giovedì 24 novembre 2016

Anche se ti sforzi di ignorarli, i mamotreti hanno un ruolo fortissimo nella tua vita

Il santino di san Kiko
Pino, voglio parlarti a cuore aperto e essere molto sincera con te, spero lo apprezzerai. Leggo i tuoi interventi e un po’ ti capisco e proprio per questo mi arrabbio: rivedo in molti dei tuoi i miei ragionamenti fino a qualche tempo fa, quando mi aggrappavo disperatamente a quel che di buono avevo visto e ricevuto in cammino (o perlomeno creduto tale) cercando di ignorare e allontanare tutti gli altri campanelli di allarme. Ed era una fatica tremenda, sottile, logorante e quotidiana di cui mi rendo pienamente conto solo ora che me ne sto liberando.

Il tuo incipit è molto esplicativo: “Per mia esperienza”… che tu ne sia consapevole o no questo è un trucchetto inculcato nel cammino, l’invito perenne a ridurre tutto alla propria esperienza, a farsi andar bene l’equilibrio che ci si è creati e alienarsi da tutto il resto. Io ti credo quando dici che hai avuto esperienze positive di sacerdoti in cammino, so che possono crearsi equilibri virtuosi (ma anche alla luce del percorso che sto facendo ora aggiungo: o che paiono tali), però non puoi in virtù di questo bendarti gli occhi, chiudere le orecchie e spegnere il cervello su come funziona davvero il cammino. Lo sai anche tu che se accadesse qualche frizione tra catechisti e sacerdoti, sono i catechisti che prevalgono nel ruolo di guida dei fratelli, buon per te che nella tua parrocchia non è successo ma la storia di Don Fabio Rosini la conosci? Lo sai che Kiko disse ufficialmente che i fratelli in cammino non devono avere direttori spirituali perché la guida spirituale è il cammino stesso? Li conosci i seminaristi o sacerdoti Redemptoris Mater? Quanti di loro effettivamente si percepiscono a servizio del Vescovo e non del cammino? Per quanti di loro la volontà dei catechisti è molto più importante di quella dei Vescovi? Li hai mai visti con che spirito poi affrontano l’eventualità di non poter partire in missione perché la Diocesi ha bisogno di loro in altro modo? Magari ne conosci qualcuno che miracolosamente non è così ma le eccezioni non confermano la regola.

Dici con Jeff che la vita in cammino va oltre i mamotreti. Io posso capire cosa intendete. Sono figlia del cammino, camminante io stessa per 20 anni arrivata alla soglia dell’elezione e non ne ho mai visto uno, né ho mai cercato l’occasione di averlo tra le mani, non mi interessava. Così come non mi interessava approfondire le notizie che riguardavano il cammino a livelli alti, la vicenda degli statuti, le critiche autorevoli, ecc. Pensavo di essere una camminante anomala che riduceva tutto alla vera essenza del cammino senza impelagarsi coi giochi di potere. Ma la realtà è che nella mia formazione i mamotreti che non ho mai conosciuto direttamente, hanno avuto comunque un ruolo fortissimo, senza che io me ne rendessi nemmeno conto. E questo vale per tutti i camminanti. La catechesi della cognata ammalata nel secondo passaggio io neanche me la ricordavo, eppure posso dire con certezza che ha condizionato me e altri tantissimo nella mia vita nel cammino, tantissime se non tutte le cose che sembrano casualità o banalità in cammino (per i camminanti un po’ ingenui come ero io e come sono tutti quelli che pensano che Kiko sia marginale e che il cammino sia molto altro) in realtà non lo sono affatto!

Quindi tu puoi pensare che di Kiko, dei mamotreti, della faccenda degli statuti, delle mancate obbedienze, delle faccende poco chiare di Guam ecc non ti interessi granchè perché non ti riguardano direttamente e tu cerchi solo di fare un’esperienza di fede (in buona fede) ma in realtà queste cose, molto profondamente, ti stanno insozzando anima e coscienza.
(da: Donna Carson)

113 commenti:

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Donna Carson:

complimeti. Questa tua testimonianza chiarissima e profonda è illuminante.
Ha un valore enorme perché, pur partendo dalla tua esperienza, così come ovvio, ha valore generale e, anzi, se prendiamo a riferimento non solo il Cammino, ma il concetto stesso di "setta", ha valore universale.

Gesù ci insegna che l'unico modo per seguirlo senza cadere nel fariseismo è per attrazione, non per adulazione, o convenienza, o esaltazione, o coercizione.
Egli ha sempre scansato le adulazioni "perché mi chiami buono?" disse al giovane ricco. E fuggì da chi lo seguiva perché aveva moltiplicato i pani e da chi, in un impeto di esaltazione umana, voleva farlo re.

Gesù vuole il cuore e perciò chiede la libertà. Non forza nessuno né lava il cervello. Tanto che agli stessi Apostoli dice: "Volete andarvene anche voi?"

Il nascondere la verità, il coprire gli scandali, il creare in una comunità dinamiche psicologiche che puntano sulla coercizione anche solo psicologica, non hanno nulla a che fare con Gesù.

Lino ha detto...

I mamotreti non possono non avere una fortissima influenza sulla vita dei camminanti, li abbiano o no letti.
Questa influenza è evidente dallo Statuto: "Art. 2 [Attuazione del Cammino Neocatecumenale]
In conformità al desiderio del Papa Giovanni Paolo II: «Auspico che i Fratelli
il Cammino Neocatecumenale si attua nelle diocesi: [omissis] 2º. secondo «le linee proposte dagli iniziatori», contenute nel presente Statuto e negli Orientamenti alle Èquipes di Catechisti".


Lino ha detto...

P.S.
Naturalmente, l'influenza dei mamotreti include le concezioni dottrinarie e le prassi liturgiche dei camminanti e dei seminaristi NC. Se così non fosse, per i mamotreti non sarebbe stata necessaria l'approvazione di ben tre Congregazioni, come imposto dal decreto "ad experimentum":
"Il Cammino si attua secondo le linee contenute nel Direttorio catechetico Cammino Neocatecumenale. Orientamenti alle équipes di catechisti (cfr. Statuti, art. 2, 2°), soggetto all’approvazione congiunta della Congregazione per la Dottrina della Fede, della Congregazione per il Clero e della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti".

l'apostata ha detto...

@ Lino

Sui mamotreti.

Non dimentichiamo poi la differenza tra teoria e prassi. I mamotreti emendati sono segreti.

Perché?

Perché non si possano confrontare con quel che viene ripetuto alle kikatekesi, ovvero i testi di quelli vecchi, che esprimono l'autentico kikopensiero.

Se qualche camminante mi vuole smentire, si accomodi.

Ci racconti delle convivenze organizzate per correggere quanto impartito in precedenza dai kikatekisti, precisando gli argomenti.

Smentitemi numerosi, grazie.

Anonimo ha detto...

Scusate ma non vi sentite presi in giro quando alla presentazione del libro del santone venerdì al teatro olimpico interverrà oltre al ministro Del Rio ( neocatecumenale ) il prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede il Card. Müller ? Io sinceramente si. Roberto.

Anonimo ha detto...

Confermo Tutto.Sono in Cammino da 20 anni e non riesco ad uscirne,non ce la faccio,anche a causa di mia moglie che é completamente succube.Lorenzo

Anonimo ha detto...

@Apostata
Era stato detto di sostituire i vecchi con i nuovi e di leggere le citazioni al CCC e che non c'erano stati cambiamenti rilevanti ( cosa che non mi sembra affatto vero ), la sostanza era la stessa, di conseguenza non ti so dire in quanti lo hanno effettivamente fatto ( magari solo per risparmiare qualche euro ) .

Mav

Valentina Giusti ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valentina Giusti ha detto...

Sarà molto difficile la smentita, l'apostata!
Se però qui ci leggono dei fratelli che devono ancora partecipare alla Convivenza di Inizio Corso, si rammentino, quando il catechista, la prima sera, pappagallando Kiko dirà "(Carmen) ci ha fatto scoprire la Pasqua, ha fatto le prime catechesi sull'Eucaristia", che la Chiesa ha corretto queste catechesi falcidiandole e rendendole irriconoscibili...via il pane che si deve consumare, via il tabernacolo dei Sacramentini, via la condanna e la svalutazione della Messa privata, via l'Assemblea che celebra.
Eppure NON VE LO DICONO...non ammettono nessun errore...questi BUGIARDI MATRICOLATI!

by Tripudio ha detto...

Più che sentirmi preso in giro dalla presenza di Müller, provo dispiacere per il fatto che i tentacoli della setta di Kiko sono tali da convincere quel cardinale che "il male minore" è marcare presenza allo show dell'eresia.

Pax ha detto...

l'apostata ha detto..
Sui mamotreti.
Ci racconti delle convivenze organizzate per correggere quanto impartito in precedenza dai kikatekisti, precisando gli argomenti.

Hai ragione, confermo, mai organizzate convivenze per esplicitare le correzioni apportate alla predicazione iniziale contenuta nei mamotreti originali.
Piuttosto lo stile, di cui è maestro Giuseppe Gennarini (non a caso portavoce ufficiale del cammino!), è sempre stato quello di trasformare abilmente tutte le correzioni in approvazioni!!!!
Faccio un solo esempio generale: sapete perchè in nota ai mamotreti sono stati riportati articoli e articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica, per volontà delle varie Congregazioni che li hanno studiati (poveracci!)???
Semplice! Per sottolineare quella particolare catechesi degli iniziatori a quale disposizione del C.C.C. desse compimento!!!
Questo si diceva nelle convivenze, Kiko agli itineranti e gli itineranti nelle loro zone.
I fratelli sono stati tenuti sempre all'oscuro di tutto, mai si è riportato ufficialmente di aver avuto un richiamo o una tirata di orecchie, mai!
Solo elogi e approvazioni.
I "fratelli" sono trattati solo come un branco di dementi, anche io sollecito smentite a questa prassi.

Grazie Donna Carson,
brava nello smascherare il veleno sottile che si annida nella predicazione dei mamotreti, che inesorabilmente porta a riprodurre quello che si semina: menzogne, mistificazioni, furbizie,tranelli per una scalata di potere, di tutto questo la conseguenza più grave è l'uso e l'abuso delle persone che si affidano, ignare, a questo sistema.

Pax

Anonimo ha detto...

@Paz
" mai organizzate convivenze per esplicitare le correzioni apportate alla predicazione iniziale"

Verissimo, mentre, sai che palle, ne organizzarono ben due sugli statuti, compresi interventi di avocati per spiegarci cosa voleva dire a norma del diritto canonico l'approvazione: agire in nome e per conto della Chiesa.

Mav

l'apostata ha detto...

Roberto

"Scusate ma non vi sentite presi in giro quando alla presentazione del libro del santone venerdì al teatro olimpico interverrà oltre al ministro Del Rio ( neocatecumenale ) il prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede il Card. Müller ? Io sinceramente si."


Se l'ingresso fosse gratuito, proporrei di andare tutti al Teatro Olimpico a fare un bel casotto.

Te l'immagini?

Purtroppo nel cammino nulla è gratis, anzi.

Però sarebbe mica male...

Daniel Alexander Lifschitz ha detto...

Anonimo Anonimo ha detto...
Confermo Tutto.Sono in Cammino da 20 anni e non riesco ad uscirne,non ce la faccio,anche a causa di mia moglie che é completamente succube.Lorenzo

24 novembre 2016 12:02

Caro Lorenzo,
che significa questa lamentela? Non solo tua moglie è succube del CNC, ma anche tu sei succube...di tua moglie.
E'una scelta che -per quello che capisco - Gesù ti propone. Non è vero che non ce la fai.
Se vuoi parlare con uno che, come te, ha dovuto fare una scelta, scrivimi: danielalexanderlifschitz@gmail.com

Lino ha detto...

@ Roberto
Presi in giro? Ma no! I politici vanno da tutte le parti, purché ci sia un po' di folla; negli ultimi tempi, poi, questa è diventata pratica anche dei porporati. E' la cultura dell'immagine: basta seguire i telegiornali regionali, per rendersene conto.

