sabato 24 ottobre 2015

Qatar: il Cammino fa danni (...come ovunque nel mondo)

Questo appello è per proteggerci contro l'indottrinamento neocatecumenale che avviene durante la Santa Messa nella chiesa cattolica a Doha (Qatar).


Vi scrivo per informarvi sul serio problema che sta vivendo la chiesa di Nostra Signora del Rosario, a Doha, nel Qatar.


Primo punto:

vedete qui allegato un poster che in questi giorni è affisso alla nostra chiesa. Leggetelo, e poi cercate di rispondere alle seguenti domande:
  1. quale organizzazione ha pubblicato tale poster? (il Cammino Neocatecumenale)
  2. quale è lo scopo di ciò che presenta? (fondare il Cammino Neocatecumenale a Doha)
  3. chi è responsabile di tale realizzazione? (Fabio Venturini e Camillo Ballin)
  4. quale è lo scopo di tali incontri? (ri-orientare la Chiesa Cattolica Romana verso il Cammino)
  5. per quanto tempo occorre partecipare a tali incontri del lunedì e mercoledì sera? (per due mesi)
  6. dove avverranno gli incontri? (nella Seraphic Hall, appartenente alla chiesa cattolica di Nostra Signora del Rosario, a Doha)
  7. chi ha approvato la cosa a nome della Chiesa Cattolica Romana? (il vescovo Camillo Ballin)
  8. non vi sembra strano che nel poster non troviate alcuna risposta concreta a tali domande, e che sareste rimasti confusi se io non ve le avessi scritte qui fra parentesi? (ovviamente!)


Secondo punto:

Domenica scorsa, 18 ottobre 2015 alle 17:30 (ora locale del Qatar), il sacerdote Fabio Venturini ha celebrato la Santa Messa nella chiesa principale di Doha. A qualunque cattolico che conosca la struttura e il contenuto del Rito Romano, le seguenti cose avvenute durante la Santa Messa saranno apparse particolarmente strane:

1. Fabio Venturini metteva in questione il significato di Gesù Cristo nelle nostre vite, dicendo ai parrocchiani che l'esistenza e la morte di Gesù non ci avrebbero cambiato in nulla, dal momento che rispetto a prima della venuta di Gesù siamo ugualmente malati, sofferenti, criminali, peccatori, depressi e via dicendo. In poche parole, Gesù non avrebbe avuto alcun vero impatto, per cui non avrebbe alcuna importanza nella nostra vita.
(È un'eresia il voler "negoziare" la Redenzione e il carattere sacrificale dell'Eucarestia, ma quel "negoziare" è parte essenziale del Cammino Neocatecumenale).

2. Fabio Venturini ha predicato particolarmente a lungo su quanto soffriamo e quanto desideriamo la salvezza, tentando di evidenziare che siamo troppo deboli di fronte ai problemi della vita.
(L'esagerare le difficoltà della vita, come sofferenza, tristezza, rabbia, solitudine, rimorso, paura, e perfino il suggerirle o imporle, è una delle principali strategie che il Cammino Neocatecumenale utilizza per indurre la gente a partecipare alle cosiddette "catechesi" nelle quali i kikos si presentano come i salvatori).

3. Durante la Messa, Fabio Venturini ha chiesto chi è che non si confessava da più di un anno, invitando i parrocchiani ad alzare la mano per dire "io" in modo che tutti in chiesa potessero vederli. Lui stesso ha alzato la mano!
(Non so cosa sia peggio: un prete convinto di non dover riconoscere i propri peccati e che nega il Sacramento della Confessione, tentando di dare a intendere che ciò sarebbe totalmente legittimo e accettabile... oppure il suo indurre gli altri a riconoscere quel proprio particolare peccato di fronte a 400 persone. Nessuno, nemmeno i preti della Chiesa Cattolica Romana, può mai violare il sigillo della Confessione. Ma d'altronde la nostra Confessione è un atto "confidenziale" di fronte al sacerdote, e il pubblico riconoscimento di propri specifici peccati personali di fronte agli altri durante la liturgia, non fa parte del Rito Romano).

4. Dopo l'omelia, un laico appartenente al Cammino Neocatecumenale ha dato la sua testimonianza.
(Le testimonianze private dei laici non appartengono al Rito Romano! inoltre, partecipando alla Messa in lingua spagnola celebrata da Fabio Venturini sabato 17 ottobre alle 11:15 del mattino, posso confermare che questa Messa è iniziata con una predica di venti minuti seguita da altri venti minuti di testimonianza di una donna del Cammino: insomma, i primi 40 minuti della Messa sono stati di indottrinamento neocatecumenale ammannito ai fedeli cattolici ignari).

"Prima Comunione" in rito neocatecumenale...
5. Fabio Venturini ha improvvisato il canto gregoriano [di alcune parti proprie della Messa, ndt] ma la sua performance in stile canzonetta pop ha mostrato chiaramente che non ha alcuna formazione sul gregoriano.
(Tutti sappiamo che il canto gregoriano è un elemento centrale della liturgia cattolica, ed è perciò una parte obbligatoria della formazione di ogni sacerdote cattolico. Com'è possibile che questo prete non sappia come si canta un canto gregoriano?)

6. Fabio Venturini ha invitato i parrocchiani a partecipare alle sue "sessioni di predicazione" ogni lunedì e mercoledì alle ore 19, senza precisare neppure di striscio che quelle sessioni sono una iniziazione al Cammino Neocatecumenale.
(La chiamo "iniziazione" perché lui stesso ha detto che resterà a Doha per due mesi, e le cosiddette "catechesi iniziali" del Cammino richiedono tipicamente due sere a settimana per otto settimane: guarda caso, il lunedì e il mercoledì per due mesi).

7. Fabio Venturini ha detto che le nostre sofferenze avranno termine solo attraverso la nostra conversione, conversione che otterremo solo percorrendo un itinerario, e che questo itinerario (cioè la nostra via verso la conversione e la salvezza) comincia lunedì 19 ottobre 2015 alle ore 19 al Seraphic Hall.
(Praticamente, il messaggio è che la salvezza dei cattolici che hanno i Sacramenti e partecipano regolarmente alla Santa Messa e vivono una buona vita cristiana... avverrebbero solo attraverso il percorso cominciato lunedì 19 con Fabio Venturini. Pare dunque che tutto ciò che Gesù Cristo ha fatto - e che noi veramente adoriamo - non avrebbe nulla a che fare con la nostra salvezza).

Il "santino" di san Kiko
8. Durante la sopracitata Santa Messa in lingua spagnola di sabato 17 ottobre alle 11:15, Fabio Venturini ha dimenticato di amministrare la Comunione ai Ministri Straordinari della Comunione, col risultato che abbiamo dovuto fargli notare il motivo per cui eravamo tutti fermi lì.
(È chiaro che questa pratica è inusuale per lui e che lui non rispetta affatto le caratteristiche e la struttura del Rito Romano).

9. Dopo la Santa Messa, Fabio Venturini ha invitato singoli parrocchiani a "sedursi" a vicenda quando vengono in chiesa per la Santa Messa, mandandosi a vicenda segnali espliciti della propria disponibilità. Ha inoltre tentato di convincerli che avrebbero già incontrato il proprio futuro coniuge qui in parrocchia, e che dovrebbero sposare qualcuno che hanno già attorno in questo momento.
(A parte il fatto che dovremmo partecipare alla Santa Messa per ben altri motivi, e concentrarci sulla celebrazione Eucaristica... Come dovremmo commentare quelle sue affermazioni? Peraltro i matrimoni combinati/forzati all'interno di una comunità o parrocchia, non sono una pratica della Chiesa Cattolica).


Terzo punto:

ecco come purtroppo un tipico parrocchiano della chiesa cattolica a Doha vede questa situazione:

1. il prete (Fabio Venturini) farà "sessioni di predicazione" due volte a settimana qui a Doha; viene dall'Italia, ha l'abito clericale, ha un celebret per celebrare la Santa Messa nella parrocchia cattolica di Doha, per cui non ci sarebbe niente di irregolare nella sua attività. Fabio Venturini avrebbe tutta la credibilità di un tipico sacerdote cattolico.

"Arte sacra" dell'iniziatore neocatecumenale
2. il vescovo Camillo Ballin pure viene dall'Italia e conosce molto bene Fabio Venturini. Abbiamo saputo che ha proposto e organizzato le "sessioni di predicazione" di Fabio Venturini a Doha. Dopotutto tale vescovo è Vicario Apostolico dell'Arabia Settentrionale, per cui chi siamo noi (laici) per mettere in questione le sue buone intenzioni? L'approvazione del vescovo sarebbe garanzia che tutto è sotto controllo, e il fatto che il Cammino Neocatecumenale già esiste in Kuwait ci confermerebbe che è tutto secondo le regole della Chiesa Cattolica.

3. Anche se questi due (Fabio Venturini e Camillo Ballin) non hanno chiarito che le "sessioni di predicazione" sono in realtà l'iniziazione al "neocatecumenato", e non hanno chiaramente annunciato che hanno intenzione di implementare questa comunità pseudo-cattolica nella parrocchia di Doha, sarebbe comunque accettabile il loro comportamento perché le loro attività sono approvate dalla Santa Sede. Pertanto la validità di questo evento, i suoi contenuti, l'implementazione e la realizzazione a Doha non sarebbero disputabili, tanto più nella situazione attuale in cui non c'è un Nunzio Apostolico nella Nunziatura apostolica del Kuwait che potrebbe investigare su questo caso.


Conclusione:

si tratta di una deliberata manipolazione spirituale e psicologica ai danni dei cattolici di Doha, fatta da due uomini che si nascondono dietro il proprio abito e il proprio incarico, ma che sono organici a una missione decisamente lontana dalla vera pratica della fede cattolica. Nostro Signore Gesù Cristo ci ha insegnato a credere nella salvezza che viene attraverso Lui stesso, la Sua parola (i Suoi insegnamenti), la Sua Passione e la Sua Presenza durante la celebrazione eucaristica. Noi sappiamo chi è il nostro Redentore, siamo già credenti cattolici, sappiamo cosa significano i nostri Sette Sacramenti, siamo salvati da Nostro Signore e attivamente serviamo il nostro Dio.

Non c'è bisogno di venire orientati dal Cammino Neocatecumenale per essere "cattolici più convertiti", e nessuno di noi è più chiamato, più scelto o più sacro degli altri al punto da dover formare una specie di "forza spirituale d'élite" tra di noi. Siamo cristiani maturi, noi non cerchiamo una salvezza sensazionale da reperire attraverso la predicazione di un prete pseudocattolico peccaminoso e che in maniera arrogante viola le restrizioni che la Santa Sede ha messo sulle attività del Cammino Neocatecumenale, che dissacra il Rito Romano e i Sacramenti, e va indottrinando i cattolici a Doha tentando di coinvolgerli in qualcosa che non hanno scelto consciamente e liberamente, ma che è un pianificato abuso della nostra fede, della nostra fiducia, dei nostri sentimenti ed emozioni. Noi non abbiamo la vocazione di seguire il Cammino: siamo solo chiamati a difendere la nostra fede in Gesù Cristo nostro unico Salvatore, e a rispettare il Rito Romano!


"Liturgia" neocatecumenale
Fratelli e sorelle di Doha:
conoscendo molti altri dettagli riguardanti il Cammino Neocatecumenale, il mio dovere in qualità di Ministro Straordinario della Santa Comunione è di avvisarvi su cosa sta succedendo in questi giorni nella chiesa di Nostra Signora del Rosario a Doha, e di cercare di difenderci. Tutti siete liberi di andare oggi alle 19 a partecipare a questa "sessione di predicazione" di Fabio Venturini, ma siate certi che verrete messi di fronte ad una predicazione pseudocattolica che loro considerano come l'avvio della vostra iniziazione in una comunità di cui non siete stati informati.
In questo momento dovremmo avere particolare cautela e dovremmo rifiutare qualsiasi predicazione di Fabio Venturini finché non avremo ricevuto chiare spiegazioni sulla situazione e istruzioni su come procedere, entrambe dal nostro parroco e dalle alte autorità della Chiesa Cattolica.
Se il Cammino Neocatecumenale vuole stabilire la propria comunità a Doha, e se la Santa Sede la approva, lo rispetteremo. Ma i membri di tale setta devono presentarsi chiaramente ai parrocchiani, dicendo chi sono in realtà, da dove vengono, quale è la loro missione, come agiscono, e chi in realtà servono (cercate informazioni su "Kiko Argüello", che nel Cammino è trattato quasi come il loro Pontefice). Inoltre dovrebbero rispettare la nostra libera volontà e le nostre scelte consce a proposito della fede! La mia umile opinione è che siccome loro non condividono la stessa fede cattolica, né gli stessi valori e nemmeno la stessa liturgia, non dovrebbero essere autorizzati né a celebrare la nostra Messa cattolica, né a predicare a noi.

Questo appello è stato inviato via email non solo a tutti i Ministri Straordinari della Santa Comunione e ai sacerdoti della parrocchia cattolica di Nostra Signora del Rosario a Doha, ma anche a diverse istituzioni e organizzazioni cattoliche, nella speranza di ottenere protezione spirituale.

A differenza di Fabio Venturini e Camillo Ballin, non resterò dietro le quinte. Firmo questo appello email perché non ho interessi da nascondere, né intenzioni segrete, e lo spedisco anche a loro per conoscenza.

Vi ringrazio tutti per aver letto questa mia email.

Distinti saluti,
Kora Neferovic



P.S. - Mercoledì 21 ottobre ho ricevuto una email dal vescovo Camillo Ballin. Ecco qui il suo contenuto completo:
È approvato dal Papa! Non preoccuparti!
+Camillo

La mia seconda conclusione:
ho informato il vescovo Camillo Ballin che il sacerdote Fabio Venturini (membro del Cammino Neocatecumenale) sta predicando contro Gesù Cristo, va dissacrando i sacramenti, incoraggiando i single della parrocchia a sedursi l'un l'altro durante la Santa Messa, Santa Messa che il Venturini non celebra secondo le norme del rito Romano, che tenta di "iniziare" i parrocchiani al Cammino senza che questi ultimi ne siano consapevoli e liberi di sceglierlo, e che lo stesso vescovo mi sta dicendo di non preoccuparmi perché tutto ciò sarebbe "approvato dal Papa". Sfortunatamente in questo momento non c'è nessun Nunzio Apostolico nella Nunziatura Apostolica del Kuwait e perciò quell'affermazione non può essere verificata.

Vi prego di inviare questo messaggio alle autorità della Chiesa Cattolica e di tenerle informate su cosa sta succedendo nella parrocchia di Doha, e di investigare su questo caso. Ignorare i problemi riguardanti il Cammino Neocatecumenale non è una soluzione.

