lunedì 20 febbraio 2012

L' «affaire Romeo» in Cina nasconde manovre di "nuova evangelizzazione" neocatecumenale?


Mi ero ripromessa di non parlare dell'affaire Romeo in Cina e mi ripugna anche parlare a suon di rumors; ma di fronte a certe esternazioni non riesco a tacere né quindi a passare sotto silenzio questa uscita odierna di Korazym, sito notoriamente vicino al cammino neocatecumenale.
« ...A una settimana dal Concistoro, viene diffuso questo report dei cinesi che parla di un complotto di morte contro il Papa. L’interesse a rendere visibile e drammatizzare lo scontro interno alla Curia è evidente. Per la Cina, potrebbe rappresentare – dice un osservatore – un modo per protestare contro la nomina di Tong. In questa sua forma di resistenza, Pechino ha trovato alleati insospettabili: Darìo Castrillon Hoyos, già presidente della Pontificia Commissione Ecclesia Dei privato di ogni incarico dopo che era scoppiato l’affaire Williamson (il vescovo lefebvriano che si era reso protagonista di diverse dichiarazioni anti-semite), ansioso di mostrare come sia la Curia stessa ad essere una “babilonia”; gli stessi membri della Società San Pio X, che non vogliono accettare il preambolo dottrinale per riconciliarsi con la Chiesa cattolica (preambolo in cui è fatto chiaro che il Concilio Vaticano II non si tocca) e che hanno tutto l’interesse a giustificare la loro posizione; e parti di Curia ereditate dalla precedente gestione, o ancora con qualche influenza, che magari già pensano a piazzare dei loro uomini in vista del prossimo conclave. »
Che caspita di arbitrarie e vergognose illazioni sono mai queste? Si dimenticano che al momento del "caso Williamson", in Segreteria di Sato, il n.2 era il neocat Filoni, oggi neocardinale? Ed essendo anche noto l'interesse per la Cina di Kiko Arguello, che sono anni che lancia lo slogan "2000 presbiteri per la Cina"... Ne parlavamo già nel maggio 2010.

Sapendo quanto Romeo sponsorizzi il Cnc e viceversa, si fa presto a fare 2+2.

Cosa ancor più inaudita, Korazym lascia trasparire nella parte precedente dell'articolo che la visita di Romeo in Cina non sarebbe estranea alla recente nomina del cardinale cinese e quanto alla Cina stia a cuore la Sicilia, una delle regioni più neocatecumenizzate d'Italia.... Millantato credito di conio molto neocat da parte di Romeo sia dalla sponda cinese - da quel che risulta dall'appunto di cui si è molto parlato considerato autentico - che da quella siciliana enfatizzata da parte di Korazym, oggi. Cui prodest tutto questo?

50 commenti:

Anonimo ha detto...

ammetto di non averci capito un piffero. ma di che stai a parlà?
ma che dopo tutta sta neve improvvisamente c'è stato un attacco solare tipo Daitan3 per cui ti si è cotta la capa?

mic ha detto...

chiedilo a quelli di Korazym e al card Romeo se si sono "cotta la capa"!

by Tripudio ha detto...

Anche a me è giunta voce che Romeo, in visita "turistica" in Cina, starebbe preparando il terreno per i neocatecumenali.

D'altronde Pechino gradisce molto coloro che se ne infischiano del Papa...!

Anonimo ha detto...

ma che c'entra il CNC?

Korazym, da quando è stato riaperto, ha sospeso di fatto tutto il fervente amore informativo verso il CNC. Ciò che scrive Korazym, visto anche l'ultima posizione, non c'entra un fico secco con il CNC.

L'unico riferimento alle vicende cinesi, sta forse nella nomina a Cardinale del Vescovo di Honk Kong, che non è contraio al CNC. anzi, di ritorno da una visita ad limina dal Papa parlò con i suoi parrici chiedendo di aprire proprio al CNC e agli altri movimenti.

http://ncwaysingapore.sg/News/News-%20UCA-Bishop-asks-priest-inHK-to-acceptNCW.html

Continuo a ritenere questa associazione al tema con il CNC, non di Korazym, ma di questo tread, un evidente riflesso di un attacco solare. ENERGIA....

