martedì 8 aprile 2008

Lettera aperta

il fatto che sia ancora attivo questo blog, dipende dalla nostra convinzione di rendere un servizio alla Chiesa e ai 'piccoli' e a coloro che non conoscendo la realtà neocatecumenale, potrebbero trovarcisi dentro, come è successo a noi ed a tantissimi altri, credendo di iniziare un cammino di fede cattolico nella chiesa cattolica e dalla stessa garantito.

La nostra esperienza, la nostra conoscenza degli insegnamenti della Chiesa e tutto quello che abbiamo detto infinite volte ci ha fatto prendere le distanze da questa realtà.

C'è inoltre da tener conto che per persone come noi, che già conoscevano la Chiesa, è stato fisiologico ritrovarci in essa quasi come tornati da una brutta avventura, da una sorta di diaspora; ma ci sono un'infinità di persone, che non hanno nome, soprattutto i cosiddetti 'lontani' che, uscendo dal Cammino, hanno abbandonato anche la Chiesa, nella convinzione che il cammino fosse la Chiesa, come viene inculcato ingannevolmente e con successo per chi di essa non conosce gli insegnamenti autentici.

La ragione del nostro esserci, quindi, era ed è per evitare tutto questo e abbiamo reso note le circostanze che ci hanno portati fin qui.

E ora come constatato da un pezzo ci ritroviamo in qualche modo trasformati, nostro malgrado, da informatori-comunicatori, in 'militanti', con punte di 'aggressività' subìta di non poco conto e multiformità.

Ci chiediamo a questo punto se la nostra funzione di 'sentinelle' possa essere ancora ritenuta valida o se, in ragione della sgradevolezza di alcuni incontri che bene o male il fango addosso te lo lasciano anche se non ti appartiene, non debba finire qui. Resta da sperare che il polverone sollevato a qualcosa sia pur servito, soprattutto nei confronti di chi “non sapeva” o non aveva strumenti per dare senso ai suoi dubbi o al suo disagio.

Siamo consapevoli che questo farebbe il gioco dei nostri "interlocutori" e che è questo che vogliono da un pezzo; ma siccome a noi interessa principalmente cosa è meglio per la Chiesa, ci chiediamo: ha ancora una ragion d'essere il nostro essere qui, oggi, che i nostri contenuti vengono manipolati e 'venduti' al mercato di sgradevoli campagne contro la Chiesa, che purtroppo vanno troppo di moda e su troppi fronti, ma non ci fa certo piacere contribuire ad alimentare? Mi riferisco anche alla clonazione di un blog simile a questo che forse è stato il "coup de théatre" messo in atto alla bisogna. Ma tant'è, riflettiamoci su.

Inoltre è ormai non più soggetto a dubbi o verifiche il fatto che ci troviamo su due ‘fronti’ contrapposti e che la constatata impossibilità di dialogo e mancanza di comunicazione deriva dal fatto che davvero ci confrontiamo su ‘contenuti’ diversi… anche se spesso l’ambiguità dei nostri interlocutori, potrebbe convincere della loro cattolicità chi non conosce il cammino, cosa che di fatto succede a molti pastori non ben documentati, dei quali il minimo che possiamo dire è che non sono immuni dalla culpa in vigilando

Per quanto mi riguarda, sento dentro di me due 'tendenze' contrastanti, dalle quali è bene venir fuori con chiarezza e con il giusto discernimento:

1. una 'spinta' interiore in un certo qual modo ecclesiale, che mi direbbe di uniformarmi a un certo stile di prudenza e riservatezza, che salvaguarda da eclatanti e sgradevoli situazioni che potrebbero anche danneggiare l'immagine della Chiesa, quando gli aggrediti vengono fatti passare pubblicamente per aggressori e 'violenti' e qualche volta risultano trascinati nella ‘violenza’ di cui sono fatti oggetto, con l’accusa di essere “fuori dalla Chiesa", che invece approva il cammino…. E la Chiesa tace da troppo tempo ormai e per come stanno le cose, se di fatto non approva, nemmeno si pronuncia; il che consente al cammino non solo di mantenere lo status quo, ma perfino di proliferare col mandato della Chiesa. E allora noi ci sentiamo sempre più estranei a chi consente che la verità continui ad essere calpestata e soprattutto che gli abusi liturgici continuino a fare della Messa (che tra l’altro non è neppure una Messa) un abominio e quindi non possiamo non chiederci chi stiamo difendendo e se, arrivati a questo punto non resti piuttosto che attendere pregando…

2. un' 'anima' laica, che è quella di chi si sporca le mani e entra a contatto diretto con le realtà sgradevoli, ci resta invischiata e che alla fine, quando si arriva a raschiare il fondo, forse ha esaurito la sua funzione; allora deve verificare se invece non è il caso di tener duro costi quello che costi, ma solo se questo serve davvero Ad Maiorem Dei Gloriam.

Io so a quale delle due tendenze darei retta, e cioè alla seconda... ma il discernimento che non ho in questo momento e che mi serve per andare avanti (ovviamente parlo per me e non per tutti) o per chiudere qui il mio percorso è questo: nonostante gli aspetti non sempre edificanti che spesso si riscontrano in questo 'luogo' che voleva essere di 'incontro' ma sempre più spesso si rivela di 'scontro', che può generare cadute di stile non volute e non prevedibili, è la risposta a questa domanda: giova alla Verità e al bene di molti quello che stiamo facendo?

Io lo chiedo a voi tutti che leggete e partecipate di questo impegno e, soprattutto a chi in questo momento e in questo frangente ha più discernimento di me, esclusi ovviamente, i neocatecumenali, la cui risposta è fin troppo scontata

118 commenti:

  1. La risposta e' nell'Ufficio delle Letture di questa mattina.
    Scrive Sant'Agostino:
    "
    Volete dire le lodi a Dio? Siate voi stessi quella lode che si deve dire, e sarete la sua lode, se vivrete bene.
    "
    Dicendo la Verità si loda il Signore e questo credo possa essere sufficente per non chiudere il blog.

    RispondiElimina
  2. Gi� sacrosantasmente vero ,i cristiani sono il popolo della lode, direbene di Dio,per l'amore che nutre per noi, nonostante il nostro libero arbitrio, a volte ci porti lontano da LUI Alessandra

    RispondiElimina
  3. MIC ma ti sto cos� tanto antipatica che banni a priori mio commento anche se in perfetta sintonia cn le parole di uriel gradirei risposta grazieAlessandra

    RispondiElimina
  4. Io mi rifaccio all'esempio della
    mostra nel duomo di Vienna. Se il vescovo per mancanza di informazioni non ha parlato , per "correttezza"
    qualunque cattolico non dovrebbe
    arrogarsi il diritto di protestare.
    In realtà se un qualunque battezzato
    vede una cosa del genere ha il sacrosanto diritto/dovere di prenderla a calci altrimenti - avendola vista - ne è connivente.

    RispondiElimina
  5. Per Alessandra
    Rifletti un po su quello che ho scritto, su quello che hai scritto e vedrai che non sono poi la stessa cosa.

    Una differenza c'e', ed la stessa differenza per cui tu stai nel Cn ed io ne sono uscito.

    Vivere bene, significa essere nella Verità

    RispondiElimina
  6. Se vi interessa l'opinione di un neocat riguardo alla questione sollevata nel post iniziale, vi dico: assolutamente, per favore, continuate! Rendete un grande servizio al Cammino e mai, da parte mia, vorrei censurarvi.

    RispondiElimina
  7. Anonimo in che senso hai scritto:
    "Rendete un grande servizio al Cammino e mai, da parte mia, vorrei censurarvi."

    qual è questo servizio di cui parli?

    RispondiElimina
  8. Alessandra,

    piantala di dire "noi cattolici" e di parlare a nome nostro.
    Sentiti cattolica quanto ti pare ma non venirlo a raccontare a noi, perché non ci interessa

    RispondiElimina
  9. qual è questo servizio di cui parli?

    faccio un'ipotesi: quello di pubblicità gratuita. Non importa che se ne parli male, purché se ne parli...

    RispondiElimina
  10. Le parole del vescovo di Orvieto sono state cancellate:

    1. non sono in tema con quanto chiesto a chi "collabora" a questo impegno

    2. hannno già inflazionato tutte le pagine precedenti

    3. stiamo preparando una risposta diretta che verrà pubblicata sul sito

    RispondiElimina
  11. mic ha detto...
    in una parola, la chiesa sta cercando di capire se questo cammino viene dallo spirito santo o no, non se kiko è uno strumento fedele di questo spirito. kiko è un narcisista con una personalità ingombrante che dà addosso -- e giustamente -- a molti. ma siamo sicuro che il cammino sia opera sua?

    se con questo intendi dire che il cammino sarebbe opera dello Spirito Santo è una bestemmia, perché se così fosse, Kiko non avrebbe tentato, essendoci per di più quasi riuscito, a distruggere la Chiesa di Cristo, che molto sta già facendo col post-concilio per autodemolirsi...


    MA CHI CAZZO SEI TU, MA CHE VUOI CAPIRE RAZZA DI MONTATO... METTITI IN OBBEDIENZA AL DISCERNIMENTO DELLA CHIESA, E SII UN PO' UMILE CHE L'UMILTA' NON SAI NEANCHE DOVE STA DI CASA...

