martedì 28 aprile 2015

Arrestato per molestie sessuali un altro presbitero neocatecumenale

Riprendiamo da Jungle Watch la notizia e il commento introduttivo, aggiungendo nostre considerazioni. Come sempre, ci interessa capire non tanto la materia dello scandalo sessuale, ma l'atteggiamento neocatecumenale di fronte agli scandalosi membri del Cammino e soprattutto gli strani motivi per cui questi ultimi vengono difesi, nascosti, protetti e premiati...


La notizia: il 15 novembre 2007 il presbitero neocatecumenale Edson F. Costa (ordinato al sacerdozio appena due anni prima negli USA, di origini italo-boliviane) ha molestato sessualmente una parrocchiana di Fair Lawn, nella diocesi di Newark. All'epoca il sacerdote aveva 39 anni e la donna 72. La donna - molto attiva in parrocchia al punto da essere una volta premiata come "Parrocchiana dell'Anno" - ha citato in tribunale la diocesi e la parrocchia esigendo il pagamento dei danni poiché all'epoca dei fatti non ha ricevuto alcun tipo di sostegno dal parroco e dalle autorità diocesane che lei aveva immediatamente interpellato. Il presbitero Costa ammise la propria colpa già un mese dopo ma stranamente nessuna misura punitiva veniva presa dalla Curia contro di lui.

L'anno successivo, il 6 giugno 2008, lo stesso presbitero neocatecumenale veniva arrestato per un altro caso di molestie sessuali; tre mesi dopo chiedeva il patteggiamento della pena. Nel 2010 veniva promosso a vicario parrocchiale nella parrocchia di Nostra Signora di Lourdes a West Orange, una ventina di chilometri più a sud.

A seguito dell'azione legale avviata dalla donna molestata nel 2007, finalmente ad aprile 2015 l'arcidiocesi di Newark (New Jersey) prende la decisione di togliere ogni incarico diocesano al Costa e -forse- di sospenderlo dal ministero sacerdotale. Ma - addirittura col permesso delle autorità diocesane - quella parrocchia di West Orange ha organizzato una festa di saluto (good-bye party) per il presbitero neocatecumenale. L'associazione delle vittime di abusi sessuali Road To Recovery ha organizzato un volantinaggio davanti alla parrocchia lo scorso 11-12 aprile 2015 ed una pubblica manifestazione sabato 25, facendo notare ai fedeli che le autorità diocesane avevano spostato lì il presbitero neocatecumenale molestatore senza avvisare i fedeli degli atti di cui si era reso responsabile.

Seminario neocatecumenale R.M. di Newark:
tavolone centrale, gadget kikiani dappertutto,
seminaristi in giacca e cravatta seduti "alla massonica"
e Don Kikolone centrale che se la canta e se la suona
Il commento: il meccanismo neocatecumenale di spargere seminaristi e presbiteri in tutto il mondo permette a Kiko e ai suoi pretoriani di evitare molte delle verifiche vocazionali sui candidati "che hanno qualche problema".

Una di queste verifiche si basa sulla conoscenza che viene dall'ambiente (coloro che hanno sempre vissuto attorno a te hanno idea di che pasta sei fatto). Perciò il portare improvvisamente chierici e preti lontano dal loro ambiente (destinandoli in un seminario neocatecumenale Redemptoris Mater magari dall'altra parte del mondo), quella preziosa "conoscenza" viene persa - probabilmente di proposito.

In più ricordiamo che i seminari neocatecumenali R.M. sono ampiamente sottratti al controllo delle diocesiesattamente lo scopo per cui furono creati: formare presbiteri secondo i dettami di Kiko senza farli vagliare dalle strutture diocesane). In genere nessuno ne conosce decentemente le attività di formazione, i piani di studio, la durata... È noto che le vocazioni che vi entrano sono soggette al vaglio dei cosiddetti "catechisti" neocatecumenali, laici, a partire dallo stesso Kiko. E chi osasse porre dei dubbi viene immediatamente azzittito: "tu giudichi! siamo approvati!"
Fun facts: la parrocchia del party sopra citata è a circa trenta chilometri dalla residenza di un certo Gennarini, grossissimo super-catechista del Cammino. A metà strada si trova il seminario neocatecumenale Redemptoris Mater di Newark (il cui rettore è italiano). L'arcidiocesi di Newark conta 1,4 milioni di cattolici e oltre 700 sacerdoti incardinati.

69 commenti:

l'apostata ha detto...

Questa squallida storia contiene altrettanto squallide realtà.

I pastori che non fanno il loro dovere. Insabbiano, nascondono, tacitano pur di non avere grane. Vedi non solo gli abusi in questione, ma anche le ben note eresie e disobbedienze di Sankiko.

Lo sfruttamento delle diocesi da parte del cammino, incardinandovi i "presbiteri" RM, che così ricevono lo stipendio anche se poi vengono mandati in altri Paesi.

La pochezza di molti "presbiteri", divenuti tali in base alla decisione di laici assolutamente non qualificati né legittimati, senza alcuna verifica seria da parte dei vescovi.
Ad esempio Gennarini, maestro di menzogna (la Lettera di Arinze, ricordate?) è uno che ha l'autorità di "discernere" vocazioni e attitudini al sacerdozio.
Proprio il tipo adatto!

Su tutto, poi, grava l'impenetrabile segretezza del cammino. A sentire il signor trettré dottor (h.c.) millantator Arguello, i neocat sono sempre allegri, alla fine del cammino hanno per sempre la fede, sposati non si separano mai, ordinati non abbandonano mai il sacerdozio.

I fatti questo dicono: la menzogna è il pilastro su cui si regge tutta l'organizzazione.

Pastori, dove siete?

by Tripudio ha detto...

L'arresto del presbitero neocatecumenale (per molestie sessuali, recidivo), come già chiarito nel testo, è avvenuto il 6 giugno 2008, quasi sette anni fa.

Anche stavolta, il problema non sta nell'oggetto degli scandali (gli scandali infatti ci saranno sempre), ma nell'atteggiamento assunto dai neocatecumenali di fronte agli scandali riguardanti i loro "fratelli" nel Cammino.

C'è da credere che la parrocchia di West Orange sia abbondantemente "neocatecumenalizzata" e perciò quando il loro vicario parrocchiale neocatecumenale viene finalmente punito per le sue malefatte, i fratelli del Cammino in parrocchia gli organizzano addirittura una festa.

Questo avviene perfino col permesso della curia (neocatecumenalizzata), evidentemente più attenta a difendere il piacere dei neocatecumenali che tutto il resto.

E si tratta di una diocesi di grosse dimensioni (molto più grande della diocesi di Bologna, per dire), non è che basta piazzare tre-quattro sgherri ai posti giusti per "neocatecumenalizzare" l'intera curia...

Alla base dell'atteggiamento neocatecumenale c'è una sbagliata concezione del peccato e della Grazia. Come sempre, da ogni errore teologico discendono errori sociali, umani, familiari, ecclesiali, ecc.

sandavi ha detto...

Ripeto, per tutti i NC che leggono da queste parti, quanto specificato da Tripudio: gli scandali avvengono ovunque ed è inevitabile che accadano, ma è inaccettabile l'atteggiamento neocatecumenale dell'insabbiare, coprire, premiare, se non altro perché essi vantano la loro diversità, la diversità dei loro preti, la profondità dei loro studi, ecc.

Questo dimostra solo che NON SIETE DIVERSI DA NESSUNO, quindi il Cammino in sé non porta nessun particolare vantaggio e quando fa qualcosa di buono lo fa perché si segue la Chiesa invece che le follie di Kiko e Carmen.

by Tripudio ha detto...

Il coprire gli scandali dei preti è una soluzione temporanea che garantisce di avere un sacco di guai in futuro.