Anonimo ha detto...

Quindi adesso sarebbe Castrillon in combutta con i cattivissimi cinesi a voler creare il caos intorno al Vaticano?
Devo ridere?

Mi pare puzzino parecchio questi tentativi di rappresentarci card. Romeo come un giglio immacolato vittima degli intrighi dell'infingardo di turno.

Emma ha detto...

Beh, ci è stato detto che Romeo non ha visto prelati ma unicamente uomini d`affari, chi sa che il cardinale è MOLTO vicino al cammino nc, chi sa che il buon Arguello martella ai suoi poveri kikos che ci vogliono 2000 presbiteri per la Cina, chi sa che i vertici nc sanno quali fili tirare per raggiungere i loro fini, potrebbe anche pensare che il porporato,grande amico del cammino nc, stia preparando il terreno per l`invasione neocat.

Emma ha detto...

La conclusione dell`articolo di Korazym è della più alta comicità.
Ma come si possono scrivere così tante cavolate in poche righe!
Vogliono distogliere l`attenzione dal card. Romeo per spostarla sui cattivoni, Castrillon e FSSPX?
Pietoso e ridicolo.
Che poi il card. Romeo sia amaaaato in Sicilia non è un segreto, la Sicilia è terra neocatecumenale.

Anonimo ha detto...

Mi potete credere o meno, fate voi, ma la ricostruzione di Korazym e' molto vicina ai rumors vaticani, o meglio che girano tra diversi prelati.

Aggiungo che sul card. Castrillon a parte la vicenda Williamson, ci sarebbe un certo rammarico per alcune esternazioni dello stesso nei confronti del fratello di Emanuela Orlandi, piuttosto grevi, che in un momento in cui certa stampa picchia sui "silenzi" del Papa, si sarebbero potute evitare.

Il card. Re lo chiama non da ora "Pasticcion Hoyos".

Francesco ha detto...

In effetti tutto l'affaire è una melassa senza capo nè coda.
In tali contestin comunque il CNC ci sguazza benissimo e la regia di Mons. Filoni se era discutibile fino a ieri...figuriamoci da oggi.....!

mic ha detto...

Mi potete credere o meno, fate voi, ma la ricostruzione di Korazym e' molto vicina ai rumors vaticani, o meglio che girano tra diversi prelati.

ma quanto è informato lei ;)

montmirail ha detto...

Non so se l'affare Romeo sia funzionale alla "nuova evengelizzazione" a senso unico che ben conosciamo. Tuttavia mi pare, com'è stato già osservato, che il nuovo corso di Korazym sia almeno in apparenza più distaccato dal tifo espresso in passato. A prescindere da questo la conclusione ci può anche stare.
Non è un mistero che una parte della vecchia curia si sia sentita esautorata dall'avvicendamento di potere avvenuto nella Segreteria di Stato. Secondo alcuni rumors le missive riservate sarebbero trapelate proprio grazie ad alcuni simpatizzanti del vecchio corso. Dall'altra parte una quota del mondo tradizionalista sembra a volte compiacersi di certi incidenti, perchè in definitiva vede di buon occhio il fallimento delle trattative volte al riassorbimento della S.Pio X. Pertanto si hanno due filoni che pur "detestandosi" in pratica gradirebbero un ritorno all'assetto wojtyliano.

Anonimo ha detto...

nella democrazia italiana in cui viviamo vige il concetto per cui una persona è innocente fino a quando non viene dimostrato il contrario pienamente senza lasciare traccia anche solo di un ragionevole dubbio.

è stata una conquista, un tempo invece, per capirci quelli della roma papalina, il minimo sospetto era sufficiente per la condanna.

questo blog mi sembra degno della roma papalina.

in base a venti righe è stato fatto un processo:
- in contumacia (modalità scoraggiata dal sistema penale italiano)
- senza prove (il che lo rende nullo)
- sulle intenzioni (cosa ridicola inoltre cercare di entrare nella testa di qualcuno)
- senza equo processo (gli appartenenti a questo blog han fatto da giudice, giuria, accusa - escludendo la difesa)

mic ha detto...

quest'ultima accusa, che usa un termine come 'processo' e tante altre parole altisonanti riferite allo stesso contesto è una emerita cavolata.

