giovedì 22 aprile 2021

Il Cammino Neocatecumenale: un sogno che sta diventando un incubo.

Per Kiko, internet è come la chiesa: si può usare internet e si può entrare in chiesa solo per obbedienza al Cammino.
Se si entra in internet o in chiesa per motivi di fede personale o di ricerca della Verità, allora si è indemoniati o parrocchiosi delle 12. (da Valentina Giusti)

Spulciando qui e là tra i nostri commenti...

E' evidente, col prolungarsi dei tempi della pandemia, un cambio di passo nei confronti di internet. Si vede che Satana non se ne serve più per fare uscire i fratelli dal cammino. I fratelli neocatecumenali, sempre più numerosi, frequentano i social e aprono gruppi su fb, mentre la piattaforma in generale è diventata fondamentale anche per i vari capoccia, per mantenere vivo il contatto con le comunità che conducono.

Lo stesso Kiko ha dovuto fare di necessità virtù, concedendosi sempre più di frequente in modalità videoconferenza. Anche se proprio non riesce a rinunciare al modello tradizionale per cui ci si sposta dai quattro angoli della terra pur di venire ad ascoltarlo in presenza, mentre proclama il suo verbo che agisce di pronto; con tutte le conseguenze di diffusione sconsiderata del contagio, come abbiamo visto di recente, quando il COVID ha colpito frontalmente la Triade stessa degli Iniziatori (e Dio solo sa quanti altri partecipanti!).

 

Un pavone, ma dietro due ali oscure
Ma in presenza o via streaming, ci spiega Valentina Giusti, solo e sempre un'unica motivazione li muove:

La caratteristica più plateale del Cammino e del suo iniziatore è questa: sono sostanzialmente e inguaribilmente pavoni, non possono fare a meno di vantarsi! 
Ma questo vizietto mal si concilia con una metodica che ha permesso al Cammino fino ad ora di sopravvivere nella Chiesa: l'arcano. L'arcano, il segreto, il celare le proprie prassi, consente di incapsulare la spike del virus letale del Cammino in modo che le difese immunitarie del corpo della Chiesa non lo individuino, possa penetrare nelle cellule-parrocchie sane, e in esse essere comodamente replicato e proliferare. 
L'arcano si difende con il silenzio; ma quando subentra il pavone che c'è in ogni neocatecumenale che si rispetti, l'arcano si può difendere solo con le (pietose) bugie. Ecco perché nel Cammino la menzogna è rispettata ed utilizzata largamente a scapito della verità. 
È esemplare in proposito questo articoletto-comunicato del Cammino, in cui i soliti pavoni si vogliono vantare che il proprio Guru abbia profetizzato pubblicamente la propria malattia/morte (e, sottinteso, la propria pasquale resurrezione).
Per questo devono riferire degli Annunci di Pasqua di Roma e Madrid, momenti clou in cui il leader morente saluta lieto i suoi con le parole di Gesù (ah no, scusate: con le parole di Tagore. Ma fa lo stesso).
Ma qui interviene l'arcano: il mondo crudele, che sa leggere e far di conto, potrebbe addebitare al guru una imperdonabile leggerezza, nel fare affollate conferenze pubbliche in tempi di pandemia! E quindi scatta la prima bugia: gli incontri da riunioni in presenza si trasformano in meeting virtuali, in streaming; e, nel dubbio che comunque qualcuno possa fare accostamenti indebiti, non viene citata la data di Madrid, troppo vicina all'evento infettivo. 
E così il pateracchio è servito! Fino alla prossima vanteria. (da Valentina Giusti)


Tira le somme LUCA:

È sempre lo stesso discorso del pavone che spiegava Valentina.  
Quando il CN era in pieno sviluppo Kiko non voleva che i suoi adepti andassero sui social e su internet per paura di svelare gli "arcani", quegli "arcani" che gli hanno consentito di ottenere un posto nella Chiesa e gli consentono di crescere indisturbati, nonostante le eresie proclamate e conclamate. 
Ora che il CN è in declino, perché gli arcani sono stati svelati, l'ultima risorsa è farsi pubblicità in tutti i modi ed ecco la necessità dei social e di internet.  

 

Gli stessi neocatecumenali si rendono conto che c'è qualcosa che non va nel loro piccolo mondo che diventa sempre più piccolo, quindi, per dimostrare a tutti che non sono in crisi nera, si fanno pubblicità cercando di mostrare il volto migliore del CN.

Sentono il bisogno di auto-convincersi di essere i migliori.
Visto che il mondo li ignora, ecco la necessità di farsi pubblicità da soli, di auto-proclamarsi gli unici ed ultimi cristiani-con-la-fede-adulta, contribuendo a svelare gli ultimi segretucci rimasti.  
I catechisti sono disperati e gli adepti sono fuori controllo.
Fanno come gli pare, dentro e fuori del CN.
Sono saltati gli schemi rigidi della disciplina imposta dalla gerarchia neocatecumenale.

È finita, lo sanno tutti, ma nessuno ha il coraggio di dichiararlo.
C'è troppa gente spaventata che vede il vuoto sotto ai suoi piedi.
Gente che ha sprecato la sua vita dietro un sogno che sta diventando un incubo. (da LUCA)

 


Oggi è stato davvero un successo
Kiko Arguello è stato dimesso
dopo pochi giorni dall'ospedale
oh che notizia fenomenale
adesso il Cammino Neocatecumenale
si può dire salvo meno male
a casa in convalescenza resterà
ma ben presto del tutto guarirà
poi tra noi di nuovo tornerà
e ancora a lungo ci guiderà
e diremo : Kiko non è morto
sì Kiko è davvero risorto

            (da un Anonimo)

112 commenti:

  1. Mi allaccio a questa pagina, ma il discorso è collegato al post precedente, scusate se non lo metto lì, perché credo sia utile fare così.

    Vorrei appuntare un fatto.

    Valentina ha descritto molto bene sulla "Provvidenza", però lei è ancora un'anima troppo gentile
    e direi sensibile.
    Per cui aggiungo dei dettagli veri e vissuti e dei miei pensieri, che sono pensieri e per cui non so fino a che punto abbiano una corrispondenza con la realtà.
    OK! Sono questi.
    Il sacco nelle convivenze si fa passare fino allo sfinimento, dopo aver annunciato il "Kerigma" del non essere attaccati al denaro. Se non è sufficiente, perché la spesa è troppo alta per i pochi che pagano mentre gli altri che non pagano hanno i conti correnti in banca ( sfido chiunque a dirmi il contrario, ripeto chiunque), ecco che si proclama altra "Provvidenza",cioè qualcuno si fa carico del debito, normalmente il responsabile, e poi questo verrà recuperato nel corso delle settimane.
    Per cui la "Provvidenza", che diventa "DEBITO",( ripeto debito generato da altri che hanno il conto corrente) viene ripetuta durante le settimane fino al recupero del tutto. Cioè lo sfinimento non è che finisce lì quel giorno, dura settimane e anche mesi. Evidentemente "Provvidenza" per alcuni, "Debito" per altri.
    Questo che ho esposto è la realtà dei fatti vissuti da me, ne sono testimone diretto.
    Ora viene ciò che penso.
    Siccome questo blog è controllato, opss chiedo scusa, è letto dai nc, specialmente da chi chi ne è dentro fino al collo,per ovvi motivi, ecco che potrebbero essersi fatti più astuti. Cioè questi, dal momento che si è fatta tana libera tutti, potrebbero attingere da altre fonti ( decima, spese dei fiori, collette extra in vista delle convivenze,fondi creati da innumerevoli collette,
    ecc, ecc ( ognuno pensi ai vari metodi che si potrebbero attuare)),per dimostrare che alle convivenze paghino e per cui siano responsabili e che il blog dica bugie e calunnie ( come se la verità potesse essere annullata).
    Cioè, da chi si è presentato in passato in quel modo a sbafo, e sicuramente si sia detto " l'Apostolo ha diritto alla sua mercede" dandosi la scusa di aver diritto a sbafare sul prossimo utilizzando la Parola di Dio, ecco che a questo punto lo sbafatore potrebbe sentirsi divinamente autorizzato a impostare altri metodi.Tanto è Dio che lo autorizza. Infatti Dio non è tenuto a rendicontare le spese, è il Creatore, può Dio dover rendere conto all'uomo di ciò che fa. Non so se avete capito l'ultimo mio pensiero.

    Cristiano Della Domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea CdD! Anche se penso che quelli che vengono qui a parlare di provvidenza e di Mammona siano proprio loro a non pagare o a pagare meno della propria quota o addirittura a prendere (ai miei tempi si diceva che qualcuno avrebbe potuto attingere pure denaro invece che metterlo direttamente dal sacco nero, ma non l'ho mai visto fare).
      Ad ogni modo non sei fuori tema. Si tratta pur sempre di sogni che si trasformano in incubi.

      Elimina
    2. Voglio concludere con una mia osservazione.
      Dio è Padre, e per cui non potrebbe mai permettere una qualche discriminazione verso un suo figlio. È impossibile. Può permettere un fatto ma per dei motivi a Lui noti.
      E quindi il fatto della " Provvidenza" per alcuni e del " Debito" per altri sicuramente non rientra nella sua Volontà. Da qui capite che c'è altro, il peccato.
      E siccome Dio non può essere d'accordo, capite che il tutto Gli è contro. Si sono come invertite le parti, i veri catechisti, che catechizzando con l'esempio erano dall'altra parte, invece i neofiti che parlano dal leggio e fanno ciò che sapete sono dall'altra.
      Ecco perché vi dico che questi vanno rievangelizzati. Non hanno capito nulla, come i bambini dell'asilo, gli dobbiamo spiegare che 1+1 fa 2, non 13.
      Cristiano Della Domenica.

      Elimina
    3. scusate ho scritto male, ma il senso lo abbiamo capito: non potrebbe mai essere d'accordo, o acconsentire...

      Elimina
    4. Cosa vuol dire parrocchiosi? Per caso parrocchiani spocchiosi?

      Elimina
  2. "Fratelli Kiko è risorto". Un colpetto di tosse di Kiko manda in paranoia apocalittica le comunità neocatecumenali.

