lunedì 18 febbraio 2008

Card Ratzinger sulla Liturgia, 23 Giugno 2003

Pubblichiamo una lettera dell'allora card. Ratzinger
Caro dottor Barth,
la ringrazio cordialmente per la sua lettera del 6 aprile cui trovo il tempo di rispondere solo ora. Lei mi chiede di attivarmi per una più ampia disponibilità del rito romano antico. In effetti, lei sa da sé che non sono sordo a tale richiesta. Nel contempo, il mio lavoro a favore di questa causa è ben noto.
Al quesito se la Santa Sede «riammetterà l’antico rito ovunque e senza restrizioni», come lei desidera e ha udito mormorare, non si può rispondere semplicemente o fornire conferma senza qualche fatica. È ancora troppo grande l’avversione di molti cattolici, insinuata in essi per molti anni, contro la liturgia tradizionale che con sdegno chiamano «preconciliare». E si dovrebbe fare i conti con la considerevole resistenza da parte di molti vescovi contro una riammissione generale.
Diverso è tuttavia pensare a una riammissione limitata. La stessa domanda verso l’antica liturgia è limitata.
So che il suo valore, naturalmente, non dipende dalla domanda nei suoi confronti, ma la questione del numero di sacerdoti e laici interessati, ciononostante, gioca un certo ruolo. Oltre a ciò, una tale misura, a soli 30 anni dalla riforma liturgica di Paolo VI, può essere attuata solo per gradi. Qualunque ulteriore fretta non sarebbe di sicuro buona cosa.
Credo tuttavia, che a lungo termine la Chiesa romana deve avere di nuovo un solo rito romano. L’esistenza di due riti ufficiali per I vescovi e per i preti è difficile da «gestire» in pratica. Il rito romano del futuro dovrebbe essere uno solo, celebrato in latino o in vernacolo, ma completamente nella tradizione del rito che è stato tramandato. Esso potrebbe assumere qualche elemento nuovo che si è sperimentato valido, come le nuove feste, alcuni nuovi prefazi della Messa, un lezionario esteso – più scelta di prima, ma non troppa –, una «oratio fidelium», cioè una litania fissa di intercessioni che segue gli Oremus prima dell’offertorio dove aveva prima la sua collocazione.
Caro dott. Barth, se lei si impegnerà a lavorare per la causa della liturgia in questa maniera», sicuramente non si troverà solo, e preparerà «l’opinione pubblica ecclesiale» a eventuali misure in favore di un uso esteso dei libri liturgici di prima. Tuttavia bisogna essere attenti a non risvegliare aspettative troppo alte o massimali tra i fedeli tradizionali.
Colgo l’occasione per ringraziarla del suo apprezzabile impegno per la liturgia della Chiesa romana nei suoi libri e nelle sue lezioni, anche se qua e là desidererei ancora più carità e comprensione verso il magistero del papa e dei vescovi. Possa il seme da lei seminato germinare e portare molto frutto per la rinnovata vita della Chiesa la cui «sorgente e culmine», davvero il suo vero cuore, è e deve rimanere la liturgia.
Con piacere le impartisco la benedizione che lei ha domandato. Saluti sinceri.
+ Joseph Cardinal Ratzinger

53 commenti:

Seby ha detto...

Mi pare che il pensiero del Sommo Pontefice circa la liturgia sia chiaro e mi sembra opposta alla liturgia del CNC. E poi, non sono proprio loro che fanno netta distinzione e che dicono che il Concilio Vaticano II fu un concilio di rottura?
Cominciamo da qui...

stephanos78 ha detto...

Questa lettera è indicativa dei sentimenti del Santo Padre e della Sua Fedeltà Adamantina alla Madre Chiesa Millenaria!
E' anche sostegno per quanti come me sono convinti che il NOM necessiti di una Riforma ulteriore in senso "granitico", dogmatico... In realtà si dovrebbe ripristinare il Rito di Sempre!
Ma soprattutto che qualche problema, evidentemente, questo Post-Concilio l'ha creato.

Una frase del Santo Padre potrebbe essere strumentalizzata da chi ha malizia: riguardo appunto l' "arricchimento"... Certamente è inteso relativamente al ritorno del NOM a certi fondamenti dogmatici imprescindibili! Non certo a chissà quali "altri arricchimenti"!

stephanos78 ha detto...

Tra l'altro faccio una domanda: senza certo discutere la validità del NOM, c'è qualcuno che sa dirmi in quale Direttiva del Concilio è presente la richiesta di creare un NOM?????? IO NON L'HO TROVATA!

mic ha detto...

Non l'hai trovata perché NON C'E'!