    RispondiElimina
  12. MA CHI CAZZO SEI TU, MA CHE VUOI CAPIRE RAZZA DI MONTATO... METTITI IN OBBEDIENZA AL DISCERNIMENTO DELLA CHIESA, E SII UN PO' UMILE CHE L'UMILTA' NON SAI NEANCHE DOVE STA DI CASA...

    sono un battezzato, credente, cattolico, che vede la sua Chiesa trasformarsi sotto i suoi occhi in qualcosa che non ha niente a che vedere con il "Depositum Fidei" lasciato dal Signore ai suoi Apostoli

    L'umiltà non sta nel tacere o nell'annichilirsi come persone, ma da "humus"= terreno umido (irrorato dalla Grazia) e perciò fertile... se ardisco dire questo è solo perché di un cosa sola sono certo, della mia povertà e della Grazia del Signore ricevuta e accolta soprattutto nell'Eucaristia

    RispondiElimina
  13. Se poi chi legge non crede alla sincerità del Vescovo il quale si firma e si espone in prima persona, ma preferisce credere a Mic che si nasconde.

    Bhe allora non mi interessano le indicazione che MIc e Co. danno.
    Vanno lasciati nel loro brodo di autosufficienza.

    RispondiElimina
  14. Per Alessandra.

    Avevo letto il tuo post di risposta, e purtroppo devo dire che non puoi continuare a riportare realtà che non sono le tue.

    Il fatto che avete ridotta L'Eucarestia ad un banchetto privato credo sia sufficente per dire che non siete cattolici.

    Per quanto riguarda l'articolo del Vescovo umbro si commenta da solo. Già era stato oggetto di discussione nei post precedenti; tra l'altro e' pieno di errori grossolani.(esempio Cammino neocatecumenale, che è riconosciuto oggi dalla Chiesa come uno dei suoi carismi)

    RispondiElimina
  15. MIC;MIC,stai esagerando

    RispondiElimina
  16. URIEL Io sn cattolica cm te in virtù di sacramenti che ho ricevuto, e del cammino che faccio dentro la chiesa Alessandra

    RispondiElimina
  17. MA CHI CAZZO SEI TU, MA CHE VUOI CAPIRE RAZZA DI MONTATO... METTITI IN OBBEDIENZA AL DISCERNIMENTO DELLA CHIESA, E SII UN PO' UMILE CHE L'UMILTA' NON SAI NEANCHE DOVE STA DI CASA...

    Punto 1
    Mentre tu non sai cosa è il discernimento:
    bisogna guardare Kiko e come si comporta per capire se quello che ha fondato è cosa buona o no.

    Vita morale: ineccepibile, rispettosa degli insegnamenti della Chiesa

    morale personale: molte menzogne, a partire da quando disse che le catechesi erano solo orali, fino ad oggi con l'inganno sugli statuti.

    denaro: gestisce un flusso di denaro notevole, il cui ammontare è tenuto segreto.

    Su tre caratteristiche per giudicare i leader dei movimenti, due sono negative.

    Punto 2: chiesa siamo tutti, ogni battezzato-ti ricordi cosa dice KIko?- è re, profeta e sacerdote, e come tale può parlare e portare il suo contributo a quella parte di Chiesa ( la gerarchia) che vi deve valutare.

    Loro valutano, e noi, e per fortuna tanti altri, portiamo elementi per la valutazione.

    RispondiElimina
  18. Uriel,non fare troppo il dotto,citando Sant'Agostino.
    Sant'Agostino a fatti anni di cammino interiore per raggiungere ciò che scrive.
    Nel CNC entrano persone che non sanno neanche cosè l'Eucarestia,è un misto di persone che non hai idea,mi dispiace visto che hai detto che conosci il CNC a non fare attenzione di chi entra nel CNC. Gesù dice che è venuto per i malati e non per i sani veri,poichè ci sono i sani che sono più malati dei malati questo riguarda sopratutto farisei e scribi.
    Ecco,per capire il CNC ,bisogna innanzitutto analizzare i deliquenti,malati,divorziati,bisognosi,drogati,ecc...che entrano nel CNC.Il Signore a misericordia di tutti e cerca di portarci tutti nel suo Ovile.

    RispondiElimina
  19. sai mic mi piacerebbe parlare cn te a quattr'occhi ti va tanto sei di roma nn ti ci vorrebbe niente o forse ...... Alessandra

    RispondiElimina
  20. mic, io sono le stesse cose che hai espresso a tuo riguardo, ma non mi permetto di sparare sentenze anteponendomi alla Chiesa, che tu tanto ami e dici di rispettare.

    RispondiElimina
  21. Ecco,per capire il CNC ,bisogna innanzitutto analizzare i deliquenti,malati,divorziati,bisognosi,drogati,ecc...che entrano nel CNC.Il Signore a misericordia di tutti e cerca di portarci tutti nel suo Ovile.

    Perche' l'Eucarestia che si celebra in Chiesa la domenica non va bene? E' di serie b? Gesu ha fondato una Chiesa per tutti, non una per alcuni ed una per altri!!

    Poi sei libero di pensare cio' che vuoi. Ci mancherebbe altro!

    Per quanto riguarda la citazione di Sant'Agostino stava nell'Ufficio delle Letture di questa mattina. Pregare a qualcosa pur servirà. Mai fatto il dotto.

    RispondiElimina
  22. Michaela,ma chi pensi di essere per giudicare cosi'.
    Hai dimenticato perchè sei uscita dal CNC?Non potevi più fare la Prima Dama,non riuscivi a capire i fratelli più piccoli,che avevano bisogno di camminare per raggiungere la verità di Cristo e farla propria.Dov'era il tuo aiuto?
    Chi hai aiutato?I sani o i malati?
    Questo vale anche per Te caro Mic,Stephanos;Seby,Lara non NC.
    Pensate di difendere la Chiesa Cattolica diffamando i VS.Fratelli in Cristo?
    Se siete cosi Dotti,ve lo ripeto dovè ci incontriamo per discutere tutta la vs. sapienza?
    A voi la sapienza a me L'Amore del mio
    Signore Gesù Cristo.
    Per fare la volontà di Cristo dobbiamo innanzitutto essere i servi dei servi.
    prego il Signore di aiutarmi in questo e di concedermi la Sua Grazia.

    RispondiElimina
  23. Perche' l'Eucarestia che si celebra in Chiesa la domenica non va bene? E' di serie b? Gesu ha fondato una Chiesa per tutti, non una per alcuni ed una per altri!!
    ..............................
    No caro Uriel,non è sufficiente,anche nel Vangelo di Emmaus,il Signore,prima di spezzare il Pane,ha indrodotto i discepoli nella scrittura,è questo che fa il CNC.Bisogna conoscere Cristo per toccarlo,a meno che il Signore non vuole diversamente

    RispondiElimina
  24. Anonimo ha detto...
    URIEL Io sn cattolica cm te in virtù di sacramenti che ho ricevuto, e del cammino che faccio dentro la chiesa Alessandra

    Forse era meglio fermarsi a ricevuto.

    Ps Oggi non sono molto diplomatico.
    A questo link trovi l'ultimo libro di Padre Amorth.
    www.rosacroceoggi.org/testi/Padre%20Gabriele%20Amorth%20-%20Nuovi%20Racconti%20di%20un%20Esorcista.pdf

    RispondiElimina
  25. Uriel,la preghiera aiuta molto,ma molte volte non basta,sicuramente è più efficace fare la volontà di Dio,la preghiera ci aiuta.
    Per ns.fortuna è la Grazia Di Dio che ci salva.
    Chi conosce deve agire in base le conoscenze che ha,se Dio ha dato a taluna una conoscenza ed ad altri no,chi ha conoscenza deve agire di conseguenza.

    RispondiElimina
  26. Nel CNC entrano persone che non sanno neanche cosè l'Eucarestia,è un misto di persone che non hai idea,mi dispiace visto che hai detto che conosci il CNC a non fare attenzione di chi entra nel CNC.

    non è un buon motivo per non dire loro DA SUBITO cos'è l'Eucaristia... il Signore li ha tanto amati da dare la Sua vita per loro sulla Croce, lasciando fino alla fine dei tempi il Suo Corpo e il Suo Sangue come cibo delle anime e lavacro dei peccati

    Ma NEL CAMMINO NON E' QUESTO L'EUCARISTIA: "è il Signore che si cinge le vesti per servirli... e ridare loro l'allegria"
    non lo dico io, l'ha detto Kiko al Papa e nei suoi insegnamenti il Sacrificio di Cristo ripresentato sull'Altare, che nel cammino non esiste (altre testuali aprole: "noi non abbiamo altari"), non è contemplato né tantomeno celebrato...

    RispondiElimina
  27. No caro Uriel,non è sufficiente,anche nel Vangelo di Emmaus,il Signore,prima di spezzare il Pane,ha indrodotto i discepoli nella scrittura,è questo che fa il CNC.Bisogna conoscere Cristo per toccarlo,a meno che il Signore non vuole diversamente

    Anche nell'Eucarestia c'e' la Liturgia della Parola.
    E poi Gesu ha realizzato tutte le scritture sulla croce.

    Non ti sto dicendo che non bisogna conoscere le scritture, ma cambiare collocazione. Cosa e' La Parola senza Eucarestia? Il Tabernacolo che contiene Gesu Eucarestia e' la "Parola" fatta carne.

    Quella del Cn non e' solo una pedagogia diversa.