    "Fratelli papa Benedetto XVI si è dimesso". I neocat festeggiano.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Per Kiko, internet è come la chiesa: si può usare internet e si può entrare in chiesa solo per obbedienza al Cammino.
    Se si entra in internet o in chiesa per motivi di fede personale o di ricerca della Verità, allora si è indemoniati o parrocchiosi delle 12. (da Valentina Giusti)
    --------

    Ordunque, solo quando si agisce in nome e per conto del cammino, o per il fatto di far parte del cammino, qualunque comportamento o azione è sacrosanta.
    Ogni altro motivo ci spinga è idolatria, asservimento al demonio oppure, nella migliore delle ipotesi: religiosità naturale.
    Questo modo di intendere ostracizza qualunque azione fuori dalle logiche neocatecumenali, diciamo pure che per chi entra nel cammino, non esistono più altri orizzonti, altri obiettivi da raggiungere nella vita. Se non quelli funzionali al cammino di fede e campatibili con esso.
    Non esiste esigenza familiare, anche dettata dai doveri di stato che prevalga.
    Non esistono neanche i problemi di salute, anche gravi. In questi casi si mette in campo "hai o non hai la resurrezione dentro" e il peggior talebanismo è assicurato, a rasentare il peggior fanatismo tipico del kamikaze.
    Lo diciamo per completezza, ma la cosa è ovvia: ancor meno incidono le esigenze lavorative e, parlare di carriera è considerata la peggior specie di idolatria.
    Per la salute, forse più che per tutto il resto, qualcuno che ci legga occasionalmente potrebbe anche arricciare il naso chiedendosi "Com'è possibile? Arrivare a questi eccessi?".
    Ma il COVID ci ha confermato il loro fanatismo. Si deve vivere il cammino in presenza, perchè il Signore è in mezzo a noi solo se ci riuniamo, tanto se non moriamo di COVID di qualcosa moriremo!

    E non si porti ad esempio i santi che si sono consumati per completare la loro missione, per amore a Gesù Cristo. Essi lo hanno fatto in un estremo atto di donazione, in una oblazione perfetta, per puro amore a Gesù Cristo. Non certo per tenere in piedi una struttura idolatrica che si è, di fatto, sostituita a Dio.
    "Senza il cammino tu non sei nessuno" Il cammino mi ha salvato" e rivolgendosi ai figli "se non ero in cammino tu non saresti nato"... e chi più ne ha più ne metta.
    Il Cammino è idolatria e
    Kiko è un idolatra
    come lo era la compianta Carmen.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiamo omettere un'ultima considerazione.
      Non solo le cose umanamente lecite, come recarsi in Chiesa o utilizzare internet, per i neocatecumenali sono ammissibili solo se collegate all'obbedienza ai kikatekisti (che poi è sempre obbedienza a Kiko), ma persino le cose inammissibili, come la menzogna e la calunnia, assurgono a "cosa buona e giusta" se sono fatte per il bene del cammino, per tutelare il suo BUON NOME, per difenderlo comunque.

      Pax

      Elimina
  5. Ho posto come incipit dell'articolo odierno la splendida chiosa di Valentina.
    È un dono riuscire ad essere essenziali, a esprimere in sintesi concetti importanti e fondanti, perché restano più impressi.
    Lino Lista in quest' arte era maestro! Anche per questa sua dote ci manca tanto.

    Se nel neocatecumenato uno fa qualcosa per motivi legati alla sua Fede personale (che nel cammino esiste solo quella che salva a grappoli) o, peggio ancora, per la ricerca (sempre personale) della Verità ( che presuppone cuore vigile e mente illuminata e sano discernimento) si insinua in Kiko il terrore che un simile soggetto sia in grado poi di muoversi in autonomia (orrore!) e dunque fuori controllo (fuori del SUO controllo, ovviamente!).

    Pax

    RispondiElimina
  6. ... E dunque appare chiaro il perché panacea di tutti i mali nel kikianesimo è e sarà sempre
    La sacrosanta OBBEDIENZA AL CAMMINO....

    Kikianesimo, giammai cristianesimo, men che meno cattolicesimo.

    Bravo Kiko, bravo davvero!
    Complimenti. Ormai per noi sempre più sei carta letta.

    Pax

    RispondiElimina
  7. "tanto se non moriamo di COVID di qualcosa moriremo!"
    E se possiamo "lasciargliela passare" a titolo personale, perché alla fine dei conti ogniuno è padrone del proprio destino, quello che è, a mio modestissimo avviso, INACCETTABILE, e che si rischi la vita di altri, consapevoli o meno, per dirla in modo colorito il visio è sempre lo stesso "fare i finocchi con il culo degli altri", o in un modo più "politicamette corretto"...."esseri liberi dai soldi...ma con i soldi degli altri" ( in questo Kiko è maestro )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono i camminanti: "tanto se non moriamo di COVID di qualcosa moriremo!"

      Però Kiko all'ospedale ci è andato immediatamente!
      Però tutti hanno pregato per lui!
      Evidentemente meglio morire di "qualcosa" piuttosto che di covid!

      Anche con la decima sfidano Dio: promettono il centuplo in beni materiali copncreti fin da questa vita e poi molti si ritrovano a non avere risorse neanche per far studiare i figli e si ritrovano a elemosinare beni essenziali.

      Quando si sfida Dio la provvidenza non funziona, quando si ha fiducia nel Cammino non si ha fiducia in Dio.

      I camminanti che danno in maniera spropositata al Cammino dimenticando sia le necessità della CHIESA Apostolica che le necessità dei POVERI, sono come Pinocchio che, fidandosi del Gatto e della Volpe, ha seppellito lo zecchino d'oro perché, con FEDE CIECA, ha creduto che sarebbe spuntato un albero pieno di zecchino d'oro!

      Elimina
  8. Ieri ho rivisto dopo un anno l'amico iglesiente e si è parlato del Cammino. La sua ormi ex comunità sta cercando di riportarlo all'ovile, ma la risposta è sempre : no. Mi ha detto a proposito del Covid che già nel periodo del lockdown i camminanti continuavano a vedersi in presenza , ignorando le norme antiCovid. Lui ha ripreso ad andare solo dopo, ma sempre con la mascherina e a debita distanza, finchè li ha mollati un mese fa. Nella sua ex comunità ci sono stati dei positivi, circa la metà sono in quarantena in casa e tre all'ospedale di cui uno in terapia intensiva. Noi focolarini continuiamo ancora a vederci con la piattaforma Zoom fino a fine pandemia. Aldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi la Sardegna da zona bianca a zona rossa "grazie" al Cammino?

      Elimina
    2. ..ma anche no...la supidità/irresponsabilità non sono razziste

      Elimina
    3. No, Pietro, è solo per dire che i csmminanti, non tutti spero, sono disobbedienti alle norme governative e combinano queste cose, se la Sardegna è in zona rossa sono altri imotivi Aldo

      Elimina
    4. Però Aldo credimi se la Sardegna è cattolica È merito loro, sicuramente 😅🤣

      Elimina
    5. Penso che comunque il loro comportamento abbia contribuito a diventare zona rossa e stia contribuendo a rimanerci. So per certo che anche le comunità di Cagliari hanno sempre continuato in presenza e, nonostante la zona rossa continuano.
      Scusate ma stavolta non mi firmo, intanto gli amministratori sanno chi sono.

      Elimina
    6. Non solo anche a Cagliari continuano in presenza, ma i catechisti del Poetto sono andati a Iglesias a fare catechesi, con la scusa che cihanno portato il Cammino, nonostante il divieto di spostamento tra comuni Aldo

      Elimina
    7. È un tema piuttosto spinoso la questione dell'ubbidienza alle "norme governative", perché non è detto che tali norme siano sempre giuste e ragionevoli. Ci fu un tempo in cui le "norme governative" esigevano che i cristiani bruciassero incenso agli idoli.

      Il discorso è più generale e va considerato soprattutto il fatto che i neocatecumenali sono abituati all'idea che le norme sono fatte per essere aggirate: liturgia, disciplina ecclesiastica, eccetera, perfino i comandamenti del Signore; qualsiasi disubbidienza o immoralità per loro è lecita se serve ad onorare il tripode Kiko-Carmen-Cammino; sono convinti che inganno e menzogna siano utilissimi e necessari per promuovere il prestigio della loro setta e dei loro VIP; e quando i loro cosiddetti "catechisti" comanda di "forzare la mano al Signore" (cioè di compiere qualcosa di pericoloso sperando che "magicamente" il Signore vada a risolvere i guai che hanno combinato) nessuno si azzarda a spernacchiarli come meritano.

      Intendo dire che farebbe comodo solo ai kikos il porre la questione in termini di "disubbidiscono al DPCM" (li farebbe sentire "martiri", e per il loro vittimismo è comodissimo). Invece conviene mettere i puntini sulle "i":

      - i neocatecumenali se ne infischiano del DPCM per poter celebrare le loro carnevalate che sono una squallida parodia del cattolicesimo;

      - le loro carnevalate comprendono tipicamente gesti poco igienici come ad esempio l'abbeverarsi tutti allo stesso boccale ("coraggio fratelli, forziamo la mano del Signore!");

      - e le loro furbate fanno azzeccare figuracce a tutta la Chiesa (i giornalisti assai raramente sanno distinguere fra cattolici e pseudocattolici);

      - per di più, ad eccezione delle celebrazioni eucaristiche kikizzate, nessuna delle altre carnevalate neocatecumenali riguarda i sacramenti: infatti "convivenze", "preparazioni", lodi, eccetera, sono cerimoniali o preghiere, che non è indispensabile fare insieme (come le "lodi") o che sono addirittura inutili cerimoniali (come convivenze e preparazioni) intesi solo a coltivare lo spirito di gruppo; per cui quel loro infrangere il DPCM riguarda solo un riaffermare la propria identità facendo attività di gruppo, non riguarda i sacramenti necessari alla salvezza.

      Elimina
    8. Sì Tripudio, ma qui non si tratta solo di norme governative perché la diocesi ha mandato alle varie parrocchie una sintesi sulle norme da rispettare. Alla voce Catechesi e incontri formativi c'è scritto:" nei giorni rossi le catechesi e gli incontri formativi sono sospesi ma resta possibile la modalità a distanza ". Dunque come al solito disobbidiscono anche alla Chiesa.

      Elimina
    9. Demoniacci......

      Elimina
  9. Mi accodo a quanto scritto da Pax e da Mav per aggiungere un tassello in più, abbastanza inquietante, e cioè la risposta, a chi ha timore di contrarre il Covid in comunità, da parte dei catechisti è: se muori, vuol dire che 'Dio ti aveva predestinato a morire di Covid'.
    Ammesso e non concesso che Dio ci predestini ad una morte piuttosto che ad un altra, questa frase indica che la nostra scelta fatta con libera volontà non ha alcun valore; o meglio, esiste l'imperativo morale di andare in Comunità (non di andare a Messa, ma semplicemente ritrovarsi con il gruppo, perché solo quando ciò avviene si riceve lo Spirito Santo -detto da Kiko nell'annuncio di quaresima) e poi le eventuali conseguenze vengono accollate alla volontà di Dio, non all'imprudenza e al fanatismo degli uomini.
    Ricordo che, allo stesso modo, hanno detto, al funerale dei due fratelli intossicati in un silos dell'azienda familiare, che Dio aveva deciso che dovessero morire in quel giorno e in quella circostanza (con il sottinteso che così avrebbero convertito molti al Cammino). Discorso molto comodo, che solleva tutti gli altri dalle responsabilità della gestione della sicurezza e della salute propria ed altrui. Non è colpa di nessuno: è sempre colpa di Dio!
    Gesù a coloro che lo interrogavano in proposito ai morti per il crollo della torre di Siloe, chiarì che non erano morti perché più peccatori di altri, ma nello stesso tempo non sollevò nessuno dalle proprie responsabilità, nè disse che era volontà di Dio, ma ammonì anzi tutti gli altri perché non avesse a capitare anche a loro allo stesso modo.

