lunedì 3 ottobre 2016

Un amore costretto non si chiama amore, ma stupro

Cari NEOCATECUMENALI IN BUONA FEDE,

vi voglio dire una cosa, dettata dalla mia esperienza: Gesù non è venuto per darci il libretto delle istruzioni della vita (per cui ad ogni problema c'è una risposta specifica tipo manuale della lavatrice), ma è venuto per mostrarci il Vero Volto del Padre e insegnarci a SCEGLIERLO.

Giovane adepto di Kiko bacia
il rosario che gli porge Kiko
Perchè sì, cari neocatecumenali,

voi POTETE scegliere Dio, POTETE scegliere di NON fare il male (checché ne dica Kiko Argüello) e Dio Padre non è quello che vi racconta Kiko.

Non è uno che manda un cancro ad un bambino per "dare uno stop" al padre, non è quello che vi condanna alla perdizione se decidete che il cammino non fa più per voi o se andate a messa la domenica piuttosto che il sabato.

Dio è Padre amorevole che non vede l'ora di stare con voi in un rapporto vero ed autentico che si basa sull'amore. E l'amore di Dio è per definizione un atto di LIBERTÀ.

Un amore COSTRETTO non si chiama amore.

Si chiama STUPRO. Anche al punto di vista spirituale.


Gesù non "sporca" di fango il cieco,
ma lo unge con argilla mista a saliva

(da: Alect)

62 commenti:

Valentina Giusti ha detto...

Nel thread non vedo la firma, ma il commento, efficacissimo come sempre, è di AleCT.

Lino ha detto...

"...ma è venuto per mostrarci il Vero Volto del Padre e insegnarci a SCEGLIERLO"

Già. Quando i neocatecumenali capiranno una verità elementare, che questo è il peccato al quale si allude in Gv 9 - è il peccato dei farisei che dicevano di vedere ma nemmeno scorgevano Cristo, un peccato che il cieco non poteva aver commesso perché cieco sin dalla nascita - allora prenderanno il mamotreto e lo getteranno nell'immondizia. Il vecchio mamotreto o il direttorio catechetico corretto che sia, perché in questa catechesi non ci sono state correzioni. Troppo difficile, correggere? Certo: significherebbe correggere l'intero Cammino, definito da Kiko "Un tempo in cui ti si metterà fango sugli occhi. Questa è l'azione di Gesù Cristo. Perché non sai che sei cieco. Non sai che sei sporco e perciò non ti vuoi lavare".

by Tripudio ha detto...

L'ultima notizia da Guam non è il fatto che il solito pretino neocatecumenale, dietro pseudonimo, presenti la sua opinione (già smentita dai fatti) come se fosse la "verità"...

La notizia sta nel fatto che lì i kikos hanno cominciato a muoversi autonomamente come topi impazziti sulla barca che affonda. Corrono da tutte le parti. Emettono proclami, non si presentano in servizio, fanno denunce alla polizia, stanno rapidamente diventando incontrollabili.

E tutta questa escalation avviene perché la gerarchia cattolica (a cominciare dal "papa rosso" Filoni), anziché prendere provvedimenti contro le ingiustizie del Cammino e dei suoi esponenti, ha fatto di tutto per nasconderle o addirittura per promuoverle (vedasi ad esempio l'intoccabile Filoni che ha personalmente imposto il silenzio all'ex parroco della cattedrale di Guam, mons. James Benavente, lasciando così macchiargli sufficienza la "carriera" visto che era uno dei possibili candidati all'episcopato per Guam).

Non c'è da meravigliarsi che preti, vescovi e cardinali raramente profumino di santità (nonostante il fatto che ogni giorno si esaminino la coscienza, ogni giorno preghino, ogni giorno celebrino l'Eucarestia).
Ma c'è sicuramente da preoccuparsi quando compiono malvagità all'evidente scopo di difendere i devastatori della liturgia e della fede.

ex anonimo ha detto...

Sto riflettendo le parole del Papa, sul peccato e i peccatori, sembra di leggere la teologia kikiana che avete pubblicato sull'impossibilita di non peccare. Li vedo bene insieme Bergoglio e Aeguello

Anonimo ha detto...

Guam.
Scusate se irrompo, ma sembra strano che la persona che gestisce il sito JungleWatch si occupi di.....compravendita di immobili....

https://www.linkedin.com/in/timrohr

ma come é possibile che non ve ne accorgiate!!!!!

questo tim rohr, é lo stesso che accetta donazioni sul blog!!!

http://www.junglewatch.info/p/blog-page_12.html

Paolo Certisani

Lino ha detto...

Io non voglio sempre polemizzare sempre con te, ex anonimo. Semplicemente, educatamente, non come i pasqualoni maleducati, argomento e non condivido le tue affermazioni (neanche quelle del Papa sempre, per la verità, quando parla con i giornalisti oppure a ruota libera, ma questa sì).
"L'impossibilita di non peccare"?. Lo scrisse uno più arguto di noi due: Dante Alighieri. Scrisse che a pochi uomini, e per pochissimo tempo, Dio donò la grazia della perfezione.
Tu riesci a non peccare "in pensieri, parole, opere e omissioni", ex anonimo? Beato te, ti sarà stata donata la perfezione per molto tempo. Io no. Pare, però, che anche Cristo l'abbia pensata così: altrimenti non avrebbe comandato di perdonare "settanta volte sette". Perdonare sempre, significa la locuzione, dato il significato simbolico acclarato del sette.
Kiko dice qualcosa di diverso: che pecchiamo in quanto figli del diavolo e che non possiamo fare il bene. Questo è il punto, mica il Papa ha detto questo?