124 commenti:

sandavi ha detto...

Come in Giappone, Guam, Ecuador, Filippine, Camerun, Perù, Giordania. Ovunque nel mondo la spiritualità neocatecumenale aggredisce il cattolicesimo e si installa come una malattia.
La cosa la considero ancora più grave quando avviene in terre di Missione come il Qatar, o il Giappone, dove gli equilibri sono sottilissimi e i cattolici a volte rischiano anche personalmente e dove la Chiesa Cattolica ha sofferto per secoli prima di potersi impiantare e dove sopravvive in mezzo a tempeste.

l'apostata ha detto...

Sua eccellenza il vescovo Ballin che ne pensa di un sacerdote come don Venturini che in chiesa proclama di non confessarsi da più di un anno?

Catechismo della Chiesa cattolica, art. 1457: "Secondo il precetto della Chiesa, « ogni fedele, raggiunta l'età della discrezione, è tenuto all'obbligo di confessare fedelmente i propri peccati gravi, almeno una volta nell'anno »..." .

Bell'esempio di pastore. Si vede la formazione del Redemptoris Mater...

by Tripudio ha detto...

Kiko aveva detto che sarebbe stato martirizzato dai musulmani non appena il Cammino avesse convertito il centesimo islamico. Per questo i neocatecumenali amano andare nei paesi islamici a far proseliti solo tra i cattolici che già frequentano la parrocchia (in modo da assicurare lunga vita e prosperità a Kiko): e così hanno fatto anche lì in Qatar, con i soliti trucchetti e inganni.

Alcune brevi note sulla traduzione:

- qui in Italia diciamo "cattolici", "Chiesa Cattolica" (tutta la Chiesa), "chiesa" (l'edificio di culto); nei paesi stranieri, per lo più di lingua inglese, specificano sempre "romani" dicendo "cattolici romani", "Chiesa Cattolica Romana", "chiesa cattolica romana"; questo avviene per distinguersi con chiarezza da certe sètte che millantano di essere "cattoliche";

- il Messale Romano attualmente in vigore, per alcune formule, prevede che il celebrante possa cantarle in tono gregoriano (c'è tanto di "pentagramma" con le note); per questo è stato così significativo vedere che il "presbìtero" Venturini ipocritamente improvvisava e cantava stile pop, laddove avrebbe potuto limitarsi a essere silenzioso;

- a quanto pare il Venturini non ha usato espressioni come «darò una catechesi» ma ha preferito dire qualcosa come "preaching sessions" (sessioni di predicazione), perché lì magari il termine "catechesi" in assenza del testo Catechismo avrebbe fatto scoprire subito la truffa operata dai neocatecumenali;

- il Venturini è evidentemente già convinto del successone che avrà il ciclo di due mesi di "preaching sessions": si nota dal fatto che già elargisce i tipici consigli neocatecumenali (invitando i single a "sedursi l'un l'altro"... il consiglio successivo sarà di "fissare la data entro l'anno");

- l'appello sarà certamente stato inviato anche a molti neocatecumenali (probabilmente a neocat di importazione, camuffati da "cristiani della domenica" e pronti ad entrare in azione; quante nuove comunità neocatecumenali qatariote hanno promesso a Kiko? due? cinque? nove?)... molto spassoso quando dice di cercare informazioni su Kiko «che nel Cammino è trattato quasi come il loro Papa»;

- il Vicariato apostolico dell'Arabia Settentrionale (300.000 battezzati su circa 3.000.000 di abitanti totali nell'area) comprende Qatar, Bahrein, Kuwait e informalmente l'Arabia Saudita; la sede cattedrale del vicariato è a Kuwait City, dove dieci anni fa il card. Sepe consacrò vescovo il Ballin;

- la nuova sede cattedrale, in costruzione dal 2014, sarà il tempio kikiano del Bahrein progettato dal solito neocatecumenale Mattia Del Prete (guardate qui la foto con gli sgorbi kikiani e la forma ottagonale).

l'apostata ha detto...

"- la nuova sede cattedrale, in costruzione dal 2014, sarà il tempio kikiano del Bahrein progettato dal solito neocatecumenale Mattia Del Prete (guardate qui la foto con gli sgorbi kikiani e la forma ottagonale)".

Quanto costa? Chi paga?

aleCT ha detto...

Mi compiaccio con il vescovo Ballin il quale, dietro richiesta di spiegazioni, se ne esce come il neocatecumenale più duro e puro: "Tranquilla, il papa approva"

Ma se approva allora perchè non si presentano con nome e cognome?
Cosa approva il Papa? Approva che un sacerdote non si confessi da un anno e quasi se ne vanti?
Approva che questi parli come il peggiore imbonitore evangelico (le vostre sofferenze passeranno SOLO con la conversione la quale avverrà SOLO con l'itinerario che inizierà...)

Ma dico, scherziamo?


sandavi ha detto...

Ci tengo a dire che molti fra i neocatecumenali non asserviti a Kiko sono persone di fede e di buon cuore, ne ho avute mille testimonianze.
È il Cammino nel suo complesso, come struttura, come macchina, gerarchia, che mi spaventa e mi inquieta.
Mi spaventa che appunto un prete parli non come un prete cattolico ma come un imbonitore evangelico, come insomma uno che di non ha niente del ministro sacro, che non insegna, non guida e non santifica, come insomma un comunissimo laico.
Che vantaggio ne possono trarre i fedeli?

D.B. ha detto...

Voglio fare vedere a tutte le persone che hanno avuto dei problemi con il cammino e a voi dell'osservatorio un video personale della mia vita,in cui ho parlato anche del cammino neocatecumenale e di come abbia influito nella mia vita.Vi voglio chiedere scusa se non vi ho risposto precedentemente al messaggio di una settimana fa. Nel video vi ho ringraziato e vi ringrazio tutt'ora per quello che avete fatto per me 4 anni fa.Se volete che i vostri messaggi siano diffusi anche su youtube o su altri social network sono disposto anche ad aprire un canale od una pagina facebook chiamandolo osservatorio sul cammino in cui riportare in pochi minuti un singolo argomento a video a settimana (naturalmente e-mail e password che creo sono disposto poi a darveli) in modo da farli conoscere a più persone possibili.
Link del video https://youtu.be/ltgKPDieeqg

LAPAZ ha detto...

Kiko, evangeliza a los alejados de la Iglesia católica en Qatar!
Quiénes son los alejados en Qatar, Kiko?
Los católicos de Qatar? Noooo!!!
Kiko no quiere evangelizar, quiere reformar!

Kiko, why don't you evangelize non catholic people in Qatar?
Kiko, really you don't want to evangelize non catholic people, but to fish catholic people for the Way!!!
Kiko, you are a reformist!

psyco ha detto...

........A me mi pare ASSURDO che nel 2015 ottobre 2015 in QATAR si continua ad applicare LA RICETTA DI KIKO DEL 1968 !!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

rispondendo a Psyco, La "RICETTA DI KIKO" COME LA CHIAMI TU, sono soltanto delle catechesi un po prese dal CCC e un po prese da altri scritti evangelici , ma non è assurdo , perchè anche quello che dice la chiesa da 2000 anni è la stessa cosa, La chiesa con le sue parole non cambia; il decalogo è rimasto lo stesso , la missione della chiesa di portare i pagani e i poveri a Dio non mi pare sia diversa da 2000 anni, ama il prossimo tuo come te stesso si dice nel vangel.
ciao
CRistoforo

Pietro ha detto...

Il vostro unico problema è che nessuno vi prende per il colletto, e pubblicamente, (cosa che evitate accuratamente ) vi cacci fuori dalle sacrestia.
Questo Sig. MINISTRO STRAORDINARIO ( hahaha) perché ha bisogno del Nunzio Apostolico, del Vescovo, del gran visir .... scriva direttamente al Santo Padre.
faccia quello che hanno fatto già tanti, tutti gli inquisitori che hanno ottenuto risposta sono pregati di pubblicare, compresa Alect che ancora aspetta risposta dall'arcivescovo di catania.
Questo è il problema che nessuno vi prende dal colletto, e vi faccia fare PUBBLICAMENTE la figura che meritate.

Statemi bene ma non troppo.
Pietro che va all'Eucarestia della Santa Chiesa Apostolica Romana.

Lino ha detto...

Si chiama kikianesimo primitivo, psyco :-)

Anonimo ha detto...


OT
@ Lino (e Tripudio)

Ho letto molto attentamente il tuo libro, e stavo riflettendo sul perché i neocatecumenali insistono così tanto sulla DANZA intorno alla mensa/altare.
Mi è venuta in mente una idea (forse assurda) sul simbolismo di quella DANZA che chi ha inventato il Cammino (non Kiko, ma qualcuno di molto ma molto più raffinato, ma che è nascosto dietro) potrebbe aver pensato.
In "Teologia Trinitaria" si dice che il "DIO TRINITA' immanente" è una "PERICORESI eterna".
Il termine "Pericoresi" viene dal greco e deriva da "pericoréo" che letteralmente significa "ruotare", "movimento circolare, "danzare intorno prendendosi per mano". (Indica la compenetrazione reciproca e necessaria delle Tre Persone divine nella Trinità, sulla base dell'unità di essenza in Dio.) Nella raffigurazione della "Pericoresi" lo Spirito Santo è rappresentato dal ritmo e dalla musica che fa ballare.
Potrebbe essere che, secondo te, con quella DANZA si vuole indicare che la Trinità, dipinta sulla famosa icona di Kiko e rappresentata dalla "Comunità, Liturgia e Parola", è lì presente e vive grazie a loro? Potrebbe essere anche questa una forma di gnosticismo secondo cui Dio si può conoscere solo attraverso la loro esperienza vissuta lì in Comunità in quel momento? Potrebbe essere un altro degli "arcani" nascosti a tutti e rivelati soltanto ai livelli più alti (i Dodici Cefa)?

Spero di non avervi annoiato con le mie contorsioni mentali.
Annalisa (mamma che non smette di pensare)

-----------------------------

Per chi non comprende alcuni termini usati riporto qui alcune brevissime riflessioni teologiche.
In teoria nella TRINITA' si può distinguere la "Trinità economica" (dove con il termine "economico" si indica ciò che è avvenuto nella Storia della Salvezza) e la "Trinità immanente" (dove con "immanente" si indica ciò che c’è in Dio).
Spiegando meglio, la Trinità che si rivela nelle missioni di Gesù e dello Spirito è detta "Trinità economica", mentre la Trinità nel suo essere intimo è detta "Trinità immanente".
Va ricordata la frase del famoso teologo K. Rahner: "La Trinità economica è la Trinità immanente".
Questa frase di Rahner, pregnante e densa di significato anche se ermetica per i non addetti ai lavori, è stata chiamata l'assioma fondamentale della Teologia, e significa questo: "La Trinità che si è manifestata nella storia e nel Nuovo Testamento, questa è la Trinità che è dentro Dio, non quella delle speculazioni concettuali, quindi ciò che il Nuovo Testamento mi dice del Figlio e dello Spirito Santo."

Fine OT

aleCT ha detto...

@Pietro

"compresa Alect che ancora aspetta risposta dall'arcivescovo di catania"
Francamente non so che cosa sia peggio, se il silenzio del mio vescovo o una risposta come quella del vescovo Ballin il quale, evidentemente, ha preferito svendere le sue capacità oratorie per limitarsi ad una risposta degna di un bambino di 5 anni...o di un catechista neocatecumenale..

Tu che prendi in giro chi ha scritto (cosa ridi...non lo sai che esistono i ministri straordinari dell'Eucarestia? I quali fanno dei corsi regolari on tanto di autorizzazione scritta? Mica come nel cammino dove basta avere una qls carica inventata da Kiko per poter prendere l'Eucarestia e distribuirla!)

Dimmi un pò,secondo te è normale che un sacerdote di dica che SOLO UN PRECISO ITINERARIO (bada...SOLO QUELLO) ti donerà la conversione? E poi non ti nomini neanche come si chiama?

COSA AVETE DA NASCONDERE?? SIETE APPROVATI, O NO?

Sai qual è la verità, caro Pietro?

Che vi fate forti delle vostre "amicizie", ma Gesù Cristo voi non sapete neppure dove sta di casa. tanto è vero che, se non fate i pappagalli di Kiko, non riuscite neppure a fare un discorso di 2 minuti con parole vostre e allora INSULTATE. Perchè non sapete fare altro.

"va all'Eucarestia della Santa Chiesa Apostolica Romana".

BALLE! Tu andrai ad una "liturgia" INVENTATA da Kiko Arguello E SPACCIATA PER "PRIMITIVA"

Liturgia CORRETTA alle cui CORREZIONI avete fatto orecchie da mercante e siccome avete qlc sacerdote che sta al vostro gioco dite che avete ragione a fare così.
POVERI ILLUSI.




by Tripudio ha detto...

Caro fratello Cristoforo, cosa diavolo significa «soltanto delle catechesi un po' prese dal CCC e un po' prese da altri scritti evangelici»?

Le cosiddette "catechesi" del Cammino non sono veramente "prese" dal Catechismo poiché il Catechismo della Chiesa Cattolica non contiene né eresie, né strafalcioni, né ambiguità. Tanto meno sarebbero "prese" dalle Scritture. Se "prendi" dal Catechismo e produci delle eresie, allora non stai "prendendo", ma stai imbrogliando, ingannando, mentendo.

Inoltre, quelle del Cammino sono "catechesi segrete": dal momento che il Catechismo e le Scritture sono tutt'altro che segreti, perché c'è bisogno di aggiungere segretezza?

Ma poi cosa diavolo significa «un po' prese»?

Che c'è un altro «po'» che viene da chissà dove? (viene senza dubbio dal demonio, che è un abile mescolatore di verità ed errori, e perciò è molto soddisfatto dell'insegnamento, dell'opera e delle liturgie del Cammino Neocatecumenale).

Sarebbe come se io ti dessi una bevanda dicendo che è «un po' presa» dallo spumante e non ti dico che è vino mischiato a sciacquatura di piatti.

Un esempio: Kiko, contrariamente al Catechismo, contrariamente alle Scritture, contrariamente alla Tradizione, al Magistero, ai Padri della Chiesa, dà un'interpretazione imbecille del caso di Zaccheo sul sicomoro.

È un po' presa dalle Scritture (infatti Zaccheo realmente salì sul sicomoro), ma per il resto è «un po'» inventata da Kiko: e così risulta una fandonia gigantesca, senza alcun nesso con la Tradizione, il Magistero, il Catechismo, ecc. Kiko vi ammannisce una bottiglia con un quarto di spumante e tre quarti di sciacquatura di piatti e ve lo chiama "eccellente vino segreto per bevitori adulti"...

E quando al posto della sciacquatura di piatti ci mette il veleno?

