sabato 14 giugno 2008

Proseguiamo...

Secondo giorno dall'approvazione.
il nostro percorso prosegue in attesa di verificare meglio la pportata dell'evento.
Le nostre preoccupazioni non si sono attenuate; anzi, non ci sembra un bel momento per la Chiesa.... Ma in attesa di approfondire più e meglio cerchiamo di riprendere il nostro dialogo da una pagina menno intasata...

84 commenti:

mic ha detto...

Per Giudamaccabeo
Guarda, conosco troppo bene il cammino; non c'è alcuna cabina di regia. Primo, perchè K. a quanto pare aborrisce internet; secondo perchè il cammino è troppo disorganizzato per farlo. Cateno scrive qui legittimamente come singolo

sicuro? Iniziative singole?
Denotano tuttavia un attaccamento indicibile e una grande attenzione e protezione per la realtà di appartenenza

mic ha detto...

comunque, mi chiedo in effetti, ottenuta l'approvazione, la funzione della loro presenza qui... ormai non dovremmo dare più così fastidio...

giudamaccabeo ha detto...

mic: "sicuro? Iniziative singole?"

Sicurissimo.

"Denotano tuttavia un attaccamento indicibile e una grande attenzione e protezione per la realtà di appartenenza"

Questo è piuttosto normale.

"comunque, mi chiedo in effetti, ottenuta l'approvazione, la funzione della loro presenza qui... ormai non dovremmo dare più così fastidio..."

Io sono sicurissimo che chi interviene qui lo fa perchè sinceramente vuole difendere il cammino da accuse che reputa ingiuste. E' per questo che se il blog continua (e spero che lo faccia perchè, esagerazioni a parte, fa bene al cammino essere tenuto sotto controllo) credo che continueranno ad intervenire

exneocat ha detto...

Cari neocat
per me l'unica cosa che cambia e' la fiducia nella Santa Sede.se una persona da delle disposizioni che vengono disattese e poi se le rimangia la sua autorita' va a farsi benedire e questo e' successo.Forse questi sono i segni degli ultimi tempi e di questo me ne vado convincendo da tante cose.Invece di vomitare il vostro veleno atavico tornate nelle vostre Kripte contenti che satana va bello che fregato.

Daniela Yeshua ha detto...

Mic mi ha scritto:
"Invito chi è intervenuto/a col nick "daniela..."
a cambiarlo perché il nome del nostro Signore su un nick, se non è blasfemo è quanto meno irrispettoso "

**************

Caro Mic, immagino che dovresti invitare milioni di suore che nel mondo pospongono al prorio nome( =nik) quello di Nostro Signore, o della Soavissima ,Myriam, Madre nostra.
Non trovi?

E comunque: che hai deciso di fare ora che son stati approvati DAL PAPA gli Statuti del CN?
Disobbedire alla Chiesa (denigrandone le sue disposizioni) di cui ti dici figlio -in quanto mi pare ti professi cattolico- ?
Oppure hai deciso semplicemente di continuare la tua bella "battaglia" a colpi di blogger che...mi pare rimangano decisamente fini a se stessi.Ma va bene, siamo in un mondo libero, e vario, a quanto pare.

In entrambi i casi: chi non ama/accetta/rispetta/accoglie e fa proprie TUTTE le disposizioni della Chiesa Cattolica, può avere almeno la decenza -di autenticità- di dirsi cristiano. E non cattolico.

Immagino che tu manchi ancora della consapevolezza di esserti (col tuo penultimo post) autoscomunicato.

La conoscenza è importante.
E la Verità vi farà liberi.
-Ricordi?

Dio ti benedica



Daniela Yeshua
( anni 31, dall'età di 15 in Cammino, attualmente "in momento di pausa" dal Cammino ( MA NON DAI SACRAMENTI GIORNALIERI)per preparazione Tesi di laurea e ...NESSUN SENSO DI COLPA PER MOMENTANEA ASSENZA DAL TRIDUO.
-Fantascientifico ? Naaa.
Perchè i Catecumeni son liberi davvero, anche quando non vanno in Liturgia. Sono liberi perchè sono in Cristo, e non : 'sono in Cristo perchè sono catecumeni'; questo infatti è pensato unicamente da chi il cammino non lo conosce sul serio.

Comunque, ti voglio bene Mic, e mi stai addirittura simpatico, testone ;-)

Voilà.

mic ha detto...

E comunque: che hai deciso di fare ora che son stati approvati DAL PAPA gli Statuti del CN?
Disobbedire alla Chiesa (denigrandone le sue disposizioni) di cui ti dici figlio -in quanto mi pare ti professi cattolico- ?


quello che ho sempre fatto. Di quale chiesa parli?

Voilà.

Tieniti il nick, ma continua a non piacermi l'uso del Nome del Signore per di pù nella sua lingua da parte di un neocat; ma cercherò di sopravvivere, ammesso che tu continui ad intevenire ;)

mic ha detto...

Per Giudamaccabeo,

ti assicuro che gli interventi susseguitisi negli ultimi due anni sono andati ben al di là dell'iniziativa personale.
Mi dici che il cammino è disorganizzato... ma i conti non mi tornano: l'organizzazione e i ruoli che ho visto io sono ferrei

Una qualche disorganizzazione in riferimento ai casi imprevedibili, magari che ne so riguardo agli 'itineranti' o situazioni limite a distanza li posso immaginare, perché quando si è inseriti in un contesto così rigidamente pragmatico e piramidalmente organizzato, molte questioni pratiche ed estemporanee potrebbero fare entrare alcune persone in tilt... ma nel complesso, non direi

Michela ha detto...

Sono d'accordo con Giuda maccabeo
non credo che ci sia una regia segreta negli interventi.
Tanto qualsiasi neocat direbbe esattamente le stesse cose.
Semplicemente si attiva un meccanismo di difesa che spinge ad attaccare il nemico o difendere il cammino con frasi fatte che non reggono a un'analisi logica/razionale.
Una specie di risposta condizionata.

Anche il fatto di usare il 'gergo'è un indice del condizionamento.

Michela ha detto...

comunque da quello che ho capito

il PCL ha approvato gli statuti,
cioè il metodo neocatecumenale

ma la congregazione della dottrina della fede non ha approvato le catechesi.

E' approvato il fatto di avere piccole comunità che celebrino per conto proprio, che facciano passaggi e scrutinii
ma non è stato approvato quello che viene detto in quelle piccole comunità.

Sembra che i dicasteri vaticani non si sono messi d'accordo
oppure che il PCL abbia voluto forzare la mano agli altri;
ma comunque il papa ha approvato il fatto che a tutt'oggi i dicasteri vaticani non si sono trovati d'accordo.
E' così?

La pulce ha detto...

LA II GIORNATA DELLA NUOVA ERA NEOCAT

Giornata densissima di impegni per El senor MKirikus e per Dona Carmenita, molto riposante invece per mister Presbyterus che, come s'è detto, ritenendo di aver concluso la propria funzione pastorale, si è ora ritirato in una grotta a pregare e a preparare la positio per la postulazione nel processo a favore del senor Kirikus.

Dona carmenita ha trascorso parte della lunga mattinata insieme al senor Kirikus, ricevendo in visita ad limina negli uffici di via delle maschere olltre 700 catequisti alti e bassi, 49 alti pelati,62 suonatori di tamburi del Burkina Faso, e 156 pastori che recavano tutti sul bavero il distintivo loro recentemente donato durante il soggiorno alla Domus Aurea.

Proprio mentre entravano gli alti pelati s'è intravisto in lontananza Mister Arinz molto scuro in viso,cui è stato fatto cenno di avvicinarsi e di entrare ,ma il buon uomo,che evidentemente stava pregando mentre incedeva frettolosamente, si è limitato a biascicare alcuni suoni gutturali nella propria lingua madre ed a girare subito l'angolo.

Grande la commozione di Mister Rylko che, entrando in visita e prostrandosi ai piedi dei due nuovi santi,non ha potuto frenare le lacrime a causa delle quali il suo ciglio destro ha iniziato ad alzarsi e ad abbassarsi convulsamente all'indirizzo del senor Kirikus.

Il drappello dell'alto catequista,cav. grand'uff.avv. siculo Giovanni Pipìa ha attentamente controllato che tutto si svolgesse nella dovuta calma.

Nel pomeriggio Dona Carmenita ha presieduto una lunga riunione con alcuni tecnici per la messa a punto del progetto e del bozzetto per il suo altare che, secondo indiscrezoni dell'ultim'ra, anzichè nell'atrio di via delle maschere,sarà eretto in brevissimo tempo sul grande obelisco al centro della sacra piazza,appena sarà rimosso il grande shofar tuttora ancorato ad esso,in modo che il prospetto di esso altare possa guardare negli occhi il dirimpettaio appartamento all'ultimo piano a destra.

El senor Kirikus invece, nel chiuso di un ufficio segreto oggi pomeriggio ha composto cinque nuovi canti :

. due dal titolo latino "Quod scripsi scripsi"; "Nunc dimitte Kirikus";

.uno in spagnolo:" El sombrero quiere libertad";

.uno in francese:" Le jeux ce sont faites,alleluja".

Quindi ha completato la sua I enciclica della nueva era neocatecumenal: "Bibe et disce et tace"

Leandro ha detto...

Leggete e capite che tempi ci aspettano:

“L’unica rilevante modifica al testo “ad experimentum” approvato nel 2002 è di natura liturgica. Infatti viene modificato il modo di ricevere la Santa Comunione nella Liturgia Eucaristica: da oggi si dovrà ricevere rimanendo in piedi e non seduti , come era consuetudine. I fedeli partecipanti all’Eucarestia rimangono al proprio posto e non procedono in processione verso l’altare. Il sacerdote che presiede l’Assemblea distribuirà la Santa Comunione recandosi da ogni singolo fedele.
Non varia la distribuzione del Sangue di Cristo che, oltre ad essere confermata, viene realizzata porgendo il Calice al fedele seduto al proprio posto.” (http://www.catechumenium.it/default.asp?cod=&t=21&dett=2269&pag=0)

stephanos78 ha detto...