Anonimo ha detto...

@ Paolo Certisani

Visto che prima di scrivere qui avrai letto tutti gli articoli che riguardano Guam e il suo Vescovo accusato di pedofilia, e visto che tu sei così intelligente ed hai il discernimento kikiano, rispondimi per favore a questa domanda (in coscienza e davanti a Dio): tu affideresti i tuoi figli o i tuoi nipotini al Vescovo Apuron?????
I miei figli non glieli farei vedere neanche in fotografia.
Ma ora attendo una tua risposta... onesta. Grazie. E ricordati che Dio legge nei cuori delle persone... quindi non sarebbe bello mentire solo per difendere il Cammino.

Annalisa

by Tripudio ha detto...

Rohr si occupa di compravendita di immobili, lo sapevamo già tutti, e lo avremmo intuito anche se non lo avesse detto cento volte, poiché è sempre stato a conoscenza di tutte le leggi e procedure relative a successioni, donazioni, rivalutazioni, compravendite, ecc. (fra parentesi, ha scoperto la truffa del seminario R.M. per puro caso: mentre si documentava su un prete maltrattato dal vescovo neocatecumenale, gli passa sotto il naso il documento con una dicitura strana che solo "uno del settore immobiliare" poteva capire al volo).

Solo che a Guam, per essere intermediario nella vendita di immobili, occorre una qualifica assai diversa dalla sua. In caso di compravendite, lui non incassa nessuna percentuale (il che gli ha permesso di minacciare di querelare l'arcivescovo Hon che ancora non aveva rettificato le menzogne dette dal vescovo pedofilo neocatecumenale a proposito di fantomatici "interessi" nella presunta futura "vendita" dello stabile occupato dal seminario R.M. di Guam). Per dirla a parole nostre, "non è un notaio ma un segretario di una filiale Tecno-casa".

Il fatto che un blog accetti donazioni non aumenta né diminuisce il valore del blog. E comunque non si diventa miliardari col tastino delle donazioni. Immagino che i kikos, accecati dall'ira e dall'odio, temano che quelle donazioni al blog di Rohr vengano adoperate per mantenere la sua famiglia assai numerosa (dieci figli, tra cui anche un bambino adottato nonostante avesse seri problemi di salute) anziché per comprare le costosissime carabattole dei kiko-shop.

Detto questo, si può riflettere per esempio su come mai il vescovo pedofilo neocatecumenale non abbia ancora portato in tribunale Rohr. Se il vescovo è innocente di almeno una delle numerosissime accuse documentate da Jungle Watch, come mai non ha scatenato un branco di avvocati contro Rohr? E come mai non lo ha fatto nessuno dei kikos (specialmente i pretini neocatecumenali curiali) puntualmente svergognati e accusati dal blog avviato da Rohr? E come mai il vescovo Hon, che finora non ha brillato certo per onestà (anche se dalle ultimissime notizie pare che si sia un po' stufato di dover coprire il porcaio neocatecumenale), non gli ha scritto neppure una letterina per minacciare provvedimenti almeno sul piano ecclesiale?

La strategia mediatica neocatecumenale a Guam è la stessa che da mezzo secolo hanno usato qui in Italia e in Spagna: cioè dare l'impressione di un "loro contro noi", utile sia per fare vittimismo, sia per esigere che eventuali azioni disciplinari non colpiscano solo il Cammino (tanto il Cammino, coi suoi mille trucchetti e inganni, sa bene come disubbidire perfino al Papa).

Questo "loro contro noi" - che si manifesta per esempio insinuando l'idea che Rohr parlando contro le storture del Cammino stia guadagnando miliardi e voglia guadagnarne ancora di più con presunte future vendite di chissà che cosa - trae in inganno i sempliciotti, di quelli che comprano il giornale ma si limitano a leggere solo i titoli, senza mai avventurarsi nella lettura di un articolo.

Sempliciotti, sì, perché cascano davanti al trucchetto del titolone ("Rohr contro Apuron", "JungleWatch contro il Cammino", "loschi interessi", "chissà cosa c'è sotto", "siamo approvati, abbiamo lo Statuto!", "il Cammino perseguitato viene lodato dal Papa", "Kiko è un santo, lo dice pure la Repubblica Dominicana"...).

Lino ha detto...

"Paolo Certisani" (digitare tra virgolette, così la ricerca è sulla stringa) chi?
Google ne ignora l'esistenza. E' mai possibile che gli sconosciuti a Google capitino tutti qui? Tra qualche giorno, però, lo troveremo indicizzato, come Tim Rohr.

Vai alla sostanza dei problemi, troll. Di allusioni calunniose da parte di NC è pieno l'Osservatorio, quello che ci fanno mancare sono le argomentazioni.

Anonimo ha detto...

https://youtu.be/2OePEvfoC-0

Emanuele Baiocco

Anonimo ha detto...

Ma qualcuno può spiegarmi cos'è la sottomissione per i neocatecumenali?

sandavi ha detto...

Jacqueline Terlaje, responsabile della seconda comunità della cattedrale di Guam ha inoltrato una denuncia alla polizia qualche giorno fa, per "Financial mismanagement" contro il solito mons. Benavente, il bersaglio preferito dei kikos. Il fatto è che la neocat, sorella di comunità del pedovescovo, non solo ha sporto una denuncia fasulla già smentita e dichiarata non valida, ma lo ha fatto di nascosto dal vescovo Hon, il quale l'ha cazziata ufficialmente, e lo ha fatto anche mentendo spudoratamente sulla unanimità del consiglio di amministrazione della Catholic Cemeteries Inc. a nome del quale ha inoltrato denuncia. La lettera infatti l'ha firmata solo lei. Ora il vescovo ha chiesto a tutti quelli che hanno appoggiato la denuncia di dimettersi immediatamente e ha inoltre ripristinato il precedente consiglio diocesano per le finanze, quello maltrattato dal laico Gennarini e esonerato da Apuron.

