domenica 27 agosto 2017

Preti missionari per Kiko (andata e ritorno): una riflessione.

Nessun neocatecumenale si inginocchia
durante la consacrazione
Nell'articolo Eucarestia nel Santuario di SanKiko un lettore del blog ha commentato:
«Ad un parroco di kiko,
Sei partito un’altra volta, infischiandotene del fatto che, bene o male, sei parroco di una comunità che conta migliaia e migliaia di persone e che, di questi tempi essendo in amena località di media montagna, triplica le presenze con i turisti… Non ti fai nessuno scrupolo nel caricare le tue assenze sulle spalle del vegliardo collega che avrebbe dovuto già ritirarsi a vita tranquilla e privata come le disposizioni ecclesiastiche prevedono, con il parkinson e con l’artrosi che lo sta piegando in due… Non ti fai nessuno scrupolo di tralasciare la visita ai malati, il sostegno morale e materiale alle famiglie in reale stato di miseria, l’assiduità e la costanza nel garantire le confessioni ad ogni ora del giorno… No! Nessuno scrupolo,- perché devi fare “la missione”- : quella kikiana, senza bastone né bisaccia e senza cellulare… ah sì! il cellulare… Ammesso e non concesso che tu non lo abbia nascosto, con la carta di credito, tra le natiche che ami tanto tenere attaccate al plexigas persino davanti al Sacrificio di Nostro Signore, cosa farai, non essendo raggiungibile, se dovesse tornare alla casa del Padre il tuo vecchio collega? O peggio, se dovesse lasciarci qualche tuo parente stretto, in quanto infermo e avanti con l’età?
È facile che tu mi risponda pappagallescamente e stravolgendo, come al tuo solito, il senso del Vangelo, dicendomi: “chi non odia il padre e la madre non è degno di me” E a questo punto, io, non potrò fare a meno di ricordarti che è lo stesso Gesù ad aver istituito oltre che l’Eucarestia, anche le opere di misericordia, corporali e spirituali, come ad esempio quella di seppellire i morti e pregare il Signore per i defunti… Ma che importa! Tu devi fare “la missione” , cioè girovagare come un clochard, a casaccio, così, come capita capita a portare il verbo eretico neocat… tanto c’è la provvidenza…
Piuttosto: visto che vi presentate a nome di Papa Francesco e dell’ordinario, il vescovo della diocesi a cui appartieni e quello della diocesi in cui sei capitato a sorteggio hanno concordato e dato a te e al tuo dio-kiko le rispettive autorizzazioni? O, come vostra prassi cinquantennale, mettendoli arrogantemente davanti al fatto compiuto e contando subdolamente sulla loro mitezza, -quella che voi non avete nemmeno sotto la suola delle scarpe- la state forse passando liscia con la cretinata del “chi tace acconsente”?
Che Dio abbia pietà di te
C.d.D.»
Questa disamina - tagliente, affilata, impietosa - mette in luce, a nostro avviso, un enorme problema riguardante il clero kikiano. I presbiteri kikos sono "missionari" - si dice continuamente in comunità. I seminari nei quali sono cresciuti sono sulla carta diocesani, ma anche questi "missionari" e perciò Kiko (senza alcuna vera autorità nella Chiesa se non quella che può esercitare come iniziatore del Cammino) organizza annualmente o anche più spesso convivenze "per la missione" e quest'anno si è spinto anche oltre, convocando le sue divisioni corazzate per invadere l'Europa "senza borsa né bisaccia" al suono di chitarre ndrùng-ndrùng, nacchere e bongos, per "evangelizzare" (insomma, un po' come quando gli Stati Uniti dichiarano di voler "esportare la democrazia").

Infantilismo idiota: "girotondo liturgico" neocat
Tralasciando il contro-senso rappresentato da un prete diocesano che se ne va allegramente in missione fregandosene della diocesi cui appartiene, ciò che scandalizza è che questi presbiteri sono indottrinati a gettare alle ortiche la vera missione per la quale sono stati formati e ordinati, per la quale hanno deciso di sposare la propria anima con Dio, ovvero curare il Popolo di Dio, i credenti.

L'anonimo dice bene - non avremmo saputo scegliere parole migliori - "Non ti fai nessuno scrupolo di tralasciare la visita ai malati, il sostegno morale e materiale alle famiglie in reale stato di miseria, l’assiduità e la costanza nel garantire le confessioni ad ogni ora del giorno….No! Nessuno scrupolo,- perché devi fare “la missione”- ", insomma il pretino kikino "missionario" non si fa nessuno scrupolo di smettere di fare il prete e per onorare l'esigentissimo idolo Kiko e i propri infallibili catechistoni di zona - fosse anche per due sole settimane - per ottenere da loro una misera gloria e riconoscimento umano alla prossima convivenza, soddisfazione assimilabile al biblico piatto di lenticchie, vendendo la primogenitura che gli viene dall'aver ricevuto l'Ordine Sacro.

Sappiamo che Kiko, capicosca e gregari del cammino odiano le parrocchie con tutto il cuore (salvo quando gli servono gli spazi e le chiese), e sono talmente arroganti da protestare con i Vescovi che non lasciano partire il "loro" clero (si, perché i preti sono di Kiko, chiaramente, a lui sottomessi, come tutto il resto del mondo cattolico: l'anticristo ha il vizietto di additare se stesso costringendo gli altri all'adorazione e alla sottomissione), nonostante il cammino abbia "pagato" la loro formazione (che poi non sia vero non fa nulla, ma ci da una misura chiara della scala di valori su cui Papa Kiko I fonda la sua evangelizzazione: tutto ha un prezzo, per Kiko Dinero Arguello). Noi stessi abbiamo sentito con le nostre orecchie gli itineranti sgridare i loro presbiteri che non si sbrigavano a installare il Cammino nelle parrocchie loro affidate (ecco a cosa gli servono i preti), o che non davano disponibilità alla missione e che preferivano curare la "parrocchietta" con le "vecchiette".

