giovedì 26 gennaio 2012

Come prima più di prima...

Ascoltando in diretta Arguello parlare davanti al Papa l'abbiamo sentito pronunciare questa frase che ci ha, come minimo, stupiti: " Noi vediamo l`urgenza di passare da una pastorale sacramentale a una pastorale di evangelizzazione". Suggeriamo a Kiko Arguello, ai suoi prebiteri, ai suoi kikos, di leggere e meditare queste parole pronunciate dal Santo Padre, il 5 maggio 2010, durante un'udienza sul Munus sanctificandi:
"Negli ultimi decenni, vi sono state tendenze orientate a far prevalere, nell’identità e nella missione del sacerdote, la dimensione dell’annuncio, staccandola da quella della santificazione; spesso si è affermato che sarebbe necessario superare una pastorale meramente sacramentale. Ma è possibile esercitare autenticamente il Ministero sacerdotale “superando” la pastorale sacramentale? Che cosa significa propriamente per i sacerdoti evangelizzare, in che cosa consiste il cosiddetto primato dell’annuncio? Come riportano i Vangeli, Gesù afferma che l’annuncio del Regno di Dio è lo scopo della sua missione; questo annuncio, però, non è solo un “discorso”, ma include, nel medesimo tempo, il suo stesso agire; i segni, i miracoli che Gesù compie indicano che il Regno viene come realtà presente e che coincide alla fine con la sua stessa persona, con il dono di sé, come abbiamo sentito oggi nella lettura del Vangelo. E lo stesso vale per il ministro ordinato: egli, il sacerdote, rappresenta Cristo, l’Inviato del Padre, ne continua la sua missione, mediante la “parola” e il “sacramento”, in questa totalità di corpo e anima, di segno e parola. Sant’Agostino, in una lettera al Vescovo Onorato di Thiabe, riferendosi ai sacerdoti afferma: “Facciano dunque i servi di Cristo, i ministri della parola e del sacramento di Lui, ciò che egli comandò o permise” (Epist. 228, 2). E’ necessario riflettere se, in taluni casi, l’aver sottovalutato l’esercizio fedele del munus sanctificandi, non abbia forse rappresentato un indebolimento della stessa fede nell’efficacia salvifica dei Sacramenti e, in definitiva, nell’operare attuale di Cristo e del suo Spirito, attraverso la Chiesa, nel mondo." 
Certo che la liturgia-kika, rispetto al munus sanctificandi lascia particolarmente a desiderare! Lo stesso dicasi per la Scrittura custodita con la stessa dignità delle Sacre Specie, che non segna la differenza tra la Presenza Reale del Signore rispetto a quella mediata dal testo! Una pastorale di evangelizzazione senza la preminenza del culto autentico a Dio e tutto quel che comporta nella Sacramentalità attuata e vissuta secondo la Tradizione Apostolica arrivata intatta fino a noi, c'è da chiedersi COSA evangelizza... e, purtroppo, è ciò che ora è stato ratificato. Riporto in breve alcuni punti già ricordati: sono stati approvati i riti di passaggio - che hanno solo il guscio dell'OICA ma contenuti kikiani - ed altro, come ad esempio:
  • la denuncia pubblica della propria croce
  • gli scrutini - [vedi anche]
  • la rinuncia a Satana, con la consegna di beni di valore
  • la Redditio fatta in chiesa, a volte durante le messe
  • la figura del garante che controlla l'operato del neocatecumeno
  • la "lavanda dei piedimore neoat
  • il rinnovo dell'Alleanza di biblica memoria
  • il ri-battesimo finale
Insomma tutto quello che si faceva in segreto nelle salette ed anche il resto si può continuare a farlo, dato che il cammino è e resta blindato (perché è chiaro che chi lo percorre deve sottostare alle ferree condizioni già note) nonché avvolto dal segreto, ma questa volta con la benedizione apostolica.

61 commenti:

  1. Il Papa ha ragione. Ha avuto modo di sviluppare in modo compiuto questo tema. Se il ministro ordinato si occupa solo di Annuncio del Vangelo, e trascura tutta la preparazione ai Sacramenti (come anche la loro celebrazione, esempio la confessione oramai su appuntamento senza il sacerdote che aspetta), finisce per dimenticare l'oggetto principale del suo ministero. L'annuncio del Vangelo invece, è la missione di tutti i cristiani, soprattutto di quelli che hanno ricevuto il Sacramento della Cresima. Ecco quindi l'importanza del contributo dei laici, per la nuova rievangelizzazione. La Chiesa lo ha capito, e lo ha capito anche il CNC. Pensare invece che tutto debba o possa essere svolto dai sacerdoti, e quando non succede dichiarare che i laici prendono il posto del sacerdote, è miopia e frutto soprattutto del non riconoscere il sacerdozio comune, con fermezza ribadito dal Concilio Vaticano II. Sei proprio si cura che quel "passare a" volesse intendere anche "dimenticare"?

    RispondiElimina
  2. Riporto la indicazione conclusiva del Papa che sottolinea proprio quanto ho detto io, e cioè che non ci può essere autentico annuncio se non in una sacramentalità viva e retta (non eretica né inventata da un laico, per quanto approvato).
    E’ necessario riflettere se, in taluni casi, l’aver sottovalutato l’esercizio fedele del munus sanctificandi, non abbia forse rappresentato un indebolimento della stessa fede nell’efficacia salvifica dei Sacramenti e, in definitiva, nell’operare attuale di Cristo e del suo Spirito, attraverso la Chiesa, nel mondo."

    In parole povere, se trasformiamo la pastorale sacramentale - che in primo luogo realizza la funzione primaria della Chiesa di rendere culto a Dio (onorando lo ius divinum) che è anche Azione umano-divina (che viene dal Soprannaturale) di Cristo Signore, che ci ha comandato "ogni volta che fate "questo" lo fate in memoria di me" - in pastorale di evangelizzazione, puntando tutto sulla Parola e sull'annuncio... trascuriamo o indeboliamo il munus sanctificandi che è il motore di ogni azione ecclesiale, compresa l'evangelizzazione.
    E' scontato che per munus sanctificandi intendo l'Eucaristia in primis e la Penitenza, che sono prerogativa del sacerdote, che nell'omelia dà sempre un Annuncio, spezzando il pane della parola e seguendo i tempi liturgici. Il resto dell'Annuncio: catechesi e missio ad gentes ricevono il loro nutrimento dai Sacramenti e dall'Adorazione, non dai mamotreti o dalle convivenze!

    RispondiElimina
  3. Pensare invece che tutto debba o possa essere svolto dai sacerdoti, e quando non succede dichiarare che i laici prendono il posto del sacerdote, è miopia e frutto soprattutto del non riconoscere il sacerdozio comune, con fermezza ribadito dal Concilio Vaticano II.

    Nessuno di noi ha mai detto che "deve fare tutto il sacerdote", ma è necessario riconoscere che il sacerdozio comune ha senso e lo si considera 'ordinato' a quello ministeriale, dal quale differisce sia in grado che in essenza (Lumen Gentium), non quando lo mortifica come nel potere dei catechisti sui sacerdoti e nell'annuncio affidato a loro in esclusiva, insieme alla "reggenza" della comunità sotto l'aspetto spirituale e comportamentale....
    Ricordati che il Sacerdote, nell'ordinazione riceve il "triplice munus: regendi docendi sanctificandi". Può delegare ai laici qualcosa del munus 'docendi', ma il resto spetta a lui: è lui la Guida (anche in ebraico Cohen=il sacerdote è "colui che sta in piedi davanti all'assemblea e la guida").

