domenica 8 luglio 2018

Un milione di euro a Kiko! Presto, fratelli! Mano al portafoglio!

Mano al portafoglio, fratelli! È un lunedì mattina e parte in modo automatico dal sommo Kiko, tri-dottore particolarmente umile, la solita richiesta di soldi.

Eh, già: bisogna "prepararsi", bisogna "affrontare"... Come dice Sepul, è la "gratuità" più costosa dell'universo.

Duecentomila euro per la convivenza coi "vescovi" neocatecumenalizzati più altrettanti per quella con gli "itineranti" kikiani, più una imprecisata cifra per "preparare" i prossimi incontri vocazionali nel mese di agosto, più 350mila euro per "affrontare" la convivenza di "rettori e seminaristi" neocatecumenali a fine agosto...

Insomma, Kiko dice che per "continuare la nostra missione di evangelizzazione" (cioè le attività del kikismo-carmenismo), Donnini gli ha detto che bisogna trovare subito un milione di euro.


UN. MILIONE. DI. EURO.

E ha persino la faccia tosta di augurare "stupende vacanze".




(p.s. a giugno 2013 Kiko chiese 350.000 + 150.000 euro, a giugno 2014 Kiko chiese 400.000 euro solo per i seminari, a maggo 2017 chiese una barca di soldi mondiali, Kiko parla sempre di "evangelizzazione" ma stranamente non menziona mai le aragoste di cui va ghiotto, gli elicotteri e jet privati, ecc.)

40 commenti:

  1. Come hanno già detto su Crux Sancta, i neocatecumenali «pagano, pagano, pagano, e continuano a pagare».

    Il kikismo-carmenismo ha sostituito la generosità del singolo con l'esazione delle masse.

    Ora, il problema non è "quanti soldi prendono" - questa è solo l'indicazione dell'entità del problema.

    E il problema non è nemmeno nel fatto di chiedere soldi per autofinanziarsi - questa è solo la dimostrazione che la generosità dei singoli è insufficiente e i vertici decidono di conseguenza di "bussare a denari".

    Il problema è che chi comincia il Cammino non viene minimamente avvisato che verrà taglieggiato più di un florido commerciante in preda a un pugno di instancabili mafiosi.

    Infatti, nonostante tanti proclami sulla libertà, nonostante lo Statuto vanti che il Cammino sarebbe "un insieme di beni spirituali", tutto quell'ossessivo chiedere soldi è un "ricatto morale": se non paghi, stai bloccando l'evangelizzazione, sei in braccio al demonio! se non sganci i soldi, stai facendo male il Cammino, sei attaccato a mammona! se non molli il malloppo, significa che non ascolti che non sei convertito!

    Sono testuali parole di Kiko dagli Orientamenti ai Cosiddetti Catechisti per il Primo Scrutinio:

    «Quando una comunità non vi ascolta, quando la catechesi rimbalza, sapete già dove sta il pasticcio: la comunità è attaccata ai soldi e non si vuole convertire.
    Se ti ascoltano si convertono e se si convertono devono mollare il malloppo».


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kiko è il primo a non credere in ciò in cui predica: perché non si affida alla Provvidenza invece di fare ogni anno come le amministrazioni condominiali, con il pagamento del consuntivo della passata gestione e il preventivo per la presente?
      Senza però, naturalmente, presentare uno straccio di rendiconto.
      Poi, se avete notato, le richieste di danaro si stanno facendo sempre più asciutte ed imperiose, congiuntivo e condizionale sono diventati indicativi, il prossimo anno mi aspetto l'imperativo: "paga e taci".

      Elimina
    2. Mi spiace contraddirla, signora Valentina: Kiko crede alla Provvidenza. Trattasi, però, di una Provvidenza che vuol fare operare con un metodo a scalare: tocca agli adepti dare al CNC e saranno gli adepti a ricevere il centuplo. Tutto ciò, naturalmente, perché Kiko è un santo e il centuplo in beni materiali non lo vuole per sè e per le sue Fondazioni.