Ruben ha detto...

@Anonimo ha detto...
"Scusate ma non vi sentite presi in giro quando alla presentazione del libro del santone venerdì al teatro olimpico interverrà oltre al ministro Del Rio ( neocatecumenale ) il prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede il Card. Müller ? Io sinceramente si. Roberto."
---
No Roberto,
posso meravigliarmi e molto, di cosa sta succedendo in proposito:
intanto Del Rio, nonostante i nove figli, ha sempre finora smentito di essere neocatecumenale;

per quanto riguarderà l' eventuale presenza di Muller, custode dell'Ortodossia Cattolica, con i tempi che corrono, potrebbe essere presente anche il Pontefice in persona:

con tutti gli errori, che la Curia Romana sta facendo, rimango fedele al Primato Pietrino, anche se temporaneamente cadesse nell'errore, quindi, eventuali scismi non mi riguarderanno,almeno, sino al ripristino della vera Fede.
---

Anonimo ha detto...

assolutamente Del Rio non è neocatecumenale.
Documentatevi prima di scrivere.

Andrea

Anonimo ha detto...

@apostata
Ma lo sai che ci avevo pensato. Sarebbe una fiatare ma sicuramente in men che non si dica ci ritroveremo addosso tutta la security neocatecumenale, vaticana e ministeriale. La giustizia non è di questo mondo. Comunque conosco gente che ci andrà chiederò se hanno pagato. Sicuramente ci sarà la fila per farsi autografare la fantastica copia del nuovo vangelo. Roberto.

Anonimo ha detto...

Si va a Roma?

Daniel Alexander Lifschitz ha detto...

Un amico mi ha parlato di un Video con la "catechesi" di Kiko durante l'ultima convivenza, autunno 2016.
Se qualcuno è in possesso di questo documento che è riservato ai soli NC di ferro, potrebbe mandarmene una copia?

Daniel Lifschitz Via Trevano, 59 6900 LUGANO (CH) .

by Tripudio ha detto...

Sono stati due giornalisti (R. Del Bosco ed E. Frezza) a scrivere su una testata on-line che Del Rio è neocatecumenale (l'articolo è citato in parte su questo stesso blog alla pagina: Family Day, golpe neocatecumenale).

AlexRM ha detto...

A chi dice che non si può uscire dal cammino perchè la moglie è succube, posso dire che dopo 24 anni io sono uscito tranquillamente senza nessun problema ne pressione particolare, e mia moglie ancora frequenta. Io resto a casa , e lei va.
Per quanto riguarda il resto, pur essendo uscito per ragioni personali ed ideologiche, e riconoscendo in quelli che molti scrivono alcuni dei tratti deformanti del cammino stesso, vedo che ci sono tantissime imprecisioni e cose mal riportate (al limite della calunnia) su quello che si dice intorno al cammino, che è stata una esperienza centrale della mia vita.
E' vero che per menti poco formate o semplici il cammino è la prima e unica esperienza formativa, sicchè finisce con l'essere totalizzante. E' infatti la prima seria occasione culturale della vita ed anche la prima occasione di forzarsi ad uscire di casa ed a fare qualcosa di speciale.
Per costoro i catechisti diventano una specie di esseri divini a cui tutto va riportato, e tutto deve essere fatto in base a quello che essi dicono. A quel punto se i catechisti stessi vengono dalla stessa semplicità culturale, questo mix può diventare davvero micidiale.
Se , come nel mio caso, i catechisti vengono comunque da una vita colta e piena, essi sanno restare e valutare le cose in modo diverso.
In ogni caso una cosa è certa : nel cammino la parola di Dio si approfondisce e si studia in modo sistematico e continuo, a tutti i livelli, e ci si pone seriamente davanti alla parola in ogni atto quotidiano, il che mette a nudo tante ipocrisie.
A chi dice che non si può uscire dal cammino perchè la moglie è succube, posso dire che dopo 24 anni io sono uscito tranquillamente senza nessun problema ne pressione particolare, e mia moglie ancora frequenta. Io resto a casa , e lei va.
Per quanto riguarda il resto, pur essendo uscito per ragioni personali ed ideologiche, e riconoscendo in quelli che molti scrivono alcuni dei tratti deformanti del cammino stesso, vedo che ci sono tantissime imprecisioni e cose mal riportate (al limite della calunnia) su quello che si dice intorno al cammino, che è stata una esperienza centrale della mia vita.
E' vero che per menti poco formate o semplici il cammino è la prima e unica esperienza formativa, sicchè finisce con l'essere totalizzante. E' infatti la prima seria occasione culturale della vita ed anche la prima occasione di forzarsi ad uscire di casa ed a fare qualcosa di speciale.
Per costoro i catechisti diventano una specie di esseri divini a cui tutto va riportato, e tutto deve essere fatto in base a quello che essi dicono. A quel punto se i catechisti stessi vengono dalla stessa semplicità culturale, questo mix può diventare davvero micidiale.
Se , come nel mio caso, i catechisti vengono comunque da una vita colta e piena, essi sanno restare e valutare le cose in modo diverso.
In ogni caso una cosa è certa : nel cammino la parola di Dio si approfondisce e si studia in modo sistematico e continuo, a tutti i livelli, e ci si pone seriamente davanti alla parola in ogni atto quotidiano, il che mette a nudo tante ipocrisie.

Anonimo ha detto...

Daniel quest'anno mi dicono amici e parenti in cammino, che è stata la più bella convivenza degli ultimi 10 anni, in pratica da quanto ho capito hanno cambiato canovaccio con questo video, a quanto mi dicono diverso dai soliti che proiettavano le gmg, concerti etc.

Credo che in futuro viste le fughe di notizie, cambieranno sistema di trasmissione dei riporti

Che poi in mezzo a 2-300.000 nc qua in italia, che non ce nesta uno che lo ha pubblicato,manco il kgb o la cia dei tempi d'oro!

Anonimo ha detto...

Vi immaginate kiko in udienza con il papa tradizionalista delle serie tv "the young pope" di paolo sorrentino penso che il cammino si scioglierebbe in 2 settimane diventando davvero una chiesa a parte scismatica.quello

Lino ha detto...

Anonimo AlexRM ha detto... "In ogni caso una cosa è certa : nel cammino la parola di Dio si approfondisce e si studia in modo sistematico e continuo, a tutti i livelli"

Ecco, anonimo AlexRM, di questa cosa qui anche io mi sono convinto quando ho ascoltato la catechista di cui al video in calce. Mi sono detto: "Questa catechista qui ha approfondito la "parola di Dio" a ogni livello, anche nei livelli ignoti ai comuni lettori:
cliccare al video qui: e il cieco inizia ad urlare.
Da sganasciarsi dalle risate! Di Zaccheo che porta i suoi restanti beni in seminario ne parliamo un'altra volta, AlexRM :-)

Lino ha detto...

Hai ascoltato bene, AlexRM? "E' lì [nella piscina] la maledizione [del fango] si trasforma in una benedizione".
Ma 'sta "parola" qui del cieco che si irrita, urla, si arrabbia, dove l'ha approfondita la ragazza che catechizza nel video, AlexRM? Ha approfondito il mamotreto, forse? :-)

Ruben ha detto...

@ by Tripudio ha detto...
Sono stati due giornalisti (R. Del Bosco ed E. Frezza) a scrivere su una testata on-line che Del Rio è neocatecumenale (l'articolo è citato in parte su questo stesso blog alla pagina: Family Day, golpe neocatecumenale).
---
Grazie Tripudio,
ero ancora rimasto alle smentite del febbraio 2014.

Ciò è sufficiente, affinché il Partito Democratico, non abbia più il mio voto.

Giuseppe ha detto...


Mi dispiace Lino, ma come ha spiegato questa ragazza la catechesi del cieco nato, tu non avresti mai potuto fare.
Quello"sputa" così energico e sprezzante è più eloquente, di qualsiasi esegesi.
"Tu pensi che Dio se ne sta là in cielo", ma no, eccolo che arriva, avana in bocca, scende dall'elicottero e ti viene a dare una bella infangata sugli occhi, così che tu possa andarti a lavare nella sua neopiscina, non prima di portarti dappresso un bel mucchietto di soldi però;
e più in là stai attento a non salire su qualche albero, altrimenti doppia fregatura!

Giuseppe ha detto...

A prescindere da ogni opinione personale, mi chiedo come fa Del Rio essendo neocatecumenale a stare in un partito che vuole dare le unioni civili ai gay, che ammette la contraccezione ecc., e dopo il discorso che ha fatto Kiko al family day? Potrebbe essere una buona cosa. Il cammino che dialoga? Oppure è un altro arcano? Qualcuno potrebbe spiegare?

psyco ha detto...

Come dicette o puorco a vicino o ciuccio: lavati!

guam : i KIKOS ACCUSANO CASTEIX (la ''''mangiavescovi''') , ROHR e JUNGLEWACH e perfino il giornale PDN... ...di essere....MASSONI!!!!

http://www.junglewatch.info/2016/11/dear-archbishop-byrnes-hows-this.html

Daniel Alexander Lifschitz ha detto...

Il Ministro Del Rio non è neocatecumeno, ma è un cosiddetto "Dossettiano", cioè vicino al gruppo di laici, spiritualmente in comunione con i monaci e le monache della "piccola comunità dell'Annunziata", una congregazione di diritto diocesano (Bologna), fondata da don Giuseppe Dossetti nei lontani anni 1950.
Le copie sposate, che ne fanno parte, non sono sotto la "costrizione spirituale" di Kiko e Carmen, come lo sono i matrimoni del CNC, invogliati e quasi costretti ad avere molti, tantissimi figli e a farne un vanto.
I matrimoni di questa sana spiritualità sono liberi: Così puoi trovare famiglie con due o tre figli, come ne puoi incontrare con 13 figli o con nove, come la famiglia Del Rio.


Del Rio frequenta la Parrocchia di Reggio Emilia, di cui è (o fu) parroco il nipote di don Giuseppe Dossetti, che porta lo stesso nome del suo famoso zio.

l'apostata ha detto...

All'anonimo del 24 novembre 2016 17:56

"...vedo che ci sono tantissime imprecisioni e cose mal riportate (al limite della calunnia) su quello che si dice intorno al cammino...

Ma davvero?

Allora, egregio anonimo, esemplifica: diccele una per una esplicitamente.

Dì fatti concreti ;-)

Anonimo ha detto...

Sì è tipico dei neocatecumenali...quando non sanno più che pesci prendere tirano in ballo massoneria, demonio e quanto altro. Niente li ferma, neanche l'articolo disarmante della confessione delle carmelitane e del loro trasferimento a causa dell'"aria avvelenata". Si dovessero inventare ora che pure le carmelitane sono un ordine massonico...Laura

Valentina Giusti ha detto...

AlexRM, hai letto il mamotreto della Convivenza di inizio corso 2016 che abbiamo linkato qui in Osservatorio? Ti sfido a trovare in quelle 80 pagine, che anche i tuoi colti catechisti avranno dovuto pappagallare perché così in Cammino si deve fare se ci si vuole rimanere, un solo pensiero cattolico.

Anonimo ha detto...

Scusami Valentina, potresti dirmi dove avete linkato tale convivenza? Roberta

Anonimo ha detto...

La Frezza e Del Bosco hanno preso una cantonata. Non è neocatecumenale ripeto.
Ha ragione Daniel.
Poi se a ruben serve questo per non votare il pd allora tenetevi che Del Rio è neocatecumenale.

Andrea

by Tripudio ha detto...

Roberta,

la trascrizione della convivenza inizio corso 2016 è disponibile in download al link cliccabile [qui].

C. ha detto...

AlexRM prova a fare questo esperimento, così vediamo il bellissimo "amore" del cammino:

domani dici a tua moglie che non si darà più la decima in comunità (se siete cattolici siete in comunione dei beni e potete decidere entrambi): 6 decime alla comunità e 6 decime a monasteri e strutture cattoliche non del cammino.