Malaparte ha detto...

Caro Cristoforo, visto che parli tanto di povertà, mi fai avere il bilancio della Fondazione Famiglia di Nazareth per l'evangelizzazione itinerante? Il sig. Paolo Cometto (membro del consiglio di tale associazione) , da me interpellato in merito più volte si è rifiutato di fornirlo adducendo scuse (secondo lui questa informazione sarebbe stata da ricredersi al Vicariato di Roma, il cui responsabile ha detto di non saperne nulla) in maniera piuttosto adirata.
Chissà, forse scoprire che la Fondazione ha la proprietà di un appartamento di 150mq al quartiere Trieste, la metà di un appartamento a San Giovanni e una casa più annesso vigneto in provincia di Caserta, avrebbe fatto cambiare idea a qualche ignaro pagatore di decime...

giorgietta ha detto...

non è proprio come hai sritto ,a me non piace molto kiko, eppure faccio parte del cammino ,nessuno mi ha obbligato, ascolto le letture per conoscere meglio l' amore di Gesù per l'umanita, capisco meglio le letture quando ascolto la messa ,capisco meglio perchè non si deve fare il male,sono molto contenta di aver iniziato questo cammino. purtroppo anche qui ci sono delle estremizzazioni come in ogni altro campo: politico ,religioso e altro . saluti cordiali.

Ruben ha detto...

@Pietro
Statemi bene ma non troppo.
Pietro che va all'Eucarestia della Santa Chiesa Apostolica Romana.
---
Al di là del tuo augurio ambiguo,
Tu non vai all'Eucarestia della Santa Chiesa Apostolica Romana, in quanto ,
alla suddetta "eucarestia", alla quale partecipi, semplicemente, non mi ci fate neanche entrare(*)....

(*)Nonostante il vostro Statuto, di cui tanto vi autoincensate ed altrettanto disattendete,
dica che le vostre eucarestie, sono aperte a tutti!

John ha detto...

Venturini dice che le sofferenze spariranno facendo il cammino? (semplifico)
Se non è gnosi questa Pietro mi spieghi come va intesa.
E poi se le sofferenze passano con una medicina come il cammino, mi spiegasse pure il senso del rinnegare se stessi prendere la propria croce e seguire Gesù.
Non voglio essere provocatorio nel senso negativo del termine ma in quello buono... attendo grazie

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ruben ha detto...

Ruben ha detto...
P.S.
Per Pietro

Tra le altre cose, il vostro Statuto, mi piace ripeterlo, di cui tanto vi autoincensate ed altrettanto disattendete, non prevede le decime, ma solo collette VOLONTARIE.

E' perfettamente INUTILE, che vi fate scudo dell'approvazione dello Statuto, se poi non lo rispettate!...

Ruben ha detto...

giorgietta ha detto...
non è proprio come hai sritto ,a me non piace molto kiko, eppure faccio parte del cammino ,nessuno mi ha obbligato, ascolto le letture per conoscere meglio l' amore di Gesù per l'umanita, capisco meglio le letture quando ascolto la messa ,capisco meglio perchè non si deve fare il male,sono molto contenta di aver iniziato questo cammino. purtroppo anche qui ci sono delle estremizzazioni come in ogni altro campo: politico ,religioso e altro . saluti cordiali.
---
Il solito discorso: estremizzano tutti?...Estremizzo anch'io!....E avanti all'infinito con analoghi esempi!...

John ha detto...

Gesú ci chiama alla Santità non promette che se ci convertiamo non avremo piú sofferenze.
La catechesi del reverendo venturini va un attimo rivista.
Ecco come inizia la distorsione della Verità e del Vangelo... il problema è che dietro a queste catechesi non ci sono piccole imprecisioni di espresdione ma un intero impianto telogico falso ed eretico che porta ignari bisognosi di salvezza a mettersi sulla via dell'eresia kikika.
Ma i vescovi (sentinelle) .... alcuni per lo meno... preferiscono dormire sonni tranquilli...

John ha detto...

Anche i testimoni di Geova e i protestanti fanno la stessa cosa.
Saluti

Pietro ha detto...

Per Alect.
Quello che hai evitato accuratamente evitato nel rispondere è che malgrado il tuo Arcivescovo non ti ha risposto, il che significa che ha cestinato le tue accuse, tu ti senta ancora autorizzata ad accusarmi.
Ed è proprio per questo che io mi sento autorizzato a prenderti per il colletto ed accompagnarti alla porta.
Tu infantilmente dai per oro colato che un indegno (per quello che scrive) ministro straordinario racconti le favole di handersen, sbraiti e scalci contro persone che non hai mai visto perché lo ha detto il MINISTRO STRAORDINARIO, e invece pensa un po io mi sento autorizzato a prenderti per il colletto ed accompagnarti alla porta.
Guarda....leggiti due paginette del fango e dei fichi e quello che ti pare, perché se ci presentiamo davanti ad un Prete o Vescovo, Cardinale e persino al Papa, davanti ai tuoi argomenti infantili, e con gli statuti in mano, e le approvazioni di tutti i dicasteri COMPETENTI in materia, anche loro ti prenderebbero per il colletto.
Stammi bnee

aleCT ha detto...

@Pietro

Guarda che io non ho il bisogno di "avere il permesso" del mio vescovo per dire cosa va e cosa non va. Non siamo dei burattini manovrati. Il cattolicesimo ha in grande valore quello che si chiama "libero arbitrio". Lo sai che in tempi non sospetti la gente prendeva i vescovi indegni e li buttava fuori dalla cattedrale a calci nel sedere? E lo sai il bello, non venivano scomunicati!

Quando io parlo (e non solo io) cito MAGISTERO E SACRE SCRITTURE.
A te (e ai duri e puri del cammino) non gliene frega niente del Papa e dei vescovi TRANNE quando vi lodano. Altrimenti come si potrebbe spiegare la CENSURA delle parole di papa Francesco quando vi chiedeva di RISPETTARE la cultura di chi vi stava in contro e salvaguardare L'UNITA' dei fedeli?

"anche loro ti prenderebbero per il colletto"

Papa Franceco apprezza una cosa: la PARRESIA. La sincerità delle argomentazioni. Cosa che voi evitate accuratamente tanto è vero che non avete neppure LE PALLE di presentarvi con nome e cognome quando fate le catechesi.

Tu che dici che il ministro straordinario è INDEGNO...perchè lo è? Perchè dice la verità? Perchè dice che è assurdo che un sacerdote cattolico ti venga a dire che la tua fede non vale niente perchè per convertirti veramente c'è SOLO un percorso (che è il cammino...ma non lo dice)

Secondo te Papa Francesco può avallare una affermazione del genere? Secondo me no. Per il semplice fatto che si sarebbe fatto neocatecumenale pure lui.

A proposito, ma la messa a Porto San Giorgio quando la fa? E poi, per piacere, finite di mettergli in bocca parole che non ha mai detto...ci fate una figura meschina.

Parli di STATUTI?
Quali? Quelli in cui la DECIMA non esiste? In cui si dice che la liturgia deve seguire le norme liturgiche con tanto di citazione di nota della famosa "lettera di Arinze"

DICASTERI COMPETENTI?
Quali? Quelli che vi hanno approvato un direttorio catechetico rimasto SEGRETO (e che Benedetto XVI voleva pubblicato, ma per Kiko Arguello era male quindi...) senza essere COMPETENTI?

Stammi bene Pietro... (anche se da tuo scrivere mi somigli ad uno che ha un nick che inizia per K e un nome che inizia per L)

psyco ha detto...

CRISTOFORO sei ignorante o sei cretino ???

la RICETTA DI KIKO consiste negli INGANNI e nelle FURBERIE !!!

si presentano in QATAR senza dire chi sono....senza dire che le PREACHING SESSIONS servono a creare una comunità NEOCATECUMENALE.... cercando di attirare i parrocchiani alla "CATECHESI" del cammino....

QUESTA E' LA RICETTA DI KIKO.... inganni, furberie, FURBERIE, INGANNI !!!!

Anonimo ha detto...

Sul sito della parrocchia dei Martiri Canadesi non c'è traccia delle Eucarestie del sabato sera

l'apostata ha detto...

@ Pietro

che ha scritto:

"...io mi sento autorizzato a prenderti per il colletto ed accompagnarti alla porta..." .

Qui c'è tutto il cammino sintetizzato in una frase. Gli eletti che aprono o chiudono la porta della salvezza a loro insindacabile discernimento, che cacciano chi vogliono loro, che giudicano spietatamente senza sapere niente (indegno ministro).

La cosa raccapricciante è che gente così gioca con la vita di tante persone fragili e in buona fede.

A Pietro illuminato e discernente consiglio comunque di non scaldarsi tanto: il tuo padrone Sankiko insegna che l'uomo non può non fare il male, che il maligno è il suo signore.

Perciò perché te la prendi così con chi scrive sul blog? Noi siamo schiavi del demonio e costretti a fare il male, quindi non abbiamo colpa di quel che scriviamo. Per questo poi servono le penitenziali, a pentirsi di peccati di cui non si ha colpa.

Molto logico l'insegnamento di Sankiko, no?

Come il tuo argomentare del resto: bau , bau, bau! Indegno! Bau, bau, bau! Ti sbatto fuori dalla porta! Bau, bau, bau! Siamo approvati!

Complimenti per la tua meschinità e incapacità di dialogo, i tuoi katekikisti saranno fieri di te.

Michela ha detto...

giorgietta ha detto...
non è proprio come hai sritto ,a me non piace molto kiko, eppure faccio parte del cammino ,nessuno mi ha obbligato, ascolto le letture per conoscere meglio l' amore di Gesù per l'umanita, capisco meglio le letture quando ascolto la messa ,capisco meglio perchè non si deve fare il male,.....


può essere anche giusto quello che hai scritto, ma....
non ha niente a che vedere con la fede.
Hai usato, esattamente come si fa nel cammino, verbi che appartengono alla sfera conoscitiva: conoscere, capire.
Ma è questa l'essenza del tuo essere cristiana? Anche un ateo come Erri de Luca conosce la Bibbia e forse in certi punti ha capito molte cose. Ma resta un ateo.
Per concludere, il cammino ti fa conoscere la Bibbia, ti fa conoscere molti meccanismi psicologici per spiegare l'inclinazione al male, ma ti ha tolto la cosa più importante, cioè il rapporto personale, la relazione intima con il Signore, sostituendola con la 'conoscenza'.

Lino ha detto...

@ OT Annalisa 24 ottobre 2015 19:46 ha detto: "perché i neocatecumenali insistono così tanto sulla DANZA intorno alla mensa/altare"

Quello che hai scritto non è privo di senso, però lo ritengo abbastanza estraneo al contesto allegorico nel quale si svolge la danza. Leggendomi, avrai inteso che il mio approccio ermeneutico alle allegorie simboliche (una sequenza di gesti significativi è tale) include TUTTI i simboli di una allegoria e li contestualizza nel symbolarium usato dall'autore. In un ambiente "ortodosso" la danza circolare/pericoresi avrebbe senso, anche se i riferimenti sarebbero pochissimi per considerarla statisticamente probabile. Nella danza NC, si dovrebbero anche motivare in tal senso i passetti laterali e in avanti.
Il mio parere è che la danza sia ebraica (perlomeno nel senso kikiano) perché s'incastra perfettamente nel mosaico della catechesi del "passaggio" e della concezione eucaristica di Kiko & Carmen. Un passo laterale (morte ontologica) e uno in avanti (passaggio alla vita), quindi. Manifestazione di gioia: "Allora Maria, la profetessa, sorella di Aronne, prese in mano un timpano: dietro a lei uscirono le donne con i timpani, formando cori di danze / Maria fece loro cantare il ritornello: «Cantate al Signore perché ha mirabilmente trionfato: ha gettato in mare cavallo e cavaliere!»" sta scritto in Esodo 15. Fisso l'attenzione sul cavallo e sul cavaliere. L'elemento mistico/gnostico c'è certamente, ma è nella concezione di Carmen secondo la quale nell'Eucarestia c'è la dinamica del passaggio di Dio, Jahvé è il merkabà, il "carro di fuoco".

Come avrai potuto notare, si forma in tal modo un mosaico coerente, significativo, compiuto, con un alto numero di tasselli che rendono improbabile il loro accoppiamento casuale. E' questo il mio approccio di analisi delle allegorie simboliche, sin dai miei saggi sulla Primavera di Botticelli e sulla Cappella del Cristo velato. Ciao, fine OT

Lino ha detto...

Pietro ha detto: "Ed è proprio per questo che io mi sento autorizzato a prenderti per il colletto ed accompagnarti alla porta"
No, tu non lo puoi fare. Al massimo puoi accompagnare aleCT fuori la porta e fare due miglia con lei. Nemmeno le catechesi letterali del Cammino hai capito!

Pietro ha detto: "Guarda....leggiti due paginette del fango e dei fichi e quello che ti pare"
No comment. Questa è da interpretare. Occorrerebbe ricercare dove ci sono paginette che narrano di fango e di fichi ;-)

Ruben ha detto...

Pietro,
vista la tua violenza verbale, che prelude a quella fisica, stessi diventando musulmano?!..

Pietro ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

Avete notizie del tema della convivenza di inizio corso?Sembra che hanno martellato sull'apertura alla vita come al solito?Martina

Valentina Giusti ha detto...

Volevo ringraziare D.B. per il suo video e consigliarne la visione a tutti, con un po' di calma perché è lunghetto.
Mi ha commosso, mi ha fatto sorridere e mi è arrivato in modo forte ed inequivocabile il messaggio finale.

Lino ha detto...

Concordo, Valentina Giusti. E' commovente e in alcuni passaggi fa sorridere.
La questione Cammino neocatecumenale è: immaginiamo che - per caso, per sorteggio, per impegno profuso o per raccomandazione - un tizio come Pietro 24 ottobre 2015 19:34 assuma nel cammino un incarico (sia pur degli infimi gradi) di responsabilità. Un grado da caporale ignorante e fanatico dei tempi della leva obbligatoria, aggiungo per dare l'idea. Cosa ci si può aspettare da quel "caporale"? Soltanto un'azione tipo commento 24 ottobre 2015 19:34 di Pietro NC. E tanti militari "di leva", arruolati tra i conoscenti, nelle parrocchie e nelle piazze prossime alle parrocchie, come il nostro D.B. ne pagheranno le pene.
Anche perciò - riferisco al caro D.B. - ho fatto quella cosa che lui cita alla fine del video. La quale non è "contro il Cammino", ma è "dentro il Cammino". Gradirei che D.B. - qualora dovesse leggere il presente commento - mi inviasse un cenno di lettura alla mia e-mail, nel profilo.

Anonimo ha detto...