Finché le curie daranno ascolto a certe lobby (come ad esempio la lobby neocatecumenale), mettono una seria ipoteca sul futuro della diocesi.

Le diocesi americane finite nei guai (e talvolta perfino in bancarotta) per lo scandalo dei preti pedofili, sono esattamente quelle che a suo tempo hanno protetto i preti coinvolti negli scandali (promuovendoli ad altra sede, insabbiando le inchieste, rifiutando di ascoltare le testimonianze, ecc.).

PIETRO TS ha detto...

Il cammino porta solo morte e condanna eterna nel regno di Lucifero.
Sono invasati, hooligans di Kiko, che se vedrebbero Gesù gli sputerebbero in faccia senza se e senza ma, ballando attorno a lui, fermandosi a turno solo per un attimo per dargli una bella frustata, mettersi a ridere davanti alla croce e indicarlo come un appestato, urlando "se sei veramente il figlio di Dio, scendi dalla croce! Noi neocatecumenali siamo figli di Dio! Hai visto cosa ti è successo a non far parte del cammino? Hai rifiutato la volontà di Dio e ora sei in croce! Ben ti sta!"
Branco di pezzenti...
Il cammino finirà, presto, e credo che saremo tutti in tempo per vederlo.

PIETRO TS

by Tripudio ha detto...

Fu padre Enrico Zoffoli, prima di salire al cielo carico di meriti, a rassicurarci che sarebbe stata proprio la nostra generazione a vedere la caduta del Cammino nel momento del suo più alto trionfo.

Rispetto ad alcuni anni fa - quando iniziai a collaborare a questo blog - la situazione del Cammino è effettivamente cambiata da crescita tumultuosa a diminuzione.

Tutte le mega-iniziative di Kiko possono riempire i titoli delle agenzie di stampa amiche del Cammino (come ad esempio Zenit o Romagiornale) ma non possono riaccendere quella crescita e nemmeno possono frenare la crisi.

Crisi che consiste nel fatto che intere famiglie lasciano il Cammino, che le fusioni di comunità sono sempre più numerose, che una sempre maggior percentuale di figli di neocatecumenali preferisce altre esperienze di fede (non necessariamente cattoliche), e ci si mette anche la crisi economica mondiale a frenare drasticamente il fiume delle oliature...

L'unica cosa che ancora cresce nel Cammino è il numero di satrapi e la loro arroganza. La loro pacchia sta per finire.

Carmine ha detto...

Nulla di nuovo sotto il sole. Questo episodio si collega con tutti gli altri episodi simili e sottaciuti nel Cammino. Parecchie donne e figlie di Israele sono state oggetto di "attenzioni" da parte di presbiteri giovani e vecchi ma, le stesse donne, hanno dovuto "perdonare" i loro "fratelli presbiteri", poichè, come è stato loro insegnato, nel cammino bisogna perdonare le "marachelle sessuali" dei fratelli. Anche per questo, non si sente mai nulla uscire dalle comunità. Inoltre, aggiungo che i presbiteri hanno sempre un appeal sessuale non indifferente, anche se hanno 70 anni e con la bava alla bocca. Per le figlie di Israele, un presbitero rappresenta il potere a cui aspirare nella comunità.

Rosanna ha detto...

Cari amici del blog quando non intervengo con commenti prego,vi sostengo con la preghiera che la Madonna ha insegnato,il santo rosario che il grande Kiko consegna dopo venti anni di cammino,perchè prima non si capisce.Preferisco unirmi alle vecchiette molto più meritevoli di Kiko che tuona dall'alto della sua superbia che il santo rosario è un devozionismo ma che poi lo consegna dopo venti anni perché lui sì che ha capito tutto!Spero proprio che le parole di p.Enrico Zoffoli si avverino!Troppi sono gli scandali che stanno devastando la chiesa.

La verità vi farà liberi. ha detto...

http://www.cnccatania31.it/

Purtroppo non ho tempo di scrivere qualcosa, fatevi due conti di quante migliaia di euro girano intorno a questo spettacolo. Nel link ci sono i prezzi e le richieste di offerta.

La verità vi farà liberi. ha detto...

http://www.cnccatania31.it/2015/04/presentazione-e-informazioni-generali-sullevento/

Stadio gratis, 10€ a cranio per l'ingresso, offerta libera di tutte le comunità.... si aspettano 25000 partecipanti, paganti.

Valentina Giusti ha detto...

Di cui molti si alzeranno ...l'ha già previsto Kiko nel discorsetto a Roma per le 100 piazze. Tutto calcolato. Riempi uno stadio, chiedi un'alzata. Si offrisse anche solo uno su 50, avrebbe 500 nuove vocazioni da 'sbandierare'.
Poco importa dove, come, perché ...dettagli, per chi ormai guarda solo ai numeri.

La verità vi farà liberi. ha detto...

Perché, i 400.000€ di fatturato per la giornata.... sono da buttare?

Valentina Giusti ha detto...

Per quelli, basta una piccola colletta...una semplice mail dal pc di casa.
Se Kiko si muove, è perché ha bisogno dell'abnegazione di gente (qualsiasi) per dar lustro alla propria organizzazione.
I soldi non sono tutto. Non bastano, per accreditarsi. Ci vogliono i sacrifici umani...

Anonimo ha detto...

Ma andatevene affanculo voi e sto Blog di merda che spara solo puttanate sul cammino.
Non pubblicate più nemmeno questo commento,tanto ormai in questo sito sembra di essere tornati all'era di Mussolini,se la pensi diversamente o ti censurano il commento o il gentilissimo tripudio ti risponde col tono come se stesse parlando a un imbecille,e i suoi cari fans gli danno corda mentre poche persone che hanno cervello e cercano di dialogare vengono fatte stare zitte perché "invasati" del cammino...ma fatemi il piacere
so che ho perso del tempo perché non lo pubblicheRete,ma dopo la decima volta che mi ignorate un commento mi sono stufato.

Cordiali saluti

curiosa ha detto...

Il presbitero doveva essere proprio arrapato: molestare una 72enne, è davvero da fuori di testa!!!

La verità vi farà liberi. ha detto...

Per l'anonimo delle 23.48:

questo è l'amore per il prossimo che vi insegnano nella setta? Complimenti, sempre più stupefacenti i risultati della formazione kikiana.

A quando le bestemmie?

Anonimo ha detto...

@Rosanna
vi sostengo con la preghiera che la Madonna ha insegnato,il santo rosario che il grande Kiko consegna dopo venti anni di cammino,perchè prima non si capisce.

Veramente nel cammino si invitano i giovani (anche appena entrati in comunità) a pregarlo tutti i giorni davanti al tabernacolo per almeno, ripeto, almeno, un anno...

Mi dissocio e prendo le dovute distanze dal commento anonimo delle 23.48.

Nic

PIETRO TS ha detto...

Per Anonimo delle ore 23.48

Ma nel tuo commento ti stavi descrivendo da solo? No perché... 1) siete voi neocat nell'era di Mussolini
2) se la pensiamo diversamente da te tu rispondi col tono di uno che ci da degli imbecilli
3) i tuoi fans, i fans di Kiko, vi date corda a vicenda
4) le uniche persone che hanno un cervello - perché, sai Anonimo, per farcela ad uscire dal cammino serve per forza il cervello e l'anima - e cercano di dialogare vengono affossate, umiliate, derise, attaccate senza ricevere alcuna risposta, per il solo motivo che NON SIAMO DEL CAMMINO.