Kiko dunque odia l'Ordine Sacro, il clero, l'istituto del Sacerdozio, il quale - come abbiamo visto negli orridi volumi della Traditio Symboli - secondo la "santa-di-categoria-superiore" ormai non dicono più niente alla gente, non sono più una testimonianza per le persone. Per Kiko i preti come il Santo Curato di Ars, divenuto santo semplicemente svolgendo il suo compito di pastore, di operaio della vigna, che ha portato migliaia di anime a Dio, che ha celebrato centinaia di matrimoni, insegnato, guidato, santificato il suo gregge nel nome di Gesù Cristo, per lui questo modello di prete è una schifezza, una roba "preconciliare" da distruggere, perché non obbediente al suo sacro infallibile "vangelo" ispirato (dal demonio, quello vero).

Allegre ragazze neocatecumenali
vendono tristi magliette neocatecumenali
Per concludere, lo stesso lettore, il 25/07/2017, a commento del post "È lecita una liturgia domestica? No!", conclude il viaggetto del pretino:
«Sei rientrato, con la coda tra le zampe, ops! gambe, e siccome non hai concluso un bel nulla (a quanto si sa non sei stato accolto a braccia aperte in terra di missione, cioè dai cristiani, anche presbiteri tuoi colleghi, evidentemente cattolici e non protestanti come te) stai facendo quello che d'abitudine fanno tutti i kikos quando non la spuntano: calunniano e sminuiscono, «persone aride, nessuno va a messa...» Dunque, a parte chiedere l'elemosina come un accattone (non perché versi in uno stato di bisogno ma perchè sei un esaltato ed un fanatico fuori controllo, adoratore di un furbacchione che se ne è rimasto comodo comodo sul divano dell'hotel a 4/5 stelle da cui ha organizzato l'«armiamoci e partite,-fessi»), ti sei accorto che questa settimana sei venuto meno a tutti i tuoi importanti compiti di parroco? ti sei accorto che la Provvidenza, quella vera, non ti ha assistito per niente dopo aver provocato Dio con queste pagliacciate autoesaltanti che alcuni vescovi, come quello di FAENZA, non hanno autorizzato?
Che Dio abbia pietà di te, ancora una volta
C.d C»
Chiaro no? Il pretino non va mica "in terra di missione"! Va a evangelizzare altri preti! e poi, venendo (giustamente) cacciato via, se ne torna indietro a leccarsi le ferite calunniando il prossimo invece di farsi una seria domanda sulla bontà del cosiddetto "cammino".
Così ecco che un altro pretino indottrinato e lavato di cervello, contro ogni carità cristiana, contro il proprio mandato ricevuto da Dio nel giorno dell'ordinazione, se ne va a fare il barbone per le strade, fingendo di evangelizzare, autoassegnandosi una missione perché gliel'ha ordinato Kiko. Come si fa a non capire il vero piano dell'eretico spagnolo?
1. Riformare la Messa per farla diventare una santa cena sincretica giudaica-protestante
2. Riscrivere il catechismo sul modello della gnosi cristiana del III secolo
3. Svuotare di senso il Sacramento dell'Ordine e formare il proprio clero a lui soggetto
4. Costruire una gerarchia parallela e indipendente da quella ufficiale (costituita da Cristo)
5. Modellare le parrocchie a proprio uso e kikizzarle a suon di "nueva estetica"
6. Santificare tutto il Tripode Neocatecumenale e conquistare il resto della Chiesa
Ecco, pensando a tutte le famiglie che lasceranno i bambini per andare "in missione" e a tutti i preti che lasceranno il loro gregge senza protezione - solo perché il dio-kiko ha alzato un sopracciglio corrucciato e agitato il suo crocifisso-sogliola in aria come uno sciamano bantu - viene da dire che i punti da 1 a 5 del suo personalissimo programma di sovversione della Chiesa Cattolica finora si sono attuati in pieno. Gli manca solo il numero 6.

48 commenti:

  1. La setta neoc. ha avuto la sua fortuna iniziale fine anni 60' grazie alla abissale ignoranza delle persone in materia religiosa. Se si pensa alla Messa in latino e il fatto che non c'era la bibbia nelle case, per questi falsi profeti (san Pio da Petralcina) è stato facile far credere che fosse tutto vero, sopratutto grazie all'appoggio dei parroci, che secondo me non hanno valutato fino in fondo le traciche conseguenze.
    Grazie anche a questo blog, oggi c'è molta più informazione,rimane tuttavia ancora molto da fare.
    Bisognerebbe fare una lista dei vescovi che appoggiano questa setta e inviare mensilmente un bollettino con le gravi eresie e comportamenti dei capi.Se le leggeranno bene altrimenti amen ma avranno maggiori responsabilità,non potendo dire:io non sapevo.

    RispondiElimina
  2. Come avevo scritto anche in un commento in un post precedente, l'ipocrisia di questa "missione" è spaventosa.
    In teoria, "evangelizzare" significa portare il Vangelo a chi non lo conosce o a chi lo ha rifiutato: questo comporta anche dei rischi, perché quando si entra in contatto con culture che non conoscono il cristianesimo, queste potrebbero non essere interessate o addirittura rifiutarlo in modo ostile. Questa è una VERA evangelizzazione.

