domenica 9 ottobre 2016

Autocelebrazione spaziale alla convivenza di inizio corso galattico 2016-2017 - Parte I

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera di un neocatecumenale attualmente alla tappa del Padre Nostro, in cammino da 21 anni, che (grazie a Dio) comincia a porsi alcuni seri dubbi sulla bontà del percorso intrapreso.

Nota bene: A tutti i neocatecumenali infoiati che strillano che questo blog starebbe facendo non si sa quali danni spirituali, segnaliamo che l'autore della lettera ha tratto le sue conclusioni senza bisogno di nessun blog. Dovete ringraziare solo voi stessi e la vostra stupida idolatria.

Data la densità dei contenuti la lettera e i nostri commenti sono stati suddivisi in due parti: qui la prima parte, e a questo link la seconda.

«Inoltro alla redazione del vs. blog una mail riassuntiva, non completa e poco esaustiva della convivenza di inizio corso per l'anno liturgico 2016-2017. Chiedo scusa perché secondo me è un po' confusionale e ha molto un tono di sfogo, ma rispecchia lo stato personale frutto di quei tre giorni. - 1. Giovedì sera: presentazioni e comunicazione dei nuovi seminari Redemptoris Mater aperti (hanno detto otto, se non sbaglio: Ascoli Piceno, Svezia, due in Spagna, uno destinato all'Africa, Lussemburgo, Argentina e non so dove altro). Lettura del Vangelo e poi a nanna. - 2. Venerdì: Lodi, catechesi sul kerygma, scrutatio di Ef 2,6 e penitenziale. A seguire, il filmino. Andiamo con ordine. Come saprai, la convivenza ha un suo tema, che avrebbe dovuto essere Amoris Laetitia, ma, viste le circostanze che sta vivendo il CNC (ossia la morte di Carmen Hernandez, almeno questa è la circostanza che loro hanno evidenziato, secondo me sono altre), hanno pensato di dedicare questa convivenza agli iniziatori, riportandoci la loro esperienza e " farci riscoprire le nostre origini". Filmino: soggetto era la GMG di Cracovia (ovviamente solo l'incontro con Kiko) e la sepoltura di Carmen. Cena e di nuovo nanna.

'il filmino di kiko... e' una cagata pazzesca'
[NdR: Il tema della convivenza è fantozziano: dopo cinquant'anni ad ascoltare il racconto omerico della Santa Fondazione del Cammino, con le gesta dei due santi iniziatori nell'inferno delle baracche del Palomeristan, i poveri neocatecumenali vengono convocati per un ritiro spirituale nel quale ascolare.... le origini del cammino! Non mancherà ovviamente il video di Kiko in tedesco con sottotitoli in cecoslovacco! 
Da notare il passo scelto per la scrutatio, Lettera agli Efesini 2:6. Chi ha partecipato a una convivenza di inizio corso sa che durante le "lodi" a Kiko del venerdì si legge un lungo brano del Nuovo Testamento (di solito dalle Lettere o dagli Atti) che funge da spunto per la "scrutatio scripturae" in salsa protestante fatta a ora di pranzo e in parte, ma non sempre, per il questionario del sabato, in ogni caso è un passo legato al "tema della convivenza", che si sviluppa fra la seconda e la terza giornata. NON si tratta di una scelta fatta a caso, Kiko non fa nulla a caso: il passo di Paolo "In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo, per essere santi e immacolati al suo cospetto nella carità, predestinandoci a essere suoi figli adottivi per opera di Gesù Cristo, secondo il beneplacito della sua volontà" associato al tema "Cammino Neocatecumenale" puzza pesantemente di indottrinamento nord-coreano.]


Il Rosario? Che preghiera difficile! A meno che non te la consegni
il profeta Kiko! In ginocchio, plebeo!
- 3. Sabato: lodi, a seguire la lettura (nuda e cruda) della testimonianza di Carmen completata da alcuni commenti di padre Mario Pezzi (testimonianza che è stata già riportata in un articolo del blog al link Passione, Morte, Resurrezione e Ascensione di Carmen Hernàndez). Poi pranzo e quest'anno niente questionario: perché si possono porre domande e chiedere esperienze/testimonianze/opinioni su qualsiasi argomento (Novissimi, castità, famiglia, celibato sacerdotale, malattia, Islam negli ultimi anni) tranne che sul CNC e i suoi iniziatori; quest'anno con questo tema ("il tema di quest'anno è IL CAMMINO NEOCATECUMENALE" ci è stato annunciato nelle Lodi del venerdì), non sono state poste domande. Nella catechesi sul cammino hanno detto "ci accusano di consegnarvi il Rosario tardi, ma noi rispondiamo che il Rosario è una preghiera difficile, perché è contemplativa". Eppure la recitavano i pastorelli di Fatima! Al posto del questionario, un altro filmino; soggetto: l'esperienza di Kiko Arguello. Location: Porto San Giorgio, convivenza di inizio corso di settembre 2016. Tale esperienza l'ho trovata tuttavia molto simile al contenuto del libro "Il Kerygma", corredata da alcuni dettagli che secondo me era meglio tacere. Ma ci arriveremo. Alla fine del filmino, catechesi sul cammino, le sue origini, l'opera dello Spirito Santo che ha sempre risolto tutte le magagne, i miracoli, le meraviglie, la sua struttura, la sua (tutto sommato) perfezione (cit. "Nel cammino non c'è niente che sia inutile"). Cena, nanna.
[NdR: e qui la puzza di lavaggio del cervello si fa insopportabile: il Cammino è perfetto, le domande si possono fare su tutto tranne che sul Cammino e gli iniziatori, il tema è il Cammino, si parla di Kiko (che ripete nient'altro che la fuffa pubblicata con il libro "il Kerygma"), lo "spirito santo" che sarebbe al servizio di Kiko contro quei brutti "faraoni" che vogliono distruggere il Cammino. Già visto, già sentito. Questo "spirito santo" ci pare un po' ripetitivo...le assurdità sul Rosario sono incommentabili, e in certo modo blasfeme: è stata la Santissima Vergine Maria IN PERSONA a comandarne la recita, e questi quattro squallidi eretici gnostici si permettono di disobbedirle.]
4. Celebrazione eucaristica presieduta da Sua Eminenza cardinale George Pell. Non ho ascoltato la monizione ambientale, ma ho fatto fatica in generale in tutta la convivenza ad ascoltare i rari momenti in cui è stata proclamata una Parola di Dio, con un profondo malessere di fronte a un fiume di inutili chiacchiere che non hanno dato alcun giovamento alla mia anima se non quello di chiarire una volta per tutte qual è l'origine del disagio che in fondo ho sempre avvertito. Insomma: l'unica cosa che ci sarebbe stata da ascoltare veramente, ossia la Parola di Dio, sinceramente è stata poca e non ha trovato spazio. Comunque sia: risonanze, Eucaristia, chiamate (non si sono alzati né ragazzi per il seminario né ragazze, con la divertente battuta "ammazza come siamo paurosi in questa assemblea"), colletta, benedizione, ballo finale, pranzo. A casa!
[NdR: qui l'autore della lettera ha centrato meravigliosamente il punto in poche asciutte parole, che inchiodano tutti i neocat esaltati alla verità: "un fiume di inutili chiacchiere che non hanno dato alcun giovamento alla mia anima"]
Questo è stato lo schema, veniamo ai contenuti: 1. Le uniche due frasi sensate che ho udito sono state "Non abbiamo l'esclusiva sull'evangelizzazione" (detta da un catechista giovedì sera) e "Non moriremo kikos" (dal filmino sulla GMG, in cui hanno fatto rivedere uno spezzone dell'intervento di Carmen a Loreto 2007). Detto questo (su cui comunque ci sarebbero riflessioni da fare) andiamo avanti.
[NdR: vedere il video dell'intervento di Carmen a Montorso per credere. Molti di noi ex erano a Loreto nel 2007. E' importante a freddo ascoltare nuovamente le parole della novella eroina della fede, e poi leggere qualche passo di Santa Teresa d'Avila, alla quale la Carmen è stata paragonata]

Santa Carmen Hernandez Barrera d'Avila mostra la sua mise:
modello "incontro col Santo Padre dopo la spesa all'ortolano"

In generale, varie battute, aneddoti e frasi buttate qua e là il cui senso era sempre quello di far passare il CNC come la vittima sacrificale del mondo intero. Il sacerdote dell'equipe: "è stata messa un'etichetta sul cammino: dicono che è impegnativo, perché pensiamo sempre che siamo noi che facciamo le cose, non che le fa Dio" (per Dio sarei un burattino la cui umanità, con tutto quello che comporta, non avrebbe alcuna importanza). Il problema non sussiste, se ti lamenti è perché proprio non capisci cosa sia il CNC. In un altro momento l'appunto era su quelli che a un certo punto affermano di essere stati condizionati nelle scelte che hanno fatto. Sacerdoti: «tu non vuoi andare avanti e dai la colpa agli altri: "sono entrato in seminario perché me l'hanno detto i catechisti". Ma che stai a dì: è che siccome ti devi giustificare allora dici così e lanci accuse» (perché tu non hai e non puoi avere una tua identità e una percezione di te stesso, e se ce l'hai è sbagliata; la verità su te stesso non la sai tu, ma qualcuno esterno ed "altro" da te, che ti dice su di te cose che Dio ha ispirato direttamente a lui e non a te, ma che vale per qualsiasi situazione/età/collocazione geografica/cultura/ecc.). Matrimoni: "io mi rammarico sempre molto quando i catechisti tirano fuori dal cassetto la risposta a mo' di regoletta e poi ti arrivano le persone a dirti "io mi sono sposata perché me l'hanno detto i catechisti", ma che discorsi sono! Ma che significa che te l'hanno detto i catechisti?" (il che mi fa pensare che sì, in fondo i catechisti non dovrebbero fare così, ma pure tu che gli dài retta!!! Questo per dire che il problema dell'infallibilità dei catechisti ha un'origine ben precisa). Figli del cammino: hanno detto che l'accusa di condizionare i figli scaraventandoli troppo giovani in uno stile di vita così impegnativo e condizionante è, ovviamente, infondata.
Il tre volte san...ops.. dottore h.c. Kiko e la venerabile Carmen
Peccato che il filmino di Kiko inizi con lui che dice "Io sono stato scelto da Dio per essere il vostro catechista, e Dio ha fatto un lavoro su di me"...AZZ!! Avrei aggiunto io, se non avessi saputo che avrei rischiato il linciaggio seduta stante.