    RispondiElimina
  28. Chi conosce deve agire in base le conoscenze che ha,se Dio ha dato a taluna una conoscenza ed ad altri no,chi ha conoscenza deve agire di conseguenza.

    è per questo che parliamo e spero che tu non confonda la Conoscenza con gli Arcani...

    RispondiElimina
  29. No caro Uriel,non è sufficiente,anche nel Vangelo di Emmaus,il Signore,prima di spezzare il Pane,ha indrodotto i discepoli nella scrittura,è questo che fa il CNC.Bisogna conoscere Cristo per toccarlo,a meno che il Signore non vuole diversamente

    ma nessun NC mette in risalto che questo è un BRANO EUCARISTICO: è vero che quando spiegava la Scrittura "ardeva loro il cuore in petto", ma la "sola Scriptura" (come diceca Lutero) non basta, perché i discepoli di Emmaus e tutti i Suoi veri discepoli lo riconoscono "nello spezzare il pane".

    E' anche lo "spezzare il pane" della propria vita che nasce dal Pane eucaristico non da altre pagliacciate e neppure solo dalla Scrittura che nutre e aiuta ma IL PANE VIVO DISCESO DAL CIELO è il SIGNORE REALMENTE PRESENTE sull'altare di ogni messa che celebriamo!

    RispondiElimina
  30. Il C.C.C ,non lo conosce la gente,bisogna portarla a conoscere ciò che la chiesa dice.

    il cammino non porta la gente a conoscere cosa dice la Chiesa, ma cosa dice Kiko & C

    RispondiElimina
  31. Ma che cretinate state scrivendo?

    I lontani si avvicinano alla chiesa anche quando portano i bambini a catechismo.
    E a quel punto, parlano col sacerdote, si confessano fanno la comunione, e la parrocchia non fa liturgie speciali per loro, gli offre l'unica verità che è quella portata dalla Chiesa, nei modi liturgici prescritti.

    e dopo qualche anno sono ancora lì in chiesa, alla messa parrocchiale.


    Usate la parola 'lontani' solo per giustificare le vostre distorsioni.
    E i catecumeni adulti che hanno fatto il battesimo nella notte di Pasqua, partecipano forse a liturgie diverse?

    Credete pure alle storielle di Kiko, ma non andate a raccontarle in giro che ci fate la figura dei fessi.

    Questa è una prova in più che deve cambiare lo stile del blog: basta con queste cretinate!

    RispondiElimina
  32. Uriel,è lecito solo ai cristiani prendere parte all'Eucarestia,cioè chi è consapevole veramente ,chi ci crede veramente,che il Signore è nel Pane e nel Vino.
    Basta vedere cosa succede la domenica in chiesa,per capire che pochi hanno la consapevolezza di ciò che E'.
    Il Cristiano deve conoscere,è ciò che vuole Gesù

    RispondiElimina
  33. No caro Uriel,non è sufficiente,anche nel Vangelo di Emmaus,il Signore,prima di spezzare il Pane,ha indrodotto i discepoli nella scrittura,è questo che fa il CNC.Bisogna conoscere Cristo per toccarlo,a meno che il Signore non vuole diversamente

    schifosamente FALSO! e anche superbo!
    come può affermarsi che il Signore venga conosciuto dalla catechesi che fa il Cammino???? e che sia più efficace l'azione di questa catechesi all'azione della Grazia su un cuore aperto e disponibile?

    La preparazione va fatta nel rendere il cuore aperto e disponibile e nel dire le cose ESSENZIALI della Fede, e non gli psicologismi assurdi e la Parola strumentalizzata di Kiko & C, il resto è opera del Signore e del Suo Spirito nell'anima e nel cuore del credente

    RispondiElimina
  34. Uriel,la preghiera aiuta molto,ma molte volte non basta,sicuramente è più efficace fare la volontà di Dio,la preghiera ci aiuta.
    Per ns.fortuna è la Grazia Di Dio che ci salva.
    Chi conosce deve agire in base le conoscenze che ha,se Dio ha dato a taluna una conoscenza ed ad altri no,chi ha conoscenza deve agire di conseguenza.

    Caro catechista anonimo, quando ero in Cn mi si diceva che chi non prega rischia la fede. Ora mi dici che la preghiera e' solo un aiuto e molte volte non basta.
    Ma la volonta di Dio puoi conoscerla soltanto se preghi: pregare non solo in senso classico e' chiaro. Si puo' pregare nel fare bene il lavoro etc..

    E' vero che chi sa deve agire e prendere delle decisioni: a te il seguito.

    La Grazia di Dio ci salva , ma solo se siamo d'accordo: non siamo burattini, siamo uomini cui il Signore ha donato il libero arbitrio.

    RispondiElimina
  35. Basta vedere cosa succede la domenica in chiesa,per capire che pochi hanno la consapevolezza di ciò che E'.

    questo è quello che dicono i tuoi catechisti. Che ne sai tu che non ci vai? e chi sei tu per stare nel cuore delle persone che non consoci?

    RispondiElimina
  36. Anonimo ha detto...
    Uriel,è lecito solo ai cristiani prendere parte all'Eucarestia,cioè chi è consapevole veramente ,chi ci crede veramente,che il Signore è nel Pane e nel Vino.
    Basta vedere cosa succede la domenica in chiesa,per capire che pochi hanno la consapevolezza di ciò che E'.
    Il Cristiano deve conoscere,è ciò che vuole Gesù

    Non commento le tue parole sul cosa accade in Chiesa la domenica, e' troppo offensivo per te che lo scrivi.

    Dici poi che il cristiano deve conoscere: te la rigiro in domanda

    Quali sono i mezzi della conoscenza?

    RispondiElimina
  37. Cara Michela,

    hai detto giusto: bisogna cambiare lo stile del blog, che purtroppo non facciamo solo noi, ma in qualche modo viene imposto dagli interlocutori...

    Sono SOSPESE da ora in poi (significa che verranno cancellate) le comunicazioni come quelle NC che hanno caratterizzato la mattinata e che ci "impongono" il solito batti e ribatti che non ci porta da nessuna parte, nel quale non riteniamo utile per nessuno incorrere.

    Accetteremo soltanto le riflessioni e i suggerimenti di chi è davvero interessato, se c'è.
    Altrimenti sapremo come regolarci

    RispondiElimina
  38. Caro Mic,Caro Uriel,non sono catechista,la preghiera aiuta a conoscere la volontà di Dio,di conseguenza devi agire.
    La Grazia di Dio è Misericordia,
    è un Regalo del NS.Salvatore Gesù Cristo E' Lui che L'Amministra non noi


    questa però va ripresa (e dimostrerebbe in parte l'utilità di questo blog), perché riporta una sfilza di insegnamenti falsi o digeriti male, ma propendo più per la prima ipotesi.

    1. chi può negare che la preghiera aiuta? E' ovvio che devi agire di conseguenza, ma chi è più qualificato a verificare con te che il tuo agire è quello giusto: il catechista o il confessore?

    2. La Grazia di Dio non è solo Misericordia, perché Dio è Misericordia ma contemporaneamente è anche Giustizia; il che significa che con la Sua Grazia santificante, oltre che liberarci e guarirci, ci trasforma e ci dona di entrare sempre più anche nella sfera della Giustizia e compiere opere di giustizia, che sono contemporaneamente opere di misericordia rese possibili dalla Fede. Apro una parentesi tragicamente illuminante. Sapete che un sacerdote, che ha detto questo in Santa Maria Maggiore a Roma, non è stato più chiamato a celebrare, perché ha OSATO ricordare insieme alla Misericrdia ANCHE la Giustizia di Dio? Questo perché i modernisti e il cammino NC in primis vanno diffondando tra i credenti che il Signore tutto copre con la Sua Misericordia (non ricorda per caso Lutero?) quindi alla fine qualunque nostro peccato verrà rimesso senza che entri in campo la nostra RESPONSABILITA'.

    3. è vero che la grazia è un regalo (gratis=gratuità, al di là di ogni merito) un dono del nostro Salvatore Gesù; ma LUI la DA', noi l'amministriamo e siamo veicoli consapevoli e aperti alla sua infinita e inarrestabile Redenzione, se restiamo in Lui nella Sua Chiesa come i tralci della Vite...

    Non ci riconoscete un diverso concetto e quindi un diverso atteggiamento spirituale e conseguente comportamento e realtà di Chiesa?

    RispondiElimina
  39. A voi la sapienza a me L'Amore del mio Signore Gesù Cristo.

    un'altra chicca.! Giuro che è l'ultima :)

    Se l'amore di Gesù non ti dà la Sapienza a cosa ti serve?
    Vabbeh che la nostra è indicata con la s minuscola...

    RispondiElimina
  40. Sono nel Cammino da 20 anni e vi dico con tutta sincerità:

    Per carità! Non chiudete il blog, continuate a fare ciò che volete e "dovete" secondo la vostra scienza!

    Se "La Verità sui neocatecumenali" è quella da voi denunciata il Cammino sparirà, altrimenti sparirete voi.
    Con Dio non si scherza!

    RispondiElimina
  41. Mic,cerca di essere meno sapiente e più caritevole,sopratutto con i più piccoli.
    Ti rinnovo il confronto a 4 occhi.
    La tua è una battaglia falsa e ipocrita,La Grazia e per tutti, non solo per quelli scelti da te.
    La tradizione cristiana va conservata chi dice di no,ma è sempre la Chiesa che decide, non i singoli elementi,secondo te ci sono distorture nel CNC?Bene continua a denuciarli,ma attento,agisci di conseguenza quanto la chiesa ti chiede l'ubbidienza e,tu più volte hai parlato di scissione se la chiesa non fa ciò che per te e i tuoi compagni è "giusto"

    RispondiElimina
  42. Non scienza,

    ma COSCIENZA.