    RispondiElimina
  10. Avviene come per la esplosione del Catecumenium de La Paloma di Madrid successa a gennaio. Hanno fatto un gran parlare dello striscione delle catechesi inalterato, della particola intatta, del bambino Gesù che si è salvato, ma alla fin fine la colpa della esplosione non se la sono presa e, in perfetta sintonia a
    con il Comune di Madrid, hanno attribuito la causa del disastro alla situazione e eccezionale e alla neve caduta nelle settimane precedenti. Il che vuol dire che ciascuno si pagherà i propri danni e si piangerà i propri morti senza poter sperare in un risarcimento.
    Sicuramente è stato Dio a volere questo incidente e che loro siano andati a manipolare le caldaie bloccate senza chiamare l'assistenza qualificata per fare le loro riunioni serali non c'entra nulla.
    P.S.:comunque alla fine se anche si fosse accertata la loro responsabilità chi avrebbe pagato? Kiko Argüello che ha fatto costruire il Catecumenium o le comunità che lo usano? No! Avrebbe pagato la diocesi di Madrid. Paga sempre Pantalone. Mai Arlecchino o Pulcinella.

    RispondiElimina
  11. Monsignor Morcillo è l'acronimo di :

    Monsignore Ora Neocatecumenale Si Interroga Giornalmente Non Omettendo Ridicoli Mamotreti Orridi Restando Catecumenalmente Indecenti Lasciandoli Leggere Oggi

    RispondiElimina
  12. Scrive Valentina: "Per Kiko, internet è come la chiesa: si può usare internet e si può entrare in chiesa solo per obbedienza al Cammino.
    Se si entra in internet o in chiesa per motivi di fede personale o di ricerca della Verità, allora si è indemoniati o parrocchiosi delle 12".

    Il Cammino pur NON essendo RICONOSCIUTO come un ordine monastico detta regole che obbligano in quanto minacciano spiritualmente, come se la "gerarchia" del Cammino avesse qualche potere in più della Chiesa.

    Inoltre il Cammino lega indissolubilmente gli adepti tramite l'ubbidienza CIECA ai "catechisti" per cui ogni sgarro viene visto come peccato grave.

    Eppure la Chiesa anche in documenti magisteriali ha fatto sua la frase di Sant'Agostino: "Ama e fa ciò che vuoi", in cui è implicitamente ovvio che tra i doveri dell'amore c'è anche quello di seguire la legge morale e alcune norme fondamentali della Chiesa, che non sono molte, né gravose.

    Per il resto il figlio di Dio può regolarsi nella libertà, purché animato dall'amore.
    C'è un campo d'azione infinito in cui ognuno può esprimere la sua originalità di costruzione del bene.

    Un mondo, questo della libertà, che esclude la paura in quanto in comunione con Dio tramite la Chiesa, che sembra precluso a molti adepti del Cammino, che si sottopongono alla schiavitù di regole surreali, non per amore, ma per PAURA di essere maledetti ed esclusi.

    I paletti che mette la Chiesa "ingabbiano" il male circoscrivendolo, mentre i paletti che mette il Cammino ti fanno ritrovare dentro una gabbia.
    In questo il Cammino, o, almeno, il modo di vivere abitualmente il Cammino, sembra una forma di superstizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disobbedire ai catechisti è peccato grave? Ma voi pensate che i camminanti che disobbediscono vanno a confessarsi e dicono : ho disobbedito al mio catechista? Le risate che si farebbe il confessore....E poi nella dottrina cattolica non è contemplato nell'elenco dei peccati gravi la disobbedienza a un catechista. Quindi se lo è inventato il Cammino questa cosa. Demoniacci.....

      Elimina
    2. È proprio vero. Il fulcro dell'asservimento al Cammino sta nella paura 'di essere maledetti ed eclusi', come hai scritto, non solo dalla comunità o dai catechisti, ma da Dio stesso. Non basta più la propria coscienza indirizzata da ciò che insegna la Chiesa per sapere di essere sulla strada giusta della volontà divina, perché il serpente che incontri alle catechesi iniziali ti convince che la Chiesa tutta ha sempre sbagliato cedendo alla cosiddetta religiosità naturale o devozionismo e quindi non è un punto di riferimento sufficiente.
      Ti dicono che sei chiamato a dare di più, a ricevere più talenti, ad essere un cristiano autentico, ma la ricetta ce l'ha solo il Cammino. Tu non ti puoi giudicare da solo, perché la tua ragione è un mezzo con cui Satana si infiltra, non puoi appoggiarti ad una Chiesa che per mille seicento anni ha deragliato e che ha bisogno d'essere rinnovata dalle fondamenta. Il tuo unico riferimento è il Cammino e i suoi catechisti. E qui cominciano i guai seri, perché seguire i catechisti e Kiko è come cercare di restare ancorati ad una navicella impazzita. Per questo alla fine molti rinunciano a capire e sviluppano una forma di cieco fideismo oppure anche un atteggiamento di disincanto un po' verso tutto: motivo per il quale, anche se si rendono conto che c'è qualcosa che non va in questa proposta religiosa, la accettano pensando che sua comunque sia la 'meno peggio'.

      Elimina
    3. Non facciamo confusione: i peccati del Cammino sono diversi da quelli cattolici e si pagano a due sportelli diversi.

      Disobbedire al catechista non è un peccato cattolico e il bravo confessore cattolico ti dice BRRRAVO, che hai disobbedito al catechista neocatecumenale.

      Prova a dire al catechista neocatecumenale che hai disobbedito al catechista neocatecumenale. Poi torna a dirci se ti ha spiegato o no che è peccato.
      A meno che non sia tu, il catechista neocatecumenale, in questo caso ti puoi auto-assolvere.

      A. Non.

      Elimina
  13. Ragazzi!!!
    per vostra informazione il cammin va benissimo.....grazie a Dio le "cose"del cammino a voi non arrivano...non sareste in grado di capirle cari cristiani del web....fancazzisti miei fatevene una ragione,,,
    APPROVATI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente sul web ci state sempre voi,e in gran numero! Sui siti ufficiali, infiltrati nelle redazioni delle testate on line, sui social, persino su quelli 'fatti disinstallare' dal guru Kiko.
      E si leggono veramente delle cose da chiodi, come le bugie sui vostri annunci di Pasqua così 'virtuali' da aver appestato di Covid tutto il Tripode. Che per fortuna può permettersi le équipe mediche che li seguono a casa e in ospedale, altroché Tachipirina e vigile attesa. Approvati sì, vi approvate da soli; ma se le 'cose ' del Cammino ve le tenete per voi, il dubbio è che siano irriferibili e vergognose.

      Elimina
    2. guarda, se tu credi veramente a quello che dici sono veramente contento per te
      per quanto riguarda "fancazzisti" chiunque scrive qui ( tu compreso ) può essere annoverato ( secondo il tuo metro ) in questa categoria

      Elimina
    3. L'anonimo delle 09:38 forse è un po' troppo diretto e "sbrigativo", ma ha ragione. Il cammino che raccontate è "irriconoscibile" per qualunque nc anche all'inizio del cammino. Segno che: 1) i pochissimi tra di voi che sono stati in cammino hanno avuto una breve esperienza magari agli inizi e il tempo o la scarsa memoria ha sepolto quei pochi ricordi. 2) non hanno capito un granché forse perché disertavano tanto gli incontri e quei pochi incontri che facevano li trascorrevano nel giudizio o a lamentarsi. 3) forse quella più giusta e verosimile, a voi del cammino vero non arriva nulla. Meglio così, comunque vedo che la fama dei cristiani "pantofolai" vi segue.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    4. ...in realtà esiste una quarta possibilità...che tu abbia una visione molto limitata del cnc per esperienza ( pure fin troppo recente ), e per informazioni, e che non ti capaciti che possa essere diversamente da quanto credi. Se stai in basso nel cnc di tutto quello che è scritto qui neanche ti accorgi, prova a salire piano piano di livello, e vedrai con i tuoi occhi ( sempre che tu voglia vedere ).
      In una cosa ti do ragione "Il cammino che raccontate è irriconoscibile", soprattutto per noi che lo abbiamo conosciuto agli inizi e lo abbiamo frequentato ai massimi livelli per 30/40 anni, e ti dirò senza saltare niente ( convivenze, scrutini, incontri di catechisti, missione nelle piazze, etc ). Ti faccio una domanda, sai quando è stata la prima volta di un incontro di massa?

      Elimina
    5. Il cammino va bene? E quello che ti devi augurare se vuoi continuare a spassarsela sulle spalle della povera gente. Però non avevate previsto un liberatore di nome covid 19 che come un servo di jahvè sta operando tantissime liberazioni e di questo sono felicissimo, dopotutto un comitato d'affari dura fino a quando c'è l'affare e il covid 19 vuole entrare in società con voi attaccando i vostri affari. Sappi mio caro cretinetti che un altro Francesco con un saio e una corda per cintura converte persone da 800 anni senza decime , senza cardinaloni, senza niente, altro che elicotteri, Mercedes, aragoste e quant'altro, un lusso sfrenato, dovete prepararvi a dovere quando Nostro Signore vi scrutinera'.
      Vorrà pur insegnarti qualcosa il Santo di Assisi, chiedi al Signore che ti aiuti.
      Bartimeo

      Elimina
    6. carissimo lascia la setta..torna nella vera CHIESA

      dom

      Elimina
    7. 1) no
      2) no
      3) no

      Fallacio Vinicio caro, ma perché non vuoi leggere il blog.

      Elimina
    8. In qualità di asino ragliante, il pasqualone si è sempre rifiutato di leggere. Per questo le pagine del blog contengono spesso un titolo provocatorio: i soggetti come lui, anziché cercare di capire, subito cominciano a ragliare. È una reazione "pavloviana", è più forte di loro. L'idolatria rende davvero come i cani di Pavlov.