Si, forse il vescovo Hon si è un po' stufato delle PORCATE di VOI NEOCATECUMENALI

by Tripudio ha detto...

Ahimé, è una domanda un po' troppo vasta perché se interroghi cento fratelli neocatecumenali otterrai cento risposte diverse.

Del resto, come tutti gli idolatri, i neocatecumenali sono pronti a cambiare spiegazione da un momento all'altro - prova per esempio a parlare di sottomissione ai cosiddetti "catechisti"... e di sottomissione alle "decisioni del Santo Padre"... e di sottomissione della donna al marito...

Andiamo su argomenti più seri: in Perù, nella diocesi di Callao, i cattolici sono stufi delle angherie dell'arrogante vescovo neocatecumenale (vedi articoli qui).

Lapaz ci segnala la "neocatecumenalizzazione" di una chiesa da parte del solito presbitero neocatecumenale appena arrivato.

sandavi ha detto...

Paese che vai... Neocatecumenali sempre uguali

Anonimo ha detto...

Ma certo chr lo farei!!
La mia risposta é sincera!
Credo fermamente alla potenza di tanti tanti tanti... Milioni di euro...
Sinceramente se io fossi Apuron, giá vi avrei denunciato per calunnie.
Ma trovo strano che da questo sito pubblicate sempre e solo in anonimo.
Certo apuron, kiko e genarini li mettete sempre in mostra..
Strano...molto strano.
Paolo Certisani

Anonimo ha detto...

Rohr aveva in mano da parte della curia la vendita dell' immobile. La curia ha scavalcato Rohr vendendo ai neocat. Rohr si è arrabbiato e ha tirato sù tutto il teatrino.

Lino ha detto...

"La curia ha scavalcato Rohr vendendo ai neocat"

Vendendo? Per fortuna ci siete voi, a far sbellicare dalle risate il prossimo.
Asino della genìa dei pasqualoni, la property di Guam non è vendibile da nessuno a nessuno, è il frutto di una donazione effettuata da benefattori con la finalità di realizzare un seminario per le vocazioni al sacerdozio di Guam. Il Cammino non ha comprato niente: semplicemente si è pappato la donazione a sua volta, con una "Deed of Restriction" che ridefinisce la proprietà destinandola al seminario neocatecumenale.

Prima di scrivere idiozie informatevi. Probabilmente, però, la tua è una menzogna stile tecniche di propaganda di Goebbels.

Anonimo ha detto...

E allora??!! Cosa cambia ANONIMO DELLE 09:38??!!

Se Tim fosse l'immobiliarista con l'esclusiva avrebbe ragione anche di questo!
Perché il raggiro sarebbe addiritura triplo.

Ma i kikos confermano la pasta di cui sono fatti: negare sempre l'evidenza e rigirare le frittate; i teatrini piacciono a te, sono quelli che tiri su tu, ogni sabato sera, nelle sale, tra pizzette e danze caraikike

David

Valentina Giusti ha detto...

Anonimo del teatrino: lo dici da te o qualcuno te l'ha suggerito? La macchina neocat che produce 'in casa' santi e malfattori, sufrimienti ed approvazioni, ha finalmente deciso di prendere in considerazione il papocchio di Guam e di dare lo 'spiegone' ufficiale?

sandavi ha detto...

Demenziale. Davanti a un'avvocato, eminente membro del cammino di Guam, che mente spudoratamente e pubblicamente inventandosi un consenso unanime su una denuncia falsa basata su falsi presupposti e smentita dall'Arcivescovo Hon Tai-Fai, l'anonimo farlocco viene qui a straparlare di cose inesistenti, e pensando di insegnare su una faccenda di cui non sa un fico secco.

Voi neocatecumenali siete una barzelletta.
Ah si, lo so cos'è, è appena tornato dalla santissima convivenza di inizio corso spaziale all'ufo di PSG: gli hanno detto che Kiko è santo e Carmen è ascesa al cielo! Quindi ora l'anonimo è tutto una fregola e si sente supersanto.

Grato a Dio ha detto...

Io benedico il Signore che è venuto a cercarmi attraverso il Cammino Neocatecumenale,annunciandomi il perdono dei peccati (e i miei erano tanti e dolorosi) e la vita eterna. Non solo la Chiesa attraverso il Cammino Neocatecumenale mi ha dato una missione e una vocazione, sono seminarista itinerante in attesa del diaconato. Ah dimenticavo i miei genitori dopo 10 anni di separazione sono tornati insieme grazie al Cammino Neocatecumenale. Fate attenzione a disprezzare i doni dello Spirito Santo. Saluti, pace!

Grato a Dio ha detto...

Io benedico il Signore che è venuto a cercarmi attraverso il Cammino Neocatecumenale,annunciandomi il perdono dei peccati (e i miei erano tanti e dolorosi) e la vita eterna. Non solo la Chiesa attraverso il Cammino Neocatecumenale mi ha dato una missione e una vocazione, sono seminarista itinerante in attesa del diaconato. Ah dimenticavo i miei genitori dopo 10 anni di separazione sono tornati insieme grazie al Cammino Neocatecumenale. Fate attenzione a disprezzare i doni dello Spirito Santo. Saluti, pace!