    RispondiElimina
  43. ..tu più volte hai parlato di scissione se la chiesa non fa ciò che per te e i tuoi compagni è "giusto"


    Si la santa Guerra di Indipendenza. Ma vai a fare una doccia scozzese!!

    RispondiElimina
  44. La tua è una battaglia falsa e ipocrita,La Grazia e per tutti, non solo per quelli scelti da te.

    avrebbe dovuto essere cancellata, ma da dove spunta un'affermazione come questa e tutte le altre deltuo post?
    Io non parlo da me, ma dico quello che insegna la Chiesa

    Ma basta!

    RispondiElimina
  45. alessandra, potresti leggerti il mio commento nel post di ieri e darmi una risposta,perche' se non me la dai saro' io stesso a cancellatare tutto quello che scrivi!

    RispondiElimina
  46. Se "La Verità sui neocatecumenali" è quella da voi denunciata il Cammino sparirà, altrimenti sparirete voi.

    avuto riguardo alla potenza umana è più probabile che spariremo noi (da internet) che il cammino dalla chiesa; ma sullo "scherzare con Dio" ci farei un attimino più attenzione!!!!

    RispondiElimina
  47. Seby, ti prego di sospendere le domande, perché in base all'articolo che ho inserito siamo noi ad aspettare risposte da chi è davvero interessato a questo blog... il resto, cechiamo di arginarlo

    RispondiElimina
  48. michela scrive:

    "Anonimo in che senso hai scritto:
    "Rendete un grande servizio al Cammino e mai, da parte mia, vorrei censurarvi."

    qual è questo servizio di cui parli?"

    Cara Michela,

    in realta' i servizi sono due.

    (1) Uno e' quello di riportare le notizie che riguardano il cammino, come il convegno dei vescovi alla Domus. Magari poi uno fa alla tara alle vostre interpretazioni di questi eventi, ma almeno riportate gli eventi. E sono sicuro che la notizia di 200 vescovi alla Domus colpisce chi legge molto piu' di quello che ne pensano Mic, Gherardo, etc.

    (2) Il secondo servizio e' un servizio di "public relations":

    (a) ammettendo di cancellare i messaggi che giudicate "spot" del cammino, dimostrate di avere poco rispetto per le opinioni altrui, e che pensate di avere il diritto di censurarle perche' non rilevanti: questo da' la sensazione che siete poco professionali nella gestione di questo blog, e gli toglie autorevolezza;

    (b) insistendo che siete sicuri che il cammino non e' una realta' cattolica a prescindere da quello che decidera' la Chiesa, date l'impressione di essere poco umili e di essere disobbedienti;

    (c) l'assoluta mancanza di autoironia e il reiterare "noi sappiamo qual e' la verita'", "noi conosciamo il diritto canonico, la liturgia, ecc", vi fa diventare facili bersagli dell'ironia di chi viene qua;

    (d) l'eccesso di astio e' anche controproducente: fa pensare subito che non siate super partes ma che parliate per amarezze personali. Anche questo fa perdere autorevolezza;

    (e) il fatto che vi lamentiate continuamente che nessuno risponde alla sostanza delle vostre critiche dimostra un fraintendimento del tipo di persone che si affacciano qua: nessuna di queste si sente in grado di fare il portavoce del cammino sulla lettera di Arinze o su altre questioni che legittimamente sollevate, e oltretutto kiko ha detto ai neocatecumenali di non immischiarsi con questi forum/blog per cui chi viene qua e' uno a cui di kiko gliene frega meno di quanto pensate e certo non e' un buon portavoce del cammino!

    Per farla breve, fa comodo a chi e' del cammino poter dire: volete sapere che tipo di persone sono i nemici del cammino? Bene, guardate il sito "neocatecumenali.blogspot.com" e fatevene un'idea! Vi sembra che vadano presi sul serio?

    Michela, spero che questo risponda alla tua domanda.

    RispondiElimina
  49. in realta' i servizi sono due.
    (1) Uno e' quello di riportare le notizie che riguardano il cammino, come il convegno dei vescovi alla Domus. Magari poi uno fa alla tara alle vostre interpretazioni di questi eventi, ma almeno riportate gli eventi. E sono sicuro che la notizia di 200 vescovi alla Domus colpisce chi legge molto piu' di quello che ne pensano Mic, Gherardo, etc.


    vasa come vada,quello che pubblichiamo non èla notizia asetica, ma anche il commento. Certo che il numero fa impressione: a noi per primi e ci fa capire DOVE sta andando una certa parte della Chiesa che purtroppo è divisa e noi non lo abbiamo provocato con questo blog o col sito, ma l'abbiamo constatato dolorosamente

    (2) Il secondo servizio e' un servizio di "public relations":
    (a) ammettendo di cancellare i messaggi che giudicate "spot" del cammino, dimostrate di avere poco rispetto per le opinioni altrui, e che pensate di avere il diritto di censurarle perche' non rilevanti: questo da' la sensazione che siete poco professionali nella gestione di questo blog, e gli toglie autorevolezza;


    abbiamo detto e ripetuto quali e quante nefandezze abbiamo cancellato e conoscendole dovresti vergognarti a fare questa affermazione così pretestuosa, anche perché quelli che chiamiamo spot sono in realtà affermazioni che richiederebbero repliche defatiganti che abbiamo già dato migliaia di volte!

    (b) insistendo che siete sicuri che il cammino non e' una realta' cattolica a prescindere da quello che decidera' la Chiesa, date l'impressione di essere poco umili e di essere disobbedienti;

    lo abbiamo già riconosciuto in termini di logica, ma la nostra fede ogni volta ci fa andare avanti... dovresti eliminare quell' "a prescindere" perché non abbiamo mai detto questo. Stiamo continuando a parlare proprio perché la gerarchia tace in maniera che definirei inquietante, se non avessimo fiducia nella loro prudenza

    (c) l'assoluta mancanza di autoironia e il reiterare "noi sappiamo qual e' la verita'", "noi conosciamo il diritto canonico, la liturgia, ecc", vi fa diventare facili bersagli dell'ironia di chi viene qua;

    in questo puoi avere un po' di ragione ma non mi sembra di mancare totalmente di autoironia e ignori volutamente che ci sono dei momenti e degli argomenti in cui l'ironia --auto o etero-- non viene sempre spontanea

    (d) l'eccesso di astio e' anche controproducente: fa pensare subito che non siate super partes ma che parliate per amarezze personali. Anche questo fa perdere autorevolezza;

    quello che tu chiami "astio" per me è "convinzione". Noi non cerchiamo di essere autorevoli, cerchiamo di essere autentici... quel che viene fuori lo sa il Signore.

    Il discorso delle amarezze personali è un'abile pretesto per ricondurre il problema, che è oggettivo e serio, a mere soggettive esperienze, come tali opinabili

    (e) il fatto che vi lamentiate continuamente che nessuno risponde alla sostanza delle vostre critiche dimostra un fraintendimento del tipo di persone che si affacciano qua: nessuna di queste si sente in grado di fare il portavoce del cammino sulla lettera di Arinze o su altre questioni che legittimamente sollevate, e oltretutto kiko ha detto ai neocatecumenali di non immischiarsi con questi forum/blog per cui chi viene qua e' uno a cui di kiko gliene frega meno di quanto pensate e certo non e' un buon portavoce del cammino!

    non ci lamentiamo continuamente, affermiamo in riscontro a dati reali. Nessuno si fa portavoce del cammino perché mentre noi abbiamo la LIBERTA' di parlare in nome della Chiesa perché ci sentiamo e siamo Chiesa, nel Cammino c'è la consegna che le cose del cammino non vanno riportate a "quelli di fuori" e tuttora vige il "segreto". Ecco perché nessuno può farsi portavoce. In realtà alcuni supercatechisti lo hanno fatto e c'è stata dialettica, mi sembra...

    Se c'è la consegna di non immischiarsi con questi forum/blog sempre meno mi spiego questo assurdo e assillante monitoraggio nonché spasmodica attenzione!

    Per farla breve, fa comodo a chi e' del cammino poter dire: volete sapere che tipo di persone sono i nemici del cammino? Bene, guardate il sito "neocatecumenali.blogspot.com" e fatevene un'idea! Vi sembra che vadano presi sul serio?

    OK, se qualcuno è tanto babbano da vederla così chissene...

    RispondiElimina
  50. ecco, appunto.
    Bella risposta Mic, così la tua credibilità è stata cementata una volta tanto per quello che veramente è.

    RispondiElimina
  51. Per l'anonimo che mi ha risposto:

    un unico appunto da fare al tuo post: i nc non rispondono non perchè non 'si sentono in grado di rispondere', ma perchè non sono abituati a pensare e a trovare una ragione in ciò che fanno.
    Alcuni rispondono solo con frasi fatte o parole sentite nelle predicazioni.

    In questo senso l'utilità di un blog di questo tipo è probabilmente terminata.

    Non è terminata invece, la necessità di una presenza in rete di un servizio di informazione su quanto avviene all'interno del cammino, dove chi ha dubbi possa condividere le sue perplessità e documentarsi sulle storture del cammino.

