mercoledì 2 aprile 2008

Bozza "Lettera aperta" ai vescovi...

Riposto con mie annotazioni, un po' frettolose, ma intanto essenziali, la scheda predisposta da Michela, che stabilisce alcuni "punti" da sottoporre all'attenzione dei vescovi. A voi il seguito... compresi suggerimenti e proposte, aggiunta di altri punti, loro ordine in base all'importanza, ecc. compreso anche il "cappello"...

Il primo punto che inserirei intanto è questo:

- Il cammino parte ingannevolmente come "Catechesi per adulti" avallata dal parroco e dal vescovo e poi sfocia nell'adesione al Cammino Neocatecumenale, che, si scopre solo dopo anni, comporta una serie di assoggettamenti a prassi e ritualità che non hanno nulla di ecclesiale e non rispettano la dignità della persona (esempio scrutini) obbedienza cieca a catechisti formati dall'iniziatore del cammino sulla base di suoi insegnamenti "altri" da quelli della Chiesa e non a cura dei vescovi da cui dicono di essere 'mandati'

- Nelle comunità non si è recepita la lettera di Arinze sul modo di ricevere la comunione
Il problema non è solo la disobbedienza, quanto il persistere nell'interiorizzare una teologia "altra", che è alla base del rito

- Processione delle palme, con palme diverse
Rinnovo delle promesse battesimali in vesti bianche, separati dal resto dei fedeli
Lavanda dei piedi eseguita in un contesto non eucaristico, spesso senza sacerdote, con valenza di perdono reciproco

a tutto scapito del sacerdozio ministerale, in quanto celebrata da laici, spesso senza neppure la presenza del sacerdote (ma quando c'è, raramente perché non dice nulla?) e con ritualità del tutto 'staccata' da quella della Chiesa
enfatizzazione della 'separatezza' e di ritualità anomale rispetto alle prescrizioni ecclesiali (applicano a battezzati - con l'aggiunta di suggestioni e innovazioni proprie - quello che le norme OICA prevedono per i non battezzati)

- Domande intime agli scrutinii, sulla sessualità, sul rapporto con i genitori,...
mancato rispetto del foro interno, in spregio a quanto prescritto dallo Statuto; il che dimostra la Non volontà di adeguarsi e di mantenere la proprie forte identità che fa del Cammino NC un 'unicum'

-famiglie in missione che molto spesso non conoscono la lingua e le tradizioni del luogo, e impongono il metodo neocatecumenale in toto
(la cosiddetta "implantatio ecclesiae" consiste nel creare nuove Comunità NC - che mai si integrano con la parrocchia ma piuttosto puntano a sostituirsi ad essa - e sostanzialmente nella proliferazione del Cammino e non della Chiesa cattolica)

- Metodo neocatecumenale basato su tappe, tenute segrete, che avvalora i sospetti di un percorso gnostico
Segretezza.

(contenuti: insegnamenti tratti prevalentemente dall'AT, Talmud, Midrash vari e non dal Nuovo Testamento se non per ragioni strumentali al Cammino; metodi lesivi della dignità della persona più propri di una realtà settaria che di un sedicente movimento ecclesiale)

- Liturgie eucaristiche di fatto chiuse agli altri fedeli (con elementi sincretistici e innovazioni arbitrarie introdotte dall'iniziatore che nulla hanno di cattolico)
- Liturgie eucaristiche multiple che hanno il solo scopo di cementare la comunità e non portano alla vera comunione ecclesiale

- Veglie di Pasqua doppie senza alcun rispetto delle prescrizioni della Paschalis solemnitatis dell'88, che dicono non li riguardi, come tutto il resto del Magistero
Dove non è possibile fare la veglia in parrocchia vi sono comunità che affittano sale di alberghi , capannoni e a volte sale da ballo. Di conseguenza ci sono battesimi in luoghi non consacrati in spregio al CJC can. ….

- La carità è soggetta alla previa approvazione del catechista. Nessuno può fare opere di volontariato se non ha ricevuto il permesso dal catechista l'anomalia sta nel fatto che il catechista è il vero "pastore" e guida, in luogo del sacerdote e del vescovo, con la scusa che avrebbe ricevuto il 'mandato' dal vescovo che in realtà è investitura dell'iniziatore che nei suoi insegnamenti non riconosce la gerarchia, salvo a strumentalizzarla quando gli serve per avere imprimatur. La cosa più grave è che il catechista è l'unico che può dire "se hai lo Spirito Santo", in virtù di quale carìsma? Neppure un Vescovo può dare un carìsma del genere, che viene direttamente da Dio...

- Dopo il secondo passaggio viene richiesto di consegnare la decima in comunità.
Questo flusso di denaro non viene rendicontato

156 commenti:

mic ha detto...

Un punto che inserirei e svilupperei è quello della "famiglia" all'interno del cammino.
C'è tanta enfasi sul "valore" della famiglia, ma "quale tipo" di famiglia sviluppa il cammino?

Uriel ha detto...

Per Alessandra

Ogni matrimonio cristiano e' prezioso davanti agli occhi del Signore, ed ogni famiglia (intesa genitori e figli) lo e' altrettanto. Dire diversamente sarebbe affermare che esistono matrimoni e quindi famiglie cristiane di serie a, b, c, d e cosi via.


La specifica missione che ad ognuno di noi, nella nostra povertà, e' affidata non ci rende piu' o meno preziosi.

D'altra parte come recita il salmo; "e' preziosa agli occhi del Signore la morte dei suoi figli".

I processi di santificazione spettano alla Chiesa (Vaticano), non a noi

Anonimo ha detto...

volevo solo incoraggiarvi a farlo, assolutamente! sono curioso di vedere se riuscite a ottenere una risposta piu' breve di quella che ha ottenuto zoffoli, o se arrivate a pari merito...

Uriel ha detto...

Sul matrimonio nel cn.

E' facile dire bene o dire male, e credo che ciascuno puo' farlo, onestamente, in base al proprio vissuto.

Quello che non e' mai stato scritto su questo blog, e' che nel Cn si fa sufficente pressione sul fatto che la santificazione del matrimonio cristiano passa attraverso l'atto sessuale.
Cio' comporta, che (parlo per me e mia moglie)in 12 anni di matrimonio (non facendo uso di alcuna forma di contraccezione se non l'astinenza)
e' facile avere diversi figli, che chiaramente sono accolti come Dono del Signore.

Andare oltre si potrebbe facilemente strumentalizzare.

michela ha detto...

Gli argomenti individuati finora sono:

-introduzione sulla lettera di Arinze ovvero sulla disobbedienza
-reclutamento iniziale
-Preghiera e vita cristiana
-Eucarestia e liturgia
-Settimana Santa e triduo
-Scrutinii
-Gestione del denaro
-RM: di cui, però mi serve il vostro aiuto perchè non è chiara dai documenti la situazione del sacerdote, dopo l'ordinazione. so solo quello che viene detto a voce nel cammino.
-famiglia e figli
-iconografia

Uriel ha detto...

Mic,

stiamo parlando comunque di famiglie cristiane.

Non credi che quanto stai chiedendo sia entrare nel foro interno della famiglia e che inoltre si rischi pericolosamente di generalizzare?

Io posso scrivere l'esperienza della mia famiglia, ma e' assolutamente nostra e appartiene al nostro vissuto e non puo' essere usata per formulare giudizi positivi o negativi sul cammino.

Alla fine e' sempre il Signore che guida la storia e propone situazioni davanti alle quali puoi fare o non fare la tua scelta.

La cosa che mi dispiace e' che oggi il Cn venga fatto passare come l'unico difensore del matrimonio cristiano e quindi della famiglia, basandosi sul numero dei figli. Questo mi fa male, come mi ha fatto molto male leggere la discriminazione tra famiglie nc e no sul comunicato dei Vescovi dopo l'incontro alla Domus.

Anonimo ha detto...

ragazzi, la lettera ai vescovi... questo e' il momento che ho sempre sognato!

speriamo che pubblichino la risposta...

mic ha detto...

aggiungerei, dopo iconografia

- "nuova estetica": introduzione di una nuova architettura del Luogo Sacro cui sottende una nuova simbologia

Uriel ha detto...

Anonimo ha detto...
ragazzi, la lettera ai vescovi... questo e' il momento che ho sempre sognato!

speriamo che pubblichino la risposta...

E' chiaro che tu rida: la maggior parte dei vescovi non conoscono la vita all'interno di una comunità (lo dico in positivo ed in negativo) e basano il loro giudizio sull'esteriore (non sempre il frutto buono indica che l'albero non sia malato); mentre altri hanno una conoscenza piu' approfondita per esperienza diretta. Potrei citarne alcuni, e chiaro, ma esiste una riservatezza che non puo' essere esclusa.

Uriel ha detto...

- "nuova estetica": introduzione di una nuova architettura del Luogo Sacro cui sottende una nuova simbologia

Domanda:
sono comunque Chiese benedette e se si chi le ha benedette? Il Vaticano ne e' a conoscenza?

mic ha detto...

"Non credi che quanto stai chiedendo sia entrare nel foro interno della famiglia e che inoltre si rischi pericolosamente di generalizzare?"

Uriel, forse non mi sono spiegato bene: non intendo portare testimonianze "personali" che entrino in dettagli intimi.
Per ogni punto indicherei il più stringatamente ma anche il più chiaramente ed esplicitazmente possibile la differenza tra Cammino e Chiesa
Quanto alla famiglia, è chiaro che mi riferisco alle considerazioni generali,
Es: la dinamica familiare risulta allargata e comunque influenzata dall'autorità dei catechisti e altre figure (didascali) quali impegni vengono richiesti e cosa comportano... si parte da cose apparentemente positive che poi risultano un boomerang, come può essere il fatto di convogliare nell'ambito del cammino tutte le energie, le risorse, le attività delle persone, escludendo il normale lavoro di accoglienza e elaborazione di dati e di esperienze 'esterne', per vivere poi alla fine le esperienze più significative, alcune delle quali 'indotte' e in un certo modo, in un 'ambiente' che diventa totalizzante e crea un 'circuito chiuso', una 'realtà vistruale' precostituita da chi ha ideato tutto il marchingegno

mic ha detto...

"sono comunque Chiese benedette e se si chi le ha benedette? Il Vaticano ne e' a conoscenza?"

a quanto mi risulta, ogni nuova chiesa costruita deve essere "dedicata" e l'altare "consacrato"... c'è tutta una celebrazione ad hoc...
quindi le loro chiese, anche se hanno gli elementi architettonici diversi introdotti da kiko, credo siano state tutte consacrate da qualche vescovo

Ma questo è stato possibile proprio anche grazie gran confusione e arbitrarietà post conciliare, credo, oltre alla totale indifferenza dei vescovi!

Uriel ha detto...

-Settimana Santa e triduo

Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.