Vediamo poi cosa succede, ci facciamo quattro risate; anzi ce le facciamo subito:

"nel cammino la parola di Dio si approfondisce e si studia in modo sistematico e continuo"; infatti basta parlare con un nc dopo 20 anni di cammino e non sa assolutamente nulla di magistero e catechismo della Chiesa Cattolica, ripete solo slogan di Kiko e compagnia. Io stesso ho approfondito dopo tante questioni e cose liberato dagli orpelli della comunità. Negli stessi mamotreti di Kiko è scritto che devi disprezzare la "cultura" e gli studi biblici, è presunzione.

"dopo 24 anni io sono uscito tranquillamente senza nessun problema ne pressione particolare, e mia moglie ancora frequenta. Io resto a casa"; permettimi di non credere assolutamente che le cose siano andate tanto "liscie". Ed è comprensibile, che fai stai 24 anni in comunità, un giorno di svegli e dici di andartene (e con te decima e possibili defezioni), tua moglie rimane (con giudizi INEVITABILI da parte di lei) e loro ti danno una pacca sulle spalle?? Ma suvvia, raccontale meglio..

Se vieni da una vita "colta e piena", caro ragazzetto, non hai bisogno del cammino. Chi ci sta si divide in due categorie, quelli che ci guadagnano (ed, ovviamente, non lo mollano e ne lo molleranno mai) e i grulli ingenui che gli vanno appresso (tra qui non mi vergogno di esserci stato pure io tanti tanti anni fa).

Tu, quale dei due eri?

by Tripudio ha detto...

Mano al portafoglio, fratelli del Cammino!

L'arcivescovo Byrnes ha avviato una causa contro l'organizzazione neocatecumenale "Seminario Redemptoris Mater" e contro la RMHF (Red.Mat. House of Formation: ebbene sì, i neocatekikos avevano creato due entità distinte) poiché gli imputati, pur invitati due volte dal vescovo Hon a restituire la Yona property, non lo hanno fatto.

Dopo che la truffa non è andata in porto, gli imputati pensavano forse di cavarsela solo con una figuraccia? O pensavano di vendicarsi imbastendo qualche nuova pastoia legale? (magari in gran segreto, proprio come avvenne per la Deed cinque anni fa...)

Nel testo della denuncia, al punto 13 si fa notare che le entità RMS/RMHF furono erette esplicitamente allo scopo di formare sacerdoti «secondo la vita e la spiritualità del Cammino Neocatecumenale».

Al punto 17 si fa notare che la donazione all'arcidiocesi non richiedeva che l'erigendo seminario fosse del Cammino.

Punto 19: papa Francesco aveva due volte chiesto -inutilmente- ad Apuron di restituire la property all'arcidiocesi.

Punto 22: mons. Hon aveva ripetutamente chiesto -inutilmente- ai kikos di restituire volontariamente la property.

Punto 26: mons. Byrnes avvia questa causa per difendere i propri diritti sulla property.

Punto 29: la causa è necessaria perché gli imputati (neocatecumenali) potrebbero ancora tentare qualche colpo di coda per reclamare la property, che invece è soggetta al solo vescovo.

Punti 31, 33, 34: lo scopo è di ottenere che gli imputati (neocatecumenali) rinuncino (oppure dal tribunale siano esplicitamente tagliati fuori) riguardo qualsiasi possibilità di reclamo o interesse sulla property.

Punti 36-37: i neocatekikos hanno sempre evitato di restituire la property.

Le richieste di mons. Byrnes in tribunale pertanto sono:

- che l'arcivescovo sia l'unico a detenere il titolo della property;

- che sia legalmente confermato che i kikos non hanno diritti o interessi, espliciti o implicity, su quella property;

- che i kikos non abbiano diritto di depositare documenti riguardanti la proprietà o l'uso della property;

- che i kikos non abbiano diritto di fare alcunché contro l'arcivescovo riguardo alla property.

E ora chi glielo dice a Gennarini?

Piccolo promemoria: ricordate quando i neocatecumenali si barricavano nel seminario impedendo ai fedeli cattolici anche soltanto di visitarlo? (cfr. per esempio quando ad aprile ebbero addirittura la sfrontatezza di chiamare la polizia...)

p.s.: preparatevi a un intervento di SanKiko in cui dirà che il Cammino ha "volontariamente" creato e donato alla Chiesa il seminario R.M... non crederete mica che SanKiko condanni l'avidità e le furberie dei suoi sottoposti? (e non crederete mica che SanKiko era all'oscuro di tutto, e che ha ingenuamente difeso il suo vescovo pedofilo neocatecumenale?)

Pax ha detto...

AlexRM ha detto:
E' vero che per menti poco formate o semplici il cammino è la prima e unica esperienza formativa, sicchè finisce con l'essere totalizzante. E' infatti la prima seria occasione culturale della vita ed anche la prima occasione di forzarsi ad uscire di casa ed a fare qualcosa di speciale.
Per costoro i catechisti diventano una specie di esseri divini a cui tutto va riportato, e tutto deve essere fatto in base a quello che essi dicono. A quel punto se i catechisti stessi vengono dalla stessa semplicità culturale, questo mix può diventare davvero micidiale.
Se , come nel mio caso, i catechisti vengono comunque da una vita colta e piena, essi sanno restare e valutare le cose in modo diverso.
..... Vedo che ci sono tantissime imprecisione e cose malori portate (al limite della calunnia) su quello che si dice intorno al cammino...

Ho riletto più volte.... Non comprendo davvero che significa la prima seria occasione culturale??? Che c'entra con la cultura o con il livello di preparazione? A parte la palese discriminazione che fai identificando quello che chiami semplicità culturale con dabbenaggine. Per te garanzia sarebbe avere catechisti provenienti da una vita colta e piena....
Non faccio nomi, ma vai a vedere il livello culturale, l'estrazione sociale di partenza dei mega-itineranti della prima e anche della seconda ora: Avvocati, Architetti, Ingegneri, Medici, Professori universitari, Laureati in teologia a Tubinga (titoli che unisco ognuno a itineranti che ho conosciuto) e Nobili proprietari di ville e castelli, e non temo denunce per calunnia!
Ti assicuro, precisamente per costoro (parafrasando le tue stesse parole)
KIKO È DIVENTATO UNA SPECIE DI ESSERE DIVINO A CUI TUTTO VA RIPORTATO, E TUTTO DEVE ESSERE FATTO IN BASE A QUELLO CHE EGLI DICE! Prassi consolidata nelle convivenze con Kiko tra lui e questi itineranti.
E, per piacere, lasciate stare le persone semplici o se preferisci normali, quasi sempre in questo sistema sono loro le vittime e anche se sono itineranti contano poco o nulla.
Di che calunnie parliamo?
Fatti concreti: potrei raccontare molti aneddoti di vita vissuta, ma oggi non ho tempo, per ognuno dei succitati mega titolati!
Per forza doveva farsi dare una laurea honoris causa il caro Kiko, in mezzo a questi era lui il meno titolato....
Ma non è che in un canto delle origini Pentecoste cantavano e cantano : "che io mi ricordi, tra loro, non c'era neanche un dottore!"?
Che confusione, ma che fa.... tanto non bisogna capire niente nel cammino....!

Pax

Giuseppe ha detto...

@AlexRM "Per costoro i catechisti diventano una specie di esseri divini a cui tutto va riportato, e tutto deve essere fatto in base a quello che essi dicono. A quel punto se i catechisti stessi vengono dalla stessa semplicità culturale, questo mix può diventare davvero micidiale".
Cosa intendi per semplicità culturale?
Una mia conoscente, ha sempre risposto alle mie obiezioni sul cammino, che lei fa sempre di testa sua; mi riferisco a vendita dei beni, decima, obbligare i figli a fare le catechesi, essere libera di optare sabato sera per cene mondane ecc. Ora si appresta a diventare catechista: cosa dirà nelle catechesi?
Forse "finalmente" si convertirà o semplicemente si adeguerà, perché lo status di catechista vale più di tutto il resto?
Quando ero nel cammino un mio caro amico scherzando, ma non troppo, diceva, dietro il leggio si porreva dire la qualsiasi cosa.
Kiko per incoraggiare a intraprendere la carriera di catechista, dice che per catechizzare, basta anche una sola esperienza di Cristo e poi hai voglia di parlare e straparlare.
Amico mio, qui non si tratta di semplicità culturale, o meno. Qui si tratta di ipocrisia pianificata o teatrino fai tu, e non è una calunnia, ma questa sì, una cosa "impressionante" (sic!).



l'apostata ha detto...

@ Tripudio

"L'arcivescovo Byrnes ha avviato una causa contro l'organizzazione neocatecumenale "Seminario Redemptoris Mater" e contro la RMHF (Red.Mat. House of Formation: ebbene sì, i neocatekikos avevano creato due entità distinte) poiché gli imputati, pur invitati due volte dal vescovo Hon a restituire la Yona property, non lo hanno fatto...

Ennesima, palese dimostrazione della differenza tra teoria e prassi nel Cammino.

Secondo Statuto il Cammino è al servizio dei vescovi.

Secondo Sankiko di fatto i vescovi devono essere al servizio del Cammino.

Chissà che ne pensano gli alti porporati "loro amici"?

Giuseppe ha detto...

A proposito dei laureati a Tubinga E laurea honoris causa a Kiko...

Un altro testo con cui Benedetto XVI entra in dialogo è il Racconto dell’Anticristo di Vladimir Solov’ëv (1853-1900). Gesù di Nazaret ci ricorda che nel racconto del filosofo e teologo ortodosso russo “L'ANTICRISTO RICEVE LA LAUREA HONORIS CAUSA IN TEOLOGIA DALL'UNIVERSITA' DI TUBINGA: è un grande esperto della Bibbia”. E, scrive Benedetto XVI in un testo che pure non condanna affatto lo studio storico-critico delle Scritture ma anzi se ne serve ampiamente, pur mostrandone anche i limiti, “l’interpretazione della Bibbia può effettivamente diventare uno strumento dell’Anticristo.

Da Il racconto dell'Anticristo di Benedetto XVI
Una recensione di "Gesù di Nazaret"(Rizzoli, Milano 2007)
di Massimo Introvigne

Giuseppe ha detto...


Chissà che ne pensano gli alti porporati "loro amici"?

"Tutti nà cosa sono"!

Simonetta ha detto...

OT

Su Jungle Watch, nei commenti al post "We have been judged", c'è un intervento di Francesca, "missionaria" a Guam, che chiede scusa (con un sacco di clichés neocat., non c´è via di scampo, non sanno altra lingua) per aver giudicato la fede dei cattolici di Guam nella sua intervista al giornale Veneto del 2006.

Io mio unisco a chi le risponde augurandole prima o poi di aprire gli occhi e di rendersi conto di essere una pedina in una orribile macchinazione.
O forse se ne è resa già conto...

Simonetta

Anonimo ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=38x4MbVPp4o
Live stream di Kiko presentazione libro - in diretta dal teatro olimpico Alle h 17:30 buona visione, visionari.

Anonimo ha detto...

Caro, carissimo anonimo che ci auguri una "buona visione"e che ci chiami "visionari". Ti auguro davvero, con tt il mio cuore di nn dover mai "visionare" quello che ho visto io in più di 40 anni di onorato cammino. Potrebbe essere un foto incolla di altre esperienze. Ma questa è la mia vita e ciò che ho passato per aver sinceramente dato fiducia a delle persone,lo sto ancora scontando. Il signor Kiko Arguello potrebbe ricevere anche un Nobel, ma gli scempi che sono stati operati sulle coscienze rimarranno vivi. Ferite aperte e sanguinanti,testimonieranno senza bisogno di parole . Ti sembra eccessivo? Fatti i conti sono tra i primi "chiamati"...lo conoscerò il cammino che dici?!Goditi il tuo novello scrittore in streaming .

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Riguardo al Card. Muller, vedremo se saranno solo lodi o anche parole di preoccupazione e magari di avvertimanto. Vedremo e valuteremo

by Tripudio ha detto...

Qualcosa mi dice che domani sera, durante la tipica carnevalata liturgica neocatecumenale, una certa signora Francesca si vanterà di essere stata perseguitata su internet per aver testimoniato la Parola del Signore nella sua vita.