Altra frase interessante nella monizione alla seconda lettura della liturgia di ieri: "il punto è resistere e non lasciarsi scandalizzare"; interessante perché di fronte a uno scandalo molto serio (di cui magari parlerò in un'altra mail) mi è stato risposto precisamente "tu ancora ti scandalizzi!", al che ho risposto: «Embé? Il Signore non ha detto "guai a chi si scandalizza", ma "guai a chi lo scandalo lo dà"». Non ho ricevuto risposta. Poi ci sono state le fantastiche uscite al momento delle alzate. Famiglie: me ne sono rimaste impresse due in particolare. La prima: nove figli, i primi tre sposati, "ma se aspetto che si sposa l'ultimo non partiamo più!" ("bravo!", fa il catechista). La seconda: tre figli tra i 23 e i 19. Catechista: "E con loro come fate, chi ci pensa?", risposta "ci sono i fratelli di comunità, e poi c'è mia suocera". APPLAUSI!! Poi tutta una serie di inviti a chiedere grazie a Carmen, che è in cielo e sta facendo un gran casino e sta mettendo tutto sottosopra, ha già fatto portenti (quali non è dato sapere), insomma: è santa e questo è certo.
[NdR: Come a dire: siamo perfettamente a conoscenza del fatto che ci sono dei gravissimi problemi su tutti i i fronti, ma preferiamo far finta di niente. Sappiamo che i nostri adepti se ne stanno accorgendo e che si mormora sempre di più, ma non cambieremo di una virgola. Il tono è quello della propaganda sovietica, o di qualsiasi altro regime totalitario. Il regime è buono, non può essere messo in discussione, tutti ci odiano perché ci invidiano, e tutti devono ascoltare le sacre parole del "lider maximo" Kiko, con il quale tutti devono essere d'accordo e infine ancora giù con Carmen che è santa. In questo gorgo di follia spiccano in modo davvero brillante i commenti lucidi e tristi dell'autore della lettera. E' inquietante la corrispondenza fra le tante osservazioni fatte nella convivenza e le obiezioni sollevate in questo blog e in tutte le altre decine di pagine internet che denunciano le storture del Cammino: viene il sospetto che se le leggano tutti i giorni]
La Provvidenza assume forme misteriose, alle volte...
3. Sulla testimonianza di Carmen, al link sopra, già ampiamente commentata, non dico niente a parte due cose: il fatto che dicono abbia vissuto esperienze mistiche come quelle di santa Teresa d'Avila, ma leggendo gli scritti di santa Teresa e l'esperienza di Carmen, anche per la precisione di dettagli descrittivi e la profondità delle parole che usa la prima (evidenziando e sottolineando sempre di non essere in grado di rendere a parole quanto ha vissuto, e lo si percepisce leggendo), mi chiedo come le possano mettere a confronto e pensare di essere intellettualmente e spiritualmente onesti. Secondo: l'interpretazione assolutamente personale di alcuni fatti. Esempio: il fratello di Carmen che voleva andare a prenderla alle baracche e portarsela via e i cani lo hanno morso. Interpretazione: "Capite? Quei cani non avevano mai morso nessuno, e quando lui è andato per portarsela via non glielo hanno permesso". Tralasciando il fatto che, degli otto fratelli/sorelle di Carmen, sappiamo che una sorella ha aderito al Cammino e ora è morta, degli altri non è dato sapere.
[NdR: Infatti nel Cammino non si brilla per onestà intellettuale. Apprendiamo che il vizio di piegare ogni evento a se stessi ha origini antiche... Già dai tempi delle baracche i due iniziatori brillavano per il loro ego smisurato. Ricordiamo che Kiko fu allontanato dai Cursillos e Carmen cacciata dal monastero.]


(Fine della prima parte)

84 commenti:

l'apostata ha detto...

Ci sarebbe tanto da commentare, anche se i problemi sono sempre e comunque gli stessi, non cambiano mai in nessun luogo dove il Cammino si è introdotto.

Di fondo, in ogni caso, c'è la consueta menzogna e l'ipocrisia che permea il cosiddetto Cammino.

Tutto viene distorto, secondo il collaudato metodo neocat.

Basta pensare al Rosario: "...ci accusano di consegnarvi il Rosario tardi, ma noi rispondiamo che il Rosario è una preghiera difficile, perché è contemplativa"..."

Difficile, dicono. Eppure ai neofiti fanno consultare da subito quel complicato mattone del Dufour. Molto logico, come tutto il resto.

Subdolo e astuto poi il non aver inserito il consueto questionario: sul cammino è proibito porre domande e soprattutto è proibito ragionare.

Questo è il fulcro su cui hanno costruito la convivenza di quest'anno: indottrinamento e niente domande, ascoltare, tacere e non pensare.

Tipico di una setta, ma una setta orchestrata da qualcuno molto intelligente, non certo da quella marionetta folkloristica ed esibizionista di Sankiko.

Penso che sia dovuto al fatto che con internet ormai le cose si vengono a sapere, e dato che alla propaganda e alla mitologia kikiana le critiche fanno molto male si è cercato di correre ai ripari con questa specie di campo di rieducazione alla Mao Tse Tung.

Ne abbiamo la prova provata qui: quando mai un camminante è stato capace di argomentare alcunché di fronte alle obiezioni?

Le risposte, quando ci sono state, consistevano in luoghi comuni o in minacce o in insulti.

Eppure dicono di avere il discernimento e di parlare per ispirazione.

Fosse stato vero ci avrebbero chiuso la bocca in cinque minuti.

E invece niente.

Penso all'ultimo della serie, il seminarista "Grato a Dio". Solita solfa: il cammino ha salvato il matrimonio dei miei genitori; il Cammino mi ha dato la vocazione.

E se uno scrivesse di essere grato al proprio psicologo che ha risolto i problemi matrimoniali dei genitori e lo ha aiutato ad indirizzarsi negli studi?

Che differenza fa?

Naturalmente di fronte a domande precise è sparito, salvo ricomparire dopo un po' con la filastrocca di matrimonio e vocazione.
Come tutti i neocat finora.

I frutti del Cammino: adulti nella fede il cui linguaggio è "si ma, no forse", incapaci di dialogare e paurosi di guardare la realtà.


p.s. Devo correggere solo un particolare della lettera: riguarda la Cara Estinta.

Non è vero che sia stata paragonata a Santa Teresa d'Avila, è talmente assurdo che nemmeno Sankiko avrebbe osato.

Probabilmente, stordito dagli interminabili fiumi di chiacchiere dei kikatekisti, chi ha scritto non ha capito che si riferivano ad altra Teresa.

Più precisamente, la Cara Estinta non è stata paragonata a Santa Teresa d'Avila, bensì alla sora Teresa dell'Aquila.

Chi è la sora Teresa dell'Aquila? Trattasi di nota ostessa abruzzese, conosciuta per i suoi modi rozzi ed arroganti, prepotente. Di aspetto quasi maschile, si aggira tra i tavoli della sua osteria indossando sempre una maglietta Adidas e con una cicca perennemente accesa in bocca.
Dato che nel locale serve liquori d'erbe alcolici assai, capita di frequente che gli avventori, gentili montanari abruzzesi, abbiano improvvise visioni.

Sembrano gemelle. Di qui la confusione.

Valentina Giusti ha detto...

E' inquietante la corrispondenza fra le tante osservazioni fatte nella convivenza e le obiezioni sollevate in questo blog...viene il sospetto che se le leggano tutti i giorni...

Sì, ci leggono, eccome! Per esempio, l'esperienza di Carmen, non era stata tradotta in italiano, almeno non sul Web...quindi, alla convivenza di inizio corso, è molto probabile che abbiano riportato, pari pari, il nostro thread!

Lino ha detto...

E' possibile chiedere all'estensore della lettera (oppure a chiunque altro ne possa essere al corrente) il colore dei cani che morsero il fratello di Carmen, il quale voleva andare a prenderla alle baracche?
In assenza di specificazione, si potrebbe anche supporre che siano stati cani neri e la cosa sarebbe simbolicamente preoccupante :-)

Anonimo ha detto...

@l'apostata

ascoltare, tacere e non pensare."

Mi hai fatto ricordare un'uscita memorabile: a due signore che durante la catechesi del venerdì mattina a un certo punto parlavano tra loro, è stato detto testualmente "Non commentate! Siete qui per ascoltare senza commentare". Solo che chi l'ha detto non si è accorto che le due signore, che stavano sulla porta, erano...del servizio d'ordine!
Altra cosa da far notare: in pratica il sabato pomeriggio (che era sempre stato composto da questionario+catechesi sul Magistero della Chiesa relativo al tema del questionario) è stato composto dal filmino con la testimonianza di Kiko+catechesi del cammino sul cammino, niente Magistero. Il che da un lato, viste le manipolazioni e inesattezze che hanno promulgato nel tempo, forse non è neanche un male...ma fa riflettere!

L'autore della lettera

Anonimo ha detto...

Ho fatto lu tua stessa riflessione mentre sottolineavano la presenza di questi cani intorno ai fondatori... Ma il colore l'hanno omesso :-)

L'autore della lettera

Anonimo ha detto...

@ Lino
Io ancora mi ricordo di un film su Padre Pio (mi sembra quello con Sergio Castellitto) nel quale all'inizio si vede il bambino (Padre Pio da piccolo) inseguito da un grosso cane feroce. Quella scena fa riferimento ad alcune visioni del Santo sul Demonio (che secondo alcuni suoi scritti aveva visto sotto le sembianze di un cane rabbioso) che lo tormentava e lo aggrediva perché voleva impedirgli di compiere la sua missione.
E se quei cani fossero stati lì per difendere la nascita del Cammino da parte del Maligno?
Annalisa

Valentina Giusti ha detto...