    Pio XII nella Mediator Dei, ha chiaramente indicato i limiti d’un sacerdozio che è, sì, di ogni battezzato, non però tale da neutralizzare il sacerdozio ministeriale, come se Cristo nell’ultima Cena avesse concesso a tutti i suoi seguaci, indistintamente, il proprio “munus” sacerdotale. Egli ricorda con accenti ispirati la partecipazione dei fedeli all'"immolazione" e a tutta l'azione liturgica, ad esempio, che poi si estende ovviamente all'intera vita. Ma di "partecipazione" si tratta e non di "celebrazione", che è propria del sacerdote.
    ..il sacerdozio esterno e visibile di Gesù Cristo si trasmette nella Chiesa non in modo universale, generico e indeterminato, ma è conferito a individui eletti, con la generazione spirituale dell’Ordine, uno dei sette Sacramenti, il quale non solo conferisce una grazia particolare, propria di questo stato e di questo ufficio, ma anche un carattere indelebile, che configura i sacri ministri a Gesù Cristo sacerdote, dimostrandoli adatti a compiere quei legittimi atti di religione con i quali gli uomini sono santificati e Dio è glorificato, secondo le esigenze dell’economia soprannaturale."

    Sei proprio sicura che quel "passare a" volesse intendere anche "dimenticare"?

    non ho detto che intendesse "dimenticare"; ma è sufficiente che subordini: perché tale è il senso e corrisponde alla prevalenza molto protestante della Parola sulla Presenza Reale e sui Sacramenti, una corrispondenza - insieme alla giudaizzazione - purtroppo riscontrabile anche in altri aspetti più volte ricordati...

    RispondiElimina
  4. @ articolo: "Insomma tutto quello che si faceva in segreto nelle salette ed anche il resto si può continuare a farlo, dato che il cammino è e resta blindato"
    Dunque: un siffatto cammino pluridecennale servirebbe a creare un "uomo nuovo", secondo l'ultima intervista di Kiko (successiva all'udienza)
    "Dopo tanti anni come non possiamo essere contenti e grati a Dio che dopo tante sofferenze e tanto lavoro in tutto il mondo la Chiesa riconosca ufficialmente che questa iniziazione cristiana e` valida per la costruzione di un cristiano, di un uomo nuovo, per fare un cristiano adulto. Noi questo cristiano lo inseriamo in una comunita` cristiana, perche oggi bisogna dare i segni che chiamavano nell’antichita` i pagani alla fede, quando gridavano “guardate come si amano i cristiani”.
    La concezione potrebbe anche essere - solo in minima parte - condivisibile, se il proselitismo non si facesse prioritariamente tra i fedeli delle parrocchie.
    Meno bene mi sta il concetto di "uomo nuovo" collegato a un cammino ultraventennale con Direttori nascosti e battesimi finali ultra-segreti. In ciò nel Cammino non si può non adombrare una similitudine con i riti massonici ed esoterici, tra i quali il concetto di "uomo nuovo" è diffusissimo. Certo, il concetto compare in San Paolo, ma il concetto che Paolo di Tarso ha dell'uomo nuovo è mistico (immediatamente derivante dall'episodio dell'incontro con Gesù sulla via di Damasco). Esso è connesso con una esperienza personale con Cristo, quindi, non con un percorso di conoscenza segretato e ultraventennale. Questo "uomo nuovo" di Kiko appartiene ad altri riti misterici.

    RispondiElimina
  5. altri riti misterici.

    che sono in sostanza RITI anti-cristici, promossi e celebrati dai loro cultori in aperta (satanica) rivalità con quelli sacri della Chiesa fondata da Nostro Signore, in satanica sfida e rivalità sfrontata perseguita contro di Lui: stanno spianando la via al figlio della perdizione, che troverà gran parte della Chiesa, clero e fedeli, ben plasmata e preparata a riceverlo, essendo ormai ben adulterato il contenuto dottrinale della Fede, grazie alla falsificazione diabolica del linguaggio, permessa dalle ambiguità conciliari e coltivata col relativismo imperante.
    Per tener ben presente alla memoria la causa prima del crollo che procede, in costante inesorabile CONTINUITA'.....
    e le "stelle" della Chiesa stanno a guardare, annuiscono, approvano, sottovalutano il pericolo palese, gravissimo (non lo vedono? fidano nella bontà umana che prima o poi spunterà, con fiducia c.vat2ista ?....) e danno il loro silenzio assenso al pacchetto eretico abusivo ben chiuso, qualunque cosa contenga ormai i vertici se ne lavano le mani.....
    ....e così il Corpo Mistico va alla Crocifissione, attirando su di sè i castighi di Dio , proprio come Gesù si è attirato le lordure e caricato dei peccati del mondo, scontando i castighi destinati all'umanità. Tutto si dovrà compiere, secondo le Scritture, fino all'ultima virgola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono parole di Mons. Gherardini (l'intero testo in questo thread):

      "..Commossi, pertanto, fin alle lacrime, ci mettiamo nelle braccia di questa chiesa, per aver accesso, attraverso la sua stessa passio, alla passio salvifica di Cristo.

      Elimina
  6. Ho partecipato ad una discussione dul blog di Tornielli, a parte i soliti insulti, è interessante osservare l`arroganza neocatecumenale che si accompagna di un`ignoranza che fa male perchè è quella la formazione che quei blogger nc hanno ricevuto, la loro concezione della Messa,l`esaltazione della loro Messa privata, la loro superbia nel considerarla una nuova forma del Rito Romano, la loro sordità alle parole del Papa, sono sconcertanti, anche se in fondo prevedibili.
    Ma quello che più ci fa riflettere è che quell`arroganza, superbia e insolenza, sono amplificate al massimo, grazie al placet di quella Congregazione che dovrebbe prottegerci dalle derive liturgiche, dagli abusi liturgici.
    E invece è proprio quella Congregazione che consegna un assegno in bianco al cnc, ratificando tutte le sue prassi eterodosse concepite dai loro iniziatori in rottura con la Tradizione della Chiesa.

    RispondiElimina
  7. Per me LEX CREDENDO, LEX ORANDI, corrisponde ad una esperienza precisa. veo 14 anni e per la prima volta facevo una esperienza di chiesa. Erano anni che non andavo a messa e la mia famiglia certo non mi aiutava. Entrati nella cappella vedo il sacerdote che si inginocchia davanti al Tabernacolo e mi dice: "Alessandra, tu ci credi che Gesù è Dio e che si trova nel Tabernacolo" Io per inerzia rispondo "sì" e lui ribatte: "allora la prima cosa che devi fare è cercarlo ed inginocchiarti per chè davanti a Dio ci si inginocchia. E' un Suo diritto"

    Ecco, mi ha insegnato più quel gesto e quelle parole che tutti i libri di teologia del mondo. La cosa è semplice: Se ci credi DEVI fare in un certo modo altrimenti o non ci credi o sei incoerente.

    Per me il cuore della Liturgia è tutta qua. Ed è per questo che non riesco a capire cosa vuol dire Pastorale Sacramentale e Pastorale Missionaria.

    La liturgia non è un "metodo" una "pastorale". E' la Base su cui non si "discute". E' l'esplicazione del tuo rapporto con Dio e solo il bimillenario Magistero ecclesiale mi può dare punti fermi su questo.

