lunedì 12 aprile 2021

Verso l'apertura della causa di beatificazione di Carmen Hernandez. Ma i neocatecumenali possono chiedere miracoli?

 

Siamo arcistufi delle continue ostentazioni provocatorie di chi viene a sbandierare la prossima ventura canonizzazione di Carmen Hernandez dandola per certa mentre non è affatto scontata. Con l’intima soddisfazione di farci il più grande dispetto e la sfrontatezza di poterci finalmente intimare di non mancare di rispetto ad una che è già santa e che fra poco anche la Chiesa riconoscerà tale. 

Precisiamo che non siamo né angosciati né trepidanti. Allo sconcerto iniziale che ci ha colti alla morte di Carmen per l'immediata rivendicazione illecita del titolo di santa, alla legittima ribellione anche solo all’idea del profilarsi di una simile assurda ipotesi è seguita una pacata attesa degli eventi futuri. Rassegnazione? Forse anche. Una cosa è certa: solo chi vivrà vedrà. Noi sinceramente non riteniamo possibile la canonizzazione di Carmen Hernandez. Anche se nulla più ci meraviglia nella Chiesa di oggi. 

Intanto continueremo nella nostra opera. Ognuno ha la sua da compiere… finché è giorno! Nessuno ci impedirà di testimoniare, di raccontare la nostra esperienza.

 

Si sono bevuti questa, se le bevono tutte

Registriamo, dall’Annuncio di Pasqua 2021, la conferma temporale: 


Ascensión: Un’altra cosa e termino: il 19 di luglio si aprirà, se Dio vuole, la causa diocesana, la diocesi di Madrid aprirà la causa di beatificazione di Carmen Hernandez (applauso dell’assemblea)

Kiko: E a me niente? Niente, io devo lavorare! Bene, fratelli. 

Ascensión: La prima biografia autorizzata di Carmen deve uscire all’inizio dell’estate, allora sarete contenti perché sarà bello conoscere la sua vita. [pag.18]

(ndr. grazie Ascen, ben arrivata! Noi la conosciamo da sempre!


Quando l’hanno espulsa dall’istituto missionario in cui si era formata per otto anni, Carmen racconta di aver fatto a Barcellona la sua prima esperienza della Pasqua: dalla morte alla vita. Confrontandosi col Crocifisso ebbe questa infusione: “Anche io sono crocifissa in nome della legge”, “In nome della legge mi uccidono”. La povera martire!  Anche lei, come Kiko d’altronde, carmencentrica. Invece di contemplare l’Amore, ha sempre contemplato solo se stessa autocommiserandosi e per questo era soggetta a frequenti crisi depressive, altro che deliqui mistici! Che poi sarebbe interessante conoscere i veri motivi della sua espulsione dalla Congregazione, alla vigilia della partenza per l’India, altro che essere “uccisa in nome della legge”! Lì martire delle “leggi” a suo dire (delle regole ferree della Congregazione Missionaria che  lei stessa aveva scelto) e dopo di Kiko per tutto il resto della sua vita. Povera martire! Carmen Hernandez “santa di categoria superiore” vergine e martire e evangelizzatrice dei popoli.


 

 

La notizia serpeggia da tempo. Nell'Annuncio di Pasqua 2021 ne danno conferma. Chi poteva dubitare che perdessero anche un solo minuto di tempo? Allo scadere dei cinque anni richiesti, partiranno alla carica e questa volta nessuno li ferma.


Si sono preparati ed è già un bel pezzo che fanno incetta di miracoli, grazie e segni... Tutto è ben accetto per bombardare il Vaticano con carichi da 90. I Neocatecumenali, si sa, son gente che fanno sempre le cose in grande! Dimostreranno che il nome di Carmen percorre tutta la terra, santa superiore, santa universale.


Un meccanismo strano si è innescato nel Cammino dalla sua morte, il 19 luglio del 2016. Qualcosa di anomalo fino a quel giorno nell’esperienza di cui con Kiko è stata iniziatrice. Di inedito e di inimmaginabile in un simile contesto tanto ben definito nella sua scarna essenza di rivisitazione e riattualizzazione della chiesa primitiva nuda e cruda e che non conosce santi canonizzati ancora, né li riconosce (in realtà dove non si delinea neanche il ruolo essenziale della Santa Madre di Dio). 

Un’esperienza che, a sentir loro, è libera da ogni “orpello” che successivamente si è sovrapposto e stratificato ai danni di quell'essenza di cui rivendicano di essere i soli riscopritori e garanti. Impegno primario di Carmen come di Kiko: ripulire tutto e tutto cancellare in un sol colpo con duemila anni di Storia e Tradizione della Chiesa. 

Tutto è basico nel Cammino, ridotto all’osso. Come il legno della croce. Dicono loro e si vantano! Si torna alle radici, si torna alle origini, si torna al cuore pulsante. 

E’ da dirlo, interpretando i loro pensieri che trasfondono nei seguaci di cui anche io ho fatto parte, che per costoro ogni altra esperienza nella Chiesa non vale nulla, tutto è etichettato come “religiosità naturale”, se non si passa per il Cammino. Tutto il resto non è Fede, non è essere uno con Dio. Le pratiche pie ti alienano soltanto e non servono a un bel niente. 

Mica possono pretendere di paragonarsi alle “consegne” dei neocatecumenali! Che ti consentono “nella concretezza” di procedere nel “cammino di fede” che è l'unica "riscoperta" del Battesimo! Nel Cammino sei tu e il Signore che ti chiama e che ti parla, senza altri intermediari che non siano i tuoi kikatekisti/profeti/ispirati! 

Al bando, dunque, santi e beati e statue nelle cappelle laterali delle nostre Chiese, offerti alla venerazione dei comuni fedeli e Chiese completamente stravolte dalla nuova estetica neocatecumenale che non prevede alcun accenno alla venerazione dei santi o a qualche devozione consolidata nella Tradizione Cattolica. Via tutto questo ciarpame!

 

 Leggiamo e restiamo sbigottiti. 


Ma ecco che, d'improvviso, il giorno dopo la morte di Carmen, o il giorno stesso, tutto cambia e una domanda sorge spontanea: Com’è possibile che si sia data una simile trasformazione? 

No, i fratelli delle comunità MAI avrebbero avuto un simile ardire. Se è partito a razzo e con tanta enfasi tutto questo delirio idolatrico, è perché Kiko in persona ha dato la stura e lui stesso ha dato il via alle danze cambiando improvvisamente copione (nulla può essere cambiato nel Cammino se egli non lo vuole). 

Kiko ha esordito dicendo: “Vi comunico una grande notizia: Carmen è salita al cielo. Alleluia, Alleluia”. Ha continuato esortando: “Pregate la nostra “Santa di categoria superiore”. E questi tonti dei camminanti sono tanto imbecilli che neanche una domanda si son posti; niente di niente. E un minuto dopo son partiti sull'onda dell’obbedienza. Neanche un minuto di sgomento. Un chiedersi: “Ma cosa è successo?” “Com’è che ora possiamo inginocchiarci? Ora possiamo pregare perfino una che fino a ieri era ancora tra noi? Quando mai abbiamo potuto pregare i santi?” 

Forse hanno pensato infondo: “Evviva! Ora possiamo chiedere anche noi i miracoli! Che Dio, per mezzo di Carmen ci cambi finalmente la storia nella quale dovevamo a tutti i costi “entrare” senza mai tentare Dio e senza mormorare! Che Dio, per intercessione di sanCarmen, guarisca i nostri cari, ci dia lavoro, salute e ogni bene. Urrah, non dobbiamo più “salire” sulla nostra crocegloriosa, né “entrare” in essa…. Almeno per ora! Finché “dura quest’Oggi”

Rivolgetevi a lei, alleluya!

 

 

Ed è così che i fratelli si sono scatenati e hanno invaso il cielo di preghiere di ogni genere. Legittimati dalla stessa raccomandazione dei catechisti. Non è parso loro vero: poter fare, finalmente, le stesse preghiere che fanno tutti i religiosi naturali per ottenere cose concrete e tangibili, ma soprattutto documentabili (che è ciò che a Kiko interessa più di tutto).

Perchè poi, sia ben chiaro, bisogna di pronto dare riscontro, chè al più presto si deve mandare tutto il dossier a Roma, per avallare la canonizzazione anche in terra di colei che in cielo è già santa, senza ombra di dubbio! (Kiko dixit). Sì, fratelli, ora potete! Approfittatene tutti. Coraggio!



Ma a questo punto insorge un grosso problema: 

Gli scrutini ai vari passaggi dovranno assolutamente cambiare tenore e dovranno adeguarsi. 

Perchè se uno non accetta la sua croce, da ora in poi potrà sempre dire al suo catechista:

“E’ un anno e più che chiedo a Carmen che mi levi questa “spina dal fianco”. Che mi tolga questa malattia, che cambi mia moglie, che apra la mente a mio figlio o al mio capo sul lavoro…..” “Io non ce la faccio più!” “Ma qui non succede niente, e io allora ho pregato più forte, io non mi rassegno! Mi alzo la notte a grido a lei a sanCarmen, così come VOI mi avete comandato di fare, e grido con insistenza…”. 

 Oh come vorrei sentire i kikatekisti/kikopappagalli telecomandati cosa rispondono a queste belle e sentite esperienze! Quando si accingono, come al solito, a fare “discernimento”! 

Mi auguro per loro che abbiano a portata di mano il cellulare, col numero di Kiko impostato. Facendo finta di dover andare in bagno potranno sempre chiamarlo per chiedere lumi sul come uscire da questo imbarazzo, da una simile situazione incresciosa! Se esiste un modo per salvarsi la faccia e la reputazione. E come fare per salvarla anche a lui, con tutto quello che è scritto nero su bianco nei mamotreti. Poichè catechesi ed esempi di scrutini riportati, a questo punto, son tutti da ripensare e riscrivere. 
La cosa è fin troppo chiara. E allora che li rifaccia lui, Kiko Arguello.

Carmen mosaico calpestabile

Essere l’Iniziatore/superstite: che sventura! Ma intanto è lui il profeta e il maestro, colui al quale "è stato ispirato il Cammino Neocatecumenale". Ma Oggi dio (il suo dio) "gli ispira una cosa diversa"!

Per nulla al mondo vorrei srare nei loro panni! Tempi duri si profilano all’orizzonte. Che venga alla ribalta vergognosamente tutta la loro incoerenza. Ma, forse o senza il forse, questo è solo un sogno, una pia illusione. Tanto i fratelli son tutti tonti, quelli che permangono in cammino, ma tonti proprio! Non c’è da nutrire alcuna speranza! 

Intanto noi che ne siamo usciti per sempre e abbiamo conservato il ben dell’intelletto, vogliamo continuare a ragionare. Dell’impatto - inevitabile - del comando diramato a tutti gli adepti da Kiko e dagli itineranti di avvalersi, per ogni loro necessità sia morale che materiale, dell'“intercessione” di Carmen (per ottenere miracoli).  

Udite! Udite! Una rivoluzione copernicana è in atto all'interno delle "piccole comunità" kikiane.

