sabato 15 maggio 2010

Mistificazione Neocatecumenale: "incontro vocazionale" di Fatima

Non si serve Dio con la menzogna. Quando si pretende di mentire per Dio in realtà lo si fa per se stessi: Dio non ha bisogno delle nostre menzogne per difendere e costruire la sua Chiesa. Questo vale ANCHE per tutti gli inganni del cammino NC messi in atto per autocelebrarsi, come con quest'ultima mistificazione, camuffando -come abbiamo visto nei thred precedenti- il LORO incontro vocazionale con Kiko, organizzato a Fatima il giorno dopo la partenza del Papa, per “Incontro Europeo Vocazionale della gioventù”; come se si trattasse di un incontro ufficiale GMG che in realtà sostituisce l'incontro con il Papa e rappresenta il solito 'megaraduno' con l'iniziatore, ormai istituzionalizzato ad ogni evento mediatico al quale partecipa il Santo Padre.

E i vescovi e la Curia stanno a guardare... E nessuno sembra accorgersi di questa, che non è altro che pubblicità ingannevole! Questo scrivevamo i giorni scorsi. Ma oggi, dopo aver assistito ieri pomeriggio in diretta alla kermesse vocazionale: ore di canti esaltanti, intervallate da brevi istrionici flash dell'iniziatore e, poi, nel fatidico momento delle 'alzate', non tanto inviti, quanto vere e proprie ingiunzioni, tipo "Animo! Adelante, vamos...vamos... Animo! vamos muchachos! Ola, vamos chica!"... possiamo dire di più. Nessuna meditazione, nessuna Adorazione, nessun ringraziamento a supportare decisioni così 'forti' come quella di scegliere la vita religiosa... solo i flash trascinanti e i richiami perentori dell'iniziatore e il martellare dei canti... che inducono ad una apertura emozionale e ad un ridotto stato di attenzione razionale, su cui viene innestato quello che è un incalzante, ripetuto, vero e proprio "comando ipnotico": "Vamos, adelante!"... tant'è che rispondono anche fanciulli intorno ai 10 anni... dov'è la maturità di coscienza che, unica, può guidare decisioni e scelte del genere, maturate piuttosto nell'intimo per effetto di un'esperienza di fede forte ed autentica, non indotta da un imbonitore dallo stile più circense che spirituale. Ma come si fa ad avallare un tale comportamento nella nostra Chiesa? Abbiamo ora la dimostrazione che i vescovi stanno sì a guardare ma nel senso che assistono e sono conniventi: registriamo la partecipazione del Vescovo di Oporto, il quale si è fermato più a lungo, mentre il Primate del Portogallo si è ritirato prima del termine. Essi peraltro non hanno partecipato alle prime ore del raduno e a tutto il martellamento che ottunde l'uso della ragione e della volontà, di cui sono stato fatti oggetto quei poveri giovani, che non sanno cosa li aspetta!

Da notare che quando essi sono sul palco (800! ha gridato trionfalmente Kiko per i ragazzi! E ci chiediamo chi e come possa aver fatto un simile calcolo nel volgere di pochissimi minuti), l'Arguello pronuncia -ieri come ogni volta- frasi come: "eh sì sono tanti, ma poi strada facendo ci penserà il demonio, magari per mezzo di una ragazza...". Già prefigurando che non tutte le 'alzate' corrispondano ad altrettante autentiche vocazioni. Possibile non ci si debba chiedere come potranno sentirsi alcuni di quei giovani che credono di aver risposto alla chiamata di Dio come sacerdoti e successivamente ne scopriranno la non corrispondenza con la loro autentica vocazione, ma vengono indotti a pensare che sono preda del demonio e non di uno svolgimento sconsiderato degli eventi? Naturalmente il numero eclatante, avrà già sortito l'effetto di poter essere sbandierato come "frutto delle spirito" davanti ai vescovi... Ma davvero i Pastori non sentono nessuna responsabilità nei confronti di queste anime e di queste menti -che non potranno non rimanere turbate e disturbate- in un contesto che rinforza concetti del genere; come del resto accade a tutte le coscienze violate durante il crudo svolgimento degli 'scrutini'?
Di seguito riportiamo quanto registrano i media nazionali: si tratta di Panorama. Notizia asettica nella sua essenzialità; ma riproduce esattamente la situazione, della quale abbiamo illustrato tante volte ed ampiamente i problematici risvolti. Viene confermato che uno dei loro appoggi più potenti è proprio nella Segreteria di Stato, che -non dimentichiamolo- filtra tutte le comunicazioni dirette al Santo Padre, com'è intuitivo e come recentemente letto su altri blog...
"...Moltissimi gli italiani, circa 40 mila, arrivati con mille pullman e tanti altri stranieri: sono le “armate del Papa” che lo accompagnano in ogni pellegrinaggio in tutte le parti del mondo. Appartengono al cammino neocatecumenale. A mobilitarli ci pensa il sostituto alla segreteria di Stato, monsignor Ferdinando Filoni, che segue tutti i viaggi del Papa e fa parte anche lui del cammino neocatecumenale. Non è difficile riconoscere i neocatecumenali che seguono Ratzinger: tamburelli, chitarre e bandiere con l’icona della Madonna dipinta dal fondatore, Kiko Arguello. Nonostante siano stati richiamati proprio da Ratzinger per l’eccessiva “creatività” con la quale interpretano le liturgie della Chiesa (ma non hanno ricevuto alcuna sanzione), puntuali si ritrovano a tutte le cerimonie del Papa. E domenica prossima, 16 maggio, saranno in piazza san Pietro per testimoniare la solidarietà dopo gli attacchi al pontefice sulla pedofilia. Un autentico tour de force per le armate del Papa...."
http://blog.panorama.it/italia/2010/05/13/il-tour-de-force-dei-neocatecumenali-le-armate-del-papa/
C'è un'altra osservazione da fare: la generalizzata focalizzazione sugli scandali della pedofilia - purtroppo fenomeno trasversale e generalizzato che tuttavia non riguarda solo al Chiesa se non in una minima percentuale, per quanto grave resti - rischia di distogliere l'attenzione dalla grande apostasia, della quale l'amoralità di ogni genere e a tutti i livelli è solo uno degli effetti.

Ovviamente l'apostasia ha molte facce, la più tremenda delle quali è la profanazione del vero culto a Dio, cioè lo scempio della Liturgia, che nel cammino NC purtroppo è ormai prassi ultraquarantennale, registrato persino dall'organo di stampa sopra citato. C'è legittimamente da chiedersi: armate del Papa o armate di Kiko Arguello?

96 commenti:

Emma ha detto...

Senza nessuna esitazione: armate di Kiko Arguello!

Francesco ha detto...

Decisamente si,cara Emma. Si tratta proprio di armate....di automi che ripetono un tristo copione.
La conferma di ciò nella solita scimmiottatura delle adunate oceaniche che richiama il Papa in occasioni del genere.

Emma ha detto...

A lui obbediscono, da lui sono suggestionati e manipolati.
Impressionante ieri vedere l`applauso di quei giovani che lo aspettavano, accoglievano il loro idolo,nessuna spiritualità in quella baraonda, disordine, eccitazione, che alcuni chiameranno entusiasmo coinvolgente, i soliti canti, le solite frasi,il solito discorso confuso di Carmen Hernandez, e poi il momento dell`alzata.

Non c`è bisogno di essere psicologi o psichiatri per analizzare ciò che stava succedendo su quel palco,mic, lo ha già fatto in modo pertinente e molto lucido,drammaticamente lucido.

Vedere quei giovani, il cui terreno è già lavorato a monte per subire l`impatto delle parole-ingiunzioni di Kiko Arguello, fa male al cuore e alla mente, sconcerta vedere in mezzo a quel disordine, a quella eccitazione, Arguello, ad un certo punto dire "adesso è il momento delle alzate", prendere un minuto per dire qualche parola nel silenzio e poi gridare:

"Vamos, animo chicos, vamos adelante, vamos!"

I suoi martellanti "vamos" accompagnavano la salita
dei giovani, fra i quali alcuni giovanissimi, vamos, vamos, animo,adelante, e poi grida: sono 800!
Arriva il turno delle chicas, per la clausura o l`evangelizzazione, vamos chicas, vamos chicas, animo, vamos, e lo scenario si ripete.

Ma ciò che forse è più difficile da accettare è che il vescovo di Porto,che ha visto tutto, ha posto le sue mani su quei giovani.
Ma forse è pure lui un vescovo neocatecumenale.
Da cattolica, esci da quella visione sconvolta domandandoti,ma come una cosa simile può succedere nella nostra Chiesa?

mic ha detto...

La conferma di ciò nella solita scimmiottatura delle adunate oceaniche che richiama il Papa in occasioni del genere.

è più che altro l'effetto delle sue indubbie capacità di trascinare le persone, nonché del clima di esaltazione emotiva indotto, creato dai canti e dal martellamento dei soliti slogan, che poi ti accorgi sono quasi sempre gli stessi... solo a Montorso Kiko riuscì a superare se stesso gridando: "cosa aspetti, che venga un cancro a tua madre?"

Lo definimmo terrorismo psicologico e tale obiettivamente penso che sia!

larus ha detto...

Scusate la precisazione... (tra il serio e il faceto)

Avete detto 800 (anche se io ho sentito 400, boh?) ragazzi, in realtà sono 1 in meno!
Uno di loro è rimasto incastrato tra gli altri che l'hanno trascinato sul palco. Poi, rimasto solo, piangeva perchè aveva paura che Kiko gli dicesse che era il demonio a scoraggiarlo. Era terrorizzato!
Ma era soltanto un bambino! (e non è la prima volta che succede).

Comunque, scherzi a parte...

Credo che i 'numeri' siano ben diversi dalle altre volte...
I CONTI NON TORNANO!

[P.S.: come mai il loro sito non è più attivo? forse un "bug" durante la correzione del titolo dell'incontro vocazionale?]


Buona domenica nel Signore a tutti, un abbraccio in Cristo.

Francesco ha detto...

E dire che i vescovi portoghesi ( anche quelli presenti sul palco di Kiko) appena un giorno prima erano stati avvertiti dal Papa sulla necessità che i movimenti si sottomettessero a loro...

mic ha detto...

Oggi, strana marcia indietro del Sole 24Ore che il 13 maggio aveva scritto un esaltante articolo sulla manifestazione del 16 maggio, ma soprattutto sui "movimenti"
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2010/05/raduno-movimenti-papa.shtml

....
La manifestazione di domani, poi, è messa in piedi dalla Cei, ma le ‘truppe' arriveranno dai movimenti, che sono molti e spesso in lotta tra di loro. Raztinger non li ama particolarmente, come noto, e anche tre giorni fa ha ribadito che devono sottostare alla volontà dei vescovi evitando derive indipendentiste. L'idea che con domani potessero riacquistare uno nuovo spazio di manovra difficilmente si realizzerà, anche se il successo fosse al di sopra delle aspettative.

a scrivere sono due giornalisti diversi; forse c'entra la loro diversa visuale...

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Italia/2010/05/raduno-movimenti-papa.shtml

mic ha detto...

... o, quanto all'articolo di oggi, c'entra il pregiudizio sul Papa conservatore; e comunque sappiamo che la notizia data in questi termini è falsata...

mic ha detto...

E dire che i vescovi portoghesi ( anche quelli presenti sul palco di Kiko) appena un giorno prima erano stati avvertiti dal Papa sulla necessità che i movimenti si sottomettessero a loro...

il fatto è, caro Francesco, che il Papa, se da una parte riconosce che nei movimenti ci sono problemi c'è bisogno di "purificazione" (termine suo) dall'altra tesse le lodi e li magnifica (lettera a Cordes, e stesso stile nel discorso in Portogallo)

Rimettere poi la questione ai vescovi, che sono quasi tutti modernisti, non credo che sia una concreta spinta verso la correzione

Ci vorrebbe un atto di governo che chiamasse gli errori col loro nome; del resto è quello che con garbo ma con chiarezza chiede nella sua "supplica" Mons Gherardini a proposito delle ambiguità del concilio... ma forse non potremo mai sperarlo e credo che i motivi non li sapremo mai, li sa solo il Signore!

mic ha detto...

Buona domenica e un abbraccio anche a te, Larus!

forse il flop in parte c'è stato... chissà?

Oggi si è riparlato di Fisichella e della nuova congregazione per l'evangelizzazione, ad esempio; ma quelli che a noi sembrano spiragli, forse alla fine si possono anche rivelare buchi nell'acqua, perché c'è una forza preponderante e prepotente che esercita tutto il potere di cui può disporre e non è poco... ed è bruttissimo dover parlare in questi termini quando ci sono di mezzo cose spirituali e la sorte di tante vite e di tante anime

Freedom ha detto...

Carissimi Fratelli dell'Osservatorio, scusate l'OT, domani 16 Maggio 2010 , ricorre la memoria liturgica di Santa Gemma Galgani: la famosa stigmatizzata lucchese, a questo proposito ho letto su Wikipedia che "alcuni sacerdoti non credevano all'autenticità delle stigmate di Gemma (senza citarne la fonte )" VERGOGNA!!! Le stigmate di Gemma sono state osservate da numerosi sacerdoti, descritte, disegnate. Solo un certo Dr. Pfanner sentenzio' che Gemma era isterica, perchè il fenomeno non si produsse in sua presenza, ma non si accertò mai o ebbe le prove che tali ferite fossero autoinferte, in quanto non seguì affatto il fenomeno e il comportamento della santa, al fine di accertarene senza ombra di dubbio, quindi con metodi che potremmo definire non- scientifici (Gemma ne era stata avvertita da Gesù medesimo in estasi) e così facendo procurò alla nostra carissima Gemma l’incomprensione di Monsignor Volpi, pare anche mal consigliato da un suo segretario, come è descritto molto bene dal libro di Antonio Calabrese "Santa gemma Galgani"( libreria editrice vaticana) in cui ci sono disegni e descrizioni dettagliatissime, senza contare che io ho visto con i miei occhi (autòs opsis) le bende insanguinate Di Santa Gemma. Ma bando alle polemiche, fratelli cari ,in barba alla "religione naturale" di Kiko Arguelo domani vado in pellegrinaggio a Lucca e pregherò per ciascuno di voi come spero voi mi ricorderete a Santa Gemma nelle vostre preghiere., Gemma , l'innocentissima Vegine di Lucca, casta lo fu sempre, come un angelo, senza pensare ai doni mistici spettacolari di cui il Signore Gesù la insignì. Le ferite d’amore- scrive San Giovanni della Croce- sono “tocchi amorosi e segreti che a guisa di saette feriscono e trapassano l’anima, lasciandola tutta cauterizzata di amoroso fuoco”. PREGHIERA
" Ti prego Santa Gemma di vegliare su ciascuno di questi fratelli e delle loro famiglie così da diventare , una presenza costante , familiare ,nelle loro vite. Proteggili da ogni insidia psicologica dell'uomo, e dalle insidie del demonio."
Arguello che derideva la devozione ai santi e la devozione popolare alla Madonna ( dicendo poi di esserne stato ispirato, pensate che coerenza razionale,) è solo un impostore , un falso profeta, non abbiate paura delle sue minacce e maledizioni. Considerate da ultimo che dei seri esorcisti hanno dichiarato che il Diavolo teme moltissimo Santa Gemma, perciò nel dubbio , affidatevi alla sua intercessione.
Un caro abbraccio in Cristo+
FREEDOM

Emma ha detto...

