venerdì 3 dicembre 2010

Non c'è limite alla menzogna e alla strumentalizzazione

Pubblico la lettera che segue perché in questo caso usare la noncuranza sarebbe grave oltraggio alla verità, lasciando senza rettifica le artate e distorte dichiarazioni che fanno circolare sulla rete.

Purtroppo il cammino non è nuovo a tecniche di informazioni manipolate. E, visto che se ne parla, guardate il blog parassita, condotto con accuse insulti e scorrettezze anche feroci; menzogne ripetutamente smascherate e più volte smontate con documenti e argomenti di ragione, ma ripetute ad oltranza e sfrontatamente riproposte come se avessimo parlato al vento; dichiarazioni monche che fanno apparire solo una parte delle questioni dibattute... è così che funziona e che fa presa il cammino...

Ed ora chissà perché hanno tirato fuori la questione del Giappone e di Takamatsu, che chi è interessato può leggere dal link, risalendo anche ai precedenti, che riporta a documenti ufficiali della Conferenza Episcopale Giapponese, d'accordo col Papa sulla chiusura del seminario sventata il giorno prima dell'evento da Bertone che interviene come Deus ex machina ribaltando la situazione... i vescovi giapponesi non hanno accettato, ricorrendo nuovamente al Papa. Ragion per cui i nostri sono stati costretti a chiudere il Seminario ma, per non abolirlo, lo hanno trasferito a Roma col consenso della Segreteria di Stato: ed è rimasto Roma/ Takamtsu per il Giappone. Ora chissà per quale motivo la questione viene presentata in tutt'altri termini, al solito menzogneri e manipolati ad usum cammini. Ed ecco la lettera:
Cara Maria,
è tanto che non lascio commenti sul blog, ma lo seguo sempre con molta attenzione. Innanzitutto vorrei raccontarti una cosa. [...] fatti interni di comunità che mi astengo dal divulgare per garantire la privacy di chi scrive.

Ma non è questo il motivo per cui ti scrivo.
So benissimo che non dovrei andare a guardare "l'altro blog", ma poco fa ci ho fatto una capatina per il fatto del direttorio catechetico che (a detta loro) sarebbe stato consegnato (ovviamente in segreto, perchè le cose nella nuova chiesa si fanno così). Insomma ci ho cliccato su e cosa ti vedo? Ti ricordi l'episodio del seminario di Takamatsu? Bene: l'intera conferenza Episcopale Giapponese avrebbe pubblicato un documento in cui si vieterebbe ogni attività CNC per 5 anni.

"Ovviamente" la Santa Sede (con il Papa in prima persona) è intervenuta dicendo che "la conferenza Episcopale non può fare una cosa del genere" (!?) e che quest'ultima è stata convocata in riunione urgente il 13 dicembre prox a Roma per risolvere la questione. Ti tralascio la preghiera che tutti gli NC sono invitati a recitare (dove si parla delle forze del male che bloccano la Chiesa, ovvero il cammino)

Ora io ho cercato questo documento (la conferenza Episcopale Giapponese ha un sito), ma non l'ho trovato. Io mi sono fatta una personale idea: secondo me è una bufala. Le visite "ad limina" sono concordate da anni, vuoi vedere che il 13 dicembre tocca proprio ai giapponesi?

Non parliamo poi del fatto che la Conferenza Episcopale non ha i poteri per fare una cosa simile. Ma il Cammino non è al servizio del vescovo? Quindi se il vescovo dice che non li vuole dovrebbero ubbidire o no? Questa frase poi mi ha gelato (proferita dal signor catechista che, in malafede, ha chiamato P....). "Oltretutto la personalità giuridica pubblica del Cammino fa si che esso rappresenti la Chiesa non se stesso." Quindi il cammino è la Chiesa e se i vescovi non lo vogliono "disubbidiscono al Papa" Vuoi vedere che abbiamo a che fare con uno scisma bello e buono? Scusa la battuta, ma era per non piangere...