Qui parliamo dell'impatto sugli scrutini esistenziali che vengono fatti ad ogni tappa, dal secondo scrutinio in poi. Con tanto di esempi concreti di kikian/discernimento riportati nei mamotreti e seguiti scrupolosamente dai kikopappagalli addestrati a kikatekisti. 

E dunque vi è da dire che non può essere più giustificato un approccio pragmatico ai fatti, alla storia che è “parola di Dio”, al “salire sulla croce”... se no scappi dalla tua realtà e tenti Dio... “non la mia ma la Tua volontà sia fatta”… A questo punto sono solo chiacchiere.

Visto che ora, quando ti trovi in faccia alla croce, puoi invocare la Carmen perchè tutto, di pronto, si volga in tuo favore o perchè tu e i tuoi cari non si abbia più a soffrire alcun male! 

Presumiamo che, con tali premesse, tutto il racconto dei fratelli agli scrutini prenderà di sicuro tutta un’altra piega. Verranno esposti - come sempre - i fatti concreti di croce ma anche tutte le suppliche di liberazione rivolte a Carmen saranno ben esposte. 

A questo punto il fratello ci terrà a precisare che egli ha gridato a Carmen notte e giorno non per un moto spontaneo dettato dalla paura di soffrire,  ma in perfetta obbedienza ai catechisti come si addice al neocatecumeno perfetto

Siamo ormai su un piano puramente spirituale e di fede adulta, chi può dubitarne? 

Importante sarà poi comunicare anche il più piccolo riscontro da parte di Carmen dal cielo al Centro Neocatecumenale di appartenenza, che a sua volta provvederà tempestivamente all’inoltro dei "miracoli" ricevuti al Tribunale per le cause dei santi.... 

Si trattasse pure di qualche grazia molto piccolina o da considerare ininfluente. Tutto fa brodo! Poi glielo spiegheranno loro alla prima occasione ai fratelli che non sono stati esauditi, grazie al “discernimento ispirato” di cui sono dotati, il perché il miracolo per alcuni di loro non è avvenuto. 

Indicheranno come interpretare in verità questo “imprevisto”

Come va letta questa storia di "non ascolto" da parte di una santa “di categoria superiore” tanto misericordiosa! Sveleranno l'arcano del perché tu non sei stato ascoltato da Carmen, mentre quello di quell’altra comunità, sì... Non c'è nulla da temere!

Infatti è arcinoto che tutto ha un senso per il neocatecumeno fedele al cammino, importante che il catechista lo illumini. 

Se poi, come sembra più probabile in questa spinosa questione, l'arcano è troppo arcano, possono sempre importi di stare alla storia "senza pensare", "passare alla fede" senza capire: Abramo, Abramo, Abramo sei tu!

 

Giobbe e i tre falsi amici
Non ci si accusi di cinismo. Noi ben sappiamo che grande mistero avvolge la vita di ogni uomo sulla terra, sotto molteplici aspetti. Giobbe insegna. Mentre nell'estenuante ricerca di spiegazioni, introvabili e ardite, si rischia di finire non con la fede di Giobbe, che Dio stesso loda ed apprezza, ma con gli astrusi discorsi dei tre perfidi amici (l'equipe dei kikatekisti discernenti che ardiscono sottoporre i neocatecumenali a scrutinio) che, invece di alleviargli le pene, aumentano il suo dolore oltre ogni limite. E Dio stesso, alla fine, li condanna.

E' 'Kiko che sa tutto lui' che, nella pretesa di fare il profeta dei popoli, finisce per mettersi con le sue stesse mani in questi pasticci e imbrogliarsi come pulcino nella stoppa

In conclusione, all’obbedienza a tutte le preesistenti consegne del cammino: 

Fare il Cammino in presenza rispettando il "tripode" con tutte le celebrazioni e preparazioni, e convivenze; Ottemperare alla decima e agli invii... fino alla morte...

...Se n'è aggiunta un’altra: 

Chiedere miracoli a Carmen Hernandez. 

 

Sapendo per tutto quanto che non obbedire ai catechisti è peccato mortale.

91 commenti:

  1. A chi ha fatto una infinità di peccati di simonia (ungere nel gergo moderno) vescovi ecc...vuoi che trovino difficoltà a inventarsi di tutto e di più?
    Guai se non la fanno santa, kiko è la volta buona che crea lo scisma. Anche se di fatto già lo sono scismatici, ma la domanda più profonda è un'altra: si piò credere ancora alla chiesa di Bergoglio?

    RispondiElimina
  2. Certo, non si può dire che mai la predicazione neocatecumenale sia stata molto coerente. Però è sempre stata adamantina sull'accettazione della 'croce', che poi generalmente si associava alla accettazione del proprio stato di peccato e alla rinuncia a cercare di essere migliore e, con l'aiuto di Dio, a non peccare più. La croce, il figlio malato, il marito ubriacone eccetera andava amata ed accettata così come era, senza cercare scappatoie e soprattutto senza pratiche 'pagane' di richieste ai santi, alla Madonna, a Dio stesso di esserne liberati.
    Ripropongo un pezzo della catechesi di Kiko sul miracolo della guarigione dell'epilettico già a suo tempo proposta e commentata, che dimostra la crudezza di questa visione rassegnata della propria condizione umana e del peccato di mancata obbedienza al piano di Dio di chi osa chiedere anche solo una guarigione, un sollievo.
    E mi chiedo anch'io, come Pax, quale salto mortale con triplo avvitamento dovranno fare i catechisti per dire ai propri catecumeni: guai a voi se chiedete a Dio, alla Madonna, ai Santi, di essere liberati dal vostro assillo; nello stesso tempo però lodandoli se chiedono alla santa di categoria superiore Carmen Hernandez un intervento dall'alto. A Dio non è lecito chiedere, a Carmen sì, in vista della fanta canonizzazione!
    Di seguito l'estratto di Kiko (ipse dixit).

    «Allora che voglio dire? Che voi, fratelli, se voi avete incontrato questo profeta e avete la resurrezione dentro dì voi, e avete la vita, si dimostra questa resurrezione nella famiglia, perché possiamo aver figli, possiamo amare il marito, possiamo sopportare la moglie insopportabile, perché possiamo accettare non so che cose. E soprattutto non utilizziamo la religione perversamente, perversamente.
    Il cristiano capisce perfettamente, non utilizza la religione perché Dio gli tolga la croce, come fa la gente con Cristo. “Cura mio figlio, è epilettico”, e Gesù Cristo dice: “O generazione perversa e adultera, fino a quando dovrò sopportarvi?”. Come? Dio ti ha dato un figlio epilettico e mi chiami a me perché io, siccome Dio mio Padre ha fatto le cose molto male, io che sono il Figlio di Dio te le faccia bene, no? Ma perché non ti domandi perché tu hai un figlio ammalato? Ma non ti rendi conto?
    Perché Dio deve passare per la tua testina? Perché non pensi che Dio ha un disegno immenso per te e che le cose che ti capitano ... non ti ribellare contro di esse. No, niente! Non voglio sapere nulla. L’unica cosa che vogliono... che gli importa dei segni, che gli importa che Cristo sia il Messia? L’unica cosa che gli importa a quell'uomo è che suo figlio sia guarito e basta.
    Ma guarda - dirà Gesù Cristo - guarda cretino , guarda quell'altro familiare che hai vicino a te. Il vicino non ha nessun figlio epilettico, ed è felice? E’ felice? Non è felice per niente! Ha altri problemi”. E quello: “E a me che mi frega degli altri. Io soltanto ho questo problema: non sopporto vedere mio figlio che quando gli viene la malattia si butta nel fuoco. Sì, lo capisco, sono un egoista. Fallo per me, fallo per me! Non voglio sapere più niente”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O generazione perversa e adultera! E infatti farà pochissimi miracoli, che non è venuto qui a fare il curatore, a fare queste guarigioni così che non servono a niente. Ma c’è gente così perversa che pensa che l’unica cosa valida nel mondo è fare queste cure, l’unico valido. Chi lo ha detto? Chi lo ha detto? Quanta gente ha trovato la felicità e la vita attraverso le malattie, quanta gente! Guai a noi il giorno che non ci siano più figli anormali! Guai a noi il giorno che non ci sia più vecchiaia, più debolezza nel mondo, più povertà: guai a noi. Questo lo diciamo noi veramente: il mondo intenta togliere di mezzo tutto quello che non vuole, e quel giorno l’uomo diventa superbo, potente, e non c’è più scampo per i deboli, i deboli sono emarginati per l’orgoglio della società, dove chi fa un minimo sbaglio ha tutto il peso della legge su di sé, in modo che non si può muovere. Per questo noi diciamo no, fratelli. Anche il cancro, anche le malattie in qualche modo fanno ripensare un momento l’uomo, per favore, ripensare ’Ma dove andiamo, ma chi siamo?’. Ringraziamo il Signore un momento! Ringraziamo il Signore che nella sua economia ha pensato anche che ci siano dei terremoti, cioè che ci siano delle cose che l’uomo non possa dominare, che faccia pensare un momento all'uomo ’Ma chi sono? Ma dove stiamo andando? Ma che bestialità è questa? Ma che mostruosità! Ma perché mi è capitato questo? Ma come è possibile: tutta la mia vita lavorando per un pezzo di terra e mi ritrovo adesso con mia moglie morta e tutti i miei figli! Ma Dio mio, ma che succede qua?’. Tutta la società viene sconvolta, obbligata a ripensare. Magari non serve a nulla, nulla, ma Dio l’ha intentato.»

      Elimina
    2. Ottimo l'intervento di Kiko su esposto. Pubblicatene altri, per favore

      Elimina
    3. Più si riportano le LETTERALI parole di Kiko, più c'é da ridere e da piangere insieme.
      Kiko dimostra un'IGNORANZA assoluta tipica di chi ha la pretesa di interpretare la Scrittura "a orecchio", senza sentire alcun bisogno di sapere quale è l'interpretazione della Chiesa.

      Se riesce a dire idiozie perfino nell'interpretare la guarigione dell'epilettico, sembra evidente che sta seguendo un suo pensiero preconcetto.
      Infatti, che Gesù, quando parla di generazione incredula e pervers,a non si riferisce al padre del ragazzo, che invece dimostra fede e umiltà, ma soprattutto ai suoi discepoli che non hanno avuto abbastanza fede per guarire il ragazzo, appare lapalissiano, e questo senza andare a scomodare i commentari biblici.

      Sul fatto, poi, che Gesù abbia operato pochi miracoli, Kiko è addirittura imbarazzante anche per un neocatecumenale convinto, purché in buona fede.
      In vari brani evangelici, infatti, si parla che Gesù guarì tutti, o molti, dei malati che erano presenti.

      Elimina
    4. Infatti Pietro, hai perfettamente ragione. Gesù con il generazione incredula e perversa stigmatizza la poca fede dei suoi, non la fiduciosa umiltà del padre. E, come tu dici, Gesù è passato guarendo, risanando, risuscitando. Sia quando glielo chiedevano supplicando o urlando o insistendo ma anche quando nessuno glielo chedeva, di Sua iniziativa.

