lunedì 20 febbraio 2012

P. Giovanni Garbolino contro l'arianesimo anti-eucaristico

Negli anni Novanta padre Giovanni Garbolino (1913-2000) celebrava tutte le mattine la santa Messa nella parrocchia romana di sant'Andrea delle Fratte. Di grande pietà eucaristica e mariana, aveva introdotto fin dai "formidabili" anni Settanta le adorazioni notturne nel primo sabato del mese, diffusesi poi in altre parrocchie romane. Rifiutava di concedere la "comunione in mano" e si asteneva dal "concelebrare".

Nel 1992 i neocatecumenali vennero espulsi dalla parrocchia di sant'Andrea, per i motivi che possiamo leggere qui sotto (e che dopo vent'anni suonano ancora perfettamente attuali), nel messaggio che padre Giovanni aveva inviato via fax ai cardinali Sodano, Ratzinger e Ruini... sempreché quel fax sia giunto davvero agli occhi dei destinatari.


Ai reverendissimi cardinali Sodano, Ratzinger, Ruini

Se non verrà quanto prima arrestato l'estendersi, nel mondo cattolico, del movimento neo-catecumenale si verificherà, in breve, uno dei peggiori scismi nella storia della Chiesa.

È impossibile non essere profondamente amareggiati, scoraggiati, scandalizzati, nel constatare come venga non soltanto tollerata ma persino favorita, da esponenti del servizio pastorale nell'ambito parrocchiale, diocesano, paradiocesano e superdiocesano, la diffusione, tramite il suddetto movimento, di interpretazioni dottrinali e di prassi sacramentali flagrantemente contrapposte alla più autorevole Tradizione cattolica e ai suoi dogmi fondamentali, alle dogmatiche definizioni papali.

L'immane pericolo dello sfasciarsi della unità dottrinale e rituale cattolica causato dal "kikianesimo" (vero arianesimo anti-eucaristico), è tanto più grave - e tanto maggiore, perciò, l'urgenza che venga efficacemente sventato - in quanto il suo attuarsi è enormemente favorito dalla evidentemente fraudolenta pretesa, da parte degli "epigoni" del movimento, di godere di una esplicita approvazione del Papa e del suo compiacimento per la loro vantata neo-(pseudo)evangelizzazione.

Roma, 2 maggio 1992

Deferentemente,
p. Garbolino Giovanni
Missionario della Consolata
Direttore dell'associazione V.I.V.O. Pro Ecclesia


Alcuni giorni dopo, il 13 maggio, padre Garbolino spiega al mons. Innocenti il contenuto di quel fax:

Roma, 13 maggio 1992

Ottimo, Rev.mo e caro monsignor Innocenti,

troverà, qui, copia del "fax" che ho pensato di inviare, prima, agli Em.mi Cardinali Ratzinger, Ruini e Sodano e, che ho dato, recentemente, al card. Saldarini ospite qui, nella nostra Casa Generalizia.

Al Card. Saldarini ho anche parlato di una mia molto significativa - e incresciosa - esperienza personale riguardante la "prassi eucaristica dei Neo-Catecumenali (quando, invitato, circa due anni or sono, a celebrare per un gruppo N.C. la Messa, mi sono visto portare, per la consacrazione, una specie di "pizza" e una grossa brocca di vino - che poi hanno consumato, senza badare "né a briciole né a gocce", profusamente finite a terra).

Sicuramente Lei avrà saputo della "Cena" che fu loro permesso di celebrare, su di un enorme tavolone, nella Basilica di San Giovanni in Laterano, suscitando non tanto le perplessità, ma un vero scandalo tra i semplici (...sprovveduti?) fedeli: scandalo causato, anche là, dalla vera e propria profanazione, e sacrilega manipolazione delle specie Eucaristiche.

Dai Rev.mi Cardinali nessun riscontro al "fax"; il card. Saldarini mi ha detto semplicemente «queste cose si sanno; le assicuro però che "essi" credono nell'Eucaristia»!!?

