mercoledì 2 gennaio 2008

Chiarezza della Chiesa con i sacerdoti NC

Scrive Leo:
Vorrei evidenziare ai lettori il chiaro intervento di Baronio su Papanews.it a proposito della disobbedienza al papa di Korazym professata nell'editoriale "non serviam" del 27 dicembre, già stigmatizzata dagli animatori del blog.
Nel rilevare la sinergia tra le analisi fatte su questo blog e le osservazioni critiche di Baronio, non si può che essere d'accordo con quanto si scrive a proposito dell'esistenza di una vera e propria cordata anti-papa di cui fanno parte cardinali, vescovi e preti dello schieramento cosiddetto progressista.
Costoro sono evidentemente dimentichi sia del giuramento al Pastore supremo della Chiesa, sia del motto di Sant'Ignazio "perinde ac cadaver" che non dovrebbe valere solo per i gesuiti ma per tutti i ministri della Chiesa.
Una cosa non si spiega: perchè i disobbedienti al Papa non temono di esternare la loro impudenza in ogni circostanza (sulla rete, in televisione, sui giornali e riviste) mentre i fedeli al Papa se ne stanno in silenzio?
A parte le sortite di cardinali come Mons. Ranjith e Arinze, non si vede una schiera altrettanto numerosa ed esplicita nel difendere la ragioni del Papa e del suo pontificato.
Vi è forse il timore di mostrare una Chiesa spaccata e divisa? Oppure un calcolo personale di alcuni per non esporsi, nel braccio di ferro tra opposti schieramenti?
Perchè, i loro antagonosti si pongono forse il problema allorquando esplicitano senza alcuna vergogna e pudore le loro critiche velate o meno alle iniziative del Papa?
Non so cosa accade negli appartati uffici vaticani, ma chi si sente dalla parte del Papa deve dimostrarlo anche pubblicamente e con limpide prese di posizione e non solo nel riserbo delle discussioni tra porporati, di cui il popolo dei fedeli non sa niente.
In questa vicenda il silenzio non è d'oro ma di piombo perchè fa il gioco degli avversari interni ed esterni di Benedetto XVI, i quali disseminano sul suo percorso sassi, paletti e spine.
Come fedeli, abbiamo la necessità di sapere chi sta con il Vicario di Cristo nella Chiesa cattolica, poichè la Verità è di Dio e il mascheramento di Satana.

Aggiunge A.NC:
Ma ho anche bisogno che ci siano pronunciamenti chiari da parte della Chiesa Cattolica, soprattutto riguardo a quella parte del clero che celebra nel Cn.
Le chiacchiere stanno a zero: alcuni tra i sacerdoti, vescovi, cardinali appoggiano e celebrano nel Cn.
Kiko è un laico, Carmen pure, Padre Pezzi no ma sembra comunque avere un ruolo marginale.
E' la confusione!!!! Serve chiarezza ed è tempo che si faccia. Non ha più senso parlare di piccoli nel Cn; è tempo che ci sia una pronuncia chiara ma diretta al clero e non alla triade. La confusione non deve essere alimentata, come invece avviene adesso.

Le considerazioni qui riportate pongono un interrogativo non più differibile: un conto - anche se conta in ogni caso visti i suoi effetti - è la disobbedienza di laici come Kiko Arguello e Carmen Hernandez, un conto è la disobbedienza di sacerdoti...

203 commenti:

  1. I sacerdoti, o meglio i pre3sbiteri,neocatecumenali prima o poi dovranno rendere pubblica ragione della loro scelta di aver intrapreso un "cammino" a tappe, dimenticando,disprezzando,o comunque, dileggiando la formazione cattolica ricevuta in seminario.

    Se dobbiamo seguire e giustificare l'esempio di questi sacerdoti, noi, fedeli laici " della domenica", dobbiamo trarre la conseguenziale valutazione che quanto insegnato dalla Chiesa,se non ha alcun valore per i sacerdoti,a maggior ragione non ne ha per noi.

    Questo chiediamo ai vescovi ed ai responsabili della gerarchia apostolica.

    Abbiamo il diritto di sapere!!!

    RispondiElimina
  2. i sacerdoti obbediscono al Papa e non a Kiko e Carmen, ficcatevelo bene in testa, il Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato..
    Essi non disprezzano nulla, siete voi a disprezzare un Cammino di fede pieno di frutti e valorizzato dalla Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
  3. messaggio di newgold69

    buon anno a tutti voi

    nel blog che malachites segnalava nella pagina precedente, ci sono tre foto della manifestazione di madrid.
    se ingrandite la prima, dopo averla salvata nella cartella immagini del vostro pc, notate che a sinistra c'è la stessa immagine che apparte al centro del palco con la croce neocat.
    ciò chi i neocat fanno nelle chiese si ripete anche nel palco, perché loro si devo distinguere sempre e ad ogni costo (c'è la chiesa con l'altare, esso viene trascvurato e si celebra nelle "sacrestie" con un pezzo di tavolo).

    spero tanto che il vaticano dia prima di tutto una bella strigliata ai preti e vescovi che si sono prostituiti con il cammino neocat e poi una serie di belle proibizioni tali da tagliere le gambe a questa setta e farla implodere nella sua stessa chiusura!

    RispondiElimina
  4. i sacerdoti obbediscono al Papa e non a Kiko e Carmen, ficcatevelo bene in testa, il Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato..

    Se obbedissero, celebrerebbero in CHIESA su ALTARE, e non nella sala su tavola ricoperta con tovaglia bianca adornata con pizzo.

    RispondiElimina
  5. Pipìta Del Monte2 gennaio 2008 17:31

    Anonimo ha detto...

    i sacerdoti obbediscono al Papa e non a Kiko e Carmen, ficcatevelo bene in testa, il Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato..

    ::::::::::::::

    sarebbero i sacerdoti dal nasino lungo lungo...?

    RispondiElimina
  6. CONTINUA ALLA DOMUS AUREA GALILAEAE IL CONTO ALLA ROVESCIA PER L'APPROVAZIONE DELLO STATUTO NEOCAT

    Dalle 6,00 di stamane fino a questo momento il conto alla rovescia è stato tenuto da Mister Presbyterus col pallottoliere disegnato dal senor Kirikus,come riferivamo stamane.

    Stiamo adesso assistendo in diretta akl passaggio di consegne tra lo stesso Mister Presbyterus stanchissimo e con le dita gonfie e la barba arruffata e piena di cifre e il primo dei 200 presbiteri neocat fatti giungere alla Domus Aurea Galilaeae all'interno del grande presepe nell'atrio, tutti in costume di portatori d'acqua,alcuni con fiaschi e bottiglie, altri(i più corpulenti) con barili sulle spalle,altri ancora con semplici brocche decorate dal senor Kirikus,solo alcuni con delle otri e degli orci.

    RispondiElimina
  7. messa divisa=chiesa divisa
    corpo smembrato=chiesa smembrata

    e quando il corpo è smembrato, muore

    RispondiElimina
  8. Chiesa divisa=non chiesa

    C'è una Chiesa che non è divisa: sarà un piccolo gregge, ma vive la Fedeltà al Papa e la Messa è la Messa, è UNA e tutte le sue banalizzazioni e profanazioni non possono annullarla, perché il Signore è Il Signore e non ce n'è un altro...

    Qundi non esiste un corpo smembrato, ma esistono membra che si sono "tagliate fuori" e sono loro che muoiono, perché non ricevono la linfa della VERA VITE...

    RispondiElimina
  9. Trad.della voce spagnola della pag.prec.

    nº 19- Kiko Argüello- Ma non hai vergogna?


    Ieri a Madrid si è celebrato una multitudinaria manifestazione: "in difesa della famiglia cattolica in pericolo". In una grande tribuna c'erano più di 18 vescovi ... a questo si è ridotti?


    Il più grande organizatore dell'evento è il nostro caro Kiko Arguello. Sì, in effetti, lui. Lui "l'onnipotente".


    Mi è comico vedere con quale abilità si passa dal "non resistete al male" a "il governo socialista sta distruggendo la famiglia cristiana" ... he he he .... non si può avere questa faccia tosta.


    Dietro a questa manifestazione non c'è la difesa della famiglia. Non è vero!, è una convocatoria di contrasto al governo per l'approvazione alla unione fra omosessuali. La Chiesa che fa il lavoro sporco al Partido Popular. Kiko Argüello come promotor allo stile Nicolas Redondo, più efficace che i Sindacati "Comisiones Obreras"o UGT.


    Kiko: ma chi ti ha visto e chi ti vede! Facendo politica a favore del PP. Lo stesso partito che ha acettato la attuale legge del aborto (quella de Felipe González) Perchè allora non hai manifestato contro quella legge? Perchè l'hai presa come fa un cane mansueto? Perchè non hai protestato fino che il PSOE torni al potere?

    Perchè la tua bocca è stata chiusa? Perchè Kiko? Rispondimi in faccia se la tua ipocresia ti lascia dire altre parole diverse a criminalizzare l'attuale Governo scelto a maggioranza!



    Se tanto ti fa male, amico Kiko, la legge omosessuale, il divorzio express, la legge dell'aborto (la stessa che ha avuto il PP) voglio domandarti ...



    Non è anche ammazzare puntarsi a una guerra fra nazioni? Non è pure ammazzare quel che passa in Irak? Perchè allora non hai manifestato contri questa brutalità quando l'ha fatta il PP?



    ¿Porchè hai mantenuto complice silenzio?
    ¿E voi cari vescovi che vi dedicate a partecipare alle manifestazioni? Dove eravate? Dove erano le vostre voci e vostre convocatorie a manifestare?


    Cosa significa? Che una guerra - del PP- no è così tanto grave? Che certe morte valgono più delle altre? Che la famiglia non è in pericolor quando è bombardata da superpotenze?.

    Con il PP, in 8 anni, non si aveva la stessa legge dell' aborto?
    Quei aborti erano meno gravi che quelli di adesso?
    Erano aborti di 2ª, vero Kiko?... la stessa legge non ci preocupa con Aznar ma con Zapatero sí..... allora , fuori in giro per le strade con i vescovi !!!


    Che faccia tosta sei !!! Magari vinca Zapatero a Marzo.

    Senza parole Monsignore come ci si sia ridotto!!






    .. ma veramente , Kiko, Non hai vergogna?

    RispondiElimina
  10. malachites schifoso comunista! Ringrazia Dio che esistono uomini come Kiko che si ribellano ai progetti delle nazioni contro la vita, la famiglia e l'uomo!!! Perchè non fai tu un raduno? Così sentiamo cosa ci racconti...
    VERGOGNATI!

    RispondiElimina
  11. Negli ultimi giorni il CeSAP (Centro Studi Abusi Psicologici), nella figura della sua presidentessa la Dottoressa Lorita Tinelli, è stato oggetto di minacce telefoniche di anonimi che sostenevano il Cammino Neocatecumenale. Voglio ricordare in qualità di socio ordinario di suddetta associazione, che il CeSAP è una ONLUS che si occupa di abusi perpetrati in vari ambiti, in particolare quelli concernenti sette e gruppi religiosi alternativi. L'obiettivo del CeSAP è quello di dare ascolto alle vittime di abuso psicologico e fornire adeguata assistenza e informazione a coloro i quali la richiedono. Il CeSAP non si occupa quindi, di criticare questo o quell'altro gruppo essendo un'associazione di volontariato aconfessionale e apolitica. Tutta la documentazione fornita sul sito internet collegato è verificabile sotto tutti i punti di vista sia scientifico che delle testimonianze che arrivano via web. Visti gli ultimi sviluppi della faccenda neocatecumenale, avrei il piacere se qualcuno di voi potesse registrarsi sul forum del CeSAP e lasciare la sua testimonianza anche in maniera assolutamente anonima.

    Questi i recapiti:

    www.cesap.net (effettuare la registrazione)

    e-mail: cesap@libero.it

    Grazie per la collaborazione

    RispondiElimina
  12. La mia sensazione è che l'indignato spagnolo sia mosso solo dalla politica. Anche l'Anonimo non scherza; ma forse ci aggiunge anche un po' di fanatismo.

    Comunque questo 'luogo' non da' a spazio a discussioni politiche che ci allontanano dai nostri problemi.

    In ogni caso davvero il cristianesimo corre il rischio di diventare una 'religione civile' e anche i vescovi, invece di far politica, farebbero bene a salvaguardare le Verità della Fede, sul cui fondamento si può costruire la vita sociale e civile; non sulle chiacchiere e sugli esibizionismi e sulle prove di forza.
    State vicini ai drammi delle persone ed educatele e mostrate loor il Signore, invece di mostrarvi nelle piazze insieme agli avventurieri!
    Anche questo impegno politico dell'iniziatore del cammino sembra solo strumentale alla sua 'costruzione' intoccabile, rovina famiglie e rovina persone!

    RispondiElimina
  13. Un'impegno civile e sociale che, in realtà, al di fuori dell'ambito del cammino non è consentito ai "suoi" se non per chi ha impegno in vari ambiti solo per il tornaconto della consorteria

    RispondiElimina
  14. Un vescovo che scende in piazza contro un governo non è mai bella cosa! La politica lasciamola fare ai laici cristiani, non ai consacrati!
    Però evitiamo di parlare di politica...., si scaldano gli animi, finisce sempre così!