Sono state fatte delle considerazioni basate su elementi noti, in replica ad illazioni gratuite, forzose e fantomatiche di una fonte notoriamente pro-cammino, dando la versione dei fatti in base ai dati in nostro possesso.

Anonimo ha detto...

per favore, nella mia Parrocchia la frequenza in chiesa è del 3%, quando va bene. E da altre parti è ancora peggio! Perché non la smettete di attaccarvi come cani rabbiosi e vi mettete a pregare anziché stare ore e ore al computer? Se il Cammino è opera di uomini, finirà presto, ma se viene da Dio, guai a voi....

Emma ha detto...

La migliore definizione della conclusione dell`articolo di Korazym, l`ho letta sul blog di Raffaella.

"Siamo al delirio".

Anonimo ha detto...

Mic ma che cosa hai bevuto? non capisco i nessi tra cammino neocatecumenale e quest'affare - sei malata mi spiace -e vedi kiko da tutte le parti. siamo alla follia più pura - ma di notte dormi o pensi alle cavolate da scrivere su questo blog?
se qualcuno poteva dare un minimo di credibilità alle cose che scrivete su questo blog penso che non potrò più farlo.

Lino ha detto...

@ Anonimo che ha detto...
per favore, nella mia Parrocchia la frequenza in chiesa è del 3%, quando va bene. E da altre parti è ancora peggio!
Effettivamente la frequenza nella tua parrocchia è scarsissima, andrebbe aumentata. Magari si potrebbe farlo, con il tuo contributo, portando i frequentatori delle salette in chiesa.

TheOne ha detto...

Anomino 21 febbraio, 2012 11:59

Salve,

Utilizzando l'abbreviazione delle sue affermazioni: "Non si può dimostrare che è stato CNC commettere i reati" ... in ogni instituzione giurisdizionale(legge, forza ... etc ...)
viene considera la risposta del criminale che ha appena commesso il delitto perfetto.

Grazie per la conferma.

mic ha detto...

Mic ma che cosa hai bevuto?

La solita neocatecumenata!

Nessuno che si chieda da dove e perché Korazym abbia tirato fuori quelle espressioni di piaggeria nei confronti di Romeo, dopo la grama figura che ha fatto nei confronti del Vaticano e del mondo intero, insieme alle fantomatiche accuse nei confronti di chi è in tutt'altre faccende affaccendato...

by Tripudio ha detto...

Quando qualcuno si presenta come una candida colomba pura e innocente che ci lancia violentemente addosso accuse enormi, potete star certi che è il solito attivista neocatecumenale accecato d'ira perché è stato svelato qualche "arcano". In genere, più la reazione è scomposta, e più significa che abbiamo indovinato.

Le manovrine di curia (dall'ultima delle sagrestie ai sacri palazzi) suonano sempre strane a noi poveri mortali, abituati a pensare che ci sia una gerarchia rispettata, una fede vissuta, un filo logico compensibile, riconoscibili in ciò che apprendiamo dai giornali. Non sempre è così, e per questo, per capirci un po' di più, è purtroppo necessario tener conto anche delle notizie "strane", purché provengano da fonti ragionevolmente attendibili.

Per esempio, vedo su Romeo una notizia su Adista, un'agenzia di stampa di vedute a dir poco "progressiste" (nonostante le quali in passato pubblicò molti articoli sgraditi al Cammino) che nel nostro caso ci conferma involontariamente un'informazione significativa: Romeo è soggetto a gruppi di pressione di ogni genere.

Ora il cardinale, che ha un gregge di oltre novecentomila anime, va alcuni giorni in Cina per imprecisati motivi. Perché? Scoppia poi il caso delle lettere trapelate dalla Segreteria di Stato. Un normale fedele come me si chiede: quanto c'è di vero? E ci ritorna in mente la "punizione" di qualche annetto fa, quando Romeo non ricevette subito la berretta cardinalizia, perché ostile al Motu Proprio sulla Messa tradizionale, e un po' troppo avventato nella faccenda della successione di Ruini...

