio è Spirito, anche se è venuto nella Carne, si è incarnato, ma ora intorno a te è Spirito, poi alla Santa Messa.... Non credere che sei solo, Dio è sempre con te. E via la depressione, se ti senti giù prega, e devi sapere che noi tendiamo a ricordare le cose brutte. Pensa a quelle belle.

      Un abbraccio.

      Elimina
    3. Vorrei solo dirti che se sei considerato nessuno agli occhi dei neocat., non lo sei e non lo sarai MAI agli occhi di Dio. Per Lui ognuno di noi, anche la persona che si sente la più insignificante, è un essere prezioso e unico nella sua individualità. Anche io penso di essere diventato un nessuno per i neocatecumenali. Nessuno di loro ha bisogno di me e mi stanno dimenticando, o probabilmente mi hanno già dimenticato. Tanto meglio. Se provi a rovesciare la prospettiva, magari dopo un po' di tempo comincerai piano piano a vedere questa "cacciata" come una grazia. Io e mia moglie (ma soprattutto io che ci sono stato tanti anni), per farci forza, abbiamo cominciato contando i mesi da fuoriusciti, e dopo i mesi adesso stiamo contando gli anni. Un po' come chi si disintossica da un vizio o da una dipendenza, per farsi forza conta il tempo da quando ha abbandonato quello che lo teneva schiavo, e più il tempo passa, e più aumenta il benessere, più si fa forza e si rallegra in cuor suo di essere riuscito a farcela, almeno fino a quel punto.

      Elimina
    4. Credo che Porto ti abbia dato una testimonianza molto preziosa. Leggi bene le sue parole, sono molto profonde. Evidentemente, concludo io, ha capito che sono falsi. E' tutta, o quasi, una falsità lì dentro, e la prova l'hai avuta nella tua vita, il risultato e ciò che ti hanno fatto. Ora, se vuoi capire chi hai davanti, se quella è la Chiesa, quando hai tempo vai a Messa, confessati, non so, o chiedi consiglio al confessore, e ascolta le parole. Vedi se ci sono parole di odio ( caciata, esclusione, ecc, ecc) e se ci sono parole di acolgimento. Da lì capirai tante cose, tantissime.

      Elimina
  44. Questo blog dovrebbe chiudere i commenti dei post e denunciare le eresie o presunte tali alle autorità canoniche. Solo così lo si potrebbe prendere sul serio. Sembra costantemente una lite tra bambini cn e bambini ex cn.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può litigare né discutere con chi non ha nessun argomento a proprio favore ma è capace solo di scrivere quattro parole in croce, generalmente offensive, come coloro che qui intervengono dicendo di essere del Cammino.
      Io vedo solo argomenti inoppugnabili da una parte, chiacchiere insulse dall'altra.
      Le denunce fioccano copiose, non preoccuparti. Non ti chiedi neppure perché il Cammino ormai sta sotto zero?

      Elimina
  45. Carissimi altra considerazione. Parlano di denuncia, ovviamente dissimulano, perché se parte una denuncia, e poi un Giudice va a verificare, ecco che scoppia la bomba. Quella vera.
    ( da IPG)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure il giudice estrae la chitarrella col logo kikiano e comincia a cantare: Non resistete al male...

      Elimina
    2. Tutto potrebbe capitare. Ma se capita un giudice che penso io, ovvero uno che iniziasse a fare i calcoli patrimoniali, e le tasse non pagate, e altro, seguendo il filone, ecco che ne uscirebbero delle belle.

      Comunque vorrei chiarire una cosa, che ho sempre fatto, ma che è bene puntualizzare.
      Quando scrivo di queste cose, mi riferisco ad una parte, ai colpevoli. OK!
      Poi, siccome si toccano tasti come decime, persone che vivono siìopra queste cose, il tutto non deve essere mai confuso con la Chiesa, perchè anche la Chiesa, cioè i sacerdoti e altri, vivono delle offerte dei fedeli. Ma la Chiesa va aiutata, e deve essere aiutata. OK! Ma c'è un punto, la Chiesa non ti viene a fare interrogatori se dai la decima e se non la dai ecco che a quel punto per ritorsione non ti da la Santa Comunione.Invece continua a dartela, perchè c'è la Misericordia, cioè vedi che Dio continua ad amarti. Così dovrebbe essere tra queste persone. Non è la decima in se, attenzione, perchè io la posso dare tranquillamente se ne ho le possibilità, la volontà, ecc, ecc. Il punto è l'arroganza di queste persone, la presunzione, e ciò che c'è dietro. Ovvero, faccio un piccolo esempio, per farci capire.