    RispondiElimina
  15. Kiko è abile nello sfruttare tutte le occasioni come è stato abile nel prendersi il palco del family day a Roma. Attenzione però
    ad essere più realisti del re.
    A Roma si richiedevano misure di sostegno alla famiglia, se c'è una
    buona battaglia penso sia giusto farla. Contro un'ideologia che ha
    già cancellato termini come "padre"
    e "madre" non penso che si debba tacere per paura di appoggiare Kiko

    RispondiElimina
  16. Non proprio in tema col post ma in
    linea con l'atteggiamento gnostico
    con cui si cerca di plasmare la
    dottrina cattolica:

    «Cristo non ci ha salvati»


    Il vero Liberatore è il Ni-ente

    RispondiElimina
  17. Perchè Benedetto XVI non prende coraggio a quattro mani e non si pronuncia in un angelus su quello che immediatamente devono fare i neocat per considerarsi nella Chiesa? è così asurda l'idea?

    ma ci rendiamo conto del casino che stanno facendo? costruiscono sale per le loro celebrazioni private!!!! è inconcepibile!!

    e i sacerdoti non si rendono conto o non vogliono rendersene conto.

    sono tutti pigri, preferiscono farsi dire cosa come e quando fare, piuttosto che lavorare nella vigna.

    Benedetto, parla, ti prego. e che il Signore ti dia più forza di quanta ne abbia mai data a nessun Papa prima di te.

    RispondiElimina
  18. Rimane il tremendo interrogativo:

    SE ALCUNI(O PARECCHI) SACERDOTI SI INSERISCONO NEL CAMMINO NEOCATECUMENALE INIZIANDO EX NOVO UN " CAMMINO DI CONVERSIONE" E CONSEGUENTEMENTE RIGETTANDO(A,ALMENO, MINIMIZZANDO) LA FORMAZIONE LORO DATA DALLA CHIESA, QUEST'ULTIMA QUALE CREDIBILITA' PUO' AVERE PER IL LAICI?

    RispondiElimina
  19. CONTINUA IL CONTO ALLA ROVESCIA ALLA DOMUS AUREA GALILAEAE PER L'APPROVAZIONE DELLO STATUTO NEOCAT.

    Dalle 6 di ieri pomeriggio alle 6 di stamane il conto è stato tenuto da uno dei 200 sacerdoti(nelle vesti di portatori di acqua all'interno del grande presepe allestito alla Domus).
    La conta si è snodata in modo equilibrato e ordinato,salva una brevissima parentesi intorno alle ore 23,00 di ieri, quando il "contatore",assalito dalla sete,ha messo bocca sulla bocca della borraccia da lui recata(che si è scoperto essere piena di birra e non di acqua).

    Un'ora fa circa alla Domus è avvenuto il cambio di consegne: la conta odierna è stata affidata al portatore di vino,cav.grand'uff.,supremo catechista neocat.,avv. Giovanni Pipìa, che sta dando i numeri con voce alta e chiara.

    RispondiElimina
  20. "malachites schifoso comunista! Ringrazia Dio che esistono uomini come Kiko che si ribellano ai progetti delle nazioni contro la vita, la famiglia e l'uomo!!! Perchè non fai tu un raduno? Così sentiamo cosa ci racconti...
    VERGOGNATI!"

    per evangelizzare non è necessario fare megaraduni, che non convincono chi è già su una strada sbagliata e non è neanche necessario essere anti-comunisti, perché cadiamo dalla padella nella brace quando l'anticomunismo diventa il liberismo selvaggio che a parole difende la famiglia, ma nei fatti induce modelli di vita figli del relativsmo e nonporta da nessuna parte.

    Noi dobbiamo essere cristiani e evangelizzare attraverso il nostro personale incontro con il Signore e i 'luoghi' dell'avangelizzazione non sono le piazze, ma le Chiese e, comunque, se le persone smettono di andare in Chiesa, bisognerebbe creare 'momenti' e 'luoghi' di evangelizzazione nelle scuole, sui posti di lavoro, ad esempio: cose alle quali lo stato laico nel senso moderno è purtroppo contrario per principio...
    bisogna allora moltiplicare in parrocchia le catechesi per adulti (quelle vere) magari attraverso l'autentica Lectio divina guidata dal sacerdote che davvero può diventare "lampada per i passi" di chi la segue, introducendo i fedeli nella grandezza e nella bellezza dei Sacri Misteri che ci celebrano... All'inizio si potrà essere in pochi, ma quei pochi potranno divenire 'moltiplicatori' di Quello che vivono nel loro contesto e non tirannici megafoni-ripetitori come i catechisti NC

    RispondiElimina
  21. "Contro un'ideologia che ha già cancellato termini come "padre"
    e "madre" non penso che si debba tacere per paura di appoggiare Kiko"

    ci mancherebbe altro; certo in Spagna la situazione è ancor più deteriorata che da noi, ma non credo che i cristiani, vescovi compresi, possano essere "convincenti" gridando nelle piazze, ma solo promuovendo una VERA evangelizzazione a partire da se stessi...

    RispondiElimina
  22. Malachites dà l'impressione di essersi anche lui ubriacato sentendo parlare dell'ubriacatura di Kiko a Plaza de Colon a Madrid.

    Est tempus...vini...

    RispondiElimina
  23. Korazym reagisce alle critiche:
    http://www.korazym.org/news1.asp?Id=26947

    "...Nodo del contendere, il nostro editoriale "Morte del secolarismo e altre storie", dedicato ad un'analisi sul pontificato di Benedetto XVI e alle tante forzature e distorsioni a cui è sottoposto fuori e dentro il mondo cattolico. Con semplicità, abbiamo voluto stigmatizzare alcune spinte, denunciate del resto dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone. Ovvero quelle contrapposizioni interpretative su quanto il papa fa e dice, che giorno dopo giorno tendono a fare del pontificato una clava da usare in base ai propri fini. Un esempio? Il caso del Motu proprio sulla liberalizzazione della messa tridentina, che a detta del segretario di Stato, ha ricevuto "reazioni scomposte". "Qualcuno – spiega Bertone - è arrivato ad accusare il Papa di aver rinnegato l'insegnamento conciliare. Dall'altra parte c'è stato chi ha interpretato il 'motu proprio' come l'autorizzazione al ritorno del solo rito pre-conciliare''. ''Posizioni entrambe sbagliate - commenta Bertone -, episodi esagerati che non corrispondono alle intenzioni del papa''. E se una decisione viene interpretata oltre le intenzioni di chi l'ha voluta, si è in presenza di una distorsione bella e buona..."

    Si salvano in corner riallacciandosi alle dichiarazioni del card Bertone, che sono giuste ed equilibrate; ma dimenticano di aver dichiarato testualmente "Con il rilancio della messa di San Pio V, Benedetto XVI rinfocola le speranze delle frange più tradizionaliste e impomatate del mondo cattolico". In questo modo ci
    era sembrato - e forse non a torto - fossero schierati nella prima categoria di detrattori del motu proprio stigmatizzata dal cardinale.

    Le "Forzature e distorsioni" che stigmatizzano, non hanno mancato di alimentarle anche loro sia con l'editoriale in questione che con la loro partigianeria per i neocatecumenali. Tant'è che sentono bisogno di dire, come ci siano sentiti dire tante volte su questo blog: "noi non siamo neocatecumenali, ma che male ci sarebbe ad esserlo"? Qualcuno lo ha dimostrato... Ci risulta che Caredda ha intervistato persino don Elio Marighetto; ma loro il 'male' continuano a non vederlo...

    Comunque, auguriamo loro un buon lavoro (il loro impegno è comunque economiabile) e una maggiore obiettività

    RispondiElimina
  24. Mic,hai scritto economiabile anzichè encomiabile...è un lapsus freudiano?

    RispondiElimina
  25. Trad.= traduzione!!!!!!!!!!!!! del grido di una voce spagnola che conosce bene il 'lavoro' del fondatore NC sulla base della famiglia. Un lavoro di 'ricamo' per trasformarla nella 'sua familia di Nazareth', famiglia controllata e accerchiata dalla sua ideologia, che se non entra nel 'suo' contesto o è critica a tale disegno, la si distrugge.

    Voce che ha fatto un resoconto politico soltanto per far vedere i vari silenzi davanti ad altrettante situazioni difficile, anch'esse di richiesta d'impegno necessario. Ma un impegno disinteressato, che non porti farina al mulino NC, per chè farlo, no?.
    Pertanto questa voce vuol far capire la strumentalizzazione a tale manifestazione sia in prossimità dell'approvazione dello statuto NC, sia per abbagliare con la massa, sia come ennesima occasione pubblicitaria.

    E sotto questa pioggia di 'abbagli' attendiamo di vedere quella di domenica prossima!

    Sono tanti altri che sostengono questo circo a dover vergognarsi, e non proprio io.

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Anonimo ha detto...

    i sacerdoti obbediscono al Papa e non a Kiko e Carmen, ficcatevelo bene in testa, il Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato..
    Essi non disprezzano nulla, siete voi a disprezzare un Cammino di fede pieno di frutti e valorizzato dalla Chiesa Cattolica.


    Scusate la mia assenza, ma sono stato molto impegnato in queste due settimane!
    Volevo rispondere all'anonimo riguado all'obbedienza dei sacerdoti del CNC al papa e non a Kiko... e ti rispondo che sono balle grosse quanto una casa! Ne è prova che è scaduto da un mese l'ultimatum datovi dal papa tramite il Card. e ancora celebrate come prima!Vergognatevi! La fate passare per obbedienza! Vergogna!

    RispondiElimina
  28. Ecco, appunto questi tra altri di quelli che dovrebbero vergognarsi, o almeno una spiegazione coerente!

    RispondiElimina
  29. Egregi
    Sig. ARGÜELLO Kiko, Sig.na HERNANDEZ Carmen, Rev.do P. PEZZI Mario
    Via dei Gonzaga, 205
    ROMA

    Troppe cose del CNC restano ancora da correggere.

    Subito, alla prima indicazione, risulta evidente il contrasto tra quanto proposto dal Servo di Dio Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica sul Giorno del Signore e quanto ora la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti chiede ai membri del CNC. Rivolto alla Chiesa universale, il Santo Padre chiedeva a tutti i Gruppi e Comunità di convergere la Domenica nell’unica Comunità parrocchiale. Secondo detta Congregazione sembra invece che per costoro sia sufficiente partecipare una volta al mese alla Santa Messa della comunità parrocchiale per dare testimonianza del loro inserimento nella parrocchia. Perché allora agli altri fedeli si impone ancora l’obbligo della partecipazione alla Santa Messa domenicale? Ci si potrebbe accontentare di una partecipazione solo mensile come per le Comunità Neocatecumenali che, secondo il pensiero di Kiko (espresso dal suo portavoce Giuseppe Gennarini) già lo fanno “dato che in occasione del Natale, dell’Epifania, della Missa in Coena Domini, della festa Patronale, dell’Immacolata e di molte altre solennità le comunità celebrano con tutta la parrocchia”. Con questa Lettera si vuole forse ufficializzare la presenza di un’altra chiesa dentro la Chiesa? La Lettera di Giovanni Paolo II (1990) aveva solo valore di esortazione ad accogliere benevolmente le CNC: non era affatto un’approvazione. Gli Statuti consegnati dal Prefetto del Consiglio per i Laici il 29 giugno 2002 sono stati dati ad esperimentum per cinque anni come una regola alla quale devono attenersi. Non sono approvazione delle catechesi di Kiko e di Carmen e nemmeno della prassi del CNC ma semplicemente una regolamentazione.

    Le catechesi di Kiko e Carmen sono contenute nel Direttorio Catechistico del Cammino Neocatecumenale (circa 2800 pagine dattiloscritte in 13-14 volumi). Questo Direttorio è ancora al vaglio delle Congregazioni romane competenti, e non è stato ancora approvato perché inficiato da gravi errori teologici. Vescovi e parroci, dovrebbero esigere dai responsabili del Cammino tutte le catechesi, giacché i loro catechisti hanno guidato e guidano tutt’ora le Comunità secondo le suddette catechesi. Solo leggendole si renderanno conto dei tanti errori teologici! Come non chiederci perché mai Kiko, profeta ispirato, con tanta disponibilità di denaro, dopo 40 anni di evangelizzazione, non abbia ancora dato alle stampe le sue catechesi? Perché non possono essere di dominio pubblico? Perché le nega anche agli aderenti al Cammino?

    Solo nel 1996 Giovanni Paolo II è venuto a conoscenza degli errori dottrinali presenti nelle catechesi del Cammino ed ha imposto ai responsabili di detto Cammino di rivederle e correggerle. Kiko però ha eluso l’ordine inserendo in nota alcuni articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica.

    Approfittando della proverbiale pazienza della Chiesa e facendo leva sul silenzio di tanti irresponsabili, in tutto questo tempo egli è riuscito a

    - crearsi una schiera di fedeli pronti a seguirlo in tutto e dappertutto;

    - può vantare la presenza del Cammino in 900 diocesi; 6000 parrocchie, con 18000 Comunità.