Lino, scusa, perché è importante il colore del cane che morse il fratello di Carmen (sembra una strofa di 'Alla Fiera dell'est')?
Comunque, un OT: sul sito dell'IBS consigliano, per il libro Annotazioni di Kiko, di aprirlo a caso!! Siamo a posto... :-)

by Tripudio ha detto...

Nel libro di Tobia c'è scritto che il cane di Tobia, al vedere il suo padrone, scodinzolò. Pertanto dobbiamo assumere che il cane di Tobia avesse la coda. Dunque il cane che morse il fratello di Carmen, essendo colorato, dovrebbe essere reale anziché un prodotto dell'immaginazione. Come ben sapete tutti, i cani che mordono sono espressione della volontà di Dio, mentre - per la stessa logica kikiana-carmeniana - "can che abbaia non morde" è espressione della volontà del demonio.

Figlio di Kiko ha detto...

Questa convivenza è la risposta del cammino alle decisioni che sono state comunicate a kiko dalla chiesa prima dell'estate. Se c'è qualcuno della diocesi di Roma che vuole dare qualche anticipazione........così a parlare non sono sempre gli stessi

l'apostata ha detto...

Non ci siamo, sui cani.

Quelli che hanno morso il fratello della Cara Estinta lo hanno fatto per un solo, semplicissimo motivo.

Chiunque, uomo o bestia, abbia convissuto con la Cara Estinta, dopo un po' di tempo cominciava a mostrare dei sintomi di furore incontrollabile.

Perciò i quadrupedi del raccontino agiografico non morsero il fratello della Cara Estinta perché voleva riprendersela.

No.

Lo morsero perché aveva aspettato troppo a venire.

Tutto qua.


@ Valentina

"...sul sito dell'IBS consigliano, per il libro Annotazioni di Kiko, di aprirlo a caso..."

Hanno ragione loro, sai.

Da qualunque parte lo leggi il risultato è sempre lo stesso: zero.

In altre parole, è come la sbobinatura delle concioni di Sankiko: un teatrino dell'assurdo.

E' un libro ludico: lo apri a caso per leggere dei ragionamenti fatti a caso.

L'importante è venderlo. Una copia a testa obbligatoria a camminante, più numerose copie da regalare a Pasqua e Natale come gradito (!) regalo a parenti ed amici, e Sankiko potrà costruire un'altra Domus Jetsons e magari portare la kikorchestra fin su Marte.

Facile, no?

sandavi ha detto...

Tutto nel cammino è demenziale, vive tutto di leggenda, di aneddotica inventata. Ancora con queste origini del cammino, una roba da non credersi... Inaccettabile. È una setta. È chiaro. Lo sarà ogni giorno di più, fino alla fine. Kiko si troverà solo nel suo bunker circondato dai suoi gerarchi.

l'apostata ha detto...

@ Figlio di Kiko

"Questa convivenza è la risposta del cammino alle decisioni che sono state comunicate a kiko dalla chiesa prima dell'estate. Se c'è qualcuno della diocesi di Roma che vuole dare qualche anticipazione........così a parlare non sono sempre gli stessi"

Scusa, Figlio di Kiko, ma il tuo post si può leggere in due opposti sensi.

Spieghi anche a noi che ti ha detto papà?

sandavi ha detto...

Illuminaci.

Anonimo ha detto...

Ma sai... Visto che era cosa risaputa che in estate Kiko è andato dal Papa con padre Mario (e che l'incontro sia stato infelice è stato evidente già solo dalle foto), mi aspettavo che le notizie sarebbero state comunicate nella catechesi sul Magistero. Se gli altri anni tale catechesi veniva proposta in risposta a un tema ("vediamo cosa dice la Chiesa a proposito di..." castità, evangelizzazione, famiglia, Nuovissimi...scegli tu!), mi aspetto che ora mi venga detto cosa dice la Chiesa sul CNC, perchè la garanzia sulla bontà di questo percorso me la dà il Papa e visto soprattutto che è noto che ci siano stati pronunciamenti. Invece no! Il punto è stato in pratica "cosa diciamo noi di noi stessi"...se non è autoreferenzialità questa...

L'autore della lettera

Lino ha detto...

@ sandavi ha scritto: "Tutto nel cammino è demenziale, vive tutto di leggenda, di aneddotica inventata"

Passi pure l'aneddotica inventata, carissimo. Anche l'ispirato nostro divino poeta Dante inventò, parecchio. Il problema è che questi inventano senza nemmeno procurarsi di confrontare l'aneddotica - anzi il simbolismo - cattolico.
Annalisa l'ha detto: Padre Pio fu inseguito da un grosso cane feroce. Di color nero, per la precisione. Sotto forma di un grosso cane nero apparve il diavolo a san Stanislao Kostka, gesuita polacco. Nelle interpretazioni dei sogni, il cane rabbioso è un simbolo del diavolo, sin dal Medioevo; nelle dicerie popolari (Vox populi, vox dei) il cane nero contende il primo ruolo con il gatto nero.

Ma dico io: potreste voi neocatecumenali, per favore, finirla con queste aneddotiche per i pasqualoni, che ascoltano inebetiti e fanno "ooh!"?

Anonimo ha detto...

E poi che assurdità! La risposta del cammino in merito alle decisioni del Papa? Semmai dovrebbe essere il contrario: il Papa ha risposto in merito alle tue decisioni che hai preso nel tempo, e di fronte a questo non mi interessa altro che come si sia pronunciato il Papaascoltare, la SUA risposta; le manipolazioni se le tengano per qualcun altro... Che ci vanno a fare a S. Pietro a giurare fedeltà al suo successore...?

L'autore della lettera

l'apostata ha detto...

C'è cane e cane.

Non dimentichiamo il grosso cagnone che proteggeva don Bosco quando attentavano alla sua vita.

Come si distingue dagli altri cani il cane neocat?

E' l'unico che dà la decima della zuppa....

by Tripudio ha detto...

Quella che Sandavi chiama "aneddotica inventata" è il risultato della "discomunione con la verità" da parte dei fedelissimi del Cammino Neocatecumenale.

Noialtri, indipendentemente dalle convinzioni religiose, parliamo, agiamo, viviamo come se la verità fosse qualcosa di più grande di noi (dopotutto, è così o non è così?).

I kikos, invece, quando la verità è loro sgradita, la mistificano e la negano (con tutti i trucchetti complementari: cambiare discorso, screditare gli interlocutori, fingere di non aver capito, confondere il particolare con l'universale, aggredire e molestare verbalmente e non verbalmente, ecc.), perché il sacro Tripode Kiko-Carmen-Cammino è infinitamente più grande della verità, può e deve calpestare la verità, anzi, deve sempre calpestarla perché se anche una sola volta accettasse che la verità è più grande di tutto e di tutti allora crollerebbe l'intero castello neocatecumenale.

Per ogni setta si può dire la stessa cosa, per ogni idolatria, per ogni opera del demonio. Laddove la verità vale zero, allora che valore potrebbero mai avere lo sfornare figli come conigli, il celebrare liturgie dove tutti devono parlare e tutti devono cantare, il mostrarsi più cristiani e più morali di tutti gli altri (al punto di sentirsi superiori a chiunque proprio mentre ci si proclama "peccatori"), ecc.?

Lino ha detto...

@ l'apostata
Quello di don Bosco era di color grigio, o sbaglio? Perciò ho chiesto il colore :-)
In ogni caso, non mi pare che sia stato mordace, soltanto minaccioso.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

P.S.
Prossimamente ti segnalerò un libro nel quale si argomenta di un cane abitato da un diavolo :-)
La questione risale agli antichi Rabbini, forse i neocatecumenali pasqualoni non ne sono al corrente.

sandavi ha detto...

E comunque il cane di don Bosco lo difendeva dai tentativi di omicidio. Mi sembra un po' diverso. Il racconto di Kiko è una scemenza. Poi, in quarant'anni non si è mai sentito niente del genere, ora all'improvviso se ne escono ci sta scemenza.

by Tripudio ha detto...

Alcuni episodi a margine, tratti dalle vicende di Guam già finite sui giornali:

- il vicario neocatecumenale don Quitugua: a suo tempo fu tra i mandanti e gli esecutori del "licenziamento" di don Gofigan senza giusta causa (una mossa da mafiosi: lo convocarono in curia senza dirgli il motivo, e non appena uscì dalla parrocchia andarono a cambiargli i lucchetti della parrocchia e della canonica)... ora, il Quitugua, vistosi trasferito ad altra parrocchia, si è rifiutato di andare, dicendo che è stato trasferito senza giusta causa: due pesi e due misure, e un'unica faccia di bronzo; sottinteso: è convinto che la legge vale per tutti... tranne che per i kikos (e questo è un prete, uno che ogni giorno celebra l'Eucarestia, uno che ogni giorno prega e medita, uno che ogni giorno s'interroga sui propri peccati... capite?)

- l'avvocatessa neocatecumenale divorzista: a suo tempo implicata in diverse faccendacce dovute al nascondere le magagne del Cammino (che quando verranno alla luce potrebbero facilmente portarla in carcere), specialmente sulla fabbricazione di documenti falsi, sull'uso di soldi diocesani per i propri porci comodi (per esempio: lei e altri kikos hanno agguantato il cimitero annesso alla Cattedrale: cioè gli stipendi, perché la manutenzione al cimitero non l'ha fatta praticamente nessuno)... e ora su carta intestata si mette a fare la moralista puritana combattente per la libertà denunciando alla polizia don Benavente a proposito dell'abuso di certi soldi del cimitero (cosa su cui il denunciato era stato scagionato non una ma due volte): due pesi e due misure, e un'unica faccia di bronzo; sottinteso: è convinta che la legge vale per tutti... tranne che per i kikos (e questa è una responsabile di comunità NC, capite?);

- tutto questo senza dimenticare il vescovo pedofilo neocatecumenale, che addirittura calunniò il citato Gofigan insinuando abusi sessuali per avere una scusa per scacciarlo via; ebbene, questo campione della lotta agli abusi sessuali, è quello che spostò "la volpe nel pollaio" con la complicità di altri kikos e di vescovi "oliati". Come al solito: due pesi e due misure, e un'unica faccia di bronzo; sottinteso: è convinto che la legge vale per tutti... tranne che per i kikos - severissimo contro i presunti e inventati abusi dei "cristiani della domenica", distrattissimo riguardo ai preti già condannati per abusi sessuali su minori, indulgentissimo contro i riconosciuti abusi dei presbiteri neocatecumenali Redemptoris Mater, e soprattutto risoluto negatore degli abusi sessuali e stupri da lui stesso commessi fin da quando era seminarista (e questo è un vescovo, capite? uno che da decenni celebra ogni giorno l'Eucarestia e i sacramenti, uno che vi ordina i sacerdoti, uno che viene ad amministrarvi la Cresima, uno a cui va l'ubbidienza di clero e fedeli, un successore degli Apostoli, capite?).