Dunque, oltre ad essere bersaglio di pressioni di ogni genere, Romeo non sembra proprio una candida colomba innocente. Davvero vi sembra normalissimo il suo viaggetto "privato" in Cina, presso "imprenditori" cinesi? Cosa c'entra la sua berretta cardinalizia con un viaggio non ufficiale, "turistico", in Cina? Cosa c'entra la diocesi palermitana col viaggetto in Cina? È forse illecito restare stupiti di fronte a queste cose?

Che Romeo sia andato a preparare il terreno per Kiko, può essere e può non essere. Ma, senza nulla togliere alla possibile buona fede del cardinale, vi sembra davvero impossibile un'operazioncina del genere da parte di uno che mandò la DIGOS a togliere lo striscione Santità, grazie per il Motu Proprio Summorum Pontificum? Se è così, il cardinale si è prestato spontaneamente alla cosa, oppure è un favore a cui non ha potuto dire di no? Se non è così, allora Kiko ha perso un'altra occasione per mandare duemila suoi "presbìteri" in Cina?

Francesco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Francesco ha detto...

C...senza equo processo (gli appartenenti a questo blog han fatto da giudice, giuria, accusa - escludendo la difesa)"

Non ci ergiamo a giudici , ma solo a osservatori.
...e un'osservazione semp0licissima è più che sufficiente a dimostrare il tutto: perchè il Cammino Neocatecumenale dovunque vada porta divisione a oltranza? Di chi è l'arte della divisione?

Luisa ha detto...

Oggi, facendo una ricerca su tutt`altro tema, sono "caduta" su una testimonianza del 2009 di un francese che ha lasciato il cnc, ebbene ho letto le stesse "cose" che sono testimoniate qui, le aberrazioni catechetiche e liturgiche, il peso e potere dei catechisti(itineranti italiani), il carattere settario del gruppo in un primo momento scambiato per un clima conviviale e rassicurante di condivisione il momento in cui vengono i dubbi, le domande e la presa di coscienza che la sua libertà di pensiero e analisi era condannata.
Quella testimonianza era poi seguita da commenti di conferma da parte di chi aveva famigliari o amici nel cnc, non mancava la testimonianza del nc, con le parole fotocopia di quelle che troviamo qui, vi assicuro, stesse identiche parole.

È palese lo sconcerto di chi non capisce come quel movimento, con quelle prassi, con quei metodi, con il suo carattere settario, ha potuto essere approvato.

C`è poi chi sente il bisogno, e forse il dovere, di sottolineare che il Papa, il 20 gennaio, non ha approvato il modo neocat di celebrare l`Eucaristia.

Insomma, se in Italia e in Spagna chi osserva il cnc è più organizzato, ancha altrove l`arrivo di quelle comunità che invadono lo spazio con il loro progetto chiave in mano, non potrà che suscitare le reazioni di chi ancora oggi sottovaluta o ignora le corsie preferenziali, i privilegi, gli appoggi di cui gode quel movimento che porta la divisione spaccando la parrocchia là dove ancora c`è una comunità attiva, o fagocitando tutto là dove la parroccchia si è un pò assopita.

TheOne ha detto...

Luisa 21 febbraio, 2012 22:08

Sì ... ho incontrato lo esattamente lo stesso comportamento stereotipo da parte di CNC in tutta Europa, Usa, Asia, Americhe e la indentica testimonianza e la conferma da ex neocatecumeni e gli altri credenti innocenti collegati al CNC.

Per qualcuno che non è in grado di viaggiare, è sufficiente cercare in diverse lingue sul web per trovare simili testimonianze di disapprovazione di CNC.

by Tripudio ha detto...

Salve, TheOne, grazie per la conferma.