      Elimina
    3. Tizio fa il Cammino, contribuisce a tutto, per cui arredi, fiori, spese varie, servizi, decime. OK! Ad un certo punto accade un qualcosa, per cui si straniscono i Guardiani della Rivoluzione ( chiamiamoli così, ora, chi vuol capire capisce cosa vorrei intendere), a quel punto Tizio viene attaccato in un qualche modo, direttamente o indirettamente. Fino al punto che Tizio o si sottomette alla loro volontà, oppure viene cacciato o se ne deve andare per via di ciò che accade. Quel qualcosa che accade, lo dovete interpretare non come un atto che si fa di male, ma come un qualcosa che non digeriscono queste persone, faccio dei piccoli esempi: una persona abusata che chiede giustizia, uno che non vuole dare più la decima perchè ha spese familiari e altro, uno che parla di altro che è il Cammino, uno che dice invece di dare soldi al Cammino li voglio dare alla Caritas perchè sento che Dio mi chiede questo, uno che inizia a fare cose che a loro sembrano strane, come l'evangelizzazione, l'inginocchiarsi davanti a Gesù Eucarestia, e altro. Ecco che a quel punto salta il vincolo, come se stessi violando un qualcosa. Cioè la risposta di questi è: se sei nel Cammino, qua così si fa! ( qualcosa di simile). Sembrerebbe una buona risposta detta così.

      Elimina
    4. Ora vi mostro a tutti che è un laccio.
      Molto contiene il commento di Libera inserito. Cioè ha detto che ha accolto due di questi, e che lei è stata in silenzio ad ascoltarli senza dire nulla, ma già li conosceva per cui non ha abboccato. Similmente così, anche se il suo commento contiene altri aspetti. Ma ora vediamone uno di questi.
      Ora vi mostro l'inganno di costoro. Facciamo ci una fantasia.
      Libera non li consceva, per cui faceva la sua vita tranquilla. Un giorno arrivano questi che raccontano di un Cammino per la tua salvezza, tutto bello, il Cammino mi ha salvato, ecc, ecc. OK!
      Libera dice: che bello, vorrei farlo! Ed ecco che potete immaginare cosa accade. Catapultata dentro. Tutto rosa e fiori all'inizio, sappiamo perchè, c'è la Domenica delle Palme ( così la chiamo), per cui contribuisce a tutto, siamo una famiglia ecc: Decime, spese, spese per i Seminari, passaggi, scrutazio, noi siamo i tuoi profeti, siamo gl inviati alla tua vita, lascia tutto, vendi l'appartamento dallo ai poveri ( e sono loro, cioè il Cammino), e via dicendo ( lo dico per i calunniatori, sono discorsi per rendere l'idea di ciò che potrebbe capitare, se avete la coda di paglia, chiedetevi il perchè). Ad un certo punto, Libera dopo un pò di anni, entra in conflitto con uno di questi, a quel punto cosa accade? Indovinate?Avete letto sopra? Ed ecco la sorpresa, invece della Misericordia, dell'Amore, e altro, esce l'Odio. Con tutte le conseguenze delle ferite. Ricordatevi che Libera quel giorno era i Santa Pace a casa a svolgere le sue funzioni. Qualcuno direbbe: ma così non si deve far nulla!? No! Guardate Cristo, dopo la Domenica delle Palme, è arrivato il Venerdì Santo, cioè la Croce. Che significa? Che Cristo sta dall'altra parte. Questo significa. Ognuno si faccia i suoi ragionamenti sul caso. Io dico, si deve andare, per portare Cristo, ma devi essere Cristo in quel momento, non l'opposto.

      Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

      Elimina
  46. Arriveremo al punto in cui i kikos si chiederanno: ehi, un momento, non ricordo più perché dobbiamo odiare quelli del blog.