Gestione del denaro

La decima si qualifica come un atto personale. Cio' che pero rende l'offerta decima, nel cn, a parte la precentuale, e' che deve essere data in comunità. Se non data in comunità si chiama elemosina.

Sacerdoti
di solito sono tutti diocesani e quindi obbediscono al Vescovo.
In alcuni casi viene chiesto un permesso particolare per destinarli in missione.

mic ha detto...

Sempre per Uriel,
... è chiaro che quanto alle famiglie, ad es., si dovrà fare anche l'accenno all'apertura alla vita", ma sempre in termini generali e non personalizzando il discorso...

Uriel ha detto...

Sempre per Uriel,
... è chiaro che quanto alle famiglie, ad es., si potrà fare anche l'accenno all'apertura alla vita", ma sempre in termini generali e non personalizzando il discorso...

Mic l'apertura alla vita e' uno dei concetti piu' poliedrici che tu potresti incontrare.

Nel Cn apertura alla vita e' anche non mettere il marito o la moglie in un ospizio, accogliere in casa i genitori malati, non fare eutanasia e cosi via.
Non soltanto quello di non usare contraccettivi.

mic ha detto...

"Quello che non e' mai stato scritto su questo blog, e' che nel Cn si fa sufficente pressione sul fatto che la santificazione del matrimonio cristiano passa attraverso l'atto sessuale."

questo è un fatto che dovrebbe essere ben esplicitato in una educazione alla fede e comunque al momento della preparazione al matrimonio dovrebbe essere trattato e presentato in tutta la sua bellezza e profondità... purtroppo anche tutto questo nel cammino alla fine viene ridotto a una fatto strumentale... alta natalità = successo della formula "fiducia nel Signore della vita" + aumento di popolazione NC dalla nascita senza bisogno di fare proseliti (e siamo già alla terza generazione di gente che non sa cos'è la Chiesa quella VERA!)

mic ha detto...

"Nel Cn apertura alla vita e' anche non mettere il marito o la moglie in un ospizio, accogliere in casa i genitori malati, non fare eutanasia e cosi via.
Non soltanto quello di non usare contraccettivi."

ma questo anche nella Chiesa, non solo nel cammino, Uriel!!!
e apertura alla vita è molto altro ancora!!!

mic ha detto...

quello che viene indicato come comportamento (ed è più che giusto) è il frutto della vera apertura alla vita non è che tu sei aperto alla vita se fai così... fai così perché sei aperto alla vita e, intendimi bene, non è la stessa cosa

sostanzialente è la differenza Paolina tra le opere della fede e le opere della legge

Uriel ha detto...

....alta natalità = successo della formula "fiducia nel Signore della vita" ...


Bravo Mic! Il punto centrale e' questo.

Come viene raggiunto in pratica l'ho detto prima.

Mi sembra anche che stiamo dicendo cose importanti nella pratica senza offendere la sensibilitrà di alcuno.

mic ha detto...

... e non è il cammino, è il Signore che ti rende capace di fare certe scelte... il cammino ti ci coarta... e alla fine ti senti dire "grazie al cammino io ero... adesso sono..."

Uriel ha detto...

Le opere della legge ti legano al "legislatore", quelle della fede ti rendono libero nel Signore.

mic ha detto...

Secondo te "fiducia nel Signore della vita" significa solo mettere al mondo un numero indiscriminato di figli?

Uriel ha detto...

Secondo te "fiducia nel Signore della vita" significa solo mettere al mondo un numero indiscriminato di figli?


Assolutamente no!

mike ha detto...

-Settimana Santa e triduo

Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.

Scusa per lavarsi i piedi tra persone - fare un rito di fraternità di amore fraterno - bisogna chiedere il permesso a qualcuno, al vescovo? al parroco? o ad Arinze????
Quando gli scout compione la cerimonia della consegna del "cappello" qualcuno a qualcosa da ridire? Ricorda che alla consegna del cappello nello scoutismo viene compiuto uno specifico rito d'acqua sul capo - che ricorda il battesimo - lo scout entra nella squadriglia, ma mai nessuno grida all'eresia, all'oltraggio ecc..
Ma conoscete la prassi dei vari gruppi che operano nella Chiesa per non dire in parrochhia??

Nessuno vieta ai parroci di lavare i piedi a 12 scolaretti delle elementari (con la raccomandazione data in precedenza di lavarsi e profumarsi i piedi).

Gestione del denaro

La decima si qualifica come un atto personale. Cio' che pero rende l'offerta decima, nel cn, a parte la precentuale, e' che deve essere data in comunità. Se non data in comunità si chiama elemosina.


La decima è atto libero, non previsto neanche dallo Satuto, chi ha da' chi non ha non da' niente. In parrocchia c'è una continua richiesat di danaro: riscaldamento, sostentamento dei sacerdoti, spese di ciclostilati, spese di fiori ecc. ecc.

Sacerdoti
di solito sono tutti diocesani e quindi obbediscono al Vescovo.
In alcuni casi viene chiesto un permesso particolare per destinarli in missione.


I sacerdoti di solito fanno un servizio spontaneo, eucarestia e confessioni, qualcuno entra in cammino, ma non lo termina mai in quanto segue solo per un poco una comunità poi questa viene fusa con un altra che ha già un sacerdote, e il sacerdote inizia a seguire un'altra comunità.
Tutto all'insegna della libertà.

Nessuno chiede al Vescovo di poter seguire un gruppo famiglie della parrocchia o un grupopo di sposi.
Se per seguire un gruppo bisogna chiedere il permesso al vescovo staremmo proprio bene.

Uriel ha detto...

il cammino ti ci coarta... e alla fine ti senti dire "grazie al cammino io ero... adesso sono..."

Questo che scrivi e' un modo comune di pensare nel cn. Io lo chiamo "sostituzione di sacro".

Uriel ha detto...

Mike perche' ci prendi per stupidi, con le osservazioni che fai?

gherardo ha detto...

Katartiko rispondi si si
no no
per favore.

Tu fai la comunione
alzandoti e andando all'altare (consacrato)
per riceverla?

PS
Sappi che tutte le comunita' da noi
contattate, e sono molte in ordine sparso nell'Italia, tutte dico,
disattendono allegramente.

michela ha detto...

Sulla famiglia se ne è parlato in febbraio 2007:

quella volta avevo scritto che è come se la coppia nc fosse fondata sul cammino, e non su Gesù Cristo, nel senso che il cammino ti mette di fronte a un ideale di vita elevato ed irraggiungibile, a cui i due coniugi devono adeguarsi.
Anche Gesù propone un'ideale di vita difficile, ma è disposto a perdonarti, e non ti giudica come ti giudicano i catechisti e i fratelli di comunità, se non ti adegui alle norme.
Quindi se uno dei due non è tanto convinto si finisce per giudicarsi pesantemente, perchè magari uno dei due non ha voglia di fare ancora un'altra catechesi, di avere un altro figlio, di pagare baby-sitter, di alzarsi presto per pregare, cioè perchè 'non vuole fare il cammino'
senza arrivare a quei gravi casi di separazione che sono denunciati in rete, si finisce per essere scontenti e tristi e di attribuire incosciamente tutto il male al coniuge che 'non fa bene il cammino', per usare il gergo nc.

funzionano solo le coppie in cui entrambi, per non avere problemi accettano di fare le stesse cose.

La figura stessa del catechista che fa domande sul comportamento sessuale dei coniugi, o al quale i coniugi spontanemente confidano le loro difficoltà, fa capire che in quel matrimonio non sono più in due, ma in due + il catechista che rappresenta il cammino.

Discorso analogo si può fare sull'educazione dei figli, che viene delegata al cammino ( da qui la richiesta di inserire i figli prima possibile in comunità)

Comunque basta leggere la relazione dello psichiatra sul sito, e adattarla ai casi che conosciamo, per capire che nel cammino la famiglia conta zero.

mike ha detto...

Ma voi da chi sentite tutto questo, ma avete mai letto il giornalino del vostro seminario diocesano?
Leggetelo, ogni seminarista dice sono grato al Signore che mi ha chiamato.
così i catecumeni sono grati al Signore perché sono stati chiamati alla fede.

Il cammino è un mezzo come tanti altri, è il Signore che chiama , chi nell'Azione Cattolica, che nel Rinnovamento, chi alla vita parrocchiale, chi nei Cursillos, chi nei focalari.

Perché volete a tutti i costi "spaccare" la Chiesa che altro non è che il corpo variegato di Cristo fatto di tante membra ciascuna con i suoi scopi o carismi.

mic ha detto...

non sprechiamo le energie con chi ci prende per stupidi, infatti... su questa pagina andremo avanti sviluppando punto per punto con tutto il tempo e la riflessione che ci vorranno

Da ora in poi non staremo più a perder tempo con chi ci viene a dire quanto è bella la messa del cammino... se la tenga, visto che non è in grado di 'gustare' e nutrirsi della bellezza e della profondità di quella VERA!

mic ha detto...

Perché volete a tutti i costi "spaccare" la Chiesa che altro non è che il corpo variegato di Cristo fatto di tante membra ciascuna con i suoi scopi o carismi.

noi non stiamo "spaccando" la chiesa, stiamo constatando una spaccatura purtroppo esistente e inesorabilmente operata e perpetuata dal Cammino.

Questa è l'ultima interruzione del nostro discorso.
Chi vuole contribuire o confutare deve farlo con argomenti e non lanciando accuse...

mic ha detto...

enon si tratta di "differenza" tra membra diverse del corpo mistico della Chiesa: il Cammino non è un membro, è un corpo estraneo, è un "monstrum" che non è nato dalla Chiesa

mike ha detto...

ogni gruppo ha le sue liturgie che si ricollegano ai sacramenti, solo chi conosce a fondo le varie realtà ecclesiali conosce i loro riti e i motivi che satnno alla base del rito.
Dire che la Lavanda dei piedi neocatecumenale è sostitutiva della messa in cena donmini è una vera eresia.
Parlate per ignoranza.
I neocatecumeni partecipano alla Messa in cena domini e successivamente vanno in comunità a compiere il rito della lavanda dei piedi.
Cosa c'è di male?

Capirei una obiezione del genere: quelli sono matti che si lavano i piedi fra loro. Una osservazione del genere potrei anche capirla, ma affermando che i neocatecumenali sostituiscono la messa in cena domini con la lavanda mi sembra un affronto alle vostre intelligenze.

ghedini ha detto...

ogni gruppo ha le sue liturgie

ah ah ah

liturgia ad personam

ah ah ah

Uriel ha detto...

Dire che la Lavanda dei piedi neocatecumenale è sostitutiva della messa in cena donmini è una vera eresia.


Ma sai leggere?

Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.