Michela provo a risponderti. Lo faccio per amore nei tuoi confronti e anche di quelli che invece ci reputano indegni. Lo faccio con fatica, lo ammetto. Perchè sono seriamente stanco. Sfiduciato, orfano.

il PCL ha approvato gli statuti,
cioè il metodo neocatecumenale

Sì. Da come si sono svolti i fatti e alla luce di quanto è emerso fino ad oggi, sembra che solo il PCL abbia "approvato".


ma la congregazione della dottrina della fede non ha approvato le catechesi.

Sì, insieme al Culto Divino, che si è visto IMPORRE dal PCL (e da Kiko ovviamente) una "soluzione di comodo" che scontentasse tutti. Mentre gli unici contenti sono i NC. Rimane da chiedersi: due congregazione che oppongono un "veto" o comunque che non danno il "placet", che voce in capitolo hanno? A vedere i risultati NESSUNA! E la cosa più grave è questa!


E' approvato il fatto di avere piccole comunità che celebrino per conto proprio, che facciano passaggi e scrutinii
ma non è stato approvato quello che viene detto in quelle piccole comunità.


E' parzialmente vero. Nel senso che nello Statuto (peggiore del vecchio per ambiguità) si cita ancora l'OICA come modello per il Catecumenato Post Battesimale, che il Direttorio non ancora approvato dovrebbe in teoria contemplare! Quindi lo "scrutinio per battezzati" nell'Oica è un rito di passaggio dove NON SI RIPETONO riti battesimali ma si celebrano con maggior solennità le "tappe" della crescita nella fede del NC.
Questo è pura fantasia. Lo è stato prima lo sarà adesso!
Riguardo la celebrazione privata il nuovo statuto è peggio del vecchio. Sparite le norme universali o rese contraddittorie perchè le note rimandano a documenti che negano lo scritto! Riguardo la Veglia Pasquale (come ho già mostrato); riguardo la "messa del Sabato"; riguardo la tradizione dell Chiesa a cui i NC avrebbero dovuto essere "iniziati".... Oggi il Sabato sera è la "festa" della Comunità NC! Il "vincolo" è solo stabilito nell' "informare il Vescovo" e che tutto si svolga per suo volere (SIC!)!
...e non è stato approvato ciò che IN PRIVATO si dicono in COmunità...


Sembra che i dicasteri vaticani non si sono messi d'accordo
oppure che il PCL abbia voluto forzare la mano agli altri;

Sì. Sono più di due i dicasteri in disaccordo (CdF, Culto Divino). Questo è CERTO. Il Pcl ha DI SICURO forzato la mano. Si è visto dal testo finale dello statuto che è più fumoso di quello vecchio e lascia aperti tutte le montiniane "fessure" per fare tutto e il suo contrario. Si è visto dalla mancata corrispondenza di ciò che chiedevano sia la Cdf che il Culto divino per conto dello stesso Pontefice, intervenuto in questo caso pubblicamente ed in prima persona!


ma comunque il papa ha approvato il fatto che a tutt'oggi i dicasteri vaticani non si sono trovati d'accordo.
E' così?


A mio avviso il Santo Padre è stato semplicemente IGNORATO! Sono stati IGNORATI i dicasteri. E' stata IGNORATA la volontà del Papa. E' stata forzata la mano presentando l'approvazione di uno Statuto che SICURAMENTE senza questa pressione violenta NON SAREBBE STATO approvato. Almeno non in questi termini.

Il Santo Padre è NEI FATTI considerato solo un vescovo che abbia un Abito Diverso e un "titolo" particolare. Nulla di più. Lo si è visto con l'autogestione di tanti "vescovi e cardinali" in materia delicata come il Motu Proprio. Si è visto alla DOmus. Si è visto in altri tristi casi.

Questo è il dramma. La sitauzione non è tragica...è un disastro assurdo! E' un abominio. E chi legge segni terribili legge bene.

Vegliamo e preghiamo.

stephanos78 ha detto...

Leandro... Dopo qualche tempo rimarranno seduti anche per la COmunione al Corpo di Cristo... Verrà giudicato un cavillo formale... Ma "il Papa ci approva, tuti ci approvano, non c'è problema"... Capito?

Michela ha detto...

grazie Steph

sul blog di Tornielli si dice che le catechesi sono semplicemente ferme alla congregazione per la dottrina della fede.

inoltre alla conferenza stampa K ha detto che il calice si assume da seduti, contraddicendo le norme presenti nello statuto.
ha motivato il tutto dicendo che ci sarebbe il rischio di versare il sangue di Cristo. In realtà il rischio c'è cominque, accade tante volte, non è facile bere da un calice così grande, ne resta agli angoli della bocca, e può accadere che ne venga versato sui vestiti o a terra.

sempre bugie....

kirikiki' ha detto...

ho letto lo statuto cosi' in fretta e furia e anche la pagina di oggi del blog di tornielli. Piuttosto confuso come blog e udite udite anche di la c'e' una specie di pozzi che si fa chiamare radicale. E' un po come lo scemo del villaggio questa cosa: ognuno ha il suo hahahaha!
Devo dire che lo statuto ha allcuni punti interessanti:
1. fa una presentazione del cammino e delle sue tappe. Almeno si dice quello a cui si va incontro! Quando avevo iniziato io non sapevo un bel fico secco!
2. Non si menziona la decima! Si aggiunge anche che il CN non ha proprieta' prorpie (non ricordo esattamente le parole)
3. il vescovo deve essere presente ai passaggi oppure un suo rappresentante! sara' osservato?! Ne dubito ma vedremo!
4. i catechisti devono rispettare le coscienze - art.29 se non mi sbaglio. Questo sara' bello! Forse si ptra' interpretare in questo articolo ogni eventuale abuso d aprte dei catechisti. Se fino adesso non si poteva dire niente ai catechisti, perche' mancavnao le linee guida del loro comportamento, adesso ci si puo' farsi valere apellandosi a tale articolo.

Detto questo Rimane la contradizione che si e' creata con questa approvvazione. Dice bene la pulce qundo scrive:"card Arinz molto scuro in viso... se e va dicendo qualcosa nella sua lingua". Of course, pover'uomo ha parlato in italiano e non l'hanno capito adesso si sara' detto parlo nella mia lingua e vediamo che succede!
La contradizione regna sovrana nella chiesa di oggi! Letteralmente! il Vaticano si e' contradetto alla grande. Nel 2005 il Santo Padre manda a dire a kiko e co. di celebrare cosi' e cosi'. kiko se ne sbatte i cosidetti e che succede? Udite udite gli statuti si approvano. Il principio di non-contradizione e' andato a farsi friggere! Insomma si e ' detto che la lavgna e' bianca ed e' nera allo stesso tempo! come mai? "Beh perche' cosi interessa a noi adesso"! Mi fa puara questa situazione. Se la mia Cheisa, quella in cui credo, si comporta cosi' che devo fare io? Non mi ineressa in fin dei conti, che si tratti di Cn o meno, ma la cosa in se: Mancanza di logica basilare! Si mangia la contradizione come se fosse un pezzo di pane! NOn so che dire e non ci acapisco piu' niente ed ad essere sincero ho anche un po di paura provare a capire qualcosa in tutto questo casino. Signore aiutaci te, non mi resta altro da dire!

Massimo ha detto...

comunque, mi chiedo in effetti, ottenuta l'approvazione, la funzione della loro presenza qui... ormai non dovremmo dare più così fastidio...
La nostra funzione qui è evitare che fuorviate la gente facendole vedere false mostruosità sul cammino, e Dio non voglia, anche sull'infallibilità del Papa!

Massimo ha detto...

Cari neocat
per me l'unica cosa che cambia e' la fiducia nella Santa Sede.se una persona da delle disposizioni che vengono disattese e poi se le rimangia la sua autorita' va a farsi benedire e questo e' successo.


Cioè questo vuol dire che gli statuti non sarebbero mai dovuti essere approvati, ma allora avreste dovuto perdere la fiducia già quando si era data la chance al cammino riguardo l'approvazione degli statuti e quindi i 5 anni ad experimentum (che sono diventati 6).

Forse questi sono i segni degli ultimi tempi e di questo me ne vado convincendo da tante cose.
E qui ti sbagli, perchè negli ultimi tempi ci sarà ancora qualcuno in Chiesa e tanti che saranno andati via e bestemmieranno contro la Chiesa (almeno per quanto scritto nell'Apocalisse), quindi il fatto che la Chiesa si è soltanto ARRICCHITA (e sottolineo e risottolineo ARRICCHITA) è segno che non sono ancora gli ultimi tempi...

Invece di vomitare il vostro veleno atavico tornate nelle vostre Kripte contenti che satana va bello che fregato.
E qui ho dubbi su chi realmente sta buttando il veleno... Più che veleno direi che state buttando fango...

Massimo ha detto...

Detto questo una buona mattinata a tutti, il sole è alto, il caldo lo fa, e il mare attira più di questo posto dove di fesserie se ne sparano a "quant'e 'gghiè".

La pace, e una BUONA DOMENICA A TUTTI!
E non vi crogiulate, almeno non oggi che è Domenica!

La pulce ha detto...