      Elimina
    3. Questo spiegherebbe anche perché pensa di ricavare dai suoi adepti contributi sempre più consistenti, senza mai tenere conto che il centuplo potrebbero averlo ricevuto sì, ma in beni spirituali.
      Di quelli, Kiko non sembra tenere conto un gran che, se non come premessa per una generosità che non si fa mai troppe domande.
      Comunque, di questo passo, lo faranno santo protettore degli alberghi e delle strutture ricettive, dei ristoranti e dei trasporti, perché i soldi per la nuova evangelizzazione sembra vadano per la maggior parte proprio lì.

      Elimina
  2. Sembra uscito dalla settimana enigmistica!
    Converte i pagani in paganti.
    Risposta a pag. 46: Sankiko.

    RispondiElimina
  3. Le cose sono due: o stanno cercando di fare qualcosa di veramente grosso per impressionare le gerarchie oppure il prezzo delle bustarelle è aumentato.
    In ogni caso sono con l'acqua alla gola... Come tutte le realtà umane del resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli adepti diminuiscono, non si formano molte comunità nuove e quelle vecchie si fondono. C'è crisi economica e non tutti possono continuare a sganciare in continuazione. I costi, invece, restano i medesimi perché pur bisogna far campare (bene) gli evangelizzatori a tempo pieno. Anzi i costi aumentano, perché è aumentata la megalomania di Kiko, perlomeno al livello del palco innalzato a Tor Vergata. Ecco perché, almeno credo, bussa a quattrini costantemente.

      Elimina
  4. mi sembra che i debiti aumentino perché forse la gente è stremata e sta dando sempre di meno.
    per tor vergata erano stati chiesti 10 a persona per il palco...evidentemente qualcuno non li ha messi e si trovano con la "stecca" ...e così via....prima o poi non saranno in grado di stare nei tempi e nessuno gli farà più credito

    RispondiElimina
  5. 30 anni

    Anzi i costi aumentano, perché è aumentata la megalomania di Kiko, perlomeno al livello del palco innalzato a Tor Vergata. Ecco perché, almeno credo, bussa a quattrini costantemente.

    Credo che il motivo sia proprio questto. Soprattutto da quando morì Carmen Kiko sembra impegnato in una escalation continua di progetti sempre più megalomani. Ma credo anch'io che stia esagerando e cominciano a stufarsi anche i fratelli più "allineati".

    PS Il responsabile diede ieri la notizia dopo k'eucarestia ed era evidente il disagio e l'imbarazzo nel elggere la lettera.

    RispondiElimina
  6. Il "santone", dalla lettera, anche se il "ragioniere" e' Donnini, residente a Roma, pretende tutti gli accrediti su Madrid.

    Meditate gente.

    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  7. E' anche molto chiaro il riferimento nella lettera a San Pedro del Pinatar: aragoste e/o astici come se piovessero!
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  8. È stupenda la vignetta del post ..
    però il povero signor Bonaventura il milione non lo chiedeva, gli arrivava sempre inaspettato come ricompensa per aver fatto delle buone azioni e aiutato il prossimo senza neanche rendersene conto, nella sua semplicità ..
    non si merita di avere la faccia di Kiko!:)