Grazie Larus per la precisazione, forse hai ragione tu, in quella eccitazione ho forse capito 800, invece di 400 e le chicas erano 350!
O mi sbaglio?
Altro dettaglio, che non ne è uno in realtà, sulla foto che accompagna questo post, manca la statua della Madonna di Fatima,posta su quel cubo che nella foto è vuoto, non so se è quella venerata dai fedeli, o un`altra simile, ma non sarei stupita se avessero ottenuto l`autorizzazione di spostare la statua.
In effetti,dopo aver visto il vescovo di Porto battere le mani ai canti di Kiko e obbediente alzarsi per porre le sue mani sulle teste di quei giovani e giovanissimi, di che cosa potrei stupirmi ancora?
Animo, vamos, adelante, vamos chikos, vamos chicas!
Vamos obispos!

jonathan ha detto...

Quello non è un incontro vocazionale, è una chiamata alle armi, efficace quanto può esserlo la pubblicità che ci convince a comperare un dentifricio piuttosto che un altro. La vocazione è un’altra cosa, e non ha proprio nulla a che vedere coi ‘vamos’. La voce di Dio è inconfondibile, non ha bisogno di imbonitori, Lui certamente sa come e quando e per cosa chiamarti a servirlo con la tua vita. Kiko vuol fare il profeta a tutti i costi,vuol fare il vice-dio, ma la sua non è certamente la voce di Dio. Chi lo lascia fare l’ha dimenticata quella Voce, non pensa più secondo il Cuore di Cristo e dichiara con la propria condotta di preferire questo incantatore di coscienze al Vangelo. Eccolo il peccato ‘terrificante’ che infanga la Chiesa, è questo agire nel nome di Dio, ma senza Dio. Senza Dio. E mi vado convincendo sempre più che contro questo peccato non serve un’azione di governo decisa e severa come in tanti vorrebbero. Credo che il Papa lo stia portando su di sé questo peccato di altri, come Gesù …

mic ha detto...

E mi vado convincendo sempre più che contro questo peccato non serve un’azione di governo decisa e severa come in tanti vorrebbero. Credo che il Papa lo stia portando su di sé questo peccato di altri, come Gesù …

Grazie cara Jonathan per il tuo delicato e profondo e centrato intervento.

Quanto alla cunclusione, se da un lato è terribile perchè conferma la gravità della situazione, dall'altro mi conforta, perché dà senso all'agire (o al non agire) del Papa!

Devono esserci tante cose che non possiamo sapere, e allora dobbiamo continuare ad avere fiducia, a sperare nel Signore, a pregare, a custodire e diffondere come possiamo la nostra fede...

mic ha detto...

Approfitto per ringraziare Freedom e augurargli buon lavoro, dopo la sosta ristoratrice del pellegrinaggio a Lucca!

Emma ha detto...

Ringrazio anch`io jonathan che vola sempre in alto con le sue riflessioni, che ci aiuta ad andare al dilà dello sconforto che in molti sentiamo, non che lo sconforto sparisca, ma, talvolta, adottare un`altra prospettiva per osservare e vivere una stessa situazione, può aiutare, anzi aiuta sicuramente.

mic ha detto...

Ringrazio anch`io jonathan che vola sempre in alto con le sue riflessioni, che ci aiuta ad andare al dilà dello sconforto che in molti sentiamo, non che lo sconforto sparisca, ma, talvolta, adottare un`altra prospettiva per osservare e vivere una stessa situazione, può aiutare, anzi aiuta sicuramente.

mi fai venire in mente, cara Emma, che il Signore manda sempre i discepoli "due a due":

1. innanzitutto perché se due (o più) sono uniti nel suo Nome, Lui è in mezzo a loro...

2. ed è intuitivo che è più facile raggiungere una visione corretta delle cose partendo o guardando da due (o più) punti di vista diversi, ma complementari, che si possono integrare e, se del caso, anche correggere a vicenda

Psyco ha detto...

"il fatto è, caro Francesco, che il Papa, se da una parte riconosce che nei movimenti ci sono problemi c'è bisogno di "purificazione" (termine suo) dall'altra tesse le lodi e li magnifica (lettera a Cordes, e stesso stile nel discorso in Portogallo)"

caro Mic,

non ho dubbi che ne sei consapevole, ma sarebbe bene ricordare che quando il Papa parla dei problemi dei movimenti, si riferisce soprattutto al cammino nc: la parola "purificazione", se non ricordo male, l'ha usata proprio citandolo espressamente nella lettera a Cordes

Alcune problematiche sono sempre presenti nelle attività umane, e quindi in ogni movimento si può trovare qualcosa da dover correggere, ma il cammino non è un movimento come gli altri, avendo addirittura creato gerarchie, strutture, funzioni, ruoli, metodi, addirittura una ritualità; cose che altri non si sono sognati di fare ed è proprio questo che lo rende un "unicum", come tu stesso hai detto tante volte...

e allora sottolineiamolo, per non fare di ogni erba un fascio col risultato di "diluire" le responsabilità e il peso che questa situazione comporta nei confronti sia dei camminanti e soprattutto dei loro iniziatori, che di chi dovrebbe guidarli e correggerli e non lo fa

Mel ha detto...

Sono stupito dalle parole pronunciate in questo blog. Complimenti al titolo, la parola "Verità" la dice lunga sulla "sottomissione" al Papa. Nella Chiesa, quella istituita da Cristo, l'unica "Verità" è Cristo, le altre sono verità ed appartengono all'uomo. Le verità dei farisei volevano uccidere Cristo, le verità dei sacerdoti hanno ucciso Cristo, sulla croce. Non credete che la verità brandita con la V maiuscola possa uccidere ciò che Cristo ha suscitato nella Chiesa. Quanti seminaristi sono nei seminari diocesani, quanti di quelli iscritti al blog, hanno provato l'esperienza della chiamata vocazionale "matrimonio" o "sacerdozio", quanti di voi hanno sperimentato nella propria vita la resurrezione di Cristo. Vi assicuro che quei 400 o 800, da 10 a 99 anni, si sono incontrati con Cristo e danno la loro vita nelle mani dei vescovi, che li benedicono e poi saranno VAGLIATI nella vocazione. Non si diventa sacerdoti per scelta ma per vocazione (NON LO SAPEVATE!!!). Dice la Verità (CRISTO): Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi!. Meditate gente. I peccati conto lo Spirito Santo sono molto gravi.... restate umili e leggete il discorso di Gamaniele: "Ora perciò io vi dico: non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questo piano o quest'opera fosse di origine umana, verrebbe distrutta; ma, se viene da Dio, non riuscirete a distruggerli. Non vi accada di trovarvi addirittura a combattere contro Dio!" Autore del blog che sai la Verità pubblicami!!!

Mel ha detto...

Sono stupito dalle parole pronunciate in questo blog. Complimenti al titolo, la parola "Verità" la dice lunga sulla "sottomissione" al Papa. Nella Chiesa, quella istituita da Cristo, l'unica "Verità" è Cristo, le altre sono verità ed appartengono all'uomo. Le verità dei farisei volevano uccidere Cristo, le verità dei sommi sacerdoti hanno ucciso Cristo, sulla croce. Non credete che la verità brandita con la V maiuscola possa uccidere ciò che Cristo ha suscitato nella Chiesa. Quanti seminaristi sono nei seminari diocesani, quanti di quelli iscritti al blog, hanno provato l'esperienza della chiamata vocazionale "matrimonio" o "sacerdozio", quanti di voi hanno sperimentato nella propria vita la resurrezione di Cristo. Vi assicuro che quei 400 o 800, da 10 a 99 anni, si sono incontrati con Cristo e danno la loro vita nelle mani dei vescovi, che li benedicono e poi saranno VAGLIATI nella vocazione. Non si diventa sacerdoti per scelta ma per vocazione (NON LO SAPEVATE!!!). Dice la Verità (CRISTO): Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi!. Meditate gente. I peccati contro lo Spirito Santo sono molto gravi.... restate umili e leggete il discorso di Gamaniele: "Ora perciò io vi dico: non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questo piano o quest'opera fosse di origine umana, verrebbe distrutta; ma, se viene da Dio, non riuscirete a distruggerli. Non vi accada di trovarvi addirittura a combattere contro Dio!" Autore del blog che sai la Verità pubblicami!!!

mic ha detto...

Mel,

a me invece non stupisce il tuo messaggio che brandisce come armi di reprimenda Cristo e lo Spirito Santo

E' vero che la Verità è Cristo, cioè il Signore Gesù; ma tu lo sai cos'è la Verità?

non è la prima volta che ci viene detto che non saremmo "sottomessi" al Papa o addirittura che staremmo lottando contro Dio ... ma chi sei tu, per parlare a nome di Dio a persone che conoscono quello che succede davvero e non puoi incantare né con minacce di questo genere né col tuo tono apocalittico, perché nell'Apocalisse ci siamo già dentro e io non so a quale chiesa tu appartenga.

Di sicuro non alla mia, che non è quella di Kiko

mic ha detto...

Ora perciò io vi dico: non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questo piano o quest'opera fosse di origine umana, verrebbe distrutta; ma, se viene da Dio, non riuscirete a distruggerli. Non vi accada di trovarvi addirittura a combattere contro Dio!

a noi non è dato occuparci di nulla e di nessuno né di distruggere qualunque cosa sia, anche se deleteria come il cammino.

a noi è stato dato smascherare una realtà che mistifica coarta e deforma le anime e informare su questo... il resto è nelle mani di chi ha responsabilità su queste cose e, alla fine è nelle mani di Dio, non nelle nostre

mic ha detto...

...e informare serve a mettere in guardia non a distruggere e anche a difendere la Tradizione Apostolica, portatrice del Signore Risorto... se non sapessi CHI E' e non lo 'conoscessi' almeno per accogliere il Suo perdono e la Sua Salvezza e la Sua Vita, non mi permetterei di parlarne

zufolo ha detto...

Mi sembra che delle parole che l'attuale Papa ha speso sul Cammino quelle con cui dovreste prima o poi avere il coraggio di confrontarvi sono quelle, molto chiaro, che descrivono il Cammino come un dono dello Spirito Santo. Tutto il resto, mi sembra, le correzioni e gli incoraggiamenti, per quanto importanti sono subordinati a questa intuizione di Benedetto XVI, dei Papi precedenti, e di molti nella Santa Sede.

Non mi sembra che voi -- con la lodevole eccezione del buon Cruccas, che e' convinto che il CNC sia prodotto del demonio e che il Papa si sia reso responsabile di un grave errore -- abbiate preso una posizione chiara a riguardo. Se avete una posizione chiara al riguardo, mi piacerebbe sentirla. Se non l'avete, forse sarebbe prudente fare come suggerisce l'amico Mel e guardare alla parole del buon Gamaliele...

Con tutto il rispetto per la liturgia, secondo me questo e' il punto cruciale, a cui tutto il resto e' subordinato: altrimenti e' un po' come dibattere sulle prescrizioni del Levitico dimenticando il passaggio del Mar Rosso...

Z

zufolo ha detto...

Mi sembra che delle parole che l'attuale Papa ha speso sul Cammino quelle con cui dovreste prima o poi avere il coraggio di confrontarvi sono quelle, molto chiaro, che descrivono il Cammino come un dono dello Spirito Santo. Tutto il resto, mi sembra, le correzioni e gli incoraggiamenti, per quanto importanti sono subordinati a questa intuizione di Benedetto XVI, dei Papi precedenti, e di molti nella Santa Sede.

Non mi sembra che voi -- con la lodevole eccezione del buon Cruccas, che e' convinto che il CNC sia prodotto del demonio e che il Papa si sia reso responsabile di un grave errore -- abbiate preso una posizione chiara a riguardo. Se avete una posizione chiara al riguardo, mi piacerebbe sentirla. Se non l'avete, forse sarebbe prudente fare come suggerisce l'amico Mel e guardare alla parole del buon Gamaliele...

Con tutto il rispetto per la liturgia, secondo me questo e' il punto cruciale, a cui tutto il resto e' subordinato: altrimenti e' un po' come dibattere sulle prescrizioni del Levitico dimenticando il passaggio del Mar Rosso...

Z

mic ha detto...

Nella Chiesa, quella istituita da Cristo, l'unica "Verità" è Cristo, le altre sono verità ed appartengono all'uomo.

Se nella Chiesa, quelle istituita da Cristo e non quella rifondata da Kiko, la Verità è il Signore, non ci sono verità che appartengono all'uomo, ma c'è una maggiore o minore 'conoscenza' del Signore legata al cammino di fede radicato in Lui operata dalla Grazia Santificante ricevuta da Lui, "dal quale noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia"...

Le verità dei farisei volevano uccidere Cristo, le verità dei sacerdoti hanno ucciso Cristo, sulla croce.

noi non possediamo verità relative da 'imporre' (non puoi paragonarci né ai farisei né al Sinedrio, che non hanno imposto le loro verità, ma non hanno riconosciuto la Verità, cioè il Signore e lo hanno rifiutato. Non c'è più un "altro" Signore da riconoscere, ci basta Lui!)

noi 'mostriamo' quel che conosciamo del cammino e della Chiesa, fondati su Scrittura, Magistero e Tradizione, che il Cammino ha abolito come in ogni confessione protestante che si rispetti, e lo mostriamo da 'proporre' perché chiunque passi di qua, possa liberamente vagliare e, nella sua libertà che è dono di Dio, decidere da che parte stare, o meglio, dalla parte di CHI stare: dalla parte del Messianismo Kikarmeniano o dalla parte di Cristo Gesù.

gianluca cruccas ha detto...

Benedetto XVI: il mondo attende Cristo, anche senza saperlo

Lancia a tutta la Chiesa un invito solenne alla missione “ad gentes”
http://zenit.org/article-22474?l=italian

....Incontro vocazionale

Al termine della Messa, Papa Benedetto XVI ha benedetto la prima pietra del seminario Redemptoris Mater Santa Teresa del Bambin Gesù di Porto. In questo tipo di seminario, diocesano, missionario e internazionale, si formeranno i giovani del Cammino Neocatecumenale.

Migliaia di giovani di questa realtà ecclesiale si sono recati in pellegrinaggio a Fatima in questi giorni per assistere all'incontro con il Papa. Secondo quanto ha reso noto a ZENIT l'ufficio stampa del Cammino Neocatecumenale in Spagna, sono circa 20.000 ragazzi di tutta Europa.

Prima di tornare nei propri Paesi d'origine, i giovani hanno avuto un incontro vocazionale con gli iniziatori del Cammino, Kiko Argüello, Carmen Hernández e Mario Pezzi, nel Santuario di Fatima. L'incontro è stato presieduto dal Cardinale José Policarpo, Patriarca di Lisbona....

Stralcio della terza letera mandata al Papa da me e Annarita...

Qual’ è dunque lo scandalo maggiore? Forse quello che Kiko Arguello e tutta la sua cerchia vanno dicendo e facendo? Assolutamente no, perché quello che predicano questi personaggi è già stato condannato solennemente dalla Chiesa Cattolica fin dai suoi inizi sino al 1957, dopodiché è arrivato il “Concilio Vaticano II” che ha aperto le porte “al fumo di satana” (parole di Paolo VI).
In verità il più grande scandalo è il comportamento della Gerarchia della Chiesa Cattolica a partire dal Concilio Vaticano II sino ad oggi: prima di tutto TACENDO di fronte alle storture (commettendo un evidente peccato di OMISSIONE), poi ACCETTANDO ingentissime somme di denaro, (il gravissimo peccato di SIMONIA!) che di fatto ha tappato a Parroci, Vescovi e Cardinali la bocca ed infine abbracciando personalmente e predicando tutte queste eresie, cosa che conferma il fatto che LA GRANDE APOSTASIA da Dio è da tempo in atto, in primis dentro la Chiesa Cattolica.
Non è forse già annunciato nella Parola di Dio?
“Noi vi preghiamo, o fratelli, per la venuta del Signor nostro Gesù Cristo, e per l'adunamento nostro con lui, che non vi lasciate sì presto smuovere dai vostri sentimenti, né atterrire, o dallo spirito, o da ragionamento, o da lettera come scritta da noi, quasi imminente sia il dì del Signore. Nessuno vi seduca in alcun modo; imperocchè (ciò non sarà) se prima non sia seguita l'apostasia e non sia manifestato l'uomo del peccato, il figliuolo di perdizione.” (Tessalonicesi 2)

gianluca cruccas ha detto...