Quello che mi preoccupa è che potrebbe capitare come all'epoca di Poletti che, per far entrare i neocat a fare due riti separati per le ordinazioni diaconali in S. Giovanni in Laterano (la loro 'mensa' posticcia non è stata montata solo da quest'anno!!) fece approvare per tutta la Chiesa la "Comunione sulla mano" e, probabilmente dette loro ufficiosamente o non so come l'autorizzazione a fare il loro rito 'separato' in S. Giovanni, permesso fino a novembre scorso da Ruini. Possiamo dire, in barba a quanto emanato dal Papa con la lettera del card Arinze?

Scusate se la confusione è poca(!) e se non ci accorgeremo, tra breve, di essere noi quelli che sono fuori dalla Chiesa che è già quella nuova, quella loro, che però non è prefigurata nemmeno in nessuno dei pur ambigui documenti del concilio che tanto sbandierano!

E' la nuova prassi 'del fatto compiuto' che diventa norma per tutti se e finché nessuno dice basta!!!!

E sembra almeno fino ad oggi che non si trovi nessuno che sia disposto a dirlo!!!

Noi siamo qui a parlare e loro agiscono

mic ha detto...

Comunque quello che dice il Papa nella lettera di apertura è lontano le mille miglia dagli abusi cui ci hanno abituato.
Se aveva questi pensieri da cardinale, ora avrà aggiustato ancor meglio il tiro...

mic ha detto...

Mi preoccupa il silenzio dei nostri Livio, Guglielmo... perché, potrebbero tacere dato che è vera l'approvazione 'ufficiosa' dei loro statuti, che ovviamente loro non hanno nessun interesse a rendere ufficiale perché ci saranno scritte cose che certamente non possono rimangiarsi le precedenti direttive, ma che all'esterno non si devono conoscere, altrimenti non possono continuare a fare quello che vogliono... o no?

Del resto anche la lettera del card Arinze, se non la pubblicava (per sbaglio?) Tornielli, chi la conosceva?

stephanos78 ha detto...

Secondo me a prescindere dalla veridicità dell'approvazione o meno, è un periodo di grande concitazione...

lara ha detto...

"In effetti, lei sa da sé che non sono sordo a tale richiesta. ...Nel contempo, il mio lavoro a favore di questa causa è ben noto. ...non si può rispondere semplicemente o fornire conferma senza qualche fatica....Qualunque ulteriore fretta non sarebbe di sicuro buona cosa. ...Credo tuttavia, che a lungo termine la Chiesa romana deve avere di nuovo un solo rito romano. L’esistenza di due riti ufficiali per I vescovi e per i preti è difficile da «gestire» in pratica. Possa il seme da lei seminato germinare e portare molto frutto per la rinnovata vita della Chiesa la cui «sorgente e culmine», davvero il suo vero cuore, è e deve rimanere la liturgia."

Una lettera dalla quale vengono fuori i grandi valori che determinano le caratteristiche della figura di Benedetto XVI, che non solo non è sordo, ma dimostra il suo incessante impegno per la chiesa, che oltre ad avere su di sè il discernimento, insieme al dono della pazienza e perseveranza porta avanti un arduo lavoro che si protrae da tempo, e ora incominciano ad essere frutti .

Con la sua particolare attenzione sulla universalità della Chiesa attraverso la liturgia, come può far mai capire ai ribelli di essa che dicono "il Papa è con noi"?

Se vediamo che già all'epoca il Santo Padre è contrario ai due riti 'ufficiali' esistenti, volendo loro unificare ... può mai "approvare" un terzo e questo in più "non ufficiale"?

La logica, coerenza, amore, e responsabilità della sua missione, chiaramente dice di NO.

Anonimo ha detto...

le ragioni "politiche" e e la massoneria pero' cosa dicono?

lara ha detto...

Prendo da Petrus :

"Il Papa dice stop alla ‘Fabbrica dei Santi’: regole più severe per le Cause di beatificazione e canonizzazione"

Questo mi fa ricordare ad alcuni anni fa, quando dentro la 'tenda nc' in uno dei megaraduni si è parlato di alcuni 'presbiteri' (e non) martiri, i primi martiri del cn, e chissà in futuro ...

Fratelli nc, non so se ancora si fa girare questa voce, però vi dico che anche questo è una penosa strumentalizzazione.

Lara ha detto...

!le ragioni "politiche" e e la massoneria pero' cosa dicono?"

Lascia aperta una contraria possibilità, ma non che prevarranno!

per malachites ha detto...

Per malachites (potresti tradurre per favore?):
Da un forum spagnolo:

"Para ellos es la prueba de que no son una secta, porque reciben apoyo del Vaticano. Pero el Vaticano tambien apoyo guerras, dictaduras y barbaries y tuvo que pedir perdon por ello, asi que espero que en un futuro no muy lejano tambien reconozcan que fue un error apoyar esta secta.