Si è giunti, allora, in virtù di Ecumenismo, ad un vero Eclettismo pan-cristiano? o ad un Catto-calvinismo? Oppure è così che bisogna, ora, interpretare la parabola evangelica del grano e della zizzania? Ma, allora, non dovrà, il Magistero cattolico, cancellare, ritrattare, rinnegare tutti i suoi dogmi dal 3° secolo in poi?!

Voglia ritenere, ottimo Monsignore, questo scritto, come la protesta di un vecchio missionario che... non sa più in quale "chiesa cattolica si trovi"...

P. Garbolino Giovanni
Missionario della Consolata
Direttore dell'associazione V.I.V.O. Pro Ecclesia

23 commenti:

Michela ha detto...

Io comincio ad avvertire una sorta di sofferenza e soprattutto di isolamento.
Avevo pensato che la chiesa non volesse spegnere lo stoppino fumigante, non volesse estirpare la zizzania insiema al grano buono,
ma qui si è andati molto oltre.
Si stanno aprendo porte e possibilità al cammino, che hanno lasciato stupiti i neocat stessi, che non si aspettavano tanto.

Nuove nomine di vescovi e cardinali indicano che il cammino piace oppure è utile a questa chiesa,
e finiranno per tappare la bocca ai tanti laici e sacerdoti che hanno conosciuto da vicino il cammino e hanno visto il male che produce nelle persone e nella chiesa.

Solo sacerdoti molto molto coraggiosi continueranno a dire la verità, con una gerarchia così apertamente pro-cammino.

E per quanto riguarda noi laici, che fiducia possiamo riporre in questa gerarchia, come posso continuare a 'fidarmi' a credere nel loro insegnamento, se hanno preso volutamente o meno un abbaglio così grosso con il cammino?

by Tripudio ha detto...

Due brevissimi spunti di riflessione.

1) chi si lamenta dei neocat deve farlo documentando bene e nel modo più asettico e pacato possibile... altrimenti qualche segretario di curia, in buona fede, cestini le accuse anche più sincere.

Siamo purtroppo in tempi in cui si bada troppo alla forma e poco alla sostanza...

Il card. Saldarini, invece, informato personalmente da p. Giovanni, successivamente fu sfavorevole al Cammino.


2) p. Garbolino ha celebrato una sola volta per loro e poi mai più.

Vi ricorda qualcuno? Un Ratzinger o un Wojtyla "fotografati" con la pizza in mano?

Basta cadere una sola volta ingenuamente nel trabocchetto per venire successivamente spacciati per "favorevoli" alla liturgia kikiana-carmeniana...

Anonimo ha detto...

Solo che Benedetto XVI, li ha ripresi, ma li ha anche approvati!

Condivido lo sgomento di Michela.

Anonimo ha detto...

Allora siete fortemente duri di comprendonio?!!^????? Lino chiede ancora dove sono pubblicati i libri del Direttorio????!!!! Ce li avete gia! E'la dodicesima volta che lo dico. SONO GLI ORIENTAMENTI ALLE EQUIPES DEI CATECHISTI CORREDATI DI CITAZIONE DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA. NON E' CAMBIATO NIENTE!!!!!! Neanche una Parola, ce li ho tutti dal 1° volume al 13° sono quelli criticati da Zoffoli,Marighetti, Conti, eresie , inganni e tutto anocra. SONO QUELLI CHE SONO STATI APPROVATI! Pubblcatelo per favore, così mettiamo fine a questa storia del Direttorio introvabile. NON E'CAMBIATA NEANCHE UNA PAROLA, addirittura ci sono esempi con parole come PATAPUMFETE! Non hanno cambiato neanche quelle.
Giuliano

Luisa ha detto...

"E per quanto riguarda noi laici, che fiducia possiamo riporre in questa gerarchia, come posso continuare a 'fidarmi' a credere nel loro insegnamento, se hanno preso volutamente o meno un abbaglio così grosso con il cammino?"