Una Fides ha detto...

@Sandavi

Il problema è proprio quello! Sapessi come andavano in giro a un metro da terra domenica!

Anonimo ha detto...

https://m.facebook.com/pasquale.troisi.756?fref=nf

Incredibile anche pasqualone si è svegliato!

by Tripudio ha detto...

Ma Pasqualone ci fa o ci è? Kiko gli aveva proibito Facebook!

p.s.: l'avvocatessa neocatecumenale ha tre giorni di tempo per scusarsi delle sue calunnie e della falsa denuncia alla polizia (ma Kiko non le aveva proibito di rivolgersi ai tribunali?), altrimenti verrà trascinata in tribunale.

Lino ha detto...

@ "Grato a Dio" 4 ottobre 2016 12:51 ha detto: "Ah dimenticavo i miei genitori dopo 10 anni di separazione sono tornati insieme grazie al Cammino Neocatecumenale"

Non preoccuparti: anche se tu l'avessi dimenticato, già lo sapevamo. Raramente, anzi mai, si legge un neocatecumenale che non sia stato coinvolto in prima persona nel salvataggio di un matrimonio, proprio o dei genitori.
Il CNC si dissolverà per incanto nel giorno stesso in cui si scoprirà che due adepti, o genitori di adepti, o figli di adepti, hanno divorziato :-)

Lino ha detto...

P.S.
Ora faccio sul serio, "Grato a Dio": attento tu a non disprezzare i doni dello Spirito, l'intelletto tra essi: non siamo noi a insegnare che la ragione va circoncisa.

l'apostata ha detto...

@ Grato a Dio

Visto che dici di essere seminarista, ti chiedo:

- Quando sarai ordinato obbedirai alla Chiesa e celebrerai l'Eucaristia come comanda il Messale o obbedirai al signor trettre dottor (h.c.) Arguello e distinguerai comunione e manducazione?

- Quando confesserai come potrai assolvere se il signor trettre dottor (h.c.) Arguello insegna che l'uomo è schiavo del demonio, il maligno è il suo signore e non può non fare il male?
Si è colpevoli solo se si agisce liberamente, ma il signor trettre dottor (h.c.) Arguello dice il contrario.
Perciò non si può essere colpevoli se costretti, quindi non c'è nulla da assolvere.

- Quando saprai di un ossesso che farai? Lo dirai al Vescovo o al signor trettre dottor (h.c.) Arguello, che ha proclamato di fare sempre esorcismi ogni volta che arriva in una città, e di cacciare i diavoli.

- Quando nelle kikatekesi sentirai ripetere che senza assemblea non c'è Eucaristia smentirai i kikatekisti o tacerai?

- Quando al Padre Nostro dei battezzati dovranno proclamarsi figli del demonio lo impedirai e affermerai che con il Battesimo sono diventati figli adottivi di Dio oppure tacerai?

- Quando negli scrutini i kikatekisti violeranno il foro interno dei malcapitati li rimprovererai e li farai smettere? Oppure sei convinto che, come racconta il signor trettre dottor (h.c.) Arguello loro parlano per ispirazione e hanno il discernimento?


Vedi un po' se ti riesce di rispondere argomentando, demonio muto permettendo.


p.s. In che Seminario RM sei? In quanti siete?

Anonimo ha detto...

@ l'apostata (delle 15:23)

Sei il mio mito! :-)

-------
@ Grato a Dio

Riuscirai a rispondere ad almeno una sola delle domande che ti ha fatto l'Apostata?
Visto che hai parlato del successo del Cammino con te ed i tuoi genitori, io aggiungerei altre domande:
- Come consideri il fatto che il Cammino ha causato la distruzione di tanti matrimoni e di tante famiglie?
- Come mai il Cammino ha portato varie coppie al divorzio?
- Come mai il Cammino ha causato tanti casi di profonde depressione, anoressie, sensi di colpa e disprezzo della Chiesa?
- Come mai il Cammino insegna a disprezzare gli altri cristiani e li considera inferiori?
- Come mai il Cammino crea sempre divisioni (e distruzioni) nelle Parrocchie?

Attendo fiduciosa qualche tua risposta...
(oppure il "demone muto" avrà anche questa volta il sopravvento su voi neocatecumenali?)

Annalisa

Giorgio ha detto...

Buonasera sono Giorgio P. di una parrocchia che si trova al sud est di Roma e volevo rispondere alla signora o signorina AnnaLisa.
1) Sono uno dei "pochi" casi a cui il Signore attraverso il cammino ha salvato il matrimonio e sto in una comunita' in cui e' stato salvato il matrimonio ad altre due coppie;
2) Nella mia parrocchia il cammino non ha fruttato nessun divorzio fuori del cammino tantissimi, credo sia colpa del demonio e non di Kiko;
3) Nella mia parrocchia il parroco non e' del cammino e le attivita' le portano avanti quelli del cammino insieme ad altri fratelli di altri gruppi;
4) La mia parrocchia e' stata evangelizzata dalla nuova evangelizzazione perche' non frequentava pu' nessuno attraverso le catechesi e il rinnovamento si e' aperta una porta e piano piano qualche fedele si e' avvicinato;
Spero che la signora sia soddisfatta della risposta e approfitto del vs splendido blog per chiedere alla signora di cosa si occupa in parrocchia. Grazie attendo con ansi risposta sempre che il demonio muto non prevalga. Giorgio

Anonimo ha detto...

