sabato 29 marzo 2008

Uno dei tanti interrogativi

La pagina precedente è divenuta impraticabile in breve tempo ma, non solo per cambiar pagina, posto lo stralcio di un messaggio ricevuto oggi dalla nostra Redazione, chiedendovi di aiutarci a dare una risposta. Così, cerchiamo di continuare a parlare di "fatti concreti"

Salve,
avrei una domanda:
Le messe celebrate dai neocatecumenali possono essere celebrate, secondo il volere del Papa, al di fuori della chiesa, in luoghi non sacri come sale di ricevimento e sale da ballo???
La domanda mi è sorta proprio recentemente perchè il marito di mia sorella ha voluto che il figlio, mio nipote, si battezzasse la notte di Pasqua secondo i riti previsti dai neocatecumeni.
La cosa che mi ha lasciato perplesso, e ciò che è stato motivo di astio, è stato il voler celebrare la veglia pasquale fuori città, in un altra regione (distanza: 160 km), all'interno di una sala da ballo, con tanto di luci da discoteca, casse giganti e palla da discoteca ruotante.
Di conseguenza mi è sorta tale domanda.


[.....Tralascio, per rispetto della privacy i dati successivi, vi assicuro drammatici e dolorosi da ascoltare....]

Le sarei grato se mi potesse dare una risposta, indicandomi, anche, i motivi.
Grazie fin da subito per l'attenzione concessa.
Cordiali saluti, Firma.

107 commenti:

Anonimo ha detto...

che ne sapete il perchè di questa scelta? ogni motivo è buono per attaccare...
"adoreranno il Padre in Spirito e Verità...", non parla mica di templi... o sbaglio Don Mic?

lara ha detto...

E’ bene che lei se l’abbia domandato. La Chiesa è il luogo consacrato e di culto e non ‘le sale’ varie. Però nel caso neocatecumenale (altra chiesa) sono le sale luogo prescelto.

Una triste realtà questa, che non viene ne rispettata , ne custodita dallo stesso sacerdote, nemmeno per quanto riguarda il battezzato, purtroppo!

lara ha detto...

La 'chiesa neocatecumenale' ha una gerarchia tutta a sè da obbedire, prassi, riti, luoghi di 'celebrazioni' addobbati in tutto il mondo allo stessissimo modo. Una 'strana e rigida chiesa' dentro la Nostra Chiesa.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

il codice di diritto canonico parla chiaro, anchi chiarissimo ein modo inequivocabile. inoltre tale chiarezza è ripresa nei prenotanda dei libri liturgici che sono l'unico modo che la chiesa indica come modus celebrandi.

il battesimo si può fare solo nella chiesa parrocchiale o in una cappella o chiesa succursale (oratorio), consacrata e legata alla chiesa parrocchiale.

non è consentito celebrare in altri luoghi, soprattutto senza il permesso del parroco del luogo dove si celebra.

se ad esempio una comunità neocatecumenale di brescia centro andasse a fare la veglia pasquale in un albergo o discoteca del lago di garda, farebbe una cosa illecita.

primo perché il luogo non è adatto al sacramento

secondo perché non si può celebrare la veglia pasquale in luoghi che non siano le cattedrali o le parrocchie (tecnicamente nemmeno i santuari potrebbero fare tale celebrazione), quindi figuriamoci un albergo o discoteca o capannone;

terzo, il battesimo verrebbe fatto non solo fuori parrocchia, ma anche spesso fuori diocesi. mancano quindi i vari permessi e nulla osta.

se, facendo un esempio, io di brescia centro battezzo mio figlio a desenzano nell'albergo miralago, dovrei avere il permesso del parroco di desenzano e del vescovo di verona, e poi registrare il battesimo nella parrocchia di desenzano, e prima ancora fare la veglia e il battesimo nella chiesa di desenzano e non in albergo.

ergo, il battesimo è valido, ma illecito!

cosa ancor più grave: i sacerdoti che fanno tutto ciò sanno che questo non si può fare, ma lo fanno ugualmente!

a me hanno insegnato che quando io so di fare una cosa sabgliata e la faccio ugualmente, commetto peccato grave, soprattutto se la faccio con deliberato consenso, con piena avvertenza e sapendo che la materia è grave, cioé celebrare un sacramento in modo sbagliato!!!

lara ha detto...

"secondo perché non si può celebrare la veglia pasquale in luoghi che non siano le cattedrali o le parrocchie (tecnicamente nemmeno i santuari potrebbero fare tale celebrazione)"

Perchè nemmeno i santuari?

mic ha detto...

che ne sapete il perchè di questa scelta? ogni motivo è buono per attaccare...

il motivo della scelta è l'azione univoca e incontrastabile del padre del bambino, unico elemento neocatecumenale della famiglia, che è passato sopra a tutto e a tutti pur di ottenere il suo scopo: far battezzare il bambino a Pasqua dovunque fosse purché nell'ambito della sua comunità... il resto (moglie compresa nonché madre del bambino) terra bruciata... rispetto zero

lara ha detto...

Ma, è possibile che mentre il Santo Padre PARLA e chiede preghiere (Radio Vaticana) ““Perché i futuri presbiteri delle giovani Chiese siano sempre più formati culturalmente e spiritualmente per evangelizzare le loro nazioni e tutto il mondo” e invita i fedeli a dedicare le migliori risorse per dare alla Chiesa sacerdoti con un’adeguata formazione umana, intellettuale e pastorale… tanti prelati sono in questo momento riuniti dietro l’ascolto di un pinco pallino? Che tipo di ‘formazione’ umana, intellettuale e pastorale avranno alla domus da imparare ?

Basta che non vengano anche loro ri-battezzati :) … dovremmo forse dire che questo è già tanto?

Buh! Quale incoerenza!

exneocat ha detto...

E purtroppo la colpa e' delle gerarchie vaticane, che cosi' facendo pian pianino perderanno tutta la loro autorita'.Perche' ditemi voi,come si fa a predicare una cosa e tollerarne un'altra.Sembrerebbe come se Pietro non ci fosse piu'.Chissa' Satana come se la ride.Ma Il Signore nostro ci aiutera' statene certi.Domani e' la festa della Divina Misericordia,che il Signore abbia misericordia di me e della mia linguaccia,ma piu' il tempo passa e piu' e' difficile mantenere la fede salda.Suor Faustina intercedi per noi.

Matteo ha detto...

E' stato scritto tante altre volte nelle pagine precedenti e lo si ribadisce ancora qui, con grande sofferenza ma altrettanta franchezza.
In tutta la storia della Chiesa, rispetto al "caso" neocatecumenale, è la prima volta che si sopporta l'insopportabile, che si tollera l'intollerabile, che si plaude e simpatizza per l'esecrabile.

Ma quando mai si sarebbero tollerati scimmiottamenti dei sacri riti in contesti anomali e circostanze sacrileghe e blasfeme?

Quando mai si sarebbero sopportati rituali e pratiche talmente eversivi da rasentare la ribellione conclamata e plateale?

Il silenzio delle gerarchie e la mancata adozione di un provvedimento limpido, cristallino ed inequivoco nei confronti del cammino neocatecumenale e dei suoi capi significano purtroppo soltanto una cosa: che le cose sono andate troppo oltre, che questa setta è riuscita a tirare dalla propria parte una schiera ampia di ministri della Chiesa, in Italia e nel resto del mondo.
Costoro fanno in modo di ostacolare, frenare, dilazionare, mitigare ogni parvenza di provvedimento teso a contenere l'invadenza e l'infiltrazione dei neocatecumenali nella Chiesa.

Al punto in cui stanno le cose, se non arriva una chiara, repentina messa al bando di questa setta con la sua espulsione dalla Chiesa, vuol dire che si è radicata ormai a tal punto da impedire perfino al Papa di adottare provvedimenti nei suoi confronti!

Questo è lo stato tragico delle cose.

Ad avvalorare tale presentimento, il fatto che, tranne qualche voce isolata quì e lì, in opposizione a tale degenerazione non si è levata nessuna schiera di vescovi o cardinali, nessun coro di condanna dello stato di cose presenti, forse perchè non vi è certezza che tale azione verrebbe approvata ed appoggiata dal vertice della Chiesa.
Oppure, il che è ancora peggio, perchè ci si è rassegnati alla presenza del cammino nella Chiesa, nonostante il corpus di deviazioni e violazioni.

E' verissimo che vi sono alcuni atti formali di sollecitazione e richiamo all'ordine dei neocatecumenali, ad opera del Santo Padre o di suoi qualificati rappresentanti.
Ma si tratta di rimbrotti, tirate d'orecchio rispetto a comportamenti che per contenuti, entità e gravità avrebbero richiesto ben altra severità e correlati provvedimenti.

L'atteggiamento ufficiale della Chiesa nei confronti del cammino neocatecumenale è simile a quella di un genitore, il quale avendo scoperto un proprio figlioccio a commettere terribili iniquità (perchè tali deve considerarsi la mole di violazioni perpetrate in ogni aspetto della vita di fede dai neocatecumenali), si limiti a qualche bonario rimbrotto e a un buffetto sulla guancia.
Un atteggiamento incomprensibile, inspiegabile, illogico.

Così, sul caso neocatecumenale, si finisce per invocare un dover essere amorevole, pacifico e tollerante del tutto fuori luogo rispetto alla portata delle violazioni arrecate ai dogmi, alle norme, ai riti, alle prassi e alla tradizione consolidata della Chiesa cattolica.

Anonimo ha detto...

matteo, ma perchè non lasci perdere?

Duilio78 ha detto...

Che cosa deve lasciar perdere Matteo, e noi con lui? L'ostinazione contro il male che avanza, rappresentato dalle sorti magnifiche e progressive del cammino neocatecumenale all'interno della Chiesa? O la constatazione dell'incapacità di difendere la sacra tradizione cattolica tramandata dagli apostoli? Oppure l'impulso di coscienza di non riuscire a sopportare la lentezza e la contraddittorietà con cui si sta affrontando questa questione ad ogni livello?

simona ha detto...