Intanto, come già fatto notare da Tim, sono dieci anni che l'allegra famigliola di "missionari" ha vissuto a spese della diocesi con la scusa della "missione" - ricordiamolo, una "missione" che ha il dichiarato scopo di promuovere le pagliacciate liturgiche e le eresie neocatecumenali.

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

AlexRM:

La tua esperienza può essere vera, ma non annulla le moltissime altre di chi ha avuto un'esperienza traumatizzante.
Se, come tu stesso dici, molti catechisti sono dei trogloditi fanatici e ignoranti messi a capo di altri trogloditi fanatici e ignoranti, allora vanno fermati. Da Kiko in persona!

Io sono d'accordo con te nel pensare che nel Cammino ci sono cose positive, ma NON E' QUESTO IL PUNTO.
Ci sono cose positive anche fra i protestanti, ma se non sono cattolici significa che in qualcosa sono diversi dai cattolici. Essi lo sanno e lo dicono (e magari se ne vantano).

Qui non si vuole mettere in evidenza i lati positivi, che si danno per scontati, ma solo quelli negativi, per il semplice fatto che il Cammino, che è riconosciuto come cattolico, in alcuni punti sembra non esserlo.
Non sto parlando degli errori delle singole persone, come possono essere quelli di un catechista ignorante, ma di quelli insiti nella struttura stessa del Cammino che, perciò, si trasmettono come una tara del DNA.

Se coi protestanti occorre partire da ciò che unisce, coi cattolici-non cattolici, a volte è opportuno partire da ciò che divide. Specialmente se cocciuti.

Ad esempio: il rito del latte e miele all'interno della liturgia è un enorme abuso. PROIBITO dalla Chiesa. E il credere che i catechisti, nelle loro funzioni di catechisti, sono sempre guidati dallo Spirito Santo è un'eresia.

Se non ci credi, scrivi al Papa e attendi una risposta...

Lo sai che basta una sola eresia accettata per fare un non cattolico?

Valentina Giusti ha detto...

A proposito di quella signora Francesca, che ha definito la fede degli abitanti di Guam 'non autentica' prima ancora di essere arrivata sull'isola, direi che non ha chiesto scusa...o almeno per me una frase come la sua, cioè 'vi chiedo scusa se vi siete sentiti offesi' non fa che rincarare la dose, dando ai propri interlocutori anche degli ipersensibili visionari.

Anonimo ha detto...

Ad AlexRM volevo dire un paio di cose:
1. La fede ridotta a una questione culturale: atteggiamento quantomeno classista. Io, nonostante le lauree e i titoli dei miei catechisti (tra cui figuravano medici e altre professioni di prestigio, non proprio gli ultimi sprovvedutelli ignorantelli) li ho sentiti asserire assurdità quali "Anche se venisse detta un'eresia, Dio protegge chi ascolta e non la fa sentire", e di eresie ne sono state dette di grosse. Ora, esimio, anche ammesso che il mio catechista fosse il presidente degli USA (appena eletto o quello uscente, scegli in base alle tue personali preferenze), o Rita Levi Montalcini, o Piergiorgio Odifreddi, o Vittorio Sgarbi o un personaggio della levatura culturale che più ti aggrada, poco importa. Se non hai un'adeguata formazione prima di tutto a livello umano, che magari ti dà un po' più di senso di rispetto per l'altro anziché far leva sull'altrui presunta ignoranza (perché magari la gente non riconosce gli errori solo perché non conosce l'argomento da te trattato), i titoli te li puoi portare con te in bagno e farne a quel punto un uso ottimale. Sullo studio delle letture ci ha già pensato Lino, molto più acculturato di me in tale ambito, a esporti quale sia l'approfondimento catecumenale: si prende quello che Kiko ha capito/manipolato di un testo, lo si impara e lo si ripete. Tutto qua.
2. Che tu abbia lasciato il CN dopo 24 anni in tutta disinvoltura e freschezza non scredita o smentisce l'esperienza di chi non ha avuto il tuo stesso percorso, né autorizza te a farlo. Potrei scriverti i fatti che mi hanno portato ad allontanarmi dopo 21 anni dal CN riportando nomi, luoghi, fatti senza paura di incorrere in alcun problema legale; il motivo per cui non lo faccio è che preferisco rivolgermi alle istituzioni cattoliche di competenza invece che a te "idealista e giudice dell'ultima ora".
3. Magari potresti riflettere sul perché, non condividendo il cammino per "posizioni ideologiche" (il che la dice lunga, molto più di quanto tu sia disposto a renderti conto) ne sei uscito, ma vai su un blog che sai perfettamente essere "critico" per definizione e in cui si pone l'accento su aspetti negativi, errori liturgici e dottrinali, violenze e abusi di ordine psicologico e spirituale (o anche fisico, purtroppo), per poi difendere quello stesso Cammino che hai lasciato perché non lo condividevi. Scusa ma sembri confuso. Capisco sia difficile dover accettare di aver impegnato 24 anni della propria vita in un percorso che si è rivelato fondamentalmente sbagliato (sennò non lo avresti lasciato, suppongo) e di cui continui a non riuscire a liberartene. Ah già! Ma l'importante è fare qualcosa di speciale! Se lo speciale perde "specialezza" (puoi passarmi il termine per gentilezza?) poi come si fa a sentirsi speciali?

All'anonimo dei visionari
Guardatelo tu, forse ancora non hai imparato bene a memoria i discorsi di Kiko e per diventare come lui senti ancora il bisogno di ascoltarlo, così un giorno parlerai proprio come lui "e il sogno realtà diverrà"!
Come presentazione, a me è bastato il foglietto che mi hanno gentilmente appioppato all'inizio corso e che puoi vedere qui http://neocatecumenali.blogspot.it/2016/10/autocelebrazione-spaziale-convivenza-2016-parte-2.html.
E poi la presentazione del nuovo vangelo non è un evento che mi interessi. Anzi, uno mi basta e avanza, che faccio già fatica così :)

L'Autore

Simonetta ha detto...

@Valentina Giusti

Vero, Valentina.
Avevo scritto "chiede scusa" tra virgolette, poi le avevo tolte per non infierire e per non creare (pre)giudizi nel lettore.
Adesso mi sentirei di rimetterle.
Veramente irritante il tono passivo-aggressivo dell'intervento della "missionaria".
Lo stridio delle loro unghie che si arrampicano sugli specchi si sente fin da qua...

Simonetta

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

AlexRM:

una precisazione che spiega meglio il mio intervento precedente.

Ci errori che non possono essere imputati all’organizzazione ecclesiale (o di altro tipo) di cui si fa parte, perché sono errori dovuti o alla cattiva comprensione delle esigenze dell’organizzazione, o ai peccati personali.
Come la pedofilia nella Chiesa: è vero che esiste, ma non si troverà mai, nella storia della Chiesa, un catechismo che non la condanni. Mentre tra gli atei non è così. Basta pensare che certi sessantottini francesi ne fecero una bandiera (Sartre, Bendit Choen, ecc.).

Poi ci sono errori insiti nel DNA dell’organizzazione di appartenenza, come ad esempio nel Comunismo. In tal caso non sono i più lassisti a manifestare tali errori, ma i più “devoti”. Come Stalin.

Un altro esempio: tra i musulmani arrestati ed espulsi perché fautori del terrorismo, un’alta percentuale è composta da imam, cioè da quelli più ligi all’Islam e che dovrebbero spiegare agli altri il suo vero volto.

Ancora un esempio: il perpetuarsi di un’evangelizzazione urlata e aggressiva da parte del Cammino, nonostante il Papa abbia detto che lo stile cristiano è ben altro.

Questo tipo di errori è tipico sia nelle ideologie che nelle sette, che tra loro hanno i caratteri fondamentali simili, se non identici.

Anonimo ha detto...

Anonimo Anonimo ha detto...
https://www.youtube.com/watch?v=38x4MbVPp4o
Live stream di Kiko presentazione libro - in diretta dal teatro olimpico Alle h 17:30 buona visione, visionari.

25 novembre 2016 13:32


I vigliacchi neocat lo hanno tolto.

Emanuele Baiocco

Anonimo ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=oIHJ2iY-zsk
presentazione libro kiko

Daniel Alexander Lifschitz ha detto...

I vigliacchi neocat lo hanno tolto.

Emanuele Baiocco

25 novembre 2016 17:15

Caro Emanuele,
non t'arrabbiare! Rallegrati! Se l'hanno tolto lo streaming, vuol dire che qualche cosa è andato storto.
Non c'era ragione di toglierlo, se potevano vantarsi e diffondere il video ai 4 venti o 5 continenti, quei incontinenti.
Da fino "diplomatico" - mio nonno era ambasciatore all'ONU...di San Marino - credo di aver indovinato: il Cardinale Mueller, Responsabile per il Dicastero della fede della Chiesa Cattolica, avrà detto qualche parola sgradita a sua maestà, il super impostore Kiko Arguello, e forse l'ha detta perché glie l'ha suggerita lo stesso Papa Francesco.
Fantasia del mio sacco o azzeccatissima supposizione di un "demonio che distruggerà tutto", come, minacciandomi di una terrificante fine, mi profetizzò - 23 anni fa - il grande profeta del terzo millennio.

Cordiali saluti in Maria e Gesù,

Daniel Lifschitz,
condannato a morte eterna da Kiko Arguello

Anonimo ha detto...

questo blog è troppo forte!

le "mazzate" che prendono i "kikos" sono una cosa spettacolare!

mi considero un semplice spettatore , ho avuto a che fare con i neocat. solo una volta .
Si sono presentati in parrochia ,il prete li ha fatti parlare prima della benedizione di fine messa - dovrebbe essere vietato - e poi non ho visto più nessuno.
Ma la questione neocatecumenale è dentro , a mio parere , un discorso molto più grande che ci porta tutti come il gioco dell'oca , sempre al punto di partenza : il concilio vaticano secondo .
Occasione persa che ebbe Paolo VI ? se non erro di mandare tutti a casa .
poteva dire , all'indomani della morte di papa S. Giovanni XXIII " carissimi questo teatrino non l'ho messo in piedi io , buon viaggio".


by Tripudio ha detto...

Beh, i momenti di ilarità ce li dà lo stesso fondatore del Cammino: per esempio ti consiglio quello su Esilaranti perle di Kiko alla convivenza di inizio corso [link qui].

Ruben ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=oIHJ2iY-zsk

No,
il video c'è tutto:

Kiko Arguello, assieme al Garante della nostra Fede Cattolica,
è Apostasia Apocalittica conclamata, ovvero lo schifo dello schifo!!...
---

zagor58 ha detto...

Ruben il video non parte , è stato tolto
tu hai fatto in tempo a vederlo , se provi adesso c'è schermo nero

comunque sono del tuo stesso parere
APOSTASIA è la parola giusta, non ci rimane altro che pregare e affidarci
alla Vergine Maria .

Anonimo ha detto...

Gerhard Ludwig Müller:"Con gli Statuti del Cam. Neoc. Benedetto XVI ha riconosciuto il carisma dei fondatori come dono dello Spirito Santo x la Chiesa"
TRIPUDIO......CREPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
HA HA HAAAA

Lino ha detto...

Ma 'sto video che cosa è, roba da iniziati? C'è chi ha la "visione" e chi non è degno di riceverla? :-)
A me dice che "lo streamer ha interrotto lo streaming". E' roba da eletti, non farsi interrompere lo streaming? :-)

Anonimo ha detto...

Per favore non fate i ridicoli complottasti. Si trattava di uno streaming live, finito il live finito il video. Per rassicurare tutti l'editore Cantagalli ha chiesto che l'intervento di Müller possa essere inserito in una prossima edizione come post fazione del libro e Kiko ha detto che questo intervento lo avrebbe raccomandato alla lettura dei fratelli del cammino.

Anonimo ha detto...

@ Anonimo Anonimo ha detto...Gerhard Ludwig Müller:"Con gli Statuti del Cam. Neoc. Benedetto XVI ha riconosciuto il carisma dei fondatori come dono dello Spirito Santo x la Chiesa"
TRIPUDIO......CREPAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
HA HA HAAAA



VERGOGNATI QUANTO ODIO C'E' IN QUEL CREPAAAA

Anonimo ha detto...