Questi sono esattamente i frutti del Cammino Neocatecumenale: una mentalità secondo cui la verità non è mai superiore al sacro tripode Kiko-Carmen-Cammino.

sandavi ha detto...

P.s. Il cammino è un fiume di parole, il 90% delle quali inutile. È una autocelebrazione, nella quale si celebra se stessi e il proprio operato, con una sottile decorazione Cattolica, buona per ingannare la gente.

sandavi ha detto...

Esattamente Tripudio, ipocrisia, doppiogiochismo, fanatismo, bugie....

by Tripudio ha detto...

Fino ad oggi nessun neocatecumenale ha mai osato anche soltanto ipotizzare: «se XYZ ha davvero fatto ABC allora ha sbagliato». Non lo diranno mai, poiché nella mafia neocatecumenale vige l'omertà. Per fare quell'affermazione occorre essere convinti che la verità è più grande di noi e del Cammino e della gerarchia neocat.

Per fare quell'affermazione occorre credere che "ABC" è sbagliato davanti a Dio e davanti agli uomini, anche se a commettere "ABC" sono stati i capibastone del Cammino.

Un neocatecumenale onesto, di fronte ad un caso "ABC" grave da parte dei suoi capibastone, si sdegnerebbe contro di loro e li condannerebbe pubblicamente, perché chi è "capo" di qualcosa ha davanti a Dio la responsabilità sui suoi sottoposti, e se un capo dà scandalo allora è meglio cacciarlo via dal Cammino piuttosto che lasciare che il Cammino venga macchiato... E invece...

Per questo si può dire che i neocatecumenali sono sostanzialmente disonesti: o lo sono perché in onore di Kiko-Carmen-Cammino desiderano essere nemici della verità, oppure lo sono perché pur avendo un buon cuore, pur desiderando vivere come Dio comanda, pur soffrendo per queste ed altre ingiustizie, non riescono ancora a liberarsi dalla trappola della setta neocatecumenale.

(p.s.: più che ABC dovremmo dire ABCD, cioè "Abusi sessuali su minori, Bizzarrie liturgiche, Corruzione dei membri, Dottrine ambigue ed eretiche").

Anonimo ha detto...

@ Figlio di Kiko
Sono curiosa dillo tu...a meno che tu non sia uno dei soliti Pasqualoni che intervengono qui :) Comunque "La risposta di Kiko" non si può sentire come frase. Riflettevo guardando la nueva estetica che il cammino comunque ha davvero di setta tipo TdG o Scientology...nel trailer "La ragazza del mondo" si vede una scena di questa ragazza che viene convocata per parlare della sua vita...stile incontro coi catechisti o scrutinio. Io speravo in una risposta pronta della chiesa a realtà come il cammino e invece ormai devo solo sperare nel disegno di legge contro la manipolazione mentale. Poveri figli del cammino costretti ad andare alle catechesi alle medie...ormai le comunità si formano solo con loro. Quanta manipolazione. Mi viene da piangere. In un clima che richiama all' unità della chiesa, alla comunione, questi fanno una convivenza con tema il movimento stesso e eliminando il magistero. Non ho più parole ormai....solo tanta tristezza per la Chiesa, per gli aderenti in buona fede che magari tornano tutti allegri e contenti perché annebbiati da chiacchiere, auto esaltazione e chissà cosa. Quanta fuffa. In un mondo dove ci sono guerre, terremoti, gente che ha perso la casa, uragani, morti, fanatismo religioso la risposta del cammino è ulteriore fanatismo è autoreferenzialitá. E continuiamo a costruire questa domus jerusalem e a parlare di Carmen..perché tanto come disse una volta un catechista "i poveri ci saranno sempre, non di solo pane vivrà l'uomo" ergo siamo esonerati dalle opere sociali e ci continuiamo a fare i nostri affari autoreferenziati. Tristissima. Laura

Anonimo ha detto...

Scusate oggi sono fuori di me per come la gente non si accorga dell'ipocrisia e della fuffa neocatecumenale. Scrittore della lettera sai per caso dirmi se quest'anno è stata fatta qualche colletta per i terremotati o per Haiti? E se come gadget regalano/consigliano caldamente di comprare il nuovo libro munnez di Kiko? Scusa te lo chiedo perché io ho ancora questo dilemma...ovvero...perché ad Haiti e ai terremotati ci pensa il Signore e non di solo pane vivrà l'uomo perché se anziché mettere nella decima o nella colletta metto per loro allora cado nella mia superbia e invece siccome il Signore al cammino a quanto pare non provvede, tocca fare collette per sostenere le famiglie itineranti, i seminari e la costruzione delle domus??...gradirei una risposta specialmente dai figli di Kiko..:ammesso che riescano a vedere l'ironicitá della domanda...giusto per sapere se ci stanno i criceti nelle vostre teste mentre sentite queste idiozie e non capite che vi plagiano e basta per farvi fare solo ed esclusivamente quello che dicono loro. Io non mi ci rassegno. Vi parlo da umano a umano....siamo in terra razionale qua eh...senza che ci dobbiamo inventare demoni muti, sordi etc. Che vi passa per la testa?Laura

by Tripudio ha detto...

Scusate, sopra ho scritto Quitugua, invece intendevo Cristobal, un altro pezzo grosso neocatecumenale della curia di Guam e almeno altrettanto viscido. Il link alla sua lettera in cui rifiuta di ubbidire al vescovo Hon, è invece esatto.

Ne approfitto per segnalare di nuovo To verdener ("due mondi"), un film danese del 2008 che non è stato distribuito in Italia (si trova però in giro sottotitolato in italiano). È la storia di una ragazza appartenente ai testimoni di geova che mentre diventa adulta si rende conto dell'assurdità di quella setta.

Il film è fatto in modo da non offendere i testimoni di geova, presentandoli sotto la miglior luce possibile, ma a vederlo si resta agghiacciati rendendosi a poco a poco conto di quanto sia opprimente e pericolosa quella setta (ed anche di quanto sembri una versione pulita ed elegante della setta neocatecumenale).

La scena che ritengo più interessante è quando la giovane decide di diventare "pioniera" (l'equivalente dell'alzarsi neocatecumenale per andare in missione) e i familiari gioiscono, infischiandosene del fatto che per lei studi e lavoro andranno a farsi friggere.

La setta dei testimoni di geova, fondata da un noto imbroglione e portata avanti per più di un secolo da soggetti che hanno riscritto il passato e il presente e il futuro a seconda delle convenienze, si distingue per il concetto di rivelazione "progressiva": quello che fino a ieri ti spacciavano per "vero" (e che ti costava, se non la vita, almeno la salute e la carriera - cfr. ad esempio i casi della donazione del sangue, del servizio militare, dell'anno della fine del mondo, del numero prefissato di 144.000 "salvati", ecc.), oggi può essere sostituito da qualcosa di totalmente diverso ma "più vero" (e sostituibile domani da qualcosa di ulteriormente diverso ma "ancora più vero"). Esattamente quello che succede nel Cammino, dove la banderuola della presunta "verità" gira a seconda delle convenienze dei suoi capibastone.

LAPAZ ha detto...

LOL, l'apostata, in Spanish: jajajaja!

Mis catequistas siempre decían que los perros ladrando en la noche alrededor de la casa de convivencia eran el Demonio, rabioso por la predicación.

My catechists always said the dogs barking around the house of convivence were the Devil, furious by the preaching.

Eso nos hacía sentir temor. Sin duda, es un elemento de manipulación emocional más, dentro de tantas cosas que el Camino emplea.

That made us afraid, without any doubt it is one element used by the NCW for emotional manipulation, among others.

Gracias al autor de la carta, a quien envío un cariñoso abrazo desde aquí.
Cuando yo estaba como él, lo pasé mal. Mi alma no podía estar en calma.

Thanks for the person who wrotte the letter. I send him a huge from Spain. When I was like him, I was feeling bad. My soul was not in calm.

A Kiko no le interesa Amoris Laetitia. Kiko necesita este año una dosis extra de kikotina para sus seguidores. Eso significa que vienen malos tiempos.

Kiko has no interest in Amoris Laetitia. Kiko needs an extra dose of kikotine for his followers. It means bad times come for the Way.

Saludos a todos!

Anonimo ha detto...

Quando si tratta di parlare come esseri intelligenti e razionali dove a causa corrisponde effetto, ad azione reazione, e non c'è spazio per la fuffa di esorcismi, carismi e demoni muti non risponde nessuno eh...come se Dio non avesse donato una mente per pensare nel modo in cui pensa il suo universo logico e ordinato. Setta ignorante, superstiziosa e inutile. Tutti a gongolarsi sulle storielle di Kiko e Carmen. Che commozione! Ripeto nel caso qualcuno volesse togliere il cervello dall'ibernazione nc...caso strano l'anno che tutto il mondo cattolico cerca l' unitá e il Papa richiama più e più volte al non appartarsi, al non fare proseliti e all'evangelizzare con amore e misericordia, Kiko che fa? Convivenza con tema "Il cammino - Le origini". Quasi il titolo di un film di fantascienza. Sveglia! La separazione dalla chiesa è vicina.

figlio di Kiko ha detto...