    RispondiElimina
  8. Cara Luisa, non partecipi alle baraonde sconclusionate sul blog di Tornielli. Sono sconclusionate a partire dai thread improbabili creati dallo stesso giornalista, che in quanto vaticanista, o presunto tale, si sente in dovere di stare sempre dalla parte dei potenti ( non mi riferisco al Papa).
    Tra l'altro quel blog è monopolizzato da tre o quattro individui che dicono tutto e il contrario di tutto e non vale proprio la pena tentare di farli ragionare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vede Francesco, l`ignoranza e la disinformazione sul cnc è tale che mi sento come un dovere di dare quelle informazioni che sono volutamente taciute, come ho già detto l`arroganza e la superbia di taluni nel difendere il loro idolo cammino è tale che nemmeno la menzogna sembra mettervi un limite.

      Elimina
  9. @ Mic

    Ottimo thread!!!

    Kiko contraddice il Papa platealmente (non è la prima volta)...ma non è questo il problema.
    Il problema vero è quello che deriva dal contraddire se stessi...davanti all'arroganza di Kiko...

    RispondiElimina
  10. Torno a insistere sulla necessità di tornare ai commenti originari. Questo sistema è del tutto dispersivo.

    RispondiElimina
  11. Immagino abbiate visto il servizio TV de ‘Gli Intoccabili’. Non voglio muovere l’argomento spinosissimo, peraltro OT. Solo ieri guardandolo riflettevo che qui si parla, giustamente, di retta dottrina, di fede, di Tradizione, di verità perenni che nessuno mai potrà portarci via. Difendiamo l’ortodossia coi nostri piccoli mezzi. Protestiamo contro i continui tradimenti.

    Ma i giochi che si giocano sulla nostra pelle sono fatti di soldi, di fame di potere, di corruzione. Ne abbiamo visto appena uno scorcio in lontananza, e ben vengano le inchieste a mettere a nudo tutto questo schifo. E non basta la tempestiva, e insolitamente chiara, nota vaticana col suo disgustoso scaricabarile sul papa, che serve solo quando serve. S’è sentita la puzza di zolfo, eccome. Cosa vuoi che importi a questa gente del Vangelo, della dottrina, concilio o non concilio. Conta mostrare i muscoli, apparire forti. Contano i numeri, appunto, il frastuono dei viva il papa. Che vogliamo aspettarci da questi potenti, veri padroni dei poco sacri palazzi? Che dicano di no ai numeri di Kiko, ai suoi soldi, alla sua strafottenza?

    Il Signore ci aiuti a non perdere del tutto la fiducia in questa chiesa che sembra affondare e nel suo pastore, che forse hanno entrambi oggi più che mai bisogno di noi.

    RispondiElimina
  12. hanno entrambi oggi più che mai bisogno di noi.

    ma....uscendo dalle cose che si dicono e non si spiegano:
    io questa frase sentimental-patetica circa il "bisogno" del pastore supremo non la capisco, e spesso la rileggo qua e là, come un luogo comune, che viene ripetuto da molti, che colpisce affettivamente i cuori commossi e preoccupati, ma di cui non si riesce a chiarire la consistenza: cioè che cosa dovremmo fare "noi", e lascia il tempo che trova.
    Non sono le pecore del Gregge che hanno bisogno del pastore, per essere guidate a pascoli sicuri, e protette dai lupi, da allontanare con un bastone e un vincastro che diano sicurezza ?
    Non ha detto Nostro Signore a Pietro:
    PASCI LE MIE PECORE, PASCI I MIEI AGNELLI ?
    Ha forse Egli detto : pecore, pascete il pastore e guidatelo lontano dai lupi ?
    Da quando in qua le pecore devono sorreggere il pastore e guidarlo e proteggerlo dai lupi ? usando quale autorità, poi ? quale potere ?
    e dov'è questa tutela del pastore verso le pecore ? non la vediamo pesantemente carente, spesso ASSENTE da oltre 40 anni ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicendo che la chiesa ha bisogno di noi, alludevo a quello che mi sembra più necessario, cioè perseverare nella fedeltà al vangelo in questa chiesa guidata da questo papa. Intendevo dire che certo viene voglia di mandare tutti a quel paese, di rifiutarla questa gerarchia e tutta questa chiesa postconciliare in odore di apostasia, e di salvarsi sulla scialuppa. Capisco e rispetto chi sceglie di attestarsi su simili posizioni. Ma per me questo è il momento di restare a bordo, nonostante che l’algebra della teologia, la logica del 2+2, mi spinga fuori a cercare altri lidi più sicuri, più puri

      Elimina
  13. e poi....
    hanno entrambi oggi più che mai bisogno di noi
    noi = chi ?
    chi siamo noi -> pron. pers. indefinito per numero e identità ?
    io penso piuttosto che la Chiesa intera (che comprende pastori e Gregge, con a capo il Papa, che ormai non sa più usare l'autorità suprema, non certo da oggi, ma dall'ott. 1962) ha estremo bisogno di Nostro Signore Gesù Cristo che la soccorra e la risollevi dal fango, con la sua Grazia e Misericordia: la Chiesa e l'umanità hanno bisogno di Gesù Cristo, che stanno offendendo, infangando e soprattutto DIMENTICANDO, CHI effettivamente EGLI SIA, poichè gli uomini, fuori e dentro la Chiesa, sono occupati ad ADORARE SE STESSI, a cercare la SALVEZZA nelle risorse umane e nei poteri del mondo, quel mondo che giace sotto il poter del maligno; e Nostro Signore ce ne sta facendo scontare le conseguenze, di tante velleità superbe ed empie di antropolatria, grazie alla quale abbiamo stravolto il suo più grande Dono, la Divina Liturgia uscita dalle Sue Mani quel Giiovedì Santo dell'anno 33, credendo di fabbricare "qualcosa" di più salvifico, di più efficace, dove l'uomo doveva essere protagonista e REGISTA egocentrico e superbo DEL MISTERO di Salvezza, ed ecco l'esito disastroso: il fango totale che esce dal cuuore dell'uomo insozza il Divino Sacrificio e il Divino Volto del Signore, al Quale diciamo:
    You are not my shepherd ! questa è la folle empietà, a cui l'uomo, forte delle sue certezze creative e partecipative-efficientiste è giunto come vetta luciferina in questo 3. millennio dell'era cristiana. NULL'altro che fango e miseria di PECCATO.
    PECCATO di voler costruire un mondo e una Chiesa che NON HA più bisogno di Gesù Cristo, pietra angolare scartata, ma solo dell'uomo, che vuole fare tutto da sè.
    L'uomo ha bisogno dell'uomo, del conforto e delle forze umane, non più della potenza e Misericordia di Dio.
    Ed avrà quello che cerca, il fango umano.
    Peccato di antropolatria che va ormai decisamente verso il suo estremo compimento, come il Vangelo ci avvisa: peccato che certo dovremo espiare necessariamente, come singoli e come Chiesa, pecore e pastori, innocenti e peccatori, crocifissi e crocifissori, tutto il Corpo Mistico dovrà espiare la superbia che è montata a sfida del Trono di Dio, che ha dato ogni potere in cielo e in terra a Nostro Signore, che ora viene considerato "superfluo", Uomo di un passato da "rivedere" ed evolvere....
    ...ma la Via Crucis è ancora lunga, e su quella Croce essa -la Chiesa- dovrà andarci, fino al "tutto è compiuto", come predetto nelle S. Scritture. (v. anche CCC)
    La Madre Immacolata (snobbata da tanti ministri di Dio, da quasi un secolo) sarà Madre Addolorata sotto quella Croce che si rinnoverà per la Sposa del Signore, questa volta.