E a queste parole di Michela, che faccio mie, unisco quelle di Padre Garbolino:

"Voglia ritenere, ottimo Monsignore, questo scritto, come la protesta di un vecchio missionario che... non sa più in quale "chiesa cattolica si trovi"...

Siamo nell`unica Chiesa fondata da e su Cristo, ma come possiamo sentirci bene in una Chiesa in cui chi dovrebbe guidarci, come un faro sicuro che illumina la nostra rotta anche nella notte, approva e loda chi ha rifiutato ciò che la Chiesa ci insegna e pratica da secoli, fedele all`insegnamento di Cristo?

Come possiamo sentirci bene in una Chiesa che assomiglia sempre più ad una federazione di comunità diversamente credenti, in una Chiesa più attenta e sensibile alla gloria che portano i numeri che ai valori fondamentali e fondanti che è chiamata a salvaguardare e trasmettere?

Come possiamo sentirci bene in una Chiesa, dove il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, ci da in esempio chi il Culto Divino lo ha calpestato, rifiutando quella della Chiesa cattolica?

Io,in questa Chiesa sto soffrendo, troppe sono le cose che la mia coscienza guidata dalla mia ragione, che sono state formate con i pilastri della Tradizione, del Magistero, della Liturgia, non capisce, ma questa è la mia Chiesa, ci sono e ci resto con tutti i miei perchè che già so resteranno senza risposta, cerco di mantenere lo sguardo, il cuore e la mente rivolti a Cristo, ma certo è che perdere la fiducia, o forse più precisamente sentirla vacillare, in chi ci guida è fonte di grande sofferenza e sconforto.

mic ha detto...

E' vero, Luisa, lo sconforto è grande. Ma il Signore continua a dirci:

"Non temere, continua ad aver Fede..."

gianluca cruccas ha detto...

Allora siete fortemente duri di comprendonio?!!^????? Lino chiede ancora dove sono pubblicati i libri del Direttorio????!!!! Ce li avete gia! E'la dodicesima volta che lo dico. SONO GLI ORIENTAMENTI ALLE EQUIPES DEI CATECHISTI CORREDATI DI CITAZIONE DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA. NON E' CAMBIATO NIENTE!!!!!! Neanche una Parola, ce li ho tutti dal 1° volume al 13° sono quelli criticati da Zoffoli,Marighetti, Conti, eresie , inganni e tutto anocra. SONO QUELLI CHE SONO STATI APPROVATI! Pubblcatelo per favore, così mettiamo fine a questa storia del Direttorio introvabile. NON E'CAMBIATA NEANCHE UNA PAROLA, addirittura ci sono esempi con parole come PATAPUMFETE! Non hanno cambiato neanche quelle.
Giuliano

Sono daccordo con Giuliano, che forse farebbe bene a rendere pubbliche tutti i volumi dato che non tutti sono pubblici...
Se vuoi sono disponibile a ricevere tali volumi che io renderò pubblici
Caro Giuliano se sei daccordo scrivimi alla mia Mail, gianluca.cruccas@gmail.com

Lino ha detto...

@ Giuliano
Bene, Giuliano. La persistenza della parola PATAPUMFETE mi allieta.
Allora, Giuliano, dobbiamo ritenere che ancora ci sia la catechesi del fango infangante? E anche dobbiamo considerare Giuda "il più intelligente" degli Apostoli? E che Giuda sia stato "necessario" per il mistero pasquale, perché senza Giuda Dio non avrebbe potuto perseguire il suo disegno?
Bene. A questo punto dovrò proprio acquistare copia di quella icona di Kiko nella quale Giuda è presente in una cena post-Resurrezione. E' il momento di riabilitarlo, il sommo Iscariota, l'unico che aveva capito tutto (essendo il più intelligente).

Luisa ha detto...

Ma Giuliano, se i gestori di questo blog hanno l`insigne privilegio di avere ALCUNI testi del direttorio catechetico, è TUTTO il direttorio catechetico che TUTTI i cattolici(e anche non cattolici) devono poter leggere come possono leggere TUTTI I TESTI FORMATIVI della Chiesa.