Io sono riuscita a vedere il video verso le 20:00.
Per curiosità sono andata a vedere se veramente lo avevano tolto e lo ho trovato (23:10)

Xz

Anonimo ha detto...

https://youtu.be/oIHJ2iY-zsk

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Anonimo:

Benedetto XVI ha riconosciuto il carisma. Embé? Chi lo ha mai negato?
Il carisma è vero, come sono veri gli statuti.
Il problema è che gli statuti approvati non li mettete in pratica. Che disubbidite. Che il Cammino che vi impone Kiko come a dei burattini non è quello riconosciuto dal Papa.

Il problema sono i manometri che sono stati corretti, anzi rivoluzionati, ma che voi non considerate, tanto che continuate a fare le catechesi sui manometri eretici DISAPPROVATI dalla Chiesa.

Volete dimostrare di essere approvati? Fate le catechesi con i manometri cattolici e non con quelli eretici. Come vi ha ordinato la Chiesa.

Allora non avremo NULLA da dire.

Anonimo ha detto...

Ma veramente muller ha lodato il cammino? Se lui istituì la feria IV?! Se verp oramai l'armata rossa è a Berlino. ......

psyco ha detto...

....e a guam ancora non è cominciato il valzer del certificato falso..... APURON VUOLE TORNARE ALL'MMACOLATA....
...e invece ogni domenica davanti alla cattdrale di guam c' è il picchettaggio di protesta VATTENE APURON , SPRETATE APURON

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

Riguardo i video presenti alla convivenza di inizio corso confermo che ce ne sono due. Il primo su Carmen che parla all'incontro di Loreto, il secondo proiettato in un altro giorno, dura 1:40 circa ed è Kiko che racconta la sua esperienza, prima degli inizi del cammino.

Riguardo la segretezza confermo che è stato consegnato il Dvd solo a persone fidate e non ne capisco il motivo visto che se tutto è verità, come io credo, non c'è motivo di nasconderla.

Dario N.

Anonimo ha detto...

No. Semplicemente il live streaming dura finché c'è il live. Han fatto così anche in Spagna, diretta, poi tolto, e poi rimesso senza i tempi morti iniziali. Ora forse qualcuno dirà che nel rimetterlo censureranno la bacchettate, che non ci sono state. La teoria del "comblotto" é sempre molto comoda, ma non vi fa onore, lasciatela a Napalm51!
Un visitatore

by Tripudio ha detto...

Più che "odio", in quel "crepaaaa" c'è la disperazione di chi ha capito che gli errori liturgici e dottrinali del Cammino non scompaiono di fronte agli eventuali elogi.

Antonius ha detto...

@anonimo delle 8:20,

È "normale" attendersi dai capi nc la "raccomandazione" di non diffondere video o registrazioni nell'internet.
Se ci pensi dalla sbobinatura delle eresie di Kiko e Carmen si sono avuti i mamotreti. Considerando il modo insistente di preferirli zeppi di eresie a quelli corretti (e si è visto come e cosa è stato corretto una volta visionati e come per questo e meglio silenziarli di fatto, causa l'estinzione della setta nc), immagina se tra i neocat si continuerà a disubbidire ed introdurre, postando in rete, altri interventi del santone Kiko e quello che ne verrebbe ancora fuori dall'ascolto delle sue parole di grande illuminato. E siccome Kiko sa di essere smascherato è lui stesso che comanda di non far girare in rete questi documenti filmati. Anche per questo i catechisti itineranti hanno ordinato ad esempio di non far girare niente in rete sull'incontro nella Domus Galileae organizzato per rabbini in Israele (quello in cui si sono sorbiti l'opera di Kiko sulla sofferenza degli innocenti). Ma quest'ultima "raccomandazione" è giusto una delle ultime, non una novità...e anche in questo caso è stato possibile guardare il video su you tube ;-)

Valentina Giusti ha detto...

E dire che la fede non fa mai appello ai bassi istinti per diffondersi e/o per difendersi!
Sei troppo buono Tripudio...dici che ' hanno capito' qualcosa? Io non lo penso. In quell'invettiva io vedo l'invincibile e gretta ignoranza di chi non sa cosa vuol dire davvero essere dono per la Chiesa e non sa neppure cosa sta scritto (ma soprattutto cosa non sta scritto) nei propri Statuti.

Valentina Giusti ha detto...

Riguardo la segretezza confermo che è stato consegnato il Dvd solo a persone fidate e non ne capisco il motivo visto che se tutto è verità, come io credo, non c'è motivo di nasconderla.

Caro Dario, ti faccio rispondere da Kiko in persona.

Dal mamotreto della convivenza di inizio corso 2015:

«Avete visto il video che ci è piaciuto tantissimo. Ma il demonio prenderà questo video e ci distruggerà, perché la prima cosa che faranno sarà metterlo su YouTube e sarà un macello.
Molti ebrei possono inquietarsi a vedere che Kiko parla di Cristo, vedere le donne che ballano con gli uomini ...perché per alcuno di loro è proibito ballare con le donne...tutta una serie di cose...e potete immaginare come reagiranno i musulmani vedendolo.
Perciò, se volete fare danno al cammino, mettetelo su YouTube e pubblicatelo. Noi l'abbiamo fatto per voi...è già tanto se lo mostreremo al papa e basta.
Per piacere, siate obbedienti, se no non daremo a nessuno questo video; per averlo dovrete avere la mia approvazione.Invito gli itineranti a dire ai fratelli che hanno messo in rete questo e altre cose del cammino, di ritirarlo. Obbeditemi!
Coraggio, perché il bene si può trasformare in male. Dice il Signore nel vangelo: 'Non gettate le vostre perle per darle ai porci'. Attenzione a dare le vostre perle ai porci, perché vi si rivolteranno contro e vi distruggerano.
È una perla preziosa, questo che è successo con gli ebrei.
Così dice il vangelo, questa è la parola di Dio.Per noi è una perla preziosa, una cosa bellissima e siamo emozionati, però non possiamo darla ai demoni perché, infuriati, la prenderanno e con questa stessa cosa ci distruggeranno.
Questa è la prima cosa.
Quindi possono avere il video solo i responsabili che devono portare questa convivenza, e non potete duplicarlo, copiarlo. Tenetevelo per voi.Se volete mostrarlo a qualcuno, dovete chiedermelo a me.
Però non potete darlo a nessuno, attenzione, aiutateci un poco, perché altrimenti questo si trasforma in un male e non potremo più fare questo video.»

Lino ha detto...

L'asineria di quest'uomo rasenta l'inverosimile. E se non è un asino, è un settario intollerante e offensivo, oltre che superbo. "Se volete mostrarlo a qualcuno, dovete chiedermelo a me" cosa significa, che è lui a decidere chi è un porco, indegno di visionare il video? E quanti porci ci sono, considerato che il video che è vietato ai più?

E' un superbo: con il simbolo della perla, nei Vangeli, s'intende la dottrina santa. E' dottrina santa quel video? I porci sono gli animali impuri nei quali entrano i demoni nell'episodio dei Gerasèni, pagani. Quanti pagani crede che ci siano in giro, Kiko? Quanti demoni vede nelle persone che non sono NC?

In ogni caso, è ignora i Vangeli, ne fa un abuso, è un falso profeta, giusto una interpretazione per questa pericope, ed è un fariseo (che è un'altra corrispondenza per la definizione "ipocriti").
"Non gettate le perle ai porci" è relativo alla prima fase dell'evangelizzazione degli Apostoli, quella in cui Cristo ordinava di non andare fra i pagani e di non entrare nelle città dei pagani samaritani, ma di rivolgersi alle pecore perdute della casa di Israele. Nella fase successiva tutto cambiò, ma lui ancora non lo ha capito. E questo sarebbe uno che evangelizza i "lontani"?

Antonius ha detto...

@ Valentina 10:56,

Grazie Valentina per questo scoop sulle parole di Kiko a proposito dell'uso che secondo i suoi ordini deve essere fatto dei loro video.
Fa molto riflettere a parer mio il modo con cui Kiko comamda a bacchetta (o intima a bastone sarebbe meglio dire) di non mostrare video da loro registrati.
Ma la frase in cui dice "Noi (questo video) lo abbiamo fatto per voi. È già tanto se lo mostrereamo al papa
e basta", la dice lunga su come intende e vede il papa e la chiesa tutta.
Sulla raccomamdazione di non dare il video come perle date ai porci si supera.
Se parla fa danni.

Autore della Lettera ha detto...

Relativamente ai video di Kiko e Carmen della convivenza di inizio corso di quest'anno: non dispongo dei video ma solo dell'audio (registrato durante la riproduzione). Per avere i vieo dovrei giocare sporco e non ho voglia di farlo :-) Avevo sbobinato la parte relativa all'apparizione, ma posso sbobinare la parte restante.
I toni apocalittici di Kiko sono ormai veramente insopportabili; il video di quest'anno sul serio dovrebbe vederlo il Papa.

Giuseppe ha detto...

E' allucinante come Kiko pensi di poter controllare sempre tutto e tutti. Ma cos'è il cammino la vecchia Unione Sovietica? Che gli ebrei o i musulmani non devono sapere è in fondo la stessa tattica, che usa per adescare anche i cattolici di tutto il mondo.

Valentina Giusti ha detto...

Ecco comunque un altro aspetto in cui si palesa una contiguità con i Testimoni di Geova.
Anche la Torre di Guardia infatti ha secretato il video mostrato nell'ultimo mega-raduno.
È proprio vero che 'i Testimoni di Geova ci dicono qualcosa', come ebbe ad asserire Kiko.
Le somiglianze tra modus operandi delle due organizzazioni religiose vanno facendosi sempre più evidenti e pesanti.

Lino ha detto...

Se una "perla" c'è, è una perla giapponese ed è la seguente:
"Molti ebrei possono inquietarsi a vedere che Kiko parla di Cristo".

Davvero? Ma Kiko non invita ebrei a frotte nella Domus Galilaeae? Quindi non li inquieta perché non parla di Cristo?
Questo davvero sgrana panzane a decine!

Antonius ha detto...

@ Lino (11:36),

La mia "rabbia" è constatare che appresso a lui gli vanno preti vescovi e persino cardinali.
Avevo appena scritto che con la sua interpretazione di "perle" e "porci" si era superato: per me è un razzista. Ingenera nei suoi adepti un sentimento di esclusività in chi lo segue che non può avere radici nella messe di Cristo, per intenderci.
Davanti alle possibilità di comunicazione ed i progressi raggiunti con l'internet, è allarmante che alchuni prelati non abbiano neanche un minimo di vergogna ad andargli dietro senza realizzare che il loro contributo alla proliferazione delle eresie di questa setta ha peso maggiore perché proveniente da persone che, invece di pensare a curare il gregge confermandolo nella fede con la liturgia e i sacramenti, girano come hai scritto precedentemente, "dove c'é un po' di folla" alla maniera dei vecchi politici consumati.
Una volta un amico che aveva una respondabilità a livello diocesano mi confidò il suo fastidio nel ricevere da certe autorità null'altro che la raccomandazione di invitarli nella eventualità di importanti eventi in diocesi.
La frase tipica era: "tu chiamami; non darò fastidio. Mi metterò vicino a te". Questo solo per l'unico intento di apparire accanto a lui, persona di chiesa, in qualche eventuale foto o video per qualche giornale...e trarne solo profitto personale. Null'altro, nessuna altra preoccupazione.

Anonimo ha detto...

Bravo Lino! Non l'avevo ben notata questa...eh no lui li invita alle convivenze alla domus per fargli sganciare fondi (perché è così lo sappiamo tutti) quindi lì probabilmente gli dice quello si vogliono sentir dire...e fa come se Cristo non sia il Figlio di Dio...opportunista...uomo da palco...vanesio...come al solito insomma. Poi però guai ai poveri nc se non vanno ad "annunziare il Vangelo alle porte del vicino"...Aggiungerei con violenza chiasso tamburelli e famiglie da mostrare. Laura

Ruben ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ruben ha detto...


https://www.youtube.com/watch?v=oIHJ2iY-zsk

Il video parte, intorno al minuto 19:13
---

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jan Kopernik ha detto...