      Dice Gesù ai discepoli di Giovanni il Battista che lo interrogavano: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi vengono sanati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunziata la buona novella. E beato è chiunque non sarà scandalizzato di me!». (Lc.7, 22-23)

      Questi i segni del Messia, questi i segni che Gesù stesso dà come suoi propri mentre li Kiko rinnega e relega in un angolo come retaggio di un infantilismo cronico che si chiama religiosità e non Fede. Ma Gesù, ogniqualvolta guarisce, dice "Va, la tua Fede ti ha salvato!".

      Riappaiono sullo sfondo i perversi e falsi amici di Giobbe che coi loro tortuosi ragionamenti speculativi pretendono di racchiudere Dio nella loro prospettiva angusta e di dire il perchè e il percome di ogni accadimento. Superbia grande e presunzione somma. Etichettare la croce in poche battute.

      A parte Anonimo che salta l'ostacolo a piè pari, incurante di dimostrare ancora una volta che non ha capito un bel niente!

      Pax

      Elimina
  3. Stasera su Report parleranno del Vaticano, c'è un'anteprima sui giornali, pare che nella Congregazione
    della Causa dei Santi un funzionario abbia preso una tangente per accelerare una pratica di beatificazione. Non fanno nomi, lo vedremo stasera, però ho pensato subito alla causa di Carmen : non è che il Cammino "convincerà" il Vaticano a beatificarla con una cospicua donazione? Ne ho parlato proprio ora con l'amico di Iglesias ormai ex cnc, lui sosteneva, e lo fa tuttora ,quando era ancora con loro che Carmen non meritava la beatificazione, ma è convinto che la faranno santa lo stesso e in tempi anche molto rapidi. Aldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In mezzo a tanto squallore emerge almeno una bella notizia: il tuo amico di Iglesias è ex cnc anche lui!

      Pax

      Elimina
    2. Aldo mi permetto di scrivere un cosa.

      Stai molto attento ai comunisti, che si spacciano per difensori del Papa e della Chiesa, a loro non interessa nulla di tutto questo, ma per entrare tra di noi si camuffano. E per cui stai molto attento a ciò che riportano e come. Ultimamente va di moda, in un'area politica, difendere il Papa, perché è a favore di alcune cose, come i migranti e altro, delle quali loro sono i portabandiera e le usano per ideologia e per fini politici e di potere.
      Riguardo all'immigrazione ti sottolineo che è una cosa è il messaggio cristiano, altra cosa è quello comunista. Il cristiano segue Gesù e fa questo:

      Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. 34 Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. 35 Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. 36 Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». 37 Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' lo stesso».»

      Il comunista toglie la proprietà a coloro che se la sono guadagnata con sudore e pagandoci le tasse, per cui già hanno contribuito, per distribuirla ad altri non titolari, per poi appropriarsene mediante lo Stato, il loro Stato, ovvero mangiando lautamente sulle spalle del prossimo perché s'infilano loro e i parenti e i conoscenti nei posti della società senza sudare per guadagnarsi lo stipendio. Fanno il minimo sindacale, e sfruttano la situazione come se tutto gli fosse dovuto. E fanno tante altre cose, basta guardarsi in giro. Sappiamo il periodo che stiamo attraversando.
      Che per caso nella parabole c'è scritto di togliersi la proprietà e distribuirla a chiunque, anche ai nemici della nostra fede, e ai truffatori e agli spacciatori e a chi non ha voglia di lavorare ( perché sappiamo che ci sono)? Che per caso dopo la Resurrezione i cristiani dividevano proprietà e terreni e altro anche tra pagani, il Sinedrio, Romani, Atei ecc, ecc.
      Ditemi dove Dio ha comandato questa cosa sono disposto a farla subito.
      Da qui capite tutti che vi è una strumentalizzazione in atto. Perché? Ognuno si dia la sua risposta.

      Il loro scopo è quello di portare zizzania tra di noi, è di dividere.
      Sicuramente prenderanno alcuni fatti veri stasera su Report, realmente accaduti, ma vi monteranno dietro tutta una situazione. E per cui mi sento di dirti, vediti Report ( non perché lo dico io, ma per finire il mio scrivere) prendi ciò che ritieni utile e da capire, ma tutto con moltissima attenzione.


      Elimina
    3. Non credo di vedere Report, volevo dirvi che il mio amico di Iglesias ex Cnc politicamente viene dalla sinistra, era del PCI e ora è di area Pd, non so come conciliare le cose con la Chiesa, anche perché lui dice che il Cammino è di destra, votano Dei, FI e Lega, un altro motivo di attrito tra lui e loro. i focolarini a cui appartengo sono in genere di sinistra, io no, si rifanno alla sinistra cattolica che un tempo faceva capo a La Pira e Dossetti

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. Scusate ma penso che questi due commenti siano da eliminare.

      Frilù

      Elimina
  4. Al di là della regressione da una "fede adulta" a "religiosità naturale", perché nel Cammino la venerazione dei santi fa(ceva) parte della religiosità naturale (e questo cambiamento di credo risulterà dall'esame della predicazione Kiko-Carmeniana), tutta questa faccenda della santificazione di Carmen penso che alla fine sarà il botto finale per il Cammino Neocatecumenale perché scavando nella vita della candidata alla santità verranno fuori anche delle verità mai conosciute, scomode, quelle non scritte nel libro neocatecumenale della sua biografia "ufficiale". Si dovranno acquisire le documentazioni alla congregazione alla quale Carmen apparteneva, le documentazioni dei suoi studi, le documentazioni di ciò che ha predicato, le documentazioni della sua permanenza a Palomeras, le documentazioni della famiglia, che a 35 anni andò a cercare di riprendersela alle baracche, le documentazioni della sua sanità mentale (esistono psicologi e psichiatri che già l'hanno valutata instabile (per essere delicati), insieme al suo compare, le documentazioni e le ragioni di chi ha scritto libri contrari alla dottrina da lei propugnata...
    Col Cammino in declino spaventoso, con le ultime consegne in palese disobbedienza alla Chiesa, col Kiko che sparisce e poi riappare più stralunato che mai, con i testi (che andranno vagliati bene) della loro dottrina... Quando si inizia un processo per la beatificazione si deve andare a fondo nella vita del candidato, a 360°. Spunterà così la verità sull'espulsione di Carmen dal convento, spunteranno le sue catechesi ereticali e sconnesse, spunterà il suo legame con mammona, la veridicità delle sue lauree, specialmente quella in teologia ma, soprattutto, spunteranno le migliaia di insulse testimonianze solo neocatecumenali, di cui molte sveleranno la banalità delle "testimonianze a richiesta" di una massa tutta uguale e ben indottrinata che, non credo di sbagliare, testimonierà che "Carmen l'ha fatta arrivare in tempo in convivenza" o "ha guarito una pustola sul dito medio"
    Li conosciamo i neocatecumenali, si distruggeranno con le loro stesse mani, con le loro stesse testimonianze, perché questo è un vero vaglio. Se poi sarà operato un vaglio preventivo solo sulle testimonianze degne di essere presentate, ne rimarranno pochissime: scrivete, scrivete, neocatecumenali, più di metà delle vostre testimonianze saranno cestinate perché impresentabili.

    Comunque, questo processo, invece che decretare la santità di Carmen, per tutte le cose che necessariamente dovranno venir fuori, è più probabile che decreti la fine del suo Cammino. Che sia la volta buona che molte cose vengano a galla in un momento in cui il Cammino ha perso presa e che il fatto di avere testimoni solo neocatecumenali metta in sospetto che questa "santità" non sia di valore per tutta la Chiesa, ma solo di un gruppuscolo in decadenza.
    Hanno fornito alla Chiesa un'ulteriore occasione di indagine che non sarà facile pilotare.
    Si distruggeranno da soli, secondo il vecchio adagio "chi troppo vuole nulla stringe".

    Se poi la Chiesa la dovesse veramente canonizzare, allora, cari cristiani della domenica, sapremo una volta per tutte che l'epoca è vicina, quella in cui il nemico di Dio avrà già messo le mani nei posti più alti di comando.

    Quanto allo scisma, credo che a questo punto sia poco probabile anche quello, perché ormai il Cammino si è talmente rinsecchito che gli scismatici sarebbero solo un gruppetto di sbandati senza forza e molti di questi, davanti ad uno scisma, torneranno alla Chiesa.
    Ha perso l'occasione, Kiketto nostro, di formare una sua chiesa ai tempi d'oro.
    Fuori della Chiesa di loro che rimarrebbe ad oggi?
    Anche Ario ebbe più seguito.

    RispondiElimina
  5. Cari fratelli buongiorno a tutti! Abbiamo davanti a noi una bella settimana che culminerà con la Domenica Santa, come la Vergini savie rimaniamo in attesa del nostro sposo, per cui alimentiamo le nostre lampade con olio, sapete voi come fare, basta che vi documentate nella Chiesa e avete tantissime testimonianze di altri cristiani che hanno descritto bene cosa fare per giungere alle vette di santità. Ognuno si scelga chi prendersi come amico di fede.
    Mi raccomando a non seguire altri pseudo maestri, non sto a scrivere chi, sapete chi sono, oppure state attenti a seguire cristiani che sono caduti in alcuni tranelli e non sappiamo con precisione che hanno dentro il cuore e cosa pensano.
    Quello che conta è l'avere sempre dei punti fermi, uno di questi è l'amore per il Nostro Dio che si manifesta nell'avere un grandissimo amore per la Santissima Eucarestia, per cui se non siamo abituati nel fare gesti concreti di amore ecco che possiamo iniziare in un qualsiasi momento.
    Mi raccomando sempre di non farvi trascinare da prese di posizione insensate che vi andrebbero a farvi dei grandissimi danni spirituali, uno di questi è il NON RISPETTO DEL CORPO SANTISSIMO DI NOSTRO SIGNORE, rimaniamo sempre umili.
    Alcuni in mezzo a noi stanno diffondendo una pratica perversa che va a spingere i figli di Dio a non avere rispetto di ciò che c'è di più Sacro su questa terra, non seguiteli in alcun modo.
    Evidentemente questo loro modo va sempre più scivolando in basso, e per cui, ricordiamoci sempre, avranno iniziato nel praticare azioni poco rispettose, come lo stare seduti mentre si fa la Santa Comunione, seduti su poltrone dentro sale ristoranti di alberghi o simili situazioni, e poi via via sono o stanno scendendo sempre più in basso. Preghiamo per questi sventurati e speriamo che cambino rotta.
    Un altro metodo che stanno diffondendo in giro tra di noi è quello di metterci a credere che essi siano delle ottime guide spirituali, e per cui con questa scusa riescono a farsi passare per ciò, e poi riescono ad accedere al nostro cuore e riescono a far fare quanto vogliono loro.
    Queste nostri fratelli sono dentro la nostra amata Chiesa ed hanno ottenuto, sappiamo tutti, chiamiamoli dei riconoscimenti come lo Statuto. E per cui forti di questi riconoscimenti vanno oltrre le loro competenze si inventano obblighi e oneri verso altri fratelli. E per cui ci dobbiamo concentrare tutti cristianamente nel togliere questi pesi che vengono buttati sulle spalle.
    Ma oltre ai pesi ecco che vengono impostate delle pratiche irrispettose verso Dio, infatti cari tutti se non si ama il Signore si possono amare i fratelli? Vicerversa, se non amano i fratelli possono amare Dio? Come potete toccare con mano da voi stessi ecco che la situazione è evidente davanti a noi tutti. E per cui questi nostri fratelli che sono caduti in queste pratiche ecco che vanno risvegliati, e vanno rievangelizzati, ma nel senso vero, perché molti parlano di evangelizzazione, e fanno anche delle azioni che mettono a credere che si faccia ciç, ma realmente le fanno male e non come dovrebbero essere fatte.
    Un segnale di questo loro grave defici spirituale è ,come vi sto scrivendo da diversi giorni , il NON RISPETTO DEL SANTISSIMO CORPO DI NOSTRO SIGNORE, infatti vi è come un attacco alla Santa Eucarestia che parte dal non inginocchiarsi appositamente e insegnando a fare questo volutamente credendosi dei portatori di grandi novità, al praticare la Comunione da seduti, infatti assumono Nostro Signore da seduti, e poi non si inginocchiano neanche nelle varie preghiere e in altro. TUTTO QUESTO E' MOLTO GRAVE E NON PUO' PIU' ESSERE TOLLERATO, PERCHE' PORTANO I NOSTRI FIGLI E FRATELLI IN SITUAZIONI TENEBROSE.