    - Ha fondato una sessantina di seminari di gran lusso (il mondo si conquista con l’estetica! Lo ha ripetuto anche davanti al Papa!) dove si sono formati alle sue dottrine oltre 1000 sacerdoti;

    - ha mandato più di 3000 ragazze in Conventi di clausura. In qualcuno di essi i catechisti già hanno dettato le catechesi dell’Annuncio e stanno trasformando dal di dentro la vita delle Comunità (anche quelle di antica e consolidata formazione);

    - ha inviato in “missione” migliaia di famiglie che devono testimoniare che la Chiesa cattolica è solo quela del CNC;

    - è riuscito nell’intento di conquistare alla sua causa moltissimi sacerdoti, Vescovi e diversi Cardinali i quali ora arrivano a negare l’evidenza di tante tragedie (financo suicidi) ripetutamente segnalate e documentate da testimonianze provenienti da ogni parte del mondo. Costoro (Cardinali, Vescovi e sacerdoti) possono forse ignorare queste tragedie maturate nel CNC , ma non possono permettere che si impartiscano catechesi inficiate da gravi errori dottrinali e, per questo motivo, non approvate dalla Chiesa. Tanta irresponsabilità non fa onore a chi ha assunto nella Chiesa l’onore e l’onere di guidare il gregge di Dio. Non possono nascondersi dietro silenzi o illudere la gente parlando bene di loro a Radio Maria o a Radio Vaticana (magari in polacco perché solo chi deve capire capisca).

    Per il bene e la salvezza delle anime la Chiesa tutta nella sua Gerarchia (dal Papa all’ultimo sacerdote) dovrebbe prendersi a cuore la sete di verità e l’ansia di santità presenti nei fedeli e dare una risposta valida e corretta, senza ingannare o deludere alcuno e tanto meno permettere che lupi rapaci entrino nel suo gregge. Pertanto ogni parroco è responsabile della catechesi che si fa nella sua parrocchia e lui stesso dovrebbe farla agli adulti, usando naturalmente il Catechismo della Chiesa Cattolica.

    Don Elio Marighetto

    RispondiElimina
  30. scusate ma a Madrid non c'erano solo NC ma anche
    carismatici, focolarini,
    Schonstatt e la Comunità di Sant’Egidio;Testimonianza tratta da un'altro blog:Ero in vacanza a Madrid e ci sono andato.
    E' bello vedere come i catolici siano come un unico popolo, mi sentivo a casa. C'era anche Carron, di CL, e il clima era come da noi, però purtroppo ho visto ben pochi giovani, poca festa, sembra che lì effettivamente la Chiesa sia messa peggio, con i giovani poco presenti.

    RispondiElimina
  31. Malachites, rinnego il modo in cui ti ha bollato Anonimo, che avevo ripreso solo per sottolineare come i problemi non si risolvamo con questi megaraduni strumentali (avrei dovuto epurare la sua frase dalle espressioni incivili e chiedo scusa se non l'ho fatto!)
    Capisco perfettamente la tua posizione nei confronti dell'Arguello che è anche la nostra...
    l'unica cosa che ci preme evitare sono le discussioni politiche, che esulano dal nostro impegno e che sfioriamo solo per quanto necessario...

    RispondiElimina
  32. "E sotto questa pioggia di 'abbagli' attendiamo di vedere quella di domenica prossima!"

    A che ti riferisci, Malachites?

    Comunque più che una 'pioggia', abbiamo un 'uragano' di 'abbagli', mi sembra. :(

    Che il Signore ci aiuti!

    RispondiElimina
  33. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 12:10

    In effetti i vostri pezzi forti sono le discussioni sulla lunghezza dei candelabri e i vostri deliquii davanti agli orli di una dalmatica..

    RispondiElimina
  34. "scusate ma a Madrid non c'erano solo NC ma anche carismatici, focolarini,"

    sappiamo chi c'era, filus, ma quello che non ci piaceva era il vostro iniziatore, postosi come capofila, che fa sentire quelli come te "a casa" nei magaraduni "cattolici" e poi non li fa sentire "a casa" nella Eucaristia della Chiesa e nelle indicazioni che vi da' (allora non siete più parte della grande vera comunità dei cattolici, ma siete gli 'eletti del Cammino NC).

    E guarda che se continua così non mancherà molto che ci sentiremo dire anche a noi che il vostro è il vero cattolicesimo. Ma può essere ingannato così solo chi non conosce la VERA Chiesa! :(

    RispondiElimina
  35. non capite e non sapete un bel nulla... è facile parlare per sentito dire o per esperienza personale di catechisti esaltati... ne riparleremo...
    complimenti al signor mic che difende il comunismo e attacca Kiko solo in virtù del suo odio personale senza riuscire a guardare quanto di positivo fa...
    congratulazioni!

    RispondiElimina
  36. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  37. "complimenti al signor mic che difende il comunismo e attacca Kiko solo in virtù del suo odio personale senza riuscire a guardare quanto di positivo fa...
    congratulazioni!"

    VERGOGNA!!!
    sono tornati gli ingannatori!
    Quando mai ho difeso il comunismo? E quando mai intenderò difenderlo?
    Chi sei tu per attribuirmi certe cose?
    Ho semplicemente stigmatizzato un insulto di un Anonimo, che tale resta, sia se rivolto a un comunista che a un anti-comunista.
    Comunque vi avverto che, visto che siete tornati con la solita arroganza e falsità, queste non avranno spazio nel nostro blog, perciò regolatevi sui futuri messaggi

    Intanto io non odio né kiko né nessun altro, non faccio altro che denunciarne le falsità

    RispondiElimina
  38. "non capite e non sapete un bel nulla... è facile parlare per sentito dire o per esperienza personale di catechisti esaltati..."

    nessuno di noi ha mai parlato per sentito dire o solo per esperienza personale e di fatti sporadici; la nostra documentazione è quanto mai ampia e oggettiva!

    RispondiElimina
  39. Commenta Mic
    pretestuoso e subdolo cme sempre, caro M.

    Se il Principe di Castel Cicala e' M.........povero CN!!!!

    RispondiElimina
  40. Principe di Castekcicala3 gennaio 2008 12:54

    Se il Principe di Castel Cicala e' M.........povero CN!!!!


    Faccio parte della Chiesa peregrinante chiamata da Cristo ad una continua riforma della quale,in quanto istituzione umana e terrena, ha sempre bisogno.

    RispondiElimina
  41. Si, Mic, perciò volevo evitare la traduzione letteraria nella pag.prec. indicando il link per portare soltanto a una lettura che avrebbe fatto capire con semplice lettura la strumentalizzazione del raduno. Non è facile capire se non si conosce l'ironia del parlare spagnolo. Ma anonimo nc ha richiesto traduzione.
    Non è la politica che interessa a Pedro, ma il far capire il perchè esce per strada a manifestare adesso.

    In quanto all'abbaglio di domenica prossima mi riferisco al circo ambulante per la festa della Epifania, tra cavalli e cammelli, sic.

    A Pinkus : questo è tempo di vino, si, ma io per niente ubriaco, e meno del vino kikiano.

    RispondiElimina
  42. Ne farai pure parte se lo dici tu, ma questo non ti autorizzava ad offendere pesantemente come hai fatto in passato!!!

    RispondiElimina
  43. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 13:19

    Anonimo nc si è offeso pesantemente
    per questa mia risposta:

    dice ANONIMO nc :
    Lo sa che non può scrivere della Lavanda dei piedi perche' nel Cn si insegna che se non sarai lavato non avrai posto nel Regno.


    PDC; Da quello che dici capisco che non hai mai fatto il CN
    (quale offesa!)


    o se
    l'hai fatto eri troppo occupato
    a parlare con gli angeli,
    (e in effetti spesso lo sei)




    la cui classe è più ampia degli angeli buoni.
    (La classe degli angeli comprende infatti sia quelli buoni che quelli cattivi: questa è un'affermazione neutra)

    Questa sarebbe un'offesa pesante ?
    Comunque se ti sei offeso per questa risposta perdonami.
    Comunque la tua affermazione sull'insegnamento del CN è sbagliata.

    RispondiElimina
  44. Pipìta Del Monte3 gennaio 2008 13:21

    Per il casato dei Castelcicala.


    Ella,principe, mi pare stia sporcando la nobile stirpe di cui porta il nome (che il casato gentilizio cui mi onoro di appartenere si è pregiato di avere lungo i secoli quale vassallo)nel momento in cui ritiene che qui si stia a discutere sulla lunghezza dei candelabri o la larghezza delle dalmatiche.

    Gli è che invece qui si dovrebbe discutere molto sullo spessore del suo cervello, anche al fine di prevenire sue ulteriori e fumettistiche conclusioni.....

    RispondiElimina
  45. Siamo alle solite. Ritorna il ritornello del modernismo: la Chiesa avrebbe bisogno di riforme...

    La Chiesa non ha bisogno di riforme, questo è il punto.
    La Chiesa ha bisogno, al contrario, di rimanere fedele all'insegnamento del suo Fondatore, Nostro Signore. Ed ha bisogno di testimonianze coerenti e fedeli.

    Questi peregrinanti, riformatori, progressisti, modernisti ed innovatori che dir si voglia non voglio proprio capire che tutto è già stato scritto.
    Si tratta di rispettarne il dettato e lo spirito con serenità e coerenza, come accade nelle altre confessioni.

    Questa furia innovativa e riformatrice iniziata con il Concilio Vaticano II sembra un'epidemia che ha contagiato una caterva di persone, normali o intellettuali.
    Non si è capito che le 'riforme' e le innovazioni potevano eventualmente toccare aspetti secondari della pratica della fede, non il cuore stesso del depositum fidei.
    Se, in nome della riforma, dell'adeguamento della Chiesa ai tempi, si pone mano ai fondamenti della tradizione, all'essenza stessa del cattolicesimo, non ci si può illudere di essere ancora cattolici nel solco della successione apostolica: si è diventati certamente innovatori e riformatori, ma fuori dalla Chiesa e dalla sua tradizione millenaria e promulgatori di un'altra fede e di un'altra chiesa.
    Questo deve essere ben chiaro.

    Ho già scritto e ribadito che quanto accade da qualche quarantennio nella Chiesa cattolica è del tutto anomalo e inedito rispetto a qualsiasi altra confessione religiosa.
    I monaci tibetani oggi usano il computer, ma ciò non li ha spinti a rinnegare la loro fede.
    I mussulmani hanno accolto taluni costumi e comportamenti del mondo occidentale, ma ciò non li ha certo spinti a contestare il Corano.

    Non si capisce perchè la Chiesa, per mettersi al passo con la società odierna, debba rinnegare gli elementi costitutivi e caratterizzanti della propria fede, a cominciare dalla esegesi delle Sacre Scritture.

    Lo dico con dolore ed estrema franchezza: la mentalità modernista e conciliare nella Chiesa sembra davvero uscita di senno o invasata dal Maligno, in un furore dissacratorio ed iconoclasta che non risparmia niente e nessuno, neppure il Papa, se è vero come è vero che in tanti tra gli ordinati oggi oppongono una resistenza passiva alle direttive promosse dal Santo Padre proprio in difesa della autentica tradizione cattolica oltraggiata e accantonata da un quarantennio di 'progressismo'.

    Per somma sventura, questi attori, ecclesiastici e laici, fanno quel che fanno convinti di essere nel giusto, cioè di dover proseguire nell'opera di demolizione della 'vecchia' Chiesa: in realtà, stanno solo demolendo "la" Chiesa storica ed unica consegnata da Gesù agli apostoli.
    E' drammatico, ma è così.

    RispondiElimina
  46. Per Malachites

    Ti ringrazio per la traduzione.
    Quanto al contenuto, mi sembra chiaro che oramai il CN debba trovare un appoggio esterno, cioe' appoggiarsi a qualche schieramento politico. Ne va della sua sopravvivenza!!!

    RispondiElimina
  47. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 13:43

    Livio dice :
    E' drammatico, ma è così.


    Io invece direi: è triste che non venga recepito l'insegnamento del Concilio Vaticano II

    RispondiElimina
  48. Principe di castelcicala3 gennaio 2008 13:46

    Con pazienza ricordiamo cosa dice Unitatis Redintegratio:

    "La riforma della Chiesa

    6. Siccome ogni rinnovamento della Chiesa (23) I consiste essenzialmente in una fedeltà più grande alla sua vocazione, esso è senza dubbio la ragione del movimento verso l'unità. La Chiesa peregrinante è chiamata da Cristo a questa continua riforma di cui, in quanto istituzione umana e terrena, ha sempre bisogno. Se dunque alcune cose, sia nei costumi che nella disciplina ecclesiastica ed anche nel modo di enunziare la dottrina - che bisogna distinguere con cura dal deposito vero e proprio della fede--sono state osservate meno accuratamente, a seguito delle circostanze, siano opportunamente rimesse nel giusto e debito ordine"

    RispondiElimina
  49. Vedo che perseveri, Castelcicala...
    C'è una fedeltà più grande di tutte le altre, scritte o meno, cui è tenuta la Chiesa: all'insegnamento del suo Fondatore, al deposito della fede costituito dal patrimonio da Lui lasciato all'umanità attraverso il proprio esempio ed il proprio sacrificio.
    Il resto sono chiacchiere.