    L'evangelizzazione dei kikos è, nè più nè meno, che una missione di "head hunting", cioè da cacciatori di teste: se ne vanno in giro per le diocesi, cercando di reclutare nuovi adepti per il CNC, e magari di impiantare una comunità in loco. Inoltre, cercano di convertire al CNC quanti più preti possibile, che come dice il post tornano molto utili al Cammino.

    Sinceramente, l'utilizzo della parola "evangelizzazione" da parte loro mi disgusta: non portano il Verbo, portano il CNC. Mascherarsi da evangelizzatori quando in realtà sono solo reclutatori per la setta è una cosa disgustosa.

    Per quanto riguarda il punto 6 del programma kikiano, possono anche stare freschi: anche se non sono un esperto di queste cose, non credo proprio che la Chiesa abbia intenzione di santificare nessuno dei membri del "Tripode" Neocat, tantomeno la "santa di categoria superiore".

    RispondiElimina
  3. VEDO CON PIACERE CHE TUTTI I PASQUALONI SONO RIMASTI PARALIZZATI NELLO SCOPRIRE IL MARCIUME CHE SI ANNIDA NEL CAMMINO
    (di fede?). MA FORSE I PASQUALONI QUESTE INFAMIE LE CONOSCEVANO GIÀ, MA I FRATELLI PRIGIONIERI DI QUESTA GENTE POSSONO CONOSCERE FINALMENTE, GRAZIE A QUESTO BLOG, IN QUALE MANI HANNO CONSEGNATO LA LORO VITA.

    RispondiElimina
  4. Parafrasando un commento di Pietro NON del Cammino, mi chiedo: qualche missionario per 7 giorni neocatecumenale, è tornato magnificando le opere di Dio in realtà senza il cammino? Perché se non è così e si giudica la chiesa di Dio secondo quanto è intrisa più o meno di una certa moda transitoria che induce a atteggiamenti specifici, senza rendersene conto non si ha più libero pensiero in proposito (e non c'è schiavo peggiore di chi lo è e pensa di essere libero).
    Questo parroco in particolare si è reso conto che la parrocchia viva non è la parrocchia comunità di comunità ma quella che apre a tutti il suo tempio e non fa sentire nessuno inadeguato o fuori posto perché non ha la palma di due metri o non fa parte degli eletti o dei figli degli eletti?
    Pare di no. È tornato inacidito e caparbiamente confermato nelle proprie idee. Speriamo che, prima o poi, qualcosa o qualcuno gli apra gli occhi, perché è pur sempre un Pastore e dovrebbe essere una guida per il suo gregge.

    RispondiElimina
  5. I pasqualoni non intendono convertirsi dalla loro idolatria, perciò non intendono ragionare: inutile perder tempo con loro.

    Lo scopo di queste pagine di blog è solo quello di indurre alla riflessione i fratelli del Cammino che ancora non sono definitivamente idolatri. Se davvero desiderano crescere nella fede, che siano aiutati a rendersi conto che la fede proposta dal Cammino è solo la fede in Kiko.
    Se hanno anche solo un barlume di devozione eucaristica, che siano aiutati a interrogarsi su come l'Eucarestia neocatecumenale sia una specie di sacro snack adoperato per simboleggiare l'unità tra i fratelli.
    Se hanno qualche dubbio sul Cammino e sui suoi capibastone, che siano aiutati a riconoscere quelle diaboliche dinamiche interne, ed anche il fatto che tali dinamiche siano figlie dirette della "spiritualità" neocatecumenale. Che vengano aiutati a chiedersi: se il Cammino è "dono dello Spirito", allora perché il Cammino promuove tutte queste cose che sono chiaramente contro lo Spirito?
    Anche se è solo una goccia, è probabile che prima o poi faccia traboccare il vaso.

    È già da molti anni che il Cammino vive una forte e continua decrescita. Intere famiglie lo abbandonano da un giorno all'altro a causa di qualche "goccia". Vengono create comunità inserendovi i figli dei kikos in maniera tale che appena diciottenni si ritrovino già con l'obbligo della "decima", e nel frattempo vengono accorpate molte più comunità perché continuano inesorabilmente a sfoltirsi. È stato come il boom dei testimoni di geova in Italia: anche loro a vantar numeroni, ricordo quando si diceva che cinque milioni di italiani erano nella setta... e oggi in Italia sono solo tremila comunità (oops, "congregazioni") per un totale ufficiale (da fonti tdg ufficiali, già gonfiate per propaganda) di 251.000, cioè un ventesimo di quello che si diceva all'epoca.

    Se Kiko vive ancora a lungo, si ritroverà a capo di un mega-impero composto da poche migliaia di neocatecumenali paganti Decima. Mi dispiace solo di non poter prevedere il tragicomico momento in cui qualcuno dei suoi scagnozzi sarà rammaricato nel dovergli dire: "o sommo ineffabile Kiko, la tua macchina è pronta" (sottinteso: non siamo stati in grado di pagarti il passaggio in elicottero).

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Un esempio di come nel Cammino si STRUMENTALIZZA la Parola di Dio commettendo l'odioso peccato dei FALSI PROFETI.

    Dice Gesù "Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo".

    I falsi profeti della Chiesa non hanno il coraggio di modificare la citazione di Gesù. Sono più falsi dei Testimoni di Geova che, almeno, modificano la Bibbia.
    No, i falsi profeti citano questa frase facendo intendere che il seguire Gesù equivalga seguire il Cammino.

    Ma che vale di più, l'istituzione della Famiglia, fondata in principio da Dio stesso e da Gesù elevata attraverso il Sacramento del matrimonio, o il Cammino?
    Gesù, riferendosi ai valori famigliari, voleva dire che tutto conta meno di lui, PERFINO la famiglia.