Mic, per me finisce qua, ma questo Mike batte tutti 7 a zero

mic ha detto...

alla prossima Uriel, anche per me adesso finisce qua... ma per chiunque inserisce post che non c'entrano nulla, non c'è spazio qui...

mike ha detto...

ghedini, certo liturgie adatte al gruppo. Gli scout fanno messe al campo, si cucinano, fanno tante attività che io definirei paranoiche, per loro sono buone. Il loro fondatore è un protestante - se non sbaglio - eppure in tante parrocchie ci sonoscout, capi scout, lupetti, e animali vari.

Azione cattolica, parlano discutono, consegnano le tessere facendo la loro liturgia particolare.

Focalarini, vivono in una comune maschile o femminile, lavorano, hanno i loro incontri, le loro liturgie, chiamavano Chiara Lubich - mamma chiara - .

Il Rinnovamento osannava il suo fondatore, ha i suoi canti, cadono - svengono - nel sonno dello Spirito hanno le loro forti liturgie carismatiche dove "parlano in lingue" e scacciano i demoni.

Quando si riuniscono alcune volte un candidato si siede al centro e tutto il gruppo gli "impone le mani" - senza sacerdote - e fanno la liturgia della "discesa dello spirito".

ecc. ecc.

stephanos78 ha detto...

Scusa per lavarsi i piedi tra persone - fare un rito di fraternità di amore fraterno - bisogna chiedere il permesso a qualcuno, al vescovo? al parroco? o ad Arinze????

Più chiaro di così! Signore mio... Serve qualcos'altro?

così i catecumeni sono grati al Signore perché sono stati chiamati alla fede.

Capito? I "Catecumeni"...! La "nuova Chiesa" che "avanza"...:-)

mic ha detto...

mike ha detto...
"ogni gruppo ha le sue liturgie"
????

la Liturgia cristiana è una sola: la sacra e divina liturgia del Sacrificio di nostro Signore che è anche offerta banchetto escatologico, e tante altre cose e innanzitutta mistero da vivere e venerare non da banalizzare...

Sulla lavanda dei piedi, per non 'uscire' dal nostro filo conduttore ti metto i link dove puoi leggerti un documento istruttivo ma scommetto che non servirà a chiarirti le idee perché parla degli insegnamenti della Chiesa e non di quelli di kiko!

ghedini ha detto...

si vabbe anch'io mi sveglio
la mattina faccio colazione ecc.
ho le mie liturgie

ma qui si parla della
liturgia eucaristica

lanci il sasso e nascondi
la mano

oh dirai come il "mio
protetto" che ti ha frainteso
la stampa?

mic ha detto...

"Quando si riuniscono alcune volte un candidato si siede al centro e tutto il gruppo gli "impone le mani" - senza sacerdote - e fanno la liturgia della "discesa dello spirito"."

questa non è una liturgia, è una preghiera

mic ha detto...

"Focalarini, vivono in una comune maschile o femminile, lavorano, hanno i loro incontri, le loro liturgie, chiamavano Chiara Lubich - mamma chiara - ."

non hanno una liturgia eretica inventata da kiko

mic ha detto...

prego tornare al tema della pagina: i punti della Lettera ai vescovi...

stephanos78 ha detto...

E poi che discorsi sono? Se uno si butta da un ponte ci buttiamo tutti?

Anonimo ha detto...

Cosa ne pensate?


Cardinali e Vescovi ringraziano il Cammino neocatecumenale
Inaugurano una cappella per l'adorazione perpetua sul Monte delle Beatitudini
di Antonio Gaspari
ROMA, martedì, 1° aprile 2008 (ZENIT.org).- Sabato 29 Marzo, 9 Cardinali e 170 tra Vescovi e Arcivescovi, i rettori dei 54 seminari “Redemptoris Mater” di tutto il mondo e i catechisti itineranti del Cammino neocatecumenale hanno inaugurato una cappella per l’adorazione perpetua del Santissimo Sacramento sul Monte delle Beatitudini.
La cappella si trova nel presso la "Domus Galileae", centro gestito dal Cammino neocatecumenale in località Korazym, di fronte al lago di Tiberiade.
La cerimonia di inaugurazione è stata presieduta da Michel Sabbah, patriarca latino di Gerusalemme, da Vescovi dei vari riti, dal Custode della Terra Santa padre Piebattista Pizzaballa e dal nunzio di Sua Santità monsignor Antonio Franco. Vi hanno partecipato anche le autorità civili della regione e numerosi ambasciatori.
La cappella per l’adorazione del Santissimo è inserita all’interno di un moderno complesso architettonico, comprendente 20 cellette e un colonnato formato di sette colonne con archi che rappresentano i Sacramenti.
E' sovrastata da un complesso scultoreo in bronzo realizzato da Kiko Argüello che rappresenta il sermone della montagna: Cristo con i 12 apostoli proprio sul monte in cui il Signore pronunciò il discorso che è il cuore del cristianesimo.
Tutti i presenti hanno partecipato al convegno sulla “nuova evangelizzazione” promosso dai responsabili del Cammino neocatecumenale, Kiko Argüello, Carmen Hernandez e padre Mario Pezzi.
In un comunicato finale, riportato da “Avvenire”, i Vescovi e Arcivescovi riconoscono “con gratitudine che, tra le numerose grazie concesse dallo Spirito Santo alla Chiesa del nostro tempo, il Cammino neocatecumenale rappresenta con il suo itinerario di iniziazione cristiana un carisma potente per rafforzare lo slancio missionario”.
Il carisma che “sorge dalla rigenerazione battesimale”, ricorda il testo, può “dare una risposta alla situazione drammatica della scristianizzazione dell’Europa”.
Secondo i presuli, l’avvenire del Cammino dipenderà per gran parte dall’amore paterno con il quale i Vescovi “accoglieranno questo carisma”, accompagneranno “da vicino i seminari Redemptoris Mater” e incoraggeranno “le famiglie tanto preziose delle Comunità neocatecumenali”.
All'incontro, ricorda la “Radio Vaticana”, hanno partecipato il Cardinale Paul Josef Cordes, presidente del Pontificio Consiglio “Cor Unum”; il Cardinale Stanislaw Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici; il Cardinale Philippe Barbarin, Arcivescovo di Lione; il Cardinale Antonio María Rouco Varela, Arcivescovo di Madrid e presidente della Conferenza Episcopale Spagnola; il Cardinale Joachim Meisner, Arcivescovo di Colonia; il Cardinale Józef Glemp, primate di Polonia, e il Cardinale Vinko Puljić, Arcivescovo di Sarajevo.
Erano presenti anche il Cardinale Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna, e il Cardinale Stanislaw Dziwisz, Arcivescovo di Cracovia, che hanno sottolineato la grave situazione della famiglia e della moralità in Europa.
“Promuovere l’evangelizzazione – hanno affermato secondo quanto riportato dall'emittente pontificia – significa rinnovare la famiglia e quindi rinnovare l’Europa”.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

ovviamente il mio messaggio di ieri sera era un pesce d'aprile!

mic ha detto...

"Cosa ne pensate?" (vescovi domus)

ne abbiamo già diffusamente parlato sull'altra pagina.
comunque guardate qui

Anonimo ha detto...

si', grazie newgold, l'avevamo capito. un po' di ironia e' sempre apprezzata.

il giorno poi in cui qualcuno qua dimostrera' anche un po' di autoironia faremo festa.

Fedele ha detto...

in fondo i vescovi sicuramente NC sono i soliti noti... ma bastano per creare confusione e sconcerto nella Chiesa e in fondo promuovere, in inquietante contrasto con il silenzio del Papa, una realtà che è ancora sub iudice, altrimenti vuoi che il roboante comunicato non parlasse anche degli Statuti?

Anonimo ha detto...

È logico che la Chiesa prenda come 'modello' per l'evangelizzazione una realtà che si dice ecclesiale e abbiamo dimostrato in tutti i modi possibili che NON LO È?
*******************************
E' evidente che la logica della chiesa è diversa dalla tua, caro MIC. Tu 6 tagliato fuori e cerchi di farti un seguito parlando male di Kiko e delle sue idee.
E' chiaro che Kiko è ispirato dallo Spirito Santo e tu MIC da quale?

E a considerazione da quello che scrivi è meglio che non lo dici!!!

Claudio

mic ha detto...

E' evidente che la logica della chiesa è diversa dalla tua, caro MIC. Tu 6 tagliato fuori e cerchi di farti un seguito parlando male di Kiko e delle sue idee.
E' chiaro che Kiko è ispirato dallo Spirito Santo e tu MIC da quale?


guarda che è Chiesa anche il Papa che vi ha dato delle Norme che non seguite e sono Chiesa anche tutti i sacerdoti e vescovi (perché non vanno tutti alla Domus) che inorridiscono alla vostre liturgie e dicono che non sono ecclesiali le vostre prassi.

Io non cerco un seguito... e anche se rimanessi da solo a dire che siete eretici, mi orienterei al Signore e non seguirei mai la vostra pseudo-chiesa

Il fatto che io sia tagliato fuori o meno è ininfluente in questa brutta storia, che comuqnue non si è ancora conclusa perché il comunicato di alcuni vescovi non è la vostra approvazione.

Da quello che ho ascoltato, visto e letto non potrò mai credere che kiko è ispirato dallo Spirito Santo

Che la Chiesa stia vivendo un tempo di difficoltà e confusione è dolorosamente vero e forse io sono dolorosamente cretino a starne qui a parlare con te

E' che spero sempre ci sia qualcuno che legge e comprende e non si lascia abbagliare (ce ne sono più di quanti non immagini, sai?)

mic ha detto...

vorrei che chi entra in queste pagine non trovasse sempre le solite accuse e cavolate, per quello le cancello.
se dite che sono irrilevante non posso prendermela perché è vero... ma anche se sono irrilevante ho il diritto di difendere Quello in cui credo

Anonimo ha detto...

guarda che è Chiesa anche il Papa che vi ha dato delle Norme che non seguite e sono Chiesa anche tutti i sacerdoti e vescovi (perché non vanno tutti alla Domus) che inorridiscono alla vostre liturgie e dicono che non sono ecclesiali le vostre prassi.


*****************
Kiko successivamente ha parlato col Papa e il dialogo non è stato reso pubblico.


Claudio

mic ha detto...

Ce ne sono più di quanti non credete che non si lasciano abbagliare: solo l'ultimo messaggio. Molti più dettagliati e significativi sono pubblicati tra le testimonianze del sito

A: neshama@tiscali.it
Inviato: [02/04/2008 17.55] 02/04/2008 17.55
Oggetto: Modulo inviato da Microsoft Internet Explorer.

nome=l****
cognome=s****
sesso=f
eta=51-60
Professione=Casalinga
c3=motori
commenti=non sono mai entrata perchè alle catechesi sentendo le loro eresie ho litigato con un catechista
info=si

per loro scriviamo e per quelli che forse sono ancora tanto 'bastonati' da non riuscire a intervenire e è anche per rispetto a loro che cancelliamo le cavolate, altrimenti sarebbero molto utili per vedere chi siete davvero

mic ha detto...

