sabato 21 maggio 2022

Nel mezzo del Cammin, la Triade Oscura. Test: 2/3 (Psicopatia)

Continuiamo la riflessione sul test della Triade Oscura (machiavellismo, psicopatia, narcisismo), che abbiamo compilato rispondendo per il Cammino Neocatecumenale sulla base di 50 anni di noti fatti e misfatti, inclusa la predicazione

Si veda a questo link l'introduzione generale, con le nostre motivazioni per occuparci di questo test e la parte riguardante gli aspetti del machiavellismo. A seguire, la terza parte, sul narcisismo.

Oggi esaminiamo il gruppo di domande sulla psicopatiadenominazione comunemente assegnata al disturbo anti-sociale della personalità, i tratti del quale includono: scarsa capacità empatica e bassa presenza di ansia, di rimorso e di vergogna, facilità nel violare regole e leggi, impulsività, malevolenza, crudeltà, aggressività che varia tra bullismo e crimine.



TEST DELLA TRIADE OSCURA. SECONDA PARTE: PSICOPATIA

DISPREZZO LA VITA E LA MORTE DEGLI ALTRI.

1. Sono cinico.

2. Tengo da parte informazioni delicate che possono essere utilizzate per ferire qualcuno in futuro.

3. Mi sento superiore a chi condivide i propri segreti imprudentemente.

4. Posso provare piacere nel deridere i perdenti.

5. Disprezzo chi non riesce a controllare le proprie emozioni.

6. Tutte le persone meritano un minimo di rispetto.

7. Non sono sconvolto quanto gli altri, quando muore qualcuno.

8. Non provo quasi mai rimorso.

9. Spesso sono stato definito spietato o insensibile.

RISPOSTE:

Sono convinto, l'ho detto e resta scrittoche l'amore sia una macelleria dell'anima e del corpo, un laccio di costrizione e soffocamento, una sopraffazione che esplode infine a coltellate e zuppiere spaccate in testa. L'amore lo detesto, perché non mi lascia libero di essere ciò che io sonocosa che mi interessa al di sopra di tutto. Ve lo faccio dire chiaramente dai miei araldi, in tutte le catechesi: l'essere umano è brutto, come si muove uccide, non ce la fa. Questo riguarda tutti voiTu non ce la fai.

Quindi, voglio che nelle comunità svisceriate tutte le difficoltà delle relazioni e che ne respiriate la disperazione. Chi non lo fa è un ipocrita. Me la chiamano violazione del foro interno, ma quale violazione. Se amare è impossibile a me, che ci ho provato per mesi quando andavo ai Cursillos, forse credono di essere migliori di me, gli altri? In realtà avete solo una soluzione per salvarvi da voi stessi: fare il mio Cammino e diventare uno : una schiera di copie identiche, decise da ME.

E poi, quanto mi diverte giocare al mago-psicologo durante gli scrutini (pag. 167), scarnificare le coscienze altrui... Più mi contraddicono, più violentemente e slealmente io li aggredisco. Anche se sono preti. Chissenefrega dei preti. Ora che i neocatecumenali sono un popolo, ho lasciato il mandato ad altri, i miei kikatekisti. Tra essi ci sono anche dei veri scalzacanisadici ed irrisolti, che non vedono l'ora di poter maltrattare qualcuno. Per questo motivo accettano di essere prima maltrattati da me. Più sono complessati ed irrisolti, meglio mi lavorano.

- Eih! La mia schiena! - Ci penserà il Signore, alla tua schiena.

Gli scrutinatori promettono che i segreti confessati pubblicamente in comunità saranno dimenticati. Invece, una moglie-scribacchina si segna tutto su un'agenda. Sono magnanimo, diamo un ruolino pure alle donne, a queste mogli dei fratelli di comunità! (Risata da iena isterica, in falsetto). Con gli scrutini li tengo tutti in pugno. Una volta che hai raccontato in pubblico certe cose, per giunta convinto di averlo fatto per il tuo bene, dove vuoi andare dopo? (Altra risatina in falsetto da iena isterica). Se esci sarai maledetto, e non solo da Dio ma anche dai fratelli della comunità e dalla gente là fuori: tutti, ma proprio tutti diranno male di te. Come gli ho insegnato io.

Il lavoro di psico-polizia me lo fanno quei fratelli assetati di reality-show, dei veri maldicenti a livello agonistico, che puniscono a colpi di gossip chi abbandona il Cammino. Ce ne sono in moltissime comunità ed io li lascio fare. Forse che ho mai insegnato a rispettare se stessi o gli altri? Forse che ho mai proibito le scarnificazioni psicologiche? Al contrario, i fratelli di comunità devono tirare fuori il peggio, scandalizzare, scandalizzarsi, litigare. Devono conoscere tutto il male gli uni degli altri. Quando avranno sciorinato le loro miserie davanti a tutti e si sentiranno uno straccio, ci penserà il Signore a cambiarli. 

Tutto questo trattamento lo riservo agli altri. Di certo dei cavoli miei non racconto niente, solo le solite storielle apologetiche piene di incongruenze e contraddizioni. Ma quelli ci credono e le ripetono sorridendo, con le stelline negli occhi (risatina isterica), e, soprattutto senza verificare mai niente. Credono a tutte le panzane, come la storiella della visione intellettuale, per dirne una, e mi amano così come sono. Mi idolatrano, anche se sono io che li ho portati a un ciglio dal dirupo e loro non hanno fatto altro che sbilanciarsi. 

Ho fatto anche circolare la voce che a me lo scrutinio l'ha fatto lo Spirito Santo, credono hanno creduto pure a quella (risatina isterica)Ma non mi vanno in giro a dire che il Cammino gli ha salvato il matrimonio? Finché restano in cammino, il matrimonio resiste. Basta che non escano. E intanto io incasso. Se poi qualcuno, da dentro o da fuori, dice basta, noi diciamo a tutti che quello lì ha il demonio. Se è un Vescovo diciamo che è un faraone, se è un parroco, che ha l'amante, se è un parente, che è un Giuda. Un'etichetta per ogni situazione, che i fratelli sono addestrati ad appiccicare da prima che l'occasione si presenti (così, faccio pure la bella figura del profeta ispirato).

Ecuador, 2017. Triste vicenda di un incidente d'autobus in cui hanno perso la vita 15 fratelli di una comunità. Foto dei funerali. Ne abbiamo parlato qui

Ah, i funerali... dimenticavo. Innanzitutto: siccome sto per morire io, devono morire molto presto anche tutti gli altri, e questo lo sto profetizzando negli annunci di Pasqua di questi ultimi anni. Per i funerali ho composto quel canto vivace, risuscitò, risuscitò alleluia alleluia, durante il quale i miei cantori scimmioni fanno a chi urla di più, con canto e controcanto. Si pestano i piedi per fare il solista (risata da iena, in falsetto). I parenti in lutto si scandalizzano, ma che vogliono da me, e chi è tutta questa gente? Chi muore va in cielo, buon per lui, fatevelo piacere, fatevelo bastare, il cristianesimo non è un sentimentalismo. Però per Carmen ci è andato bene un funerale pìù normale e un mausoleo matrimoniale con la tomba-lettino per Mario ai piedi.


MI ERGO A LEGISLATORE E GIUDICE. 