@Grato a Dio

Il cammino ha salvato il matrimonio dei tuoi genitori dopo dieci anni di separazione.
Il cammino dopo 28anni di matrimonio il mio lo ha DISTRUTTO, e ora dopo 4anni di cammino seguito solo da mio marito, 4anni
di sofferenze, 4anni litigi e 4anni nel costruire ponti da parte mia, ma trovando sempre un
muro da parte di mio marito siamo alla separazione.
Di tutto ciò davanti a Dio ne risponderanno sacerdote (che dice non essere del cammino )catechisti e responsabile della comunità.

Tabata

Anonimo ha detto...

certo ci sono dei matrimoni salvati nel movimento nc,
MA diciamo anche le cose che non vanno :
figli distrutti dai genitori e il contrario ,
mariti che abbandonano moglie e figli,
persone che vogliono lasciare ma sono legati perche'hanno fatto uso della decima,
catechisti che se ne vanno dopo 30 anni perche' capiscono cose che prima non vedevano

dom

Giuseppe ha detto...

Riprendo dal post precedente, perchè mi sembra davvero divertente. Nel testo emendato di disOrientamenti non riporta più la bestemmia del "tabernacolo inutile e di Gesù che se avesse voluto stare in esso si sarebbe fatto presente in una pietra che non va a male", ma a p. 339 sottolinea l'importanza dell'adorazione e della "contemplazione" all'interno della celebrazione, scrive "Perciò non va bene quel che succede adesso in molte messe che, con -tante chitarre e tanto folkore-, non resta spazio per l'adorazione e la contemplazione" , ma ci rendiamo conto? chitarre folklore, è proprio il cammino.
Giuseppe

by Tripudio ha detto...

Bisognerebbe un po' ridimensionare questo meme del "matrimonio salvato".

Ogni matrimonio attraversa momenti difficili.

Il sacramento del matrimonio assicura agli sposi la grazia necessaria per portarlo avanti "finché morte non vi separi". Tutto sta nell'accettare quella grazia (è per questo che a salvare i matrimoni sono la confessione frequente e la Comunione secondo le debite disposizioni).

Insomma, il Cammino non c'entra niente coi "matrimoni salvati" perché anche al di fuori del Cammino, e senza tutta la fanfara, tanti matrimoni si "salvano". Quando qualcuno riesce a respingere il momentaccio o le tentazioni e "salva" il proprio matrimonio, e poi lo vedete che invece di glorificare Dio si mette a glorificare il Cammino, sta compiendo un vero e proprio atto di idolatria. E quando azzecca la figuraccia e dice che il Cammino sarebbe uno strumento di salvataggio utilizzato da Dio, oltre all'idolatria sta mettendo in campo anche l'ipocrisia.

Il Cammino non è uno strumento di Dio poiché va contro Dio (in materia liturgica, in materia dottrinale, in materia di sacramenti, in materia di ubbidienza alla Chiesa, ecc.). Il fatto che tanti fratelli delle comunità, con buona disposizione di cuore, tentino di fare una vita di fede, non significa che il Cammino è santo: significa invece che sono i singoli fratelli a tentare di santificarsi usando lo strumento sbagliato, cioè l'invenzione di Kiko e Carmen.

Le buone opere attribuibili ai singoli neocatecumenali sono per l'appunto opere dei singoli, poiché da un albero cattivo (quello degli strafalcioni del Cammino) non possono nascere frutti buoni. Quei singoli, in un ambiente diverso dal Cammino, avrebbero fatto di più e meglio, perché nel loro percorso spirituale non sarebbero stati ostacolati dalle carnevalate liturgiche e dalle aberrazioni dottrinali.

Per questo, anche se in buona fede, i kikos che dicono "il Cammino ha salvato il mio matrimonio" in realtà stanno dicendo «siamo stati noi coniugi che abbiamo trovato grazie a Dio un modo per salvare il matrimonio, ma siamo obbligati a rendere lode al Cammino perché altrimenti i cosiddetti "catechisti" ce la faranno pagare cara».

Fra parentesi, quando ascoltate certe confessioni pubbliche dei kikos, quando vanno vantandosi di essere squallidi peccatori (più tutto il loro tipico "narcisismo delle sofferenze"), spesso li sentite proferire espressioni irriverenti o addirittura pagane e blasfeme, come ad esempio: "eh, quando Dio mi toglie la mano dalla testa, poi faccio pasticci". Questa frase denota un'autoassolversi da certi "peccatoni" - quelli che vengono vantati nelle comunità: guai a non sciorinare qualcosa di "grosso", penseranno tutti (specialmente i cosiddetti "catechisti") che Dio non ti ha salvato: e così, via libera ai super-peccatoni, in modo poi da recitare la parte dei "pentiti" e dei "salvati", per poi tornare a peccare di nuovo (fingendo di non sapere che Dio "la mano dalla testa" non te la toglie mai). Di fatto, quell'espressione è un rifiuto della grazia (il neocatecumenalismo è composto da due eccessi: un puritanesimo ipocrita da una parte, e un gretto moralismo dall'altra).

Michela ha detto...

Bisogna capire cosa vuol dire 'matrimonio salvato grazie al cammino'

innanzitutto ci devono essere delle condizioni molto rigide: il cammino non salva i matrimoni in generale, ma salva i matrimoni in cui entrambi i coniugi sono legati al cammino. Tutt'e due devono essere convinti di fare il cammino, di fare catechesi , se sono catechisti, di avere molti figli, di andare in convivenza e così via.
Se uno si rifiuta o vuole prendersi una pausa, un tempo di riflessione, il matrimonio diventa ad altissimo rischio di fallimento.