    RispondiElimina
  50. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 13:54

    Mi dispiace Livio ma non sono chiacchiere ma quanto approvato dai 2000 padri del concilio Vaticano II in comunione con Pietro.

    RispondiElimina
  51. Se i 2000 padri del Concilio Vaticano II hanno stabilito qualcosa che è stato all'origine di tanti equivoci e di tante dissacrazioni, qualcosa non ha funzionato in quel Concilio.

    Smettetela dunque di considerare il Vaticano II la panacea risolutrice di tutti i problemi e lo spartiacque tra il vecchio e il nuovo.
    Smettetela di usare quel Concilio come una testa d'ariete...

    RispondiElimina
  52. Principe di C.:
    "Faccio parte della Chiesa peregrinante chiamata da Cristo ad una continua riforma della quale,in quanto istituzione umana e terrena, ha sempre bisogno."

    anche noi, solo che tu per "continua riforma" intendi, con Kiko, "rifondazione" e "stravolgimento". Non me lo sono inventato io... è ampiamente documentato.
    Puo' darsi che si dicano le stesse cose; ma bisogna intendersi sul significato che gli si dà... e sappiamo che nel cammino si usa un linguaggio ecclesiale che viene riempito di significati diversi.
    Per cui, se ci fermiamo alla lettera, possiamo dire "ma quanto è cattolico lei!". Chi invece conosce il vostro 'sentire' e i vostri insegnamenti dall'interno, può facilmente smascherarvi...

    RispondiElimina
  53. "Io invece direi: è triste che non venga recepito l'insegnamento del Concilio Vaticano II"

    io invece direi: è triste che non venga recepito il VERO insegnamento del Vaticano II e si siano potute operare tante storture anche grazie all'abiguità di molti suoi documenti (non lo dico i ma Romano Amerio e tanti altri)!

    RispondiElimina
  54. A proposito.

    Korazym! Ammettere l'errore e chiedere scusa? No eh?

    RispondiElimina
  55. PdC
    "Io invece direi: è triste che non venga recepito l'insegnamento del Concilio Vaticano II"

    non cerchiamo di confondere le acque:il cammino non ha recepito il Vaticano II,con la scusa del Vaticano II ha portato avanti la dottrina kikarmenka

    RispondiElimina
  56. Pipìta Del monteù3 gennaio 2008 14:45

    Il principe di Castecicala, venendo meno ai tratti che devono distinguere la nobiltà di lignaggio, adopera un linguaggio plebeo e mistificante,rimproverando agli altri ciò che invece dovrebbe rimproverare a se stesso in qualità di neocatecumenale: il concilio VaticanoII non si è mai sognato di avallare le pseudodottrine come quella di Kiko Arguello.

    La invito,caro principe, a ritornare sul pentagramma del buon galateo che deve distinguere sempre una mente nobile ancorchè sprovveduta.

    RispondiElimina
  57. PdC
    "Io invece direi: è triste che non venga recepito l'insegnamento del Concilio Vaticano II
    ----------------------------------
    Non è importante il tuo pensiero,
    importante è la verità

    RispondiElimina
  58. Pipita Del Monte3 gennaio 2008 14:56

    Quale pensiero,signor Filus? Quello del Castelcicala? Dov'è????

    RispondiElimina
  59. Eccolo nobile pepita:Mi dispiace Livio ma non sono chiacchiere ma quanto approvato dai 2000 padri del concilio Vaticano II in comunione con Pietro.

    RispondiElimina
  60. Pipìta del monte3 gennaio 2008 15:02

    Per lei, signor Filus, codesto è un pensiero?

    RispondiElimina
  61. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 15:06

    Cara Pepita.
    ci vuole molta pazienza per filtrare ma poi, alla fine,
    i residui rimangono nel filtro.
    E il filtro si butta con tutti i suoi residui, perchè non serve.

    RispondiElimina
  62. Pipìta del Monte3 gennaio 2008 15:08

    Capisco,signor Filus...sa ormai mi ero stabilizzata nella convinzione che il principe non fosse più in grado di produrre pensieri,vista la sua veneranda età, ma al massimo qualche scarabocchio ( mi si passi il termine non contemplato dalla Crusca)!

    RispondiElimina
  63. Pipìta del Monte3 gennaio 2008 15:10

    Capisco, Principe, è il destino di voi infiltrati....pardon filtrati...

    RispondiElimina
  64. “Der Geist der Liturgie. Eine Einführung” (“Lo spirito della liturgia. Un’introduzione”),
    ma voi pensate seriamente che un Papa che scrive un libro sulls liturgia è uno sproveduto ?

    RispondiElimina
  65. Chi l'ha mai pensato, Filus?

    RispondiElimina
  66. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 15:27

    Vedi caro Filus, se io vado in libreria a comprare “Der Geist der Liturgie. Eine Einführung” non mi compare lo spirito di Kiko a dirmi "ma che stai facendo?". Invece recentemente ero tentato di comprare una copia del Talmud e accanto a me si è psicopompizzato lo spirito di Mic e allora ho detto a me stesso: " E se lo venisse a sapere Mic?" e non l'ho comprato più : potenza della parola!

    RispondiElimina
  67. mi sa che pipita del monte;conosce bene il pensiero di Benedetto XVI.o no

    RispondiElimina
  68. Pipìta del monte3 gennaio 2008 15:32

    Cionosco quanto è dato conoscere del pensiero di Benedetto XVI.

    Non conosco invece, pur essendomi sforzata, il pensiero del principe di Castelcicala,anche perchè è pressochè inesistente

    RispondiElimina
  69. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 16:06

    Pensiero inesistente sicuramente ma non abboccone...

    RispondiElimina
  70. ecclesia semper reformanda est, concordo pienamente.

    ma non di nascosto. non dissimulando.

    e ci tengo a precisare che il vero legalista (attento cioè esclusivamente a che le regole siano rispettate per avere sempre il controllo dei suoi seguaci) è il sig. Arguello, il quale "suggerisce" a quanto pare con maggior autorevolezza del Papa (se non altro con maggior efficacia, questo non si può negare) i canti, le preghiere liturgiche, le raffigurazioni del divino pittoriche e scultoree, le architetture, la posizione dell'altare e del leggio, il tempo, il modo (e talvolta purtroppo anche i contenuti) delle ammonizioni, la disposizione dei candelabri, il modo di fare la comunione, ecc ecc ecc.

    detto questo, a tuo parere, chi dimostra maggiore attenzione maniacale alla lunghezza dei candelabri? chi scrive qui? direi proprio di no.

    a chi scrive qui interessa smascherare il fatto che dietro quella mole di "suggerimenti" sta un modo di intendere il Sacro e l'uomo profondamente distante da ciò che professa la Chiesa Cattolica.

    e denunciare che i fondatori del cammino continuano a dissimulare una forte volontà di riforma motivata da non si sa quale intento (appunto in quanto tenuto nascosto).

    Non vi si chiede molto, vi si chiede solo di dire la verità.

    e fino a che non motiverai il tuo non fare la comunione con la tua comunità seduto intorno al tavolo infiorato, evita di prendere in giro te stesso scrivendo a chi qui, la verità, non ha mai faticato a scriverla.

    grazie

    Nicola

    RispondiElimina
  71. La mia collega di lavoro, assidua NC, è comunista (o diciamo, di sinistra, e ritiene Prodi troppo centrista!).
    E' fermamente contro le unioni di fatto e l'aborto, ma è fermamente di sinistra e NC!
    E' andata al family day di Roma, in obbedienza al suo catechista, e si è arrabiata parecchio sentendo Berlusconi dire "....i veri cristiani votano per noi...."!

    Però mi ha anche confidato che il giorno prima delle elezioni nella sua comunità il catechista ha telefonato a tutti dicendo: "votate destra, o ritenetevi fuori dal cammino, state in obbedienza: sono le indicazioni del nostro Vescovo...!".
    Lei ha votato a sinistra....., e immagino che al prossimo scrutinio dovrà confessarlo!

    Non scherzo, è andata così veramente!

    RispondiElimina
  72. Principe di castelcicala3 gennaio 2008 16:23

    Spiegate piuttosto voi le vostre strane alleanze: io sono un membro di una delle tante comunità neocatecumenali ma tu Nicola cosa hai in comune con Livio? Non vi sembra che il vostro scrivere sia contro qualcuno piuttosto che per qualcuno?

    RispondiElimina
  73. il tuo pensiero è:a chi scrive qui interessa smascherare il fatto che dietro quella mole di "suggerimenti" sta un modo di intendere il Sacro e l'uomo profondamente distante da ciò che professa la Chiesa Cattolica.
    la verità è : che il CNC è cattolico,autorizzato dalla Santa Chiesa cattolica e Romana,i riti del CNC sono stati autorizzati dalla stessa chiesa ,se ci saranno modifiche con l'approvazione dei Statuti verrano prontamente rispettati , se non saranno approvati i Statuti cosa improbabile ,per me non ci sarà più il CNC.chi scrive: sacerdoti, o meglio i pre3sbiteri,neocatecumenali prima o poi dovranno rendere pubblica ragione della loro scelta di aver intrapreso un "cammino" a tappe, dimenticando,disprezzando,o comunque, dileggiando la formazione cattolica ricevuta in seminario.
    c'è chi scrive:i sacerdoti obbediscono al Papa e non a Kiko e Carmen, ficcatevelo bene in testa, il Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato..
    Essi non disprezzano nulla, siete voi a disprezzare un Cammino di fede pieno di frutti e valorizzato dalla Chiesa Cattolica.
    Dovè la verità e dovè il pensiero?

    RispondiElimina
  74. Piuttosto, principe....
    non eludere l'argomento, ma rispondi a Nicola!

    Perchè continuate a prendere la comunione da seduti intorno ad una tavola?
    In totale dissobedienza con le indicazioni della Chiesa?
    Perchè?
    Perchè?
    Perchè?
    Perchè?

    Rispondi!
    Rispondi e non eludere il discorso attacando altri! Rispondi alla domanda e basta!

    Grazie!

    Marco

    RispondiElimina
  75. per i fratelli neocatecumenali

    vi insegnano a NON GIUDICARE ma nello stesso tempo a fare diversamente da come vi viene richiesto.

    Non pensate al fatto che ogni azione consapevole è espressione di un giudizio?

    se non mi saluti mi stai giudicando.

    se non mi ascolti mi stai giudicando.

    se non mi racconti come e quando celebri l'eucarestia mi stai giudicando. mi giudichi perchè, senza sapere come stanno veramente le cose, sei prevenuto e pensi che io non capirei, perchè non ho fatto le tue catechesi, perchè non faccio parte della tua comunità..

    se ti comporti con me in base alla categoria cristiano/non-cristiano, mi stai giudicando.

    ogni volta che non ascolti un uomo e non ti rendi disponibile all'incontro tradisci il tuo essere seguace di Cristo. perchè giudichi l'altro non all'altezza.

    questo è giudizio. un giudizio ancora più crudele perchè dissimulato, nascosto, non dichiarato.

    se non fai ciò che il papa ha chiesto con tanta chiarezza, stai giudicando. giudichi la Chiesa come obsoleta, come non in grado di comprendere la Verità, (perchè il tuo modo di celebrare è quello secondo te più vicino alla Verità, se no non lo faresti) e così facendo perdi tutto l'amore e la Carità che Cristo ti insegna.

    voi dite di rimettervi alla Chiesa, all'approvazione degli statuti, citate i discorsi dei papi... bene, visto che dimostrate di saperli leggere e trovare, tali discorsi, trovate e leggete anche la lettera di Arinze.

    e considerate che ogni eucarestia celebrata alla vostra maniera èun giudizio sulla chiesa. con le vostre OPERE dichiarate ogni sabato notte che la Chiesa non è nella Verità.

    non è forse questo un giudizio più grave di chi scrive qui ogni giorno che la Chiesa dovrebbe pronunciarsi con chiarezza sul cammino neocatecumenale?

    RispondiElimina
  76. Ma sei lucido mentalmente?

    Ma capisci che c'è una lettera del Card. Arinze che voi non state rispettando! Che Ruini e il Papa stesso vi hanno richiamato a farlo!
    I vostri riti non sono stati autorizzati dalla Chiesa!

    MAI LA CHIESA VI HA AUTORIZZATO A PRENDERE LA COMUNIONE SEDUTI!!!!

    SIETE IN DISOBBEDIENZA!!!!!

    Ma come cavolo fai a sostenere il contrario?

    RispondiElimina
  77. principe, ma cosa c'entrano le alleanze?

    qui tutti dicono che c'è una lettera del Papa, citata dal Papa, che vi chiede di fare delle cose e voi non le fate.

    ecco cosa ci accomuna.

    tutto qui. è difficile?

    RispondiElimina
  78. "...Card. Rylko chiarirà tutto molto presto, oltre quello che ha già pronunciato...."

    Ma cosa avrebbe già pronunciato?
    L'unica cosa ufficiale che il Card. Rylko ha pronunciato è stata quella di NON APPROVARE gli statuti prima della loro naturale scadenza!
    ....solo quello ha fatto!

    Mentre il vostro Kiko ha raccontato menzogne facendo dire ai catechisti nelle convivenze di avvento che gli statuti erano già approvati...!