    RispondiElimina
  9. Due conticini.E se qualcuno dei nc dovesse pensare che sono veniale e attaccato ai soldi, gli rispondo: ma anche Kiko o chi è preposto all'amministrazione nel "Cammino" ( chiarirò cosa significa per me questa parola "Cammino") fa i suoi conticini, per cui anche loro sono veniali e attaccati al denaro.
    Forse si dirà: è per l'Evangelizzazione. OK! Chi ti dice che anche io non evalgelizzo? Chi ti dice che i soldi non mi servono per fare opere utili? Chi ti dice che un padre di famiglia non necessita di quei soldi per far campare la famiglia? E tanto altro. Ma, comunque sia, mi potrebbe stare bene l'Evangelizzazione. Ma quei soldi verranno spesi oculatamente, con la coscienza che sono dei risparmi di persone che hanno lavorato, oppure si faranno spese vanitose e orgogliose? Chi è responsabile di tutto ciò, deve sapere che Dio lo guarda, e a Lui non sfugge nulla.
    Ma ritorniamo ai conti. Un padre di famiglia, €1500,00 netti al mese. OK! Decima: €150,00 x 13 mensilità, fanno €1800,00 all'anno. Collette per i fiori, per le celebrazioni, acquisti vari ( leggio, coprileggio, vasi, ecc, ecc) credo almeno €20,00 al mese ( ma non sono sicuro). Se quel padre non è un responsabile, e non vuole scroccare sugli altri, ha una convivenza annuale, 3 giorni, minimo €50,00 al giorno, sono €150,00, ma mancano sempre i soldi, per cui altre €50,00 da mettere alla busta nera che ripassa, e ripassa, e ripassa. OK! Poi ogni tanto i passaggi, altre convivenze, queste spese che Kiko chiede, penso €100,00 all'anno per queste spese extra.
    Conteggio approssimativo: €1800,00 decima, €240,00 spese dentro le comunità, €200,00 convivenze, €100,00 spese extra. 1800,00+240,00+200,00+100,00 fanno: €2340,00 all'anno.
    Senza contare se con lui vanno i componenti della famiglia, il costo lieviterebbe, e non di poco.
    Tutto ciò, se la persona in questione si dice: non è giusto che io debba scaricare il costo mio, e della mia famiglia, sulle spalle degli altri.
    Per cui, vi dico a tutti, è sistema questo? Non si potrebbe comprare qualche leggio, qualche altra cosa, mettendo a disponibilità di tutti, facendo in modo che le celebrazioni si facessero in giorni diversi? Parlo di quelle che si fanno in mezzo alla settimana, cioè della Parola.
    La convivenza, non si potrebbe fare in Parrocchia, dentro le stanze vuote di molte parocchie, senza costi aggiuntivi?
    Realmente Kiko fa scappare le persone, e se crede che il Cammino sia uno strumento di vita, dovrebbe sistemare questa situazione. Il Cammino non è iniziato tra i poveri? I poveri andavano in Hotel ad ascoltare la parola di Kiko. Gesù, che lui dice di voler imitare, andò dentro gli Hotel a predicare, oppure fece sedere le persone in mezzo alla campagna, cioè tra i campi:

    [15] Sul far della sera, gli si accostarono i discepoli e gli dissero: "Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare".

    [16] Ma Gesù rispose: "Non occorre che vadano; date loro voi stessi da mangiare".

    [17] Gli risposero: "Non abbiamo che cinque pani e due pesci!".

    [18] Ed egli disse: "Portatemeli qua".

    [19] E dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull'erba, prese i cinque pani e i due pesci e, alzati gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli e i discepoli li distribuirono alla folla.

    [20] Tutti mangiarono e furono saziati; e portarono via dodici ceste piene di pezzi avanzati.

    [21] Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate! Errore di calcolo, €150,00 x 13 sono €1950,00, ho sbagliato facendo per 12 mensilità. Poi se si prende la 14esima saliamo €2100.Per cui il calcolo finale è, sempre approssimativo: €2490 se 13 mensilità, o €2640,00 se 14 mensilità.

      Elimina
    2. "La convivenza, non si potrebbe fare in Parrocchia, dentro le stanze vuote di molte parocchie, senza costi aggiuntivi?"
      ---
      Non ci sarebbe il piacere della
      gita, del "magna'e beve"(ed anche tanto) con annesse trasgressioni notturne!

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. il mantra della convivenza é quello "dell'esodo" bisogna andare fuori...poi ci aggiungi quello che dici....ma è proprio dalla prima convivenza che si evoca Abramo che lascia le sue sicurezze etc etc....