Ed ecco cosa dice il rettore di questa spelonca...

Traduzione da Spagnolo verso Italiano

Benedetto XVI benedice la prima pietra del nuovo Seminario Redemptoris Mater, Santa Teresa di Lisieux, che presiederà la Messa a Oporto il 14 maggio durante la sua visita pastorale in Portogallo. Padre Daniel Saturio, rettore del nuovo centro, ha spiegato le peculiarità dei seminari Neocatecumenale e 'stato riferito che una bandiera per la prima volta adattato esistenti verrà installato nelle camere da letto e la cucina, a seguito della costruzione della chiesa , la cappella e la biblioteca.

1910/05/09 | 24:36 Stampa | Invia


(Camineo / InfoCatólica) sarà il secondo Seminario Redemptoris Mater in Portogallo, dopo Nostra Signora di Fatima, nella diocesi di Lisbona. Il nuovo centro, con una capacità di 40 studenti, sarà nei locali del Seminario del Buon Pastore in Ermesinde, appartenente alla diocesi di Porto.

Seminari Redemptoris Mater i seminari differiscono da appartenenti alla diocesi in virtù di essere internazionale e missionaria. I sacerdoti sono addestrati a servire il vescovo locale, e c'è anche la possibilità di essere inviato ad altre parti della Chiesa universale, come è il caso del rettore: "Io sono brasiliano, formatosi in Croazia, e ora sono in Portogallo."

La benedizione verrà effettuata dopo la Comunione, nel momento immediatamente precedente i riti di conclusione dell'Eucaristia, il cui lancio è previsto per le 10,15 ora il 14 maggio.

La prima fase del progetto passa attraverso l'adeguamento del padiglione esistente, che verrà installato nelle camere da letto e sale la cucina, dopo la costruzione della church, la cappella e la biblioteca, tra le varie caratteristiche di altre. I nove seminaristi che frequentano per due anni il corso di teologia presso l'Università Cattolica di vivere in case-famiglia costruita a Port Neocatecumenale.

"Abbiamo bisogno di passare a una casa nostra 'Agenzia Ecclesia ha detto il nuovo rettore del seminario, padre Daniel Saturio, aggiungendo che vorrebbe inaugurare l'impianto" il più presto possibile ", ma non sa ancora quando iniziano a lavorare o che se ne intende lasciare i due milioni stimati per il progetto.

Ma la fiducia in un intervento divino "dipendono dalla provvidenza di Dio", ammette. "Se Dio eleverà un benefattore che ci avrebbe dato qualche aiuto, sarebbe molto buona. Non credo che l'apertura immediata per il "Padre Daniel Suturi riconosce che, nonostante questa disposizione continua a credere che" Dio può fare miracoli. "

Seminari Redemptoris Mater i seminari differiscono da appartenenti alla diocesi in virtù di essere internazionale e missionaria. I sacerdoti sono addestrati a servire il vescovo locale, e c'è anche la possibilità di essere inviato ad altre parti della Chiesa universale, come è il caso del rettore: "Io sono brasiliano, formatosi nel Croazia e ora sono in Portogallo."

Padre Daniel Saturio riconosce la benedizione della prima pietra da Benedetto XVI è un gesto "molto significativo" perché aiuta a rafforzare l'idea che il Cammino Neocatecumenale è completamente integrato nella Chiesa. "Per ignoranza sono spesso considerati come un" culto "e le persone pensano che siamo fuori della Chiesa, che è assurdo. Siamo in comunione con il Papa e del Vescovo ', disse il prete.

Il primo Seminario Redemptoris Mater in Portogallo, quella di Nostra Signora di Fatima, è stato costruito nel Caneças, nella diocesi di Lisbona, che continuerà questo Ermesinde, a 9 km da Porto

Ecco a cosa porta un gesto del genere...
Padre Daniel Saturio riconosce la benedizione della prima pietra da Benedetto XVI è un gesto "molto significativo" perché aiuta a rafforzare l'idea che il Cammino Neocatecumenale è completamente integrato nella Chiesa....

sconcertante

gianluca cruccas ha detto...

questo e il link dell'intervista del rettore CN

http://www.facebook.com/topic.php?uid=219465850032&topic=12957#!/topic.php?uid=219465850032&topic=12958

gianluca cruccas ha detto...

Disse Pio VIII
«Siamo perciò indotti a deplorare, gemendo, che la licenza dei giovani sia giunta al punto di rimuovere il timore della Religione, di rifiutar la disciplina dei costumi, di opporsi alla santità della più pura dottrina, di calpestare i diritti del potere religioso e civile, di non vergognarsi più di alcun delitto, di alcun errore, di alcuna audacia, per cui possiamo dire di essi, con Leone Magno: "La loro legge è la menzogna, il demonio la loro religione, la turpitudine il loro culto" . Allontanate tutti questi mali dalle vostre Diocesi, o Fratelli, e, per quanto vale la vostra autorità e il vostro ascendente, fate in modo che siano incaricati della educazione dei giovani uomini eminenti non solo per la loro cultura letteraria, ma soprattutto per purezza di vita e di pietà.
In tal senso vigilate con la più assidua sollecitudine nei seminari sui quali a voi in modo particolare è stata affidata la sorveglianza dai Padri del Concilio Tridentino . Dai seminari infatti devono provenire coloro che, compiutamente educati alla disciplina cristiana ed ecclesiastica, e ai princìpi della più sana dottrina, dimostreranno tale devozione nell’adempimento del loro divino ministero, tale dottrina nella educazione del popolo, tale severità di costumi che il ministero a loro affidato sarà apprezzato anche dai profani, ed essi potranno, con virtuose parole, rimproverare coloro che si allontanano dal sentiero della giustizia. Noi chiediamo alla vostra sollecitudine, per il bene della Chiesa, di dedicare tutto il vostro zelo nella scelta di coloro ai quali dovrà essere affidata la cura delle anime, in quanto dalla oculata scelta dei parroci deriva soprattutto la salute del popolo, e nulla contribuisce di più alla rovina delle anime quanto essere guidati da coloro che cercano il proprio bene e non quello di Gesù Cristo, o da coloro che, scarsamente imbevuti di vero sapere, si fanno volgere in giro da ogni vento e non sanno condurre il loro gregge ai salutari pascoli che non conoscono o che disprezzano» (Enc. Traditi humilitati nostrae)

qUESTO ORAMAI NON SI FA' DA MOLTISSIMO TEMPO MA SI ACCETTA DI TUTTO E DI PIU' E I SEMINARI DELLA SETTA CN SSONO LA PUNTA DELL'ICEBERG...

"Guarda, figlia Mia, il Mio cuore circondato da spine che gli uomini ingrati feriscono in ogni momento con le loro bestemmie e la loro ingratitudine. Di' a tutti che, se per cinque mesi, il primo Sabato si confessano, ricevono la Santa Comunione, recitano il Rosario e saranno in Mia compagnia per 15 minuti meditando sui quindici misteri del Rosario, in spirito di riparazione, Io prometto che li assisterò nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie per la salvezza della loro anima" (La Madonna a Suor Lucia dos Santos)

Santissima Trinità, Padre, Figlio, e Spirito Santo, Vi offro il preziosissimo Corpo, Sangue e Divinità di Gesù Cristo, presenti in tutti i Tabernacoli del mondo, in riparazione ai sacrilegi, oltraggi e indifferenza che offendono Lui Stesso. E per mezzo degli infiniti meriti del Suo Sacro Cuore e dell'Immacolato Cuore di Maria, Ti chiedo la conversione dei poveri peccatori.

Freedom ha detto...

Per Mel ( 1 )
NoN SI PUO' TACERE DI FRONTE ALLE ASSURDITA' CHE DICI. l'UNICA SCUSANTE CHE HAI E' CHE FORSE CI CREDI. mA che PER CASO , LO VUOI VENIRE A RACCONTARE A ME COSA E' IL CAMMINO NEOCATECUMENALE? IO, COME ALTRI CHE COLLABORANO A QUESTO BLOG, CON POCHE ECCEZIONI ,SIAMO FUORIUSCITI DA QUEL gRUPPO DI ERETICI.
" Nella Chiesa, quella istituita da Cristo, l'unica "Verità" è Cristo" Ti ctraddici caro fratello, nel CN l'unica verità è Kiko non Cristo. I CN sono andati a sostenere il papa? Forse gli ignari fantaccini, di questo gruppo gnostico settario elitario,
MA NON KIKO ARGUELLO CHE CON ARROGANZA SI E' COMUNICATO CON IL PAPA A BRACCIA CONSERTE!!!
" Non si diventa sacerdoti per scelta ma per vocazione (NON LO SAPEVATE!!!). " mA COME TU VIENI AD ILLUMINARCI SU QUESTO PARTICOLARE VERO ED IMPORTANTE E TI DIMENTICHI DELLE PRESSIONI CUI SONO SOTTOPOSTI GLI APPARTENENTI AL CN: OLTRE UNA CERTA ETA' O SPOSATI O PRETI E MONACHE? E QUESTA SAREBBE UNA SCELTA VOCAZIONALE : CASO MAI E' INDOTTRINAMENTO CHE POCO LASCIA AL VERO LIBERO ARBITRIO!!!
qUANTO ALLA MALCITATA FRASE DI CUI TI RIEMPI LA BOCCA: "Se infatti questo piano o quest'opera fosse di origine umana, verrebbe distrutta; ma, se viene da Dio, non riuscirete a distruggerli."E' ANCORA DA VERIFICARE. i TEMPI DI DIO NON SONO I NOSTRI TEMPI. Inoltre lo stesso Gesù Cristo ha predetto che molti falsi profeti si sarebbero presentati in suo nome.
"Essi sono ladri e briganti" ha detto . Solo Cristo che è la verità entra dalla porta principale
NON SI ARRAMPICA PER 40 ANNI deridendo i santi per la cui devozione viene inventato il termine di "religiosità naturale" e la devozione alla Madonna, per poi fare del "mimetismo religioso"
Noi poveri, piccoli fedeli, combatteremmo contro Dio e lo spirito santo? La vostra arroganza non ha limiti. Ciò che viene insegnato ai novelli nc sulla predestinazione è PURO GIANSENISMO, se siete di Cristo perchè usare una tavola , al posto dellì'altare, perchè mettere a capo di codesta tavola il candelabro a 9 braccia della hanukkià , che è una festa che ricorda Antioco IV Epifane e la ricostruzione del tempio di Gerusalemme. Perche' nei seminari redemptoris mater vi sono tabernacoli a 2 piani, uno per le sacre specie ed uno per la Bibbia.

Freedom ha detto...

Per Mel( 2)
Perchè viene chiesta la decima sullo stipendio e perchè a proposito di matrimonio " viene detto di sposare le figlie d'Israele? Perchè le confessini durante gli scrutinii sono pubbliche? Perchè dei laici si permettono di "vagliare" addirittura dei sacerdoti ,per giudicare se possono diventare buoni cristiani, cioè passare al catecumenato, come è documentato dalle catechesi di Kiko finora non pubblicate? Quali carismi avrebbero i catechisti per discernere gli spiriti? Che dire dell'urlo di dolore proveniente da testimonianze firmate facilmente reperibili su Internet e nei libri di Padre Zoffoli, di chi ha avuto la propria vita rovinata dal Cn?
E infine cos'è quel guazzabuglio di catechesi frammiste di ebraismi ed altre eresie di varia natura con cui il vostro falso pofeta vi ha indottrinato? A proposito non mi risulta che nè Kiko Arguello , nè Karmen Hernandez, nè Gennarini siano preti, monache o sposati. La regola imposta da Kiko vale solo per i suoi ignari soldatini di piombo? Perchè Kiko non è prete o padre di dodici figli? Perchè Karmen Hernandez non è addirittura più una religiosa, rimane solo Don Mario Pezzi da anni usato come fantoccio di pglia per dare al movimento una sorta di credibilità.

Emma ha detto...

"Vi assicuro che quei 400 o 800, da 10 a 99 anni, si sono incontrati con Cristo e danno la loro vita nelle mani dei vescovi, che li benedicono e poi saranno VAGLIATI nella vocazione."

Solo chi è precondizionato, "a monte", può affermare una cosa del genere!
Chi ha una mente libera da quel genere di condizionamenti, chi ha occhi per vedere ed una mente libera, non ha bisogno di competenze particolari per qualificare ciò che ha visto venerdì a Fatima.
Quelle persone hanno risposto=obbedito alla convocazione di Kiko Arguello, son andati a Fatima per incontrare e ascoltare Kiko Arguello, nelle mani del quale mettono la loro vita.
I martellanti "vamos" di Kiko Arguello sono arrivati dopo la solita messa in scena che non può lasciare indifferente chi è cattolico, chi dispone anche solo di un pò di buon senso.
Su quel palco c`era Kiko Arguello, protagonista e centro del suo solito "rituale", e c`erano gli altri, spettatori obbedienti e passivi, fra questi, purtroppo, anche il vescovo di Porto.
Quei giovani, anche bambini, che sono saliti su quel palco, non hanno risposto alla voce di Dio, hanno risposto alla voce martellante di Kiko Arguello e alle sue ingiunzioni .
Sull`obbedienza dei seminaristi e dei presbiteri ai vescovi, abbiamo sovente discusso, sappiamo oramai a chi obbediscono seminaristi e presbiteri, sappiamo che obbedicono al vescovo unicamente se costui è favorevole al cammino nc.
Dopo aver visto il vescovo di Porto su quel palco, son sicura che con lui non ci saranno problemi!

Freedom ha detto...

Per Mel (3)
Vogliamo parlare della musica dei cantori: dei Baal tefillah anch'essi copiati dall'ebraismo come illustra bene il libro consigliato dal CN di Joshua Heschel ( maestri di preghiera). Vogliamo infine parlare di voi che ( ora ) difendete il Papa e la chiesa, che avete con spirito settario per anni
deriso i "cristiani della domenica" distinguendoli da voi ,i "veri cristiani"? Caro Mel ,mi auguro che tu sia solo il frutto dell'indottrinamento di Arguello, se vuoi un elenco delle eresie contenute nel CN ne puoi trovare abbondante documentazione chiedendo a Mik, io non sono capace a mettere i link, ma sono sicuro che non li leggerai tronfio dell'approvazione dei vostri statuti che altro non sono che involucri vuoti perchè privi del direttorio catechetico , i famosi "orientamenti alle equipes dei catechisti" contenuti nei mamotreti.
Siamo noi che combattiamo contro Dio? O voi, siete , parlo soprattutto dei capi, delle forze anticristiche, da smascherare e portare alla luce , e alla vista di tutti? Perchè solo in Cristo c'è La Via , la Verità e la Vita, non in Kiko Arguello. I vostri successi sono dovuti solo alla vostra enorme potenza economica, con cui, nel tempo avvete corrotto vescovi , una parte della decima è destinata a loro.

FREEDOM

a.rita ha detto...

MERAVIGLIOSO FREEDOM!!