Ottima descrizione di te stesso e di tutti i tuoi simili neocat, perchè siete tutti uguali, omologati, privi di personalità e con l'inconscio programmato a credere e dire sempre le stesse cose.
Ottima pubblicità hai fatto del cammino, ottima pubblicità per i piccoli neocat dubbiosi che vengono qui su questo "Blog di merda che spara solo puttanate sul cammino" sperando di sfatare i loro dubbi (Vedi? siete pure rozzi e ignoranti come capre, indifferente l'età, la vostra cultura da adolescenti rimane tale fino a 90 anni proprio perché il cammino, l'adolescenza, ve la toglie e rimanete con il cervello a quello stadio primitivo).
Grazie per averci mandato "affanculo" secondo quell'amore incondizionato "in Cristo" che tanto decantate. I miei complimenti. Gesù ve ne chiederà conto di tutte quelle volte che, usando il suo nome, avete ucciso il prossimo, scandalizzato i più piccoli e avete peccato tirando Lui in mezzo.
Ottimo esempio di carità cristiana e di "Cristo è l'altro!"!
Sì.... ma l'altro neocatecumenale!
Siete peggio dei nazisti. Vi reputate la razza ariana. Ma ricordati che Berlino è stata RASA AL SUOLO.... state all'erta.

PIETRO TS

Anonimo ha detto...

Piccola precisazione: non è che sia vietato fare una preghiera prima del passaggio in cui ti viene consegnata...se no non dovremmo fare il padre nostro fino alla fine del cammino.....

E l'amore cristiano va applicato su tutti! Anche su kiko, così come ai testimoni di geova o ai raeliani..ognuno di noi dovrebbe interrogarsi su questo, me compreso.

Nic

sandavi ha detto...

Nic, dici il vero, ma l'amore è alla persona non agli errori che professa. Posso amare il poveretto che si è fatto abbindolare da Rael o dai TdG, ma non posso amare il suo errore che lo condurrà all'inferno.
La carità spinge a provare compassione per quelli che si stanno dannando, compreso il sedicente Rael, tuttavia spinge ugualmente a odiare e condannare il loro peccato, perché conduce altri uomini alla perdizione eterna.

Proprio per la virtù della carità anche Kiko quando sbaglia deve essere corretto e così i catechisti. Quando Kiko ha detto quella frase infelicissima sul pentimento, qualcuno doveva alzarsi in quel momento e dirgli subito: "ma che dici??".
Non so tu, ma io non ho mai avuto il coraggio di rispondere loro e di rimproverarli quando dicevano fesserie, come invece avrei dovuto fare.

In ogni caso se lo avessi fatto sarei stato additato da tutti come un ribelle. Questo, carissimo, è innegabile.

Tornando in topic, mi dispiace moltissimo per questo ragazzo. Spero che i suoi catechisti e formatori si facciano due domande (anche se ne dubito) e si rendano conto del disastro che hanno contribuito a provocare.

Michela ha detto...

Mi dissocio e prendo le dovute distanze dal commento anonimo delle 23.48.

Nic


sono sicura che molti neocat si dissociano dallo stile dell'anonimo.
Ma se si vuole essere obiettivi va riconosciuto che anche questo livore è uno dei frutti del cammino, e non è un caso isolato.
E' uno dei segnali che il cammino è vissuto come una setta, per cui chi critica va 'odiato', escluso, e non va frequentato, ma vissuto come nemico e persecutore.

by Tripudio ha detto...

Di ogni scandalo riguardante il Cammino di cui siamo venuti a conoscenza, pubblichiamo sempre fonti e testimonianze.

Solo che i fratelli del Cammino, pur potendo personalmente verificare, si sdegnano solo perché credono che così venga "infangato" il Cammino. Hanno proprio una fissazione col fango...

Il caso di questo presbitero neocatecumenale arrestato per molestie sessuali è significativo:

- tanti anni di formazione in un seminario kikiano R.M., e nessuno dei formatori si accorge delle sue invincibili pulsioni (evidentemente la formazione dei R.M. riguarda solo gli strafalcioni e le "confessioni pubbliche");

- il presbikiko aggredisce e molesta perfino un'anziana settantaduenne (pensava di farla franca?) e un mese dopo ammette il suo comportamento (lo avrà descritto in dettaglio anche nelle "confessioni pubbliche" agli altri fratelli del Cammino?)

- la gerarchia dei neocatekikos lo copre e lo protegge (ad esempio il parroco che di fronte alla denuncia non fa nulla), così come la curia neocatecumenalizzata (o almeno molto ben oliata) addirittura lo promuove;

- qualche tempo dopo la polizia lo arresta a seguito di un'altra denuncia per molestie, e il baldo pretonzolo cosa fa? patteggia la pena (e nel frattempo quante altre donne aveva molestato senza ottenerne denuncia?)

- e la curia neocatecumenalizzata, quando finalmente comincia a tremare per l'azione penale ancora in corso, decide di allontanarlo e... contemporaneamente consente ai fratelli parrocchiani neocatecumenali di fare una festicciuola di arrivederci al pretonzolo...

Finora, a parte i commenti pubblicati in questa pagina, dai fratelli neocatekikos sono giunti solo insulti anonimi.

Non una parola di condanna su quel "presbitero". Non ammetteranno mai che il metodo kikista-carmenista produce pessimi risultati.

Ammetterne anche uno solo, infatti, significherebbe spalancare le porte su tutti i casi dubbi.

Significherebbe mettere finalmente in discussione il metodo neocatecumenale, e capire che non è ispirato dallo Spirito, ma è solo l'invenzione ruspante e approssimativa di due spagnoli molto ignoranti di teologia e molto arroganti.

Anonimo ha detto...

@sandavi

Vero solo che qui c'è chi denigra anche l'uomo insieme al suo eventuale peccato. Andare "sul personale" anche con chi commenta, non porta a nulla di costruttivo. Un uomo è un uomo e come tale va lasciato al suo posto, senza condanne e senza idolatrie.

@michela

Rispetto il tuo punto di vista, solo che penso dipenda molto anche dalla persona in sè, del come reagisce alle provocazioni...Questo tipo di reazione si ha anche in circostanze completamente diverse, basta pensare a un tifoso di calcio che sente offendere la sua squadra...non me la sento di associare questo tipo di comportamento a qualcosa di specifico. Questo non giustifica l'anonimo delle 23.48 che è invitato a rivedere le sue parole.

Nic

Rachele ha detto...

preghiamo davvero, penso sia il metodo migliore..non contano i numeri, le alzate ecc..conta la qualità..vorrei pregare che il Signore mandi tanti sacerdoti veri, coraggiosi..non mi interessa scriver qui per insultare, ci mancherebbe, se ci fosse molta meno segretezza in questi ambiti, neocatecumenali o altro, avremmo meno timore per i nostri figli, dato che non è sempre facile dialogare con un marito che da anni frequenta il cammino....e a volte fa discorsi poco sensati, a volte....penso che molte testimonianze sian vere, purtroppo, e se ci fosse meno segretezza certe cose non potrebbero accadere.....per un po' non userò il computer, spero il blog serva per dare chiarimenti, e prego per la Chiesa, una, come dice il Credo..pace a tutti.per fortuna ci son persone come Sandavi che nonostante sian cresciute in questo ambito mantengono equilibrio e buon senso , bene.fa ben sperare!!!

l'apostata ha detto...

@ Nic

che ha scritto:
"...E l'amore cristiano va applicato su tutti! Anche su kiko, così come ai testimoni di geova o ai raeliani..ognuno di noi dovrebbe interrogarsi su questo, me compreso...".

Chiediti che razza di amore hai per il Papa e la Chiesa, allora. Tutti i sabato sera disobbedisci loro, sottomettendoti alle trovatine di Sankiko.
Violi consapevolmente la Liturgia, l'Eucaristia, il vostro stesso statuto. Solo per dimostrare servile obbedienza al signor trettré dottor (h.c.) Arguello.

Parli di amore? Senza verità non c'è amore, c'è solo buonismo ipocrita.