LA GRANDE FIACCOLATA NOTTURNA SULLA SACRA PIAZZA

Erano in almeno diecimila: diecimila chitarre, diecimila cuori, ventimila mani battenti, ventimila pedi frementi,ma una sola mente protesa a rendere grazie e lode per l'approvazione dello statuto neocat, sotto l'appartamento papale,intorno alla grande sedia gestatoria sulla quale è stato issato el senor Kirikus e ad una sola,immensa,fortissima voce: W IL SANTO PADRE!

L'immagine orante e benedicente del senor Kirikus è stata ripresa in mille flash fotografici,in diecimila sguardi di gratitudine, in ventimila applausi cadenzati all'unisono, mentre il grande shofar aromatico issato sulla grande cupola dispensava i suoi effluvi purificatori azzurrini e tutti gli alti pelati neocat dalle loro terrazze che si affacciano sulla sacra piazza aggiungevano gli aromi dei loro sigari al profumo che si levava dalla sacra piazza.

Si,proprio stanotte, proprio guardando l'immagine di quell'uomo trafitto dalla gioia sulla altissima sedia gestatoria, di quell'uomo il cui umile sortriso sotto i baffi ormai canuti ha conquistato definitivamente il mondo, abbiamo avuto la sensazione vera di ciò che è già e che sarà LA NUEVA IGLESIA NEOCAT.

mic ha detto...

anche sull'infallibilità del Papa!

se è questo che vi preoccupa potreste continuare a girare al largo... nessuno ha mai messo e metterà in discussione l'infallibilità del Papa, qui.
Siete voi che strumentalmente ne invocate l'infallibilità anche in quegli atti che non la contemplano, penso più per ignoranza e convenienza, che per mala fede (almeno alcuni)

simo ha detto...

Ora caduti i pregiudizi ritorno nel blog e vi spiego tutto.

stephanos78 ha detto...

Verrebbe da dire: "l'avevo detto".

Ricordi Giudamaccabeo quello che ti avevo risposto? Raffrontalo con l'assicurazione di Kiko a continuare a rimanere seduti durante la Comunione al Sangue!

"Carssimo Giudamaccabeo, non sono assolutamente d'accordo.

La smentita al fatto che la soluzione "in piedi/seduti" raccolga l'ostilità della "vecchia guardia" te la da Kiko stesso. Che aveva già fatto sapere che sarebbe stata la soluzione migliore (di compromesso!). La possibilità era trapelata già, anche su queste pagine, subito dopo la diramazione della Lettera.

Arrivare a questa "ufficializzazione" sarebbe il non plus ultra per Kiko e i suoi!
Sarebbero tutti soddisfatti, sebbene dovendo fare un piccolo sacrificio formale.
Dico "formale" perchè la realtà singola di ogni comunità, come potrà essere univoca? E chi la "controlla"? Chi potrebbe impedire il prosieguo della medesima prassi, magari con l'assicurazione dei Catechisti su altri fantomatici "indulti orali", ecc, ecc? Come in passato.

Inoltre, il problema fondamentale oltra ad essere l'innegabile Teologia diversa (mi spieghi che cambiano a fare la Messa? Tanto per gico??), confermata anche da Kiko nella sua lettera, è la "celebrazione privata"!
Se non si è riusciti a sciogliere questo nodo fondamentale, se si consentirà di continuare così a differenza di ciò che chiede la lettera, allora per il CNC NON CAMBIERA' NULLA!
Sarebbe una insperata "vittoria" per Kiko, che secondo me avrebbe accettato tutto piuttosto che la sospensione delle "celebrazioni private". Finchè ci saranno il CNC potrà dire tutto ed il suo contrario, come fa Alessandra e coloro che assicurano: "tutto bene, madama la marchesa"!

La Santa Messa è il Sacramento Sommo! Per questo stesso è "pubblico" e PER MOLTI! I "molti" del Signore! Non ha NULLA di Arcano (cfr Omelia del Papa al Corpus Domini), e non c'è bisogno di percorsi particolari, lunghi e sfiancanti per accedervi. C'è Bisogno del BAttesimo e del Sacramento della Riconciliazione! Mediante i quali i cuori degli uomini si purificano!

Il problema legato alla "nuova estetica" che trasmette anche quella una "nuova teologia" non sarà risolto. Il problema legato agli Scrutini e al direttorio nemmeno. Il Problema legato alla spaccatura della Parrocchia e ai drammi che ne derivano nemmeno.

Il CNC, con un sacrificio formale (ripeto: chi controlla?) ottiene di proseguire nel suo iter senza nessuna modifica!

Come potrebbe "infastidire" una soluzione del genere i capi del CNC?"

stephanos78 ha detto...

Ricordi Giudamaccabeo quando ti avevo scritto che il CNC potrà IN PRIVATO giustificarsi con fantomatici indulti, come in passato? Ecco, iniziano da qui!

Antonio Casini ha detto...

Mic, i segni ci sono: diamo ancora "fastidio". Lode a Dio.

Vuole dire che il nemico della Chiesa non ci ha ancora sconfitti ed ancora teme i fedeli a Gesu' Cristo, e sa che non puo' ingannare piu' di tanto finche' ci sara' chi terra' alta la fiaccola sul cammino.

Il Papa non ha fatto atto di Magistero infallibile, e pero' tanti ignoranti vorrebbero spacciarlo per tale, dimostrando solo la loro ignoranza e malafede anche, e pero' questo ci indica anche che non sono sicuri di avercela ancora fatta.

Ma Deo gratias, non ce la faranno MAI.

Un piccolo gregge sempre restwera', e se loro falseranno nell'attuazione, gli Statuti, noi saremo ancora qui a gridarlo.

E se ci insulteranno ci minacceranno ci cercheranno, come hanno cercato me per anni, continueremo a fare sentire ancora piu' forte la nostra voce, continueremo ancora piu' forte ed intensa la nostra preghiera.

Che Dio ci sostenga sempre.

Antonio Casini

giudamaccabeo ha detto...

Stephanos: "Verrebbe da dire: "l'avevo detto".
Ricordi Giudamaccabeo quello che ti avevo risposto? Raffrontalo con l'assicurazione di Kiko a continuare a rimanere seduti durante la Comunione al Sangue!"

Trovo che questa affermazione, fatta pubblicamente nella conferenza stampa e autonomamente senza alcun riscontro liturgico vaticano, sia estremamemte grave. Tra l'altro, a prescindere da tutte le altri considerazioni, anche solo da un punto di vista "estetico" mi pare chel' in piedi-seduti farebbe diventare la celebrazione una specie di teatrino.

"quando ti avevo scritto che il CNC potrà IN PRIVATO giustificarsi con fantomatici indulti, come in passato? Ecco, iniziano da qui!"

In realtà l'ha detto pubblicamente e subito. Atteggiamento piuttosto stupido. Comunque non ti preoccupare è Dio che conduce la storia.
i duole dirlo, ma se Kiko continuerà a portare il cammino in questo modo non ci sarà bisogno che venga fermato da qualcuno; ci penserà Qualcun altro con i fatti. Anzi credo che lo stia già facendo e proprio nelle cose di cui ci riempiamo più la bocca, le catechesi e le famiglie in missione.
In una parrocchia vicina negli ultimi anni erano partite tre coppie in missione (con più di dieci figli), tra squilli di tromba e entusiasmo, e sono già ritornate indietro con la coda tra le gambe e nel silenzio ...

Antonio Casini ha detto...

Massimo, la mostruosita' la dicie tu, disquisendo sulla infallibilita' del Papa per una atto legislativo.

Sei in malafede o sei iignorante?

Non e' un Dogma uno Statuto.

E se continui su questo tono, saro' li' sempre a fare vedere a tutti la malafede o l'ignoranza crassa di chi inventa materia di infallibilita' uno Statuto che oltretutto dimostri di non avere letto perche' non e' una approvazione di verita' catechetiche diverse, non e' un dire che fino ad ora la Chiesa aveva proclamato errori nella Dottrina e ora si corregge.

Se in malafede o magari, meglio, e meno grave, sei solo un profondo ignorante e presuntuoso.

Antonio Casini

frafra ha detto...

Un tale Marco S (sul blog di Tornielli) sostiene di avere partecipato ieri sera ad una liturgia neocatecumenale e di avere osservato come gli stessi obbediscano più a Kiko (come al solito) che al papa prendendo IN PIEDI il pane eucaristico ovvero il corpo di Cristo e SEDUTI il vino ossia il sangue di Cristo.
Spero che nessuno adesso mi venga a dire o a sostenere che i neocatecumenali sono sempre stati obbedienti.

Gert ha detto...

Riporto una notizia apparsa stamane su vari siti web, che mi pare abbastanza significativa.