"Dire che Kiko ha parlato col Papa e il dialogo non è stato reso pubblico ti brucia tanto da cancellarlo ?
Claudio"


è utile a qualcuno che io non lo cancelli?
Piuttosto mi chiedo perché tanto fastidio da postare per cento volte di seguito le stesse frasi e altro ancora...

mic ha detto...

vorrei che chi è interessato continuasse a dire la sua sull'argomento proposto... gli effluvi del fieno kikiano saranno eliminati appena possibile

Teo ha detto...

"9 Cardinali e 170 tra Vescovi e Arcivescovi, i rettori dei 54 seminari “Redemptoris Mater” di tutto il mondo "

Un alto prelato che va in pellegrinaggio alla Domus, è tollerabile, sebbene sospetto.

Dieci che vanno alla Domus, sono ancora tollerabili, sebbene inquietanti ed allarmanti.

Duecento e passa che vanno alla Domus e si inchinano ai capi del cammino non sono più tollerabili, poichè costituiscono di fatto la resa della gerarchia vaticana che rappresentano ed il riconoscimento formale di un'altra chiesa, incardinata nel maxitempio concorrente della basilica di S.Pietro appositamente edificato in Galilea per glorificare il cammino ed i suoi capi.

Così, Roma continua a discutere e temporeggiare, mentre Sagunto cade: l'astuto capo barbaro kiko pontifica e continua a conquistare proseliti, al comando delle sue orde silenziose, prefigurando alle spalle lo scenario di una Chiesa devastata e divisa.
Non è una profezia di Malachia ma un incubo sempre più realistico.

Anonimo ha detto...

forse nn rispondete perchè nn avete argomenti cn cui rispondermi o perchè preferite le provocazioni di basso rango a obiezioni serie e motivate?Alessandra

montmirail ha detto...

Cara Ale , hai portato solo
la tua magnifica esperienza che
bene o male tutti hanno rispettato.
Nel merito delle questioni non c'è
stata mai la possibilità di entrare.
E' la famosa critica di chi dice che
voi non conoscete una realtà perchè
non l'avete vissuta fino in fondo.
Ora se un concetto fa a pugni con quanto conosciuto e fortunatamente
riscontrato (ancora non si sa per quanto) come conforme all'isegnamento della Chiesa, non
penso che sia necessario viverlo fino in fondo anzi prima si prendono le distanze meglio è.

montmirail ha detto...

Circa la proposta della lettera ,
non vorrei sembrare disfattista , ma
di fronte a quanto riportato da
Avvenire mi sembra un po' velleitario
ripartire dal basso , magari da qualche persona di buona volontà.
C'è una Chiesa che va avanti senza bisogno di surrogati e strumenti
"potenti". Il termine "potente" dovrebbe far scattare qualche campanello d'allarme in chi di dovere, piuttosto che esaltare
non si sa bene cosa nel nuovo
mausoleo del monte. C'è ormai una
questione aperta , una fetta della gerarchia che si esalta per i movimenti e non guarda tanto per il sottile sui messaggi che vengono veicolati, sui quali peraltro si hanno solo flash estemporanei
da parte dei massimi responsabili.

Anonimo ha detto...

"e a questo punto ci sentiamo stranieri in quella che da sempre consideravamo la nostra Chiesa cattolica... ora sta assumendo sembianze sempre più vicine ai protestanti o suggestioni gnostiche e giudaizzanti... "


Finalmente lo ammetti, caro vecchio mic, di non essere in comunione con la Chiesa!!
Non che sia una novità...era una cosa evidente già da tempo...ma almeno dopo tanto tempo lo hai ammesso con chiarezza!

Ora che farai? Sancirai definitivamente la tua mancata appartenenza alla Chiesa Cattolica fondando la Santissima Romana Chiesa Apostolica Del Culto Di Mic (l'Unica Autentica Ed Originale!)?

Anonimo ha detto...

montmirail io l'ho vissuta fino in fondo,il cammino l'ho finito da tre anni,vado in giro a fare catechesi,so ,ciò che argomento nn parlo per sentito dire o per aver letto!Parlo perchè so di sapere ovvero cm dico saempre ai miei alunni con cognizione di causa,difficilmente parlo senza sapere ciò che dico !ciao Alessandra

Leandro ha detto...

"Finalmente lo ammetti, caro vecchio mic, di non essere in comunione con la Chiesa!!"

a questo ti risponderà Mic, ma conoscendolo ti posso dire di sicuro che lui non è in comunione non con la chiesa noecatecumenale non con quella di Cristo

montmirail ha detto...

Si appunto, continui a ripetere che
tu conosci una realtà per averla fatta fino in fondo, ma io non sto dicendo che non sei preparata sul CN,
ma che i concetti che si insegnano rispondono ad una visione-sistema
sulle scritture, sui miracoli , sulla
persona che è piuttosto distante da quella insegnata per duemila anni dalla Chiesa. Che poi non siate gli unici ad aver introdotto stranezze
è un altro discorso.

exneocatecumenale ha detto...

A proposito di autoironia neocatecumenale, la sapete quella di Kiko che bussa alle porte del paradiso,ma San Pietro per ben tre volte lo respinge sbattendogli lo sportello sul muso?

Alla fine lo fa entrare col patto che non si soffermerà più di quattro minuti col Padreterno all'interno del giardino del paradiso.

Passano 4 minuti, 8,10,20 e Kiko non accenna a uscire.

Passa un'ora e San Pietro sbircia e li vede dialogare con grandi gesti di Kiko mentre passeggiano,ma non sente nulla.

Passano quattro ore e a questo punto San Pietro,nascondendosi dietro un cespuglio,cerca di ascoltare cosa si dicono e ascolta Kiko che con grandi gesti nervosi sottolinea più volte al Padreterno: "Devi convertirti"!

montmirail ha detto...

Finalmente lo ammetti, caro vecchio mic, di non essere in comunione con la Chiesa!!
Non che sia una novità...era una cosa evidente già da tempo...ma almeno dopo tanto tempo lo hai ammesso con chiarezza!

E che cosa dovrebbe ammettere, che ci sono teologi modernisti che contrabbandano la neo-teologia
in barba alla «Dominus Iesus» e
attuano la fronda contro "il restauratore"? Sai che novità...
basta farsi un giro il libreria o accendere la tv. Adesso vi stupiremo con nuovi effetti speciali siamo già a quota 170
abbonati , provate anche voi!

Anonimo ha detto...

no montmirail erri perchè cm ho ribadito noi ci atteniamo al catechismo della chiesa cattolica che adoperiamo per le preparazioni insieme a dizionari teologicobiblici vedi doufour e bibbia di gerusalemme più catechesi dei padri della chiesa San Cirillo Sant'Agostino,quindi mi spiace smentirvi ancora in perfetta linea cn chiesa cattolica apostolica romana.nb la nostra professione di fede si basa sul credo apostolico buonanotte che il Signore vi benedica.vi protegga e vi conduca vita eterna Alessandra

Pipìta Del Monte ha detto...

Caro anonimo neocatecumenale che copia e incolla a tutto spiano,


...chissà perchè in questo momento me La raffiguro in postura da trotto a coda alzata mentre semina le proprie deiezioni olezzanti per la strada.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

avete visto la recente pubblicità di vigorsol? quella dei tre pinguini che mangiano le gomme alla menta forte e poi fanno una scoreggia immensa e ricostruiscono il polo con una montagna di ghiaccio?

mi sembrano tanto la triade: kiko, carmen e don mario che scoreg... che parlano tanto, ma che poi tutto quello che dicono e che fanno si possono paraganore alle scoregge!!!!!

sawyer ha detto...

Alessandra
hai ragione, parli con cognizione di causa, la cognizione di causa di chi e' stato allenato a prendere per i fondelli il prossimo (tramite le istruzioni
del manuale di Kiko, altro che CCC!)
ma non capisce quando il suo
gioco ormai e' stato scoperto.....

Seby ha detto...

Anonimo ha detto...

forse nn rispondete perchè nn avete argomenti cn cui rispondermi o perchè preferite le provocazioni di basso rango a obiezioni serie e motivate?Alessandra

Alessandra, ma se ti ho citato una decine di volte il CCC e il magistero e tu mi parli solo di quello che provi dentro il CNC. Va nella Hciesa Evangelica pentecostale che provi le stesse cose, visto che per te pare che conti solo l'emozione-....

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

mic... ti ho inviato la foto della cappella nuova alla domus

se la vedi e poi la pubblichi noterai che... non si vede nemmeno l'ombra dei 170 vescovi e nove cardinali, ma solo un vescono e qualche prete!!!

che se ne fossero già andati via tutti, schifati da quello che hanno visto e sentito da kiko e che quindi tutto è una gran messa in scena e una buffonata come tutte le altre per fare pubblicità al cammino?

praticamente tutta facciata e niente sostanza

Seby ha detto...

Anonimo ha detto...

no montmirail erri perchè cm ho ribadito noi ci atteniamo al catechismo della chiesa cattolica che adoperiamo per le preparazioni insieme a dizionari teologicobiblici vedi doufour e bibbia di gerusalemme più catechesi dei padri della chiesa San Cirillo Sant'Agostino,quindi mi spiace smentirvi ancora in perfetta linea cn chiesa cattolica apostolica romana.nb la nostra professione di fede si basa sul credo apostolico buonanotte che il Signore vi benedica.vi protegga e vi conduca vita eterna Alessandra


alessandra... tu ti vantavi dicendo che non hai mai scioperato perchè i cristiani non scioperano, ma il CCC dice ben altro e te l'ho mostrato. Per cui tu usi solo il catechismo del CNC ma non quello della Chiesa Cattolica.

Anonimo ha detto...

questa è la fine degna di quetso sito... tutti gliinterventi cancellati a parte quelli anti-nc

che patetici

Anonimo ha detto...

kirikiki'

Ma che credi, anonimo, che anche qui vigga la parcondicio o che? Ci sono dei temi ben precisi e voi Nc venite qua a menar il can per l'aia! E ciliegina sulla torta viene alessandra che cerca di farcela bere quella del uso del CCC nelle catechesi del CN. Scusa alessandra, ma te in quale CN sei? NO perche' se sei in quello fondato da kiko pensaci bene prima di usare il CCC! Non so se mi spiego!

michela ha detto...

Dice Uriel
"Sacerdoti
di solito sono tutti diocesani e quindi obbediscono al Vescovo.
In alcuni casi viene chiesto un permesso particolare per destinarli in missione."


Non ho capito se parli dei sacerdoti usciti dai RM, che
sono legati al Vescovo locale per
un anno.

katartiko ha detto...