      Elimina
    9. @anonimo 13:28, il blog lo leggo sempre e proprio per questo posso dirti che il cammino che si racconta qui non esiste. Faccio il cammino da oltre 30 anni e posso dire che l idolatria per gli iniziatori, le lodi domenicali "a kiko" (😂), l'obbedienza cieca ai catechisti, gli elicotteri (😂) ecc esistono solo nella vostra immaginazione. In realtà una quarta ipotesi ce l'ho anche io pensandoci bene. Leggo che quelli di voi che non hanno avuto esperienze dirette con il Cammino si affannano a cercare di capire molte cose e spesso scrivono loro ipotesi specialmente sulle catechesi. Queste ipotesi vengono poi rilanciate da altri "osservatori" e via via diventa una "verità" cristallizzata. Ma rimane una ipotesi (peraltro sbagliata). È un po', per semplificare, come quel gioco che si faceva tutti in cerchio. Il primo bisbiglia una cosa nell'orecchio del vicino, il quale la bisbiglia nell'orecchio del suo vicino e così via. L'ultimo del cerchio dice quello che ha capito e poi si scoppia tutti a ridere pensando a come la verità è stata distorta.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    10. Condensato in un micro post : asino ragliante, pasqualone, reazione pavloviana. Mica facile scrivere tanti epiteti in poche righe. Bene, bene, ci mancavano per aggiornare il nostro libro.

      Elimina
    11. Spiegazione del riflesso condizionato di Pavlov. Esempio : in un saletta i camminanti fanno una liturgia; il catechista riempie di vino un coppone-insalatiera e ne beve un sorso; i presenti pensano che non si beccano il Covid bevendo tutti dallo stesso coppone e bevono di riflesso. Qual'è la conseguenza ? Si infettano tutti di Covid, tranne il catechista che ha bevuto per primo quando il coppone era pulito. E' semplice

      Elimina
    12. @Fallacio Vinicio
      https://1.bp.blogspot.com/-1l23yGkSZB4/U3PO6cKZzzI/AAAAAAAABwc/NRbU4XPR4kInag1L8RaJrJqRvN4e1twlwCPcB/s1600/elikiko.jpg
      guarda qui, non ci inventiamo nulla; e comunque penso che vi sia sfuggito il fatto che le persone del blog conoscono eccome il Cammino avendoci passato anche decenni, e che quindi la scusa del "non sapete perché non lo avete vissuto"non regge

      Elimina
    13. Fallacio Vinicio parla di illazioni che faremmo sulle catechesi. Ma non chiarisce che le catechesi neocatecumenali sono un arcano ben nascosto dal Cammino, il Direttorio non è stato pubblicato e probabilmente vengono utilizzati per le catechesi testi non approvati, ed anche i mamotreti degli annunci per Pasqua, Natale eccetera vengono diffusi solo ai catechisti con tanto di timbro e di ordine a non pubblicarli.
      Quindi omette di dare una informativa molto importante, cioè il fatto che le loro catechesi ancora oggi sono meticolosamente nascoste.
      Perché? Se ne vergognano? Quale è il vero motivo per cui vengono secretate? Chissà se dopo 30 anni in Cammino si è mai posto questo problema?
      Noi invece questi testi li pubblichiamo e li commentiamo. E se ne veniamo in possesso è perché chi partecipa al Blog conosce così bene il Cammino da essere accreditato e ricevere i testi preclusi ad altri. Anche Vinicio Fallacio, se non è catechista, i testi delle sue catechesi, a cui deve prestare assenso di fede, deve venirseli a leggere qua. Ma questo, per carità, ci fa piacere.
      Raramente ho letto però Vinicio stesso o altro neocatecumenale che commenti quanto detto da Kiko e ripetuto fedelmente dai catechisti, e cerchi di spiegare, a suo parere, cosa voglia dire. Le parole di Kiko sono di un livello superiore, non possono neppure essere ripetute, meno che meno commentate, meno che meno ancora contraddette (sacrilegio!)
      Questo, però, Fallacio non lo dice, si lamenta dei nostri commenti alle sacre parole di Kiko e poi afferma di NON essere idolatra! Questa è comica davvero!
      Per il resto, anch'io non ho mai parlato di elicottero, perché Kiko ora si sposta noleggiando jet, non sarebbe così scemo e retrò da viaggiare in elicottero.
      Infine, finora Fallacio Vinicio ha fatto un bel po' di figuracce, sostenendo per esempio che i neocatecumenali possono modificare a loro piacere la liturgia cattolica, ma d'altronde comprendiamo che 30 anni di Cammino e quindi di acquiescenza alle panzane di Kiko attutirebbero anche i cervelli più acuti.

      Elimina
    14. @Gloria, ti rispondo, ma tanto so che non pubblicheranno come tante risposte che ti ho dato. Esiste una regola che dice che kiko non avendo nulla, neanche la patente per un potersi muovere, quando è invitato da qualche parte, una conferenza, a ritirare una laurea honoris causa, a una gmg o da qualunque parte, chi lo invita deve provvedere al suo spostamento. Perché non ha nulla. Può capitare che lo vadano a prendere con una bmw (come ho letto qualche giorno fa, o con un elicottero a noleggio. È a discrezione dell'organizzazione che lo invita, perché tanto pagano loro. È chiaro questo?
      Ps, altro tempo sprecato, tanto non lo pubblicheranno.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    15. @Gloria, se mi vengono a prendere con un elicottero, una bmw, una lamborghini o un monopattino non sono io il proprietario di questi mezzi. Chi invita kiko è tenuto al suo trasporto. Da sempre è così.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    16. @Fallacio Vinicio
      Abbiamo scritto alcune cose sulla decima, una in particolare, il "fattaccio" riguardo ai lavori della Domus, riesci a confutarla?
      Perchè rimane inutile che continui a dire che ci si inventa le cose, non dovresti avere difficoltà a smentire situazioni che a tuo dire ci siamo inventati ( mentre risultano sempre ben circostanziate ), così noi potremo finalmente tacere. La realtà è che ho paura che tu del cammino ne sappia meno di Tripudio che non lo ha mai fatto. In ogni caso al di la di esperienze personali qui si è discusso spesso su documenti "ufficiali" dei quali, o sei distratto e non li leggi, oppure non hai accesso all'originale e quindi vivi nel dubbio che quello che trovi qui sia contraffatto, per cui sbraiti a vuoto.

      Elimina
    17. Fallaccio Vinicio e inutile che ti arrampichi sugli specchi,il cammino purtroppo per te è quello che Noi descriviamo in questo blog,fortunatamente per quanto mi riguarda Io non ci sono stata per 30 anni,ma quei pochi mi sono bastati per vedere tutte le magagne e le eresie che predica il cammino,senza contare poi tutte le testimonianze di sacerdoti che vi hanno cacciati a calci nel sedere.
      Siete cechi e bugiardi,sapete benissimo che il cammino è una realtà diversa dalla chiesa,ma,non lo volete ammettere.
      Sai che cosa è il cammino?
      Un circolo di ritrovo che usa il nome di Dio.

      Elimina
    18. @Fallacio Vinicio
      Come vedi invece sei stato pubblicato eccome; chiaramente lui non è il proprietario del mezzo e chi invita una personalità provvede al proprio trasporto, ma allora che mi dici del Papa? Lui ha chiesto di usare una macchina più semplice invece di una più prestigiosa ad esempio per gli spostamenti, e quando è stato eletto Papa è tornato in autobus con gli altri cardinali, come quando a Buenos Aires da arcivescovo si spostata con i mezzi pubblici; la stessa cosa faceva madre Teresa che usava aerei di linea messi a disposizione dalla ministra indiana per le sue missioni, non jet privati, e non si vantava mai dei suoi premi né mangiava aragoste ( chiese di donare in beneficenza la cena dei premi Nobel). Poi se Kiko non possiede nulla allora come vive?

      Elimina
    19. @fallacio
      ”kioo non ha nulla”? Davvero? E quindi quando diceva che dava 50euro di elemosina al giorno al barbone sotto casa vuol dire che mentiva? Gli danno la paghetta come i bambini?

      Elimina
    20. C'è la fondamentale differenza che noi non bisbigliamo alcunché all'orecchio del vicino: al contrario, lo scriviamo apertamente e chiaramente sul blog, lo gridiamo dai tetti. E guarda caso, nonostante moltissimi di noi non si conoscano personalmente e abbiano fatto il Cammino in città e paesi diversi, abbiamo vissuto esperienze assolutamente simili. La balla che Kiko non possiede nulla ve la bevete solo voi. Contenti voi...

      Elimina
  14. Approvati???
    Dio non ha mai approvato il peccato.
    Il Cammino di cui parlate, e che io non conosco e ne lo voglio conoscere, è dentro la vostra testa. Altra cosa è ciò che ha APPROVATO la Chiesa.
    Di sicuro la Chiesa non ha mai approvato le ipocrisie che fate.
    Ma ormai sta venendo a galla tutto.
    Altra segnalazione.Ascoltate!
    Ho fatto una piccola ricerca sul blog, periodo 2020, primavera, vi è stato un anonimo che ha segnalato video di nc che si comunicavano in tempo di pandemia sapete come. Tutti i video spariti.
    Da qui, cari fratelli cristiani, sapete chi si nascose, è verità di fede.
    E questi si dicono cristiani adulti. Non sono neanche bravi a spalare il letame nelle stalle, figuriamoci a fare catechismo.
    Povera Chiesa! Quanti ipocriti sono entrati tra di noi!
    Vanno pure millantando della Chiesa delle origini. Se li prendessero i cristiani di quel tempo li prenderebbero a calci, sapete dove.

    Cristiano Della Domenica.

    RispondiElimina
  15. Nei Promessi Sposi di Manzoni, gli "untori" della peste di Milano, non erano tali, bensì una diceria, l'infezione era talmente virulenta che si propagava in modo autonomo.

    Anche il covid attuale è virulento, ma se i Camminanti si ostinano a celebrare in presenza, secondo i loro sciagurati riti, vedi coppa del vino passata di bocca in bocca, gli "untori" questa volta veri, sono loro.

    Ruben.

    RispondiElimina
  16. Il blog insinua che il Cammino sia come il Covid, cioè un virus particolarmente virulento, finora avrebbe infettato un milione di persone, i cosidetti camminanti. Sorge spontanea una domanda : esiste un vaccino efficace contro il virus Cammino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Anonimo
      Certo che esiste: è il ritorno alla madre Chiesa, la frequenza ai Sacramenti, la preghiera del Rosario! Per chi però ha avuto anche conseguenze psicologiche gravi anche la terapia psicologica può aiutare molto, e lo dico senza cattive intenzioni ma perché di persone fuoriuscite da questi gruppi che dopo si rivolgono a dei professionisti ce ne sono molti

      Elimina
    2. il tempo, esattamente come il COVID, e il tempo è sempre più prossimo, e se il cnc soppravviverà il buon Fallacio Vinicio stenterà a riconoscerlo.