    RispondiElimina
  47. Quando mi capita di aprire questo blog mi chiedo sempre: ma chi vi paga per calunniare kiko e il cammino? e poi come fate a dirvi cattolici se disprezzate ciò che il Papa difende? ..mi chiedo ancora, visto che vi piaccia o no il cammino fa parte della chiesa: da dove vi viene quest'odio per la chiesa? e qui vi potrei rispondere anche io: da colui che fu omicida fin dal principio, il padre della menzogna, colui che è pieno di furore sapendo che gli resta poco tempo. Ma d'altra parte come dice Matteo 10,24 un discepolo non è superiore al maestro: se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi. ecco il motivo delle menzogne sul cammino presenti in questo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccone un altro che sa solo ripetere che il blog dice menzogne, ma non sa riferirne una, una sola, dimostrando, o almeno cercando di dimostrare, che si tratti appunto di menzogna.
      Chiacchiere, tante chiacchiere. Solo questo vi ha reso in grado di fare il parolaio Cammino neocatecumenale. Chiacchiere senza alcun costrutto.

      Elimina
    2. Quale odio per la Chiesa? La Chiesa è mia Madre. Io benedico mia Madre, e le chiedo benedizioni. Amen!
      ( da IPG)

      Elimina
    3. @ demimarc

      Affinchè tu possa dormire sonni un po' più tranquilli, visto che ti capita di aprire questo blog prima di andare a letto, vorrei rassicurarti su alcune cose:

      - noi qui non funzioniamo come il CNC, facciamo le cose gratis, per puro amore alla verità ed al prossimo, non ci paga proprio nessuno. Incredibile, vero?

      - noi qui , sempre perché non funzioniamo come il CNC, non calunniamo nessuno, diciamo soltanto cose vere e documentate, frutto di esperienze e conoscenze dirette. Le calunnie, molti di noi le hanno subite proprio nel CNC, ma son cose personali e non le veniamo a sperticare pubblicamente

      - Papa Francesco non mi pare difenda un bel nulla anzi, per chi vuol sentire, riserva al CNC critiche spesso anche molto dure e dirette

      - l'equazione Cammino-Chiesa per INSINUARE che chi critica il CNC critica la Chiesa, è piuttosto debole e stantia. E' il cinquantennale Cammino che si è installato nella Chiesa. La Chiesa a cui noi apparteniamo ed in cui crediamo ha più di 2000 anni di vita. Regge il confronto?

      - I luoghi comuni, presi anche dai canti kikiani, per definire coloro che non sopportate perché mettono in evidenza cose, peraltro chiarissime, a proposito del vostro itinerario circolare, mostrano una profonda conoscenza del padre della menzogna, molto più profonda di quella del Padre della Verità. Infatti demonio e peccato sono vocaboli molto ricorrenti nel CNC, molto di più di virtù e libero arbitrio, di cui sapete ben poco

      - il trucchetto che chi vi critica vi "perseguita", come bambini che non sopportano quelli a cui non piace il loro giocattolo, incapaci di spiegare perché quel giocattolo per loro invece è così bello, non attecchisce nè qui nè nella Chiesa. Miei cari comodi camminanti, la persecuzione è BEN ALTRA COSA: chiedetelo un po' ai cristiani dei paesi in cui il cristianesimo è davvero perseguitato e vi sentirete formichine piccole piccole.

      - se quelle che scriviamo qui ti sembrano menzogne, a parte le esperienze personali su cui tu non hai alcuna voce in capitolo, correggi la menzogna con adeguate e documentate argomentazioni. Non limitarti a puntare il ditino accusando senza argomentare. Così è facile: accusi, giudichi e punti il dito non spieghi il perché.

      Elimina
    4. Rispoderò alla tua pappardella solo con un nome: APURON. Chi lo difendeva? Chi lo difende TUTT'ORA?, E sopratutto CHI LO HA CONDANNATO (2 volte)?