    Ai camminanti, oggi, direbbe: "Se uno viene a me e non odia IL CAMMINO, non può essere mio discepolo".

    I camminati mettono il Cammino al posto di Gesù.
    Dicono che Dio deve essere messo al primo posto, ma intendono il Cammino!

    RispondiElimina
  8. Vi informo che la missione in Campania è già un grande successo e siamo solo all'inizio.Il Signore opererà miracoli.Siamo più di quanti erano stati previsti,l'albergo non è sufficiente a contenerci tutti. basterà.Siamo un esercito,ma quale decrescita?Farò solo questo intervento perché non ho intenzione di sprecare il mio tempo con voi e con le vostre cretinate.Per quanto mi riguarda non sono affatto paralizzato né toccato da quanto scrivete;è la solita melma,i soliti escrementi.Ormai solo gli allocchi credono a quanto scrivete,nemmeno un bambino crederebbe alle vostre fandonie.Tripudio dice che questo blog vo indurre alla riflessione ma la cosa è unilaterale?Voi siete disposti a riflettere?Non credo proprio,volete solo infangare,calunniare,sparlare e giudicare.Ma quale riflessione?Ma facci il piacere Tripudio vattene al mare.Secondo me Tripudio hai sbagliato profezia.Non è che Kiko rimarrà con poche persone,nella Chiesa Cattolica rimarranno poche persone e il Cammino sarà tra le poche realtà che si salveranno e sopravviveranno.Molti Ordini religiosi spariranno(Passionisti Docet).I Passionisti stanno praticamente scomparendo e presto saranno seguiti da altri Ordini religiosi.I Seminari Diocesani sono perlopiù vuoti,le parrocchie lo stesso.Pochissimi fedeli alla Messa,sempre meno battezzati e sposati in chiesa.Quindi hai sbagliato proprio previsione Tripudio le uniche realtà ecclesiali veramente vive e dinamiche sono i Legionari di Cristo,l'Istituto del Verbo Incarnato e il Cammino neocatecumenale il quale è la realtà che sta dando più vocazioni ed è più impegnata nell'evangelizzazione.Il resto Kaput si stanno spegnendo anche velocemente.Ci sono Ordini religiosi che stanno vendendo tutto perché sono in pochi,vedi Gesuiti,Salesiani,Lazzaristi,
    Passionisti etc.Per non parlare degli ordini femminili e contemplativi come i Camaldolesi,Benedettini etc.Ma che stai addì Tripudio??


    Missionario


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che la parola magica PATALIZZATO ti ha fatto uscire dal guscio come i paguri, tu infatti sei un paguro, ti sei trovato una casa nella quale non paghi l'affitto, non paghi le bollette, non devi fare la spesa, e poi agapi, cene, alberghi pagati dalle povere vacche da latte ecc...
      Ti sei mai chiesto dove si regge il cammino? Te lo dico io: I SOLDI!!!
      DECIME DECIME DECIME COLLETTE COLLETTE COLLETTE a go go.
      È tu pensi che una comunità cristiana cattolica possa reggersi sui SOLDI?
      Per un po' forse sì perché con i soldi state corrompendo tutti: PRETI, VESCOVI CARDINALI; ormai con le sole DECIME che ammontano a circa 40 milioni di euro al mese sommando tutte le comunità senza poi contare le collette di inizio corso c'è da che vivere nel lusso, lusso riservato però alla sola CUPOLA e un po' anche al cerchio magico. Tu hai le tue briciole e sei contento.
      PERÒ la profezia di Tripudio si avverera'; farete la fine dei Testimoni di Geova, UN ESERCITO DI GENERALI senza soldi, e tutte quelle vestigia faraoniche fatte di lamine d'oro, marmi pregiati, imploderanno come le torri gemelle.
      Anche ARIO si era comprato mezza chiesa
      e la sua fine la conoscete.
      Voi durerete molto ma molto meno.
      Goditela finché puoi. Auguri.

      Elimina
  9. @ Pietro

    Matteo 10,37: "Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me". Sta in tutti i principali codici, nella Koiné dei Vangeli e Luca non può dire una cosa tanto differente da quella di Matteo perché è in gioco un Comandamento ("Onora tuo padre e tua madre affinché si prolunghino i tuoi giorni sulla terra che il Signore tuo Dio ti dà) e perché Dio è Amore che si oppone all'odio.
    Fanno le scrutatio, se ne vanno nell'AT a proprio comodo, e nemmeno confrontano loghion equivalenti dei Vangeli. Naturalmente, nemmeno hanno letto la nuova versione ufficiale CEI del Vangelo, dove l'ultima traduzione di LC 14,26 è correttamente resa come: "Se uno non viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre...".
    Alla fine, sono bravi soltanto a fare la scrutatio a memoria dei mamotreti :-)

    RispondiElimina
  10. @missionario

    Ben tornato Pasquale.

    RispondiElimina
  11. Anonimo28 agosto 2017 14:23
    ---
    A Pascalo',
    e falla finita una buona volta, ma non ti rendi conto che con le tue farneticazioni,
    stai nell'anticamera della schizofrenia?!

    RispondiElimina
  12. Il commento pasqualonico delle 14:23 merita di essere pubblicato perché dimostra le solite menzogne neocatecumenali, che ovviamente si stanno moltiplicando perché i kikos avvertono sempre più drammaticamente la "doccia fredda della realtà" e devono perciò convincere prima sé stessi (e poi anche i non neocatecumenali) che il Cammino avanzerebbe di successo in successo.

    (fra parentesi, l'Unione Sovietica crollò proprio per questo motivo: gli stessi capi avevano cominciato a credere alle frottole che andavano raccontando per motivi di propaganda).