Y volviendo a los estatutos les cuento que fueron aprobados el 5 de febrero y que se va a hacer un acto o convivencia para celebrarlo y distribuirlos. Pero el problema es que va a haber ciertos retoques a algunos ritos, incluyendo la eucaristia, que no quieren comentar de momento. Tambien decir que algo he oido de que el CNC va a apoyar una accion legal contra la nueva asignatura de ciudadania, de momento es un rumor que ya les confirmare.

Un saludo a todos

livio ha detto...

Sulla liturgia il cardinale Ratzinger ha dovuto verificare, da Papa, l'esistenza di una cordata eterogenea di prelati e porporati accomunati dal rifiuto più o meno esplicito delle sue direttive.

L'ho scritto e riscritto più volte: la conseguenza più devastante del clima riformista post-conciliare è stata la distruzione del principio di autorità, il fatto che a fianco della morte di Dio proclamata dagli atei marxisti nella società secolare si sia affermata una morte del 'padre' all'interno della Chiesa, inteso come gerarchia, tradizione, autorità.

Che in tale obbrobrio sia incorso un movimento laico spurio, eclettico e transreligioso come quello neocatecumenale, è comprensibile, considerate le premesse ambigue e fallaci.
Ma che in esso siano incappati ministri della Chiesa ad ogni livello, è incomprensibile ed inaccettabile, se non alla luce di un corrompimento collettivo degli intelletti.

I modernisti-manager in tonaca, anzi in clergymen, hanno confuso chiesa e società, si sono convinti che le istanze di cambiamento, di svecchiamento, di riforma drastica e radicale potessero accomunare i due àmbiti.

Del tutto dimentichi che se varie questioni della vita di fede sono suscettibili di analisi e discussioni, vi sono princìpi-cardine intangibili perchè mettervi mano significa distruggere i fondamenti della fede stessa.

Il principio di obbedienza all'autorità del Papa è il fulcro di questi fondamenti intangibili.
Invece, l'ideologia equivoca ed erronea spacciata ed imposta dalla mentalità modernista-riformista ha messo tutto in discussione.
I frutti di quella mentalità li teniamo sotto gli occhi: vescovi che disattendono le direttive papali, cardinali che professano interpretazioni antagoniste a quelle del Papa veicolandole perfino sui mass-media, sacerdoti egocentrici che annunciano il proprio adulterio sotto i riflettori mediatici e pretendono pure di regolarizzarlo continuando ad esercitare il ministero, altri che criticano apertamente e perfino aggressivamente gli atti del magistero papale, altri ancora che abbracciano ideologie antitetichee controverse, e via dicendo.
Ecco, sono queste le radici di quel Male e di quel malessere che travaglia la Chiesa odierna, tanto più letali perchè germinate all'interno di essa.
Per grazia di Dio, alla guida della Chiesa vi è un Papa che, pur nell'angoscia del compito immane, non difetta della necessaria sapienza e discernimento per far fronte a tutto questo, riportando pian piano sui sentieri di una fede ragionata e consapevole delle proprie certezze sempre più ministri della Chiesa, dapprima pericolosamente in bilico e ondeggianti.
Un miracolo, direi, rispetto a quell'impazzimento.
Speriamo che prosegua, con l'aiuto del Signore.

Francesco ha detto...

Che qualcosa nel mondo neocatecumenale e nella chiesa nei confronti dei neocatecumenali, e di grosso, si stia muovendo è fuor di dubbio.
Lo confermano i seguenti "strani" motivi:

- il silenzio blindato da parte dei vaticanisti "maggiori";
-l'articolo su Camineo Info
-gli articoli odierni su Korazym.org,senza capo nè coda;
-le continue voc alimentate dall'iniziatore a ritmo ormai costante in questi ultimi due mesi.

Un fatto è chiaro,checchè ne dica Korazym e checchè ne dicano i fatuori dei NCN, il Cammino neocatecumenale è NELLA DISOBBEDIENZA PIU' SFACCIATA E PLATEALE ALLA CHIESA avendo non solo disatteso in questi ultimi cinque anni e persino da giugno ad oggi gli statuti che esso stesso ha presentato,ma avendo addirittura considerato lettera assolutamente morta le prescrizioni Papa-Arinze.

E' chiaro che la Chiesa su tale ostinata e arrogante disobbedienza debba dare riscontro in un modo o nell'altro.

Malachites ha detto...