So che non mi risponderai, come a tutto quello che ti ho chiesto in precedenza, ma chieditelo.

flando85 ha detto...

@Tripudio: Significherebbe mettere finalmente in discussione il metodo neocatecumenale, e capire che non è ispirato dallo Spirito, ma è solo l'invenzione ruspante e approssimativa di due spagnoli molto ignoranti di teologia e molto arroganti.

Tripudio ti prego fai attenzione a quello che scrivi. Lo dico per te..
Tu puoi benissimo dubitare dell'ispirazione divina del Cammino, ma essendo una opinione personale tienitela per te. Pronunciare dall'alto una sentenza come hai appena fatto è un compito che non ti spetta e rischi di peccare contro lo Spirito Santo.
Ergerti così in ALTO non ti rende diverso da quel Kiko che tanto vai maledicendo: non ti ritieni forse più ispirato della Santa Madre Chiesa?
Ecco chi sei Tripudio..
Pregherò per te..

patrizia ha detto...

non mi ero sbagliata sui fini di questo blog... volete solo pariare... beati voi... si vede che non avete nulla a che pensare... meno che mai all'animaccia vostra!!! nel caso pubblicaste questa mail (già un'altra l'avete cestinata in un altro post... forse perché il diavolo fa le pentole ma non i coperchi...) faccio un'appello non solo ai neocatecumanali... ma a tutta la gente ancora con un briciolo di coscienza.... IGNORATE QUESTI CATTIVI PROFETI... NON VENITE NEANCHE PIU' A LEGGERLI... CANCELLATE QUESTO SITO DAI PREFERITI COME FACCIO IO ORA... SUBITO.. DOPO QUESTA ULTIMA MAIL... E' LA MIGLIORE RISPOSTA CHE SI PUO' DARE ALLE CALUNNIE PROFESSATE!!!

Valentina Giusti ha detto...

Patrizia dice che non ci leggerà più (poco male), parla della nostra 'animaccia' e tira in ballo il demonio.
Flando85 fa oscure minacce a Tripudio come se, avendo fatto una semplice considerazione sulla genesi tutta umana del cammino, avesse bestemmiato e fosse necessario pregare per la sua anima...
Fratelli cari, riservate il vostro sacro sdegno verso chi nega Cristo e non verso chi ridimensiona Kiko.
Queste reazioni scomposte da 'tifoseria calcistica' (Nic ha fatto un parallelo calzante) denunciano se non altro la necessità di rimettere in po' in ordine le vostre priorità.
Da subito.

Anonimo ha detto...

@Tripudio

Ammetterne anche uno solo, infatti, significherebbe spalancare le porte su tutti i casi dubbi.

Significherebbe mettere finalmente in discussione il metodo neocatecumenale, e capire che non è ispirato dallo Spirito, ma è solo l'invenzione ruspante e approssimativa di due spagnoli molto ignoranti di teologia e molto arroganti.

Certo che questo presbitero ha sbagliato. Ma quello che tu dici è assurdo...è una tua congettura. Se un prete sbaglia è sbagliato il metodo...quindi se sbaglia un prete diocesano sbaglia è sbagliato pure il metodo diocesano..siamo rovinati.
Idem per le coperture..vai sul sito delle iene e ne troverai di casi in cui un presbitero sbaglia e il vescovo lo copre...persino i papi sono stati accusati di tacere degli scandali..

@Apostata
Me lo sono chiesto, grazie. I tuoi commenti sono un esempio di quello che dicevo con sandavi.

Nic

PIETRO TS ha detto...

Un applauso al troll patrizia! clap clap clap clap :D
Che animacce che siamo, un branco di burloni cattivoni che dicono solamente la verità! Brrrr brutti cattivi

PIETRO TS

l'apostata ha detto...

@ Nic

che ha scritto:
"...I tuoi commenti sono un esempio di quello che dicevo con sandavi..."

Non funziona, egregio. Quando più volte ti ho inutilmente chiesto un confronto, precisando che la tua persona non era in discussione, cosa hai fatto?
Quello che hanno fatto tutti gli altri neocat: silenzio assoluto.

E adesso fingi di aver subito attacchi personali.

Quello che non volete capire è che tutti quelli che visitano questo blog leggono, e ragionano.

Nessun adulto nella fede è stato capace di rispondere ad alcunché, vedi le confutazioni di Lino sulle false interpretazioni delle Scritture, le millanterie del signor trettré dottor (h.c.) Arguello documentate su Youtube, le chiacchiere di Carmencita "benedetta tu fra le donne" documentate sul sito ufficiale del cammino.

Parlano i fatti, non il vittimismo.
Nel tuo caso, l'indisponibilità al confronto e soprattutto la consapevolezza di disobbedire ogni sabato alla Chiesa e di obbedire a Sankiko.

Il resto è la solita aria fritta.

Ai piccoli neocat in buona fede

Rileggetevi per favore i precedenti post di Nic e quelli a lui indirizzati.
Saprete da soli come stanno le cose.
Con l'occasione, cercate l'Istruzione Redemptionis Sacramentum, di cui il detto Nic non aveva mai sentito parlare, e leggetevela.
Dopodiché, sabato sera, andate dai vostri catekikisti e chiedete loro: la Chiesa dice che la Messa si deve e si può solo celebrare così, perché non obbediamo?
Dalle loro risposte capirete chi avete davanti.

Provare per credere.

Anonimo ha detto...

Apostata avevi ragione non avrei dovuro risponderti. Di quello che ti ho detto ne sono convinto ma non ho detto che hai tirato in ballo la mia persona. La tua ironia che sminuisce qualsiasi cosa riguardi ciò che non ti va a genio (presente in tutti i tuoi post) mi indispone. Tutto qua.

Quanto a rileggere tutti i miei post e quelli a me indirizzati sono d'accordissimo. Sono da leggere accuratamente.

Nic

l'apostata ha detto...

@ Patrizia

Ecco un'altra adulta nella fede che non ha ancora capito l'insegnamento del signor trettré dottor (h.c.) ciarlatano Arguello.

Egregia, vuoi renderti conto che noi non siamo responsabili di quel che scriviamo? Perché ci accusi?

Sappi che siamo figli del demonio e non possiamo non fare il male (Sankiko dixit).
Perciò di nulla abbiamo colpa, aggiornati.

Va', va' dai tuoi kikatekisti e fatti rispedire alle kikatekesi iniziali.

E' evidente che non hai capito nulla.

p.s. Salutami Baccalà quando lo vedi allo specchio, grazie ;-))

Pietro ha detto...

Sarebbe stato quantomeno civile, ma soprattutto cristiano e bello potersi confrontare sulle diverse opinioni che è giusto ci siano all'interno della Chiesa.
Ma tutti e sottolineo tutti quelli che sono passati da questo Blog, si sono eclissati dicendo tutti e sottolineo tutti la stessa cosa: è impossibile parlare a causa della vergognosa censura.
Ora in un Blogger di calcio o politica potrebbe anche comprendersi, ma da chi si erge a paladino di valori sbandierati e ripetuti fino alla nausea come voi, questa cosa vi rende totalmente ridicoli.
io personalmente ho una diversa teoria, che potreste smontare solo pubblicando e rispondendo ai post, ma in quel preciso momento smettereste di esistere, infatti quello dal quale fuggite a gambe levate, è il confronto diretto e serio nel quale davanti a precise domande resterete senza risposta, oppure dovreste scagliarvi contro la Chiesa ufficiale.
Cosa dire, il cammino ha sempre avuto nemici, non kiko ma il cammino, e a parte qualcuno che ha avuto il coraggio di esprimersi contro pubblicamente, gli altri sono sempre stati accomunati da un'unica caratteristica, l'anonimato.
non penso Cristo e la sua Chiesa abbiano mai incentivato tale vergognosa abitudine, anzi.
puoi anche evitare di rispondere con le solite pappine del non pubblicare gli insulti e le domande già formulate, i primi se ci fossero mai stati, non assomiglierebbero lontanamente a quelli proferire da voi contro tutto e sottolineo tutto quello che ci riguarda, dal vestire al mangiare al celebrare e così via dicendo, per quanto riguarda le domande è ovvio....son sempre e resteranno sempre senza risposta.
state m sempre bene.