    Marco

    RispondiElimina
  79. ancora:

    giudicate che hic et nunc (cioè qui ed ora), per come stanno ORA le cose, senza statuti approvati, potete fare come vi pare senza rispettare le indicazioni che il Pontefice ha PERSONALMENTE detto di avevrvi mandato tramite la lettera di Arinze due anni fa davanti 500 famiglie.

    cioè giudicate che in questo momento la Chiesa deve lasciarvi fare a modo vostro, altrimenti non lo fareste.

    senza nessun documento che vi autorizzi, ma con un documento che dice espressamente il contrario.

    giudicate probabilmente che la lettera di Arinze non è volontà del Papa, o non è volontà della Chiesa, o non è importante, o dimostra scarsa comprensione da parte della Chiesa del vostro cammino.

    ma perchè queste cose devo scriverle io?

    CON LA VOSTRA OPERA GIUDICATE OGNI SABATO CHE LA LETTERA DI ARINZE NON VALE NIENTE. o CHE NON VALE PER VOI.

    almeno ditelo.

    per questo continuo a dire che dissimulate.

    RispondiElimina
  80. Cari fratelli NC,
    rinnovo il mio quesito, molto semplice:

    Alla luce della lettera del Card. Arinze e degli statuti scaduti e decaduti, siete o non siete in obbedienza nel prendere la comunione da seduti intorno ad un tavolo?

    Solo questo vi chiedo!

    Marco

    RispondiElimina
  81. Tranquillo Nicola, nessuno risponderà!

    RispondiElimina
  82. MAI LA CHIESA VI HA AUTORIZZATO A PRENDERE LA COMUNIONE SEDUTI!!!!

    SIETE IN DISOBBEDIENZA!!!!!
    --------------------------------
    Visto che citate in continuazione la Lettera di Arinze è ora che la leggete,poichè nella lettera non c'è divieto ma un tempo per adeguarsi.Tempo scaduto,adesso si vedrà basta pazientare un pò,oppure fatte in modo che il Santo Padre si pronunci subito

    RispondiElimina
  83. Osserva Nicola
    CON LA VOSTRA OPERA GIUDICATE OGNI SABATO CHE LA LETTERA DI ARINZE NON VALE NIENTE. o CHE NON VALE PER VOI.
    -----------------------------------
    I catechisti non sono sacerdoti; e' il sacerdote che celebra.
    I catechisti fanno gli scrutini....Cosa vuoi che c'entrino con la Liturgia!

    Qui sta il giochino.

    RispondiElimina
  84. Ripeto : I Statuti restano validi
    fino a che non c'è rettifica;
    Per Mic;Diritto Canonico

    RispondiElimina
  85. beh, allora

    GIUDICATE CHE QUALUNQUE COSA FACCIA UN SACERDOTE PER VOI E' LO STESSO.

    se un sacerdote celebra in un modo che non conosco finita la messa vado a chiedere spiegazioni. io, non so gli altri.

    quanto ai sacerdoti dovrebbero davvero vergognarsi. davvero tanto.

    RispondiElimina
  86. Per Filus
    Punto 5 della Lettera
    5. Sul modo di ricevere la Santa Comunione, si dà al Cammino Neocatecumenale un tempo di transizione (non più di due anni) per passare dal modo invalso nelle sue comunità di ricevere la Santa Comunione (seduti, uso di una mensa addobbata posta al centro della chiesa invece dell’altare dedicato in presbiterio) al modo normale per tutta la Chiesa di ricevere la Santa Comunione. Ciò significa che il Cammino Neocatecumenale deve camminare verso il modo previsto nei libri liturgici per la distribuzione del Corpo e del Sangue di Cristo.
    ----------------------------------

    Hai letto qualcos'altro?

    RispondiElimina
  87. per anonimo nc,no ,neanche una scomunica ,aspetto ,rispetto e approvo tutto ciò che verrà approvato dalla chiesa

    RispondiElimina
  88. Sbagliato Filus!
    Il Papa si è già espresso attraverso la lettera del Card. Arinze!
    Molto chiaramente!

    Voi dal 1° di dicembre state dissobedendo al Papa!

    Girala come vuoi, ma è così!

    Pensaci questo sabato, mentre prenderai la comunione da seduto: starai dissobendendo al Papa, ovvero, starai dissobedendo a Cristo nostro Signore!!!!!!

    Stai nella verità Filus, ti scongiuro, per il tuo bene e per quello del CNC, stai nella verità!
    Obbedite al Papa!
    Obbedite al Papa e i frutti arriveranno, anche per il vostro cammino!

    RispondiElimina
  89. Il giochino e' proprio questo.

    La Liturgia e' affidata ai sacerdoti; i sacerdoti sono i responsabili; cosa c'entrano i catechisti: nulla. Prenditela con i sacerdoti.
    Qui sta il punto dolente di tutta la questione.
    Il Parroco accetta il Cn e si fa garante di esso di fronte ai parrocchiani. Cosa vuoi che c'entrino i catechisti che fanno i scrutini e vedono la comunità un paio di volte l'anno!
    Il resto dell'anno la comunità e' affidata al Parroco.

    Potrà il Vaticano correggere e reindirizzare l'operato dei Parroci?

    RispondiElimina
  90. Marco, sbagli tu, i statuti sono invalidi solo dopo una rettifica della chiesa per il momento restano validi,informati meglio

    RispondiElimina
  91. Principe di Castelcicala3 gennaio 2008 17:05

    Per tutti:
    La lettera di Arinze è stata scritta per noi? Giusto?
    A voi che cosa importa?
    Fate qualcosa anche voi e vedrete che forse scriverà anche a voi: ma state sicuri che non verrò a curiosare sulla vostra obbedienza !

    RispondiElimina
  92. Filus....
    State raccogliendo ciò che avete seminato!
    Tu pensi che questo ritardo nell'approvazione sia casuale?
    Sono convinto, Filus, che se aveste obbedito al Card. Arinze da subito o almeno entro il termine, gli statuti sarebbero già stati approvati!

    RispondiElimina
  93. "Tempo scaduto,adesso si vedrà basta pazientare un pò,oppure fatte in modo che il Santo Padre si pronunci subito"


    F A T E I N M O D O C H E I L S A N T O P A D R E S I P R O N U N C I S U B I T O.

    eh già, perchè se tace vuol dire che gli va bene così. non ti passa neanche per la testa che magari soffre come un matto perchè è costretto a ripetersi (che nel linguiaggio formale della Chiesa significa URLARE o SGRIDARE), a minacciare, a mettere degli aut aut?!?

    tempo scaduto, adesso si vedrà.. si vedrà cosa? chi vince? chi ha ragione? se la lettera era piena di cazzate?


    si vedrà cosa? cosa?

    allora se dobbiamo andare avanti così, bene, ognuno fa di testa sua. e quando approveranno gli statuti io potrò dire "bene, statuti approvati, ma manca il direttorio, e si vedrà..." e ancora "ci sarà un vaticano III e si vedrà.." e andremo avanti a sputarci addosso.

    se fossimo entrambi cattolici ci sarebbe un terreno comune (non arriviamo all'amicizia spirituale, troppa fatica) che non è fatto di "si vedrà", ma di SI VEDE qui ed ora.

    fatto di rispetto per quello che la Chiesa dice, fa e professa.

    non di si vedrà. è un'espressione che sa solo di lotta e di violenza.

    RICORDATI, FILUS, che le cose si possono cambiare anche restando nell'obbedienza alla Chiesa. ricordatelo. si vedrà... che tristezza

    RispondiElimina
  94. Marco,dopo 40anni cosa vuoi che siano un paio di mesi in più?

    RispondiElimina
  95. Filus stavo parlando della lettera di Arinze!
    Mettiamo pure che gli statuti non siano scaduti, ma in attesa di rinnovo. Ma la lettera di Arinze, quella rimane! E voi la state dissobedendo!

    RispondiElimina
  96. ".....Marco,dopo 40anni cosa vuoi che siano un paio di mesi in più?...."

    Ok
    Prendo atto della vostra posizione!
    Praticamente stai dicendo: "siamo disposti a stare in dissobedienza per alcuni mesi, pur di salvare ciò che abbiamo costruito in 40 anni!"
    Per me rimane una disobbedienza grave!
    Mi auguro che non lo sia e che tutto si risolvi per il vostro bene e per il bene della Chiesa!

    RispondiElimina
  97. Filus, sai bene che la questione di Diritto sugli Statuti non sta come la presenti. Quantomento è "da vedere" se il fatto che gli Statuti scaduti per la Chiesa, restando validi per l'Associazione NC, possano ritenrsi validi ancora e in assoluto!

    Il Diritto (RICORDI?) dice chiaramente che dopo 3 mesi, senza un ULTERIORE Decreto di approvazione si ritiene sottinteso il silenzio-dissenso. Il che non pregiudica ma sicuramente impone un pronunciamento definitivo, anche di segno opposto (MOTIVATO), ma sicuramente chiarisce che CI SONO PROBLEMI. Come disse il Papa al Clero Romano "apertis verbis".

    Poi, per favore, ragioniamo su quello che dici:

    "la verità è : che il CNC è cattolico,autorizzato dalla Santa Chiesa cattolica e Romana,i riti del CNC sono stati autorizzati dalla stessa chiesa ,se ci saranno modifiche con l'approvazione dei Statuti verrano prontamente rispettati , se non saranno approvati i Statuti cosa improbabile ,per me non ci sarà più il CNC"

    Fratello mio. Ti sei contraddetto 5volte!

    Ragioniamo! Anzitutto: come potrebbe mai, eventualmente, non essere approvato lo Statuto se, come dici, il Cammino ha semre avuto approvazioni per la sua prassi? Prima contraddizione.

    COme potrebbero mai esserci "Modifiche" (anche sostanziali come ipotizzava il Papa), se il Cammino ha sempre fatto tutto in Comunione? Seconda contraddizione.

    Se il Cammino ha sempre seguito "i Riti della Chiesa", perchè il Culto Divino è intervenuto 3 volte per correggere i Riti del Cammino? Ultima quella di più di 2 anni fa? Terza contraddizione.

    Se il Cammino ha sempre voluto la COmunione con la CHiesa, perchè non ha mai cambiato il suo Iter, come dicono i suoi Scaduti Scaduti, le correzioni e il Magistero? QUarta contraddizione.

    Se gli Statuti passati sono stati "prontamente rispettati" e quelli eventuali futuri saranno "prontamente rispettati", perchè il Cammino ha ricevuto correzioni che in parte si riferiscono proprio al mancato rispetto degli Statuti? E perchè se saranno rispettati, eventualmente, solo gli eventuali "futuri" statuti quelli "passati" non lo sono stati? QUinta COntraddizione.

    Ricorda che abbiamo letto benissimo la Lettera del Papa data dal Culto Divino!

    SI chiede praticamente al Cammino di non essere più Cammino, per come ha sempre operato! E il fatto relativo alla Santa COmunione, sia pur importante, è inserito in un contesto che da un po' di tempo non volete guardare. Come se facendo la Santa COmunione come insegna la Chiesa, tutto si potesse mettere a "dormire"! Invece la lettera non ha un solo Punto!!!

    RispondiElimina
  98. e anche tu principe, bravo.. NOI DI QUI E VOI DI LI', complimentoni.

    ognuno a messa per i cazzi suoi e non salutiamoci nemmeno. poi se il prete da me si inventa le preghiere, a te, tanto, cosa interessa??

    vedi, a me importa l'unità. e non lo faccio tanto per dire.

    ciao

    RispondiElimina
  99. Marco, IO NO(stai tranquillo sicuro)
    a domani devo andare

    RispondiElimina
  100. Se il Cammino ha sempre seguito "i Riti della Chiesa", perchè il Culto Divino è intervenuto 3 volte per correggere i Riti del Cammino? Ultima quella di più di 2 anni fa? Terza contraddizione.
    -----------------------------------Riti propri del CNC ,approvati dalla chiesa

    RispondiElimina
  101. Condivido nettamente Nicola.

    Quello che io provo è tristezza.

    "Si vedrà..."

    E' questa l'obbedienza che vi insegnano nel CNC?

    RispondiElimina
  102. Concordo con Leo e con Livio.
    Qui veramente non si capisce più niente.
    Dalla fine degli anni '60 in poi la Chiesa sembra entrata in fibrillazione.
    I preti si ribellano ai vescovi, i vescovi ai cardinali e questi ultimi al Papa.
    La Chiesa è diventata una federazione di repubbliche autonome che si chiamano con il cognome del tal cardinale o del tal vescovo.
    E le direttive papali si applicano oppure no a seconda dell'orientamento del cardinale o del vescovo competente.