Utilizzando le tue stesse parole: "la risposta del criminale che ha appena commesso il delitto perfetto" devo dedurre che tu e probabilmente moltissimi altri neocatecumenali commettete il delitto perfetto. Complimenti.


Come al solito, i soliti attivisti neocatecumenali giocano con le parole in modo da ritorcerle contro chi evidenzia le magagne kikiane-carmeniane.

Devo ammettere che i partecipanti al forum Cattoliciromani argomentano in modo più elaborato.


Certamente è un ottimo spunto di riflessione il fatto che improvvisamente Korazym si mette a difendere il cardinale... sul quale, visti gli eventi recenti, si poteva benissimo stendere un velo pietoso.

Michela ha detto...

Anonimo ha detto...

per favore, nella mia Parrocchia la frequenza in chiesa è del 3%, quando va bene

questa non è informazione corretta,
perchè la frequenza cala tantissimo proprio nelle parrocchie dove c'è il cammino, e proprio a causa del cammino.

nebbia ha detto...

x Tripudio, guardi, stia un po' più attento....mi sembra che The One non sia affatto un NC...!
lo potrà capire leggendo tutti gli altri commenti, lei che è così ferrato nella logica, e di solito un bravo "segugio" da blog, mi meraviglio di certe sue sviste....
(certo che la nebbia si addensa, qui pare che a furia di dover dare continua bataglia dialettica in difesa della
Verità e smascherare i fautori delle menzogne eretiche, succede che confondiamo amici con avversari....che tempi di accecamento generale...)

Michela ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Michela ha detto...

Tripudio,
a me sembra che The One sia in linea con quello che pensi tu.
non è un neocatecumenale.

ti è arrivata la mia e-mail su neshama?

Anonimo ha detto...

A proposito di percentuali, nella mia parrocchia ci sono circa il 30% dei battezzati a messa, che è abbastanza sopra la media.

Noi non abbiamo mai visto il cammino ma abbiamo un gruppo di 4, 5 persone molto volenterose che si danno da fare per la parrocchia, attornate da altre persone che magari han meno tempo ma che danno un piccolo contributo. In sostanza di questo 30 % di persone che viene a messa c'è una buona parte intorno al 20/30% ha impegni nella parrocchia che vanno dalle pulizie alla chiesa, ai catechisti, coro chierichetti, raccolta abiti usati, ecc... Senza contare i muratori che se c'è bisogno di sistemar qualcosa in canonica lavorano a gratis. La nostra piccola parrocchia non ha nessun gruppo ne ac ne scaut ne tanto meno i nc ma funziona.

Perché altre parrocchie non funzionano? Perché mancano quelle 4,5 persone (di cui io non faccio parte) che dirette dal parroco si danno da fare per impostare tutto. Queste persone non hanno seguito nessun itinerario pluriventennale, hanno solo buona volontà e anno seguito nel tempo libero tutti i corsi possibili che forniva la diocesi .

Quindi se dobbiamo parlar di numeri e percentuali di presenze a messa a maggior ragione dovrei criticar il cammino che fagocita energie non per la crescita delle persone ma per l'autocontemplazione del cammino stesso (se pastore è un lupo mascherato che autorità può avere il suo insegnamento?).

Il cammino non aiuta la parrocchia la danneggia nel 99.999% dei casi. Se volete far crescere la parrocchia e volete crescere voi nella fede olio di gomito e darsi da fare invece che piangersi addosso.

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

posso farvi una domanda:
voi dite che l'affaire Romeo nasconde un nuova evangelizzazione del cammino:

perchè vi dispiace che la cina venga evangelizzata dal cammino?
(ovviamente quà la risposta è scontata).

avete eventualmente altre risorse?

se non avete altre risorse, cosa consigliate, lasciamo tutto com'è?

se non volete lasciare tutto com'è perchè non vi proponete come itineranti (lasciando la vostra comoda sacrestia) ed andate a vivere nei sobborghi di pechino vivendo della elemosina dei vostri fratelli ???

vi prego di darmi risposte concrete, considerando tutta la questione cinese, senza illazioni poggiate sul nulla e che presuppongono teorie offensive

montmirail ha detto...