Cmq vedi di capire come stanno le cose (questo documento esiste o non esiste?)
Buon lavoro, (firma)
______________________
Carissima amica e carissimi tutti,
mi sembra di rivivere un deja vu, come nell'imminenza dell'approvazione degli statuti, quando li davano per approvati e ancora non lo erano... Per quanto riguarda il Direttorio, non mi meraviglierei di vederlo approvato, conoscendo potere, agganci e il diffuso modernismo della Curia, che non è certo a favore né della Verità né della Tradizione che la custodisce e la trasmette. Naturalmente sembrerebbe impensabile un'approvazione nella stesura che corrisponde alla "tradizione orale" corrente, perché davvero non è cattolicamente commestibile... e non siamo noi a dirlo, ma illustri teologi e sacerdoti. Tuttavia:
  1. se li pubblicassero così come sono nella "tradizione orale" corrente, gli adepti potrebbero vedere in anticipo tutto quanto di solito DEVE rimanere segreto; il che risulta altamente improbabile, ma verrebbero sbandierati come grimaldello al pari dello statuto
  2. se li pubblicassero, come è possibile, addomesticati, gli adepti potrebbero riconoscere le difformità tra quel che succede e quel che è davvero autorizzato. Ma, nello stesso tempo, nessuno dall'esterno avrebbe la possibilità di verificarne il rispetto, data l'inesorabile blindatura del cammino.
  3. questa seconda ipotesi forse servirebbe a poco lo stesso, perché troverebbero il modo di motivare i loro comportamenti difformi, tanto è forte il potere di coinvolgimento e la capacità di persuasione della comunicazione interna e della famosa "tradizione orale"...
  4. Non dimentichiamo che nelle librerie cominciano a circolare le nuove Pastorali diocesane, che purtroppo riportano pari pari linguaggi e prassi del cammino, che stanno fagocitando le pastorali di molte se non tutte le diocesi.
In ogni caso ci teniamo almeno a smentire la questione del Giappone, così sgradevolmente falsificata... Ma al di là di tutto, si può davvero pensare che chi ha bisogno di inganni, sotterfugi e strategie manipolatorie (che spaccia per carìsmi) per aumentare i consensi o raggiungere i suoi obiettivi può essere una realtà positiva?

33 commenti:

Mic ha detto...

Non dimentichiamo che nelle librerie cominciano a circolare le nuove Pastorali diocesane, che purtroppo riportano pari pari linguaggi e prassi del cammino, che stanno fagocitando le pastorali di molte se non tutte le diocesi.

ovvio che questi testi, che ormai diventano testi ufficiali della Chiesa, non riportano i contenuti delle tappe iniziatiche, ma solo l'ossatura della pastorale neocat, divenuta, ahinoi, pastorale diocesana.

questo significa che chi si iscriverà per le catechesi sacramentali verrà automaticamente coivolto nel cammino insieme alla famiglia

Francesco ha detto...

La contraddizione di fondo una delle tantissime) di cui è intrisa la falsa notizia dei vescovi giapponesi che blindano il cammino per 5 anni in Giappone e del Papa che li avrebbe convocati a Roma per dare delle bacchettate sulle nocche delle loro dita, è facilissimamente reperibile all'interno dello statuto neocatecumenale (brandito come una clava quando si tratta di difendere il cammino, inspiegabilmente dimenticato quando si tratta di girargli inrorno). Lo statuto infattio prevede che il Cammino Neocatecumenale è AL SERVIZIO dei vescovi, i quali hanno autonom,ia assoluta di scelta su di esso e sulla sua operatività.
La Santa Sede dunque, con tutto il rispetto, a norma di Statuto, non ha giurisdizione alcuna sull'operato dei vescovi in questo senso nè, tantomeno, di bacchettarli per questo motivo ( ci mancherebbe altro)!

Se i parassiti dell'altro blog sono giunti dal affermare questo dovrebbero come minimo VERGOGNARSI, aavendo tendenziosamente presentato dei vescovi di Santa Romana Chiesa come degli strumentu diabolici meritevoli di presunte ( e quanto mai improbabili) scolacciate pontifici.
SAREBBE RIDICOLO, SE NON FOSSE TRAGICO!

Mic ha detto...