    Pace ai figli della Pace.

    RispondiElimina
  6. Cose da pazziii!!! Sono entrato in comunità credendo di essere nella Chiesa Cattolica e mi sono ritrovato per 20 anni in una Setta. La Chiesa Cattolica ha un grandissima responsabilità in tutto questo. Moltissimi usciranno dalla Chiesa Cattolica il giorno stesso della proclamazione di santa Carmen, questo è certo.

    RispondiElimina
  7. Carmen non sarà MAI nemmeno venerabile.
    Lo dico con assoluta certezza, sebbene mi auguro che sia riuscita a salvarsi.
    Per essere venerabie, infatti, occorre aver dato prova di virtù eroriche tanto da essere un esempio per i credenti.

    Certamente ci potrebbero essere delle false testimonianza, ma visto che tante persone hanno fatto esperienza dell'insensibilità di Carmen e della sua mancanza di amore e di rispetto verso l'Eucaristia e verso la Madonna, non penso che il Vaticano possa correre il rischio di avvallere un atto che gli rovinerebbe la reputazione presso molti.

    In ogni caso, pur non essendo un esperto, ritengo che certe dichiarazioni della Chiesa, anche se ufficiali e impegnanti la sua autorità, quando non si basano direttamente sulla Rivelazione, ma su documentazioni umane, possono essere annulate.

    Se perfino un'assoluzione sacramentale è invalida se il penitente ha detto il falso, o un matrimonio, Sacramento della Chiesa, è nullo se gli sposi hanno "testimoniato il falso" sulle condizioni iniziali, anche un eventuale atto che dichiara Carmen come venerabile, se si basa su testimonianze false e non prende in considerazione delle testimonianze vere, è invalido.

    Ma ripeto il concetto: la Santa Sede non arriverà fino al punto di rischiare di darsi la zappa sui piedi con una dichiarazione di venerabilità che ha del ridicolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema non esiste perchè per il Cammino Carmen è salva, innanzitutto, e poi è santa. Che il Vaticano la proclami tale è di secondaria importanza, se poi lo fa è meglio per noi.

      Elimina
    2. Per voi il problema non esiste, perché Kiko vi ha convinto che, peccatori di qualsiasi risma che siate, alla morte verrà addirittura Gesù ad accogliere la vostra anima e, senza giudizio, andrete in Paradiso insieme agli altri fratelli di comunità. Carmen invece deve essere dichiarata santa dalla Chiesa per impedire al Cammino di chiudere, entro i prossimi anni, baracca e burattini.
      Per questo vi fanno pregare a lei (e non per lei, nonostante ne abbia bisogno) e mettono in atto questa sceneggiata, nonostante per una vita vi abbiano insegnato che è da bigotti e da idolatri pregare i santi. E sicuramente, a questo scopo, inonderanno il Vaticano di 'regaline', come era uso della defunta nei confronti dei cardinali amici del Cammino.

      Elimina
    3. Se per voi non esisteva il problema, non avreste presentato domanda allo scadere preciso dei 5 anni.
      Invece il problema esiste eccome.
      Se rifiutassero la canonizzazione il Cammino non ci farebbe una granché bella figura, dopo tutto il polverone sollevato, e le conseguenze non tarderebbero a farsi sentire.
      Tu puoi parlare solo per te, ma sai quanti aprirebbero gli occhi, se fosse rifiutata la canonizzazione.

      Secondo me questa è la vera prova.
      Se vogliono censurare il Cammino, stai certo che l'occasione della richiesta super tempestiva di canonizzazione ne darà una buonissima occasione.
      Se se lo vogliono ancora tenere ed accreditare, allora la canonizzeranno, ma avranno già mostrato da quale parte stanno.
      Il dolore delle vittime della santa griderà giustizia presso Dio.
      Come tu sai, se ti definisci cristiano, prima sembra che il mistero dell'iniquità abbia la migliore, perché si impone con l'inganno e con la potenza e la forza, ma è Dio che vincerà.

      Quelli che considerano un trapassato già salvo, mettendosi al posto del giudizio di Dio e che lo considerano santo prima del pronunciamento di chi di dovere, resteranno a cantarsela e suonarsela nella loro testa ed alla mancata canonizzazione avranno un motivo di più per dire: "La Chiesa non funziona, la Chiesa NON evangelizza, NON catechizza, NON salva, NON passa da uomo vecchio a uomo nuovo, NON dà la fede adulta, NON dà la vita eterna, NON ha mai dato lo Spirito Santo!".
      "Solo noi, da dopo che Dio NON agì nella storia con la conversione di Costantino, abbiamo recuperato tutto! La nostra santa di categoria superiore, il nostro profeta Francisco da Léon...!"
      Ed esulteranno ballando intorno ad una tavola disadorna e spoglia, fieri delle loro idee abitanti solo nelle loro teste...

      Elimina
    4. Ma allora, dico io, se è di secondaria importanza che il Vaticano si pronunci, tanto ciò che per voi conta è quello che voi dite e pensate, smettetela una buona volta di rompere tanto le scatole.

      Pax

      Elimina
    5. Pietro spero veramente che tu abbia ragione, ho molta paura che i nc si batteranno come leoni per avere la loro falsa Santa, ieri nel programma report che senz'altro molti di voi avranno visto, si é parlato dei Santi comprati a suon di soldi,santi e beati che di santo e beato avevano poco o niente, quindi conoscendo i nc e le loro infiltrazioni e conoscenze in Vaticano non mi meraviglia che riescano nel loro diabolico intento. Dio ci salvi.

      Elimina
    6. Alla larga da Report. Spero che qualcuno lo quereli per quello che hanno detto

      Elimina
    7. Anonimo, per essere del CN, laddove si predica di non denunciare, di non resistere al male e così via, hai la querela facile! Capisco però che l'argomento oliature in cambio di canonizzazioni facili è un argomento un po' delicato, in questo periodo, per il Cammino.

      Elimina
  8. Cristiano Della domenica è l'acronimo di :

    Camminante Ridicolmente Ideologizzato Straordinariamente Torvo Indicibilmente Amorale Neocatecumenalmente Orrido Deficentemente Eretico Lungamente Logorroico Ancora Doverosamente Orribile Mamotreticamente Energumeno Nemmeno In Chiesa Appare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio! Un grande abbraccio e prega per noi.
      CDD.

      Elimina
  9. Escamotage per non pagare la decima nel Cammino : farsi bocciare allo scrutinio per la seconda tappa una volta, due volte sempre volte, così si rimane nel Cammino per sempre senza pagare nulla. Geniale, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai bene che non è per nulla geniale.
      Rifare più volte il secondo passaggio vuol dire dover pagare ogni volta la convivenza in albergo anche per un plotone di catechisti, rifare la vendita dei beni e lo scrutinio davanti a tutti.
      Piuttosto, c'è chi ha chiesto di poter rimanere allo stesso livello senza affrontare lo scrutinio, ma pare che la risposta sia stata NO.
      Allora si è rivolto a Kiko in persona: chissà come sarà andata a finire?
      Qui la lettera, tratta da un commento su fb.

      "Hola Kiko.
      Vivo a Saragozza ed ero membro della Comunità di San Braulio, con precisione della nona comunità.
      Scusa se ti disturbo con i miei problemi, però mi trovo nella necessità di farlo per porti le seguenti domande.
      Sono un barbiere, lavoro da solo, sono divorziato, ho due figli e le mie entrare sono scarse.
      Quando si faceva una convivenza, dovevo perdere giornate di lavoro e pagare l'albergo, cosa che comportava una perdita netta per le mie misere finanze.
      Alcune volte hanno pagato gli altri, ma non mi piaceva che altri dovessero sovvenzionati le convivenze.
      Lo dissi ai responsabili, che non volevo fare i passaggi, ma che volevo restare sempre nell'ultima comunità; mi risposero che non potevo e che mi cercassi qualcos'altro.
      Il problema è che, per l'orario e per gli anni fatti in cammino, desidero rimanere a San Braulio, poi sono abituato allo studio della Bibbia che si fa lì.
      Ho considerato anche di cambiare cammino ma potrei andare solo dai Testimoni di Geova e non mi piace.
      Quelli della nona comunità di solito celebrano la Parola il martedì; al momento, posso solo andare all'Eucaristia di sabato, però il martedì dopo la Settimana Santa mi è capitato di passare per San Braulio e per coincidenza stavano celebrando l'Eucaristia quello della prima comunità (vestiti tutti di bianco).
      Mi si accostarono i responsabili e mi dissero di andare fuori dalla chiesa, che potevano assistere solo quelli della prima comunità.
      Io mi chiedo: è cristiano?
      Gesù in lasciava nessuno in disparte.
      Io volevo ascoltare la Parola di Dio perché stavo da molto tempo senza, ma non ho potuto.
      Alla fine, tutto ciò mi dispiace molto.
      Se si potesse far qualcosa al riguardo, mi farebbe molto piacere, che Dio ti benedica, un cordiale saluto."

      Forse Kiko gli avrà risposto di andare pure dai TdG visto che 'hanno qualcosa da insegnarci'.

      Elimina
  10. Scrive Pax:

    "Importante sarà poi comunicare anche il più piccolo riscontro da parte di Carmen dal cielo al Centro Neocatecumenale di appartenenza, che a sua volta provvederà tempestivamente all’inoltro dei "miracoli" ricevuti al Tribunale per le cause dei santi....
    Si trattasse pure di qualche grazia molto piccolina o da considerare ininfluente. Tutto fa brodo! Poi glielo spiegheranno loro alla prima occasione ai fratelli che non sono stati esauditi, grazie al “discernimento ispirato” di cui sono dotati, il perché il miracolo per alcuni di loro non è avvenuto.
    Indicheranno come interpretare in verità questo “imprevisto”!
    Come va letta questa storia di "non ascolto" da parte di una santa “di categoria superiore” tanto misericordiosa! Sveleranno l'arcano del perché tu non sei stato ascoltato da Carmen, mentre quello di quell’altra comunità, sì... Non c'è nulla da temere!"
    Infatti è arcinoto che tutto ha un senso per il neocatecumeno fedele al cammino, importante che il catechista lo illumini."