    Ha perfettamente ragione Leo sul silenzio eccessivo dei fedeli del Papa, e ha ragione Livio sui danni provocati dal Vaticano II°.
    Come sbaglia un uomo, possono sbagliare anche 2000 uomini insieme, se il frutto del loro lavoro produce disordine.
    Il Vaticano II° sarà stato pure ispirato da buone intenzioni, ma nei fatti ha prodotto disordine, e non lo dico io: lo dicono i fatti.
    Anarchia e disordine nella Chiesa sono cominciati esattamente dopo il Vaticano II.
    Perchè?
    Perchè sono state introdotte conclusioni e determinazioni che in molti nella Chiesa hanno scambiato per il libretto rosso di Mao: un manifesto del 'nuovo corso', l'inizio della catarsi, la resa dei conti con il vecchiume e la tradizione.
    E sono anche d'accordo sul fatto che agli occhi del mondo siamo i rappresentanti di una religione debole, che sembra avere smarrito le proprie ragioni e convinzioni, che contesta tutto di sè, dalla liturgia alle sacre icone, ai paramenti papali.
    Una furia demolitrice si è impadronita di una parte della Chiesa - lo schieramento cosiddetto modernista e progressista -spingendola fino al punto di ribellarsi apertamente al loro Capo e Guida suprema.
    Incredibile ma vero, anche perchè mai niente del genere è accaduto nelle altre religioni negli ultimi cento anni.
    Come possiamo pretendere il rispetto dei credenti delle altre fedi se non mostriamo noi per primi fedeltà e rispetto per la nostra fede e chi la rappresenta?
    C'è una pletora di laici e perfino preti che spera che Benedetto XVI si tolga prematuramente di torno, così da poter riprendere il processo di 'riforma' della Chiesa, fino alla dissoluzione completa della sua forma tradizionale.
    Questi ipocriti a parole lo negano, ma tra di loro e in cuor loro lo sperano ardentemente...
    A loro contrapponiamo le nostre preghiere per il Papa e l'augurio che lo Spirito Santo gli dia tutta la forza per compiere la sua missione.

    RispondiElimina
  103. Per principe.....

    Mi interesso della lettera di Arinze perchè ho a cuore il bene della Chiesa!
    Ho a cuore il mio bene, il tuo bene, quello di miei cari amici che frequentano CNC di cui temo per la loro integrità di fede!

    Voglio andare in paradiso insieme a tutti voi fratelli NCN!!!!!
    E' per questo che mi interesso della lettera!

    Il NOI e il VOI che tu hai definito non esiste: siamo solamente un NOI!!!
    Siamo unica Chiesa di Cristo: io, te, il Papa e Kiko!!!!
    Per questo mi auguro che quella lettera venga rispettata!

    RispondiElimina
  104. Pipìta del monte3 gennaio 2008 17:59

    Non è proprio il cao di adar dietro alle fantasticherie del principe di Castelcicala.
    Il nobiluomo,pur appartenendo ad una casata di lustro (tuttavia a lungo vassalla di quella a cui mi onoro di appartenere),evbbe la ventura,in età ormai molto avanzata, di incappare in una paral.isi emisferiale destra.Per cui ormai egli è costretto a balbettare quando pensa ed a pensare quando balbetta.
    Invito ordunque tutti a concedergli l'onore delle armi(e del pannolone).

    RispondiElimina
  105. avete visto a madrid???????????

    che spettacolo....ed il Papa????

    è con noi..........

    w il cammino......

    alla facciaccia vostra

    RispondiElimina
  106. se avete tempo e voglia, in prossimità dell'Epifania andate a leggervi il discorso che Benedetto XVI tenne nella veglia della gmg di Colonia: veramente bello.

    http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/speeches/2005/august/documents/hf_ben-xvi_spe_20050820_vigil-wyd_it.html

    ciao

    RispondiElimina
  107. no. il Papa è con noi. non vi approva gli statuti.

    eh eh eh

    non dovevano essere approvati ieri?
    anzi no, per l'immacolata?
    forse sbaglio, in novembre?
    ottobre?
    settmbre?

    o magari alla fine del mondo?

    ma.. se ci guardate bene, nella sistina in un angolo del giudizio c'è proprio KIKO.. grande prefigurazione, immensa intuizione

    però non mi ricordo più se a dx o a sx, comunque vicino al Papa, no problem

    RispondiElimina
  108. MISTER REPE CONTRO L'EMERGENZA RIFIUTI A NAPOLI

    "La monnezza, sfacelo che mortifica la dignità , influisce negativamente sulla vita, fisica e morale; spero che dopo tanto tempo si possa trovare una soluzione con la collaborazione di tutti, anche con la Chiesa: a tale proposito darò il buon esempio a tutti mangiando d'ora in avanti le mozzarelle di bufala insieme al loro incarto".
    E' quanto ha affermato Mister Repe sull’emergenza rifiuti in Campania.
    L'alto pelato ha anche ribadito che è necessario superare gli egoismi ,come fanno le cimici neocat napoletane che mettono da parte la spazzatura e una volta al mese vanno a depositarla sulla Sacra Piazza dell'Urbe. A tale proposito si stima che siano oltre 10 mila le tonnellate di spazzatura accumulata dalle cimici neocat,in attesa de loro trasferimento a Roma.

    RispondiElimina
  109. Principe di castelcicala3 gennaio 2008 20:29

    A PIPITA
    Cara piccola zampogna
    che timida sporgi
    dalla vetta del monte,
    piccola piva,
    pivellina, anzi,
    pivettina
    in questo tempo natalizio
    sei stata forse
    un po' troppo "suonata".
    Suo affezionatissimo
    Principe di Castelcicala

    RispondiElimina
  110. Pipìta del monte3 gennaio 2008 21:05

    Caro,carissimo principe,qual vena poetica,quale avita purezza cromosomica traspare dalle alate parole che Ella in uno dei rari momenti di lucidità del suo cranio desolatamente pelato è riuscita a mettere insieme.
    Ella ha l'animo dello zampognaro(e anche l'habitus peloso e flebile).

    Grazie!

    RispondiElimina
  111. Ma scherzi sono già stati approvati prima della scadenza di giugno scorso...

    PERCEZIONE SUBLIMINALE NEOCATECUMENALE

    Vorrei tanto sapere ki è l'anonimo che ha fatto le telefonate anonime alla nostra boss dicendo "Noi siamo tanti"... ma noi siamo altrettanti...

    RispondiElimina
  112. Pipìta del monte3 gennaio 2008 21:14

    La smetta,signor Felice, con codeste plebee elucubrazioni.Questo è un blog serio!

    RispondiElimina
  113. SCANDALO NEL PRESEPE DELLA DOMUS AUREA

    Il cav.,grand'uff.,avv. Giovanni Pipìa siculo ,che,nelle vesti di portatore di vino all'interno del grande presepe, ha tenuto la conta del conto alla rovescia per l'approvazione dello statuto neocat dalle sei di stamane alle sei di questo pomeriggio,intorno alle ore 14,00 circa si è messo a ballare ed a toccare i crani degli alti pelati dimoranti nel presepe al canto " Vitti 'na crozza".
    Controllato il suo armamentario,pochi minuti prima del termine del suo turno,si è scoperto che il grande barile di vino che gli era stato stamani per sedercisi sopra,era inesorabilmente vuoto!!!

    RispondiElimina
  114. "Siamo unica Chiesa di Cristo: io, te, il Papa e Kiko!!!!"

    qui, caro mio, c'è qualcuno di troppo,per fare la Chiesa ddavvero UNA

    RispondiElimina
  115. Tutto tace......, sarà l'epifania il grande giorno dell'approvazione?

    RispondiElimina
  116. Pipìta del monte4 gennaio 2008 08:43

    Per l'anonimo amico del post di ieri sera alle 23,50 (ora in cui sono solita abbandonarmi nelle braccia di Morfeo)


    Carissimo amico,la Sua supposizione mi sembra quella più giusta: molto probabilmente la Signora Carmen(noterà che io la definisco "signora" pur essendo ella di origini manifestamente plebee) sicuramente ha chiesto e ottenuto che lo Statuto venga approvato nel giorno della festa a lei dedicata.

    RispondiElimina
  117. Sull'Osservatore Romano,numero di oggi, uno splendido servizio sulla concezione sacerdotale che aveva il grande cardinale Colombo di Milano è curato direttamente dal cardinale Giacomo Biffi.
    Al centro di questa riflessione rievocativa di Biffi la concezione Cristocentrica del sacerdozio che, se fosse un pochino più diffusa tra i presbiteri neocatecumenali, impedirebbe loro di porre al centro della loro attenzione il tanto osannato Kiko.

    RispondiElimina
  118. Dovè la chiesa missionaria?
    Dovè la vocazione dei preti?
    Dovè la fede che porta a Cristo?
    Che mestiere fai?Sono Prete
    si guadagna bene ed è un posto sicuro e la vocazione? Beh mio zio è Vescovo .
    Chi conosce un presbitero con vocazione? Segnalatelo è in estinzione

    RispondiElimina
  119. fosse un pochino più diffusa tra i presbiteri neocatecumenali, impedirebbe loro di porre al centro della loro attenzione il tanto osannato Kiko.
    ma si può sapere che sacerdoti sono? perchè non vengono scomunicati?W Milingo?
    per me siete fuori di testa

    RispondiElimina
  120. "Chi conosce un presbitero con vocazione? Segnalatelo è in estinzione"

    non voglio giudicare i 'presbiteri' neocatecumenali né la loro vocazione, anche se diffido di come vengono 'formati': non certo col sensus fidei cattolico, e non dico altro...

    di sacerdoti cattolici con fior di vocazione ne conosco parecchi... chi ha scritto questo si vede che non li frequenta, frequentando soltando il Cammino; quindi non può conoscerli e per di più l'affermazione è di quelle "ricorrenti" fatte dai catechisti per instillare disprezzo nei confronti della chiesa e alimentare l'elitarismo del Cammino

    RispondiElimina
  121. Mi ha telefonato poco fa un interlocutore attendibile per dirmi che il Papa NON ha approvato gli Statuti NC ed è imminente l'uscita di un suo documento.
    Il suo informatore gli ha riferito: "i neocatecumenali sono arrabbiati"
    cioè, al momento serpeggerebbe la rabbia, ma non si pensa che la non approvazione in fondo non sarebbe che la logica conseguenza della non obbedienza?

    RispondiElimina
  122. Ho usato il condizionale, perché la notizia non è assolutamente ufficiale; quindi è bene prenderla col beneficio d'inventario...

    RispondiElimina
  123. speriamo che hai ragione, in caso contrario? Qualè il tuo fioretto?

    RispondiElimina
  124. "speriamo che hai ragione, in caso contrario? Qualè il tuo fioretto?"

    che significa?

    io non spero di avere ragione: spero che si compia il bene per la Chiesa e per la Verità...

    RispondiElimina
  125. Grazie del testo, Francesco. L'ho salvato!

    RispondiElimina
  126. La posta in gioco è ben più alta dell'approvazione dello statuto neocetecumenale.
    Constatata l'esistenza di derive pericolose nella Chiesa, di cui il Cammino neocatecumenale è la componente più plateale e radicale oltrechè diffusa, la eventuale non approvazione statutaria sarebbe coerente con il programma avviato da questo pontificato: fare ordine, riportare le cose al loro posto, risistemare i fondamenti della fede cattolica, ribadire il nucleo fondante del magistero e della dottrina messo in discussione dalla teologia e dal pensiero riformista-relativista scaturito dalla forzatura del Concilio Vaticano II.

    Sinceramente, mi avrebbe stupito il contrario, e cioè che dopo una serie di atti e documenti tutti tesi a valorizzare il patrimonio inestimabile della tradizione della Chiesa, incoscientemente buttato a mare e rinnegato dalla mens modernista, venisse approvato il documento statutario di un movimento che, per quanto predica e per quanto pone in essere, si pone come alternativa radicalmente rifondatrice della Chiesa stessa.

    Non approvare lo statuto neocatecumenale avrebbe una valenza educativa ben maggiore del suo contrario, poichè, oltre a ridare serenità ai tantissimi fedeli smarriti e confusi dalla prepotenza ed invadenza neocatecumenale, richiamerebbe alla disciplina e dell'ordine quanti ai vari livelli della gerarchia eccelsiale, come è stato rilevato, hanno scambiato i documenti conciliari per il libretto rosso di Mao Ze Dong, ossia un piccone con cui scardinare la tradizione della Chiesa dalle fondamenta.

    RispondiElimina
  127. http://www.cesap.net/index.php?option=com_content&task=view&id=1222&Itemid=1

    cliccateci e datevi una lettura... c'ho perso una settimana per farlo.

    RispondiElimina
  128. Mic ha scritto:

    l'unica cosa che ci preme evitare sono le discussioni politiche, che
    esulano dal nostro impegno e che sfioriamo solo per quanto necessario..

    E' un punto importante perchè la
    riflessione intrapresa va ben oltre
    le sensibilità politiche. Però attenzione perchè viviamo un rigurgito di anticlericalismo che
    in realtà non è altro che la faccia
    presentabile di un anticristianesimo nemmeno troppo nascosto che punta direttamente l'indice contro chiunque rifiuti
    questo atteggiamento. Allora chi si presenta
    compatto può anche ergersi a paladino della cristianità o fare
    semplificazioni tipo:

    "complimenti al signor mic che difende il comunismo e attacca Kiko solo
    in virtù del suo odio personale senza riuscire a guardare quanto di
    positivo fa...congratulazioni!"


