venerdì 28 novembre 2014

"Non fatela santa solo perché sta morendo"

Apprendiamo da messaggi su Facebook che Carmen Hernàndez, "iniziatrice" (co-fondatrice) del Cammino Neocatecumenale, è in condizioni di salute particolarmente difficili e che potrebbe presto presentarsi al giudizio del Creatore.

Riportiamo qui questo messaggio ricevuto sul blog, che vale la pena condividere:
per il bene dell'anima di carmen ... speriamo che in punto di morte si converta alla vera fede cattolica rinnegando gli errori che ha insegnato insieme a kiko x una vita intera....altrimenti altro che 'cielo'!!!!!

non fatela santa solo perchè sta morendo!!!!
Soltanto Dio può conoscere cosa ha avuto in cuore Carmen lungo tutta la sua vita. Ma questo non significa che dobbiamo fare a gara ad applicare il galateo del buonismo solo a causa del suo stato di salute e del probabile imminente trapasso.

Infatti siamo seriamente preoccupati per la sorte della sua anima perché lei è stata complice nell'insegnare gli errori e gli strafalcioni che fondano il Cammino Neocatecumenale. Errori e strafalcioni fin troppo documentati, al punto che per difenderli non ci sono altri metodi oltre ad inganni e menzogne. Errori e strafalcioni che hanno avuto conseguenze drammatiche per tantissime anime, sia dal punto di vista spirituale che materiale: infatti da una fede inquinata non possono non nascere ingiustizie, oppressioni, sofferenze. C'è un vero popolo di ex-neocatecumenali il cui dolore è noto non solo a Dio, ma anche a coloro che hanno una conoscenza non superficiale del Cammino.

Il Signore concede a tutti la possibilità di ravvedersi, fino all'ultimo respiro della vita terrena. Possibilità troppe volte sprecata e deliberatamente ignorata. Solo i santi, a furia di calpestare per una vita intera il proprio orgoglio e i propri errori, possono affrontare la propria morte con lieto timor di Dio piuttosto che con la sacrosanta paura di dannarsi o addirittura con la tragica spavalderia ostentata da chi autonomamente stabilisce di aver vissuto "bene" (come il fariseo al Tempio).

Di fronte al Signore non si può mica obiettare: "abbiamo lo Statuto! siamo approvati! i papi ci lodano! i cardinali ci applaudono! abbiamo cento seminari! paghiamo la decima! ubbidiamo ai catechisti! facciamo l'ambientale!..."

Gli autonominati "iniziatori" del Cammino Neocatecumenale
danno il (pessimo) esempio della "comunione seduti"

Affresco in una parrocchia della Campania

40 commenti:

by Tripudio ha detto...

Breve nota sullo slogan «i papi ci lodano»:

i Pontefici hanno sempre lodato il buon cuore dei singoli (e poteva mai essere diversamente?)... ma hanno ugualmente rimproverato il Cammino per i suoi strafalcioni liturgici (cfr. Giovanni Paolo II (fin dal 1983) e Benedetto XVI) e per il suo settarismo (cfr. Francesco il 1° febbraio 2014).

Ora, se il medico ti dice che il polso non è rotto ma hai un problema serio al fegato, puoi mai oscurare la seconda notizia per bearti della prima?

Anonimo ha detto...

la fonte della notizia della gravità delle condizioni della carmencita qual'è?? sono anni che si parla del transito dei fondatori sul web !

by Tripudio ha detto...

La fonte, come già detto, è da un gruppo di neocatecumenali su Facebook che vanta notizie da parte di cosiddetti "catechisti catechizzati da Kiko e Carmen in persona".

Un'altra precisazione:

qui non è in discussione il fatto che qualcuno, per stupidità o per ignoranza, celebra "male" la liturgia.

Qui stiamo parlando del fatto che la gerarchia del Cammino Neocatecumenale intenzionalmente modifica la liturgia (senza contare tutti gli altri problemi - anzitutto dottrinali).