    Penso che questo compito di chiedere a Carmen le grazie e poi eventualmente scriverle, sarà una delle richieste agli scrutini: hai fatto le lodi? Hai dato la decima? Sei stato aperto alla vita? Hai chiesto una grazia a Carmen? Come va con il tuo sacramento? (Cioè hai fatto l'amore con il tuo coniuge? Come viene chiesto anche agli ottantenni, giusto per coglierli in flagrante).
    E poi se non avrai ottenuto la grazia da Carmen, sarà colpa tua, perchè non hai chiesto con fede, così come è colpa tua che i soldi dati al Cammino non si siano trasformati nel centuplo: si vede che non hai donato con gioia.
    Sarà divertente sentire cosa diranno a chi chiede le grazie a Dio, alla Madonna o ad altri santi senza l'intercessione della beatissima Carmen! Mi immagino che a quel punto le risposte saranno le solite: tu non accetti la croce, sei un idolatra eccetera.
    Abbiamo visto che fanno sempre due pesi e due misure: se qualcosa la fai a gloria del Cammino è buona, se la fai per gli altri o per la tua famiglia, in fondo sei un egoista e ti aspetti che dagli altri ti venga data riconoscenza o "l'essere".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, riepilogando : fin tanto che Carmen non è ufficialmente santa è inutile chiederle una grazia, non la può dare perchè non è ufficialmente santa, è cosi? Altrimenti uno può chiedere la grazia anche a un parente morto che è in Cielo, tanto tutto fa brodo. C'è qualcosa che non quaglia....

      Elimina
    2. No, l'intercessione la si può chiedere a chiunque, che sia vivo o morto sperando che sia almeno in purgatorio.
      Finché un morto non è dichiarato venerabile, quindi finché non viene attestata l'eroicità delle sue virtù, non può avere le immaginette con le preghiere a tergo, e non ci può essere una pubblica venerazione, che io sappia.

      Elimina
  11. Dopo 3 giorni si sono svegliati !! E' apparso il nuovo bollettino medico.
    Domanda: ma è lo stesso Kiko dell'indecente catechesi sul figlio epilettico o è un suo clone "clericalizzato" ?


    CRISTO È RISORTO! ALLELUIA! Fratelli, vi comunichiamo la buona notizia del miglioramento di P. Mario. I medici ci hanno detto che domani o posdomani potrà uscire dall’ospedale. Vi comunicheremo quando questo avverrà. Nel frattempo continuiamo a pregare per P. Mario e per Kiko, chiedendo al Signore il ristabilimento di tutti e due. JRISTÓS VASKRIÉS! VAÍSTINA VASKRIÉS! Kiko e Ascensión

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli altri che entrino nella croce!
      Per loro stessi sanno bene le cose come debbano andare!
      Sempre per il meglio, sempre e solo bene.

      Certo sarà non il Kiko del "figlio epilettico", ma un suo clone "clericalizzato".
      Ridotto a rallegrarsi del "miglioramento" fino al totale "ristabilimento" a causa della orripilante paura della morte che alberga nel suo cuore/che/non/ha/la/resurrezione/dentro....
      E neanche fuori!

      Pax

      Elimina
    2. Paura della morte? ma se ha sempre detto che non vede l'ora di morire, che morire è certo migliore...

      Elimina
  12. Si en el cnc creyesen en el Purgatorio ofrecerían sufragios por el alma de Carmen. Poverella anima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione José Antonio! Se avessero veramente a cuore l'anima di Carmen offrirebbero delle Messe cattoliche per lei.

      Elimina
  13. Vogliono Carmen santa per costruire una Chiesa che non venera i santi.
    Al contrario di San Paolo, che si fa tutto a tutti per salvare tutti, il Cammino cambia pelle e fa vedere che crede ai santi pur di non far credere ai santi qualcuno.

    Il Cammino sta al "movimento" NON spontaneo CANCEL CULTURE, come il Modernismo sta al Grande reset ideato dai massoni ANTI complottottisti del Forum di Davos.
    Il Cammino, per quanto per certi aspetti si mostri anti modernista, in realtà è stato concepito come uno strumento adatto a resettare la Chiesa.
    Per i modernisti, da più fronti si attacca la Tradizione, meglio è.

    Come il movimento CANCEL CULTURE è uno strumento che demonizza il passato per rendere accettabile l'orribile società che col grande reset si vuole imporre, così il Cammino, demonizzando la Chiesa del passato, serve a rendere accettable, a gonzi e creduloni, la Chiesa del futuro pacifista e misericordista senza, però, Cristo.

    Sia chiaro: ci sono mille ragioni per voler superare il mondo del passato con tutti i suoi errori, ma tale desiderio di miglioramento è una caratteristica propria proprio del mondo che si vuole cancellare, che testimonia che il mondo del passato, pur con tanti errori, è depositario di un PRINCIPIO di bene.

    Non ci sarebbe il desiderio di superare gli errori della società del passato se la società (cristiana) del passato non ce l’avesse trasmesso.
    La società del passato, infatti, non può essere identificata solo coi suoi errori, ma anche dalle sue speranze, dai suoi ideali, dai suoi fermenti di cambiamento, dalla sua enorme vitalità, dalle sue tradizioni cristiane.

    Anche per la Chiesa ci sono mille ragioni per sperare in un rinnovamento della SANTITA' dei suoi membri, ma questo lo si può sperare solo guardando al passato, e ai santi del passato, che non sono classificati per categorie, ma la cui misura della santità è dovuta semplicemente dalla misura della loro carità.

    Quei santi che il Cammino non ha mai venerato e che adesso vorrebbe cominciare a venerare in Carmen che, però, non è equiparata ad essi, ma considerata di "categoria superiore".
    Il sogno del Grande reset di Kiko viene confermato proprio dalla PRETESA della santità di Carmen come atto dovuto, perché di "categoria superiore".

    Ma come la Madonna, apparsa in diversi luoghi da Fatima in poi, ha garantito che sarà il Cielo a resettare i resettatori, così avverà per i resettatori del Cammino.
    Quando si capirà che se si vuole santificare la Chiesa non si può prescindere dalla sana dottrina così come non si può prescindere dai Comandamenti ("Chi mi ama segue i miei comandamenti"), allora ai camminanti non rimarrà che tornare alla Chiesa che è anche TRIDENTINA, o separarsi ufficialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie : chi ci capisce qualcosa è bravo, ma forse non c'è niente da capire, come diceva De Gregori

      Elimina
  14. Nelle foto di Carmen mettete lo sponsor Malboro, con scritto nuoce alla salute.

    Erminio

    RispondiElimina
  15. C'è da riflettere su questa che appare solo un'inutile ostentazione, ma che pure Kiko ha ideato senza tenere in alcun conto che sfiora il ridicolo:
    Carmen "Santa di categoria superiore"!

    E non perchè si tratti di Carmen Hernandez.
    L'astrusa definizione, applicata a qualunque altro santo sarebbe lo stesso disturbante e sconveniente, inopportuna.
    Che cosa significa?
    Nulla.

    Perchè o si è santi o non lo si è! Il molto o il poco non toglie e non aggiunge nulla.

    Gesù dice "In verità vi dico: se avrete fede pari a un granellino di senapa, potrete dire a questo monte: spostati da qui a là, ed esso si sposterà, e niente vi sarà impossibile"(Mt.17,20). Tutto è possibile per chi crede.

    La Fede è Fede. O ce l'hai o non ce l'hai. Lo stesso per la santità. Non si misura. E' di per sè perfetta, qualora sia vera santità. "Siate perfetti com'è perfetto il Padre mio..." dice il Signore.

    Allora ci sarà un motivo, ci interroghiamo, a giustificazione di una simile astrusità, altrimenti anche insensata.

    Uno semplice forse si individua.

    Il ragionamento, anche inconscio, potrebbe essere questo:
    Non è che i neocatecumenali pensino che, una volta sdoganata la santità con la canonizzazione di Carmen, da quel momento in poi possano impunemente rivolgersi alla intercessione anche di altri santi canonizzati - e giù a chiedere miracoli a manetta - visto che si trovano?!

    A questo punto sono tali e tanti i santi della Chiesa che uno, in base alle sue necessità, sceglie il più appropriato alla bisogna. Perchè accontentarsi?
    Perchè mai dovrebbe pregare per tutto e sempre solo Carmen?
    Che oltretutto ha bisogno ancora di un poco di tempo per intestarsi il titolo pieno, legittimamente. Scusate!

    Ecco che si conia una categoria a parte, come a dire agli adepti:
    Voi continuerete come prima a non chiedere miracoli a nessuno e in nessun caso. Questo sia ben chiaro.
    Solo Carmen esiste. Ed ella è, per l'appunto, "santa di categoria superiore". La sola e l'unica RICONOSCIUTA valida nel Cammino Neocatecumenale.

    ... Fino a quando, ovviamente, non la raggiunga IO.
    E allora saremo in due.
    In verità in verità vi dico:

    IO e ...anche lei.

    Scusate la digressione, giusto per sorridere un poco che ogni tanto fa bene.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti a Carmen si riconoscono i meriti: di aver presentato il Concilio a Kiko su un piatto d'argento;
      di aver supportato finanziariamente Kiko fin da quando gli pagò il conto al bar ed il taxi;
      di aver fatto le catechesi con Kiko;
      di aver pregato per Kiko.
      Quindi, se tanto mi dà tanto, per Kiko dovranno aprire una categoria di santità extra. Forse dovranno addirittura cambiarle nome, la chiameranno kikità.

      Elimina
    2. Kikità : alto termine da aggiungere ai precedenti per il nostro libro. Bene, bene, la cosa si fa seria....

      Elimina
    3. Carmen sarà ricordata come l'unica santa il cui unico miracolo è stato quello di farsi riconoscere come santa!

      FungKu, Membro Aggiunto, Causa Intrufolazione, Della Congregazione Per Le Cause Dei Santi.

      Elimina
    4. Questa è proprio bella! Bella davvero...

      Grazie.

      Pax

      Elimina
  16. L'importanza di inginocchiarsi.

    https://cristianodelladomenica.blogspot.com/

    RispondiElimina
  17. Pultroppo il CN non si smentisce mai!!!

    Inizia rifiutando i Santi della Chiesa definiti "culto di religiosità naturale", idoli a cui chiedere grazie, favori, miracoli e poi finisce per creare i sui santi (minuscolo intenzionale) di "categoria superiore", oggi santa Carmen domani san Kiko.
    Personalmente sono strasicuro che Carmen Hernandez, se potesse dire la sua, prenderebbe a parolacce Kiko per questa idiozie di farla santa.

    Carmen Hernandez non era sicuramente un personaggio facile,consapevole della sua spocchia, dei suoi capricci,della sua aggressività, della sua mancanza di empatia, della sua pedanteria e pesantezza, della sua mancanza di equilibrio, ma almeno era coerente con se stessa.

    Kiko Arguello non è così, è un piccolo uomo pieno di sé, arrogante e presuntuoso come la sua collega ma incapace di coerenza.