10. Preoccuparsi della moralità delle proprie azioni è da perdenti.

11. Essere eticamente corretto è più importante che far successo.

12. Faccio ciò che voglio e non mi sento particolarmente obbligato nei confronti di nessuno.

13. Non ho mai avuto problemi con la giustizia.

14. A volte agisco secondo un capriccio senza pensare alle conseguenze o ai rischi.


RISPOSTE:

Aveva ragione Lutero: è impossibile non peccareE se non ci riesco io, non ci riesce nessuno. Quando il Signore mi avrà convertito, non peccherò più: lui mi ha fatto, lui mi aggiusta. Non voglio essere schiavo della Chiesa autoritaria, che ti sovrasta e ti soffoca e ti possiede come una madre (II Scrutinio pag. 143) con la sua potenza gerarchica. Nella mia religione io e i miei catechisti parliamo direttamente con Dio, che ci risponde e ci dà i messaggi da riferire ai fratelli. Se qualcuno mi accusa di avere problemi con la legge e la giustizia divine, è perché il demonio gli ha fatto la controcatechesi (II Scrutinio pag. 88).

Nelle comunità abbiamo molti fratelli che si mettono d'impegno a sperimentare il peccato. Molti altri no, perché erano cattolici prima di diventare neocatecumenali. Ma li teniamo tutti insieme, con la storia che non esistono né buoni né cattivi, ma solo ipocriti e sinceri, rispettivamente. Poi, insegnando che l'amore coincida con l'amare il nemico senza resistere al maleriusciamo facilmente a far insabbiare (se non ci riusciamo, almeno minimizzare) i gravissimi abusi ed i suicidi che spesso si verificano al nostro interno. 

Per tener buoni gli abusati, li facciamo sentire in debito morale, imponendo loro di pensare innanzitutto ai propri peccati, e quindi di perdonare e non denunciare o chiedere scusa all'abusatore. Qualcosa di male devono trovarselo addosso, le vittime, così si tengono l'ingiustizia e non portano problemi al Cammino, cioè a ME. Dovete capire che l'importante è che la comunità si cementi e vada avanti, ed il trauma è un forte legante. Chi si brucia un pochino, scappa, ma chi è traumatizzato resta dov'è.

Chiediamo forza, coraggio e retta intenzione alla Madonna del Soccorso, qui ritratta subito dopo un efficace intervento su un demonio che insidiava due piccoli. (Statua di Maria SS, Patrona ed Avvocata della città di Sciacca)

In Italia, per fortuna mia, non si fanno le class action ed è stato abolito il reato di plagio. Negli Stati uniti invece, a Guamabbiamo avuto qualche grosso problema disciplinare col clero neocatecumenale, e con ben più che un presbitero. Ma, in particolare, col Vescovo neocatecumenale, truffatore immobiliare e pedofiloAnthony Sablan Apuron. Gli americani purtroppo non sono feudali e rassegnati alla depravazione, come da noi. 

Se un vescovo neocatecumenale ha il problema che gli piacciono i bambini (mamotreto del II scrutinio, pag. 150) e, poverino, ne abusa, oppure magari è ladro e quindi cerca di rubare, o se i suoi preti si formano in un seminario neocatecumenale RM invece che in uno di vecchio stampo (leggi: cattolico) allora i cattolici americani lo giudicano e lo perseguitano con la scusa di inchiodarlo alle sue responsabilità. 

Non si fermano finché non hanno rovinato finanziariamente la diocesi a suon di cause penali. A Guam anche le suore carmelitane sono uscite dalla clausura e ci hanno perseguitati e giudicati (leggi : randellati a suon di fatti) e ci hanno esposto al pubblico ludibrio. Pure il vescovo Byrnes, mandato a sostituire Apuron, ha mandato via quattro presbiteri dei nostri (per insubordinazione). Una persecuzione!

Ma noi abbiamo la nostra rete di protezione per i predatori sessuali. Li facciamo trasferire, non li consegniamo di certo alla giustizia Abbiamo anche dei pennivendoli di regime specializzati in cosmesi dei misfatti. Ciononostante, per colpa della persecuzione su internet e nei tribunali da parte delle vittime che si rifiutano di chiedere perdono al loro persecutore, il Vaticano è stato costretto ad abbattere due nostri amici (oltre ad Apuron anche McCarrick). Sono dei mastini, questi cattolici americani. Il blog Jungle Watch ha anche contraddetto il nostro pennivendolo (leggi: rimesso al suo posto, paragrafo per paragrafo).

Per quanto riguarda i capricci: quando voglio mettere una nuova bandierina sul mappamondo invio allo sbaraglio qualche famiglia, o meglio qualche ragazza che faccia da esca (risatina in falsetto), che mi evangelizzino un territorio. Poi comunico alla gente che siamo presenti anche in un nuovo paese. 

Casomai ci apro pure un seminario RM, tanto basta affittare un appartamento ed infilarci un paio di giovanotti delle comunità, che ho fatto alzare per me. Se i miei missionari improvvisati si trovano male perché non parlano la lingua, o perché nessuno li ascolta, o perché mettono in profondo imbarazzo gli abitanti del luogo, tanto che persino i Vescovi li rifiutano... poco mi importa. Un Vescovo non è Dio, e Dio è a me che parla, cavoli del Vescovo se Dio ha dato il carisma a me e non a lui (v. mamotreto del II passaggio, a pag. 187). Quindi sono io che decido, non il Vescovo.

FINE della SECONDA PARTE.

Leggi anche:
La "coppia diabolica" Kiko e Carmen: quando le affinità elettive diventano relazioni pericolose



Nota degli autori:

Siamo consapevoli del fatto che questa carrellata di oscurità neocatecumenali rischia di rievocare dolorosi ricordi. Lungi dal voler ri-traumatizzare le persone, ciò che ci auguriamo, come sempre, è che chi soffre di "sindrome post-cammino" si distacchi progressivamente dagli automatismi, dalle esagerazioni e dalle storture della setta, riprendendosi l'identità, la volontà, la Fede. Questa panoramica si rivolge anche ai fratelli dubbiosi che stanno considerando l'idea di uscire dal Cammino.

A questo proposito desideriamo aggiungere qualche osservazione:

1. Il machiavellismo neocatecumenale agisce pesantemente sulla spiritualità delle vittime perché imprime ed impone l'obbedienza alle eresie del Cammino. Consigliamo di rivolgersi ad un santo sacerdote e vero uomo di Dio, non appartenente al Cammino né compiacente con esso, per riprendere contatto con la Madre Chiesa Cattolica. Scrive Sant'Alfonso che un buon confessore è padre, medico, dottore e giudice. Raccomanda Santa Teresa d'Avila di scegliere il confessore a cui si chiede direzione (v. il Cammino di Perfezione, ai cap. 4 e 5) con estrema prudenza.
 
Per la salute spirituale, ci sentiamo di consigliare le seguenti cose:

⦿ Partecipare alla Messa Tridentina per purificarsi l'anima da quella kikiana.
⦿ La preghiera quotidiana continua, in particolare il Santo Rosario contemplando i misteri.
⦿ Riprendere in mano il Catechismo (il Tridentino va benissimo) per separarsi progressivamente dalle idee radicalmente errate e velenose che vengono insegnate dai catechisti e sono scritte nei mamotreti.
⦿ Un buon esame di coscienza, dopo aver riconosciuto le differenze tra la predicazione cattolica e quella neocatecumenale.
⦿ La confessione sacramentale generale.
⦿ La Santa Comunione, frequente se si può, accompagnata da quella spirituale.
⦿ Leggere libri autografi dei Santi, per far respirare aria pulita all'anima.
⦿ Inserirsi in una parrocchia sana (priva del Cammino).
⦿ Se al leggere questi consigli insorge un senso di malessere, turbamento, fastidio, anteporre a tutta la lista una visita ad un buon sacerdote esorcista.