      Elimina
  10. Segue da precedente

    Sappiamo che a quei tempi era diverso, ma i poveri sono gli stessi di oggi e di quel tempo. Se una persona non ha i soldi, non li ha oggi, ne domani, ne dopodomani. Per cui, mi chiedo: è un Cammino per i ricchi?
    Ho sentito dire a Kiko: abbiamo preparato la Domus Galilaeae molto bella, perchè i fratelli che hanno finito il Cammino, venendo qui, come ultimo passaggio, si sentano dei re ( similmente così andò il discorso, se sbaglio in qualcosa, perdonatemi). OK!
    Ora dico: tutti quelli che hanno contribuito nel tempo, che non sono arrivati alla fine, perchè: cacciati, estromessi, fuoriusciti di propria volontà, scartati, coloro che non hanno i soldi per le spese, ecc, ecc; che cosa gli diciamo? Costoro si devono sentire degli schiavi? Sono persone di serie “B”. Caro Kiko e seminaristi e responsabili regionali e altro (se mi leggete) tutto questo non vi ricorda il tanto decantato Faraone, che sfruttava le persone per farsi costruire le reggie? così lui si sentiva un “RE”, e sottometteva le persone, così il Suo Potere non era Minacciato?
    Per caso non avete cacciato le persone perchè sentivate il Vostro Potere Minacciato? Quelle persone che hanno iniziato a pensare con il proprio cervello, non seguendo alla lettera i vostri discorsi e le vostre richeste. Vi sentivate minacciati? E di cosa? Non siete voi, cioè non dite di essere i seguaci di Gesù, quel Gesù, che era Dio, e lo E' tutt'ora, Che non si è curato del Suo Potere, il Vero Potere, ed è salito sulla Croce? Dove sta il vostro cristianesimo?

    Pace ai figli della Pace. Dio è la Pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ho sentito dire a Kiko: abbiamo preparato la Domus Galilaeae molto bella, perchè i fratelli che hanno finito il Cammino, venendo qui, come ultimo passaggio, si sentano dei re ( similmente così andò il discorso, se sbaglio in qualcosa, perdonatemi). OK!"

      Aggiungo, precisando però che non parlo per esperienza diretta ma per supposizione, che ti fanno sentire re per quelle poche ore che starai nella domus o durante questo pomposo "viaggio di nozze" in Terra Santa. Poi i piccoli fratellini camminanti torneranno nelle loro ristrettezze economiche quotidiane attendendo il secondo viaggio (dopo 10 anni?) alla Domus dove si sentiranno nuovamente re.
      E la semplicità, la lode e l'umiltà dove sono finite?
      Ho assistito alla presentazione della comunità che ha terminato il cammino. Eucarestia con invito a tutta la parrocchia (i presenti di altri gruppi si contavano sulle dita di una mano ed erano parenti dei camminanti, un paio di coppie di anziani e nessuno'altro), processione dei fratelli biancovestiti con sorriso stereotipato e mani giunte e tanta pomposita' come mai ne avevo vista. Calice tempestato di pietre similpreziose, tripudio di fiori e logorrea del capo catechista che illustrava le meraviglie di questo percorso di catecumenato lungo 30 anni. L'assemblea era formata esclusivamente da altre comunità, nessun segno visibile per i "lontani".
      Personalmente sono stata contenta per i miei ex fratelli perché hanno tagliato un traguardo importante dal loro punto di vista; io mi sarei vergognata a morte a sfilare così ..... vanità di vanità.
      Quindi, ricapitolando, la "fine" del cammino (in realtà non finisce) prevede, oltre i soliti scrutini dove viene indagato morbosamente se nel tuo matrimonio, 50 anni prima, hai usato quali metodi contraccettivi perché è impossibile che tu abbia avuto un solo figlio (senza tener conto dell'invasione del foro interiore oppure del fatto che la coppia sia entrata in cammino non in gioventù, questo è solo un esempio), prevede l'acquisto di copribibbia nuovo calice piatto e altri arredi e stampa di bigliettino ricordo fine cammino più viaggio in Terra Santa....ma dei soldi non ci si deve preoccupare in modo del tutto irresponsabile. È davvero il trionfo della forma a discapito della sostanza. All'inizio forse una parvenza di sostanza, di un tornare al nocciolo del cristianesimo, seconda metà anni 80, forse l'ho percepita, poi la cosa si è aggrovigliata ed è cresciuta in modo anomalo. Ho avuto questa impressione quando, nei vari annunci, i catechisti di zona cominciavano a riportarci le imprese di kiko le sue idee di costruire case, sculture, si fonie...con la crescente richiesta di contribuire economicamente. Che tristezza.