Free, sei una forza della natura!
Bravo! "Non c'è nulla di nascosto che non debba essere manifestato, nè di segreto che non sarà portato alla luce.
...E quello che dicono nel segreto delle loro stanze, GRIDATELO SUI TETTI!"

gianluca cruccas ha detto...

il cardinale George Pell, arcivescovo di Sidney NUOVO Prefetto della Congregazione dei vescovi, NOMINATO DAL PAPA E FILO NEOCATECUMENALE CONCLAMATO

...Il Card. George Pell, Arcivescovo di Sydney, ha posto la prima pietra del nuovo Seminario “Redemptoris Mater” che sarà costruito dal Cammino Neocatecumenale sulle colline di Chester Hill, nell’Arcidiocesi di Sydney.
La solenne cerimonia si è svolta domenica scorsa , 29 giugno, con la partecipazione di numerosi sacerdoti e laici, in prevalenza del Cammino Neocatecumenale. “Il Cammino è una grande famiglia religiosa all’interno della Chiesa, guidata dalla Provvidenza, che dà grande risalto alla comunità e al sacerdozio”, ha detto il Cardinale.
La prima pietra del Seminario ha un alto valore simbolico anche per la sua provenienza: è un pietra presa dalla Grotta dell’Annunciazione a Nazareth, donata dai Francescani della Custodia di Terra Santa. E’ stata poi portata in Vaticano e benedetta dal Santo Padre Benedetto XVI, infine è giunta nell’Arcidiocesi di Sydeny.
Attualmente i seminaristi del Cammino Neocatecumenale si trovano in una casa dei religiosi Maristi a Pagewood. Ve ne sono 18 australiani e 11 da altre nazioni del mondo. Esiste in Australia già un altro Seminario “Redemptoris Mater” a Perth, aperto nel 1994, che ha formato finora 25 preti: la metà di loro svolge servizio pastorale a Perth, l’altra metà in altre città australiane. Il Seminario di Sydney dovrebbe essere completato per la fine del 2009.
Il Cammino Neocatecumenale è diffuso in Australia in circa 20 parrocchie di diverse città come Perth, Sydney, Canberrra, Paramatta, Wollogong.

Caterina63 ha detto...

^__^

è quell'unire

l'UTILE (la visita del Papa a Fatima)
al DILETTEVOLE (la parata kikiana)

il primo è utile, indispensabile...
il secondo poichè è dilettevole non è del tutto utile...

^__^

mic ha detto...

il secondo poichè è dilettevole non è del tutto utile...

oltre al rovesciamento dall'utile al dilettevole, c'è il problema che il dilettevole è considerato non utile, ma "indispensabile"!

mic ha detto...

Il Cammino è una grande famiglia religiosa all’interno della Chiesa, guidata dalla Provvidenza, che dà grande risalto alla comunità e al sacerdozio”

noto che il cardinale è bene informato sulla identità del cammino: non è un movimento, ma una "famiglia religiosa" (se fosse così dovrebbe avere una Regola e non uno Statuto)

ed è vero che dà risalto al sacerdozio, ma nell'accezione tutta protestante del prevalere del sacerdozio battesimale dei fedeli su quello ordinato dei sacerdoti sempre più diluito e mortificato: riprova che i catechisti totipotenti sono le vere guide nel cammino e perfino dei sacerdoti

ricordate la predicazione di Shoenborn a Porto S. Giorgio che stravolgeva la Lumen Gentium dando una sua interpretazione personale al fatto che il sacerdozio ordinario dei fedeli e quello ministerale dei sacerdoti differiscono non solo di grado ma anche di essenza: la sua traduzione di comodo arrivava ad eliminare la distinzione per essenza

mic ha detto...

certo che per come la vediamo oggi, la questione si fa davvero buia!
Ma il Signore ci pensa e ci penserà

gianluca cruccas ha detto...

qUALCUNO RIESCE A TRADURLO?... IO LOCOMPRENDO MA NON SO VOI

http://segnideitempi.blogspot.com/2010/04/piu-di-100-vescovi-riuniti-alla-domus.html

Più di 100 vescovi riuniti alla Domus Galilaeae per un incontro promosso dal Cammino Neocatecumenale inviano una lettera di appoggio al Santo Padre

(LA RAZÓN) – Los ciudadanos de Malta ofrecieron ayer una calurosa acogida, con cantos e himnos, al Papa Benedicto XVI, a su llegada al país para conmemorar el 1.950 aniversario del naufragio de San Pablo en la isla mediterránea. Pero los malteses no han sido los únicos en arropar al Pontífice en estos días, ya que varios cardenales y 123 obispos de América Latina, Francia, Bélgica y Suiza le han expresado su fidelidad. «Deseamos manifestar nuestra comunión y nuestro afecto al Sucesor de Pedro y Vicario de Cristo», han declarado los obispos, justo en el lugar donde Jesucristo resucitado preguntó tres veces al apóstol Pedro si le amaba y le encomendó apacentar sus ovejas.

Reunidos en una convivencia promovida por el Camino Neocatecumenal en la Domus Galilae, sobre el Monte de las Bienaventuranzas, los participantes han escrito y enviado una carta de afecto a Benedicto XVI en la que muestran su adhesión a Pedro y le hacen partícipe de la experiencia vivida en Galilea.

«Hemos seguido durante estos días los acontecimientos que son de particular sufrimiento para Vuestra Santidad y para toda la Iglesia», señala la misiva. «Estamos seguros de que el Señor llevará a toda la Iglesia a una renovación espiritual y a un nuevo impulso misionero para ser testimonio de vida nueva para el mundo», manifiestan los más de 100 obispos junto con los cardenales y los iniciadores del Camino, que han firmado el escrito. La carta también contiene palabras de felicitación para el Papa: «En la proximidad del cumpleaños y del quinto aniversario de su elección como Pontífice, queremos presentarle nuestra felicitación más ferviente, asegurándole la oración para que el Señor le conserve en su servicio de inestimable valor a la unidad de la Iglesia en nuestra fe, la verdad y la caridad». La convivencia estuvo conducida por los iniciadores del Camino Neocatecumenal, Kiko Argüello, Carmen Hernández y el sacerdote Mario Pezzi. En ella se han revisado los desafíos de la evangelización en todo el mundo y la necesidad de ayudar a los fieles a tener un renovado encuentro con Cristo resucitado.

Por otra parte, Benedicto XVI aseguró a los periodistas en el vuelo hacia Malta, que la Iglesia «ha sido herida por nuestros pecados», pero que Cristo ama a esa Iglesia y la considera necesaria para propagar el Evangelio.

A su llegada a la isla, el Papa fue recibido por el presidente, George Abela, y por las autoridades políticas y religiosas, a quienes alabó por mantener ilegales tanto el divorcio como el aborto, al tiempo que les pedía que continúen defendiendo la indisolubilidad del matrimonio y la vida humana.

a.rita ha detto...

"Al termine della Messa, Papa Benedetto XVI ha benedetto la prima pietra del seminario Redemptoris Mater Santa Teresa del Bambin Gesù di Porto.

La benedizione verrà effettuata dopo la Comunione, nel momento immediatamente precedente i riti di conclusione dell'Eucaristia, il cui lancio è previsto per le 10,15 ora il 14 maggio."

La notizia ha insieme dell’inquietante e dello stravolgente! Mi preme sottolinearla perché attribuisce alla Persona stessa del Santo Padre una intenzione che fino ad oggi osavamo riferire solo a veri personaggi della Gerarchia ben noti per le loro prodezze di avallo mistificatorio, a favore del Cammino (vedi i vari Rylko, Filoni, ecc.)…
Eh sì, perché un atto pubblico di tal genere, operato dal Pontefice in persona: la benedizione della PRIMA PIETRA DI UN SEMINARIO REDENTORIS MATER, in cui è BEN NOTO il tipo “preparazione teologica” che viene internamente impartito… parallelamente agli studi accademici, sancisce un formale riconoscimento da parte del Papa della LEGITTIMITA’ CATTOLICA di un indottrinamento del genere! E non si venga a dire che il Papa non sa cosa viene insegnato ai seminaristi neocatecumenali nei RM, oltre all’iter di studi ufficiale… basti il fatto che ogni seminarista continua il suo normale percorso neocatecumenale, appoggiandosi alla comunità più vicina al Seminario, con la quale segue i Passaggi, le catechesi e con cui partecipa alle convivenze più importanti (inizio corso), inoltre - ove sia possibile - viene mandato nella propria comunità di origine per fare gli scrutini con i propri catechisti. (Ho avuto un fratello di comunità nel Seminario di Pola e ricordo bene queste prassi). Il papa sa tutto questo molto bene, perché è stato a contatto con le realtà interne dei RM (vedi il caso del Giappone), perciò conosce l’indottrinamento che ricevono….e tuttavia acconsente ad un gesto pubblico, non indispensabile, non obbligatorio, come del resto non era obbligatorio nè indispensabile ordinare i seminaristi neocat a Roma…perciò il gesto è dichiaratamente e manifestamente fatto nell’intenzione di LEGITTIMARE UFFICIALMENTE il percorso formativo dei cosiddetti “Presbiteri nc”!
Non ci sono parole….

mic ha detto...

No, Anna Rita, non ci sono proprio parole.
Ad una provocazione su questo su messainlatino ho risposto che mi risulta che il papa intende riformare i seminari e che spererei che in questa riforma siano compresi anche i redemptoris mater; ma sinceramente, i dubbi insorgono se si pensa che hanno i loro statuti che prevedono che i seminaristi devono percorrere l'iter del cammino (che sappiamo cosa significa: prima di tutto subordinazione ai catechisti, ergo all'iniziatore e non ai vescovi né tanto meno al Papa) cos'altro si può dire, se non continuare a gridare al Signore dal profondo di questo abisso?

De profundis clamavi ad te, Domine,
Domine, exaudi vocem meam!

mic ha detto...

Sai, Anna Rita, mi viene in mente quando il Papa, preso evidentemente di sorpresa, durante la visita a S. Giovanni Rotondo si è trovato e benedire l'abominevole cripta.

Dal suo discorso risulta che il vescovo di Porto, evidentemente neocat, ha insistito molto perché Porto venisse inserita (di fatto non lo era) nel programma del viaggio:
da quel che leggiamo è stato promosso l'eclatante gesto promozionale della benedizione della prima pietra, ma al momento mancano i fondi per la costruzione, se non ho letto male...

Sappiamo bene come i fondi non siano un vero problema un quel contesto. Tuttavia resta inquietante l'interrogativo sul valore simbolico del gesto del Papa che, anche se non da lui programmato, di fatto c'è stato...

a.rita ha detto...

(continua) ALCUNE CONSIDERAZIONI….

1) " Il nuovo centro, con una capacità di 40 studenti, sarà nei locali del Seminario del Buon Pastore in Ermesinde, appartenente alla diocesi di Port. [..] La prima fase del progetto passa attraverso l'adeguamento del padiglione esistente, che verrà installato nelle camere da letto e sale la cucina, dopo la costruzione della church, la cappella e la biblioteca, tra le varie caratteristiche di altre."

Quindi sarebbe già disponibile lo stabile di un Seminario cattolico intitolato al buon Pastore…si parla di un “padiglione” adattato (altrove la tradizione dice “bandiera”, quindi è chiaro che si tratta di uno stemma dell’Ordine) che verrà applicato alle camere, alla cucina alla “chiesa”, alla cappella e via dicendo. Ma quale sarà ora lo “stemma” che Kiko farà costruire sui muri dei RM, cosa metterà sotto gli occhi sei seminaristi che tutti i giorni si identificheranno con quel simbolo??? Lo stemma del Papa, visto che sono così tanto “Approvati e legittimati al cattolicesimo”, oppure qualche bieco simbolo dei loro, quello con i sette gradini della DISCESA ALLA REALTA’ DEL PROPRIO MALE, fatto passare per kenosi battesimale cattolica?????

2) "I sacerdoti sono addestrati a servire il vescovo locale…."

...A questo non si può commentare, resta solo da sbellicarsi dalle risate….perchè sarà puntualmente il Vescovo del posto ad essere “addestrato”, ed esattamente dalle generose somme di denaro con cui Kiko e Kompany evangelizzeranno le “episcopali saccocce”.

a.rita ha detto...

3) "I nove seminaristi che frequentano per due anni il corso di teologia presso l'Università Cattolica di vivere in case-famiglia costruita a Port Neocatecumenale.
"Abbiamo bisogno di passare a una casa nostra 'Agenzia Ecclesia ha detto il nuovo rettore del seminario, padre Daniel Saturio, aggiungendo che vorrebbe inaugurare l'impianto" il più presto possibile ", ma non sa ancora quando iniziano a lavorare o che se ne intende lasciare i due milioni stimati per il progetto."

Molto interessante…e anche molto chiaro: poiché Kiko non si sogna nemmeno di mandare i suoi seminaristi in un seminario architettonicamente “cattolico”, ma prima deve trovare due milioni di euro per snaturarlo e trasformarlo in una spelonca ebraica, con il “santuario della parola” spacciata per Cappella dell’Adorazione, con tanto di doppio tabernacolo, l’Aron ha Codesh (o come caspita si scrive…), con tanto di Jeshivà : il cadreghino da cui i rabbini predicano… con tanto di ampolle pendenti luminose sopra ad ogni scranno per la preghera e la scrutatio scripturae… eccetera…

…siccome – dicevo – non si sogna nemmeno di farli vivere in un seminario cattolico, già esistente, pur di incominciare prima di subito a far partire il seminario “vicino a Fatima” , si è inventato di far campare i ragazzi in una “casa famiglia neocatecumenale” costruita a Port! (E lo sanno che nonva bene, il rettore ha detto che hanno bisogno di una casa propria!) Quindi questi ragazzi dovranno vivere, non si sa fino a quando, in una struttura di tipo familiare, che non aiuta affatto la condivisione vocazionale dei ragazzi, non crea quell’intimità interiore dovuta all’isolamento dal mondo, richiesto a chi da il cuore solo a Dio, non promuove l’atmosfera di silenzio circostante così indispensabile a chi intraprende una vita di colloquio interiore con Colui che lo ha chiamato a Sé.
E come sarà questa “casa famiglia”?? Vedrà il contributo di intere famiglie missionarie neocat, messe a servizio dei ragazzi? Famiglie che avranno figli maschi e figlie femmine?... I ragazzi dovranno vivere in promiscuità con queste famiglie? Avranno abbandonato le loro famiglie per trovarsene tra i piedi altre “adottive”??? Con quale risultato per il bisogno di discrezione assoluto che vive chi deve discernere una chiamata????

Ma come al solito, in tutte queste scelte e prassi decise dal Kapo, non c’è mai nulla che assomigli ad un criterio cattolico, perché il NUOVO CLERO “CHE SALVERA’ LA CHIESA”, come disse Kiko a Madrid nel 2006, non deve certo essere un clero cattolico!

mic ha detto...

Per Zufolo:
Mi sembra che delle parole che l'attuale Papa ha speso sul Cammino quelle con cui dovreste prima o poi avere il coraggio di confrontarvi sono quelle, molto chiaro, che descrivono il Cammino come un dono dello Spirito Santo. Tutto il resto, mi sembra, le correzioni e gli incoraggiamenti, per quanto importanti sono subordinati a questa intuizione di Benedetto XVI, dei Papi precedenti, e di molti nella Santa Sede.

qui c'è da repplicare che il papa non parlava del cammino ma parlava dei movimenti in generale, mentre voi, come ricorda il card Pell e come risultava anche a noi, vi considerata una "Famiglia religiosa"; status piuttoso anomalo peraltro, perché non suffragato da una posizione canonica corrispondentemente sancita, e tra l'altro lo Statuto vi connota semplicemente come "Associazione laicale", approvata appunto dal Pontificio Consiglio dei Laici.
Nella nostra Chiesa purtroppo l'allontanamento dalla verità e il lasciar diritto di cittadinanza all'errore ha creato anche tanta confusione e oggi diventa possibile tutto e il contrario di tutto, con grande disorientamento nei fedeli: molti si allontanano, altri vengono inglobati in contesti svianti.