Tutto questo, che e stato scritto in questo articolo di 24.11.2016 io confrrmo che è vero.
Sono presbitero di RM

MARISA ha detto...

certamente sarò censurata perché, mi sembra di capire, qui si accettano solo insulti, volgari insinuazioni ed eresie.
Sono altresì convinta che perdo solo tempo perché non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire né cieco di chi non vuol vedere ( come diceva un certo Gesù Cristo).
Due-tre cose , però , le voglio dire ( e se mi si censura,dovreste avere il coraggio di dirmi perché).
Del contestato video che, mi sembra d'aver capito,nessuno di voi ha visto e vi sono state estrapolate( ad arte) alcune frasi,mi domando come fate ad esprimere giudizi, a pappagallo, su contesti che non conoscete e che sono totalmente inesatti? La verità è ben differente: la raccomandazione di Kiko nella non diffusione era semplicemente per rispetto degli ospiti ebrei( e non ebrei qualunque)che hanno vissuto una esperienza unica e inimmaginabile. Nessuno degli ebrei si è sorbito Il concerto di Kiko sulla " Sofferenza degli innocenti" che lo hanno ascoltato con molta commozione e lo hanno fatto replicare più volte . Quello tenuto al campo di concentramento di Auschwitz è stato trasmesso integralmente da RAI1 dove Kiko parlava apertamente della passione di Gesù Cristo e di Maria come Madre di Dio e nessuno degli ebrei presenti si è scandalizzato.
Mai sentito insulsaggini sulla defezione di immagini sacre e dell'obbligo di portare quelle del cammino. Eresie sono di chi dice che abbiamo delle Eucarestie diverse e non consone con il rito di Santa romana Chiesa.Sarerbbero eretici anche Vescovi , Cardinali e perfino Papa Giovanni PaoloII che hanno concelebrato alle Eucarestie.Piuttosto mi meravigliano quiei perbiteri e Vescovi( sempre meno, per fortuna) che ancora hanno dei pregiudizi sul cammino, nonostante che gli ultimi Papi ( da Paolo VI in poi)abbiano sempre più elogiato i frutti del cammino, generati dal Concilio ed esortino all'apertura e all'unità. Sempre per i disinformati, i presbiteri del cammino sono missionari ma diocesani e quindi soggetti prima al Vescovo ed anche Kiko deve chiedere il permesso al Vescovo se ha bisogno di
qualcuno.Per la cronaca sono 21 anni che sono nel cammino e ringrazio Dio ogni giorno della mia vita, cominciando la giornata con le Lodi, insieme a mio marito e non perché siamo meglio di chi non è del cammino ma riconosciamo le nostre debolezze e abbiamo imparato a conoscere l'Amore incondizionato di Dio Padre che mi ama come sono , senza giudicarmi. Le malignità gratuite mi rattristano, soprattutto per chi le ha proferite, perchè mi danno l'idea di .tormentate , alla ricerca e che, forse stanno cercando in modo sbagliato. La Pace di Gesù Risorto
l

l'apostata ha detto...

alla gentile Marisa, che ci accusa di eresie

Gentile Marisa, ci accusi di eresie. Vuoi precisarle, nel dettaglio?

O fai confusione con il signor trettre dottor (h.c) Arguello che proclama, alterando le Scritture, che l'uomo è schiavo del demonio?

A proposito di demonio, il signor trettre dottor (h.c) Arguello afferma pubblicamente di fare sempre esorcismi e di cacciare i diavoli. Eppure la Chiesa lo proibisce ai laici.

Che ne pensi?


"...Eresie sono di chi dice che abbiamo delle Eucarestie diverse e non consone con il rito di Santa romana Chiesa..."

Già. Vuoi indicarci gli estremi dell'atto che ha modificato il Messale Romano autorizzandovi, voi e solo voi, a comunicarvi seduti manducando tutti insieme appassionatamente?


"...Mai sentito insulsaggini sulla defezione di immagini sacre e dell'obbligo di portare quelle del cammino..."

A proposito, come mai nelle salette si devono usare sempre e solo i Kiko-arredi e i Kiko-canti? Guai se si adopera qualcos'altro!
E del bel candelabro a nove luci sull'altare, in contrasto con il Messale Romano, che ne dici?

"...cominciando la giornata con le Lodi..."

Puntualizziamo: quelle che chiami Lodi non sono le Lodi come tutta la Chiesa recita, religiosi e laici.

Sono le Kiko-lodi: ovvero un bel collage formato da un pezzo di Ufficio delle Letture ficcato dentro le Lodi, cui si aggiungono il Vangelo del giorno e un quarto d'ora di cosiddetta preghiera silenziosa.

Non va bene come fa la Chiesa tutta?


Insomma, ci spieghi perché la Liturkikia è obbligatoria e immodificabile, mentre il Messale e la Liturgia possono essere alterati?

Perché?

"...gli ultimi Papi ( da Paolo VI in poi)abbiano sempre più elogiato i frutti del cammino, generati dal Concilio ed esortino all'apertura e all'unità..."

Come no. "Seguiranno fedelmente i Libri Liturgici senza aggiunte né omissioni". Ci fosse stato un richiamo, uno, cui avete obbedito.

Apertura? Pubblicate l'orario delle celebrazioni neocat nell'orario parrocchiale e fate entrare chi vuole?
Mai visto.

Ricordo, a tal proposito, un commento del signor trettre dottor (h.c) Arguello: "il Papa ha detto queste cose perché le doveva dire".

Fulgido esempio di obbedienza.


"...i presbiteri del cammino sono missionari ma diocesani e quindi soggetti prima al Vescovo ed anche Kiko deve chiedere il permesso al Vescovo se ha bisogno di
qualcuno..."


Sono diocesani nel senso che li paga la diocesi. Gli ordini li prendono solo dal signor trettre dottor (h.c) Arguello.

Vedi i casi di Giappone e Guam.


Sei in Cammino da ventuno anni.

Saresti così gentile da dirci quante convivenze hanno organizzato i tuoi kikatekisti dopo le pesanti correzioni alle eresie contenute nei Mamotreti?

Vi hanno spiegato di avervi insegnato eresie ed errori correggendo quanto detto in passato?

Dì fatti concreti.

Antonius ha detto...

@ Marisa,

Ti do un'indicazione. Ho visto il video integralmente: i rabbini sono stati trasportati in un ambiente piú ebraico che cristiano. Se noti vi sono tante tracce fisiche che lo dimostrano (architettura, il famoso rotolo antico della legge che campeggia da primo attore, altare con il santissimo che si deve trovare a dividere la sede con altro infatti, se ti ricordi). Se poi aggiungi i canti a loro presentati da Kiko copiati di sana pianta da autori ebraici e da lui spacciati per ispirati dall'Alto, la scena che si presenta ai rabbini è un luogo dove dei cristiani cercano di avvicinarsi alla fede ebraica fondendosi magari per un po' in questa.
Ma, se riesci ancora a trovarlo, in rete è presente un articolo scritto da un rabbino presente a quell'incontro che descrive il CNC come una realtà che ricorda una setta presente tra gli ebrei. Le caratteristiche si avvicinano.
Se come dici hai a cuore la pace di Gesú Risorto, nelle lodi prega per quello che sta succedendo a Guam. Li la pace si è persa e le carmelitane hanno fatto già i bagagli per quello che hanno passato grazie al CNC e al vescovo Apuron.
Lo sai che si è dovuto scomodare il papa nominando un altro vescovo per riparare i danni morali e materiali del CNC, tanto osannato dal fondatore Kiko? E lui secondo te non ha saputo nulla di abusi perpetrati da decenni sui bambini da parte anche del vescovo neocat Apuron e dei furti a danno della chiesa in cui purtroppo il "cammino" fa la parte che è tipica del parassita?
Rifletti e gira nell'internet e poi ne parliamo.
Senza pensare ai catechisti: esercita il tuo libero arbitrio dopo 21 anni.
Se vuoi non trovare i mamotreti e le correzioni riportate, ma sappi che i tuoi catechisti ti hanno formato su delle eresie conclamate e scoperte (corrette e taciute ai piccoli delle comunità neocat: perché secondo te?).
Buon riposo a te; dopo la notte che hai affrontato e d'obbligo. Neanche buona Messa ti posso augurare oggi, come si fa tra "cristiani della domenica".

Valentina Giusti ha detto...

Marisa.
Sorvolo su quanto hai scritto e ti chiedo solo una cosa: secondo te qui nessuno prega? Non ci sono persone che vanno quotidianamente a Messa o fanno Adorazione Eucaristica? Oppure nessuno che fa attività di volontariato in parrocchia?
Ebbene, ti assicuro che non è così, ma nessuno sente il bisogno di dichiararlo.
Come mai tu, per difendere le tue affermazioni, hai bisogno di farci sapere che preghi alla mattina?
E che preghi in particolare le Lodi nel modo in cui ti è stato insegnato, con tuo marito come ti è stato insegnato?
Come se fosse stato il Cammino ad aver inventato il Salterio?
O come se le preghiere personali di altri non avessero lo stesso valore?
Ti rendi conto che per giustificare il fatto che Kiko non diffonde i propri video (non solo quello dei rabbini, anche quelli di quest'anno, per esempio) non ci serve sapere che tu preghi?
Ti rendi conto che non è nel DNA del cattolico vantare la propria preghiera personale?
Tu, invece, perché lo fai?
Qualcuno ti ha convinta che, se non ci fosse il Cammino, non pregheresti?
Qualcuno ti ha fatto credere che pregare in un certo modo, facendo le Lodi in quello specifico modo, ti rende più 'giusta' di altri?
Capisci che non difendi il Cammino riferendoci che la tua fede e il tuo modo di essere credente è legato a doppio filo con esso?



Lino ha detto...

Una risposta per Marisa, che ha detto: "Sono altresì convinta che perdo solo tempo perché non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire né cieco di chi non vuol vedere (come diceva un certo Gesù Cristo)"

Questa cosa qui, Marisa, avresti dovuto dirla diversamente. Non ricordo - potrei avere problemi di memoria, però, tu saprai citarle virgolettate - pericopi di Cristo con le parole che hai riferito. Se non sai rammentarle, per favore, non modificare i loghion del Signore, è un vostro pessimo vizio.

Questa cosa qui tu l'hai tratta - come spesso si fa - da Gv 9. Le parole precise sono: "Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: Noi vediamo, il vostro peccato rimane»". Sono parole rivolte ai farisei e queste parole voi neocatecumenali le travisate di continuo perché con Kiko fate vedere al cieco il fango dei suoi peccati invece che l'argilla della guarigione: nemmeno avete capito che il peccato in Giovanni è il mancato riconoscimento di Cristo come il Signore, peccato che il cieco non poteva avere non avendolo incontrato prima e non potendolo vedere essendo cieco nato, a differenza dei farisei.

Tu Marisa, sarai pure in Cammino da 21 anni, ma come il 99,99% dei neocatecumenali ascolti e diffondi un vangelo mistificato, anche mediante icone mistificate. Che roba è questa, quando mai l'apostolo Giovanni è stato in seno a Gesù già risorto, in una Cena? clicca qui e spiegacelo
Io ti spiego che questa icona è la vostra Eucarestia, tutta dislocata sulla Resurrezione, sulla vittoria sulla morte.
Dai, Marisa, dimostra che quanto ho scritto sopra è una malignità, che io sbaglio a dire che la vostra vera debolezza è l'ignoranza, la mistificazione del Vangelo.



sandavi ha detto...

Il Gesù di Marisa parla per proverbi popolani. Non credo legate leggiate le cose che scrivete....

by Tripudio ha detto...

Ringrazio la sorella Marisa per aver testimoniato la propria ignoranza, dovuta all'appartenenza al Cammino.