      Alice de'

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Giusto Lino:
    "i costi aumentano, perché è aumentata la megalomania di Kiko, perlomeno al livello del palco innalzato a Tor Vergata. "

    30 anni
    "Soprattutto da quando morì Carmen Kiko sembra impegnato in una escalation continua di progetti sempre più megalomani"

    Ecco perché la nuova compagna si chiama Ascension.
    Sempre più su ...sempre più su....
    Più grande sarà il botto.

    Pax

    RispondiElimina
  13. Scusate ma i soldi non erano lo "sterco del demonio"?

    Si vede che il fango del cieco nato era troppo poco per i "luridi" megalomani che sono, hanno bisogno dello sterco di satana.

    Pax

    RispondiElimina
  14. Per quale oscuro motivo, i soldi che guadagno onestamente sono sterco del diavolo e mi dovrebbero rovinare la vita se non li do via; mentre dati ai capi del cammino, tanti e che non si sono minimamente guadagnati, dovrebbero diventare per loro fonte di Salvezza per tanti?
    Trovo assurdo che 100 euro mi rovinino la vita, mentre 100x50=5000 in mano ad uno solo e tutti i mesi dovrebbero dargli "discernimento" e non perdizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... non usare l'intelligenza, caro Bruno, perché quell'uno solo che tu dici ha il carisma dell'usura, e i carismi sono come l'asso pigliatutto! E che dire dell'autoinventato-mai-verificato carisma del discernimento, con le conseguenti arrampicate (altrui) su specchi ripidissimi. Se non fosse tragico sarebbe da riderci: si eleggono un re travicello e poi gli obbediscono ciecamente, vada come vada.

      Elimina
  15. Carissimi neocatecumeni. ..Come dicono gli altri fanatici testimoni di geova..: SVEGLIATEVI!!!!
    Ragionate con il cervello che Dio vi ha donato !!!!!
    Uscite da ogni tipo di setta religiosa

    RispondiElimina
  16. Di che vi lamentate, Kiko finalmente sta pubblicanoldo i primi bilanci preventivi, esercizio 2018-2019 ;-)
    Incontentabili.
    Poveri neocat....

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Post e commenti divertenti pur nella tragicità del tema trattato. Il buonumore non guasta mai.

    Il Cammino, proprio come uno stato, mette le TASSE. Ma non è uno stato, per cui, in tal senso, possiede delle analogie che possono ricordare una cosca mafiosa.
    Non che nel Cammino si minacci fisicamente chi è considerato poco "generoso", ma gli si adombra la possibilità che, se non SGANCIA IL MALLOPPO, può essere rigettato da Dio! E, per me, questa è una forma di violenza.
    Inoltre le tasse applicate tutte allo stesso modo, come ad esempio l'IVA, quando raggiungono limiti intollerabili colpiscono soprattutto i deboli e le famiglie.

    Il fatto che nel Cammino si usi pagare gli alberghi e le pensioni in nero è solo una conseguenza di possedere certe caratteristiche tipiche delle SETTE.
    Il Cammino non solo è come una chiesa nella Chiesa, ma è come uno stato nello Stato. Di fatto per i camminanti la "chiesa" di Kiko viene prima di quella del Papa e lo "stato" di Kiko viene prima di quello italiano. Come nelle IDEOLOGIE e nelle SETTE.
    Per cui il Cammino ha come una morale interna che viene considerata superiore a quella della Chiesa e come delle leggi interne considerate più vincolanti di quelle dello stato e che, all'occorrenza, si possono infrangere senza commettere nulla di male.

    Non è un caso che nelle ideologie il potere ha sempre qualcosa di "religioso" e nelle sette ha sempre qualcosa di temporale.
    Per esse non esiste la laicità: voglio comandare sulle VOLONTA' e inquadrare le vite. Vogliono il CONSENSO, ma anche i SOLDI e, a volte, anche il sesso. Come i padroni con gli schiavi.