Chiedo al gestore di questo blog di fare un thread sulla convivenza di inizio corso.Non so di cosa abbiano parlato.Suppongo del Sinodo sulla famiglia.Ma secondo voi Kiko e' d'accordo con la comunione ai divorziati?Martina

Ruben ha detto...

@Lino
Preciso Lino,
il piccolo potere dei piccoli despoti.

"Siamo uomini o caporali?!"

Totò docet.

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Il tema della convivenza di inizio corso è la famiglia nell'ottica dell'amore al nemico. Marta

by Tripudio ha detto...

Il "tema" non ci interessa. Dopotutto qualsiasi raduno è intitolabile con una qualsiasi frase «argomentocristiano nell'ottica di altroargomentocristiano».

Ci interessano piuttosto le espressioni che ha usato Kiko, le sue esatte parole, ipsissima verba Arguelli.

Allora sì che ci faremo grasse risate.

Kiko è infatti quell'imbattibile campione di castronerie che qualifica come «cefale» (cioè richiami sessuali) le vostre figlie.

È quell'insuperabile campione di cialtronerie che va blaterando che Dio ci parla attraverso i testimoni di geova.

Kiko è quell'ineffabile campione di corbellerie che va cianciando che verrà martirizzato non appena il Cammino convertirà il centesimo musulmano (evidentemente ci vuole ancora parecchio per raggiungere l'obiettivo).

Kiko è quell'indiscutibile campione di fandonie che va vantandosi che il Papa avrebbe detto che i vescovi devono ubbidire a Kiko e Carmen., va vantandosi di aver esorcizzato la Cina, soffre della sindrome di Nerone, va facendo lo sbruffone al bar dicendo di aver visto la Madonna, ecc.

E che ne pensano i neocatecumenali?

Vanno dicendo che i canti di Kiko sarebbero meglio del canto gregoriano, vanno dicendo che Kiko vince i concorsi di architettura altrui, si inginocchiano davanti a Kiko (anche i sacerdoti)...

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
psyco ha detto...

Nuova testimonianza di LAPAZ.... allucinante!!!

http://www.junglewatch.info/2015/10/when-i-was-expelled-from-my-community.html

Anonimo ha detto...

Scusa Marta potresti essere piu' precisa?In che senso la famiglia nell'ottica dell'amore al nemico?La catechesi del Magistero di cosa ha trattato?Sono curiosa di sapere se Kiko ha martellato ancora sull"apertura alla vita?Prima del sinodo,nella veglia,parlo' della Humanae Vitae.Martina

sandavi ha detto...

Più che allucinante direi disgustosa. Ma leggetela bene, perché è il risultato dell'atteggiamento dei Pietro che prendono le persone per il colletto e le accompagnano alla porta.
Leggi bene Pietro fammi il favore, forse capirai quanto male r dolore puoi causare a una persona "prendendola per il colletto" e "accompagnandola dalla porta".

John ha detto...

È esattamente così. Il cuore è questo. Il cammino ti toglie la cosa più importante, la relazione intima col Signore. Quoto, sottoscrivo e posso testimoniarlo sulla mia pelle.

jack ha detto...

Ah Sig,Tripudio ha inventato un blog dove si parla male del cammino ma noto che in tutti i vs interventi badate molto alla forma, errata secondo voi, ma non parlate mai della sostanza. Il cristianesimo e' ben lungi dal fondarsi da tutto quello che voi parlate!!!!! Volete sapere di cosa si e' parlato nella convivenza di inizio corso? Be si e' parlato di quello che e' l'essenza del cristianesimo: amore al nemico!!!!!!! A me hanno sempre insegnato che verremo giudicxati sull'amore. Jack

Ruben ha detto...

@Jack
"Il cristianesimo e' ben lungi dal fondarsi da tutto quello che voi parlate!!!!! Volete sapere di cosa si e' parlato nella convivenza di inizio corso? Be si e' parlato di quello che e' l'essenza del cristianesimo: amore al nemico!!!!!!! A me hanno sempre insegnato che verremo giudicxati sull'amore. Jack"
---
Siccome il periodo,
potrebbe sembrare allusivo, ti posso assicurare che sul questo blog, non ci sono "nemici del Cammino"; da parte mia, posso tutt'al più considerare un Neocatecumenale, come un fratello che sbaglia, difetti compresi.
L'amore verso il nemico, è la più alta espressione di "ama il prossimo tuo" e mi sembra che
"voi" l'amore, anzi, un falso amore di una formalità ed una glacialità nordica, lo dimostrate esclusivamente tra di voi; guardate i vostri bambini, sembrano già degli alieni.

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

Jack ha detto: "A me hanno sempre insegnato che verremo giudicati sull'amore"

Infatti, com'è universalmente noto, nella tappa dello Shemà la persona che, invece di recarsi alla convivenza, va a trovare la cognata ammalata viene additata come esempio da seguire ai neocatecumenali.
Qui, Jack, tutti conoscono il grande amore dei neocatecumenali per il fratello che mormora ("che c'è una mormorazione a volte orribile! il demonio assolutamente!..."), il fratello da "tagliare".

Queste balle vai a contarle da un'altra parte, Jack. Voi pensate che verrete giudicati sull'assidua frequentazione del Cammino e sull'osservanza dei comandamenti del catechista kikiano.

Valentina Giusti ha detto...

Intanto ho letto qui che il tema dell'ultima convivenza era l'amore al nemico in famiglia.
Non so nulla delle catechesi esposte, ma so che è demenziale indurre chiunque a considerare i propri familiari dei nemici.
Ricordo che il più alto comandamento, nel quale si riassumono Legge e Profeti, è l'amore verso il prossimo.
Ed è quello che va coltivato all'interno della famiglia e con i propri cari.

by Tripudio ha detto...

Il caro fratello Jack che sprizza ira e odio da tutti i pori mi dà l'occasione per ricordare alcune cose.

Questo blog nacque nel 2006 grazie al... giornalista Tornielli.

Tornielli era stato il primo ad anticipare sulla stampa, il 22 dicembre 2005, che Benedetto XVI aveva comandato di proibire (e fatto mettere per iscritto nella lettera del 1° dicembre 2005) le «liturgie stravaganti» del Cammino Neocatecumenale. L'articolo aveva un titolo che non lasciava spazio a dubbi: "La Messa è una sola: adeguatevi".

L'ineffabile Gennarini, il principale pretendente al trono di Kiko, scrisse un controarticolo furente il 27 dicembre 2005 (zeppo delle solite panzane: la lettera contiene concessioni anziché divieti, la lettera è privata, anzi, la lettera non esiste, ecc.) riuscendo addirittura a costringere Tornielli a scusarsi per aver rivelato l'arcano (sarà Sandro Magister, qualche giorno dopo, a pubblicare il testo originale confermando involontariamente che Tornielli aveva ragione e Gennarini torto marcio).

Dopo il "trattamento Gennarini", incredibilmente Tornielli si è adeguato alla narrativa kikiana fino ad oggi (alcuni di noi addirittura sospettarono che il Tornielli fosse stato minacciato: e non ci sarebbe molto da meravigliarsi che un giornalista preferisca tenersi stipendio e quiete piuttosto che riaffermare a proprie spese la nuda e cruda verità).

E così, sul blog di Tornielli, la "moderazione" incredibilmente dava spazio alle lenzuolate copia/incolla e alle panzane favorevoli ai neocatecumenali, e venivano censurati interventi pacati e puntuali riguardo alla fatidica lettera del 1° dicembre 2005.

Fu così che Mic aprì questo blog a fine maggio 2006, con la "moderazione" disattivata. Cinquecento commenti in una sola giornata, a conferma che l'argomento era tutt'altro che di una cerchia ristretta, e che la scure kikiana si abbatteva sui frequentatori del blog di Tornielli. Quest'ultimo non ha mai più osato scrivere qualcosa di sgradito al Cammino (e sapete quanto sia sgradita al Cammino la verità).

Il sottoscritto scoprì per caso l'esistenza di questo blog a luglio 2006. Mi limitai a fare alcune osservazioni sul Cammino e venni aggredito (come al solito) dai neocatecumenali forti del fatto che le loro panzane e i loro copia/incolla venivano qui pubblicati senza passare per la "moderazione".

Da allora ogni tentativo di dialogo con neocatecumenali "ragionevoli" è fallito miseramente. Anche quando parlano in un italiano corretto, anche quando sembrano esporre in modo brillante le loro opinioni, e perfino quando si professano cristiani senza se e senza ma, non riuscirete mai - mai, assolutamente mai e poi mai - a far loro ammettere che Kiko ha insegnato errori verificabili come tali, e che gli errori di Kiko non sono mai stati corretti nel Cammino, e che perciò il popolo neocatecumenale cammina a grandi passi nell'eresia e negli strafalcioni liturgici.

Uno di questi casi è il caro fratello Jeff, che ha messo in campo tutta l'arte oratoria possibile, tutto il politically/clerically-correct possibile, tutti i più arguti mezzucci e trucchetti possibili, e in fin dei conti è il solito credente in Kiko. I veri neocatecumenali come Jeff sono come i drogati: non potete convincerli. Il loro superdogma è Kiko, la loro fede è Kiko, e il cristianesimo è solo un'aggiunta esterna per camuffarsi nella Chiesa. Per loro si può ridere a una barzelletta blasfema contro Nostro Signore e contro la Beatissima Vergine, ma si intristiscono e infuriano quando la barzelletta è contro Kiko e contro Carmen.

by Tripudio ha detto...

Insomma, caro fratello Jack, questo non è un blog nato per "parlar male" del Cammino.

È un blog nato come spazio commenti, nato perché c'era gente che avendo fiducia del giornalista Tornielli credeva di poter esporre argomenti sullo spazio commenti del blog di quest'ultimo.

Dopo due anni, a luglio 2008, abbiamo dovuto attivare la "moderazione" dei commenti anche noi, perché non se ne poteva più delle lenzuolate di panzane neocatecumenali. Per i veri neocatecumenali è altamente meritorio diffamare, disturbare, calunniare, molestare, aggredire chi non loda il Cammino.

Se avessero un minimo di carità - oppure un minimo di intelligenza - allora si porrebbero più onestamente nei confronti delle critiche al Cammino. Ma quando un neocatecumenale comincia a farsi domande oneste sulla liturgia, sul rapporto con la Chiesa cattolica, sulla necessità di fare "tutto con Kiko, tutto per Kiko, tutto da Kiko", beh, ha già un piede fuori dalla setta neocat.

Infine, permettetemi di far notare come anche il fratello Jack considera il cristianesimo come un elenco di cose da fare e da dire.

Jack si considera cristiano perché gli hanno «insegnato che verremo giudicati sull'amore». Verissimo: lo dicono anche i protestanti. Anche i protestanti cercano astutamente di far credere che siccome "verremo giudicati sull'amore", allora le chiare indicazioni della Chiesa sarebbero inutili e che Nostro Signore avrebbe sbagliato a istituirla e a darle il preciso compito di proseguire la Sua opera.

Jack poi lamenta che qui non parleremmo mai della «sostanza»: e lui, Jack, sì che è un esperto di sostanze: infatti viene qui a puntare il dito accusatore.

Nel Cammino nessuno ha osato dire a Jack che il cristianesimo, quello vero, si vive solo all'interno della Chiesa Cattolica. E perciò chi lo vive diversamente da quanto stabilisce la Chiesa, sta vivendo un cristianesimo inquinato.

Per esempio consideriamo un fatto concreto e verificabile: il Cammino Neocatecumenale trasmette una dottrina alterata e celebra carnevalate liturgiche.

Se la liturgia non fosse importante, Nostro Signore avrebbe detto "fate come vi pare, in memoria di Me".

Se la dottrina non fosse importante, Nostro Signore non avrebbe perso tempo a insegnare e spiegare.

PFB ha detto...

Perché Jack dovrebbe raccontare balle da un'altra parte?
Lino, tu le tue le hai persino raccontate in un libro. Qualcuno ti ha forse impedito di farlo?
O forse lo spazio di questo blog è a solo uso e consumo dei suoi (nazisti!) amministratori? Pronti a tagliare ciò che è scomodo, a non pubblicare, a manipolare.
Se così fosse toglietelo dal web e scrivetevi delle mail tra di voi.
Perché se vostro scopo è quello di servire la Verità, cioé Dio, non lo state di certo facendo. Forse solo voi parlate secondo verità, solo voi parlate secondo Dio; siete voi dio? Se siete dio, non state servendo Dio, ma solo voi stessi.

Ma putroppo parlare con voi è tempo perso. Siete certi di essere della verità, avete l'obbligo morale di portarla avanti con tutte le vostre forze affinché questo cancro (il CNC) venga debellato.

Fino a d oggi un blog, un libro, lettere spedite, etc. avete visto che non sono serviti a nulla. Inventatevi qualcos'altro. Irrompete in qualche convivenza, fate un sit-in di protesta in piazza san Pietro o davanti alla congregazione della fede, sporgete denuncia per il giro di soldi "in nero", insomma fate qualcosa?

Se non lo fate ho il sospetto che dietro a questa "vostra" verità ci sia dell'altro.

E se la mannaia tridudiesca tagliatrice di commenti non opera, saluti a tutti.

Anonimo ha detto...

Convivenza inizio corso catechesi magistero della Chiesa sulla famiglia, sempre la stessa trita e ritrita con grande senso di esclusione da parte dei single che non si sono ancora sposati ma non sentono la vocazione al presbiterato o alla clausura! A quanto pare si sono lamentati che l'avvenire non ha pubblicato l'intervento al Sinodo della famiglia NC... Io non so se sia veramente così in quanto non seguo l'Avvenire. Marta

STEFANO D'ANNA ha detto...

Ehi! Jack amico mio cerchiamo di essere seri.

E di tutte le coppie di divorziati allontanate o buttate fuori dalle comunità subito dopo essere entrate nel cammino che dici? Che amore è il passare la maggior parte del tempo a parlare male gli uni degli altri per cose banali, le gelosie le invidie le competizioni forse queste cose sono amore? Negli imminenti passaggi tanti fratelli ipocritamente si vanno a mettere la coscienza a posto per paura dei catechisti ed i catechisti stessi che fanno finta di non vedere ? È questo l'amore?È questa la verità dell'amore al nemico? Il nemico a volte può essere un fratello qualunque che chiede spiegazioni su abusi intrallazzi e cose poco chiare che avvengono in una comunità ad opera dii responsabili e catechisti, lo sai amico Jack cosa vanno incontro questi fratelli? Lo sai che succede ad un fratello che dopo 31 anni sbatte la porta in faccia ai grandi capi semplicemente perché non vuole tradire la voce della sua coscienza lo sai amico Jack?
Con l'amore al nemico si ci deve andare piano una cosa è quello che uno sogna di essere e un'altra quello che si è nella realtà ma forse tu queste cose le sai amico Jack.
Io non voglio spaccare il capello i quattro per evidenziare tutto quello che può esserci di sbagliato nel cammino lo sanno fare meglio di me tanti fratelli che scrivono in questo blog amico Jack.
Ti ricordo solamente che tutto quello che viene fatto senza liberta' di coscienza, senza la consapevolezza della verità e senza desiderio intimo del cuore fa' della fede una falsificazione che offende in primis se stesso l'amore al nemico cioè amare chi non ti ama, fare del bene a chi ti vuole male, prendere il peccato dell' altro sù di sé sono le parole più belle e che sono state scritte nella storia dell' umanità vengono dal cuore di Dio in persona perché possa prendere vita in noi e rivelare a chi ancora non conosce Dio il suo amore di padre buono, e non un'etichetta o uno slogan da gridare.