Di fronte alle chiare «decisioni del Santo Padre» contro tali modifiche, e di fronte al fatto che lo Statuto del Cammino recepisce pienamente tali «decisioni»... quegli strafalcioni liturgici permangono ancor oggi (addirittura con tentativi di autoapprovazione all'insaputa del Papa).

I neocatecumenali celebrano strafalcioni liturgici e se ne vantano (chiamandolo "uso invalso nelle comunità": come dire che un ladro può tranquillamente continuare a rubare perché... è il suo "uso invalso").

I tanto vantati "frutti del Cammino" sono purtroppo fondati su quegli strafalcioni e sugli errori dottrinali dei due "iniziatori" del Cammino. Dunque Nostro Signore avrebbe sbagliato a istituire la liturgia e ad insegnare e ad affidare tale tesoro esclusivamente all'autorità della Chiesa? Dunque Nostro Signore avrebbe dovuto dire «fate come vi pare, in memoria di Me»?

Nessuna comunità neocatecumenale ha mai osato mettere almeno in discussione le scelte più esagerate di Kiko e Carmen, a causa della vera e propria idolatria verso i due "iniziatori".

Anonimo ha detto...

https://docs.google.com/file/d/0B-DkNeQPDJokc3B0Q2VLU09fM28/edit?pli=1 convivenza 2014

Valentina Giusti ha detto...

La fonte dei rumors sulla salute di Carmen pare sia sudamericana.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
by Tripudio ha detto...

Il file audio della presunta "convivenza 2014" è intitolato "omofobia neocatecumenale".

Questo significa che c'è qualche "Giuda" che ha avuto modo di accaparrarsi quella registrazione di un'ora e 40 minuti (che sembra fatta con un telefonino) per pubblicarla su Google Docs allo scopo di mostrarla a qualche altro credente nel dogma dell'omofobia.

Molto caratteristica la cadenza tipicamente napoletana del conferenziere...

Anonimo ha detto...

Ma siete sicuri della notizia?
E' stata verificata la fonte?
Se è vero in questo momento bisogna pregare per la sua anima.

Romano Apostolico

sandavi ha detto...

Comincio a sentire un tremendo senso di colpa per tutte le Messe mal vissute. Mi pento profondamente di tutto il male fatto a Gesù sacramentato. E non sto scherzando.

Anonimo ha detto...

La notizia vera data da fonti credibili è che a Carmen gli verrà amputata una gamba per problemi di diabete.

Anonimo ha detto...

@ sandavi
"Comincio a sentire un tremendo senso di colpa per tutte le Messe mal vissute. Mi pento profondamente di tutto il male fatto a Gesù sacramentato. E non sto scherzando".

Non pensare troppo al passato, seppure ci siano cose che ti affliggono.
Se ancora non l'hai fatto puoi fare una confessione anche di vecchi peccati se mai confessati o se confessati non con la stessa coscienza di oggi. Lasciarli a Gesù potrà aiutarti.
Il cristiano vive il presente!
Forza.

Romano Apostolico

Lino ha detto...

Concordo con Romano Apostolico. Alla fine - spero che ciò valga per tutti - noi critichiamo soltanto l'errore, non l'errante. Il giudizio sull'errante e sulla sua sorte appartiene solo a Dio, la critica dell'errore anche alla ragione dell'uomo.

by Tripudio ha detto...

Il proverbio dice: quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito.

Ed ecco che i fratelli adoratori dell'idolo Kiko dichiarano di credere che questa pagina significherebbe un desiderare la morte degli autonominati "iniziatori" del Cammino.

Lo sanno bene che questo è falso. E non solo per il fatto che per anni ci siamo augurati che gli "iniziatori" del Cammino rinnegassero i propri errori. Ma anche per il fatto che i danni creati da un'eresia non terminano con la morte del capo degli eretici.

by Tripudio ha detto...

Vorrei timidamente aggiungere che Nostro Signore non distingueva tra "l'errante" e "l'errore".

Anzi, insultava pure, e di grana grossa. «Sepolcri imbiancati! Voi siete in grande errore! Razza di vipere! Voi avete per padre il diavolo!»

La distinzione tra errante ed errore la facciamo solo perché da qualche decennio è in corso una terribile pandemia: quella dell'ipersuscettibilità.