    La convivenza per la cosiddetta "missione in Campania", cioè degli Hunger Games Neocatecumenali per la regione, comincerà stasera, ma siccome il fratello pasqualonico delle 14:23 possiede la macchina del tempo, già è in grado di dirci che tale missione sicuramente «è già un grande successo» e che il Signore sicuramente «opererà miracoli», e che come al solito i numeri sono talmente gonfiati che i kikos sono più del previsto al punto che non basta più l'albergo (notare il singolare! non dovevano essere centinaia di kikos sparsi in centinaia di alberghi? no, è uno solo!)...

    Capisco che è estate e il caldo rimbambisce i kikos, ma vorrei ricordare comunque al soggetto che i Passionisti in fase di sparizione erano i più neocatecumenalizzati (al punto che vent'anni fa Kiko già si permetteva di fare pressioni sul superiore generale dell'ordine, senza contare che la loro rivista ufficiale anni fa già ospitava articoli neocatecumenali che censuravano il Papa...). Grazie, Pasqualone, è sempre un piacere riportare ogni tanto i puntini sulle "i".

    Quanto alle «uniche realtà ecclesiali veramente vive e dinamiche» il Pasqualone elenca tre realtà oggetto di grossi scandali: i Legionari di Cristo (la Santa Sede ha dimissionato e condannato il fondatore), l'Istituto del Verbo Incarnato (la Santa Sede ha dimissionato e condannato il fondatore) e il Cammino neocatecumenale (che a differenza degli altri due celebra carnevalate liturgiche e propugna strafalcioni dottrinali).

    Sugli altri nomi citati occorrerebbe scrivere diverse pagine per smentire, ma è inutile: il neocatekiko adopera la solita tattica dello sciorinare diversi nomi a caso accostandoli al Cammino e tentando di dire che siccome il Cammino ha successo (il che è una menzogna, tranne nella propaganda kikiana) allora gli altri sono nei guai (il che raramente è vero, tranne nella propaganda kikiana). Come se i "miracoli" fossero frutto di iniziative propagandistiche organizzate. Come se il Signore si curasse dei successi umani (veri o presunti tali).

    I guai della Chiesa li conosciamo già, ma a differenza dei kikos sappiamo che il problema non è il successo di determinate iniziative ecclesiali, bensì la conoscenza delle verità di fede e il vivere santamente i sacramenti. Esattamente ciò che viene disprezzato dal Cammino.

    RispondiElimina
  13. Il pasqualone, l'iniziatore di una neopunteggiatura che tende alla scriptio continua, ha detto: "Vi informo che la missione in Campania è già un grande successo e siamo solo all'inizio... siamo più di quanti erano stati previsti,l'albergo non è sufficiente a contenerci tutti".

    L'albergo? Dopo aver letto l'incipt, io mi attendevo di leggere che lo stadio San Paolo non era stato sufficiente a contenervi tutti :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao,

    io penso che ormai Kiko si stia inventando un po' di tutto per riuscire a tenere in piedi quella baracca che ormai da una 20ina di anni sta crollando, questa "missione" è un altro gesto che serve più che ad attrarre nuove persone, ad autoesaltare e rendere stabile quello che resta delle "comunità" neocatecumenlai.
    Come tanti movimenti figli di una sola personalità, alla dipartita del fondatore, o saranno in grado di modificarsi, o rischiano di prendere una piega ancora peggiore, dettata dai cavalli pazzi che ne fanno parte, e che, essendo più invasati, tenteranno di prenderne il controllo.
    Secondo me attualmente la Chiesa e i Vescovi stanno lavorando nella direzione di mantenere un rapporto con tali realtà nella speranza di poterle reinserire seriamente in parrocchia quando il Guru dovesse arrendersi o dipartire.

    Ciao

    RispondiElimina
  15. A proposito di scriptio continua:

    MAMMAMIACHEPENAMIFAQVESTOPVEROPASQUALONENONSIRENDECONTOEGLISTESSODIESSERECONTROPRODVCENTEPERILCAMMINOCHETANTOESALTACONACCENTIPROPAGANDISTICIDEGLIDELPEGGIORREGIMESVDAMERICANOPERQVANTORIGUARDAILCONTENVTOCISAREBBEMOLTODADIREINSPECIEAGLIODIOSIPARAGONISVCHIEPIVDEFICITARIOTRAIFIGLIDELLACHIESAMAANNOTOSOLTANTOCOMESONOLESVESTESSEPAROLEAQVALIFICAREILCAMMINOCOMECHIESADIVERSAEDISTANTEDALLACHIESACATTOLICACHEDIOLIPERDONIELIAMISINOALLAFINECOSICOMEFECECONVNLOROPREDECESSOREMOLTOFAMOSO
    M.i.B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per qualche piccolo refuso, non ho avuto modo, a fine scrittura, di rileggere con attenzione. Me ne dispiaccio per i fratelli di blog che si avventurassero a leggere il mio intervento. Per i cari nc non me ne dispiaccio più di tanto perché so che non andranno oltre il secondo rigo, poi andranno in *protezione" e si staccherà l'energia alle sinapsi. Buonasera.
      M.i.B.

      Elimina
  16. Notate lo spirito (volutamente minuscolo) con il quale il pasqualone si sta preparando alla missione.

    RispondiElimina
  17. Il Pasqualone ha detto: "Pochissimi fedeli alla Messa..."
    Mio dotto concittadino, ma tu sei mai uscito dai miti della tua saletta, per farti una passeggiatina in piazza del Gesù Nuovo? Solo là, nell'omonima chiesa e Santa Chiara, tra il sabato sera e la domenica, vanno più fedeli a Messa che tutti i neocatecumenali di Napoli nelle salette.