Capito Jack? Saluti .STEFANO D'ANNA

Lino ha detto...

PFB ha detto: "Perché Jack dovrebbe raccontare balle da un'altra parte? Lino, tu le tue le hai persino raccontate in un libro. Qualcuno ti ha forse impedito di farlo?Lino, tu le tue le hai persino raccontate in un libro. Qualcuno ti ha forse impedito di farlo?"

A prescindere dal fatto che un PFB nel presente blog non lo ricordo (un nome vero o un nick stabile sarebbero da deprecare, vero?), io le balle di Jack qui le ho lette e riportate: "A me hanno sempre insegnato che verremo giudicati sull'amore". E ho dimostrato che sono balle, citando due vergognosi insegnamenti dei mamotreti, dove non c'è amore per la persona chiusa fuori la porta e per il fico sterile tagliato. Avrei potuto continuare per un tomo intero.

Tu, invece, PFB, il mio libro lo hai letto? E, qualora lo abbia letto - ne dubito - perché non ti adegui all'unico metodo apprezzabile? Trova una balla del libro, pubblicala in un commento e dimostra che è tale.

PFB ha detto...

Rispondi anche al resto.

Lino ha detto...

P.S.
PFB ha detto: "Fino ad oggi un blog, un libro, lettere spedite, etc. avete visto che non sono serviti a nulla"
Solo secondo te i libri, i blog e le lettere spedite (che nel mondo non si contano) non servono a nulla. Si chiama informazione, signor "PFB". E l'informazione serve: quante nuove comunità si sono formate nel Cammino, l'anno scorso? Nella mia parrocchia zero. Scommetto che è una linea di tendenza. Lo dicono Kiko e Carmen, sai, che l'informazione crea un mucchio di problemi?
"Alla gente non dite nulla di tutte queste cose...", "Non imbarcatevi per nulla in questo discorso parlando con la gente perché creereste un mucchio di problemi". E' una verità del libro, con puntuale citazione della fonte. Dimostra che è una balla :-)

Valentina Giusti ha detto...

Caro Lino, tutti noi abbiamo uno stile di scrittura ed ancor più di pensiero molto riconoscibile, motivo per il quale non occorre che Eliseo si firmi ogni volta.

Lino ha detto...

No, cara Valentina, credo che tu sbagli. Eliseo, come noto, si riconosce per la costruzione delle frasi secondo la struttura della lingua inglese :-)

PFB ha detto...

Che strano concetto di informazione che ha lei singor LL.
Ma il punto è un altro.
Non basta studiarlo, il cancro, parlarne, cercare di prevenirlo, è necessario estirparlo, curarlo.
Per questo le/vi dico: prima che la situazione si aggravi, per amore alla Verità, è ora di intervenire.

l'apostata ha detto...

I neocat e l'amore.

Data la qualità degli insegnamenti impartiti da Sankiko, sull'argomento amare il massimo che può esprimere in materia un neocat duro e puro è "T'amo, o pio bove..." .

Oltre non vanno.


p.s.

@PFB

che ha scritto:"...O forse lo spazio di questo blog è a solo uso e consumo dei suoi (nazisti!) amministratori? Pronti a tagliare ciò che è scomodo, a non pubblicare, a manipolare... .

Hai proprio la forma mentis neocatecumenale appresa tra passaggi e scrutini, sembra che parli proprio di quelle faccende, sai?

Rileggiti così: O forse lo spazio di questa convivenza è solo a uso e consumo dei suoi (nazisti!) katekikisti? Pronti a tagliare chi è scomodo, a non pubblicare il direttorio, a manipolare le Scritture.

Lo conosci l'allegro passaggio in cui i katekikisti minacciano che la prossima volta "taglieranno" Tizio e Caio se non obbediscono, vero?

pp.ss. Quanto amore cristiano per noi trasuda da quel che scrivi. Un vero adulto nella fede.

Lino ha detto...

PFB ha detto: "Che strano concetto di informazione che ha lei singor LL."

A me, signor PFB, pare che lei consideri strano che i libri, i blog e le lettere (aperte) facciano informazione. Eppure - mi par di aver capito - lei dovrebbe aver frequentato il sommo liceo scientifico tra i massimi licei scientifici d'Italia. In tal senso, la stranezza è che lei in vari commenti non abbia detto niente. Niente di niente: lo zero assoluto (-273,15 gradi centigradi) per dirla in scala Kelvin.
Vuol riferire una "balla" del libro? I lettori del blog (quelli che non sono riusciti a trovarlo dalle Paoline) leggeranno con attenzione. Se lei non dovesse citare (debitamente virgolettata) un balla del libro, qui penseranno che lei sia un giovine quaquaraquà, per dirla con Sciascia. La graduazione, per informarla, nella scala di Sciascia è la seguente: "gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà".

PFB ha detto...

Signor LL, aldilà delle metafore usate e non capite. Chiedo scusa.
Non ho letto il suo libro, e non so se contenga balle.
Quando lo leggerò farò quanto lei mi suggerisce.
Ma lei continua a tergiversare.
Le ripeto il punto è un altro.
A quando l'intervento?
Altrimenti, passando di citazione in citazione, sono "solo chiacchiere e distintivo".


P.S. Per la cronaca non mi sono diplomato ad uno scientifico, ma a un classico, proseguendo poi gli studi e arrivando a una laurea in lettere e una in teologia.

Lino ha detto...

PFB ha detto... "Signor LL, aldilà delle metafore usate e non capite. Chiedo scusa.
Non ho letto il suo libro, e non so se contenga balle..."


Bene. Per uno che ha scritto:"Lino, tu le tue [balle] le hai persino raccontate in un libro" è il massimo della confessione. Tutto il resto di PFB va valutato alla luce di questa confessione.
Non saprei dire (sempre con riferimento a Sciascia, le definizioni sono letterarie, non scurrili) se trattasi della confessione di un "pigliainculo" o di un "quaquaraquà". Una laurea in lettere e una in teologia, per simili affermazioni, peggiorerebbe la situazione, egregio PFB. Ci stimolerebbe a prolungare la scala oltre i cinque livelli di Sciascia, al di sotto dello zero assoluto Kelvin. Si limiti al secondo anno di un liceo scientifico, PFB: è meglio, per l'immagine che lei ha mostrato di un neocatecumenale.

PFB ha detto...

Ero incerto se scrivere il PS. Ora sono certo di aver toppato.
Fine dello show.
Quando passerò per Napoli verrò a trovarla per farle conoscere la faccia di una liceale ormai settantenne.

aleCT ha detto...

@PFB
"fine dello show"

Esatto, e non mi pare che abbia dato un bello spettacolo.
Non si può dire a Lino: Tu le balle le hai scritte in un libro" e poi dire che questo libro non lo hai neanche letto.

Delle due l'una: o lei lo ha letto e pensa che ci siano scritte balle oppure non lo ha letto e allora quello che ha detto lo ha detto per partito preso.

Si decida.

Lino ha detto...

Anonimo PFB ha detto... "Ero incerto se scrivere il PS. Ora sono certo di aver toppato.
Fine dello show.
Quando passerò per Napoli verrò a trovarla per farle conoscere la faccia di una liceale ormai settantenne."


Lo eviti. Non è che io non sia "accogliente", ma la faccia di una liceale settantenne che parla declinando al maschile turberebbe la mia quiete familiare :-)
Come ha scritto aleCT: "Si decida".

Anonimo ha detto...

PFB ma non ha un po di dignità? Si ricorda vero che è peccato mentire? O Kiko ha abolito il comandamento "non dire falsa testimonianza"? Adriana

PFB ha detto...

Questa mi fatto sorridere. Grazie. Ovvio che sono un liceale. Non sono ancora gender. Comunque vedo che persistente a chiacchierare senza andare al dunque.

Aldo ha detto...

Va bene PFB mi faccia sapere dove e quando farà le catechesi nella sua Parrocchia, le giuro che verrò a fare un sit-in li davanti e a protestare con il suo vescovo, le va bene come "intervento"... è può star sicura/o che se mi dice qual'è la sua Parrocchia io non mi tiro indietro...
adesso però non faccia il "coniglio/a" come Pietro ci dice qual'è la sua Parrocchia e quando ci saranno le catechesi...

Anonimo ha detto...

Caro D.B ti ringrazio. Mi rivedo molto nella tua storia, condividiamo anche la regione.
Sei riuscito in maniera semplice e chiara ad esternare il tuo passato difficile ma anche e sopratutto la consapevolezza che soffrire è infinitamente meglio di non vivere. Anche io ho corso/sto correndo il rischio di sfociare nell' ateismo uscendo dal cammino ma sottoscrivo le tue ultime riflessioni sull' uomo, la natura e la presenza di Dio. Spero di riuscire ad avere la stessa forza che hai te nel rialzare la testa e guardare avanti confidando sempre nel Signore. Come potrei fare se volessi contattarti in privato? perchè da fb mi sono tolto.
Buona serata a tutti

Simich

Lino ha detto...

Caro Aldo, posso indirizzarti io. Devi andare in Scozia alla Saint Andrews University e domandare di Richard Sloan, inglese, già studente di matematica e laureato in teologia, già al servizio di Sua Maestà britannica come 007 ma poi dimissionario perché desideroso di andare a lavorare come becchino. Oggi qui è intervenuto dopo un lungo cammino, essendosi nel frattempo laureato anche in Lettere, ma oramai incapace di riconoscere il proprio genere sessuale e la propria età. E pure parla di "persistente chiacchierare" e chiede di "andare al dunque"!
Oggi è così. Immagina, Aldo, come sarà tra qualche anno, quando sarà pervenuto alla fase del catecumenato! Fossi un suo professore - uno dei pochi che ancora non ha fatto licenziare - chiederei un docente di sostegno.

sandavi ha detto...

Ma sono tutti laureati in teologia i neocatecumenali che passano da ste parti? Incredibile! :)
Pietro, l'inquisitore neocatecumenale che prende la gente per il colletto e la accompagna alla porta che fine ha fatto? Spero per lui che abbia letto la testimonianza di Lapaz.

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
John ha detto...

Ciao Martina, puoi riportare quanto detto da kiko sull' humanae vitae? Sono proprio curioso....

John ha detto...

Bene jack, metti in pratica questo e sarai grande nel regno dei Cieli.
La questione è se di queste cose si parla solo per riempirsi la bocca o seil cammino neocatecumenale davvero forma e converte l'anima a questo.perché un itinerario cosi distante dalla Chiesa, da Magistero edall tradizione. Che sovverte quanto insegnato in 2000 anni di Chiesa dubito possa davvero essere utile a questa causa.

John ha detto...

Saranno le paranoie di Kiko. Ha bisogno sempre di un nemico per sentirsi grande. E quando non c'e se lo.inventa così il martirio (del suo cervello) è assicurato.

John ha detto...

PFB hai perfettamente ragione. Continua pure a scrivere qui.
Sai qual è il fatto? Che non riapondete mai ad una, dico una , accusa che viene fatta contro il cammino nc. Smontandola con raziocinio e secondo verità.
Tutto il resto sono chiacchiere.
Ci riprovo: perché avete tolto l'altare e messo un tavolo da ristorante?

Pietro ha detto...

No ruben non scappo, considera questo come saluto, in genere con chi mi impedisce di parlare non perdo tempo, con voi penso di avere commesso questo errore.
pietro

by Tripudio ha detto...

Il caro fratello Pietro fuggitivo che non scappa, potrebbe elargirci un suo commento su parole e azioni del "presbìtero" neocatecumenale Fabio Venturini, così come testimoniate da Kora dal Qatar.

sandavi ha detto...

Lo stesso Pietro che fa il ridanciano precisino che nomina il Papa e accompagna le persone fuori dalla porta prendendole dal colletto ma poi non ha niente da dire su un'anima violentata e ferita da un arrogante catechista neocatecumenale, con metodi che egli sa essere perfettamente veritieri perché li ha visti applicati anche nella sua comunità o in comunità vicine alla sua.
Su quella testimonianza non ha niente da dire, spero che almeno se ne vergogni un po', se ne vergogni per quel cosiddetto prete responsabile dello scandalo di una sorella. Prete che ha applicato il metodo kikiano, dopo essersi consultato con Kiko stesso, quindi Kiko è direttamente responsabile.
Pietro fa l'offeso perché non ha niente da dire contro una testimonianza verificabile e credibile, perché, ripeto, l'ha già visto accadere.
Chi sa quante persone Pietro ha visto cacciare dal cammino o umiliate e non ha mosso nemmeno un dito, anzi probabilmente approvando in cuor proprio quei metodi come giusti, perché magari quel fratello aveva bisogno di scendere dal piedistallo...

Lino ha detto...

L'identificazione di un nemico, caro Sandavi, come sai, è un fenomeno studiato in sociologia relativamente ai movimenti di massa. Esso serve a rafforzare la solidarietà interna, congiuntamente a tutti gli altri aspetti di identità collettiva (linguaggio speciale del gruppo, simbolismi, rituali, obiettivi strategici da conseguire). Il "nemico" segna il confine di demarcazione tra "quelli di dentro" e "quelli di fuori". L'amore per il nemico di Kiko è una panzana, il nemico è teorizzato nei mamotreti ed è mostrato come un fico da tagliare, un giuda mormoratore se interno al gruppo. Se esterno, è un faraone. Il nemico per antonomasia nel cristianesimo è Satana, ed è con l'appellativo di demonio che sono definiti da Kiko i critici del Cammino.
Persone come Pietro, PFB e tante altre che qui intervengono sono state irretite e imprigionate in questa rete retorica. Fino a che non assumeranno loro stesse qualche atteggiamento ritenuto ostile, fino a che esse stesse non saranno identificate come nemiche non avranno alcuna possibilità di ricredersi e trattare il prossimo con rispetto, se non con amore.

Ruben ha detto...

Adriana 17,10,
Parlavi in modalità ironica, naturalmente!...

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
LAPAZ ha detto...