Ho dato un'occhiata agli ultimi post.
Leggo ancora le frasi imparate a memoria come fanno i tdg!
"Non sputo nel piatto in cui mangio"
Qui nella diocesi di Teramo -Atri , ora in una parrocchia , ora in un'altra, costantemente ritorna fuori. E' patetico!
in ogni nc che non ha una personalità formata, un'identità altrettanto matura, con l'andare avanti nel cammino si sostituisce alla persona originaria il prototipo kikiano.
E con quale senso critico si dialoga con un kikiano? Nessuno perchè in effetti non è una persona a risponderti ma un manuale.
E per di più un manuale predisposto ad agire come un virus che danneggia.
Alessandra, Alessandra riprendi te stessa. Farai fatica, lo so e sarà difficilissimo tagliare il cordone ombelicale ma sarai cosciente della tua adesione PERSONALE. Sarà molto differente da quella che stai dando ora, da perfetto robot. Sei stata clonata, lo vuoi capire?

Liberati, sii te stessa e potrai gustarti un vero rapporto con il Signore. Il cnc ti si interpone, ti sta portando verso un altro Dio. Certamente non è il Gesù di Nazaret che ha fondato la Chiesa del mandato apostolico.

So cosa stai pensando. Che io sono il diavolo e che volgio allontanarti da quella che tu credi la vera fede.( i nc lo hanno fatto con me e mi dicevano che mio marito era utilizzato dal demonio per mettermi dubbi sul cn!) Niente di più sbagliato, credimi. I sacerdoti che non erano coinvolti nel cn mi hanno fatto vedere le falsità in cui mi stavano affossando i nc. Santi sacerdoti dal servizio costante alla direzione spirituale. Mi spiace solo che non hai dato la possibilità di maturare ai semi che ti erano stati dati dalla Chiesa.
Li hai gettati alle ortiche per prenderne altri che solo oppiacei.


Non sputare in un piatto dove c'è il nutrimento ma quando ti accorgi che è farcito di immondezza fallo pure.

Anonimo ha detto...

Non sputare in un piatto dove c'è il nutrimento ma quando ti accorgi che è farcito di immondezza fallo pure.
-----------------

Dal letame nascono i fiori

mic ha detto...

"Dal letame nascono i fiori"

anonimo di vedetta, che non ti perdi una virgola e ci assesti i tuoi puntuali attenti colpi di fioretto, ci hai propinato un'altra frase fatta... che dal letame nascano i fiori lo dici tu, nel letame ci sono tante altre porcherie... e, poi, chi ci obbliga a rimanere nel letame quanto nella Chiesa di Cristo, troviamo i cieli nuovi e la terra nuova? Oggi, molto poco, ma almeno nelle Messe veramente sacre troviamo il Corpo del Signore, che è quanto di più prezioso e grande possiamo incontrare!

michela ha detto...

anche se è vero che dal letame nascono i fiori,
però ci vuole l'acqua pura, il sole caldo, l'aria pulita, e queste cose non le trovi al buio delle salette nc, nel clima asfissiante di catechesi che demoralizzano le persone, in un luogo dove ti senti amato solo se fai e se dici quello che dicono tutti gli altri, e non ti è permesso essere te stesso.

E poi ci vuole anche la buona terra ( la nostra buona volontà), perchè il letame da solo brucia le piante.

Pedro ha detto...

"...Interpretan que tenían un padre que se llamaba Abraham; las madres de Israel; Jacob. Interpretan el origen del universo, interpretan el Génesis, todo partiendo de aquí, porque Dios existe; ya no son elucubraciones nuestras, no es que nos hemos inventado una religión y unos dioses: Dios aparece. ¿Y cuál es esta manifestación en la que Dios interviene? El anuncio del kerigma: cuando Dios abre el mar, abre "la muerte. Imaginaos" la muerte. Imaginaos un pueblo que viene sintiendo detrás los carros del Faraón y delante les cierra el paso el mar. Y Dios abre el mar como si fueran dos paredes. Y pasan. Por eso veréis que todo el cristianismo está basado en esto: en el kerigma según las Escrituras. “Y resucitó según las Escrituras. Y se apareció primero a los doce; después a más de quinientos hermanos y algunos de ellos viven”....!

questa o il Kerigma, cioè l'annuncio "preparato da Dio nella Storia" grande enfasi sull'Antico Testamento che, dicono contiene il Kerigma (la liberazione dall'Egitto), fortuna che alla fine nominano Gesù ma solo per dire "e poi Gesù risorto che appare ai 500 fratelli e alcuni di essi vivono"... sono per caso i 500 risorti dell'omonima sala della Domus Galileae?

Pedro ha detto...

El CNC sigue ascendiendo en la escala de poder. En España el cardenal Rouco (defensor de los kikos) ha vuelto a la presidencia de la Conferencia Episcopal. Y en Israel, el primer ministro esta concediendo privilegios al CNC para que puedan construir mas templos aparte de la Domus Galilaeae. La mujer del ministro y varios politicos del pais han visitado ya la domus y algunos de ellos estan haciendo las catequesis. A saber adonde nos llevara todo esto.

michela ha detto...

in merito all'argomento della pagina, vi riporto la riflessione che ha fatto mio marito.
I nc sono come gli atei, perchè giustificano il loro comportamento con le questioni di principio, secondo le quali si può adorare Dio ovunque e quello che conta è l'intenzione.
E' un individualismo ateo quello che emerge da questi comportamenti, che non sente il bisogno di appartenere a una Chiesa, con le sue regole, una chiesa che ci mette in diretto contatto con 2000 anni di cristianesimo.
I nc sono uomini buoni, volenterosi, e questo a loro basta per sentirsi giustificati, anzi auto-giustificati.

michela ha detto...

La mujer del ministro y varios politicos del pais han visitado ya la domus y algunos de ellos estan haciendo las catequesis. A saber adonde nos llevara todo esto.


Qual è la fonte di questa notizia, pechè sembra appartenere all'annedotica nc: donne israeliane che fanno la catechesi? Ma sono ebree o cristiane?

malachites ha detto...

"In Israele, il primo ministro concede privilegi al CNC per costruire altri tempi a parte la Domus Galilea. La moglie del ministro e vari politici del paese hanno già visitato la domus e alcuni di loro stanno facendo le catechesi."


In Israele, il primo ministro ... e continua ... la moglie del primo ministro ..., pertanto?

Anonimo ha detto...

DA AVVENIRE DI IERI ALLA FACCIA VOSTRA!!!

esperienze Nasce nelle famiglie il futuro dell’Europa
DALLA GALILEA
GIUSEPPE GENNARINI
N ove cardinali e 170 ve­scovi provenienti da tutta Europa – 40 gli i­taliani – sono riuniti da lunedì alla Domus Galilaeae, sul mon­te delle Beatitudini in Galilea su invito dei responsabili del Cam­mino neocatecumenale, Kiko Argüello, Carmen Hernandez e padre Mario Pezzi, per riflettere sulla nuova evangelizzazione dell’Europa. I partecipanti al convegno sono stati salutati da un telegramma del segretario di Stato vaticano, cardinale Tarci­sio Bertone, che recava i saluti e la benedizione di Benedetto X­VI. L’evangelizzazione, o rievan­gelizzazione, dell’Europa è te­ma molto caro al Papa, che nel 2007, rivolto agli episcopati del Continente, parlò addirittura di «apostasia dell’Europa». L’8 marzo scorso, davanti alla ple­naria del Pontificio Consiglio per la cultura, affermò come la secolarizzazione non sia solo «una minaccia esterna per i cre­denti, ma si manifesta già da tempo in seno alla Chiesa stes­sa. Snatura dall’interno e in profondità la fede cristiana e, di conseguenza, lo stile di vita e il comportamento quotidiano dei credenti».
Schönborn: c’è chi dice «sì»
«Qui si tratta del futuro dell’Eu­ropa », ha detto il cardinale Cri­stoph Schönborn, arcivescovo di Vienna, fra i partecipanti al­l’incontro. «Negli ultimi 40 anni – ha proseguito – l’Europa ha detto tre volte no al suo futuro: nel 1968 quando rifiutò la Hu­manae Vitae, poi venti anni do­po con la legalizzazione dell’a­borto e oggi con il matrimonio omosessuale. Ormai non è più una questione morale, ma è un dato di fatto: per farvi un esem­pio, in Germania oggi su cento genitori ci sono 70 figli e 44 ni­poti. In due generazioni la po­polazione cadrà a metà. Questo è oggettivamente un no al futu­ro. L’unica for­za in Europa che ha pro­mosso e pro­muove il futu­ro è la Chiesa cattolica con Paolo VI, Gio­vanni Paolo II e Benedetto X­VI, e tanti altri. Il Cammino neocatecumenale è senz’altro una risposta dello Spirito Santo a questa situazio­ne e ho potuto vederlo come vescovo e come pastore. Ho vi­sto genitori che dicono sì alla vita in modo generoso e corag­gioso, dicono sì al futuro».
Dziwisz: una via oltre la crisi
«Questo raduno sul monte delle Beatitudini è molto importante – ha detto il cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo di Craco­via – perché la moralità in Europa è in crisi profonda non solo a li­vello indivi­duale ma an­che a livello i­stituzionale.
Bisogna riflet­tere per cerca­re una strada d’uscita e noi co­me pastori dobbiamo farlo. Qui c’è una proposta importante, la proposta del Cammino neoca­tecumenale che è rinnovare la vita familiare. La crisi in Europa è venuta a causa della crisi delle famiglie, per questo rinnovan­do la vita delle famiglie si può rinnovare l’Europa». Presieden­do la Messa sulla riva del lago di Tiberiade, vicino alla roccia del Primato di Pietro, l’ex segretario di Giovanni Paolo II ne ha ricor­dato la grande figura e ha e­spresso l’augurio che venga presto canonizzato e nominato patrono della nuova evangeliz­zazione.
Così rinasce la «missio»
Sono presenti al raduno anche l’arcivescovo di Lione e primate di Francia, cardinale Philippe Barbarin, l’arcivescovo di Ma­drid e presidente dei vescovi spagnoli, cardinale Antonio Rouco Varela, l’arcivescovo di Colonia, cardinale Joachim Meisner, il primate di Polonia, cardinale Jozef Glemp e l’arci­vescovo di Sarajevo, cardinale Vinko Puljic. Numerosi i vescovi italiani; nutrite le presenze dalla Polonia (25 presuli) e dalla Spa­gna (15). A rappresentare il Pa­pa ci sono i cardinali Paul Josef Cordes, presidente del Pontifi­cio Consiglio Cor Unum, e Sta­nislaw Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i laici, che domani presiederà la Mes­sa finale. Benedetto XVI, nel gennaio 2006, inaugurò la mis­sio ad gentes promossa dal Cammino neocatecumenale in­viando sette sacerdoti in diverse città europee, ciascuno accom­pagnato da tre famiglie con nu­merosi figli, in zone dove ormai la Chiesa è assente e i non bat­tezzati raggiungono anche il 90 % della popolazione. I vescovi hanno ascoltato i primi risultati molto positivi di questa espe­rienza e diversi tra loro hanno espresso il desiderio di iniziarla nelle loro diocesi.
In Terra Santa un incontro rivolto a vescovi e cardinali promosso dal Cammino neocatecumenale rilancia la nuova evangelizzazione

Anonimo ha detto...