Carissimi

leggete qui

come vedete, se non è una 'sola, ma non lo credo, Kiko dà per certa l'approvazione, Ergo:

la crisi della Chiesa ha oltrepassato i livelli di guardia e ci troveremo sempre di più in un'"altra" chiesa

meno male che il Signore sta costruendo le sue fortezze

Mic ha detto...

All’interno del Direttorio catechistico ci sono le diverse celebrazioni: del primo scrutinio, della traditio, della redditio simboli, ecc. Dottrinalmente tutto è approvato.

non nomina l'abominevole II scrutinio: lapsus calami o vere modifiche?

non potremo mai saperlo se non pubblicheranno. E, se davvero ci sono stati dei cambiamenti e il tutto verrà reso pubblico... ma inutile fare congetture. Aspettiamo e vedremo

aleCT ha detto...

Effettivamente quel "lapsus" fa pensare...

A questo punto direi di aspettare e vedere come va a finire.

Andando OT: guardate questo video (recentissimo)

http://www.youtube.com/watch?v=Zw9enWjcnUY&feature=related

Ma la comunione non doveva essere fatta in piedi? Vedete gente in piedi oltre i sacerdoti?

Mic ha detto...

Il video è dell'ottobre scorso, a Garda:
guardate la comunione seduti (e gli statuti?)

gli unici in piedi sono i ministri che stanno passando col calice...

l'abuso non è tanto nella 'forma', ma nella banalizzazione e nella mancanza di rispetto e di Adorazione per il Signore e nel totale spregio di quanto sancito dagli statuti :(

vi dice niente la raccolta delle offerte nel sacco nero?

aleCT ha detto...

Io ho provato a commentare il video. E' in attesa di approvazione. Vediamo che succede.

Tornando in topic: a quanto pare il documento risalirebbe al 28/11

Sto provando a vedere nei siti delle singole diocesi (ma non sapendo il giapponese è un pò arduo)
Insomma mi piacerebbe avere una fonte per tutti senza tutta questa segretezza?

Cmq sia è assolutamente ridicola la motivazione che "la conferenza Episcopale non abbia il diritto" di fare una cosa del genere.
Suppongo che nella conferenza episcopale ci sia anche il vescovo di Takamatsu. E quindi è palese che:

1) se il vescovo non vuole il cammino o il seminario è liberissimo di farlo (e questo lo dicono anche gli statuti quando affermano che il Cammino "è al servizio del vescovo")

2) Se (e sottolineo se) tutta la conferenza Episcopale è deciso una cosa del genere vuol dire che è evidentemente, non solo ogni vescovo ha deciso che nella SUA diocesi, il cammino non lo vuole e nel contempo è una dichiarazione forte ed una presa di posizione netta.

Io aspetto riposte...

Mic ha detto...

Qui potete leggere una precedente testimonianza di Alect

Mic ha detto...

Cara Alect,
dai documenti linkati dall'articolo si può risalire ai dati ufficiali del sito della conferenza episcopale giapponese

questo è il link ultimo
http://www.cbcj.catholic.jp/eng/jcn/apr2009.htm#2

successivamente non mi pare che abbiano pubblicato qualcosa né del tenore né dell'attualità che vogliono dare i neocat
http://www.cbcj.catholic.jp/eng

Francesco ha detto...

Il fatto che - come afferma lo stesso Kiko - il sig.Bertone &C abbiano impiegato 5 anni per visionare i vari volumi degli orientamenti di Kiko( che 2 anni fa affermava dunque in modo spudoratamente falso che gli stessi erano stati approvati almeno 5 anni prima) è indicativo che negli stessi capolavori kikiani qualcosa non andava quanto a ortodossia dottrinale.

Spero che non si ricominci adesso con la solita solfa che il Direttorio Catechistico neocatecumenale è buono quanto gli statuti e che bisogna analizzarlo per vedere là dove viene trasgredito ecc. ecc.

IO LO DICHIARO A CHIARE LETTERE: STATUTO E DIRETTORIO CATECHISTICO NEOCATECUMENALE( quest'ultimo, se veramente e scandalosamente approvato) SONO SPECCHIETTI PER LE ALLODOLE E NULLA DI PII', PERICOLOSOMANTE DISGREGANTI E VELENOSI PER L'UNITA' E L'ARMONIA DELLA CHIESA!