Ruben ha detto...

@flando58
"Tripudio ti prego fai attenzione a quello che scrivi. Lo dico per te..
Tu puoi benissimo dubitare dell'ispirazione divina del Cammino, ma essendo una opinione personale tienitela per te."
---
Perché in caso contrario cosa faresti,
chiami lo Spirito Santo a testimoniare in tribunale?...

Personalmente poi, non facendo parte della "setta", non sono abituato a tenermi le opinioni personali, a meno che non costituiscano reato, solo per me!

flando85 ha detto...

@Valentina Giusti
Oscure minacce? What? Comincio a pensare che il pregiudizio è arrivato a livelli tali che vi impedisce anche cogliere il senso ciò che viene scritto!
Ho pregato [ripeto:pregato] Tripudio di far attenzione perché la sua condanna può essere un peccato contro lo Spirito Santo.

@ Ruben
Che razza di commento è? È impressionante notare come mentre rimproverate i NC di arroganza e attacco ad personam siete talmente ciechi da non vedere quale trave si trova nel vostro occio: una trave fatta di sarcasmo, calunnie, offese, derisione, cattiveria, condanne, ecc..
È questo che vi insegnano i parroci immagino. Ammazza!
Vi ricorderò nelle preghiere..

Ruben ha detto...

@ Ruben
"Che razza di commento è? È impressionante notare come mentre rimproverate i NC di arroganza e attacco ad personam siete talmente ciechi da non vedere quale trave si trova nel vostro occio: una trave fatta di sarcasmo, calunnie, offese, derisione, cattiveria, condanne, ecc..
È questo che vi insegnano i parroci immagino. Ammazza!
Vi ricorderò nelle preghiere."
---
Esattamente il commento che ho fatto, flando.
Hai invitato, se non proprio ingiunto a Tripudio, di farsi gli affari suoi in merito ad una questione che io sposo al 150%, che non è neanche di rilevanza penale, e quale risposta ti i ti aspettavi?!... Sono stato fin troppo cortese!

Cosa c'entrano poi i Parroci, che escluso il vostro 1xmille sul totale della Chiesa Cattolica, costituiscono l'asse portante del Cattolicesimo!
Flando, la maggior parte dei Parroci, non vi ama, anzi non vi ama affatto.

by Tripudio ha detto...

A Rachele vorrei ricordare che il problema delle vocazioni nasce lì dove vengono vagliate. Nostro Signore si degna di chiamare sempre nuovi operai per la messe, ma se i formatori promuovono pessimi soggetti e bloccano ottimi soggetti...

Questo discorso, che vale per i vescovi e i superiori delle congregazioni, vale ancor più per i seminari neocatecumenali Redemptoris Mater, dove l'unico metro di misura è la fedeltà allo squallore del kikismo-carmenismo. Di fronte al fatto che dei seminaristi neocatecumenali vadano vantandosi (dall'ambone!) di avere tre-quattro figli sparsi in giro, e di provare nostalgia per i rapporti sessuali, non c'è da meravigliarsi che poi qualche presbitero neocatecumenale venga arrestato per molestie sessuali.

A Patrizia vorrei soltanto chiedere: ma tu dunque avevi messo questo blog tra i tuoi preferiti?

Il caro fratello Flando85 tenta il solito trucchetto neocatecumenale del trasformare la verità in opinioni. Ebbene, per la millesima volta gli ricordo che gli strafalcioni liturgici del Cammino (proibiti perfino dallo Statuto del Cammino, e però tuttora invalsi in tutte le comunità neocatecumenali) non sono una mia "opinione".

Il Cammino, dal momento che è fondato su strafalcioni, ambiguità e vere e proprie ingiustizie, non può vantare di essere "dono dello Spirito". Ciò che è dono dello Spirito compie le opere dello Spirito. E gli strafalcioni, le menzogne, l'oppressione dei fratelli, l'esazione delle "decime", gli inganni, ecc., non sono certo opera dello Spirito. Quando il Cammino abbandonerà la liturgia di Kiko e Carmen per passare alla liturgia della Chiesa, e abbandonerà le fandonie e le eresie per passare al Catechismo della Chiesa, allora si potrà cominciare a dire che «il Cammino» (e non solo il buon cuore di alcuni dei suoi membri) è dono dello Spirito.

Il caro fratello Nic ha adoperato un paragone significativo: la tifoseria. Il tifoso neocatecumenale si sente offeso quando il prestigio del Cammino diminuisce. Cioè si sente offeso dalla verità: per il tifoso, infatti, non conta la verità, ma conta solo la gloria della propria squadra. A costo di mentire e ingannare, come hanno fatto (e continuano a fare) gli attivisti neocatecumenali.

Sempre lo stesso Nic dice: «certo che questo presbitero ha sbagliato». Ma attenzione: non è stato l'unico a sbagliare. Sbagliano tutti i presbiteri kikiani-carmeniani a celebrare gli strafalcioni, poiché offendono Dio ancor più che offendere i fratelli. L'articolo sugli scandali dei preti neocatecumenali, come già detto e ripetuto mille volte, serve a far capire la bislacca mentalità neocatecumenalizia. Quella che è disposta a mentire pur di non ridimensionare la gloria dell'idolo Kiko.

Il fratello Pietro delle 14:54 lamenta la "censura". Faccio presente a lui e agli altri gentili commentatori che qui vengono eliminati soltanto i commenti totalmente anonimi (e neanche tutti), tanto più se contengono insulti o se sono le solite lenzuolate di copiaincolla a cui abbiamo risposto un'infinità di volte.

Gli ricordo anche che l'anonimato non cambia la verità dei fatti. I fratelli che si lamentano dell'anonimato sono gli stessi che intendono vessare e molestare i commentatori, così come avvenuto in passato, anche con denunce alla polizia contro certi fratelli neocat un po' troppo facinorosi.

Del resto, il fatto che due più due faccia quattro, non abbisogna di un responso scritto ufficiale del Congresso Mondiale di Matematica. Lo può dire anche un bambino. Perfino un anonimo sul blog. L'unica cosa che conta è la verità. Se qualche fratello s'indigna a leggere, lo invito a limitarsi a guardare le foto pubblicate nel blog (praticamente tutte di provenienza neocat) e di ascoltare su Youtube Kiko che dice eresie.

by Tripudio ha detto...

Le frasi fatte possono ingannare solo gli sprovveduti.

«Il Cammino ha sempre avuto nemici», dice pomposamente Pietro. Crede che noi non sappiamo che anche il Protestantesimo ha sempre avuto nemici, anche i testimoni di geova hanno sempre avuto nemici...

Ora, ciò che ci interessa è il motivo per cui si hanno dei nemici.

Cosa hanno da dire "i nemici del Cammino"?

Hanno da dire ciò che sta già detto nel Messale e nel Catechismo.
E hanno da testimoniare ciò che hanno personalmente (e dolorosamente) verificato del Cammino.

Invece i camminanti come si difendono?

Con attacchi personali (vedi Sonia), col vittimismo (vedi Nic), con la censura (vedi Patrizia), con le minacce (vedi Mauri54), con gli slogan (vedi Flando85), con le frasi fatte (vedi Pietro), con gli insulti (vedi anonimo delle 23:48)...

l'apostata ha detto...