Sta di fatto che i gesti di legittimazione anche recenti non fanno altro che suscitare interrogativi, che potrebbero essere inquietanti e angosciosi se non prevalesse l'affidamento al Signore ed hanno creato e continuano a creare non poco sconcerto per lo meno nei fedeli più consapevoli

Non mi sembra che voi -- con la lodevole eccezione del buon Cruccas, che e' convinto che il CNC sia prodotto del demonio e che il Papa si sia reso responsabile di un grave errore -- abbiate preso una posizione chiara a riguardo. Se avete una posizione chiara al riguardo, mi piacerebbe sentirla. Se non l'avete, forse sarebbe prudente fare come suggerisce l'amico Mel e guardare alla parole del buon Gamaliele...

La nostra posizione è stata chiarita un'infinità di volte e su cosa ne pensiamo di questa fin troppo reiterata citazione di Gamaliele abbiamo già risposto a Mel

Con tutto il rispetto per la liturgia, secondo me questo e' il punto cruciale, a cui tutto il resto e' subordinato: altrimenti e' un po' come dibattere sulle prescrizioni del Levitico dimenticando il passaggio del Mar Rosso...

questa mi sembra solo una questione di lana caprina

mic ha detto...

Ma come al solito, in tutte queste scelte e prassi decise dal Kapo, non c’è mai nulla che assomigli ad un criterio cattolico, perché il NUOVO CLERO “CHE SALVERA’ LA CHIESA”, come disse Kiko a Madrid nel 2006, non deve certo essere un clero cattolico!

cara Anna Rita,
hai messo il dito nella piaga... tutto questo non fa altro che suffragare la sensazione che la Chiesa stia già camminando sulle sue rovine. Non credo sia una visione pessimistica, ma purtroppo realisticamente apocalittica...

Abbracciamo la Croce e moltiplichiamo i rosari sia impetratori che riparatori...

Emma ha detto...

Una mia amica, che era presente in San Pietro per la consacrazione di novelli sacerdoti da parte di Benedetto XVI, si ricorda ancora del suo stupore vedendo i novelli sacerdoti del Redemptoris Mater dirigersi verso Kiko Arguello, presente in prima fila, per ricevere la sua benedizione, e questo subito dopo essere passati davanti al Papa e al vescovo, i cerimonieri pontifici sono intervenuti e hanno bloccato il passaggio!
Dettaglio molto rivelatore e sintomatico di una realtà che TUTTI i responsabili della nostra Chiesa conoscono e cioè che i presbiteri nc sono sottomessi e obbediscono in primis a Kiko Arguello.

Emma ha detto...

Per quel che riguarda le formule usate da diversi Papi dopo il CVII, nuova primavera, nuova Pentecoste, doni dello Spirito Santo, sono oramai entrate nel linguaggio "corrente", basta leggere i discorsi di Giovanni Paolo II, di vescovi e cardinali, e le troveremo, stesse e identiche parole, formule "consacrate", sempre però , dico sempre, per quel che riguarda i Pontefici, seguite da condizioni e richiami che diventano ancor più pressanti e precisi con Benedetto XVI.
Se queste formule "consacrate" per tutti i movimenti che sono nati dopo il CVII,corrispondono alla verità, solo lo Spirito Santo lo sa.
Io osservo la realtà, non mi lascio impressionare dai numeri, osservo la Sacra Liturgia della Chiesa calpestata, la Dottrina stravolta, so anche che i metodi in uso nel cnc non dovrebbero essere tollerati nella Chiesa cattolica, allora come minimo mi interrogo, come minimo mi domando come può essere considerato dono dello Spirito Santo un cammino che non rispetta nè la Liturgia nè la Dottrina cattoliche.
La mia coscienza mi suggerisce che quel cammino non sarebbe mai stato approvato prima del CVII.

mic ha detto...

Ci arriva questo post, scomodo tanto quanto lo siamo noi e me lo assumo tutto, perché di fatto è la fotografia della situazione. Lo trascrivo, rispondendo qui, perché era legato ad un vecchio thread nel quale sarebbe rimasto sommerso insieme alla mia risposta ed è in tema con quanto abbiamo appena esaminato.

Dice Sofia (non la nostra evidentemente, che mi piacerebbe tanto rincontrare!)

mi viene quasi da sorridere...di certo illazioni e giudizi che non combaciano con la realtà non turbano il mio cuore.
volete sapere una marea di stranezze?????
ragioniamo un pò.... strano è che questo nemico della Chiesa sia in comunione profonda col Santo Padre che è capo della Chiesa e vicario di Cristo.... strano è che Giovanni Paolo II di sua mano scriveva la sua benedizione al Cammino e celebrava Eucarestie con i giovani seminaristi frutto del Cammino... strano che il Pontificio Consiglio per i Laici l'11 maggio 2008 ha approvato gli statuti del Cammino...con il SI di Benedetto XVI.. strano che lo stesso Santo Padre accolga i neocatecumenali nella Basilica Di San Pietro per celebrare i 40 anni del Cammino...
quante stranezze dico bene????
sarà forse che il Papa è in accordo con Kiko Arguello per distruggere la Chiesa?


certo quest'ultima ipotesi non possiamo che respingerla, non quanto a Kiko, ma quanto al Papa... di tutte le 'stranezze' enumerate, sulle quali siamo perfettamente d'accordo, sia pure per motivi opposti, e sulle quali stentiamo a trovare risposte, ce n'è una che non è tanto una stranezza, quanto un'inesattezza, se proprio non vogliamo usare il termine "menzogna": strano è che questo nemico della Chiesa sia in comunione profonda col Santo Padre che è capo della Chiesa e vicario di Cristo...: questo è platealmente vero solo a parole e non nei fatti...

Tra le possibili risposte di cui parlavo sopra ci potrebbe essere una inesatta informazione data ai Papi circa la risoluzione dei loro reiterati tentativi di correzioni: non stiamo a ripeterci, ma dalla liturgia, al sacerdozio, alla penitenza e, recentemente circa la comunione ecclesiale. Se così non fosse, non saprei proprio cosa dire; ma in coscienza e davanti al Signore il mio giudizio non cambierebbe, per quel che conosco del cammino e della Chiesa (che forse Sofia, a proposito della Chiesa, non conosce, se ha ricevuto solo insegnamenti del cammino e si è formata esclusivamente su quelli, subendone anche le prassi non so per quanto tempo)

o sarà che i vostri occhi non distinguono il reale dal giudizio profondo che vi portate dentro???

un giudizio distinto dal reale? Cioè una nostra deformazione della realtà, basata su pregiudizi? Mi pare strano che tante persone in tante parti del mondo siano arrivate alle stesse conclusioni e concordanti testimonianze sul cammino partendo da formazioni evidentemente diverse...
quanto al giudizio profondo che ci è maturato dentro, esso nasce da esperienza del cammino, conoscenza del Signore nella sua Chiesa, preghiera e discernimento; non è né improvvisato né fazioso, perché non stiamo difendendo nulla di personale, ma quanto ci sta davvero a cuore perché coincide con la nostra Fede che nasce e si nutre dall'aver aderito ("rimanendo" in Lui) ad una Persona Divina e non ad una costruzione umana per quanto affascinante

MA I FRUTTI DEL CAMMINO,I SEMINARI,LE FAMIGLIE IN MISSIONE CHE DANNO LA VITA PER L'EVANGELIZZAZIONE,GLI ITINERANTI CHE OFFRONO A CRISTO OGNI COSA PER PORTARE UN ANNUNCIO DI SALVEZZA IN GIAPPONE,CINA,NELLE LANDE PIU DISPERATE DEL MONDO,GLI UOMINI E LE DONNE "SALVATI" CHE ATTRAVERSO IL CAMMINO HANNO INCONTRATO GESù DI NAZARETH SONO UNA FIAMMA CHE VOI NON POTETE METTERE SOTTO IL MOGGIO.

solito spot gridato. Si tratta di frutti avvelenati, perché ne conosciamo le facce nascoste! E' una fiamma che noi non mettiamo sotto il moggio, ma che si mette sui tetti da sola! Anzi cerchiamo di metterla sui tetti anche noi, ma com'è davvero e non come tenta di mostrarsi!

mic ha detto...

La mia coscienza mi suggerisce che quel cammino non sarebbe mai stato approvato prima del CVII.

cara Emma, la mia coscienza mi suggerisce di aggiungere che, senza il concilio, non ci sarebbe un'"altra" Chiesa al posto di quella cattolica, oggi. E non solo a causa del cammino neocatecumenale che sempre più si rivela come una delle facce della Grande Apostasia

Emma ha detto...

"strano è che questo nemico della Chiesa sia in comunione profonda col Santo Padre che è capo della Chiesa e vicario di Cristo."

COMMUNIONE PROFONDA?
O quando gli slogan sono registrati e pronti ad esser serviti, solo che qui non ci sono sprovveduti, solo che gli slogan sono spesso menzogneri, e lo sono particolarmente in questo caso, solo che qui ci sono persone con una memoria che funziona perfettamente, ai quali è stato insegnato che 2+2 = 4 e non 5, come può "Sofia" parlare di comunione profonda con il Papa ?
Il cammino nc era in comunione profonda quando ha disobbedito alle prescrizioni del Papa sulla liturgia?
Era in comunione con il Papa il vostro "maestro" quando vi ha incitato alla disobbedienza domandandovi di non cambiare niente?
Siete in comunione profonda con il Papa quando seguite prassi che sono "altre" rispetto a ciò che lui ci mostra e insegna?
Smettetela di coinvolgere il Papa, di strumentalizzare le sue parole, fermatevi prima di mentire, come lo faceva Kiko Arguello quando sui palchi gridava, pure lui, "il Papa ci ha approvati,ha approvato lo statuto" quando non era vero, gridare non trasforma una menzogna in verità!

Emma ha detto...

Siete ni comunione profonda con il Papa quando ignorate non solo i suoi ordini ma anche i suoi richiami?
Siete in comunione con la sua volontà quando vi domanda espressamente di collaborare con le altre realtà parrocchiali e voi, invece di collaborare, vi imponete, assorbite, restate in margine, o ve ne andate se il vescovo non si sottomette alle vostre esigenze?
Siete in comunione profonda con il Papa se ancora oggi, due anni dopo la consegna del vostro statuto, non pubblicate il vostro direttorio catechetico, malgrado sia la volontà del Papa, volontà che vi è stata trasmessa dal vostro amico e protettore mons. Filoni?

a.rita ha detto...

per Jonathan:
" E mi vado convincendo sempre più che contro questo peccato non serve un’azione di governo decisa e severa come in tanti vorrebbero. Credo che il Papa lo stia portando su di sé questo peccato di altri, come Gesù …"

Carissima Jonathan,
scegliere di portare santamente il peso dei peccati altrui, si può fare se a rimetterci è soltanto la propria persona, in tal caso il sacrificio è lodevole e ben accetto a Dio, ma quando a rimetterci e a cadere vittime del "terribile peccato" di cui parli sono centinaia di migliaia di persone, che rischiano di perdere la Fede e la salvezza eterna,alllora non vale più come "scelta risolutiva".
Tanto più se tale scelta viene fatta da Chi è stato chiamato da Dio a confermare nella santa Fede di sempre e a difendere le pecore dai lupi, Lui che il Signore ha posto come Guardiano del Gregge. Il custode e Pastore del gregge non è chiamato a subire gli attacchi del lupo, fingendo di non sapere che quando il lupo entra fa strage delle pecore, ma a difendere concretamente con azioni di governo.


per Mic:
"Sai, Anna Rita, mi viene in mente quando il Papa, preso evidentemente di sorpresa, durante la visita a S. Giovanni Rotondo si è trovato e benedire l'abominevole cripta.

Carissimo Mic,
mi fa tenerezza questo disperato tentativo di scusare l'inescusabile e di difendere l'indifendibile: il Santo Padre è una delle figure più lucide e brillanti del panorama teologico ed intellettuale degli ultimi due secoli: non mi sembra un povero vecchietto diventato deficiente, che venga tirato per la manica qua e là, a cui vengano imposte delle azioni a sorpresa e di cui lui non capisca la portata.
Oltre tutto quando Lui si muove, c'è sietro tutto un protocollo da seguire, un meticoloso programma da attuare di appuntamenti, regole diplomatiche, regole per la sicurezza, i servizi segreti vaticani...insomma tutta una organizzazione in cui neanche un punto è lasciato al caso.
Perciò....

Emma ha detto...

mic,perchè trovi scomodo il commento di "sofia"?
Io lo trovo in tutto e per tutto uguale ad altri che abbiamo letto e ai quali abbiamo già risposto!
Le solite frasi fatte, i soliti slogan, che devono confrontarsi con la realtà.
E sorrido leggendo:

"o sarà che i vostri occhi non distinguono il reale dal giudizio profondo che vi portate dentro???"

Sofia, i nostri occhi sono aperti e non sono dissociati, non possono esserlo, dalla coscienza cattolica che ci portiamo dentro,una coscienza rettamente formata dall`insegnamento della Santa Chiesa cattolica,dal Magistero, quello perenne, quello immutabile.
E ciò che i nostri occhi vedono non è conforme a ciò che ci è stato insegnato, a ciò che la Chiesa insegna in continuità con la sua Tradizione perenne.

a.rita ha detto...

Per Mic:
"hai messo il dito nella piaga... tutto questo non fa altro che suffragare la sensazione che la Chiesa stia già camminando sulle sue rovine. Non credo sia una visione pessimistica, ma purtroppo realisticamente apocalittica...
Abbracciamo la Croce e moltiplichiamo i rosari sia impetratori che riparatori..."

Infatti carissimo,
non è indorandoci le pillole o temendo di prendere atto della realtà che potremo sollevare il nostro cuore...ma rifugiandoci solo nei Sacri Cuori di Gesù e Maria, laddove il Mistero di Iniquità che avanza non può nuocerci e dove anche il puù doloroso scandalo non può uccidere la Fede ancorata nella Roccia Eterna. Gesù l'ha detto: "Per il dilagare dell'iniquità l'amore di molti si raffredderà, MA CHI PERSEVERERA' FINO ALLA FINE SARA' SALVO".
forza e coraggio, ti abbraccio...

a.rita ha detto...

per Emma:
"..si ricorda ancora del suo stupore vedendo i novelli sacerdoti del Redemptoris Mater dirigersi verso Kiko Arguello, presente in prima fila, per ricevere la sua benedizione, e questo subito dopo essere passati davanti al Papa e al vescovo, i cerimonieri pontifici sono intervenuti e hanno bloccato il passaggio!
Dettaglio molto rivelatore e sintomatico di una realtà che TUTTI i responsabili della nostra Chiesa conoscono e cioè che i presbiteri nc sono sottomessi e obbediscono in primis a Kiko Arguello."

Che dire cara Emma?...
ISTRUZIONI PER L'USO.....
"Come maneggiare pericolosi fuochi d'artificio e viderseli scoppiare davanti....come legalizzarli lo stesso dopo averli visti scoppiare..." O__O

"Siete in comunione profonda con il Papa se ancora oggi, due anni dopo la consegna del vostro statuto, non pubblicate il vostro direttorio catechetico, malgrado sia la volontà del Papa, volontà che vi è stata trasmessa dal vostro amico e protettore mons. Filoni?"

Emma,
questa notizia va finalmente rettificata!...
Che il Papa abbia espresso la volontà della pubblicazione degli Orientamenti, non è per nulla certo. Gli unici due a sostenere questo sono quel pallonaro di Kiko, che ha il naso più lungo di quello di Pinocchio, ed il suo compagno di merende, l'amico Filoni... non possiamo fidarci del "gatto e la volpe".
Mai, neanche una volta, nei suoi discorsi ufficiali, e nemmeno nelle indiscrezioni, si trova una sola parola del Papa che sfiori anche per sbaglio l'argomento degli Orientamenti.

Come potrebbe il Papa desiderare la pubblicazione di quella spazzatura?
Proprio Lui che voleva sostituirgliela con un volume tutto nuovo e diverso, quello
che Kiko rifiutò?...