----------------------------

-----TAPPE DELL'APPROVAZIONE DEFINITIVA DEGLI STATUTI NEOCATECUMENALI------------

GIUGNO 2007 - FEBBRAIO 2008

Intensi scambi tra i respnsabili internazionali del Cammino e il Pontificio Consiglio per i Laici: ostano ancora alla definizione degli statuti la mancata pronuncia della Congregazione per la Dottrina della Fede e del Culto Divino che assume una posizione netta affermando di aver già espresso la propria valutazione definitiva;

FEBBRAIO-MARZO 2008:

situazione di stallo e di silenzio. I responsabili del Cammino continuano a pressare sul Pontificio consiglio per i Laici ch promette rapidi riscontri;

APRILE 2008:

Giunge al Pontificio Consiglio per i Laici e alle altre Congregazioni Romane nonchè sul tavolo di S.S. Benedetto XVI una decisa presa di posizione di centinaia di vescovi e di alcuni cardinali, tra cui lo stesso responsabile del P.C. Laici, a favore del Cammino Neocatecumenale e di tutti i movimenti ecclesiali;

INIZIO MAGGIO 2008:

Il Pontificio Consiglio per i Laici predispone la bozza di statuto neocatecumenale da approvare: la Congregazione per la dottrina della Fede pone un aut aut per una sostanziale modifica del Direttorio catechetico Neocatecumenale; il Culto Divino dissente sul punto nodale della Liturgia e pretende la piena osservanza del documento Arinze del I dicembre 2005,che nello Statuto viene citato tra i documenti vaticani accolti e rispettati,ma di fatto è completamente o quasi disatteso,in particolare per la prevista celebrazione mensile insieme alla parrocchia e l'uso dei locali e degli altari dedicati nei presbiteri nelle celebrazioni del sabato;

5-10 MAGGIO 2088:

Il Pontificio Consiglio per i Laici insiste sulla necessità improcrastinabile di approvare gli statuti; il Papqa ,interpellato, dà il suo assenso comndizionato alla pubblicazione degli stessi solo nel momento in cui si saranno pronunciati La Congregazione della Fede e il Culto Divino;

11 MAGGIO 2008:

Mons Rylko firma l'approvazione degli Statuti e chiede alla Congregazione della Fede e al Culto Divino che le rispettive decisioni siano emesse entro breve termine;

11-20MAGGIO 2008:

Il Culto Divino rimane del parere precedentemente espresso tuttavia non oppone veti specifici; La Congbregazione della Fede trova nel Direttorio di Arguello molti punti da modificare e fa presente che i tempi non saranno molto brevi da parte sua;

20 MAGGIO 2008

Filtra attraverso il Pontifico Consiglio dei Laici la prima notizia pubblicata dalla stampa(Catechumenium.it) che dà per firmati gli Statuti(erroneamente si dice che il Papa ha firmato gli statuti) e la convocazione degli iniziatori a Roma;

20 MAGGIO -30 MAGGIO

Intensi colloqui tra gli iniziatori e la Dottrina della Fede per una rapida soluzione delle controversie residue sugli Orientamenti Catechetici. Le divergenze non rientrano.

30 MAGGIO - 13 GIUGNO:

Il Pontificio consiglio dei Laici informa Sua Santità dell'impossibilità oggettiva di avere in tempi brfevi la pubblicazione delle decisioni della Dottrina della Fede e della necessità assoluta di ufficializzare gli statuti entro il mese di tempo che inizialmente si era stabilito per giungere a una decisione unanime;

13 GIUGNO 2008:

Gli statuti vengono consegnati agli iniziatori e viene dato loro l'incarico di illustrarli; Kiko Arguello ufficializza la mancanza a del Direttorio catechetico (che pur non essendo ufficialmente parte dello Statuto,ne costituisce la base sostanziale) e comunica che la Congregazione della Dottrina della Fede quanto prima pubblicherà (previa approvazione) il Direttorio.

by Tripudio ha detto...

E' proprio come succede a scuola.

Anziché bocciare il bulletto delinquente, lo si promuove... per toglierselo dai piedi.

Ma così il bulletto avrà possibilità immensamente più grandi di fare danni.

E tutti gli altri, a scuola, hanno già capito che per essere promossi non c'è bisogno di studiare e sapere, non c'è bisogno di comportarsi bene e ubbidire.


E se a qualche neocatecumenale era venuto un momento di dubbio, "non ti preoccupare più: abbiamo lo Statuto".

Ho sentito poco fa un religioso, sgomento e desolato. Mi ha detto "beh, lo hanno deciso dall'alto, obbediremo".

Gli rispondo: "ma se non sai nemmeno «cosa» è stato deciso?"

Ora, gli effetti della potente macchina propagandistica neocatecumenale non si faranno attendere:

- parroci e vescovi, sapendo "approvato" il Cammino, non se la sentiranno di ostacolarlo;

- cosa dovrà inventarsi un parroco per dire che non vuole più il Cammino in parrocchia? (non ha più diritto di decidere chi può e chi non può stare in parrocchia?)

- cosa dovrà inventarsi un vescovo per dire che non vuole più il Cammino in diocesi? (provate ad immaginarvelo, alla Conferenza Episcopale Regionale, mentre gli altri vescovi gli dicono "ma dai, c'è lo Statuto, se fanno pasticci tu resti comunque con le mani pulite")

- chi invece ha sempre obbedito, anche se ha fatto un'opera buona, viene ridicolizzato da questo "colpo di testa" del PCL (che, ricordiamolo, come disse la Carmen Hernández nel 2002, avrebbe avuto "un futuro grandissimo se appoggerà il Cammino Neocatecumenale")


Di fronte ad una tale sventurata decisione dei "vertici", addolorato per le conseguenze che pagherà la Chiesa, continuo a chiedermi: ma se l'approvazione dello Statuto era il "male minore"... quale sarà mai il "male maggiore" che si è voluto evitare?

paolo ha detto...

Vi invito a riflettere su una cosa.
Prima si osteggia in tutti i modi il Cammino sostenendo che è al di fuori della Chiesa. Invocando la Chiesa come garante, sostenete l'illeggitimità dei noecat. Poi la Chiesa approva il Cammino e voi dite che tradisce se stessa, che sono momenti bui etc etc.
Sul problema NC non avete un'atteggiamento obiettivo, ma andate alla ricerca di complici che sostengano le vostre idee. E siete pronti a rinnegare persino la Chiesa se non si trova d'accordo con voi. Se scendesse il Padre Eterno a dirvi che il cammino è ok, cosa gli rispondereste? Che ha tradito se stesso??

by Tripudio ha detto...

FEBBRAIO-MARZO 2008:

situazione di stallo e di silenzio. I responsabili del Cammino continuano a pressare sul Pontificio consiglio per i Laici ch promette rapidi riscontri;

APRILE 2008:

Giunge al Pontificio Consiglio per i Laici e alle altre Congregazioni Romane nonchè sul tavolo di S.S. Benedetto XVI una decisa presa di posizione di centinaia di vescovi e di alcuni cardinali, tra cui lo stesso responsabile del P.C. Laici, a favore del Cammino Neocatecumenale



In poche parole, il Cammino ha semplicemente comprato l'approvazione.

Gert ha detto...

Non sarei cosi catastrofico, Tripudio.
Molto verosimilmente la "presa di posizione" dei vescovi e dei cardinali a favore del Cammino Neocatecumenale dell'aprile scorso è il comunicato stampa emesso dai riuniti alla Domus Galilaeae.

by Tripudio ha detto...

Paolo,

la Chiesa è ancora garante contro il Cammino.

Parliamo infatti della Chiesa della Sacrosanctum Concilium, della Ecclesia De Eucharestia, della Tradizione, del Magistero, eccetera.


Tu invece identifichi la Chiesa esclusivamente come quell'entità che sotto determinate "pressioni" produce il risultato che voialtri neocatecumenali avete fabbricato.

Non abbiamo torto, perciò, a parlare di "momenti bui".


E comunque sai già che Kiko, campione della disobbedienza, ha la faccia tosta di annunciare sotterfugi perfino al momento dell'annuncio dello Statuto (per esempio, dopo un breve periodo di comunione "metà in piedi e metà seduti", dirà che ci si può sedere per tutto il tempo).

Nostro Signore legge nei cuori, e nelle Scritture ci ha già fatto sapere che non dobbiamo angustiarci se l'empio prospera.

stephanos78 ha detto...

Grazie Gert.

Non avevo il minimo dubbio che l'iter di "violenza" fosse stato così come l'hai esposto.

Ma basta leggere i fatti e gli eventi. Non ci vuole certo una laurea in teologia, che invece molti qui pretenderebbero, insieme ai "gradi militari"... che occorrerebbero per poter solo esprimersi!

stephanos78 ha detto...

Dice gert:
la "presa di posizione" dei vescovi e dei cardinali a favore del Cammino Neocatecumenale dell'aprile scorso è il comunicato stampa emesso dai riuniti alla Domus Galilaeae.


Assolutamente sì.

Questo "evento" ha avuto una parte fondamentale nella concitazione di questo tempo di trasnizione.

Non per nulla lo abbiamo sottolineato con forza. Al Papa certo non deve essere piaciuta l'autentica sedizione, violenta, operata in Galilea alla facciaccia sua e di quelle che erano le sue volontà!! Allo stesso tempo è stato sicuramente un grave, gravissimo campanello d'allarme.

La scorta di ribellioni, dall'inizio del suo Santo Pontificato è solo aumentata paurosamente.

E noi sappiamo solo quello che vediamo! Chissà quello che non vediamo! Che sicuramente sarà la parte peggiore!

Il Santo Padre, lo ripeto, è considerato un "Vescovo che ha un incarico formale, un titolo onorifico"! NULLA DI PIU'! Il parere del Papa è solo un PARERE! Parere di un "onorevole"!

Questi fatti parlano chiaro! Il Primato Petrino viene IGNORATO e il magistero Papale ritenuto "uno fra tanti"! Si ritiene che le dottrine, le filosofie e le "fedi" POSSANO tutte esistere sulla scorta del "non dare fastidio a me, io non lo do a te. Lasciami prosperare e vediamo chi la supnta"! Notate quante volte ci citano il verso della Bibbia (totalmente de-contestualizzato e letto in modo fondamentalista) di quando i Sacerdoti dicono di "lasciarli fare" e che se non sono "buoni" spariranno...

giudamaccabeo ha detto...

boz: "puoi chiudere questo cesso di indemoniati maledetti dove scrivi solo te con 1000 account adesso i'papa ha detto che va bene e quindi devi stare zitto x obbedienza e chiudere sta merda sennò non sei cattolico xkè nn dai retta al papa... la tua gloria è finita in questo angolo di satana... ciao bello... ci si vede alle catechesi!! UHAUHAUHA"

Si è addormentata la baby sitter? Eh sì perchè questo le catechesi non le ha ancora iniziate, spero ...

frafra ha detto...