2. Lo psicopatico va a ledere le funzioni vitali sia fisiche che psicologiche delle vittime. Spinge verso i propri obiettivi egoistici e se ne infischia delle conseguenze sugli altri. Ci permettiamo di raccomandare di:

⦿ Interrompere ogni comunicazione diretta ed indiretta con i personaggi intromissivi ed abusanti (catechisti, garanti, etc.).
⦿ Interrompere o limitare il più possibile ogni relazione con quei componenti malati della comunità che reggono il sacco ai suddetti. Limitarsi al minimo indispensabile, parlare di argomenti generali, non di sé né dei propri cari.
⦿ Denunciare gli abusi presso le autorità competenti, ove doveroso, e/o privatamente presso chiunque sia opportuno e prudente contattare.
⦿ Mettere in guardia altre vittime potenziali o effettive, informandole con precisione ed onestà, senza aver paura di mettersi a giudicare con rettitudine - senza scadere nel giudizio temerario o peggio nella calunnia.
⦿ Praticare uno sport aerobico, l'ossigenazione quotidiana è fondamentale. Dedicarsi ad attività rasserenanti.
⦿ Rivolgersi eventualmente ad uno psicoterapeuta specializzato nel disturbo da trauma cumulativo o trauma complesso (in inglese, C-PTSD complex post traumatic stress disorder) ed abuso narcisistico. Valutare diversi specialisti e scartare quelli neocatecumenali, gli ideologizzati e gli anticattolici, per evitare di aggiungere altra propaganda a quella kiko-carmeniana.
⦿ In nessun caso sostituire la psicoterapia alla vita di fede. Dio ci ha creati e la nostra anima appartiene a Lui. La terapia deve dare metodo e cadenza all' esame di se stessi, dei propri comportamenti e  delle relazioni con gli altri. Particolare attenzione andrà dedicata a stabilire come evitare di ricadere, anche solo parzialmente, in meccanismi settari.

3. Il narcisista si adopera per colonizzare l'identità altrui e sovrascrivervi la propria; svuota progressivamente le vittime di se stesse, le isola e le costringe in un ruolo sussidiario e funzionale ai suoi desideri. Vogliamo consigliare di:

⦿ Obbedire al comandamento di Nostro Signore sull'amore al prossimo come a noi stessi. Egli ci ha proprio comandato di amare noi stessi, con la stessa elevazione e santità che richiede nell'amore per il prossimo.
⦿ Senza necessariamente arrivare allo scontro diretto, abbandonare "il narcisista" e riprendersi l'identità, de-colonizzandola dai riflessi condizionati neocatecumenali. 
⦿ Abbandonare il pensiero magico e la superstizione. Smettere di credere ai superpoteri mentali o parapsicologici che il narcisista vanta di possedere sugli altri. L'alimento dell'ego del narcisista sei tuSenza la tua energia vitale e il tuo supporto, il narcisista si affloscia come un sacco vuoto e va a cercare un altro fornitore di energia. (Finché non si è sparsa la voce e riesce ancora a trovare qualcuno da vampirizzare).
⦿ Sgretolare, con la verità, l'immagine falsa che il narcisista vuole imporre di sé. Senza lo specchio delle sue brame egli sarà costretto a vedersi per come è, compreso il fatto che anche gli altri lo vedono per come è.
⦿ Ricostruirsi, recuperando gli interessi che la frequentazione della setta aveva fatto tralasciare.
⦿ Guardarsi intorno per trovare un nuovo senso di appartenenza ed amicizie sane, cioè prive delle dinamiche malate tipiche della comunità, sia da parte degli altri che da parte nostra.

Qualche fratello pio suggerisca a Kiko di rispondere a questo test sulla Triade Oscura - e, subito dopo, a quest' altro - per prepararsi bene alla confessione generale. Perché se va in Purgatorio Kiko (e che ci vada anche un po' al posto nostro, che ci siamo beccati una camminite per colpa sua), c'è speranza per tutti. E noi fuggiti dalla macina neocatecumenale preferiamo di gran lunga la speranza alla disperazione.

34 commenti:

  1. I funerali, la morte.

    Gesù, da sentimentale nevrotico non convertito quale era, apprese della morte dell'amico Lazzaro e pianse.
    Piansero con Lui anche le sorelle di Lazzaro, Marta e Maria, insieme a tutti i giudei che erano andati a Betania per consolarle. Dice la Scrittura che Gesù "si commosse profondamente, si turbò e scoppiò in pianto", proprio come un uomo qualunque non neocatecumenale.
    Doveva essere un piagnisteo complessivo da gente insulsamente sentimentale e senza fede, che non ha capito che la morte è un evento gioioso da celebrare come una festa, perché il deceduto torna alla casa del Padre.

    Nei loro funerali i neocatecumenali dichiarano questo perché loro sono forti, hanno una fede che supera ogni umano sentimentalismo, ancora più forte di quella di Gesù il quale, non riuscendo a vedere alcun aspetto gioioso nella morte dell'amico, invece che fare festa e ballare pianse di dolore.

    Nel Cammino ho visto persone che hanno subito perdite importanti combattere contro quel senso di dolore umano per mostrare il loro alto grado di conversione, l'accettazione totale della storia che Dio ha fatto con loro, prima a sé stessi e poi agli altri.

    Siccome recentemente ho letto un articolo che mi ha agghiacciato circa i funerali, trovando diverse consonanze con i neocatecumenali, ho subito pensato che i neocatecumenali sono stati precursori di questa moda, atta a cancellare ogni relazione con la morte.

    L'articolo è totalmente ateo e mondano e parla di come organizzare un funerale "a tema", nuova tendenza anglosassone che si dice stia prendendo campo anche in Italia.

    Cito alcune frasi:

    "Durante i funerali a tema, la veglia funebre non è considerata come un espediente per celebrare la morte della persona cara, bensì come un momento speciale per ricordare la vita del defunto, le sue passioni e le sue abitudini." (a tema neocatecumenale, per esempio)

    "Generalmente, lo scopo è quello di conferire all’evento funebre leggerezza e spensieratezza e di offrire ai convenuti un’occasione di raccolta volta a commemorare la vita del defunto"

    "Nel caso dei funerali a tema non sono previsti codici di comportamento e abbigliamento rigidi e impostati. Il clima è più disteso e rilassato. La spensieratezza del momento risulta necessaria per trasmettere ricordi felici e positivi della persona venuta a mancare. Il funerale, così, si trasforma in una vera e propria festa durante la quale gli invitati celebrano con gioia la vita e la memoria del defunto."