    RispondiElimina
  14. Segnalo questo importante scritto contro alcune eresie kikiane:

    http://traditioliturgica.blogspot.com/2012/01/errori-eucaristici-e-liturgici.html

    "Paradosi"

    RispondiElimina
  15. @jonathan
    Ma i giochi che si giocano sulla nostra pelle sono fatti di soldi, di fame di potere, di corruzione.

    Cara Jonathan hai perfettamente ragione.

    RispondiElimina
  16. ora scorro con tristezza i post all'indietro, e rivedo alcuni titoli che suscitavano alterni sentimenti, di speranza o trepidazione di fronte all'avanzata pervicace della contro-chiesa kikiana, con tutte le sue falsità e storture mai risanate.....
    alla "luce" dell'approvazione del 20 gennaio, pietra miliare che pesa come macigno nella storia bimillenaria della Chiesa, che senso possono avere oggi ? ad es. questo:
    Filippine: Arcivescovo proibisce nuove iniziative del Cammino....
    pensate un po', come potrà quel vescovo agire ancora con la stessa fermezza, d'ora in poi?

    RispondiElimina
  17. Per incominciare a sistemare le cose ci vogliono persone di "livello spirituale", incorruttibili, disposte a rimetterci la pelle. Nella storia della Chiesa tutto ha sempre funzionato così.

    Ario è stato sconfitto da sant'Atanasio (vescovo esiliato più volte)
    Il Monotelitismo è stato sconfitto da san Massimo il Confessore (semplice monaco esiliato e condannato al taglio della mano destra e della lingua).

    Arianesimo e Monotelitismo sono state eresie che hanno pervaso quasi tutta la Chiesa di allora.

    Oggi il mondo cattolico è messo in una condizione infinitamente peggiore. In pratica a fronteggiare la sua crisi i vescovi si sono rivelati inutili, la Curia romana e il Papa, impotenti.

    Non è più in questione un dettaglio della cristologia - come nei tempi antichi - ma tutto l'insieme della fede, dei dogmi. L'ecclesiologia stessa è stravolta.

    E' come la Costa-Concordia: continua ad imbarcare velocemente acqua e la gente inizia a scappare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. sì, Pietro, è proprio così.
      Anche a me nei giorni scorsi è venuta in mente la nave affondata. Invece ora molti , storditi e increduli su quel che accade, si aggirano (nei blog) inebetiti in quei vani sommersi, in quei luoghi IRRICONOSCIBILI E MUTI, dove non si annunzia più il Vangelo integrale e non si insegna più la VERA DOTTRINA PERENNE, restano ad ascoltare i NON-insegnamenti, gli atti di NON-fede (v. Assisi1-2-3) dicendo, irriducibili: "Rimaniamo qui, nelle braccia della nave...qualcuno la tirerà fuori, vedrete...."
      ma non capiscono che è urgentissimo uscire, restare a galla, salire su una SCIALUPPA, che porterà tutti in salvo, e si rivelerà essere la nuova nave (quella di sempre) che porterà i sopravvissuti alla salvezza.
      E' inutile sognare gli antichi fastigi, rimanendo a sentire l'orchestra che suona, come nell'affondamento del Titanic, dove i trasognati cantavano "Sempre più vicini a Te, mio Dio!"....illusi che tutto era OK, e non capivano che stavano per annegare !
      E' tutto l'insieme che crolla, demolito dalle fondamenta, tenacemente, da 49 anni.
      ma siccome le promesse di Cristo Signore sono valide, confidiamo in Lui, soltanto in Lui, guardando a Lui "come una serva alla mano della padrona".
      Ed è di nuovo tempo di martiri, testimoni di Cristo a prezzo della vita. Sul sangue dei martiri è fiorita la Chiesa, non sui calcoli dei tiepidi o registi di umane strategie e politiche di "larghe intese".

      Elimina
  18. Grazie a Paradosi per quella pagina illuminante, (di un sito che avevo già apprezzato), e che aiuta a capire tante delle oscurità che nostro malgrado viviamo, ed espone gli argomenti con parole molto chiare e comprensibili a tutti.

    E' utilissimo quel testo per il lettore medio, per accedere a un inizio di ricerca storica, da fare ad occhi sempre più aperti, con umiltà verso la Verità che si svela piano piano, verità tutta intera dei fatti che vengono alla luce, e dei loro nessi recenti e remoti, per districare, con l'osservazione umile e attenta, i fili del groviglio in cui la Chiesa si è infilata da alcuni decenni.
    E purtroppo è ben chiarificatrice la conclusione, riguardo al CNC definitivamente promosso:

    "L'autore di queste frasi superficiali e assurde [= le affermazioni eretiche di Kiko, riportate nel post] è stato da poco ulteriormente incoraggiato nientepopodimeno che dall'attuale papa cattolico, uomo conservatore ma non tradizionale. Per chi può non capire tutto ciò, si deve osservare che conservatorismo e progressismo, alla fine, hanno la stessa pasta: la loro religiosità tende ad avere in entrambi un marchio individualistico (il gusto personale) che non è affatto lo stile ecclesiale.
    La comune base per l'orientamento conservatore e progressista non è la ragione tradizionale della Chiesa ma la ragione personale dell'individuo che si pone arbitrariamente al di sopra di essa e, alla fine, la violenta, forse senza manco saperlo."
    -------------------
    Difficile da confutare, mi sembra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che il Papa sia un po sottovalutato, basta leggere i suoi scritti e vedere le sue azioni dirette per capirlo. Ovviamente si trova in un Vaticano corrotto e lui stesso si è trovato a guidare una chiesa influenzata sempre più dal denaro di cui son piene le tasche di Kiko. Credo che in una situazione del genere e visto il carattere scontroso del fondatore preferisca cercare di fare come fanno i padri buoni (talvolta forse troppo) con gli adolescenti, cercar di fargli entrar in testa le cose un po alla volta. E in parte ci sta riuscendo pultroppo è bloccato dalla propaganda del cammino che non fa circolare nessuna delle critiche impedendo una sana crescita, ma confido e prego il Signore che trasformi il cammino rendendolo cattolico e in funzione delle parrocchie invece che in funzione di se stesso. Penso che il Papa veda del potenziale nelle persone del cammino, non so se conosce anche le pressioni psicologiche volontarie o involontarie che siano che ci sono nel cammino ma di sicuro non lo appopggia. Avete mai visto da qualche parte la sua firma?

      Elimina
    2. attuale papa cattolico, uomo conservatore ma non tradizionale

      Tuttavia in questa riflessione di Gnocchi e Palmaro si legge fra l’altro: Non si può negare che questo Papa abbia caratterizzato il proprio pontificato rimettendo in onore la Messa gregoriana, ritirando la scomunica ai vescovi della Fraternità e avviando i colloqui dottrinali sui punti caldi.

      Anche questo non si può confutare, mi sembra.