RAGAZZI???????

MAMMA MIA CHE BOTTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


OPS........AVETE VISTO QUANTI CARDINALI E VESCOVI??????

NON SARA' CHE FUORI DALLA CHIESA CI SIETE VOI???????

mic ha detto...

"«Qui si tratta del futuro dell’Eu­ropa », ha detto il cardinale Cri­stoph Schönborn, arcivescovo di Vienna, fra i partecipanti al­l’incontro."

No. Cari amici, qui si tratta del futuro della Chiesa... e questa non è la mia Chiesa...
Ma lo devo sentir dire dal Papa...

Anonimo ha detto...

No. Cari amici, qui si tratta del futuro della Chiesa... e questa non è la mia Chiesa...
Ma lo devo sentir dire dal Papa...

e tu chi sei?? tappa la bocca microbo e continua la tua missione fatta di di post e merda che noi pensiamo all' evangelizzazione....quella seria....

mic ha detto...

"NON SARA' CHE FUORI DALLA CHIESA CI SIETE VOI???????"

da QUESTA Chiesa puoi star certo (parlo per me non per gli altri)... ma io sono altrettanto certo che in questi suoi componenti rinnegati NON E' la Chiesa Una Santa Cattolica, Apostolica Romana...

mic ha detto...

comunque un fatto è certo: la Chiesa è spaccata in due...

Anonimo ha detto...

ma io sono altrettanto certo che in questi suoi componenti rinnegati NON E' la Chiesa Una Santa Cattolica, Apostolica Romana...

QUESTA ERA GRANDIOSA....PARLI DEI CARDINALI E VESCOVI???
SEI UN' IMBECILLE MIC......

Anonimo ha detto...

HANNO FATTO BENE A CACCIARTI......

mic ha detto...

"e tu chi sei?? tappa la bocca microbo e continua la tua missione fatta di di post e merda che noi pensiamo all' evangelizzazione....quella seria...."

questo è un linguaggio da 'vincitore' umano, non è un linguaggio evangelico e conoscendo la tua evangelizzazione tremo per il futuro dell'europa e del mondo, se davvero prevarrà

Anonimo ha detto...

comunque un fatto è certo: la Chiesa è spaccata in due...

ECCOLO E' ARRIVATO LEFEVRE.....!!!!
GRAZIE MIC PER LA TUA PAROLA ILLUMINANTE....MA VAFF.....

mic ha detto...

HANNO FATTO BENE A CACCIARTI......

leggenda metropolitana messa in giro da voi. Non mi hanno cacciato da nessuna parte...

Anonimo ha detto...

MIC, ORA HAI ROTTO VERAMENTE....SE CONTINUI COSI' PUBBLICO IL TUO NOME E SOPRATUTTO LA TUA STORIA E CHI SEI........

BASTA CON I TUOI MEZZUCCI.....

mic ha detto...

Basta con le ingiurie e le cavolate, non avranno più spazio!

Anonimo ha detto...

BUGIARDO ED INFAME....SEI CAPACE SOLO DI NASCONDERTI DIETRO IL BLOG....INFAMACCIO SPRETATO

mic ha detto...

"MIC, ORA HAI ROTTO VERAMENTE....SE CONTINUI COSI' PUBBLICO IL TUO NOME E SOPRATUTTO LA TUA STORIA E CHI SEI........"

guarda che comunque sia non ho niente da temere

Anonimo ha detto...

mi permetto di chiedere...ma allora se questo blog e' per la Chiesa....perche' critica apertamente vescovi e cardinali???

Anonimo ha detto...

DA AVVENIRE DI IERI ALLA FACCIA VOSTRA!!!

esperienze Nasce nelle famiglie il futuro dell’Europa
DALLA GALILEA
GIUSEPPE GENNARINI
N ove cardinali e 170 ve­scovi provenienti da tutta Europa – 40 gli i­taliani – sono riuniti da lunedì alla Domus Galilaeae, sul mon­te delle Beatitudini in Galilea su invito dei responsabili del Cam­mino neocatecumenale, Kiko Argüello, Carmen Hernandez e padre Mario Pezzi, per riflettere sulla nuova evangelizzazione dell’Europa. I partecipanti al convegno sono stati salutati da un telegramma del segretario di Stato vaticano, cardinale Tarci­sio Bertone, che recava i saluti e la benedizione di Benedetto X­VI. L’evangelizzazione, o rievan­gelizzazione, dell’Europa è te­ma molto caro al Papa, che nel 2007, rivolto agli episcopati del Continente, parlò addirittura di «apostasia dell’Europa». L’8 marzo scorso, davanti alla ple­naria del Pontificio Consiglio per la cultura, affermò come la secolarizzazione non sia solo «una minaccia esterna per i cre­denti, ma si manifesta già da tempo in seno alla Chiesa stes­sa. Snatura dall’interno e in profondità la fede cristiana e, di conseguenza, lo stile di vita e il comportamento quotidiano dei credenti».
Schönborn: c’è chi dice «sì»
«Qui si tratta del futuro dell’Eu­ropa », ha detto il cardinale Cri­stoph Schönborn, arcivescovo di Vienna, fra i partecipanti al­l’incontro. «Negli ultimi 40 anni – ha proseguito – l’Europa ha detto tre volte no al suo futuro: nel 1968 quando rifiutò la Hu­manae Vitae, poi venti anni do­po con la legalizzazione dell’a­borto e oggi con il matrimonio omosessuale. Ormai non è più una questione morale, ma è un dato di fatto: per farvi un esem­pio, in Germania oggi su cento genitori ci sono 70 figli e 44 ni­poti. In due generazioni la po­polazione cadrà a metà. Questo è oggettivamente un no al futu­ro. L’unica for­za in Europa che ha pro­mosso e pro­muove il futu­ro è la Chiesa cattolica con Paolo VI, Gio­vanni Paolo II e Benedetto X­VI, e tanti altri. Il Cammino neocatecumenale è senz’altro una risposta dello Spirito Santo a questa situazio­ne e ho potuto vederlo come vescovo e come pastore. Ho vi­sto genitori che dicono sì alla vita in modo generoso e corag­gioso, dicono sì al futuro».
Dziwisz: una via oltre la crisi
«Questo raduno sul monte delle Beatitudini è molto importante – ha detto il cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo di Craco­via – perché la moralità in Europa è in crisi profonda non solo a li­vello indivi­duale ma an­che a livello i­stituzionale.
Bisogna riflet­tere per cerca­re una strada d’uscita e noi co­me pastori dobbiamo farlo. Qui c’è una proposta importante, la proposta del Cammino neoca­tecumenale che è rinnovare la vita familiare. La crisi in Europa è venuta a causa della crisi delle famiglie, per questo rinnovan­do la vita delle famiglie si può rinnovare l’Europa». Presieden­do la Messa sulla riva del lago di Tiberiade, vicino alla roccia del Primato di Pietro, l’ex segretario di Giovanni Paolo II ne ha ricor­dato la grande figura e ha e­spresso l’augurio che venga presto canonizzato e nominato patrono della nuova evangeliz­zazione.
Così rinasce la «missio»
Sono presenti al raduno anche l’arcivescovo di Lione e primate di Francia, cardinale Philippe Barbarin, l’arcivescovo di Ma­drid e presidente dei vescovi spagnoli, cardinale Antonio Rouco Varela, l’arcivescovo di Colonia, cardinale Joachim Meisner, il primate di Polonia, cardinale Jozef Glemp e l’arci­vescovo di Sarajevo, cardinale Vinko Puljic. Numerosi i vescovi italiani; nutrite le presenze dalla Polonia (25 presuli) e dalla Spa­gna (15). A rappresentare il Pa­pa ci sono i cardinali Paul Josef Cordes, presidente del Pontifi­cio Consiglio Cor Unum, e Sta­nislaw Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i laici, che domani presiederà la Mes­sa finale. Benedetto XVI, nel gennaio 2006, inaugurò la mis­sio ad gentes promossa dal Cammino neocatecumenale in­viando sette sacerdoti in diverse città europee, ciascuno accom­pagnato da tre famiglie con nu­merosi figli, in zone dove ormai la Chiesa è assente e i non bat­tezzati raggiungono anche il 90 % della popolazione. I vescovi hanno ascoltato i primi risultati molto positivi di questa espe­rienza e diversi tra loro hanno espresso il desiderio di iniziarla nelle loro diocesi.
In Terra Santa un incontro rivolto a vescovi e cardinali promosso dal Cammino neocatecumenale rilancia la nuova evangelizzazione

michela ha detto...

Ma noi sappiamo a che prezzo quelle famiglie evangelizzano.
I vescovi sanno solo quello che dicono nelle testimonianze durante le convivenze, quando il clima di euforia e di il love bombing ti fa vedere tutto bello.