Quand'anche le cose che non andavano perchè eterodosse fossero state emendate e corrette prima della stesura definitiva, quella (che si dice) approvata, è un fatto ancora più grave, in quanto si dichiara alla cristianità tutta che anche delle teologie eterodosse nel loro impianto complessivo, se ritoccate qua e là, vengono approvate dalla Chiesa.

LO SCANDALO E' ENORME!!!

Mic ha detto...

Vedi, Francesco, il ritocco qua e là è comunque strano, quando poi non si ha la possibilità di verificare il rispetto dei contenuti approvati e anche se si verificasse? (vedi filmato diffuso senza vergogna della comunione seduti alla faccia degli statuti)

Quanto noi andiamo testimoniando e documentando da anni non è forse una verifica? La prima cosa che mi viene in mente è la blasfema icona della Trinità e quella altrettando blasfema della madonna col Cristo vestito di nero dagli occhi come due abissi neri e l'omega rovesciata (non sto a mettere i link perché ormai queste cose le conoscono tutti!)

e, una volta verificato, chi interviene?

Francesco ha detto...

Noi continuiamo a denunciare, Mic, senza scoraggiarci.
Conforta anzi il fatto che tra noi ci siano parecchi sacerdoti e vescovi che ci confortano con la loro esperienmza e con il loro coraggio.

Poi il Pontificio Consiglio per i laici continui pure la sua subdola azione di disgregazione e di invelenimento dell'ortodossia cattolica.
Ne renderà conto a Dio.

zufolo ha detto...

l'approvazione del direttorio non e' ovviamente una sorpresa per nessuno a parte per voi, in ogni caso non preoccupatevi, stefano elaborera' sicuramente una delle sue teorie per spiegare che l'approvazione del direttorio in pratica e' un modo per condannare le catechesi del cammino. e vedrete che ci sara' qualche nota a pie' di pagina a cui potrete ancora aggrapparvi per sostenere la vostra narrativa.

l'importante, credo, e' non ammettere che fin dall'inizio avete avuto la chiave di lettura sbagliata per tutti gli eventi.

per mal che vada c'e' comunque il rimedio escatologico: alla fine dei tempi, il pontificio consiglio per i laici verra' condannato da Dio per avere consentito celebrazioni con i candelabri ebraici.

z

Freedom ha detto...

Scusate ma impegni di lavoro non mi hanno permesso di essere presente. L'annuncio di Kiko a cui rimanda il link è recente? E se si da dove lo avete tratto? Grazie.

Mic ha detto...

Zufolo,
sai benissimo che questa approvazione non è una sorpresa: l'abbiamo detto più di una volta e l'ho scritto anche qualche post su che prima o poi c'era da aspettarselo. Tuttavia resta da vedere QUALE Direttorio è stato approvato e, soprattutto, se esso sarà reso pubblico.

Possiamo aver avuto una chiave di lettura sbagliata per gli eventi, se ti riferisci all'approvazione o alle approvazioni, perché speravamo, conoscendo la realtà così come l'abbiamo anche documentata (abbiamo sempre sperato fino in fondo), che nella Chiesa certe cose non potessero accadere.

Ma, una volta accadute valutiamo, verifichiamo e eventualmente (come successo finora) abbracciamo la nostra croce, in Cristo Signore e andiamo avanti.

il rimedio escatologico lo lasciamo nelle mani di Dio, quello attuale, purtroppo i suoi Pastori o non lo vedono o lo sottovalutano o se ne infischiano.

Con questo non mettiamo sotto accusa la Chiesa, come dice mentendo, il tuo compagno di consorteria, ma assistiamo impotenti alla crisi epocale che la nostra Chiesa sta attraversando, ne 'scrutiamo' gli aspetti alla luce del Magistero di Sempre: il che ci serve innanzitutto per custodire, dfendere e diffondere una fede retta... puoi anche non crederci, non ci riguarda: ognuno percorre la Via che si è scelto nella libertà che gli è stata donata

Freedom ha detto...

Non so voi ma se la notizia dell'approvazione delle catechesi si rivelasse veritiera io, poichè ritengo questa notizia un obbrobrio chiuderò il mio blog e non mi occuperò mai più di queste vicende...tutto ha un limite!