Per cui di fronte all'accusa di eresia e di strafalcioni liturgici, anziché interrogarsi un attimo (anche solo un attimo) su quanto sia importante seguire fedelmente la Chiesa, subito si inalberano. Il loro scopo, infatti, non è quello di salvare la propria anima a costo di calpestare il proprio orgoglio... ma è solo quello di onorare l'idolo Kiko a costo di deviare significativamente dalla strada indicata dalla Chiesa.

l'apostata ha detto...

Preghiamo per la signorina benedettatufraledonne, perché guarisca e si converta al cattolicesimo.

Visto che si parla di un membro della triade, vorrei chiedere ai neocat duri e puri se pregano perché il signor dottor (h.c.) aspirantemartire Arguello realizzi la sua aspirazione più profonda e sbandierata: il martirio.

In effetti, l'aspirantemartire vive in un bell'appartamento nei pressi del Vaticano, a scrocco.
L'unica forma di martirio possibile a Roma per lui è rappresentata dal traffico.

Ma poiché il nostro si sposta in elicottero, non gli rimane neanche quello.

Chiedo perciò ai neocat duri e puri: è lecito pregare perché il signor dottor (h.c.) aspirantemartire Arguello si decida finalmente a partire per una delle zone del mondo dove i cristiani sono perseguitati sul serio?

Fateci sapere, grazie.

@ Lino

O argilla, o fango, si deve ammettere comunque che il signor dottor (h.c.) finanzier Arguello ha saputo trasformarle entrambe in oro.

Quando si dice il senso degli affari...

Anonimo ha detto...


Anonimo Anonimo ha detto...

https://docs.google.com/file/d/0B-DkNeQPDJokc3B0Q2VLU09fM28/edit?pli=1 convivenza 2014

28 novembre 2014 11:59 E POSSIBILE AVERE LA REGISTRAZIONE DEL RESTO DI QESTA CONVIVENZA ?ANTICIPATAMENTE GRAZIE DEL LINK

by Tripudio ha detto...

No, non ci riesco proprio ad ascoltare un minuto di quella voce da televendita, figurarsi l'intera ora e quaranta compresi gli applausi finali.

A proposito di aver pazienza coi neocatecumenali negatori della realtà e dell'evidenza: Contra negantem principia fustibus est argumentandum. San Tommaso d'Aquino: "contro chi nega i più elementari princìpi, si può argomentare solo a bastonate".

Lino ha detto...

@ l'apostata
Mi spiace per lei, signor apostata :-) ma lei, con il nick che le hanno affibbiato i neocat, proprio non riesce a comprendere il martirio del signor Kiko. Tutti quegli idoli d'oro strappati ai fratelli NC, tutti quei diavoletti-Mammona tirati fuori dagli iniziati, pur da qualche parte dovevano finire, o no? Il signor Kiko si è sacrificato e li ha presi tutti su di sé.

Valentina Giusti ha detto...

Propongo di fare un monumento ad Apostata che riesce sempre a far sorridere e riflettere!
Lo facciamo con l'argilla e poi chiamiamo il dottor h.c. alchimista Argüello per trasformarlo in oro? :-))

luigi ha detto...

Apostata sei tremendo :-)

cmq a parte gli scherzi mi dispiace per questo problema di salute della
signora Carmen, brutta cosa dover
perdere la gamba per il diabete...

by Tripudio ha detto...

Il problema non è la sofferenza umana, ma la responsabilità di fronte a Dio.

Anonimo ha detto...

Con questo post state dando il meglio di voi. Sono contento perché dimostrate di che pasta siete fatti, esimi difensori Della Retta Dottrina Con Le Lettere Maiuscole.

Ora capisco perchè avete censurato il mio intervento, che comunque, siccome sono cocciuto, vi ripropongo. Ma tacere ogni tanto proprio no, eh?

Saluti
Jeff m.

by Tripudio ha detto...

Dall'alto della sua suprema autorità il caro fratello Jeff ci intima di tacere: è lui infatti a dover stabilire quando e come questo blog possa fare eco di notizie pubblicate sul sito web della Santa Sede, sui Facebook neocatecumenali, e altrove.