    "Generalmente, la musica accompagna anche le cerimonie funebri più tradizionali. In questo caso, però, è possibile alternare alle composizioni classiche canzoni più leggere e allegre." (aggiungerei anche ballare e battere le mani)

    https://inmemoria.paginebianche.it/guide/prima-del-funerale/funerale-a-tema-cosa-sapere/

    I neocatecumenali dovrebbero fare una bella catechesi a Gesù, spiegandogli che commuoversi e turbarsi non è da cristiani, che non si deve essere tristi di fronte alla morte, che è il demonio il signore della morte e gioire invece che piangere testimonia che uno ha la vita eterna dentro di sé.
    Il funerale, infatti, è una festa e si può anche ballare, schitarrare e battere le mani per far finta che non sia successo nulla.
    Che Gesù questo non lo sapesse, è veramente strano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la fede neocatecumenale è così forte che ogni volta che capita una guerra o un rivolgimento politico violento in un paese dove ci sono neocat. in missione, questi se la danno quasi tutti o tutti a gambe levate, sempre con "molto dispiacere", scrivendo poi lettere accorate che rendono pubbliche e parlando dell'amore di Dio. Così fu anni fa per il Ruanda, così è stato in tempi recenti per l'Ucraina. E allora dov'è tutta la vostra sbandierata fede? Perché non abbracciate la croce che dite di amare?? Ipocriti, falsi, sepolcri imbiancati siete. Della peggior specie. Ve lo dico io perché scappate a gambe levate. Perché quando c'è la guerra, c'è anche povertà e la gente deve pensare a sopravvivere e non a fare il Cammino, tanto meno a "sganciare il malloppo". E allora per voi non c'è più trippa per gatti. Perché voi non siete cristiani, ed è il vostro comportamento a manifestarlo. Se lo foste, ancor più nel bisogno aiutereste quelli che chiamate fratelli. Ma invece, di loro non ve ne importa un fico secco. Pensate solo a salvare la vostra pellaccia neocatecumenale.

      Elimina
  2. Gli psichiatri italiani hanno eletto il Cammino come "Miglior Manicomio del secolo"

    RispondiElimina
  3. Millemila spunti anche da questa fase due della Triade Oscura infernale.
    Dalla sua applicazione al Cammino Neocatecumenale ci si sorprende per le tante congruenze, che ci danno occasione per una analisi puntuale. Per parte mia molto sul piano concreto. Attingendo ai ricordi di una trentennale frequentazione. Finita con un addio irreversibile e salutare.
    Se li conosci fino infondo li eviti.
    Metti una distanza incolmabile tra loro e te. Se non vuoi alla fine soccombere sotto i colpi impietosi di gente che hai scoperto essere, a tue spese, effettivamente 'psicopatica'.

    I cui tratti (che possono vantare di riprodurre) sono:

    "scarsa capacità empatica e bassa presenza di ansia, di rimorso e di vergogna, facilità nel violare regole e leggi, impulsività, malevolenza, crudeltà, aggressività che varia tra bullismo e crimine."

    Mi applico per una sorta di antologia delle gesta kikocarmeniane, siglate da comportamenti congrui e conseguenti di tutta la casta dei cd. Itineranti e compagnia bella.

    A dopo, quando mi riuscirà di esporre. Intanto grazie a Jubilate Deo per il suo impegno.

    Pax

    RispondiElimina
  4. Elenco errori contenuti in questi pseudo consigli:

    ⦿ Partecipare alla Messa Tridentina per purificarsi l'anima da quella kikiana.

    Sbagliato, la messa Tridentina è un indulto riservato a casi limitati, autorizzati dalla Santa Sede e dall'ordinario del luogo, la messa di Paolo VI è l'unica espressione della lex orandi del Rito Romano, pertanto ogni fedele deve partecipare solo alla Messa di Paolo VI, dire il contrario equivale a disubbidire al Romano Pontefice e al motu proprio Traditionis Custodes.

    ⦿ La preghiera quotidiana continua, in particolare il Santo Rosario contemplando i misteri.

    Questo lo si può fare restando in Cammino, nel quale si recita anche la liturgia delle ore, preghiera ufficiale e più importante della Chiesa, più importante del Rosario.


    ⦿ Riprendere in mano il Catechismo (il Tridentino va benissimo) per separarsi progressivamente dalle idee radicalmente errate e velenose che vengono insegnate dai catechisti e sono scritte nei mamotreti.

    Sbagliato, prima perchè il catechismo tridentino, era rivolto ai parroci, non ai fedeli, infatti si chiama ad parochos, poi è superato dal Catechismo della Chiesa Cattolica,o dal suo compendio.

    ⦿ Un buon esame di coscienza, dopo aver riconosciuto le differenze tra la predicazione cattolica e quella neocatecumenale.

    Sbagliato, non esiste alcuna differenza, se non nella vostra mente, tra predicazione cattolica e quella neocatecumenale. Anzi il Direttorio Catechistico recepisce in pieno la novità del Vaticano II.
    ⦿ La confessione sacramentale generale.

    Consiglio sbagliato, deve essere il confessore a chiederla, poi è fuori posto, perchè è qualcosa di eccezionale, che il confessore chiede, non il penitente.

    ⦿ La Santa Comunione, frequente se si può, accompagnata da quella spirituale.

    Consiglio sbagliato, infatti se c'è la comunione reale, non ha senso parlare della comunione spirituale.l'una esclude l'altra

    Continua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco nuovamente Anonimo che si accanisce contro i consigli di JD.
      Ma che cosa lo preoccupa? Che qualcuno abbia un'idea di ciò che può essere utile spiritualmente che non coincide con la sua? Che poi, la sua è quella di Kiko...
      La Messa secondo il Messale del 1962, di san Papa Giovanni XXIII, è perfettamente valida, a differenza del "rito" neocatecumenale, e sarebbe utilissimo parteciparvi, per rieducare le ginocchia irrigidite alla genuflessione, le braccia atrofizzate al segno della croce e il cuore ormai avvezzo a considerare la Messa un festino di cui essere commensali a riconoscere il sacrificio di Cristo sul Calvario.
      Il rosario non è antagonista del breviario, anzi, non per nulla è stato chiamato il salterio di Maria, il breviario dei poveri e il breviario del Vangelo. Poi, visto che il consiglio è quello di una preghiera "continua", solo il rosario può accompagnare per tutto il giorno. Cosa più che necessaria per i neocatecumenali che drammaticamente lamentano sempre di non voler andare a Messa, di sentirsi lontani da Dio, di bestemmiarLo o di odiare il coniuge e i familiari per i motivi più assurdi.
      L'esame di coscienza, poi, la comunione spirituale, la confessione generale vengono rifiutate da Anonimo probabilmente perché Kiko non le apprezza, o piuttosto le teme. Ma possibile che dobbiate aspettare che Kiko "riscopra" (in modo di solito incompleto e deteriore) le belle pratiche che la Chiesa consiglia, per praticarle; anzi, per comportarvi come se le aveste inventate voi?
      Possibile che l'esame di coscienza spaventi così tanto? Anzi, la sola parola "coscienza" allarma. La Messa, anche quella parrocchiale, si cerca in tutti i modi di non farla frequentare. La preghiera è solo un modo per sentirsi a posto con le prescrizioni dei catechisti. La confessione è solo un'elencazione di peccati. La guida spirituale la fanno i catechisti inadatti ed ignoranti. Alla fin fine, viene da pensare che il consiglio più importante sarebbe l'ultimo: poi, a seguire, gli altri.

      Elimina
    2. Alle bestialità snocciolate dall' "anonimo" nel commento copia-incollato qui sopra avevamo risposto in diversi, punto per punto, già la volta scorsa. Eppure l' "anonimo" insiste come se nessuno avesse detto detto niente, persino con le medesime parole, ripetendo pure l'obiezione a quella cosa che nessuno ha detto e che a nessuno verrebbe (tranne che all'anonimo) e cioè: di fare la Comunione spirituale insieme a quella materiale.

      L'altra volta abbiamo modificato il post per agevolare l' "anonimo". Stavolta invece gli consigliamo, prima ancora di dedicarsi agli studi di teologia quellavera, lo studio intensivo dell' abbecedario, quello vero, cioè con tutte tutte le lettere dell'alfabeto.

      Elimina
    3. Il fatto che si accanisca ripetendo all'infinito sempre le stesse cose è segno della debolezza delle sue argomentazioni e tentativo di confondere le idee e depistare.
      Ma chi ha un minimo di intelletto comprenderà!