Breve riepilogo:

"eresia" = distorsione di una verità di fede;

"liturgie del cammino" = carnevalate e pagliacciate (la "comunione seduti" e "tutti insieme contemporaneamente" è proibita dai documenti liturgici eppure nel Cammino si fa sempre e comunque nessuno si inginocchia mai; il balletto-girotondo finale è antiliturgico; la formula della consacrazione è stata alterata "Padre-Padre"; si usa una hannukkià a nove fuochi non prevista dai documenti liturgici; vigono esclusivamente i canti di Kiko; ecc.)

- da notare che l'articolo 13 dello Statuto del Cammino, alla nota 49, comanda ben due volte (lettera del 1° dicembre 2005 confermata personalmente dal Papa il 12 gennaio 2006 e che è ancor oggi quadro normativo valido per il Cammino) che le liturgie seguano il Messale Romano senza aggiunte né omissioni, e invece il Cammino ancor oggi disubbidisce;

"parlare apertamente di Gesù e di Maria" = lo fanno anche protestanti, musulmani, ebrei e testimoni di geova, ognuno a modo suo; il modo di Kiko non è cattolico, e dà luogo ad ambiguità (al punto che presbiteri kikiani vanno dicendo che Gesù sarebbe stato un peccatore che ha fatto esperienza del perdono del Padre) e vere e proprie eresie (Kiko per esempio va dicendo che la confessione dei peccati mortali sarebbe facoltativa e rinviabile a piacere);

"volgari insinuazioni" = esattamente le tue:
- "contesti che non conoscete": non hai dimostrato che non li conosciamo
- "totalmente inesatti": non hai spiegato quali sarebbero quelli esatti
- "ebrei vissuto esperienza inimmaginabile": non puoi dimostrarlo
- "mai sentito defezione immagini sacre": beata te che vivi su Plutone;

"vescovi cardinali Giovanni Paolo II hanno concelebrato": mezza verità, cioè totale menzogna: hanno voluto celebrare la liturgia della Chiesa, non quella di Kiko, e comunque gli scempi neocatecumenali sono stati fatti lo stesso davanti a loro o alle loro spalle: tutto questo non li rende complici del Cammino ma anzitutto vittime (del resto i kikos sanno fingere di essere "cristiani della domenica" qualora sia necessario per far bella figura davanti a un prelato);

"elogiato i frutti del cammino": mezza verità, cioè totale menzogna; hanno in realtà elogiato i frutti dei cuori dei singoli, non hanno mai elogiato le ambiguità, le eresie, lo sfascio liturgico, il culto della personalità di Kiko, le "decime", la scarnificazione delle coscienze e tutto il resto;

"La Pace di Gesù Risorto": dopo aver giudicato con arroganza e menzogne i cuori di chi partecipa a questo blog (credi di essere uguale a Dio?) vieni a proferire un'espressione del genere per metterti comodamente la coscienza a posto?

Autore della Lettera ha detto...

Mia cara Marisa (e non lo dico con tono ironico),
quello che scrivi lo capisco, e molto bene, perché fino a non molto tempo fa avrei scritto esattamente le tue stesse parole, nello sforzo di difendere il Cammino come unica ancora di salvezza per la mia vita e di farlo capire a tutti i costi agli altri. Proprio per questo mi permetto di farti notare alcune cose.
Punto 1: quel certo Gesù Cristo di cui parli e che sembra solo tu conosca, chi ti dice che qui nessuno lo conosca solo perché si ha delle perplessità e critiche sul CNC? Sei veramente convinta che non condividere il CNC per certi aspetti corrisponda a non conoscere Gesù Cristo? E se pensi questo (da quello che scrivi perdonami sembra proprio così, tanto che sei contenta che sempre più Vescovi si stiano finalmente convertendo), significa quindi che il resto di Santa Romana Chiesa non crede in Gesù Cristo?
Punto 2: mi permetto di darti un consiglio sul fatto degli elogi dei Papi. Anche padre Maciel fu molto elogiato, anche e soprattutto da GPII (santo a cui sono molto legata e a cui devo molto della mia formazione cristiana). Le accuse a Maciel (fondatore del Regnum Christi, Legionari di Cristo) iniziarono a uscire fuori già dagli anni '60 se non ricordo male, eppure andò avanti con la sua opera, che però poi si dovette rivedere integralmente alla luce dei fatti comprovati dalla Chiesa dopo un'osservazione durata qualcosa come 50 anni. Con questo non sto insinuando nulla, dico solo che a giudicare preventivamente (sia nel bene che nel male) si rischia di commettere seri errori di valutazione, anche se sei il Papa (magari puoi approfondire il dogma dell'infallibilità papale, scusa ma non mi sembra ti sia chiaro). Il problema è che nel CNC non è la santità di vita di un Pontefice che ne attesta appunto la santità, ma se ha parlato bene del CNC. Il problema è che viene utilizzato questo come metro di giudizio: cosa pensa del CNC? In caso negativo, ovvio che non si può parlare di niente. Essere santi non vuol dire non fare errori, anche di valutazione, e il caso Maciel lo ha ampiamente dimostrato. Che poi prima o poi la verità viene fuori, sia lodato il Cielo! E che la Chiesa non abbia raso al suolo i Legionari di Cristo ma abbia avviato una profonda riforma dimostra la maternità vera di una Chiesa che anche di fronte a tanti scempi commessi, non distrugge né demolisce, ma riedifica. Il punto è che è scorretto e intellettualmente disonesto, e pure tanto, giudicare una realtà come santa ascoltando solo chi ne parla bene. È facile dire "abbiamo vinto" senza contare i morti e le scie di sangue che ti lasci dietro, e per quanto questo ti mandi il sangue al cervello, il CNC in questo ha poco di cui vantarsi, molto poco. E poi è contraddittorio: se è così genuino, in che modo le esperienze negative comprometterebbero tutto? Semmai potrebbero essere spunti per correggere e migliorare alcuni aspetti (e ce ne sarebbe, più di quanto pensi!)
Punto 3: anche chi ti risponde ha 21 anni di cammino. Te lo dico per evidenziare un aspetto del tuo intervento che forse tu non noti: parti dal presupposto che qui nessuno sappia di cosa si stia parlando, accusi di essere disinformati e ignoranti. Chi parla qui è per lo più gente che il cammino lo ha vissuto da dentro, per molti anni, che magari è stato catechista e ha vissuto le dinamiche dei "piani alti" e sa esattamente di cosa parla. E chi non lo ha "fatto", lo ha studiato seriamente su testi attendibili (i mamotretri, che dicono con estrema esattezza cosa sia il cammino). Per te è un'eresia dire che il CNC non è obbediente alla Chiesa, per me lo è stato sentir dire nelle catechesi che la Chiesa nasconde il Kerygma, con il beneplacito dei catechisti, perché tanto "Dio tappa le orecchie di ascolta". Che ci vuoi fare? Questione di esperienze e situazioni... Però, permettimi, le eresie sono quelle contro le verità di fede della Chiesa Cattolica, non quelle contro il CNC. Che tu e io lo accettiamo o no.

Autore della Lettera ha detto...

Punto 4: relativamente all'adesione al Messale Romano, dovresti rileggere l'articolo 13 degli statuti.
Punto 5: il video l'ho visto e più volte. Guarda che il problema non è il video, né il suo contenuto, esattamente come quello di quest'anno (che non dubito tu abbia apprezzato come mai prima negli ultimi 15 anni). Il problema è mettere il segreto con la scusa che non sarebbe compreso. Qual è il motivo? Il Cristianesimo non è religione di arcani. Tralasciando quello degli ebrei (che non aveva senso secretare, anche perché se è una testimonianza così bella e importante, allora semmai dovresti divulgarla più che puoi), parliamo di quello di quest'anno: perché non si può pubblicare? È la testimonianza di un uomo che si è convertito e che per diverse persone, anche dentro la Chiesa, è santo. Scusa ma non ha senso. Semmai sarebbe un'occasione di evangelizzazione. O no? Perché c'è sempre qualcuno che "non capirebbe"? Mi chiedo sinceramente "chi è" che non capirebbe" e "che cosa" non capirebbe.

Per concludere: secondo te, nei frutti del Cammino, rientrano anche le insinuazioni (perché noi cattivoni non ti avremmo mai pubblicata), le accuse di menzogna e calunnia (siamo disinformati e parliamo a pappagallo), lo screditamento delle altrui sofferenze e testimonianze con annessa etichettatura di "bugie e diffamazioni" sulle stesse, senso di superiorità, che tu lo riconosca o no, per aver capito qualcosa che altri ciechi e sordi proprio non vogliono vedere e capire, l'ipocrisia e l'arroganza di augurare la pace dopo aver insultato e screditato per benino chi proprio si ostina a non darti ragione? Oppure sono solo le Lodi, il numero di figli e cose simili? Nel senso, è solo una questione di forma o conta pure la sostanza?

Sarei sinceramente contenta se potessi rispondere

Giuseppe ha detto...

@marisa tu dici:"Per la cronaca sono 21 anni che sono nel cammino e ringrazio Dio ogni giorno della mia vita, cominciando la giornata con le Lodi, insieme a mio marito e non perché siamo meglio di chi non è del cammino ma riconosciamo le nostre debolezze e abbiamo imparato a conoscere l'Amore incondizionato di Dio Padre che mi ama come sono, senza giudicarmi".

Credo tu voglia dire,ringrazi Dio,perché grazie al cammino hai conosciuto il Signore, quando invece prima o eri atea o eri una cattolica, come si suol dire all'acqua di rose.
Ma il fatto che in un confronto tu senta il bisogno di farci la predica è tipico di chi ha una religiosità affettata, che a sua volta è tipico di chi si chiude in un gruppo, per intenderci in una setta. Ne sono più che certo, perché conosco i Testimoni di Geova e sono stato anch'io 20 anni nel cammino.
Hai detto che hai conosciuto l"Amore incondizionato di Dio Padre che mi ama come sono, senza giudicarmi". E come? Gettandoti il fango Kikiano che ti fa sentire sporca? E' così che Dio non ti giudica?
Cerca di riflettere, perchè vedo la tua buona fede. leggi Giovanni 9 e scoprirai che il Gesù del vangelo non è quello del cammino.
Tu dici: (anime) "tormentate , alla ricerca e che, forse stanno cercando in modo sbagliato".Il nostro non è tormento, ma quello che una volta si chiamava "ansia di apostolato".E'quell'amore alla verità di cui oggi sembra si sia persa traccia.Come insegna la Chiesa la prima carità è la verità.
Chiudersi nelle proprie convizioni, senza prendere in considerazioni obiezioni fondate sulle stesse parole scritte dagli iniziatori o essere evasivi, non è vera fede.
Tu comunque, con questo intervento, grazie a Dio, dimostri di essere (anche tu e non soltanto noi) alla "ricerca", e questo ti assicuro non è un male, ma un bene. Tutti quanti dovremmo esserlo.

l

Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lino ha detto...

@ apostata ha detto: "Vi hanno spiegato di avervi insegnato eresie ed errori correggendo quanto detto in passato?"

Ma no, domanda troppo difficile: mica vuoi che la signora Marisa si sia messa a confrontare il vecchio mamotreto con il nuovo, quando il primo era segretato e il secondo è stato pubblicato in inglese nel 2012? La signora Marisa, impegnata nelle lodi con il marito - mica il suo matrimonio è stato salvato dal Cammino? Questa novità non mi dispiacerebbe - non si cura d'altro. Infatti la signora ha scritto: "Mai sentito insulsaggini sulla defezione di immagini sacre e dell'obbligo di portare quelle del cammino". La signora Marisa, nella sua saletta, oltre a quelle di Kiko vede altre immagini sacre. Sfarfallio del fango sugli occhi, questo, può accadere di vedere cose che non ci sono nel sonno della ragione, il quale genera mostri.

Pax ha detto...

cara Marisa,
Ti ho letto stanotte alle 2, anche io non potevo dormire.
Scrivo su questo blog, senza lanciare insulti ne' volgari insinuazioni e le eresie le lascio volentieri a voi, dopo 30 anni nel cammino ne sono uscita quando mi è stato chiaro che non c'era alcuna umiltà ne' ascolto nei confronti della Chiesa è una totale censura di chi, come me, era fuori dal coro.
..... Perdonami ma ho perso ogni speranza di poter, dall'interno, dare il mio contributo quando mi sono resa conto che per quelli che guidano il cammino, i soli che contano, da tempo si era compiuta la parola "hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono" perché i loro cuori si sono induriti!