    A Kiko non importa niente della santità di Carmen, no, lui, come al solito, usa la sua compagna di merende per ottenere vantaggi per la sua creatura: il CN.
    E vantaggi per la sua figura, perché se la Chiesa fà santa Carmen Hernandez allora è scontato che diventi santo anche Kiko Arguello.

    È questo che mi fà cadere le braccia, la stupidità degli atteggiamenti di Kiko, la sua falsità, la sua ipocrisia.
    È davvero un piccolo ometto insignificante che ha creato un mostro, anzi, che ha reso sempre più mostruoso un gruppo chiuso e settario che ormai è sempre più irriconoscibile, sempre più ombra oscura del suo "creatore".

    LUCA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno la tua descrizione, sconcertante nella sua crudezza ma reale, purtroppo molto reale. Quella che poteva essere all'inizio nulla più che un'impressione condivisa da alcuni, si è consolidata col passare degli anni. A lungo Kiko ha tentato di camuffarsi dietro una falsa umiltà. Ma alla fine la sua presunzione ha avuto la meglio ed è esplosa in un'unica incessante autocelebrazione che oltre che a renderlo poco credibile lo ha reso anche ridicolo.

      Pax

      Elimina
  18. Grazie mille Pax per averci fornito una visione completa ed una retrospettiva storica, francamente schiacciante, sulla santità vista dal Cammino! Veramente un grande lavoro.
    E non c'è soluzione, detestavano la santità sì ma quella altrui. Ora come se la caveranno? Non è certo sintomo di santità, l'aver detestato per decenni la santità (altrui).

    Ecco alcune altre (poche di tante) cose orribili che Kiko dice a proposito della santità, nel mamotreto del secondo scrutinio (scaricabile da internet):

    Prima di tutto voglio dirvi una cosa, dirvi che facciate bene attenzione a non credere che già non peccherete più, che mai più cadrete perché il demonio se n'è andato ed ora avete lo Spirito Santo. State attenti perché non è proprio così: è così e non è così.

    E' molto importante che sappiate quello che vi abbiamo già detto: che l'amore di Dio non ci condiziona fino al punto da toglierci la libertà. C'è molta gente che desidera che, in questo cammino, le venga lavato il cervello; perché siccome in definitiva non si accettano come sono, devono essere accettati e ciò che vogliono è essere cambiati loro, e strumentalizzano Dio e Gesù Cristo per non irritarsi più, per poter amare, per diventare dei santi da altare e questo titolo non si dà alla gente come loro.

    Ma ci avete pensato, fratelli in cammino?

    - Che vuol dire ORA avete lo Spirito Santo? Non hanno appena fatto la cresima.
    - Kiko dice che siete VOI che volete che vi lavino il cervello! Fatevi due conti.
    - Invocare Dio per migliorarsi, cioè per non rendere miserabile la vita altrui ma amarli sarebbe "strumentalizzare Gesù Cristo" per la vanità di vedersi bravi.
    - Kiko afferma in continuazione che aspirare alla santità in realtà nasconda il voler recitare la parte del santo. In questo modo insegna a disprezzare tutti quelli che provano a fare le cose per bene, anche chi è animato dalle migliori intenzioni.
    - E cos'è un santo da altare?
    - E perché questo titolo non si dà alla gente che vuole migliorarsi?

    E però appena si è presentato uno spiraglio... Pensi che mi canonizzeranno?

    Li canonizzino pure se vogliono, che qui abbiamo già pronti i responsori per le litanie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La truffa principale è quella di appropriarsi dello Spirito Santo, cioè l'attribuire a se stessi, catechisti del CN, il ruolo di fornitori unici (o di facilitatori unici) della divina grazia.
      Nello stesso tempo però l'utente catecumeno viene avvisato: guarda che tu questa grazia che noi ti abbiamo dato, non puoi prendertela e portartela a casa oppure in un altro gruppo parrocchiale e farti santo senza di noi: dipenderai sempre da noi per sapere se, come e quanto sei un cristiano speciale, non te lo potrai mai autocertificare.
      Soprattutto se dovessi sentirti vagamente 'migliore', attenzione, allarme rosso! Vuol dire che stai strumentalizzando Gesù Cristo per i tuoi infami scopi di personale santificazione!
      Mentre invece se continuerai a peccare come e più di prima, ma continuerai a stare in Cammino, potrai essere certo di essere 'santo nel modo giusto'.
      Cara D.D., faccio la mia proposta per il responso alla litania a Carmen: prega ora per tutti i guai che hai combinato allora.


      Elimina
    2. Avete preparato le litanie per Carmen? Che bello, le pubblicate, per favore, cosi le conosciamo anche noi?

      Elimina
    3. Diciamo che si condensa tutto nella prima invocazione: Signore pietà.

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Il Cammino non venera i santi perché... i santi, nessuno escluso, non hanno fatto parte del Cammino.
    Dare onore ai santi, secondo la logica del Cammino, sgnifica toglere luce al Cammino.

    Allo stesso modo nel Cammino non si dà importanza alle apparizoni mariane, nemmeno a quelle riconosciute!
    Se è la Madonna a salvare la Chiesa, e la Madonna si rivolge a TUTTI, come può il Cammino averne l'esclusiva?
    Se le "truppe scelte" della Madonna sono armate di ROSARIO e si fanno beffe degli "arcani", e spesso sono proprio quelle persone che agli occhi dei camminanti sono le più insignificanti, che cosa sono i camminati che pensano di essere l'elite della Chiesa?

    Ricordo con che aria soddisfatta mi si rivolse un camminante quando Papa Francesco ridicolizzò la "Madonna postino" di Medjugorje.
    Io risposi che, non avendo orticelli e privilegi da difendere, accettavo volentieri il giudizio della Chiesa (le cose poi sono un po' cambiate riguardo a Medjugorje).

    Allo stesso modo il Cammino disdegna di essere considerato un'aggregazione ecclesiale: non sopporta essere messo alla pari degli altri.
    Il Cammino è di categoria superiore, possiede una fede di categoria superiore e produce santi di categoria superiore.
    Per cui: è una stta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sette, per definizione, non producono santi. Piuttosto è la Chiesa che si contraddice quando il Papa ironizza sulla Madonna postino a Medjugorie : ci spiegate allora perchè i pellegrinaggi a Medjiugorie avvengono, con gruppi accompagnati da preti, religiosi, ecc...Se Medjugorie è una buffonata, anche i pellegrinaggi lo sono, dovrebbero essere sospesi, quindi la Chiesa si contraddice. Cammino batte Chiesa ! a 0. eh, eh, eh....

      Elimina
    2. @Anonimo
      Ti rispondo perché di pellegrinaggi a Medjugorje ne ho fatti 3: la Chiesa autorizza i pellegrinaggi a Medjugorje in forma privata o con associazioni private, non autorizza quelli diocesani

      Le apparizioni di Medjugorje finora riconosciute sono solo le prime sette, ma il Papa ha incaricato Mons.Hoser di indagare sul fenomeno in corso, e tra l'altro questo monsignore incontra anche i gruppi di pellegrini

      Elimina
    3. Anonimo,ma Tu non preoccuparti che a Carmen la faranno di sicuro santa(in minuscolo),se hai seguito REPORT ieri sera programma su Rai 3,dovresti stare tranquillo, Tu e tutta la banda bassotti catecumenale,perchè in Vaticano volano le bustarelle,figuriamoci se don kiketto non offre una cospicua somma.

      Elimina
    4. Anonimo delle 14 e 54:
      dici: "La Chiesa si contraddice... Cammino batte Chiesa 1 a 0".
      Per cui il Cammino non si contraddice e il Cammino gioca contro la Chiesa e, per te, la batte!
      Ci stai testimoniando lo spirito che anima il Cammino: uno spirito anti cattolco.

      Elimina
  21. Non sono del CNC e mi sto documentando: ma voi come sapete queste cose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più di 30 anni di cammino, accesso ai mamotreti delle catechesi, passaggi, e tutte le convivenze di I.C. e annunci ( Avvento Quaresima Pasqua ), esperienza diretta con molte realtà sparse per l'italia e non solo, conoscenza diretta dei RM, rettori, vicerettori e "storielle" legate alla edificazione degli stessi. Oltre alla esperienza come responsabili e catechisti.
      Per dirla in una parola, sappiamo di che parliamo.

      Elimina
    2. Anonimo,se Ti stai documentando significa che hai qualche interesse per il cammino,ovvero forse pensi di entrare a farne parte.
      Vuoi un consiglio?
      Lascia stare,fidati che tutto quello che diciamo e sacrosanta verità,ci siamo stati in cammino,ecco come facciamo a sapere tutte queste cose.

      Elimina
    3. Capito, Anonimo? Non entrare nel cammino, non tira aria....

      Elimina
    4. Circa 27 anni di Cammino in parrocchie diverse di città diverse. Sono arrivato due volte a finire la tappa precedente l'elezione, ma entrambe le volte sono "tornato indietro" per cause diverse (cambio città e re-inizio con mia moglie). L'unica cosa che mi sento di consigliarti, se vuoi entrare in Cammino, oltre a leggere attentamente tutte le esperienze di chi è riuscito ad uscirne, è di tenere bene gli occhi aperti, di non fidarti di quello che ti viene detto, di continuare a usare la tua ragione, prezioso dono di Dio che non si contrappone alla fede, e di fare domande se qualcosa non ti convince. In bocca al lupo!

      Elimina
    5. Per Anonimo che si sta documentando sul Cammino.
      Volevo solo aggiungere una cosa: se decidi di entrare in Cammino, non lasciare che nessuno ti tolga la dignità con la scusa che Dio ti vuole umile. L'umiltà non è l'umiliazione, come loro vorrebbero farti credere. Non dimenticarlo.

      Elimina
    6. Anonimo delle 16:02, puoi trovare dei link a gruppi di articoli radunati per tema in fondo a questa pagina ed informazioni generali tra le pagine di questo sito, molto esaustivo benché non più aggiornato da tempo.

      Elimina
    7. Se Anonimo deve entrare nel Cammino e fare quello che dite voi, è meglio che non entri, tanto non glielo permetteranno. Quando mai nel Cammino ci sono dissidenti, critiche e quanto altro? Se lo fa, lo mettono in condizioni di scappare a gambe levate. Poi, se ci vuole provare....magari trova la comunità "giusta". ma non ci crediamo manco se lo vediamo.

      Elimina
    8. @blog, siete come i bocciati o quelli che hanno abbandonato la facoltà di medicina alla Bocconi di Milano e che la sconsigliano perchè: è troppo difficile, "costa troppo", lascia perdere non vale niente, ci siamo passati. Meglio la "pantofola university", non costa niente, dura pochissimo e soprattutto studi comodamente da dietro il PC di casa tua.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    9. Credi sul serio che a noi non costi nulla vivere la Fede nella desolazione, in un ambiente di lavoro ostile al Vangelo, orgogliosamente e manifestamente apostata? Credi davvero che sia comodo professare la Fede Cattolica integrale in un ambiente "cattolico" infestato dal modernismo? Credi davvero che siamo esenti da prove, croci, persecuzioni "bianche", sofferenze fisiche e spirituali? Credi davvero che abbiamo abbandonato la vita di orazione lasciando il Cammino? Credi che non ci manchi il poter condividere la sequela di Cristo con altri fedeli? Credi che non ci faccia soffrire l'ostracismo dei nostri ex fratelli? Beh...allora credi male. Ma non importa, il Signore conosce il nostro cuore meglio che noi stessi.