      Pax

      Elimina
    4. Concordiamo al 100 % con l'anonimo che rifiuta i consigli.......................

      Elimina
    5. A proposito della preghiera del Rosario.
      Un episodio di grazia.
      San Giuseppe Cafasso una mattina, molto per tempo, passando per le vie di Torino, incontrò una povera vecchia, che camminava tutta ricurva sgranando piano piano la corona del Santo Rosario.
      «Come mai così presto, buona donna?», chiese il Santo.
      «Oh, reverendo, passo a ripulire le strade!».
      «A ripulire le strade?... che vuol dire?».
      «Veda: questa notte c'è stato il carnevale, e la gente ha fatto tanti peccati. Io passo, ora, recitando delle Ave Maria, perché profumino i luoghi appestati dal peccato...».
      Il Rosario purifica le anime dalle colpe e le profuma di grazia. Il Rosario salva le anime.
      San Massimiliano M. Kolbe scriveva nella sua agendina: «Quante corone, tante anime salve!». Ci pensiamo? Potremmo tutti salvare anime recitando corone del Rosario. Quale carità di inestimabile valore sarebbe questa!
      Che dire delle conversioni dei peccatori ottenute con il Santo Rosario? Dovrebbero parlare san Domenico, san Luigi di Montfort, il santo Curato d'Ars, san Giuseppe Cafasso, san Pio da Pietrelcina...
      Il Rosario fa bene a tutti, ai peccatori, ai buoni, ai santi.
      Quando a san Filippo Neri si chiedeva una preghiera da scegliere, egli rispondeva senza indugi: «Recitate il Rosario e recitatelo spesso».
      Anche a san Pio da Pietrelcina un figlio spirituale chiese quale preghiera preferire per tutta la vita. Padre Pio rispose di scatto: «Il Rosario».

      Elimina
  5. Miracoli di Carmen Hernandez Barrera

    Miracolo n. quello del metaverso

    Kiko sta leggendo da tempo articoli sul metaverso, e non capendone una beneamata mazza, per evitare figure barbine, si è rivolto a Carmen, e lei da lassù gli ha spiegato che, inforcando degli occhiali speciali, entra in una realtà virtuale. Kiko si è procurato questi occhiali e, inforcandoli, ha visto una realtà nella quale tutta la Chiesa era diventata neocatecumenale, a iniziare dal Papa, cardinali, vescovi, ecc... per cui i neocatecumenali, che erano solo un milione, sono diventati un miliardo, cioè l'intera cattolicità. Kiko ha avvisato Semeraro che ha avvisato il Papa che ha detto : " eccelso, hermano cardenal, con il metaverso tutta la cattolicità es nel Cammino, infatti mi è passato anche il dolore al ginocchio. Que dire? Solo una parola : beatificasion".. Semeraro ha avvisato Kiko, che ha ringraziato il Santo Padre inviandogli un pacco con dentro un paio di occhiali da metaverso, con un biglietto : "que meraviglia que el mundo es todo neocatecumenal, Sancto Padre. Saludos Kiko".

    e la causa continua.....

    RispondiElimina
  6. MI ERGO A LEGISLATORE E GIUDICE.

    10. Preoccuparsi della moralità delle proprie azioni è da perdenti.

    11. Essere eticamente corretto è più importante che far successo.

    12. Faccio ciò che voglio e non mi sento particolarmente obbligato nei confronti di nessuno.

    13. Non ho mai avuto problemi con la giustizia.

    14. A volte agisco secondo un capriccio senza pensare alle conseguenze o ai rischi.

    Eh...ma questo è il ritratto di Kiko! E non solo...
    (Naturalmente alle due domande 11 e 13 le risposte devono variare tra molto poco e nulla).
    Nell'articolo la dimostrazione che tutti questi aspetti poco simpatici della personalità del capo, si sono trasferiti in quella dei seguaci, per il desiderio di imitazione del leader.
    Sì, perché Gesù non è un modello da imitare, è irraggiungibile; invece chiunque sia già un po' egoistello e poco sensibile di suo, può aderire con facilità al modello proposto, e nel contempo assicurare d'essere un vero cristiano delle origini!
    Perché preoccuparsi della moralità, di dire la verità, per esempio, se la menzogna attira molti adepti e molte donazioni?
    Perché, se l'obbiettivo è essere dei vincenti, come i nostri commentatori neocatecumenali ci confermano ad ogni articolo, farsi scrupolo d'essere credibili ed obbiettivi, ridimensionandosi e accettando di correggere gli errori?
    Non sentirsi particolarmente obbligati nei confronti di nessuno, per esempio, è l'obbiettivo di tutta la catechesi contro gli idoli del secondo passaggio; la famiglia ti aliena, il lavoro ti aliena, la parrocchia ti aliena... ti fanno sentire obbligato, ti tolgono la libertà, ti uccidono. Solo il Cammino non ti aliena. Quindi non ci si deve sentire in obbligo nei confronti di nessuno, neppure verso se stessi, tranne di chi si presenta come il Mosè, il profeta.

    RispondiElimina
  7. Andiamo nel dettaglio ai tratti
    1^ Parte:
    scarsa capacità empatica e bassa presenza di ansia, di rimorso e di vergogna.

    I caratteri distintivi e propri dei due iniziatori vengono puntualmente replicati e fatti propri da tutti i loro cortigiani.
    Ho compreso quali e quante siano le gravi conseguenze del cattivo esempio.
    Se ti spacci per santo ogni attitudine viene giustificata, anche i lati peggiori del carattere sublimati.

    Quando non ti lasci coinvolgere minimamente dell'altrui destino (si precisa: destino segnato proprio dall'aver scelto la sequela kikocarmeniana), men che meno per quella parte che dipende da te direttamente, assumi un'imperturbabilita' disumana.

    Che fa male a chi ne è oggetto. Egli sperimenta una fragilità grande e si sente indifeso. Deve fare appello a tutte le sue energie. Se non è egli stesso uno disposto alle pazzie totali come riscatto da una quotidianità grigia.
    Essendo la misura e il sano buon senso bandite del tutto come sintomi di poca e povera fede, al sorgere dei minimi e legittimi dubbi si oppone l'obbedienza cieca e piena fiducia nei propri mentori che supera tutti gli ostacoli.
    La 'fede forte' come loro la chiamano (forse meglio definirla spregiudicatezza) e la riprova dell'aver ripudiato sicuramente tutti gli 'idoli' (quando invece si è precipitati, mani e piedi, nella più pericolosa idolatria identitaria!).

    Pax

    RispondiElimina
  8. È d'uopo esemplificare.
    E parlo in primis di Kiko.

    Che ansia può mai prendere uno che non si lascia coinvolgere da alcun sentimento? Da nessun problema degli altri?

    A chi ha problemi che ostacolano l'evangelizzazione si dice che dar loro importanza è segno certo di non conversione, se pure si tratti di malattie serie proprie o dei familiari più stretti. (Minimo minimo due idoli congiurano contro la kikizzazione: la salute e l'affettività malata).

    Non contano i legami di amicizia: che per il Cammino (preferisco personalizzarlo) semplicemente 'l'amicizia NON esiste' è un inganno, una debolezza, una odiosa dipendenza...