Quella neocatecumenale non è evangelizzazione in senso proprio:
è solo un portare valori forti, dicendo in maniera convincente, cose che i nostri vescovi non sanno più come dire.

Il prezzo che la chiesa dovrà pagare è accettare al suo interno una forma di ateismo religioso.

Per esempio in questa nuova missio ad gentes non ci sono chiese parrocchiali: ogni sacerdote ha nella sua casa una cappella.
Le chiese locali resteranno comunque vuote.

mic ha detto...

mi permetto di chiedere...ma allora se questo blog e' per la Chiesa....perche' critica apertamente vescovi e cardinali???

perché la ragione illuminata dalla fede nonché la coscienza, ti fanno vedere e soffrire di fronte alle scelte di certi cardinali...
del resto che dire di quelli che hanno addirittura criticato il motu proprio del Papa? Rendono viva la comunione ecclesiale secondo voi? e certamente sono gli stessi che possono essere favorevoli al cammino, perché hanno perse le coordinate della Fede retta e credono che la Chiesa sia stata rifondta dal Concilio. In realtà ci hanno provato ma non praevalebunt

mic ha detto...

I partecipanti al convegno sono stati salutati da un telegramma del segretario di Stato vaticano, cardinale Tarci­sio Bertone, che recava i saluti e la benedizione di Benedetto X­VI

se questo è vero QUESTA non è la MIA Chiesa

michela ha detto...

In questo momento di relativismo e confusione, che secondo me è iniziato ben prima del concilio, i vescovi si sono appoggiati ora alla politica, ora ai movimenti, ora alla scuola cattolica, sperando di formare una classe dirigente cristianamente orientata.

In questo momento ci sono 170 vescovi che si stanno appoggiando al cammino.

Storicamente tutte queste scelte si sono rivelate insoddisfacenti.
e pure il cammino si rivelerà un bluff, con la differenza, rispetto alle altre esperienze, che tanti nc si sentiranno ingannati, proprio dalla chiesa stessa.

mic ha detto...

e pure il cammino si rivelerà un bluff, con la differenza, rispetto alle altre esperienze, che tanti nc si sentiranno ingannati, proprio dalla chiesa stessa.

a che prezzo, Michela????

mic ha detto...

Vedo che non intervengono più neppure Guglielmo, Leandro e compagnia... se ormai i giochi sono fatti, non hanno più nulla da dirci

Il Papa, se non interverranno elementi nuovi, mi delude molto, perché l'ho amato e stimato tantissimo, ma si sta comportando come Paolo VI, che diceva tante cose bellissime, ma non è mai intervenuto in messun modo e ha lasciato 'rifondare' la Chiesa nei termini che conosciamo e con i gusti che stiamo vivendo e subendo...

Mi ricorda anche Papa Onorio, che "aveva permesso ai Patriarchi di Costantinopoli di offuscare lo splendore della fede perché non ha estinto fin dall'inizio la fiamma dell'eresia (riguardo alla volontà di Cristo) ... per negligenza lasciò o permise che si alterasse la regola immacilata della trsizione apostolica"

Reginaldus ha detto...

Temo che alla Chiesa oramai nn interessi altro che i numeri: i nc fanno proseliti e portano soldi; cosa volere di più dalla vita?
Spero solo che a questo punto si riesca in qualche modo (che io personalmente nn riesco ad immaginare)a portare questo e gli altri movimenti più o meno tendenti al protestantesimo alla vera unità con tutti gli altri fedeli...

gherardo ha detto...

All'anonimo che cita De Andre'
"dal letame nascono i fiori"

E' vero
e infatti chi esce dal Cammino Neocatecumenale dopo un po' rifiorisce
nella propria individualita' amata
dal Signore proprio perche' unica,
diversa da ogni altro.

Invece dal letame del "mi faccio schifo"
del "qui ho capito che il signore mi acccetta anche nella mia schifezza" ecc
ecc.
prodotto della
sciagurata kenosis kikiana
nascono non fiori

bensi' direttamente frutti
ma frutti di plastica
lucidi e attraenti all'apparenza
ma tutti uguali
pronti per la farsa della "redditio"

Anonimo ha detto...

Il Papa, se non interverranno elementi nuovi, mi delude molto.......ECCO ARRIVATO IL SUPERBO DI TURNO..........

Anonimo ha detto...

RAGAZZI...RIFATEVI GLI OCCHI E LEGGETEVI avvenire di venerdi alLA PAGINA CHIESA......
LASCIATE PERDERE STI 4 STRONZI....

Anonimo ha detto...

e' vero....quello penso sia il vero pensiero della Chiesa

Anonimo ha detto...

per negligenza lasciò o permise che si alterasse la regola.....

MIC...QUESTA E' UNA TUA ACCUSA DIRETTA DI NEGLIGENZA AL PAPA

Anonimo ha detto...

MIC SEI UNO SPRETATO......

Anonimo ha detto...

INFAME

Anonimo ha detto...

TRADITORE DELLA CHIESA

Anonimo ha detto...

VADE RETRO MIC

Anonimo ha detto...

....TI VOMITERO' DALLA MIA BOCCA

michela ha detto...

....TI VOMITERO' DALLA MIA BOCCA


Ecco questa è la fede neocatecumenale!

Una parola presa dal passaggio dello Shemà, in cui si stremiscono gli adepti, dicendogli che se non danno frutti saranno esclusi dal catecumenato , resteranno fuori dalla porta.

Dopo aver subito questa violenta catechesi lo spersonalizzato anonimo nc te la rovescia addosso, in più sottintendendo sè stesso come soggetto della frase.

gherardo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gherardo ha detto...

Mic
vorrei solo farti/vi notare
che la notizia la conoscevamo
gia'
mentre l'articolo postato
e' un commento/resoconto
di Giuseppe Gennarini
di cui conosciamo a fondo
l'attitudine
a manipolare e capovolgere
la realta'.
I suoi commenti quindi lasciano il tempo
che trovano e la sua deduzione sul telegramma potrebbe essere una delle sue solite "forzature interpretative".

Speriamo pero' che a furia di "forzare"
non sia davvero riuscito nel suo intento
di portare dalla sua parte
chi conta davvero.

All'anonimo
che riempie Mic
di calunnie e insulti

vergognati!
SEI UN VOLGARE MENTITORE!


Se tu sei un frutto NC
allora possiamo
immaginare cosa sia la pianta

Francesco ha detto...

Lasciando perdere il linguaggio triviale del neocatecumenale di turno nell'osservazione di questo blog(linguaggio che denota con chiarezza quale sia il tipo di formazione ricevuto nel Cammino),soffermiamoci sulla trionfalistica corrispondenza di Gennarini dalla Domus Galilaeae.

Tace Gennarini sul fatto che esistono in Europa varie Conferenze Episcopali che avrebbero quanto mkeno dovuto convocare loro un'assise dei vescovi per dibattere del (reale) problema della secolarizzazione crescente in Europa.

Tace Gennarini sul fatto che il Kiko & C.,organizzando autonomamente tale assise nella Domus Galilaeae, ha dato uno schiaffo ulteriore al Papa, sostituendosi ad esso ed al Sinodo dei Vescovi in una materia tanto delicata. Quel Papa verso cui ormai da parecchi anni( e negli ultimi due in particolare)L'ASSOLUTA DISOBBEDIENZA DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE, viene rilanciata mediaticamente con molta ostentazione.

Tace sul fatto che, con la cautela e l'umiltà di sempre la Chiesa,per mano di Bertone, tenta ancora una volta,inviando i propri telegrammi di augurio,di glissare SU QUESTE PLATEALI FORME DI DISOBBEDIENZA E DI SOSTITUZIONE NELLE COMPETENZE, e di riavvicinare all'alveo dell'obbedienza al Pontefice quei 170 vescovi che e quei pochi cardinali di nostra conoscenza che sfidano apertamente le loro conferenze episcopali e lo stesso Papa accorrendo ai richiami interessati di Kiko e Carmen e soggiornando alla Domus a spese del Cammino(leggasi i piccoli del Cammino,non già dei dirigenti) per un importo calcolabile complessivamente in centinaia di migliaia di Euro sottratti alle tasche della gente.

giles of ham ha detto...

dice anonimo 12,43.
....TI VOMITERO' DALLA MIA BOCCA

Non credo che tu sia l'Amen, il Testimone fedele e verace, il Principio della creazione di Dio (Ap, 5,14). Quando fai delle citazioni metti le virgolette. E se non stai citando... bè, allora la tua megalomania è veramente preoccupante... per te.

stephanos78 ha detto...

Oggi è la Domenica della Misericordia!

Sia Lodato Dio, nei suoi Angeli e nei suoi Santi, principlamente nella Santa Madre Nostra Immacolata, perchè ci Ama di un Amore profondo, Tenero, affettuoso ed inestinguibile!

E qeusto Amore Santo esiste A PRESCINDERE dalla nostra "risposta"... Questo è il più grande Miracolo, il più grande Prodigio, il più grande Segno di Onnipotenza che il Signore potesse manifestare!

Ha voluto che il suo Pietro (ratificando i poteri che Egli ha assegnato alla Sua Chiesa!) Istituisse, dopo la Santa Pasqua, il Giorno della Adorazione all'Amore Misericordioso del Padre!

In questo Giorno Santo, chi si Riconcilia col Padre e col Prossimo, per mezzo del Sacramento della Penitenza, RINNOVANDO PER QUESTO IL SUO BATTESIMO, chi poi Partecipa al Sacrificio della Messa, chi anche Prega secondo la Fede della Chiesa.....ottiene l'Indulgenza PLENARIA!

Il che vuol dire che, se dovesse avvenire il Santo Transito da questa Vita al Padre, GESU' STESSO lo porterebbe al trono della Maestà Divina come SUA STESSA GLORIA!

Davanti a questo, davanti a questo Amore Immenso, che brucia come Fuoco perenne, brucia ed estingue il Peccato del Penitente, possiamo solo Rendere Grazie al Signore Nostro Dio, Gesù!