Caro autore. Negli ultimi 20 anni avrai sicuramente sentito dire ai catechisti che sarebbe venuto il tempo della persecuzione tanto da prospettare un ritiro dei camminanti nelle catacombe (che per noi sarebbero state le case private). Ora è venuto quel tempo! Perché la risposta di kiko? Perché non possono dire le ragioni che hanno portato ai cambiamenti già decisi. Il cammino ormai non è più quello che conoscete. Ma i piccoli non sono in grado di portare questo peso (ti suona nuova questa affermazione? ). Allora prima che vengano annunciati i cambiamenti si cerca di rafforzare l'immagine di kiko nella speranza che i primi non rappresentino uno shock troppo forte per le comunità.
Concludo dicendo che la chiesa non si pronuncerà mai sul cammino pubblicamente e fa bene a fare così per non perdere anime. ...ma opera comunque nel silenzio.

Anonimo ha detto...

Il figlio di Kiko che ha risposto sopra alle 19:36 può chiarire ancora di più quali sono i cambiamenti già decisi dalla chiesa che hanno causato una convivenza tesa a rafforzare l'immagine dei fondatori del cnc (parole testuali del figlio di Kiko)? Quello che mi sfugge è...posto che è ovvio che la chiesa agisce senza dare scandalo e pacatamente per non allarmare le povere anime nc..i cambiamenti sono per caso il dover celebrare il sabato sera nelle case perché verrà posta obbligatoriamente la partecipazione alla messa domenicale? Se ti sembra una persecuzione questa...comunque il fatto che il tema della convivenza "il cammino - le origini" fosse un film per fomentare le folle dei piccoli in vista di qualche revisione da santa madre chiesa si era capito. Scusatio non pentita accusatio manifesta ovvero catechesis non petita novum regulas manifesta. L'imperatore mega galattico teme il cambiamento/crollo del suo impero. Non vuole la repubblica. Già lo disse a Cracovia...di rimanere fedeli alla veglia tanto amata da Carmen...e via strumentalizziamo pure lei. Pace all'anima sua.

figlio di Kiko ha detto...

Bravo hai capito il senso della convivenza!

Lino ha detto...

@ Anonimo figlio di Kiko 9 ottobre 2016 19:36

Se sei un troll antiCammino, i miei complimenti: mi hai fatto sorridere.
Se non sei un troll antiCammino, comunque i miei complimenti, perché mi hai fatto sorridere; anche preoccupare, però, nel secondo caso: hai bisogno di un buon psichiatra? Fammelo sapere, posso suggerirti qualcuno molto onesto che, alla bisogna, qualora non dovesse ritenersi all'altezza del problema, può accompagnarti da un esorcista.

Anonimo ha detto...

Figlio di kiko ha detto purtroppo una fesseria, tutt'ora nel 2016 ci sono vescovi che corrono per accaparrarsi un seminario kikiano, da ultimo ho appurato il mio vescovo, che è andato in pellegrinaggio a psg ottenendo forse una apertura per il 2018, con non più di 20 -25 seminaristi a regime, ripartiti 50-50. Gli nc avranno in uso un monastero del 1400 con un favoloso chiostro, chiuso purtroppo da una 30ina di anni ed utilizzato solo nella parte della chiesa collegata, quale location x matrimoni.

psyco ha detto...

....e ora questo fantomatico processo vaticano a apuron ..... da fare SENZA ASCOLTARE LE VITTIME...... bella giustizia ecclesistica..... ma ke si aspettano prima di ragionare?..... le bombe atomiche sul vaticano ?????

LAPAZ ha detto...

Bravo, Laura!

Figlio di Kiko ha detto...

I vescovi hanno corso talmente tanto che se li sono accappatoi tutti

l'apostata ha detto...

@ Grato a Dio

che continua a scrivere lamentando maldicenze e ostilità nella discussione precedente:

"Ah dimenticavo, il Papa ci corregge è vero, e noi sappiamo che il Signore corregge chi ama (Sap). Cari fratelli la Parola di Dio dimori tra voi abbondantemente dice san Paolo. 10 ottobre 2016 00:00

Lc 6,26. Dice: guai a voi quando tutti parlano bene di voi, così hanno fatto con i falsi profeti.
Ma voi parlate male di noi, quindi sono contento, significa che siamo sulla strada giusta.
Esplicito? Ma tutto il blog è contro il Cammino Neocatecumenale, ogni singola parola; che devo esplicitare...
Tanti saluti. 10 ottobre 2016 08:59


Guarda che le stesse cose diceva Maciel quando il marcio dei Legionari non era ancora stato portato alla luce.

Io i "tanti saluti" li darei al tuo senso della realtà.

Prova a staccare il risponditore automatico di slogan neocat.

Se davvero sei seminarista e stai seguendo convintamente la tua vocazione, dovresti essere in grado di rispondere usando la tua testa.

Ti ripeto quel che ti ho chiesto, inutilmente, in precedenza.

L'oggetto delle domande è ampiamente documentato su Youtube, dove potrai ascoltare la viva voce del signor trettre dottor (h.c.) Arguello.

Mica vorrai chiamare maldicenze le sue affermazioni?

Ti sto chiedendo la tua opinione di futuro presbitero su situazioni che ti troverai inevitabilmente a dover affrontare.

- Quando sarai ordinato obbedirai alla Chiesa e celebrerai l'Eucaristia come comanda il Messale o obbedirai al signor trettre dottor (h.c.) Arguello e distinguerai comunione e manducazione?

- Quando confesserai come potrai assolvere se il signor trettre dottor (h.c.) Arguello insegna che l'uomo è schiavo del demonio, il maligno è il suo signore e non può non fare il male?
Si è colpevoli solo se si agisce liberamente, ma il signor trettre dottor (h.c.) Arguello dice il contrario.
Perciò non si può essere colpevoli se costretti, quindi non c'è nulla da assolvere.

- Quando saprai di un ossesso che farai? Lo dirai al Vescovo o al signor trettre dottor (h.c.) Arguello, che ha proclamato di fare sempre esorcismi ogni volta che arriva in una città, e di cacciare i diavoli.

- Quando nelle kikatekesi sentirai ripetere che senza assemblea non c'è Eucaristia smentirai i kikatekisti o tacerai?

- Quando al Padre Nostro dei battezzati dovranno proclamarsi figli del demonio lo impedirai e affermerai che con il Battesimo sono diventati figli adottivi di Dio oppure tacerai?

- Quando negli scrutini i kikatekisti violeranno il foro interno dei malcapitati li rimprovererai e li farai smettere? Oppure sei convinto che, come racconta il signor trettre dottor (h.c.) Arguello loro parlano per ispirazione e hanno il discernimento?

p.s. In che Seminario RM sei? In quanti siete?

Lino ha detto...

l'apostata ha detto: "Prova a staccare il risponditore automatico di slogan neocat"

Non può. Gli è stato innestato nell'emisfero sinistro - quello della logica - nel corso dell'operazione di circoncisione del cervello.

l'apostata ha detto...

@ Grato a Dio il baccelliere

Dalla discussione precedente:

"Blogger Grato a Dio ha detto... Grazie Lino, lo so benissimo visto che ho conseguito il baccellerato alla Lateranense; la Pasqua che festeggiava Gesù era certamente ebraica, del resto erano ebrei, ma quello che ha fatto Gesù è stata una rivoluzione; cioè Gesù dice da adesso nella Pasqua non farete più memoria dei prodigi dell'esodo, ma farete memoria di me perché io vi libero dalla morte, e non solo dal faraone. Questa è la nuova alleanza: Cristo morto e risuscitato, ci apre il cielo. Ecco perché scende agli inferi e poi risorge, va ad aprire il cielo!

10 ottobre 2016 09:58 Blogger Grato a Dio ha detto...Ho lasciato alcuni post in questa discussione che fanno presente il mio punto di vista. Sinceramente ora credo che non risponderò più a nessuno e non lascerò più commenti. Lascio detto soltanto che Dio mi ha cercato attraverso il Cammino Neocatecumenale, e la vita nuova che mi ha donato mi genera tanta gratitudine, e leggere tutti questi commenti contro il Cammino mi fa male. Vi saluto, però pensate a ciò che state dicendo, se il Cammino servisse a salvare anche una persona soltanto, penso che già per questo sia prezioso. Vi saluto ancora, pace! 10 ottobre 2016 10:06"


Tante parole, contenuti zero, più l'autoesaltazione del baccellierato. Tipico degli adulti nella fede.

Esimio baccelliere, ma hai proprio tanta paura di rispondere su dati di fatto?

Come farai a vivere il sacerdozio se non hai nemmeno il coraggio di dare un'opinione anonima?

Mah...

p.s. "...se il Cammino servisse a salvare anche una persona soltanto, penso che già per questo sia prezioso..."

Dato che il cosiddetto Cammino ha fatto perdere la fede a tante persone, forse è il caso di andarci piano con la sua presunta preziosità.

sandavi ha detto...

Non è ancora intervenuto nessun neocat a dire che è tutto falso? Questo è un bene, è la conferma incrociata della fonte che ci ha inviato questo resoconto.
Non so se i neocat si rendono conto di che razza di stalinismo è il Cammino.
Nella seconda parte c'è di peggio, ma non voglio rovinare la sorpresa.

La convivenza di inizio corso (obbligatoria, come tutto nel cammino, come ho imparato a mie spese), non è più l'occasione (come si diceva) di pregare e incontrarsi con il Signore Gesù, ma si palesa per quello che è sempre stata, cioè l'occasione di osannare Kiko vostro signore, e lodare le sue impareggiabili opere. Da anni i video sono quanto di più deprimente e scandaloso si possa vedere in termini di idolatria: dieci-quindici minuti di presentazioni della GMG, o dell'incontro delle famiglie, o dell'udienza col Papa, o dell'invio degli itineranti, poi i discorsi di Kiko che arringa le decine di migliaia di persone che lo seguono, poi le interminabili e ridicole processioni con la povera Vergine Santa in testa, sottoposta all'inutile supplizio di venti minuti del Kiko schitarrante.