    RispondiElimina
  52. Caro Anonimo,

    e' Mic che puo' dare lezioni a me come credo a te.

    Accettiamole e facciamone tesoro.

    RispondiElimina
  53. tu forse conosci Mic meglio di me?

    Io lo conosco solo da quello che trovo scritto qui, niente di +.
    Da quello che scrive mi sembra poco equilibrato e alquanto rozzo sopratutto quando parla di CNC e di Kiko.
    Gli consiglio di prendere qualche lezione ed impari dal Papa.

    RispondiElimina
  54. Da quello che scrive mi sembra poco equilibrato e alquanto rozzo sopratutto quando parla di CNC e di Kiko.


    Scrivi tu del CNC e delle catechesi.

    Riporta le catechesi della Traditio, della Redditio, il contenuto delle domande degli scrutini di questi passaggi.

    Quale e' il problema?

    RispondiElimina
  55. Pipìta Del Monte8 aprile 2008 16:24

    Postilla di cronaca sulla mostra viennese.

    Ricevo in anteprima dalla carissima Maragianna Del Pennino,illustre giornalista romana attualmente in trasferta a Napoli la sintesi di un articolo di imminente pubblicazione,che tosto vi partecipo:

    ” Napoli,8 aprile:

    secondo quanto annunciato pochi minuti fa da Paparazym.org, Mister Repe ha annunciato, assiso su apposito trespolo rinforzato in ferro nella sala stampa del suo sacro palazzo partenopeo, l’intenzione di recarsi subito a visitare la mostra pittorica attualmente esposta nel museo diocesano di Vienna, motivando tale sua commoventissima intenzione con le seguenti alate parole:

    “Urge ch’io vada a Vienna a visitare i quadri esposti al museo diocesano onde dare il mio contributo alla salvezza di Napoli.Ritengo infatti a ragione che gli QAustriaci abbiano trovato un nobilissimo sistema per riciclare opportunamente e convenientemente i rifiuti. Chiederò infatti agli oprganizzatori di organizzare almeno un altro migliaio di mostre consimili e mi offrirò di mandare da Napoli la materia prima.Il tutto naturalmente previo accordo con l’alto pelato che governa esso museo diocesano,sempre che egli,a sua volta, ottenga il permesso dal suo immediato superiore,senor Kikus De Arquelis”

    RispondiElimina
  56. Gli ultimi due uriel non ero io.

    Vedo con dolore e dispiacere che siete sempre piu' cretini.

    RispondiElimina
  57. Da paura Mic,sei sempre nel mio cuore.Prego per Te,in particolare per Stephanos,prima o poi ritornera dai suoi fratelli NC

    RispondiElimina
  58. Ci state alluvionando con il rispetto di: "Riflettendo su Internet, così come su altri mezzi di comunicazione sociale..."

    voi non rispettate la lettera di arinze e noi perchè dovremmo rispettare quello che pare a voi?

    Non rispettiamo la comunicazione come la vorreste voi: ossequiente al cammino...

    RispondiElimina
  59. Da paura è la vostra ostinazione di fare da padroni in casa degli altri

    RispondiElimina
  60. E continui a cancellare i commenti ???

    RispondiElimina
  61. Mic,bisogna sapere gestire

    RispondiElimina
  62. non sono mica kiko :)

    RispondiElimina
  63. mic ha detto...
    Da paura è la vostra ostinazione di fare da padroni in casa degli altri

    Questo sarebbe il minimo se avessero il fegato di discutere i testi che ripassano prima di una catechesi.

    Ma questo coraggio non ce l'hanno.

    Eppure sarebbe un buon punto di partenza.

    RispondiElimina
  64. siete solo degli "scagnozzi" sguinzagliati

    RispondiElimina
  65. No Mic,e la tua provocazione,tu sei l'artefice di tutto questo

    RispondiElimina
  66. la verità provoca rabbia?

    RispondiElimina
  67. "...Noi vescovi riconosciamo con gratitudine che, tra le numerose grazie concesse dallo Spirito Santo alla Chiesa del nostro tempo, il Cammino Neocatecumenale rappresenta, con il suo itinerario di iniziazione cristiana, un carisma potente per rafforzare lo slancio missionario che sorge dalla rigenerazione battesimale e dare una risposta alla situazione drammatica della scristianizzazione dell’Europa”. “Dichiariamo...che l’avvenire del Cammino Neocatecumenale dipenderà per gran parte dall’amore paterno con il quale noi vescovi accoglieremo questo carisma, accompagneremo da vicino i Seminari Redemptoris Mater e incoraggeremo le famiglie tanto preziose delle Comunità Neocatecumenali, inserendole sempre di più nella vita delle Chiese locali”.

    Un pò di tempo c'è voluto, ma infine è arrivato l'epitaffio per la Chiesa, la dichiarazione ufficiale della sua morte e l'annuncio che una nuova chiesa sarà fondata grazie ai Seminari RM e all'infiltrazione delle comunità NC nella vita delle parrocchie.

    Niente dubbi, niente perplessità, niente eresie, niente difformità, niente aberrazioni liturgiche, niente vessazioni e violenze: per questi vescovi il cammino sembra scaturito direttamente dalle acque del Giordano.

    A meno di un miracolo, neppure il Papa appare in grado di fermare questo programma di destrutturazione e rifondazione della Chiesa sulla base dello zibaldone mentale escogitato da Kiko, Carmen, Farnes e Co. e lungamente rodato in segretezza prima di essere scoperto.

    E' stato detto e stradetto, e in questo hanno ragione i fan del cammino, 170 vescovi che si riuniscono alla Domus non sono un'inezia.

    Infatti, andavano fermati, senza se e senza ma, a costo di legarli alle colonne di S.Pietro fino al loro completo rinsavimento.
    Non lo si è fatto, e adesso, come previsto, dopo l'abbaglio e l'indottrinamento degli alti prelati è arrivato puntuale il loro proclama sulla "nuova evangelizzazione" attraverso il Cammino.
    A dimostrazione di quanto sia nefasta e gravida di conseguenze la partecipazione dei vescovi ai riti del cammino neocatecumenale.

    Tutti hanno sottovalutato la capacità di presa e la potenza di un meccanismo che obnubila le menti, soggioga le coscienze nel girotondo della messinscena spettacolare e carismatica, deprime la libera intelligenza delle persone fino all'asservimento.

    E più vescovi hanno sottoscritto il documento, più è dimostrata la potenza e la micidialità di un meccanismo di controllo mentale singolo e di massa, il quale riesce a piegare e sottomettere anche intelligenze rimarchevoli.

    La riunione alla Domus, lungi dal dimostrare la bontà del cammino, ha dimostrato invece la sua potenza devastante sull'intelligenza di persone che si presumeva, a questo punto a torto, avessero gli strumenti culturali e spirituali per fronteggiare ogni provocazione.

    Mancano ancora un paio di passaggi al completamento del processo.
    Prima o poi accadrà che nel corso di una degli assembramenti di folla neocatecumenale, qualcuno griderà all'insegna di Kiko "Santo subito" o "Papa subito": dopo l'immaginabile boato inneggiante della folla, seguirà l'applauso convinto ed entusiastico di fedeli, sacerdoti, prelati, vescovi e cardinali asserviti.
    Successivamente a ciò, il passo successivo sarà la designazione ad opera di Kiko del successore di Benedetto XVI, rigorosamente neocatecumenale.

    Così il progetto eretico di distruzione della Chiesa storica e la sua sostituzione con la chiesa riprogettata sulle fantasie mirabolanti di Kiko e co. giungerà a compimento, con buona pace -La Pace - di tutti.

    RispondiElimina
  68. Ma quale rabbia...io mi diverto co nte non c'è speranza... cancelli anche i discorsi seri...

    RispondiElimina
  69. veritatisamor8 aprile 2008 18:02

    Si incomincia gonfiando i numeri
    aggiustando una notizia
    nascondendone un'altra
    spacciando un richiamo del Papa
    come una approvazione
    e alla fine si crede di vivere
    una realta' che e' invece tutta immaginaria.

    RispondiElimina
  70. Ma quale rabbia...io mi diverto co nte non c'è speranza... cancelli anche i discorsi seri...

    quelli seri per te non sono seri per me.

    Ma se non è rabbia è pazzia

    E siccome io non arrivo a tal punto di demenza, continua pure con l'inserimento dei tuoi effluvi kikiani.
    io chiudo qui, poi cancello tutto insieme o elimino la pagina.

    RispondiElimina
  71. Un pò di tempo c'è voluto, ma infine è arrivato l'epitaffio per la Chiesa, la dichiarazione ufficiale della sua morte e l'annuncio che una nuova chiesa sarà fondata grazie ai Seminari RM e all'infiltrazione delle comunità NC nella vita delle parrocchie.

    andiamoci piano, Omen, resta ancora da aspettare, credo!
    C'è una regia sapiente e un bel contorno mediatico che dimostra non poca 'potenza umana'; ma la Chiesa, quella vera, ancora non ha parlato!

    RispondiElimina
  72. veritatisamor8 aprile 2008 18:26

    anonimo vedi che gia' incominci
    ad avere una visione piu' aderente
    alla realta'.
    Continua cosi', piccoli passi.