Molto interessante il fatto che a Jeff della retta dottrina non gliene importi niente (e quando è Retta Dottrina della Chiesa, con le lettere maiuscole, addirittura digrigna i denti). Evidentemente nel Vangelo in possesso di Jeff c'è un "Gesù" che dice: "il cielo e la terra passeranno ma le mie parole non passeranno, tranne quando ciò tornasse comodo al Cammino".

Vietato poi parlare di morte! Il neocatecumenalismo funereo coi suoi canti «la morteee! la morteee! ndrùng, ndrùng, ndrùng!» non ha posto per un Apparecchio alla morte di sant'Alfonso, per la visione dell'inferno che ebbero i tre pastorelli di Fatima, per il baratro "dove non c'è redenzione" visto da don Bosco con le anime che si avviano a precipitare nella dannazione eterna...

L'inferno esiste perché Dio è anche infinita giustizia e perché ogni anima è libera di rifiutare la salvezza (rifiutarla col cuore, anche se a parole per una vita intera avesse proclamato altro: la beata Serafina Micheli vide Martin Lutero all'inferno in fondo ad una voragine di fuoco... eppure Lutero aveva "riscoperto" il battesimo, i primi cristiani, il banchetto festoso della Santa Cena, la lettura assidua della Bibbia, aveva molti potenti appoggi, compose diversi canti liturgici, proclamava la lode a Dio, amministrava la Comunione dal calice quasi come nel Cammino Neocatecumenale...).

Il caro fratello Jeff farebbe bene a informarsi sull'inferno e a riflettere sulla responsabilità degli strafalcioni liturgici e dottrinali del Cammino e sulle sofferenze spirituali e materiali che il neocatecumenalismo ha provocato (e tuttora provoca) a tantissime anime.

l'apostata ha detto...

@ Lino

Già, hai ragione. Dovevo avere il fango sugli occhi.

Dimenticavo il passo del sacro mamotreto: "...il dottore (h.c.) ha preso su di sé tutto l'oro del mondo (neocat) per la salvezza dei camminanti...".

@ Jeff.

Per l'ennesima volta, tu che contesti le testimonianze e ti lamenti in continuazione, saresti tanto gentile da dirci se ritieni un abuso gli esorcismi pubblici del signor dottor (h.c.) Arguello?

Provaci a rispondere.

Ti do un aiutino, consulta:

- Mc 1,25-26;
- Mc 3,15; 6,7.13; 16,17;
- At 19, 13-16;
- Catechismo della Chiesa Cattolica n. 1673;
-Codice di Diritto Canonico canone 1172;
- Il n. 13 del nuovo Rito (De exorcismis et supplicationibus quibusd 1999, 2004).

Poi, dopo esserti ben documentato su Scrittura e Atti Ufficiali della Chiesa, guarda e soprattutto ascolta il signor dottor (h.c.) sciamano Arguello al link: Arguello a Cracovia
Vai al minuto 07,52: lo sentirai raccontare di fare sempre esorcismi.

Ci dai il tuo parere argomentato?
Non credo che in questo caso tu possa lamentarti di testimonianze fasulle.

Perciò, egregio, dicci come la pensi.

Magari senza giri di parole, con un linguaggio semplice, evangelico direi.

Grazie.

l'apostata ha detto...

@ Jeff

Nell'altro post hai scritto: "...Non capisco che c'entra la storia degli esorcismi sulla quale ho già risposto all'epoca. Kiko non puó aver fatto un esorcismo in senso stretto in quanto non è un sacerdote. Puó aver fatto preghiere "esorcistiche" - che peraltro possono essere anche più efficaci degli esorcismi veri e propri, dipende dalla fede e dal carisma...essenzialmente dalla Grazia - ma appunto non esorcismi in senso stretto...".

Jeff, non ci siamo proprio.
Non hai affatto risposto all'epoca.
Ti invito nuovamente ad ascoltare dalla viva voce del Santosubito come stanno le cose.