E davanti alle MERAVIGLIE che il Signore Nostro Dio elargisce a noi INDEGNI E INGRATI, possiamo solo chiedere PIETA'!

Pietà, di noi Signore! Perchè nonostante la tua Misericordia, nonostante il tuo Amore, nonostante la Verità tu l'abbia rivelata e AFFIDATA alla Chiesa che hai Istituito, noi, invece di AMARTI AMANDOLA... la relativizziamo! Invece di accorrere alla FONTE DELLA TUA GRAZIA, CHE SONO I TOUI SANTI SACRAMENTI IMMUTABILI, DEPOSITO DELLA FEDE, andiamo a cercare METODI per "salvare l'Europa" dalle decadenze... RINNEGANDO LA NOSTRA FEDE che ci insegna che da essa, dall'Amore Profondo in Cristo, Con Cristo e Per Cristo, discende TUTTA LA NOSTRA BONTA' MISERICORDIOSA!

Pietà di NOI! Perchè pur VEDENDO E TOCCANDO CON MANO la Tua Infinita Misericordia, pur VEDENDO E METTENDO IL DITO NELLE TUE PIAGHE, NON TI ADORIAMO COME SAN TOMMASO, dicendo "MIO SIGNORE E MIO DIO", ma cerchiamo proseliti, ci inebriamo della popolarità, ci pasciamo nella notorietà, ci sentiamo beati nei NUMERI e nelle forme!

Pietà di noi Signore! Secondo la Tua Misericordia! Nel Tuo Grande Amore, Cancella il nostro Peccato! Lava Signore le NOstre Colpe, con il Sacro Lavacro della Riconciliazione Sacramentale, Mondaci o Dio con il Sangue della Vittima Immacolata! Perchè SOLO E SOLTANTO QUELLO sarà per noi PEGNO della Vita Eterna, e SEGNO indelebile per accedere alle NOzze dell'Agnello IMMOLATO!

Coloro che hanno lavato le loro Vesti nel Sangue dell'Agnello, Essi prenderanno Parte con Lui!

Nonostante questi Santi Misteri siano la nostra Salute e la nostra Vita, invece di addestrarci a meditarli e viverli sempre di più e sempre meglio, PER ESSERE TRASFORMATI DA ESSI IN "EUCARISTIA VIVENTE, SANTA, GRADITA A DIO", INVECE DI PENSARE A VIE SPIRITUALI, CATECHISTICHE, DI PREGHIERA TESE A VALORIZZARLI E A FARCELI VIVERE IN PIENEZZA, PENSIAMO A QUANTE REGIONI DEL MONDO VOGLIAMO "ANNETTERE"!!

Perdonaci, Dio Nostro, perchè invece di Amarti Teneramente, invece di Aprire la Nostra Porta a Te PER COME SEI E PER COME TI SEI RIVELATO, sentendoti Bussare Delicatamente, NON RISPONDIAMO! Cerchiamo la "potenza del Mondo", cerchiamo le moltitudini, cerchiamo una ribalta!

E Signore: parlo al plurale perchè Tutta la tua Chiesa, ribelle, ostinata, peccatrice, è responsabile di questa sovversione!

Ma Tu, Dio: ABBI PIETA' DI NOI!
Non disgustarti di questo Popolo di ribelli! Non appesantire il Tuo braccio! Per intercessione della Regina del Cielo, abbi Misericordia di noi!

Oggi davanti a Te, Re Santissimo, ho visto di nuovo la Tua Misericordia nel Sacramento dell'Altare!

Tu che ti rendi Presente, Vivo, Vero, in Corpo Anima e Divinità, nell'Ostia Santa, non rifiutare questa preghiera che viene da un peccatore bisognoso di TE, E DI TE SOLTANTO, nella Tua UNICA CHIESA DI ROMA!

Salvaci Signore! Salvaci non perchè vogliamo proseliti, ma perchè vogliamo essere Salvati! Salvaci Signore! Ridacci la nostra Libertà nella Tua Chiesa! Non permettere che il Nemico impedisca alla tua Grazia di Salvarci! Abbiamo bisogno della Tua Grazia! Abbiamo Bisogno dei Sacramenti! Abbiamo Bisogno della MAdre CHiesa! Abbiamo Bisogno di Pietro e dei Sacri Pastori Fedeli!

Ma se non saranno Fedeli loro nel poco, COME FAREMO NOI AD ESSERLO NEL MOLTO!

"O Sangue ed Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù, come Fonte di Misericordia per noi, Confidiamo in te"!

Anonimo ha detto...

Cosa? 170- 300 … ad ascoltare chi?
La chiesa si è venduta? Allora che viva dai sfruttamenti neocatecumenali! Io non rilascio più un soldo!

Anonimo ha detto...

in merito all'argomento della pagina, vi riporto la riflessione che ha fatto mio marito.
I nc sono come gli atei, perchè giustificano il loro comportamento con le questioni di principio, secondo le quali si può adorare Dio ovunque e quello che conta è l'intenzione.
E' un individualismo ateo quello che emerge da questi comportamenti, che non sente il bisogno di appartenere a una Chiesa, con le sue regole, una chiesa che ci mette in diretto contatto con 2000 anni di cristianesimo.


Tuo marito ha perso una buona occasione x stare zitto...

Mic, leggenda metropolitana? Dacci delle prove allora... Io so da fonti certe che qualcosa di vero c'è, sbaglio?

BELLA PALATA SUI DENTI DAL MONTE DELLE BEATITUDINI! ORA ANCHE I CARDINALI SONO PLAGIATI? AHAHAHAHAHAHAH

W IL CAMMINO NEOCATECUMENALE E LA NUOVA EVANGELIZZAZIONE!

stephanos78 ha detto...

Emanuele, vai a Rinnovare il tuo Battesimo nel Lavacro della Confessione Sacramentale. Così sarai Salvo.

michela ha detto...

Ti spiego perchè siete atei religiosi:
l'incontro alla Domus è simile agli incontri che fanno le società commerciali di tipo piramidale.

Si va lontano da casa, in alberghi confortevoli, si presenta il proprio prodotto come il migliore del mondo. C'è un palco, ci sono applausi, musiche, fiori, luci.

Guarda caso proprio come succede nel cammino.
Alla fine c'è l'Eucarestia, si passa con un calice di vino che porta allegria in tutti. si esce da lì scambiando l'ebbrezza di aver fatto un'esperienza insolita, con la gioia cristiana.

lara ha detto...

Grazie Steph per le tue parole che hanno aquietato il mio animo triste dopo di ciò che abbiamo preso atto, e che il Signore abbia Misericordia di noi tutti e pastori della Sua Chiesa.

Comunque io attendo le parole del Santo Padre su tutto questo, e non ho visto da nessuna parte dagli appuntamenti vaticani menzione a questo incontro. Non sono questi i 'ribelli'? e lasciamo stare Lefevbre che tutto questo già lo prevedeva.

Anonimo ha detto...

"dove due o più persone parlano di me io sarò in mezzo a loro".Queste nn sono parole mie,ma di un certo Gesù il Nazareno, lo conoscete?La chiesa nn è l'edificio di mattoni, è lo Spirito Santo cheFa chiesa ;L'amore di Dio e la sua Parola , ma allora in Cina,dv i cattolici ,sono perseguitati e si riuniscono clandestinamente cm nei paesi dell'islam perchè nn hanno chiese nn sono cattolici? Non è l'edificio a fare la chiesa ma sono i fedeli i ministri di Dio , i sacerdoti, allora un infermo nn può ricevere la comunione a casa? perchè il suo letto nn è una chiesa? certo che si vede che avete tante chiacchiere sterili da fare! una sola cosa è vera per tutti Cristo é Risorto! Christos Anesti!Alessandra

lara ha detto...

Se vuoi dire che dove sono riuniti i prelati non è una chiesa ... guarda che è da tempo che lo sapevamo!!!!

stephanos78 ha detto...

Alessandra, Sorella cara.

Ora, nel nome della SAnta Chiesa Cattolica, di Pietro e prima di tutto del Signore Gesù, ti chiedo PER AMORE DI DIO di ascoltarmi!

Poi, deciderai liberamente se credere o meno a quello che leggi. Ma ti prego di ascoltarmi!

Sei in errore! Il CNC è in errore e fa cadere nell'errore migliaia di persone!!!

Il Signore Gesù non intendeva ABOLIRE il Luogo Sacro di Culto, con quella Parola, ma intendeva dire che non sarà più in un Luogo definito ma dove la Sua Santa Chiesa si radunerà ad Adorarlo! Il Che non vuol dire che il Tempio Santo dove è Presente il Signore Eucaristico E' ABOLITO! Ma l'esatto OPPOSTO!
Si adora non solo in Spirito ma anche in VERITA'! E quale sarebbe la Verità se non Cristo stesso presente "Fino alla fine del mondo" REALMENTE nella sua Chiesa Cattolica?

Se anche quello che dici avesse fondamento per la Sacra e Divina Liturgia, perchè ti senti così sicura pur sapendo di violare la Santa Legge della Chiesa, che è quella di Cristo????

Il Signore parla della Preghiera dei suoi Discepoli, quando annuncia la Sua presenza fra loro, anche essendo pochi.
Ma questo come può giustificare l'abolizione dell'Edificio Sacro operata dal CNC (e non solo!)??

E come potrebbe Gesù essere il COMPIMENTO delle Profezie Antiche, se non portasse a Compimento in Se stesso, nella Chiesa, anche i Sacrifici del Tempio?

Vedi che il CNC, che si dice "scopritore delle origini" (quali?) è scopritore solo di se stesso? Proprio nella Chiesa-Edificio si vede la CONTINUITA' col Tempio ANTICO! COntinuità COMPIUTA da Gesù! LUI E' IL VERO AGNELLO IMMOLATO NEL VERO TEMPIO CHE C'E' DOVE EGLI E' PRESENTE E CUSTODITO IN CORPO ANIMA E DIVINITA'!