@ Nic

che ha scritto:
"...La tua ironia che sminuisce qualsiasi cosa riguardi ciò che non ti va a genio (presente in tutti i tuoi post) mi indispone..."

Spiacente che non apprezzi l'ronia. Evidentemente non riesci a passare dalla tristezza all'allegria fuori dalla saletta.

Magari prova a fare un bel girotondo, forse ti passa...

Raccomandi anche tu ai piccoli neocat di leggere quel che hai scritto.

Già, specialmente il post in cui chiedevi dove mai fossero contenute le norme sull'Eucaristia.

E ancor più specialmente quello in cui, all'obiezione del fatto che ora eri consapevole della disobbedienza alla Chiesa, hai risposto che l'importante era mostrare rispetto eccetera eccetera.

Ovvero, il kikiano "viva il Papa e facciamo come ci pare!".

p.s. A proposito del fatto che la mia ironia ti indispone, ti raccomando di leggere Santa Teresa d'Avila, che diceva: "Dio ci salvi dai santi con la faccia acida".

Provaci a sorridere, ogni tanto, la vita non è uno scrutinio neocat.

Anonimo ha detto...

BASTA! Non si può più vedere queste offese...Il signore ci ha insegnato d'AMARE il prossimo come se stessi, di correggerlo quando sbaglia, soprattutto avere misericordia come Lui ne ha con noi attraverso il perdono.
Vorrei invitarvi a tutti indistintamente di leggere o guardare questa esperienza e rifletterci seriamente.

https://www.youtube.com/watch?v=rPh18dwMjEg

https://www.facebook.com/pages/Gloria-Polo/268186619894579
NO NC? NO CRISTIANA PERFETTA

Pietro ha detto...

Quello che tu chiami infantilmente copia incolla, altro non è che porre quelle domande alla quale mi riferivo, e siccome non puoi e sottolineo NON PUOI ! rispondere, ti butti sul vomito.
Vorrei solo che ti sia chiara una cosa, io da voi non debbo, non ho mai voluto, non ci penso nemmeno a difendermi.
Uno può ( condizionale) difendersi da chi formula un'accusa precisa, dettagliata sopratutto fondata, ma chi stupidamente per esempio vorrebbe dare a bere a qualche credulone inesperto che siccome due sacerdoti provenienti dal cammino abbiano (?) Sbagliato allora tutto il cammino è malato, difendersi da cose come queste ci renderebbe più stupidi di chi formula l'accusa e la condanna.

flando85 ha detto...

Certo Tripudio.. Ci insegnano i trucchetti dopo le celebrazioni. I catechisti poi ci premiano e ci promuovono ai passaggi successivi.
Ahahahahh!!! :D

Sei sempre più ridicolo!
Grazie a Dio qui dentro sarete al massimo una trentina attivi (sempre gli stessi!) a rodervi il fegato, a ripete pappallescamente i soliti luoghi comuni e a ingigantire le leggende nere contro il Cammino. Anche volendo aggiungere i curiosi che vi fanno visita bisogna dire che sono numeri un po' bassini..
;)

Valentina Giusti ha detto...

Chissà se Flando85 sa quali sono i peccati contro lo Spirito Santo? Sono sei.
Il primo: disperare nella salvezza. Possiamo commetterlo anche quando induciamo qualcuno a credere che, non seguendo i nostri dettami, non si salverà, portandolo alla disperazione.
Il secondo: la presunzione di salvarsi senza merito. Tipica di chi crede che, visto che Dio lo ama così com'è, non gli è necessario emendarsi e può continuare a peccare.
Il terzo: impugnare la verità conosciuta. Può attagliarsi a chi promuove delle vere e proprie eresie.
Quarto: invidia dell'altrui Grazia. Nasce spesso nel non voler riconoscere l'azione di Dio negli altri e nell'ostinarsi a credere di essere gli unici eletti.
Il quinto ed il sesto (ostinazione nei peccati ed impenitenza finale) si commentano da soli.

flando85 ha detto...

Li conosco Valentina Giusti e hai detto bene.

@ Quarto: invidia dell'altrui Grazia. Nasce spesso nel non voler riconoscere l'azione di Dio negli altri e nell'ostinarsi a credere di essere gli unici eletti.

Ecco il comportamento di Tripudione!!

sandavi ha detto...

Ti pregherei caro flando di non scherzare riguardo ai peccati contro lo Spirito Santo che in questo discorso non c'entrano.
E te ne prego anche perché dovrebbero tremarti i polsi al solo pensare alla bestemmia contro lo Spirito, per favore non nominare lo Spirito invano.

La bestemmia contro lo Spirito è l'impenitenza finale, non una generica critica a un movimento qualsiasi, ti prego di non banalizzare e di non usare il nome dello Spirito di Dio (che ricordo essere la Terza Persona!) per zittire gli altri.
E' agghiacciante.
Purtroppo, fate spesso così. Abusate del Nome di Dio e del Santissimo Nome di Cristo per azzittire, per portare la gente alla vostra obbedienza.

sandavi ha detto...

p.s. Su mia moglie, che aveva dubbi sul Cammino qualche anno fa, tuonarono i catechisti: "Stai voltando le spalle a Cristo!" ecco, abusare del Nome di Dio.

Con formatori del genere mi stupisco poco dei risultati nei Redemptoris Mater.

Ricordo inoltre a tutti i NC che un ladro non fa gli altri meno ladri. Se un prete diocesano è un pervertito, non significa che questo poveraccio lo sia di meno.

Pietro ha detto...

Via sandavi hai paura a nominare lo Spirito Santo, forse sai che il tuo odio verso qualche Catechista che ti ha ripreso e forse umiliato fino alla superbia di andartene non giustifica gli attacchi a tutto campo e su tutti i fronti verso il cammino che invece sai benissimo venire dallo Spirito Santo.
Per questo hai paura....e fai benissimo

Anonimo ha detto...

OT:
sono appena stato a Gubbio...All'ingresso della Cattedrale ho visto un volantino con un Cristo fatto a biro by Kiko style... solo come lui riesce a fare..il volantino recitava di missioni di evangelizzazione nelle piazze (con logo di Chiesa Eugubina)..le famose 100 piazze....con la scritta "Con Papa Francesco evangelizziamo....ecc ecc"...Con Papa Francesco...mi fanno ridere...l'ho fotografata ma mia moglie NC me l'ha cancellata dicendomi che non doveva interessarmi...

flando85 ha detto...

Mi tremano eccome i polsi sandavi. Mi tremano perché vedo molti sapientoni qui dentro che si ritengono più ispirati dei papi, dei cardinali, vescovi e presbiteri di Santa Madre Chiesa. Con le vostre illegittime sentenze (basate perdipiù su testimonianze non verificate!) andate apertamente contro Pietro avendo egli decretato il Cammino Neocatecumenale come buon strumento per la Chiesa.

Uomo Libero ha detto...

@ Flando e Patrizia

Siete due spiriti affini, avete pensato a scambiarvi i contatti e magari - se Dio provvede coi vostri catechisti - a fidanzarvi? Siete uguali, chissà, un giorno potreste dire:" Galeotto fu questo blog che ci fece fidanzare!". XD

Anonimo ha detto...

...il mio non è un sentimento di odio.... é il fatto che siccome molti miei commenti(e credetemi non era come il mio precedente)non sono stati pubblicati perché a quanto pare questi pubblicano quelli che gli fa comodo a loro,ho perso la pazienza ma se un mio fratello(quello che hai accennato tu) dovesse lasciare il cammino o non volesse entrare, bene è una sua scelta personale non sono né affari miei ne di nessun altro e non mi sognerei mai, e credo nemmeno le persone che conosco, di criticare una persona per le sue scelte.
detto questo spero pubblichiamo questo post perché anche io mi sono reso conto di aver esagerato e qui spiego il perché mi è partito l'embolo
Grazie mille
Cordiali saluti

l'apostata ha detto...