      Elimina
    5. Se il cammino fosse cosa buona e giusta,non ti allontanasse dalla chiesa che ê MADRE,un giorno una mia sorella di comunitá che era un pø anzianotta....frequentava la chiesa assiduamente,mi disse che il catechista si era arrabbiato dicendole di non andare troppo in chiesa se no si sarebbe confusa,poi il commentatore parla di odio per la chiesa,PERCHÈ IL CAMMINO DI KIKO È LA CHIESA?Miei cari voi avete una confusione in testa,vi dico sinceramente che mi fate pena,Noi qui parliamo per farvi aprire la mente,per aiutarvi a capire che il cammino NON Ê COSA BUONA E GIUSTA...ē una trappola del demonio,ha fatto male a tanta gente,soprattutto a quelli che si sono accorti che erano incastrati nella tela del ragno e stavano vivendo una dottrina stravolta,ci sarebbe da parlare per giorni e giorni,anzi non dovremmo neanche commentare le vostre assurditã,ma se lo facciamo ė a fin di bene,sperando che un giorno vi accorgete che cos' ė il cammino.

      PS INIZIATE A DOCUMENTARVI QUELLA CHE Ė LA DOTTRINA CATTOLICA E POI CONFRONTATELA CON QUELLA DI KIKO ED IL GIOCO Ë FATTO.LILLY.

      Elimina
    6. Lilly, sono perfettamente d'accordo con te. Se il Cammino altro scopo non ha che avvicinare alla Chiesa, perché, dopo decenni, c'è ancora bisogno del catechista -spesso molto ignorante- per interpretare la dottrina della Chiesa? C'è da chiederselo...

      Elimina
    7. demimarc suvvia, puoi stare tranquillo!
      citi la parola di Matteo: Kiko perseguitato COME Gesù. Sta scritto! Questo tocca al vero discepolo. Peccato che le persecuzioni nel cammino noi le abbiamo subite e qui già i conti non tornano. Bene ti ha risposto aleCT con una sola parola evocativa: APURON: prototipo del PERSEGUITATO NEOCATECUMENALE. Anzi aggiungo un'altra parola FABIO ROSINI: prototipo del PERSECUTORE.
      Un'ultima parola chiude tutto: SIETE SQUALLIDI.
      Infine. Noi ce ne siamo andati e il nostro tempo è già compiuto. Nulla abbiamo da difendere, nulla abbiamo voluto difendere nè per mantenere le nostre posizioni di prestigio siamo stati disposti a scendere a compromessi o cedere ai loro ricatti. Dunque siamo LIBERI anche per questo, la libertà di chi non ha nulla.
      Mi dispiace, ma a voi "resta poco tempo" e siete "pieni di furore" per questo.

      Pax

      Elimina
    8. Demimarc,e quando ti mettono fuori perchê l altro coniuge non ne vuole sapere del cammino però magari frequenta la chiesa questa pure ė una menzogna?Kiko dovrebbe sapere che la religione,ma soprattutto la spiritualitå ė personale,è giusto portare la parola al proprio coniuge come a tutti,ma non ė normale fare una forzatura soprattutto per chi frequenta giã la chiesa,che senso ha?ho conosciuto coppie che per questa cosa hanno litigato di brutto e hanno rischiato addirittura una separazione.Forse per Kiko la comunitã ė piū della chiesa?O perchë magari avendo due stipendi la decima diventa piū cospicua e allettante se stanno tutti e due nel cammino!!!...Credo proprio che sono tutte e due le cose,Kiko si sente molto piú superiore alla chiesa, e gli fa comodo una bella decima sostanziosa.Tu che dici che Noi scriviamo menzogne mi sai spiegare tutto questo che ho scritto, perché la chiesa non lo considera e Kiko si!!!.Io personalmente non ho mai né sentito ne visto che la chiesa abbia messo fuori qualcuno il marito o la moglie che non andava in chiesa,mentre Kiko si ė permesso di farlo.Lilly.