Fai delle eccezioni consentite dalla CHiesa, a causa di fatti eccezionali come quelli che tu stessa hai descritto, una REGOLA inammissibile!

Il FATTO CONCRETO, Sorella mia, è quello descritto: si celebrano Battesimi ILLECITI, Liturgie ILLECITE e difformi, si "addobbano sale" e non si Adora in CHiesa!

Per Amore di Dio, Alessandra, RINUNCIA A TUTTO QUESTO! E se puoi e se riesci, porta con te quanti Fratelli PUOI!

stephanos78 ha detto...

E se non mi credi, credi almeno alle Parole di Questo Sacerdote

stephanos78 ha detto...

Signore dacci Libertà! Ti Prego!

mic ha detto...

Tace sul fatto che, con la cautela e l'umiltà di sempre la Chiesa,per mano di Bertone, tenta ancora una volta,inviando i propri telegrammi di augurio,di glissare

Apprezzo il tuo cercar di vedere le cose in positivo, Francesco, ma per me questo non è "glissare", ma calarsi le braghe e di fatto approvare e nemmeno rendersi conto della cavolata che si sta facendo!

Sono consapevole che le parole che dico potrebbero rivelare superbia. Ma reagisco da quello che vedo e sento (il telegramma del Papa)... ammesso che sia vero... ma non credo che pubblicherebbero una falsità così eclatante...

E' certo che non potrei né vorrei mai sostituirmi alla Chiesa... ma sono sempre libero, da credente e da cattolico, di pensare che questa chiesa di oggi che prepara un domani inesorabilmente neocatecumenale, quindi non cattolico - perché di questo sono certo - NON è la mia Chiesa e lo dico con dolore e certo non con leggerezza e vorrei tanto sbagliarmi...

stephanos78 ha detto...

Mic, ti assicuro che se questa sovversione passerà la sconfitta non sarà solo nostra. Anche del Papa e dei Vescovi a Lui Fedeli... Che non hanno avuto modo di poter fare di più... a causa della abnorme e distruttiva ribellione ormai definitiva in seno alla Chiesa di Roma.

La Chiesa è spezzata in due! Questo è quanto! Manca solo la dichiarazione formale! E per evitare questa e per cercare di salvare quanto più possibile non si arriva a dichiararla...

Ma così si fa male alla Verità... Che è comunque Sacrificata (ancora una Volta!!) per mantenere una Comunione solo di facciata...!!!

Ma qui siamo in un casino di proprorzioni Bibliche!

mic ha detto...

la sconfitta non sarà solo nostra. Anche del Papa e dei Vescovi a Lui Fedeli...

certo che la sconfitta non è nostra, ma non è neppure del papa e dei vescovi fedeli (vorrei sapere chi e dove sono), la sconfitta, non definitiva, perchè l'ha promesso il Signore, è della Verità

stephanos78 ha detto...

Dal Catechismo della Chiesa Cattolica

1179 Il culto “in spirito e verità” ( ⇒ Gv 4,24 ) della Nuova Alleanza non è legato ad un luogo esclusivo. Tutta la terra è santa e affidata ai figli degli uomini. Quando i fedeli si riuniscono in uno stesso luogo, la realtà più importante è costituita dalle “pietre vive”, messe insieme “per la costruzione di un edificio spirituale” ( ⇒ 1Pt 2,4-5 ). Il Corpo di Cristo risorto è il tempio spirituale da cui sgorga la sorgente d'acqua viva. Incorporati a Cristo dallo Spirito Santo, “noi siamo il tempio del Dio vivente” ( ⇒ 2Cor 6,16 ).

1180 Quando non viene ostacolato l'esercizio della libertà religiosa, [Cf Conc. Ecum. Vat. II, Dignitatis humanae, 4] i cristiani costruiscono edifici destinati al culto divino. Tali chiese visibili non sono semplici luoghi di riunione, ma significano e manifestano la Chiesa che vive in quel luogo, dimora di Dio con gli uomini riconciliati e uniti in Cristo.

1181 “La casa di preghiera - in cui l'Eucaristia è celebrata e conservata; in cui i fedeli si riuniscono; in cui la presenza del Figlio di Dio nostro Salvatore, che si è offerto per noi sull'altare del sacrificio, viene venerata a sostegno e consolazione dei fedeli - dev'essere nitida e adatta alla preghiera e alle sacre funzioni” [Conc. Ecum. Vat. II, Presbyterorum ordinis, 5; cf Id. , Sacrosanctum concilium, 122-127]. In questa “casa di Dio”, la verità e l'armonia dei segni che la costituiscono devono manifestare Cristo che in quel luogo è presente e agisce [Cf Conc. Ecum. Vat. II, Sacrosanctum concilium, 7].

1182 L' altare della Nuova Alleanza è la croce del Signore [Cf ⇒ Eb 13,10 ] dalla quale scaturiscono i sacramenti del Mistero pasquale. Sull'altare, che è il centro della chiesa, viene reso presente il sacrificio della croce sotto i segni sacramentali. Esso è anche la Mensa del Signore, alla quale è invitato il Popolo di Dio [Cf Principi e norme per l'uso del Messale Romano, 259]. In alcune liturgie orientali, l'altare è anche il simbolo della Tomba (Cristo è veramente morto e veramente risorto).

1183 Il tabernacolo, nelle chiese, deve essere situato “in luogo distintissimo, col massimo onore” [Paolo VI, Lett. enc. Mysterium fidei]. “La nobiltà, la disposizione e la sicurezza del tabernacolo eucaristico” [Conc. Ecum. Vat. II, Sacrosanctum concilium, 128] devono favorire l'adorazione del Signore realmente presente nel santissimo Sacramento dell'altare.

Il sacro Crisma (Myron), la cui unzione è il segno sacramentale del sigillo del dono dello Spirito Santo, è tradizionalmente conservato e venerato in un luogo sicuro della chiesa. Vi si può collocare anche l'olio dei catecumeni e quello degli infermi.

1184 La sede del Vescovo (cattedra) o del presbitero “deve mostrare il compito che egli ha di presiedere l'assemblea e di guidare la preghiera” [Principi e norme per l'uso del Messale Romano, 271].

L' ambone: “L'importanza della Parola di Dio esige che vi sia nella chiesa un luogo adatto dal quale essa venga annunciata e verso il quale, durante la Liturgia della Parola, spontaneamente si rivolga l'attenzione dei fedeli” [Principi e norme per l'uso del Messale Romano, 271].

1185 Il raduno del Popolo di Dio ha inizio con il Battesimo; la chiesa deve quindi avere un luogo per la celebrazione del Battesimo (battistero) e favorire il ricordo delle promesse battesimali (acqua benedetta).

Il rinnovamento della vita battesimale esige la penitenza. La chiesa deve perciò prestarsi all'espressione del pentimento e all'accoglienza del perdono, e questo comporta un luogo adatto per accogliere i penitenti.

La chiesa deve anche essere uno spazio che invita al raccoglimento e alla preghiera silenziosa, la quale prolunga e interiorizza la grande preghiera dell'Eucaristia.

1186 Infine, la chiesa ha un significato escatologico. Per entrare nella casa di Dio bisogna varcare una soglia, simbolo del passaggio dal mondo ferito dal peccato al mondo della vita nuova al quale tutti gli uomini sono chiamati. La chiesa visibile è simbolo della casa paterna verso la quale il Popolo di Dio è in cammino e dove il Padre “tergerà ogni lacrima dai loro occhi” ( ⇒ Ap 21,4 ). Per questo la chiesa è anche la casa di tutti i figli di Dio, aperta e pronta ad accogliere.

Leo ha detto...

Io vorrei festeggiare.
Ma non il passaggio di campo di 170 vescovi, i quali tradendo il loro giuramento di fedeltà all'unica Chiesa cattolica, si sono iscritti alla setta neocatecumenale della triade Kiko-Carmen-Pezzi.
No, io festeggio il ritorno alla vita di un'amica. Nove anni fa lei aderì incoscientemente alla nascente comunità NC della nostra parrocchia, e nonostante l'avessi messa in guardia perchè già si era a conoscenza di critiche da parte di alcuni sacerdoti.
Oggi, dopo nove anni, lei mi ha dato ragione, ha ammesso di aver sbagliato allora e di aver buttato quasi dieci anni della sua vita appresso alle follie neocatecumenali.
Oggi si sente di nuovo libera, ma non vuole pubblicizzare questa sua "liberazione" perchè è sotto pressione da parte della comunità cui apparteneva e sta già subendo minacce e ricatti.

Altro che pompe magne alla Domus: queste sono le cose che quei vescovi dovrebbero sapere, prima di abbracciare incoscientemente una causa profondamente sbagliata e deleteria per la Chiesa.

Cosa aspettano gli altri vescovi a svegliarsi?
Che Kiko si presenti a S.Pietro e ne picchi con il suo bastone le porte, come capo riconosciuto della nuova religione cattolica?
Cosa farebbero allora tutti i ministri della Chiesa non neocatecumenali?
Piegherebbero la testa o farebbero quadrato attorno al Papa, tirando fuori quel coraggio che oggi li fa somigliare a tanti don Abbondio e alle tre scimiette mute, sorde e cieche?

stephanos78 ha detto...

Leo, sai benissimo che rimarremo in pochi... e perseguitati!

stephanos78 ha detto...

Ci sarà anche un momento in cui il Catechismo verrà abrogato in favore dei "nuovi catechismi" che riempiono le piazze?

Il tempo è "maturo". Di fatto già succede! Nonostante il Catechismo dica una cosa e gli "Orientamenti" di Kiko una OPPOSTA, si trova il modo di farli co-esistere???

stephanos78 ha detto...

Madre Santissima, mettici la tua Mano!!!!

Intervieni ti supplico! Parla, agisci, altrimenti andiamo in malora!! So che sei disgustata di noi e che a mala pena trattieni il braccio di Tuo Figlio, ma ti prego non lasciarci in balia del Nemico!

La pulce ha detto...