Ancora una panoramica a tutto campo delle cordate cardinalizie. Si conferma come l'ala neocat sia legata a doppio filo al passato, pur avendo ricevuto tangibili benefici da questo pontificato.

mic ha detto...

perchè vi dispiace che la cina venga evangelizzata dal cammino?
(ovviamente quà la risposta è scontata).
avete eventualmente altre risorse?
se non avete altre risorse, cosa consigliate, lasciamo tutto com'è?


vedo che viene fatto un passo indietro dalle accuse e si comincia ad andare a marcia avanti in relazione alle ammissioni...

L'evangelizzazione Cnc in Cina è una iattura per il semplice motivo che opererebbe l'implantatio cammini e non l'implantatio ecclesiae con evnagelizzazione kikiana che è "altra" da quella cristiana cattolica (questo è ormai assodato, ma lo era anche per l'autore del messaggio)

Si arriva dunque a porci alternative.

Ebbene, la storia della Chiesa anche dei giorni nostri, è piena di missionari che spendono la loro vita per l'evangelizzazione anche in Cina. O no? Si doveva aspettare il cammino con tutto il suo apparato in pompa magna per questo?

Anonimo ha detto...

se non volete lasciare tutto com'è perchè non vi proponete come itineranti (lasciando la vostra comoda sacrestia) ed andate a vivere nei sobborghi di pechino vivendo della elemosina dei vostri fratelli ???

Se questa fosse la mia vocazione o il Signore mi farà intuire che quello è cio che Lui vuole da me, mi formerò a dovere e partirò ad evangelizzare in nome del Signore, non per la Chiesa ma per il Signore. Il cammino lo fa sotto pressioni, senza formazione adeguata e per il cammino. Sveglia, l'alternativa c'è il mio padre spirituale presto tornerà a partire per la Cina. Solo che chi fa vera evangelizzazione non lo fa sbraitando e mettendosi in mostra ma con sincera umiltà e con metodo. Senza sbraitare. Singolare come molti NC pensano esista solo il nc per l'evangelizzazione.

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

c'è un errore in quel che dite.Kiko non ha mai detto 2000 presbiteri per la Cina. Siete disinformati. Ha detto 20000 (ventimila), eh? cavolo ditele bene le cose! Ventimila in 7 anni. Si vede che non partecipate ai suoi incontri e tuto quello che scrivete è per sentito dire. Io per sentito dire non credo a nessuno. VIeni e Vedi.
Giuliano

mic ha detto...

20.000? Tombola!

Dacché avevo bevuto, adesso si è svegliato il neocat pride ;)

Emma ha detto...

Giuliano, 2000 è stato detto e ripetuto dal suo maestro Arguello, l`ultima volta a Cibelès.
C`era?

Anonimo ha detto...

C'ero è ha detto 20000, forse la traduzione dallo spagnolo è errata. Tant'e che Papa Ratzinger gli ha detto che è piu'facile che siano 7000 in venti anni che ventimila in sette anni, ma chiedo gli ha suggerito di credere nello Spirito Santo e che il Cammino farà miracoli vocazionali e salverà la Chiesa.
Giuliano

mic ha detto...

Insomma, avevo bevuto come vi piaceva per evitare le critiche o non ci avevo visto giusto?

Non è che ci voglia un grande acume: basta mettere in fila un po' di dati...

Però, povera Chiesa!
Se non sapessimo Chi è che la salva davvero...

mic ha detto...

C'ero è ha detto 20000, forse la traduzione dallo spagnolo è errata

forse lo stesso traduttore si è dato una regolata... avrà pensato che o si sbagliava o era un vaneggiamento!

Anonimo ha detto...

Oggi è il Mercoledì delle Ceneri che segna l'inizio del tempo Quaresimale. Mi piacerebbe sapere come i CRISTIANI VERi, quelli non legati ad Arguello o ad altre "eresie" , si stanno preparando.Possiamo aprire un forum di discussione? vi va? se scoccio o do fastidio ditemelo e non importa va bene uguale.Grazie
Giuliano

Emma ha detto...