    PS
    Qua nessuno c'ha la patente
    per dare scomuniche a chicchessia.
    Ma 160 vescovi +9 cardinali
    non sono ancora la Chiesa.
    La Chiesa e' rappresentata dal Papa
    che vi ha richiamato a rispettare
    la liturgia (lett. Arinze)
    e a cui ormai da 4 mesi e mezzo
    disubbidite allegramente.

    RispondiElimina
  73. la carità è benigna è paziente la carità tutto spera tutto sopporta ,è questo a cui ogni cattolico deve aspirare,non per moralismo e per dire anvedi quanto so bravo,ma perchè solo così chiedendo il dono dello Spirito saremo in grado di Discernere la verità che è racchiusa nella morte e risurrezione di Cristo Alessandra

    RispondiElimina
  74. veritatisamor8 aprile 2008 18:34

    Beh se vuoi c'e' anche il discorso
    del Papa alle famiglie NC in missione.
    Se faceste "risonare" le parole
    del Papa qualche volta
    non vi farebbe male.

    Te le riposto qui:

    Era un’occasione di gioia: il Santo Padre ha benedetto le tante famiglie del Cammino Neocatecumenale che erano sul punto di essere mandate in missione. Tra le altre cose, il Santo Padre ha detto, ora lo leggo: “L’importanza della Liturgia e in particolare della Santa Messa nell’evangelizzazione, è stata a più riprese posta in evidenza dai miei predecessori e la vostra lunga esperienza può bene confermare come la centralità del mistero di Cristo, celebrato nei riti liturgici, costituisce una via privilegiata e indispensabile per costruire comunità cristiane vive e perseveranti”. Il Papa continua: “PROPRIO PER AIUTARE il cammino Neocatecumenale, a rendere ancora più incisiva la propria azione evangelizzatrice in comunione con tutto il popolo di Dio, di recente, la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti, vi ha impartito, A MIO NOME, alcune norme concernenti la celebrazione eucaristica. Dopo il periodo di esperienza che aveva concesso il Servo di Dio, Giovanni Paolo II, sono certo che queste norme, che riprendono quanto è previsto nei libri liturgici approvati dalla Chiesa, SARANNO DA VOI ATTENTAMENTE OSSERVATE”. Ecco le parole del Santo Padre. Egli ha detto loro: “Tramite questa Congregazione ho VI HO DATO DELLE DIRETTIVE; SEGUITELE”.

    RispondiElimina
  75. veritatisamor8 aprile 2008 18:36

    l'amore per la verita' e' molto
    paziente credimi.......

    RispondiElimina
  76. ricordo un canto di AC che era tratto dalla lettera ai corinzi quella sulla carità chepiù o meno diceva che a nulla servivano parole ed opere se non avevamo in cuore la Carità ,ma quella cristiana che cm S Paolo dice è benigna tutto spera tutto scusa tutto sopporta :credo che tutti dovremmo serbare nel cuore le parole che sono i fulcri del cattolicesimo per nn incorrere in errori dettati anche dal nostro libero arbitrio Alessandra

    RispondiElimina
  77. lascia l'orgoglio Mic

    RispondiElimina
  78. veritatisamor8 aprile 2008 18:46

    Anonimo mi appari totalmente
    "disgregato interiormente".
    Ma come fai dire tutto a posto
    quando quelle direttive a cui si riferisce il Papa (cioe' quelle della lettera di Arinze) le disobbedite allegramente?

    Non ti accorgi di vivere in una "contraddizione" quindi non nella verita'?

    La colpa tua e' comunque lieve
    piu' grande e' quella di chi ti ha condotto in tale situazione

    RispondiElimina
  79. veritatisamor nomen latinorum vorrei conoscere la tua verità ,io per piccola che sono ne conosco una che Cristo è morto per i nostri peccati è risorto è apparso a tutti i suoi discepoli e poi ha fatto in modo che ricevettero lo Spirito Santo affinchè potessero essergli testimoni dando la loro vita per la buona novella,vedi san Pietro Santo StefANO E tutti i martiri morti per il vangelo.questà è la sola verità che io conosca alessandra

    RispondiElimina
  80. Alessandra continua a non capire
    che Stephanos "orientamenti alla mano"
    mostra come in realta' sui dogmi fondamentali della dottrina cattolica
    la predicazione kikiana
    diffonde distorsioni al limite dell'eresia.

    Per farti capire la mentalita' che vige nello zoccolo duro del Cammino
    ti riporto le parole udite dal mio catechista
    "Se uno fa il Cammino e poi magari non crede al dogma dell'immacolata concezione, non e' poi cosi' importante..."

    Quello che conta in questa mentalita'
    e' "fare il Cammino", l'unica vera fonte di verita'. Anzi l'unico luogo dove
    si manifesta la verita'.

    Ti riporto quelle parole perche' sono illuminanti sulla mentalita' diffussa
    nello "zoccolo duro" del CN.

    RispondiElimina
  81. veritatisamor8 aprile 2008 19:58

    Cara alessandra

    l'unico modo per non essere travolti
    dal vortice di verita' e ambiguita'
    e bugie che il Cammino ha introdotto
    nella Chiesa Cattolica e' di partire
    dalla verita' dei fatti.

    Chi ti fa vedere le verita' ultime
    ignorando quelle dei fatti semplici forse
    e' un visionario ispirato forse ti sta ingannando.

    Per essere sicuri bisogna ancorarlo
    alla verita' dei fatti.

    Il richiamo del Papa e' un fatto
    come anche il fatto che il CN
    se ne sbatta allegramente....

    L'umilta' e la docilita' del CN
    alle correzioni della Chiesa, qualora si verificasse,
    sarebbe anch'esso un fatto
    che ci auspichiamo tutti
    come garanzia che il Carisma presunto
    sia davvero al servizio della Chiesa
    e non contro di essa.

    Finche' il CN e i suoi vertici
    continueranno nell'ostinazione
    alla disobbedienza
    che e' sintomo di "orgoglio spirituale"
    i dubbi sulla genuinita'
    della loro ispirazione
    saranno piu' che giustificati.

    RispondiElimina
  82. mic ti capisco e prego incessantemente per te. non smettere di sperare in Dio. guarda alla croce di Cristo e non lasciarti sopraffare dallo sconforto.

    RispondiElimina
  83. la mia parrocchia di appartenenza è in provincia Catania.
    Dopo quasi 8 anni di cammino mi sono accorto che parecchie cose nella liturgia e nella "dottrina del cammino" non erano in linea con il CCC.
    Nel frattempo ho intrapreso gli studi teologici per il diaconato permanente, e ancora di più è evidente come il CNC stia costruendo una chiesa parallela dentro la nostra Chiesa. Ho iniziato a meditare di uscirmene dal cammino dopo la lettera del card. Arinze letta in parrocchia, ero titubande a uscirmene per il senso di responsabilità che sentivo nei confronti dei miei fratelli di comunità che vedevano in me e mia moglie dei punti fermi a cui far riferimento anche se non eravamo responsabili.
    Prima di uscircene, siamo andati a consultarci con il nostro vescovo, che da buon padre dopo aver ascoltato tuti i nostri dubbi sul cammino, ci ha consigliato e non imposto, di abbandonare questo cammino e di non preoccuparci per gli altri fratelli, poiché il Signore non fa mancare a nessuno la luce per avere il giusto discernimento. Adesso siamo molto più sereni e tranquilli e parliamo spesso e continuo delle eresie del CNC, e dei mezzi subdoli e falsi che usa per indrottinare i "piccoli". Continuate nella informazione poichè è di grande conforto per tanti come noi.

    RispondiElimina
  84. Stephanos:
    "Il senso di questa che pensavamo come "Agorà" viene sempre più messo in discussione. Sarebbe più pensabile la forma del portale di informazione, aggiornato da Articoli e commenti."

    non è così agevole raccogliere commenti dal portale

    RispondiElimina
  85. Rispondendo al tema della lettera aperta, da neocatecumenale, mi sento di dire : "Continuate pure così come fate a gettare discredito su un movimento definito carisma della Chiesa da vescovi e cardinali". Per merito vostro sentiremo riferite a noi queste parole del papa : "Quando i cristiani sono veramente lievito, luce e sale della terra, diventano anche loro, come avvenne per Gesù, oggetto di persecuzioni; come Lui sono "segno di contraddizione".
    Grazie

    RispondiElimina
  86. Che senso ha questo blog?
    Beh, intanto, non è affatto vero, come vorrebbero far credere taluni interessati neocatecumenali, che dovrebbe continuare ad esistere per dimostrare l'inconsistenza delle critiche al cammino e le contraddizioni dei suoi critici.

    In verità, il servizio più importante che questo blog rende alla comunità dei credenti cattolici e anche di qualche laico incuriosito, è proprio quello di analizzare, disvelare, rendere note e pubbliche le contraddizioni ed anomalie del cammino neocatecumenale.

    Al di là di qualche distoglimento, di incertezze e ondeggiamenti, di titubanze causate più che altro dai silenzi talvolta sconcertanti che avvolgono la vicenda NC, rimane valido ed insopprimibile il lavoro di informazione su un fenomeno che tende a nascondere la sua vera identità mascherandosi da innocuo e servile movimento ecclesiale, quando nella realtà è un radicale progetto di rifondazione della fede cattolica in ogni suo aspetto e come se non bastasse addirittura su basi gnostiche, protestanti, giudaiche e massoniche.
    Nonostante tutto, questo blog prosegue ed onora degnamente il lavoro e la memoria di padre Zoffoli nel denunciare al mondo le storture dogmatiche e dottrinali, ma anche i comportamenti anomali ed anticristiani nel cammino neocatecumenale.