GRANDE PRANZO DI GALA NEL RISTORANTE INTERNO DELLA DOMUS AUREA "VENITE E MANGIATE".

In questo momento si sta servendo il dessert ai 200 pelati e alti pelati ospiti alla Domus Aurea,sotto la supervisione di Je Narino e di Dona Carmenita,che dalle auree cucine stanno disciplinando il transito di vassoi e coppe, mentre al piano di sopra,nella grande sala ovale, continuano a scendere le palle dal grande pallottoliere meccanico incaricato del conto alla rovescia per l'approvazione degli statuti neocat.

El senor Kirikus,seduto al centro tra Mister Funes e Mister Pylko sta eseguendo un canto digestivo che tutti ascoltano in religioso e languido silenzio con le mani appoggiate sui prominenti stomaci satolli.

E in effetti il menu odierno ha soddisfatto tutti i fini palati:

ANTIPASTI:
-quisquillas ripiene alla Tiberiade;
-pescioli di lago alla maionese azzurra;

PRIMI:
-tourbillion di di lumaconi di pasta ripiena;
-trionfo di tagliatelle con ratatouille di dogmi;
-lasagne agli aghi di cedro del libano;

SECONDI
-agnelli e capretti da latte alla Dovizia pasquale;
-porchetta cio;
-funghi di Korazym in salsa verde neocat;

TERZI:
- ruota di pavone neocat alla berlina di pollo comune;

-FRUTTA:

-mele al mascarpone e marroni lessi al miele;

DESSERT:

-giulebbe di CCC in coppa.

stephanos78 ha detto...

E noi, invece di tremare soltanto, tremiamo e PREGHIAMO!

Preghiamo! Perchè i "giorni sono Cattivi"!!

stephanos78 ha detto...

:-) Ci voleva un po' di Pulce per stemperare la tensione

Anonimo ha detto...

"questa non e' piu' la mia chiesa"

mic, non dire cosi', non puoi rinnegare la chiesa solo perche' forse non condivide le tue obiezioni al cammino!!!

sono terribili le cose che sto leggendo in questi ultimi post e puzzano troppo di ribellione.

vi siete lamentati cosi' a lungo delle ribellioni nc, e adesso ve ne uscite con queste osservazioni? non ci sarà mai nessun obbligo nella chiesa di essere nc o qualsiasi altra cosa! continuate a essere i parrocchiani di sempre e questo sarà la cosa più importante...

io penso che ognuno come battezzato abbia diritto a dire la sua sui nc o su qualsiasi altra realtà ecclesiale, ma bisogna essere realisti e accettare che non siamo noi piccoli -- nc o non nc -- a decidere di queste cose, le decisioni concrete volano a mille metri sopra le nostre teste!

se sli statuti saranno approvati sarà un'occasione meravigliosa per molti nc come me di evitare di perdere tempo in questi dibattiti interminabili e per i sostenitori di questo sito di farsi una vita e pensare al proprio cammino di fede, in qualsiasi modo si senta chiamato a farlo!

mic ha detto...

"Leo, sai benissimo che rimarremo in pochi... e perseguitati!"

purtoppo è così, non lo dico con pessimismo, perché so dov'è la mia forza e troverò sempre il mio orientamento

Ma “non aver paura, piccolo gregge”, come ha detto Nostro Signore, “il Padre vostro conosce ciò di cui avete bisogno” (Lc XII, 32; Mt VI, 32). Le ànime che cercano Dio non saranno mai prive dei mezzi per trovarlo. Perché Dio ha creato il mondo al solo scopo di attirare a Sé le ànime. Ecco perché, come dice Nostro Signore la Domenica delle Palme ai Farisei infuriati per quello che gridavano i discepoli: “Hosanna al figlio di Davide”, se gli uomini cesseranno di gridare la Fede, le stesse pietre della strada si ergeranno per proclamarla (Lc XIX, 40).

mic ha detto...

sono terribili le cose che sto leggendo in questi ultimi post e puzzano troppo di ribellione.

io non mi sto ribellando, sto constatando cose sulla mia pelle che lasciano solchi nella mia anima e ho parlato sull'onda della delusione e della sofferenza, ma in realtà so solo che ogni volta che vorrò partecipare ad una eucarestia dovrò farmi kilometri per trovarne una valida...

se sli statuti saranno approvati sarà un'occasione meravigliosa per molti nc come me di evitare di perdere tempo in questi dibattiti interminabili e per i sostenitori di questo sito di farsi una vita e pensare al proprio cammino di fede, in qualsiasi modo si senta chiamato a farlo!

perché cosa credi che stiamo facendo oltre che a seguire questo blog, che forse non è che una parte del nostro servizio?

lara ha detto...

"se sli statuti saranno approvati ... "

Una sola ipotesi? e l'altra?

Anonimo ha detto...

"so solo che ogni volta che vorrò partecipare ad una eucarestia dovrò farmi kilometri per trovarne una valida..."

di cosa ti preoccupi? grazie a Dio, mic, mica sta a noi ogni volta che partecipiamo a una messa dover decidere se l'Eucarestia è valida o no... è che non hai abbastanza fede nella Chiesa per lasciare decidere a chi è preposto a farlo se una Eucaristia è valida o no

"perché cosa credi che stiamo facendo oltre che a seguire questo blog, che forse non è che una parte del nostro servizio"

non lo so che cosa fai. suppongo niente: so che sei qui sempre a tutte le ore del giorno e della notte -- a volte dubito che tu sia una persona sola e non un'equipe.

Anonimo ha detto...

lara -- ""se sli statuti saranno approvati ... " Una sola ipotesi? e l'altra?"

l'altra è che non siano approvati

se ci sarà da aspettare si aspetterà

se il cammino verrà chiuso smetteremo di fare il cammino -- qual è il problema? l'importante è fare quello che dice il papa

Anonimo ha detto...

Sondaggio!

Vediamo, vediamo.

Quanti di questo blog ‘obbedirranno’ e passeranno alla chiesa protestante?

lara ha detto...

"l'importante è fare quello che dice il papa"

Ecco il problema! I fgli faranno quel che dice il 'papa'nc (riferito sia a genitore e/o fondatore) o il "Papa"?

Anonimo ha detto...

"l'importante è fare quello che dice il papa"

Ecco il problema! I fgli faranno quel che dice il 'papa'nc (riferito sia a genitore e/o fondatore) o il "Papa"?

intendevo il Papa Benedetto XVI.

lara ha detto...

Speriamo!

E che il Signore lo asssista per non indietreggiare davanti ai lupi!

l m ha detto...

Da che mondo è mondo, nella Chiesa c'è stato sempre di combattere l'eresia. Ha fatto sempre di tutto per non creare spaccature. L'esempio della pazienza avuta con Milingo ne è una prova.
Certamente una cosa è avere pazienza e un'altra è , siccome lo accettiamo, diventare ciò che questo è.
Il CN è l'opposto di quanto è la teologia cattolica apostolica.
Non mi importa nulla della mancanza di saggezza o corruzione di uomini che dovrebbero far altro.
Ho visto come i nc comperano con "allettanti offerte" .
Accettassero pure! Io non devo obbedienza se non alla corretta fede.
E' un assurdo che chi non è d'aqccordo si "faccia i fatti propri".
Come la mafia hanno in scacco i luoghi del potere.
Li hanno lasciati agire troppo e hanno continuato a riscuotere, è inutile negare ciò.
Come si sa , predicano bene e razzolano male.
Continuerò ad essere fedele a quello che sta scritto nel CCC ma certamente non seguirò chi dice una cosa e ne fa un'altra.
Signore è giunta l'ora, dacci la forza

emilio ha detto...

Caro anonimo, io di sicuro non passerò alla chiesa protestante, i nc già lo hanno fatto. Chi è con loro si contraddice e i piedi in due staffe non si può avere. Poveri principi della chiesa che danno la mattanza pur di ingrassarsi

lara ha detto...

Che il ‘Convegno Domussale’ sia collegato a questo ‘progetto’ futuro?

Da SIR

BIBBIA


La tenda e il cammino

"Dimorare nelle Scritture" è il tema scelto per la quarta edizione del "Festival biblico", che si terrà a Vicenza, con "appendici" a Bassano del Grappa, Schio, Piazzola sul Brenta, San Bonifacio, dal 29 maggio al 2 giugno. A promuovere la manifestazione sono la diocesi di Vicenza e il Centro culturale San Paolo, con la collaborazione di Famiglia Cristiana e del Progetto culturale della Cei e con il patrocinio della Regione del Veneto e del Comune, Provincia e Camera di Commercio di Vicenza.Le radici comuni.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

ragazzi... diamoci una calmata e non fate i conti senza l'oste!!!

tutto questo andar in brodo di giuggiole per il solito articolo delirante e di parte dell'ignorante gennarini?

ma lasciatelo perdere!

hanno partecipato 170 vescovi? e allora? quanti ne sono rimasti a casa a fare il loro dovere? io mi conolo perché il mio era in cattedrale!

chi sono andati? quelli in pensione? quelli ausiliari? qualche monsignore che ha ricevuto la mitria e il pastorale perché a capo di qualche ufficio? c'è andato chi aveva semplicemente voglia di farsi un giretto in israele a spese di altri?

mi risulta che non ci sia stata nessuna comunicazione ufficiale della santa sede, e che il papa all'angelus non abbia detto nulla!

non fasciatevi la testa perché qualche migliaio di neocat con prete al seguito alzano la testa e si credono il salvatore del mondo!!!

la storia ela chiesa non è ne nelle mie mani, ne tantomeno nelle loro. è Dio che agisce ed è lui che sa far andar le cose dritte anche dove le strade sono storte!

ma le migliaia di parrocchie che sono in italia e nel mondo vanno avanti benissimo senza essere concimate con lo sterco neocat.
lo stesso succede in europa. anzi, conosco moltissimi amici che abitano in germania, francia, belgio, svizzera che mi testimoniano comunità vive, molte che rinascono. ho testimonianze di cristiani dell'europa dell'est che dopo la caduta delle varie cortine comuniste continuano a mantenere viva la tradizione di un cristianesimo che sopratutto nella persecuzione è stato motivo e causa di speranza contro ogni speranza... e in tutto ciò i neocat non centrano proprio nulla, anzi, è proprio il contrario. dove sono loro la chiesa è in crisi!!!