Perchè ricordiamoci che la pubblicazione di una certa cosa, per volontà della Chiesa, implica la legittimazione ufficiale, da parte della Chiesa di quella data cosa...
...e se questo avvenisse per volontà del Papa, allora sì che si potrebbe pensare che B.16° ha perso l'uso di ragione....
?_?

mic ha detto...

Cara Anna Rita,
certamente Emma si riferisce alle catechesi corrette: il famoso "Mattone" che Kiko rifiutò non riconoscendovi il suo cammino, come racconta lui stesso

Della pubblicazione ha parlato come voluta dal Papa nelle interviste successive all'approvazione; ma mentiva sapendo di mentire perché, se anche venissero pubblicate la catechesi corrette - che peraltro per loro sono carta straccia, così come carta straccia sono lo statuto e la lettera di Arinze -, chi si prendesse la briga di confrontarle con la predicazione concreta, si accorgerebbe delle difformità e forse comincerebbe a farsi domande che ora non si fa...

mic ha detto...

mic,perchè trovi scomodo il commento di "sofia"?
Io lo trovo in tutto e per tutto uguale ad altri che abbiamo letto e ai quali abbiamo già risposto!


scomodo proprio per questo perché ribadisce cose che secondo una logica stringente dovrebbero tapparci la bocca (approvazioni ufficiali e il sempre più lungo refrain delle lodi...) e che abbiamo più volte confutate con tanto di motivazioni, che ovviamente non vengono prese un considerazione da chi vede solo quel che vuol vedere

Emma ha detto...

"Cara Anna Rita,
certamente Emma si riferisce alle catechesi corrette: il famoso "Mattone" che Kiko rifiutò non riconoscendovi il suo cammino, come racconta lui stesso"


Esatto mic!
È palese che le catechesi che DOVRANNO essere pubblicate sono quelle CORRETTE.

Non è possibile che nella Chiesa cattolica continui lo SCANDALO di un gruppo, definito itinerario di formazione cattolica, che può continuare a formare=deformare le coscienze dei cattolici con dei testi segreti.

Che poi Arguello continui a predicare, e che le sue catechesi "ispirate" continuino ad ispirare i suoi catechisti, è evidente, che non ci sarà nessun controllo sulla conformità di quelle catechesi pure, MA, almeno, chi vorrà farlo potrà verificarne l`ortodossia grazie ai testi pubblicati.

mic ha detto...

MA, almeno, chi vorrà farlo potrà verificarne l`ortodossia grazie ai testi pubblicati.

i testi originali non potranno mai essere pubblicati e gli iniziatori che li hanno partoriti sono i primi a non volerlo per due motivi

1. perché sono infarciti di eresie e quant'altro conosciamo

2. perché, con l'arcano, pensano di garantire l'efficacia di contenuti e metodi non noti, che non possono essere razionalizzati come accadrebbe se fossero conosciuti in anticipo e non avrebbero lo stesso impatto manipolatorio e la stessa efficacia che si ripropongono sulla pische di chi vi è assoggettato

Emma ha detto...

Hai perfettamente definito lo SCANDALO di questo cammino iniziatico, basato sul SEGRETO, perchè l`adepto non può e non deve venire a conoscenza di contenuti che non potrebbe capire(sic!), la verità deve svelarsi poco a poco e progressivamente(sicsic!), con le tappe sanzionate dai famosi scrutini e i catechisti decideranno se sei pronto per passare al gradino superiore o se devi aspettare ancora
Cattolico tutto ciò?
No.

Emma ha detto...

È scioccante che la gerarchia si renda complice di questo SCANDALO,è scioccante che i responsabili della Chiesa accettino di non pubblicare i testi del cammino nc per salvaguardarne la particolarità, così facendo legittimano le gravissime distorsioni che contengono, così facendo accettano che nella Chiesa sia entrato un gruppo che impone l`arcano, così facendo non proteggono i piccoli che entreranno nel cammino nc, fiduciosi dal momento che "il Papa lo ha approvato".

jonathan ha detto...

scegliere di portare santamente il peso dei peccati altrui, si può fare se a rimetterci è soltanto la propria persona...

Tu credi, Annarita? A me piace credere che davanti a Dio e nelle Sue mani l’inutile mitezza abbia senso e valore, e serva a redimere gli uomini e la storia da essi intessuta nel mondo. Il farsi agnello, secondo me, è già di per sé un atto di governo da parte di chi è chiamato a difenderci dai lupi. Mi sembra che questo sia ‘lo stile di Gesù’, il quale non ha mai urlato la Sua Verità, non l’ha mai difesa coi pugni chiusi e certo non per debolezza o per connivenza con la menzogna.

Credo che oggi, nella Chiesa di oggi, mettere e rimettere continuamente in discussione l’operato del Papa, le sue scelte, le sue parole passate al setaccio, sia non solo un’azione sterile ma addirittura controproducente. Perché finiamo paradossalmente per farci noi stessi lupi con i lupi, finiamo per screditare il solo luogo di convergenza dell’unità della Chiesa, che è appunto la persona del Papa. Unità che è imprescindibile perché è il desiderio di Gesù, la Sua ricetta, la Sua ultima volontà, ‘perché il mondo creda’. La Sua preghiera.

Naturalmente so bene che abbiamo la libertà di discutere sull’agire o non agire del Papa senza che per questo si contravvenga al dovere di obbedirgli. E so anche altrettanto bene che questo mio punto di vista resta sempre più confinato ai margini di questa affollata agorà che è diventata la chiesa della ‘primavera’ post-conciliare. Una primavera per la verità molto piovosa e malinconica…

Emma ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Emma ha detto...

Penso, jonathan, che porre domande, esprimere perplessità e incomprensioni,dire quanto è grande la sofferenza nel vedere ciò che è più, non solo caro, ma fondamentale, essenziale nella nostre esistenza, maltrattato, calpestato,e nel vedere che chi dovrebbe evitarlo, non solamente non lo fa ma legittima e incoraggia, esprimere lo sconforto, il malessere che ciò inevitabilmente provoca in noi piccoli, è la sola possibiltà che abbiamo, in modo visibile, di non serbare in noi tutto questo peso ma di condividerlo, come se fosse un bisogno, senza l`illusione di essere ascoltati e ancor meno di essere capiti da chi ci guida, senza nulla sperare in ritorno, se non la consolazione di sapere che altri, molti altri condividono gli stessi sentimenti, le stesse domande,e chissà forse anche di servire a qualcosa o a qualcuno informando e testimoniando.

È vero che certi silenzi del Papa ci stupiscono, è vero che vorremmo che intervenisse direttamente per correggere ciò che va corretto, e non solo nel cammino nc, ma penso sia oramai chiaro ai più il suo modo di governo,la fiducia che pone nei suoi confratelli ai quali affida il compito di correggere, sappiamo anche come è ripagato in ritorno.
Noi possiamo solo dirlo, esprimere le nostre inquietudini è un diritto, dovere e responsabilità che abbiamo.
Ma sopratutto possiamo e dobbiamo pregare per il Papa e per la Chiesa tutta.

jonathan ha detto...

Sì, certo, Emma, sono d’accordo senz’altro. Tra l’altro ha portato buoni frutti nella mia vita quell’informare e condividere di cui parli.

Ma Pietro è Pietro. E’ il solo punto fermo in questo caos, in questa confusione sulla quale tutti credo si convenga, in questo stridere di contraddizioni e non senso. Lui è il solo punto fermo, non quale modello o maestro o simili, ma per quello che è nella volontà del Signore, il Suo erede potremmo dire. Il Papa non è semplicemente il capo della Chiesa da cui si può legittimamente dissentire. E’ di più, nella sua persona si aggiunge l’addendo di una investitura speciale e unica. C’è in lui la presenza tangibile di Dio, c’è il disegno, la volontà, la promessa di Dio che passano attraverso la sua persona per abbracciare e raggiungere la Chiesa tutta e in essa ciascuno di noi. Tutto questo va custodito e difeso, io credo, in primo luogo, anche prima delle nostre legittime ragioni di sconcerto e smarrimento.

Ovviamente magari mi sbaglio, questa è solo una modestissima opinione che racconto qui proprio per quel gusto della condivisione di cui parlavi.

a.rita ha detto...

"Cara Anna Rita,
certamente Emma si riferisce alle catechesi corrette: il famoso "Mattone" che Kiko rifiutò non riconoscendovi il suo cammino, come racconta lui stesso"

...Ma il Papa non può pensare di pubblicare come direttorio ufficiale del Cammino un testo che, appena presentato, è stato immediatamente rifiutato come non corrispondente al Cn.
Poichè tutti sanno che, come disse Kiko, "quel mattone è già sparito", e nessuno , in nessuna catechesi, ne ha mai fatto uso, nè mai lo farà...
Al massimo potrebbe pubblicarlo come PROPOSTA di un nuovo direttorio, ma sa già (poichè è stato respinto subito) che nessuno Gli darebbe retta...

Io invece per "catechesi corrette" avevo capito che Emma intendesse i soliti Orientamenti, con in aggiunta le finte correzioni che Kiko si era fatto da solo,(facendole passare per correzioni della Chiesa) aggiungendo qualche nota del CCC in calce alle pagine... (duemila correzioni su tremila pagine...che ridere: meno di una correzione per pagina, quando quelle catechesi sono tutte un'eresia da capo a piedi!)
Credevo che Emma parlasse di queste "correzioni"...finte
auto-correzioni...

Il fatto è che siccome una dottrina cattolica il Cammino non ce l'ha, cosa farebbe pubblicare il Santo Padre? I deliri di Kiko e Carmen? Sarebbe come legittimare quella roba...La Chiesa non può farlo, a meno che non impazzisca...d'altra parte non può nemmmeno pubblicarla come una denuncia di storture dottrinarie, perchè smentirebbe l'approvazione del 10 Gennaio...
Si sono legate le mani da soli...

L'unica denuncia e pubblicazione può partire solo dal basso, via web, se qualche ex nc riuscisse a diffondere i manotreti ancora segreti. Ma per far questo occorre il coraggio di liberarsi dall'incubo delle "maledizioni" di Kiko e la completa guarigione dalla dipendenza psichica a quell'essere, che dopo molti anni ancora sussiste nei fuoriusciti.

mic ha detto...

Io invece per "catechesi corrette" avevo capito che Emma intendesse i soliti Orientamenti, con in aggiunta le finte correzioni che Kiko si era fatto da solo,(facendole passare per correzioni della Chiesa) aggiungendo qualche nota del CCC in calce alle pagine...

sì è vero non ci pensavo... c'è chi ha parlato di quelle correzioni "pro forma" e ha detto che invece in fogli usati dai catechisti c'era la scritta "catechesi non corrette"... e di fatto le catechesi di oggi sono le stesse di 40 fa. E' certo che non è cambiato niente nella sostanza... se mai, rispetto ai miei tempi, c'è una escalation nei midrashim e compagnia bella...

mic ha detto...

Ma Pietro è Pietro. E’ il solo punto fermo in questo caos, in questa confusione sulla quale tutti credo si convenga, in questo stridere di contraddizioni e non senso.

è così Jonathan. è per questo che dobbiamo intensificare la nostra preghiera sia per lui che per la Chiesa e per noi stessi

Emma ha detto...

Ed io, cocciuta come sono, continuo a dire che dovrebbe essere pubblicato il testo che la Commissione ad hoc ha redatto, il famoso "mattone".
E poco importa che ciò non sia gradito al signor Arguello,quello è il solo testo che certifica la conformità alla dottrina cattolica.
È scioccante, lo ripeto, il semplice buon senso lo dice, che il "fondamento teologico" di ciò che è descritto "itinerario di formazione cattolica" sia ancora segreto.
Una grave anomalia che non fa onore a chi la permette.

Emma ha detto...

Una gravissima anomalia e una mancanza di rispetto e di cura pastorale per i cattolici, quelli che non sono nel cammino nc, quelli che rischiano di entrarci e quelli che già sono dentro.

gianluca cruccas ha detto...

Questa e' la traduzione del testo spagnolo che ho inserito ieri..

i cittadini di Malta ieri offerto una calda accoglienza, con canti e inni, Papa Benedetto XVI, al suo arrivo nel paese per commemorare l'anniversario del naufragio di s. Paolo sul Mediterraneo SSulla isola. Ma i maltesi non erano gli unici nell'abbigliamento il Pontefice in questi giorni, poiché molti Cardinali e 123 Vescovi dell'America latina, Francia, Belgio e Svizzera hanno espresso la loro lealtà. "Vogliamo esprimere la nostra comunione e il nostro affetto per il successore di Pietro e Vicario di Cristo", ha dichiarato i Vescovi nel luogo dove Gesù risorto ha chiesto tre volte l'Apostolo Pietro se egli amava e affidato a pascolare le pecore. In una convivenza promossa dal modo Neocatechumenal in Domus Galilae sul Monte delle Beatitudini, i partecipanti hanno scritto e inviato una lettera di affetto a Benedetto XVI, che mostra il loro impegno a Pietro e renderla parte dell'esperienza in Galilea. «Abbiamo seguito durante questi giorni gli eventi che sono di particolare sofferenza per la santità e la Chiesa», dice la lettera. "Siamo fiduciosi che il Signore porterà alla Chiesa intera un rinnovamento spirituale e nuovo slancio missionario a essere testimone alla nuova vita al mondo," sono più di 100 vescovi con i Cardinali e gli iniziatori di modo che ha firmato la lettera. La lettera contiene anche le parole di congratulazione al Papa: in prossimità del compleanno e il quinto anniversario della sua elezione a Papa, vogliamo presentarvi le nostre congratulazioni più ferventi garantendo la preghiera che il Signore si mantennrà nel servizio di valore inestimabile per l'unità della Chiesa nella nostra fede, verità e carità ". La convivenza è stata trainata dall'initiator del modo Neocatechumenal, Kiko, Carmen Hernández e sacerdote Mario Pezzi. Esso è stato rivisto le sfide dell'evangelizzazione in tutto il mondo e la necessità di aiutare i fedeli a un rinnovato incontro con Cristo risorto. I giornalisti ha detto Benedetto XVI sul volo a Malta, che la Chiesa "è stato ferito dai nostri peccati", ma che Gesù ama la Chiesa e lo ritenga necessario per diffondere il Vangelo. Al momento dell'arrivo sull'isola, il Papa è stato ricevuto dal Presidente, George Abela, e autorità politica e religiosa, che ha elogiato da mantenere sia il divorzio e l'aborto, illegale al momento richiesto che continua a difendere indisolubilidad di matrimonio e la vita umana.

Emma ha detto...

Caro Gianluca,oramai lo sappiamo che Kiko Arguello convoca regolarmente i vescovi e cardinali del mondo intero nella sua cittadella in Galilea.
Certo suscita amarezza sapere che i successori degl Apostoli vadano ad ascoltare quel predicatore e le sue aberrazioni "teologiche", che non ponga nessun problema alla loro coscienza il trovarsi in quel luogo farcito di simboli ebrei,e nemmeno il celebrare la Santa Messa, perchè suppongo lo facciano, con quel rituale creato da Arguello per le sue comunità neocatecumenali.

Lo sappiamo, caro Gianluca, e saperlo ci fa male, perchè abbiamo la lucida consapevolezza di ciò che significa, delle conseguenze per la nostra Santa Chiesa, fa male sapere che coloro in cui dovremmo avere fiducia stanno mettendo la Chiesa nelle mani di colui che stravolge e calpesta la nostra Liturgia, la Dottrina della Chiesa, che loro stessi non conservano e proteggono il sacro Deposito delle Fede che è stato consegnato da Nostro Signore Gesù Cristo.

Sì, noi lo sappiamo, sappiamo che i vescovi vanno in Galilea per ricevere istruzioni da Kiko Arguello, ma lo sanno i piccoli, i cattolici,che sono guidati da loro?
In quanti lo sanno?