"Katartiko rispondi si si
no no
per favore."
Prima di tutto vi devo ripetere che se non rispondo subito e perchè non sono nullafacente come qualcuno di questo sito.
Per quando riguarda la sollecitazione rispondo:
Ghery ho già detto. Se non capisci mi dispiace x te.
Inoltre mandare una lettera ai vescovi è la classica "martellata sui c......."
Ogni giorno che passa questo blog evidenzia quello che è: una grande mano di aiuto al cammino.
Buona giornata di LAVORO a tutti.

gherardo ha detto...

Bravo Katartiko

ti avevo chiesto un si o un no.

Non costava molto.
Dovevi pigiare due tasti
e invece ti sei dilungato
in polemiche speciose.

Si vede proprio
che non vuoi rispondere.

Credi di poter continuare
a prender in giro cosi' gli altri
e te stesso?

Ti compiaci delle tenebre mi
sembra.

Continua cosi'
che posso dirti.

katartiko ha detto...

ti ho detto che noi celebriamo in 1 modo obbediente.
Come te lo devo dire? In gherardese? purtroppo nn conosco la lingua.

gherardo ha detto...

Continua con l'ambiguita' kikiana
mi raccomando
sai benissimo la domanda che ti ho
fatto
la tua concezione di obbediente
e' molto poco affidabile
Rispondi alla domanda
invece di farmi/ci peredere tempo.

Quando celebrei l'eucaristia
ti alzi e vai a riceverla
verso l'altare CONSACRATO?

Si o NO Katartiko
rispondi.

michela ha detto...

Katartiko, devi solo dire,
per amore di verità
come ci si accosta all'Eucarestia.

Lo sappiamo che si fanno tutte le preghiere, e che una volta al mese alcune comunità partecipano alla messa parrocchiale.

Ti chiediamo solo di dire se fate l'Eucarestia processionalmente e su un altare consacrato.

gherardo ha detto...

Perche' sia ben chiaro
che questo non avviene in nessina
comunita' di quelle che abbiamo
campionato.
E sono tante, sparse in tutta Italia......

katartiko ha detto...

se voi già sapete quello che vi devo dire è inutile che vi rispondi.
Siete proprio irritanti.
Se poi non conoscete cosa significa OBBEDIRE, studiate.

michela ha detto...

Questo silenzio di Katartiko, di Alessandra, Mike e anonimi vari

è già una risposta

il cammino E' DISOBBEDIENTE sulla parte più importante della lettera del card. Arinze

RISPETTO ZERO per il papa, e le sue raccomandazioni.

gherardo ha detto...

Katartiko
sei risibile!

Il vangelo dice si si no no
tu non sai rispondere
con un si o un no.

Che credi di prenderci per i fondelli
con questi giochini?

You are a fraud.

Ma vai a lavorare che e' meglio.
Anzi ci torno anch'io
perdere tempo in questo modo
questo si e' veramente irritante

Anonimo ha detto...

"Questo silenzio di Katartiko, di Alessandra, Mike e anonimi vari

è già una risposta"

la ragione del silenzio, cara michela, è semplicemente che ieri sono stati cancellati da questo sito un centinaio di messaggi. provate a lasciare anche gli interventi che vi bruciano, vigliacchi, e vedrete che le risposte arriveranno

Anonimo ha detto...

e alessandra, ti faccio notare che nessuno risponde al tuo messaggio -- che era bello e non offensivo -- semplicemente perche' l'hanno cancellato.

sei ancora convinto che sia possibile avere un dialogo con queste persone meschine?

michela ha detto...

1. non si scrivono messaggi anonimi

2. erano messaggi pesentemente offensivi della religione

Comunque, per salvasguardare la tua sensibilità, si potrebbero conservare i messaggi cancellati in un archivio, e poi renderli pubblici a chi li richiede,
così anche i vescovi e sacerdoti interessati vedranno quali sono i frutti marci che produce il cammino nei suoi adepti.

Detto in altre parole vi abbiamo fatto un favore cancellandoli.

Per chi non avesse seguito sappiate che nei post cancellati si paragonava il vino della S.Messa a una droga.

Uriel ha detto...

Per Michela

I sacerdoti RM che ho conosciuto a Roma ed usciti dal RM di Roma, mi risultano essere diocesani, e dovrebbe (uso il condizionale a questo punto) essere il Vescovo a decidere in quali Parrocchie inviarli.

Per lasciare la diocesi, sapevo che serviva il permesso del Vescovo.

michela ha detto...

e nessuno dei neocatecumenali che scrivono qui non si è mai pubblicamente dissociato dai contenuti di quei messaggi!!!

Alessandra, se veramente è stato cancellato un tuo messaggio e non sai il perchè, prova a ripostarlo, forse è stato cancellato per errore.
Nella marea di messaggi offensivi si può anche sbagliare

Non vorrai perdere la gioia del tempo pasquale per così poco :-)

michela ha detto...

Sono sicura che prestano servizio nella diocesi solo per un anno.

Poi vengono destinati all'itineranza,perchè è per questo che sono stati formati.

Kiko con le equipe internazionali li mandano dove ci sono richieste.
E' chiaro che per non innervosire un vescovo, Kiko usi le vie diplomatiche , e ogni tanto lascia qualche ordinato in pianta stabile in una diocesi.
Ma, credo, sempre in una parrocchia neocatecumenale, non credo che ci siano sacerdoti RM utilizzati da un vescovo per le necessità della diocesi anche in parrocchie dove non c'è il cammino.

michela ha detto...

Uriel, ci ho ripensato, hai ragione tu,
sicuramente ci sono più sacerdoti che missioni neocatecumenali nel mondo per cui molti restano nelle diocesi, e fanno qualche periodo di itineranza di tanto in tanto.

Seby ha detto...

katartiko ha detto...

ti ho detto che noi celebriamo in 1 modo obbediente.
Come te lo devo dire? In gherardese? purtroppo nn conosco la lingua.


Infatti, sono d'accordo in questo caso con katartiko, nella sua comunita' celebrano in modo obbediente... ma obbediente a chi non lo dice. Obbedeinte ai suoi catechisti.... Quindi belli seduti...

Anonimo ha detto...

katartiko scrisse:

"ti ho detto che noi celebriamo in 1 modo obbediente. Come te lo devo dire? In gherardese? purtroppo nn conosco la lingua."

Caro fratello Katartiko, sonno un NC anch'io e ti dico con estrema chiarezza che ti stai comportando in maniera molto "ambigua"; Infatti hai usato e continui ad usare un'espressione volutamente ambigua quando ti è stato chiesto espressamente (e con pieno diritto) un chiarimento.

Perchè dire di celebrare "in 1 modo obbediente" è proprio questo: un'espressione ambigua in cui ci può stare di tutto, dall'obbedienza su tutto ciò che era stato chiesto dal Papa fino all'obbedienza "minima" di recitare il Credo. La realtà che conosco è completamente diversa. Di fatto nella mia comunità la Comunione si continua a ricevere stando seduti e lo stesso succede in tutte le comunità che conosco, vicine e lontana tranne alcune in cui si va in processione ma SOLO perchè ciò è stato imposto dal parroco. E sicuramente questa non è "perfetta obbedienza". Tu cosa dici?

Anonimo ha detto...

no anonimo l'ho scritto ieri sera qui albergano delle persone che sn chiuse in loro stesse eche nn sono aperte al confronto, e soprattutto nn vogliono sentire ciò che a loro nn aggrada ,e se cm insegnante fossi tenuta a valutare,li riterrei degli immaturi a tutti gli effetti, ma siccome qui sn in veste di persona normale mi astengo da ogni commento dicendo che solo Dio e chi per lui in terra deciderà se Kiko e nc sn chiesa parallelea o dentro la chiesa buona giornata anonimo, volevo dire agli altri che io mi guadagno il pane lavorando e se lavoro nn posso rispondervora sn in buco,priima no Alessandra

Anonimo ha detto...

"qui albergano delle persone che sn chiuse in loro stesse eche nn sono aperte al confronto, e soprattutto nn vogliono sentire ciò che a loro nn aggrada"

Anche a me le persone in questione non mi piacciono ma questo NON c'entra niente con il dare una risposta sincera o ambigua. Si tratta di dire un sì (processione) o un no (seduti) e guarda caso quello che vogliono sentirsi dire è un no. Perchè non dargli un bel sì se è questa la realtà? Il resto non è chiarezza, ma ambiguità

montmirail ha detto...

I dodici del nuovo spot kikiano
per porporati faciloni non sono gli
apostoli..sono "i dodici" tra cui
sarà scelto il successore di kiko

Paola ha detto...

"alcune in cui si va in processione ma SOLO perchè ciò è stato imposto dal parroco. E sicuramente questa non è "perfetta obbedienza". Tu cosa dici?"

anche perché l'obbedienza solo formale non elimina il "vizio" di fondo di credere valida l'eucaristia solo in virtù dell'assemblea che la celebra e credendo alla Presenza del Signore solo durante la stessa (luteranamente transfinalizzata e non reale)
Perchè altrimenti nelle ordinazioni a S.Giovanni in laterano ho visto i nc ballare dopo la messa, insieme al card Ruini (stranamente non quest'anno in cui non hanno nemmeno montato la mensa posticcia come se a S. Giovanni non ci fossero altari), senza curarsi di calpestare i pezzi di pane sbriciolati durante la celebrazione finiti per terra?
Vi mando le foto

Anonimo ha detto...

"Anche a me le persone in questione non mi piacciono ma questo NON c'entra niente con il dare una risposta sincera o ambigua. Si tratta di dire un sì (processione) o un no (seduti) e guarda caso quello che vogliono sentirsi dire è un no. Perchè non dargli un bel sì se è questa la realtà? Il resto non è chiarezza, ma ambiguità"

se tu fossi veramente in comunita', sapresti che non e' possibile dare una risposta univoca a questa domanda perche' sapresti che in ogni diocesi e' il vescovo che alla fine ha deciso le modalita' di implementazione della lettera di arinze nei dettagli, ad esempio la messa in parrocchia una volta al mese.

nel mio caso la risposta e' si', facciamo la processione, ma so che in altre diocesi non e' cosi', e il perche' non e' cosi', francamente, lo sapremo forse solo quando il vaticano pubblichera' la versione definitiva degli statuti o si esprimera' definitivamente sugli stessi.

mic ha detto...

Mettetevi bene in testa che qui albergano delle persone che fanno un servizio ai "disinformati" e ai "fuoriusciti ancora sconvolti", e proprio per rispetto a loor non si può tollerare la confusione assurda che viene creata dai messaggi cancellati, che ognuno avrà potuto vedere e giudicare...

e nessun NC che abbia il coraggio di definirli per quello che sono e continua a intervenire come se non avesse visto nulla e strumentalizza persino quelle baggianate (tra le quali alcune cose blasfeme) per sostenere che cancelliamo quello che non ci piace sentire.