      Elimina
    3. circa i passi "accoglienti" fatti finora.....

      si tratta semplicemente di passi compiuti sia in "una" direzione, come in tante altre, passi MULTI-direzionali, che rientrano in un più ampio disegno, che da molti anni si sta attuando, di ampia convergenza di "diverse opinioni culti e visioni ecclesiali", evento simile, in campo politico ad un "tutti i partiti dentro il governo"; in parole povere, tutte le inclusioni (del tipo: "entrate, entrate, nella Chiesa c'è posto per tutt" , ERETICI in primis, considerati diversamente cattolici), tutto questo amorevole INCLUSIVISMO (senza badare a macigni DOTTRINALI) rientra palesemente nella grande chiesa-arlecchino, tipo mega-federazione di chiese particolari, che confluirà tra poco tempo nella planetaria ONU delle religioni , (di cui si abbiamo intravista l'anteprima ad Assisi2011) e che è anticipata, pre-vista nei secoli in tante profezie, a partire da Ap. di Gv. e, tra i moderni,(per citare una sola profezia tra i tanti santi e mistici), nella "stravagante chiesa" vista dalla Beata Emmerick, in cui dovranno confluire TUTTE LE opinioni, culti e sette, specie protestanti; e di questa chiesa-macedonia la mistica disse:
      Ma Dio aveva ALTRI progetti.
      Cattolici ed eretici insieme come nulla fosse, senza far differenza alcuna quanto alla Fede-Dottrina-Liturgia: non è certo questa la volontà di Nostro Signore.
      Ma è evidente che è DESTINO inevitabile che la Chiesa-macedonia si faccia, perchè le Scritture si devono compiere interamente, fino all'ultima virgola, fino all'ultima assurdità e stranezza che prepara ormai, predispone lo scenario per l'avvento del grande rivale di Cristo sulla scena della Chiesa e del mondo (detto in AT: Daniele, in NT: Gesù Cristo e S. Paolo).

      Elimina
  19. Sì è difficile da confutare quel che dici, Ester; ma l’ideologia e la 'dipendenza', ineludibile ai camminanti, è come il delirio: resiste ad ogni prova dei fatti e ad ogni tentativo di convincimento, qualunque sia la prova che lo supporta.

    RispondiElimina
  20. Dato il vago antisemitismo serpeggiante su questo blog vorrei ricordare per vostra vergogna che oggi 27 gennaio è il giorno della memoria della shoà.Su questo blog c'è chi simpatizza per Williamson della Fraternità Pio X negazionista.Avreste fatto bene a dedicare un thread alla vergogna della Shoà e a chidete perdono al popol ebraico per il male che tanti cristiani hanno fatto al popolo ebraico invece di parlare delle solite cretinate!!

    Viva il popolo ebraico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mic, della pazienza nelle tue istruttive risposte ai disturbatori, e dei costanti richiami a studi e approfondimenti storici obiettivi, a vantaggio di tutti (quando la sete di sapere è onesta, libera da preconcetti e faziosità).
      ------
      Lei, sig anonimo, ci dica invece quando, in quale futuro giorno, il popolo ebraico chiederà perdono A DIO per gli ebrei che hanno ucciso Nostro Signore NELL'ANNO 33, e che ancora rifiutano di riconoscerLo come Messia : l'OLOCAUSTO che salva il mondo è quello di Gesù sulla Croce, e solo quando sarà offerta unita a quella Croce, sarà redenta anche la loro Shoa.
      Ma certo, quando essi lo riconosceranno, il loro antico e perdurante peccato di RIFIUTO DEL MESSIA, e si convertiranno a LUI, sarà vicina la fine del mondo.
      CRISTO REGNI, ORA E SEMPRE !

      Elimina
  21. Quando non si ha nulla da dire, parte in automatico la fantomatica accusa di antisemitismo, proprio a chi ama e conosce l'ebraismo e, proprio grazie a questo, è riuscito a smascherare tanti cripto o pseudo-giudaismi del cammino. Inoltre su questo blog c'è anche chi cura da decenni questo sito sul dialogo ebraico cristiano.
    Inoltre ancora, per non essere chiamati antisemiti, non è necessario essere dei 'calabraghe'. Leggere qui.
    Concludo affermando che denunciare i macroscopici aspetti giudaizzanti del cammino, non significa essere amtisemiti, ma dei cristiani autentici, che dell'ebraismo hanno ereditato il compimento realizzato dal Signore Gesù e non l'aspetto 'spurio' dell'ebraismo rabbinico successivo a Yavne, dopo la distruzione del Tempio, quando gli ebrei hanno perso il culto, sostituito fino alla fine dei tempi dalla Santa e Divina Liturgia Cristiana (ben diversa e "altra" da quella kikiana che la banalizza la dissacra e la sovverte). E forse è proprio in questo la chiave di lettura di tutto.

    RispondiElimina
  22. è stato da poco ulteriormente incoraggiato...

    Che? Evidentemente io vivo proprio su un altro mondo! A me è sembrato l'esatto contrario! Altro che "incoraggiato"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa o quella.....
      chi vede BIANCO , chi vede NERO ; per forza, ciò accade ad ogni pie' sospinto nel regno invitto del Relativismo; il fenomeno si protrae ormai da quasi mezzo secolo. Siamo sempre messi di fronte alla possibile doppia interpretazione che si può fare su testi e discorsi ambi-valenti, in perfetto stile conciliare.
      (v. anfibologia del linguaggio, ovvero discorsi equivocabili, come una serie continua di BI-forcazioni di strade, dove il viandante o pecora, ogni volta permane a lungo sgomento come asino di buridano, pensando : "questa o quella per me pari sono" e non sa più dove sia il Vero e dove il falso, dove il Bene e dove il male...una specie di roulette senza fine....)
      La scuola della doppia facies dell'eloquio continua tuttora a dettare il suo stile, in pieno contrasto col " sì sì no no " raccomandato nel Vangelo.

      Elimina
  23. @ anonimo Jan 27, 2012 02:05 AM che ha scritto:
    "Dato il vago antisemitismo serpeggiante su questo blog vorrei ricordare per vostra vergogna che oggi 27 gennaio è il giorno della memoria della shoà".
    In questo blog, se c'è qualcuno che ha serpeggiato, è lei. Si vergogni, la sua è una calunnia, mi sento personalmente offeso. Se in questo blog avessi letto un minimo accenno di antisemitismo, non vi avrei pubblicato un rigo.
    Non amo citare le mie cose. A lei, però, che mi ha offeso, devo riferire che nei giorni della Memoria in giro si pubblicano anche testi miei. Si legga questo, le farà bene, imparerà a non sputare sentenze velenose.

    http://www.napolipuntoacapo.it/npc/articoli.asp?id=8523&pg=17&title=....immagini+e+poesia+sono+gli+strumenti+pi%F9+potenti+per+tramandare+la+Memoria...

    RispondiElimina
  24. Bene Mic vedo che si guarda bene dal rispondere e vorrei vedere!!Non avevo dubbi che censurasse!Evidentemente non sa cosa dire, me lo aspettavo!!Stendiamo un velo pietoso sull'argomento meglio non mostrare la sua malafede.Non credo che non conosca quello che le ho detto dato che dice di essere uno studioso.Allora è in malafede?Intanto,lo ripeto,nel giorno della memoria della shoà non dedicate il minimo pensiero.

    RispondiElimina
  25. Caro Pasquà,
    l'unica cosa che ho censurato è una delle tue solite lenzuolate copia-incolla, che tutto dicono tranne che quel che si fa nel cammino.
    Se leggi bene, invece di insultare, ti accorgerai che a chi (tu o altri) mi ricordava la giornata della memoria, accusandoci del tutto arbitrariamente di antisemitismo ho risposto a dovere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece pubblicherei tutto (è un consiglio ovviamente dato che lo spazio non è mio)...Cmq sia Pasquale (se sei tu ovviamente), guarda che il tuo comportamento non piace a molti dei tuoi compagni di cammino. Lo dico per quanto ti voglio bene come mio fratello in Cristo...se non vuoi farlo per te fallo per il cammino che tanto ami...