Signor Boz (forse il signore è di troppo) la prego si contenga. A lei serve un corso accellerato di buone maniere.
Non le dico nulla sulla figuraccia umana e morale che sta facendo: non credo che sia in grado intellettivamente di cogliere queste sottigliezze.
La invito a non farsi più vedere, a dormire sonni tranquilli sicuro della sua fede(?). Deve essere un po' "atipica" se le consente certe uscite.

Boz ha detto...

stepahnos basta scrivere dai avete chiuso è finita la vs storia ok? andate a casa dai... e trovate qualche altro passatempo... tipoo... le catechesi AHAHAHAHAHAHAH

Boz ha detto...

dai raga ghiacci dopo tutta la ,merda che avete buttato su di noi, scrivevo e mi bloccavate etc etc... adesso mi fate i moralisti?!?! ma stralol x piacere

frafra ha detto...

dice Boz
stepahnos basta scrivere dai avete chiuso è finita la vs storia ok? andate a casa dai... e trovate qualche altro passatempo... tipoo... le catechesi AHAHAHAHAHAHAH

Ti prego Boz dicci dove vai alle catechesi e chi sono i tuoi catechisti. Con te hanno fatto un capolavoro. Meriterebbero di essere veramente frequentate da tutti.

Boz ha detto...

ha fatto un capolavoro i'signore con voi a farvi così ignoranti come le capre tibetane... cmq grazie x le persecuzioni anche dentro la chiesa da gente come voi... questo vuol dire che è proprio dono dello spirito il cammino... grazie xkè anche voi ci avete autenticato... ci si vede... (alle catechesi) ahahah

Boz ha detto...

ps Mic l'ip degli utenti si può vedere in qualche modo sai?!?
...lasciati un solo account e gli altri che ti sei fatto x alimentare questo sito abbandonali... fai più bella figura!!!

stephanos78 ha detto...

Carissimo Giudamaccabeo.

Il tuo ragionamento non è affatto peregrino ma è, credo, non completo.

Noi tutti crediamo pienamente all'intervento Provvido di Dio a sostegno della Sua Chiesa Cattolica. Ma questo non può essere una scusa per l'inerzia e l'attendisimo.

Da "collaboratori" del Signore e di Sua Madre, come ci hanno insegnato ad essere (ricordi s. Paolo ai Tessalonicesi?), per la nostra parte e solo per quella, possiamo e dobbiamo dare un contributo. Solo per la nostra parte.
Senza dimenticare mai che siamo CREATURE e che non siamo "salvatori" di nessuno! Anche se umanamente vorremo poter fare di più! Ma questa è la conferma che Uno Solo è il Signore:il Padre, il Figlio e il Santo Spirito!

Il problema nodale è come siamo arrivati a questa "approvvazione monca". Con violenza (non credo tu non l'abbia vista!), ignorando un Papa e usando gli agganci!

La lettera del Papa era chiara. Era chiarissimo che il Papa volesse limitare le "celebrazioni private" e le prassi "private". Era chiarissimo che volesse che il CNC, COME TUTTI, assimilasse la prassi Cattolica amandola (se davvero l'amava!). Era chiarissimo che volesse un direttorio uniforme all'OICA.

E' assurdo, illogico, pazzesco, che una "approvazione definitiva" si avvenuta IGNORANDO almeno 2 congregazioni, la Volontà di un Pontefice e la sofferenza della gente.

E' chiaro come il sole, carissimo, che i dirigenti del CNC non abbiano mai avuto intenzione di "assimilarsi" e di "assimilare" il CNC al cattolicesimo romano.

Possiamo fare tutti i distinguo che vuoi, ma la sostanza è lampante!

Non c'è nessuno stupore per quanto sta inaugurando Kiko ora. E' il giusto corollario alla violenza esercitata fino ad oggi.

Solo un pazzo (o un violento che ricatta ed è sicuro della sua potenza!) avrebbe dato in pubblico (almeno io pensavo lo avesse fatto in privato, COME USAVA FARE FINO AD OGGI) una lettura dell'unica parziale direttiva Liturgica che adombra la lettera del Papa nel modo che conosciamo! Kiko non è sicuramente pazzo... Quindi fai un po te.

Questo ennesimo atto di imposizione violenta a danno del Pontefice è la base su cui da oggi il CNC inizia il "nuovo tempo dell'approvazione"... Se il buongiorno si vede dal mattino...

stephanos78 ha detto...

Dice Tripudio

(per esempio, dopo un breve periodo di comunione "metà in piedi e metà seduti", dirà che ci si può sedere per tutto il tempo).

ESATTO!

Ma chi dice che già ora, dopo la conferenza stampa, non verrà diffusa la CERTEZZA che si può proseguire SENZA CAMBIARE NULLA e che in fondo quella micronorma che adombra pallidamente la lettera del Papa non è altro che una cosa formale che è servita per far tacere i "dissidenti" al cammino????

giudamaccabeo ha detto...

Stephanos:
"Solo un pazzo (o un violento che ricatta ed è sicuro della sua potenza!) avrebbe dato in pubblico (almeno io pensavo lo avesse fatto in privato, COME USAVA FARE FINO AD OGGI) una lettura dell'unica parziale direttiva Liturgica che adombra la lettera del Papa nel modo che conosciamo! Kiko non è sicuramente pazzo..."

Mah ... Pazzia è un concetto piuttosto generico e sotto il quale possono convivere atteggiamenti diversissimi, dalla schizofrenia, alla paranoia, fino a semplici bizzarrie autolesioniste

nunc dimittis ha detto...

stephanos78

"E' assurdo, illogico, pazzesco, che una "approvazione definitiva" si avvenuta IGNORANDO almeno 2 congregazioni, la Volontà di un Pontefice e la sofferenza della gente."

E' quello che penso anch'io... aggiungerei solo la parole "pensare" tra "pazzesco," e "che".

mic ha detto...

stepahnos basta scrivere dai avete chiuso è finita la vs storia ok? andate a casa dai... e trovate qualche altro passatempo... tipoo... le catechesi AHAHAHAHAHAHAH

trionfalismi? OK.
ma perché non te ne vai a casa tu? Chi ti ci ha chiamato?

Le catechesi te le tieni e ti pasci. Contento te!

...lasciati un solo account e gli altri che ti sei fatto x alimentare questo sito abbandonali... fai più bella figura!!!

se così fosse, non faccio altro che continuare a scrivermi da solo :))

mic ha detto...

E' quello che penso anch'io... aggiungerei solo la parole "pensare" tra "pazzesco," e "che".

dire "E' pazzesco "pensare" che..." non cambia il fatto che sia pazzesco davvero, perché lo è non è solo un pensiero peregrino.
Le testimonianze e tutto il resto che abbiamo vissuto anche noi, non ce lo siamo inventato.
Quello che fa scandalo e desta sconcerto non è l'approvazione, ma il "come" e con una resa totale della chiesa ai desiderata di k
Non mi piace dire queste codse, ma è quello che vedo... se tra qualche giorno succederà qualcosa di diverso mi ricrederò.
Mi ha colpito una parola del Papa a Brindisi. "Il Bene vince sulla furbizia"... e questo non so quando, ma è quello che succederà

mic ha detto...

In realtà l'ha detto pubblicamente e subito. Atteggiamento piuttosto stupido.

altrettanto 'stupido', Giudamaccabeo è l'atteggiamento di chi glielo consente, perché dietro a quei 'gesti' c'è mancanza di rispetto nei confronti di Qualcuno, perché è di Lui che stiamo parlando, non di una forma migliore o peggiore piuttosto che un'altra...

mic ha detto...

sempre per Giudamaccabeo

secondo c'è un aspetto di 'recessione' nel Cammino?

giudamaccabeo ha detto...

mic:
"secondo c'è un aspetto di 'recessione' nel Cammino?"

Dipende da cosa intendi per recessione. Personalmente noto che da diversi anni nelle convivenze regionali si dà ampio spazio all'aspetto "auto-incensatorio"; tanto per intenderci viene proposta la visione di un video relativo all'ultimo incontro giovani o cose simili con le chiamate ai giovani. Analogamente si fanno tante parole sulle famiglie in missione, ma come ho detto di solito non vengono pubblicizzati affatto gli insuccessi, che per es. nella parrocchia accanto sono del 100%.
Anzi si arriva all'assurdo che alcuni fratelli di quella parrocchia con cui ho parlato non sapevano neanche che fossero tornati definitivamente. Pensavano che le coppie in questione fossero tornati per uno dei periodici passaggi.

Seby ha detto...

In questi giorni sono molto impegnato tra famiglia, parrocchia e lavoro.
Io attendo di leggere questi statuti, certo, trovo strano che la volontà del papa sia cambiata dal 2006 ad oggi circa l'eucarestia del CNC.
Se poi, come si dice, verranno pubblicati i testi delle catechesi di Kiko e Carmen, bhe bisogna vedere se sono stati corretti e in che modo e se sono le catechesi che si fanno nelle comunità.
Per il resto non so che dire!
Vedremo...

Massimo ha detto...

Massimo, la mostruosita' la dicie tu, disquisendo sulla infallibilita' del Papa per una atto legislativo.

Sei in malafede o sei iignorante?

Non e' un Dogma uno Statuto.

E se continui su questo tono, saro' li' sempre a fare vedere a tutti la malafede o l'ignoranza crassa di chi inventa materia di infallibilita' uno Statuto che oltretutto dimostri di non avere letto perche' non e' una approvazione di verita' catechetiche diverse, non e' un dire che fino ad ora la Chiesa aveva proclamato errori nella Dottrina e ora si corregge.

Se in malafede o magari, meglio, e meno grave, sei solo un profondo ignorante e presuntuoso.