Se percorrete il blog troverete centinaia di messaggi "scomodi" perché davvero interpellavano e richiedevano argomentazioni serie, ai quali è stato puntualmente e ampiamente risposto.

Finitela quindi di strumentalizzare e, se non volete esere cancellati, portateci degli argomenti e non insulti e banalità che servono solo a farci deviare dalla nostra discussione...

Comunque, riflettendoci bene, è UN'ALTRA la lettera che secondo me va scritta ai vescovi, ce l'ho in testa da ieri e appena l'ho completata ve la propongo e poi troviamo il modo di renderla pubblica.

Jack ha detto...

"I dodici del nuovo spot kikiano
per porporati faciloni non sono gli apostoli..sono "i dodici" tra cui sarà scelto il successore di kiko"

poi dicono che non è un messianismo?

Anonimo ha detto...

"se tu fossi veramente in comunita',"

Non solo sono in comunità; ho già finito il cammino con viaggio in Terra Santa e ora stiamo celebrando la cinquantina. Probabilmente ne so molto più di te.

"sapresti che non e' possibile dare una risposta univoca a questa domanda perche' sapresti che in ogni diocesi e' il vescovo che alla fine ha deciso le modalita' di implementazione della lettera di arinze nei dettagli, ad esempio la messa in parrocchia una volta al mese."

Ma sei capace a leggere? La questione posta e di cui stavo parlando NON riguardava la generalità delle comunità ma si chiedeva SOLO di dare una risposta personale alla domanda (sì o no) in una situazione in cui è lampante che non c'è alcuna uniformità di situazioni.
E purtroppo, è inutile negarlo, questa è proprio la conseguenza del fatto che Kiko non ha recepito, senza se e senza ma, le disposizioni contenute nella lettera di Arinze, disposizioni che il Papa stesso aveva provveduto a confermare e sollecitare nell'udinenza del gennaio 2006. Questa è la realtà. Su questo sito dicono un sacco di inesattezze (l'ultima quella sul'accettazione della presenza reale) ma su questo punto non possiamo negare l'evidenza.

"Comunque c'è poco da fare
nel mio caso la risposta e' si', facciamo la processione,"

E questa è la risposta da dare.

michela ha detto...

"se tu fossi veramente in comunita', sapresti che non e' possibile dare una risposta univoca a questa domanda perche' sapresti che in ogni diocesi e' il vescovo che alla fine ha deciso le modalita' di implementazione della lettera di arinze nei dettagli, ad esempio la messa in parrocchia una volta al mese."

Purtroppo la caratteristiche dei nc è quella di essere sempre ambigui.
Capisco la difficoltà di riassumere le idee in poche righe, però mi sento di precisare che:

- nessun vescovo ha l'autorità per decidere se e come applicare le norme - universali- precisate nella lettera di Arinze, e difatti, a partire dal Cardinale Ruini (v. lettera) tutti hanno recepito le raccomandazioni vaticane.

- Il loro parere è stato chiesto solo per quanto riguarda la loro diocesi di competenza, e quindi solo per la la partecipazione alla messa parrocchiale.
In seguito ogni comunità si è accordata col proprio parroco.

Le gerarchie vanno rispettate e non fate confusione tra ruoli e competenze del
Papa
Vescovi
Parroci

Nella mia diocesi partecipano alla messa parrocchiale una volta al mese solo le comunità con un certo numero di anni di cammino.

mic ha detto...

"la ragione del silenzio, cara michela, è semplicemente che ieri sono stati cancellati da questo sito un centinaio di messaggi. provate a lasciare anche gli interventi che vi bruciano, vigliacchi, e vedrete che le risposte arriveranno"

erano molti di più che un centinaio e non avevano nulla che potesse "bruciare", anche perché non siamo qui per dimostrare qualcosa o per avere ragione a tutti i costi, siamo qui soprattutto per informare correttamente e anche per permettere a chi è 'uscito' dal cammino di dare un senso alla sua esperienza. Ci piacerebbe anche dialogare con i nc (cosa evidentemente impossibile tranne che in sparute circostanze)

Anonimo ha detto...

la famiglia nc?è una famiglia che cerca di educare i figli nella fede e come?tramite celebrazione domestica delle lodi,facendo capire ai propri figli che Dio è al primo posto nella nostra vita,preghiera prima dei pasti che si consumano insieme,per fare capire che nulla viene dal nostro impegno, ma che Dio ci permette di fare ciò che facciamo, e di essere ciò che siamo,sn cose che io pur venedo,da fam cattolica praticante e osservante nn ho mai fatto.Alessandra

Anonimo ha detto...

mic, sono contento che tu dica queste cose sui messaggi cancellati perche' questo spiega molto chiaramente che tipo di forum sia questo... spero con tutto il cuore che tante persone come alessandra leggano questo tuo messaggio prima di mettersi a discutere ancora con voi.

Anonimo ha detto...

anonimo hai finito cammino ? da dv dgt ? quando? noi nel 2005 stati Israele maggio 2005

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

mic, hai visto la foto? leggi il mio post di ieri sera

mic ha detto...

"da fam cattolica praticante e osservante nn ho mai fatto"

e da brava 'eletta' nc. sei convinta si facciano solo nel cammino.

Come fai a sapere che i cristiani di serie B non celebrano la Liturgia delle Ore (che è la preghiera della Chiesa e non del Cammino) e quanti non benedicono e ringraziano il Signore ai pasti e magari lo fanno anche in ogni momento della loro giornata?

Io ne conosco diversi che lo fanno e non sono nc.
Qui non stiamo a discutere su cos'è che ti fa 'apparire' critiano e ti 'distingue' dagli altri, abbiamo messo in campo eresie e difformità con insegnamennti e comportamenti della Chiesa e arrivano puntuali i tuoi post: "noi facciamo così, gli altri no... quindi noi siamo i meglio"

E non si riesce a discuere o venire confutati su quei comportamenti e insegnamenti di cui parlavo prima...

mic ha detto...

Grazie, newgold, ho visto è come dici tu

michela ha detto...

Alessandra, tutte le famiglie cercano di educare i loro figli,
non è questo il punto, sai che la disponibilità e la buona volontà dei neoatecumenali non sono argomento di discussione.

Il problema sta altrove, nelle relazioni che si creano nelle famiglie.
mi ha colpito quello che ha detto una persona tempo fa, e cioè che il cammino... "ti mette in condizioni di non saper affrontare la vita all'esterno".

per cui finchè tutto va bene, i coniugi si vogliono bene, tutto ok
ma se qualcosa va storto, un figlio si ammala e ti dicono che devi accettare la croce?
Dei genitori così sottomessi alle parole dei catechisti, dove trovano la forza per affrontare situazioni che richiedono impegno, capacità di affrontare e lottare contro medici a volte pigri o superficiali.?

Questo solo per fare un esempio di situazioni che conosco, ma si può applicare a tutte le famiglie in difficoltà che sono dovute uscire dal cammino, che non le ha aiutate, anzi le ha fatte sentire ancora più colpevoli, gli ha addossato croci e sofferenze inutili.

Questo è un argomento che non è stato ancora affrontato in tutta la sua drammaticità.
Ma prima o poi lo dovremo affrontare.

Anonimo ha detto...

"anonimo hai finito cammino ? da dv dgt ? quando? noi nel 2005 stati Israele maggio 2005"

Cos'è un interrogatorio? :-)

Viggio stupendo, Domus, Cafarnao, Nazareth, Gerasa, Tabor, Betlemme, Qumran, ... Gerusalemme.

mic ha detto...

"alessandra leggano questo tuo messaggio prima di mettersi a discutere ancora con voi."

gli intenti di questo blog sono stati espressi da subito e ripetuti migliaia di volte. Capisco bene che non ritieni sia il caso di discutere con noi?
Il fatto evidente è che i NC che si affacciano qui non hanno nessuna intenzione di discutere come hai tentato di fare tu e come sarebbe interessante e utile per tutti poter fare... non fanno altro che lanciare spot sul cammino come continua inesorabile Alessandra, per lo più parlando a slogan invece che con argomenti

gherardo ha detto...

Voglio rispondere all'anonimo
delle 10:18.

Caro anonimo vedo che hai notato
pure tu l'ambiguita' voluta di Katartiko.

Apprezzo la tua onesta' intellettuale.

Voglio semplicemente dirti che
se qualche volta (almeno parlo per me)
ci vedi chiusi, come dici tu e' proprio
perche' ci scontriamo con questi trucchetti
queste volute ambiguita'
questa continua manipolazione della verita'.

Se leggi i miei interventi non
sono mai chiusi, io checche' se ne dica,
visto il gran numero di persone coinvolte
auspico che la Chiesa trovi una soluzione "materna" al problema NC
perche' le "ambiguita' di Katartiko
non sono ambiguita' individuali
sono il riflesso delle ambiguita'
del suo leader che da tempo
sta cercando di svicolare dai problemi
connessi al suo movimento.

Per questo sin dalla nascita ha coltivato
la segretezza che gli ha permesso
a lungo di rimanere nell'ambiguita'.

E' inutile negarlo, lo ha detto chiaramente il Papa stesso
col CN ci sono dei problemi.

Negarli e/o cercare di aggirarli
come sta facendo da tempo il leader maximo e' deleterio sia per il futuro del Cammino ma soprattutto per le persone coinvolte che nella confusione
sono indotte a comportamenti schizofrenici (e su questo blog ne abbiamo viste numerossisime manifestazini)

Ecco il perche' del nostro contributo
qui per render pubbliche tutte le cose segrete del Cammino, per portare alla luce le sue ambiguita'.

Il richiamo del Papa con la lettera di Arinze e' stato uno spartiacque,
dopo di esso il Cammino DEVE uscire dall'ambiguita'.

Vuole esser parte della Chiesa?
Allora si dimostri docile
alle correzioni della Chiesa
per il suo stesso interesse
ma soprattutto per quello
delle persone coinvolte.

Davvero e' necessario pregare perche' questo avvenga.

Le manovre del Leader maximo pero' agiscono in senso opposto, non solo
sta cercando di esser approvato senza pagare dazio (cioe' senza
obbedire al Papa come
il santo padre stesso ha esplicitamente richiesto nell'incontro con le famiglie in missione, sul sito trovi il testo
trascritto nella sezione Arinze).
Ma egli sta operando a tutti i livelli
perche' il suo sistema NC, con i suoi errori non corretti, venga addirittura
prescelto come metodo principale di evangelizzazione della Chiesa cattolica.
Cosa che diffonderebbe quegli errori
a tutti i livelli in modo irreparabile.