      Tomista EX nc pantofolaio bocciato

      Elimina
    10. Carissimo confuso, una qualunque facoltà arricchisce, aggiunge, non toglie. Il cammino (dove cammini se non finisce mai?) invece toglie. Preghi mai altri Santi se non quelli che ti vengono ordinati? Puoi pregare S Giovanni della Croce? Strano puoi cantarlo, ma non pregarlo. Canti "in una notte oscura.." ma non preghi l'autore, che è già santo. Ma preghi Carmen che non lo è. Vedi nel cammino paghi e ti tolgono i neuroni, uno alla volta. Hai scelto una facoltà che non ti farà mai uscire, nessuna laurea ti aspetta, sarai in attesa di divenire cristiano adulto fino alla morte, non si esce. Non è quello che ti avevano detto, non finisce mai. Sei in trappola. Quale laurea? Studierai per sempre e per nulla. Intanto molla i soldi Dottore.

      Elimina
    11. @tomista, "Credi che non ci manchi il poter condividere la sequela di Cristo con altri fedeli?" allora riprendete il cammino, ché infatti è più facile seguire Cristo in una comunità.
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    12. Voglio essere sicuro prima di iniziare, ma mi sembra molto di parte qui... Che dite?

      Elimina
    13. Ma certo Anonimo, qui siamo molto di parte! Prova a informarti sui siti del Cammino e vedrai quante notizie ti danno sulle catechesi che ti verranno fatte, testi compresi, sulle raccolte di danaro, i riti separati, la liturgia modificata, la decima obbligatoria, l'obbedienza ai catechisti perinde ac cadaver, le confessioni pubbliche, le 100 piazze.
      Riceverai tutte le informazioni del caso, perché sai, loro sono apertissimi e ti spiegano tutto ciò che stare nel Cammino comporta: la durata e l'impegno economico prima di ogni altra cosa. Poi deciderai in serenità d'animo.😉

      Elimina
    14. Fallacio, a me invece pare che con i peccati siate pantofolai alla grande! E poi catechisti di grande livello dopo trent'anni di cammino asseriscono di non essere neppure cristiani. Altro che Bocconi. Direi pure a 90°, dovete stare!

      Elimina
    15. Fallacio Vinicio, medicina alla Bocconi te la puoi studiare da solo col libro e seduto sulle scale, mentre tutti intorno a te corrono a lezione per i corsi delle facoltà di giurisprudenza ed economia. Ma grazie per il commento, molto divertente ed in perfetto stile neocatecumenale.

      Elimina
    16. Ok Valentina, cercavo una risposta seria ma non credo di essere nel posto giusto a quanto pare, grazie cmq...

      Elimina
    17. Caro/a D.D., non credo che Fallacio Vinicio abbia capito che il senso delle tue parole è che alla Bocconi si insegnano discipline economiche e giuridiche e non medicina. Le cose al camminante neocat. medio vanno spiegate per filo e per segno con linguaggio semplice semplice semplice. Ma il rischio di incomprensione è sempre molto elevato...

      Elimina
    18. Anonimo: se tu avessi veramente cercato una risposta seria, intanto avresti provveduto a firmarti con un qualsiasi alias per poter continuare il dialogo; poi non ci avresti chiesto da dove attingiamo le nostre informazioni quando qui siamo quasi tutti ex con decine di anni di Cammino sulle spalle, vari di noi hanno conclusioni passaggi e sono stati catechisti, abbiamo figli e parenti ancora in Cammino; inoltre abbiamo dei documenti del CN come le catechesi originali di Kiko e Carmen degli anni 70 e 80 e quelle cosiddette corrette ed approvate che il CN ha secretato.
      Quindi se tu veramente avessi voluto avere elementi seri sul Cammino, avresti potuto sfogliare i nostri 2500 articoli o fare ricerche per parola chiave.
      Siccome però tutto ciò non ti soddisfa, e neppure i libri che indichiamo sulla nostra home page che potresti acquistare e leggere sono per te sufficienti, puoi pure andare a cercare le tue risposte da qualche paragnosta. Oppure entra nel Cammino e in appena 30 anni potrai fregiarti del titolo di illuminato figlio del demonio ribattezzato ma comunque non ancora cristiano adulto, investendo più o meno la cifra che ti avrebbe permesso di comprare una casa.
      Ma siccome in Cammino tu ci sei già, non dovrai neppure fare questa scelta.
      Auguri, quindi, buona continuazione (e non farci perdere altro tempo, grazie).

      Elimina
    19. @porto, il mio commento voleva associare una facoltà difficilissima in una università difficilissima e costosissima. Il senso lo avete capito benissimo e mi basta, poi se volete continuate pure a "vedere il dito". Cristo chiede di fare scelte difficili (giovane ricco, lasciare le reti e seguirlo... ) i pantofolai che predicano da dietro il PC, così come gli "insipidi" li "vomita" (scusate il termine forte ma biblico).
      Fallacio Vinicio

      Elimina
    20. Va bene Fallacio Vinicio, si scherza, però il dito lo guardiamo sì, perché è il dito di Kiko che indica la direzione opposta al "Digitus Paternae Dexterae" (lo Spirito Santo).

      Elimina
    21. Cara Valentina, io NON sono in cammino e forse non ci saro. Te invece sei una grande maleducata nel senso che senza che nessuno ti abbia accusato di niente te la prendi in modo sproporzionato. Scusami tanto se vi ho fatto una domanda quanto meno legittima. Ho usato le vostre risorse ma cercavo un dialogo che, almeno da te, non e contemplato ne ammesso. Capisco la tua diffidenza ma il tuo atteggiamento e quando meno poco elegante e non vi aiuta nel fare un analisi seria.

      Elimina
    22. Quanto meno poco elegante? Maleducata?
      Ora metto qui sotto i commenti che hai scritto tu finora, molto probabilmente visto che, da gran cafone, non ti firmi.
      'Non sono del CNC e mi sto documentando: ma voi come sapete queste cose?'
      'Voglio essere sicuro prima di iniziare, ma mi sembra molto di parte qui... Che dite?'
      'Ok Valentina, cercavo una risposta seria ma non credo di essere nel posto giusto a quanto pare, grazie cmq...'
      Non ti presenti, non metti uno straccio di firma, non fai capire quale sia il tuo problema, la tua richiesta o il tuo dubbio, ti esprimi a mezze frasi con le quali insinui che chissà da dove prendiamo le nostre informazioni, che siamo poco seri e di parte.
      Va bene, posso pensare: non sa scrivere, è un analfabeta di ritorno, un anziano che non sa usare il computer o lo smartphone, uno straniero che non conosce la lingua. Ma anche in tutti questi casi, almeno una semplice formula di cortesia avresti potuto usarla, visto che vieni a chiedere informazioni (quali siano però non ci è dato sapere).
      Ed ecco che ora improvvisamente per darmi della maleducata, per accusarmi d'essere poco seria ed elegante, hai ritrovato la favella e hai scritto più di una riga e mezza in decente italiano!
      Il maleducato, il poco serio ed elegante sei tu, come tutti possono constatare. Spero bene che tu non venga più pubblicato e soprattutto che non mi interpelli più. Vai a fare il troll da qualche altra parte, che nessuno di noi qui ha l'anello al naso e tu non sei così furbo come pensi d'essere.

      Elimina
  22. Piccola Bacheca Dei Cristiani Della Domenica.

    Ricordiamoli sono i nostri fratelli.

    Sant' Alfonso Maria de' Liguori Vescovo e dottore della Chiesa.

    Si festeggia il 1 agosto.

    Napoli, 1696 - Nocera de' Pagani, Salerno, 1 agosto 1787

    Nasce a Napoli il 27 settembre 1696 da genitori appartenenti alla nobiltà cittadina. Studia filosofia e diritto. Dopo alcuni anni di avvocatura, decide di dedicarsi interamente al Signore. Ordinato prete nel 1726, Alfonso Maria dedica quasi tutto il suo tempo e e il suo ministero agli abitanti dei quartieri più poveri della Napoli settecentesca. Mentre si prepara per un futuro impegno missionario in Oriente, prosegue l'attività di predicatore e confessore e, due o tre volte all'anno, prende parte alle missioni nei paesi all'interno del regno. Nel maggio del 1730, in un momento di forzato riposo, incontra i pastori delle montagne di Amalfi e, constatando il loro profondo abbandono umano e religioso, sente la necessità di rimediare ad una situazione che lo scandalizza sia come pastore che come uomo colto del secolo dei lumi. Lascia Napoli e con alcuni compagni, sotto la guida del vescovo di Castellammare di Stabia, fonda la Congregazione del SS. Salvatore. Intorno al 1760 viene nominato vescovo di Sant'Agata, e governa la sua diocesi con dedizione, fino alla morte, avvenuta il 1 agosto del 1787.

    L’attualità del santo di Napoli sta nel fatto che, pur contrastando nella sostanza il relativismo morale e riconoscendo la Chiesa cattolica come suprema maestra, diede spazio alle “voci interiori della coscienza” e mantenne una posizione di equilibrio e di pratica prudenza tra i due estremi del rigorismo e del lassismo. Tale posizione affiora in quasi tutte le sue numerosissime opere di meditazione e di ascetica, ma soprattutto è sempre presente nell’ancora oggi studiata Theologia moralis. È questo in effetti il vero capolavoro di colui che, canonizzato nel 1839, venne decretato da papa Pio IX Dottore della Chiesa nel marzo 1871.

    Fa bene ricordare qualche "cristianuccio della domenica"

    Al prossimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. S. Alfonso Maria de' Liguori; prego di notare le date:

      morto nel 1787 ... canonizzato nel 1839

      Per un grande Santo la Chiesa non ha avuto fretta. Invece ...

      Elimina
    2. E invece in tempi più recenti sappiamo che le procedure per le cause di canonizzazione sono state snellite e velocizzate. Ma la Chiesa che proclamasse un Santo così improbabile come la Hernandez, sarebbe una Chiesa che ha perso in modo deplorevole l'orientamento! A meno che non agisca come Cesare, che per disprezzare le istituzioni repubblicane nominò senatore il proprio cavallo. Carmen sarebbe proprio come un cavallo con la toga da senatore, nè più nè meno.
      Ma personalmente non credo che lo slogan coniato dalla Hermandez della donna 'fabbrica della vita ' possa oggi come oggi portarle fortuna. A meno che non la propongano come patrona dell'utero in affitto.

      Elimina
  23. Soprattutto ha composto "Tu scendi dalle stelle", l'inno natalizio più famose e più bello, altro che i canti di Kiko

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Anonimo13 aprile 2021 22:07
      Soprattutto ha composto "Tu scendi dalle stelle", l'inno natalizio più famose e più bello, altro che i canti di Kiko
      ----
      Vero!
      E lo compose in dialetto napoletano, versione molto più godibile dell'attuale, italianizzata alla fine del 1800.

      Il titolo originale: "quando nascette Ninno...", descrivendo musicalmente il tradizionale Presepe Napoletano.