"Per loro la prova di non essere una setta sta nel fatto che ricevono appogggio dal Vaticano. Però, il Vaticano ha anche appoggiato guerre, dittature e altre barbarie e per questo ha dovuto chiedere perdono, così che spero che in un futuro non molto lontano riconoscano anche quanto sia stato un errore aver sostenuto questa setta.

Tornando agli statuti, posso dirvi che sono stati approvati il 5 febbraio e che si farà una convivenza per celebrare (festeggiare!agg.)e distribuire. Il problema è che ci saranno alcuni piccoli cambiamenti in certi riti, incluso l'eucaristia, che per ora non vogliono commentare. "

Nella frase finale sembra far riferimento alla presa di qualche tipo d'accordo politico, dicendo che appena ne abbia le giuste informazioni, le farà sapere.

stephanos78 ha detto...

Io, devo dire, sebbene sia certissimo delle pressioni anche non pubbliche che subisce il Santo Padre e dei ricatti, come anche la minaccia di ribellione e di scisma, non credo che sia così scontato questo fantomatico "statuto approvato"...

Oscillo, devo ammetterlo. Tra questa convinzione e la realtà prima descritta... Ma una cosa è certa... Non è nulla scontato!

E Livio mi conforta... Sii sempre nostro supporto!

stephanos78 ha detto...

Tra l'altro di questa presunta "approvazione" (che tra l'altro non sarebbe una approvazione ma una ulteriore correzione!) non c'è traccia negli organi ufficiali e deputati della Santa Sede....

adeternamstultitiam ha detto...

Ragazzi basta aspettare una settimana.
Hanno detto che il 25 Feb sara' reso
noto?
Non e' che ci sia nulla da fare.
Lunedi' prossimo sapremo.
Speriamo che questi statuti siano resi pubblici pero'.

Spero per loro che si non tratti dell'ennesima bufala,
perche' altrimenti se non si ricredono stavolta sono condannati ad eterna stoltezza.

lara ha detto...

Per me questa voce della presunta approvazione che si è sparso nel mondo nc, è stato solo usato per non far mancare tanti nc alla serie di incontri programmati per questo tempo. Una voce che si è fatta velocemente correre poco prima di tutti questi raduni, convivenze, riporto, annunci ecc. Era importante più che mai la presenza di una grande maggioranza, da poter in questo tempo continuare a modellare a 'frase calcio' qualche convinzione sulla chiesa. Affinchè non 'rifiutasse' nessuno tale invito e tenendo conto di tutti quelli che all'interno stanno alimentando da tempo qualche dubbio (fessi fino ad un certo punto...) c'era bisogno di dare quel 'tocco' che faccia apparire ancora credibile, e per tanto aggiungere quel qualcosa in più, nel caso la data della firma del doc.

Tra l'altro come sempre, nessuno poteva mancare a questo appuntamento. Da una parte per la 'raccolta' che più che mai doveva essere significativa (e chissà, forse anche l'ultima e anche a maggior numero ... meglio lavorano gli alberghi...

Quanto mi rattrista il sapergli dentro a questa presa in giro. Veramente che il Signore custodisca e liberi subito i piccoli fra di loro, e che fermi i propagatori.

exneocat ha detto...

Ho parlato a dei miei ex fratelli di comunita' che con il sorriso a 32 denti mi hanno riferito che all'annuncio della quaresima hanno dato la notizia degli statuti.Io ho ribadito che per me rimangono eretici.Devo dire che pressioni o no questo fatto degli statuti mi mette molto sconforto perche'come dice il proverbio il medico pietoso fa la piaga puzzolente.Sicuramente manco di carita'e sto peccando davanti al Signore a cui chiedo perdono ma questa fantomatica approvazione la vivo come una pugnalata.Questo fara' si che tutto continui com'e'e le persone semplici continueranno ad essere traviate.Confido ancora nello Spirito Santo che nulla sia perduto ma allo stesso tempo dico Sia fatta la volonta' del Signore che tutto conosce e che vuole solo il nostro bene.

lara ha detto...

Ricordate quel che accadeva quando uno non poteva andare a una convivenza? ... Capi e capini presi daI "diritto di discernimento" saltavano addosso, con una serie di parole per generare nella persona sensi di colpa, per così alla fine convincerla, e far in modo che rinunciasse a tutti i suoi impegni (da loro denominate 'le scuse') e la si spingeva per non mancare all'ascolto kikiano o dal sucessore nella scala piramidale.

.Personalmente, per negarmi ad andare ad uno di questi megaraduni (dichiarando che mi infastidiva tutta quella confusione...) mi è stato detto da uno dei capi : 'tu dici troppi NO a Dio" ...

Ay, capi e capini! Proprio in quei NO dicevo 'SI' al mio Dio!

adeternammemoriam ha detto...