Kiko, Kiko, Kiko solo Kiko. Voi lo adorate e nemmeno ve ne rendete conto! Vi inchinate, vi costringono a inchinarvi, applaudire ai suoi successi, comprare i suoi libri, ascoltare i suoi canti, bervi le stesse identiche catechesi da 10 anni, sedervi all'Eucarestia come comanda Kiko, confessarvi come comanda Kiko.... è una schiavitù allucinante!

Siete incatenati da lacci e lacciuoli che vi hanno messo addosso uno dopo l'altro, ma non ve ne accorgerete mai finché non cercherete di toglierli. La prima volta che direte "questo no!" sentirete che dolori!

sandavi ha detto...

p.s. .. E i cani... i cani?? ma da dove escono fuori i cani??

osvaldo ha detto...

Sandavi ma che ti frega della convivenza, hai lasciato il cammino perché lo reputi SECONDO TE non cattolico? Ok, fatti la tua strada, lasciaci crogiolare nella ns. acefalia, facci ripetere a pappagallo nella ns . semplicità e ignoranza teologica e teoretica i pronunciamenti degli ultimi 5 Pontefici, le approvazioni ecc. Vivi sereno.

Giuseppe ha detto...

Una'amica di mia moglie, catechista nc, gli ha raccontato che nell'omelia, il sacerdote nc, ha detto che, Gesù Cristo è un vostro nemico. E convenendone, faceva l'esempio di un bambino, che quando non vuole ubbidire, vede nella mammma un nemico. Mi ricorda il modo subdolo, con il quale il serpente, convince Eva a disubbidire a Dio. Apprezzerei un commento chiarificatore.

Giuseppe

Anonimo ha detto...

@Grato a Dio
se il Cammino servisse a salvare anche una persona soltanto, penso che già per questo sia prezioso

...salvare una persona a scapito di quante danneggiate/umiliate/ferite/disgustate?
...vogliamo fare un rapporto persone beneficate/danneggiate? Non ti conviene, sarebbe impietoso.

Sandavi, leggendo questo resoconto (attendo con impazienza la seconda parte), la sintesi è che questa convivenza è una via di mezzo tra un enorme spottone trito e ritrito e a pagamento (per i malcapitati fratelli), ed un gettare le mani avanti...

Etneo

by Tripudio ha detto...

La risposta del fratello Osvaldo delle 12:15 ha lo stesso tono di quella dei demoni infuriati che rispondono al Signore che sta per esorcizzarli: «Che c'entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci!» (Mc 1,24)

Quanto ai pronunciamenti dei Pontefici, cfr. Statuto del Cammino, articolo 13, nota 49, lettera del 1° dicembre 2005: il Cammino «accetterà e seguirà i libri liturgici approvati... senza aggiunte, né omissioni». E invece, la prassi del Cammino non è mai cambiata.

Ecco dunque i principali frutti del Cammino Neocatecumenale: la menzogna e l'inganno.

Anonimo ha detto...

@Sandavi
grazie per quello che hai scritto nell'ultimo post,
rispecchia in pieno il mio pensiero.
Grazie ancora.

@osvaldo
passatemi il termine un pò colorito, sei un emerito IMBECILLE.
Vivi sereno pure tu.

l'apostata ha detto...

OSVALDO E' L'IGNOBILE BACCALASINO -QUELLO DELLA TOCCATINA- LASCIATELO PERDERE

osvaldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Lino ha detto...

Anonimo osvaldo ha detto... "lasciaci crogiolare nella ns. acefalia, facci ripetere a pappagallo nella ns. semplicità e ignoranza teologica e teoretica..."

Messa così, è assolutamente sbagliato. Sandavi è cattolico praticante. Pratica, quindi, l'opera di misericordia spirituale "insegnare agli ignoranti".

Anonimo ha detto...

@Osvaldo

La cosa buffa è che vi prodigate tanto per avere l'approvazione di chiunque. Se sei stato approvato dal Papa e tanto ti basta, che ti frega che qualcuno possa pensarla diversamente da te sul CNC? Per tua informazione il CNC non è un dogma, quindi chi dissente è comunque in comunione con la Chiesa.
Stai sereno e continua a credere alle pacche sulle spalle che i Papi hanno dato a Kiko complimentandosi con lui (come ci raccontano da 50 anni). Oppure chiediti quali punti della tua coscienza vengono toccati dai FATTI QUI DESCRITTI, e perché ne vengono toccati.

L'autore della lettera

Pax ha detto...

Se qualcuno si è "salvato" è perchè Dio lo ha preservato, nonostante le eresie, guardando alla retta intenzione del suo cuore e perchè, sempre grazie a Dio, il Signore è Lui solo!
Quelli che assumono in pieno lo "spirito del Cammino" hanno tutti grossi problemi che provocano disastri nella loro vita e, purtroppo, devastano la vita degli altri, soprattutto se si tratta di catechisti che seguono in tutto le orme tracciate dall'iniziatore i cui mantra, ossessivamente ripetuti, sono sempre gli stessi.

Qualche esempio, e parlo per decennale esperienza diretta:
"Tu non mi obbedisci a me?"
"Che schifo di uomo saresti senza il Cammino? Cosa sei tu fuori di qua?"
"Devi obbedire senza pensare perchè il tuo cervello è la tua idolatria!"
"Attraverso l'obbedienza a me tu fai la Volontà di Dio!... E vedi come Dio ti benedice!... se no tutta la benedizione diventa maledizione..!"
"Il tuo cervello, come tuo Isacco, lo devi portare al Moria, se no non puoi stare qua!" Eccetera.
Non so tu che esperienza hai.... la mia è direttamente con Kiko.
Mi portarono da lui convinti che mi sarei piegato.... fu lì che compresi che le storture non erano maturate nel tempo, chi sa dove e come, ma che erano strutturali e funzionali al sistema e avevano un solo "padre" Kiko stesso, grande e sublime esempio da imitare!
Mistificatore colossale.
Mi fermo qui.....

sandavi ha detto...

E il bello è che io non so nulla di teologia, di teoretica, di filosofia o di tomistica.
Siccome voi non sapete distinguere teologia da catechismo accusate chiunque vi sbugiarda di "fare il teologo".

Ieri sera mio figlio mi ha sciorinato una lezione in due frasi sulla natura del male e su cosa significasse il male per la sua vita, da lasciarmi a bocca aperta. Prima comunione. Aveva capito lui tanto quanto me, dopo solo due anni di catechismo.

sandavi ha detto...

@Osvaldo

"...perché lo reputi SECONDO TE non cattolico?"

Eh no, troppo facile. "Secondo me" non esiste, secondo il Catechismo, invece si.
E secondo il catechismo le scemenze che vomitate da cinquant'anni non sono cattoliche.

Sai dirmi Osvaldo perché dopo un anno dalle catechesi si faceva un ritiro di due giorni detto "convivenza del Bonhoeffer"? Ah mai tu sei acefalo, quindi sei un contenitore vuoto che si può riempire alternativamente con miele, vino, acqua o merda e per te è uguale, tanto sei solo un contenitore e il contenitore al massimo da la forma al contenuto ma non ne ha conoscenza.

Sai dirmi Osvaldo perché la Congregazione per la Dottrina della Fede con a capo Raztinger vi ha tagliato le catechesi già nel 1999 togliendo di sana pianta le parti eretiche?

Ma a questo ci arriveremo, caro Osvaldo, abbiamo pronto un bel siluro da 10 megatoni, il cui botto speriamo vi svegli dalla vostra acefalia.

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

@ Sandavi sul 1999

:-)
Ne dubito: questi non si sveglieranno nemmeno quando suoneranno le trombe dell'Apocalisse.

Anonimo ha detto...

se la chiesa papa francesco si pronunciasse io troverei finalmente pace

Anonimo ha detto...

@Pax

"Cosa sei tu fuori di qua?"
Sono fatti con lo stampino... Ti racconto una cosa successami quest'anno, subito prima dell'estate: causa problemi molto, MA MOLTO seri con la comunità della quale faccio parte da oltre 20 anni e vista la confusione esistenziale in cui ero e la profonda divisione che avvertivo in coscienza, mi sono rivolta a una psicoterapista (CNC ovviamente, perché ancora confidavo che ci fosse qualcuno interiormente libero), con la quale il confronto è stato anche interessante e su certi punti ne ho tratto un beneficio (soprattutto per la mia pace mentale), solo che quando ho messo in discussione la mia appartenenza al CNC mi ha detto: "E dove andrai senza comunità? Che farai? Così viene meno tutta la tua struttura, rischi la schizofrenia"...consigliandomi quindi il colloquio con lo psichiatria per la prescrizione di antidepressivi, con la motivazione "Non ti vedo bene. Fai anche una vita normale: lavori, esci con gli amici... Ma ti vedo senza vita." Tornando a casa ho realizzato quello che mi aveva detto, e ovviamente non mi ha più rivisto.

L'autore della lettera

Anonimo ha detto...

Riguardo alla "dialettica interna" cioé parlare dei problemi CNC all'interno del CNC, è ben noto che non è possibile avere o suscitare dubbi su NULLA altrimenti si passa i critici del Cammino, che non credono che quello che fa Kiko proviene dal Signore ecc ecc. Perciò se ci sono voci discordanti, non ci si interroga ma si azzittisce (ma non fanno così le dittature?).

Riporto quando detto alla convivenza di Inizio Corso del 2013.