In quanti sanno che quell`uomo si attribuisce il brevetto esclusivo della nuova evangelizzazione, una sorte di "pacchetto tutto compreso" con comunità,presbitero,testi e rituale rigorosamente neocat?
In quanti?

Purtroppo la Chiesa non solo lo permette, ma lo incoraggia perchè, parliamoci chiaro, se Kiko Arguello può fare tutto quello che fa,e ne abbiamo avuto l`ultimo esempio a Fatima, è perchè c`è chi glielo permette!

Saperlo fa male, informare è cosa giusta, far sapere a quei vescovi che non tutti sono ignoranti, nel senso che ignorano, anche, ma poi, ci fermiamo, informiamo, è tutto quello che possiamo fare.

Il resto appartiene a Colui che tutto sa, che tutto vede.

gianluca cruccas ha detto...

http://unafides33.blogspot.com/2010/05/fatima-e-il-suo-terzo-segreto-testo.html

....siamo in tempi di crisi straordinaria nella Chiesa: l’ortodossia cattolica è universalmente minacciata e la Chiesa è offuscata, come eclissata, dal fumo di Satana al suo interno.
Il che non vuol dire che noi giudichiamo tutti eretici e apostati nel mondo cattolico ufficiale: chiaramente è una tendenza, ciò che la Madonna a nome di Dio ha denunciato, un processo contrario al depositum fidei, che oggettivamente avrebbe attraversato la cattolicità, dilagando con frutti rovinosi.
Bisognerà dunque chiedersi: la Chiesa ha mai passato, transitoriamente s’intende, situazioni del genere?
Parzialmente sì (la crisi ariana, il grande scisma d’Occidente).
Le ha mai previste, come possibili a realizzarsi?
Andiamo a vedere nella più sicura e avallata teologia cattolica, e troviamo che, in realtà, di certi casi non comuni effettivamente se ne parla.
Qui mi limito a richiamare un’indicazione, tanto semplice quanto pertinente e preziosa. È la “regola per distinguere la verità cattolica dall’errore”, che san Vincenzo di Lerino ci dà nel Commonitorium; si tratta di un’opera e un autore probati, cioè approvati, lodati dalla Chiesa stessa, per tanti secoli.

Vi leggiamo:

“Come, dunque, dovrà comportarsi un cristiano cattolico [notate bene: “un cristiano cattolico”: quindi, non solo la gerarchia ecclesiastica] se qualche piccola frazione della Chiesa…”: ahinoi, non è questo il nostro caso, oggi non è questione di qualche piccola frazione della Chiesa.
“Se, però, si tratta di una novità ereticale che non è limitata a un piccolo gruppo, ma tenta di contagiare e contaminare la Chiesa intera?”: ecco, è questo!
Precisamente questa è la situazione da cui la Madonna Santissima voleva fossimo messi in guardia a partire già dal 1960: un pericolo generale per la dottrina della fede, per la retta fede, con gli annessi e connessi.
Che fare dunque in questi frangenti?
Riprendiamo il Commonitorium dove l’avevamo lasciato:
“In tal caso, il cristiano dovrà darsi da fare [e non dormire, sfogare lagnandosi o lavarsi le mani] per aderire all’antichità, la quale non può evidentemente essere alterata da nessuna nuova menzogna”.
È una misura generale di buonsenso: quando c’è un’epidemia alimentare generale a partire da una data, in attesa che passi ci si orienta già a priori ? cautelativamente, prudenzialmente ? su prodotti confezionati in precedenza, in tempi più sicuri. Quanto sarebbero fuori luogo discorsi tipo: “ma confezionare dei nuovi prodotti è una cosa possibile”, oppure “voi non siete…l’ufficio d’igiene, che è l’organo competente per dare i responsi”: discorsi proprio impostati male!

E come al contrario, nella autorevolissima luce di cui stiamo trattando, si palesa appropriata la posizione detta tradizionalista: in questo quadro, noi ci attacchiamo al Catechismo antico, alla Messa antica e così via, organizzandoci di conseguenza e come la realtà ce lo consente (e non come in astratto si preferirebbe); nell’attesa serena, fedele e militante che, sino in fondo, l’eclissi venga meno.

claudio86 ha detto...

Io ero presente a fatima ero presente quando ci è stato fatto l'annuncio del pellegrinaggio non di certo ci è stato detto di andare per kikko ci è stato detto di andare per il papa per pregare per lui e per le persecuzioni che la chiesa sta avendo in questo momento tragico della cristianità, il cn aiuta moltissimi giovani che come me si sono allontanati dalla chiesa perchè non trovavano risposte alle proprie domande a riscoprire l'amore di Dio e per riscoprire la sua parola cosa che in molte parrocchie non si fa non dico che il cn è l'unico metodo per essere veri cristiani, sarebbe un'eresia il cammino mi ha aiutato a uscire dai miei peccati a farmi un serio esame di coscienza a riscoprire la bellezza della preghiera. ma poi ci sono tantissime altre realtà cristiane come i focolarini cl azione cattolica comunità missionarie tutte fanno un servizio alla chiesa e al papa altrimenti vedrete come i giovani scapperanno dalle chiese e si rifugeranno in altre cose. il cammino aiuta e kikko non è onnipresente nei nostri incontri anzi raramente viene menzionato la priorità per noi è la preghiera, la parola e l'eucarestia ribadisco lasciate che i giovani preghino per il papa e non pensate a seminare zizzania e falsità

claudio86 ha detto...

Io ero presente a fatima ero presente quando ci è stato fatto l'annuncio del pellegrinaggio non di certo ci è stato detto di andare per kikko ci è stato detto di andare per il papa per pregare per lui e per le persecuzioni che la chiesa sta avendo in questo momento tragico della cristianità, il cn aiuta moltissimi giovani che come me si sono allontanati dalla chiesa perchè non trovavano risposte alle proprie domande a riscoprire l'amore di Dio e per riscoprire la sua parola cosa che in molte parrocchie non si fa non dico che il cn è l'unico metodo per essere veri cristiani, sarebbe un'eresia il cammino mi ha aiutato a uscire dai miei peccati a farmi un serio esame di coscienza a riscoprire la bellezza della preghiera. ma poi ci sono tantissime altre realtà cristiane come i focolarini cl azione cattolica comunità missionarie tutte fanno un servizio alla chiesa e al papa altrimenti vedrete come i giovani scapperanno dalle chiese e si rifugeranno in altre cose. il cammino aiuta e kikko non è onnipresente nei nostri incontri anzi raramente viene menzionato la priorità per noi è la preghiera, la parola e l'eucarestia ribadisco lasciate che i giovani preghino per il papa e non pensate a seminare zizzania e falsità

mic ha detto...

caro Claudio,
sono decenni che l'incontro vocazionale del cammino segue ogni evento mediatico importante del Papa e sono decenni che le comunità vengono mobilitate per questo... certo già che ci sono dal Papa ci andranno, pregare pregano; ma tutto il resto che andiamo documentando del cammino non sono rose e fiori

che dirti? se non è il solito spot confezionato ogni volta che informiamo su qualcosa di problematico e per te va bene così, che il Signore ti accompagni

mic ha detto...

non capisco perché lo chiami kikko

Freedom ha detto...

Per Claudio 68,
è vero che in un primo momento il cammino neocatecumenale può far riavvicinare a Cristo tanti giovani, perchè, diciamocelo, è bello stare in gruppo , cantare le stesse canzoni, partecipare a imbandire di fiori (haimè) la tavola , non l'altare. Ma se tu, dopo esserti riavvicinato a Cristo, non eserciti il tuo spirito critico e non osi dire un bel NO! alle pressioni psicologiche violente, all'evidente presenza di simboli ebraici , che bada bene, in caso non lo sapessi , non hanno niente a che fare con Cristo. Nel Talmud il più sacro dei libri ebraici ,ci sono bestemmie contro Cristo e la Madonna. Ragiona , ma come fanno a coesistere il candelabro a 9 braccia e una liturgia che allude alla transignificazione luterana , in cui Cristo è assente? E le confessioni pubbliche di cui per anni mi è stata negata l'esistenza?
Che invece ci sono , altro se ci sono!
E perchè i segreti? Il Signore è Luce mentre, nell'oscurità, si ordiscono i segreti. Io non so a che livello stai del cammino ma il mio consiglio fraterno quando tu senti aggredirti nella tua dignità personale, perchè questa è la tecnica ipnotica , anche abbastanza rozza, dei catechisti, e cedi : sei fritto! poi sarai svuotato ("congelato" ) e riempito
delle eresie di Kiko
("riprogrammato" ).....SCAPPA fratello mio, SCAPPA! Potresti riportare in seguito danni psichici , morali , pecuniari, difficoltà di relazione, che ora neanche immagini...
Con affetto fraterno.
FREEDOM

Freedom ha detto...

Cari fratelli Neocatecumenali , parlo ovviamente ai neofiti,
lo so, perchè è successo anche a me, che a parte la mensa, il candelabro a 9 braccia, ecc. , nei primi tempi, potete non trovarci nulla di strano o eretico nel CN. Ma negli "orientamenti" Kiko ha scritto "che Gesù non è venuto per presentarsi come modello ai suoi fedeli; che l'uomo è obbligato dal diavolo a commettere peccato, lui non ne ha colpa". Se fossero vere queste gravissime asserzioni: tutti i Santi, e ce ne sono una schiera innumerevole, sarebbero stati tutti solo degli illusi. Pensate agli stigmatizzati: San Francesco, Santa Gemma Galgani, San Pio da Pietrelcina, e cito solo i più famosi: tutti affetti da malattie mentali. Una volta ho sentito dire da un catechista che San Francesco d'Assisi ha vissuto una religiosità naturale. Durante le risonanze ad un fratello che parlava di Gesù come un Dio d'amore gli è stato risposto che era un moralista.
Sempre Kiko ha affermato che "siamo tutti sacerdoti" ma non è vero! nel senso che alcune persone si consacrano a Dio e sono più sacerdoti di noi, semplici fedeli. La lista di "catechesi" di Kiko purtroppo sarebbe assai lunga. Ma basterebbero anche solo queste tre per definire Kiko eretico . Badate, a me nessuno mi paga per venirvi a dire queste cose, ve le dico per AMORE. Rifletteteci.
Il Papa ha esplicitamente detto che vuole ricondurre il CN in seno alla chiesa cattolica attraverso una sua "purificazione"; i testi delle catechesi continuano a rimanere non pubblicati, i famosi statuti ne sono privi. Auguro a ciascuno di voi che legga queste pagine, di meditarle con serenità: perchè c'è il segreto? Perchè viene imposta una tassa LA DECIMA per diventare catecumeni, cioè veri cristiani?
Perchè non si possono fare domande? In nessun ambito cattolico avviene questo. Tutto è alla luce del sole, i frutti del Signore sono i "frutti della luce", ricordatelo e meditate.
Un abbraccio in Cristo+
Per chi volesse leggere e approfondire tale argomento rimando al mio blog :
http://freedom-nonpraevalebunt-freedom.blogspot.com/
FREEDOM

dalb.mario-chiruplas ha detto...

Rimango sempre esterefatto leggendo quali e quante assurdità i nc combinano! Che molti ecclesiastici non fiatino è ormai prassi abituale. Recentemente lessi di A.Socci che da tempo punta il dito contro il card.Bertone come mentitore sui segreti di Fatima.Socci argomenta con solide prove che Maria Santissima abbia rivelato tante cose che ora non si vogliono dire per "non turbare" e penso che Lei abbia pure rivelato una grande apostasia in seno alla Chiesa, ma di cui il Bertone, come altri non ne vogliano parlare per non perdere evidentemente il potere che sentono di avere. L'apostasia nella Chiesa è rappresentata abbastanza compiutamente dal Cammino Nc, che continua a propagarsi con le sue aberranti visioni arcaiche ed antistoriche pensando di rifarsi ad un cristianesimo degli inizi.La mia riflessione di ora, che espongo a tutti coloro che vogliano rifletterci è questa: ho letto, sentito e ne ho avuto riprova, che i NC interpretano la fecondità matrimoniale come esclusivo dono di Dio che non deve essere in alcun modo "fermato". Dimenticano però che la paternità e maternità responsabile, armonizzata con le metodiche naturali accettate da decenni nella Chiesa, sono il nucleo ben più importante di una "accettazione passiva" dei propri istinti che si esprime poi, nel loro linguaggio falso con altre poetiche frasi che non tolgono la triste realtà della loro perseveranza dottrinalmente sballata.Voglio ricordare che affidarsi al Signore è doveroso, ma voler tentare il Signore ad intervenire nella propria vita, facendo ciò che aggrada e poi dicendo che "ci penserà Lui" a mantenere figli e famiglia, significa mettersi nei panni di satana che tentò Gesu il Cristo durante i 40 giorni del deserto.
E' con amarezza che mi sono reso conto che anche qui l'aberrazione Neocatecu è veramente satanica. Non c'è altro che stringersi a sostenere la dottrina tradizionale e vera con testardaggine. Alla fine la Madonna e suo Figlio trionferanno sulle eresie ed apostasie e noi avremo la gioia di essere rimasti fedeli nonostante tutto.Sono d'accordo pienamente con quei sacerdoti che scrissero che il Papa non può scomunicare il Cammino; si creerebbe uno scisma ed una confusione spaventosa. Dolorosamente Benedetto XVI aspetta che il Signore agisca, lui, papa, ha già parlato chiaramente ripetute volte ed indicato pure quale sia la strada dottrinalmente valida e corretta. Basta leggere alcuni passaggi fatti in più occasioni per capire le dritte date ai Neocatecu, che per ora non vogliono ascoltare.
Marius miles

dalb.mario-chiruplas ha detto...

L'eresia neocatecu è molto diffusa nel mondo ed il Papa ha lanciato varie volte degli appelli ben chiari che i neocatecu non volgiono ascoltare o, meglio, non possono più ascoltare pervasi come sono da quiell'atmosfera emozionale che caratterizza la loro vita e le loro riunioni.Sono anch'io convinto come alcuni sacerdoti che hanno scritto in blog precedenti, che il Santo Padre abbia capito ma non possa più condannare i Nc dichiarandoli eretici, per il fatto che creerebbe uno scisma nella Chiesa forse non producente alcun bene per nessuno. Il meglio è pregare ed aspettare che il Signore illumini queste menti confuse e manovrate per riportarle sul vero e giusto Cammino della tradizione.

dalb.mario-chiruplas ha detto...

Per quanto riguarda il Portogallo e Fatima, è triste vedere che gli eretici abbiano occupato, se pur temporaneamente la oiazza di Fatima dove proprio la Madonna apparve ad annunciare castighi e drammi della Chiesa. Di questi sembra abbia parlato proprio di apostasia....il giornalista Socci continua a puntare il dito contro il card. Bertone che volle annacquare e mistificare uno dei segreti di Fatima che avrebbero dovuto essere ben rivelati all'umanità da decenni, ma sempre taciuti per ragionamenti umani. Comunque sembra che la Madonna appaia spesso anche in luoghi insospettabili proprio per avvisare quanti più possibile del disastro che è nella Chiesa. E questo tacere dell'eresia neocatecu da parte di molti pastori, ne è esempio di disastro
Marius

mic ha detto...

Caro Mario,

grazie per i documenti che hai allegato con tutti i richiami evidenti ai neocat desunti dai più recenti interventi del Papa. Li utillizzerò per un documento in preparazione per il sito.

Purtroppo, tutto quanto dice il Papa e il Magistero "non li riguarda" dicono: loro hanno gli indulti... è un grosso inganno, ma nessuno interviene!

Tu stesso ne hai espresse le difficoltà. Continuiamo a sperare e pregare

Mel ha detto...