    RispondiElimina
  87. Per merito vostro sentiremo riferite a noi queste parole del papa : "Quando i cristiani sono veramente lievito, luce e sale della terra, diventano anche loro, come avvenne per Gesù, oggetto di persecuzioni; come Lui sono "segno di contraddizione".

    quello che voi sentirete non è detto che corrisponda alla realtà.
    Gesù ha detto: "Beati voi quando vi perseguiteranno per causa mia"

    Voi non siete perseguitati da nessuno, tanto meno da noi che non facciamo altro che denunciare le difformità del cammino dalla chiesa e le sue anomalie...

    quindi se "perseguitati" siete, ma non è la parola giusta perché in realtà la Chiesa (gerarchica) vi sta facendo ponti d'oro (a quel che è stato fino a questo momento, poi sarà da vedere), lo siete per causa di chi ha messo in atto tutte le aberrazioni del cammino che tanto vi hanno ammaliato e 'preso'...

    Avete mai visto i VERI cristiani, quelli sì "perseguitati" davvero, perseguitare a loro volta?

    RispondiElimina
  88. non è così agevole raccogliere commenti dal portale

    è il motivo che ci ha indotti ad arrivare fin qui e che ci pone degli interrogativi per una eventuale interruzione o trasformazione di questo impegno

    RispondiElimina
  89. Perseguitati i neocatecumeni?
    Ma è proprio il contrario: sono perseguitati dal cammino i parroci che non si piegano al loro volere, i fedeli che non aderiscono alla loro setta, gli ex neocatecumenali e tutti coloro che costituiscono un fastidio o una minaccia per le sorti magnifiche e progressive del CNC.
    Questa della persecuzione è un'altra delle balle messe in circolazione dai NC.

    RispondiElimina
  90. Questa poi!
    Adesso i persecutori si atteggiano a vittime.
    Questi qui devastano le parrocchie, sottomettono i parroci, terrorizzano i loro stessi affiliati con metodi da inquisizione e adesso hanno anche la faccia tosta di atteggiarsi a vittime?
    Come diceva Totò, cose da pazzi!

    RispondiElimina
  91. Il cammino continua ad usare la parola PERSECUZIONE.

    Ma vi rendete conto delle sciocchezze enormi che state dicendo?
    Evidentemente no, ripetete a pappagallo quello che Kiko e i catechisti vi hanno insegnato.
    Quando il fondatore di una setta vuole mantenere il suo potere sugli adepti, deve anche prevedere le possibili critiche a cui gli adepti andranno incontro da parte dei familiari, amici e parrocchiani.
    Allora gli inculca l'idea che le critiche che riceveranno saranno ingiuste, che loro sono dei martiri ( chi ha fatto la redditio sa di cosa parlo), e quindi come ogni martire che si rispetti riceverà delle persecuzioni.

    Avete confuso la parola 'critica' con la parola PERSECUZIONE.

    Nessuno vi perseguita, perchè non c'è odium fidei:
    condividiamo tutti la fede in Gesù Cristo

    non siete stati denunciati ai tribunali

    nelle parrocchie neocatecumenali siete nei primi posti

    non avete subito nessuna forma di abuso, non avete perso il lavoro per la vostra fede

    non avete subito nessuna forma di abuso fisico.

    Non siate ridicoli, non confondete l'informazione con la persecuzione.

    E' importante usare le parole nel loro corretto significato: è il primo passo per capire se i vostri catechisti vi hanno ingannato.

    Da adesso vi chiedo di usare la parola persecuzione, pensando agli ebrei di Hitler, ai sacerdoti uccisi solo perchè sacerdoti, ai cristiani in terra islamica, e così via.

    Un' ultima cosa. per perseguitare qualcuno bisogna avere una qualche forma di potere:
    e noi che tipo di potere abbiamo?

    RispondiElimina
  92. Si paragonano a Gesù, i nc, per dire che sono perseguitati.
    Allora fate come Gesù e non vivete da subdoli, da falsi e da aguzzini .
    Sono i nc la prova che satana ha messo in atto per far cadere i cristiani scimmiottandoli e creando idolatria. Ma la verità viene sempre fuori alla luce del sole. I nc e quanti li seguono è una grande lobbi, ai danni di inconsapevoli, per creare un giro di affari e di schiavi volontari che stanno assassinando la Chiesa di Cristo.
    Questo è il vero frutto dei nc

    Vescovi e cardinali che li incoraggiano, pensano solo a loro stessi altro che evangelizzazione. Satana li sta raggirando

    RispondiElimina
  93. "Se c'è la consegna di non immischiarsi con questi forum/blog sempre meno mi spiego questo assurdo e assillante monitoraggio nonché spasmodica attenzione!"

    Secondo me si spiega così:

    a - anche sulle raccomandazioni di Kiko si fa sempre la tara...

    b - assillante monitoraggio? Sono convinto (confermami tu con l'analisi degli IP, se la fate) che qua ci siano al massimo 20-25 NC che scrivano con una certa regolarità. Se i NC in Italia sono, diciamo, 200,000-250,000 (correggetemi se sbaglio) vuol dire che in media 1 su 10,000 si prende la briga di scrivere qua. Se mi sbaglio grossolanamente e gli anonimi sono 200-250, la media è di 1 su 1000.

    Questo suggerisce che più che un assillante (e organizzato) monitoraggio si tratti di sporadiche incursioni decise autonomamente.

    c - una delle ragioni per queste incursioni è semplicemente che alcuni sono in ansia per la questione degli statuti e vanno su internet a caccia di notizie.

    Questo forse suggerisce anche che almeno fino all'approvazione definitiva degli statuti (se ci sarà) questo blog avrà ancora un certo impatto e una certa utilità in termini di notizie. Dopo, mancherà probabilmente l'interesse dei nc e ovviamente -- come dici tu -- di fronte a un'approvazione definitiva della Chiesa la rilevanza di queste discussioni sarà ridimensionata.

    RispondiElimina
  94. c - una delle ragioni per queste incursioni è semplicemente che alcuni sono in ansia per la questione degli statuti e vanno su internet a caccia di notizie.
    ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
    beh,non tutti,io cerco di convincere questi cattocattolici,a
    ritornare all'ovile,si sono sviati.
    MMMMMMMMMM,ogni tanto ho l'impressione...............

    RispondiElimina
  95. "Se c'è la consegna di non immischiarsi con questi forum/blog sempre meno mi spiego questo assurdo e assillante monitoraggio nonché spasmodica attenzione!"

    Secondo me si spiega così:
    a - anche sulle raccomandazioni di Kiko si fa sempre la tara...

    abbiamo buoni indizi per ritenere che quel "sempre" sia di troppo e anche il resto va ridimensionato

    b - assillante monitoraggio? Sono convinto (confermami tu con l'analisi degli IP, se la fate) che qua ci siano al massimo 20-25 NC che scrivano con una certa regolarità. Se i NC in Italia sono, diciamo, 200,000-250,000 (correggetemi se sbaglio) vuol dire che in media 1 su 10,000 si prende la briga di scrivere qua. Se mi sbaglio grossolanamente e gli anonimi sono 200-250, la media è di 1 su 1000.
    Questo suggerisce che più che un assillante (e organizzato) monitoraggio si tratti di sporadiche incursioni decise autonomamente.


    il termine "assillante" non si riferisce alla quantità, ma al dato rivelatosi evidente e ricorrente dei pronti, anzi più che tempestivi interventi a seguito di qualunque affermazione, specialmente se un po' 'scottante' nei confronti del cammino. Siamo arrivati all'assurdo di trovare risposte a post rimasti solo pochi secondi e immediatamente cancellati per un ripensamento del momento... Questo cos'è se non monitoraggio "costante" se non lo vuoi definire assillante? E credi che il termine sia inappropriato, se poi ci riferiamo ai 'disturbi' di ogni genere, che non puoi ignorare, che siamo stati costretti a subìre?

    c - una delle ragioni per queste incursioni è semplicemente che alcuni sono in ansia per la questione degli statuti e vanno su internet a caccia di notizie.

    e poi non 'reggono' il colpo di incontrare qualcuno/qualcosa che mette in discussione la realtà a cui hanno "consegnato" le loro vite...

    E non riescono a fare uso della ragione, per controbattere argomentando, e parlano "da copione". Poi quando si ribatte, subentrano atteggiamenti e comportamenti irrazionali. Questo sì che è un grosso interrogativo

    Questo forse suggerisce anche che almeno fino all'approvazione definitiva degli statuti (se ci sarà) questo blog avrà ancora un certo impatto e una certa utilità in termini di notizie. Dopo, mancherà probabilmente l'interesse dei nc e ovviamente -- come dici tu -- di fronte a un'approvazione definitiva della Chiesa la rilevanza di queste discussioni sarà ridimensionata.

    è molto probabile. Ma le notizie (sull'approvazione degli statuti e altro) non eravate voi o tutt'al più catechumenium o camineo a darcele?

    RispondiElimina
  96. Trasformare,innizia ad analizzare
    ciò che è valido nel CNC


    Ma e' il senso di quello richiesto ieri: posta le catechesi della Redditio e Traditio, domande degli scrutini. E' un inizio.