«Kiko:
Mi dice P. Mario che alcuni gruppi di preparazione al matrimonio introducono cose nuove senza il nostro consenso. Non potete inventare nulla, dovete dare quello che avete ricevuto, sarebbe catastrofico se un gruppetto inventa qualche cosa perché quello che vi abbiamo dato siamo sicuri che è stato dato dal Signore. Ma se lo inventate voi… nel Cammino non si può inventare nulla senza il consenso nostro. Se un’equipe domanda: “Possiamo fare quella catechesi sulle tradizioni ebraiche che hai fatto una volta?” e diciamo di sì, lo potete fare. Se dico di no, non lo potete fare perché nella Chiesa non si può fare nulla senza comunione.
[...]
P. Mario:
Non parlo solo di questo caso. Ho sentito anche di alcuni parroci o presbiteri che pensano che le catechesi che abbiamo dato noi sono superate e bisogna migliorarle, aggiornarle. Questo mi è stato riferito.
Kiko:
Questo è sempre un errore. Ho visto i Cursillos de Cristiandad rovinati per questo, perché dicevano che le prime catechesi che davano i Cursillos erano superate e hanno cominciato a cambiarle, e alla fine non si riconosceva più nulla. Anche per noi una sofferenza grande è stata sentir dire che le catechesi da noi date non erano attuali per i giovani, erano superate. Con questa scusa cambiano le catechesi, aggiungono delle cose, inventano cose, e tutto si distrugge. Non si può cambiare nulla. Le nostre catechesi sono state esaminate dalla Dottrina della Fede, parola per parola, e pensiamo che siano ispirate dal Signore per i frutti che vediamo. Ma sempre c’è qualcuno più intelligente che dice: “Ah, questo già non va! Guarda qui, Kiko pone l’esempio di Sofia Loren …”. E con quella stupidaggine… i nomi che usiamo erano di quel tempo? Va bene, anche i Vangeli parlano di Caifa che è morto da tanto tempo! Non vi lasciate ingannare, potete rovinare un’opera così grande per stupidaggini. Questo di insinuare che il Cammino non serviva più per i giovani e che bisognava cambiare le catechesi ci ha fatto soffrire, anche perché non è vero per nulla.»

cncspy

Anonimo ha detto...

è possibile che una adepta del cammino che inizia una storia d'amore fuori del cammino stesso venga fatta corteggiare da altri adepti di altre comunità, per allontanarla dalla persona che lei crede giusta per lei? perche , sabato sera quando è tornata dalla chiesa mi ha detto che c'era uno di un altra comunità che la corteggiava. cosa devo fare? cercare di allontanarla o nonostante io l' ami con tutto il mio cuore è meglio che la lascio al suo cammino? grazie

Anonimo ha detto...

Forse te lo sei perso

psyco ha detto...

............
....è imbarazzante per i genitori vedere i loro figli fare i capricci in pubblico. Ma quando vedi 4 adulti farlo è perchè non l'hanno avuta vinta, ed è comico, pietoso e delizioso.

Questi 4 soggetti sono i neocatecumenali del Cemetery Board che sono stati licenziati venerdì scorso perchè hanno rifiutato di rassegnare le dimissioni dopo che era stato loro chiesto due volte, perchè avevano fatto una denuncia senza essere autorizzati dal proprietario del cimitero, e per essere stati disubbidienti e ribelli. Ora tengono il broncio e strepitano e annunciano una conferenza stampa per lamentarsi di monsignor James, e per dire che si erano dimessi. OOPS!!!!! Troppo tardi!! In verità siete stati licenziati. Che spettacolo triste e sacrilego !!!

http://www.junglewatch.info/2016/10/four-kids-throwing-tantrum-jacqueline.html

ma ancora più triste e sacrilego.... è il fatto che da mesi APURON SI NASCONDE NEL SEMINARIO R.M. DI GUAM..... dove mangia canta e balla coi kikos.....sotto controllo del suo '''''catechista'''''' n.c. sammut.... ecco perchè non vogliono fare entrare nessuno...............

Padre Urbano ha detto...

Spesso vi rivolgete ai NC in buona fede, cosi' li chiamate, e gli dite di aprire gli occhi sulle storture del cammino etc. Ora, io non vi conosco ma presumo che siate persone di un certo livello culturale e di conseguenza la domanda nasce spontanea: come potete postare certe argomentazioni cosi' stupide ( vedi l'intervento delle 17:27) ed altre che ritengo a livello a scuola materna. Come puo' il gestore del blog riempire pagine sui fatti di Guam e non ascoltare in televisione, quotidianamente, quanti sacerdoti sono invischiati in situazioni poco piacevoli. Capisco che abbiate dei pregiudizi contro i NC pero' usare lo stesso metro di giudizio e' sintomo di lealta' e correttezza.Padre Urbano

Anonimo ha detto...

scusate anche se ho visto che questo è un blog dedicato al c.n. si è parlato anche del film sui testimoni di geova

il film To verdener ("Worlds apart") sottotitolato in italiano è visualizzabile sul portale Dairy Motion (prima parte e seconda parte)

fra un mese il 10 novembre è in arrivo un film italiano con attori italiani La ragazza del mondo (scheda sul portale Mymovies)

Anonimo ha detto...

io ho fatto solo una domanda, forse stupida chi lo sa, e sicuramente non ho il suo livello di istruzione però quando sento un prete del cammino dire che se non vogliamo essere perseguitati dovremmo cambiare religione, perche noi cattolici dobbiamo essere perseguitati, sono felice di essere stupido e si tenga pure questa setta di esaltati io divento ateo

by Tripudio ha detto...

Il Padre Urbano è in realtà il Cugino Campagnolo Pasqualone che, essendo neocatecumenale, crede che l'esistenza di preti immorali fuori dal Cammino giustifichi l'esistenza di presbiteri neocatecumenali immorali e scandalosi, e che addirittura assolva automaticamente i peccati di questi ultimi (come per esempio nel caso del vescovo pedofilo neocatecumenale).

Al commento delle 17:27 bisogna anzitutto rispondere che il Cammino, essendo una setta, sottilmente impone ai propri membri di sposarsi solo tra aderenti alla stessa setta, oppure di coinvolgere il fidanzato o la fidanzata nel Cammino, col sottinteso che "se non entri nella setta ti lascio". Anche quando apparentemente ti lasciano "libertà", stanno in realtà cuocendoti a fuoco lento: quando il cappio al tuo collo sarà abbastanza stretto, cominceranno a tirare la corda e ad «aiutarti a capire» che devi tassativamente far entrare fidanzata/moglie o marito/fidanzato in comunità (cfr. ad esempio l'articolo: «Ohibò, la missione in casa»).

Questa dinamica, tipica di ogni setta, è perfettamente rappresentata da film come To Verdener, sopra citato, e - a quanto si legge nella recensione su My Movies (grazie per la segnalazione!) - anche dal film italiano (con attori italiani) La ragazza del mondo.

Per una setta è intollerabile che qualcuno dei membri abbia la possibilità - attraverso un fidanzamento, un matrimonio, o anche semplice giro di amicizie - di confrontarsi con qualcuno esterno alla setta.

La setta (neocat, testimoni di geova, ecc.) vive imponendoti ogni giorno cosa credere, cosa fare, quali affetti devi coltivare, ecc., proibendoti tutto il resto. La possibilità di confrontare, di riflettere, di verificare personalmente, fa cadere tutto il castello di panzane che la setta impone ai suoi adepti - nel film To verdener, per esempio, la protagonista si accorge che le bislacche elucubrazioni bibliche della sua setta sono contraddette dalla sua stessa esperienza: ma guai a dirlo in comunità! i più "addentro" nella setta hanno quel ghigno serioso e diabolico perennemente stampato in faccia, cercando di incastrare i tuoi affetti, le tue attitudini, la tua libertà, dentro una stretta serie di schemi precostituiti.

Intanto suggerisco la lettura dell'articolo: «fidanzato neocatecumenale? guai in vista!» e degli articoli da lì collegati.

Giuseppe ha detto...

Scusate, ma le cose che sto scoprendo, grazie a questo blog, superano veramente, di gran lunga i motivi seppur gravi, per cui me ne sono uscito.Questa poi è pazzesca. In blog precedente vedo la Foto di Kiko con le braccia conserte e la didascalia, "in atteggiamento di sfida:Comunione "a braccia conserte",espressione di fastidio e noia
nei confronti di Benedetto XVI(a scapito del Santissimo!" I catechisti, ci dicevano che in celebrazione non dovevamo mai incrociare le braccia, mai! E adesso scoprire che Kiko incrocia le braccia addirittura davanti a Gesù Eucaristico è incredibile!!!
Giuseppe

Anonimo ha detto...

Caro padre Urbano mi permetto di risponderle. Non si nutrono pregiudizi sul CNC, si riportano dei fatti. Nessuno dice "la torta al cioccolato non la mangio perché mi farà sicuramente venire il mal di pancia", si dice "la torta al cioccolato non la mango più perché l'ho mangiata e mi sono sentito male", anche se ad altri 99 non ha fatto male. Quindi non è un pregiudizio. Circa il fatto di citare solo Guam: se lei legge il titolo del blog, ne può dedurre senza fraintendimenti lo scopo. Se pubblico un libro di dolci al coccolato per mia scelta, non sono in obbligo a dire per par condicio che "anche la marmellata però mica è male"; altrimenti avrei scritto un libro di dolci generico. Sugli interventi da scuola materna, non saprei che dirle: non sono un amministratore del blog, ma come dice lei "siete persone anche di un certo livello culturale", e alla luce di questo può spiegarmi che senso avrebbe censurarli? Chi legge magari può distinguere su cosa soffermarsi e cosa lasciar correre.

L'autore della lettera

by Tripudio ha detto...

A Giuseppe suggerisco le foto della pagina: Il gesto del gorilla

Giuseppe ha detto...

Ho visto le foto, ma mi puoi spiegare, perchè a noi ci dicevano di non mettere le braccia incrociate e poi loro fanno al contrario?

Giuseppe ha detto...

Ho visto le foto, ma mi puoi spiegare, perchè a noi ci dicevano di non mettere le braccia incrociate e poi loro fanno al contrario?

Roberto ha detto...

Ciao, questo sito é ricchissimo di informazioni. In dieci anni ci sono oltre 1500 articoli e decine di migliaia di commenti.
penso che sarebbe fantastico aiutare i lettori che arrivano qui per la prima volta selezionando i 5-10 articoli più significativi sui diversi temi. Ad esempio i temi potrebbero essere:
1. Il cammino NC spiegato a chi non ne sa nulla
2. Se sei un kikos dubbioso leggi qui
3. Le eresie del cammino
4. I richiami del papa e dei vescovi
5. I reati del cammino
...
Si potrebbero creare delle sezioni come quella "post in evidenza" che c'è già. In questo modo sarebbe più semplice orientarsi per chi arriva qui, per chi ha un parente/amico nel cammino, per i kikos con dubbi, etc. I contenuti del sito sarebbero ancora più fruibili ed efficaci.
Ad ogni modo, grazie per questo sito. Mi ha fatto capire molto sulla setta nella quale é finito un mio amico.

by Tripudio ha detto...