    Men che meno gli affetti legittimi: che il Cammino come sorge un problema alla sequela kikiana derivante dalla moglie o dai figli, fratelli o genitori lo liquida col 'devi ODIARE"... e se un anziano genitore muore se ne escono con "i morti seppelliscano i loro morti" o col "chi mette mano all'aratro e si volta indietro..." (quando magari per andare al funerale del padre si tratta di perdere la prima giornata soltanto di convivenza di itineranti. Si rischiava - Carmen adirata - di essere rispediti a casa perché "ormai per te il kairos è già passato!")

    Meno ancora di niente valgono infine gli obblighi assunti in campo lavorativo e sociale, tutte e soltanto perdite di tempo e nutrimento del proprio ego, orgoglio, amore al successo, amore al denaro.

    Ti facevano per ogni cosa sentire uno schifo.

    Non ne parliamo se amavi uno sport.
    Anatema!
    Urlavano i due iniziatori.
    La parola sport non poteva neanche essere pronunciata.

    Evangelizzazione...
    "L'evangelizzazione non si può fermare!!!"

    Per il rimorso e la vergogna di questa gente senza pudore credo sia inutile aggiungere qualcosa.
    Rimorso di che?
    Sono infallibili
    Vergogna?
    Hanno la verità.

    Già solo là 1^ Parte!
    E sono sfinita.

    Pax

    RispondiElimina
  9. 7. Non sono sconvolto quanto gli altri, quando muore qualcuno.

    Questo punto potrebbe dare origine a delle contestazioni, perché è proprio del credente non essere sconvolto per la morte fisica, soprattutto se si hanno buone ragioni per essere sereni e di avere la ragionevole speranza, se il defunto è morto in grazia di Dio, avendo ricevuto i conforti religiosi, se insomma era "pronto" per la partenza, che sia salvo. Questo però non vuol dire che non si soffre, non si è tristi, non si piange. Non vuol dire che si balla scompostamente scavalcando le bare di decine di morti, fra cui due bimbi piccolissimi, rapiti prematuramente alla vita in un tragico incidente, come successe in Ecuador nel 2017. Soprattutto poi quando invece i funerali dei big del Cammino sembrano delle esequie papali...lì niente balletti.
    Non credo assolutamente che i parenti stretti dei defunti del Cammino non si sentano dilaniati interiormente; credo piuttosto che non gli si dia questa possibilità di elaborare il lutto, di piangere, come è giusto che si possa fare durante i funerali.
    Mi impressiona vedere mogli e figli andare all'ambone a fare le solite ambientali come nulla fosse: recentemente la moglie di un defunto neocatecumenale di spicco lo ha elogiato perché l'ha forzata a frequentare il Cammino anche quando lei non se la sentiva e si è commossa sì, ma parlando di Carmen.
    Ecco un altro caso in cui la personalità del fondatore, algida e per nulla compassionevole, per il quale è naturale non commuoversi per la perdita di qualcuno, anche se persona vicinissima (come Pino Fusca, definito da Kiko nella sua lettera di commiato come un "maggiordomo"), diventa un modello per tutti e il difetto, quello di non saper soffrire, di non essere empatico, diventa un pregio.
    Addirittura di certi funerali, come quello dei due fratelli morti in un silos dell'azienda familiare, ci si rallegra perché la grande emozione dei vicini e degli amici potrebbe attirarli in comunità.
    Mi chiedo quanto dolore e quanto rimorso potrebbe svilupparsi in chi si rendesse conto che gli è stato tolto anche l'ultimo conforto, quello di piangere per le perdite più amare.
    Anche questo è un frutto della deviata catechesi contro gli idoli dal primo passaggio in poi, che mira a rendere tutti, anche coloro che, per fortuna, non vi sono inclinati per carattere/scelta/traumi psichici, degli automi cinici, incapaci di riconoscere i propri sentimenti e di dar loro sfogo senza sentirsi inadatti al "regno dei cieli" neocatecumenale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo con te Valentina, infatti
      i Neocatecumenali, di fronte al mistero della morte, assumono una
      sorta di "rimozione" psico-fisica, attraverso la quale credono, di aver risolto il problema; cosa non vera, infatti con il ricacciare indietro forzatamente i sentimenti spiacevoli, altro non si fa che trasferire il problema, dallo stato
      cosciente all' "inconscio" il quale,
      non potendo dimenticare, potrebbe
      provocare sintomatologie psichiche come ansia e/o depressione o psico-somatiche.
      Di conseguenza, penso che la via migliore per affrontare la morte di chi ci è caro sia quella in uso da che mondo è mondo ovvero, dolore, pianto ed elaborazione del
      lutto; il tutto senza togliere nulla
      alla sacralità della Vita Eterna.
      Ruben.
      ---

      Elimina
    2. Sì Ruben hai ragione! Si tratta di una vera e propria rimozione, che a lungo andare (ma anche a breve termine) può portare a gravi conseguenze psicofisiche, come hai detto tu. Perché se uno è chiuso nella fortezza algida del proprio narcisismo, è chiaro che non sente dolore se non per ciò che colpisce il suo io; quindi certe personalità non subiscono alcun danno, non devono nascondere nessun dolore, perché semplicemente non lo avvertono; anzi, sono sollevati e grati al Cammino che permette loro di essere se stessi e, addirittura, li porta ad esempio.
      Ma gli altri no... gli altri si sentono forse degli eroi al primo momento, ma poi tutto il dolore e tutte le emozioni lì colpiranno in seguito, nel momento in cui sarebbe necessario reagire e farsi animo.
      E allora i "cari" catechisti, forse, diranno che non hanno avuto abbastanza fede. Oppure li obbligheranno a dire in uno scrutinio che quel caro è morto per dimostrare loro di non essere attaccati ai familiari... o chissà cos'altro.
      Questo è un aspetto del Cammino neocatecumenale che detesto dal più profondo del cuore.

      Elimina
  10. Andiamo nel dettaglio ai tratti
    2^ Parte:
    facilità nel violare regole e leggi, impulsività, malevolenza, crudeltà, aggressività che varia tra bullismo e crimine.
    Sintesi:
    - Non ho mai avuto problemi con la giustizia.
    Perchè parto da questo punto di approfondimento?
    Perchè l'approccio neocatecumenale alla giustizia è davvero dirimente.
    Sempre con la semplicità dei fatti vissuti e le parole ascoltate dalla bocca di Kiko che dimostra la verità vera del C.N. più di ogni altra disquisizione.
    A proposito della giustizia Kiko la liquidava con un asserto finale:
    “Dietro ogni richiesta di giustizia c’è il demonio”
    Questo per troncare sul nascere ogni anelito nelle vittime come nei testimoni onesti che si sarebbero aspettati dagli Iniziatori ben altro dallo sconcio che hanno sempre fatto nella gestione degli scandali, aggiungendo per le vittime al danno la beffa. Di doversi Sentir loro colpevoli di non saper perdonare i nemici e di resistere al male.
    Da qui tutto il marcio conseguente e facile da immaginare senza altre spiegazioni. Perchè se dietro ogni richiesta di giustizia c’è il demonio, io mi chiedo, dietro la negazione della giustizia di Kiko Arguello cosa c’è? Forse lo Spirito Santo? Non siamo ridicoli!
    Tanto più che la motivazione di tutti questi assurdi e corrotti e discutibili comportamenti è solo e soltanto la paura che gli scandali travolgano il Cammino. Unico bene da tutelare, con ogni mezzo legale o no.
    La “facilità nel violare regole e leggi” vien da sé ed è il minimo delle iniquità automaticamente conseguenti. Che vuoi che sia per loro? Kiko – novello Re Sole – è legge a se stesso. E a chi non gli va bene, peggio per lui!
    “ impulsività” viene de plano. Neanche la pazienza di rendersi comprensibili. Come qualcuno si opponeva a loro un minimo, poteva succedergli di tutto.
    “malevolenza, crudeltà” tutto è consentito. Quando non ce la facevano iniziavano le calunnie, e della peggior specie, coinvolgenti quasi sempre il piano sessuale.
    “aggressività che varia tra bullismo e crimine”
    Finale inevitabile.
    A chi sta bene, bene. E a chi no, siamo alle solite, o se ne dovrà andar via dal cammino o sarà sbattuto fuori prima o poi.