"Tant'e che Papa Ratzinger gli ha detto che è piu'facile che siano 7000 in venti anni che ventimila in sette anni, ma chiedo gli ha suggerito di credere nello Spirito Santo e che il Cammino farà miracoli vocazionali e salverà la Chiesa."

!?!

Ah sì?
E dove e quando il Papa avrebbe detto quelle parole?
Ma quando la pianterete di strumentalizzare il Papa e di mentire attribuendogli frasi che non ha mai pronunciato, amplificandone alcune e ignorandone completamente altre?

Che l`Arguello abbia detto 2000 o 20000 non ha grande importanza, ma so, per averlo ascoltato in Portogallo e in Spagna sempre durante le alzate, che ha gridato che hanno bisogno di 2000 presbiteri per la Cina.

Se fossi nei gestori sarei più attento ai commenti di "Giuliano" che vi sta prendendo in giro.

Anonimo ha detto...

Piccola premessa. Mi fa sempre ridere quando si parla di queste promesse di numeri. Come se avessimo potere sulla Provvidenza e su come lo Spirito agisce sulle vocazioni. Ne deduciamo che ci sarà una forzatura per aver numeri da sbandierare a discapito della vera vocazione.

Dove sono i veri cristiani? Nella mia parrocchia è da una settimana che ci si prepara alla messa di sta sera, Si libera la Chiesa dalle cose in eccesso, dall'altare si toglie i tappeti, abbiamo tolto i fiori e tutti i parameti che non devono star fuoi in quaresima, oggi il don è andato dal refeente parrocchiano per per delineare gli ultimi dettagli della messa di sta sera (assicurarsi che i cnti siano giusti e che le eventuali preghiere dei fedeli aggiuntive a quelle del foglietto non siano eccessive o fuori luogo, ecc) e sta sera ci sarà la messa tutti assieme. Non in stanze separate, ma uniti come una grande famiglia.

In una parrocchia vicina hanno avuto la bella idea di trovasi dopo messa in oratorio a bere una tazza di te assieme, in un altra han pensato sempre dopo messa di trovarsi per mangiare un pezzo di pane e bere un sorso di latte o acqua e raccogliere i soldi che si sarebbero spesi per la cena e darli in donazione ad un ente di fiducia a noi noto.

Dai Francescani da sta sera si inizia un ciclo di esercizi spirituali quaresimali con ore di preghiera ogni sera. In altre parrocchie c'è adorazione. Son tipo le cose che si fanno senza star chiusi in una ventina in una sala isolati dal resto del mondo. Altri organizzano incontri un giorno a settimana in casa dei parrocchiani per far un po di lezio divina esegesi. Il fermento c'è bisogna darsi da fare. Nella mia diocesi queste attività non sono nate da molto tempo ma sono nate per esigenze e richieste di fedeli, fatte con criterio e dovuta formazione, c'è voluto tempo ma si è costituito un gruppo di laici FORMATI in grado di aiutare i parroci. E tutto senza strimpellii egocentrici.

Anonimo Gv

Anonimo Gv

Anonimo ha detto...

Cara Emma, io non sto prendendo in giro nessuno, è chiaro che quel che scrivo l'ho sentito dire a Kiko, mica c'ero io nel colloquio con il Papa, non sono così importante da meritare un udienza privata.... se poi lui mente sono problemi suoi, ne risponderà a Dio, io riporto ciò che ho ascoltato....
Intanto non ho risposta sulla preparazione dei Cristiani alla Quaresima....confrontiamoci su qualcosa di serio che può far crescere tutti, lasciamo perdere baggianate e frasi fatte.
Giuliano

mic ha detto...

Intanto non ho risposta sulla preparazione dei Cristiani alla Quaresima..

Non abbiamo bisogno di sbandierare nulla, ma di preghiera e penitenza!

Buona Quaresima a tutti!

Anonimo ha detto...

Si arriva dunque a porci alternative.

Ebbene, la storia della Chiesa anche dei giorni nostri, è piena di missionari che spendono la loro vita per l'evangelizzazione anche in Cina. O no? Si doveva aspettare il cammino con tutto il suo apparato in pompa magna per questo?