Caro exneocat
ti capisco
ma e' inutile crucciarsi
prima che il fatto sia ufficiale.

Se l'approvazione avvenisse
lo capisco benissimo che puo' essere
vissuta come un'approvazione a tutte le sofferenze psicologiche che ci sono
state inflitte.

Quello che faccio io in questi
casi di scoraggiamento?
Metto in fila una dietro l'altra le menzogne che mi sono state raccontate
e le manipolazioni a cui sono stato sottoposto e di cui sono stato testimone.

E mi confermo del fatto che nessuna approvazione potra' rendere buono e giusto tutto cio'.

E che prima o poi questo verra' riconosciuto.

lara ha detto...

Si, il Signore era lì, ha visto ed ha ascoltato, ed è questo che non troverà in Lui mai e poi mai nessun tipo di approvazione!

Anonimo ha detto...

Kirikiki'
Per l'anonimo dei puntini e delle abbrevviazioni:

Io non so proprio cosa vai blatterando. La mia e' stat un'osservazione sulla lingua. Se non ti piace che ci posso fare io?
Per quanto riguarda il rendere conto al Creatore lascia perdere che e' una roba tra me e Lui! Te non perdi niente in questo! Concentrati piu' che altro sugli scempi che continui a fare te I tuo amici neocatecumenali nel vostro cammino. Questo sara' una cosa mooooooolto piu' pesante da render conto di fronte al Padre Eterno il giorno del vostro giudizio!

lara ha detto...

Su, kirikikì ti noto un pò duro su questo, e quasi non ti riconosco, ne abbiamo avuto tanta di quella pazienza ...

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

ad oggi, nel sito del vaticano, nella sezione curia romana, nella pagina del consiglio per i laici, si legge quanto segue.

vi invito a notare la seconda e terza sessione, dove elenca le prossime regolarizzazioni di movimenti e associazioni.

mi sarà sfuggito, ma io nonvedo il cammino neocat:



Riconoscimenti giuridici e approvazioni statutarie


Il Pontificio Consiglio per i Laici:

con decreto del 16 ottobre 2006 ha approvato i nuovi statuti della Fédération Internationale des Mouvements d’Adultes Ruraux Catholiques (FIMARC).

Con decreto dell’8 dicembre 2006, ha concesso al Movimento di Spiritualità Vivere In l’approvazione definitiva degli statuti.

Con decreto del 1º gennaio 2007 ha approvato i nuovi statuti dell’Union Mondiale des Organisations Féminines Catholiques (UMOFC).

Con decreto del 22 gennaio 2007, ha concesso l’approvazione definitiva degli statuti dell’associazione Silenziosi Operai della Croce.

Con decreto del 9 febbraio 2007, ha approvato le modifiche apportate agli statuti dell’Associazione Laicale “Memores Domini”.

Con decreto del 22 febbraio 2007, ha riconosciuto come associazione internazionale di fedeli la Comunità Cattolica Shalom, approvandone gli statuti “ad experimentum”.

Con decreto del 15 marzo 2007, ha approvato le modifiche apportate agli statuti dell’Opera di Maria (Movimento dei Focolari).

Con decreto del 15 marzo 2007 ha approvato i nuovi statuti de l’Association Internationale des Charités (AIC).

Con decreto del 25 marzo 2007, ha riconosciuto come associazione internazionale di fedeli, l’associazione Franciscanos de María, approvandone gli statuti “ad experimentum”.

Con decreto del 5 aprile 2007, ha riconosciuto come associazione internazionale di fedeli, l’associazione Les Maisons d’adoration, approvandone gli statuti “ad experimentum”.

Con decreto dell’11 aprile 2007 ha approvato i nuovi statuti del Mouvement Internationales des Intellectuels Catholiques (MIIC - Pax Romana).

Con decreto del 26 aprile 2007 ha approvato i nuovi statuti dell’Association Catholique Internationale de Services pour la Jeunesse Féminine (ACISJF - In Via).

Con decreto del 19 maggio 2007, ha concesso all’associazione Institute for World Evangelization - ICPE Mission l’approvazione definitiva degli statuti.

Con decreto del 26 maggio 2007, ha concesso l’approvazione definitiva degli statuti della Comunità Missionaria di Villaregia.

Con decreto del 27 maggio 2007 ha approvato i nuovi statuti della Fédération Internationale des Hommes Catholiques (FIHC - Unum Omes).

Con decreto del 15 giugno 2007, ha riconosciuto come associazione internazionale di fedeli, l’associazione Apostolate for Family Consecration, approvandone gli statuti “ad experimentum”.