      Elimina
    2. Cara Alect,
      se pubblicassi tutto perderemmo il filo di ogni discussione ;)

      Elimina
  26. Caro anonimo,sei un rappresentante di CNC,kiko,carmen(o magari uno di loro).Vergognia! Chi stai cercando di ingannare nel 21° secolo incolpando altri di antisemetismo? Abbiamo testimoniato a questo inganno disgustoso in tutto il mondo per anni.

    Tutti i visitatori di questo sito completamente capiscono e sanno che kiko è colpevole e non ha altro modo per fuggire, nessuna scusa per i suoi errori, allora, per proteggersi, fa amicizia con persone provenienti da Israele e incolpa questo sito di antisementismo.

    Il popolo di Israele ora e più intelligente di questo attentato perfido di kiko e anche loro sono disgustati di manipolatori come te, kiko e carmen.Vergognia. Al fine, di ottenere la simpatia e la protezione degli ebrei,kiko imita i loro abitudini dei 2000 anni fa. Anche Israeliani trovano CNC ridicolo, essi si considerano uno dei popoli e il paese più evoluto del mondo, kiko gli sta insultando cercando di convincerli della sua fedeltà al giudaismo imitando abitudini dei 2000 anni fa. Kiko non hai notato che sono moderni adesso?

    Kiko,rubi dal giudaismo e dal cristianesimo per creare una ridicola setta,offendi sia ebraismo e il cristianesimo e ora stai tentando di mettere ebrei e cristiani uni contro l'altri?? Vergognia. Pensi che siamo stupidi? Il diavolo ha inventato questo inganno e tu lo pratichi. Ripugnante!! Kiko, hai un caratere di serpente!

    Questo sito è chiaramente contra CNC, Kiko e Carmen. Questo sito non ha nulla contro gli ebrei che sono anche nostri fratelli in Dio.

    RispondiElimina
  27. Caro anonimo,sei un rappresentante di CNC,kiko,carmen(o magari uno di loro).Vergognia! Chi stai cercando di ingannare nel 21° secolo incolpando altri di antisemetismo? Abbiamo testimoniato a questo inganno disgustoso in tutto il mondo per anni.

    Tutti i visitatori di questo sito completamente capiscono e sanno che kiko è colpevole e non ha altro modo per fuggire, nessuna scusa per i suoi errori, allora, per proteggersi, fa amicizia con persone provenienti da Israele e incolpa questo sito di antisementismo.

    Il popolo di Israele ora e più intelligente di questo attentato perfido di kiko e anche loro sono disgustati di manipolatori come te, kiko e carmen.Vergognia. Al fine, di ottenere la simpatia e la protezione degli ebrei,kiko imita i loro abitudini dei 2000 anni fa. Anche Israeliani trovano CNC ridicolo, essi si considerano uno dei popoli e il paese più evoluto del mondo, kiko gli sta insultando cercando di convincerli della sua fedeltà al giudaismo imitando abitudini dei 2000 anni fa. Kiko non hai notato che sono moderni adesso?

    Kiko,rubi dal giudaismo e dal cristianesimo per creare una ridicola setta,offendi sia ebraismo e il cristianesimo e ora stai tentando di mettere ebrei e cristiani uni contro l'altri?? Vergognia. Pensi che siamo stupidi? Il diavolo ha inventato questo inganno e tu lo pratichi. Ripugnante!! Kiko, hai un comportamento di serpente!

    Questo sito è chiaramente contra CNC, Kiko e Carmen. Questo sito non ha nulla contro gli ebrei che sono anche nostri fratelli in Dio.

    RispondiElimina
  28. volevo ringraziarvi per la chiarezza: ciò fa emergere come alcune parole sbagliate o ambigue di Kiko, o dei catechisti, possono fuorviare e creare confusione. Forse Kiko o i catechisti dicono così in buona fede...ma certamente possono creare danni, come scrupoli inutili o un modo di vivere la Fede sbagliato.
    Il desiderio di rinnovare la Fede e di annunciare Cristo lo hanno tutti i cristiani di buona volontà, ma nel modo giusto.
    Penso per esempio al Curato d'Ars che riusci a vivificare la sua Parrocchia e a portare tantissime anime a Cristo semplicemente con la sua testimonianza e la sua preghiera.
    Pensando troppo ai movimenti laicali, dobbiamo porre attenzione a non dimenticarci che la via migliore è la nostra santificazione.
    Un movimento che si dimentica questo...produce più danni che bene.

    RispondiElimina
  29. Se ho la possibilità, un giorno vi presento i pareri di kiko dal popolo ebraico da Usa, Spagna, Germania, Regno Unito, Israele, Francia ... la maggior parte di loro danno la stessa risposta finale: CNC è ridicolo; ebrei e la loro tradizione religiosa è stata offesa e diventata una parodia; ma è solo uno spettacolo di mascherata; questo pazzo di kiko è in cerca di guai e lui gli troverà ....

    TheOne

    RispondiElimina
  30. ma come mai i commenti si sottopongono ad approvazione?
    siete iraniani!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo un sacco di blog hanno la moderazione, mica sono tutti iraniani, le pare?
      Fosse per me non ce la metterei, ma la scelta non è mia.

      Elimina
    2. Chi frequenta questo blog da tempo sa perchè mic è stata obbligata ad introduure la moderazione!
      Basta risalire nei post degli anni precedenti la moderazione e capirete, tenendo conto che mic ha già fatto un pò di pulizia.

      Elimina
  31. No caro Mic non sono lenzuolate e lei lo sa bene
    visto che dice di essere studioso.Censura perchè non sa o non vuole rispondere.Non ho copiato nè incollato nulla sono cose che chiuque,con un minimo di conoscenza liturgica conosce.Il Rito Tridentino,con tutta la sua simbologia,ricalca la liturgia ebraica.Lo stesso altare ad paretes con la balaustra che ne circonda i limiti deriva direttamente dal Sancta Sanctorum del tempio di Gerusalemme.Per questo nelle chiese antiche all'altare i laici non potevano accedere.Nel Sancta Sanctorum poteva entrare solo il Sommo Sacerdote per rendere il culto.

    I sei candelabri posti sull'altare ad paretes della Messa tridentina ,con il crocifisso al centro,che si mettono anche oggi sull'altare rivolto al popolo quando celebra un Vescovo o il Papa derivano dalla menorah ebraica!

    Caro Mic se mi sbaglio mi corregga o smentisca per favore non eluda la domanda divagando!

    Ci spieghi il significato della balaustra che si poneva attorno all'altare.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei che vuole insegnare a me cose che ho scritto migliaia di volte, mi deve anche spiegare cosa c'entra tutto questo con l'abolizione del presbiterio e dell'altare e con tutta la "nueva estetica kikiana". Il senso che Kiko dà alla menorah posta sulle sue mense al posto della Croce - che è, invece, il centro della nuova menorah sugli Altari cristiani -, sappiamo bene quanto sia diverso: indica i "ricostruttori della nuova chiesa" rifacendosi ai Maccabei...

      E vada anche a leggersi questo documento tratto dai miei studi e ricerche di diversi anni fa

      Elimina
  32. @Mic
    Non hai tutti i torti, ma nessuno è tenuto a rispondere a determinati commenti. I quali qualificano chi li fa.