Il cammino non rispetta il sacramento del matrimonio, pretende di entrare nella vita privatissima, pretende di dettare le regole sui tempi della famiglia, e soprattutto negli scrutinii permette che i coniugi dicano il peccato dell'altro, e che i due vengano scrutinati separatamente senza tener conto che sono 'una carne sola'.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

il matrimonio si salva se nel cuore entra l'amore

dom

sandavi ha detto...

Michela centra sempre l'obbiettivo in poche parole, smontando gli squallidi slogan neocat

Anonimo ha detto...

@dom

L'amore deve entrare nel cuore di tutti e due.
Hai mai visto vero amore nel cuore di un
neocatecumenale? É solo puro interesse. Se
non fai commenti e stai in silenzio quando
rimani sola e perché lui deve andare in
comunità per la liturgia, per la preparazione,
per l 'Eucaristia, per la convivenza mensile,
per la convivenza di riporto di inizio anno,
quella di Avvento, quella di Quaresima, quella
di Pasqua, fare numero alle catechesi iniziali
e così via (forse qualcuna ora mi sfugge ) é amore altrimenti apriti cielo.

Tabata

Tabata

Valentina Giusti ha detto...

Tripudio che scrive «guai a non sciorinare qualcosa di "grosso", penseranno tutti (specialmente i cosiddetti "catechisti") che Dio non ti ha salvato» ha perfettamente ragione.
È necessario sciorinare il peccato, anche quello che mai dovrebbe uscire fuori dalla coppia (perché se è stato perdonato, è fra i coniugi che deve rimanere, fra loro e Gesù, che nel confessionale, tramite il sacerdote, li ha assolti).
Ricordo benissimo il mio catechista (un pezzo di pane) quando diceva "se Dio mi togliesse la mano dalla testa io andrei a prostitute". Era una vanteria, addirittura ridicola, sulla sua bocca...ma che genere di spiritualità può essere quella in cui ci si vanta dei peccati, anche di quelli mai compiuti? Quella in cui si mette in piazza l'intimità della famiglia? Ricordo un commentatore del blog, forse Aldo, che raccontava di come venisse invidiato chi, con i catechisti, poteva sfoggiare il peccato più turpe.
Invidiato, non compassionato.
Questo semplicemente non è cristianesimo.

Anonimo ha detto...

@ Giorgio (delle 17:12)

che ha detto:
...approfitto del vs splendido blog per chiedere alla signora di cosa si occupa in parrocchia. Grazie attendo con ansi risposta sempre che il demonio muto non prevalga.

In Parrocchia ora sono (da qualche anno) una catechista della Prima Comunione, e con mio marito mi occupo del Corso Prematrimoniale (che si tiene 2 volte l'anno) insieme al Parroco e a un'altra coppia. Poi insieme a mia figlia faccio parte del Coro, e due volte al mese aiuto mio figlio e un gruppo misto di giovani e signore a fare e distribuire i pacchi famiglia per i poveri.
Grazie a mio marito, che è una persona meravigliosa e che mi ha aiutato a vedere il Cammino con obiettività e alla luce della Chiesa, il nostro matrimonio è felice e saldo in Cristo. Purtroppo invece conosco vari matrimoni nc di mie ex-sorelle di Comunità che sono stati un disastro (divorzi e patologie per i figli). Anche nella Comunità dei miei genitori (che hanno finito il Cammino da vari anni) ci sono stati tantissimi problemi con i matrimoni dei figli e la loro salute psicologica.
Non mi va poi di parlarti dei tanti problemi delle mie sorelle e fratelli, alcuni dei quali purtroppo non hanno ancora la forza di lasciare il Cammino, ma io attendo.

Annalisa

p.s. Comunque no, non sono soddisfatta di quello che hai scritto... perché come al solito nella tua Parrocchia e nella tua Comunità non succede mai niente ed è tutto perfetto... ed io che conosco il Cammino non ci credo.

Una Fides ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

@ Osservatori

Lo riconoscete, questo? Io dal primo vecchio mamotreto sapevo che il Tabernacolo era inutile per la storia del pane che va a male!

http://i.imgur.com/LvIDT0A.jpg

Si devono vergognare nel Vaticano: hanno approvato uno Statuto con le eresie degli Orientamenti, che poi sono stati costretti a tagliare con le forbici (non il Carro di fuoco, sulla Merkabah i fondatori devono essersi impuntati).

Grazie, Giuseppe.

sandavi ha detto...

Grazie Giuseppe, Dio ti benedica. Non so se ti rendi conto di quanto questo testo sia importante per noi.
È la dimostrazione oggettiva che tutto quello che diciamo è vero.
Zoffoli, Landucci, Garbolino... Avevano tutti ragione! E ovviamente tutte le persone che hanno contribuito a svelare e combattere gli arcani del cammino. Per cinquant'anni si è permesso a quei due di diffondere le loro scandalose eresie!
Chi sa, forse è arrivata la resa dei conti

Lino ha detto...

E ora possiamo anche porre la questione a "Grato a Dio" che aveva detto "Fate attenzione a disprezzare i doni dello Spirito Santo".
Quale direttorio catechetico usi tu, amico mio? Il vecchio o quello approvato? Attento a non usare quello approvato perché la somma ispirazione ricevuta da Kiko, nei giorni in cui catechizzava con le parole che furono sbobinate negli Orientamenti, è stata rifiutata dalla CdF. Fate attenzione a non disprezzare il dono del mamotreto, che è stato corretto e devastato, come si può leggere.

by Tripudio ha detto...