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Pax ieri 20,31
      L' affermazione di Kiko: “Dietro ogni richiesta di giustizia c’è il demonio”,
      e' una gravissima offesa, verso Nostro Signore, che essendo Giustizia Infinita, ne è il Massimo Fattore.
      Penso, che il non ricorrere MAI alla giustizia, né per offesa che per difesa, sia una sorta di alibi per blindare il Cammino dal dover produrre, nelle sedi giudiziarie, le proprie pecche ed i propri arcani; inoltre le cause costano e la vittoria, non te la porti
      da casa.
      Ruben.
      ---

      Elimina
  11. Brevissimo promemoria:

    - qualche giorno fa mons. Cordileone, arcivescovo di San Francisco in USA, ha escluso dalla santa Comunione un certo soggetto politico notoriamente abortista, ingiungendole personalmente di non presentarsi alla Comunione finché non ripudierà la propria opinione riguardo all'aborto.

    Questo evento "fa notizia" perché normalmente gli alti papaveri ecclesiastici, per timore di rappresaglie, sono soliti tacere di fronte a certi scempi di soggetti politici importanti.

    Noi cattolici invece sappiamo che Nostro Signore è realmente presente nel Santissimo Sacramento e perciò chi accede alla Comunione in stato di peccato mortale (ivi incluso il caso di grave scandalo, per esempio di chi professa posizioni abortiste, aggravato magari dal fatto di essere un prominente personaggio della scena politica) «mangia e beve la propria condanna» (cfr. 1Cor 11,29: è chiaro che se sei in peccato mortale e pretendi di fare la Comunione, di fatto stai "disconoscendo il Corpo del Signore", poiché lo tratti non come "Pane di Vita Eterna" e nutrimento di salvezza, ma come una specie di "sacro snack" inteso a simboleggiare qualcosa di secondario, tipo "l'unità fraterna" come i neocatecumenali).

    Vogliamo qui ricordare che nel Cammino Neocatecumenale la Comunione viene invece trattata come una specie di "snack" sacro, simboleggiante l'unità fraterna. Infatti è molto difficile e molto imbarazzante rifiutarsi di fare la Comunione.

    Mentre nella Chiesa Cattolica la Comunione è un gesto "personale" (chi vuole, si alza e va a riceverla; chi non è in condizioni di riceverla, non si alza e non va), nel Cammino è invece un gesto "comunitario", al punto che prima viene distribuita, e poi quando scatta il segnale, tutti insieme "manducano", perché il consumarla subito significherebbe "gesto personale" (la setta eretica neocatecumenale esige di trattare il Corpo di Cristo come se fosse un "sacro snack" da mangiare "tutti contemporaneamente" affinché si evidenzi l'unità della comunità, come se la cosa più importante della Comunione fosse "la comunità" anziché il personalissimo gesto del mangiare il Pane di Vita Eterna).

    Abbiamo un'infinità di testimonianze riguardo a "fratelli" e "sorelle" neocatecumenali che in stato di peccato mortale e di grave scandalo hanno allegramente continuato a "fare la Comunione", con i cosiddetti "catechisti" che approvavano e invogliavano, poiché essendo considerato un gesto "comunitario" bisognava farlo "riuscire bene", a costo di far "mangiare e bere la propria condanna".

    Ci chiediamo mestamente quanti fratelli del Cammino, seguendo gli eretici insegnamenti della setta di Kiko e Carmen, hanno guadagnato le fiamme dell'inferno. O credete forse che all'inferno ci vanno solo Hitler e Stalin?

    RispondiElimina
  12. psicopatia è l'acronimo di :

    Possiamo Sempre Indicare Catecumeni Osceni Perennemente Abnormi Terribilmente Indecenti Adesso

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Vorrei aggiungere qualcosa a proposito di questa caratteristica ulteriore evidenziata nel post a proposito del tema analizzato:
    La psicopatia.

    Al punto 5.
    . Disprezzo chi non riesce a controllare le proprie emozioni.

    Nell'istruzione degli itineranti che a nome di Kiko e Carmen vanno evangelizzando per il mondo e governando comunità impegnate nel percorso neocatecumenale c'è questo aspetto al quale gli iniziatori dedicavano molta attenzione.
    Il controllo delle emozioni.
    È detto che non bisogna mai lasciarsi coinvolgere emotivamente appunto.
    Ad una itinerante che si prendeva pena delle sofferenze psicologiche di una sua catechizzata - per di più dovute a una storia di abusi conclamata - con fermezza Kiko disse:
    "Ma tu ti fai coinvolgere dalle sofferenze altrui? Non sei adatta per itinerante!
    Chi si fa coinvolgere è perché è nevrotico. Un nevrotico non può fare il catechista...
    Ti andiamo a togliere!"

    Pax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pax per le tue testimonianze,
      quando si dice che la mela non cade mai lontano dall'albero.

      Elimina
    2. Questo commento mi colpisce particolarmente per più ragioni, alcune delle quali dolorose.

      L'empatia non si accorda con il narcisismo necessario a ricoprire il ruolo principe del contesto. Il catechista non deve soltanto imitare Kiko, ma deve contenere in sé quel piglio cinico e crudele che lo caratterizza. E quando ciò non si realizza qualcosa nell'ingranaggio si interrompe ed il cammino barcolla. Quindi: "ti andiamo a togliere!".

      Mi sento indignata ed anche disgustata, non si ha pietà per nessuno, è un ambiente senza speranza.

      Elimina
  15. "Gli scrutinatori promettono che i segreti confessati pubblicamente in comunità saranno dimenticati"

    Ma quei segreti vengono appuntati nella mente d'ogni singolo 'fratello' e sfruttati come merce di ricatto. Il catechista pretende un abbandono totale di sé, una consegna incondizionata del proprio essere, un affidamento senza riserve. Un'apertura del cuore che sfora nell'abuso, perché il tutto nasce da una pretesa di obbedienza che pressa le coscienze sino a far rivelare ciò che dovrebbe esser confidato soltanto ad un sacerdote. Tutto ciò fa quasi timore, deprime, scoraggia, toglie ogni briciola di dignità e rende schiavi, succubi del cammino, la sensazione è quella di essere appesi ad un filo che si stringe un pò di più ad ogni confidenza, una trappola che strugge la vita del singolo, della sua famiglia, ma anche dei semplici presenti nell'assemblea. Nelle sale si scandalizza e si uccide l'anima con una facilità allarmante e sconvolgente.
    Questi personaggi privi di reale autorità esercitano dominio sulla coscienza altrui, operando dei soprusi che, proprio per la loro natura spirituale, sono più infidi e rovinosi di qualsiasi altro tipo di abuso.
    Io ho vissuto il cammino sotto un profilo un pò differente, ma non sono scampata ai loro tentativi subdoli di annientarmi. Anch'io mi ritrovai circondata dagli occhi dei curiosi e dalle dita puntate di catechisti e sacerdoti definiti d'alto livello. Tutti riuniti per me, una ragazzina che non la smetteva più di dichiarare la verità. Mi incalzavano affinché mi pentissi della mia ricerca di giustizia, volevano che compissi uno scrutinio standard in cui aderivo alle idee di quegli uomini terribilmente ostili affermando pensieri che non mi appartenevano per poter mettere fine al trambusto che la verità aveva generato nel cammino. Un semplice soffio di verità ebbe un impatto notevole sul contesto, infatti li devastò causando agitazione, trasferimenti, incontri imprevisti, movimentazione dei fondatori. Ciò è impressionante e significativo.
    Mi presero di sorpresa dinanzi a tutti, pensando che in tal modo avrei ceduto e avrebbero potuto scrutinarmi modificando le mie percezioni, ma non funzionò. Volevano far calare il sipario sulla verità, ma non ci riuscirono.