@ Pietro

"...Uno può ( condizionale) difendersi da chi formula un'accusa precisa, dettagliata sopratutto fondata...".

Già. Eccoti servito: perché ogni sabato sera disobbedite alla Chiesa violando la Redemptionis Sacramentum?

@ flando85

"...qui dentro sarete al massimo una trentina attivi (sempre gli stessi!) a rodervi il fegato, a ripete pappallescamente i soliti luoghi comuni e a ingigantire le leggende nere contro il Cammino. Anche volendo aggiungere i curiosi che vi fanno visita bisogna dire che sono numeri un po' bassini..."

E allora perché perdi tempo con noi? Vai a fare un bel girotondo nella tua saletta.
Tra l'altro leggendoci disobbedisci a Sankiko, che vi ha proibito l'uso dei social. Faraone!

Anonimo ha detto...

@apostata

Raccomandi anche tu ai piccoli neocat di leggere quel che hai scritto.

Già, specialmente il post in cui chiedevi dove mai fossero contenute le norme sull'Eucaristia.

E ancor più specialmente quello in cui, all'obiezione del fatto che ora eri consapevole della disobbedienza alla Chiesa, hai risposto che l'importante era mostrare rispetto eccetera eccetera.

Non ricordo di aver parlato di queste cose...puoi controllare che fossi davvero io? Non è che fosse paolo o qualche altra persona?

Nic

Anonimo ha detto...

@ Pietro delle 23:19,

hanno plasmato il tuo sguardo ed il tuo pensiero con lo stampino dei peggiori neocat.

Lo testimonia la tua certezza ("il tuo giudizio" per usare un linguaggio che conosci) che il motivo centrale per cui Sandavi avrebbe lasciato il cammino sarebbe che non ha voluto piegare il collo alla reprimenda di qualche catechista, "uomo di dura cervice", "ribelle" evidentemente.
Quindi il nodo centrale di questo percorso sarebbe che uno deve arrivare a piegare il collo, a farsi spaccare la testa.
E questa sarebbe una testimonianza dell'amore di dio?

Spero che tu non abbia responsabilità su altre persone.

H.

sandavi ha detto...

Caro Pietro,
la paura è un sentimento che non mi appartiene, il timore invece sì, il Santo Timore di Dio.
Timore che voi non avete visto che con tanta sicumera nominate invano lo Spirito Santo di Dio per ogni cretinata che fate e che non mi metto a elencare perché mi tedierebbe enormemente.

Io sono superbo? Non c'è dubbio, ma visto che sei così esperto di superbia probabilmente dovrai guardarti anche allo specchio. Non ti hanno insegnato i tuoi catechisti che chi rimprovera un peccato al fratello lo commette lui stesso?

Se vuoi saperlo, il motivo per cui me ne sono andato è lontanissimo dai rimproveri dei catechisti, che ho sempre sopportato e accettato come cosa buona e giusta.

Vedi, io non giudico chi vuole restare in Cammino, anzi, se ti ci trovi bene seguilo pure. Voi fate l'esatto contrario.

Per il resto ti ha già risposto l'utente H.

Michela ha detto...

Pietro ha detto...

Via sandavi hai paura a nominare lo Spirito Santo, forse sai che il tuo odio verso qualche Catechista che ti ha ripreso e forse umiliato fino alla superbia di andartene non giustifica gli attacchi a tutto campo e su tutti i fronti verso il cammino che invece sai benissimo venire dallo Spirito Santo.
Per questo hai paura....e fai benissimo


a differenza di Sandavi io ho paura di voi perchè so che quello che fate e scrivete non viene dallo Spirito Santo.

Un mio personale criterio di discernimento è quello di valutare le cose alla luce del mistero pasquale: passione, morte e resurrezione.
Nel vostro movimento c'è solo resurrezione,
Dove sta la croce? Avete costruito opere per milioni di euro, avete costruito una chiesa parallela con i suoi seminari e le sue Eucarestie.
Avete aggirato tutte le correzioni della gerarchia e non ne avete subito le conseguenze.
Lo stesso vale anche per le singole comunità: chi sta male, chi porta i segni della passione, chi fa domande viene eliminato perchè voi dovete solo dimostrare al mondo e a voi stessi che siete dei risorti e che siete sempre felici.
E' evidente che è un altro spirito quello che vi ha permesso tutti questi successi umani.

sandavi ha detto...

p.s. tra l'altro , caro Pietro, vorrei farti notare la tua sordida arroganza da catechista. "Fai benissimo ad avere paura!". Ma non ti vergogni per niente?

Tu dovresti tremare perché abusi del nome di Dio per farti forza, per schiacciare gli altri.

E hai totalmente travisato, io non ho nessuna paura di voi e certo non di Dio: la scelta di uscire dal Cammino è stata vagliata proprio al Suo cospetto.

Tu, come tutti i tuoi sodali, dai per scontato che uscire dal Cammino sia ribellarsi a Dio. Com'è triste, com'è triste Pietro! Davvero mi deprimi con il tuo pensare cupo! Per carità! Sono più che felice, leggendo te, di aver scelto come ho scelto!

Uno come Jeff, o Nic, mi farebbero pensare che c'è ancora qualcosa di buono nel Cammino. Tu invece mi togli ogni dubbio! Mi dispiace per le persone che ti sono state affidate, se le martirizzi con questi giudizi che hai proferito contro di me!

sandavi ha detto...

per Michela: la mia "paura" come la chiama quel Pietro, non è paura, ma timore, lo ripeto. Io non pronuncio il Nome dello Spirito Santo a casaccio, mi dà fastidio, e mi infastidisce vedere tanta supponenza nell'invocarLo. Comunque sono decisamente discepoli del loro Maestro Sommo, il quale "parla come il Signore lo ispira"

l'apostata ha detto...

@ Nic

Si, giusto. Ti ho confuso con Boccone. Sarà che reagite tutti allo stesso modo...

Tu sei cosciente, allora, dato che conosci la Redemptionis Sacramentum, che ogni sabato sera disobbedisci alla Chiesa volontariamente?

Fai uno sforzino e provaci, a confrontarti, vedrai che male non te ne farà ;-)

p.s. Dici che non ti piace la mia ironia.
Ecco quel che mi hai risposto quando ti ho chiesto se volevi confrontarti:
"...Per apostata scrivimi pure quello che volevi dirmi e giralo a questo indirizzo: Sua Santità Francesco, 00120 Città del Vaticano..".

Perciò o sei il Papa o fai dell'ironia anche tu.

Logico.

Ruben ha detto...

flando85 ha detto...
@flando58 ha detto...
"Mi tremano eccome i polsi sandavi. Mi tremano perché vedo molti sapientoni qui dentro che si ritengono più ispirati dei papi, dei cardinali, vescovi e presbiteri di Santa Madre Chiesa. Con le vostre illegittime sentenze (basate perdipiù su testimonianze non verificate!) andate apertamente contro Pietro avendo egli decretato il Cammino Neocatecumenale come buon strumento per la Chiesa."
---
Flando, perché ti "tremano i polsi" e di conseguenza ti incazzi?!...
Guarda che anche i Papi, Cardinali, Vescovi e "presbiteri", possono sbagliare ed hanno sbagliato!...
Guarda ad esempio il caso Maciel(intimissimo di GPII) ed i Legionari di Cristo!...
E allora?!....

flando85 ha detto...

Ecco che l'ispirato Ruben non si esime dall'insinuare l'illegittima sentenza da tribunale apostolico: siccome anche i papi possono sbagliare, è di conseguenza certo che col Cammino stanno sbagliando!!
Ormai la perversione degli scagnozzi tripudiani è alle stelle. Se da un lato io con sana autocritica ho ammesso i difetti del Cammino, dall'altro purtroppo gli osservatori difendono dogmaticamente i loro giudizi di parte senza la benché minima umiltà di lasciae il giudizio a chi di dovere.

by Tripudio ha detto...