    RispondiElimina
  20. I ragazzi nati nel cammino hanno sempre il Signore in bocca si può dire di tutti questa cosa? Facile parlare dei soldi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre che "in bocca" Lo testimoniano anche nei loro COMPORTAMENTI quotidiani fuori dalla "comunità"? A scuola ad es. o nello sport, nell'aggregazione con altri giovani non NC? In impegni di volontariato?
      Facile PARLARE del Signore.


      Elimina
    2. Sì, di questo ai ragazzi del Cammino ma anche agli adulti si deve dar atto. Per quanto concerne questo, i neocat battono perfino i TdG e senza nemmeno andare ai supplementari.

      Elimina
    3. Quale Signore hanno in bocca? Ho accompagnato per un ventennio i giovani del cammino alle varie gmg ma scommetto che nessuno di loro si ricorda un discorso del Papa ! Eppure "in teoria" ci si va apposta ! Ma gli incontri con sua santità ,"ispirato da Maria non ricordo dove" non ne dimenticano uno.....noi abbiamo messo nelle loro menti un dio diverso, cattivo, vendicativo, capriccioso. Non pensano forse che restando vicino al cammino saranno preservati dalle insidie del mondo ? ,,Non diciamo loro questo ? Abbiamo creato dei "disadattati" ...... un gregge perfetto, senza un proprio pensiero, da sfruttare e spennare per sempre !

      Elimina
    4. ...Non chi dice "Signore Signore...." ma chi Fa la volontà del padre Mio........

      Elimina
    5. Sì, di solito lasciano esterrefatti. Basta leggere la chat delle neospose neocat.

      Elimina
  21. Ma la chiesa il papa non fa niente contro questo scempio?...in teoria anche questo si chiama rubare...un debito è quando non ho pagato qualcuno è prometto che lo pagherò ma non mi sembra un comportamento cristiano chiedere hai propri adepti

    RispondiElimina
  22. Anonimo 9 luglio 2018 12:00
    "Ma la chiesa il papa non fa niente contro questo scempio?...in teoria anche questo si chiama rubare..."
    ---
    No,
    non può farlo almeno momentaneamente,
    la Chiesa ha ancora troppi "scheletri negli armadi".
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  23. Anonimo 9 luglio 2018 12:00
    "Ma la chiesa il papa non fa niente contro questo scempio?...in teoria anche questo si chiama rubare..."
    ---
    No,
    non può farlo almeno momentaneamente,
    la Chiesa ha ancora troppi "scheletri negli armadi".
    Ruben.
    ---

    RispondiElimina
  24. Dato che il neocatecumenalismo è fondato sull'ipocrisia, il tipico neocatekiko vi obietterà: "ma voi che siete cattolici, perché parlate tanto di denaro?"

    Ebbene, provate a chiederlo a Kiko, che sta sempre a chiedere soldi. Un milione di euro! E questo indipendentemente da quanti altri soldi vi vengono chiesti in comunità per le spese più varie, convivenze, collette, fiori, gadget obbligatori kikiani, e quant'altro.

    Del resto il Cammino è nato chiedendo soldi: Kiko va al bar per incontrare Carmen e proclamare di aver avuto una "apparizione" (mezzo secolo dopo s'inventerà che era stata un'apparizione "intellettuale"), e cosa fa? Le chiede mille pesetas per il taxi... Così è nato il Cammino: Kiko chiede soldi.

    Detto fra parentesi, il cristiano non è ossessionato dai soldi. Semplicemente li considera uno strumento che può essere usato per il bene o per il male. Uno strumento che può essere messo a frutto (vedi parabola dei talenti) oppure che può essere sprecato (vedi il finanziare le inutili mega-convivenze che non servono assolutamente a niente, oltre che i viaggi "apostolici" di Kiko - così li chiama -, le tangenti per comprare il consenso dei vescovi, eccetera).

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.