Lui dice di fare sempre esorcismi, dando ordini direttamente al demonio.
Tu gli attribuisci "preghiere esorcistiche più efficaci".

Jeff, no, la realtà dice altro.

Guarda i fatti, ovvero i documenti e il filmato di cui al precedente post.

Chiama le cose con nome e cognome.

Quanto all'abuso che hai riconosciuto in precedenza, guarda che mi riferivo a quelli liturgici, che tu hai definito "relativamente poco importanti", ma sempre abusi sono.

Jeff, ti invito a essere meno sfuggente e contorto.

Di che hai paura?

Di scoprire che il signor dottor (h.c.) Arguello si è perso nella sua megalomania?

A te cosa cambia?

Sei cattolico praticante? Se si, te ne puoi infischiare, dato che esiste una Chiesa, che non dipende dai diktat del cammino.

Tu, se sei cattolico, appartieni appunto alla Chiesa, e basta.

Pensaci.

E comunque, ti rinnovo l'invito a leggere con atttenzione quanto ti ho indicato, e ad ascoltare con le tue orecchie il signor dottor (h.c.) esorciccio Arguello, che racconta di essersi rivolto direttamente al demonio dandogli ordini.

Dopo, ti chiedo un parere argomentato, basato appunto su documenti e fatti.

Un parere, peraltro, che non tocca nemmeno la tua persona.

Perciò evita slogan e frasi tipo "ha detto ... ma intendeva...".

Provaci a sentirti libero.

Anonimo ha detto...

esiste qualche altra registazione del televenditore napuletano sul web che voi sappiate ??

Valentina Giusti ha detto...

Il messaggio su Carmen che sta facendo il giro dei gruppi nc su Fb continua così:
'Senza dubbio non dobbiamo esaltarci, ma siamo sicuri che, per il Signore, lei ha già compiuto la sua missione terrena, e come Catecumeni sappiamo che a Carmen manca solo di passare gli ultimi tre scrutini che tutti dobbiamo vivere: la Malattia, la Vecchiaia e la Morte.
Coraggio fratelli, preghiamo per Carmen e accettiamo la volontà di Nostro Signore.'
Neppure una parola sulle preghiere che tutti i credenti chiedono e di cui tutti abbiamo bisogno, quelle per la salvezza dell'anima!
Ma come, una vita passata a battere il pugno sul petto dicendo 'siamo peccatori' e quando viene il momento supremo, nulla?
Sarà davvero il caso che, almeno noi, eleviamo le nostre preghiere per la salute eterna di Carmen e il perdono delle sue colpe. Perché dai suoi non ne avrà molte, temo.

by Tripudio ha detto...

Breve promemoria:

1) nella Chiesa cattolica, nel sacramento della riconciliazione si fa esperienza della divina misericordia;

2) nella Chiesa cattolica i "catecumeni" sono coloro che non hanno ancora ricevuto il battesimo.

Rileggo la citazione indicata da Valentina poco sopra: ecco, lo sapevo, è il Cammino Neosadico:

«...e come Catecumeni sappiamo che a Carmen manca solo di passare gli ultimi tre scrutini che tutti dobbiamo vivere: la Malattia, la Vecchiaia e la Morte».

Praticamente in lingua neocatecumenale il termine «scrutinio» è sinonimo di sofferenza.

E perciò quando un cosiddetto "catechista", laico e ignorante, viene a "scrutinarti", deve farti soffrire, deve farti "scendere da cavallo", deve appigliarsi a qualsiasi cosa pur di distruggerti: se non è sofferto, non è "scrutinio".

Anonimo ha detto...

Ragazzi, comunque i neocat li abbiamo un po' sopravvalutati. Non credete che loro non abbiano paura. Ultimamente ne ho anche stuzzicati alcuni, sono tutto fumo e niente arrosto. Non hanno neanche le p...e di rispondere per le rime. Ho provocato quelli di NC fails dicendo che per colpa del cammino si erano suicidate delle persone e loro hanno risposto:
Insomma ma cosa vuoi da noi? Il catechista è un mestiere difficile! Questa è la classica reazione di chi sa di essere in torto e reprime i sensi di colpa. Loro se t fai vedere debole incalzano, se invece gli dimostri che non hai paura e tocchi i punti giusti li rendi docili. I neocat sono solo dei cagasotto.

by Tripudio ha detto...