      Elimina
    3. Da queste risposte si evince che il vaccino contro il virus Cammino è il blog

      Elimina
    4. @Anonimo
      Veramente la mia risposta rimanda al Magistero dell' Chiesa e all'esperienza di professionisti, il blog è solo un mezzo per parlare di queste cose

      Elimina
  17. Caro Vinicio, può darsi che a te faccia piacere pensare che chi scrive qui non abbia esperienza del Cammino, così archivi come invenzioni ciò che tu non sai o non conosci.
    Ha ragione chi ti ha già risposto: alcune cose le puoi sapere solo se fai parte di una certa casta ed hai un bagaglio ampio di esperienza.
    So per certo che i camminanti della base sanno pochissimo. Già il fatto di non aver a disposizione i mamotreti li mette in condizione di non poter operare delle verifiche, qualora ne avessero voglia ed intenzione. Non sanno degli scandali, delle chiusure del Cammino di qua e di là, non conoscono personaggi chiave e a loro le notizie non funzionali non arrivano.

    Per come tu parli sembri proprio uno di quei camminanti della casta più bassa, totalmente avulso dal gotha neocatecumenale, quello che conta, quello della prima ora, quello degli itineranti di lustro, dei presbiteri storici e delle dinastie familiari.

    Personalmente, posso dirti che il Cammino mi ha rubato le decine e decine di anni più cruciali della mia vita tra tempo, soldi, evangelizzazione... Altro che disertare gli incontri.
    Qui c'è gente, compreso me, che ha partecipato a degli incontri che tu nemmeno immagini, oltre a quelli classici per i camminanti di base. Molto, molto di più.
    Per questo il camminante della base non comprende, non gli par vero.
    Mica sa, per esempio, tutta la trafila di come si è arrivati a convogliare i giovani figli nel Cammino. Sa che si entra in comunità a 14 anni e che si va al dopo cresima. Ma non è sempre stato così, per arrivarci si sono utilizzati vari tentativi, a partire dalle primissime giornate per soli cantori. Se non mettevano l'obbligo dei 14 anni perdevano subito più della metà dei figli dei camminanti. Li perdono ugualmente, ma per qualche anno vanno ad ingrossare i numeri delle nuove entrate. Numeri che non verranno mai cancellati anche se poi a 18 anni se ne vanno.
    Mica sa che ad un certo punto dovettero smettere di inviare giovani ragazze in appoggio alle famiglie in missione, perché succedevano macelli (parola a voi cara), anche coi mariti.

    Da sempre la storia insegna e se non la si è vissuta si può solo credere a come ce la raccontano.
    Molti qui l'hanno vissuta e a come la raccontano non ci stanno, perché il "vieni e vedi" li ha portati a vedere anche cose che non avrebbero dovuto essere viste.

    Ma poi ti posso comprendere. Se tu sei di quelli post anni 2000-2010, già fai parte della classe di coloro che, per paura di perdere adepti, hanno potuto beneficiare di un certo lassismo.
    Ma è quel lassismo che porterà alla fine del Cammino, come già sta facendo. Meno decima, presenze secondo il comodo e la voglia, molto parlare e poco obbedire, fingere di essere come il Cammino ti vuole, specialmente tra i giovani, rivelazioni proibite con l'assalto "sociale" ai social.
    È diventato un po' un bomba libero tutti: il Cammino di oggi non è nemmeno l'ombra di quello che era ieri, è uguale solo nella dottrina ereticale. Che però nessun camminante verifica non tanto per obbedienza, ma per fatica.

    C'eri tu quando apparve internet ed i primi social, a prenderti il cazziatone con l'assoluta proibizione di utilizzarli e addirittura di farli chiudere ai propri figli?
    Io c'ero, e così anche altri qui, credo.
    Oggi, con l'imperversare dei social di neocatecumenali di tutte le estrazioni, come farebbero a imporre l'obbedienza? Lasciano stare: ormai hanno perso.

    Noi ex camminanti di ieri fummo raggirati, voi camminanti di oggi avreste i mezzi per conoscere o almeno farvi qualche domanda, ma siete troppo tifosi della vostra squadra: è bello far parte di un club calcistico anche quando la squadra del cuore perde. Si troveranno sempre motivi per magnificarla, altrimenti addio divertimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @anonimo 15:36, tutto quello che hai raccontato è esperienza conosciuta e soliti luoghi comuni, mentre la novità del tuo commento è che neanche una parola di fede traspare. Non parli della Chiesa, non parli di Cristo, solo di élite, soldi, potere e scandali. Questo la dice lunga sui motivi probabili della tua fuoriuscita dal cammino.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    2. Ora veramente hai stufato "fallace vinicio". Rispondi e attacchi con frasi fatte e pregiudizi inculcato dai kikatekisti. Ti assicuro che molti di noi ex, usciti dopo 30 anni e più di cammino, con tanto di veste bianca, hanno una Fede forte proprio perché è riuscita a superare tutte le schifezze viste e vissute e non l'abbiamo persa. Questo unicamente perché la nostra Fede era piantata in Gesù Cristo e nella Chiesa, quella vera. Ti assicuro che siamo famiglie meravigliose, con figli che a loro volta hanno lasciato il cammino ma non la Chiesa con matrimoni fedeli fondati sulla Roccia, figli sacerdoti diocesani, famiglie piene d'amore, quello con la A maiuscola, aperte alla vita a 360 gradi, dalla nascita alla morte. Fides

      Elimina
    3. @Fallacio Vinicio
      Ma smettila di fare il troll, la tua difesa del cammino va di pari passo alla difesa della tua rendita nel cammino. A te come a tutti i tuoi compari non importa niente né della Chiesa Cattolica né di Gesù Cristo perché chi ama Gesù Cristo ama la Chiesa Cattolica e le è sottomessa mentre al cammino e quindi a te interessa solo che la baracca stia in piedi per continuare a fare la bella vita sulle spalle della gente che siete riusciti ad asservire "perinde ac cadaver".
      Questa infamia non potrà durare a lungo perché il Signore ama la giustizia e non ama la violenza.

      Elimina
    4. Certo che quando si giudica la fede, la speranza e la carità dei "fuoriusciti" fate VERAMENTE una figura BARBINA. Cosa c'è? Non riuscite ad accettare che si può essere cattolici coerenti SENZA le innumerevoli ED INUTILI prescrizioni uscite dalla mente di Kiko Arguello?

      Ebbene sì, Dio no è neocatecumenale e non ti punisce severamente se il cammino lo molli.
      Caro Vinicio, io GRAZIE A DIO ho conosciuto la Chiesa Cattolica per come veramente è e non per come la spaccia Kiko Arguello, quindi non puoi attaccarmi come fai con gli altri.

      Lasciati dire una cosa: la migliore esperienza del cammino è leggere i commenti tuoi e degli altri fratelli camminanti. Date proprio testimonianza di quello che avete imparato e che siete.
      Io però non ne sarei fiero.


      Elimina
    5. Mio carissimo Vinicio, ti rispondo per educazione, ma la tua illazione fuori luogo non meriterebbe risposta.
      Ma come mai sviate sempre il discorso dall'argomento in questione?
      Quello che io ho scritto infatti verteva sulle obiezioni da te sollevate in 3 punti precisi, in nessuno dei quali si parlava di fede o di Cristo.
      Te li rinfresco, i 3 punti:
      1) i pochissimi tra di voi che sono stati in cammino hanno avuto una breve esperienza magari agli inizi e il tempo o la scarsa memoria ha sepolto quei pochi ricordi. 2) non hanno capito un granché forse perché disertavano tanto gli incontri e quei pochi incontri che facevano li trascorrevano nel giudizio o a lamentarsi. 3) forse quella più giusta e verosimile, a voi del cammino vero non arriva nulla.

      Come vedi la mia risposta era a tono.

      Se poi vuoi che si parli di fede, Chiesa e Cristo ti dico solo una cosa: sono uscito dal Cammino perché erano proprio quelli che cercavo e in tutta una vita di Cammino non li ho trovati.
      È questo che la dice lunga sui probabili motivi per cui sostengo che il Cammino non è Chiesa.
      O meglio, è una Chiesa diversa che non assomiglia per nulla alla nostra Santa Chiesa Romana Cattolica Apostolica.
      Un rammarico?
      Decine d'anni in attesa che arrivasse lo Spirito Santo che "passa" nelle vostre celebrazioni e passaggi.
      Li ho finiti tutti, ma di Spirito Santo nemmeno una traccia. In nessuno, dico, non parlo per me. E di persone ne ho conosciute a centinaia di centinaia.
      Gente buona e brava?
      Tanta, ma come la puoi trovare in ogni consesso umano. Nulla dell'"uomo nuovo che ama il nemico".
      Scusa, te lo dico con rispetto, ma di questi tu ne sei un esempio.
      Infatti stai qui a giudicare la fede altrui, come tutti i buoni neocatecumenali.
      La fede che noi, oggi tornati ad essere per scelta cristiani della domenica, coltiviamo nella Chiesa.

      Il percorso è un po' strano, non convieni?
      Eravamo cristiani della domenica, abbiamo aderito al Cammino Neocatecumenale e, dopo averlo provato e ben sperimentato, siamo ritornati ad essere cristiani della domenica.
      E ci è andata pure bene, molti hanno proprio perso la fede.

      Elimina
    6. Carissimo anonimo 22:13, la tua è una personale esperienza che grazie a Dio non è la mia e di tantissime persone. Esperienza di comunione con i fratelli, Spirito Santo, preghiera incessante, ascolto e scrutatio della parola. Questo è il cammino, quello che voi raccontate è un frutto della vostra personale esperienza ma non rispecchia quello che vive tantissima gente.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    7. @Fallacio Vinicio
      Io rispetto le esperienze altrui, ma se per comunione con i fratelli intendi i vari giudizi, pettegolezzi, scrutini vari che la Chiesa proibisce e endogamia, se per preghiera incessante intendi i 15 minuti di preghiera silenziosa in ginocchio, alzarsi alle 3 di notte e le lodi che impone Kiko, se per scrutatio della parola intendi aprire o Bibbia a caso ed interpretarla da soli allora forse qualcosa si può migliorare, e non lo dico io, ma lo dicono persone esperte che considerano tutti questi elementi come caratteristiche di gruppi settari.La comunione con i fratelli, lo Spirito Santo, lo studio della Parola, la preghiera incessante non sono prerogative del Cammino, sono caratteristiche della Chiesa universale da circa 2000 anni, senza passaggi, convivenze e scrutini vari

      Elimina
    8. Farete pure una "preghiera incessante", ma poi dite che tutti gli altri cattolici sono "ipocriti, pantofolai, incoerenti, ignoranti, bambini..." Per voi tutto ciò che è fuori dal cammino "non è serio" e tutti i cattolici sono persone cattivissime (specie quelle che vanno in parrocchia che, si sa, è il luogo dove la feccia si annida)

      Mi chiedo CHI pregate per avere questi frutti...Perchè io sapevo che i frutti della preghiera erano altri.