Mi fanno notare che quando un fratello del Cammino entra a gamba tesa per proclamare "benedico Dio per aver incontrato il Cammino", in realtà vogliono intendere: "benedico il Cammino e vi scaravento addosso il termine «Dio»".

Se infatti per il kikos Dio c'entrasse davvero qualcosa, allora di fronte alle storture del Cammino e dei suoi gerarchi si straccerebbe le vesti e condannerebbe chi pur appartenendo al Cammino compie le opere del demonio (cioè le carnevalate liturgiche, le dottrine ambigue o eretiche, ecc.).

Invece no: entrano qui a gamba tesa cominciando col principe dei sottintesi neocatecumenali, cioè che il Cammino è Dio, Kiko è il Redentore, e Carmen è lo Spirito Santo.

Anonimo ha detto...

mi viene da pensare che tutti i kikodipendenti che in 10 anni sono intervenuti su questo blog che hanno minacciato querele forti delle loro parentele con graduati della polizia postale,agenti segreti di sua maestà britannica,uomini che si fingevano donne,donne che si fingevano uomini,non fossero altro che pedine utili al cnc, ignoranti nel vero senso della parola sul cnc,alla luce di questi ultimi fatti illuminati e discernenti kikodipendenti,dove andate a nascondervi? Da domani chi seguirete?

psyco ha detto...

.... dai messaggi di " diana " .....sembra che i kikos hanno un asso anche contro HON ..... questi vivono in un mondo virtuale dove KIKO HA SEMPRE RAGIONE.....

l'apostata ha detto...

A proposito dei segretissimi Mamotreti.

Che siano stati emendati non conta nulla.

E' la prassi che conta.

Li hanno segretati perché nessuno potesse controllare se le kikatekesi corrispondessero al testo corretto.

Sfido qualunque kikatekista a dimostrare su questo blog quali kikatekesi siano state cambiate dopo le correzioni.

Avete finito di raccontare che la Chiesa da Costantino al Vaticano II è stata un fallimento?

Avete finito di raccontare che l'uomo è schiavo del demonio?

Avanti, discernenti e illuminati cacciadiavoli, tocca a voi!


@ Annalisa

Non perdere tempo con il finto Giorgio. Dal periodare si riconosce il solito, ignobile Baccalà.

Vincenzo ha detto...

Io ho il sospetto che continuino ad utilizzare i vecchi testi, specialmente se trattasi di NC "duri e puri della prima ora". Del resto, se il loro iniziatore al tempo si oppose al Papa emerito Benedetto XVI ("non lo riconosco", cit.; ricordate l'episodio, amici NC?), non vedo perché adesso dovrebbe essersi adeguato, pur in presenza di effettivi emendamenti apportati da chi di dovere. Le prime catechesi - mi correggerà Lino se sbaglio - mi sembra che non siano cambiate, da quel che leggo. Quindi, perché mai dovrebbe essere cambiato tutto il resto? Poi, tutto può essere e magari ci sarà stata qualche "raccomandazione" che ha fatto sì che ci sia stato un adeguamento "coatto" al testo emendato... Ma penso che sarà difficile avere la certezza se realmente si siano adeguati alle correzioni. Il dato di fatto, però, è che per decenni hanno "insegnato e professato" delle eresie! E, ripeto, non è detto che ciò non continuino a farlo.

Pinuc ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Lino ha detto...

@ Vincenzo
Io, l'anno scorso, ho assistito alle catechesi iniziali che più mi interessavano. Da quella del cieco nato alla scristianizzazione ecc. eccetera al disegnino che mette diciassette secoli di Chiesa tra parentesi, non è cambiato niente.
Per la verità, nemmeno credo che in precedenza i catechisti riferissero pubblicamente ai catechizzati quella del pane che va a male. La questione è che se la pappavano loro, erano i catechisti stessi a cibarsi di queste eresie. Da qui il disinteresse alle "briciole" e tanto altro.

Lino ha detto...

Mi spiego meglio, essendo la materia di mia competenza professionale. Noi consideriamo il direttorio una sorta di "materiale didattico" per i catechizzati. Non è così. Ai catechizzati non viene dato nulla. I mamotreti servirono in primo luogo a formare i catechisti, i quali poi trasferirono nelle salette solo quello che fu ordinato dai "superiori". Da questo punto di vista, credo proprio che il direttorio corretto, prima di produrre frutti, ammesso che li produca, dovrà attendere decenni: l'attuale "intellighenzia" del Cammino si è formata sui vecchi Orientamenti.

aleCT ha detto...

Noooo...Perchè mi avete cancellato l'utilissimo commento di Pinuc a questa discussione?

A parte gli scherzi,vorrei dire una cosa a tutti gli NC che continuano a cercare scuse cretine (tu cosa fai, a quest'ora dovresti fare altro) per non rispondere sul merito delle questioni: CRESCETE!

il CN vi aiuta a diventare "adulti nella fede"? Vi vantate di questo? Bene, DIMOSTRATELO! FATTI CONCRETI!

Per esempio: neppure una parola sul tema della "libertà" di scegliere il bene del post? Niente, nada, nulla, vuoto spinto?

L'unica parola che ho sentito da voi su questo tema è stata: "Tranquilla, tutto a posto". No, mi dispiace, tranquilla non me ne sto. Perché la sfida di oggi è proprio questa.

Nel cammino si dice chiaramente che non c'è nessuna scelta da fare.