1. Nessuno ti ha censurata........ e spero di riuscire a rispondere a qualche "perché ", non con concetti astratti, ma con la mia esperienza.
Non hai "mai sentito insulsaggini sulla defezione di immagini sacre e l'obbligo di portare quelle del cammino"?
Nella mia famiglia di origine, come si dice nel cammino all'esperienza, è stata sempre forte la devozione e l'affidamento alla Madonna e io ho sempre portato la Medaglia miracolosa (regalatami da mia madre) di Caterina Labuore' (dico oggi, essa mi ha preservata!") Carmen stessa, che ho avuto l'onore di conoscere di persona, mi urlò in faccia in una convivenza: "E tu che porti sempre queste medagliette della Madonna!!!" Ti risparmio il resto!

2. Qui tocchi l'apice e riporto le tue parole: "eresie sono di chi dice che abbiamo delle Eucarestie diverse e non consone con il rito di Santa romana Chiesa"
Affermazione incomprensibile se confrontata con la lettera di Arinze del 2005, che il Cardinale stesso precisò essere la PAROLA FINALE DELLA CHIESA SULLA EUCARESTIA NEOCATECUMENALE e che dava un tempo massimo di 2 anni per passare dal modo invalso nelle Comunità di Celebrare l'eucarestia a quello di tutta la Chiesa, ma comprensibilissima nella prassi del cammino e conferma preziosa del fatto che abilmente vi tengono all'oscuro della verità con nessun rispetto della dignità di ciascuno di voi che continua a mettere la propria vita nelle loro mani!!!!
Ti giustifico per questa assurda affermazione perché so bene che a voi, poveri CAMMINANTI senza galloni, Kiko e gli itineranti fanno arrivare, completamente travisati, i pronunciamenti ufficiali della Chiesa sul Cammino e non fanno arrivare NULLA delle innumerevoli correzioni apportate dalla Santa Sede sia alla predicazione che alla prassi liturgica.
La loro astuzia sta nel trasformare le "correzioni" in "approvazioni".
E a questo credete, in perfetta buona fede, tutti! e vi sentite offesi e attaccati quando leggete le nostre esperienze che definite "malignità gratuite di anime tormentate alla ricerca".....
Non mi offendo per questo, anzi ti ringrazio perché mi dai conferma dell'azzeramento di ogni retto giudizio che provoca il Cammino e, se ce ne fosse ancora bisogno, dell'annichilimento della persona. Che bei frutti!
Questo succede perché avete sempre e solo "ascoltato" loro, come vogliono e vi impongono, e non vi siete mai documentati, che significa semplicemente LEGGERE e CAPIRE cosa la Chiesa ha detto dagli Statuti in poi agli Iniziatori e quindi a tutti noi che stavamo nell'esperienza.
Io ero lì, all'epoca della consegna degli Statuti, quando Stafford (forse aveva dubbi sul modus operandi dei capi del Cammino?) venne di persona alla Convivenza di itineranti per consegnare i 5 punti che, come ci disse, dovevano accompagnarne l'approvazione e nei quali erano delineate consegne puntuali da attuare con perfetta obbedienza, e aggiunse "se volete che i vostri frutti siano ancora più copiosi e duraturi!".
Già questo attirò il mio interesse: perché Stafford veniva a Porto S.Giorgio per consegnare di persona, a nome del Papà, gli Statuti a tutti gli aderenti al Cammino??

CONTINUA

Pax ha detto...

La cosa che mi colpì e, ahimè, presi alla lettera, fu la sua raccomandazione, egli disse: questa consegna di perfetta obbedienza la faccio non solo agli iniziatori e agli itineranti MA A CIASCUNO DI VOI, CIASCUNO DI VOI È RESPONSABILE DELLA ATTUAZIONE DEGLI STATUTI COME VOLUTI DALLA CHIESA! Parola che a mie spese ho preso molto sul serio!
Come vedi non ti rispondo con chiacchiere ma con eventi storici che hanno fatto parte del mio essere nel cammino.
Secondo te perché ne sono uscita irrevocabilmente?
Quei 5 punti andavano ascoltati con attenzione, assimilati, attuati e FEDELMENTE riportati a tutte le comunità, COSA MAI FATTA.... Andato via Stafford un velo pietoso è stato steso sulla sua visita e l'unico interrogativo che serpeggiava tra gli itineranti era "che dite, lo pubblicheranno sull'Osservatore Romano?"
Dubbio che affliggeva molto Kiko.
Furono pubblicati, ma questo non cambiò di una virgola quanto già pianificato da Kiko e i Cefali, ossia "sopire....chetare", tanto la truppa è stata addestrata in primis a consegnare ai catechisti il proprio cervello, attraverso l'immolazione dell'idolo sul monte Moria.
La predicazione del Kerigma kikiano, che magari non converte dall'uomo vecchio alla creatura nuova, sicuramente azzera in maniera, questa si' miracolosa, ogni capacità critica di colui che "ascolta"!
L'esortazione, poi all'apertura e all'unità è una raccomandazione alle Comunità di aprirsi all'esterno e essere uno con la Santa Madre Chiesa.
3. "Sempre per i disinformati, i presbiteri del cammino sono missionari ma diocesani e quindi soggetti prima al Vescovo ed anche Kiko deve chiedere il permesso al Vescovo se ha bisogno di qualcuno."
Cara Marisa la teoria la hai imparata bene.
Purtroppo la pratica, aggiungo amara, è un'altra. E qui Kiko e compagni toccano l'apice!
Con le mie orecchie ho sentito da Kiko stesso e dai suoi itineranti: "a chi obbedisci tu, al Vescovo o a me?"
Non voglio spiegarti anche questo, dattela da sola la spiegazione, ti ricordo la storia di Fabio Rosini, ma ce ne sono tantissime altre di presbiteri dei R.M. lacerati da questo ASSURDO CONFLITTO che ha radice solo in una idolatria smisurata..... Come l'insinuare: "Dicci la verità, tu sei d'accordo col Vescovo, vero??"
Come vedi nessuno ti ha censurata e io ed altri qui abbiamo volentieri risposto ai tuoi tanti perché, sappiamo come stai, ci siamo passati molti di noi, la disillusione è stata dolorosa e le ferite sanguinano ancora, ma non possiamo negare l'evidenza: Kiko e la sua creatura .... Un grandissimo inganno!

PAX

l'apostata ha detto...

@ PAX

"...Carmen stessa, che ho avuto l'onore di conoscere di persona, mi urlò in faccia in una convivenza: "E tu che porti sempre queste medagliette della Madonna!!!" Ti risparmio il resto!"

A noi non lo risparmiare il resto! La tua è una testimonianza diretta.

Raccontacelo, per favore.

Ciao.

Autore della Lettera ha detto...

Grazie Pax, la tua testimonianza di esperienza diretta è disarmante.

Pax ha detto...

Caro apostata
ho letto il tuo invito, ma piano...piano, sono tante le cose vissute.
già scrivo anche troppo, poi non è un commento ma un romanzo e, credimi, mi costa non poca fatica, a parte il tempo.
Ho piacere di contribuire alla causa con la mia esperienza e non mi sottraggo, dal momento che dopo molti anni ho deciso di raccontare.... spero solo che serva a qualcosa.
vi seguo tutti e apprezzo molto i tuoi commenti così diretti.
Grazie a te!
Buona settimana a tutti

Pax

l'apostata ha detto...

@ Pax


".... spero solo che serva a qualcosa..."

Serve, serve, altroché! Gutta cavat lapidem.

Tu comunque scrivi liberamente quando te la senti e quel che ti senti di raccontare.

Mica è un terzo grado neocat il blog ;-)

Buona settimana anche a te.

Anonimo ha detto...

http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/laity/documents/rc_pc_laity_doc_20020630_stafford-porto-san-giorgio_it.html

Pax ha detto...

All'apostata:
1. Gutta cavat lapidem: La goccia scava la pietra.
“Dicette o pappice vicino a’ noce, ramm’ o tiemp’ ca te spertose”
(proverbio napoletano)
“Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti perforo”
Grazie davvero caro, hai ragione, mi porto ancora un poco di "pesantezza" del cammino, 30 anni sono troppi!

e ad Anonimo:
Grazie anche a te,ricordavo a mente, ho ricopiato qualche stralcio del discorso che riguarda quello che ho testimoniato ma è bello da rileggere tutto.... pensate Stafford si prese la briga di leggerlo integralmente in assemblea di itineranti!.. ancora ricordo che alla conclusione: "QUANTI TRA VOI camminano per queste strade benedette saranno come bambini, come gli angeli che vedono costantemente il volto di Dio. La vostra santa semplicità vi dischiuderà l'indivisibile semplicità di Dio."
fui molto colpita da queste parole... essere come bambini....
Santa Semplicità... Santa Umiltà...
che loro, purtroppo, non conoscono!!!

PONTIFICIUM CONSILIUM PRO LAICIS
DISCORSO DEL CARDINALE PRESIDENTE
JAMES FRANCIS STAFFORD
Porto San Giorgio
Domenica 30 giugno 2002

"-Affido AD OGNUNO DI VOI questi Statuti, ALLA RESPONSABILITA' DI CIASCUNO DAVANTI A DIO. SIETE TUTTI CORRESPONSABILI nell'adeguare il vostro operare alla regola che vi è stata data, le cui indicazioni normative vanno rispettate integralmente.

-In questi anni in cui camminerete insieme nell'applicazione di questi Statuti, vi chiedo di essere attenti a tutte le strade che portano a Dio, indicate dall'amore obbediente di Colui che è morto in croce. L'accettazione e l'applicazione fedele degli Statuti nonché l'obbedienza al Santo Padre e ai Vescovi della Chiesa sono centrali nella ricompensa promessa a coloro che seguono la strada segnata dalle Beatitudini: "Una buona misura versata nel vostro grembo, pigiata, scossa e traboccante" (Lc 6, 38).

-L'amore obbediente richiede la povertà che informa le Beatitudini. Mediante l'amore obbediente sarete sempre più condotti nel mistero della pienezza della gloria di Dio rivelata nella croce di Gesù. QUANTI TRA VOI camminano per queste strade benedette saranno come bambini, come gli angeli che vedono costantemente il volto di Dio. La vostra santa semplicità vi dischiuderà l'indivisibile semplicità di Dio."

Pax

Anonimo ha detto...

Cosa dite sulle parole del capo della Dottrina della Fede?

grazie

Luca

by Tripudio ha detto...

Cosa dobbiamo dire? Dobbiamo dire che Nostro Signore non è sordo, e quindi ha sentito benissimo e gliene chiederà conto. E dobbiamo ricordare anche che Nostro Signore non è cieco, e quindi ha visto benissimo le malefatte neocatecumenali ai danni del Suo gregge, spirituali e materiali, liturgiche, dottrinali, sociali, familiari, economiche...

Cos'altro volete che diciamo, fratelli del Cammino? Se proprio volete ascoltare qualcosa che vi faccia piacere e vi faccia comodo, andate in comunità, lì ve ne racconteranno di ogni genere. Proprio come profetizzato nella seconda lettera a Timoteo (2Tm 4,3-4): «Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri [come Kiko] secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole [neocatecumenali]».

Jan Kopernik ha detto...

"Lo sai anche tu che se accadesse qualche frizione tra catechisti e sacerdoti, sono i catechisti che prevalgono nel ruolo di guida dei fratelli, buon per te che nella tua parrocchia non è successo ma la storia di Don Fabio Rosini la conosci? Lo sai che Kiko disse ufficialmente che i fratelli in cammino non devono avere direttori spirituali perché la guida spirituale è il cammino stesso? Li conosci i seminaristi o sacerdoti Redemptoris Mater...."
Confermo che è verdissimo .
Don Giorgio di RM