      Elimina
    9. Fallacio sei unico, accusi dicendo:

      Non parli della Chiesa, non parli di Cristo, solo di élite, soldi, potere e scandali.

      Certo! Infatti Anonimo parlava di voi, mica di altro! Svegliati e connetti due, almeno due neuroni.

      Pax

      Elimina
    10. Trovo la spocchia di Vinicio estremamente fastidiosa. Ciò nonostante, tengo anch'io a fare qualche notizia sulla mia curriculum:
      Nato e cresciuto in famiglia NC.
      Genitori in cammino dal 1980.
      18 anni di Cammino (Tappa della Traditio conclusa)
      4 GMG.
      16 Convivenze di Inizio corso per catechisti.
      Millemila incontri tra convivenze cantori, centri vocazionali ecc.
      Convivenza con Kiko nel 2008 a Porto San Giorgio.
      Scrutatio dei giovani.
      Mega veglie pasquali kikiane.
      Missioni nelle piazze.
      Missioni popolari ovunque, persino in Francia.
      Una ventina di incontri con Kiko.
      Infine...LETTURA INTEGRALE DI TUTTI I MAMOTRETI dalla fase iniziale all'elezione.
      Di cosa stiamo parlando?

      Tomista EX nc

      Elimina
    11. Sì, Vinicio, la mia è un'esperienza personale e di tantissime persone.
      La tua è un'esperienza personale e di tantissime persone.
      Allora, siccome riguardo al Cammino sono stati scritti libri da persone autorevoli, da testimoni, è nato più di un blog in ognuna delle principali lingue parlate, cosa che non è successa per nessun altro movimento ecclesiale, che siano tantissime le persone che hanno provato il prodotto e l'hanno trovato scadente è fuori di ogni dubbio.
      Quindi la mia esperienza personale, e di molti che conosco direttamente, è in aggiunta ad una moltitudine.

      Non dubito che tantissima gente, quella che per ora è rimasta nel Cammino, creda di vivere sotto l'egida dello Spirito Santo, certamente vive di ascolto e di quella che pare essere una certa comunione tra fratelli.
      L'incessante "preghiera del cuore" fa parte della tappa del passaggio dell'Iniziazione alla preghiera.
      È pure una contraddizione in termini, se rivolta a parrocchiani "della domenica" che si sono infilati nel tunnel del Cammino: "iniziazione". Prima secondo te non erano iniziati? Ci volevano due spagnoli di dubbia estrazione per iniziare i cristiani alla preghiera?
      Magari l'avessero chiamata "approfondimento" sarebbero sembrati meno superbi.
      Invece no, loro hanno avuto la pretesa di "iniziare" i cristiani a pregare, loro che non sanno recitare nemmeno l'atto di dolore, perché non serve. Dice cose contrarie alla predicazione neocatecumenale.
      Anche questo mi ricordo del passato: alle penitenziali, che nemmeno c'erano da subito ma iniziarono dopo un bel po' di anni (perché la confessione non era sacramento rilevante), ci dicevano che se uno non sapeva l'atto di dolore, pazienza. E i preti neocatecumenali mai l'hanno chiesto.
      Ricordo anche che quando lo chiedeva qualche prete a prestito, non neocatecumenale, era tutto un parlare e ridacchiare perché molti dei lontani non lo sapevano ed apertamente si chiedevano: "E se questo prete mi chiede l'atto di dolore?... Io non lo so recitare!" E giù risolini come se si trattasse di una preghiera inutile e di una richiesta antiquata.

      Caro Vinicio, ti svelo una cosa a cui forse non hai mai pensato: lo Spirito Santo, terza persona della Santissima Trinità, non è misurabile e quantificabile, come non lo è la fede.
      Vantarsi di possedere lo Spirito Santo è come vantarsi di possedere il Padre ed il Figlio, cosa del tutto impossibile. Invece nel Cammino sempre si dice e si sente dire "Tu non hai lo Spirito Santo... quando avrai lo Spirito Santo... i catechisti hanno lo Spirito Santo... vi daremo lo Spirito Santo...".
      Si utilizza una persona insondabile per decretare ciò che va bene e ciò che non va bene secondo il paradigma kikiano.

      Allora ti dico: siccome il Padre ed il Figlio sono Dio, anche lo Spirito Santo è Dio.
      Non è qualcosa di cui ci si possa riempire la bocca e credere di possedere.
      Certo, siccome procede dal Padre e dal Figlio, bisogna vedere a quale Padre e a quale Figlio si crede.
      Una visione distorta di Gesù, per esempio, ne distorce anche il Suo Spirito.

      Voi lo chiamate "santo", ma avete certamente uno spirito: quello del padre e del figlio in cui credete, emanazione del vostro credo.
      Lo Spirito Santo non si possiede, non si compra, non aleggia come una polverina sulle teste dei camminanti durante i passaggi, non fa capolino e poi sparisce, non si quantifica (sarebbe come quantificare Dio), non si dà come una caramella (eppure quante volte abbiamo sentito dire da Kiko "ti daremo lo Spirito Santo"...).

      ./.

      Elimina
    12. ./.

      Vi hanno convinti di avere lo Spirito Santo, che i catechisti abbiano lo Spirito Santo, che ci sia la comunione (tutti l'abbiamo creduto finché non abbiamo sperimentato che a nessuno fregava nulla della nostra vita, catechisti per primi, quando la nostra vita non coincideva con le pretese neocatecumenali. Su questo punto potrei portarti centinaia di esempi, non solo riguardo a me. Cose dure, atteggiamenti di un cinismo che nemmeno nel mondo a volte si trova).

      Quelle credenziali che tu hai appena elencato: comunione, Spirito Santo, preghiera incessante, ascolto e scrutatio, che farebbero di voi neocatecumenali il non plus ultra della fede, chiariscono perfettamente come voi vi vedete. Nulla vi manca. Avete tutto e tutto di più.
      Pensa un po' se invece fossero solo illusioni, proiezioni, ed il vostro spirito santo, come ha fatto con migliaia di persone, invece che essere un Consolatore perfetto fosse, com'è stato, atto di libello condanna e distruzione.
      Lo chiameresti ancora Spirito Santo?
      Chi ha ispirato fior di catechisti e fratelli a distruggere la vita di molti?
      Lo spirito (santo) da cui erano illuminati?

      Elimina
    13. E si, caro Vinicio Fallacio, è cosi. Rassegnati!!!!

      Elimina
    14. @anonimo "Allora, siccome riguardo al Cammino sono stati scritti libri da persone autorevoli, da testimoni, è nato più di un blog in ognuna delle principali lingue parlate, cosa che non è successa per nessun altro movimento ecclesiale". Quindi il fatto che una decina di persone sul blog italiano e altre sparse nel mondo parlino male del cammino sarebbe la prova che non è buono? Mi dispiace, io mi fido solo della Chiesa e questa ne parla benissimo da oltre 50 anni!
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    15. @Fallacio Vinicio
      Sei libero di credere a quello che vuoi davvero, ma in ogni caso non sono solo 10 persone, sia su internet che nella vita reale di fuoriusciti ce ne sono tanti, la mia stessa ex comunità di origine sarebbe stata quasi del tutto decimata se non ci fossero state due fusioni

      Inoltre i vari Papi vi hanno spesso rimproverato e corretto, soprattutto Papa Benedetto che nel 2005 vi aveva ordinato di celebrare la Messa come tutti i Cattolici, e Kiko disse pubblicamente che da quanto li stava correggendo l' unica soluzione sarebbe stata la sua morte me poi "per fortuna si è dimesso"

      Elimina
    16. È su quel "benissimo" che avrei molto da obiettare.
      Ci vorrebbe qualcuno, un giorno, che scrivesse il contro-libro al libro neocatecumenale dei discorsi dei Papi, a partire da Giovanni Paolo II appena si accorse di che si trattava.
      Però Vinicio, fai bene a fidarti della Chiesa: è quella che frequentano i cristiani della domenica nel loro percorso spirituale, molto diverso dal vostro.

      Elimina
    17. Ne parla benissimo
      Peccato che invece non sia così.
      Nel 2008 vi ha dato delle indicazioni.me Ve ne siete sbattuti. Ti devo ricordare quante volte in tutti i modi possibili ed immaginabili vi hanno detto che dovete fare comunione con tutti? Vi è mai importato qlc? Quante volte vi hanno detto che i catechisti devono avere una formazione vera? Ve ne è importato qlc? NO! Perché VOI pensate di essere sempre nel giusto perché lo Spirito Santo ce lo avete solo voi.

      Continuate così

      Elimina
    18. @alect, ti confondi. Nel 2008 la Chiesa ha approvato lo statuto del cammino e con essa all'art 1, comma 3 la dotazione della personalità giuridica pubblica.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    19. @Fallaio Vinicio
      E se la Chiesa ha approvato lo statuto, perché voi non lo rispettate? Perché si continua a esigere la decima se nello statuto non è affatto menzionata? Perché si continua a fare la comunione seduti (non dire che non è così, perche E' così), come prescive lo statuto? Perché non celebrate una volta al mese con tutta la parrocchia come stabilito dallo statuto? Perché i presbiteri NON partecipano MAI alle preparazioni come stabilito dallo statuto? Perché lo statuto non viene distribuito ai nuovi camminanti che non ne conoscono nemmeno l'esistenza? E potrei continuare a lungo, ma sono curioso di vedere se mi rispondi.

      Elimina
    20. @Fallacio Vinicio
      Statuto che non rispettate affatto purtroppo

      Elimina
    21. Ecco, questa sarebbe proprio una cosa da approfondire, perché la personalità giuridica pubblica, come stabilisce il Codice di Diritto Canonico, può essere conferita solo a insiemi di PERSONE o COSE (can 113 § 3):
      "L'autorità competente della Chiesa NON conferisca la personalità giuridica se non a quegli insiemi di persone o di COSE, che perseguono un fine effettivamente utile e che, tutto considerato, sono FORNITI DEI MEZZI che si possono prevedere SUFFICIENTI a conseguire il fine prestabilito."

      Il Cammino Neocatecumenale non è un insieme di persone.
      Ma nemmeno di cose.

      Perché il can. 115 § 3 dice quali sono le cose:
      "L'insieme di cose, ossia la fondazione autonoma, consta di beni o di cose, sia spirituali sia materiali..."

      La fattispecie "insieme di beni spirituali" non esiste.
      Il "sia spirituali sia materiali" non deve essere inteso nel senso "o spirituali o materiali", ma congiuntamente nei due sensi.
      Questo lo spiega la dottrina, considerando i beni delle fondazioni autonome come "universitas rerum" e condizione NECESSARIA la presenza di mezzi sufficienti per conseguire il fine della fondazione.
      Non si può semplicemente dire "ha persona giuridica pubblica", si deve sapere a cosa si riferisce quella personalità giuridica, normalmente ad una Fondazione o a una Associazione.