Eh no, qua l'ignorante non sono io, perchè c'avete dato degli ignoranti e settari a tutti fino a oggi permettendovi di dire che il Papa non avrebbe mai approvato gli statuti, e che se non erano ancora stati approvati era perchè non era una cosa giusta, e ora dite che IL PAPA HA DELUSO LE ASPETTATIVE DEI CATTOLICI!

Ma allora riguardatevi un po' voi, che io sarò pure ignorante teologicamente ma se non altro sono COERENTE, cosa che non si può dire certo di voi, presuntuosi nel parlare e nel continuare a chiamare sto pertugio VERITA' SUL CAMMINO NEOCATECUMENALE.

E poi non ho mai detto che la Chiesa aveva sbagliato e ora si sta correggendo, ho SOLO detto che non credeva nessuno che gli statuti sarebbero stati approvati e ora che finalmente sono stati approvati vi aggrappate a qualsiasi cosa pur di dire che anche ora avete ragione!

Chi è il presuntuoso?
Significato del termine:
che, chi nutre eccessiva e infondata fiducia nelle proprie doti, risorse o capacità.
E mi pare che c'avete mangiato parecchio sul fatto che gli statuti non erano ancora stati approvati ed eravamo nel torto!

ps. Mi faccio solo i nervi fradici a parlare con gente che nella sua boriosità insulta così gratuitamente.
E ripeto che di teologia non ne so niente, ma mi diceva tempo fa il parroco: quando pensi di essere arrivato perchè hai studiato le scritture e conosci la parola di Dio sappi che sei ancora molto indietro, perchè anche Satana conosce le scritture e la parola di Dio.

Preferisco viverla nella mia vita la parola di Dio, senza offendere nessuno, piuttosto che dare conto e soddisfazione a una manata di eretici!

Massimo ha detto...

Un tale Marco S (sul blog di Tornielli) sostiene di avere partecipato ieri sera ad una liturgia neocatecumenale e di avere osservato come gli stessi obbediscano più a Kiko (come al solito) che al papa prendendo IN PIEDI il pane eucaristico ovvero il corpo di Cristo e SEDUTI il vino ossia il sangue di Cristo.
Spero che nessuno adesso mi venga a dire o a sostenere che i neocatecumenali sono sempre stati obbedienti.

Sai cos'ha detto ieri sera il parroco?
Adesso il cammino non è più un carisma di Kiko, ma è un carisma della Chiesa, e che Kiko è stato soltanto uno strumento nella mani di Dio!
E non immagini certo mentre voi vi fate le budella fradice contro il cammino la felicità che c'è per ora tra i fratelli, felicità che nella vostra superbia di rado potrete gustare, fino a quando proclamandovi portatori di verità vivrete dietro i vostri monitor ad alimentare un blog che in quanto a verità scarseggia un po'...

E continuo a parlare per me dicendo che nella mia diocesi si è stati abbastanza obbedienti, tanto che fino a quando non sarà ail vescovo a dirci come celebrare continueremo senza vino, con l'Eucarestia in processione e senza risonanze.

Massimo ha detto...

E' proprio come succede a scuola.

Anziché bocciare il bulletto delinquente, lo si promuove... per toglierselo dai piedi.

Ma così il bulletto avrà possibilità immensamente più grandi di fare danni.

E tutti gli altri, a scuola, hanno già capito che per essere promossi non c'è bisogno di studiare e sapere, non c'è bisogno di comportarsi bene e ubbidire.

Certo che ci vuole coraggio a paragonare una decisione presa dalla Santa Sede con una decisione scolastica...
Stai tranquillo/a che se ci dovevano bocciare lo facevano, perchè la fede non è uno scherzo, o una cosa che il Papa farebbe finta di approvare per non aver più rotte le scatole...

Massimo ha detto...

Di fronte ad una tale sventurata decisione dei "vertici", addolorato per le conseguenze che pagherà la Chiesa, continuo a chiedermi: ma se l'approvazione dello Statuto era il "male minore"... quale sarà mai il "male maggiore" che si è voluto evitare?
A domanda, risposta:
Il male maggiore è proprio la vostra testardaggine che non si azzarda nemmeno un secondo a far trapelare nella vostra zucca un minimo di buon senso nel farvi riconoscere che qualcuno che sta più in alto di voi ha ritenuto il cammino un bene per la Chiesa e per il mondo intero.

E ora questo "qualcuno" viene trattato qua dentro come una personcina normale che ha commesso un erroruccio... BAH...

ps. la parola di verifica è BOIAGR... che sia adirato anche il generatore di parole? :P

Seby ha detto...

Comunque, personalmente mi rimetto alla volontà del Santo Padre in spirito di obbedienza, ma questo non vuol die che condivida l'esperienza del CNC.
Ripeto, io di fronte alla volontà del Santo Padre non posso obiettare nulla. Sicuramente, come lui stesso ha detto ci sono molti problemi con il CNC vuol dire che avrà trovato il modo di eliminare questi problemi o lameno crede così. Preghiamo la Vergine Maria, madre e protettrice dell'Unità della Chiesa affinché la Chiesa rimanga una!

Massimo ha detto...

In poche parole, il Cammino ha semplicemente comprato l'approvazione.
No, in poche parole vi state comprando un bel posticino al calduccio per l'aldilà con tutte le oscenità che state dicendo...

Certamente non si sono messi d'accordo telefonicamente per inviare al Papa il loro aperto si al cammino...

Massimo ha detto...

E comunque sai già che Kiko, campione della disobbedienza, ha la faccia tosta di annunciare sotterfugi perfino al momento dell'annuncio dello Statuto (per esempio, dopo un breve periodo di comunione "metà in piedi e metà seduti", dirà che ci si può sedere per tutto il tempo).
Anche tu nipotino di Vanna Marchi o qua dentro avete tutti il dono di predire il futuro?

Seby ha detto...

http://win.catechista.it/cartelladisicurezza/Loreto2007/materiali/Sequenza%2001.wmv

Massimo ha detto...

E' assurdo, illogico, pazzesco, che una "approvazione definitiva" si avvenuta IGNORANDO almeno 2 congregazioni, la Volontà di un Pontefice e la sofferenza della gente.
Non mi pare che al Pontefice sia stata puntata un'arma da fuoco contro, sennò lo si sarebbe fatto allo scadere dei 5 anni.
Mi pare che ha detto di avere preso più tempo, l'ha preso, ha cambiato cosa c'era da cambiare e ha firmato con la sua mano gli statuti.

Non vedo tutta questa forzatura.
Il fatto è che qua dentro risolvete gli enigmi in una maniera assurda e casualmente sempre con risultati favorevoli a voi che proprio sto Cammino non lo potete vedere.

Pensate invece a quante aspettative sono state colmate: quella di tanti vescovi a favore del cammino e quella dei tanti fratelli stessi del cammino (che per informazione sono parecchi e un po' dislocati in tutto il mondo)

frafra ha detto...

Senta signor Massimo guardi che le persone qua dentro non parlano per "sentito dire" ma parlano per esperienza personale. E se permette l'esperienza personale negativa vale esattamente come quella positiva.

Qui non ci sono calunnie, solo ciò che abbiamo in qualche modo toccato con mano.

Lei fa parte di quelli che dicono "nella mia comunità questo non si fa, quell'altro neppure, ed è tutto perfetto"...beh si rassegni: la maggior parte delle comunità, per non dire tutte, hanno disatteso la lettera di Arintze e credo che disattenderanno anche lo statuto.
Alla maggior parte dei neocatecumenali importava l'approvazione e non il contenuto nè dello statuto nè delle catechesi.

Sono anni che sento dire dai nc che il direttorio è stato approvato, che è tutto a posto...sono tutte menzogne. E' stato approvato uno statuto e non il fondamento teologico su cui si basa. E se permette per me è grave e due domandine (dico due) io me le pongo.
Lei si goda il suo gaudio.

mic ha detto...

Stai tranquillo/a che se ci dovevano bocciare lo facevano, perchè la fede non è uno scherzo, o una cosa che il Papa farebbe finta di approvare per non aver più rotte le scatole...

Sappiamo bene che la fede non è uno scherzo, altrimenti non eravamo qui né prima né adesso...

Il problemma e i conti che non tornano è proprio questo... non ha fatto finta, il Papa, ha approvato davvero o, meglio, ha dato il suo assenso

a condizione della raggiunta unanimità delle Congregazioni, che non è arrivata, ma al traguardo si è giunti lo stesso.

Il perché e il come posso intuirlo ma non posso farlo valere a chi se ne sta servendo per continuare a fare il proprio comodo alla faccia di tanti 'piccoli' che ne stanno pagando le conseguenze

Obietterete: ma sono liberi, perché non escono? perché sono 'piccoli' e perché c'è chi li sa strumentalizzare e nessuno, nella Chiesa sommersa di scartoffie e di trame mercantili, ha saputo ascoltare la loro voce.

E' così o no, Responsabile, se ci sei ancora?
Non sai quanto ti penso e ti capisco come capisco come tutti quelli come te che penso siano più di quanto non immaginiamo.

Quanto a Giudamaccabeo che dice che K se continua a disubbidire si rovina da solo, mi viene da chiedergli: ma, insieme a lui, annche tu e tutti gli altri continuate a disubbidire (ora ai nuovi statuti art.13).
Sul resto stendiamo un velo pietoso

giudamaccabeo ha detto...

mic:
"che dice che K se continua a disubbidire si rovina da solo, mi viene da chiedergli: ma, insieme a lui, annche tu e tutti gli altri continuate a disubbidire (ora ai nuovi statuti art.13)."

Sai, io alle persone l'ho detto e lo dico (sentendomi dire di tutto) ma mica posso obbligare il presbitero a far stare tutti in piedi per tutto il tempo.