    RispondiElimina
  18. @anonimo 14:23

    '...Non è che Kiko rimarrà con poche persone,nella Chiesa Cattolica rimarranno poche persone e il Cammino sarà tra le poche realtà che si salveranno e sopravviveranno..."

    Siamo noi che calunniamo?

    Il problema è che non vi rendete conto di quello che dite!

    Voi vi contrapponete sempre alla Chiesa in questo continuo dualismo: Il cammino e la Chiesa.

    Non vi sfiora mai che voi siete Chiesa INSIEME e allo STESSO LIVELLO di tutti gli altri?

    E che voi fate parte di questa casa chiamata Chiesa e se crolla, crollate anche voi.

    Non siete un corpo staccato voi dovreste essere Chiesa insieme agli altri. Voi non esiste se non esiste la Chiesa, non può esistere un ramo se non esiste l'albero.

    Ma voi non vi sentite un ramo di questo albero, voi vi sentite un'altro albero e le tue parole lo confermano.

    Ex-NC-???

    RispondiElimina
  19. P.S.
    Dimenticavo: non vorrei sbagliarmi, ma la parrochia dove "esercita" il pasqualone è una parrocchia storica del CNC, nella quale il Cammino fu aperto addirittura da uno dei nomi più noti del Cammino, oggi scomparso, R.I.P. Ebbene, sapete quante sono le comunità? Quattro, con 70 fratelli. Lo dice il sito della parrocchia, non io.
    Ah Pasquà, se fosse per le vostre folle, con il cavolo manterrebbero la chiesa del tuo Rione aperta, l'avrebbero già venduta come hai scritto tu. Figurati da me, dove le comunità sono solo due dopo un decennio e due parroci amici!

    RispondiElimina
  20. Riscrivo correttamente:

    Voi non esistete se non esiste la Chiesa: non può esistere un ramo se non esiste l'albero.

    Ed aggiungo:

    E' l'albero che con le sue radici permette al ramo di esistere, il ramo non può vivere se si taglia l'albero, mentre l'intero albero può continuare a vivere se si taglia un ramo.

    Non potete pensare che la Chiesa sia distrutta e che il Cammino continui a vivere....a meno che voi non siate Chiesa ovvero siate un corpo estraneo alla Chiesa e quindi del tutto indipendente e proprio per questo anche autosufficiente.

    EX-NC-???

    RispondiElimina
  21. È più forte di me, ogni volta che leggo il commento enfatico di qualche NC mi ci si sovrappone spontaneamente qualche sigla dei cartoni animati dei robot invincibili o della magia :-)

    RispondiElimina
  22. https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1109510692484781&id=365192590249932
    Il papa ha scritto a kiko e kiko in questo video legge le belle parole del papa per il cammino congratulandosi addirittura della loro obbedienza... Sono molto deluso e sfiduciatp sinceramente
    Michele

    RispondiElimina
  23. Il video lo trovate su fb
    JMJ-CNC
    Carta del #PapaFranciscoCNC leída por #KikoArguello en el #EncuentroVocacional en San Pedro del Pinatar en Murcia #EspañaCNC 📹: @populartvmurcia

    RispondiElimina
  24. Neocatecumenali vittoriosi, approvati ed in crescita, parlano di voi a Guam, come riportato nell'articolo "The Traitors" su Jungle Watch
    http://www.junglewatch.info/2017/08/the-traitors.html

    "Archbishop Michael Jude Byrnes recently removed four clergy members from his advisory team, stating they were insubordinate, defied his leadership and betrayed his trust.
    All four removed team members are affiliated with the Neocatechumenal Way, whose practices sometimes are at odds with the island's traditional Catholic community."

    che tradotto in Neocatecumenaliano diventa

    "L'Arcivescovo Michael Jude Byrnes ha promosso quattro membri del clero all'interno del suo gruppo di consiglieri, premiandoli per la loro obbedienza, fedeltà e lealtà. Tutti i quattro membri che hanno ricevuto la promozione appartengono al Cammino Neocatecumenale, le pratiche del quale sono perfettamente integrate con le tradizioni della comunità Cattolica dell'isola [di Guam]"

    Buone notizie, no?
    Un "traitor" (dal titolo dell'articolo) tradotto in Neocatecumenaliano è infatti un "braccio destro".

    RispondiElimina
  25. MISSIONARIO logorroico.
    Innanzi tutto non farmi leggere tutto di un fiato, che faccio fatica.

    Complimenti per la "carica" che hai nel suonare la grancassa. Kiko evidentemente usa le pile DURACEL.
    Ma l'entusiasmo l'hanno anche i protestanti, per non parlare dei musulmani. E ottengono risultati più "grandi" del Cammino.

    Ma anche fossero vere le balle che riporti, che sono citazioni di citazioni di citazioni di Kiko, che, è cosa notoria, "scientificamente" non è attendibile, non mi impressiono.

    La verità non è data dai numeri. Il più "grande" non ha necessariamente ragione.
    Te la ricordi la canzone Stranamore? "E il più grande conquistò nazione dopo nazione, e quando fu di fronte al mare si senti un... "fesso".

    Non riportarmi i successi del Cammino.
    Riportami invece la notizia che sabato farete la Comunione in piedi, immediatamente dopo aver ricevuto il Pane consacrato.
    Cominciate a ubbidire alla Chiesa e io comincerò a tifare per voi.

    RispondiElimina
  26. Pasquale, la kikotina e i suoi evidenti effetti.