      Elimina
    9. Alcune domande per i kikos, lasciate da un commentatore su Youtube:

      Avrei solo un paio di domande da porle:
      1 - Che la Santa Sede abbia approvato la PUBBLICAZIONE del Direttorio catechetico del cammino neocatecumenale è una fake news?
      2 - Che lo Statuto non preveda la decima e la violazione del foro interno durante gli scrutini è una fake news?
      3 - L'istruzione della Congregazione per il Culto Divino "Redemptionis Sacramentum" è valida per tutta la Chiesa, Cammino compreso? O anche questa è una fake news?
      4 - Durante la Santa Messa per le comunità neocatecumenali il Sacerdote celebrante si comunica normalmente prima dei fedeli o insieme a loro?
      5 - È possibile inginocchiarsi alla consacrazione durante la Santa Messa celebrata per le comunità neocatecumenali? E se non lo è, come si spiega questo abuso palesemente contrario all'ordinamento generale del Messale Romano?

      Non mi si dica, soprattutto da parte di chi fa dell'obbedienza alla Chiesa e al Papa il cavallo di battaglia delle proprie argomentazioni, che si tratta di quisquillie, perché a questo punto sorgerebbe spontanea una banale osservazione: se si può soprassedere riguardo le leggi della Chiesa senza incorrere in alcuna sanzione canonica, per quale remota ragione bisognerebbe obbedire a norme emanate da un laico privo di autorità ecclesiale?

      Elimina
    10. Mi sembra interessante anche questa risposta sull'uso del candelabro ebraico:

      Io non ignoro un bel niente. Il candelabro di Kiko non ha alcun senso teologico-liturgico e non è previsto dall'ordinamento generale del Messale Romano. È inutile citare Finotti, che tra l'altro è un ottimo liturgista e avrebbe orrore della messa NC, per giustificare una prassi insensata e ambigua. L'antichità di un segno (tra l'altro nemmeno universale) non ne giustifica l'uso, né il fatto che i ceri derivino dalla menorah (e che dire dei paramenti? Non sono altro che lo sviluppo di normali abiti civili di epoca imperiale, quindi facciamo vestire i preti da antichi romani per essere fedeli alla tradizione?).Questo sarebbe archeologismo liturgico. Inoltre il candelabro NC ha 9 candele, che sommate alle altre due che usate fanno 11, cosa ancora più assurda. Ma si sa, a Kiko è apparsa la madonna e se dice di usare 11 candele è ispirato da Dio, guai a chi crede il contrario. Anzi, formulo meglio, così vi prevengo pure: La fedeltà alle 11 candele di Kiko è rispetto del carisma e obbedienza, la fedeltà al Messale anche in tema di candele è giuridicismo, rubricismo e tridentinismo e visione riduttiva della Santa Messa. La sedia trasparente in plexiglass è amore alla Liturgia, la panca con inginocchiatoio è anacronismo tridentino. Stare in piedi alla Consacrazione è l'atteggiamento del risorto, inginocchiarsi è medievale (ma cosa vi avrà mai fatto di male questo vituperato Medioevo? Ovvero l'epoca più cristiana di tutta la storia). Così tanto per citare in modo pretestuoso e polemico i documenti della Chiesa, ecco il n.117 dell'Ordinamento generale del Messale Romano: "117. L’altare sia ricoperto da almeno una tovaglia bianca. In ogni celebrazione sull’altare, o accanto ad esso, si pongano almeno due candelabri con i ceri accesi, o anche quattro o sei, specialmente se si tratta della Messa domenicale o festiva di precetto; se celebra il Vescovo della diocesi, si usino sette candelabri. Inoltre, sull’altare, o vicino ad esso, si collochi la croce con l’immagine di Cristo crocifisso. I candelabri e la croce con l’immagine di Cristo crocifisso si possono portare nella processione di ingresso. Sopra l’altare si può collocare l’Evangeliario, distinto dal libro delle altre letture, a meno che non venga portato nella processione d’ingresso" Già immagino il piccolo catechista for dummies rispondere che il testo non vieta la menorah, quindi si può usare senza per questo commettere un abuso! A onor del vero, ricordo che il testo non vieta nemmeno di scorreggiare al microfono durante la Messa, quindi non sarebbe un abuso, e nessuno ha il diritto di impedirvelo. Per concludere, l'uso di simboli giudaici nella Liturgia Cattolica, oltre che essere vietato, è teologicamente aberrante, essendo il giudaismo post biblico la negazione della divinità di Gesù Cristo, perciò, a che pro utilizzare al posto del Crocifisso sull'altare, un simbolo che rimanda ad una dottrina opposta al Cristianesimo?