"Sul resto stendiamo un velo pietoso"

E invece è proprio il resto (fallimenti delle famiglie in missione) ad essere la cosa brutta.

mic ha detto...

Sai, io alle persone l'ho detto e lo dico (sentendomi dire di tutto) ma mica posso obbligare il presbitero a far stare tutti in piedi per tutto il tempo.

e nemmeno puoi obbligare il presbitero a insegnare a inginocchiarsi durante la Consacrazione, dato che si fa Presente il Signore a cui dovrebbe aver dedicato la sua vita. Vero?
Ma siamo sicuri che è quello il suo signore? perchè la domanda, scusa, viene proprio spontanea

mic ha detto...

E invece è proprio il resto (fallimenti delle famiglie in missione) ad essere la cosa brutta.

forse l'altra cosa brutta, a parte il dolore e la sofferenza di tanti su cui c'è chi non ha scusanti (anche nella Chiesa!), è anche il dichiarato fenomeno della esigua proliferazione di nuove comunità...
Forse la Chiesa non ha visto bene i segni ed è ancora abbagliata dai numeri che gli hanno sbattuto sotto il naso fino ad oggi

mic ha detto...

Sai, io alle persone l'ho detto e lo dico (sentendomi dire di tutto) ma mica posso obbligare il presbitero a far stare tutti in piedi per tutto il tempo.

mi sai spiegare perché i presbiteri in primis e gli altri che a parole idolatrano il Papa che li "ha approvati" obbediscono a Kiko anziché al Papa? Potresti provare a chiederglielo?

Non ti ascolterebbero lo stesso, ma almeno la domanda, soprattutto i presbiteri, sarebbero costretti a porsela

nunc dimittis ha detto...

BATTAGLIE BUONE E BATTAGLIE INUTILI

Mic:

"Quello che fa scandalo e desta sconcerto non è l'approvazione, ma il "come" e con una resa totale della chiesa ai desiderata di k"

Vedi Mic, io penso che parte dello sconcerto tuo, di Stephanos, Newgold, Michela e molti altri partecipanti di questo blog di fronte all'approvazione e al modo netto con cui e' avvenuta derivi dall'avere in questi mesi guardato un altro film. La trama di questo film faceva immaginare lotte ciclopiche all'interno della Santa Sede con il Papa che lottava fieramente contro la deriva modernista della Curia ma che certamente non si sarebbe lasciato intimidire. Di fronte alla lettera di Arinze, Kiko avrebbe cominciato una campagna di disobbedienza, un vero e proprio braccio di ferro...
Poi Kiko avrebbe cominciato a lanciare proclami di approvazione, nel tentativo di nascondere la realta' ben diversa di un Cammino che stava per essere schiacciato (vedi articoli di Barile su Papanews). Il raduno di cardinali e vescovi in Terra Santa era parte di questo scontro epico... La logica conclusione di questa sceneggiatura era una presa di posizione decisa da parte del Papa, che avrebbe posto fine agli abusi e avrebbe salvato il salvabile con statuti radicalmente diversi da quelli approvati nel 2002.

Di fronte a questa trama, e' ovvio che questa approvazione -- e il testo degli statuti -- arrivino come una doccia fredda e sorprendente.

Ma e' tutto molto meno sorprendente per chi non si e' fatto incantare dai "dietroquintismi" di Barile e si e' atteso alle parole ufficiali che sono venute dal Papa in questi anni.

Io ho sempre tenuto presente quelle parole del Papa pronunciate ai parroci di Roma qualche tempo fa, in cui parlava del cammino e diceva che c'erano difficolta' ma che queste ci sono sempre quando i carismi si devono inserire nella Chiesa e faceva l'esempio di San Francesco e di come sia stato difficile all'inizio inserirlo nella Chiesa. Diceva anche che la prima regola in questo caso era non spegnere i carismi...
Mi sono chiesto con meraviglia come di fronte a queste parole tanto chiare voi abbiate potuto coltivare illusioni di una volonta' del Santo Padre di sopprimere il Cammino. In quei tempi, da anonimo, avevo tentato di "postare" queste parole del Papa sul blog, nella speranza che se ne potesse discutere serenamente... con mia estrema sorpresa, il mio post fu semplicemente cancellato! Io penso che ascoltare un po' di piu' le cose che molti di noi vi hanno detto, chi con rabbia, chi con ironia, chi con pacatezza e chi con passione fraterna, invece di minacciarci continuamente di bannamento e ripeterci che eravate stufi di sentire sempre gli stessi slogan, vi avrebbe aiutato a capire meglio quello che stava succedendo nel mondo reale, anziche' rifugiarvi in indizi oscuri qua e la' (braccia in conserte, croci rovesciate, facce di Kiko nei suoi dipinti...) che confermassero la vostra trama immaginata...

Ora leggo questo post di gert delle 11:54 e mi intristisco un po': due giorni dopo l'approvazione, invece che affrontare la realta' per quello che e' e ripartire da li', gia' riaffiorano i fantavaticanismi piu' improbabili, fantavaticanismi di consolazione...

Mi appello a te, Mic, che mi sembra che sei tra i meno avulsi dalla realta' contingente e tra i piu' pronti ad ammettere che una fase si e' chiusa e se ne apre un'altra, mi appello a te, dicevo, perche' tu dia di tanto in tanto una parola a questi tuoi fratelli nella fede, per aiutarli a uscire dalla loro voglia di vendetta nei confronti del Cammino, dalla loro rabbia che acceca e non consente loro di vedere piu' la realta', dalla loro immaginazione fertile che a volte confina con la perdita di senno.

Mi rendo conto che quando una battaglia finisce, c'e' ancora tanta adrenalina che circola, e si reagisce spesso con un "sense of denial" -- il tentativo di negare l'evidenza. Il resto e' allora di continuare a combattere con nemici immaginari quando quelli reali hanno perso interesse e se ne sono andati tutti, uno dopo l'altro (ebbene si', per precedere la tua domanda: con questo messaggio me ne andro' anch'io).

Anch'io vorrei dare a queste persone una parola a questi fratelli, una parola che ovviamente rimarra' inascoltata: nella Chiesa ci sono molto carismi, e ce n'e' certamente uno che il Signore ha preparato per voi. Non so quale sia, certamente voi non l'avete ancora accolto altrimenti pensereste meno al Cammino e piu' tempo per esplorare questo dono. Ma sono sicuro che non appena smetterete di pensare al Cammino e seguirete il nuovo percorso che Dio ha pensato per voi (certamente Dio non vi ha lasciato soli dopo che avete deciso di uscire dal Cammino!), starete molto meglio e avrete piu' gioia e meno indignazione per quello che la Chiesa e' oggi. Non importa se avete le vostre ragioni o no. E' un lavoro ingrato e adesso, dopo l'approvazione, anche un po' stupido, per noi "piccoli" mettersi a combattere i carismi che crediamo non genuini: molto, molto piu' fruttuoso, per la nostra vita, vivere quello che crediamo genuino -- la nostra normale vita di parrocchia, ad esempio -- fino in fondo, con serenita'. Vedrete che il bisogno di sindacare sul cammino degli altri scomparira' a poco a poco...

In una parola, combattete la buona battaglia, e vedrete che avrete meno bisogno di ombattere quelle inutili, per le quali nessuno vi ha arruolato.

"My frank advice is that there are some battles really worth fighting, and some battles really, really not worth fighting. I would say to you, get on the right side of that line. Some things arise in a certain way, and you are best to do the sensible thing. Do you know what I mean?" (Tony Blair, rispondendo al chairman della British Airways, che aveva licenziato un'impiegata del check-in perche' indossava una croce... va beh e' lunga da raccontare, ma leggetevi la vicenda, aiuta a capire cosa succede quando le regole di un'istituzione vengono usate come arma per sopprimere quello che non piace anziche' con buon senso).


Nunc dimittis servum tuum, Domine, secundum verbum tuum in pace:
Quia viderunt oculi mei salutare tuum
Quod parasti ante faciem omnium populorum:
Lumen ad revelationem gentium, et gloriam plebis tuae Israel.

giudamaccabeo ha detto...

mic : "forse l'altra cosa brutta, a parte il dolore e la sofferenza di tanti su cui c'è chi non ha scusanti (anche nella Chiesa!), è anche il dichiarato fenomeno della esigua proliferazione di nuove comunità..."

Infatti avevo parlato di 2 cose: famiglie in missione e catechesi.

alessandra ha detto...

mi sembra di essere ad una veglia funebre ...Io penso che nulla sia morto,ma che qualcosa sia stato confermato,nella chiesa...Tutti i cattolici membri di un unico corpo depositari di un unica missione essere un popolo di sacerdoti per il nosrtoDio essere sale luce lievito per le genti,così come anche la liturgia odierna dice a chiare lettere

kirikiki' ha detto...

mi sembra di essere ad una veglia funebre ...Io penso che nulla sia morto,ma che qualcosa sia stato confermato,nella chiesa...Tutti i cattolici membri di un unico corpo depositari di un unica missione essere un popolo di sacerdoti per il nosrtoDio essere sale luce lievito per le genti,così come anche la liturgia odierna dice a chiare lettere

15 giugno, 2008 17:47

disse alessandra nel paese delle meraviglie!

mic ha detto...

Vedi Mic, io penso che parte dello sconcerto tuo, di Stephanos, Newgold, Michela e molti altri partecipanti di questo blog di fronte all'approvazione e al modo netto con cui e' avvenuta derivi dall'avere in questi mesi guardato un altro film.

non abbiamo guardato un altro film!
chi ha scritto il copione, alla fine ha creato un finale a sorpresa... vedi, noi abbiamo combattuto una buona battaglia e non lo abbiamo fatto per vincere o per ottenere dei risultati, ma solo perché convinti che era quello che c'era da fare e forse non ci sarà dato vederne i frutti, che sono nelle mani di Dio

Ma quello che è accaduto nella Chiesa, almeno secondo quanto è dato vedere da quel che appare oggi, se non nterverranno elementi nuovi, ha superato ogni possibile timore... non che mi aspettassi che il cammino venisse abolito, non era questo l'obiettivo; ma che le storture che c'erano e che ci sono ancora fossero in qualche modo identificate e corrette.