    In realtà a Roma come a Madrid in piazza non vi erano solo i nc. La deriva spagnola è di chiara ispirazione massonica, lo stesso leader è nipote di massone, crede
    di combattere ancora la guerra civile del '36

    RispondiElimina
  129. PdC ha scritto:

    "Faccio parte della Chiesa peregrinante chiamata da Cristo ad una
    continua riforma della quale,in quanto istituzione umana e terrena, ha
    sempre bisogno".


    La secolarizzazione è accettata dal
    cnc e al tempo stesso utilizzata
    come giustificazione di partenza per introdurre una visione difforme dal catechismo della chiesa cattolica.

    Intanto bisognerebbe ricordare che la Chiesa rimane corpo mistico al di là delle possibili mancanze umane dei suoi ministri, e questo proprio in virtù della promessa divina!

    Ma tutto lo sforzo del cnc sembra teso a superare le vecchie formulette ritenute non più proponibili, dimenticando che quelle formulette contengono una
    concezione precisa del mistero salvifico , una consapevolezza
    della potenza della grazia che
    la chiesa offre con i sacramenti
    e non attaverso percorsi di autopromozione consistenti in discesa e risalita

    RispondiElimina
  130. cliccateci e datevi una lettura... c'ho perso una settimana per farlo.
    -------------------------------
    hai perso una settimana ,era meglio se studiavi

    RispondiElimina
  131. guardacaso è saltato fuori mentre lo stavo facendo... pirla

    RispondiElimina
  132. "Non approvare lo statuto neocatecumenale avrebbe una valenza educativa ben maggiore del suo contrario, poichè, oltre a ridare serenità ai tantissimi fedeli smarriti e confusi dalla prepotenza ed invadenza neocatecumenale, richiamerebbe alla disciplina e dell'ordine quanti ai vari livelli della gerarchia ecclesiale..."

    Certo Livio, oltre alla coerenza e ad una non più differibile esigenza di chiarezza, ci sarebbe anche l'esemplarità, da non sottovalutare per il resto dei 'dissidenti', molto attivi nel dare picconate di ogni genere al sensus fidei dei cristiani cattolici

    RispondiElimina
  133. di sacerdoti cattolici con fior di vocazione ne conosco parecchi... chi ha scritto questo si vede che non li frequenta, frequentando soltando il Cammino; quindi non può conoscerli e per di più l'affermazione è di quelle "ricorrenti" fatte dai catechisti per instillare disprezzo nei confronti della chiesa e alimentare l'elitarismo del Cammino
    ----------------------------------
    questa è bella Mic , che significa che i preti che seguono il CNC non fanno parte della chiesa cattolica?

    RispondiElimina
  134. guardacaso è saltato fuori mentre lo stavo facendo... pirla
    -----------------------------
    non ho capito,hai detto che sono un pirla?

    RispondiElimina
  135. No, era solo un modo per fare amicizia

    RispondiElimina
  136. Certo Livio, oltre alla coerenza e ad una non più differibile esigenza di chiarezza, ci sarebbe anche l'esemplarità, da non sottovalutare per il resto dei 'dissidenti', molto attivi nel dare picconate di ogni genere al sensus fidei dei cristiani cattolici
    -------------------------------
    non illudetevi; il CNC verrà approvato,forse con qualche rettifica ,ben venga.

    RispondiElimina
  137. Montmirail:
    "Ma tutto lo sforzo del cnc sembra teso a superare le vecchie formulette ritenute non più proponibili, dimenticando che quelle formulette contengono una
    concezione precisa del mistero salvifico, una consapevolezza della potenza della grazia che
    la chiesa offre con i sacramenti
    e non attraverso percorsi di autopromozione consistenti in discesa e risalita"

    esatto, dimenticando che quelle che chiamano "formulette" da superare sono Dogmi di Fede in Cristo Signore (sanciti dagli Apostoli, dai Padri, dai primi Concili), che non ingabbiano, ma orientano e garantiscono e salvaguardano l'autenticità dell'Annuncio Evangelico, di cui la Chiesa è depositaria non solo giuridicamente, ma in quanto Corpo mistico di Cristo e 'luogo' della Sua Presenza e dell'Azione della Sua Grazia fino alla fine dei tempi...

    RispondiElimina
  138. Sei molto simpatico Felice,
    con tutta la mia ingenuità accetto la tua amicizia in Cristo

    RispondiElimina
  139. Mi fa piacere, ho tanti amici di religioni diverse...

    RispondiElimina
  140. ben detto Mic,sicuramente l'unica modifica sarà come ricevere i sacramenti ,seduti o in piedi,
    il resto rimane invariato,contento?
    IO si

    RispondiElimina
  141. sei TDG per caso o mussulmano?
    Io sono cattolico Romano

    RispondiElimina
  142. "questa è bella Mic , che significa che i preti che seguono il CNC non fanno parte della chiesa cattolica?"

    istituzionalmente sì, ma resta tutto da dimostrare e verificare che abbiano lo stesso sensus Fidei della Chiesa cattolica, conoscendo la loro fedeltà agli insegnamenti kikiani, soprattutto in riferimento alle celebrazione eucaristica, al loro "non essere" i pastori del gregge, al senso del peccato che interiorizzano e trasmettono, l'obbedienza a Kiko e non al Papa...

    RispondiElimina
  143. "ben detto Mic,sicuramente l'unica modifica sarà come ricevere i sacramenti ,seduti o in piedi,
    il resto rimane invariato,contento?"

    E' tutto quello che hai capito da kilometri di post, da pagine a pagine del sito e da anni di studio e riflessione all'interno della gerarchia ecclesiale?

    Scusa, ma devo ripetere, anch'io scherzando, quello che ti ha detto Felice!!!

    RispondiElimina
  144. "sei TDG per caso o mussulmano?
    Io sono cattolico Romano"

    NO, tu sei un neocatecumenale travestito da cattolico roamano,che forse non sa di esserlo (travestito)

    RispondiElimina
  145. bravo Mic,vuol dire che la chiesa ha sbagliato di nuovo,se mi dici la chiesa che frequenti ti vengo a trovare ,forse ritrovo anch'io il senso dello scherzo,mi puoi indicare qualche prete del CNC che non ubbidisce al proprio Vescovo?
    non ripetere la lettera del Card.Arinze è vecchia

    RispondiElimina
  146. NO, tu sei un neocatecumenale travestito da cattolico roamano,che forse non sa di esserlo (travestito)
    ---------------------------
    anche per te vale la stessa cosa che ho detto a Mic : dimmi la chiesa che frequenti e ti vengo a trovare ,per farti vedere che di tavestito non ho nulla,son vestito tutto nuovo,sopratutto senza malizia

    RispondiElimina
  147. per felice ,controlla prima,
    Oggi la vediamo in TV Lorita Tinelli a censurare le attività di Arkeon con
    la partecipazione del predicatore di Ratzinger Raniero Cantalamessa e preti
    e suore che supportavano la manipolazione mentale di persone ridotte alla
    fragilià.
    Ma non dimentichiamo che Lorita Tinelli ha partecipato ad un sodalizio
    criminoso coposto da Silvana Radoani, Maurizio Antonello e Odivelli la cui
    attività consisteva nel spargere odio religioso.
    http://stregoneriapagana.blogspot.com/
    Noi come Pagani che abbiamo subito e anche denunciato tale attività di
    terrorismo sappiamo benissimo di quanto odio grondano quelle mani e,
    sinceramente, siamo un po' perplessi.
    Capisco che non esistendo satanisti da vessare i "cacciatori di sette" sono
    costretti a rivolgere lo sguardo nei confronti dell'attività Vaticana della
    quale sappiamo alcuni orrori. ma sono i personaggi che ci lasciano
    perplessi: quelli che fanno i soldi sui plagiati dai cristiani plagiatori!
    Così ho fatto un articolo in un blog tanto per ricordare i trascorsi del
    sodalizio criminoso a cui Lorita Tinelli ha partecipato.
    http://www.stregoneriapagana.it

    RispondiElimina
  148. per quel che mi riguarda... è la reazione ke mi aspetto da esseri plagiati dal verbo di kiko

    RispondiElimina
  149. per quel che mi riguarda... è la reazione ke mi aspetto da esseri plagiati dal verbo di kiko
    -----------------------------
    ??? è tutto?

    RispondiElimina
  150. Felì ... e aggiungo ... Un tranello di obbedienza psicologica alla quale non solo ci sono castati (e cascano) tanti fedeli, ma purtroppo in tanti sono i sacerdoti e vescovi che essendosi distratti dal doveroso e continuo vegliare, si son trovati all'obbedienza nei confronti di questi catechisti, del loro lider, invece a chi di dovere.

    RispondiElimina
  151. azzoooooooooooo... sembrate chiusi nei vostri cathecumenium e poi.... bravi bravi... ne sono a conoscenza di tutto...

    se tu sapessi realmente che grande persona era Maurizio (non l'ho mai conosciuto ma mi è stato detto), e se tu avessi una briciola del cervello della Dott. Tinelli...

    Guarda ke nemmeno io mi risparmio le critiche verso la Chiesa... già il fatto ke permette la proliferazione dell'agente patogeno neocatecumenale... pensi ke nn abbia il coraggio di sputare in faccia ad vescovo?

    Padre Pio vi faceva il sedere a tarallo...

    RispondiElimina
  152. Lara,la mia unica psicologia e ubbidienza è quella di Gesù Cristo

    RispondiElimina
  153. e se tu avessi una briciola del cervello della Dott. Tinelli...
    .......................
    per grazia di Dio ,no

    RispondiElimina
  154. Pipìta Del Monte4 gennaio 2008 15:07

    Carissimo signor Filus (il "signor" è di prammatica soltanto,poichè - mi consenta - nutro serissimi dubbi sulla Sua signorilità),

    Ella più volte ha redarguito i frequentatori di questo bloc (che anche io,come vede, mi degno a volte di frequentare)come crociati armati contro il cammino neocatecumenale,a me vivamente raccomandato dal conte ****,ma che io,dopo averlo frequentato alquanto,ho riscontrato essere formato si da persone blasonate,ma fortemente plebeo nei linguaggi e nelle azioni.A maggior ragione quando parla in pubblico la sua musa ispiratrice che,oltre a vestire male, alza alquanto il tono della voce,dando esempi di scarsissimo bon ton.

    Vuole,per favore ,essere così gentile da evitare toni da rissa?

    RispondiElimina
  155. Padre Pio vi faceva il sedere a tarallo...
    ------------------------------
    l'hai interpellato? ha detto proprio cosi??

    RispondiElimina
  156. voi parlate sempre di sti miracolini del cavolo ke avvengono nelle vostre comunità.

    il vero miracolo visibile, l'ho detto anke a miriam, si chiama

    CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA in S.G. ROTONDO (FG)

    RispondiElimina
  157. mi scusi Sua altezza ,perdoni il mio tono scomposto,sono abituato a frequentare l'immondizia,deliguenti ecc..
    forse per questo è uscita dal CNC,e be si non ci sono conti ,baroni e bon ton,Forse fa parte di quelli che vanno a trovare Gesù Cristo nella notte travestiti per non farsi riconoscere?

    RispondiElimina
  158. CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA in S.G. ROTONDO (FG)
    ------------------------
    grazie Felice,ma devo andare

    RispondiElimina
  159. Pipìta Del Monte4 gennaio 2008 15:16

    Per Lunatic ( è lei che cosi vuole nomarsi) asylum (indicativo della sua età mentale?),

    Molto gentile signore(!),

    Le sarei grato se riservasse i suoi complimenti a persone del Suo ceto,anche perchè la scrivente non ne ha bisogno e le rarissime volte in cui perde la pazienza adopera uno sciroppo appositamente ed esclusivamente preparato nella farmacia di Piazza di Spagna.

    Approfitto dell'occasione per rivolgerLe i miei ossequi gentilizi.

    RispondiElimina
  160. "quelli che fanno i soldi sui plagiati dai cristiani plagiatori!"

    su questo stendo un velo pietoso...

    RispondiElimina
  161. filus ha detto:
    non illudetevi; il CNC verrà approvato,forse con qualche rettifica ,ben venga.


    Ma siamo alle comiche o cosa? Non so se verrà approvato, ho detto giaà mille volte la mia opinione, ovveroo che verrà approvato (povera chiesa), ma non dite "forse con qualche rettifica", perchè se sono passati tutti questi mesi, dopo 5 anni di experimentum, non è per fare qualche modifica ma per cambiarlo in toto. E' evidente che nel CNC c'è più di qualcosa che non va...
    Ancora aspettiamo di vedere la vostra obbedienza tanto decantata e osannata, ma che di fatto si rivolge solo ai catechisti, mentre le gerarchie della Chiesa (papa in primis) vengono ignorate.

    RispondiElimina
  162. Sotto la presenza di continui parametri giusti emanati da Benedetto XVI, e il proseguirsi ancora dei strani riti dentro la chiesa, sembra che ci sia una forte problematica di gestione ...

    Però (come dice Livio)
    " ... dopo una serie di atti e documenti tutti tesi a valorizzare il patrimonio inestimabile della tradizione della Chiesa.."

    non ci si può aspettare altro che una risposta coerente dalla Santa Sede , senza badare alla problematica di gestione. Chi sta o vuol stare, sta; e chi no, peggio per lui!

    Ma ordine! Perchè la Chiesa non si potrà mai rafforzare con questa presenza all'interno, tra confusione, contradizione e deviazione!