      Elimina
  48. http://www.adonaj.it/1006/apocalisse-le-due-bestie

    RispondiElimina
  49. Avete visto il diluvio di commenti tra ieri e oggi sulla pagina YT ? Da NC frequentante provo un' infinità pena per fratelli che invece di rispondere vanno a caccia delle identità altrui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah, ah!

      Al momento gli abbiamo procurato un successone (era a 54 visualizzazioni quando l'abbiamo pubblicizzato, ora sfiora le 900, più oltre 200 commenti). Dovrebbe ringraziarci, il fratello Daniele: può vantarsi di aver "scatenato un dibattito".
      E dovrebbe perfino ringraziarci per le lezioni tecniche su come migliorare l'impatto dei suoi video - anzitutto riconoscendo la verità anziché piagnucolare "buuh buuh ci calunniano ci diffamano".

      Riguardo le nostre identità, ti invito a sfogliare questo blog fino alle sue più vecchie pagine: quasi ovunque c'è qualche neocatekiko che esige di sapere chi siamo e cosa facciamo nella vita. Il club dei pasqualoni è letteralmente ossessionato dalle nostre identità, sia perché intendono fare stalking, sia per screditare le persone credendo così di aver azzerato anche i fatti, sia per dare i nostri nomi a improbabili avvocati per "denunce", e sia per chissà quali altri inconfessabili motivi.

      Quello che conta è solo la verità. Il Cammino la mistifica, la nasconde, la nega, e per soprammercato celebra carnevalate liturgiche ed esige continuamente soldi. Se uno ha veramente a cuore il Cammino, cercherà in ogni modo di correggerne gli errori, le eresie, gli strafalcioni liturgici, l'idolatria per gli autonominati iniziatori, l'ossessione per mammona, e tutto il resto.

      Elimina
    2. A quanto pare hanno scoperto come mi chiamo. Urca che paura! Aspetto le denunce...ps ma nel Cammino non era vietato?

      Elimina
    3. 30anni

      aleCT A quanto pare hanno scoperto come mi chiamo. Urca che paura! Aspetto le denunce...ps ma nel Cammino non era vietato?

      Certo che è vietato, infatti delle due l'una; o i ragazzi (penso che siano giovani) che hanno scritto quei commenti ignorano questo fatto e credono veramente che in questo blog si scrivano solo fake news (cosa che non escludo), oppure semplicemente si tratta di una classica mossa per impressionare la controparte sperando che diventi timorosa. Il problema (per questi autoproclamati guardiani del cammino) è che questa mossa ha successo solo se la controparte si lascia influenzare ma credo che questa non sia la situazione degli ex che scrivono su questo blog, nè di chi non è stato neanche ex (infatti aleCT li sta rintuzzando per bene).

      Anzi se riflettessero un attimo si accorgerebbero subito che ammesso anche che riescono a dare un nome ad un/una ex la cosa si ritorcerebbe subito contro perchè: 1) cade la foglia di fico dell'anonimato (reclamato per gli ex ma non per se stessi ...); 2) la persona in questione sarebbe ancora più libera e determinata (e motivata) a picchiare duro con le proprie esperienze negative nel cammino

      Elimina
  50. "Ti annuncio che è in arrivo una grande novità su un altro di voi e saltuariamente faremo un riepilogo dei vostri nomi e cognomi, così tutti sapranno chi sono i calunniatori."

    Non vedo l'ora, guarda..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara AleCT, "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa".
      Questi folli eretici mafiosi hanno la sindrome da scrutinio neocatecumenale nel sangue. Lasciali perdere, arriverà per loro il redde rationem, e sarà pianto e stridore di denti.
      Vivono nell'eresia, non sono cristiani, non sono cattolici, come il loro cattivo maestro e falso profeta Kiko, che non è mai stato cattolico in vita sua e si è sempre lasciato ispirare dal diavolo.
      Non vedi come ti deridono quando nomini il tabernacolo? O come attraverso giri di parole negano il Sacrificio della Messa?
      C'è qualcosa di preternaturale nel Cammino, e Dio, con il soffio della sua bocca lo distruggerà.
      Abbi pace nel Signore.

      Tomista ex NC

      Elimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.