- come sempre non rispondi in modo diretto e chiaro, quale soluzione hai tu perchè il kerigma venga annunziato in cina?
se ho capito bene, per te, le famiglie del cammino sono una iattura, (che tristezza leggere queste cose) perchè lasciano tutto quello che hanno, e vanno a vivere in pompa magna (che tristezza...) di elemosina nelle periferie delle città, sbraitando, e senza nessuna preparazione, (che tristezza...) se non quella di annunciare kikos e donna carmen, (oltre alla tristezza, il cambiare il nome ad una persona è quanto di più dispreggiativo ci possa essere, buona quaresima a tutti)

ma questa è la risposta che avevo già detto scontata da parte tua.

allora quale soluzione? visto che al momento siamo alle chiacchere. i missionari, benissimo cosa buona, ma hai idea di quante milioni di persone stamo parlando?

Anonimo ha detto...

Per augurarvi buona quaresima vi propongo una lettura riguardo il digiuno e l'astinenza.

http://www.celebrare.it/documenti/digiuno_astinenza.htm

Anonimo Gv

by Tripudio ha detto...

Rispondo anzitutto all'anonimo delle 13:22:

anzitutto questo è un blog, non è una testata giornalistica, per cui le notizie le riprendiamo da altre fonti, le citiamo da diverse fonti, le indichiamo alla riflessione e alla discussione.

In parole povere, non siamo "noi" a dire cosa fa o non fa Romeo.

Romeo è andato lì per mero turismo? Beh, problemi suoi. Intanto facciamo notare che lui ha da curare un gregge di 930.000 battezzati, per cui in teoria non dovrebbe avere neppure un minuto libero per andare a fare il turista dall'altra parte del mondo.

Oppure, andando lì, aveva degli interessi da curare? E se sì, quali? Ci andava per il bene delle anime dei palermitani? Come mai un viaggio "non ufficiale"? Come te lo spieghi?

E se sono gli interessi dei neocatecumenali, allora la questione diventa scottante: perché proprio i neocatecumenali? Deve restituire qualche favore? Deve tenersi buono qualche leader del Cammino? Caro fratello, ti ricordo che stiamo parlando del cardinale di Palermo...

Ti sembra ingiusto farsi questo genere di domande? Ti sembrano "illazioni"? Le illazioni sono quelle di chi a tutti i costi tenta di giustificare il viaggio di Romeo: cosa c'è da nascondere? cosa c'è da difendere?

Tu parli di "risorse", come se la Chiesa fosse un'azienda dove chi può vantare più "numeri" (come quel Kiko dalla barbetta luciferina) deve guadagnare più prestigio e potere? Ma ti rendi conto di cosa sottintendono i tuoi slogan?

Sei tu che devi interrogarti, sei tu che dovresti darci risposte. Altrimenti la tua è pura maldicenza.

Anonimo ha detto...

Si doveva aspettare il cammino con tutto il suo apparato in pompa magna per questo?

Magari ci fosse veramente!

by Tripudio ha detto...

No, non c'è bisogno di fare le cose in pompa magna (anche se a Kiko piacerebbe).

Piuttosto, vedo che hai scansato di nuovo la questione: come mai il vescovo di Palermo va in Cina per conto di Kiko?


Vorrei poi sfatare il mito dell'andare in missione senza né soldi, né conoscere la lingua, ma l'argomento è lungo.

Per certo sappiamo che i cosiddetti "missionari" del Cammino hanno curato sempre e solo gli interessi del Cammino.

Lo affermano gli stessi vescovi che se li sono ritrovati in diocesi (in Nepal, in Giappone, eccetera).

Quanto alla battuta ironica di papa Benedetto XVI sui "settemila in vent'anni", sarei curioso di sapere dov'è documentata, poiché - per chi ha seguito questo Papa da decenni ad oggi - sembra più probabile un'espressione generica e senza riferimenti espliciti al Cammino: "sarebbe più facile trovare 7.000 sacerdoti in 20 anni".