      Ruben.

      Elimina
  24. Scusate, con voi non si vince mai, se Carmen fosse fatta santa la Chiesa e' pagata, anzi, oliata, se non lo fosse avrebbe fatto bene. Come al solito non avete un pensiero fermo, capisco che da buoni tradizionalisti (datati), andiate contro gli ultimi papi, capisco che non avete ........per ammetterlo, pero' na volta tanto rispecchiate quello che e' il nome del blog. Chissa', visto che vi trovate, raccontateci un po' di voi,bramo dal vedere foto che vi rappresentino, insomma farmi un po' di risate, in parole povere, fare quello che fate voi con il cammino. Carmine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento delle 11:44 è in perfetta malafede perché contro la presunta "santità" di Carmen Hernández Barrera ci sono i fatti, e cioè l'intera vita di Carmen Hernández Barrera (che ha vissuto in modo eroico l'arroganza, l'eresia, lo sfascio liturgico, la vita comoda).

      Cioè è in perfetta malafede anche perché sta tentando di effettuare il solito furbesco giochetto neocatecumenale: "voi siete di opinione X, noi siamo di opinione Y, aspettiamo il responso ufficiale in modo che vi spiegheremo in quanti e quali modi si può dire che avete torto. Primo sottinteso: "secondo me i fatti sfavorevoli sono opinioni e le opinioni favorevoli sono i fatti". Secondo sottinteso: grazie alle "oliature", otterremo un responso interpretabile a modo nostro.

      Ora, a parte il fatto che certe cose - lo scempio liturgico, le vere e proprie eresie, l'inesistente "santità" degli autonominati "iniziatori"... - non sono opinioni ma fatti concreti, il solo tentare di rinviarne la discussione è uno sporco trucchetto, perché tenta di impedire testimonianze sfavorevoli (come già evidenziato da questa pagina, è in corso il tam-tam neocatecumenale per "fabbricare" l'inesistente santità diramando l'ordine di "pregarla" e addirittura di segnalarne i "miracoli" - e notoriamente per gli adepti del kikismo-carmenismo "l'ubbidienza al catechista è tutto", pertanto se ti comanda di "vedere" santità laddove santità non c'è, loro ubbidiranno ciecamente e vedranno per ubbidienza quel che non c'è e che non c'è mai stato).

      In particolare, tanti presbikikos hanno assaggiato personalmente la perfidia della Hernández ma è stata proprio la loro idolatria a farli restare devoti di quella odiatrice del sacerdozio cattolico, della dottrina cattolica, della liturgia cattolica. (Poveracci! ma un po' se lo meritavano, perché quando tu pretino acconsenti a lasciar calpestare il sacerdozio, significa che sei un idolatra oltre che un ignorante; chi conosce la dottrina cattolica sa quanto è sublime il ministero sacerdotale e quanto drammatica sia la vita di chi non ha a disposizione sacerdoti che gli amministri i sacramenti).

      Ricordiamolo a tutti i cattolici che leggono queste pagine: i kikolatri possono forse ingannare gli uomini, ma non potranno certo ingannare Dio fabbricando titoli di "santità" come se fossero medaglie per i loro VIP. Altro che la santità cattolica, frutto del vivere in modo eroico le virtù cristiane.

      Elimina
  25. Carissimo Carmine ma cosa ti importa di noi e di cosa vuoi chiederci conto?

    Noi non siamo nessuno. Non siamo stati investiti dall'alto di alcuna missione. Come te abbiamo vissuto il cammino e vogliamo raccontare la nostra esperienza. Cosa temi da noi? Sol perchè la nostra esperienza è diversa dalla tua? Voi temete il diverso. Così è nel cammino, tutti uguali, tutti allineati. Chi osa disallinearsi lo emarginate. Il Cammino non si discute, le consegne vanno ottemperate, si ascolta e si obbedisce e non si pensa. Questo non solo i primi anni di cammino, ma per sempre. Anche quando uno è diventato adulto nella fede e ha finito il cammino.
    Ripetiamo sempre le stesse cose.

    In tutto questo tu vuoi conoscerci? Sapere chi siamo, vedere i nostri volti? Così vuoi acquietare i tuoi conflitti? Vuoi vederci? Guardaci in tutti i fratelli che hai conosciuto nel cammino che non sono talebani come te. Che hanno sofferto che se ne sono andati o sono stati mandati via. Siamo tutti costoro. Qualcuno così oltre noi lo avrai pur conosciuto! Non siamo fantasmi.

    E' Kiko che si dice profeta. Per rinnovare la Chiesa e per salvare i lontani.
    E' lui che deve rendere conto, all'una e agli altri. Ha fatto promesse. Poi ha cambiato. E' lui che deve rendere conto delle sue bugie. Della predicazione che la Chiesa in tanti punti ha corretto, e lui se n'è fregato. Della Liturgia che andava adeguata al Messale Romano, della distribuzione della Comunione che andava rettificata per disposizione di Roma, e lui ha fatto lo gnorri. Ancor oggi lo fa, che il COVID vi ha tolto il coppone ottagonale dalle mani e il pane azzimo che si sbriciola tutto.
    Di questo noi qui discutiamo. Comprendo che la cosa ti disturbi. Ma tra noi i dctt del neocatecumenato non contano nulla.

    Se proprio vuoi parlare del Papa e dei Papi che si sono succeduti da quando il Cammino è arrivato a Roma devo dirti che fareste bene a farvi voi un bell'esame di coscienza.
    (Per quel che ci riguarda noi ci siamo rivolti a loro come a un padre tenuto ad ascoltare il grido dei figli. Che ci ascoltino o meno. Possiamo al massimo soffrirne, nulla di più.)
    Voi che dei Papi avete preso solo quello che vi ha fatto comodo, censurando ogni richiamo, correzione o tirata d'orecchi. "No, il Papa quando parla così non ce l'ha con noi!" questa sempre la tiritera. Kiko e i suoi non hanno MAI obbedito a nessun Papa e a qualcuno hanno augurato la morte per liberarsene, nè alle Congregazioni Vaticane e nelle zone ai Vescovi e ai Parroci. Piuttosto hanno spaccato parrocchie, fatto la guerra. Tanto era guerra contro faraoni e giuda, guerra sacrosanta.

    Carmine, smettila di dire sciocchezze, vai a sentire il tuo profeta via streaming, così fai un bel ripasso delle cose in cui credi, invece di venire qui a curiosare, senza capirci niente e facendo pure lo spiritoso fuori luogo alla fine.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pax (anche per il tempo e le energie che profondi per chi nemmeno sa apprezzarlo). Il Signore te ne renderà merito.

      Elimina
  26. Carmine ma tu hai conosciuto Carmen Hernandez?
    Tu personalmente hai parlato con lei?
    Hai avuto modo di viverla?
    Carmine, secondo te quali sono le caratteristiche dei Santi?
    Hai mai sentito Kiko e Carmen nominare i Santi?
    Hai mai visto Kiko e Carmen pregare un Santo?
    Sai esattamente cosa pensano Kiko e Carmen dei Santi?
    Carmine non esiste solo il CN, c'è tutto un mondo che ci circonda.
    Prova a cercare, sentire, vedere, immaginare qualcosa di diverso da quello che vivi.
    Apri la tua mente, fai entrare aria fresca nella tua esistenza, esci dalle salette e vivi la realtà della vita.
    Fatti un giro in realtà diverse dalla tua,vivi altri movimenti, leggi cose diverse, prova a pensare in maniera diversa.
    Non è facile ma ti garantisco che aiuta ed anche parecchio.
    Esci dal cliché della tua esistenza e guarda la realtà da un punto di vista diverso.
    Abbandona le tue sicurezze, non dovrebbe essere difficile per te, il CN te lo ripete da una vita.
    Solo che lo scopo del CN è diventare la prima ed unica sicurezza della tua vita.
    Il CN diventa la tua vita.
    Ti tiene stretto e non ti permette più di guardare oltre la sua siepe.
    Vai oltre Carmine, trova il coraggio di andare oltre.
    Quando lo hai fatto torna su questo blog e ci confrontiamo.
    Noi non siamo nulla, non siamo migliori di te.
    Solo che noi abbiamo osato guardare oltre quella siepe e abbiamo capito cosa volevamo e cosa non volevamo.
    Carmine, capisco che quello che ti dico magari per te non ha senso, però ti chiedo di metterti nei panni degli altri, di provare a ragionare in maniera diversa.
    La tua realtà può sembrarti meravigliosa,ti garantisco che anche la nostra per noi è meravigliosa.
    La differenza è che noi conosciamo entrambi le facce della medaglia.
    Ti chiedo di guardare il CN con i nostri occhi.
    Fai qualche prova,parla con i tuoi catechisti, i tuoi fratelli di comunità, i tuoi presbiteri neocatecumenali.
    Fai domande precise e chiedi risposte precise.
    Fallo senza timore, perché se hai ragione tu non hai nulla da temere.
    Se hai davvero voglia di capire non c'è un modo diverso, devi avere il coraggio, la forza e la volontà di cercare di fare le domande e di cercare le risposte.
    Noi abbiamo provato.
    Lo hai fatto anche tu?

    LUCA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fratello del Cammino ti risponderà con una selva di sterili slogan, per vari motivi.

      Primo, perché i neocatecumenali non sono cattolici e si vede anche dal fatto che chiamano "santità" non il vivere in modo eroico le virtù cristiane, ma solo il titolo nobiliare di moda nella Chiesa per porre un soggetto defunto al di sopra di ogni critica. Pertanto, sapendo bene che Carmen ha compiuto troppe ingiustizie davanti a Dio e davanti agli uomini, è convintissimo che quei titoli "nobiliari" consentano finalmente di nascondere la polvere sotto il tappeto.

      Secondo, perché per i neocatecumenali "l'ubbidienza al catechista è tutto", e i cosiddetti "catechisti" del Cammino hanno comandato di fingere che Carmen sarebbe "santa". Per cui, anche se in coscienza fosse convinto più di noi che Carmen non è santa, anche se avesse verificato coi suoi occhi e con le sue orecchie che la defunta signora Carmen "laureata in chimica" è sempre stata una nemica del sacerdozio gerarchico e un'arrogante nemica della fede, della liturgia e della Chiesa, il cretineocatecumenale in questione ubbidirà sempre all'ordine di scuderia.

      Terzo, perché per i neocatecumenali occorre "circoncidere la ragione", cioè smettere di ragionare ogni volta che giungano le prove dell'eresia e delle malefatte dei sedicenti "iniziatori" e dei loro scagnozzi. Non sanno che la retta ragione non è di ostacolo alla fede ma di sostegno. Non sanno che la vetta più alta della ragione è comprendere che c'è qualcosa di "oltre", che può essere compreso solo alla luce della fede. Non vogliono sapere che lo sguardo della fede, illuminato da Dio, essendo "universale", non può consentire eccezioni (per loro invece le eccezioni furbette sono importantissime: "abbiamo storpiato la liturgia però la viviamo meglio dei cristiani della domenica... abbiamo storpiato le parrocchie però facciamo più attività religiose della parrocchia media... abbiamo storpiato la fede però le nostre celebrazioni sono più vissute...").

      Elimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.