    RispondiElimina

  27. @Michele

    Non ho ancora visto il video, ma da quello che dici se ho capito bene, Kiko LEGGE ad un incontro una lettera del Papa.
    Magari la lettera c'é stata, ma magari c'é stato qualche ritocchino, vi ricordo la frase del Papa che era "il cammino fa bene NELLA Chiesa" che diventò "il cammino fa bene ALLA Chiesa". Come vedi un piccolo ritocchino che ha cambiato radicalmente il significato della frase.

    Non ho problemi a dire che io non mi fido di quello che dice Kiko, io devo sempre vedere la fonte originale, perché altera sempre le frasi e fatti.
    Quindi non mi fido di lettere lette, ma da parole dette direttamente, se ci fosse un video in cui Papa Francesco lodasse l'ubbidienza del cammino sarebbe diverso.

    Gli unici video di Papa Francesco sul cammino c'é sempre un incoraggiamento ma anche sempre una critica (anzi più di una).

    EX-NC-???

    EX-NC-???

    RispondiElimina
  28. A proposito di Numeri...
    Cattolici nel Mondo : 1.285.000.000 (Un Miliardo e 285 Milioni Dati 2017)
    Neocatecumenali : 1.500.000 (Un milione e mezzo Forse...)
    Ovvero : 0,12 % (ZERO,12 percento)

    RispondiElimina
  29. Il punto focale della lettera del Papa a Kiko, non è tanto il "contenuto" praticamente scontato; quanto se il Papa è a conoscenza della missiva.
    ---

    RispondiElimina
  30. Al commento delle 22:58 avevo già risposto ieri mattina (28 agosto 10:36, [clicca qui]).

    Qui mi limito solo ad aggiungere la tipica dinamica neocatecumenale:

    1- Kiko intende spacciare la propria iniziativa come "evangelizzazione" e appiccicarvi sopra qualcosa di pontificio (al solo scopo di vantare l'autorità che non ha);

    2- a qualche cosiddetta "convivenza" Kiko tira fuori un vecchio documento in cui il Papa parla di "evangelizzazione", presentandolo come se fosse una grande e urgente novità;

    3- i pasqualoni automaticamente deducono all'unisono che il Papa ha scritto a Kiko che bisogna "evangelizzare", e Kiko e i suoi scagnozzi non si sognano minimamente di chiarire l'equivoco;

    4- nelle comunità i pasqualoni s'infervorano a vicenda dicendosi che "il Papa chiama il Cammino ad evangelizzare";

    5- i sullodati pasqualoni, benché si siano tenuti a debita distanza dagli Hunger Games Neocatecumenali, corrono qui a dirci che loro, su mandato del Papa, "evangelizzano", mentre noialtri non abbiamo il privilegio di aver ricevuto alcuna lettera del Papa...

    Come vedete: in cinque passi ci sono cinque menzogne, e il sassolino che diventa valanga è la menzogna iniziale fabbricata accuratamente da Kiko (il pesce puzza dalla testa).

    È la "spiritualità" neocatecumenale, ragazzi!

    RispondiElimina
  31. Anonimo29 agosto 2017 08:21
    A proposito di Numeri...
    Cattolici nel Mondo : 1.285.000.000 (Un Miliardo e 285 Milioni Dati 2017)
    Neocatecumenali : 1.500.000 (Un milione e mezzo Forse...)
    Ovvero : 0,12 % (ZERO,12 percento)
    ---
    Penso che con lo 0,12%, sarebbero un po' troppi.
    La proposizione esatta è lo 0,0012% ovvero l'1,2x mille.

    RispondiElimina
  32. Anonimo ha detto: "Ovvero : 0,12 % (ZERO,12 percento)"

    Dopo cinquant'anni di missione evangelizzatrici (la qual cosa significa proselitismo a favore del Cammino) è un vero e proprio fallimento, visto che la maggior parte delle persone entrate sono state "pescate" nelle parrocchie, che gli annunci delle catechesi iniziali viene fatto nelle chiese gestite da parroci amici, considerato il marketing che il Cammino fa sui media cattolici di ogni tipo e il can can di Kiko Arguello autodefinitosi "Giovanni battista in mezzo a voi".
    A questo punto, sarebbe più intelligente un messaggio del tipo: "Siamo in pochi ma siamo gli eletti", perlomeno sarebbe coerente con la realtà dei numeri che sono sotto gli occhi di tutti.
    Il Pasqualone fa scomparire movimenti che, piacciano o no, hanno un numero di aderenti che il CNC nemmeno se lo sogna.

    RispondiElimina
  33. Tanto, secondo la mentalità dominante nel Cammino, chi non è dei loro non è neppure cattolico - e però non lo sa, perché non può rendersene conto. (Solo loro si accorgono della falsa religiosità altrui, grazie al potere del sale).

    Quindi, il loro autobilancio autoconsistente ed autovalutato si conclude con un autosuccesso del 100%, dal momento che tutti i veri cattolici sono anche camminanti e che tutti i camminanti appartengono al Cammino.

    RispondiElimina
  34. @Ruben 29 agosto 2017 ore 12:37

    ESATTO, stavo rifacendo i conti e se la matematica non è un'opinione la proporzione esatta è: 0,01167315175.
    Vale a dire che non 12 perone su cento sono del CNC ma 12 su mille e arrotondando per eccesso addirittura...
    Il problema serio è che questa esigua e sparuta minoranza eretica è riuscita ad insinuarsi in punti strategici della Chiesa Cattolica ed il lavoro di "svelenamento" risulta per questo abbastanza complicato, ma non impossibile....DAVID

    RispondiElimina
  35. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  36. Ruben ha detto...
    Anonimo Anonimo ha detto...
    @Ruben 29 agosto 2017 ore 12:37

    ESATTO, stavo rifacendo i conti e se la matematica non è un'opinione la proporzione esatta è: 0,01167315175.
    Vale a dire che non 12 perone su cento sono del CNC ma 12 su mille e arrotondando per eccesso addirittura...
    Il problema serio è che questa esigua e sparuta minoranza eretica è riuscita ad insinuarsi in punti strategici della Chiesa Cattolica ed il lavoro di "svelenamento" risulta per questo abbastanza complicato, ma non impossibile....DAVID
    ---
    Dodici iscritti ogni mille Cattolici alla setta? E' ancora troppo alto. Sarebbero oltre una quindicina di milioni: un abominio!