E mentre a livello formale il CN e' in standby (Statuti Scaduti da quasi un anno ormai e da 5 mesi DISOBBEDIENTE apertamente al Papa sulla liturgia)

a livello pratico continua come se nulla
fosse la sua opera di diffusione capillare propagando quegli errori
che la Chiesa sta cercando "maternamente" (ma forse sarebbe necessaria una correzione paterna)
di correggere.

mic ha detto...

"Viggio stupendo, Domus, Cafarnao, Nazareth, Gerasa, Tabor, Betlemme, Qumran, ... Gerusalemme."

è un viaggio che fanno molti cristiani compreso me... naturalmente escluso il battesimo al Giordano... per cui restano cristiani e non diventano kikiani che ricevono il "mantello di Elia" e non la salvezza che viene dalla Croce di Cristo...
Vedi la differenza è tutta qui... ti pare poco?

gherardo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
mic ha detto...

Caro Anonimo che hai dimostrato onestà intellettuale, potresti per favore rispondere a questo messaggio di "Paola"?

"...l'obbedienza solo formale non elimina il "vizio" di fondo di credere valida l'eucaristia solo in virtù dell'assemblea che la celebra e credendo alla Presenza del Signore solo durante la stessa (luteranamente transfinalizzata e non reale)
Perchè altrimenti nelle ordinazioni a S.Giovanni in laterano ho visto i nc ballare dopo la messa, insieme al card Ruini (stranamente non quest'anno in cui non hanno nemmeno montato la mensa posticcia come se a S. Giovanni non ci fossero altari), senza curarsi di calpestare i pezzi di pane sbriciolati durante la celebrazione finiti per terra?
Vi mando le foto" (che aspettiamo)

gherardo ha detto...

So benissimo che molti NC
se venissero approvati
esulterebbero e si comporterebbero
come se gli errori che si portan dietro
non esistessero
ma a me questo non importerebbe molto
a patto che la Chiesa riesca a imporre
al Cammino le correzioni che ha gia' richiesto.
Molta della pervicacia nell'errore
(perseverare diabolicum est)
viene anche, secondo me, da una vita
sacramentale vissuta in modo errato
per questo secondo me se le correzioni
in questo campo venissero imposte in modo efficace si compierebbe gia' un
bel passo verso un "recupero"
di tutta l'esperienza NC.

Ma ovviamente questo sara' possibile
solo se il CN (quindi il leader)
lo permettera'.
Solo se accettera' le correzioni della Chiesa.
Avverra' mai questo?

Su questo noi non abbiamo nessun
potere tranne che quello di pregare
perche' sappiamo che qui e' in gioco
qualcosa di piu' di qualche scambio
di battute fra noi qui.

E per il resto, per quel che ci compete, informare correttamente.

Uriel ha detto...

Dice Alessandra

...per fare capire che nulla viene dal nostro impegno, ma che Dio ci permette di fare ciò che facciamo.

Che Dio ci permetta ok, ma San Paolo dice che chi non lavora non mangi!!!
L'impegno ci vuole eccome, che poi il risultato non sia correlato con lo sforzo, sia nel tanto che nel poco, e' un altro discorso.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

riporto la didascalia che appare accanto alla foto della nuova cappella del santissimo costruita alla domus.

tale didascalia l'ho presa dal solito sito neocat.

invito mic a postare la foto sul sito.

nel messaggio che sarà qui di seguito, si noti il voluto errore che può essere l'inizio della fine: e cioé la pretesa di individuare ed eindicare la domus come il centro propulsore di una nuova chiesa.

si parla di monte delle beatitudini, mentre si sa che da sempre il santuario che ricorda questo è un altro.

si parla di luogo dell'invio, ma si sa che non è questo.

si parla , aihmè, di cuore della chiesa! chi l'ha detto? il cuore può essere betlemme, può essere gerusalemme, può essere roma, ma la domus di un eretico proprio no.

si parla di luogo dove si adora il vero corpo di cristo risorto: gesù istituì l'eucarestia prima della sua passione e morte. quindi esiste una presenza eucaristica di gesù che si rifà a lui prima della passione e morte e una che si riferisce solo al corpo glorioso dopo la resurrezione?
nella messa, quando si dice mistero della fede, si crede solo in gesù risorto o in tutto il mistero di incarnazione, passione, morte e resurrezione e ascensione di gesù al cielo?
i neocat adorano solo una parte di cristo?

mi posso anche sbagliare, ma non credo, ma comunque queste affermazioni erano espressioni di una bella e grande eresia dei primi secoli del cristianesimo!!!

eccovi la didascalia. chi la scritta, senza accorgersene è un eretico, e se è tale è perché ha sentito e segue insegnamenti ereticali!

non ci sono ne se ne ma.
siamo fuori dagli insegnamenti e dalla dottrina della chiesa.

ecco la didascalia:


Un'immagine della Cappella del Santissimo Sacramento del Conventino della Domus Galilaeae. Sullo sfondo il Mare di Galilea. Su questo Monte, il Monte delle Beatitudini e il Monte dell'invio degli Apostoli a tutte le Genti, il cuore della Chiesa, il Corpo vivo di Cristo risorto, è adorato perpetuamente. Su questo Monte arde il cuore della Missione. Senza amore a Cristo, senza la fede nella sua vittoria sulla morte non può esistere alcuna missione. La Chiesa annuncia un evento che continua a compiersi. Ogni missionario è certo che Gesù lo precede, distruggendo l'opera del demonio, risucitando gli uomini raggiunti dall'annuncio. Adorare il Santissimo Sacramento è adorare l'amore di Dio in Cristo Gesù, non un ideale. Cristo risorto è vivo su questo Monte esattamente come è vivo su ogni strada dove si annuncia il Vangelo.

Anonimo ha detto...

messaggio di newgold69

mi era sfuggita un'altra considerazione.

si dice che senza la fede di gesù risorto non c'è missione.

SBAGLIATO!!!!

gesù invia i suoi discepoli e apostoli a preparare il suo passaggio nel corso dei suoi anni di vita pubblica, prima ancora della sua passione morte e resurrezione.

gli apostoli parlano di prodigi compiuti con gesù dopo che li aveva inviati.


chi scrive certe cose è proprio un abisso di ignoranza e una cloaca di eresia!!!

che si vergogni e che si converta subito!!!

gherardo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gherardo ha detto...

Caro Newsgold

la didascalia e' dimostrazione
chiara e lampante
della "pervicacia nell'errore"

Uriel ha detto...

Ho letto sul sito

(stranamente non quest'anno in cui non hanno nemmeno montato la mensa posticcia come se a S. Giovanni non ci fossero altari),

Non potevano farlo quest'anno, perche' l'interpretazione data dal Cn al punto 5 della lettera di Arinze e' di non montare mense quando e' gia' presente l'Altare (quindi in Chiesa.

Quando qualche nc dice che, a parte la processione, sono obbedienti alla lettera, dal loro punto di vista e' vero. Il dubbio che il punto 5 abbia un altro contenuto (cioe' celebrare in Chiesa e non in sala), nemmeno li sfiora!

Anonimo ha detto...

Che sono inesattezze (come minimo)

"...l'obbedienza solo formale non elimina il "vizio" di fondo di credere valida l'eucaristia solo in virtù dell'assemblea che la celebra e credendo alla Presenza del Signore solo durante la stessa (luteranamente transfinalizzata e non reale)"

Mai sentito questo nelle catechesi nè riscontrato nella prassi delle comunità che conosco.

"senza curarsi di calpestare i pezzi di pane sbriciolati durante la celebrazione finiti per terra?"

Come sopra. Tra l'altro l'affermazione di cui sopra è grottesca. Sarebbe plausibile se si parlasse di qualche microscopica briciola finita per terra nonostante tutta l'attenzione. Tra l'altro succede che dei piccolissimi frammenti si stacchino nelle mani anche con le ostie nella comunione in mano in chiesa; personalmente constatato nella messa parrocchiale in chiesa; io sono stato attento ma non so se è generale.
Quello che è ridicola è la scena prospettata, tra l'altro non in una chiesa periferica ma a S. Giovanni

Anonimo ha detto...

"
Un'immagine della Cappella del Santissimo Sacramento del Conventino della Domus Galilaeae. Sullo sfondo il Mare di Galilea. Su questo Monte, il Monte delle Beatitudini e il Monte dell'invio degli Apostoli a tutte le Genti, il cuore della Chiesa, il Corpo vivo di Cristo risorto, è adorato perpetuamente. Su questo Monte arde il cuore della Missione. Senza amore a Cristo, senza la fede nella sua vittoria sulla morte non può esistere alcuna missione. La Chiesa annuncia un evento che continua a compiersi. Ogni missionario è certo che Gesù lo precede, distruggendo l'opera del demonio, risucitando gli uomini raggiunti dall'annuncio. Adorare il Santissimo Sacramento è adorare l'amore di Dio in Cristo Gesù, non un ideale. Cristo risorto è vivo su questo Monte esattamente come è vivo su ogni strada dove si annuncia il Vangelo."

Potreste indicare quale frase esatta di questa didascalia sia da considerare eretica? Non badate a chi l'ha scritta o dove si trovi. Se delle parole sono eretiche, lo sono sempre e dette da chiunque. Dunque, indicatemi chiaramente dov'è l'eresia in quelle parole?


Discorso a parte l'interessantissima discussione che propone newgold:

messaggio di newgold69

"si dice che senza la fede di gesù risorto non c'è missione.

SBAGLIATO!!!!"

Questo è davvero un ottimo punto di partenza per una serena discussione. Può esistere una missione senza la fede in Gesù risorto? Ottimo, parliamone. Io credo di no perchè la fede va per prima cosa vissuta e poi testimoniata.
Se non credi che Cristo è risorto, se non l'hai visto nella tua vita, cosa puoi testimoniare?
Gli apostoli sono stati inviati prima, è vero, ma loro sono...come dire...un "caso limite". Il vero invio che Cristo fa, come ben sappiamo, lo fa una volta morto e risorto. Non è più un invio "preparatorio", ma un invio di testimonianza, perchè Cristo è GIA' morto e risorto, per ognuno di noi.

Uriel ha detto...

"senza curarsi di calpestare i pezzi di pane sbriciolati durante la celebrazione finiti per terra?"


Io l'ho detto piu' volte in passato, in tanti anni di cammino non ho mai visto cadere briciole (puo' succedere)che non siano state prontamente raccolte e mangiate.

D'altra parte il non farlo e' quanto meno peccato mortale!!
Per conto mio e' assolutamente da evitare una polemica del genere. Poi fate vobis.

gherardo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gherardo ha detto...

newsgold said:
mi era sfuggita un'altra considerazione.

si dice che senza la fede di gesù risorto non c'è missione.

SBAGLIATO!!!!
ecc. eccc.

mi sembra newsgold che se l'argomento e'
sbagliato in termini assoluti
si presta a diverse argomentazioni.
quando viene attualizzato.