Attualmente, il Dicastero sta procedendo all’esame delle domande di riconoscimento canonico presentate dalle seguenti aggregazioni laicali: Alliance of the Holy Family International, Fondacio, Comunità Cattolica d’Integrazione, Families of Nazareth Movement, Milicia de Santa María, Famiglia Speranza, Rinnovamento Carismatico Servi di Cristo Vivo, Movimento Luce-Vita, Movimento Apostolico di Schönstatt, Hogares Nuevos-Obra de Cristo, Comunità Cenacolo, Comunità Cançao Nova, Cellule Parrocchiali di Evangelizzazione, Pan-American Health Care Network, Fédération Internationale des Centres de Préparation au Mariage, Movimiento de la Palabra de Dios.

Prosegue il processo di riassetto canonico delle Organizzazioni Internazionali Cattoliche (OIC). Finora sono stati approvati i nuovi statuti di dieci di queste realtà: ACISJF - In Via, AIC, BICE, CIJOC, FIHC - Unum Omnes, FIMARC, MIAMSI, MIIC - Pax Romana, UCIP, UMOFC.

Anonimo ha detto...

da notare che le approvazioni sono ufficializzate con un certo ritardo!

Anonimo ha detto...

"mi sarà sfuggito, ma io nonvedo il cammino neocat"

No, non è sfuggito, non c'è.
Anzi,quel che risulta che fra gli statuti tra quelli approvati ci sono quelli di MIC! :)))

Finora sono stati approvati i nuovi statuti di dieci di queste realtà: ACISJF - In Via, AIC, BICE, CIJOC, FIHC - Unum Omnes, FIMARC, MIAMSI, MIIC - Pax Romana, UCIP, UMOFC.

La pulce ha detto...

ACCELERATO IL CONTO ALLA ROVESCIA ALLA DOMUS AUREA PER L'APPROVAZIONE DELLO STATUTO NEOCAT.

Su implicito suggerimento di St.Piscicedda di paparazym.org, è stato intensificato da ieri il conto alla rovescia sul grande pallottoliere meccanico installato da due mesi nella sala ovale della Domus Aurea.

Adesso ogni minuto scendono due palle per volta anzichè una e anzichè lasciarle nel cestone, in cui esse scendono, posto alla base del precisissimo arnese meccanico ,ogni ora vengono raccolte 120 palle e vengono ostentate dal balcone più alto alla folla di cimici neocat in attesa.

Durante il trasporto nei corridoi i8nterni alcune di esse esplodono rumorosamente. Le rimanenti invece,appena esposte alla luce del sole,implodono con un piccolo "flop".

mic ha detto...

Vi faccio notare che mancano le approvazioni dal giugno a dicembre 2007 e, se quelle di fine 2006 sono state segnalate adesso, correremmo il rischio di vedere ufficializzata chissà quando quella, eventuale, del febbraio 2008
non so se funziona così, ma lo deduco da quello che vedo

mic ha detto...

comunque se davvero il cammino vuol ritenersi ecclesiale e se davvero fosse riconosciuto come ecclesiale, il segreto e l'omertà non fanno parte dell'ecclesialità, ammesso che esista ancora l'ecclesialità vera, con tutta la FRAMMENTAZIONE e l'apostasia che c'è in giro!

Seby ha detto...

notate il silenzio da parte dei NC....
Non intervengono piu'... hanno finalmente ascoltato alle lettera Kiko che gli dice di non scrivere su internet?????

gherardo ha detto...

Caro Mic e' da notare che il CN non e' nemmeno nella lista dei provvedimenti
"sotto esame".

Comunque hanno detto il 25 Febbraio?
Aspettiamo allora.

Ricordate che quando approvarono gli statuti ad experimentum, il decreto
di approvazione fu reso pubblico lo stesso giorno o il giorno dopo.
Addirittura ci fu una cerimonia di consegna del decreto di approvazione
nell'aula magna del Consiglio Pontifico dei Laici che fu annunciata sul sito
del vaticano due giorni prima.


Quindi credo che se la "voce" questa volta e' fondata fra qualche giorno sapremo.

gherardo ha detto...

Una cosa curiosa sulla sezione del sito
vaticano citata da newsgold:
nei vari elenchi di associazioni e movimenti non riesco a trovare
il Cammino Neocatecuemnale

trovo i focolari, legionari di cristo ecc.

non trovo l'opus dei che evidentemente
come prelatura forse ha una classificazione
speciale
e non trovo i NC.

Che sia questo il motivo per cui non
risulta nella lista delle associazioni
laicali sotto esame di approvazione?

Sempre per il loro ambiguo status
di "catecumenato" associato al rifiuto pervicace di essere classificato
come movimento? (ricordate l'arrogante modo in cui Carmen correggeva Papa GP II
in proposito?)