John: "Saranno le paranoie di Kiko. Ha bisogno sempre di un nemico per sentirsi grande. E quando non c'e se lo.inventa così il martirio (del suo cervello) è assicurato". Totalmente cierto.

Kiko sufre paranoia y en el Camino se enseña a ser paranoide.
Cómo ama Kiko al enemigo? Cuál es el enemigo de Kiko si atendemos a los criterios que él da a los demás para encontrar al enemigo? Tu enemigo es quien te critica, quien te juzga...

Kiko is a paranoid and in the Way they teach you to be a paranoid too.
How does Kiko love his enemy? Who is the enemy of Kiko if we look at the criteria he teaches to other people to discover an enemy: your enemy is that person who criticizes and juzges you...

Dos hechos concretísimos del amor al enemigo de Kiko:
1. La Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, España, emitió un comunicado sobre las horribles pinturas de Kiko en la Catedral de Madrid (cuando la boda real de Felipe y Letizia). Los académicos del Arte dijeron que eran un completo churro.
Kiko amenazó con una querella, ese fue su amor a su enemigo.

Let's see two concrete facts of how Kiko loves his enemy:
1. The Royal Academy of Arts of San Fernando in Spain issued an official statement about the horrible Kiko's paintings in Madrid Cathedral (when Felipe and Letizia's royal marriage). Academy of Arts said those paintings were a completely fritter.
Kiko threatened them with a lawsuit, that was his loving with his enemy.

Cuando el Papa Francisco lo recibió en audiencia pública en el Vaticano y Kiko fue invitado a terminar su discurso, ya vimos todos cuál fue su reacción: Kiko lleno de cólera preguntando por qué todavía hay obispos y párrocos que no quieren el Camino en sus parroquias. Esa fue su reacción amorosa a su enemigo...el Papa.

When Pope Francisco met Kiko in public audience at Vatican and Kiko was invited to finish his speech, we could see his reaction: Kiko black with rage and anger asking why still the Way is not wanted by some priests and bishops. That was his loving reaction to his enemy...the Pope.

Kiko exige a una mujer que perdone a su marido enemigo cuando la pega.
Kiko demands a woman to forgive his husband enemy when he hits her.

Kiko exige a un niño que perdone a su padre cuando le pega.
Kiko demands a child to forgive his father when his father hits him.

Pero Kiko no puede perdonar a su enemigo cuando le dice cosas que no quiere oír.
But Kiko can not forgive his enemy when he says something Kiko doesn't want to hear.

Kiko no podría perdonar a alguien que le pegase.
Kiko couldn't forgive somebody who hits him.

Es un cobarde. He is a chicken.



by Tripudio ha detto...

Il caro fratello PFB è certamente amico della menzogna e della calunnia, che sono fra i più noti frutti del Cammino.

Infatti entra qui per contestare dei fatti concreti e verificabili chiamandoli «balle» senza produrre uno straccio di ragionamento e tanto meno di dimostrazione, e già che c'è chiama noialtri «nazisti» e addirittura «manipolatori».

Perché lo fa?

Lo fa perché nel Cammino gli è stato insegnato che la verità sgradita a Kiko va nascosta in ogni modo, va taciuta, silenziata, fatta sparire a qualunque costo: infatti PFB ci implora di parlarne in privato, «scrivetevi delle mail tra di voi», non sia mai qualche fratello di comunità possa venire casualmente a conoscenza di ciò che i cosiddetti "catechisti" comandano di tacere...

Non ci vuol molto a indovinare il motivo per cui è così ossessionato.

La sua paura più nera, il suo tabù più allucinante, il suo terrore più indicibile è che almeno una percentuale di cose dette contro il Cammino siano vere.

Per cui il risultato è che per professarsi cristiano (e «cristiano adulto», perbacco!), almeno su certe "piccole" questioni dovrà per tutta la vita nascondere, ingannare, mentire.

Ed è esattamente questo lo spirito del Cammino Neocatecumenale.

Anonimo ha detto...

Ogni tanto vi leggo senza intervenire. Vorrei solo, molto sommessamente, dire che tutta l'impostazione dei post e delle successive discussioni mi pare troppo, decisamente troppo faziosa. Oserei dire a tratti molto poco rispettosa di sacerdoti, vescovi, cardinali, uomini e donne che liberamente hanno scelto e scelgono un percorso di fede nella CHIESA. La CHIESA non è un luogo di omologazione standardizzata di comportamenti ed esperienze. La CHIESA è un corpo fatto di una molteplicità di carismi chiamati all'unità. Mi permetto di suggerire qualche link di riflessione su questi temi. Non intendo invilupparmi in discussioni risposte e contro-risposte, semplicemente ciò che viene da DIO rimane (vd. la CHIESA) il resto è destinato a perire (vd le eresie), lasciate al Signore i tempi del giudizio.
La pace sia con tutti noi.
ODM

A proposito di unità:
http://www.sanfrancescopatronoditalia.it/blog-francescani/cercare-l-unita-nella-chiesa-e-tra-i-cristiani-388#.Vi9bJU2FOpo

C'è anche chi farnetica che Francesco non è Papa:
http://www.sanfrancescopatronoditalia.it/blog-francescani/francesco-non-e-papa-513#.Vi9drk2FOpq

Forse qualcosa di buono c'è anche nel CN:
http://www.sanfrancescopatronoditalia.it/notizie/fede/cammino-neocatecumenale-120-rabbini-alla-domus-galilaeae-in-dialogo-con-vescovi-e-cardinali-34127#.Vi9eME2FOpo



PFB ha detto...

Guardi Tripudio, tagliamo la testa al toro. Sono d'accordo con voi e con tutto quello che avete detto. Il cammino è un'eresia, è un cancro nella Chiesa, e tutto quello che in tutti questi anni avete non solo affermato ma anche dimostrato.
Bene.
Detto questo, punto e a capo.
Cosa facciamo?
Il cancro non va solo studiato, raccontato, spiegato. Il cancro è un male e bisogna estirparlo.
E' l'ora di passare ai fatti, è necessario operare, con tutti i rischi che questo comporta.
Che ne dice?
E operare come dice Aldo sulla singola catechesi della singola parrocchia serve a poco o a nulla. E' necessario fare di più. Non stiamo parlando della singola parrocchia ma di una cancro che sta mettendo in metastasi la Chiesa.

Anonimo ha detto...

DALLA TESTIMONIANZA DI LAPAZ SU JUNGLE WATCH:

“Quando sono stata cacciata dalla comunità e dalla Chiesa, ho sentito come se un coltello mi tagliasse in due senza anestesia. Ricordo quel momento come il momento della mia morte spirituale. Da allora non sono più riuscita a mettere piede in una chiesa. Ho provato ma non ci riesco. Nella mia vita questo è diventato il silenzio di Dio. Nei peggiori momenti della mia vita, quando la sofferenza è insopportabile, la cosa più dura è il silenzio che permane dopo che la tua anima è stata distrutta. Coloro che hanno vissuto momenti drammatici come questi sanno che, sempre, tutto ciò che rimane è il silenzio. Forse questo è ciò che meglio descrive uno shock traumatico troppo immenso per essere espresso con le parole. Il silenzio dopo (la detonazione) di una bomba …. Quel giorno a me è successo qualcosa di simile. ....

.....

..... Quando entri in cammino all’età di 13 anni e i tuoi genitori e fratelli e sorelle sono tutti in cammino; tuo marito, i tuoi suoceri, i tuoi colleghi, i tuoi amici più intimi sono tutti lì e pensi alla remota possibilità di perdere tutto in un istante …… tanti anni della tua vita buttati via ……. come puoi spiegare ai tuoi figli? Cosa puoi dire quando la tua casa è vuota? Cosa farai quando nessuno dei tuoi amici ti guarderà più in faccia o riderà più con te? Con chi ti farai una birra e due chiacchere? Chi inviterai a cena e con chi festeggerai il tuo compleanno? Tutta la nostra vita ruotava intorno al cammino.

Ecco ciò che accadde a noi, a me e mio marito. Anche mio marito è stato espulso. E tutto d’un tratto fu come se le nostre vite cadessero a pezzi, come la bomba di Hiroshima. Non era più una vita degna di essere vissuta. C’era solo la morte e il silenzio. E noi, come coppia, così come i nostri giovani figli, siamo stati messi da parte, abbandonati. Dovevamo ricominciare tutto d’accapo dopo circa 30 anni. Non voglio parlare pubblicamente delle nostre peggiori esperienze personali.

Hanno ucciso la nostra fede. ....."


Cosa c’è da dire?

Chi può avere il coraggio di sminuire fatti come questi?

Come si fa a non rimanere costernati e toccati di fronte a qualcosa del genere, al dolore immenso e al senso di disperazione provati da questa donna e la sua famiglia?

Lucia

Lino ha detto...

@ Tripudio
Una curiosità, Tripudio. Quanti contatti consegue questo blog, mediamente, in un anno? Lo chiedo per il liceale plurilaureato che ha suggerito: «scrivetevi delle mail tra di voi», non per me che già l'ho letto nel passato.
Alla fine, io credo nella sapienza dei detti popolari: "Magnateve 'o limone", si dice a Napoli :-)

pietro ha detto...

Ti rispondo non per interesse ma per educazione, sinceramente considero chiuso ogni argomento, e per questo non cado nel tranello di tripudio che pone domande sapendo che censurerà le risposte, oltremodo mi sembra bassamente infantile.
trovo difficile il vostro lugubre augurio che dopo oltre trent'anni mi ricreda sul cammino, ma se dovesse casomai succedere state certi che non mi annovererei tra voi censori, ad oggi il mio unico rimpianto è quello di non aver conosciuto prima il cammino, e non sicuramente aver accompagnato qualcuno alla porta, o essere stato duro negli scrutini.....qualcuno è andato via, altri ancora oggi mi ringraziano, e a giudicare dai numeri, Prego per i due che sono andati via, e anche per i ventidue che sono rimasti.
Vi prego di non porre ulteriori domande, per quanto mi riguarda Finisce davvero qui.
Statemi sempreeee bene. Pietro

Erbicida del Cammino ha detto...

Cari tutti non facciamoci "distrarre" da poveretti come il camminante Pietro che viene qui a farneticare le sue boiate magari credendoci pure.
Un caso come quello accaduto e raccontato da Lapaz si è ripetuto anche nella parrocchia di S.M. Goretti a Roma, della quale probabilmente Pietro fa parte. Diversi catechisti tra cui Pino Pietrella, Carlo Cuzziol e Alfredo Vinciguerra hanno letteralmente cacciato dalla parrocchia e dal cammino più di una coppia ed in questo atto hanno messo in mostra una violenza non tollerabile per chi si definisce cristiano. Tutto ciò avallato dal parroco don Santiago Alonso "de la Chiappa".
I fatti sono noti in vicariato perché tutti denunciati al vescovo DI TORA.
Da dove nasce tutta questa violenza? Dall'odio, e ripeto odio, che il demone KIKO ha riversato sul sacerdote d. Fabio Rosini, il quale ha l'unica colpa di aver obbedito al vescovo invece che al "capo setta"; questo odio è stato passato come ordine al cane da riporto di Kikino, Mattia del Prete, e da questi ai catechisti della parrocchia, i quali hanno dato il via all'epurazione di numerosi camminanti perché "addirittura" non volevano troncare la loro amicizia fraterna con il sacerdote su menzionato.
Questi sono i deliri terminali e demoniaci del cammino che serve il suo idolo.
Caro Pietro che tanto chiacchieri e poco vivi da vero cristiano, prendi per il colletto i soggetti in elenco e sbattili fuori dalla parrocchia se non sei un ipocrita e fariseo. I vostri sforzi per tenere nascosti gli abomini che avete commesso fino ad oggi sono vani.
I lettori del blog sappiano pure che la pietra tombale del cammino è stata costruita dalla parrocchia di SMG e appena KIko va sotto la panca il cammino è finito, e così la sua patentata disobbedienza alla Chiesa di Roma.
Baci e abbracci a tutti

l'apostata ha detto...

@ ODM

che ha scritto: "...a tratti molto poco rispettosa di sacerdoti...uomini e donne che liberamente hanno scelto e scelgono un percorso di fede nella CHIESA." .

Già. Confronta a tal proposito l'affermazione del signor trettré dottor (h.c.) Arguello, che a Cracovia ha bollato come "di sinistra" dei sacerdoti colpevoli di aver osato contestarlo fischiando. Puoi ascoltarlo al minuto 13,55.

Quanto agli uomini e donne non camminanti, chi li ha etichettati con lo sprezzante "cristiani della domenica"?

Se poi vuoi altri elementi di riflessione sul "fondatore del cammino", nello stesso video Sankiko racconta di fare sempre esorcismi e di aver ricevuto un “segno” dallo Spirito Santo al minuto 07,52 e millanta di parlare sempre per ispirazione divina al minuto 15,40.

Ci dici che ne pensi, argomentando?

Grazie.

by Tripudio ha detto...

@ODM: ci sono due tipi di Cammino. Uno è quello definito dallo Statuto, che praticamente non esiste. Un altro è quello che va contro lo Statuto (per esempio quanto a Decime, liturgia, unità con la parrocchia e col vescovo, ecc.): non si può abusivamente confondere il primo con il secondo.

Finché il Cammino non rinuncia ai suoi errori, il Cammino sarà "nella Chiesa" soltanto geograficamente.

@Lino: sono anni che la media delle visite su questo blog oscilla tra le 1500 e le 3-4000 visite giornaliere (con punte molto più elevate nei giorni in cui commentiamo un evento pubblico di Kiko: cioè quando i neocatecumenali cercano "aùmm'-aùmm'" una descrizione non propagandistica e non autoelogiativa).

@PFB: conoscere le caratteristiche della malattia neocatecumenale significa poter guarire e liberarsene.

Papa Francesco ti ha già sonoramente sgridato (1° febbraio 2014): «La libertà di ciascuno non deve essere forzata, e si deve rispettare anche la eventuale scelta di chi decidesse di cercare, fuori dal Cammino, altre forme di vita cristiana che lo aiutino a crescere nella risposta alla chiamata del Signore».

Capisci? Il Papa ti dice che è una scelta lecita e rispettabile abbandonare il Cammino in nome della propria fede.

Tu invece hai paura che la gente lasci il Cammino. Perché? Quale è il tuo tornaconto?

Se tu davvero consideri buono il Cammino per la tua vita, cosa te ne torna in tasca del fatto che la gente abbandoni il Cammino o ne resti dentro?

Ruben ha detto...