Inviterei piuttosto a non introdurre
argomenti piu' deboli
anche se interessanti, sviando
cosi' da quelli principali.

Notate come subito i NC di turno
si fiondino su di essi
evitando accuratamente di replicare
su quelli che li inchiodano
direttamente

Uriel ha detto...

Quello che dice NewGold lo interpreto cosi:

prima di scoprire che Cristo e' morto e risorto nella mia vita ho avuto bisogno della Chiesa (apostoli di oggi) che mi annunzino il Vangelo. Ho saputo quindi che Cristo e' morto e risorto e l'ho visto nell'Eucarestia.

E' chiaro come dici, che non posso testimoniare se tutto questo non l'ho vissuto in prima persona nella mia storia e non da spettatore.

La Chiesa, credo, Cristo ha iniziato ad inviarLa e costruirla nel mondo ancora prima della Sua Morte in Croce.

Anonimo ha detto...

uriel è grazie a Dio se tu puoi lavorare ricorda nn perchè sei bravo o credi di essere modello neitchziano Alessandra

Anonimo ha detto...

no anonimo volevo solo sapere di dv sei così solo per condividere un cammino che ci fa fratelli,nel bene,e nel male Alessandra

Uriel ha detto...

uriel è grazie a Dio se tu puoi lavorare ricorda nn perchè sei bravo o credi di essere modello neitchziano Alessandra


Il Signore puo' darti tutti i lavori che vuoi me se non ci metti impegno nel mantenerli, ti licenziano!!

Lascia perdere Nietzsche e compagnia bella, che non c'entrano prorio niente.

Ma la terra si coltiva da sola dalle tue parti o un minimo di merito il contadino ce l'ha?

Dio e' PADRE, e percio' ti fa un essere attivo cioe' di mettere a frutto i doni ricevuti.

Anonimo ha detto...

noi nn siamo in diversi tutti lo facciamo, e nn per forma ,na perchè realmente crediamo che Dio sia l'alfa e l'omega lui é prima di tutte le cose e tutto sussistono in lui e per sua volontà Alessandra

Anonimo ha detto...

io nn affermo certo il contrario mio caro uriel,ma dico che se faccio quello che faccio, se rendo, ciò che rendo, lo faccio per grazia di Dio, nn per la mia bravura perchè se ho un intelligenza, se sono sana, è Dio che mi ha costituita così nn io!Alesssandra

Uriel ha detto...

Alessandra,

il nostro patrimonio genetico dipende da mamma e papa', la nostra salvezza spirituale da Gesu'.

L'impegno che mettiamo in cio' che facciamo e' la nostra riconoscenza al Signore.

Si vede che oggi in Tuscia tira troppo vento!

Il Signore ti benedica!

Anonimo ha detto...

Le croci si accettano nn con rassegnazione passiva mia cara michela ,ma cn la consapevolezza che Dio fa bene tutte le cose e se ha scelto questo per noi ha un senso che capiremo,e credimi noi nc nn ci lasciamo morire ,ma ci curiamo e aspettiamo solo di fare ciò che è nella volontà del Padre d'altronde tutti i cristiani lo recitano nel Padre nostro "sia fatta la tua volontà come in cielo, così in terra" Alessandra

Anonimo ha detto...

Tu sei creato perchè Dio vuole nn perchè papà e mamma si concedono scusa il termine, na scopata oogni tanto ,la vita è dono di Dio o no ?Alessandra

Anonimo ha detto...

uriel sai dive dovrebbe arrivare un a buriana fatta bene? ale

Anonimo ha detto...

Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.

MA QUALE AGAPE RINCOGLIONITI?

Anonimo ha detto...

"Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.

MA QUALE AGAPE RINCOGLIONITI?"

piacerebbe sapere anche a me dove l'hanno sentita 'sta qua dell'agape del giovedi sera, al giov sera c'e' solo l'annuncio del digiuno a partire da venerdi alle 3

Seby ha detto...

Anonimo ha detto...

Tu sei creato perchè Dio vuole nn perchè papà e mamma si concedono scusa il termine, na scopata oogni tanto ,la vita è dono di Dio o no ?Alessandra


Mi fai rabbrividire!
Credimi,mi fai rabbrividire! Che linguaggio e' quello chen usi? L'amore tra i coniugi non si puo definire come l'hai definito tu, ma questo vi insegnano nel CNC a parlare cosi'.
Ancora attendo che mi rispondi circa il Catechismo della Chiesa Cattolica e a tutte le mia altre domande!
Comunque, convertiti, te lo dico veramente, converti perche' tu dici
17Tu dici: "Sono ricco, mi sono arricchito; non ho bisogno di nulla", ma non sai
di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo. 18

Uriel ha detto...

Anonimo ha detto...
"Inserirei specificatamente Lavanda dei Piedi vissuta come rito ex novo come comunità (privatamente)al di fuori della celebrazione in Cenae Domini, seguito da agape, in un momento in cui la Chiesa ha gia' invitato al silenzio.

MA QUALE AGAPE RINCOGLIONITI?"

Ma RINCOGLIONITO ci sei tu.
Dopo la Lavanda dei Piedi si fa l'agape, (se magna).
Fatte 10 lavande dei piedi, in 12 anni di cammino e fatte 10 agape.

Ma forse io non ho fatto il cn che fate voi, quello dove e' tutto perfettino e conforme.
Ma fate il piacere.

Poi voi direte che do i numeri, io vi rispondero che state mentendo e cosi via, o forse e' meglio che non vi risponda per rispetto del vostro foro interno!

Anonimo ha detto...

Caro seby no nel cammino nn ci insegnano a parlare così , perchè se è vero che sei stato in cammino, sai bene che per il cammino, cm per il cristiano ci sono tre altari,l'altare eucaristico, la mensa domestica, e il talamo nuziale, prorpio perchè amore è sacro ,il frutto di quell'amore che sn i figli viene ad opera di Dio Alessandra ! Io se fossi in te rabbrividirei dei vostri giudizi gratuiti

Uriel ha detto...

Anonimo ha detto...

Tu sei creato perchè Dio vuole nn perchè papà e mamma si concedono scusa il termine, na scopata oogni tanto ,la vita è dono di Dio o no ?Alessandra

Cara Alessandra, per fare tanti figli mica ogni tanto....bisogna darci sotto con metodicità!!!

A parte le battute che ispiri con una naturalezza disarmante, ma e' chiaro che tutto cio' che siamo, che abbiamo e' dono del Signore.

Quello che cerco di comunicarti e' che la nostra adesione al progetto del Signore e' indispensabile, proprio perche' il Signore ci ha fatti liberi e non macchinette.

Seby ha detto...

nonimo ha detto...

Caro seby no nel cammino nn ci insegnano a parlare così , perchè se è vero che sei stato in cammino, sai bene che per il cammino, cm per il cristiano ci sono tre altari,l'altare eucaristico, la mensa domestica, e il talamo nuziale, prorpio perchè amore è sacro ,il frutto di quell'amore che sn i figli viene ad opera di Dio Alessandra ! Io se fossi in te rabbrividirei dei vostri giudizi gratuiti


Si si insegna quello che dici tu, ma anche a parlre come hai scritto prima! e continui a non rispondermi sul tuttto il resto....

Anonimo ha detto...

senti SE nn vuoi che parli cm a te meritererbbe essere risposto in merito ad alcune fALSITà , TI conviene lasciare da parte giudizi gratuiti che sono parole al vento perchè i catechisti ci insegnano rispetto ,seavssi gentilezzadi ripetermi le domande neargomenterò unaad una

Uriel ha detto...

senti SE nn vuoi che parli cm a te meritererbbe essere risposto in merito ad alcune fALSITà , TI conviene lasciare da parte giudizi gratuiti che sono parole al vento perchè i catechisti ci insegnano rispetto ,seavssi gentilezzadi ripetermi le domande neargomenterò unaad una

Non ti inquietare troppo quando scrivi, sempre tutto nella pace e nella serenità e fermezza.

Il rispetto non lo insegnano i catechisti, di solito si apprende in famiglia (verso mamma e papa'), verso i maestri a scuola, a catechismo e cosi via.
Poi piano piano si comprende che rispettare mamma, papà, i maestri, etc. fa parte del rispetto che dobbiamo a Dio Padre.

Ps. non ho capito la battuta della buriana.

mic ha detto...

nel cammino si insegna che ci sono tre altari: l'altare eucaristico, la mensa domestica, e il talamo nuziale

e con l'enfasi su tre altari si perde di vista il VERO altare: quello del Sacrificio di Cristo e il CUORE e TUTTA LA VITA di ogni uomo e donna che viene in questo mondo, come dice Paolo "... i vostri corpi (corporeità vivente, concreta incarnazione di ogni uomo) in sacrificio santo perenne gradito a Dio"

Ma ci facci il piacere, Anonimo... impari a essere cristiano e non kikiano...

Anonimo ha detto...

senti uriel forse nn sarò csì fertile ma io da quando sn sposata adempio ,consacro i miei tre altari , e di figli nre ho solo due,e penso che tutto ciò sia opera di Dio perchè visite mediche hannoaccertato la nostra salute alessandra

Anonimo ha detto...

mic caro mic io nn ho perso mai di vista nulla perchè glialtri due altari esistono e coesistono in funzione del primo e poi nn sonoanonima perchè mi firmo Alessandra

mic ha detto...

Scusami, Alessandra, ma l'altare del Sacrificio di Cristo nel Cammino NON ESISTE, esiste la 'mensa' del banchetto escatologico....

mic ha detto...

possiamo uscire da questo ginepraio sperando di non entrare in un altro sulla nuova pagina?
Tema di attalità: nuova cappella dell'Adorazione, annessi e connessi

Anonimo ha detto...

noooooooooo? e l'eucarestia che cosa é? certo che tu stai fori cm na giubba Alessandra

Uriel ha detto...

Alessandra,
se tu mangi molto burro (per esempio) e ti vengono i trigliceridi, e' Dio che ti ha mandato la malattia o te la sei cercata?

Per quanto riguarda i tre altari, oltre quello sacrosanto che ha scritto Mic, il talamo nuziale e la mensa, sono una diretta conseguenza dell'amore di Dio Padre per noi. Di fatto esistevano prima di Gesu perche' connessi anche con la corporeità e quindi necessari all'uomo. Questo a dimostrazione dell'amore di Dio Padre, semmai ce ne fosse bisogno.

Gesu ha aggiunto quello mancante, quello senza cui la nostra vita non avrebbe un senso compiuto: ha realizzato la nuova creazione, rendendo perfetto l'amore del Padre.

cricci7 ha detto...

beh adesso se questo blog è cattolico e apostolico con l'approvazione degli statuti del cammino dovrebbe, per onestà e obbedienza, chiudere!!!!!!
quante balle che avete scritto, da ridere...ahah