Flando, ma tu vivi per caso nel mondo di Harry Potter? Credi che ogni millantata "ispirazione" sia di per sé un dogma intoccabile?

Il Papa può sbagliare (per esempio Giovanni Paolo II ha baciato il Corano, per di più in diretta televisiva): l'infallibilità del Papa è possibile solo entro determinate condizioni (tra le quali il fatto di parlare ex cathedra su questioni di fede e morale che riguardino tutta la cristianità, ecc.).

Fra parentesi, bisogna essere particolarmente ingenui per credere che infallibilità sia sinonimo di impeccabilità, e bisogna essere assai in malafede per applicare retroattivamente tale malintesa impeccabilità alle faccende che ti tornano comode (come gli elogi al Cammino).

Dunque, se davvero Ruben ha detto ciò che tu ti ostini a criticare, ha detto bene: anche i Papi possono sbagliare (Simon Pietro, primo Papa, fu rimproverato pubblicamente dall'apostolo Paolo: hai mai letto la lettera ai Gàlati?), e nel momento in cui proteggono un interesse particolare che contrasta con quello della Chiesa (Simon Pietro, primo Papa, fu rimproverato perché aveva «troppi riguardi per i circoncisi»), è ovvio che stanno sbagliando.

Bisogna essere particolarmente ipocriti (o particolarmente ingenui) per "scandalizzarsi" all'idea che il Papa possa sbagliare. Nostro Signore scelse Pietro nonostante i rinnegamenti "prima del canto del gallo": Pietro può sbagliare, e non c'è niente di scandaloso in questo. Nostro Signore stesso ha stabilito cosa deve fare Pietro: «e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli».

Bisogna essere particolarmente perfidi per accusare chi fa notare che Pietro è anche capace di sbagliare.

Come già ripetutamente dimostrato (non solo da me), la "sana autocritica" di Flando non era né sana, né autocritica. Il trucchetto neocatecumenale applicato da Flando, in questo caso, è stato il tentare di ridurre la verità a opinioni, in modo da mettere sullo stesso piano due tifoserie (la sua, cioè quella neocatecumenalogena, e una comica "voi osservatori", come se la verità fosse un'opinione tra le altre).

flando85 ha detto...

E Tripudio usa il solito trucchetto.. del trucchetto Neocatecumenale.
Le mie autocritiche sono così vere che potrei mostrarti le conversazioni di Whatsapp dove chiedo ai miei fratelli ostiari il significato della Chanukkah, o quelle con mio fratello nelle quali critichiamo alcuni comportamenti, specie riguardo la Pasqua.

Ma la cosa più eclatanteè che ti sei talmente perso nei meandri della tua pervertita indole accusatoria che, come anche fanno i tuoi scagnozzi, non hai colto il senso di quanto ho scritto.

Io non ho affermato che i papi siano infallibili. Ho invece fatto notare la perfida congettura dell'"osservatore": dal momento che i pontefici possono sbagliare, tra i vari loro errori vi è DI CERTO il Cammino Neocatecumenale! Come se ci fosse un rapporto di conseguenzialità.. un rapporto che però vedete solo voi, perché l'avete creato voi.

I papi anche nel riprenderci hanno dimostrato l'amore che hanno per noi e nonostante ciò sia sotto gli occhi di tutti, vi ostinate a negarne l'evidenza.
Il tutto per giungere al supremo giudizio del superispirato Tripudio che conosce la volontà di Dio meglio del papa e dei vescovi.

Aprite gli occhi fratelli..

by Tripudio ha detto...

Il caro fratello Flando e tanti altri si ostinano a non voler considerare adeguatamente gli errori del Cammino.

È la naturale reazione di chi ha dedicato al Cammino una vita intera, tutte le proprie risorse, tutta la propria pazienza, tutto il proprio sostegno, inducendo i propri cari a fare altrettanto.

Così, quando viene fuori anche la minima critica al SuperDogma Neocatecumenale, sbroccano.

Per questo, come il fratello Flando, non accetteranno mai di piegarsi alla verità e - nel migliore dei casi - cercheranno un compromesso fra verità ed errore.

Ora, non ci vogliono lauree in teologia (tanto meno honoris causa) per capire alcuni punti fermi:

- chi inquina la liturgia, è perché ha già inquinato la fede;

- se il tuo osannato "maestro" ha insegnato una scempiaggine, non è affatto detto che sia l'unica;

- chi critica il Cammino, ha purtroppo un'immensa mole di ragioni e di fatti concreti da mostrare;

- tre Papi consecutivi hanno lodato il Cammino ma contemporaneamente condannandone gli strafalcioni liturgici;

- i fratelli del Cammino si son fatti forti delle lodi del Papa proprio allo scopo di proseguire gli strafalcioni;

- i neocatecumenali che rifiutano di riconoscere ogni dignità e ogni valore a qualsiasi critica fatte al Cammino, con ciò stesso le stanno involontariamente confermando;

- la volontà di Dio non è mai quella di far compiere errori (tanto meno in merito a liturgia e dottrina);

- anche un bambino del primo anno di catechismo è in grado di riconoscere e condannare l'arroganza neocatecumenale, gli strafalcioni liturgici neocatecumenali, addirittura la mentalità del "Dio cattivo" dei kikos;

- i fratelli del Cammino, come lo stesso Flando, adoperano la menzogna per difendere il Cammino.

Vediamo un esempio: «I papi anche nel riprenderci hanno dimostrato l'amore che hanno per noi e nonostante ciò sia sotto gli occhi di tutti, vi ostinate a negarne l'evidenza». Menzogna! Qui nessuno ha mai negato il paterno abbraccio dei Pontefici - anzi, in questo blog lo abbiamo sempre indicato noi per primi.

Il caro fratello Flando tenta di buttarla sul personale, accusando il sottoscritto di ogni nefandezza, pur di evitare di ammettere che il problema del Cammino non è la persona del sottoscritto, ma gli strafalcioni liturgici e dottrinali.

Puoi ingannare me, ma non potrai ingannare il Signore.

Sei libero di odiare a morte il sottoscritto, ma ciò non servirà a cancellare la scomodissima verità per il Cammino.

sandavi ha detto...

Flando, ma a che ti serve "criticare" il Cammino? Dopo la tua "critica" non hai forse continuato a fare esattamente le stesse cose di prima?
Se avevi qualcosa da dire sulla Veglia Pasquale non dovevi dirla ai tuoi fratellucci su Whatsapp, ma ai tuoi catechisti, seriamente, e poi osservare la loro reazione e vedere come ti avrebbero trattato.

Un caro fratello di comunità, si permise di criticare il catecumenium e fu umiliato pubblicamente e sgridato, paragonato a Giuda e altre belle cosette.

Che cretinata, vi pensate dei veri duri perché contestate la Chanukka con l'ostiario??
Ma non ti rendi conto di avere un comportamento ridicolo e infantile??

flando85 ha detto...

La domanda vera è.. a che serve scrivere i commenti se il vostro boss mi impedisce di parlare?
Ti risponderò solo se vedrò pubblicati i miek interventi scritti due ore fa..

psyco ha detto...

.......verranno pubblicati solo i tuoi commenti CIVILI.......

sandavi ha detto...

la domanda vera è: ma ti sembra normale che tutti quelli che hanno osato opporsi a determinati soprusi, ingiustizie o cretinate dottrinali sono stati costretti ad andare via?
Tu, flando, hai mai realmente contestato i tuoi catechisti, avendo ragione, e ti sei sentito dire "hai ragione tu perdonaci?"