      Un buon giurista, meglio se canonico, saprebbe bene fare luce su questa oscura questione, soprattutto per il fatto che il fantomatico decreto di erezione dell'ormai soppresso PCL non è visionabile come normalmente accade ai decreti similari.

      Senza MEZZI SUFFICIENTI A CONSEGUIRE IL FINE, dato che si tratta di soli beni spirituali, qualcuno mi spiega come fa il Cammino Neocatecumenale a conseguire il fine prestabilito (condizione necessaria per l'erezione a persona giuridica pubblica?)

      A me una certa ideuzza sarebbe venuta, pensando alla FONDAZIONE Famiglia di Nazareth.

      Elimina
    22. @porto, ovviamente la mia risposta che attendevi tanto non è stata pubblicata. Me l'aspettavo.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
  18. Fallace vinicio di che parli? Gli incontri dopo le gmg sono preparati dai catechesi itineranti del luogo. Sono pagati dai fratelli. Che ciarli. Fai il saputo e non conosci lABC del cammino? Giudichi sparli, mi chi ri credo di essere? Ho iniziato il cammino nel 1989 a 13 anni, finito nel 2015. Vietatissimo vedere la tv, programmi normali, avere il Commodore 64 perché c'era il demonio. Senza parlare di Facebook, i catechisti ti facevano nero se lo avevi. MSN e via discorrendo. Chi disobbediva era out dal cnc. Sei mai stato a casa di kiko a Roma, sai dove vive? Sai che la Bmw ora, prima la Rover sono ad iso esclusivo di Kiko e co? Di che parli? Le lodi la domenica erano un obbligo per i figli del cammino come.me, se non,si partecipava erano botte, prima dai genitori poi dai didascali. Scrivi un sacco di stronzate. Mo te l'ho detto. Difendi l'indifendibile. Dubito che hai 30 anni di cammino. Svegliati. La.guerra è finita.
    Pinco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La guerra non è finita, è appena iniziata. Stiamo affilando le armi

      Elimina
    2. Infatti, ma non è guerra umana, ormai il messaggio è passato, una Notte, e nessuno riuscirà ad arrestarlo.
      Noi siamo come delle piccole fiammelle, accese dalla grande Fiamma della Resurrezione. È inevitabile che vi sia una guerra tra la Luce e le tenebre. L'importante è stare dalla parte giusta.

      Cristiano Della Domenica.

      Elimina
    3. Non so da che parte stai. Tu lo sai.
      Ma se sei contro: affila, affila, dopo si vedrà.

      Cristiano Della Domenica.

      Elimina
    4. Di soldi ve ne sono rimasti pochi.

      Elimina
    5. @anonimo
      Le uniche armi che un cristiano dovrebbe usare sono il Rosario, la Bibbia, i Sacramenti e il Magistero della Chiesa 🙏

      Elimina
    6. Impressiona molto sentire parlare i cretinocatecumenali di "guerra". Come se avessero vissuto e visto il risultato della guerra. Sai sono i morti. Ovviamente chi risponde così testimonia veramente che cos'è il cammino e cosa insegna, altro che "non resistere al male", "porgiamo l'altra guancia", "amatevi gli uni gli altri come IO vi ho amato vengo presto". Il vero spirito di chi frequenta il cammino è solo uno spirito di frustrazione, di odio, di disprezzo, prevaricazione, arrivismo, pettegolezzo, cupidigia, sessualità repressa, giudizio, spergiuro. ED È EVIDENTE NEI LORO COMMENTI! Affila, affila, bello fare il leone da tastiera, fai una cosa, alzati come itinerante, vai in luoghi in guerra, o nelle favelas, così invece di scrivere cazzate, quando vedi i morti con il cervello spappolato per strada, e devi annunciare il Signore ai parenti del defunto, invitarli al VERO perdono Cristiano, che non è quello che rispecchi TU, vediamo se fai il guerra fondaio. Siete solo CHIACCHIERE E DISTINTIVO. Feccia della terra, forti con i deboli, deboli con i forti.
      Pinco.

      Elimina
  19. Carissimi io mi sono cimentato con i Musulmani, e leggendo Fallacio vi assicuro che non c'è differenza di relazione.
    Parlano di Maometto e Islam.
    Per questi il Cammino è alla pari di Dio.
    Se fate caso,nominano Gesù, ma dicono sempre Gesù Cristo, ma in mezzo a tante volte che hanno nominato il Cammino.
    Già qui dovreste capire cosa hanno dentro il loro cuore.
    Perché non dicono quasi mai il Signore o Gesù?
    Vi è come un impedimento o alienazione che impedisce loro di esprimersi con una certa libertà. Come un'omologazione.
    Sappiamo che vi è la solita fonte che emana il messaggio e gli altri si conformano. Non per giudicare, ma si dice ciò per svelare.
    Io, sinceramente, provo disagio davanti a queste persone, le trovo alienate. E spero che non si offendano, infatti lo scrivo per non offendere.
    Che dire?
    Dio non toglie la libertà all'uomo, e per cui se Dio non la toglie figuriamoci se posso io. E quindi, in conclusione, se sono contenti così: Amen!

    Cristiano Della Domenica.

    RispondiElimina
  20. Fallacio:
    un ex del Cammino, raccontando della sua esperienza, non parla di fede, ma solo di elite, soldi, potere e scandali, è perché quella è la fotografia di quello che lui ha vissuto.
    Un'esperienza CONCRETA.

    Gli scandali del Cammino sono numerosissimi, ma soprattutto seno numerose le ERESIE.
    Quelle sono sui mamotreti, per cui sono incontestabili.
    Fattene una ragione.

    La vera fede non nasce dalle eresie, non nasce dagli abusi liturgici e non nasce dalle disubbidienze come quella in atto contro i Vescovi del Giappone.

    Mi ricordi il personaggio di Bracardi "Lucio Smentisco".
    In mancanza di argomenti non ti rmane che smentire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, Vinicio Fallacio, hai capito si o no? O dobbiamo farti un disegnino????

      Elimina
    2. Fallaccio Vinicio dice di tutto per coprire la cosca cammino,parla a vanvera,ormai il cammino gli ha insegnato a dire tutto il contrario di tutto,non ha capito ancora che qui scrivono anche catechisti decennali del cammino che stanno rivoltando tutta la cacca che loro vogliono nascondere.

      Elimina
  21. X Pinco.
    Caro Pinco, la TV è come un coltello, faccio un esempio banale, lo puoi usare bene per tagliare, e lo puoi usare male per uccidere un innocente.
    Ma una cosa vorrei mettere all'attenzione.
    Le sigarette, credo che ci stiamo capendo, non erano cose del demonio?
    Non so se capite la famosa fonte che emana il messaggio.
    Ma credo che ci siamo capiti.
    Anche Maometto ha fatto dei divieti, se vi andate a leggere la sua vita, e questi vengono ad oggi presi da molti, come per esempio i Talebani.
    Infatti ti picchiavano se ti vedevano ascoltare musica. Ovviamente Maometto era pedofilo, e per cui si usa sposare le bambine.
    Credo che ci siamo.

    Cristiano Della Domenica.

    RispondiElimina
  22. Dice bene Tripudio, che li chiama asini tutti i troll più o meno fallaci: a lavar loro la testa ci si perde acqua e sapone.
    Inutile lasciarsi distogliere dai temi che trattiamo, anche questo è uno scopo per loro.

    Ritorno ai commenti messi in evidenza nel post.
    Quel che frega i neocatecumenali in questi tempi di magra, lo spiega Valentina, è la patologia del pavone imperversante. Verissimo, e anche questa caratteristica l'hanno mutuata pari pari da Kiko il vanesio e vanitoso loro padre.

    Per pavoneggiarsi della serie: "Chi è come noi!!". Farebbero qualunque cosa per mettersi in mostra, visto che stanno scomparendo e nessuno dei lontani "se li fila" più.

    E dunque, ora va bene anche internet, con annessi e connessi, che ha smesso di essere strumento del demonio per perdere i camminanti...

    La realtà è quella che stigmatizza bene LUCA:

    "I catechisti sono disperati e gli adepti sono fuori controllo.
    Fanno come gli pare, dentro e fuori del CN.
    Sono saltati gli schemi rigidi della disciplina imposta dalla gerarchia neocatecumenale."

    ... e scusate se è poco. Il Cammino da sempre si fonda e deve la sua sopravvivenza all'OBBEDIENZA. Ora, se levi quella, che resta? Cosa rimane di un sistema strutturato e rigido? Che non ha nulla di spirituale, che nulla struttura nelle anime di duraturo e che abbia in sè un senso o possa prescindere dalla vita interna al cammino, ritmata sulle "consegne" dei catechisti?

    Ci rendiamo conto o no? Che quello che si apprende e pratica lì dentro, al di fuori del viverlo nel cammino stesso, NON HA ALCUN SENSO? Nulla ha senso. Dalla decima al resto, a tutto il resto: piazzate, andare per le case, ad annunciare se stessi, preparazioni come le fanno loro, scrutatio, monizioni, scrutini, convivenze. Quante cose inutili e dannose!
    Perchè non la Parola di Dio e della Chiesa ascolti e pratichi, ma tutto passa nel trasformatore di Kiko e al di fuori di lui NULLA HA ALCUN SENSO, se lo dovessi vivere fuori come dentro il contesto per anni lo hai vissuto, come fosse una cosa normale. Il rischi che fa tremare Kiko è questo. Se ci si allontana per troppo dal cammino delle salette la gente potrebbe aprire gli occhi:
    "Ma che cavolo ho vissuto per anni? Ma che vita ho fatto?".
    Fuori tutto quell'ambaradan sfuma e si dissolve, come nebbia al sole.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In sostanza : il Cammino ha 57 di di vita, ha un milione (dicono loro) di aderenti con vari ruoli, ha fatto di tutto e di più e...hanno perso solo tempo e basta? E tutto questo solo per narcisismo, pavoneggiamento, riflesso pavloviano ecc...eccc....? Non ci stiamo, ci dispiace....

      Elimina
    2. @Anonimo
      Non c'è nulla di male nell'ammettere di essersi sbagliati; sai i musulmani sono milioni e hanno una religione antica di secoli, eppure la loro dottrina è lontana da quella cattolica, ma ci sono ancora musulmani che si convertono al cristianesimo pur essendo cresciuti in generazioni di persone con una fede diversa; lo stesso vale ad esempio per i protestanti, gli ortodossi ecc che si convertono al cattolicesimo

      Elimina
    3. Ancora vi mettete dietro i soliti paraventi.
      Noi, noi, noi... e un milione di aderenti (ma dove??? fateci il piacere!!!). E anche se fosse?
      Ossia anche se foste tantissimi quanti immaginate e ostentate e tutti i ruoli ricoperti e avete fatto di tutto e di più... E allora?
      Quante volte dobbiamo ripetere che i numeroni non significano un bel niente in se stessi.
      Anzi! La folla il popolo numeroso ha fatto sempre guai. Con un comandante come Kiko, poi!
      Arrangiatevi, credete quel che volete. E continuate verso il precipizio.