    La frazione 1/1000 ovvero 1 x mille, è equivalente al decimale 0,001; prova quindi a calcolare: 1.285.000.000 x 0,0012 = 1.542.000 quindi, 1,2 Neocat ogni mille Cattolici.

    Di conseguenza, visto che i dati "loro"(i dati dell'"avversario" per non sbagliare vanno sempre presi per buoni), cinque anni fa erano a 1.200.000 ed il Cammino ha avuto fino adesso una cospicua emorragia di adepti, penso che con i numeri, non ci siano proprio preoccupazioni di sorta.
    Non lo stesso discorso come tu dici per le eresie che propugnano e alle quali, questa sparuta minoranza ciecamente crede.

    RispondiElimina
  37. Numericamente i NeoCatecumenali sono insignificanti, una goccia nel Mare,essi sono concentrati prevalentemente in Italia e Spagna. Quanti sono i seminaristi neocatecumenali???
    Altri numeri: i chierici nel mondo sono pari a 466.215, con 5.304 vescovi, 415.656 sacerdoti e 45.255 diaconi permanenti (Dati Annuario Pontificio 2017) a cui vanno sommati Religiosi e Religiose...

    RispondiElimina
  38. I Cardinali sono 223 questi i numeri.

    RispondiElimina
  39. I Seminaristi sono 116.843 (Dati Annuario Pontificio 2017) Quanti di questi sono neocatecumenali??

    RispondiElimina
  40. I 20.000 Presbiteri per la Cina che fine hanno fatto?? Con 100 Seminari Redemptoris Mater in tutto il Mondo??!!

    RispondiElimina
  41. @ Anonimo ha detto...
    "I Seminaristi sono 116.843 (Dati Annuario Pontificio 2017) Quanti di questi sono neocatecumenali??"
    ---
    Considerando che i seminari del Cammino, sono per la maggior parte semivuoti rispetto alle reali possibilità ricettive, e molti esistono solo sulla carta, si può parlare, secondo una buona stima ponderata, di 500 seminaristi per i cento seminari Redemptoris Mater, ovvero una media di 5 seminaristi a seminario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se diventano Presbiteri ogni anno circa 500 seminaristi neocatecumenali,ci vorranno 40 (QUARANTA)ANNI per i 20.000 Presbiteri per la CINA. Forse per questo Non se ne sente piú Parlare.... L'ho sentito proprio con le mie orecchie KIKO affermare ciò, e rilanciare innumerevoli volte... Poi qualcuno si è accorto che forse era meglio TACERE..
      Se in 50 Anni sono stati catechikizzati solo lo 0,0012 % di Tutti i Cattolici e da questi devono poi venire i futuri Presbiteri ci vorranno Mille Anni!!


      Elimina
    2. Quindi i Seminaristi Neocatecumenali sono circa solo lo 0,4 % del Totale in questo momento.
      Eppure da come la si racconta alle Convivenze anche attraverso Video sembra un avanzata inarrestabile su Tutti i Fronti... Quindi è SOLO PROPAGANDA....
      FRATELLI SVEGLIAMOCI!

      Elimina
  42. La "lettera del Papa" a Kiko, è un fake costruito ad arte, più per i fedeli locali da reclutare, che per dargli una risonanza mediatica più vasta:

    Il filmato ( https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1109510692484781&id=365192590249932 )
    inizia con Kiko che già sta leggendo lo pseudo-panegirico, quindi lo spettatore, già non conosce il mittente della missiva.

    Kiko conclude la lettura con un "firmato Francisco", che potrebbe essere un pinco pallino spagnolo qualsiasi.

    Nessun riscontro su cammino.info, zenit e nessun filmato su youtube.

    Se la lettera del Papa fosse stata autentica, l'avrebbero già sbandierata ai quattro venti,
    e ci sarebbero campati di rendita per almeno quattro anni!
    ---

    RispondiElimina
  43. @Ruben 29 Agosto 14:40: OK! ancora peggio, statistiche con dati ufficiali al ribasso nettissimo...
    e per riprendere il discorso del "missionario" secondo cui in paesi come il nostro nessuno si sposa più in chiesa e va alla messa, gli rispondo: avete combinato ben poco allora in questi 50 anni, pur vantandovi tanto della vostra opera evangelizzatrice: siete i migliori, siete i più numerosi, catechizzate alla grande e....specie in Italia e Sapagna dove ne siete di più la gente non si sposa più e non va più alla messa,complimenti!!!DAVID

    RispondiElimina
  44. Evidentemente il "vegliardo collega", per subìre o accettare questo atteggiamento è della stessa pasta del giovane, idolatri entrambi fino all'osso dell'eretico spagnolo che costituisce causa comnune di impegno per il proselitismo: altrimenti, difronte a tutte queste assenze,omissioni, disfunzioni e disorganizzazioni volete che il consiglio pastorale parrocchiale non debba lamentarsi?
    Se non è così è perché anche questo organismo è infarcito di gente connivente; nella mia relatà avrebbero già fatto rimuovere il kiko-parroco con decisione e segnalato direttamente al Palazzo Apostolico la grave situazione.
    F.F.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.