    @The one
    Personalmente non sono con tro il cammino in sè. Il cammino è un mezzo fatto da uomini che sbagliano. Allora si correggono e il mezzo diventa valido..

    RispondiElimina
  33. @The one
    Personalmente non sono con tro il cammino in sè. Il cammino è un mezzo fatto da uomini che sbagliano. Allora si correggono e il mezzo diventa valido..


    Cara Alect,
    se si trattasse solo di errori umani potrei essere d'accordo; ma il "guasto" sta nelle strutture, nelle prassi e nei contenuti, non nella loro cattiva applicazione!
    Sono quelle che andrebbero modificate, "purificate", per usare un termine di Benedetto XVI, mantenendo alcuni lati positivi; ma il cammino non sarebbe più lo stesso: ne sarebbe snaturata la sua identità e ciò che si ripropone... Ed è proprio questo che Kiko rifiuta ostinatamente.

    RispondiElimina
  34. @mic
    Mi rendo conto, ma ho anche fiducia in Dio. Le cose si possono aggiustare VOLENDO

    L'ho detto più di una volta: i nodi prima o poi verranno al pettine. E saranno dolori per tutti. Io continuo a fare la mia parte...

    RispondiElimina
  35. Un "cammino" che usa quei metodi che, di pressione in pressione, di svuotamento in svuotamento, colpevolizzazione dopo colpevolizzazione, finiscono per annullare l`identità di un individuo, per annnientare la stima di sè e la fiducia, in sè considerati solo espressione di un orgoglio luciferino, per instaurare un`identità gruppale mettendo il cnc al centro della vita, NON può essere e diventare un mezzo valido.
    Un "cammino" che ha devastato la sacra Liturgia della Chiesa e il suo spazio NON può essere un mezzo valido. LEX ORANDI LEX CREDENDI.
    Un "cammino" che persiste a conservare segreto il fondamento teologico di quella che si pretende essere una formazione cattolica, NON può essere un mezzo valido.
    Un"cammino" che porta la divisione nelle parrocchie e che considera un`eventuale integrazione come un`imposizione delle sue prassi a tutta la parrocchia, non è un mezzo valido.
    Tuutto quello che ho appena descritto fa parte del DNA del cnc, il cnc non si cambia, nessuno, nemmeno il Papa, ha potuto farlo.
    Chi si illude che il cnc possa cambiare si illude, perchè quella è un`"armada" a disposizione di Kiko Arguello e del suo progetto, i kikos obbediscono solo a Arguello, non cambieranno niente che Arguello non voglia e Arguello rifiuta di cambiare una virgola alla sua creatura, devo ricordarvi che cosa ha fatto per rifiutare la liturgia della Chiesa, disobbedendo al Papa?
    Del resto perchè lo farebbe, dal momento che la gerarchia si mette in ginocchio davanti a lui?

    RispondiElimina
  36. il cnc non si cambia, nessuno, nemmeno il Papa, ha potuto farlo.

    Brava Luisa, questa è la realtà, rerum natura;
    e non possiamo pretendere che il Signore faccia un miracolo sulla natura umana ribelle e recidiva nelle storture, per cambiare la testa a Kiko & C, che mostrano ostinazione nel peccato (superbia e derivati) e indurimento del cuore.
    Dio ci lascia scontare le conseguenze delle strade che prendiamo e cocciutamente percorriamo, rifiutando di ascoltare i suoi richiami, e purtroppo gli ingenui adescati sono trascinati per anni e anni a una falsa fede e alla rovina psichica dai predatori di anime.
    Le autorità della Chiesa che sanno queste cose, a vari livelli di responsabilità, dovranno rendere conto a Dio della carenza persistente di severità in correzioni effettive, che nei decenni si è tradotta in connivenza, OMISSIONE di tutela delle pecore inermi, mentre i mali ingigantivano, ingannando e facendo sbandare buona parte del Gregge.
    Dunque, alla fine....come prima più di prima tutto continuerà:
    " quello che si faceva in segreto nelle salette ed anche il resto si può continuare a farlo, dato che il cammino è e resta blindato (perché è chiaro che chi lo percorre deve sottostare alle ferree condizioni già note) nonché avvolto dal segreto, ma questa volta con la benedizione apostolica.
    (e continueremo a vedere chi di fatto comanda nella Chiesa: la Gerarchia al completo in ginocchio davanti ad un eretico pseudo teologo, lupo in veste di agnello, sedicente chiamato dallo "spirito" a condurre clero e fedeli neo-cattolicizzati là dove a lui piacerà....)

    Roma locuta.
    Les jeux sont faits.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "lupo in veste di agnello,"

      Capisco ciò che vuoi dire, Ester, l`agnello obbediente(Kiko=cnc) che segue il suo pastore(Papa), è forse l`immagine che l`Arguello vuol dare di sè stesso, ma chi può comprare quella menzogna?
      I neocatecumenali senza dubbio, eppure, se fossero sinceri con sè stessi i kikos direbbero che il loro Kiko non obbedisce al Papa ma impone la sua volontà, purtroppo, identificati nel loro idolo "cammino" e soggiogati dal verbo kikiano, bevono, come fosse verità, ogni parola e gesto del loro solo e vero pastore.
      Per rendersi conto che Arguello non è nemmeno un lupo in veste di agnello, basta vederlo e ascoltarlo mentre si rivolge ai suoi kikos e a quella gerarchia connivente, è l`immagine stessa dell`orgoglio incarnato di un uomo che esaltando il cnc esalta sè stesso, prendendo in ostaggio Dio, Dio che lo ha ispirato, Dio che ha ispirato il "camino",Dio che sta facendo con il"cammino" un`opera che i nc non meritano, loro che sono tutti poveracci, tutti peccatori, (ipse dixit davanti al Papa), vi ricordate quel che l`Arguello ha detto a Düsseldorf? Un delirio.

      Elimina
  37. La mia unica curiosita in questo momento è per quanto tempo kiko spera di continuare la sua presa in giro del Cristianesimo, Ebraismo e molti di quelli innocenti neocatecumeni pensando che qualcuno ancora crede in lui?

    Kiko non si rende conto che tutti paesi del mondo che hanno esperimentato CNC lo stanno considerando una parodia. Ogni paese trova kiko ripugnante per la sua mancanza d'onore.

    Quanto tempo kiko spera di ingannare tutti neocatecumeni innocenti? Quando capiranno che sono stati imbrogliati, che Kiko ha rovinato la maggior parte della loro vita...non ci sarà più un posto al mondo dove kiko potra nascondersi dalla povera gente consapevole: di oltre 25 anni di mantenimento per una vita stravagante di Kiko e Carmen; che non c era alcuna reale necessità di camminare per 25 anni per essere regalato un Bibbia(si può acquistare), la preghiera del Padre Nostro (leggi nella Bibbia), il Credo (è detto ogni settimana nella chiesa), un banchetto (si può organizzare da soli), una visita a Gerusalemme (vai da solo, costa poco e tutti sono benvenuti), essere in missione per predicare la vostra fede(è possibile farlo tutti giorni, siamo circondati da molti atei, e ignoranti di fede ), di avere una comunita separata( tutto il mondo e una comunita e tutti siamo figli di Dio,poi ci sono le chiese per pregare insieme a altra gente non come topi nascosti in ...)....

    Kiko, abbiamo capito tutto, adesso basta!!!

    Ho detto BASTA!