Continuo a leggere i post e sono sempre più sconfortato.... a chi mi ha chiesto a quale Chiesa appartengo, rispondo certamente ad una diversa dalla vostra, la mia Chiesa è quella che discende da Cristo!
Sapete quello che è stato messo in croce da persone religiose (sommi sacerdoti) al fine di non perdere IL POTERE di fare gli affari loro e non venire DERISI per i loro comportamenti...
quello che è risuscitato ed è vivo nella sua Chiesa.....
quello che ha inviato lo Spirito Santo alla sua Chiesa.....

Il potere di dire quello che ho detto mi viene dal mio essere (come tutti i cristiani battezzati) FIGLIO DI DIO... lo sareste anche voi se lasciaste di criticare questo o quello per i comportamenti che a voi sembrano strani... e poi di criticare anche il Papa...

Cari sepolcri imbiancati,
il Cristo ha detto che colui che opera nel suo nome non può essere contro di Lui.

Ed agli apostoli ha riferito che per essere grandi occorre farsi piccoli, cari i miei farisei....

Chiedetevi soltanto perché il Papa benedice i Redemptoris Mater, perché la Chiesa nei suoi cardinali aiuta il Cammino Neocatecumenale, perché voi siete a discutere su questo blog e dire ERESIE, mentre fuori c'è una creazione che geme nel dolore e nella sofferenza visto che non conosce Cristo.

La risposta è che volete un CRISTO A MODO VOSTRO, ma guadate che anche GIUDA ISCARIOTA era come voi, voleva un Cristo giustiziere, di quelli che puniscono, di quelli che cancellano le persone scomode.

AMATE I VOSTRI NEMICI per voi cos'è uno slogan del '68 o forse è NEW AGE....

DARE LA PROPRIA VITA PER I PROPRI AMICI O PER I NEMICI è forse utopia, SVEGLIATI DAL SONNO O TU CHE DORMI.....

Tra un pò il tuo posto in prima fila in cattedrale ti verrà tolto, non potrai più appuntarti le medaglie della santità, non sarai più il più grande, adesso sono tempi bui. Ti sarà richiesta la vita, tra un poco ci sarà il "martirio" prima verbale e poi verrai discriminato ad essere cristiano, ma NON TEMETE, HO DETTO AD ESSERE CRISTIANO ED I MARTIRI SONO MORTI PER NON AVER RINNEGATO.... VOI PER QUESTO POTETE STARE TRANQUILLI, le vostre parole vi descrivono senza maschere....

mic ha detto...

Continuo a leggere i post e sono sempre più sconfortato.... a chi mi ha chiesto a quale Chiesa appartengo, rispondo certamente ad una diversa dalla vostra, la mia Chiesa è quella che discende da Cristo! Sapete quello che è stato messo in croce da persone religiose (sommi sacerdoti) al fine di non perdere IL POTERE di fare gli affari loro e non venire DERISI per i loro comportamenti...
quello che è risuscitato ed è vivo nella sua Chiesa.....
quello che ha inviato lo Spirito Santo alla sua Chiesa.....


vedi, caro, Mel, anch'io quando ne sentivo parlare nel cammino, pensavo si trattasse dello stesso Signore; ma se davvero così fosse non staremmo qui a dedicare il nostro tempo alla Verità, che è Lui... e non si tratta della MIA verità, perchè allora tu avresti ragione da vendere a formulare le tue accuse e le tue rimostranze, ma di quella ricevuta e accolta dalla Chiesa di sempre, la cui Rivelazione Apostolica, per la quale 'conosciamo' il Signore e aspiriamo a conoscerLo e radicarci sempre più, fa a pugni con quella inculcata dai tuoi iniziatori, che tuttavia continua ad essere spacciata per cattolica

la nostra non è "religione naturale", come attribuite ai "cristiani della domenica", ma FEDE Viva in Gesù Signore e, quindi non ci puoi attribuire epiteti comme "persone religiose (sommi sacerdoti)" che hanno ucciso il Signore, perché noi non stiamo criticando (uccidendo) LUI, ma un messionismo che lo deforma e lo tradisce... non puoi identificare il cammino con Cristo

Il potere di dire quello che ho detto mi viene dal mio essere (come tutti i cristiani battezzati) FIGLIO DI DIO... lo sareste anche voi se lasciaste di criticare questo o quello per i comportamenti che a voi sembrano strani... e poi di criticare anche il Papa...

tu hai il potere di dire tutto quello che vuoi. Quello che non hai capito è che non critichiamo i comportamenti "che a noi sembrano strani", ma quelli che sono "estranei" a quel che insegna la Chiesa cattolica. Inoltre non critichiamo il Papa, ma ci poniamo delle domande legate alla vostra inquietante identità lasciata penetrare sempre più nella Chiesa

Cari sepolcri imbiancati,
il Cristo ha detto che colui che opera nel suo nome non può essere contro di Lui.
Ed agli apostoli ha riferito che per essere grandi occorre farsi piccoli, cari i miei farisei....


per corrispondere ai tuoi epiteti dovremmo ritenerci perfetti e dovremmo anche essere legalisti... ma la nostra denuncia non nasce da una nostra supposta perfezione, né da legalismo, giuridismo, rubricismo e sterili cose come queste, ma dalla FEDELTA' a CRISTO Signore e alla Sua Chiesa, quella UNA SANTA CATTOLICA.
Vedi, caro Figlio di Dio, la tua Chiesa 'appare' UNA, ma resta una con se stessa, perché non fa comunione con nessun'altra realtà ecclesiale e, venendo meno la comunione, che è opera del Signore, viene meno anche l'unità e si crea divisione; e questa non la provochiamo noi: non facciamo altro che constatarla. San Tommaso dice contra factum non valet argumentum.
Non basta accogliervi come niente fosse o per falso buonismo, per creare unità: l'unità nasce dalla comunione e con voi non può esserci perché nonostante vi proclamiate cattolici e pure con tanta enfasi, siete tutt'altro... e cosa siete lo abbiamo documentato ampiamente in raffonto a cos'E' la Chiesa...

E ricordati che io non pretendo di parlare a nome di Cristo come stai facendo tu (timore e tremore mi prenderebbe), che dici di "operare nel suo nome"; io 'mostro' ciò che conosco della Verità con parole della Chiesa e non pretendo di operare nel Suo Nome, spero solo che Lui si serva davvero di me...

mic ha detto...

.. segue

Chiedetevi soltanto perché il Papa benedice i Redemptoris Mater, perché la Chiesa nei suoi cardinali aiuta il Cammino Neocatecumenale, perché voi siete a discutere su questo blog e dire ERESIE, mentre fuori c'è una creazione che geme nel dolore e nella sofferenza visto che non conosce Cristo.

ce lo siamo chiesto e richiesto e l'unica risposta che abbiamo, a parte la constatazione che il Papa, oltre ad incoraggiarvi vi ha anche ripresi inutilmente, è: mysterium iniquitatis

la "creazione che piange e geme", non aspetta un falso messia!

La risposta è che volete un CRISTO A MODO VOSTRO, ma guadate che anche GIUDA ISCARIOTA era come voi, voleva un Cristo giustiziere, di quelli che puniscono, di quelli che cancellano le persone scomode.
AMATE I VOSTRI NEMICI per voi cos'è uno slogan del '68 o forse è NEW AGE....


Questa è la TUA risposta.
E invece noi vi amiamo, ma amiamo prima di tutto la Verità e non c'è Carità senza Verità. Sul Cristo a modo nostro e su Giuda, credo che sei proprio fuori strada, avuto riguardo a quanto detto e ripetuto fin qui...

quanto alla NEW AGE, trovami qualcosa che abbia a che fare con cose del genere poi ne riparliamo...

quanto agli slogan, mi pare che ognuno di noi parli dal cuore e dalla propria esperienza, quindi non ci appartengono

DARE LA PROPRIA VITA PER I PROPRI AMICI O PER I NEMICI è forse utopia, SVEGLIATI DAL SONNO O TU CHE DORMI.....
Tra un pò il tuo posto in prima fila in cattedrale ti verrà tolto, non potrai più appuntarti le medaglie della santità, non sarai più il più grande, adesso sono tempi bui. Ti sarà richiesta la vita, tra un poco ci sarà il "martirio" prima verbale e poi verrai discriminato ad essere cristiano, ma NON TEMETE, HO DETTO AD ESSERE CRISTIANO ED I MARTIRI SONO MORTI PER NON AVER RINNEGATO.... VOI PER QUESTO POTETE STARE TRANQUILLI, le vostre parole vi descrivono senza maschere....


credi davvero che qui si dorma o non si sia invece ben DESTI? Lo dico perché non ce lo siamo detto da soli, ma un vescovo e alcuni sacerdoti ci hanno ricordato le "sentinelle dormienti" e i "cani muti" prefigurati da Isaia...

non può essermi tolto "un posto in prima fila in cattedrale" che non ho, né medaglie che nessuno mi ha dato... noi siamo i più piccoli dei piccoli e parliamo, con quel po' di voce che c'è rimasta ma che il Signore fa arrivare forte e chiara a chi ha orecchie per intendere, anche per quelli che non hanno voce.

Se i tempi sono bui le cause sono tante, e le conosciamo, ma purtroppo non è il messianismo kicarmeniano il rimedio. Se le nostre parole ci descrivono senza maschere, forse può meglio giudicarlo chi è abituato e riconoscere la verità o le maschere che la deformano...

Quanto alla nostra testimonianza (tale è il martirio, che sia cruento o meno), ci affidiamo al Signore e mettiamo tutto nelle Sue mani

mic ha detto...

GIUDA ISCARIOTA era come voi, voleva un Cristo giustiziere, di quelli che puniscono, di quelli che cancellano le persone scomode.

sei completamente fuori strada... è la solita reazione di chi, nel cammino, ad ogni critica fa corrispondere una minaccia di annientamento.

noi non vi consideriamo affatto 'scomodi', ma consideriamo deleterie anche per voi (oltre che per la Chiesa tutta che pretendete rappresentare e addirittura sostituire) le cose che vi insegnano e vi fanno praticare.

Non ci interessa punire voi o chicchessia: non siamo mica Dio!!!
Ci interessa una semplice parolina pronunciata dal Papa, ma che i vostri iniziatori respingono con sdegnato orgoglio (l'orgoglio non vi dice nulla? E nemmeno vi spaventa?): "purificazione"...

HAI CAPITO???

jonathan ha detto...

A parte il piacere per me e per tanti di leggerti, Mic, temo sia davvero inutile argomentare su un proclama come quello di Mel. Mi sembra non manifesti alcuna intenzione di discutere, lui ha solo certezze, niente dubbi, niente domande da porsi, va tutto bene così, per lui, nel cammino, è perfetto così.

Poi andrà in comunità. E si troverà ad ammonire la Parola di Dio, magari l'Inno alla Carità di San Paolo che è, per così dire, molto gettonato di solito nelle preparazioni della Parola. La Carità che si compiace della Verità...E si usa il Nome di Dio come fosse un antibiotico ad ampio spettro, per far dire alla Parola tutto e il contrario di tutto.

Non se ne può più di questo scempio, proprio non se ne può più.

Freedom ha detto...

Per persone come Mel provo sentimenti di cristiana pietà, non lo odio come lui crede. Io spero per lui che un giorno, dopo avere scoperto, di non avere seguito Cristo , ma Kiko, per anni, non entri in una profonda depressione psichica e spirituale.
Sono anche convinto di una cosa ,la parabola del CN è legata alla vita dell'istrione Kiko , ai suoi metodi ipnotici, alla sua figura di profeta. Il Cn si agretolerà , dopo la morte dell'Arguello, sebbene lasci i 12 cefa e i 72 non-so-cosa e una organizzazione ormai perfettamente automatizzata e funzionante. La chiesa di Cristo resiste da 2000 anni a individui del genere......
Chi mi fa pena sono i neofiti e gli ipnotizzati del CN , che defunto il loro capo, resteranno senza punti di riferimento, dando luogo ad una nuova apostasia.
Sempre che nel frattempo non facciano Papa Kiko.....

FREEDOM

dalb.mario-chiruplas ha detto...

Sono anche convinto di una cosa ,la parabola del CN è legata alla vita dell'istrione Kiko , ai suoi metodi ipnotici, alla sua figura di profeta. Il Cn si agretolerà , dopo la morte dell'Arguello, sebbene lasci i 12 cefa e i 72 non-so-cosa e una organizzazione ormai perfettamente automatizzata e funzionante. La chiesa di Cristo resiste da 2000 anni a individui del genere...... Così scrisse Freedom e così pure io auspico con tutto il cuore! Anzi spero che ben prima il "castello di carte" con le manie giudaiche e le argomentazioni simil-teologiche crolli e finalmente i neocatecu siano liberi di gioire nella Verità senza più le pastoie dei loro incontri di reiterate ed ossessive frasi a slogan. Ricordo quando durante il famigerato "68" centinaia e migliaia di giovani furono irretiti dalle sinistre in un tripudio osannante anche quel criminale terribile che fu MaoTseDong. Ricordo quanti furono avviluppati dalle frasi ripetute e scandite dalle masse e mi chiedevo perchè i miei compagni di classe fossero così rimbambiti...I neocatecu vengono dal "68" il Kiko è degno figlio di quella rivoluzione che ha declassato ogni ideale ed ogni spiritualità ed il rumor dei tamburelli e delle chitarre serve a ottundere le coscienze come allora con soltanto una diversa versione della massificazione; ora la massificazione è il settarismo nella Chiesa con tanto di dottrina eretica ed apostata studiata ad arte per coinvolgere quante più persone possibili.Masse entusiaste da immolare sulle "mense" neocatecu per creare la nuova chiesa sorta sulle macerie della "vecchia" che cercano di demolire dall'interno. Le frasi di Mel sono estremamente precise nel mostrare la loro dottrina "superiore" da "figli di Dio" che hanno ormai la scienza teologica in mano. Ritengo sia il caso di ripresentare la dettagliata analisi psicologica dei subalterni nelle sette.E' quanto mai inerente e identifica con precisione la mente distorta di questi poveri fratelli. Sconvolgente ogni volta per me rileggere le solite accuse verso i NON neocat. ed il piagnisteo che si trasforma in parole di fuoco e di livore perchè è estremamente sgradita ogni critica, anche se fatta con amore e trepidazione come noto da parte di tutti !

dalb.mario-chiruplas ha detto...

Come mi lascia sconvolto quel che leggo di come vengono reclutati i novelli sacerdoti o suore....ora mi spiego tanti dubbi e riflessioni che ho avuto dagli strani errori di comprensione dell'esterno che hanno avuto missionari e sacerdoti neocat.conosciuti. Di fronte a delle richieste precise e semplici fatte da me ho avuto risposte dissonanti ed irreali che intendevano condurmi ad obiettivi mai cercati e lontani da ogni mia logica cristiana. La formazione mentale loro è a strutturazione emotiva ad impulso, non riflessiva ed entusiasta, quindi non appena la realtà che si presenta non è affrontabile con un minimo di riflessione, si ripercorre lo stesso schema imparato (emozionale ad impulsi) e quel sistema viene da loro identificato come sistema di fede(l'emozione) e di illuminazione divina(l'impulso).Una completa mistificazione del corretto uso della ragione e della fede per autogiustificarsi le aberrazioni dottrinali. Così diventa molto difficile che aprano gli occhi in molti, molto difficile !

mic ha detto...

Caro Mario,
molto centrata la riflessione e la conclusione cui sei giunto... è esattamente questa la situazione.
La stiamo segnalando da decenni; ma probabilmente la logica - il Logos - non ha più molto diritto di cittadinanza nella Chiesa.

L'importante è non permettere che si spenga del tutto.

E' certo che stiamo camminando sulle rovine della Chiesa; ma è altrettanto certo, che -insieme al Signore e con la Sua Grazia- si sta anche ri-costruendo...

sembra solo, al momento, attraverso oasi nel deserto; ma siamo sicuri che il deserto quando vorrà il Signore rifiorirà...

mic ha detto...

.