    Non ebbero pietà neanche di una ragazzina priva di appoggi (secondo loro, io ero sostenuta dalla Vergine Santissima), perché dovrebbero averla dei vostri figli?

    Nessuna persona può esercitare autorità sulla coscienza dell’altro, neanche una guida spirituale - vera e santa - è dotata di una simile libertà. È un principio che non sopporta eccezioni o deroghe.

    RispondiElimina
  16. La "teologia" kikiana teme che si dia un'eccessiva rilevanza al sacerdote nella pratica penitenziale; essa ha una forte ripugnanza per quell'"io" premesso al "ti assolvo" e una grande disapprovazione per la riservatezza escludente l'assemblea; essa preferisce che il confessore si eclissi dietro alla comunità.

    - Ogni sacerdote che ascolta le confessioni è obbligato, sotto pene molto severe, a mantenere un segreto assoluto riguardo ai peccati che i suoi penitenti gli hanno confessato.
    Ed il laico neocatecumeno per quale ragione dovrebbe mantenere una discrezione così fitta? La riservatezza sui fatti altrui non è un tratto distintivo che gli appartiene.
    Ricordo con chiarezza i gruppetti che si formavano in seguito alle strazianti confessioni, ai risolini e alle chiacchiere senza carità effettuate proprio a ridosso dell'accaduto.

    Una volta un personaggio noto di una comunità tradì sua moglie ed i catechisti decisero di effettuare un incontro dinanzi a tutta la comunità. Da quella sala uscì fuori ogni circostanza, addirittura il fatto che il traditore stette tutto il tempo con la testa china senza proferir verbo. Ogni particolare venne dichiarato a voce talmente alta da risultare noto a tutti, anche a chi non aveva voglia di conoscere simili miserie.

    - Per la sua peculiare natura, il sigillo sacramentale arriva a vincolare il confessore anche “interiormente”, al punto che gli è proibito ricordare volontariamente la confessione ed egli è tenuto a sopprimere ogni involontario ricordo di essa.
    Invece tra i partecipanti delle comunità - che non sono sicuramente vincolati - vi è chi è talmente impreparato e sensibile da soffrirne anche in seguito. Certe rivelazioni non solo tornano alla mente ma possono segnare irrimediabilmente le relazioni - anche quelle importanti - e comportare delle profonde fratture Per non parlare della memoria infrangibile di certi aguzzini dell'anima, che ricorda tutto per filo e per segno per poter, a tempo debito, ricattare o punire i malcapitati.

    Il cammino è un ambiente malsano ove predomina la confusione e la trasgressione. E la spiritualità non può che risentirne gravemente.

    RispondiElimina
  17. Considerato che, a neocatecumenato già concluso, nel corso della tappa del matrimonio spirituale che si consuma presso la Domus Galilaeae in Israele, vengono celebrate le nozze con la comunità, cioè con il cammino, questo legame è nullo in partenza per tutta una serie di motivi, appunto, di immaturità e soggezione psicologica da una parte e di veri e propri disturbi della personalità dall'altra.
    Quindi chiunque si sentisse impegnato dalla farsa celebrata con tanto di certificato di nozze, detto ketubah, sappia che quel matrimonio, davanti a Dio e alla Chiesa, non c'è ma soprattutto non c'è mai stato.

    RispondiElimina
  18. "Per la salute spirituale...

    ⦿ La preghiera quotidiana continua, in particolare il Santo Rosario contemplando i misteri."

    Il santo Rosario ci salva nella lotta contro i nemici dell'anima, pregarlo ci illumina, edifica e rende liberi. Io son certa che sia stata proprio la semplice preghiera che compivo con il Rosario in mano a soccorrermi e a salvarmi. Tutta opera della Vergine Maria, Madre di Nostro Signore Gesu’ Cristo e Mediatrice di ogni Grazia.

    Santa Teresina ci insegna e assicura che «col Rosario si può ottenere tutto», e aggiunge la più bella spiegazione: «Secondo una graziosa immagine, esso è una lunga catena che lega il cielo alla terra; una delle estremità è nelle nostre mani e l’altra in quelle della Santa Vergine… Il Rosario sale come incenso ai piedi dell’Onnipotente. Maria lo rinvia subito come una benefica rugiada, che viene a rigenerare i cuori». 

    San Pio X espresse delle parole che, seppur semplici, fanno comprendere il valore del Santo Rosario nella sua portata più vasta:

    «Qualunque cosa… con il Rosario!». 

    Nel cammino si viene sopraffatti dal trambusto e dall'agitazione della vita neocatecumenale. Come una foglia che viene portata via dalla corrente del fiume, così essi rischiano di vivere senza saperne il perché e del tutto incuranti del loro destino eterno.
    Se Kiko e Carmen hanno sempre evitato questa meravigliosa e indispensabile preghiera, nonostante fosse fortemente raccomandata da numerosi Papi, dai Santi tutti, ma anche da Cielo stesso, significa che ne hanno sempre nutrito timore. Ed essendo che la Vergine Santissima è la Debellatrice d'ogni eresia, qualche sospetto sugli intenti di questi iniziatori e sulla sostanza del movimento kikiano sorge inesorabile.
    Il Rosario induce a fermarsi, riflettere, ripensare alla propria vita nella prospettiva della vita di Cristo. Una prospettiva che evidentemente non convinceva Argüello e Hernàndez.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in sostanza : Putin continua a fare la guerra perché il Cammino non recita il Rosario.




      Elimina
    2. Anonimo, ma che commento scemo, proprio di chi non ha nulla da dire.

      Pax

      Elimina
  19. perché scemo? Se il Rosario risolve tutti i problemi, deve risolvere anche la guerra di Putin, se non lo fa vuol dire che non risolve i problemi, quindi che non serve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente se abbiamo fede e chiediamo nella preghiera la soluzione di questa crisi internazionale, la Madonna intercede per noi presso Gesù ottenendoci ciò che desideriamo.
      La Madonna di Fatima, de La Salette, di Lourdes, ci ha chiesto sempre di pregare e promesso il suo sicuro sostegno per allontanare le guerre e sventare le macchinazioni di chi vuole un mondo asservito a logiche sataniche.

      Elimina
    2. Leggi e rileggi ciò che ti ha espresso Valentina. I benefici derivanti dal santo Rosario sono certi e innumerevoli, esso dispensa dei meravigliosi doni spirituali.

      Ma ciò che maggiormente mi fa riflettere non è il tuo quesito in sé, ma la sfiducia che trasmetti. Il tuo scopo è palese, porre in dubbio "il potere del santo Rosario che fa tremare l'inferno" (Padre Pio) e, lasciamelo dire, questo tuo tentativo significa che Kiko, dalla sua prospettiva volta alla dannazione, ha fatto davvero un buon (per le anime cattoliche pessimo) lavoro.

      Elimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.