Dunque siamo sempre in attesa della PUBBLICAZIONE, fiduciosi che questa attesa non sarà ormai più lunga.

Anonimo ha detto...

Ebbene caro Lino, la catechesi del "fango infangante" come la chiami tu è assolutamnte presente nel Direttorio ed è stata approvata così come i riti del secondo scrutinio, della Traditio, della Redditio, di cui si è parlato nel Blog, del Rinnovamento delle romeese Battesimali ecc.ecc.Non è colpa mia , è la Santa Chiesa attolica che le ha approvata dicendo che non vi è nessuna eresia.....studiato parola per parola da 5 dicasteri di studiosi, esegeti, biblisti, scienziati, vuoi che io ne capisca piu' di loro? Sul sito di Don Elio Marighetto sono già tutti pubblici i volumi leggeteli la'. Tutti quelli che sono usciti dal cammino li hanno pubblicati gli orientamenti, se no su cosa si basa tutta la critica del Defunto Zoffoli (che goda della Gloria di Cristo)? Non sono io ne l'iniziatore del Cammino, ne il papa , ne il Presidente del Consiglio Pontificio per i Laici per pubblicare tuitto ciò (che tra l'altro è già pubblico, lo ripeto per la duecentesima volta.) Comunque visto che qualcuno di voi è di Roma, può recarsi al centro Neocatecumenale in via del Mascherino e ordinarli, ve li daranno. Ciao pace a tutti
Giuliano

Michela ha detto...

Comunque visto che qualcuno di voi è di Roma, può recarsi al centro Neocatecumenale in via del Mascherino e ordinarli, ve li daranno. Ciao pace a tutti
Giuliano


immagino che tu stia scherzando,
secondo te farebbero entrare un estraneo al centro neocat?
forse bisognerebbe rivolgersi alla fantomatica biblioteca vaticana dove i testi sarebbero depositati e vedere cosa rispondono.

Lino ha detto...

@ Giuliano che ha detto: "Ebbene caro Lino, la catechesi del "fango infangante" come la chiami tu è assolutamnte presente nel Direttorio ed è stata approvata...
Non è colpa mia , è la Santa Chiesa attolica che le ha approvata dicendo che non vi è nessuna eresia..."

Vedi, caro Giuliano, questa "approvazione" non mi vincola, non vincola nessuno, non m'impedisce di definire "infangante" la spiegazione di Kiko dell'argilla bagnata con la saliva di Cristo.
Devi sapere che verso la fine del VI secolo addirittura un Papa, Gregorio Magno, in una omelia, disse di credere che la peccatrice di Lc 7:36-50 e Maria di Magdala siano state la stessa persona. Numerosi Vescovi ed esegeti - tra gli ultimi Lutero addirittura - considerarono coincidenti la peccatrice di Luca, Maria di Betania e Maria di Magdala.
Ora l'omelia di quel grande Papa e di quegli esegeti, alla luce di esegesi moderne e più fondate, sono considerate non credibili.
E tu vuoi che noi dobbiamo sentirci vincolati alla catechesi di un pittore che considera sporca l'argilla rinnovata dal bagno nella saliva/alito di Cristo? Che dobbiamo credere allo stesso pittore che dice che PATAPUMFETE (la catastrofe dei matrimoni che Dio sfascia perché a Lui non graditi) è un'opera divina?
Ma per favore, Giuliano. Lasciami dire - utilizzando un altro finissimo vocabolo kikiano - che queste catechesi sono una "porcheria".

Anonimo ha detto...

Non so perchè mi avete censurato.Per favore pubblicate.Il Direttorio Catechetico approvato dalla Santa Sede nel 2003 è identico a quello analizzato da P.Enrico Zoffoli.Non sono state riscontrate eresie.
Pertanto Padre Zoffoli si sbagliava.

Non credo sia vero che i volumi si possono trovare nei centri Neocatecumenali ma forse al Pontificio Consiglio per i laici.