Anonimo ha detto...

il cammino e'stato riconosciuto come un catecumenato post battesimale con personalita' giuridica pubblica per questo non rientra ne nelle associazione ne nei movimenti, il giorno della pubblicazione e'il 27 febbraio e non il 25 cosi e'stato detto.

mesmer ha detto...

Però quando si parla dei movimenti i primi ad alzare la testa ki sono?

"Il papa ha parlato del Cammino!!!!"

Anonimo ha detto...

non trovo l'opus dei che evidentemente
come prelatura forse ha una classificazione
speciale
e non trovo i NC.
ihihihih ahhh
rido,anche il CNC ha una classificazione molto speciale,
è il vero cristianesimo,chi ci riesce..............

gherardo ha detto...

Bravo anonimo ridens
tusi che sei un vero cristiano
evidentemente.
Certificato col bollino blu.

Comunque tornando a quello che dicevo
prima, sebbene ci sia il problema
della ambigua collocazione del Cammino (un movimento che non e' un movimento, un catecumenato post-battesimale
che dura 30 anni si conclude con un battesimo ecc. ecc.)
e' pur vero che a fare una ricerca
su tutto il sito non si trova traccia
su recenti sviluppi circa gli statuti.

Mah! Come dicevo non ci resta che aspettare una settimana

Gert ha detto...

"anche il CNC ha una classificazione molto speciale,"

Infatti sulle pagine gialle la Fondazione Fam Naz itineranti,citata nel vecchio statuto ha la classificazione Chiese Protestanti. Culti vari...

Gert ha detto...

"il cammino e'stato riconosciuto come un catecumenato post battesimale con personalita' giuridica pubblica"

ingorante, il catecumenato post battesimale non esiste: i catecumeni sono quelli che ancora devono ricevere il battesimo. nel vecchio statuto il cammino era associazione laicale con personalità giuridica pubblica non vedo perchè dovrebbe cambiare e sulla base di che cosa

e' la prova che l'hai sparata cosi'

Gert ha detto...

"è il vero cristianesimo,chi ci riesce.............."

chi ci riesce a lasciarsi fagocitare

Malachites ha detto...

Per anonimo ore 18.07 di ieri

Gli spagnoli fanno riferimento alla LOE (Ley Organica de Educaciòn) che ha introdotto la materia di Educazione Civica nelle scuole, già dalla scuola elementare.

Tra glil obiettivi:
1. Conoscere e accettare la propria identità, le caratteristiche e esperienze personali, rispettare la diversità dell'altro e sviluppare la autoestima.
2. Sviluppare la affettività sia personale che in relazioni con gli altri, e respingere violenzia e pregiudizi.
3. Agire con autonomia nella vita quotidiana e nelle relazione di gruppo. sviluppare le proprie abilità comunicative, sociali ed emotive. Conoscere e accogliere i valori e le normi di convivenza ed imparare ad interagire d'accordo con esse.
4. Partecipare alle attività di gruppo con comportamento costruttivo, responsabile e solidale, valorando gli apporti propri ed altrui.
5. Conntribuire alla partecipazione attiva nei gruppi di referenza (scuola, familia e quel che ci circonda) con azioni di generosità, tolleranza e solidarietà
6. Riconoscere la diversità come ricchezza per la convivenza, manifestare rispetto per i costumi dii popoli diversi a quello proprio. Inserire i bimbi stranieri nel nuovo contesto socioculturale.
7. Conoscere e far valorare i diritti riconosciuti nella Costituzione e nelle dichiarazioni internazionale.
8. Identificare e rifiutare le situazioni di ingiustizia ...
...
In una conferenza alla Facoltà di Teologia di Valencia, il segretario generale della Conferenza Episcopale , Juan Antonio Martinez Camino, ha dichiarato che tale materia "attenta contro i diritti fondamentale dei genitori, ad educare i suoi figli secondo le loro convinzioni morali", così come rispecchia l'Istruzione Pastorale.
Pertanto, Martínez Camino ha raccomandato ai genitori che sono contrari 'all'ideologia del genere e il relativismo morale' di questa materia, di 'difendere i propri diritti attraverso i mezzi legali'.

E' a questo che fa riferimento l'interlocutore spagnolo nell'ultima frase. "Volevo anche dirvi che ho sentito che il CNC sosterrà questa azione legale contro l' 'Educazione civica". Per ora sono soltanto voci, appena ne saprò di più vi farò sapere" (conclude l'interlocutore).

stephanos78 ha detto...

Il CNC sosterrà tutto ciò che possa accrescere il suo "Peso" e la sua visibilità a sostegno della morale.

Se dovesse SERVIRE ad un Vescovo "X" un appoggio, e nel caso in cui tale Vescovo dovesse perfino rimanere SOLO, il CNC sarà pronto a farsi notare! E' così che è stato e così sarà.