      Pax

      Elimina
    4. Pax non vorrei sbagliarmi ma l'anonimo 15:21 penso intenda dire che il Cammino con ormai 57 anni di vita e con tutti i danni causati alle persone, lo ha fatto non per narcisismo, pavoneggiamento, riflesso pavloviano ecc...ecc....? Ma dietro c'è di più.
      Forse mi sbaglio e mi scuso, ma io l'ho interpretato così.

      Frilù

      Elimina
    5. Frilù: può essere. In questo caso non avrebbe compreso ciò che ha detto Pax.
      Da parte mia ritengo che, qualsiasi sia il movente originario dei due iniziatori, attualmente si sia perso pure quello, e tutto ciò che viene fatto o proposto in Cammino abbia come finalità il Cammino stesso, la sua stessa esistenza e il mantenimento dei meccanismi di auto finanziamento, e non altro. Anche le idealità e le finalità malvagie si stemperano, a lungo andare, non solo quelle buone. Non per nulla Carmen non si riconosceva nel Cammino 'kikiano' e non voleva morire 'kika': mentre ora la propongono come prima santa di categoria superiore del kikianesimo.

      Elimina
  23. ... Questa è la situazione, anche se Kiko continua a esordire, in tutti i recenti incontri che sono stati essenzialmente solo in occasione degli Annunci, con proclamazioni di "Felicità!" come un cretino insensato.

    E ripete sempre (quasi a volersi convincere da solo) "Siamo contenti di quello che vediamo e sentiamo avvenire nel cammino".

    Egli dice che tutto questo (in conserguenza del COVID) è avvenuto perchè mostrassimo i frutti, quello che il Signore ci ha insegnato. Il Signore sapeva tutto! Il Signore ci ha preparati lungo 50 anni ed oggi siamo pronti a vivere... cosa? La chiesa domestica, le funzioni nelle case, la Pasqua nella famiglia, l'eucarestia....

    E così si ghettizzano sempre di più, spacciando quest'ultimo distacco dalla Parrocchia e dalla Chiesa come "disegno di Dio" che si va ad attuare.
    "Dio ci ha preparati" perchè l'obiettivo del c.n. era questo (e noi non lo sapevamo): creare la chiesa domestica, sul modello primitivo. I primi cristiani celebravano nelle case, mica nelle Basiliche!!
    Bugiardo Kiko, perchè questa cosa da tempo che la tiene nella testa. Ogni tanto tirandola fuori, non appena si profila la "persecuzione". Che poi null'altro è se non una pressione più efficace di qualche Pastore della Chiesa che, in qualche parte del mondo, si è stufato della sua disobbedienza incallita. (Pur di non obbedire Kiko, le inventa di tutti i colori).
    ........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah!!!Kiko dice "Felicità" ed è un cretino insensato? Allora era meglio dire "Tristezza" cosi era un genio sensato. Sillogistico, mr. Watson

      Elimina
    2. Se fosse veramente gioia e serenità che vengono da un'anima obbediente e santa, non ci sarebbe nulla da dire.

      Elimina
    3. Non è questo. E' l'ostentazione del tutto bene, tutto a gonfie vele che non ha nessun aggancio con la realtà ad essere disgustoso, infantile e ridicolo anche. E' solo uno stratagemma perchè non passi alla plebe plaudente che qualcosa inizia a scricchiolare. Sai che il popolo anonimo, non chi campa sul cammino, se si sente rassicurato ti corre dietro ad occhi chiusi ma se odora la disfatta gira le spalle e ti abbandona. Le masse anonime son fatte così, da che mondo è mondo. Inoltre Kiko li ha lasciati in uno stato di infantilismo perenne, hanno bisogno di punti di riferimento sicuri e se il capo vacilla lo mollano.
      Questo Kiko lo sa molto bene e continua a recitare la parte. Ma più enfatizza e più puzza di falso. Lo immagino sai? Che si sfoga coi suoi cercando soluzioni e si arrabbia pure, ma in pubblico si tira a lucido e mente mente mente sapendo di mentire.

      Pax

      Elimina
    4. 30anni E perchè non notiamo la contraddizione massima del cialtrone? Stiamo vivendo da più di un anno un'emergenza che ha messo in discussione la vita delle persone ed ha minato alla radice la prassi del cammino. E cosa fa il sommo profeta, l'araldo della continua ed ossessiva domanda "cosa ha voluto dirci Dio con questo", in questa drammatica situazione? HA TACIUTO PER MESI e quando ha parlato non ha dato alcuna profezia. Solo come un disco rotto a ripetere Allegria.

      Elimina
  24. ........
    Basta che fanno i pavoni! Basta che fanno i saccenti: Ragazzi, tutti tranquilli. Situazione sotto controllo. Tutto secondo previsione e tabella di marcia.
    Il COVID no, non ci ha sorpresi a caso, tutto procede... (quel superbone di Kiko, prima di ammettere lo smacco...)

    Insomma, alla fine se ne esce con "Il Signore voleva portarci qui" e Kiko fa sempre così quando spara le peggiori panzane: "Noi non sapevamo nulla, Dio lo sapeva, il Signore lo ha compiuto, voleva portarci qui" e via su questa linea.
    Sempre a fare sensazionismo e a fare lui il fenomeno.

    Così sempre ha fatto, d'altronde, trasformando i fallimenti in successi, le battute d'arresto in mete raggiunte e compimento delle promesse. E oggi, il disastro che il COVID sta decretando ineluttabilmente per il Cammino, in realizzazione piena di quegli obiettivi che neanche Kiko conosceva, ma che ora vede chiari perchè "lo spirito (rigorosamente il suo) l'ispira".

    Ma questo Kiko non muta mai registro? Imperterrito continua. Una faccia di bronzo davvero.

    ........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo proposito voglio ricordare che l'ottimo allievo di Kiko, che lo ha superato tante volte, come Giotto superò Cimabue, Giuseppe Gennarini, riuscì a rilasciare un'intervista incredibile quando fu pubblicata la Lettera di Arinze del 2005.
      Riuscì in maniera incredibile a trasformare le correzioni puntuali contenute nella Lettera in Approvazioni e il tempo massimo per adeguarsi ad esse, fissato in due anni, in concessione perpetua di continuare a fare tutto uguale a prima PER SEMPRE.

      Ecco, questi sono. E bisogna loro riconoscere una assoluta coerenza che, visto l'ambito in cui la esercitano, forse sarebbe meglio chiamare "ostinazione nel male".

      Pax

      http://www.internetica.it/neocatecumenali/commenti-lettera.html

      IN QUESTO ARTICOLO IL LINK DELL'INTERVISTA.

      Fallacio leggi e rifletti almeno mezza volta.

      Elimina
  25. ........

    E ricordo che a fine anno si avventurò in previsioni ispirate:

    Il 2021 - disse -, ora vi faccio una profezia! Sarà un anno meraviglioso, ricco di grazie fratelli... per voi, le vostre famiglie, per il Cammino tutto. Un anno immenso... di opere grandi...

    Intanto quest'anno è iniziato all'insegna del precedente, se non peggio: ad onta delle loro pressioni di riprendere in presenza, di riavviare i motori della Merkabà, in qualche modo, tutto è mortalmente immobile.
    Questi non possono fare più niente.

    Devono fermare tutte le loro attività, fatte di convivenze, raduni, invii, riunioni. Ferme le attività nelle salette, vuoto e triste il Centro di Porto San Giorgio, bloccati gli itineranti.

    E quando si sono mossi, ad onta - mò ci vuole! - della "storia che il Signore sta permettendo", l'hanno pagata cara.
    Alcune cose si sono sapute. Molte di più, se hanno potuto, le hanno tenute nascoste.
    Molti della vecchia gloriosa guardia ci hanno anche lasciato la pelle.

    Poi, quando Kiko stesso - per andare gironzolando (fingendo il via streaming) con tutta la Triade al comlpleto - si è beccato il COVID prima lui e poi il padre Mario nascondere più non è stato possibile. Madrid-Roma e Roma-Madrid, avanti e indietro, mettendo in movimento mezzo mondo.

    Chi altri si è contagiato? Quel che potranno nascondere nasconderanno, come sempre.
    In ospedale gli iniziatori ci sono finiti e il mondo neocatecumenale tutto ha tremato.
    Alla fine è andata bene ad entrambi, e noi ne siamo contenti. Lunga vita a Kiko e padre Mario e anche ad Ascension, che pare ne sia uscita indenne...

    Anno spettacolare il 2021.
    Intanto tutto è fermo.
    Sentiamo qui e lì di qualche azzardata catechesi dagli esiti incerti: ma se questi non incettano adepti in tempi normali! Figurarsi ora!

    Qualche sconsiderato talebano pressa per incontri in presenza, pur in Parrocchie dove è a rischio la minima sicurezza.
    Più di questo nulla. Stanno mal messi proprio. E siamo convinti che dovranno fare i pavoni, d'ora innanzi e almeno per un bel pò di tempo, senza ostentare più code e codazzi e cortei vari di fans.

    Pax

    RispondiElimina
  26. Ricopio qui queste rime finali, davvero ben fatte. Ringraziando Anonimo che ha colto bene lo
    "spirito del cammino" autentico.
    -------

    Oggi è stato davvero un successo
    Kiko Arguello è stato dimesso
    dopo pochi giorni dall'ospedale
    oh che notizia fenomenale
    adesso il Cammino Neocatecumenale
    si può dire salvo meno male
    a casa in convalescenza resterà
    ma ben presto del tutto guarirà
    poi tra noi di nuovo tornerà
    e ancora a lungo ci guiderà
    e diremo : Kiko non è morto
    sì Kiko è davvero risorto

    (da un Anonimo)

    A dimostrazione che il Cammino è Kiko e Kiko il Cammino, ormai. Da cinque anni senza neanche l'"attenuante" Carmen Hernandez!
    Un vero Caterpillar, indistruttibile!

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caterpillar è l'acronimo di :

      Catecumeno Ancora Troppo Eretico Ridicolmente Pavone Indecentemente Logorroico Larvatamente Apporta Risate

      Pavone è l'acronimo di :

      Personaggio Assolutamente Vanesio Ormai Neocatecumenalmente Eretico

      Elimina
    2. Acronimi intriganti. Grazie estroso sconosciuto.

      Pax

      Elimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.