Non censurate per favore!Grazie

a.rita ha detto...

Scusa Giuliano...

Quale sarebbe il sito di Don Elio Marighetto? Vorresti mettere il link per favore? Così andiamo a vedere questi 13 volumi già pubblicati, perchè a me risulta che in Rete ci siano solo le catechesi fino al Secondo Passaggio. Dove sono le catechesi che vanno dall'Iniziazione alla Preghiera fino al passaggio finale in Israele?
Se tu sei in possesso dei 13 volumi, ed hai scrupoli a metterli in Rete, perchè non sei nè Kiko, né il Papa, nè Rylko, mandali a me, che non mi faccio scrupoli di certo, così in Internet ce li metto io. Puoi scrivere alla mia mail:
annarita.2009@gmail.com

Ti prego di rispondere in ogni caso, e prego i moderatori di passare la sua risposta. Grazie

by Tripudio ha detto...

Caro fratello anonimo delle 16:15,

anzitutto qui, nei documenti presentati, si tratta di padre Garbolino, non di padre Zoffoli.

Ma probabilmente non te ne sei accorto perché eri accecato dall'ira.

Le tue fantasiose ipotesi sono state smentite tredici anni fa da Kiko in persona: Kiko stesso ammise la presenza di espressioni sbagliate ed eretiche.

Infatti, nella Convivenza per sacerdoti del Cammino, tenutasi il 24/26 maggio 1999, a Porto San Giorgio, Kiko ha comunicato che la prima bozza dello statuto era stata “bocciata” e che le catechesi presentate alla Congregazione per la Dottrina della Fede erano state esaminate ed avevano ricevuto osservazioni per le quali avevano “corretto le espressioni considerate imprecise o non proprio ortodosse ed introdotto in nota i testi del C.C.C.”


Dobbiamo sottolineare, per onestà, che il problema riguarda più voi che noi.

Infatti, come si fa a verificare che un cosiddetto "catechista" sta trasmettendo la versione "approvata" piuttosto che gli strafalcioni originali che hanno recitato per quarant'anni?

È per il vostro bene che quel direttorio deve essere pubblicato.

a.rita ha detto...

Anonimo non dire scemenze:
nel 2003 non fu approvato nessun direttorio catechetico,ma Ratzinger consegnò a Kiko un volume IN SOSTITUZIONE di tutte le catechesi, perchè evidentemente erano talmente piene di eresie che erano incorreggibili, e quindi l'unica soluzione era sostituirle del tutto. Infatti Kiko, DA BUON ERETICO IMPENITENTE, si rifiutò di accettare il volume.

Pertanto Zoffoli aveva visto giusto e non aveva sbagliato nulla. Che poi le catechesi da allora non siano state affatto corrette, ma solo corredate (da Kiko stesso) di qualche nota del CCC a fine pagina, ormai è assodato. Quelle attualmente approvate sono sempre quelle originali, al massimo "tradotte" dall'itagnolo all'italiano, e con le note in calce.

alino77 ha detto...

Che confusione, fatta da Giuliano e pure da Annarita....

Se Giuliano parla di sostanziale uguaglianza fra gli orientamenti del 2003 e il Direttorio del 2011, dice la verità. Sono invece ancora presenti affermazioni quanto mai dubbie e di non semplice interpretazione? di queste frasi il primo volume del direttorio ne è quanto mai "partecipato".

Nel 2003 quell'approvazione ci fu, Rita, lo dice il documento di accompagnamento all'approvazione del Direttorio stesso, che parla di revisione della Congregazione della dottrina della Fede, svoltasi dal 1997 al 2003. Il risultato di questa analisi sono le catechesi con i riferimenti al CCC. Quali siano le ulteriori correzioni, che magari riguardano mamotreti che Giuliano forse ancora non ha (i miei catrechisti hanno finito il CNC e hanno ricevuto da poco quelli dell'iniziazione alla preghiera), non c'è dato modo di sapere.