Ahimé, è vero, ed è anche il motivo dell'abbondanza di link cliccabili (quelli come questo). Senza contare i numerosi libri in tema.

Giuseppe, dovresti leggere La fattoria degli animali, di Orwell: in ogni setta prima ti danno una legge, poi i capi la infrangono, e subito dopo viene comandato agli adepti di fare altrettanto. All'inizio devono ripetere lo slogan: «quattro zampe buono, due zampe cattivo!», e più in là sono costretti a recitare invece: «quattro zampe buono, due zampe meglio!».

Anche se ci sono dei punti fermissimi nel Cammino (come la carnevalata liturgica del sabato sera), intoccabili perfino a costo di disubbidire al Papa, altre cose vanno e vengono a seconda dell'ùzzolo di Kiko (e fino a poco tempo fa, della Carmen).

Quindi è perfettamente normale che Kiko si presenti di fronte a Benedetto XVI con le braccia conserte (in segno di ribellione e di sfida), e il giorno dopo tutti i suoi fedelissimi improvvisamente accettino come normale, consigliabile, addirittura obbligatorio "il gesto del gorilla" - come quei poveri pretini che sfilavano a piazza Plebiscito.

Con l'elezione di papa Bergoglio, notoriamente poco sensibile alla liturgia, Kiko si era leccato i baffi: «questo vuol dire qualche cosa!» gridava notando che dalla cappella Sistina, per la prima messa di papa Francesco, era stato allestito un tavolinetto a mo' di altare ed erano stati fatti sparire gli inginocchiatoi.

Senonché papa Bergoglio ha deciso di ridimensionare il Cammino e di farlo alla maniera gesuitica - cioè senza farlo notare, apparentemene lodandolo, ma erodendone la struttura dall'interno, a poco a poco, proprio in questi anni che il Cammino continua a perdere pezzi (intere famiglie lasciano il Cammino, mentre il reclutamento di nuovi adepti dalle parrocchie si scontra con fedeli già informati e poco propensi a subire la parlantina neocatecumenale).

Roberto ha detto...

@Tripudio
In che modo Papa Bergoglio sta ridimensionato il cammino?

Anonimo ha detto...

@ Anonimo delle 17:27

A volte le ragazze neocatecumenali fanno così per fare ingelosire il proprio ragazzo che non fa il Cammino con loro e costringerlo a farne parte (seguirla in tutto per starle vicino... e quindi "controllarla").
Non cadere in questa trappola. Tra un paio di settimane in molte Parrocchie inizieranno nuovamente le "Catechesi iniziali", e vuoi scommettere che ti inviterà ad andarci? Tu resisti... e non ci andare. Però, per onestà, ti devo dire che forse potrebbe arrabbiarsi molto di fronte al tuo rifiuto, perché sicuramente avrà paura della figuraccia che farebbe nei confronti dei catechisti e dei genitori neocatecumenali.

Marco

Valentina Giusti ha detto...

Ad Anonimo delle 17.27 che chiede
"cosa devo fare? cercare di allontanarla o nonostante io l' ami con tutto il mio cuore è meglio che la lascio al suo cammino?"
rispondo che, se ne è in grado, cerchi di allontanare la sua ragazza dal cammino, magari proponendole di andare a messa anche tutti i giorni (ma in una parrocchia senza cammino, mi raccomando).
So che hai paura di perderla ma, se la lasci lì, l'hai già perduta.

sandavi ha detto...

Roberto ci sono dei link nella home page in basso a sinistra che possono aiutarti in questo compito di riassunto per neofiti

Anonimo ha detto...

Buonasera a tutti gli amici lettori. Sono appena rientrato dalla convivenza di inizio corso. Premetto sono alla redditio symboli in una comunità Calabrese. Non ho mai visto una convivenza simile. Un tripudio in fase di solennità a Carmen e Kikio. Personalmente molto deluso da quanto visto in questi giorni. Un merito all'onnipotenza o pseudo tale. Ho deciso grazie aquesta convivenza di scappare immediatamente da questa follia che mi ha offuscato il cerbello per 20 anni

Sheila Quattrocchi ha detto...

u curtigghiu pippo

Anonimo ha detto...

Sono Adriana, a poco servirà mettere il nome poichè, visto che sono una campana che ti suona contro, il commento non verrà pubblicato. Cmq giusto per dire la mia anche se solo a te censore. Ti leggevo prima della mia conversione a Dio e, nonostante ciò, sono cmq entrata nel Cammino e ne sono contenta. Il Cammino da la possibilità a molte persone, ai così detti lontani, che mai entrerebbero in Chiesa dalla porta principale perché nessuno va da loro a chiamarli nessuno gli annuncia la buona notizia, di conoscere il progetto di salvezza Dio.
Il cammino ti da la possibilità di confrontarti con te stesso e di vedere, toccare e parlare col tuo prossimo che per tanti è semplicemente la gente che li circonda e con la quale non ha mai nessun contatto, il Cammino ti permette di entrare in chiesa e sederti in quei banchi dove puoi adorare Dio partecipare alla Santa Eucarestia, chiedere perdono per i peccati e riconciliarti con Dio. Quello che non capisco è la ragione del vostro esistere. Combattete con tanta tenacia il Cammino ma perchè? a che pro? Se tu sei uno che crede in Dio, parla di Dio! catechizza, portando la Parola di Dio senza screditare chi, in un modo o nell'altro, porta la buona notizia agli altri come ci ha suggerito Gesù. Mi sembrate un partito politico che per aver ragione scredita il programma dell'avversario senza cmq portare un vostro valido programma.
Provate a parlare di Gesù, parlate del Cristo Risorto, parlate della vita eterna che ci ha promesso il Cristo morendo per noi, parlate delle beatitudini, parlate dell'amore al nemico ...Amore, Gesù è AMORE e dal vostro blog traspare solo odio.
Dio vi benedica e La pace di Gesù Cristo sia con tutti voi.

by Tripudio ha detto...

Di solito è solo il Pasqualone a dichiarare in quasi ogni sua deiezione che «tanto non verrà pubblicato".

Il nome nella firma è per evitare che metà della discussione consista in termini come "l'anonimo delle 15:45, che non è l'anonimo delle 10:32, diceva invece che".

Adriana afferma di essere «contenta» di essere entrata nel Cammino. Ma non ci risulta che Nostro Signore abbia detto che la fede consiste nell'essere «contenti» di entrare in qualche club.

I primi fatti concreti e verificabili (e sottolineo: verificabili) del Cammino sono le carnevalate liturgiche (proibite esplicitamente dallo stesso Statuto del Cammino: vedi articolo 13, nota 49, lettera della Congregazione e discorso di conferma del Papa), e l'insegnamento di ambiguità e vere e proprie eresie (si prenda ad esempio Kiko Argüello che va dicendo che la confessione dei peccati mortali sarebbe facoltativa e rinviabile a piacere).

Questo significa che per i capibastone del Cammino Nostro Signore avrebbe scherzato a comandare la liturgia («fate questo in memoria di Me»), avrebbe perso tempo ad insegnare con autorità la vera dottrina («le Mie parole non passeranno»), e che la Chiesa gerarchica (più i suoi santi) lungo venti secoli avrebbe sbagliato a prenderLo sul serio.

E di fronte a questo l'Adriana cosa fa? Accusa il sottoscritto di essere (udite, udite!) «censore».

Il sottoscritto è un emerito signor nessuno, che si è ritrovato suo malgrado a gestire (in senso di impaginazione, correzione di bozze, moderazione commenti) questo blog. Sottolineo «suo malgrado», perché la cosa mi costa tempo e pazienza e un'infinità di insulti, minacce, calunnie da parte dei neocatecumenali. Se sembro così presente sul blog è perché tutti i miei aggeggi informatici - smartphone, tablet, computer - hanno una finestra aperta su questo blog. E lo faccio volentieri perché il gettar luce sugli errori del Cammino riguarda come minimo le prime tre opere di misericordia spirituale:
1) consigliare i dubbiosi;
2) insegnare agli ignoranti;
3) ammonire i peccatori.

Adriana dice che «il Cammino dà la possibilità a molte persone, ai così detti lontani»... Ma questa è - con rispetto parlando - una cagata pazzesca.

Il Cammino propugna errori liturgici e dottrinali. Sarebbe come dire che i "lontani" devono essere spiritualmente nutriti con del veleno. Errore per errore, i "lontani" potrebbero benissimo andarsene dai protestanti e dai testimoni di geova: anche loro "danno la possibilità", anche loro "leggono la Bibbia" con fervore, anche loro "pregano" in comunità, anche loro "cantano le lodi al Signore", anche loro riconoscono Dio che li salva... Il Cammino è una spiritualità inquinata e il buon cuore dei singoli membri (elogiato da più Pontefici) fino ad oggi non è servito a eliminare minimamente quell'inquinamento.

Quanto al Cammino che «ti dà la possibilità di confrontarti con te stesso» e bla bla bla, essendo partito col piede sbagliato (cioè con le pagliacciate liturgiche e gli strafalcioni dottrinali), tutte quelle "possibilità" sono inutili.

Finché il Cammino non rinnegherà i suoi errori liturgici e dottrinali, questo blog avrà ancora motivo di esistere.

Quando il Cammino eliminerà le cosiddette "catechesi" di Kiko e Carmen (zeppe di errori e ambiguità nonostante le "correzioni", correzioni peraltro mai veramente messe in atto), ed eliminerà le aberrazioni liturgiche per tornare a celebrare la liturgia valida per tutta la Chiesa, allora questo blog diverrà inutile e superato.

Anonimo ha detto...

Si possono vedere i video che sono stati trasmessi durante l'ultima convivenza?