Un certo Gianluca chiede pomposamente ai fratelli di Neocatefails nella colonnetta a sinistra:

«chi di voi può dire di essere stato a Lipari con Kiko?»

Sottinteso: «io ci sono stato e voi noooo, io ci sono stato e voi noooo, gnà gnà gnà» (con musichetta di accompagnamento).


Dalla pagina facebook Testimonianze di ex neocatecumenali segnalo quest'altra:

«Il mio diacono neocatecumeno una volta disse: E' arrivata l'ora di smettere di pensare con la propria testa. Ho detto tutto.»

by Tripudio ha detto...

Dalla stessa pagina, un'altra interessante segnalazione:

- il chiacchierato cardinale Sean O'Malley perde una buona occasione per tacere e dice: «se io fondassi una chiesa, mi piacerebbe avere donne prete»

- ma il cosiddetto "sacerdozio femminile" è uno dei più alti arcani kikiani-carmeniani

- guardate la foto del cardinale che orrido crocifisso è disposto a usare...


Nota a margine: il Cammino è organizzato a "tappe", e ad ogni tappa vengono svelati nuovi "arcani" che spesso contraddicono drasticamente quelli delle tappe precedenti. Per esempio nelle cosiddette "catechesi iniziali" vi dicono "noi non chiediamo soldi", poi dal secondo scrutinio in poi diventa obbligatorio il pagamento mensile della "decima".

Se dunque nella "tappa" attuale vi dicono determinate cose, è solo perché «non siete ancora pronti» per conoscere gli "arcani" successivi (oggi siete "bambini" che devono sorbire il "latte" credendo che il sacerdozio è esclusivamente maschile, ma quando sarete pronti per il "panino", e se sarete stati fedelissimi per 30-35-40 anni all'idolo Kiko, vi verranno svelati "arcani" sempre più elevati, a seconda del grado di assoluta fedeltà...).

Tutto questo appare ancora più chiaro a chi conosce la specifica propensione del Cammino a sovvertire le regole (si veda ad esempio la liturgia): "nella Chiesa si fa così, ma noi facciamo cosà..."

A suo tempo il cardinal Policarpo dopo un incontro con Kiko, si disse favorevole al sacerdozio femminile. Fu convocato in Vaticano per un'adeguata strigliata - ma erano tempi "ratzingeriani"... Oggi il card. O'Malley si permette di dire che c'è una cosa che gli "piacerebbe": un attimo dopo dice che la Chiesa comanda il contrario, però intanto quel che gli «piacerebbe» l'ha detto, e la cosa subito fa eco sui giornali: è un'opinione, ma perbacco, è l'opinione di un cardinale! Tipica strategia clericale dell'aggiungere la foglia di fico dell'«anche se». Sarebbe come se avesse detto: "io sono favorevole alla pedofilia, anche se per adesso la Chiesa è contraria". Quante volte abbiamo sentito dire che la Chiesa si deve "aggiornare"?

E così finalmente si realizzerebbe il sogno più segreto di tanti attivisti neocatecumenali: Carmen celebra, Kiko canta, suona e ammonisce, e alla fine Pezzi sparecchia la tavola e lava i piatti.

Valentina Giusti ha detto...

Che vignetta hai tratteggiato Tripudio! Azzeccatissima! Anche se ho l'impressione che l'arcano del sacerdozio femminile potrebbe venir accantonato se Carmen dovesse abbandonare la triade...
E, a proposito dell'eventuale sostituzione dei membri prevista nello Statuto, di cui si mormora in questi giorni a causa della malattia di Carmen, credo che l'unico per il quale possa essere previsto un avvicendamento sia proprio don Pezzi.
Sbaglierò...

Valentina Giusti ha detto...

Notizie di ieri su Fb dicono che Carmen non è in pericolo di vita: pare che sia sofferente, in camera iperbarica per facilitare la circolazione sanguigna e scongiurare l'amputazione della gamba.