Il famoso mattone, redatto anche da Emiliano Jimenez, se volete lo potete acquistare, viene venduto a fascicoli o librettini. Si usa come preparazione per i passaggi, e non ha alcun modo di essere usato coem catechesi, dato che è più una sintesi teologica, che una catechesi.

Padre Zoffoli aveva osservato quelli pre-approvazione, che avevano come detto da Kiko imprecisioni e affermazioni non proprio ortodosse, vuoi soprattutto perchè lasciavano aperte più interpretazioni, come affermato da Padre Groppo, il primo ad aver valutato il Direttorio, su incarico della CdF.

Più interpretazioni ad oggi rimosse con chiarezza, "spero".

Si può fare il confronto fra quelle anni 70 e quelle anni '90-2003?

Strano che non sia stato ancora fatto, visto che ne avreste la possibilità. Per me questo è un mistero che mi mette davvero il dubbio sul fatto che queste modifiche ci siano state, ma che non sia opportuno renderle visibili, pena il decadere della interpretazione zoffoliana, possibile ma errata, perchè mai riconosciuta dagli iniziatori.

Al

a.rita ha detto...

"Dobbiamo sottolineare, per onestà, che il problema riguarda più voi che noi."

Non sono d'accordo Tripudio!
Il problema riguarda tutti. Perchè la Chiesa è una sola. Non possiamo fregarcene di tutti quelli interni al Cammino che continuano sistematicamente ad essere ingannati con migliaia di eresie giudaico-protestanti, ed ora anche con l'approvazione della Chiesa, perciò doppio inganno.

(Eh sì, perchè fu proprio Kiko a dire che le note del CCC in calce alle pagine le aveva messe la commissione interna del Cammino (Emiliano e Company), su segnalazione della Dottrina della Fede. Pensa un pò, un eretico che "si corregge" da solo...cosa di ortodosso ne può venir fuori?...)

Non è affatto un problema interno al Cammino, ma di tutta la Chiesa, ancor di più oggi che vengono chiamati in tutte le diocesi e nelle parrocchie a gestire la cosiddetta "iniziazione cristiana". Tutti quegli errori, oltre che mangiarseli loro, li stanno proprinando a tutto il popolo di Dio, con la benedizione di questa indescrivibile Gerarchia, ormai totalmente connivente.

Emma ha detto...

Sono d`accordo con te a.rita.
Abbiamo le parole di Arguello quando racconta come,nel 2003, ha rifiutato il MATTONE nell`ufficio dell`allora card. Ratzinger.
Quando poi scrivi:

Pertanto Zoffoli aveva visto giusto e non aveva sbagliato nulla. Che poi le catechesi da allora non siano state affatto corrette, ma solo corredate (da Kiko stesso) di qualche nota del CCC a fine pagina, ormai è assodato. Quelle attualmente approvate sono sempre quelle originali, al massimo "tradotte" dall'itagnolo all'italiano, e con le note in calce.

Mi viene solo da dire che è un grande scandalo e che è probabilmente per quello che in Vaticano non hanno fretta di ordinare la pubblicazione.

mic ha detto...

Strano che non sia stato ancora fatto, visto che ne avreste la possibilità. Per me questo è un mistero che mi mette davvero il dubbio sul fatto che queste modifiche ci siano state, ma che non sia opportuno renderle visibili, pena il decadere della interpretazione zoffoliana, possibile ma errata, perchè mai riconosciuta dagli iniziatori.

Al, se non è stato ancora fatto è semplicemente perché non esiste solo il cammino e ho una vita da vivere piena di altri impegni e di altre cose. E, come me, tutti gli altri.

Inoltre ci rendiamo conto che, anche se rendessimo pubblico quello che abbiamo - che non è tutto - alla Curia non gliene po' fregà de meno delle eresie versus la Verità.