    RispondiElimina
  163. Ma voi l'avete mai conosciuto un marito che ha la moglie in Cammino e non sa come tirarla fuori? io ne conosco 2, uno dei quali è mio cugino che non riconosce + sua moglie.

    RispondiElimina
  164. Pipìta Del Monte4 gennaio 2008 15:22

    Gentile signor Filus,

    forse non mi ero spiegata bene (ancorchè esistano serie possibilità di dubbio circa le Sue facoltà di comprensione), io tra i neocatecumenali non ho trovato la plebe, come Ella vuol Significare e che a me sarebbe stata assai simpatica, ma ci ho trovato la borghesia medio-alta e una parte di nobiltà decadente.Queste due ultime categorie di persone,benchè io sia molto tollerante e comprensiva, sono alquanto scadenti nei toni e nel pensiero.
    Non parlo ovviamente del loro cuore,in quanto è difficilissimo scorgervelo sotto la fitta coltre di pelame che lo ricopre.ù

    Sperando di essere stata esaustiva, Le porgo cordiali saluti.

    RispondiElimina
  165. Lunatic,

    a cosa ti sei ridotto bazzicando i neocatecumeni....a fare il condizionamento mentale di un gatto. Prove generali per quando diventerai catechista?

    RispondiElimina
  166. "Lara,la mia unica psicologia e ubbidienza è quella di Gesù Cristo"


    Filus, se fosse veramente così, avresti luce e capiresti il 'complesso gioco di potere' nc.

    RispondiElimina
  167. Pipìta Del Monte4 gennaio 2008 15:30

    Molto egregio lunatic,

    ben volentieri Le manderò un assaggio del mio unguento esclusivo per lenire le Sue audaci impennate verbali. Unito ad esse,se mi consente, Le invierò anche una pozione che potrà giovarle nel controllo del suo ininterrotto flusso intestinale,che ho ragione di pensare l'assale sovente quando scrive su questo blog.

    Con l'augurio di una pronta guarigione, distintissimi saluti da parte mia.

    RispondiElimina
  168. filus ha detto...

    ben detto Mic,sicuramente l'unica modifica sarà come ricevere i sacramenti ,seduti o in piedi,
    il resto rimane invariato,contento?
    IO si

    Credo che il problema non sia solo
    formale, ci sono elementi che riguardano i testi del cammino che
    occupano una parte importante,
    penso che questo sia il vero nodo
    da sciogliere.

    RispondiElimina
  169. "Lara,la mia unica psicologia e ubbidienza è quella di Gesù Cristo"

    Senso comune....................

    RispondiElimina
  170. Mic ti ho mandato una mail!

    RispondiElimina
  171. Ho appena cancellato tutte le cretinate di Lunatic Asylum alias il signor F.P.
    Ti preghiamo di scrivere cretinate nel tuo blog (per nulla frequentato). Se vuoi scrivere qui partecipa alla discussione in maniera intelligente ( come credo che in fondo tu sia :-( ) e costruttiva.

    RispondiElimina
  172. ricercatore di identità altrui4 gennaio 2008 18:03

    Carissimo Felice Scaringella,
    non ero io a telefonare alla tua boss (Vorrei tanto sapere ki è l'anonimo che ha fatto le telefonate anonime alla nostra boss dicendo "Noi siamo tanti"... ma noi siamo altrettanti...); Il termine boss qualifica il tuo rapporto con la tinelli.

    RispondiElimina
  173. Commentatore di Francesco4 gennaio 2008 19:00

    "I sacerdoti, o meglio i presbiteri,neocatecumenali prima o poi dovranno rendere pubblica ragione della loro scelta di aver intrapreso un "cammino" a tappe, dimenticando,disprezzando,o comunque, dileggiando la formazione cattolica ricevuta in seminario"
    .................................

    In seminario infatti insegnano a non intraprendere mai un cammino a tappe. Ora alcune scuole di formazione dicono che in seminario si insegna un cammino con un'unica tappa, altre che è meglio far tappe senza cammino.
    L'aver intrapreso un cammino a tappe è un crimine orrendo, dice Francesco, di cui dovranno rendere
    pubblica ragione. Un giorno in mezzo alla piazza verrà issato un palco : là sfileranno uno per uno i sacerdoti, o meglio, i presbiteri e a loro si chiederà : date ragione in questa pubblica piazza del perchè avete intrapreso un cammino a tappe dimenticando la formazione cattolica ricevuta che non insegna mai un cammino con tappe : o le tappe o il cammino!
    Piangendo i sacerdoti, o meglio i presbiteri, balbetteranno il perchè della loro scelta. Allora
    coloro che avevano il diritto di sapere il perchè di questa scelta,
    soddisfatti infine, sapranno.

    RispondiElimina
  174. Glossatore di Mic4 gennaio 2008 19:06

    State vicini ai drammi delle persone ed educatele e mostrate loro il Signore, invece di mostrarvi nelle piazze insieme agli avventurieri!
    ...................................

    Ossia fate come me, imitatemi e come vedete che io faccio, così fate voi. Sempre vicino ai drammi, mai un sorriso, sempre educando e mostrando il Signore che porto sempre con me. Non nelle piazze , ma nell'ombra, nell'anonimato, umile servo che odia l'avventura!

    RispondiElimina
  175. il sarcasmo e la pretestuosità del glossatore di Mic e del commentatore di Francesco parlano da soli...fastidio,livore,mancanza di argomenti seri

    RispondiElimina
  176. Pipìta del monte4 gennaio 2008 20:50

    ...e,soprattutto....toni plebei,direi,caro signor Gert, ai quali non bisogna assolutamente dare ascolto.

    RispondiElimina
  177. cioè quale sarebbe per lei questo rapporto? Sincera amicizia e rispetto reciproco, nonchè serio rapporto professionale e da parte mia, desiderio d'imparare qualcosa...

    Qualcosa in contrario? Ah già... mi sono fatto un idolo... Dai, domani vado in comunità e mi confesso davanti a tutti... yuuuuuuuuuu!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  178. Bravo utilizzi molto i processi percettivi TOP-DOWN... la pietra la tiriamo. ekkomeeeeeeeeee..........

    RispondiElimina
  179. messaggio da newgold69
    Carissimo f.p. se vuoi sapere chi sono è facile inserisci su google il mio nick!

    RispondiElimina
  180. hai dimenticato augusto faustini razza di imbecille... non lo nomini perkè forse è vera la sua storia o è anke lui uno ke ha seri problemi mentali. qui mi sembri tu il più grave di tutti. fai terapia col tavor stanotte. come hai fatto a capire ke vi devo sbattere la mia tesi in faccia? sempre se la vostra iattura nn mi colpisce prima...

    RispondiElimina
  181. Quante vite frantumate, stuprate e totalmente ignorate dai neocatecumenali, come quella degli amici che hanno nominato qui su...
    Tutti noi sappiamo quanto le loro affermazioni siano false soprattutto quando pretendono di conoscere una persona con quattro cose buttate lì con perversa pretestuosità.

    Ma per ora transeamus, sarà il Signore che continuerà a guidare questo nostro percorso, che certo non si ferma qui :)

    RispondiElimina
  182. quoto volentieri felice scaringella ci ha perso una settimana per scriverlo:
    03/01/2008
    Breve riflessione scientifica su un aspetto molto discusso del Cammino Neocatecumenale

    A cura di

    Felice Scaringella

    Studente 1° anno del corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Facoltà di Scienze della Formazione - Università degli Studi – Bari – Socio collaboratore Ce.S.A.P.

    Nelle convivenze d’inizio corso, ai nuovi aderenti al Cammino Neocatecumenale viene svelato il vero scopo cui erano rivolte quelle catechesi parrocchiali per adulti tanto promosse dal parroco e da quelle persone che “tanto si vogliono bene”. I neofiti vengono iniziati ai primi riti, all’Eucarestia (secondo Kiko), istruiti sul bisogno di dare e ricevere amore (ai/dai fratelli delle comunità ovviamente), a come difendersi dagli attacchi provenienti dall’esterno delle comunità, ecc.
    ...

    caro Felice, scusa; ma da domani il tuo testo integrale, troppo lungo per il blog, sarà sul sito :)

    RispondiElimina
  183. Chi ha cancellato il post cui mi riferivo, poco fa?

    RispondiElimina
  184. veritasidentitatis4 gennaio 2008 23:52

    con il che si è capito che mic à miriam la bibliotecaria!

    RispondiElimina
  185. veritasidentitatis4 gennaio 2008 23:54

    a furia di cancellare vi siete cancellati da soli mic speravo tu fossi diverso da miriam invece ... ti sei tradita

    RispondiElimina
  186. Puoi dire quel che vuoi, ognuno di noi è quello che dice e mostra di essere, non ha niente da nascondere e continuerà tranquillamente a fare quello che ha sempre fatto, con l'aiuto del Signore...

    RispondiElimina
  187. "a furia di cancellare vi siete cancellati da soli mic speravo tu fossi diverso da miriam invece ... ti sei tradita"

    se intendevo cancellare non avrei risposto... un compagno di cordata forse... ma non importa.
    Uno dei nomi che hai fatto è noto nel web e anche fuori e non ha nulla da nascondere, ma neppure a che vedere, come impegno dominante con questo nostro blog

    RispondiElimina
  188. Bhe non l'ho postato io sul blog per intero... è stato il paparuolo.

    Grazie comunque...
    ah mettici pure quella tesi ke ti ho mandato per favore... kosì aggiunge pure altri nomi a lista nera

    RispondiElimina
  189. La tesi c'è già, nella sezione analisi, Felice :)
    grazie per il tuo lavoro che sarà inserito lì

    RispondiElimina
  190. messaggio di newgold69

    quello vero

    un imbecille ha scritto il seguente messaggio:

    messaggio da newgold69
    Carissimo f.p. se vuoi sapere chi sono è facile inserisci su google il mio nick!

    04 gennaio, 2008 23:26



    è l'ennesima volta che accade una cosa del genere e si affianca il mio nick a siti per lo meno discutibili. è ora di finirla.

    i gestori del blog, che hanno la capacità e posibilità di verificare e risalire ai falsi messaggi, verifichino chi è l'autore del messaggio di cui sopra e agiscano di conseguenza.

    il demonio è il mentitore per eccellenza. strana coincidenza che chi vuole il male di chi difende la verità della chiesa cattolica contro una setta che si dice cattolica, si comporti allo stesso modo di satana. quando il male viene svelato dimotra il suo vero volto!

    RispondiElimina
  191. Devono essere davvero stizziti e arrabbiati per cadere così in basso:(

    RispondiElimina
  192. glossatore di Mic5 gennaio 2008 00:38

    Devono essere davvero stizziti e arrabbiati per cadere così in basso:(

    ...................................

    Ovvero, non vedete come mi preoccupo per voi?
    Preoccupone!

    RispondiElimina
  193. messaggio
    di kirikiki'

    Buon Anno a tutti quanti!

    Ritorno dopo un po di tempo e che mi trovo? Le solite abberrazioni dei NC. Agressivi, tendenziosi, gira-frittate, seminatori di fumo da quattro soldi. Insomma invece di migliorare non fanno altro che cadere nelle stesse ripetizioni volgari. Avete la faccia tosta di dire che niente e' successo anche se gli statuti sono scaduti e niente e successo se la lettera di Arinze sia stata disattesa in toto.
    Ora sentite l'ultima che qualcuno mi ha raccontato: L'ultimo dell'anno per ordine di Kiko tutte le comunita' si sono riunite nella casa di un fratello ed hanno celebrato la Messa! Di certo ne so due casi vedro' se potro' trovare qualcun'altro.
    Ve lo immaginate? Celebrare la Messa in case private! Io capisco una cosa del genere in paesi dove la liberta' religiosa non c'e' ma in paesi dove le chiese sono sempre aperte e dove a nessuno glie puo' fregar de meno se vai a messa o meno, voi vi chiudete nelle case e celebrate la Messa!!!!!!!!!!!
    Ma i vescovi lo sanno?
    Vi rendiamo conto di quanto sia subdolo sto KIKO? Alla faccia delle racomandazioni del Papa, alla faccia dei periodi di prova, alla faccia di tutto insomma!
    Io non ho parole!
    Cerchero' di scoprire piu' a fondo e spero non sia vero niente, se no qualcuno che sta a Roma dovrebbe mandare una letterina a qualche Cardinale, perche' se non si tratta solo di uno o due casi (di cui sono venuto a conoscenza) allora Kiko & company stanno trannellando una grossa, sta volta!
    Vi terro informati. Un saluto a TODOS los HERMANOS!
    Signore aiutaci!

    RispondiElimina
  194. Scusa mic, forse per errore l'ho cancellato io mentre toglievo tutta l'immondizia di f. pozzi.

    RispondiElimina
  195. Caro kirikiki' quello di celebrare nelle case non è una novità nel CNC.
    Si è sempre fatto e devi capire che a loro della lettera del Card. Arinze non gliene può fregare di meno... Lo hanno dimostrato in questi due anni lo stanno spuduratamente confermando adesso!

    RispondiElimina
  196. Julius Streichner5 gennaio 2008 00:58

    Ciao kikirikì, ben tornato!

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.