HK M25 ha detto...

Scusate. Ma il sito su Fb Testimonianze di ex neocatecumenali è stato creato da qualcheduno del blog? Perchè appena aperto ho trovato riportato come post un mio vecchio commento. La cosa non mi dispiace affatto, chiedo solo per averne un'idea più chiara.

by Tripudio ha detto...

Sì, è certamente qualcuno che legge questo blog (non è detto che scriva anche).

L'unico problema è che Facebook non garantisce troppa privacy (e cioè è il posto dove qualche aspirante stalker neocatecumenale potrebbe decidere di vendicare il Cammino).

Nicola ha detto...

Non è che per caso stai perseguitano tu i cristiani? Quante calunnie.... Ragazzi non capisco quale sia il vostro problema... Qualcuno vi obbliga a fare il cammino? E se avete intenzione di rispondere che voi difendete la chiesa, vi chiedo chi ve lo chiede? Qualche cardinale appoggia questo blog? O vi siete da soli proclamati difensori della fede?
Cmq pregherò io per le vostre anime dal momento che chi non è in comunione con la chiesa siete voi...
Vostro fratello in Cristo.

by Tripudio ha detto...

Risposta alle domande di Nicola.

1) "Perseguitando"? per essere cristiani bisogna professare le verità di fede insegnate dalla Chiesa (il che include, di conseguenza, il fidarsi dell'autorità della Chiesa, il seguire la liturgia della Chiesa «senza aggiunte né omissioni», ecc.). Correggere gli errori, indicare gli errori, criticare gli errori, non è persecuzione.

Il Cammino professa dottrine diverse e una diversa liturgia, ponendosi di fatto fuori dalla Chiesa. Ora, sebbene tanti fratelli lo facciano per ignoranza, è un dato di fatto che il Cammino è fondato su strafalcioni liturgici e dottrinali, che il Cammino non ha voluto correggere nemmeno quando è stato rimproverato da Giovanni Paolo II, da Benedetto XVI e da Francesco.

Lo Statuto e la paterna benevolenza dei Pontefici nei riguardi dei fratelli più piccoli del Cammino non possono essere usati come certificato di santità passata, presente e futura. Il Cammino contiene errori liturgici e dottrinali che bisogna assolutamente correggere. Gli errori vengono dal demonio, e ancor più l'ostinazione nell'errore.

2) "Calunnie"? Tu giudichi! Qui non ci sono calunnie, ma fatti concreti e testimonianze. Credi di poter leggere nei cuori meglio di Dio?

3) "Il vostro problema"? In realtà è un problema di tutti i neocatecumenali, poiché gli errori e gli strafalcioni portano fuori dalla Chiesa e portano all'inferno.

Le cure amorevoli della Chiesa - che includono anche le correzioni, come ad esempio la lettera del 1° dicembre 2005 - esistono proprio per questo motivo: evitare che i fratelli inquinino le loro anime con una pessima dottrina e una pessima liturgia.

E noi ci occupiamo degli errori del Cammino proprio perché abbiamo avuto a che fare col Cammino - direttamente e indirettamente - e perciò contribuiamo con testimonianze e informazioni. Se i kikos ci tenessero davvero alla verità, non verrebbero qui a recitare il solito vittimismo ipocrita.

4) "Qualcuno vi obbliga a fare il Cammino"? che domanda idiota. Certo che sì. I cosiddetti "catechisti" insinuano continuamente che fuori dal Cammino c'è solo il demonio e la perdizione.

Poi, quando qualcuno non ne può più e se ne va per davvero, allora comincia il mantra secondo cui "il Cammino non fa per lui". Ipocrisia e menzogne. Anziché riflettere sugli strafalcioni liturgici e dottrinali, sull'oppressione e sullo strapotere dei cosiddetti "catechisti"... vi limitate a dire che deve "cuocersi nel suo brodo", a dire che "il Cammino non è per tutti", e ipocrisie perfide di questo stesso genere.

5) "Difendere la Chiesa": ogni cristiano è tenuto a farlo, non solo quando viene esplicitamente richiesto dalla gerarchia cattolica.