Mic ha detto...

chiuderò il mio blog e non mi occuperò mai più di queste vicende...tutto ha un limite!

è qello che vogliono, non aspettano altro...
ma resta ancora da vedere COS'E' che la Chiesa ha approvato e che, comunque, nessuno farà loro rispettare

Mic ha detto...

e quando ci dicono con quale autorità criticate la chiesa? Rispondiamo che non critichiamo la Chiesa UNA SANTA - che custodisce una Presenza, dalla quale proviene ogni Grazia e dalla quale attingiamo Fede pensieri e parole -, ma la Chiesa deformata dai falsi profeti e dai cattivi maestri, che il Signore salverà quando e come solo Lui sa... se si lascerà salvare. Perché purtroppo c'è anche chi si incaponisce per la sua strada diversa, che non è la Via, la Verità, la Vita, cioè il Signore Gesù ma solo, purtroppo, una sua deplorevole scimmiottatura

Freedom ha detto...

Come sai Mic sono tutt'altro che sede-vacantista. Però se la Chiesa si mostrerà così cieca da approvare le catechesi eretiche del cammino....beh! Io non la mando giù. Naturalmente parlo a titolo puramente personale. Comunque è uno scandalo che la Chiesa cattolica si faccia complice per interesse di questa setta! Alla povera Alect la chiamano "l'infiltrata"! Ma chi sono questi "la banda della magliana"??? La camorra??? Ma come è possibile che consentano a questa aberrazione di proliferare!!!???

Mic ha detto...

Comunque è uno scandalo che la Chiesa cattolica si faccia complice per interesse di questa setta!

non possiamo dir questo se ancora non sappiamo cos'hanno approvato...

Freedom ha detto...

Infatti, per il momento, è stata pubblicata una notizia senza alcuna fonte, per quello che ne so io. Fatto questo grave e scorretto. Sul sito del cammino non ho trovato niente.

aleCT ha detto...

@ Freedom:
mi hanno chiamata così perchè, equivocando, hanno pensato che fossi NC (Mic aveva usato la Parola Comunità). Ora evidentemente non passa loro neanche per l'anticamera del cervello che esista una comunità che non sia quella NC.

Non ho chiarito solo perchè non ne vedevo l'utilità ai fini della discussione

a.rita ha detto...

"Non so voi ma se la notizia dell'approvazione delle catechesi si rivelasse veritiera io, poichè ritengo questa notizia un obbrobrio chiuderò il mio blog e non mi occuperò mai più di queste vicende...tutto ha un limite!"

Carissimo Free,
(un abbraccio in Cristo, dopo tanto tempo che non ci si sente...)
Innanzitutto, come dice Mic, bisoogna vedere COSA andranno ad approvare, se i manotreti originali - la poltiglia post sessantottina kikiana - oppure i manotreti corretti(non dalla Chiesa ma sempre da Kiko), cioè quelli tenuti insieme dai fogli bucati, tenuti con gli anelli, che loro "intercambiano" a loro comodo, facendo uscire fuori dal cilindro del mago(Kiko) la versione catechetica più adatta "al momento"...oppure, ancora, il famoso "mattone teologico", dato loro IN SOSTITUZIONE TOTALE DEI LORO MANOSCRITTI, quello che Kiko ha rifiutato e - a sua detta - ha provveduto a "far sparire" immediatamente.
Nel terzo caso, ci sarebbe ancora una flebile speranza che la Chiesa avesse agito in modo ortodosso, approvando la versione ricreata da zero come direttorio del Cammino...Ma sia in questo caso che nellla seconda ipotesi, conoscendo Kiko e Company, sappiamo già che l'ortodossia farebbe la stessa fine delll'ingiunzione di ricevere a Comunione in piedi: sarebbe lettera morta ed il Cammino farebbe COMUNQUE come gli pare.
Ma, poichè nell'iniquo statuto per ben undici volte vengono nominati "gli Orientamenti alle equipes dei catechisti" come elemento IRRINUNCIABILE per l'esercizio del "carisma originario" degli Iniziatori, temo proprio che il coosiddetto Direttorio approvato (o in via di approvazione)sia quello originale di Kiko, cioè quello nominato nello statuto.