    RispondiElimina
  97. Non ho capito? cosa vuoi Uriel?

    RispondiElimina
  98. Anonimo ha detto...
    Non ho capito? cosa vuoi Uriel?

    09 aprile, 2008 12:04

    Passaggi: Traditio, Redditio;
    relative catechesi, Parole proclamate, struttura degli scrutini dei due passaggi.

    RispondiElimina
  99. Uriel,hai detto che hai frequentato
    il CNC? vai dal catechista o parrocco e chiedi.
    Perchè t'interessa?
    Non c'è assolutamente nulla di eclatante.
    Scrutinii?Ridicolo ciò che in questo blog si è detto.

    RispondiElimina
  100. 1 passaggio corrisponde ad un cammino che hai fatto,che senso ha divulgarli?

    RispondiElimina
  101. "Ma e' il senso di quello richiesto ieri: posta le catechesi della Redditio e Traditio, domande degli scrutini. E' un inizio."

    ??? Lascia almeno che prima la Curia abbia finito di analizzarle e abbia deciso cosa è buono e cosa no! Anche questa pazienza fa parte dello stare nella Chiesa.

    RispondiElimina
  102. ... o sei un altro di quelli che vuole sostituirsi alle congregazioni?

    RispondiElimina
  103. Voglio intervenire, per amore della verità, dato che questo blog si spaccia di ricercare la verità.
    In merito alla scadenza degli Statuti e la perplessità espressa da molti sul “ritardo” dell’approvazione, vi invito a visitare i siti ufficiali delle associazioni approvate dal Pontificio Consiglio per i Laici e vi rendete conto che non c’è da meravigliarsi per il ritardo dell’approvazione definitiva perché è successo a tantissime altre realtà, ne voglio citare alcune:

    Comunità Papa Giovanni XXIII
    Il 7 ottobre 1998 il Pontificio Consiglio per i Laici riconosce la "Comunità Papa Giovanni XXIII" come Associazione internazionale privata di fedeli. Approva inoltre "ad experimentum" per cinque anni gli Statuti e la Carta di Fondazione. Durante questo periodo vengono rivisti i documenti di fondazione per eventuali correzioni e modifiche. Al termine di questo lavoro nel giugno 2003 Don Oreste Benzi chiede l'approvazione definitiva. Finalmente con decreto datato 25 marzo 2004 solennità dell'Annunciazione del Signore, il Pontificio Consiglio per i laici conferma il riconoscimento definitivo all' Associazione "Comunità Papa Giovanni XXIII" come associazione privata internazionale di fedeli.

    Secondo alcuni Don Benzi e la sua comunità,tra l’8 ottobre 2003 e il 24 marzo 2004 era fuori della Chiesa?

    Comunità dell’Emmanuele
    In data 8 dicembre 1992 il Pontificio Consiglio per i Laici riconosce la "Comunità dell’Emmanuele" come Associazione privata internazionale di fedeli, di diritto pontificio, e ne approva gli Statuti "ad experimentum" per cinque anni. il Pontificio Consiglio per i laici in data 8 dicembre 1998, conferma il riconoscimento definitivo all' Associazione " Comunità dell’Emmanuele " come associazione privata internazionale di fedeli di diritto pontificio.

    Come vedete sono passati esattamente SEI anni per l’approvazione definitiva.

    Milizia dell’Immacolata, iniziativa del padre Massimiliano Kolbe
    In data 8 novembre 1975 il Pontificio Consiglio per i Laici ne approvava gli Statuti Generali; approvazione che veniva rinnovata ad experimentum usque ad accommodationem novo Codici juris canonici, in data 20 dicembre 1980.
    in data 16 dicembre 1997, conferma il riconoscimento definitivo all' Associazione "

    Qua addirittura ben 17.

    RispondiElimina
  104. Caro Anonimo,

    e' chiaro che la risposta che mi aspettavo non poteva essere diversa!

    Il problema e' proprio questo voler proteggere qualcosa che dovrebbe essere reso pubblico, perche' dovrebbe appartenere al patrimonio della Chiesa. Ma cosi non e'.

    Come si fa ad apprezzare cio' di positivo potrebbe essereci nel Cn, se poi e' lo stesso a non volere il dialogo su elementi concreti e non di facciata.

    La stessa domanda fu fatta al Sig. Voltaggio, riguardo il primo, secondo passaggio e Shemal. Nessuna risposta.

    La stessa lettera di Arinze e' stata di fatto maltrattata ed interpretata ad uso cammino.

    Nessuno tocchi il CN.

    Ma tanto e'.

    RispondiElimina
  105. Anonimo ha detto...
    Uriel,credimi,non c'è nulla di segreto.


    Da parte tua sarebbe un'atto di onestà nel pubblicarle.

    RispondiElimina
  106. Siculo, queste sì che sono informazioni concrete! Grazie.

    Posso solo aggiungere che effettivamente il ritardo nelle approvazioni non significa -- come ogni tanto qualcuno qua sostiene -- che gli statuti approvati ad esperimento siano diventati carta straccia e che i NC si debbano considerare non approvati... in effetti sarebbe così se Kiko non avesse presentato domanda per l'approvazione definitiva (nel qual caso sarebbe stato invitato pressantemente a farlo dalla Curia stessa). Siccome l'ha fatto, tutto è semplicemente sospeso fino alla risposta definitiva.

    RispondiElimina
  107. Posso solo aggiungere che effettivamente il ritardo nelle approvazioni non significa -- come ogni tanto qualcuno qua sostiene -- che gli statuti approvati ad esperimento siano diventati carta straccia e che i NC si debbano considerare non approvati...

    nessuno ha sostenuto questo; ma almeno che si riconosca che, se ancora sono sub iudice dopo tanto tempo, significa che ci sono problemi come ha esplicitamente detto il Papa... di fatto NON sono ancora approvati.
    Il problema, serio e sconcertante, è che possono continuare ad agire come se lo fossero e più il tempo passa e più la situazione si incancrenisce, con grave pregiudizio per la Fede e per la chiesa e per i credenti

    RispondiElimina
  108. Uriel: "Il problema e' proprio questo voler proteggere qualcosa che dovrebbe essere reso pubblico, perche' dovrebbe appartenere al patrimonio della Chiesa. Ma cosi non e'."

    Gli orientamenti apparteranno al patrimonio della Chiesa quando la Chiesa li approverà definitivamente e ufficialmente, e nella forma che la Chiesa vorrà. Prima di allora, pubblicarli è utile solo per farci su polemiche -- come è successo fino a oggi.

    RispondiElimina
  109. piuttosto abbiamo sostenuto, prove alla mano, che anche i vecchi statuti erano CONSIDERATI carta straccia dai NC, dato che sono stati regolarmente disattesi

    RispondiElimina
  110. Gli orientamenti apparteranno al patrimonio della Chiesa quando la Chiesa li approverà definitivamente e ufficialmente, e nella forma che la Chiesa vorrà. Prima di allora, pubblicarli è utile solo per farci su polemiche -- come è successo fino a oggi.

    Ma stai smentendo quanto detto all'annuncio di Pasqua?

    RispondiElimina
  111. Sapete benissimo che non sta a noi divulgare gli orientamenti delle catechesi e/o passaggi,la responsabilità della divulgazione ufficiale è della chiesa.

    RispondiElimina
  112. Pertanto,caro Uriel,se hai domande
    o dubbi,scrivi pure,ma devi avvertire Mic di non cancellare tutto ciò che gli è scomodo.
    Che senso ha cancellare?Non si offende nessuno divulgando bollettini ufficiali,a Mic non gli va giù che è stato smentito ancora una volta sull'Eucarestia/Adorazione

    RispondiElimina
  113. "Ma stai smentendo quanto detto all'annuncio di Pasqua?"

    Non smentisco né confermo niente, non sono portavoce del Cammino. Per approvazione definitiva e ufficiale intendo l'unica che giustamente interessa a voi, quella che dovrà essere pubblicata dal Vaticano.

    RispondiElimina
  114. Mic,dovresti essere felice di quanto accaduto,abbiamo una Capella
    in più per L'Adorazione.
    Perchè non ti sei espresso in merito?

    RispondiElimina
  115. "Mic,dovresti essere felice di quanto accaduto,abbiamo una Capella
    in più per L'Adorazione.
    Perchè non ti sei espresso in merito?"

    Credo che Mic e gli altri si siano già espressi diffusamente in merito, bollando l'iniziativa come propagandistica e insincera. Non credo che sia così, ma ovviamente ognuno la pensa come vuole.

    RispondiElimina
  116. Non si offende nessuno divulgando bollettini ufficiali,a Mic non gli va giù che è stato smentito ancora una volta sull'Eucarestia/Adorazione

    non è che "non mi va giù", mi fa semplicemente venire i brividi, spiritualmente parlando, che si possa strumentalizzare qualcosa di sacro come l'Adorazione e su questo blog non c'è spazio per questo... perché non può essere altro che strumentalizzazione, conoscendo BENE l'impianto teologico del Cammino

    Padronissimi di pensarla o di vederla come vi pare, ma andate a farlo altrove, magari su Abbà Padre così siete tutti nel coro e nessuno vi contraddice

    RispondiElimina
  117. Credo che Mic e gli altri si siano già espressi diffusamente in merito, bollando l'iniziativa come propagandistica e insincera

    simpatico questo dialogo tra Anonimi ;)
    almeno questo non è d'accordo ma ha capito!

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.