Questo, ripeto, non perché noi avessimo una percezione errata della realtà, ma perché certi "giochi" sono più grandi di noi...

Tuttavia, al di là di questo risultato, che non può essere una sconfitta perché non ci si aspettava nessuna vittoria (tipo abolizione del cammino, per esempio), c'è una realtà da cui ripartire con fiducia nel Signore, perché la Storia è nella Sue mani

mic ha detto...

come fai a sapere che nessuno ci ha arruolato?

Intanto ci siamo 'trovati' a combattere quando avevamo iniziato col fare un'altra cosa: informare e basta...

Il senso alla nostra esperienza non sta in quello che tu vuoi credere o farci o far credere che sia, ma in quello che E' agli occhi del Signore

Puoi dire tutte le cose che vuoi, ma non ci toccano, perché non abbiamo niente da perdere o da guadagnare, ma solo tutto da vivere...

mic ha detto...

et gloriam plebis tuae Israel.

tutto dipende di quale Israele parli

mic ha detto...

aiuta a capire cosa succede quando le regole di un'istituzione vengono usate come arma per sopprimere quello che non piace anziche' con buon senso).

Diverse espressioni inadeguate, "nunc dimmittis", vuoi vedere che ti tocca tornare? ma non prendermi alla lettera ;)

1. "regole di un'Istituzione": non credo che il Magistero, ma soprattutto la Fede Viva da noi espresse possano essere definite semplici regole. Inoltre ti faccio notare che la Chiesa, al di là della sua Istituzione (Divina) è il Corpo Mistico di Cristo

2. "usate come arma per sopprimere"
Noi non abbiamo 'usato' né 'usiamo' nulla, esprimiamo quello in cui crediamo e siamo

3. "arma", poi, mi sembra eccessivo perché la Verità (non posseduta ma 'mostrata' per quel che è dato consocerne) non è un'arma, è e basta...

4 "sopprimere" eccessivo: nessuno voleva sopprimere, semmai ingenuamente correggere...

5. quello che "non piace". Non è questione di 'gusti', caro mio: questione di 'estraneità', di un'"altra" fede...

6. "Buon senso". In circostanze ed in una questione come questa parlare di buo9n senso oltre che inadeguato mi sembra improprio

ah ah ah ah ah ha detto...

Che figo vedere come vi fa girare le palle questa approvazione...
ah ah ah ah ah

frafra ha detto...

Mic intanto vi porto i saluti di Gherardo. Sta bene e a giorni dovrebbe ricomparire sul blog.

L'approvazione in questi termini ci getta nella perplessità, nell'incertezza, nella confusione. Nel rischio di fare parte di una Chiesa e di stentare a riconoscerla. Credo tuttavia che il lavoro fatto fin'ora sia tutt'altro che inutile.
Ci siamo ritrovati in modo casuale a combattere uniti per ciò in cui crediamo ancora oggi.

Non ci rimane che continuare a seguire la vicenda. Già ci sono i primi segnali di disobbedienza al nuovo statuto: la comunione viene fatta per metà in piedi e per metà seduti. Prima o poi si dovrà ammettere l'evidenza.
Coraggio...

La pulce ha detto...

LA GEOMETRIA E LA GEOGRAFIA DELLA NUEVA IGLESIA NEOCAT


Al terzo giorno della nuova era della Nueva Iglesia Neocat, come era stato preofetizzato da molti anni dal senor Kirikus, Dona Carmenita ,el mismo Senor Kirikus e Mister Presbyterus( ibn libera uwscita dal suo romitorio) stamane hanno presentato alla stampa su due semplici foglietti riprodotti in migliaia di copie la geometria,la geografia e la teologia della nueva iglesia:


LA GEOMETRIA ( A cura di Dona Carmenita):

Immazinate una grandissima piramide:

-le fondazioni si ottengono con tutti i materiali di risulta delle parrocchie;

-i mattoni sono le zellule neocat;

-ogni tot di zellule neocat forma un blocco, zioè un catacumbenium;

-via via che si sale i catacumbenia minora lasciano il posto ai catacumbenia maiora;

-al vertize c'è il catacumbenium per ezzellenza, zioè la Domus Aurea;

- sopra el vertize z'è lui, El Kirikus che reca sul capo una mitria triangolare.

_____________

LA GEOGRAFIA( A cura del seor Kirikus)

Nella nueva Iglesia Nocat todo el mundo es un alvear operosso:

-tutte le api danno miele e suonano la guitara;

-l'ape reina es Dona Carmenita;

- ma in capo al vertize de l'alvear y esta siempe El Kirikus!



LA TEOLOGIA (A cura di Mister Presbyterus):

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

frafra ha detto...

bravo pulce! Mi hai strappato un sorrisone.

Sniper Team at rally point ha detto...

NON UN PASSO INDIETRO!!!!!

mic ha detto...

Che figo vedere come vi fa girare le palle questa approvazione...
ah ah ah ah ah


l'unico che non ha capito niente di tutta la vicenda!

Sniper Team at rally point ha detto...

NON UN PASSO INDIETRO


Come a Stalingrado,

come a Mindanao,

come a Bagdad,

come a Kabul,

come in ogni altro teatro di guerra ai confini del mondo: nel cuore della giungla piuttosto che nelle pianure desertiche o nelle megalopoli contro gli infedeli, contro gli eretici non un passo indietro!

ah ah ah ah ah ha detto...

mic ha detto...
l'unico che non ha capito niente di tutta la vicenda!

Tu invece hai capito tutto, vero?

by Tripudio ha detto...

Il fatto che tanti neocatecumenali vengano ancora su questo blog a blaterare ed imprecare, è indice che nel loro cuore non alberga la gioia sincera.

In passato, chi aveva ricevuto un riconoscimento dalla Santa Sede, era solitamente impegnato a piangere di gioia e a pregare per ringraziare per il dono ricevuto.

Per i neocatecumenali evidentemente non è così.

Nel cuore dei neocatecumenali c'è il fondato sospetto che il riconoscimento di quel Pontificio Consiglio non è stato esattamente un dono.

Nel loro cuore alberga il fondato sospetto che quel Pontificio Consiglio, anziché "consigliare il pontefice", abbia agito di testa propria.

I neocatecumenali che hanno un minimo di intelligenza, sanno bene di essere in un Cammino che difende gelosamente e propina instancabilmente un cumulo di errori dottrinali e liturgici (per non parlare di tutto il resto).

Il marciume che si portano dentro, risuona continuamente dalle loro parole: dal primo giorno che è stato aperto questo blog, usano sempre gli stessi toni, la stessa rapacità, la stessa arroganza, gli stessi trucchetti verbali, le stesse astuzie oratorie.

Il 29 aprile il Papa diceva ai vescovi giapponesi di non aver approvato nessuno Statuto.

Ciononostante, in quegli stessi giorni giunge al Pontificio Consiglio per i Laici una "decisa presa di posizione" (?) di un po' di vescovi abbindolati o comprati dal Cammino.

Apro una parentesi per ricordare che la stessa Carmen Hernández, nel 2002, si era lasciata scappare la frase: "Questo Pontificio Consiglio avrà un futuro immenso, se appoggerà il Cammino Neocatecumenale".

Chissà se anche nel discorso di quest'anno avrà sparato qualche affermazione del genere, lei, che è stata capace di interrompere il Papa mentre parlava (caso forse unico nella storia della Chiesa cattolica).

Dunque, già nel 2002, i vertici neocatecumenali consideravano quello stesso Pontificio Consiglio per i Laici non come un maestro cui obbedire per adeguarsi a ciò che desidera il Papa... ma come un partner di una qualche operazione politica-commerciale, addirittura minacciabile in stile mafioso come ha fatto la Carmen con le parole appena citate.

Insomma, tutti gli indizi convergono:

- prima avete estorto un "riconoscimento" ad un Pontificio Consiglio

- poi andate in giro dicendo che "la Santa Sede" vi approva

- quindi venite qui a riversare il vostro veleno contro chi vi ricorda queste cose così ovvie, così evidenti.

Voialtri neocatecumenali preferite le tenebre alla luce.

Se le critiche al Cammino fossero infondate, ci ridereste su e le ignorereste.

Invece avete continuamente bisogno di correre qui a dire (inventare) la vostra, a spargere il fiele che trabocca dai vostri cuori, a insultare chi rende evidente la verità.

Avete sempre l'urgente necessità di correre qui a confondere le acque, a cantare vittoria come se fosse in gioco la coppa UEFA anziché la fede.

Sembrate proprio quel genere di persone che hanno la coscienza sporca, ma sentono continuamente il bisogno di urlare a tutti di averla pulita.

Il Cammino Neocatecumenale è fondato sulla menzogna: anche col tanto agognato "riconoscimento" di venerdì scorso, avete l'impellente necessità di correre qui a sbrodolare le vostre acrobatiche "interpretazioni", le vostre misere giustificazioni, le vostre solite farneticazioni.

Del resto, è proprio ciò che ha fatto Kiko venerdì con la sua lingua biforcuta: da un lato ringrazia il Papa, dall'altro dichiara che gli disobbedirà anche e soprattutto sulla liturgia.

Piscis a capite foetet, il pesce puzza dalla testa. E se quella è la testa, come meravigliarsi del comportamento di voialtri neocatecumenali?