Beh, sai che ti dico? Tu dici che chiudi il blog? No, Free, bisogna continuare con più forza che mai! Io e Gianluca continueremo con il nostro NON POSSUMUS, e continueremo con la nostra linea che ci differenzia sostanzialmente dalla linea "rispettosa e soft" di questo nostro caro blog...noi continueremo come e più di prima, denunciando a quel punto non più il Cammino, ma la Gerarchia TUTTA di questa Chiesa che, eventualmente dopo questo evento, non avrà più NULLA di cattolico.
E non ci preoccuperemo di certo di pungere la sensibilità di nessuno, poichè per quella Gerarchia che avrà tradito di nuovo Cristo per un piatto di lenticchie, riteniamo non sia dovuto rispetto di alcun tipo. Ciao a tutti.

Emma ha detto...

C`è ben poco da aggiungere a ciò che ha già detto Mic.
Fino a quando quelle catechesi non saranno pubblicate continuerò a considerarle NON approvate.
Questo scandalo dura oramai da più di 40 anni.
Quando saranno pubblicate potremo analizzarne il contenuto.
I neocat potranno, almeno coloro che ancora non sono totalmente condizionati, confrontare ciò che verrà insegnato loro con ciò che la CDF avrà approvato.
Quelli di fuori NON AVRANNO NESSUN CONTROLLO, e questo i signori del cammino nc lo sanno.
In realtà non è solo la CDF a dover approvare, ci sono la Congregazione del Clero, responsabile delle catechesi, e la Congregazione del Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti, le due Congragazioni che Arguello aveva detto nel 2008 non avevano ancora dato la loro approvazione.
Wait and see!

Freedom ha detto...

Cara Annarita,
tu hai ragione. Comunque a me questa situazione fa venire il vomito. Non posso pensare che la Chiesa cattolica si faccia complice di questi soggetti. Ho sempre auspicato che ci fosse una "purificazione" ma quì tra un po' sara' la Chiesa ad essere fagocitata....Comunque: chi vivrà vedrà.

Francesco ha detto...

Il peggio è, caro Freedomm .che i piu convinti ncn hanno la certezza di difendere la Chiesa. Non li sfiora il minimo dubbio che stanno contribuendo a distruggerla.
Magari ci riflettessero solo un po'...

Stefano78 ha detto...

Dice Zufolo:

in ogni caso non preoccupatevi, stefano elaborera' sicuramente una delle sue teorie per spiegare che l'approvazione del direttorio in pratica e' un modo per condannare le catechesi del cammino. e vedrete che ci sara' qualche nota a pie' di pagina a cui potrete ancora aggrapparvi per sostenere la vostra narrativa.


Vedi amico mio. Mi dipingete come se fossi una cosa che non sono affatto: un genio che,per magia, rende una cosa quello che non è! Ma non solo: addirittura riesce a dimostrare che questa cosa non solo è il contrario di quello che è realmente, ma che essa deve essere compresa in un solo modo!

Manco Gesù operava così sulle persone! ^__^ E manco satana, che spesso è chiamato in causa per definirci!!^__^

La lettura che faccio del Vostro statuto, è sul solco del vostro stesso statuto. E questa tua affermazione la dice lunga su come tu legga lo spirito e soprattuto la lettera delle norme che vi riguardano. E questo la dice lunga anche su come potresti leggere il direttorio dopo l' "approvazione".

Tra l'altro chi ha detto che questo episodio assomiglia a quello che precedette l'approvazione degli statuti ha pienamente ragione. Non dico il buon senso ma solo l'umana prudenza, visti gli equilibri e l'Istituzione di cui stiamo parlando, vorrebbe chesi parlasse DOPO i fatti e mai prima! Parlarne prima non ha senso. A meno di pensare a qualcosa che vada nel senso della pressione. Altri motivi non ne vedo!

Ecco, il discorso di Kiko è assolutamente fumoso e non avrebbe alcun senso, perchè parla di "approvazioni" a cui si dovrebbe credere per il solo fatto che l'ha detto! Cosa che ha fatto gà da 40 anni a questa parte, quando però di approvazioni "vere" si è iniziato a parlare solo nel 2002. E di uno Statuto ad esperimento!