Per cui, le giustissime preoccupazioni per la devastazione morale della società sono sempre priorità NC... Fede, Liturgia e Magistero Dottrinario non SERVE A NULLA ed è ROBA PER FARISEI LEGALISTI! Loro "salvano le famiglie"... NON IMPORTA COME e a che prezzo!

mic ha detto...

Grazie Malachites per la traduzione e per le ulteriori informazioni, che sono interessanti: una sorta di halakah laica, quella spagnola!

condivido Steph, purtroppo è così!

Anonimo ha detto...

Dottrinario non SERVE A NULLA ed è ROBA PER FARISEI LEGALISTI! Loro "salvano le famiglie"... NON IMPORTA COME e a che prezzo!
menomale che ci siete voi a salvare la chiesa e tutti noi,

mic ha detto...

"menomale che ci siete voi a salvare la chiesa e tutti noi"

noi ci limitiamo a diffondere quello che conosciamo della verità, la Chiesa la salva il Signore... a voi vi salva il cammino o no?

Malachites ha detto...

Prego!

Poi, sviluppare autostima, affettività, autonomia, responsabiltà, essere partecipe alla vita familiare, di scuola, di rione, di DIOCESI, con generosità... diversità come richezza .. rifiutare ingiustizie e violenze!
Fanno già parte della 'logica' NC lottare contro.

mic ha detto...

non c'è nulla di negativo e tanta (sembra) buona volontà nella educazione civica zapateriana... non c'è nessuna di quelle voci che non ci trovi d'accordo... quello che non può convincere i cristiani è che la morale laica anche se si fonda su 'valori' cndivisi, corre il rischio molto forte di diventare solo moralismo e etica comportamentale senza fondamento, perché quello che introduce l'"anima" vera alle azioni etiche è lo Spirito che il Signore ci dona

Trovo ci sia uno scadimento al livello di 'valori' (da non buttar via per carità) di quelle che per i cristiani sono qualcosa di più: LE VIRTU', che sono gli stessi valori ma che partono dal di dentro perché li suscita l'amore di Dio e non da un comportamento imposto dall'esterno e diventano un "habitus" della persona, ma un Habitus intesssuto nel suo intimo e non indossato come un vestito che resta in superficie...
Non so se sono riuscito a spiegarmi, io la vedo così...

mic ha detto...

Quella che il cammino rivendica è la "formazione" spacciata come cristiana che fanno loro, ma provate a chiedere a kiko se si può parlare di "virtù" cristiane in un contesto di inesorabili peccatori...

malachites ha detto...

Si, Mic, sono d'accordissimo.
, ma quello che voglio dire è che nel CN: tra le 'crisi' e le sottomissione l'autostima la si distrugge. L'affettività, quando non è rivolta all'interno si dice che è malata.
L'autonomia viene sostituita dalla dipendenza, ecc, ecc.
Per questo è logico che facciano il passo avanti in questa lotta.

exneocat ha detto...

""il cammino e'stato riconosciuto come un catecumenato post battesimale con personalita' giuridica pubblica"

ingorante, il catecumenato post battesimale non esiste: i catecumeni sono quelli che ancora devono ricevere il battesimo."


Abbiamo vissuto per anni e anni dentro al CN senza mai conoscere cosa voleva dire 'neocatecumenale'.
Si o no? Una volta che si capisce il termine e viene a sapere che alla fine di questo cammino c'è il ri-battesimo', usando la logica, dovrebbe subito scappare.
Almeno fino a oggi 1+1=2

incredibille ma vero ha detto...

" exneocat ha detto...

Abbiamo vissuto per anni e anni dentro al CN senza mai conoscere cosa voleva dire 'neocatecumenale'.
Si o no? Una volta che si capisce il termine e viene a sapere che alla fine di questo cammino c'è il ri-battesimo', usando la logica, dovrebbe subito scappare.
Almeno fino a oggi 1+1=2

19 febbraio, 2008 18:21"

La penso anch'io allo stesso modo ma i pifferai magici e vanna marchi colpiscono i più sprovveduti...Quando sei furbo e sai come sfruttare la situazione fai il corso accellerato da "pifferaio magico" o da "vanna marchi.

Poveracci sono da commiserare insieme al loro leader in cerca del potere perchè ha sete di vite e in cerca di fama ,gloria e vita grandiosa (poveraccio che pena!)
Preghiamo per lui e i suoi sostenitori

exneocat ha detto...

Io non mi sono chiesto affinchè ne sono uscito, e di fronte alla domanda di un mio parente che mi chiedeva cosa significasse ed io non ho saputo rispondere.