@ PFB ha detto...
"Il cancro non va solo studiato, raccontato, spiegato. Il cancro è un male e bisogna estirparlo.
E' l'ora di passare ai fatti, è necessario operare, con tutti i rischi che questo comporta.
Che ne dice?"
---
Il cancro di cui di cui lei metaforicamente parla è "in metastasi", e sempre metaforicamente,
provi ad indovinare "chi" sono le metastasi, e "chi" di queste costituisce le cellule, quasi irreversibilmente malate...

La situazione è a questo punto, perché in cinquant'anni i "medici" addetti alla cura sono stati medici pietosi; e sappiamo bene, anche dai proverbi popolari il guasti che essi arrecano!...

l'apostata ha detto...

"...Da allora non sono più riuscita a mettere piede in una chiesa. Ho provato ma non ci riesco. Nella mia vita questo è diventato il silenzio di Dio. Nei peggiori momenti della mia vita, quando la sofferenza è insopportabile, la cosa più dura è il silenzio che permane dopo che la tua anima è stata distrutta..." .

Purtroppo confermo anch'io. Ne ho visti tanti, giovani e meno giovani, segnati dolorosamente così.

Ovviamente gli ex "fratelli" se ne sono spesso infischiati. Altro che vivere come la Santa Famiglia di Nazaret. E' una delle menzogne preferite di Sankiko.

E' una setta, punto e basta, con le usuali dinamiche personali, i segreti e i giri di denaro. Altro non c'è.

Anonimo ha detto...

Tripudio il richiamo dl papa dl 2014 era una risposta a quanto accaduto nella parrocchia di s.m.goretti a roma

by Tripudio ha detto...

Ah, sì? E come mai il Papa ha parlato a tutto il Cammino anziché far avere la sonora tirata d'orecchie alla sola disgraziata parrocchia di santa Maria Goretti?

Ammettilo: ormai il Cammino si sta sgretolando.

Nel Qatar (dico: nel Qatar, capisci?) arrivano Stanlio e Ollio, cioè i due emissari di Kiko, per fare la solita pubblicità ingannevole mirata a costruire aùmm'-aùmm' una nuova comunità neocatecumenale all'insaputa dei suoi futuri "paganti decima"...

...e chi trovano? Trovano un fedele cattolico che si accorge dell'inganno, si accorge degli strafalcioni liturgici, si accorge delle furbate, e che descrive minuziosamente i fatti concreti via email a tutti, compresi i vostri Stanlio e Ollio mandati da Kiko.

I vostri mezzucci non funzionano più nemmeno nel Qatar (nel Qatar, capite? nel Qatar!) e sono anni che le comunità neocat anziché aumentare diminuiscono.

In tutto questo abbiamo qui a cuore le persone che vedono devastati la propria vita, la propria fede, i propri affetti, il proprio portafogli.

LAPAZ ha detto...

Lucía ha detto: "Cosa c’è da dire?

Chi può avere il coraggio di sminuire fatti come questi?

Come si fa a non rimanere costernati e toccati di fronte a qualcosa del genere, al dolore immenso e al senso di disperazione provati da questa donna e la sua famiglia?".

Gracias, Lucía, por acompañarme en el dolor de mi corazón. Sin embargo, me gustaría que llorasen los culpables y no los inocentes. Muchas gracias por tu sensibilidad.

Thank you, Lucía, for joining me in my pain. But I wish guilty people were crying and no innocent people as you. Thank you for your sensitivity.

Anonimo ha detto...

Non è certo, facciamo tante barzellette ridendo con umorismo del camino Neocatecumenale e su Kiko e Carmen, ma non penso facciamo barzellette mai su Cristo o la Vergine Maria... Non so perché dici così. Spesso dite che non nominiamo Cristo, e invece sì lo facciamo, continuamente. Cristo è il centro della predicazione. Al contrario, spesso nelle celebrazione dominicali se nomina e annuncia poco a Gesucristo, il nostro Salvatore e il vincitore della morte. A volte forse diciamo Dio invece Cristo, ma non perché ci dimentichiamo di Gesù, ma perché insieme allo Spirito Santo, sono Uno.

Anonimo ha detto...

@ apostata ....
"Ci dici che ne pensi, argomentando?"

Difficile argomentare, proverei a metterla così:
Il CN esiste da una cinquantina di anni, non è stato denigrato da nessun Papa, ci sono vescovi e cardinali che lo difendono a spada tratta, che lo tollerano, che lo vedono bene, e che lo criticano.
Il CN è una "realta'" fatta di uomini, e come ogni realtà fatta di uomini ne contiene di tutti i tipi.
Il CN contiene delle eresie ? Io non lo so, quello che so è che questo blog non è certamente la sede deputata a stabilirlo.
Penso che ci sono tanti modi per costruire "argomentazioni", è per questa ragione che ho proposto il link che presenta il libro che sostiene che l'elezione di Francesco a Papa è da considerare nulla. Se leggete quel link vedrete che le argomentazioni sembrano solide, ma secondo me sono sbagliate.

Vi propongo solo un paio di paralleli:
Nel tredicesimo secolo un tal Francesco D'Assisi da alcuni cardinali era considerato eretico. Poi la CHIESA lo ha riconosciuto SANTO patrono d'Italia, e della storia della CHIESA i cardinali che lo ritenevano eretico hanno continuato ad essere degnissimi esponenti.
Un tal Agostino Gemelli ha dichiarato il frate Pio da Pietralcina uno psicopatico isterico da tenere lontano dalla gente. Quel frate è oggi San PIO, ed Agostino Gemelli, fondatore della università cattolica e dell'omonimo ospedale resta una figura di spicco della CHIESA ed un luminare della scienza.

Per favore non cadete nella banalità di leggere un paragone con Kiko. Voglio solo dire che nella CHIESA possono vivere, crescere insieme, e contribuire alla edificazione della CHIESA stessa anche realtà in contrasto.

Mi dispiace sentire di tutte le esperienze di persone che hanno sofferto nel cammino. Come allo stesso identico modo mi dispiace per tutti i bambini violati da preti pedofili che non sono del cammino. Come mi dispiace ugualmente di bambini violati da pedofili che non fanno parte della chiesa.

Mi viene difficile pensare che dopo 50 anni di storia si possa dire che il CN sia solo un coacervo di errori, qualcosa di buono deve pur esserci altrimenti sarebbe già bello che morto.

Lo ripeto, anche con simpatia, lasciate al Signore i tempi del giudizio.
Lasciate che la zizzania cresca insieme al buon grano, ed al tempo della mietitura sarà spazzata via dal vento.

Se il CN non piace, basta non andarci.
Ora vi saluto, continuerò a leggervi ogni tanto con simpatia.
Non angustiatevi per il CN cercate il regno di DIO e tutto vi sarà dato.

ODM





Anonimo ha detto...

Nella mia Parrocchia sono 3 anni (= 3 cicli di "catechesi iniziali" + 2 eventi delle "100 piazze") che non si forma una nuova Comunità. Ad ogni ciclo di catechesi alla fine rimangono soltanto 5-6 persone (in genere sono i figli di altri del Cammino) e in totale non riescono ancora ad arrivare al numero minimo di 30-40 persone necessario per formare una nuova Comunità. Quando iniziano le catechesi sembra che ci sia un sacco di gente ad ascoltarle seduti, ma in realtà sono quelli delle Comunità più anziane che vengono "a far numero" e a far credere a chi le sta ascoltando per la prima volta che siano una bella cosa.
Anche in una Parrocchia vicino so che hanno lo stesso identico problema... ma è così in tutta Italia... in genere le "catechesi iniziali" sono proprio un DESERTO!
Ormai io cerco di informare personalmente più "cristiani della Domenica", sacerdoti (ops... "presbiteri") e Vescovi possibili.
L'impero di Kiko ormai si sta SGRETOLANDO... e lui sta "annegando" con "cavallo e cavaliere".
Marco

Anonimo ha detto...

Dear Lapaz,

I cry with you because I understand the silence of God that you feel. It's the same with me. And I too am no longer able to set foot in a church.

I understand it is much more painful for you because you have a family and spent almost your entire life in community. I feel deeply for you.

I still believe in Jesus but I don't know Who He is anymore. I'm too hurt and confused.

But please please when you feel alone in your pain, remember Jesus in His agony in the garden of Gethsemane, abandoned by all, betrayed by those who knew Him best.

Lucia

by Tripudio ha detto...

Brevi notizie da Guam:

1) siccome il vescovo è incapace di curare le proprie vocazioni, ha subappaltato l'incarico al Cammino. Guardate la foto in cui seminaristi kikiani Redemptoris Mater indossano la veste talare (quando c'è da chiedere soldi ai non neocatecumenali, sono capaci di indossare perfino la veste preconciliare talare), e strimpellano le canzonette di Kiko con la chitarrella per... festeggiare il settantesimo compleanno del vescovo neocatecumenale; [link qui]

2) finalmente online il documento completo: "RMS: A Scam From The Beginning" [Seminario Redemptoris Mater di Guam: una truffa fin dagli inizi] --- i neocatecumenali, con mezzucci ai limiti della legge, si sono impossessati di una proprietà multimilionaria della diocesi di Guam, ma non è ancora detta l'ultima parola...

3) come al solito i "presbiteri" neocatecumenali, mentre collezionano cariche onorifiche, all'improvviso svaniscono dalla parrocchia senza preavviso per qualche goirno, poiché vanno "in missione" (cioè vanno nelle comunità neocat a fare la "convivenza"). [link qui]

4) il vescovo neocatecumenale Apuron ha stabilito una "terna" di possibili candidati vescovi (per la sede della vicina isola di Saipan oppure come suo vescovo ausiliare): si tratta - ma guarda un po'!?! - di tre pretonzoli neocatecumenali (due sono già famigerati "presbìteri" di Guam, e il terzo è un "presbìtero" NC brasiliano). [link qui]

5) i neocatecumenali, forti dei loro potenti appoggi romani, avevano tentato di far trasferire in Congo l'arcivescovo Krebs (che da maggio 2014 è nunzio apostolico per l'area dell'oceano Pacifico che comprende Tonga, Nauru e Marshall - inclusa l'isola di Guam), per vendicarsi di lui, poiché aveva dato ascolto anche ai fedeli di Guam che hanno lamentato e denunciato le nefande opere del Cammino. La manovrina neocatecumenale era già riuscita col precedente vescovo, mons. Balvo, spedito dal Pacifico al Kenya, ma... con mons. Krebs non è riuscita.

Mons.Balvo era colpevole di aver chiesto al vescovo neocatecumenale Apuron di rendicontare alla Santa Sede le entrate/uscite economiche della diocesi, e ovviamente quest'ultimo aveva sempre evitato di farlo (per evitare che si scoprissero certi strani giri di soldi relativi al Cammino). Così, quando grazie agli appoggi del Cammino riuscirono a farlo trasferire in Kenya, Apuron in Curia si mise a ballare al ritmo di "Africa nera, Africa nera"... [link qui]

sandavi ha detto...

Pietro puoi continuare a illuderti, di fatto, da catechista, non hai il coraggio di dire che ciò che ha subito Lapaz, con tanto di nomi e cognomi, date, è una vergogna ed è da condannare. Voi non avete il potere di cacciare nessuno se non quello che vi è stato arbitrariamente assegnato in una sera dopo una votazione in comunità. Un potere di nessun valore che però voi credete venire da Dio stesso.
Voi catechisti Pietro non siete nessuno al di fuori della saletta ma li dentro vi comportate e parlate come Dio in terra solo perché così Kiko vuole.
Fate un po' compassione quando incontrate qualcuno che è uscito e non è più in vostro potere, perché sapete che avete perso tutto il vostro valore.
Tu non hai niente da dire su quella vicenda di Lapaz perché scommetto che ti saresti comportato agli stesso modo.

Anonimo ha detto...

Tripudio ha detto...
Ah, sì? E come mai il Papa ha parlato a tutto il Cammino anziché far avere la sonora tirata d'orecchie alla sola disgraziata parrocchia di santa Maria Goretti?

Tripudio hai letto attentamente sopra cosa è successo in quella parrocchia?
Nei mille casi che si raccontano la colpa va indirizzata verso il vescovo, i presbiteri, i catechisti o altro, e così anche se i fatti sono veri, gli appartenenti al CNC possono sempre opporre una scusante dicendo che il cammino non è così. A SMG invece si è assistito allo scatenamento diretto dell'odio di Kiko verso un prete e a catena verso chi gli stava intorno, tutto questo senza se e senza ma, smascherando la vera natura di questa setta. E il silenzio di Pietro te lo sta a testimoniare, perché se ha il coraggio di blaterare qualcosa gli ribaltiamo addosso tanto di quel letame che lo soffochiamo, soprattutto se è un catechista della parrocchia come ritiene sandavi.
I fatti gravi accaduti hanno destato l'attenzione di Vallini e di conseguenza del Papa, che hanno cercato di risolvere la problematica. Da li il richiamo. Devi vedere i fatti accaduti con altri occhi, nel senso che il papa ha constatato, grazie a persone di peso che sono uscite dal cammino, che le accuse ad esso rivolte non erano dicerie ma "fatti concreti", misurando così l'atteggiamento menzoniero e ingannatorio del capo setta Kiko. Il cammino per l'intervento diretto del "mostro" in quella parrocchia, si è svelato definitivamente per quello che è. Per questo la fine del cammino è iniziata in quella parrocchia. Se hai conoscenze in vicariato puoi chiedere conferma di quanto afferamato

l'apostata ha detto...

@ ODM

E bravo neocat. Non so, non è il luogo adatto, san Francesco, padre Gemelli il luminare e via chiacchierando.

Perciò per te Sankiko quando sbandiera visioni celesti e segni divini, quando spara eresie, quando stravolge la Liturgia, quando distorce Catechismo e Magistero, quando si arroga funzioni vietate ai laici, non fa niente di male.

Nella tua verbosità ripeti solo e sempre il leit-motiv neocat: siamo approvati, chi siete voi per giudicare.

L'importante per un bravo camminante come te è non parlare, non vedere, non sentire e far finta di capire.

Fenomenale poi l'affermazione: "... Voglio solo dire che nella CHIESA possono vivere, crescere insieme, e contribuire alla edificazione della CHIESA stessa anche realtà in contrasto..." .

Realtà in contrasto fra loro che edificano la Chiesa? Forse ti stai confondendo con le partite della Clericus Cup.

Penosa figura quando scrivi di san Francesco e padre Gemelli.

San Francesco con la Regola approvata dal Papa, della quale diceva che bisognava osservarla "sine glossa, sine glossa, sine glossa"!
L'esatto contrario di Sankiko, che stravolge tutto a suo uso e consumo.

E padre Gemelli? Figura di spicco e luminare? Ma per favore! Era un uomo di potere e basta. Di buono ci fu la fondazione della Cattolica, per il resto lasciamo perdere.

ODM, hai proprio tanta paura di dire quello che pensi di visioni, segni ed esorcismi del signor trettré dottor (h.c.) Arguello? Ma non è il tuo linguaggio si si, non no?