Abbiamo già fatto il nostro dovere di osservatori e informatori parlandone, attraverso due catechesi (una di kiko l'altra di carmen) molto significative per la loro 'estraneità' agli insegnamenti cattolici mostrando le foto originali e mettendo in evidenza le pecche le carenze le difformità e i paurosi giudaismi.

Che altro volete? Se non vi basta, non dipende certo da noi ma dalla vostra cecità mista a dabbenaggine!

mic ha detto...

Quelle attualmente approvate sono sempre quelle originali, al massimo "tradotte" dall'itagnolo all'italiano, e con le note in calce.

confermo, Anna Rita e condivido toto corde!

a.rita ha detto...

MI DISPIACE, ALESSIO,
ma la confusione la stai facendo solo tu.

Innanzitutto parlare di "revisione" non significa affatto, in italiano, intendere "approvazione". La revisione è un controllo, un'analisi, che non implica di per sè l'approvazione di quello che si è analizzato.

Ti consiglio di andarti a rileggere l'annuncio di quaresima che fece Kiko a Madrid nel 2006, e ti accorgerai che lì Kiko dice:

PRIMO: che le aggiunte delle note del CCC in calce alle pagine dei mamotreti le ha messe una commissione interna del Cammino, su segnalazione della CdF. Quindi praticamente Kiko si sarebbe corretto le sue catechesi da solo, ed infatti quelle note sono semplicemente ridicole, perchè in 3100 pagine sono state messe solo 2000 note: diciamo in media una sola noticina a pagina, per due terzi dei volumi, ed il resto sarebbe TUTTO perfetto.....

MA PER FAVORE! Quei mamotreti pullulano di eresie in ogni singola riga, altro che 2000 noticine del CCC!! Fate la cortesia di non mistificare, come al solito.

SECONDO: Il famoso "mattone" teologico consegnato a Kiko da Ratzinger, non fu fatto per niente da Emiliano: Emiliano ed altri del Cammino fecero alla commissione della CdF un sunto delle cose fondamentali predicate dal Cammino, ma il volume fu redatto dalla Chiesa, non da Emiliano! Non mentire! Infatti Kiko dice che Emiliano non riescì neppure a leggerlo, perchè non ci capiva nulla.

TERZO: quello che adesso fate girare in fascicoli e libretti, in preparazione ai passaggi, chissà cos'è... magari l'avrà anche scritto 'sto Emiliano, ma non è certo quel volume, perchè QUEL VOLUME - DISSE KIKO - "E' GIA' SPARITO!" Se è sparito per volontà di Kiko, come caspita farebbe a girare nelle comunità per prepararsi ai passaggi? Ma la finite di dire bugie?? Se Kiko lo rifiutò dalle mani di Ratzinger, dicendo "che lui non riconosceva il Cammino in quel testo", perchè caspita adesso lo dovrebbe far usare? Ma non vedete che quello che vi inventate non sta in piedi?

a.rita ha detto...

"Per me questo è un mistero che mi mette davvero il dubbio sul fatto che queste modifiche ci siano state, ma che non sia opportuno renderle visibili, pena il decadere della interpretazione zoffoliana, possibile ma errata, perchè mai riconosciuta dagli iniziatori."

Ma per favore Alessio!... Ma le pensi la notte queste teorie?..
Se non si fa il raffronto fra le prime e le seconde, è perchè non perdiamo il tempo con le mistificazioni, con le finte correzioni operate da Kiko stesso, messe lì come specchietto per le allodole, per far credere che le catechesi siano state corrette....

Altro che coprire presunti errori di Zoffoli!! Zoffoli ha visto giusto, e se Kiko e Carmen non hanno riconosciuto le sue affermazioni, è perchè LORO negano sempre, negano pure l'evidenza, come tutti voi del resto.

A questo punto spero quasi che tutti voi siate in malafede, riconoscendo tutte e eresie kikiane e fingendo che siano cattoliche, perchè se siete in buona fede e ancora non avete capito dove starebbero tutte le eresie di Kiko, allora dovrei pensare di avere a che fare con dei deficenti totali. Spero per vooi neocat che non sia così...