    RispondiElimina
  38. Stai bene attenta Mic! Stai alimentando un odio che giorno dopo giorno tracìma dalla bocca dei tuoi seguaci e dalle tue seguaci! Te lo ripeto : stai molto attenta! Se questo odio razzista e discriminatorio e questa vostra oscenità verbale dovesse risolversi in qualche azione criminale ai danni di altri cristiani che per anni avete screditato e diffamato, ti riterrò personalmente responsabile della tua condotta di pseudoteologa dei miei stivali denunciandoti in tutte le sedi legali possibili e immaginabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pasqua! Che ci fai ancora qui? Avete ottenuto tutto quello che avete voluto , non sei contento?
      Di che cosa hai paura?
      Odio razzista!?! Ah..voi neocat siete una nuova razza? Non lo sapevo,se ne impara una ogni giorno!
      Vatti a bere una camomilla, tanto dovrai farti una ragione del fatto che i tuoi idoli, Kiko I e cnc, avranno sì un potere immenso ma non hanno ancora quello di zittire le coscienze dei cattolici, di anestetizzare le loro menti, qui si continuerà ad informare e dare spazio alle testimonianze.

      Elimina
  39. Forse Kiko ha agito e parlato in buona Fede. Il Cammino è uno strumento che il Papa ha approvato, seppure non si è espresso ancora su alcune cose importanti.
    Questo strumento però, come tutti gli strumenti, può essere usato in modo sbagliato o no. Può fare del bene e può anche fare del male se c'è una sua strumentalizzazione, se ci sono doppi fini, se ci sono cattive testimonianze e errori nelle catechesi, ecc.

    RispondiElimina
  40. Va bene Mic non ha pubblicato quanto le ho inviato evidentemente ho toccato un nervo scoperto e mi sono addentrato su un tereno sul quale lei non vuole avventurarsi.L'ho presa in fallo e non sa che pesci pigliare.Ha forse paura che i suoi amici scoprano le stupidaggini che scrive?Tranquilla tanto alcuni continueranno a scrive ancora a lungo su questo blog e che altro possono e sanno fare?

    Cosa altro sanno fare se non trascorrere il loro tempo a criticare il Cammino?Non sono capaci di altro e pure di cose utili nella Chiesa ci sarebbero da fare.Caritas,catechesi,
    preghiera,annuncio del Vangelo!Ma niente di tutte queste attività sembra piacervi!

    Perchè chi critica qui il Cammino non lascia il lavoro,la casa e si trasferisce in qualche zona scristianizzata?Se pensate che il Cammino faccia del male perchè non fate voi qualcosa?Lasciate tutto e andate in zone scristianizzate magari con qualche Sacerdote tradizionalista che fa la Messa Tridentina?Ci sono zone dell'Europa dove il cristianesimo non esiste più
    e comincia ad essere così anche in Italia.
    Non pensate sarebbe più utile che facciate voi qualcosa per rispondere a questo problema?

    Guardate che annunciare il Vangelo è di tutti i battezzati!

    Altrimenti assisterete alla scomparsa di tante parrocchie per mancanza di preti come già avviene nell'Europa del nord.Se siete in grado di ripondere meglio del Cammino a questi problemi fatelo non perdete tempo su questo blog.

    Pensate di trascorrere tutta la vostra vita alla finstra ad osservare cosa fa il Cammino?Datevi da fare!


    Buona domenica e in bocca la lupo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai bene attenta Mic! Stai alimentando un odio che giorno dopo giorno tracìma dalla bocca dei tuoi seguaci e dalle tue seguaci!

      Anonimo,
      sei completamente fuori strada. Io non ho seguaci. Se anche io non scrivessi più, questo blog andrebbe avanti da solo, non so se te ne sei accorto. Perché qui ognuno risponde di se stesso e non segue nessuno se non la Santa Chiesa Cattolica nelle quale si è formato e vive la Fede punto
      Il nostro denunciare le menzogne gli inganni e le difformità dalla retta fede credo che alimenti odio soltanto in te e in coloro come te che sanno esprimere solo minacce e insulti.

      Se né io né altri abbiamo pubblicato prima è solo perché evidentemente impegnati in qualcosa d'altro e mi chiedo chi sei tu per sapere qual è il nostro impegno anche pastorale e dirci dove e come dobbiamo spenderlo... Come se solo la missio ad gentes neocat sia capace di salvare il mondo e come se fosse l'unico insostituibile (!?) tipo di missio ad gentes.
      Comincia da te stesso e comincia a Adorare il Signore, forse riusciresti ad esprimerti in termini più umani, prim'ancora che cristiani.

      Elimina
    2. "Pensate di trascorrere tutta la vostra vita alla finstra ad osservare cosa fa il Cammino?Datevi da fare!"

      E tu, probabilmente sempre lo stesso fedelissimo Pasquà, non hai altro da fare che passare le tue giornate e notti a monitorare questo blog? Ti ripeto, di che cosa hai paura?

      Elimina
    3. Anonimo mc dice:
      Perchè chi critica qui il Cammino non lascia il lavoro,la casa e si trasferisce in qualche zona scristianizzata?Se pensate che il Cammino faccia del male perchè non fate voi qualcosa?Lasciate tutto e andate in zone scristianizzate magari con qualche Sacerdote tradizionalista che fa la Messa Tridentina?Ci sono zone dell'Europa dove il cristianesimo non esiste più
      e comincia ad essere così anche in Italia.
      Non pensate sarebbe più utile che facciate voi qualcosa per rispondere a questo problema?

      Anonimo (Gv)
      Vedi quanto la tua fede sia fatta di apparenza? Per te trasferirsi in qualche zona scristianizzata è prova di vera fede. Basta l'attto del trasferimento. Ma come mi insegna il mio padre spirituale che ha un importante carica vaticana per l'evangelizzazione dell'Africa e dell'Asia andare a far evangelizzazione senza esser preparati fa solo danni, serve a darti il tuo contentino psicologico e basta. Mi racconta di come il cammino distrugga in africa e soprattutto in Asia le parrocchie. Di come il cammino sia più simile ai testimoni di Geova che ai cattolici. Voi partite magari vi fate due mesi in Africa con un traduttore che traduce quello che dite e poi tornate a casa convinti di avwer fatto evangelizzazione. Ma avete mai studiato la cultura del posto e i loro costumi? E soprattutto sapete quello che dite? siete formati per osmosi sui catechisti o avete mai studiato su qualche libro o seguito qualche conferenza che insegni come approcciarsi al terzo mondo? Vi rendete conto di quanti danni state facendo?

      Elimina
  41. @ultimo anonimo.
    Carissimo, mi scusi per la domanda impertinente: ma lei mi (parlo per me ovviamente) conosce?
    Sa quello che faccio? Sa dove vivo? (anche se è sotto gli occhi di tutti, e ed è anche uno dei motti del cammino, che la crisi c'è dappertutto specialmente a casa nostra. Quindi perchè "trasferirsi"?)

    Se lei è interessato a quello che faccio (ma ne dubito perchè la prassi del cammino di solito dice che nessuno s'impegna e che se si impegna lo fa per "autorealizzarsi") mi può contattare per mail e glielo illustro. Io problemi a farmi conoscere non ne ho. Kiko Arguello sì. Per i risultati io ho la logica del "grano di senape" e non mi aspetto risultati grandiosi a breve termine. Perchè questa era la "logica" di Gesù.E anche del Papa. La "logica" di Kiko Arguello mi pare diversa.

    Quindi questi inviti da 4 soldi se li risparmi...fa più bella figura

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.