Provaci, tanto anche se i tuoi kikatekisti dicono di essere illuminati, discernenti e ispirati, dal tuo nick mica ci riescono a capire chi sei.

Non so se ti hanno informato, ma in realtà i kikatekisti non sono illuminati, non sono discernenti e nemmeno ispirati. Ripetono a pappagallo e basta, perciò provaci a ragionare con la tua testa.
Avrai delle sorprese.

p.s. Una parola di comprensione per i tanti che hanno sofferto a causa di cammino e kikatekisti la vogliamo spendere?

by Tripudio ha detto...

Rispondo a ODM:

hai detto diverse emerite panzane - ma tanto non ci meravigliamo, poiché il neocatecumenalismo educa a mentire.

Correggiamo dunque il tiro:

1) il CN è stato esplicitamente criticato da Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI, in particolare a causa delle liturgie, ed è stato criticato anche da Francesco (che non solo ha confermato il "quadro normativo" stabilito da Benedetto XVI - cioè celebrare la liturgia secondo il Messale Romano «senza aggiunte, né omissioni» -, ma ha anche rincarato la dose criticando alcuni aspetti settari del Cammino); quindi è falso che i Papi non avrebbero mai "criticato" il CN;

2) il fatto di essere "difesi a spada tratta" da tanti vescovi e cardinali (e di essere incoraggiati dagli stessi Papi che hanno criticato il Cammino) non è un certificato di santità del Cammino. Molte volte la gerarchia ha protetto ed elogiato esperienze ecclesiali ambigue e addirittura personaggi tutt'altro che santi (si pensi a GP2 che "difendeva a spada tratta" Marcial Maciel). Dunque è una bassa insinuazione quella di confondere deliberatamente gli applausi con la verità. Nostro Signore non ci chiederà quanti applausi abbiamo ricevuto da vescovi, cardinali e Papi.

3) il fatto che il Cammino sia "fatto di uomini" non cambia la sostanza delle cose, e cioè che il Cammino è esplicitamente fondato sulle carnevalate liturgiche e sulle ambiguità e vere e proprie eresie. Il buon cuore di tanti neocatecumenali nulla toglie agli strafalcioni liturgici, che offendono Nostro Signore. Fingere che le "differenze" liturgiche siano tutto sommato non gravi significa disprezzare la Chiesa e anche Nostro Signore che ha comandato di celebrare i sacri misteri.

4) per di più Nostro Signore viene calpestato anche materialmente nelle liturgie del Cammino, a causa del fatto che i neocatecumenali non credono nella Presenza Reale (anche se -mentendo- dicono il contrario). Fingere che nel Cammino non ci siano problemi sull'Eucarestia è - oltre che una menzogna - un gravissimo insulto contro Nostro Signore.

5) questo blog non è la sede dove giuridicamente si stabilisce che il Cammino è eretico - ma l'affermazione della verità non è riducibile ai pronunciamenti dei tribunali. Come dice anche il Catechismo (CCC. 907), «in rapporto alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l'integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l'utilità comune e la dignità della persona» (CJC canone 212, § 3). Denunciare pubblicamente gli strafalcioni e le storture del Cammino è un dovere di ogni cristiano, perché è intollerabile che il Santissimo Sacramento venga calpestato.

6) gli altri argomenti riguardanti la vita della Chiesa Cattolica ci possono anche interessare, ma ti ricordo che questo blog è dedicato al Cammino Neocatecumenale.

7) quanto alla panzana su san Francesco d'Assisi, ricordiamo che all'epoca erano considerati sospetti tutti i movimenti "pauperistici": solo che Francesco d'Assisi si rimise senza riserve al giudizio del Papa (al Papa sarebbe bastato un cenno per cancellare l'intero francescanesimo), mentre gli altri vollero proseguire e finirono nell'eresia. Kiko non si è rimesso al giudizio del Papa, ed ha anzi scritto al Papa che avrebbe agito di testa propria (17-1-2006).

sandavi ha detto...

ODM il paragone con i preti pedofili è odioso e strumentale. I preti profili hanno agito andando CONTRO la morale cristiana, gli scagnozzi di Kiko fanno del male proprio perché SEGUONO i dettami di Kiko.
È Kiko che vi ha insegnato a tagliare, pretendere, sgridare, chiudere le porte, cacciare, umiliare e questo SENZA AVERE NESSUNA AUTORITÀ O POTERE! l'autorità che avete ve l'ha data Kiko e molti di voi la usano per compiere il male. È questa la realtà! Come ha potuto Del Prete, un comunissimo architetto, sedersi in cattedra e giudicare un Sacerdote, operando al livello di un vescovo, un consacrato di Dio? La Scrittura non vi ha insegnato niente? Persino Davide avendo la possibilità di uccidere Saul e vincere la guerra non ebbe il coraggio di toccare un consacrato del Signore, pure se corrotto e omicida. E invece il vostro supercatechista, il vostro terminator OSA giudicare e umiliate pubblicamente un SACERDOTE.
Questo accade nel Cammino e Kiko lo ha pure messo nero su bianco nei vostri mamoTEtri!

LAPAZ ha detto...

Marco ha detto <> Totalmente de acuerdo.

Una de mis catequistas dijo hace un año, lo sé por mi familiar que aun está en el Camino, que Kiko debería ser humilde y reconocer que el Camino quizá fue una ayuda en un momento concreto pero ahora ya no porque está muriendo, quizá ya no es necesario.
One of my catechist said a year ago -as a person of my family, still in the Way, told me- Kiko might be humble and recognize that maybe the Way was a charisma for helping the Church in a given time, not for always, and the Way is next to dead because maybe the Way is not as necessary as before.

Esa mujer contaba que no hay comunidades nuevas, solo comunidades con hijos de los hijos...y las comunidades mayores ya han sido unidas una, dos, tres, cuatro veces sin éxito. Muchas comunidades mayores han sido trasladadas a nuevas parroquias (comunidades en misión) para llevar el Camino a nuevos barrios.


That woman said there are no more new comunities, just comunities with sons of the sons...and oldest communities habe been added one, two, three, four times and there is no success. Many old communities have been moved into new parishes (communities in mission)to transplant the Way into nwe areas in the cities.

Las celebraciones y las eucaristias son una tristeza enorme, decía ella. Pero parece que Kiko es muy soberbio y no quiere reconocerlo. Quizá el tiempo del Camino ya pasó. Eso es lo que ha sucedido en Europa.

Celebrations and eucharisties with communities are a complete sadness, she said. But Kiko is very superb and he does not want to recognize it. Maybe time of the Way has just finished.

Para mí hubo un antes y un después en el Camino. Cuando Juan Pablo II dijo a Kiko que era necesario darle una forma jurídica, yo estaba cerca de personas que tenían contactos en la jet del Camino. Sé que hubo mucha división. Unos querían, otros no.

For me there was a one before and one after in the Way. When Pope John Paul II told Kiko it was a needing to find a legal form for it, I was close to some persons who were in good position with those I call "jet-set" of the Way. There was so much division among them. Some of them wanted it, some of them didn't.

Desde entonces fue como si una niebla lo cubriera todo. Al menos yo empecé a conocer que había luchas y rivalidades, muchos intereses en juego.
Since then, it happened as if a foggy cloud would have covered all. At least since then I had noticed there were fights and rivalries into the Way, with many different interests in the game.

Kiko no tenía intención de cambiar nada. La idea era poner los mamotretos en algo más bonito, sin faltas de ortografía o tipográficas, con algunas citas al pie de página del Catecismo y poco más.
Kiko had no intention to change anything. The idea was to re-writte all the mamotretes a bit more beautiful, without ortography or tipography mistakes, with some feet notes to link the Chatecism and nothing else.

Así van las cosas. Kiko no obedece y no consiente la desobediencia.
Es muy curioso que las personas que echan del Camino son personas bien formadas en la doctrina y el magisterio. Su pecado no es la rebeldía, sino la fidelidad a las enseñanzas de la Iglesia.

And so the things go on. Kiko does not obey and he does not allow disobedience. It is very interesting that those person who are expelled off the Way are well formed in doctrine and teaching of the Church. Their sin is not rebellion but loyalty to the Church's teachings.

Cuando decir la verdad es visto como algo esencialmente malo, es que algo funciona muy mal.
When to say the truth is seen as something essentially of evil, that means there is something quite wrong.

PFB ha detto...

Ringrazio per la non pubblicazione.


spaghetto?

LAPAZ ha detto...

Querida Lucía, nos quedaremos juntas esperando a Dios en nuestro silencio, lejos de los gritos de los levitas y fariseos.

Dear Lucía, we will stay together waiting for God in our silence, far from loud shouting of Levites and Pharisees.

Pietro, la misericordia se ríe del juicio.
Pietro/ Peter, Mercy laughs on judgement.

LAPAZ ha detto...

Bien, ODM: qué le dirás a tu Señor cuando te pregunte dónde está tu hermano? Qué le dirás cuando la sangre de tu hermano clame al cielo?

Well, ODM, what will you say to your Lord when he would ask for your brother? When his blood shall claim your Lord to heaven?

PFB ha detto...

Chiedo di nuovo la pubblicazione.
----------------------


Signor Tripudio vedo che come sua consuetudine non risponde e divaga. Si rilegga bene quello che ho scritto. Non sono preoccupato che in una comunità ci siamo poche o tante persone. Io voglio come lei che il cammino venga chiuso. Cosa intende fare? oltre che parlare? Mi sta bene anche una risposta del tipo: non ho intenzione di fare nulla.

Signor Lino, pusillanime Lino, l'anno scorso l'avevo invitata ad un faccia a faccia con Kiko, a Mestre. Lei ha rifiutato. Peccato aveva il posto in prima fila, avrebbe potuto ascoltare "ipsissima verba" e avere così più materiale per il suo libro. Peccato perchè anche avrebbe potuto conoscere questo liceale settantenne. Avrebbe potuto incantare la platea con la sua dotta dialettica. Persino il Patriarca di Venezia ne sarebbe stato illuminato insieme a tanti altri illustri personaggi del mondo della politica della cultura e della religione. Allora in attesa di leggere il suo libro, acquistato oggi, e che immagino certamente la Dottrina per la Fede farà suo, per le prove inconfutabili di eresia che contiene, la saluto, prendendo spunto dalla sua accademia di citazioni, signor "quaraquaqua".

Il "pigliainculo"
PFB

by Tripudio ha detto...

Come già detto e ripetuto (vedasi pagina "moderazione di questo blog"), il sottoscritto - che è solo uno dei traduttori/moderatori di questo blog - non ha cinque minuti di tempo da dedicare ad ogni soggetto che cerca di far perdere tempo al prossimo.

Cosa devo rileggere? Le solite panzane a cui io, Lino, AleCT e Aldo abbiamo già risposto? Oppure gli insulti che ho lasciato tranquillamente cadere nella cartella "spam"?

Il Cammino Neocatecumenale contiene errori liturgici e dottrinali.

Errori che non vuole correggere.

Errori già condannati dalla Chiesa - basta leggere il Catechismo e il Messale Romano - e perfino ricondannati pubblicamente da tre diversi Pontefici.

Cosa bisognerebbe dunque rispondere a chi fa strazio della liturgia ma vanta gli applausi di vescovi ignoranti o compiacenti?

Cosa bisognerebbe dire a chi cita le parole del Papa tranne nel caso che tali parole siano sgradite alla "propaganda kikiana"?

Cosa si può dire ad un sordo - di quelli che non vogliono ascoltare né ragionare - per farsi sentire?

p.s.: Kiko non solo non ascolta il Papa, ma gli mette pure per iscritto che non intende ubbidire. Dunque a che pro il fratello PFB invita Lino a parlare con Kiko?

LAPAZ ha detto...

PFB ha detto: "Signor Lino, pusillanime Lino, l'anno scorso l'avevo invitata ad un faccia a faccia con Kiko".

Sr. Lino, Vd. es un enemigo público número uno del Camino!
Gracias por permitirme venir a su casa a escribir, aquí encuentro personas muy valiosas.
Lamento que el Sr. PFB esté tan enfadado con Vd.
Kiko es un amo muy duro.

Mr. Lino, you are the number one public enemy of the Way!
Thank you for allowing me to stay in your home, here I have found very valuable people.
I'm sorry that Mr. PFB is so upset with you.
Kiko is a very hard master.


Lino ha detto...

PFB ha detto: "Signor Lino, pusillanime Lino, l'anno scorso l'avevo invitata ad un faccia a faccia con Kiko, a Mestre"

E io sarei dovuto venire fino a Mestre per avere un faccia a faccia con Kiko? Ah ragazzì, tu nemmeno hai capito chi è Kiko. Kiko possiede i doni, tra i quali la bilocazione, la trilocazione la multilocazione. Kiko si sposta contemporaneamente nei locali che vuole. Infatti, mentre stava a Mestre, si è bilocato dalle mie parti, in provincia di Caserta.

PFB ha detto...

Era un link vostro. Lino, ha la memoria corta?
http://neocatecumenali.blogspot.it/2014/03/mestre-120-metri-quadrati-di-kiko.html

Lino ha detto...

Dear Lapaz, the truth is the number one public enemy of the Way. Everyone who loves the truth, consequently, becomes the number one public enemy of the Way. Thank you very much for being here. I read very carefully your writings; the truth always arise from open discussions.

Lino ha detto...

@ PFB
No, non è un link mio, non ne sono l'autore. Impara a riconoscere il mio stile di scrittura (ognuno ne ha uno proprio, se ancora non lo hai appreso: perciò ti riconobbi in Richard Sloan). Di mio ci sono le risposte a un tizio che mi aveva invitato a Mestre firmandosi G.F., mentre ora si firma PFB dopo essersi presentato con altre decine di nick.
Non so chi mai potrebbe accettare un invito da un simile soggetto, che cambia nick così come i serpentelli cambiano pelle. I serpentelli, però, con la muta perlomeno crescono.
Vai a studiare, liceale. Ci hai fatto ridere abbastanza e anche hai fatto arrabbiare qualche catechista NC che ti legge qui.

sandavi ha detto...

PFB guarda puoi continuare a menare il can per l'aia quanto vuoi, ma ancora non rispondi a domanda perciò te la faccio direttamente:

Il prete kikiano appartenente ai dodici cefalopodi neocatecumenali ha agito secondo la morale cristiana cacciando la povera Lapaz e suo marito urlando pubblicamente "io ti espello demonio"?.

Te lo ripeto in grassetto così leggi meglio:

Il prete kikiano appartenente ai dodici cefalopodi neocatecumenali ha agito secondo la morale cristiana cacciando la povera Lapaz e suo marito urlando pubblicamente "io ti espello demonio"?.