1) perché non puoi realmente farla dato che sei "radicalmente" marcio. Anzi, se provi e ti sforzi a cercare Dio sei un ipocrita.
2) Il mondo è marcio (ricordatevi il discorso di Kiko a Cracovia) e quindi scegliere di uscire dal cammino sarebbe stupido.

Come si è già detto in altre occasioni: l'unica "libertà" che si ha è fare il CN o meno. Solo che, se ne esci, sei abbandonato alla perdizione e i tuoi "fratelli" di comunità si scordano che esisti.

A questo punto mi chiedo: di che "discernimento" parla Kiko nelle sue annotazioni?

Invito tutti a leggersi un qualsiasi scritto di Ignazio di Loyola sull'argomento. Vi si aprirà un mondo.





aleCT ha detto...

p.S.

Scusate, ma questo lo devo dire, dati i precedenti.

Pasquale, le ragazzine lasciale stare!

Lino ha detto...

@ aleCT
Pasquale? Pasquale chi? Mica questo?

http://chisinasconde.blogspot.it/2013/06/le-catechesi-di-kiko-riportate-su.html

Sommo Pasqualone, lo hai visto il librone blu con il pollicione? Sta qui.

E lo hai visto il librone blu martirizzato dalla CdF? Sta qui.

Dai, Pasqualone, inviaci un commento "ad mamotretem", non "ad hominem". Siamo curiosi di leggere un altro tuo post nel blog dei disertori, questa volta potresti essere più preciso.

Giuseppe ha detto...

Lino Mi fa tanto piacere che il materiale che ti ho inviato sta cominciando a dare i suoi frutti. Però è allucinante, la storia si ripete. Quando ero impegnato per conto della parrocchia nel campo geovista, anche a me è successa la stessa cosa. I TDG mi accusavano di manipolare i loro vecchi libri, non solo quelli fotocopiati, ma anche quelli originali, ove si dicevano cose totalmente opposte a quelle scritte nei loro libri attuali. Non si capacitavano di tanto inganno, poveri neocatecumenali!
Giuseppe

Giuseppe ha detto...

Ma questo pasqualone, dispiace dirlo è proprio perso. Uno che falsifica un libro non farebbe mai l'errore di saltare due pagine.Non solo, ma anche 17 pagine in meno? Allucinante!Neanche, se gli metti i due testi sotto il naso lo convinci, figuriamoci su internet. il mio testo è uguale al suo. Quello precedente ti dice che è falso, cosa ci possiamo fare?
Giuseppe

Lino ha detto...

@ Giuseppe
Naturalmente, non ho inserito per caso il link al post del Pasqualone. In esso (in data 8 giugno 2013), il neocatecumenale sostiene di aver acquistato "pochi anni fa" il suo volume, originale, che "è stato comprato al Centro Neocatecumenale della mia città dopo l'approvazione".

E allora, Pasqualone? Lo vedi che hanno fatto bene i catechisti a farti chiudere il blog, che ha ragione Kiko a pretendere il silenzio? Dopo l'approvazione, anziché il volume approvato, il Centro neocatecumenale ti ha venduto quello vecchio - si evince dai caratteri e dall'impaginazione! - con l'eresia del Tabernacolo inutile che fu cancellata dalla CdF?
Ahi ahi ahi, Pasqualone: taci, abbandona internet, farai meno danni :-)

Giuseppe ha detto...

Questo pasqualone dovrebbe essere quello che difende Kiko,che cerca di introdurre la croce rovesciata,come simbolo in seno alla Chiesa.Fa l'esempio delle ostie profanate e dice, allora non dobbiamo più usarle? Ma il cristianesimo non ha mai usato quel simbolo, salve rare eccezioni che appartengono al passato. Che senso ha riproporlo oggi in chiave cristiana, quanto ormai nell'immaginario collettivo è divenuto un simbolo di Satana? Se poi vi associamo anche il bambin Gesù, che benedice con la mano sinistra,è normale che una persona si chieda qual'è il motivo di tutto questa originalità. Anche la svastica, siccome si trova in varie basiliche antiche perchè no? Cari nc,ma non lo capite che c'è qualcosa che non va nella testa del vostro beniamino?
Giuseppe

Antonius ha detto...

@ Lino e Giuseppe,

No, Pasqualone non mollerà mai.
Ripeto il commento che feci qualche post addietro.

Non lo tirerà mai nessuno dal suo kikobunker: se gli mostrerete rosso lui dirà che è nero.
Ma è l'ennesima volta che si ripete circoncidendo la ragione, come da kikoprotocollo. (Lino mi fece notare la sua identità anche dalla scrittura che era un valido discriminante).

P.S. Mi capitò in mano una vecchia edizione di una bibbia TdG (che ora ho a casa) con una nota iniziale fatta sparire (e lo credo bene) in cui si avvisava della introduzione delle note (made in Whatch Tower per capirci) nella traduzione del loro testo biblico: testo e note insieme in un unico miscuglio(!?!).
Anche davanti a questa prova inoppugnabile i TdG non vollero credere alle manipolazioni apportate sulla loro bibbia.
Non so adesso quale livello i TdG hanno raggiunto al riguardo, anche perchè il CNC è entrato a gamba tesa nella mia vita per un po' e mi ha "impressionato" così tanto da averli persi di vista i primi e lasciato il secondo.
Pasqualone si sta attestando a questi livelli ed è per me il portabandiera di tanti(ssimi) pasqualoni che si sono aggirati e, credo adesso ancora più claudicanti, continueranno ad aggirarsi ancora in questo blog.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.