Il nodo, poi, di questa presunta approvazione sarà la PUBBLICAZIONE degli Orientamenti, come voluta dal Papa e come USO della Chiesa per i catechismi, i quali devono essere approvati e pubblicati secondo i fondamenti del CCC.

Per cui, io sarei molto felice di vedere pubblicati gli Orientamenti. Che si pubblichino! Che se ne vedano i contenuti!

Observer ha detto...

E' da molto che sto tacendo, ma seguo da molti anni la vostra battaglia che sento anche mia.
Dai vostri riferimenti all'altro blog, l'ho visto e vi dico con enorme disgusto che ci sono tutti gli estremi per una denuncia di stolking, che io non esiterei a presentare.
E non mi sono potuto trattenere dal lasciare questo post che probabilmente non pubblicheranno

"l'impianto degli "Osservatori" non è sullo statuto e sugli orientamenti corretti, ma è sulle catechesi eretiche e sulle prassi non cattoliche, tra lo giudeo e lo gnostico con una spruzzatina di catecumenato cristiano (che è solo l'involucro), confrontate col Magistero della Chiesa
non saranno i vostri arrampicamenti sugli specchi e le approvazioni a cambiare la realtà davanti a Dio prima che davanti agli uomini"

Francesco ha detto...

Caro Observer...già provveduto...!

Francesco ha detto...

Altra gravissima offesa alla Verità quando si afferma da parte neocatecumenale: E’ la prima volta nella Chiesa che si istituisce una fondazione di beni spirituali: siamo i primi. Tutte le altre fondazioni sono insiemi di beni materiali.

Brevi riflessioni e spunti di lavoro:

Se ne dovrebbe arguire che i granbdi ordini religiosi del passato e del presente ( penso a uno per tutti, i Francescani) oppure tutte le altre realtà di diritto pontificio sono soltanto "fondazioni di beni materiali"?

Francesco ha detto...

Ultima considerazione: su quali basi e col suffragio di quali documenti o dichiarazioni ufficiali si presenta il Papa e tutta la Santa Sede come stizziti per il comportamento dei vescovi giapponesi, tanto da prefigurare un loro richiamo a Roma foriero di successiva ' punizione'"?

Spacciando per vere queste situazioni, il Cammino Neocatecumenale tra tutte le altre ( e sono tantissime) si assume la gravissima responsabilità di portare scompiglio e guerra tra le istituzioni ecclesiali e di dipingere dei vescovi di Santa Romana Chiesa addirittura come ribelli, ma a che cosa?

Perchè il Cammino neocatecumenale non si è indignato davanti all'elezione illegittima dei vescovi in Cina e non ha chiesto preghiere in quell'occasione?

Perchè il Cammino Neocatecumenale non s'è indignato quando 158 vescovi e nove cardinali , spesati di tutto, si sono riuniti alla Domus Galilaeae nell'aprile di 2 anni fa, senza alcuna autorizzazione sinodale o pontificia per discutere autonomamente di " cose di Chiesa" e per stilare un proclama capestro con toni di aperta sfida nei confronti della Santa Sede, rea ancora di "tergiversare" prima di dare l'appalto della " nuova evangelizzazione" al Sig. Arguello?

(All'epoca macava ancora il dicastero per la rievangelizzazione dei paesi di antica cristianità....se laprenderanno adesso anche Mons. Fisichella o - com'è più probabile - cercheranno di circuirlo e di mettersi al suo (apparente) servizio per poi manipolare a modo loro la predicazione?)

marco ha detto...

Vorrei sapere da dove viene tutto questo astio.........
La pace

mic ha detto...

io, invece, vorrei sapere da dove nasce la valutazione e la percezione di "astio" in ciò che è un esame di FATTI e sviluppo di ragionamenti cattolici e logici in primis

se c'è chi li scambia per 'astio' è solo perché criticano qualcosa che abbiamo riscontrato intoccabile e che forse per la persona che scrive è diventato la sua ragione di vita e quindi anche impossibile da mettere in discussione se non a serio rischio di squilibri di vario genere