Il Cammino è un cancro della Chiesa. Disubbidisce alla gerarchia cattolica. Promuove carnevalate liturgiche. Insegna aberranti ambiguità e vere e proprie eresie. Se ne infischia delle esigenze dei vescovi. Presenta falsamente sé stesso come "Chiesa". E in tutto questo, persegue unicamente la gloria dell'idolo Kiko e dell'idolessa Carmen.

by Tripudio ha detto...

6) "Qualche cardinale appoggia questo blog?" Che domanda cretina. Come se un blog avesse valore solo se "appoggiato" da un cardinale.

Piuttosto, questo blog appoggia i sommi Pontefici che hanno parlato contro il Cammino. Cioè Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco.

E poi, di quali cardinali vogliamo parlare? Del cardinale Cañizares vostro complice della truffa a Benedetto XVI sull'autoapprovazione della liturgia neocatecumenale? "Cardinale" non significa automaticamente "santo".

7) "Difensori della fede": tu lo dici, e perciò hai implicitamente ammesso che voialtri neocatecumenali siete i nemici della fede

8) Tu giudichi! Non solo vai contro le leggi della Chiesa (cfr. Statuto del Cammino, art.13, nota 49), non solo professi una fede diversa da quella della Chiesa (le invenzioni di Kiko e Carmen), ma addirittura vieni qui con arroganza a giudicare i nostri cuori!

La Chiesa ha condannato per iscritto le vostre liturgie - e tu fai finta di niente.

La Chiesa non ci ha mai condannato per questo blog - e tu, ergendoti al di sopra della Chiesa, proclami il contrario.

Sei davvero un neocatecumenale. Cioè un idolatra, che crede nel redentor Kiko, nella corredentrice Carmen, e nel superdogma Cammino.

Dona ha detto...

Chi sei tu per giudicare il cammino? Che cosa ti hanno fatto questi fondatori Dio e' uno solo e tante sono le strade e le religioni che portano a lui!Beato chi ha nel cuore germogli di pace ogni persona e' libera di accoglire la parola o rifiutarla!
Ma nn potete cancellare con un colpo di spugna cio'che nel mondo e' stato donato tramite loro con tanto amore solo chi lo ha ricevuto puo' sentirlo dentro il propio cuore,nn si ha bisogno di accanirsi scriverlo o pubblicarlo e' dentro l'anima perche'nessuno puo' cancellare e' l'amore di Dio che opera dentro noi ,le persone sono solo trumenti nelle loro mani dalle opere si riconosceranno i loro frutti!La pace sia con tutti noi ma vivete e lasciate anche vivere :-)

by Tripudio ha detto...

Chi sei tu per giudicare coloro che non apprezzano il Cammino?

Che cosa ti hanno fatto quegli autonominati "fondatori" nel propinarti dottrine ambigue ed eretiche, liturgie carnevalesche che offendono Dio? Perché disubbidite alla Chiesa trasmettendo insegnamenti sballati e celebrando liturgie contrarie perfino allo Statuto del Cammino?

Dio è uno solo, e tante sono le strade cattoliche che portano a Lui, ma il Cammino non è una di queste strade poiché trasmette errori ed eresie.

Qui nessuno "cancella con un colpo di spugna": qui semplicemente prendiamo atto che da oltre cinquant'anni gli autonominati "iniziatori" del Cammino hanno prodotto solo eresie, pagliacciate liturgiche, banalizzazione dei sacramenti, ecc.: e queste cose conducono all'inferno, specialmente per il fatto che sono state rifilate a tantissime anime semplici che non erano in grado di difendersi.

L'amore di Dio opera dentro di noi, ma noi tutti dobbiamo collaborare a tale amore. E la prima collaborazione è la verità, perché l'amore non può sostenersi sulle menzogne.

Nostro Signore non ha detto «vivete e lasciate vivere», ma ha detto «la verità vi farà liberi» ed ha anche detto «io sono la Via, la Verità e la Vita».

E perciò chi come voi rifiuta la verità, di fatto rifiuta la libertà, rifiuta la Vita, rifiuta Dio.