d'altronde, come può un movimento eretico essere motivo di nuova evangelizzazione?

io vedo nella mia lombardia: i neocat non fanno molta strada. molti amici preti del veneto mi dicono la stessa cosa. non parliamo del piemonte e dell'emilia!

anzi, quasi ovunque, con il cambio dei parroci e dei vescivi, moltissime comunità vengono chiuse o cacciate dalla parrocchia!

certo a roma e in qualche altra parte imperversano, ma sono isole "infelici".
nel meridione sono tanti, ma per esperienza personale, e senza offendere nessuno, sembrano la longa manus della malavita organizzata, per controllare territorio e nascite, e per mungere ancora meglio.

tante famiglie aderiscono perché spesso vengono illuse con la promessa di aiuti economici, per la ricerca di una casa o di un posto di lavoro.

ho conosciuto un poveretto che aveva avuto un bel lavoro grazie alla comunità... è stato costretto a far parte del cammino e a cominciare a sfornare figli.

la moglie non voleva e, come succede quasi sempre, hanno divorziato.

i capoccia della comunità lo hanno fatto licenziare!!!

non è una storia è un fatto reale!


cari amici... continuiamo la buona battaglia della fede, non stanchiamoci di dire la verità e di difendere la verità!
la chiesa, quella vera, quella di cristo, è con noi, anzi siamo noi, fedeli alla tradizione e al papa!

coraggio sempre!!!

lara ha detto...

Grazie Neuwgold!!!

-------------------
Ah, posso sapere perchè la veglia pasquale non può essere fatta nei santuari?

stephanos78 ha detto...

"di cosa ti preoccupi? grazie a Dio, mic, mica sta a noi ogni volta che partecipiamo a una messa dover decidere se l'Eucarestia è valida o no... è che non hai abbastanza fede nella Chiesa per lasciare decidere a chi è preposto a farlo se una Eucaristia è valida o no"

Relativismo. Se abbiamo la capacità, per Grazia, di scorgere i SEGNI dell'Invalidità di una Messa, abbiamo il diritto e il Dovere non solo di Informare coloro che hanno l'Autorità, ma anche di ANDARCENE, in cerca della Eucaristia Valida. Riconoscere la Validità o meno di un Sacramento è strumento FORNITO DALLA CHIESA anche per tutelare i Fedeli.

Chi senza saperlo partecipa ad una Eucaristia Invalida, SUPPLET ECCLESIA e per Lui il Signore avrà Misericordia, con tenerezza! Anche chi sà che l'Eucaristia è Invalida, ma se ne dissocia chiedendo la Grazia al Signore, SUPPLET ECCLESIA!

Ma è vergognoso che dobbiamo ridurci al Supplet Ecclesia o alla sopportazione per "causa di forza maggiore"... Quando questo (iL Sacrificio Eucaristico) è il Sacramento della nostra stessa Salvezza!!!

"non lo so che cosa fai. suppongo niente: so che sei qui sempre a tutte le ore del giorno e della notte -- a volte dubito che tu sia una persona sola e non un'equipe."

La solita bassa contumelia.

I gestori di Siti Informativi, di Apologetica, Cattolici, hanno anche loro Vita, Famiglia e Interessi PRIMARI rispetto al Sito Gestito. Parlo di coloro che non lo fanno per Lavoro (addirittura). COme noi.

Molti si spendono con grande passione e con spirito di servizio, come noi. Ma è ovvio che tutto questo non è nè l'inizio nè la fine della nostra Vita Cattolica.

Le Ore in cui aggiorniamo Sito e Blog sono quelle in cui anche tu come tanti di voi ci osservate o ci provocate come in questo caso.

Non sono tutte le ore della giornata come è evidente ma come evidentemente non lo è per voi che avete solo voglia di provocare.

Siti come quelli del Cammino, come Catechumenium, ad esempio, non sono soggetti ovviamente alle stesse falsità indirizzate a noi... Perchè "quelli fanno un servizio"! Bella imparzialità!

Ma ogni volta perdete tempo a fare basse insinuazioni, piuttosto che spenderlo bene per attivare la Vostra Coscienza, il Primo Vicario di Cristo!

saro ha detto...

Se dovesse accadere che il cn è approvato come quello ufficiale della Chiesa, con tanto di monsignori al seguito vorrà dire che molti si organizeranno la veglia pasquale e la maggior parte delle messe, dove meglio aggrada. Di amici sacerdoti ce ne sono diversi, e certamente considerando che l'obolo sia sempre corrisposto con l'aumento di "captatio benevolentie".
Che bello andare in un ritrovo lontano dalla città, tra il verde e lontano dl frastuono, insieme al gruppo con cui ormai ti conosci da tempo.
Sapete quando si parte per una gita, c'è quello che porta il pane, quello che porta la chitarra o i CD del nostro cantautore, quelli che portano i primi e...così via.
Se il Papa vorrà questo, ci organizzeremo. Pensate come sarà emotivamente convolgente.
Ho pensato che potremo organizzare, per l'evangelizzazione , qualcosa tipo "soccorso amico" e contattare, telefonicamente e\o porta a porta gente sola. Da questo già possonio partire altre idee.
Se poi potrò sostituirmi al sacerdote , sarà il top della situazione.
......

A proposito, il letame con la diossina o altra sostanza velenosa porta il cancro e aberrazioni genetiche.

Se la gerarchia punta al disgregamento dei cattolici sta andando bene.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

è troppo lunga da citare, e l'ho solo su carta, non sul pc.

comunque è la lettera circolare del 16.1.88, al numero 43 della Congregaziomne per il Culto Divino che da delle norme ben precise circa il fatto che NON si può celebrare il triduo pasquale, e in modo particolare la veglia, dove si vuole.

tantomeno il capannoni, discoteche o sale d'albergo!!!!


il documento asserisce che perfino le comunità religiose dovrebbero unirsi alle chiese maggiori per la celebrazione.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

nel diritto civile si afferma che l'ignoranza della legge non è motivo di giustificazione per il reato, anzi, ne rincara la dose.

idem per il diritto ecclesiastico:
ignorare TUTTE O PARTE delle disposizioni che la chiesa ha dato non è ammissibile nella vita dei preti, dei vescovi e della chiesa, e tantomeno nell'amministrazione dei sacramenti e nella vita stessa della chiesa.

fare il contrario, come fanno i neocat, è sinonimo di anarchia, che nella chiesa si esprime con i termini eresia e scisma!

lara ha detto...

43. È molto conveniente che le piccole comunità religiose sia clericali sia non clericali e le altre comunità laicali prendano parte alle celebrazioni del Triduo pasquale nelle chiese maggiori.
Similmente, qualora in qualche luogo risulti insufficiente il numero dei partecipanti, dei ministranti e dei cantori, le celebrazioni del Triduo pasquale vengano omesse e i fedeli si radunino insieme in qualche chiesa più grande.
Anche dove più parrocchie piccole sono affidate a un solo presbitero è opportuno che, per quanto possibile, i loro fedeli si riuniscano nella chiesa principale per partecipare alle celebrazioni.
Per il bene dei fedeli, dove al parroco è affidata la cura pastorale di due o più parrocchie, nelle quali i fedeli partecipano numerosi e possono svolgersi le celebrazioni con la dovuta cura e solennità, gli stessi parroci possono ripetere le celebrazioni del Triduo pasquale, nel rispetto di tutte le norme stabilite.
Affinché gli alunni dei seminari possano «vivere il mistero pasquale di Cristo così da saper iniziare ad esso il popolo che sarà loro affidato», è necessario che essi ricevano una piena e completa formazione liturgica. È molto opportuno che gli alunni, durante gli anni della loro preparazione nel seminario, facciano esperienza delle forme più ricche di celebrazione delle feste pasquali, specialmente di quelle presiedute dal vescovo.

lara ha detto...

Scusate... dalla

Preparazione e celebrazione delle feste pasquali
(Paschalis sollemnitatis)
Congregazione per il culto divino - (16 gennaio 1988)

lara ha detto...

"Anche dove più parrocchie piccole sono affidate a un solo presbitero è opportuno che, per quanto possibile, i loro fedeli si riuniscano nella chiesa principale per partecipare alle celebrazioni."

Intanto nei Catecumenium 20 sale 20 veglie!

mic ha detto...

è che non hai abbastanza fede nella Chiesa per lasciare decidere a chi è preposto a farlo se una Eucaristia è valida o no

io Credo NEL Padre NEL Figlio e NELLO Spirito Santo e ALLA Chiesa Una Santa Cattolica e Apostolica e non NELLA Chiesa neocatecumenale...

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

mic... non esiste la chiesa neocatecumenale... esiste l'eresia neocat, la falsità neocat... ma non la chiesa neocat.

se esistesse sarebbe un'altra chiesa, e quindi una chiesa scismatica!!!

mic ha detto...

se esistesse sarebbe un'altra chiesa, e quindi una chiesa scismatica!!!

i vescovi e i sacerdoti che appoggiano il cammino e di fatto ne avallano l'esistenza e ne consentono l'espansione, di quale chiesa fanno parte?

lara ha detto...

Dallo stesso doc.

V. IL VENERDI’ NELLA PASSIONE DEL SIGNORE

60. Il venerdì della passione del Signore è giorno di penitenza obbligatoria in tutta la Chiesa, da osservarsi con l’astinenza e il digiuno.

63. Si faccia la celebrazione della passione del Signore nelle ore pomeridiane e specificamente circa le ore tre del pomeriggio. Per motivi pastorali si consiglia di scegliere l’ora più opportuna, in cui è più facile riunire i fedeli: per es. da mezzogiorno o in ore più tarde, non oltre però le ore ventuno.


Per il cn

60- Il sabato

63- Dopo le 21